INDICE ANALITICO by Hs934L7n

VIEWS: 27 PAGES: 49

									                                                      INDICE ANALITICO
Introduzione ......................................................................................................................................... 3
FINALITA’ EDUCATIVE .................................................................................................................... 4
CHI SIAMO ......................................................................................................................................... 5
IL CONTESTO .................................................................................................................................... 5
1. LE SCELTE CURRICOLARI......................................................................................................... 6
   1.1      QUALI MATERIE STUDIAMO ......................................................................................... 6
   1.2      I NOSTRI OBIETTIVI....................................................................................................... 10
   1.3      CALENDARIO SCOLASTICO ........................................................................................ 10
   1.4      QUADRO DELLE MATERIE QUADRIMESTRALIZZATE .......................................... 11
   1.5 PROGETTO : “LINGUA VIVA A SCUOLA ” ....................................................................... 14
   1.6      ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA ..................................................................... 15
   1.7      SISTEMA DEL DEBITO E DEL CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO................ 19
REGOLAMENTO ATTIVITA’ DI SOSTEGNO/ RECUPERO E SCRUTINII (D.M. 80/07 e O.M.
92/07) ................................................................................................................................................. 20
   MODALITA’ DELLE ATTIVITA’ DI RECUPERO ....................................................................... 21
   DISCIPLINE INTERESSATE: PRIORITA’ .................................................................................. 21
   DURATA DEI CORSI DI RECUPERO ......................................................................................... 22
   CRITERI PER L’UTILIZZAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE .......................................... 22
   CALENDARI DELLE ATTIVITA’ ................................................................................................ 23
   MODALITA’ E CALENDARI DELLE VERIFICHE E DELLE VALUTAZIONI ........................ 23
   INFORMAZIONE ALLE FAMIGLIE ........................................................................................... 24
   CRITERI DEGLI SCRUTINII QUADRIMESTRALI E FINALI ................................................. 24
2. LE SCELTE EXTRACURRICOLARI ......................................................................................... 26
   2.1      PROGETTO SCUOLA-IMPRESA-BANCA .................................................................... 27
   2.2      PROGETTO TERRITORIO .............................................................................................. 27
   2.3 PROGETTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE EUROPEA DEL
   COMPUTER .................................................................................................................................. 27
   2.4 PROGETTO “ ECDL AVANZATA” .................................................................................... 28
   2.5      PROGETTO “LINGUE 2000”.......................................................................................... 29
   2. 6     PROGETTO “ ITALIANO PER STRANIERI “ ................................................................ 29
   2.7 PROGETTO “ARTE E TERRITORIO “ ................................................................................ 30
   2. 8 PROGETTO “ ORIENTAMENTO “ JOB- BATTISTI ...................................................... 30
   2.9 PROGETTO “ RASSEGNA TEATRALE FUORICLASSE” .................................................. 30
   2. 10 PROGETTO “GEMELLAGGI” ......................................................................................... 31
   2. 11      PROGETTO “ LABORATORIO DI CINEMATOGRAFIA DIGITALE “ ...................... 31
   2.12 PROGETTO “ATTIVITÀ SPORTIVE” ......................................................................... 32
   2.13 ROGETTO “ EDUCAZIONE ALLA SALUTE” ............................................................... 33
   2.14 PROGETTO “ UNO SCOLARO PER AMICO” .................................................................. 34
   2. 15 PROGETTO “ PATENTINO PER IL CICLOMOTORE” ................................................. 34
   2. 16        PROGETTI EUROPEI................................................................................................... 34
   2.17 PROGETTO S.C.I.R.E 2007-2008 ................................................................................... 35
   2.18 PROGETTO “ SCRITTURA, STORIA, SOCIETA’” ...................................................... 35
   2.19 PROGETTO “ QUOTIDIANO IN CLASSE ” .................................................................... 36
3. LE SCELTE DI SUPPORTO ALLA QUALITA’ ........................................................................... 37
DELL’OFFERTA FORMATIVA ........................................................................................................ 37
   3.1      PROGETTO BIBLIOTECA .............................................................................................. 37
   3.2      PROGETTO INTERNET .................................................................................................. 38
   3.3      PROGETTO “BATTISTITESTO” ..................................................................................... 39
   3.4      CENTRO DI INFORMAZIONE E CONSULENZA ( C.I.C.) ......................................... 40
   3.5     PROGETTO ACCOGLIENZA .......................................................................................... 40
   3.6     VIAGGI D’ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE .............................................................. 41
4. LE SCELTE ORGANIZZATIVE ................................................................................................... 42
   4.1     DIRIGENTE SCOLASTICO ............................................................................................. 42
   4.2     COLLABORATORE VICARIO ........................................................................................ 42
   4.3COLLABORATORI DEL DIRIGENTE ................................................................................... 42
   4.4     FUNZIONI STRUMENTALI ............................................................................................ 42
   4.5     COLLEGIO DEI DOCENTI .............................................................................................. 43
   4.6     DIPARTIMENTI ................................................................................................................ 43
   4.7 COMITATO PER IL COORDINAMENTO DIDATTICO E LA PROGETTAZIONE DEL
   POF ................................................................................................................................................ 44
   4.8     IL CONSIGLIO DI CLASSE ............................................................................................. 44
   4.9     IL COORDINATORE DEL CONSIGLIO DI CLASSE .................................................... 44
   4.10 COORDINATORE DELL’ESAME DI STATO ................................................................. 45
   4.11 COMITATO GENITORI .................................................................................................... 45
   4.12 COMITATO STUDENTI ................................................................................................... 45
5. RAPPORTI SCUOLA E FAMIGLIA .......................................................................................... 46
   5.1 PROGETTO TRAINING ....................................................................................................... 47
6. VALUTAZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO ........................................................................ 47
   6.1     AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEI DOCENTI ................................................ 48
   6.2     RICERCA INDAGINE SUI DIPLOMATI......................................................................... 48
                   PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA


                                          A.S. 2007/08

                                          Introduzione


Il Piano dell’Offerta Formativa offre all’utenza uno strumento per conoscere le proposte didattiche

specifiche dell’Istituto Tecnico Commerciale “C. Battisti” e le risorse umane e materiali che ne

consentono l’attuazione.

L’elaborazione organica del POF non è stata per noi soltanto un obbligo da assolvere, ma anche
un’occasione per riflettere sulle scelte didattico-educative compiute, per ripensare ai bisogni propri
dei nostri alunni e per attivare risposte efficaci.
Con il costante obiettivo di migliorare il servizio educativo, il nostro POF vuol essere un documento
aperto al confronto e ai contributi di idee e proposte di quanti, sia pure con ruoli e competenze
diverse, interagiscono nella scuola.
Collocato in quest’ottica il nostro POF, nel recepire l’innovazione da esso introdotta in termini di

trasparenza e di sistematicità, ribadisce la linea di continuità storica che ha sempre visto il Battisti

particolarmente attento ai cambiamenti socio-culturali e fortemente legato alla realtà economica,

istituzionale e sociale del territorio.

Da quanto detto deriva anche la precisa scelta metodologica seguita nella stesura, cioè la ricerca di

un linguaggio rigoroso, ma chiaro e comprensibile, che consenta a tutti di leggere e di relazionarsi

con il POF in modo costruttivo.
                               FINALITA’ EDUCATIVE

Il Battisti persegue fortemente l’obiettivo di creare un ambiente di apprendimento che dia vita ad
una comunità di studenti, docenti e genitori impegnati collettivamente nella promozione di un
percorso formativo attento alla crescita dello studente in tutte le sue dimensioni.
Il Battisti mette a disposizione tutte le sue risorse ed energie allo scopo di formare diplomati che
siano cittadini liberi da pregiudizi, dotati di personalità equilibrata ed autonoma, capaci di operare
nella società con senso di solidarietà e di responsabilità e forniti di una solida formazione culturale,
unita a specifiche competenze professionali.
Questo, per noi del Battisti, significa e comporta:



      porre al centro della nostra attività educativo-didattica lo studente che richiede attenzione ai
       suoi bisogni sia cognitivi che emotivi;
      realizzare un curricolo flessibile in grado di rispondere sia alla possibilità di inserimento
       degli studenti nel mercato europeo del lavoro che alla prosecuzione con successo degli studi
       universitari;
      creare le condizioni perché emergano le potenzialità di ciascuno studente, valorizzandone le
       doti e gli interessi e offrendogli il piacere di apprendere;
      promuovere e condividere ogni iniziativa idonea alla integrazione degli alunni in situazione
       di handicap;
      porre grande impegno nella attività di aggiornamento e formazione di tutto il personale della
       scuola, affinché la pratica educativa sia sempre coerente con le trasformazioni sociali e
       tecnologiche in atto;
      rilevare ed analizzare con cura il grado di soddisfazione dei nostri principali referenti
       (studenti, docenti e famiglie) allo scopo di trarre utili indicazioni per migliorare
       continuamente la qualità del servizio scolastico.
                                          CHI SIAMO
   L’Istituto Tecnico Commerciale “C. Battisti”, istituito il 2 Gennaio 1925, nacque come Istituto
   commerciale per trasformarsi in mercantile a partire dal ’36 con l’intento di offrire una valida
   risposta ad un mercato che chiedeva al ragioniere competenze di tipo non solo contabile, ma
   anche merceologico. Nel corso dei decenni l’Istituto ha mantenuto nel tessuto sociale, economico
   e politico della città un ruolo rilevante, formando i quadri dell’imprenditoria diffusa nel territorio
   e quelli politici ed amministrativi (sindaci, presidenti di banca, amministratori, etc…).

Nella prima metà degli anni ’70 fu istituito un corso serale per andare incontro alle nuove esigenze
di cultura avanzate da strati sempre più vasti della società. L’attenzione al cambiamento,
manifestatasi anche con la sensibilità alle tematiche europee quando destavano ben poco interesse
nell’opinione pubblica, si è confermata nella prima metà degli anni ’80, allorché la scuola è stata
percorsa da tendenze innovatrici che hanno portato all’istituzione del Progetto assistito I.G.E.A.
dell’Istruzione Tecnica (Indirizzo Giuridico, Economico ed Aziendale) che l’I.T.C. “C. Battisti” ha
subito adottato. Alla metà degli anni ’90, in piena sintonia con la vocazione dell’Istituto ad offrire
risposte alle esigenze di una società sempre più complessa, fu istituito il Progetto SIRIO che, in
linea con le direttive dell’Unione Europea offre soluzioni per il recupero delle carenze nella
formazione di base, per la riconversione professionale e per l’educazione permanente.

Dall’anno scolastico 2004-05 l’offerta formativa si è arricchita con l’indirizzo informatico-aziendale
Mercurio.
Vista l’insufficienza dei locali della sede centrale, per soddisfare le esigenze sempre crescenti
dell’utenza, nel 1993, la Provincia ha dotato l’Istituto della sede succursale di S.LAZZARO, di
nuova costruzione, sita in Via dei Lecci –Fano.




                                       IL CONTESTO
Il bacino di utenza dell’Istituto Battisti è costituito dal Comune di Fano e dai Comuni limitrofi. Il
contesto sociale ed economico del territorio di provenienza degli alunni è globalmente omogeneo e
si attesta su livelli medi: diffusa presenza di piccola imprenditoria, di artigianato qualificato e di
terziario. La realtà culturale è sempre più diversificata, arricchita anche da un crescente numero di
alunni extra-comunitari.
                             1. LE SCELTE CURRICOLARI
L’offerta formativa dell’Istituto si articola nell’ormai consolidato indirizzo I.G.E.A. ( Indirizzo
Giuridico Economico Aziendale) , nel Progetto serale Sirio e nel recente indirizzo Mercurio.
Dall’anno scolastico 2004/05 è infatti attivo l’indirizzo per ragionieri programmatori denominato
MERCURIO che integra la formazione tecnico- commerciale specifica del nostro Istituto.

Il percorso didattico del Mercurio è, nel biennio, sostanzialmente identico a quello dell’IGEA, nel
triennio, invece, si orienta verso competenze più specifiche di tipo informatico-aziendale che
consentono al ragioniere programmatore di
             integrare anche sotto il profilo informatico la conoscenza giuridica e contabile della
              gestione aziendale;
             adeguare alle esigenze aziendali i sistemi informativi automatizzati.


1.1    QUALI MATERIE STUDIAMO



                                    QUADRO ORARIO I.G.E.A.

        Materie di insegnamento                           Monte ore annuale per materia
                                                           Cl. 1^   Cl. 2^   Cl. 3^   Cl. 4^   Cl. 5^
        Italiano                                            165      165      99       99       99
        Storia                                               66       66      66       66       66
        Prima lingua straniera                               99       99      99       99       99
        Seconda lingua straniera                            132      132      99       99       99
        Matematica e laboratorio informatica                165      165      132      132      99
        Scienza della materia e laboratorio                 132      132       =        =        =
        Scienza della natura                                 99       99       =        =        =
        Diritto ed Economia                                  66       66       =        =        =
        Economia aziendale                                   66       66      231      330      297
        Trattamento testi e dati                             99       99       =        =        =
        Geografia economica                                  =        =       99       66       99
        Diritto                                              =        =       99       99       99
        Economia politica                                    =        =       99       66        =
        Scienza delle finanze                                =        =        =        =       99
        Educazione fisica                                    66       66      66       66       66
        Religione/Materia alternativa                        33       33      33       33       33
        Area di progetto                                     =        =        *        *        *

        Totale ore annuali                                  1188    1188     1155     1188     1188
QUADRO ORARIO MERCURIO ( triennio )


      Materie di insegnamento                                                   Monte ore annuale
                                                                     Cl. 3^              Cl. 4^             Cl. 5^
      Religione                                                        33                  33                 33
      Italiano                                                         99                  99                 99
      Storia                                                           66                  66                 66
      Lingua straniera ( Inglese )                                     99                  99                 99
      Matematica                                                    165 (33)*           165 (33)*          165(33)*
      Economia aziendale                                            231 (66)*           330 (66)*          297 (66)*
      Informatica                                                   165 (66)*           165 (99)*          198 (99)*
      Diritto                                                          99                  99                 66
      Econ. Politica Scienza delle finanze                             99                  66                 99
      Educazione fisica
      Area di progetto                                                     *               *                  *

                                                                      1056                1122               1122
      Totale ore annuali
      * ore di laboratorio




                                    QUADRO ORARIO SIRIO

      Materie di insegnamento                                                   Monte ore annuale
                                                                  Cl. 1^       Cl. 2^   Cl. 3^      Cl. 4^     Cl. 5^
      Italiano                                                     132          132      99          99         99
      Scienze storico-sociali                                       99           99       =           =          =
      Storia                                                        =            =       66          66         66
      Lingua Inglese                                                99           99      99          99         99
      Altra lingua straniera                                       132          132       =           =          =
      Matematica                                                   132          132      99          99         99
      Scienze integrate                                             99           99       =           =          =
      Economia aziendale                                            66           66      264         297        297
      Trattamento testo e dati                                      66           66       =           =          =
      Diritto                                                       =            =       99          99         66
      Economia politica                                             =            =       99          66         99
      Area di progetto                                              =            =        *           *          *

      Totale ore                                                   825          825      825         825          825



        Per informazioni più dettagliate e per i quadri orario, consultare il sito Internet:


                                             www.itcbattisti.it




LE MATERIE CARATTERIZZANTI :
                                          INDIRIZZO I.G.E.A.

      due lingue straniere (da scegliere tra Francese – Inglese – Tedesco - Spagnolo) per tutta la
       durata del corso;

      Diritto, Economia politica ed Economia aziendale sin dal primo anno;

      Trattamento testo e dati per l’uso di Word Processor, fogli elettronici e data base integrati al
       computer;

      Matematica e laboratorio di informatica.



                                       INDIRIZZO MERCURIO

      una lingua straniera ( Inglese ) nel triennio;

      il potenziamento del monte ore della Matematica ;
      l’introduzione della Informatica.



GLI ASPETTI INNOVATIVI DEL PROGETTO SIRIO SONO:

      l’equilibrata struttura dell’orario settimanale delle lezioni (25 ore in cinque giorni);

      il rinnovamento di programmi scolastici;

      l’aggiornata metodologia didattica;

      il tutoring (aiuto agli allievi in difficoltà);

      il riconoscimento dei crediti formativi cioè delle competenze già possedute dagli alunni in
       seguito a:

           - studi compiuti presso Istituti sia statali che legalmente riconosciuti;

- esperienze maturate in ambito lavorativo o in studi personali.
      Il riconoscimento dei crediti comporta la promozione anticipata alla classe successiva in una
       o più discipline e il conseguente esonero dalla frequenza delle lezioni per tali materie.




                                         AREA DI PROGETTO
L’AREA DI PROGETTO (AdP) coinvolge gli studenti delle classi quarte e consiste nella attuazione
di progetti di ricerca interdisciplinare, di ampiezza e durata variabile, che affrontino un tipico
problema della conoscenza o un problema pratico di rilevante interesse, nell’intento di favorire il
confronto tra la scuola e la realtà lavorativa.

Finalità:

           favorire l’apprendimento di strategie cognitive mirate a comprendere come si formano e
            si evolvono le conoscenze;

           far cogliere le relazioni esistenti tra l’astratto e il concreto;

           stimolare l’alunno ad affrontare nuovi problemi con spirito di autonomia e creatività;

           Promuovere atteggiamenti improntati al confronto delle idee, alla tolleranza verso la
            contraddizione e l’insuccesso, alla revisione critica del proprio giudizio e alla modifica
            della propria condotta di fronte a prove e argomenti convincenti.

Obiettivi cognitivi:

           individuare, presentare modelli e procedure;

           verificare progressivamente la validità degli esiti ed eventualmente correggere in itinere
            l’impostazione;

           documentare il lavoro in modo corretto ed esauriente;

           comunicare in modo efficace i risultati.

Modalità:

           informazioni sull’ AdP: presentazione delle linee guide alle classi quarte;

           eventuali proposte da parte del docente – referente e discussione;

           formulazione dell’ipotesi di lavoro;

           studio di fattibilità: analisi delle risorse e dei vincoli;

           programmazione del lavoro: definizione e distribuzione dei compiti, formazione dei
            gruppi di lavoro;

           esecuzione compiti e stesura provvisoria dei lavori:

           verifica del lavoro svolto ed eventuale rettifica del progetto;
             realizzazione definitiva e stesura del rapporto finale anche sotto l’aspetto linguistico e
              grafico.

Tempi:

             secondo quadrimestre della classe quarta e primo quadrimestre della classe quinta.

Verifica:

             presentazione formale del progetto per la valutazione del prodotto in una cerimonia
              pubblica.



1.2      I NOSTRI OBIETTIVI

L’Istituto “C. Battisti” opera per far conseguire ai suoi alunni:

         a)      una formazione di base solida attraverso un equilibrio tra le aree culturali linguistico-
                 espressiva, storico –sociale, logico-scientifica;

         b)      una formazione professionale articolata e flessibile sul versante giuridico, economico
                 e aziendale;

         c)      abilità relazionali e comportamenti professionali adeguati, precisione e affidabilità
                 nei rapporti interpersonali.


IL TITOLO DI RAGIONIERE OFFRE I SEGUENTI SBOCCHI:

         a)      lavoro dipendente;

         b)      attività libero professionali ed imprenditoriali;

         c)      prosecuzione degli studi universitari con la possibilità di iscriversi a tutte le facoltà,
                 ai corsi post-diploma e a quelli para-universitari.




1.3      CALENDARIO SCOLASTICO
Tenuto conto che uno dei motivi più evidenti della disaffezione da parte degli alunni nei confronti
dello studio è dato dall’eccessivo carico di lavoro scolastico e domestico, è stata offerta agli alunni
l’opportunità di usufruire di un calendario flessibile. L’aspetto più innovativo di tale proposta è
rappresentato dalla quadrimestralizzazione di alcune discipline e dalla adozione di un’unità di
lezione di quarantacinque minuti.

Ciò consente di accumulare un tempo-scuola da destinare al recupero in itinere e
all’approfondimento, nel convincimento che la scuola, oltre ad offrire un sostegno ai più deboli,
debba anche guidare i giovani alla scoperta dei propri interessi e al loro consolidamento.
L’orario curricolare delle lezioni viene distribuito giornalmente dalle ore 8,10 alle ore 13,35,
considerate le esigenze sociali degli studenti e delle loro famiglie, derivanti dalle difficoltà connesse
con gli attuali orari dei mezzi pubblici di trasporto.
I corsi di recupero, di approfondimento e le attività elettive sono inserite in orario pomeridiano,
normalmente dalle ore 14,30 alle ore 16,45.




1.4    QUADRO DELLE MATERIE QUADRIMESTRALIZZATE

                                        INDIRIZZO I.G.E.A.




                                           PRIMA CLASSE
 Materie                                    1° quadrimestre            2° quadrimestre
                                                  ore                        ore
 Religione                                         1                          1
 Italiano                                          6                          4
 Storia                                 -                         4
 1° lingua                              3                         3
 2° lingua                              4                         4
 Matematica                             5                         5
 Scienza della materia                  4                         4
 Scienza della natura                   3                         3
 Diritto ed Economia                    4                         -
 Economia aziendale                     -                         4
 Trattamento testo                      4                         2
 Educazione fisica                      2                         2

 Totale                                             36                         36




                                SECONDA CLASSE


 Materie                                    1° quadrimestre            2° quadrimestre
                                                  ore                        ore
 Religione                                         1                          1
 Italiano                                          4                          6
 Storia                                 4                         -
 1° lingua                              3                         3
 2° lingua                              4                         4
 Matematica                             5                         5
 Scienza della materia                  4                         4
 Scienza della natura                   3                         3
 Diritto ed Economia                    -                         4
 Economia aziendale                     4                         -
 Trattamento testo                      2                         4
 Educazione fisica                      2                         2
 Totale                                             36                         36


Nota: Nel Biennio l'orario è ridotto a 35 ore settimanali per un'ora di compresenza degli
insegnanti di Italiano e Trattamento Testi.




                                  TERZA CLASSE
     Materie                        1° quadrimestre        2° quadrimestre
                                          ore                    ore
     Religione                 1                      1
     Italiano                  3                      3
     Storia                    -                      4
     1° lingua                 3                      3
     2° lingua                 3                      3
     Matematica                4                      4
     Economia aziendale        6                      8
     Geografia economica       6                      -
     Diritto                   6                      -
     Economia politica         -                      6
     Educazione fisica         2                      2

     Totale                    34                     34



                           QUARTA CLASSE

     Materie                        1° quadrimestre        2° quadrimestre
                                          ore                    ore

     Religione                            1                      1
     Italiano                             3                      3
     Storia                    4                      -
     1° lingua                 3                      3
     2° lingua                 3                      3
     Matematica                4                      4
     Economia aziendale        11                     9
     Geografia economica       -                      4
     Diritto                   -                      6
     Economia politica         4                      -
     Educazione fisica         2                      2

     Totale                               35                     35




INDIRIZZO MERCURIO
                                       TERZA CLASSE


        Materie                                  1° quadrimestre        2° quadrimestre
                                                       ore                    ore
        Religione                           1                      1
        Italiano                            3                      3
        Storia                              2                      2
        1° lingua                           3                      3
        Matematica                          5                      5
        Informatica                         5                      5
        Economia aziendale                  7                      7
        Diritto                             6                      -
        Economia politica                   -                      6
        Educazione fisica                   2                      2


        Totale                              34                     34




                                      QUARTA CLASSE


        Materie                                  1° quadrimestre        2° quadrimestre
                                                       ore                    ore
        Religione                           1                      1
        Italiano                            3                      3
        Storia                              -                      4
        1° lingua                           3                      3
        Matematica                          5                      5
        Informatica                         4 + 1*                 4 + 1*
        Economia aziendale                  9 + 1*                 9 + 1*
        Diritto                             3                      3
        Economia politica                   4                      -
        Educazione fisica                   2                      2


        Totale                              35                     35

* compresenza di Economia aziendale e Informatica




1.5 PROGETTO : “LINGUA VIVA A SCUOLA ”
    ( Presenza in classe di un madrelingua)
L’insegnamento delle lingue straniere nella scuola italiana risulta generalmente inefficace, non per
incapacità dei docenti, ma a causa della impostazione generale delle discipline linguistiche.
Esse tradizionalmente, non a torto, non rinunciano alla correttezza formale a danno di un più
immediato sviluppo della comunicazione anche se imperfetta.
Senza tralasciare, quindi, gli obiettivi di correttezza formale si sente tuttavia l’esigenza di integrarli
con obiettivi inerenti lo sviluppo della abilità comunicative orali nella molteplicità delle
situazioni possibili nella sfera degli interessi degli alunni e nel loro ambito di studi.
La Lingua “viva” deve dunque entrare nella scuola e la presenza di assistenti di madrelingua
contribuisce sicuramente a :
          creare la necessità reale dell’uso della lingua straniera;

          supportare le motivazioni stimolate dal docente;

          presentare esempi di lingua corretta e attuale;

          favorire il confronto, rilevando le affinità e le differenze culturali;

          offrire materiale autentico del loro paese.


Gli obiettivi specifici, dunque, della presenza del madrelinguista sono :

 sviluppare le abilità di comprensione e produzione orale ;

 far acquisire molteplici registri linguistici, anche quelli inerenti alla lingua “giornaliera, gergale,
   familiare”.




1.6    ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA
A) I DESCRITTORI DELL’APPRENDIMENTO



       L’espressione “descrittori dell’apprendimento” indica i fattori fondamentali del processo di
       apprendimento e di crescita della personalità e sono stati individuati nei seguenti quattro
       fattori: le conoscenze evidenziate, le competenze acquisite, le capacità dimostrate, i
       comportamenti messi in atto. La valutazione finale è la combinazione dei livelli raggiunti in
       ciascuno dei fattori presi in considerazione.

A queste diverse combinazioni è fatto corrispondere un valore numerico, cioè un voto.
Per prendere visione della corrispondenza dei livelli dei descrittori e il voto alleghiamo la tavola n.
1.


B) LE VERIFICHE


       Ogni anno il Consiglio di Classe compila una scheda di programmazione che in merito alle
       verifiche indica le varie tipologie delle prove per ogni singola disciplina. Gli insegnanti
       scelgono quale tipologia utilizzare per valutare nel modo più opportuno gli obiettivi
       individuati. Le prove possono essere scritte e orali: le prime sono quesiti del tipo vero -
       falso, a scelta multipla, temi, saggi brevi, analisi del testo, risoluzione di problemi e quesiti a
       risposta aperta, etc…La verifica orale consiste sia nell’interazione verbale (cioè nel controllo
       quotidiano o comunque frequente delle conoscenze acquisite) sia nell’interrogazione
       tradizionale per il controllo del processo di apprendimento nei suoi livelli più elevati
       (analisi, sintesi e valutazione).

Gli elementi che concorrono all’attribuzione del voto sono, oltre al profitto che continua a
rappresentare il valore fondamentale, anche la partecipazione, l’impegno, il metodo di studio, il
progresso, la frequenza, le capacità di recupero.




                                               TAVOLA 1

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA VOTO E CONOSCENZE, COMPETENZE , CAPACITA’ E
COMPORTAMENTI
 CONOSCENZE             COMPETENZE                      CAPACITA’                 COMPORTAMENTI                VOTO IN
                                                                                                               DECIMI

Complete,            Affronta                 Comunica in modo proprio, efficace Partecipazione :
coordinate, ampliate autonomamente anche ed articolato. Organizza in modo costruttiva
con approfondimenti compiti        complessi, autonomo le conoscenze, stabilisce                           9 - 10
autonomi             applicando           le relazioni tra ambiti pluridisciplinari, Impegno : notevole
                     conoscenze       e   le documenta e analizza il proprio
                     procedure in modo lavoro in modo critico, cerca Metodo : elaborativo
                     corretto e creativo      soluzioni adeguate per situazioni
                                              nuove.
                                                                                                           Ottimo/eccelle
                                                                                                           nte

Complete,             Esegue          compiti Comunica in modo chiaro ed Partecipazione : attiva
approfondite        e complessi      e     sa appropriato. In modo autonomo sa                      8
coordinate            applicare i contenuti e organizzare    e    analizzare  le Impegno : notevole
                      le procedure, pur con conoscenze       acquisite ;  compie
                      qualche incertezza in anche alcuni collegamenti e sa Metodo : organizzato
                      nuovi contesti          valutare in modo abbastanza
                                              personale.                                            Buono

Complete, ma non Esegue correttamente Comunica in modo adeguato, anche Partecipazione :
approfondite     compiti semplici ; sa se semplice. Non ha piena recettiva                                 7
                 applicare i contenuti e autonomia, ma è un diligente ed
                 le procedure anche in affidabile esecutore ; coglie gli Impegno :
                 compiti più complessi aspetti essenziali, ma incontra soddisfacente
                 pur     con      alcune difficoltà nei collegamenti.
                 incertezze              Se aiutato effettua valutazioni Metodo : organizzato
                                         parziali e non approfondite.                                      Discreto



Complessivamente Esegue            semplici Comunica in modo semplice e non Partecipazione :        da
accettabili, ma non compiti senza errori del tutto adeguato.                   sollecitare             6
estese e/o profonde sostanziali ; affronta Coglie gli aspetti fondamentali, ma
                    compiti più complessi le sue analisi sono lacunose         Impegno : accettabile
                    con incertezza                                                                     Sufficiente
                                                                                 Metodo : non sempre
                                                                                 organizzato


Superficiali, incerte Applica le conoscenze Comunica in modo non sempre Partecipazione :
e non del tutto minime                  senza coerente e appropriato. Analizza con dispersiva               5
complete              commettere         gravi difficoltà temi, questioni e problemi.
                      errori, ma talvolta con Guidato e sollecitato sintetizza le Impegno : discontinuo
                      imprecisione             conoscenze e sulla loro base effettua
                                               semplici valutazioni.                  Metodo : superficiale Mediocre




Frammentarie         e Riesce ad applicare le Comunica in modo stentato ed Partecipazione :
piuttosto superficiali conoscenze in compiti improprio.                            opportunistica         e4
                       semplici, ma commette Ha difficoltà a cogliere i concetti e saltuaria
                       errori anche gravi le relazioni essenziali, quindi le
                    nell’esecuzione.     analisi e sintesi sono parziali ed   Impegno : debole
                                         imprecise. Soltanto se guidato e                            Gravemente
                                         sollecitato, effettua qualche        Metodo : ripetitivo,   insufficiente
                                         semplice valutazione.                mnemonico


Molto   scarse    e Non       riesce   ad Comunica in modo molto stentato, Partecipazione :
gravemente lacunose applicare           le con errori che talora oscurano il quasi nulla            3
                    conoscenze neppure in significato.
                    compiti semplici.      Non sa effettuare le analisi e le Impegno : molto scarso Assolutamente
                                           sintesi più elementari.                                  insufficiente
                                                                              Metodo :
                                                                              disorganizzato




Nessuna             Nessuna              Comunica in modo stentato con       Partecipazione : nulla
                                         errori che oscurano il significato.                            1-2
                                         Non riesce ad applicare neppure le Impegno : inesistente
                                         più elementari conoscenze.                                 Molto
                                                                             Metodo : estremamente negativo
                                                                             disorganizzato


c) SCHEDA INTERPERIODALE


          I rapporti tra scuola e famiglia vanno costantemente alimentati; in quest’ottica i Consigli di
          Classe compilano, a metà quadrimestre, una scheda di informazione sulla situazione
          scolastica dei singoli alunni. In essa sono riportati non solo i dati riguardanti la frequenza e il
          profitto, ma anche i suggerimenti per colmare le carenze evidenziate (invito o obbligo a
          partecipare ai corsi di recupero, maggiore impegno domestico, ecc…).

d) SPORTELLO E CORSI DI APPROFONDIMENTO


          Il calendario scolastico è strutturato in unità di lezione di 45 minuti e consente di disporre di
          un monte-ore da destinare ad attività di recupero in itinere, organizzato nella forma dello
          sportello, e a corsi di approfondimento. Lo sportello si configura come un servizio
          finalizzato a dare risposte immediate a esigenze di rinforzo e ad occasionali carenze; per
          lacune più gravi i docenti attivano gli IDEI (Interventi Didattici Educativi Integrativi) che
          consentono un lavoro più sistematico, articolato e approfondito e per i quali sono previsti
          appositi stanziamenti ministeriali.

I corsi di approfondimento, proposti dai docenti agli alunni , in generale riguardano tematiche che,
solo parzialmente affrontate nell’insegnamento curricolare , rivestono comunque particolare
importanza. Essi sono variamente strutturati, propongono metodologie di studio, costruzione di
percorsi interdisciplinari ( da attuarsi anche in compresenza), utilizzo didattico di tecnologie
multimediali (elaborazione di ipertesti) e utilizzo di programmi informatici in contesti non legati a
singole discipline. Gli alunni hanno la facoltà di scegliere sulla base dei loro interessi ma,
comunque, hanno l’obbligo di conseguire un totale di 100 ore annuali tra sportello e
approfondimento.

La frequenza , debitamente documentata da un apposito libretto, costituisce elemento di valutazione
per il credito scolastico.


E) INTEGRAZIONE DEI DISABILI


        L’Istituto ritiene che uno dei fattori significativi della qualità del servizio sia l’accoglienza
        del disabile, affinché possa inserirsi positivamente nell’ambiente scolastico.

Sulla base del profilo dell’alunno portatore di handicap sono previsti obiettivi e contenuti
disciplinari adeguati che mirano all’acquisizione di nuove competenze e abilità coerenti con la
situazione di partenza ( PEI-Piano Educativo Individualizzato).


1.7     SISTEMA DEL DEBITO E DEL CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO

Il nuovo esame di Stato ha introdotto formalmente un sistema di valutazione dello studente basato
sui “ crediti” e sui “debiti formativi”.

Nella sostanza questo sistema prevede che la valutazione debba tenere conto dell’intero curricolo
dello studente e non solo delle ultime prove o dell’ultimo anno.

I corsi che uno studente ha frequentato a scuola o presso altre Agenzie formative, al di fuori
dell’orario delle lezioni, le particolari capacità evidenziate nell’organizzare o gestire specifici
progetti, le attività svolte nel sociale, come cittadino, tutto ciò che concorre a definire meglio le
attitudini e la personalità dello studente entra a far parte dei parametri presi in considerazione nella
valutazione di fine anno. Nel curricolo vengono anche registrati i debiti scolastici non colmati e le
connotazioni, anche negative, che possono concorrere a completare il quadro dello studente.

In altre parole lo studente diventa il portatore di un curricolo personalizzato, di una specie di libretto
che ne descrive le caratteristiche e l’evoluzione, le attività svolte ed i progetti realizzati, i risultati
raggiunti ed i limiti ancora da superare.

I Consigli di classe, in sede di scrutinio, alla fine dell’anno scolastico, prendono in considerazione
tutti questi dati, verificano la media dei voti conseguiti e, sulla base di una propria autonoma
valutazione, decidono di trasformare in un numero il giudizio complessivo sullo studente.

Questo numero è il “credito scolastico” con cui ciascuno studente si presenta all’esame di Stato, e
verrà sommato ai voti conseguiti nelle prove scritte e nel colloquio, determinando il voto finale.

Qual è la grossa novità di questo sistema di valutazione?

La novità consiste nel fatto che, per la prima volta nella scuola vengono formalmente presi in
considerazione parametri anche non strettamente scolastici o di puro profitto.

Per la prima volta lo studente viene valutato nel suo intero curricolo e non solo nella sua ultima
prova di esame.

Per la prima volta si riconosce che lo studente può essere portatore di conoscenze e competenze non
immediatamente derivate dallo studio a scuola, e che queste conoscenze e competenze entrano a
buon diritto nel profitto finale dello studente stesso.

Il riconoscimento del credito scolastico e formativo era già una realtà nella sperimentazione del
corso serale Progetto Sirio prima dell’entrata in vigore della legge.

Per favorire il superamento del debito, l’Istituto organizza nel mese di Settembre delle lezioni di
recupero, tenute da docenti anche diversi dai propri, per dare l’opportunità agli alunni di
confrontarsi con altre metodologie.




 REGOLAMENTO ATTIVITA’ DI SOSTEGNO/ RECUPERO E
        SCRUTINII (D.M. 80/07 e O.M. 92/07)
                                                      1
                              MODALITA’ DELLE ATTIVITA’ DI RECUPERO

  Le attività di recupero-sostegno, così come intese nella O.M. 92/07, art. 2, cc. 1,3,5, interessano
tutte le discipline nelle quali i consigli di classe accertano carenze; possono svolgersi:
         in interventi di sostegno (art. 2, c.3), generalmente in settima ora
         in corsi di recupero aggiuntivi, generalmente pomeridiani.
         con studio individuale opportunamente guidato, di preferenza in presenza di carenze non
          gravi (art. 4, c.2; art.6, c.3)
         contestualmente al normale svolgimento delle lezioni, con opportuni adattamenti
          dell’attività didattica (pausa didattica, durante la quale lo svolgimento delle lezioni
          consisterà nel ripasso degli argomenti in vista del loro recupero)
    La pausa didattica sarà preferenzialmente usata nel corso SIRIO.


  Per ottimizzare le risorse, gli interventi di sostegno e le attività di recupero in orario aggiuntivo
possono essere organizzate per gruppi di alunni di classi parallele.


                                                      2
                                DISCIPLINE INTERESSATE: PRIORITA’
        Dopo lo scrutinio del I quadrimestre, in presenza di carenze riguardanti diverse discipline, per
consentire agli alunni interessati la frequenza delle attività di recupero con un certo agio e senza
trascurare la normale attività di studio, il consiglio di classe individua quelle oggetto di corsi di
recupero tenendo conto della rilevanza dello studio della disciplina ai fini del recupero (si privilegia
lo svolgimento, nel biennio, delle attività di recupero per le discipline nelle quali vengono
riscontrate insufficienze più gravi e diffuse, e, nel triennio, per quelle caratterizzanti l’indirizzo; sia
nel Biennio sia nel Triennio si avrà particolare riguardo per le materie con prove scritte), e anche di
specifiche esigenze didattico-organizzative ( in linea generale nessun alunno, anche per ragioni
didattiche, dovrebbe essere interessato a più di tre corsi di recupero).
    Per le materie quadrimestralizzate (limitate al primo Quadrimestre) si terrà una prova di verifica,
a prescindere dal fatto che si sia organizzato o meno un corso di recupero; in caso di permanente
insufficienza, corso e verifica si ripeteranno dopo lo scrutinio finale (entro la ripresa delle lezioni
dell’a.s successivo).
    Il Consiglio di classe (come da O.M. 92, art. 4, c.2 e art. 6, c.3) terrà conto della possibilità degli
studenti di raggiungere autonomamente gli obiettivi formativi e di contenute delle discipline
mediante lo studio personale.
    Dopo lo scrutinio finale i corsi di recupero si svolgono tutti solo in orario aggiuntivo. I criteri
per individuare le discipline ai fini del recupero sono i medesimi di cui sopra.


                                                     3
                               DURATA DEI CORSI DI RECUPERO
     Di norma i corsi di recupero aggiuntivi, considerato l’impegno aggiuntivo sopportabile da parte
di ciascun alunno, anche a livello organizzativo ( trasporti), viste le esigenze didattiche-
organizzative (necessità di non spostare troppo in avanti la conclusione dei corsi) e vista
l’esperienza pregressa nelle attività di recupero compiuta dall’istituto che conferma la possibilità di
recuperi adeguati anche con moduli orari inferiori alle 15 ore indicate dalla O.M. 92/2007 nonché
visto l’art. 2. c.6 della medesima ordinanza, dopo lo scrutinio del I quadrimestre potranno avere una
durata di circa 10/12 unità orare; avranno invece una durata di 15 unità orarie dopo gli scrutini
finali.
    Le unità orarie dei corsi di recupero sono formalmente assegnate dal D.S.
    Le unità orarie dedicate al recupero per ciascuna disciplina durante l’eventuale adattamento
delle normali attività didattiche sono quelle del normale orario delle lezioni settimanale, a meno che
il consiglio di classe preveda una organizzazione dell’orario e formazione del gruppo classe
alternative a quello della normale organizzazione didattica settimanale per concedere più spazio alle
attività di recupero di qualche disciplina.


                                                     4
             CRITERI PER L’UTILIZZAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE
    Come da OM art. 10, le modalità di utilizzazione sono definite in sede di contrattazione
integrativa d’Istituto.
    Su delibera del Collegio docenti e approvazione del Consiglio di Istituto, i criteri di qualità per
l’impiego dei docenti sono:
priorità ai docenti interni, individuati sulla base di: disponibilità, appartenenza alla classe,
appartenenza alla classe con il gruppo di studenti più numeroso (nel caso di gruppi classi accorpati),
rotazione, frequenza documentata corsi di aggiornamento nella materia, anzianità di servizio in
Istituto, anzianità di servizio; per i corsi estivi, priorità verrà data ai docenti non impegnati in esami
(previa disponibilità).
    Per l’eventuale individuazione di docenti esterni, criteri di selezioni saranno:
l’essere docenti di ruolo in altre scuole; l’essere inseriti in graduatoria; il possesso di specifica
abilitazione; il possesso di specifico titolo di laurea.
                                                     5
                                  CALENDARI DELLE ATTIVITA’
    Gli interventi di recupero relative alle carenze accertate nel I quadrimestre si svolgono nei mesi
dei febbraio, marzo, aprile.
    Quelli relativi alle discipline nelle quali il consiglio di classe ha sospeso il giudizio in sede di
scrutinio finale, si svolgono entro l’inizio delle lezioni dell’a.s. successivo.
    Gli interventi di sostegno, finalizzate a prevenire le carenze, si svolgono complessivamente nel
corso dell’anno scolastico.
    I calendari specifici delle attività di recupero sono decisi dai consigli di classe di gennaio o di
giugno, nel rispetto dei criteri di svolgimento delle attività di recupero individuati del collegio e
delle indicazioni organizzative del consiglio di istituto, tenuto anche conto del numero degli alunni
interessati e del numero di corsi che ciascun alunno deve seguire


                                                     6
          MODALITA’ E CALENDARI DELLE VERIFICHE E DELLE VALUTAZIONI
    Le verifiche dopo gli interventi di recupero relative alle insufficienze del I quadrimestre vanno
effettuate al termine dello svolgimento delle attività, nell’ambito delle ore previste per il loro
svolgimento. La valutazione degli esiti sarà fatta in sede di consiglio di classe infra-quadrimestrale o
finale.
    Le verifiche delle attività di recupero per le discipline per le quali è stato sospeso il giudizio in
sede di scrutinio finale, e le conseguenti valutazioni degli esiti, vanno svolte, in linea generale, nel
rispetto delle modalità di cui al c. 2, art. 8 della O.M., entro il mese di agosto, e comunque entro
l’inizio delle lezioni dell’a.s. successivo. Soprattutto per le classi seconde, stante la necessità di
espletare tutte le procedure necessarie alla formazione delle classi terze (differenziate fra corsi Igea
e Mercurio), si riterrebbe più opportuno anticipare il più possibile la definizione di tutte le posizioni
sospese, compatibilmente però con le esigenze organizzative interne complessive. Il Collegio
docenti si riserva comunque di fornire un’indicazione più precisa sui tempi per le verifiche finali
dopo che sarà reso noto il calendario scolastico regionale per il prossimo anno scolastico.
    Nel rispetto dello statuto della disciplina e delle valutazioni previste in ordinamento, le verifiche
potranno essere scritte o grafiche ( per le discipline per le quali tale verifica è prevista
dall’ordinamento) o orali ( per le discipline per le quali l’ordinamento prevede solo verifiche orali).
    Le verifiche, nel rispetto di quanto richiesto dagli art. 5 ( verifiche intermedie) e 8 ( verifiche
finali) della O.M., saranno documentate o dai testi delle prove scritte o grafiche, con relativo
giudizio, e da apposita verbalizzazione del loro svolgimento, da conservare agli atti della scuola, o
da apposita verbalizzazione e valutazione del colloquio. Nel caso di verifiche intermedie fatte dai
docenti della classe, la verbalizzazione specifica può essere sostituita da apposita annotazione sul
registro personale del docente.
    Per le materie quadrimestralizzate (limitate al primo Quadrimestre) si terrà una prova di verifica
nel corso del secondo Quadrimestre, a prescindere dal fatto che si sia organizzato o meno un corso
di recupero; in caso di permanente insufficienza, corso e verifica si ripeteranno dopo lo scrutinio
finale (entro la ripresa delle lezioni dell’a.s successivo).


                                                     7
                              INFORMAZIONE ALLE FAMIGLIE
    Tale informazione è curata dai docenti che svolgono gli interventi di recupero, con il supporto
della segreteria didattica.
    Nel caso delle attività relative alle insufficienze del I quadrimestre, va trasmessa comunicazione,
tramite gli alunni interessati, con apposita modulistica predisposta dalla scuola. Gli alunni
interessati riporteranno a scuola un riscontro scritto sul quale i genitori potranno eventualmente
indicare la loro volontà di non avvalersi delle iniziative di recupero programmate dalla scuola.
    I risultati delle valutazioni vanno comunicati tempestivamente con le stesse modalità.
    Nel caso delle attività relative allo scrutinio finale vanno seguite scrupolosamente modalità e
procedure di cui all’art. 7 della O.M.


                                                     8
                   CRITERI DEGLI SCRUTINII QUADRIMESTRALI E FINALI
    Gli scrutini del I quadrimestre si svolgono di norma tra fine gennaio e inizio febbraio; quelli
finali nella settimana successiva alla conclusione delle lezioni.
    In linea generale i criteri di cui all’art. 4 della O.M. sono quelli già inseriti nel P.O.F., relativi
agli scrutini finali, ed estesi alle valutazioni del I quadrimestre per le parti congruenti. La
valutazione del processo di apprendimento avviene in rapporto si seguenti fattori: le conoscenze
evidenziate, le competenze acquisite, le capacità dimostrate, i comportamenti messi in atto. Si
programmano almeno 2 compiti scritti (ove previsti) e due prove orali. La valutazione finale è la
combinazione dei livelli raggiunti in ciascuno dei fattori presi in considerazione. A queste diverse
combinazioni è fatto corrispondere un voto. La corrispondenza fra livelli dei descrittori e voto è
esplicitata nella tavola inserita nel documento POF oltre che nella programmazione di classe di
inizio anno. Dunque, gli elementi che concorrono all’attribuzione del voto sono, oltre al profitto che
continua a rappresentare il valore fondamentale, anche la partecipazione, l’impegno, il metodo di
studio, la dimostrazione di progresso e di recupero.

    Come da specifica ordinanza ministeriale (0M 90/2001 e 56/2002), nei confronti degli alunni
che presentino un'insufficienza non grave in una o più discipline, comunque non tale da determinare
una carenza nella preparazione complessiva, il consiglio di classe, prima dell'approvazione dei voti,
sulla base di parametri valutativi stabiliti preventivamente, procede ad una valutazione che tenga
conto: a) della possibilità dell'alunno di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri
delle discipline interessate nei tempi e con le modalità stabilite dal consiglio di classe per accertare
il superamento delle carenze formative riscontrate; b) della possibilità di seguire proficuamente il
programma di studi nell’anno scolastico successivo. Nel caso di promozione così deliberata, il
preside comunica, per iscritto, alla famiglia le motivazioni delle decisioni assunte dal Consiglio di
classe, nonché un dettagliato resoconto sulle carenze dell’alunno, indicando anche i voti proposti
dai docenti in sede di scrutinio nella disciplina o nelle discipline nelle quali l’alunno non ha
raggiunto totalmente la sufficienza. La frequenza assidua e la partecipazione attiva alla vita della
scuola sono elementi positivi che concorrono alla valutazione favorevole del profitto dell’alunno in
sede di scrutinio finale. Pertanto, il numero delle assenze, pur non essendo di per sé preclusivo della
valutazione del profitto stesso in sede di scrutinio finale, incide negativamente sul giudizio
complessivo, a meno che, da un congruo numero di interrogazioni e di esercitazioni scritte, grafiche
o pratiche, svolte a casa o a scuola, corrette e classificate nel corso dell'intero anno scolastico, non si
possa accertare il raggiungimento degli obiettivi propri di ciascuna disciplina.

    L'attività svolta dagli alunni presso aziende, qualora presenti caratteristiche tali da poter
configurarsi come attività didattica sulla base di accordi nazionali o locali, è oggetto di valutazione,
secondo i criteri individuati dalle istituzioni scolastiche autonome. Parimenti sono oggetto di
valutazione le attività di stages in aziende e di formazione effettuate durante l'anno scolastico, anche
in attuazione di appositi progetti autorizzati.

    Sono, altresì, individuati i criteri per il riconoscimento dei crediti formativi relativi alle attività
realizzate nell’ambito dell’ampliamento dell’offerta formativa o liberamente effettuate dagli alunni
e debitamente accertate e certificate. Come da DPR 323/1998 e da DM 49/2000, il credito formativo
consiste in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze
coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l’esame di Stato. Le certificazioni comprovati attività
lavorativa devono indicare l’ente a cui sono stati versati i contribuiti di assistenza e previdenza
ovvero le disposizioni normative che escludano l’obbligo dell’adempimento contributivo. Le
esperienza che danno diritto all’acquisizione dei crediti formativi sono acquisite, al di fuori della
scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona ed
alla crescita umana, civile e culturale quali quelli relativi alle attività culturali, artistiche e ricreative,
ala formazione professionale, al lavoro, all’ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla
cooperazione, allo sport. Ai fini della certificazione di tali esperienze, si ritiene che: la certificazione
debba essere presentata da un ente/associazione giuridicamente riconosciuto; la certificazione debba
presentare una sintetica descrizione dell’esperienza; l’esperienza debba avere una sua durata
continuativa e non possa essere episodica.

    La partecipazione ad iniziative complementari ed integrative non dà luogo all’acquisizione dei
crediti formativi, ma rientra tra le esperienze acquisite all’interno della scuola di appartenenza, che
concorrono alla definizione del credito scolastico.

    Per le classi del triennio il collegio determina i criteri della nuova attribuzione del credito
scolastico di cui alla Legge n.1/07.
    In particolare in sede di scrutinio i consigli di classe individuano le discipline oggetto delle
attività di recupero aggiuntive ( nel rispetto di quanto indicato al punto 2 del presente
Regolamento), le attività di recupero e quello delle verifiche e valutazioni finali. Individuano
inoltre, motivatamente, gli alunni        da indirizzare al recupero con studio individuale. Tale
motivazione va comunicata per iscritto alle famiglie interessate.


                                                     9
    Il presente Regolamento, deliberato, per gli aspetti di competenza, dal Collegio dei docenti e dal
Consiglio di Istituto, è da intendersi parte integrante e modifica del P.O.F. Potrà essere modificato e
integrato in itinere alla luce dell’eventuale evoluzione normativa e delle valutazioni di merito da
parte della comunità scolastica.

    I consigli di classe, nella loro autonomia didattica, nella programmazione e svolgimento delle
attività di recupero e sostegno potranno, formalmente, farlo proprio o, motivatamente,
discostarsene, organizzando e svolgendo attività di recupero con modalità innovative e/o originali,
purché, in ogni caso, lo svolgimento di tali attività consenta di perseguire l’obiettivo del recupero
delle carenze .




                    2. LE SCELTE EXTRACURRICOLARI
2.1     PROGETTO SCUOLA-IMPRESA-BANCA

L’Istituto Battisti dal 1985, in collaborazione con la Fondazione della Carifano, si fa promotore
della realizzazione di stage presso Ditte, imprese, istituti bancari e studi privati. Ciò ha portato col
tempo alla costituzione di una solida rete di aziende che collaborano con l’Istituto e presso le quali
gli studenti meritevoli del quarto anno fanno attività di tirocinio per la durata di almeno tre
settimane nei mesi di giugno e luglio.

Gli studenti partecipanti allo stage hanno modo di mettere a contatto la realtà della scuola con quella
del lavoro e di verificare la validità della preparazione scolastica rispetto alle esigenze del mondo
del lavoro.

La scuola si occupa, attraverso l’azione di un docente – tutor, di prendere contatto con i datori di
lavoro e di verificare l’efficacia dell’esperienza richiedendo sia ai datori di lavoro che agli studenti
la stesura di una breve relazione.

La partecipazione agli stage è riservata agli studenti delle classi quarte e precisamente ai primi
quattro - cinque studenti promossi con i migliori risultati.


2.2     PROGETTO TERRITORIO

Nel corso degli anni il Battisti si è costantemente arricchito di attrezzature, di laboratori e di
strumenti che, generalmente e soprattutto in orario pomeridiano, non sono utilizzati pienamente.

L’Istituto ritiene che i laboratori di informatica, le postazioni Internet, la Biblioteca, l’Aula Magna
siano strutture ad elevata potenzialità che devono essere sfruttate appieno anche nell’interesse della
collettività locale.

Il Battisti ha cominciato a sottoscrivere con Istituti ed Associazioni presenti sul territorio accordi e/o
convenzioni allo scopo di offrire l’utilizzazione delle proprie strutture ai suddetti Enti. Il mettere a
disposizione gli spazi, le strutture ed anche le professionalità presenti in Istituto agli Enti e alle
Associazione che promuovono corsi di aggiornamento, di formazione ed iniziative culturali,
costituisce il primo nucleo del Progetto Territorio che dovrà ampliarsi coinvolgendo sempre di più
anche le risorse umane del nostro Istituto.


2.3 PROGETTO PER IL CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER
Il programma della patente europea del computer ( E.C.D.L. European Computer Driving Licence )
è sostenuto dall’Unione Europea, che l’ha inserito tra i progetti comunitari diretti a realizzare la
“società dell’informazione”. Tale programma fa capo al CEPIS (Council of European Professional
Informatics Societies), ente che riunisce le Associazioni europee dell’informatica. L’Italia è uno dei
17 paesi membri ed è rappresentata dall’AICA , Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo
Automatico, che è anche l’ente responsabile della selezione dei Centri accreditati (Test Centers) in
grado di soddisfare tutti i requisiti di qualità definiti a livello internazionale dal CEPIS.
L’Istituto Tecnico Commerciale “ C. Battisti “, già riconosciuto come Centro accreditato per il
conseguimento della patente europea del computer di livello base , attiva corsi di informatica aperti
a persone interne ed esterne all’Istituto per il conseguimento di tale patente.
I corsi verranno svolti sui contenuti dei singoli moduli previsti dall’AICA, con lezioni frontali nel
laboratorio di informatica e utilizzo della rete e del proiettore. Alla fine di ogni modulo verrà
somministrato un test on-line come simulazione della prova d’esame.
Gli obiettivi sono:
          sviluppare la informatica in un’ottica di formazione continua e permanente per giovani ed
           adulti, mettendo a disposizione della comunità locale le professionalità e le risorse presenti
           all’interno dell’Istituto;
          far conseguire ai partecipanti ai corsi la patente europea sia di livello base ( ECDL core) che
           di livello avanzato ( ECDL advanced) che costituiscono crediti nei corsi di laurea
           universitari;
          far diventare l’Istituto Test center anche per il livello avanzato;
          tenere i rapporti con l’AICA, organizzare i corsi preparatori e le sessioni d’esame.




2.4 PROGETTO “ ECDL AVANZATA”

Con tale proposta si vuol completare, ad un livello più alto e completo, l’offerta formativa del
precedente progetto, nella constatazione le competenze informatiche sono sempre più necessarie nel
mondo del lavoro.
Tenuto conto che il nostro Istituto è, per il livello avanzato, l’unico Test center attivo nella
provincia, si intende avviare un corso di durata annuale per utenti esterni o eventualmente anche
interni.
2.5     PROGETTO “LINGUE 2000”


Il progetto Lingue 2000, finanziato con i fondi messi a disposizione dalla legge 440/97 e integrato
con risorse dell’Istituto, intende potenziare l’insegnamento e l’apprendimento delle lingue straniere
favorendo l’acquisizione di precise competenze comunicative da parte degli allievi di ogni ordine e
grado di scuola. I destinatari sono gli studenti di tutte le classi. Nell’insegnamento delle lingue si
prevede, per un numero di ore preventivamente assegnato, la presenza di un docente di madrelingua
e si organizzano corsi di approfondimento per gli studenti che intendono conseguire la certificazione
( da parte di enti esterni accreditati a livello internazionale) delle competenze linguistiche
acquisite.

Nel nostro Istituto, che nel percorso curricolare offre già l’insegnamento di quattro lingue straniere (
inglese, francese, tedesco e spagnolo), sono infatti attivi corsi di potenziamento di inglese e tedesco,
essi si articolano su dieci -dodici incontri di due ore ciascuno con un massimo di 15 alunni .

La preparazione mira a fornire competenze comunicative orali su tematiche generiche e settoriali ;
la gradualità delle competenze si sviluppa su tre livelli : base, autonomo e di padronanza.

La padronanza nell’uso della lingua viene valutata da esaminatori esperti di madre lingua ; nel
nostro Istituto gli enti certificatori sono il Trinity per l’inglese e il Goethe Institut per la lingua
tedesca.

La certificazione europea delle competenze linguistiche è riconosciuta come credito formativo ai
fini scolastici.

2. 6    PROGETTO “ ITALIANO PER STRANIERI “

I processi della globalizzazione e i complessi fenomeni della geopolitica hanno, negli ultimi anni,
posto il problema della accoglienza e della integrazione dei molti stranieri residenti nel nostro
territorio. Anche all’Istituto “ Battisti “, la presenza di alunni stranieri, provenienti da paesi
extracomunitari, è notevolmente aumentata; si tratta spesso di giovani che o non conoscono affatto
la lingua italiana o ne hanno una conoscenza così limitata da rendere problematica la comprensione
delle lezioni, dei testi e quindi l’apprendimento.

Considerando che la conoscenza della lingua è veicolo fondamentale per l’inserimento socio-
culturale, il progetto “ Italiano per stranieri “ intende offrire agli studenti stranieri iscritti al Battisti
una opportunità non solo per apprendere le strutture e le funzioni principali della lingua italiana, ma
anche di inserirsi in modo reale nel nostro contesto.
Il corso di lingua e cultura italiana si articolerà su due livelli, in rapporto alle condizioni di partenza
degli alunni, e avrà la durata di 30 ore.

2.7 PROGETTO “ARTE E TERRITORIO “

Il progetto ha come finalità la conoscenza delle principali espressioni artistiche presenti nel
territorio. Sono previste visite guidate , lezioni frontali e interventi di esperti.
L'obiettivo che ci si propone è quello di coinvolgere gli alunni ad una lettura più consapevole del
patrimonioartistico e culturale , nonché del territorio cittadino ed in particolare di quello conservato
nelle strutture museali.
Principali destinatari sono gli studenti del Biennio.


2. 8      PROGETTO “ ORIENTAMENTO “ JOB- BATTISTI

L’inserimento nel mondo del lavoro è un passo importante che l’alunno si trova ad affrontare al
termine del percorso formativo. Le difficoltà più ricorrenti sono spesso legate ad una sorta di
disorientamento da attribuirsi sia a variabili oggettive, come il continuo altalenare del mercato del
lavoro e delle opportunità offerte dal territorio, sia a difficoltà di carattere soggettivo, definite dalla
mancata consapevolezza da parte degli alunni del ruolo attivo che possono svolgere nella ricerca del
lavoro a cui aspirano.

Obiettivi del progetto sono :
 Fornire agli alunni una più consapevole conoscenza di sé.
 Aiutare gli alunni nella scelta professionale il più possibile adeguata alle esigenze personali.
 Realizzare un’esperienza di orientamento formativo in modo professionale.


A partire da quest'anno è entrato un funzione presso il nostro Istituto un servizio a carattere
sperimentale denominato Job-Battisti , nato da una convenzione tra il Centro per l'Impiego ,
l'Orientamento e la Formazione di Fano, l'Istituto Tecnico Commerciale C: Battisti e l'Associazione
“ Noi del Battisti”, volto ad agevolare e sostenere i percorsi di ricerca del lavoro dei giovani
diplomati, ragionieri- programmatori e ragionieri ad indirizzo giuridico -economico-aziendale ,
nonché dei laureandi in discipline economiche. Il servizio è completamente gratuito.

2.9 PROGETTO “ RASSEGNA TEATRALE FUORICLASSE”

       Le finalità del progetto sono quelle di diffondere e rafforzare sentimenti di solidarietà;
comprendere l'importanza della libertà, dell'uguaglianza, del rispetto; sviluppare il confronto ed il
dialogo; dare un senso alla conoscenza storica; saper collaborare.
Si tratta di far avvicinare i giovani al mondo del teatro facendo loro conoscere con l'esperienza
diretta i suoi linguaggi, le sue tecniche, i diversi ruoli necessari per realizzare uno spettacolo.
Fornire la possibilità di acquisire un gusto teatrale personale che possa essere coltivato nel tempo.
Incontrare operatori e professionisti del settore in grado di arricchire ed approfondire gli orizzonti
dell'esperienza.
I destinatari del progetto sono gli studenti delle classi III° C, V° C, V° D e di tutti quelli che
vogliono fare attività teatrale.
É prevista la collaborazione dell'Assessorato alla cultura della Provincia di Pesaro e Urbino e
dell'Assessorato ai servizi educativi del Comune di Fano ed inoltre dell'esperta teatrale Stefania
Carboni.


2. 10 PROGETTO “GEMELLAGGI”
 Finalità del progetto è l'apprendimento della lingua straniera che favorisce un confronto diretto e
continuo tra la propria e le altre culture. E' prevista la partecipazione a attività didattiche dell'Istituto
ospitante.
Sono stati avviati contatti con per un gemellaggio con la scuola di “ St. Joseph Catholic College di
Swindon , nel Regno Unito e con la High School di una città australiana nel Southwales.
Entrambi i progetti avranno una durata nell'insieme di anni tre.
Si prevede il coinvolgimento del Comune di Fano e della Provincia di Pesaro Urbino.
I destinatari sono gli alunni delle Terze, Quarte e Quinte classi.


2. 11    PROGETTO “ LABORATORIO DI CINEMATOGRAFIA DIGITALE “

Nel nostro istituto è attivo un “laboratorio” di cinematografia dove i ragazzi e le ragazze interessati
a tali tematiche possono sviluppare le proprie idee con l’ausilio di moderne apparecchiature.

Tale “laboratorio” è aperto a tutti quelli che ne fanno richiesta un pomeriggio alla settimana ed è
indirizzato a produrre video completi.

Sono previsti anche dei corsi di introduzione al video-digitale per principianti della durata di circa
                                                          PC
otto ore, che permettono un primo approccio all’uso delle attrezzature e alla produzione di veri e
proprie video-clips.


                                                                                monitor
                                   2 videoregistratori



             TV
                                                                                                    masterizzatore
                                                                                                    eeeeeeee
   Acquisizione video in formato “video 8” – “VHS” – “SVHS”
   Compilazione clip in linea
   Montaggio digitale
   Effetti speciali
   Titolazioni
   Trasparenze
   Transizioni
   Colonna sonora e aggiunta commenti
   Riversamento su videocassetta o su CD
   Programmi di grafica vettoriale e fotoritocco digital


Il Progetto Intende offrire agli alunni il potenziamento di competenze necessarie per realizzare
ipertesti, mostre, utilizzare Internet, organizzare attività teatrali, cinematografiche,ecc.


2.12    PROGETTO “ATTIVITÀ SPORTIVE”


Il progetto, aperto a tutti gli studenti che ne facciano richiesta, persegue la finalità di stimolare e
consolidare la consuetudine all’attività sportiva come fattore di un armonioso sviluppo della
persona.

La dotazione di adeguate strutture e la disponibilità dei docenti di educazione fisica consentono di
promuovere e di organizzare varie iniziative, inserite in una tradizione ormai consolidata. Esse si
concretizzano nelle seguenti attività :

        1) partecipazione ai campionati studenteschi del 2007-2008

        2) organizzazione dei tornei interni di :

                        pallavolo

                        calcetto

                        basket

                      tennis da tavolo
        3) preparazione del gruppo sportivo scolastico di badminton affiliato alla Federazion

.



Oltre alle tre palestre di cui dispone l’Istituto, gli studenti possono usufruire di una “sala pesi”
dotata delle più recenti attrezzature per la muscolatura e il cardio-fitness. Sono presenti, infatti,
diverse “macchine” che consentono di lavorare, in tutti i distretti muscolari, a più alunni
contemporaneamente ed un “tapis roulant” dotato di computer con cardiofrequenzimetro conta
calorie-distanza, con percorso-pendenze modificabili. Tali macchine possono essere usate a fini sia
salutistici sia riabilitativi.


    2.13 ROGETTO “ EDUCAZIONE ALLA SALUTE”

        3    Nelle prime classi si propone ogni anno un tema di carattere ambientale               per far
        conoscere ai ragazzi le problematiche ecologiche , le possibili soluzioni per assumere
        atteggiamenti corretti nel rispetto dell'ambientee per un utilizzo consapevole delle risorse. Il
        tema per l'anno scolastico 2007-2008 è “ l'acqua è un bene prezioso, facciamone buon uso !
        “ I quattro incontri previsti si avvarranno della collaborazione deglioperatori del Centro
        Servizi Volontariato.

        4 Per le classi seconde i temi scelti sono quello dell'alimentazione in collaborazione con il
        Centro di Ricerca Psicanalitica Jonas e quello della prevenzione delle malattie oncologiche
        nelle scuole superiori, in collaborazione con un medico dell'ospedale di Fano.

        5 Per le classi terze il tema è “ Cuore e Scuola”, in collaborazione con con la Fondazione
        per la lotta contro l'infarto. Il progetto ha durata biennale . Sono previsti due incontri con i
        medici dell Fondazione sul rischio cardiovascolare, legato al proprio stile di vita per attivare
        comportamenti corretti e responsabili.Per le classi quarte sono previsti degli incontri con gli
        operatori AVIS di Fano ed il Centro Jonas, per la prevenzione dei disturbi alimentari.

        6 Per le classi quinte viene attuato il progetto di prevenzione ai comportamenti a rischio, in
        particolare all'infezione HIV , iniziato su mandato regionale del 2006. Nel corrente anno
        scolastico si terranno 3 incontri con operatori del Distretto Sanitario del Comune di Fano.
    2.14 PROGETTO “ UNO SCOLARO PER AMICO”
        2 L'Ufficio Studi del Provveditorato agli Studi di Pesaro e Urbino ha proposto il progetto
        da noi recepito ed approvato “ Uno scolaro per amico” rivolto agli alunni delle classi del
        Triennio.

        3 Il progetto comporta un azione di sostegno da parte dei nostri studenti agli scolari delle
        Scuole Elementari , nelle ore pomeridiane.

    2. 15 PROGETTO “ PATENTINO PER IL CICLOMOTORE”


Il D.L. n° 9 del 15/1/ 2002 ha recentemente modificato l’art. 116 del D.L. n° 285 del 30/4/1992 in
tema di patentino per la guida del ciclomotore. Tale modifica sancisce che i giovani che frequentano
le scuole statali di istruzione secondaria possono partecipare ai corsi organizzati gratuitamente
all’interno della scuola, nell’ambito dell’autonomia. Ai fini dell’organizzazione dei corsi, le
istituzioni scolastiche possono stipulare, con apposite istituzioni pubbliche, particolari convenzioni
finalizzate alla attività di educazione alla circolazione stradale.

La prova finale dei corsi organizzati in ambito scolastico è espletata da un funzionario esaminatore
del Dipartimento per i trasporti e dall’operatore responsabile della gestione dei corsi stessi.

Il corso nel nostro istituto coinvolge gli alunni delle classi prime che ne fanno domanda;

2. 16 PROGETTI EUROPEI


Progetto Comenius

L’Istituto ha fatto domanda di partecipazione al progetto europeo Comenius 2008/2010 insieme a
due istituzioni scolastiche europee con sedi a Munsterschwarzach (Germania ) e a Doetinchem (
Olanda)

Il progetto, che ha come destinatari i docenti e gli studenti che studiano il tedesco, dopo una fase di
progettazione, è stato concretamente avviato nel gennaio 2008 con la costituzione di un gruppo di
lavoro formato da studenti fortemente motivati. Nell’ambito del Progetto è già avvenuto un
momento di confronto durante la visita preparatoria che si è svolta in Germania per tre giorni a fine
gennaio 2008

Progetto “Vienna “
Il progetto “ I giovani europei conoscono Vienna” viene realizzato dal Ministero Federale per
l’Educazione, la Scienza e la Cultura della Repubblica austriaca e si rivolge a tutti i giovani di età
compresa tra i 14 e i 30 anni della Comunità Europea. Nel corso di un soggiorno settimanale, la
capitale austriaca viene illustrata sul piano storico, culturale, economico, amministrativo e politico,
seguendo un percorso che tiene conto, di volta in volta, di una ottica particolare ( es. Vienna
barocca, medievale, moderna, centro della storia europea, ecc.). L’obiettivo del progetto è
potenziare le capacità comunicativo-linguistiche degli alunni e favorire momenti di incontro e
confronto con altre realtà europee. A questo progetto partecipano le classi che studiano la lingua
tedesca a partire dalla terza.
2.17    PROGETTO S.C.I.R.E 2007-2008

L’I.T.C. “ C. BATTISTI “ è una delle scuole aderenti al PROGETTO S.C.I.R.E. ovvero progetto
“continuità operativa” tra scuola media di primo e di secondo grado, costituitosi già nell’a.s.
2001/02.
Nell’ambito di tale progetto si sono da tempo costituiti tre gruppi di docenti di scuola media
inferiore e superiore: gruppo di Matematica, di Inglese, di Italiano e ciascuno ha attivato dei corsi in
cui si svolge attività culturale di orientamento al fine di garantire un effettivo processo di continuità
tra scuola media inferiore e superiore; destinatari del progetto sono gli alunni delle classi prime
della scuola superiore e delle terze medie.
Per l'anno scolastico 2007-2008 è prevista una gara di matematica . La gara sarà a squadre :
ciascuna formata da due alunni di terza Media e due alunni di prima superiore.
Le scuole partecipanti sono le seguenti : Liceo Torelli di Fano, I.T.C. Battisti di Fano, IC Gandiglio
di Fano , IC Padalino di Fano, IC Leopardi di Saltara, IC Fermi di Mondolfo.
La gara si svolgerà a Fano presso l'Istituto Comprensivo “ Gandiglio”.


2.18    PROGETTO “ SCRITTURA, STORIA, SOCIETA’”

Il progetto intende proporre alla attenzione degli alunni la lettura di un’opera letteraria, di recente
pubblicazione, di un autore contemporaneo che affronti significative tematiche socio-culturali.
L’incontro con l’autore dovrebbe concludere il lavoro di analisi e riflessione, realizzato attraverso
questionari, dibattiti, elaborati.
Gli obiettivi sono:
               diffondere tra i giovani il gusto della lettura
               stimolare lo spirito critico e le capacità di analisi
               favorire il confronto e il dibattito
               stimolare le abilità argomentative e la produzione scritta delle idee
               far comprendere la relazione tra testo e contesto storico
L’I.T.C. “ C. BATTISTI “ è una delle scuole aderenti al PROGETTO S.C.I.R.E. ovvero progetto
di “continuità operativa” tra scuola media di primo e di secondo grado, costituitosi già nell’a.s.
2001/02, nel quadro di tale intesa l’iniziativa del progetto “ Scrittura, storia, società “ verrà diffusa
tra i docenti delle Scuole Medie di Fano per invitarli con le loro classi all’incontro con l’autore.




2.19 PROGETTO “ QUOTIDIANO IN CLASSE ”
      2 Viene proposta la lettura in classe dei quotidiani “ Il Corriere della Sera “ e “ Il Resto del
      Carlino”. Inoltre per le classi Quinte anche la lettura del “ Sole 24 Ore “.
       3 Sono coinvolti gli alunni di 10 classi della Sede Centrale , nonché quelli di 12 classi
       della Sede Succursale.
       4 Ci si propone mediante la lettura dei quotidiani di far meglio conoscere gli eventi e le
       problematiche della società e di rafforzare così l'esercizio delle idee e del confronto critico.
       5
       6
              3. LE SCELTE DI SUPPORTO ALLA QUALITA’
                      DELL’OFFERTA FORMATIVA
3.1    PROGETTO BIBLIOTECA

Finalità’

            formare lo studente affinché diventi cittadino consapevole e libero fornitore di un
             servizio offerto alla collettività

Obiettivi:

            promuovere la lettura ed educare i giovani alla lettura;

            insegnare a trovare, usare e valutare ogni fonte;

            fare acquisire metodi di ricerca attiva e di apprendimento autonomo;

            informare puntualmente sugli eventi culturali interni ed esterni.

Strumenti:

            apertura della biblioteca tutti i giorni feriali nell’arco della mattinata e in due pomeriggi;

            programma di software per catalogare libri e documenti e per collegarsi con altre
             biblioteche;

            predisposizione periodica di un bollettino di novità per informare sugli acquisti nuovi.

Verifica:

            controllo annuale del numero dei libri prestati per alunno o per classe;

            discussioni in classe (o fra classi) sugli argomenti di alcuni libri letti;

            premio (in libri) agli studenti che si classificano nei primi tre posti nella graduatoria dei
             libri letti.

Le biblioteche a disposizione degli studenti e del personale della scuola sono due:
           la biblioteca storica della sede centrale dell’Istituto, dedicata alla memoria del giudice
           Rosario Livatino;

          la biblioteca della sede di S. Lazzaro, progettata e funzionante da alcuni anni.

Saranno organizzati numerosi incontri con personalità e studiosi su tematiche attinenti argomenti di
studio o di attualità che poi gli studenti delle varie classi approfondiranno e discuteranno con i
propri docenti.



3.2    PROGETTO INTERNET

In ciascuna delle due sedi dell’Istituto è stata creata una rete di punti di accesso Internet che
possono essere utilizzati dai docenti e dagli studenti sia in orario antimeridiano che pomeridiano.

Con tale progetto, che ha richiesto un notevole impegno sia organizzativo che economico, si
intendono perseguire i seguenti obiettivi:

          far acquisire familiarità agli studenti e ai docenti con i nuovi strumenti della
           comunicazione e dell’informazione;

          aumentare, all’interno del Battisti, le fonti di approfondimento e di ricerca;

          favorire nei giovani la curiosità, il piacere di sapere, l’arricchimento culturale;

          aumentare la quantità e la qualità delle informazioni e delle notizie circolanti all’interno
           della scuola:

Le postazioni Internet, aperte anche in orario serale per gli studenti e i docenti del Progetto Sirio,
sono sempre più frequentate in quanto è sempre più elevato il numero di studenti che, per realizzare
attività di ricerca (tesine, aree di progetto, ricerche tematiche, ecc…), ricevono i dati fondamentali
dalla navigazione in Internet.

                                  DOTAZIONI INFORMATICHE

L’I.T.C.“C. Battisti” è dotato, nelle sue due sedi, delle seguenti dotazioni informatiche:

       n° 2 postazioni-docente (personal computer collegato in Internet, scanner, stampante)
       1 Sede Centrale - 1 Sede Succursale

       n° 4 postazioni mobili (personal computer collegato a TV)
       3 Sede Centrale - 1 Sede Succursale
          n° 1 postazione in Aula Magna (personal computer collegato in Internet, proiettore per
          grande schermo) Sede Centrale

          n° 2 aule di informatica (12-25 postazioni alunno, più postazione docente con
          personal multimediali) 1 Sede Centrale - 1 Sede Succursale

          n° 2 aule di informatica (12-15 postazioni alunno, più postazione docente con personal
          computer collegati in rete e in Internet) 1 Sede Centrale - 1 Sede Succursale

          n° 1 aula di informatica ( 25 postazioni alunno, più postazione docente con personal
          multimediali collegati in rete didattica “Didanet”, più un computer collegato a Internet e a
          videoproiettore per grande schermo) Sede Succursale

          n° 1 aula di informatica ( 25 postazioni alunno, più postazione docente con personal
          multimediali collegati in rete, la postazione docente collegata a Internet e a videoproiettore
          per grande schermo) Sede Centrale.


3.3       PROGETTO “BATTISTITESTO”

Tutti i prodotti (ricerche, tesine, ecc…) che annualmente realizzano gli studenti delle varie classi e
tutti i progetti che gli insegnanti annualmente attuano non devono restare patrimonio della singola
classe o del singolo docente, ma devono diventare patrimonio di tutte le componenti del Battisti.

Si è pensato di realizzare il progetto “Battistitesto” cioè un testo in cui saranno inseriti i lavori degli
studenti e dei docenti, affinché la produzione di cui sopra sia messa efficacemente a disposizione di
tutti e possa sviluppare e stimolare nuovi progetti e nuove idee.

Il Battistitesto è collocato in specifiche pagine del sito di Istituto, localizzato su Internet:

                                             (www.itcbattisti.it)

I docenti e gli studenti potranno liberamente accedere a questo testo e potranno contribuire ad
arricchirlo con i propri lavori.

Con il progetto “Battistitesto” si intendono perseguire i seguenti obiettivi:

         favorire la capacità di lavorare in modo autonomo da parte degli studenti;

         arricchire ed aggiornare l’attività didattica:

         stimolare occasioni di scambio, di dialogo e di confronto fra le componenti del Battisti ed
          eventualmente di altri istituti:

         promuovere la capacità di lavorare per progetti;

         utilizzare i materiali del “Battistitesto” anche per lavori da effettuarsi a distanza.
3.4       CENTRO DI INFORMAZIONE E CONSULENZA ( C.I.C.)

In collaborazione con l’ASL n. 3 di Fano, il SERT, il Consultorio familiare ed altri enti operanti sul
territorio, al fine di prevenire il disagio giovanile (anoressia, bulimia, tossicodipendenza, ecc. …) e
nell’intento di arginare la dispersione scolastica e promuovere il benessere psico-somatico nelle sue
molteplici manifestazioni, a tutti gli studenti che si trovino in difficoltà, è concessa la possibilità di
usufruire della consulenza di esperti quali psicologi, sociologi, dietologi, ecc….(C.I.C.).

In particolare con l’obiettivo di:
             contribuire a ridurre la conflittualità all’interno del gruppo classe;
             favorire lo svilupparsi di una identità di gruppo nella classe;
             individuare possibili nodi problematici in funzione dei quali impostare interventi futuri;
             stimolare vissuti ed interazioni funzionali all’esperienza scolastica;

3.5       PROGETTO ACCOGLIENZA

Obiettivo del progetto è quello di essere per i giovani uno strumento di sostegno, crescita e
benessere nel delicato e difficile momento in cui essi si ritrovano a cambiare scuola, amici e, molto
spesso, anche città.

Al fine di favorire un graduale ed armonico inserimento di tutti gli allievi delle prime classi
nell’ambito della nuova struttura scolastica, il nostro Istituto ha elaborato un Progetto-accoglienza
da espletare durante la prima settimana di scuola attraverso i seguenti strumenti e modalità:



         presentazione della scuola da parte del Capo d’Istituto insieme ad ex allievi e personalità già
          diplomate nel nostro Istituto;

         visita guidata ai locali dell’Istituto: Biblioteca, Laboratori, ecc……;

         somministrazione di test conoscitivi;

         giochi d’interazione in cui gli allievi possono esprimere e confrontare i propri bisogni,
          desideri e aspettative;

         presentazione ed esplicitazione del POF;
         lettura e discussione dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti;

         lettura e discussione del Regolamento interno di Istituto;

         illustrazione di tutte le attività extracurricolari;

         illustrazione degli Organi collegiali e delle loro funzioni;

         prove di ingresso al fine di stabilire il livello cognitivo della classe onde stilare una
          programmazione quanto più possibile aderente ai bisogni della stessa;

         monitoraggio dell’impatto avuto dai singoli allievi con l’Istituto.



3.6       VIAGGI D’ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

Sulla base di iniziative o di progetti presentati da singoli o più docenti e approvati dagli organi
collegiali competenti, l’Istituto organizza viaggi di istruzione e visite guidate allo scopo di
conseguire i seguenti obiettivi:

         fornire uno stimolo allo studio delle materie o dei contenuti culturali che si intendono
          maggiormente approfondire e che hanno valenza pluridisciplinare;

         favorire la socializzazione del gruppo classe ed anche il recupero dell’interesse negli
          studenti meno motivati;

         favorire la conoscenza di realtà economiche e produttive dal punto di vista proprio
          dell’indirizzo di studio;

         favorire le iniziative relative all’educazione ambientale e alla conoscenza del territorio.


Per informazioni più dettagliate si rimanda al Regolamento dei viaggi d’istruzione e visite guidate
approvato dal Collegio dei Docenti.
                         4. LE SCELTE ORGANIZZATIVE

L’assetto organizzativo costruito per la progettazione e la gestione del POF si articola, anche sulla
base del progetto sperimentale di autonomia dell’anno precedente, nelle seguenti unità operative e
nei rispettivi ruoli di coordinamento.


4.1   DIRIGENTE SCOLASTICO
Ha compiti e responsabilità fissati dalle norme vigenti e assicura la promozione, il coordinamento e
il controllo dei processi.


4.2   COLLABORATORE VICARIO
Ha compiti e responsabilità delegati dal Dirigente scolastico


4.3COLLABORATORI DEL DIRIGENTE
Hanno compiti di consulenza e collaborazione per la realizzazione dell’offerta formativa


4.4    FUNZIONI STRUMENTALI
In base alle modalità previste dall’art. 30 del C.C.N.L/2003, il Collegio dei docenti ha identificato le
seguenti funzioni strumentali coerenti con le linee essenziali del POF:

    1. Coordinamento delle integrazioni e modifiche da apportare al P.O.F.

    2. Coordinamento e valutazione delle attività del piano e monitoraggio in uscita.

    3. Gestione del piano di formazione e di aggiornamento anche in relazione alla certificazione
        di qualità

    4. Coordinamento e gestione delle attività di orientamento in entrata e del diritto-dovere alla
        formazione scolastica.

    5. Educazione alla salute, C.I.C. e coordinamento della Consulta studentesca.

    6. Coordinamento e gestione delle attività di orientamento in uscita.

    7. Coordinamento dei rapporti con Enti pubblici, aziende e imprese per la realizzazione di
        progetti formativi e di incontri e convegni.
      8. Coordinamento per la realizzazione dei progetti FSE ed IFTS.

      9. Coordinamento e sostegno per gli alunni del Corso serale “ Sirio”.


4.5       COLLEGIO DEI DOCENTI

Ha compiti, funzioni e responsabilità fissati dalle norme vigenti.

Il lavoro del Collegio si articola in:

         commissioni finalizzate alla soluzione dei problemi individuati dal Collegio stesso;
         gruppi di lavoro costituiti sulla base di affinità di interessi per elaborare e realizzare progetti
          comuni;
         dipartimenti, formati dai docenti di materie affini, che si riuniscono per definire contenuti e
          modalità di lavoro.


4.6       DIPARTIMENTI

I – Materie Storico – Letterarie: comprende le materie di italiano, storia, educazione civica,
geografia economica e religione;


II – Lingue Straniere: comprende le materie di francese, inglese e tedesco;


III – Matematica Applicata


IV – Scienze – Chimica , comprende le materie di scienza della natura , di scienza della materia, di
chimica e di merceologia;


V – Discipline Commerciali E Aziendali, comprende le materie di tecnica, ragioneria, e economia
aziendale;


VI - Discipline Economico – Giuridiche, comprende le materie di diritto, economia, e scienze
delle finanze,


VII – Trattamento Del Testo;


VIII – Educazione Fisica


Ai dipartimenti sono attribuite le seguenti competenze:
         effettuare la programmazione didattica annuale per aree disciplinari (entro la prima metà del
          mese di Settembre);
         predisporre iniziative, modalità, materiali attinenti il recupero, il sostegno e
          l’approfondimento per la preparazione degli studenti;
         proporre attività didattiche complementari ed integrative attinenti le aree disciplinari del
          dipartimento (entro il mese di Settembre);
         proporre, coordinare e formalizzare le attività di aggiornamento (entro il mese di ottobre);
         coordinare l’adozione dei libri di testo (entro il 5 maggio);
         proporre acquisti di sussidi didattici e di materiale scientifico (mesi di marzo e di
          Settembre);
         organizzare attività e strumenti di documentazione e di archiviazione dei materiali prodotti;
         eleggere all’inizio di ogni anno scolastico il coordinatore e il vice coordinatore.


4.7 COMITATO PER IL COORDINAMENTO DIDATTICO E LA PROGETTAZIONE DEL POF

E’ costituito dai collaboratori del Dirigente scolastico, dai docenti coordinatori dei dipartimenti e
dagli insegnanti a cui sono state affidate le funzioni strumentali.

Tale comitato elabora e propone al Collegio docenti il POF; ne esamina i risultati del monitoraggio,
individua le aree di criticità, propone le azioni e le strategie di miglioramento del servizio scolastico
agli organi collegiali competenti. Tale comitato è presieduto dal Dirigente Scolastico.



4.8       IL CONSIGLIO DI CLASSE

Ha funzioni e compiti fissati dalle norme vigenti. Sviluppa la sua azione formativa essenzialmente
nel seguente ambito:

         lavora sulle norme comuni comportamentali e concorda gli obiettivi trasversali da
          conseguire e da verificare;
         individua i collegamenti e le possibili integrazioni fra le discipline.


4.9       IL COORDINATORE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Tale figura, nominata all’inizio dell’anno scolastico, svolge i seguenti compiti:
     presiede, in assenza del Dirigente scolastico, il Consiglio di classe e ne organizza i lavori
     si tiene regolarmente informato sul comportamento e sul profilo degli studenti tramite frequenti
      contatti con i docenti del Consiglio di classe;
     informa il Dirigente scolastico sugli avvenimenti più significativi della classe riferendo
      tempestivamente sui problemi che dovessero sorgere;
   controlla periodicamente (di norma settimanalmente) la corretta tenuta del giornale di classe per
    quanto riguarda le assenze, i ritardi, le uscite anticipate e le relative giustificazioni degli alunni;
   verifica il rispetto di quanto stabilito dal Consiglio di classe in merito ad un equilibrato carico di
    lavoro a casa e ad una razionale distribuzione delle verifiche sommative;
   consegna agli alunni le schede di valutazione interquadrimestrale;
   informa il Dirigente scolastico e, tramite la segreteria didattica, la famiglia della frequenza
    irregolare del comportamento non corretto e del rendimento scarso degli alunni.


4.10    COORDINATORE DELL’ESAME DI STATO

La designazione del coordinatore per l’esame di stato si rende necessaria in seguito alle innovazioni
introdotte dalla normativa che ha sostituito il vecchio esame di maturità.

Il coordinatore svolge le seguenti funzioni:

       fornisce ai docenti e agli studenti un efficace e aggiornato supporto informativo sulle
        modalità di svolgimento dell’esame di stato;
       coordina le attività da svolgere in preparazione all’esame.


4.11    COMITATO GENITORI

E’ costituito dai rappresentanti dei genitori eletti nel Consiglio di Istituto e nei consigli di classe.

Il Comitato persegue i seguenti obiettivi:

       contribuisce attivamente al buon funzionamento dell’Istituto proponendo agli organi
        collegiali competenti progetti e suggerimenti;
       svolge azione di informazione nei confronti dei genitori degli studenti dell’Istituto.
    
Il Comitato è informato dal Dirigente scolastico sulle iniziative e proposte che riguardano il
funzionamento e l’organizzazione dell’Istituto.


4.12    COMITATO STUDENTI

E’ costituito dai rappresentanti degli studenti eletti nel Consiglio di Istituto, nella Consulta
Provinciale e nei Consigli di Classe.

Il Comitato svolge le seguenti azioni:

       propone al Dirigente scolastico e agli organi collegiali competenti progetti, proposte e
        suggerimenti;
      informa gli studenti delle iniziative e delle proposte illustrate dal Dirigente scolastico
       durante le riunioni del Comitato.




                      5. RAPPORTI SCUOLA E FAMIGLIA

Un costruttivo rapporto di collaborazione tra genitori ed insegnanti è considerato un importante
fattore per il rendimento scolastico dei nostri studenti.

Le interazioni tra scuola e famiglia permettono sicuramente di affrontare con efficacia e
coordinamento i problemi sia di profitto che di comportamento degli studenti. L’Istituto Battisti si
propone di costituire un comitato misto di genitori e docenti per studiare e realizzare metodologie e
strumenti idonei a coinvolgere i genitori nella gestione dei problemi educativi.

Il Dirigente scolastico comunica ai genitori informazioni relative.

             ai calendari delle convocazioni dei Consigli;
             alle assemblee di classe;
             all’orario di ricevimento dei genitori;
             alle iniziative proposte di carattere generale attraverso lettere che vengono
              distribuite;
             agli studenti affinché siano consegnate alle famiglie.


Su richiesta dei docenti o del Consiglio di classe, alle famiglie possono essere comunicate
particolari situazioni relative alle assenze, all’andamento didattico o disciplinare attraverso lettere o
telefonate.

Le modalità di comunicazione scuola-famiglia sono scritte, telefoniche e recentemente anche per via
telematica ( limitatamente ad alcune informazioni relative ai colloqui e al calendario degli sportelli
e degli approfondimenti).




                                          INCONTRI A SCUOLA


Sono fissati dal Dirigente scolastico per conferire con le famiglie di alunni che presentano
particolari problemi; gli incontri richiesti dai genitori, vengono concordati, previo appuntamento,
con il Dirigente scolastico.
Tutti gli insegnanti stabiliscono durante l’anno scolastico un’ora alla settimana, al mattino, in cui si
rendono disponibili per il colloquio con i genitori.

A metà circa di ciascun quadrimestre gli insegnanti di una stessa classe sono disponibili
contemporaneamente con i genitori che hanno la possibilità di incontrare tutti i docenti della classe
nello stesso pomeriggio.



5.1 PROGETTO TRAINING
   5 Trattasi di un progetto di orientamento alle scelte professionali degli studenti.Il progetto ha
    la specificità di lavorare sui genitori come primi orientatori dei loro figli.

    6   Il progetto viene finanziato con fondi europei ed organizzato dall'Associazione Training
    2001 la quale si avvale per la realizzazione del progetto di un' equipe di psicologi e di
    pedagogisti.




            6. VALUTAZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

Il nostro servizio scolastico può essere migliorato solo se siamo in grado di accompagnarlo con
validi metodi di monitoraggio e di valutazione.

Per valutare la reale capacità che il nostro servizio scolastico ha di rispondere alle aspettative e alla
soddisfazione degli utenti dobbiamo conoscere tempestivamente e “oggettivamente” il loro
giudizio.

Gli utenti sono gli studenti, le famiglie, i docenti, le aziende, le Università, che ovviamente, possono
avere esigenze ed aspettative non coincidenti.

Per incentivare la partecipazione e la condivisione dei nostri progetti e per arricchirci dei contributi
degli utenti dobbiamo operare la scelta di cominciare a costruire e a sperimentare un valido sistema
di rilevazione delle aspettative e delle priorità degli utenti.

Come misurare la qualità del servizio scolastico percepita dallo studente , dal docente e dal
genitore?
Procediamo dal corrente anno scolastico alla predisposizione di questionari sperimentali aventi le
seguenti caratteristiche:



          rilevazione solo di punti di effettivo e reale interesse per l’utente;

          raccolta di dati elaborabili e confrontabili.

I questionari, oltre a chiedere valutazioni sui temi individuati, chiedono anche di stabilire una
graduatoria tra alcuni indicatori ritenuti più importanti per la qualità del servizio scolastico, infatti è
dalla combinazione del grado di soddisfazione con il grado di importanza assegnato a ciascun
indicatore che possiamo ricavare dati abbastanza significativi. I fattori di qualità da sottoporre
rispettivamente alla valutazione degli studenti, dei genitori e dei docenti, saranno individuati dal
Comitato per il Coordinamento didattico e la progettazione del POF.


6.1    AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DEI DOCENTI

I docenti avvertono i seguenti bisogni:


          rinnovare le metodologie di insegnamento;
          strutturare diversamente i contenuti;
          utilizzare verifiche più funzionali agli aspetti innovatori dell’autonomia scolastica.


L’Istituto deve attivare tutte le opportunità per offrire sia i mezzi idonei ai docenti disponibili al
cambiamento sia per stimolare i docenti più restii ad un confronto serio, scevro da chiusure
aprioristiche.

Sulla base di queste riflessioni si propongono:

1) un corso di aggiornamento per finalizzare le nuove tecnologie multimediali al rinnovamento
   della didattica.

2) un corso di formazione sui fondamenti della qualità del servizio scolastico.


6.2    RICERCA INDAGINE SUI DIPLOMATI


Al fine di conoscere le scelte relative al mondo del lavoro e agli studi universitari, ma anche di
avere un giudizio sulla qualità del servizio offerto dal nostro Istituto, abbiamo deciso di realizzare
una ricerca – indagine sugli studenti del Battisti che si sono diplomati negli ultimi anni. In merito a
tale ricerca si veda il progetto dal titolo "Indagine sui diplomati"

I dati che ricaveremo dall’indagine saranno disponibili sul nostro sito Web.

								
To top