IL SAGGIO BREVE, IL TESTO ARGOMENTATIVO, LA RELAZIONE by 32K80tw

VIEWS: 37 PAGES: 3

									 IL SAGGIO BREVE, IL TESTO ARGOMENTATIVO, LA
                           RELAZIONE
                   PROGETTIAMO LA PROVA
 L’analisi della consegna

   argomento
   forma/modalità comunicativa
   destinatario
   spazio disponibile
   tempo disponibile
   documentazione disponibile
 Il reperimento del materiale per la documentazione

   biblioteche reali (a casa, a scuola, nella città in cui si abita…)
   biblioteche virtuali (a casa, a scuola, a casa di conoscenti e di
     amici)
   libri di testo e materiale scolastico in genere
   articoli di giornale
   esperienze di studio
   esperienze di vita
 La schedatura delle informazioni

   proporzionare il materiale rispetto al tempo e allo spazio a
     disposizione
   selezionare il materiale rispetto al grado di pertinenza
   schedare i testi prescelti attraverso uno schema che ricordi
     brevemente i dati essenziali
   evidenziare le informazioni utili
 La progettazione e la stesura del testo

   costruzione di una scaletta. Per es.:
      come incominciare (l’introduzione)
        l’esposizione del problema di cui tratterai
        la documentazione esistente
        una breve storia del fenomeno
          -quando è nato
          -dove è nato
           -in quali tempi si è riproposto
           -in quali luoghi si è riproposto
           -in quali forme si è sviluppato
       come sviluppare (l’esposizione e l’argomentazione)
          l’analisi delle cause
          l’analisi delle conseguenze
          la descrizione di situazioni esemplari
          l’esposizione del giudizio personale
          la citazione di dati a sostegno
          le fonti utilizzate
          l’interpretazione dei dati
       come concludere
          il significato del fenomeno alla luce delle conoscenze
           attuali
          la valutazione della sua importanza
          la valutazione dell’opportunità di studiarlo
           opportunamente
     scelta del registro linguistico da utilizzare e dello stile da
    adottare
       registro formale o informale?
       linguaggio quotidiano o specialistico?
       tempo-guida da utilizzare?
       aggettivazione scarna o ricca?
       andamento paratattico o ipotattico?
       paragrafi o capoversi?
       quali accorgimenti grafici da utilizzare?
       quale effetto voglio che sortiscano le mie scelte di stile?
   Controllo e autocorrezione
     revisione ortografica
       la grafia è leggibile?
       vi sono errori di ortografia?
       vi sono errori di grammatica: tempi verbali, concordanze,
         preposizioni, etc…?
   vi sono errori di sintassi: connettivi, punteggiatura, verbi
    reggenti…?
   vi sono errori lessicali?
 verifica della coerenza del testo con la traccia e della sua
  coesione interna
   il testo risponde alle richieste iniziali: contenuto,
    destinatario, lunghezza?
   ha rispettato i punti necessari della scaletta?
   presenta “salti” logici e/o affermazioni contraddittorie?
   gli spazi destinati ai vari punti della scaletta sono
    “calibrati” a seconda della gerarchia d’importanza?
   vi sono concetti ripetuti inutilmente?
   vi sono punti non sufficientemente approfonditi?
   vi sono riferimenti poco chiari?vi sono affermazioni non
  argomentate? opinioni non suffragate dai dati?

								
To top