Dichiarazione di Fulvio Fammoni, Segretario generale SLC-CGIL by 90Rid1

VIEWS: 4 PAGES: 2

									                                                                    VIA PEDROTTI 5 - 10152 TORINO
                                                                    Tel. 011/2442500 - Fax 011/2442392
              Sindacato Lavoratori Comunicazione                      E_mail: tslc@mail.pmt.cgil.it




               NOTA PER DELEGATI                                     n.     1 / 2002

                       Sommario: Orari Uffici Postali – Trattativa centrale

         Il 17 u.s. si è svolta la riunione nazionale riguardante la difficile situazione presente nelle
sportellerie a seguito dell’introduzione dell’Euro:
         Dopo la sollecitazione dei territori, come SLC, abbiamo rappresentato come, la
situazione di pesante disagio vissuta dai lavoratori e come le risposte sul territorio siano
insufficienti e contraddittorie, nonché gravemente carenti gli strumenti forniti a supporto
per il servizio.
         Abbiamo quindi richiesto:
    il riconoscimento a tutti i lavoratori applicati alle sportellerie del pagamento delle prestazioni
     straordinarie, fissando anche in due ore massime giornaliere obbligatorie detta prestazione,
     prevedendo opportune turnazioni del personale.
   l’individuazione di un sistema che, in presenza di grossi flussi di utenza, non costringa il
     personale a prolungamenti incontrollati della propria prestazione,
   un confronto sul territorio con le OO.SS. che raccolga con atteggiamenti positivi, le proposte
    ed i suggerimenti che sicuramente possono scaturire sulla base anche delle esigenze
    territoriali,
   un accordo tra le parti a livello nazionale per un premio di risultato, che riconosca
    concretamente e non solo verbalmente lo straordinario sforzo degli addetti, unitamente anche
    ai brillanti risultati raggiunti.
   Necessità di esaminare la possibilità di dare risposte ai maggiori rischi di cassa in cui incorre il
    personale in questa fase.
         Abbiamo inoltre ribadito (all. 1) come, questo confronto che riguarda una fase
straordinaria, nulla toglie ai punti di criticità che riteniamo tuttora aperti con l’Azienda circa
la certezza dell’orario di lavoro e della congruità del fabbisogno di personale negli uffici.
       Dopo un inizio di confronto molto dialettico, l’Azienda ha infine convenuto che:
     la risposta del personale in questa fase eccezionale è stata sicuramente di alto livello e
      molto apprezzata dall’Azienda.
     Per quanto riguarda le prestazioni straordinarie, che verranno totalmente riconosciute,
      l’Azienda ha convenuto sull’opportunità di diramare una direttiva in merito al contenimento
      giornaliero nelle due ore, nonché disposizioni sui flussi di affluenza del pubblico a fine
      turno.
     Disponibilità a riconoscere anche economicamente un premio di risultato al personale
      coinvolto, sulla cui entità e modalità si è riservata di fare una proposta nei prossimi giorni.
Il confronto di merito riprenderà, possibilmente per concludersi, il giorno 28 corr. con
l’obiettivo di concludersi nella stessa giornata.




                                                   1
SLC-CGIL         SLP-CISL         UIL-POST   SAILP-CONFSAL  FAILP-CISAL                           UGL-COM.NI
                                       SEGRETERIE REGIONALI

Poste Italiane SpA                                            Poste Italiane SpA
Direttore Filiale - Tutte                                     Direttore Regionale
                                                              Dr. P. Raeli
                                                              10100 Torino

Poste Italiane SpA                                            Poste Italiane SpA
Responsabile Recapito - CPO CMP Tutti                         Direttore Reg.le Polo Corr.ze
                                                              Ing. O. Chiola
                                                              10100 Torino
                                                              Poste Italiane SpA
                                                              Responsabile Regionale Risorse Umane
                                                              Dr. Giovanni Bogo
                                                              10100 Torino

Oggetto:         conflitto di lavoro ai sensi art. 21 ccnl.

  L’ attuale situazione dei servizi sul territorio, a seguito delle continue innovazioni di prodotto e di
processo introdotte dall’azienda unitamente alla questione EURO, ha prodotto una sistematica
violazione dei diritti contrattuali da parte aziendale.
  Infatti l’azienda continua, nei settori sportelleria – recapito – ecc., a disconoscere i fondamentali diritti
contrattuali soprattutto in ordine all’ orario di lavoro, al lavoro straordinario, alle ferie, offendendo così la
dignità dei lavoratori interessati.
  Inoltre l’attuale situazione, in considerazione anche del ricorso agli esodi incentivati su cui peraltro
l’azienda non ha fornito nessun dato alle scriventi, sta di fatto ponendo serie questioni sulla quantità di
organico presente in azienda.
  Sono ormai giornaliere le provocazioni, le minacce e le contestazioni aziendali sui vari luoghi di
lavoro per “costringere” i lavoratori ad accollarsi prestazioni aggiuntive non dovute contrattualmente
e spesso non retribuite, al solo fine di mascherare le evidenti carenze di organico dell’attuale
momento.
  Tutto ciò peggiora ogni giorno la qualità del servizio, mette a repentaglio la sicurezza sul lavoro degli
interessati, nonché genera disagi e tensione nei rapporti con la clientela.

 Pertanto chiediamo un incontro ai sensi dell’art. 21 del ccnl per discutere le seguenti questioni:

         Mancato utilizzo degli strumenti contrattuali e conseguente obbligo a prestazioni illegittime
          (abbinamento ex circ.32) nel settore recapito
         Mancato rispetto dell’orario di lavoro nel settore sportelleria e nel settore recapito;
         Mancato riconoscimento delle prestazioni straordinarie nei settori sportelleria e recapito;
         Mancato riconoscimento delle prestazioni straordinarie e della banca ore per i Quadri;
         Carenza di organico nei settori sportelleria, movimento e recapito;
         Consistente numero di giornate di ferie arretrate che non riescono ad essere fruite dal personale;
         Aumento della produttvità a seguito dell’introduzione della moneta unica ed eventuale
          compenso;

 La presente vale quale utile tentativo di conciliazione obbligatoria ai sensi della legge 83/2000, in difetto
della quale le scriventi si riservano il diritto di intraprendere ogni util iniziativa di lotta dell’intera categoria
non escluso il ricorso allo sciopero.

 Torino, 11 gennaio 2002


 SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST SAILP-CONFSAL FAILP-CISAL UGL-COM.NI
 LA TONA ARMANDI NAVARRA PETRARO          LINSALATA   CRISTOFARO


                                                          2

								
To top