BOZZA di VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA by Y3rA77

VIEWS: 93 PAGES: 99

									                    VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA
                  COMMISSIONE SCIENTIFICA NAZIONALE I

                               Trieste, 18-22 Luglio 2006


Presenti:

               F. FERRONI                    - Presidente
               U. DOSSELLI                   - Giunta Esecutiva

               M. MAGGI                      - Coord. Sez. di Bari
               G. BRUNI                      - Coord. Sez. di Bologna
               A. CARDINI                    - Coord. Sez. di Cagliari
               S. ALBERGO                    - Coord. Sez. di Catania
               C. BOZZI                      - Coord. Sez. di Ferrara
               G. PASSALEVA                  - Coord. Sez. di Firenze
               P. MORETTINI                  - Coord. Sez. di Genova
               M. PRIMAVERA                  - Coord. Sez. di Lecce
               R. DE SANGRO                  - Coord. L. N. Frascati
               C. TRONCON                    - Coord. Sez. di Milano
               P. PAOLUCCI                   - Coord. Sez. di Napoli
               P. CHECCHIA                   - Coord. Sez. di Padova
               R. FERRARI                    - Coord. Sez. di Pavia
               M. BIASINI                    - Coord. Sez. di Perugia
               G. BATIGNANI                  - Coord. Sez. di Pisa
               C. LUCI                       - Coord. Sez. di Roma
               A. DI CIACCIO                 - Coord. Sez. di Roma II
               P. BRANCHINI                  - Coord. Sez. di Roma III
               N. PASTRONE                   - Coord. Sez. di Torino
               S. DALLA TORRE                - Coord. Sez. di Trieste

Presenti a parte della riunione:

O. Adriani, M. Alviggi, A. Andreazza, G. Bagliesi, A. Baldini, G. Barbagli, G.
Barbiellini, F. Bedeschi, C. Bemporad, G. Bencivenni, S. Bianco, C. Bini, D.
Bisello, C. Bloise, C. Bosio, L. Bosisio, F. Bossi, F. Bradamante, M. Bruschi, M.
Caccia, A. Calcaterra, M. Calvetti, M. Calvi, P. Campana, R. Carlin, M. Casarsa,
G. Casini, M.G. Catanesi, F. Cavasinni, F. Cei, P. Cenci, G. Chiarelli, M. Chiosso,
M. Cobal, A. Colaleo, M. Cordelli, G. Costa, M. Curatolo, G. Darbo, M. De Palma,
V. Del Duca, G. Della Ricca, M. Deninno, O. Denisov, M. Diemoz, C. Dionisi, B.
Esposito, R. Fantechi, E. Focardi, F. Fontanelli, E. Gallo, F. Gatti, S. Gentile, B.
Gobbo, E. Iacopini, G. Iaselli, S. Lami, L. Lanceri, M. Livan, M. Lo Vetere, P.
Lubrano, D. Lucchesi, L. Luminari, L. Mandelli, U. Marconi, G. Martellotti, A.
Martin, C. Matteuzzi, C. Meroni, E. Migliore, E. Migneco, S. Miscetti, A.
Montanari, M. Morandin, L. Moroni, A. Nigro, F. Pacciani, M. Paganoni, D.
Panzieri, A. Passeri, D. Pedrini, L. Perini, R. Perrino, I. Peruzzi, E. Petrolo, D.
Piccolo, M. Piccolo, L. Piemontese, G. Piredda, L. Pontecorvo, F. Ragusa, V. Re,
M. Rescigno, A. Rivetti, E. Robutti, A. Romero, M. Sannino, R. Santonico, E.


                                                                                 Pag 1/99
Santovetti, W. Scandale, A. Sciubba, A. Scribano, A. Staiano, L. Stanco, R. Stroili,
F. Tessarotto, G. Tonelli, S. Veneziano, V. Vercesi, D. Zanello, A.M. Zanetti, P.
Zotto, A. Zoccoli.




                                                                                 Pag 2/99
                                     Ordine del Giorno
18 Settembre 2006 – Mattina ..................................................................................... 5
  1. Comunicazioni - F. Ferroni ............................................................................. 5
  2. Bilancio 2006 - F. Pacciani ............................................................................. 6
  3. Approvazione verbali ...................................................................................... 9
  4. ACCU - A. Di Ciaccio .................................................................................... 9
  5. BaBar Stato - G. Piredda ............................................................................... 10
  6. BaBar Fisica - C. Bozzi ................................................................................ 11
  7. BaBar Calcolo - R. Stroili ............................................................................. 12
18 Settembre 2006 – Pomeriggio ............................................................................. 14
  8. BaBar Referee – A. Staiano .......................................................................... 14
  9. NEMO - E. Migneco ..................................................................................... 16
  10. Futuro dei LNF - M. Calvetti ........................................................................ 17
  11. KLOE Fisica - F. Bossi ................................................................................. 18
  12. KLOE Referee – P. Paolucci ........................................................................ 18
  13. COMPASS Fisica - F. Bradamante .............................................................. 21
  14. COMPASS Stato: RICH upgrade - S. Dalla Torre ....................................... 22
  15. COMPASS Stato: C-MAD - D. Panzieri ...................................................... 22
  16. COMPASS Referee – P. Branchini .............................................................. 23
  17. Comunicazioni – U. Dosselli ........................................................................ 24
19 Settembre 2006 – Mattina ................................................................................... 26
  18. P326 - E. Iacopini ......................................................................................... 26
  19. P236 Referee - A. Di Ciaccio, L. Bosisio, M. Curatolo, V. Vercesi ............ 26
  20. MEG - A. Baldini .......................................................................................... 29
  21. MEG Referee – P. Cenci ............................................................................... 30
  22. LHCf - O. Adriani ......................................................................................... 32
  23. LHCf Referee – P. Checchia ......................................................................... 33
19 Settembre 2006 – Pomeriggio ............................................................................. 35
  24. CMS: Stato dell’esperimento - G. Tonelli .................................................... 35
  25. CMS: DT – P. Zotto ...................................................................................... 36
  26. CMS: RPC – A. Colaleo ............................................................................... 36
  27. CMS: ECAL - M. Diemoz ............................................................................ 37
  28. CMS: Tracker - E. Focardi............................................................................ 37
  29. CMS Referee – G. Darbo .............................................................................. 38
20 Settembre 2006 – Mattina ................................................................................... 50
  30. P-ILC - M. Caccia ......................................................................................... 50
  31. P-ILC Calorimetro - A. Calcaterra................................................................ 51
  32. P-ILC Referee – G. Passaleva ....................................................................... 52
  33. LHC Start Up - W. Scandale......................................................................... 56
  34. ZEUS Fisica - E. Gallo ................................................................................. 57
  35. ZEUS Referee – S. Albergo .......................................................................... 57
20 Settembre 2006 – Pomeriggio ............................................................................. 61
  36. ATLAS Stato generale - L. Mandelli ............................................................ 61
  37. ATLAS Stato dei Pixel - C. Meroni.............................................................. 61
  38. ATLAS Stato del LAr - G. Costa.................................................................. 62
  39. ATLAS Stato dei Tiles - V. Cavasinni ......................................................... 62
  40. ATLAS Spettrometro e LV1: Stato degli assemblaggi - S. Veneziano ........ 62
  41. ATLAS Spettrometro e LV1: Stato del Commissioning - L. Pontecorvo .... 63


                                                                                                             Pag 3/99
  42. ATLAS Stato del TDAQ - V. Vercesi .......................................................... 63
  43. ATLAS Stato del luminometro - A. Zoccoli ................................................ 64
  44. ATLAS Referee – F. Bedeschi ..................................................................... 65
21 Settembre 2006 – Mattina ................................................................................... 74
  45. CDF: Stato Generale - G. Chiarelli ............................................................... 74
  46. CDF Referee – G. Bruni, P.Giubellino, L.Lista, P.Morettini, L.Moroni,
  V.Vercesi ............................................................................................................. 76
  47. LHCb: Stato di LHCb - P. Campana ............................................................ 79
  48. LHCb: RICH - C. Matteuzzi ......................................................................... 80
  49. LHCb: Rivelatori per muoni - E. Santovetti ................................................. 81
  50. LHCb: Referee – G. Batignani...................................................................... 82
  51. Calcolo LHC: ATLAS – L. Luminari ........................................................... 85
21 Settembre 2006 – Pomeriggio ............................................................................. 86
  52. Calcolo LHC: CMS M. Paganoni ................................................................. 86
  53. Calcolo LHC: LHCb Angelo Carbone .......................................................... 86
  54. Calcolo LHC: Referee – M. Morandin ......................................................... 87
  55. Discussione Generale Bilancio ..................................................................... 87
22 Settembre 2006 – Mattina ................................................................................... 88
  56. TOTEM Stato Generale - A. Scribano .......................................................... 88
  57. TOTEM Referee – G. Chiefari, M. Curatolo, M. de Palma ......................... 88
  58. Dotazioni - P. Checchia ................................................................................ 90
  59. Discussione Generale Bilancio ..................................................................... 99




                                                                                                                    Pag 4/99
18 Settembre 2006 – Mattina
   1. Comunicazioni - F. Ferroni
Ferroni apre la riunione informando la Commissione sulla situazione del bilancio, e si
congratula con i referee per il lavoro fin qui svolto di preparazione delle proposte di
finanziamento 2007. Queste infatti saturano il bilancio ma senza eccederlo, sebbene vi
siano ancora 1.219M€ di consumo che dovranno essere accantonati nell’eventualità
che debbano essere restituiti al Ministero, che ha decretato un taglio del 20% sul
capitolo del consumo. Per raggiungere la cifra richiesta, Ferroni suggerisce che si può
pensare di rinviare il pagamento dei fondi comuni degli esperimenti LHC al 1 gennaio
2008. Comunque ci sono ampie assicurazioni da parte del Ministro della Ricercache
si adopererà per far esentare gli Enti di ricerca da questo taglio sui consumi, e quindi
ci sono buone speranze che alla fine questa somma accantonata potrà infine essere
realmente spesa dagli esperimenti.
Ferroni riferisce sull’indagine portata a termine con l’aiuto dei coordinatori sul costo
delle missioni estere al CERN. Il risultato è stato che il m.u. efficace ha un costo
medio di ~5840€; questi sono in effetti però solo 5840*5/7=~4000, se si fa la
considerazione che in realtà la settimana di 7 giorni si traduce in 5 giorni di diarie.
Dato che il viaggio è in genere abbastanza economico, si potrebbe pensare che il m.u.
potrebbe costare in pratica poco più di 4k€, quindi i 4.5 k€/m.u. che è stato assegnato
fino ad ora dalla Commissione non si discostava molto dalla spesa reale. Sempre la
stessa indagine ha mostrato che la missione media al CERN ha una durata media di 5-
6 giorni, mentre un viaggio in media costa ~250€, quindi sul mese-uomo ci sono
4*250€=1000€ di viaggi, e 3500€ di diaria. Ferroni conclude quindi che tenendo
conto di questi risultati, nel 2007 si potrebbe calcolare un’assegnazione per le diarie di
0.8*3500€=2700€ (tenendo conto del taglio del 20% sulle ME imposto dal decreto
Bersani), più 1000€ di viaggio, portando il m.u. a ~3700k€. Nel concreto si sta
valutando la possibilità di calcolare il mese uomo in base al taglio effettuato sul totale
a disposizione della Commissione per le ME nel 2007 (10M€) rispetto a quanto avuto
nel 2006 (11.7M€), ossia 4500€*10/11.7=3850€, che è compatibile con quanto
tagliato dal decreto Bersani.
De Sangro fa notare che tale calcolo è basato sulle missioni al CERN, che ci sono casi
diversi come per esempio quello di KLOE, o quello degli stessi coordinatori, nei quali
le ME vengono utilizzate quasi esclusivamente alla partecipazione alle conferenze,
missioni che hanno un costo a volte molto superiore di quanto questo calcolo
stabilisce e di quanto emerge dal risultato dell’analisi, e quindi invita i referee ed i
coordinatori della Commissione a tenere presente e trattare in modo diverso questi
casi particolari.
Checchia interviene osservando che il costo effettivo per lo Stato di fatto non
diminuirà specialmente nel caso del nostro Ente in quanto alla diminuzione
dell’importo della diaria corrisponde un numero maggiore di missioni, e domanda poi
se questo taglio del 20% sul capitolo ME per il 2007 è una decisione unilaterale
dell’Ente, o l'abbia in qualche modo chiesta il Governo.
Ferroni concorda che se tutte le persone in missione al CERN utilizzassero il Foyer, il
taglio reale sarebbe effettivamente solo dell’ordine del 3-4%, in caso contrario è
chiaro che il suo effetto sarà maggiore.




                                                                                    Pag 5/99
Ferroni annuncia l’istituzione della sezione di Milano Bicocca, che ancora non ha
eletto il nuovo coordinatore; il Direttore di Sezione ha nominato Marco Paganoni
come coordinatore ad interim.
Il Presidente annuncia poi gli avvicendamenti dei coordinatori delle Sezioni di Milano
(Clara Troncon per Chiara Meroni), Napoli (Pierluigi Paolucci per Gianni Chiefari
uscente) e di Pisa (Giovanni Batignani per Mauro Dell’Orso) e preannuncia quello
che avrà luogo a partire dalla prossima riunione della Sezione di Roma (Cesare Bini
per Claudio Luci uscente). Il Presidente coglie l’occasione per esprimere il
ringraziamento della Commissione a tutti i coordinatori uscenti per il lavoro svolto.
Ferroni annuncia che, anche in conseguenza dei menzionati avvicendamenti tra
coordinatori, alcuni gruppi di referaggio si troverebbero a non avere più al loro
interno alcun membro della Commissione, e che per sanare questa situazione ha
provveduto alle seguenti nomine: Clara Troncon come referee di Babar al posto di
Amedeo Staiano affiancherà Claudio Luci e Mauro de Palma; Cesare Bini sostituirà
de Palma come referee di Totem affiancando Maria Curatolo e Pierluigi Paolucci che
sostituirà Gianni Chiefari. Allo stesso tempo anticipa che anche P326 si troverà presto
nella stessa situazione, essendo Di Ciaccio in scadenza. Per quanto riguarda CMS,
Mauro Morandin è dimissionario quindi andrà sostituito, ed il suo sostituto sarà
annunciato in una prossima riunione.
Ferroni comunica che al Laboratorio Nazionale del Gran Sasso la settimana scorsa è
stato inaugurato il nuovo fascio di neutrini dal CERN. Alla cerimonia erano presenti
le autorità politiche rappresentate dal Ministro della Ricerca Mussi ed altre autorità
locali e sono stati invitati a parlare importanti personaggi che hanno contribuito alla
realizzazione sia dei LNGS che, più recentemente, della collaborazione CNGS: il
Presidente dell’INFN prof. Petronzio, il Direttore Generale del CERN prof. Aymar, il
prof.Zichichi, lo spokesman di OPERA prof. Declais, il prof. Cabibbo ed il prof.
Maiani. Nell’occasione si è potuto mostrare al Ministro che l’Italia, e l’INFN, ha un
laboratorio di caratura internazionale, e come vi siano in Italia le competenze per
realizzare un laboratorio capace di attirare una parte significativa di finanziamenti per
gli esperimenti dall’estero. Nel suo discorso il Ministro ha dichiarato di volersi
impegnare a reperire nella prossima finanziaria un aumento di fondi per la Ricerca in
Italia pari a circa 680-880 M€, ossia una fetta di ~5% del totale di ~14G€ che il
governo ha intenzione di stanziare per la ripresa economica del Paese. Ha anche
promesso che in finanziaria ci sarà un piano straordinario di assunzioni per giovani
ricercatori.
Ferroni segnala che dal 23 al 25 novembre a Bologna si terrà il prossimo workshop su
LHC, e che dal 13 al 15 novembre a Villa Mondragone, si terrà il IV workshop sulla
super-B factory.
Il Presidente annuncia che l’esperimento di estrazione del fascio con cristallo
cheabbiamo finanziato (Crystal) ha cominciato la presa dati e sta funzionando molto
bene, mostrando alte efficienze di estrazione e soprattutto è stato osservato l’effetto di
riflessione totale del fascio all’interno del cristallo che potrebbe avere importanti
applicazioni per la collimazione dei fasci ad alta energia del LHC.
Ferroni ringrazia il Direttore della sezione di Trieste e la Sezione per l’ospitalità e
l’organizzazione.

   2. Bilancio 2006 - F. Pacciani
Pacciani presenta lo stato delle finanze dell’Ente e del bilancio, e mostra una tabella
che è stata compilata dal dott. De Sita, magistrato della Corte dei Conti che siede nella
Giunta Esecutiva e che ha il compito di relazionare al Parlamentosulla gestione


                                                                                    Pag 6/99
dell’INFN (relazioni incidentalmente sempre positive fino ad ora). La tabella ed il
relativo grafico mostrano l’andamento dei finanziamenti dello Stato all’INFN dal
2001 al 2006, riportando chiaramente il confronto tra i finanziamenti realmente avuti
anno per anno con quelli che l’Ente avrebbe dovuto avere a bilancio costante (ossia
incrementato della sola inflazione, utilizzando come base il 2001). Questo grafico
mostra che nel 2006 il finanziamento ricevuto è stato di 269,2M€ invece di 321M€
che avrebbe dovuto avere a bilancio costante. Il dott. De Sita ha redatto una relazione
nella quale sono state esposte tutte queste considerazioni e presentata questa
situazione, comprensiva di tabella e grafico; la relazione è stata approvata dalla Corte
dei Conti e presentata al Parlamento attraverso le Commissioni Parlamentari. C’è da
auspicarsi quindi che questa relazione possa stimolare qualche parlamentare ed il
Parlamento stesso a cambiare questa pericolosa tendenza che rischia di portare alla
morte l’Ente.
Pacciani spiega che le riduzioni annuali nel bilancio sono state concentrate nei tagli ai
consumi. Questi tagli fino a pochi anni fa comportavano solo l’accantonamento nel
bilancio delle somme corrispondenti, mentre dal giugno scorso l’Ente è stato costretto
a restituire effettivamente fondi allo Stato.
Pacciani inoltre spiega che i 269,2 che abbiamo avuto nel 2006, non sono ancora la
cifra definitiva, perché come tutti gli anni si è in attesa del MIUR che deve decretare
la divisione degli stanziamenti (cosiddetto “fondone”) per la Ricerca. In questo
decreto il Ministero dà anche delle indicazioni sul possibile stanziamento per i
successivi due anni. L’indicazione che ci fu data nel 2005 prevedeva anche per il
2007 un bilancio in calo, quindi siamo tenuti a muoverci su queste indicazioni per il
2007. Il fondone del 2006 è uguale a quello del 2005 e quindi ci permette di prevedere
che il 2007 sarà a sua volta simile al 2005.
Paolucci domanda se anche gli altri Enti hanno sofferto dello stesso tipo di calo di
finanziamento; Pacciani risponde che anche gli altri Enti hanno avuto il 2% in meno;
dato che però il “fondone” è rimasto più o meno costante o in leggero aumento, allora
se qualcuno ha subito una flessione del 2%, qualcun altro deve avere avuto un
aumento corrispondente. Pacciani aggiunge anche che appare chiaro che la forbice tra
il finanziamento costante e quello reale chiaramente apparente nel plot, è legata alla
situazione economica italiana, sulla quale poco c’è da fare. Fino ad oraquesto non ha
inciso molto sull’INFN perché abbiamo avuto degli avanzi grossi in seguito alla
strozzatura di cassa degli anni scorsi, che è stato poi possibile restituire spalmati negli
anni successivi. Nel 2006 siamo finalmente andati in crisi all’esaurirsi delle
riassegnazioni, e nello stesso anno abbiamo anche avuto il taglio di 16.6 M€ da
restituire, che il Tesoro ha considerato in conto fabbisogno. Nel 2006 inoltre, a parte
l’avanzo 2005 che si è ridotto al livello normale, ci sono stati extracosti per 12.5 M€
dovuti al nuovo contratto, e per la prima volta nella storia quindi non sono stati
riassegnati gli avanzi cosiddetti “tecnici”, che normalmente non erano solo di
funzionamento ma anche di ricerca.
Oltre a ciò, entro ottobre dobbiamo restituire 6M€ corrispondenti al taglio del 10% sui
consumi, che sono stati prelevati a luglio scorso ed ora vanno restituiti. Pacciani
ricorda che negli ultimi anni si è lavorato con ogni sorta di vincoli, e che per il
momento si è riusciti ad assolvere a tutti senza troppi problemi. Nel decreto estivo c’è
anche stato il taglio delle ME, ed il nuovo trattamento delle MI. Il problema è serio
visto che l’Ente ha grossi impegni all’estero. La GE sta cercando di adottare un
provvedimento tampone (almeno per i tecnici che vanno a montare gli apparati) per
risolvere il problema per la fine dell’anno. Per il futuro, si sta studiando la possibilità
di sfruttare appieno l’applicazione dell’art. 8 della legge di istituzione del MIUR, che


                                                                                     Pag 7/99
garantisce agli Enti di Ricerca una ampia autonomia gestionale anche in materia di
missioni.
Pacciani passa ad illustrare il bilancio preventivo per il 2007. Alla luce di quanto
illustrato in precedenza, ed in mancanza del decreto ministeriale sulla divisione del
fondone che contiene anche le indicazioni per gli anni seguenti, ci si muove su tre
possibilità: seguire l’andamento degli ultimi anni e passare da 269M€ a 264M€;
sperare che non ci tolgano il 2% e ci restituiscano l’inflazione, e quindi poter contare
su 275M€ come tutti speriamo; una via intermedia in cui il taglio non venga fatto, ma
neanche compensata l’inflazione e quindi avere a disposizione 270M€, che è lo
scenario più probabile. Utilizzando questa cifra, e considerato l’aumento che c’è stato
nel costo del personale, la suddivisione dovrebbe essere circa 140M€ per il personale,
60M€ per il funzionamento, ed infine 70M€ per la ricerca; in questo caso 24M€
sarebbero assegnati alla CSN1, di cui 10M€ di ME. Questo comporta che l’andamento
in calo delle risorse disponibili per la ricerca continuerebbe anche l’anno prossimo.
Nel bilancio dovranno essere osservati alcuni vincoli, alcuni più significativi per
l’Ente. In particolare sui consumi, l’assegnazione sul capitolo IV nel 2007 non può
superare l’80% di quella iniziale del 2006; questo significa che entro giugno 2007
dovremo restituire il 20% dei consumi 2006, quindi il bilancio dovrà essere preparato
in modo che questi consumi non vengano effettivamente assegnati. Al momento
sembrerebbe esserci la speranza che nella finanziaria gli Enti di ricerca possano venire
esentati da questo obbligo, rendendo questo un problema transitorio. In quest’ottica,
Pacciani suggerisce di procedere alla definizione dei preventivi ignorando questa
richiesta; poi 1.219M€ vengono messi da parte e non assegnati, in attesa del loro
eventuale sblocco; ciò si realizza in pratica mettendo nel fondo indiviso questi soldi,
che possono poi essere riassegnati a gennaio non appena la finanziaria avrà chiarito la
situazione.
Pacciani informa anche che si sta pensando di dividere in due il capitolo IV, perché
questo contiene spese che non sono per noi reali consumi, per esempio la corrente
elettrica per gli acceleratori o la manutenzione apparati, a differenza dei consumi
“veri” come potrebbero essere la cancelleria o la carta.
Paolucci domanda quanto del finanziamento globale di 270M€ va in capitolo IV, e
Pacciani risponde 57M€.
Luci domanda a partire da quale data si deve applicare il taglio sulle ME del 20%;
Pacciani risponde che il taglio della diaria è entrato in vigore dal 4 luglio.
Batignani fa presente che esiste il problema dei fondi assegnati su consumo ai
rappresentanti nazionali per il pagamento dei MOF che sono cifre alte che interessano
solo alcune sezioni; se questi tagli arrivano si possono creare dei forti problemi in
quelle sezioni che comporteranno variazioni di bilancio ed altre operazioni; Pacciani
risponde che il recupero dei fondi da restituire avviene a livello centrale per tutto
l’Ente, non al livello della singola struttura. Inoltre il Tesoro ha fatto sapere che i soldi
si possono anche restituire su altri capitoli. Quanto alla data di riferimento per
stabilire l’ammontare della cifra complessiva da accantonare, si è guardato il capitolo
IV alla data del 4 di luglio; quindi a questo punto si può, se necessario, anche
rimettere soldi sul capitolo IV.
Troncon fa presente che anche a Milano c’è un problema simile, in quanto non tutti i
MOF sono stati pagati.
Dosselli precisa che l’Ente ha avuto 50M€ in meno rispetto al finanziamento minimo
necessario a mantenere le sole iniziative sottoscritte nel 2001. Se l’Ente non chiude
qualche iniziativa, è chiaro che la situazione è critica, soprattutto in considerazione
del fatto che, del bilancio, 200M€ sono spese fisse. Pur nell’ipotesi che i tagli sui


                                                                                       Pag 8/99
consumi non vengano poi fatti, la situazione è comunque grave. Il management
dell’Ente sta cercando di instaurare dei colloqui a livello politico, ma ancora non ci
sono stati risultati positivi, visto che questo governo per ora ha solo confermato dei
tagli. È chiaro che anche nella migliore delle ipotesi presentate da Pacciani (275M€),
la situazione non è rosea, anche se il Ministro ha comunque dichiarato di essere
interessato a “nuovi progetti”.
Dosselli aggiunge che la Giunta Esecutiva sta cercando di risolvere il problema delle
missioni estere per i tecnici, per i quali la situazione è più critica in quanto godono di
diarie di minore entità. Per il futuro, si cercherà di fare un regolamento INFN per
quanto attiene alle ME, sfruttando come accennava Pacciani l’art. 8 della legge di
istituzione del MIUR.

   3. Approvazione verbali
Di Ciaccio osserva che nell’ultima versione che ha letto del verbale di luglio
mancavano ancora diversi contributi. De Sangro risponde che l’ultimissima versione
ora disponibile sul WEB è stata integrata da altri contributi e correzioni pervenuti nel
corso della settimana scorsa e può quindi ora considerarsi completo.
I verbali di febbraio e luglio 2006 vengono approvati.

   4. ACCU - A. Di Ciaccio
   A. Di Ciaccio presenta una breve relazione sull’ultimo anno di attività del Comitato
   ACCU (Advisory Committee of CERN users). Il Comitato si riunisce quattro volte
   l’anno per discutere variazioni/miglioramenti relativi all’accesso delle strutture CERN
   da parte degli utenti. Chairman attuale dell’ ACCU è F.Navarria. Lo Users Office è la
   segreteria dell’ACCU che si occupa di tutti gli aspetti pratici relativi al soggiorno degli
   utilizzatori . È utile consultare la pagina web dell’Users Office http://ph-
   dep.web.cern.ch/ph-dep/UsersOffice/ per tutte le informazioni e gli aggiornamenti sulle
   novità di accesso, registrazione ecc; le presentazioni ed i verbali delle riunioni ACCU
   sono invece disponibili alla pagina: http://ph-dep.cern.ch/ph-dep/ACCU/.
   Gli utenti registrati al CERN nel 2005 sono stati 6775 di cui 1354 italiani che
   rappresentano di gran lunga la comunità più numerosa. Di Ciaccio inoltre illustra
   l’agenda dell’ultima riunione e riassume alcuni degli argomenti più importanti
   presentati: J.Engelen ha informato l’ACCU della conclusione del lavoro dello Strategy
   Group del Council del CERN. Un documento riassuntivo è stato approvato
   all’unanimità nella riunione straordinaria del Council che si è tenuta il 14 luglio a
   Lisbona. Alla pagina web:
   http://council-strategygroup.web.cern.ch/councilstrategygroup/ è disponibile la relazione
   finale.
   È stata anche presentata la politica del CERN sul libero accesso alla pubblicazione dei
   risultati scientifici coerente con la firma della dichiarazione di Berlino nel 2003. A
   questo proposito il Direttore Generale, R. Aymar, ha organizzato un gruppo di studio
   che ha coinvolto anche le case editrici e gli enti che stanziano i fondi per la ricerca allo
   scopo di definire un modello per la pubblicazione in Open Access da mettere in atto nei
   prossimi anni. Altri punti discussi nell’ultima riunione sono stati la centralizzazione
   nell’edificio 55 di tutte le formalità di accesso al CERN (eccetto la pre-registrazione
   che rimane all’ User Office ) e la nuova carta di accesso dotata di chip elettronico. È
   inoltre stato introdotto l’accesso biometrico per alcuni punti LHC. Dal 1 luglio 2006
   sono stati inoltre apportati importanti modifiche ai contratti di Fellow e Paid Associate.
   È stata introdotta la figura di Junior Fellow per fisici/ingnere giovani con il solo
   diploma di Master e di Senior Fellow per cui è necessario il dottorato. In particolare
   sono stati rivisti i salari e per i contratti di Paid-Associate sono stati eliminati alcuni
   benefici tipici del contratto di Staff. La riorganizzazione realizzata da R.Aymar ha tolto



                                                                                            Pag 9/99
  sicuramente all’ACCU una certa forza di impatto (il Chairman dell’ACCU non è più
  parte di alcuni importanti Comitati ) ma rimane punto di riferimento per la Comunità
  degli utenti per interagire con il Management del CERN sulle questioni non
  prettamente scientifiche.
Ferroni interviene dicendo che è stata pubblicata a cura dello Strategy Group del
CERN una brochure nella quale sono raccolti in sintesi i programmi scientifici dei
vari Paesi europei,e denuncia il fatto che manca la parte italiana. Di Ciaccio risponde
che la parte italiana, che per motivi tecnici non era stata inclusa nella brochure, è
tuttavia inclusa nella versione pubblicata on-line.
Dalla Torre osserva che nel gruppo di riviste che si sono rese disponibili per praticare
l’“Open Access”, mancano quelle tradizionalmente più importanti (Physical Review
Letters, Physical Review, ecc), sulle quali sono pubblicati la maggior parte dei nostri
lavori, ed esprime preoccupazione che la non immediata adesione all’ “Open Access”
di alcune riviste possa di fatto introdurre delle correlazioni tra l’adozione del
protocollo e la sua diffusione stimolando la comunità a pubblicare sulle riviste,
magari meno importanti ed attualmente a minor diffusione, solo perché disponibili on-
line. Di Ciaccio risponde che quelle da lei elencate sono quelle già pronte all’adozione
del protocollo, le altre sono in fase di adesione, e comunque per ora la discussione è
ancora aperta e ci sono ancora molti aspetti da definire.
Checchia fa presente che il cambio della procedura di accesso al CERN ha causato
molti problemi, lamentando di aver ricevuto informazioni sbagliate dall’user office.
Di Ciaccio risponde di avere anche sentito delle persone che invece sono rimaste
soddisfatte dalla nuova procedura, che è ora notevolmente semplificata rispetto a
prima.
Bradamante dichiara di aver appreso per la prima volta della intenzione del CERN di
adottare la scansione dell’iride come mezzo di identificazione, e di ritenere che il
Laboratorio stia andando in una direzione molto sbagliata; per questo invita tutti gli
utenti di opporsi con grande forza e chiede all’ACCU di operare in questo senso.
Bradamante informa anche che da qualche tempo si viene sistematicamente perquisiti
all’uscita dal CERN dopo le 21, e dichiara di ritenere questo molto ridicolo. Di
Ciaccio risponde che recentemente ci sono stati casi di vandalismo seri, che hanno
spinto il Laboratorio ad adottare queste disposizioni.
Ferroni dichiara che la sua impressione è che l’ACCU sia tenuto in scarsa
considerazione dal management del CERN. Di Ciaccio si dice abbastanza d’accordo,
soprattutto dopo il cambio di Direttore c’è stato uno svilimento del ruolo dell’ACCU
Piredda domanda se esiste una procedura prevista per permettere l’accesso ad un
utente esterno che si reca al CERN per una riunione o altro. Di Ciaccio risponde che
esiste una procedura consistente nel recarsi presso un ufficio nel building 33 che
fornisce una carta utente giornaliera.

   5. BaBar Stato - G. Piredda
  Piredda illustra lo stato dell’esperimento. Alla fine del Run 5, Pep-II ha fornito una
  luminosità integrata di 406 fb-1, di cui 391 sono stati registrati da Babar per le analisi di
  fisica. Nonostante gravi problemi dovuti al sistema di vuoto della macchina, si è
  raggiunto l'obiettivo di duplicare il campione dei dati nel biennio 2005-2006 e Pep-II
  ha raggiunto la luminosità di picco di 12x1033 cm-2s-1 come era stato previsto. Il
  programma nel prossimo biennio è di raddoppiare ancora la luminosità aumentando la
  corrente di ciascun fascio del 40%, riducendo il parametro  da 11 a 8.5 mm ed
  aumentando i parametri beam-beam del 10%. Alla fine del 2008, si prevede che Babar
  raggiunga circa 900 fb-1 e che quindi sarà possibile spingere la precisione delle misure



                                                                                          Pag 10/99
  sensibili al superamento del Modello Standard, alcune delle quali sono possibili solo in
  una Beauty-Factory, ed in ogni caso sarà possibile porre dei vincoli fondamentali su
  futuri modelli di Nuova Fisica. Dal punto di vista della competizione, va ricordato che,
  nonostante Belle abbia a disposizione una luminosità integrata maggiore (circa 630 fb-
  1
    ), Babar ha pubblicato circa 50 lavori in più, ha presentato 120 contributi contro i 28 di
  Belle a ICHEP06 ed infine che Babar fa un migliore uso della luminosità riuscendo ad
  ottenere errori statistici minori anche in presenza di campioni ridotti. L'efficienza del
  rivelatore si mantiene molto buona, grazie al continuo e dedicato sforzo di equipe di
  esperti. Alla fine del run 5 (20 agosto 2006) è iniziato un lungo shut-down che durerà
  fino a dicembre durante il quale si installeranno nel ferro del magnete quattro sestanti
  di LST, al posto dei rivelatori RPC che mostravano efficienze troppo basse. Come è
  noto questa operazione vede un massiccio (50%) contributo italiano. In conclusione,
  mentre Pep-II ha dimostrato di essere in grado di mantenere le promesse, il rivelatore
  sta realizzando un notevole miglioramento per la rivelazione dei , in modo da essere
  in grado di affrontare le sfide di fisica nell'era dei miliardi di B.
Paolucci domanda in quanti settori sono già stati installati i tubi di Iarocci, Piredda
risponde che l’installazione è appena cominciata, e che è prevista l’installazione di 4
settori in 4 mesi.
Luci domanda se ci sono problemi di soldi con i tecnici per l’installazione, che è
cominciata da due settimane; Piredda risponde che c’era un problema con la sezione
di Genova, che però è stato risolto.

   6. BaBar Fisica - C. Bozzi
  Bozzi illustra le prospettive dell’analisi di fisica dell’esperimento. Pur avendo raccolto
  una luminosità integrata (~400 fb-1) del 35% minore di quella dell'esperimento diretto
  concorrente Belle, Babar ha dimostrato di saper meglio analizzare i dati e di estendere
  il programma di fisica ad argomenti che vanno ben oltre le misura di lati ed angoli del
  triangolo di unitarietà. Tutto ciò si è riflettuto nel numero record di 114 lavori
  sottomessi alla conferenza estiva ICHEP2006, tenutasi a Mosca nello scorso luglio. In
  particolare, Babar ha assunto un ruolo guida in diversi campi, quali ad esempio la fisica
  del charm (oscillazioni D0-D0bar, decadimenti con correnti neutre che variano il
  sapore), la spettroscopia di mesoni e barioni con charm e del charmonio e la fisica ISR
  (radiazione nello stato iniziale). Per quanto riguarda gli angoli della matrice CKM,
  sono stati misurati molti decadimenti che coinvolgono transizioni bs tramite
  diagrammi a pinguino, sensibili a nuova fisica, ed è stata migliorata la precisione sulla
  misura di sin2 con in modi aurei. La misura di sin2 tramite decadimenti in due pioni
  fornisce ora evidenza di violazione di CP a 3.6, mentre per la prima volta è stato
  misurato il modo di decadimento in . Le analisi che si propongono di misurare
  gamma hanno portano a determinazioni più precise del termine di interferenza in
  diagrammi bc e bu, che tuttavia risulta più piccolo del previsto. Per questo motivo
  l'errore su gamma aumenta, come atteso. Nell'ambito dei decadimenti semileptonici
  senza charm, vengono brevemente mostrate misure esclusive in cui si incomincia a
  discriminare tra i diversi modelli teorici disponibili. Tuttavia, la misura di V ub è ancora
  dominata dalle misure inclusive. Vale la pena ricordare che misure precise dei
  decadimenti semileptonici senza charm siano possibili solo a macchine ee. Le
  prospettive future per la fisica CKM mostrano che le B Factories saranno in grado, con
  una statistica combinata di 2ab-1, di determinare  e  con precisione dell'ordine dei 10
  gradi, Vub al 5%, sin2 con un'incertezza di 0.02, e di offrire una finestra di opportunità
  per nuova fisica nell'analisi dei diagrammi a pinguino bs. Vengono infine illustrati
  altri risultati di fisica del B quali:




                                                                                         Pag 11/99
   il limite superiore nel rapporto di decadimento B, in cui Babar e Belle hanno ora
   una sensitività molto simile e ci si aspetta che Babar riesca a fare meglio grazie
   all'utilizzo di campioni etichettati in cui il secondo B decade adronicamente;
   decadimenti con pinguini radiativi, in cui viene osservata per la prima volta la
   transizione bd tramite il decadimento B+, e in cui si presenta un'analisi
   angolare dei decadimenti BK(*)ll, sensibile a nuova fisica, i cui risultati tuttavia
   risultano in buon accordo con le previsioni del Modello Standard.
   In definitiva, Babar sta entrando in una fase di alta statistica, in cui è possibile
   effettuare misure di precisione di violazione di CP, di fisica del beauty, del charm e del
   , e di esplorare a fondo la fisica adronica. La produttività dell'esperimento in termini di
   pubblicazioni ha toccato il suo picco nell'estate del 2006, mostrando di dominare
   sull'esperimento concorrente in diverse aree. La partecipazione italiana all'analisi si
   mantiene sempre ad alto livello e si riflette a livello di esperimento tramite 5
   coordinatori di gruppi di analisi, oltre al physics analysis coordinator uscente.
Ferroni si complimenta con Bozzi per la presentazione. Checchia domanda di chiarire
la necessità di spingere le misure sperimentali oltre i risultati attuali, se gli attuali
errori teorici non migliorano. Batignani replica che conoscere con alta precisione
sperimentale tutti i decadimenti è importante anche se i teorici non sanno ancora farne
previsioni sufficientemente precise.
Paolucci chiede cosa c’è ancora da fare per l’analisi del canale B. Bozzi risponde
che ancora non sono stati utilizzati gli eventi in cui l’altro B decade in canali
adronici, mentre per ora sono stati utilizzati solo i B ricostruiti nei canali
semileptonici.

   7. BaBar Calcolo - R. Stroili
   Stroili illustra lo stato del calcolo dell’esperimento, in particolare del contributo
   italiano. Le attività di calcolo di BaBar Italia sono:
   processing degli eventi, presso il centro di Padova
   analisi dati al CNAF
   produzione M.C. a Roma e su GRID
   Nel 2006 a Padova si è completato il reprocessing dei dati come da schedula nel
   Febbraio, dopo Febbraio si è avuta una piccola coda per recuperare quei run che
   avevano mostrato dei problemi nel Data Quality Monitoring. Sempre nel 2006 sono
   stati processati i nuovi dati. Altra attività completata a Padova è la copiatura dei dati
   raw da nastri LTO1 e LTO2 a nastri LTO3, necessaria per ridurre il numero di nastri su
   cui sono mantenuti i dati. Per il resto dell'anno 2006 Padova farà produzioni per
   validare la release software per il run6 e si occuperà del reprocessing mini-to-mini che
   verrà fatto su tutti i dati per migliorare l;efficienza di tracking e quindi incrementare la
   statistica utilizzabile per l'analisi. Nel 2007 l'attività sarà focalizzata su processing dei
   dati, completamento del reprocessing mini-to-mini e skimming dei dati. Nel 2008
   l'attività sarà processing dei dati nuovi e, al termine della presa dati, reprocessing di
   tutto il dataset. La situazione attuale di Padova è la seguente: è disponibile una potenza
   di calcolo di 650 kSI2k dei quali 190 kSI2k sono fuori manutenzione da più di un anno,
   75 kSI2k saranno fuori manutenzione da Ottobre 2006 e la restante potenza sarà fuori
   manutenzione a partire dall'estate 2007. Per mantenere gli impegni presi è necessario
   un potenziamento della farm e una sostituzione della parte più obsoleta. Al CNAF è
   basata l'analisi del gruppo di fisica del charm della collaborazione, si è riuscito a
   sfruttare le risorse meglio del 2005 anche se continuano ad esserci problemi che
   impediscono un pieno utilizzo del centro. La produzione M.C. avviene sulle due farm
   di Roma e, da quest'anno, sulla GRID. La produzione è partita a Settembre a causa di
   problemi nel programma di simulazione.




                                                                                           Pag 12/99
Piredda aggiunge che per il CNAF il gruppo Babar si propone di tenere una riunione
al più presto per capire come ottimizzare le cose in modo che i previsti lavori di
ristrutturazione del centro non influiscano negativamente sulla produzione
dell’esperimento. Dosselli interviene dicendo che durante i lavori dell’ IFC di Babar
si è capito che le necessità di calcolo nel futuro aumenteranno e non diminuiranno.
Nel nuovo modello di calcolo di Babar si prevede un aumento notevole della
dotazione di spazio disco, ma non è stato presentato un piano alternativo se dovessero
mancare i fondiper l’acquisto di tutti dischi che servono. Dosselli sottolinea che fino
ad oggi tale piano è ancora mancante. Piredda risponde che l’esperimento è cosciente
di ciò e sta affrontando anche altri problemi più urgenti, ma che ha ben presente la
necessità di presentare tale piano al più presto.




                                                                                 Pag 13/99
               18 Settembre 2006 – Pomeriggio
                    8. BaBar Referee – A. Staiano
                   Staiano illustra le proposte dei referee.
               Stroili interviene dicendo di ritenere ragionevole che la parte di consumo relativa ai
               nastri sia legata alla luminosità, ma insiste che le altre richieste sono state fatte
               basandosi su offerte quindi, per le manutenzioni e l’hardware, la cifra richiesta è
               corretta, e semmai sottostimata, per cui i fondi richiesti serviranno tutti. Ferroni
               risponde che l’esperimento dovrà allora tornare in Commissione in un secondo
               momento; Stroili si dichiara preoccupato dal fatto che i referee hanno finanziato
               l’hardware solo al CNAF, osservando che questo deve poi garantire di funzionare
               bene, altrimenti l’esperimento andrebbe in grandissime difficoltà. Ferroni risponde
               che è chiaro che si deve assumere che il CNAF funzioni; in caso contrario si
               prenderanno le iniziative del caso.
               Ferroni ringrazia Staiano per il lavoro svolto per la Commissione come referee di
               Babar, poi aggiunge che si proceda anche al ritiro del S.J. avanzato da Babar sulle
               ME.
               Batignani chiede che si spostino 7 k€ di ME dalla sezione di Pisa a quella di Cagliari
               per il passaggio di Carpinelli da Pisa a Sassari, sezione collegata di Cagliari.

               La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
               include anche le eventuali modifiche della Commissione:

Missioni Interne
                                                                                Ric.
     Sezione                                                                            Ass   Asj   AsD             Commento
                                      Descrizione                        Ric.    sj
BA             Missioni Interne (1.4 x 2)                                   3      0      2     0     0   2FTE
               Riunioni di collaborazione italiana e contatti per
FE             analisi e manutenzione rivelatore. (NB: Numero             14       0     11     0     0   10,5FTE
               totale di FTE: 10.1)
GE             Riunioni e collaborazioni in Italia (1.4kE/FTE)            7.5      0      5     0     0   5,3FTE
               Riunioni in Italia e contatti con altri gruppi italiani
LNF                                                                       12       0      8     0     0   8,4FTE
               (1.4KE/FTE)
MI             Riunioni PI, Meeting di Fisica                               3      0      3     0     0   3FTE
NA             Missioni interne ( 1.4 x 2.5 )                             3.5      0      3     0     0   2,5FTE
PD             metabolismo 1.4kE*FTE                                      17       0     11     0     0   11,2FTE
PG.Dot         Riunioni in Italia: 1.4k€/FTE * 1.3 FTE                      2      0      1     0     0   1,3FTE
PI             Meeting (12.8 fte a Pisa) 1.4 kE/fte                       18       0     13     0     0   13,3FTE
               Riunioni in Italia (1.4k€/FTE)                             19       0     13     0     0   13,4FTE
RM1            Viaggi responsabile nazionale                                2      0      2     0     0
               Totale per la sezione                                      21       0     15     0     0
TO             Riunioni in Italia (1.4 KEuro/FTE)                           4      0      3     0     0   3FTE
               riunioni della collaborazione italiana, workshop di
TS             analisi e contatti per manutenzione rivelatore (3.4          5      0      3     0     0   3,4FTE
               FTE)
BABAR          Totale per il capitolo di spesa                           110       0     78     0     0

Missioni Estere
     Sezione                         Descrizione                         Ric.    Ric.   Ass   Asj   AsD             Commento




                                                                                                                        Pag 14/99
                                                                            sj
BA       Missioni estere (1.5 x 6.7 x 2)                             20.5        0   11    0    0
         Riunioni di collaborazione, workshops su argomenti
         specifici di analisi e di sviluppi di fisica, e turni di   100.5        0   50    0    0
         presa dati: 15 mesi_uomo (mu)
         IFR TASKS: Sys. Manager (Calabrese) 3mu,
                                                                                                   0,5mu Cotta R. (Elettr. LST) 3mu Luppi, Andreotti
         Software Man. (Negrini) 2mu, Commissioners (M.
FE                                                                                                (GRID) 5mu Andreotti,Petrella, Cibinetto,Santoro
         Andreotti, Cibinetto, Petrella, Santoro) 6mu,
                                                                     134         0   84    0    0 (IFR Op. Man.) 2mu Negrini (LST sw Man.) 3mu
         Ingegneri (Carassiti, Cotta) 2mu. ALTRI TASKS:
                                                                                                  Calabrese (LST System Man.) 4mu Cibinetto (Run
         GRID manager (Luppi, D.Andreotti) 3mu. Run
                                                                                                  Coor.)
         coordinator (Cibinetto) 4mu
         Totale per la sezione                                      234.5        0   134   0    0
         Turni di presa dati (0.5 m.u./FTE)                          17.5        0   10    0    0
         Meeting di collaborazione/analisi (1.0 m.u./FTE)            35.5        0   16    0    0
GE                                                                                                  3 mu Tosi DQ Group Manager 1.5 mu Patrignani
         IFR-RPC System Manager (S. Passaggio) 2 m.u.                13.5        0   31    0    0
                                                                                                    Conv. AWG 2 mu Passaggio Syst. Manag. RPC
         Totale per la sezione                                       66.5        0   57    0    0
         Partecipazione a turni di misura, riunioni di
         Collaborazione, workshops (1.5 mu/FTE, 1mu=6.7               85         0   44    0    0
         KE)
LNF
         Incarico specifico: Operation Manager IFR (3 mesi                                          1,5mu Finocchiaro Conv. AWG 1,5mu Rama Conv.
                                                                     20.5        0   20    0    0
         Patteri)                                                                                   AWG 1mu Patteri IFR Oper. Manag.
         Totale per la sezione                                      105.5        0   64    0    0
         Turni di presa dati a SLAC, Collaboration Meetings,
                                                                      24         0   15    0    0
         BaBar Physics Meetings
MI       Incarico speciale: reconstruction manager (A.
                                                                      40         0   24    0    0   5 mu Lazzaro Rec. Manag.
         Lazzaro) 6 m.u.
         Totale per la sezione                                        64         0   39    0    0
NA       Missioni estere ( 1.5 x 6.7 x 2.5 )                          25         0   14    0    0
                                                                                                     1,5mu Rotondo Coor. AWG 2mu Gaz Task PID
         responsabilita' 8mu                                          54         0   25    0    0
                                                                                                    1mu Gagliardi IFR Op. Manag.
PD
         turni, analisi, meeting, conferenze 1.5mu*FTE               114         0   57    0    0
         Totale per la sezione                                       168         0   82    0    0
         Collaboration meeting e turni: 1.5 mu/FTE * 1.3 FTE
                                                                      13         0    7    0    0
         * 6.7 k€/mu
PG.Dot
         2 m.u. IFR Operation Manager (Manoni)                       13.5        0    7    0    0   1,5mu Manoni IFR Op. Manag.
         Totale per la sezione                                       26.5        0   14    0    0
         Missioni per turni e meeting ( 12.8 fte a Pisa) [ 12.8
                                                                     129         0   57    0    0
         * 1.5 mu/fte * 6.71 kE/mu ]
                                                                                                   5mu Calderini (SVT Sys Man) + 3mu Cenci (resp.
         Incarichi specifici per SVT: Cervelli 3 mesi
                                                                                                  on site) + 3mu Cervelli (SVT Op.Man) + 1,5mu
PI       "Operation manager", Calderini 5 mesi "System
                                                                      74         0   102   0    0 Paoloni (Conv. AWG) + 3mu Neri (Mach. Int.) +
         manager", Cenci 3 mesi "Responsabile on site" =>
                                                                                                  2mu Marchiori (coor. Phys.Tools) + 2mu Forti
         11 mu * 6.71 kE/mu ]
                                                                                                  (Exec. Board) + 1,5mu Walsh Conv. AWG)
         Totale per la sezione                                       203         0   159   0    0
         Missioni per presa dati e riunioni (1.5 mu/FTE)                                             sub judice indiviso pari al 10% dell`assegnazione
                                                                     136         0   70    61   0
         (Nota 1mu=6.7k€)                                                                           totale
                                                                                                     3.5mu Baracchini, Renga (IFR Op.Man.) 1,5mu
RM1      Incarichi specifici: IFR op manager (6mu Baracchini,                                       Jackson (Conv. AWG) 2mu Voena (Coor. Phys.
                                                                      40         0   42    0    0
         Renga)                                                                                     Tools) 0,7mu Piredda (Resp. Naz.) 1mu Cavoto
                                                                                                    (coor. HFAG)
         Totale per la sezione                                       176         0   112   61   0
         Missioni per presa dati e riunioni (1.5 mu/FTE)
                                                                     28.2        0   13    0    0
         (Nota 1mu = 6.7 KEuro)
TO       Incarichi Specifici: Computing Operation Manager                                           1mu Trapani (Manut. PS) 3mu Bianchi (Comp.
                                                                     40.2        0   39    0    0
         (6 mu Bianchi)                                                                             Oper. Man.) 4mu Pelliccioni (IFR Op. Man.)
         Totale per la sezione                                       68.4        0   52    0    0
TS       riunioni di collaborazione, workshop di analisi e turni      34         0   14    0    0




                                                                                                                               Pag 15/99
               di presa dati (1.5 m.u./FTE x 3.4 FTE)
               incarichi specifici a SLAC: coordinazione skim
                                                                                                                  5mu Cartaro (Skim Op. Man.) 6mu Bomben (SVT
               (Cartaro, 6 m.u.) e responsabilita` SVT (Bomben, 6     80.5          0     53            0     0
                                                                                                                  Op.Man.)
               m.u.)
               Totale per la sezione                                 114.5          0     67            0     0
BABAR          Totale per il capitolo di spesa                      1272.4          0    805       61         0

Materiale di Consumo
                                                                             Ric.
     Sezione                                                                            Ass       Asj       AsD                        Commento
                                   Descrizione                      Ric.      sj
BA             Consumi (2.2 x 2)                                      4.5       0             3         0     0
               Consumi di magazzino per manutenzioni a SLAC
FE                                                                    22        0         18            0     0
               ed a Ferrara
GE             Metabolismo in sede e a SLAC (2.2kE/FTE)               12        0             9         0     0
LNF            Metabolismo in sede e a SLAC (2.2 KE/FTE)             18.5       0         14            0     0
MI             Metabolismo a SLAC e Milano                            4.5       0             5         0     0
NA             Consumi ( 2.2 x 2.5 )                                  5.5       0             4         0     0
                                                                                                                   41.5KE consumo: manutenzione HW/SW libreria
               farm reprocessing: nastri, manutenzioni libreria,                                                  nastri 25KE consumo: nastri (eventualmente
                                                                     100        0       66.5       20         0
               software libreria                                                                                  anticipabile a quest`anno); i 20kE per i nastri sj a
PD                                                                                                                effettiva necessita` (luminosita` integrata)
               metabolismo 2.2kE*FTE(fisici)                          18        0         19            0     0
               Totale per la sezione                                 118        0       85.5       20         0
PG.Dot         Metabolismo: 2.2k€/FTE * 1.3 FTE                        3        0             2         0     0
PI             Metabolismo (12.8 fte a Pisa) 2.2 kE/fte              28.5       0         23            0     0
               Metabolismo (2.2k€/FTE)                                30        0         23            0     0
                                                                                                                   Fondi comuni 2007. Il sj e` una richiesta di
RM1            Fondi Comuni per l'esperimento                        500     150         250            0     0
                                                                                                                  eventuale posticipo al 2008 di un pagamento 2007
               Totale per la sezione                                 530     150         273            0     0
TO             Metabolismo (2.2 KEuro/FTE)                            6.2       0             5         0     0
TS             consumi a SLAC e in sede per 3.4 FTE                   7.5       0             6         0     0
BABAR          Totale per il capitolo di spesa                      760.2    150 447.5             20         0

Materiale Inventariabile
                                                                             Ric.
     Sezione                                                                            Ass       Asj       AsD                        Commento
                                    Descrizione                     Ric.      sj
                                                                                                                 120KE inventariabile: sostituzioni macchine e
                                                                                                                parziale upgrade 36KE inventariabile: drives 4KE
               farm reprocessing: acquisto CPU per 270
                                                                                                                inventariabile: server per libreria nastri sj: 20KE
PD             KSpecInt2000, 4 drive LT03, sostituzione server       254        0       160        20         0
                                                                                                                inventariabile: ulteriore aumento di potenza (60KE
               libreria
                                                                                                                se viene riconosciuto un maggior contributo INFN a
                                                                                                                BABAR)
RM1            Parti accessorie per l'hardware della farm MC           5        0         3         0         0
BABAR          Totale per il capitolo di spesa                       259        0       163        20         0




                    9. NEMO - E. Migneco
               Migneco presenta la proposta di esperimento NEMO.
               Ferroni osserva che il rischio dell’impresa è quello di non vedere nulla, ossia di non
               osservare sorgenti puntiformi. Migneco risponde che in questo caso comunque
               occorrerà spiegare come mai, e quindi anche questa sarebbe un’osservazione
               interessante di per sé.
               Ferroni interviene dicendo che è a conoscenza di altre iniziative di calorimetria
               idrofonica e domanda se anche Migneco ne sia al corrente. Migneco risponde di si.



                                                                                                                                              Pag 16/99
 Ferroni osserva che Migneco non ha menzionato i costi e la durata del progetto;
Migneco risponde che una torre costerà ~100M€ in totale nell’arco di 5 anni. Dosselli
commenta che tale cifra non proviene solo dall’INFN.
Barbiellini interviene dicendo che uno dei problemi chiave in questo campo è la
distinzione tra modelli leptonici e adronici del centro galattico, quindi sono misure
estremamente interessanti; Barbiellini fa poi notare che lo spettro dei fotoni viene dal
, quindi è simile a quello misurato dall’esperimento HESS, che ha osservato flussi
di neutrini di energia ultra alta, e suggerisce che queste sono delle misure con cui
potersi confrontare. Migneco concorda e risponde che tale confronto si farà.
Paolucci domanda come vengano ricostruite le tracce, e quanto sia critica la
conoscenza della posizione dei foto-tubi; Migneco risponde che la loro posizione deve
essere nota a 10cm.
Ferroni domanda quali conseguenze vi saranno se nel 2009 la collaborazione Km3-
Net arriverà alla conclusione che l’esperimento si può fare ma non nel sito di Capo
Passero suggerito dall’INFN; Migneco risponde che il suo gruppo ha investito
moltissimo, sia con fondi INFN che con fondi Ministeriali e di altre Istituzioni esterne
all’INFN; quello che potrebbe succedere è che un sottoinsieme di Paesi che sono
d’accordo e sono in grado di contribuire, potrebbero associarsi e farlo a Capo Passero
lo stesso. Ferroni osserva che però il bando per l’ingegnerizzazione dovrà essere
necessariamente dipendente dal sito prescelto, e Migneco risponde che ciò è vero e
che quindi a quel punto il sito e la tecnologia saranno definiti. Ferroni osserva che
questo significa che Italia e Francia devono rimanere unite, ed trovarsi d’accordo su
questa ipotesi, altrimenti il progetto naufragherebbe; Migneco concorda.
Luci domanda se e quale impatto potrebbe avere un incidente in superficie (naufragio
petroliera o simile) sulla qualità dell’acqua, e quindi sulla riuscita dell’esperimento.
Migneco risponde che l’acqua a 3000 m di profondità non è correlata a quella di
superficie. Ferroni domanda se invece un eruzione dell’Etna porterebbe a delle
conseguenze; Migneco dice che questo evento potrebbe portare degli effetti
apprezzabili, ma anche che in breve tempo si ridurrebbero ad essere trascurabili.

    10. Futuro dei LNF - M. Calvetti
Calvetti descrive l’attività futura dei LNF.
Ferroni domanda quale sia l’attività sull’ILC, che allo stato è l’unico linear collider
che potrebbe essere effettivamente costruito in un tempo non troppo lontano, e che
non è stato menzionato nella relazione del Direttore. Calvetti risponde che c’è una
persona della divisione Acceleratori che ci sta lavorando, ma che ILC non è così
prossimo nel tempo.
Ferroni osserva con piacere che da quando lo scorso febbraio la Commissione ha
cominciato la discussione del futuro di DAFNE ad oggi le cose siano molto cambiate.
Allora fu avanzata l’ipotesi di perseguire un programma di upgrade graduale di
DAFNE per raggiungere una luminosità di picco alla  di 1033cm2s-1 , e di associarvi
un programma di fisica del K con KLOE da cominciare intorno al 2009. Mentre allora
tale programma era ritenuto impossibile, ed anzi inesistente, è ora diventato parte
integrante del programma dei Laboratori di Frascati.
Calvetti riconosce che è vero che ora si va in una direzione diversa, ma è anche vero
che questo programma non si sarebbe potuto proporre se il maggiore responsabile del
progetto di upgrade della macchina Pantaleo Raimondi non fosse venuto a Frascati.
Ferroni concorda e si compiace del fatto che lo studio sulla super-B factory,
incoraggiato dall’INFN ed al quale Raimondi ha lavorato, ha avuto come
sottoprodotto il programma di upgrade di DAFNE. Calvetti si augura che questo


                                                                                 Pag 17/99
programma di upgrade abbia pieno successo, altrimenti ci sarebbe un problema per il
futuro dei Laboratori.
Checchia domanda chiarimenti su questo aspetto, e Calvetti risponde che ulteriori
sviluppi per i Laboratori richiederanno altri investimenti che saranno ridiscussi se e
quando il problema si proporrà.
Barbiellini interviene a sostegno del programma di studio degli iper-nuclei kaonici,
spiegando come quelle siano misure chieste a gran voce dalla comunità che lavora
sulle equazioni di stato delle stelle di neutroni. Barbiellini conferma inoltre che la
misura di  è cruciale per le misure di precisione al ILC, e quindi si dichiara
d’accordo con il programma che propone Calvetti.

   11. KLOE Fisica - F. Bossi
  Bossi presenta lo stato dell’esperimento e dell’analisi di fisica. KLOE ha terminato la
  presa dati a Marzo. Lo score finale di luminosità è di 2500 pb-1 al picco e di circa 300
  pb-1 fuori picco, principalmente a 1000 MeV. Il rivelatore è stato riportato in sala
  assemblaggio. La produzione di fisica procede molto bene. Risultati pubblicati nel
  2006 concernonomisure di Vus e test di CPT con K neutri e carichi, e lo studio della
  natura del mesone scalare f0(980) tramite i suoi decadimenti in due pioni, sia neutri che
  carichi. L'analisi dei dati 2004-2005 è cominciata, si aspettano risultati preliminari per
  la prossima estate.
  La Collaborazione KLOE-2 si sta formando, ed attualmente comprende circa 75 fisici
  di 12 istituzioni italiane e straniere. Per il 2007 sono previsti studi di R&D sul
  tracciatore interno (GEM cilindrica), sul read-out del calorimetro e sul rivelatore
  gamma-gamma.
Ferroni commenta che la CSN1 ha sempre incoraggiato un programma di KLOE ad
alta luminosità con la macchina migliorata e che ha sempre auspicato il ritorno in
macchina di KLOE nel 2009.
Dosselli sottolinea come la chiusura della presa dati dell’esperimento KLOE
rappresenti la conclusione di un’avventura molto bella e di grande successo, sia per il
Laboratorio che per la Collaborazione. Dosselli esprime le sue personali
congratulazioni e quelle della Giunta a nome di tutto l’INFN al Direttore del
laboratorio Calvetti e tutti i membri della collaborazione KLOE, cui va riconosciuto il
merito di aver restituito ai Laboratori Nazionali di Frascati il ruolo che loro compete
nella fisica delle alte energie a livello mondiale.
Calvetti ringrazia Dosselli ed indica come fondamentale, per il successo del
programma futuro dei Laboratori, la partecipazione di istituzioni estere; per questo
però occorre che l’INFN dica al più presto che cosa intende fare, perché solo offrendo
un panorama futuro certo si possono attirare collaboratori dall’estero.

   12. KLOE Referee – P. Paolucci
  Paolucci presenta la relazione dei referee. Dopo 7 anni di presa dati KLOE è andato a
  “riposo”, dopo aver raccolto 2.5 fb-1 al picco di produzione della . I referees si
  complimentano la collaborazione di KLOE per l’ottimo lavoro svolto in questi anni e
  per tutti i successi ottenuti. Il lavoro di analisi svolto fino ad oggi verte sui dati raccolti
  nel periodo 2001-2002. Adesso bisogna analizzare i dati raccolti nel 2004-2005 e per
  questo motivo i referees chiedono che il gruppo di KLOE resti compatto e cerchi di
  portare al termine questo compito in un tempo ragionevole. Per favorire il
  raggiungimento di questo scopo sono favorevoli all’upgrade del centro di calcolo,
  proposto dalla collaborazione. I criteri usati per stabilire le assegnazioni del 2007 sono
  gli stessi degli anni precedenti, scalati per un fattore derivante dalla mancanza di un
  periodo di presa dati. Un taglio del 20% sulle missioni estere è stato applicato a tutti i


                                                                                            Pag 18/99
                gruppi. Per la manutenzione dell’esperimento KLOE assegnano 10 K€ di gas e 5 K€
                per la manutenzione ordinaria al gruppo di LNF, assegna inoltre altri 5 K€ sub-judice
                per la manutenzione ordinaria sempre al gruppo di LNF. Per il centro di calcolo i
                referee propongono un’assegnazione di 90 K€ per la manutenzione, 10 K€ per
                l’acquisto di una scheda di rete GB, 15 K€ (sub-judice) per l’acquisto delle cassette e
                90 K€ per l’acquisto di 2 server di dischi. I referee sono rimasti positivamente
                impressionati dal lavoro di R&D svolto dai gruppi di LNF, Roma-I, Roma-II e Roma-
                III per la progettazione dell’apparato sperimentale di KLOE2. Per questo motivo
                decidono di finanziare sia le richieste relative all’inner tracker che parte di quelle
                relative al calorimetro ed al tagging . Chiedono però alla collaborazione che il gruppo
                di lavoro di KLOE2 si rafforzi al più presto, coinvolgendo gruppi nuovi e senza
                intaccare il lavoro di analisi di KLOE. In particolare decidono di finanziare lo sviluppo
                del prototipo della GEM cilindrica (missioni e consumo) da parte del gruppo di LNF e
                l’acquisto di 3 nuove CPU al gruppo di Roma-III sia per usarle come spare di quelle di
                KLOE che per iniziare dei test per lo sviluppo di un nuovo sistema di DAQ per
                KLOE2. I referee richiedono infine un ulteriore e più dettagliato lavoro di simulazione
                del calorimetro in modo da poter comprendere meglio l’eventuale utilità di un suo
                upgrade in vista di KLOE2. Richiedono infine una serie di incontri a breve termine per
                continuare la discussione del progetto.
            Ferroni interviene dicendo di essere convinto dalle proposte dei referee, e aggiunge
            che la CSN1 ha sempre apprezzato come molto valido il programma di fisica proposto
            da KLOE ad alta luminosità, ha sempre incoraggiato tale programma ed auspicato che
            esso si fosse potuto realizzare anche prima della data inizialmente prevista essere nel
            2011. Dalla Torre domanda come la collaborazione ha reagito a tale drastico
            cambiamento della data prevista di inizio della presa dati di KLOE-2, dal 2011 al
            2009. Bossi risponde che gli fa piacere entrare prima del 2011, la ritiene anzi
            un’opzione migliore, anche se la collaborazione ancora non ha completamente
            digerito la cosa, e dovrà essere discussa ulteriormente.
            La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
            include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
                                                                             Ric.
  Sezione                                                                           Ass   Asj   AsD                       Commento
                                    Descrizione                       Ric.    sj
            KLOE Physics Workshop, conferenze, seminari,
LNF                                                                    45       8    30    15     0
            contatti ditte
            Viaggi a LNF per analisi dati e partecipazione a
NA                                                                     12       0     8     2     0
            riunioni di gruppo.
PI.Dot      Missioni interne                                           2.5      0     1     1     0
            Missioni ai L.N.F. per analisi dati e riunioni (75 mesi
RM1                                                                    26       0    15     4     0
            uomo)
RM2.Dot     Contatti ditte Milano                                        2      0     1     2     0
RM3         Attività a LNF (Analisi dati, riunioni)                    12       0     9     2     0
KLOE        Totale per il capitolo di spesa                           99.5      8    64    26     0

Missioni Estere
                                                                             Ric.
  Sezione                                                                           Ass   Asj   AsD                       Commento
                                    Descrizione                       Ric.    sj
            Conferenze, workshop, seminari                             55       0 38.5      0     0
            Realizzazione GEM su grandi superfici                      10       0     0     8     0   piano di test ancora da discutere
LNF
            Test I layer GEM cilindrica, sj la sua realizzazione         0    10      0     8     0
            Totale per la sezione                                      65     10 38.5      16     0
NA          Partecipazione a conferenze e scuole.                        7      0     3     0     0




                                                                                                                                 Pag 19/99
PI.Dot      Missioni estere                                           1       0   0.5      0     0
            Presentazione risultati KLOE a Conferenze
                                                                     15       0    11      0     0
            Internazionali e partecipazione a Scuole
RM1         Prove e collaudo su fasci per upgrade granularita'
                                                                     10       0     0      8     0   Test non ancora discussi
            del calorimetro Kloe
            Totale per la sezione                                    25       0    11      8     0
RM2.Dot     contatti ditte rivelatori micro strips silicio            2       0     1      1     0
            Partecipazione a conferenze e scuole                     10       0     5      0     0
            Test beam a PSI per studio granularità calorimetro
RM3                                                                  10       0     0      8     0
            KLOE2
            Totale per la sezione                                    20       0     5      8     0
KLOE        Totale per il capitolo di spesa                         120     10     59     33     0

Materiale di Consumo
                                                                           Ric.
  Sezione                                                                         Ass    Asj   AsD                        Commento
                                   Descrizione                     Ric.     sj
            Metabolismo                                              30       0 28.5       0     0
            Controllo e manutenzione apparato                        15       0     5      5     0
            Gas                                                      10       0    10      0     0
            Completamento prototipo 1:2 GEM cilindrica -
                                                                     25       0    10      0     0
            Meccanica 5.0 + Elettronica 20.0
LNF         Realizzazione primo layer GEM cilindrica - Tooling
            15.0 Meccanica 10.0 s.j. la realizzazione del foglio      0      25     0     20     0   piano dettagliato necessario
            700x2300 mm2
            100 cassette magnetiche s.j. l'effettiva necessità        0      15     0     15     0
            Realizzazione GEM Full size (Ditte)                      25       0     0     20     0   piano dettagliato necessario
            Totale per la sezione                                   105      40 53.5      60     0
NA          Metabolismo.                                              5       0     3      0     0
PI.Dot      Metabolismo                                              1.5      0    0.5     0     0
            Consumi generali di gruppo                               12       0 10.5       0     0
            R&D per aumento granularita' del calorimetro Kloe
RM1                                                                   5       0     0      5     0   piano da discutere
            con acquisto di fibre
            Totale per la sezione                                    17       0 10.5       5     0
            Scintillatori e guide di luce BICRON 12canali             5       0     0      5     0   piano completo da discutere con i referees
RM2.Dot     Fotomoltiplicatori e partitori 12 canali                  7       0     0      5     0   piano completo da discutere con i referees
            Totale per la sezione                                    12       0     0     10     0
            Metabolismo in sede a spese generali di gruppo            6       0     6      0     0
            Acquisto 5 Km di fibra chiara per trasmissione luce
RM3                                                                   5       0     5      0     0   per acquisto fibre (altra meta` SJ a Roma1)
            calorimetro KLOE2
            Totale per la sezione                                    11       0    11      0     0
KLOE        Totale per il capitolo di spesa                        151.5     40 78.5      75     0

Affitti e Manutenzione
                                                                           Ric.
  Sezione                                                                         Ass    Asj   AsD                        Commento
                                   Descrizione                     Ric.     sj
            Manutenzione apparati di rete, server e librerie
LNF                                                                 100       0    90      0     0
            automatizzate di cassette magnetiche
KLOE        Totale per il capitolo di spesa                         100       0    90      0     0

Materiale Inventariabile
                                                                           Ric.
  Sezione                                                                         Ass    Asj   AsD                        Commento
                                   Descrizione                     Ric.     sj
            Sostituzione elementi obsoleti computer per le
LNF                                                                  15       0     5      0     0   il resto a carico del coordinatore
            analisi




                                                                                                                                 Pag 20/99
            R&D per aumento granularita' del calorimetro Kloe
RM1                                                                   18       0     5    10     0   fototubi
            con acquisto di fotomoltiplicatori multianodo
RM2.Dot     TDC VME 32 canali CAEN                                      7      0     0     7     0   TDC per KLOE2 da discutere in dettaglio
            Acquisto 6 fotomoltiplicatori multianodo H9000 della
            Hamamatsu per studio gramilarità calorimetro              18       0     5    10     0   piano da discutere
            KLOE2
RM3
            Acquisto 3 cpu real time Motorola MVME6100 per
                                                                        9      0     9     0     0   no manutenzione delle CPU di KLOE
            sviluppo e test sistema acquisizione dati KLOE2
            Totale per la sezione                                     27       0    14    10     0
KLOE        Totale per il capitolo di spesa                           67       0    24    27     0

Costruzione Apparati
                                                                            Ric.
  Sezione                                                                          Ass   Asj   AsD                        Commento
                                 Descrizione                         Ric.    sj
            Sostituzione di 2 server di dischi acquistati nel 2001   100       0    90     0     0
            Una scheda di rete GBit per il Cisco-Catalyst 6000        10       0    10     0     0
            Realizzazione di uno dei moduli per il tagging di
            eventi gamma-gamma micro-strips 17.0 elettronica          22       0     0    10     0   piano non chiaro
LNF
            di lettura 5.0
            Nuovi apparati di rete per l'upgrade del DAQ s.j.
                                                                        0    50      0    50     0   ancora tutto da capire e discutere con i referees
            l'istallazione di una parte del nuovo sistema
            Totale per la sezione                                    132     50    100    60     0
KLOE        Totale per il capitolo di spesa                          132     50    100    60     0




                 13. COMPASS Fisica - F. Bradamante
               Bradamante presenta una relazione sullo stato dell’analisi di fisica di COMPASS.
               Nonostante un importante ritardo dovuto a problemi vari del complesso di acceleratori
               del CERN, l’esperimento è ripartito ed attualmente è in presa dati. Tutti i nuovi
               rivelatori, descritti in dettaglio alla riunione precedente (RICH Wall, ECAL1, DC4, Sci
               Fi, il RICH upgrade), sono stati messi in funzione, come pure il nuovo sistema di DAQ
               e di DCS, ed hanno prestazioni soddisfacenti. Particolare rilievo viene dato al RICH1,
               che risponde bene sia nella parte centrale, interamente nuova e basata sul sistema di
               MAPMT (eccellente il numero di fotoni per anello, ~50-60, e la risoluzione temporale,
               ~1 nsec), che nella parte periferica, dove le fotocamere esistenti vengono lette dagli
               APV.
               Tutti i dati su deutone, raccolti negli anni 2002-2004, sono ormai analizzati, e
               importanti risultati di fisica sono stati ottenuti e presentati a molte conferenze. Tra tutti,
               si ricorda che il valore di ΔG/G, ricavato dalla asimmetria ALL delle coppie di adroni
               prodotti a grande pT, è piccolo (0.016±0.058±0.055) nell’intorno di x=0.1. Il piccolo
               valore di ΔG/G è confermato pure da un’analisi di QCD che è stata fatta utilizzando
               tutti i dati di g1 esistenti più i nuovi dati di COMPASS (il lavoro è inviato per
               pubblicazione), che risultano fodamentali per vincolare le distribuzioni partoniche a
               piccolo x.
               Molto importanti pure i dati di SSA (asimmetria di singolo spin) ottenuti con il
               bersaglio di deutoni polarizzato trasversalmente. L’analisi delle asimmetrie di Collins e
               di Sivers su tutti i dati raccolti nel 2002-2004 è terminata ed è stato scritto un lungo
               articolo che a giorni verrà inviato al Nuclear Physics per pubblicazione. Il risultato,
               asimmetrie molto piccole, compatibili con zero (gli errori sono dell’ordine dell’1%), è
               molto importante: per l’asimmetria di Collins fornisce le prime indicazioni sulla
               trasversalità del quark d, per l’asimmetria di Sivers conferma che la distorsione della
               ditribuzione del quark d è opposta a quella del quark u, effetto gia’ osservato per
               spiegare i dati dell’esperimento HERMES e previsto da qualche modello. In un recente
               lavoro di Brodsky e Gardner il risultato di COMPASS sull’asimmetria di Sivers è
               interpretato come evidenza che il momento angolare orbitale dei gluoni in un nucleone


                                                                                                                                Pag 21/99
  polarizzato trasversalmente è piccolo. Proseguono pure le altre analisi, le SSA di
  coppie di adroni, le SSA di adroni identificati (dati presi nel 2003 e 2004), nonchè
  l’analisi della polarizzazione degli iperoni Λ, tutte in corso di finalizzazione.

   14. COMPASS Stato: RICH upgrade - S. Dalla Torre
  Dalla Torre relaziona sullo stato del progetto di upgrade del RICH-1 di COMPASS e,
  più in generale, sullo stato del rivelatore. La relazione include a) un aggiornamento
  sullo stato del hardware, b) le prestazioni preliminari ottenute col nuovo sistema di
  rivelazione di fotoni e c) un richiamo sul progetto CLAM, già presentato in
  Commissione da Sergio Costa, approvato e poi interrotto causa la malattia e la
  scomparsa di Costa. I gruppi di Trieste e Torino propongono di realizzare CLAM nei
  prossimi mesi.
  L’intero sistema di foto-rivelazione del RICH-1 di COMPASS, che include l’upgrade
  della parte centrale con MAPMT accoppiati a telescopi in vetro di silice fuso ed
  elettronica veloce ad alta sensibilità è stato assemblato entro la metà di maggio, come
  previsto. L’incidente con la rottura di una finestra di quarzo delle MWPC con foto-
  catodo a CsI, durante il montaggio sul RICH, ha comportato 6 settimane di lavoro per
  analisi, riparazione, realizzazione di nuovi strumenti di montaggio e l’installazione sul
  RICH. Si richiedono due lastre in quarzo per costituire una intera finestra spare per i
  foto-rivelatori a CsI. Durante la presa dati, dopo una situazione iniziale in cui il sistema
  del gas radiatore era in condizioni ottimali, si è sviluppata una perdita nella porzione in
  depressione del sistema, che ha determinato aspirazione di aria e una contaminazione
  del gas; il recupero della trasparenza del radiatore ha implicato una procedura originale
  con l’uso di filtri di gas selettivi.
  Il nuovo sistema di foto-rivelazione è stato immediatamente operativo. Le prestazioni,
  valutate in via preliminare, indicano 65 fotoni per anello a saturazione, una risoluzione
  per fotone singolo di 1.7 mrad, una risoluzione per anello di 0.35 mrad ed un
  importante aumento del rapporto segnale rumore.
  CLAM è, ancor oggi, l’unico sistema proposto per misurare l’allineamento relativo
  degli specchi di un RICH all’interno del vessel e monitorarlo durante la presa dati.
  Come tale risponde a un’esigenza a tutt’oggi non soddisfatta: la misura
  dell’orientazione degli specchi nelle condizioni di presa dati. Si basa sull’analisi di
  immagini di linee continue riflesse da specchi adiacenti. Le simulazioni indicano che
  risoluzioni dell’ordine di 0.1 mrad sono ottenibili.

   15. COMPASS Stato: C-MAD - D. Panzieri
  Nella relazione di Panzieri viene fatto un consuntivo dei risultati dei rivelatori
  dell’esperimento COMPASS di cui il gruppo di Torino è responsabile. In particolare il
  rivelatore RichWall, finanziato dalla CSN1 e realizzato dai ricercatori di Dubna e di
  Torino, assemblato completamente nell’inverno 2005/2006 ed installato nella posizione
  finale nello spettrometro nella primavera del 2006, ha dimostrato fin da subito di
  soddisfare i requisiti richiesti durante la progettazione. Le camere MWPC, di cui il
  gruppo di Torino è responsabile, sono state ricontrollate e calibrate dopo lo shutdown
  del 2005 e hanno ripreso il loro regolare funzionamento nello spettrometro. Il chip
  CMAD, progettato per equipaggiare la nuova elettronica del Rich a partire dal
  2007/2008, per la presa dati con il fascio adronico, è attualmente in fase di release
  finale. Sono in via di completamento i test della versione 2, i risultati ottenuti sono
  molto incoraggianti e il confronto con le simulazioni è ottimo. Resta da finire il test ad
  alta frequenza (fino a 5 MHz), requisito ritenuto essenziale per la delibera finale. Si
  ritiene di poter partire con la produzione del chip finale a gennaio del 2007.

Dopo una breve discussione, la Commissione decide di togliere il SJ di 100k€ nel
2006 e di assegnare la cifra corrispondente direttamente (cioè non SJ) nel 2007.


                                                                                         Pag 22/99
                    16. COMPASS Referee – P. Branchini
                   Branchini presenta le proposte sul finanziamento 2007 dei referee. I referee si
                   complimentano con la collaborazione Compass per il successo ottenuto nella messa in
                   opera e commissionamento del rivelatore RICH di completa responsabilità INFN.
                   Lo sforzo della collaborazione è al momento concentrato nell'upgrade dell'elettronica di
                   lettura che avverrà nel 2007. I referee auspicano anche che venga eseguito il progetto
                   che consente alla collaborazione il monitoraggio dell'allineamento degli specchi nel
                   prossimo anno e che consentirebbe un allineamento continuo e on-line degli specchi.
                   Inoltre il prossimo anno sarà fatto dalla collaborazione Compass un grande sforzo
                   nell'analisi dati. Il piano di finanziamento proposto dai referee ed approvato dalla
                   commissione rispecchia questi argomenti.
               La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
               include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
                                                                                Ric.
     Sezione                                                                           Ass   Asj    AsD                        Commento
                                     Descrizione                        Ric.     sj
TO             contatti con altre sezioni, ditte e meeting                14       0    14     0      0
               Contatti con ditte, riunioni con il gruppo di Torino e
TS                                                                        16       0    16     0      0
               riunioni INFN
COMPASS        Totale per il capitolo di spesa                            30       0    30     0      0

Missioni Estere
                                                                                Ric.
  Sezione                                                                              Ass   Asj    AsD                        Commento
                                     Descrizione                        Ric.     sj
                                                                                                         Va chiarita la posizione dei due tecnici laureati. Il
TO             45.5 mu x 4.5 keuro                                       205       0   100   40.5     0 sub judice e` legato al tempo di run non ancora ben
                                                                                                        definito.
               64 m.u. per 19 ricercatori (incluse responsabilita')
                                                                                                           Il sub judice e` legato al tempo di run non ancora
TS             piu' 7 m.u. per coordinamento analisi, come da           326.5      0   133   100      0
                                                                                                          ben definito.
               dettaglio allegato
COMPASS        Totale per il capitolo di spesa                          531.5      0   233 140.5      0

Materiale di Consumo
                                                                                Ric.
     Sezione                                                                           Ass   Asj    AsD                        Commento
                                     Descrizione                        Ric.     sj
               collaboration fee 5500 CHF = 3700 euro x 18 ric            67       0    67     0      0   Fondo di collaborazione
               metabolismo sezione e CERN (11.2 FTE x 1.5
                                                                          17       0    17     0      0   metabolismo
               keuro)
TO
                                                                                                           montaggio nuova elettronica sub judice al fatto che
               montaggio nuova elettronica Rich                            3       0     0     3      0
                                                                                                          si monti.
               Totale per la sezione                                      87       0    84     3      0
               Fondo di Collaborazione: 3.7 kE per ricercatore          70.3       0 70.3      0      0   fondo di collaborazione
               Metabolismo: 1.5 kE per 15.8 f.t.e.                      23.7       0 23.7      0      0
               Farm locale: manutenzione PC                                3       0     3     0      0
               RICH: Manutenzione sistema gas e pulitura C4F10            10       0    10     0      0
TS
               RICH: Manutenzione PDs                                     10       0    10     0      0
               RICH: Attivita' MAPMT in sede                               5       0     5     0      0
               RICH: CLAM                                                  3       0     0     3      0   se si fa il CLAM
               Totale per la sezione                                     125       0   122     3      0
COMPASS        Totale per il capitolo di spesa                           212       0   206     6      0

Trasporti e Facchinaggi
                                                                                Ric.
     Sezione                                                                           Ass   Asj    AsD                        Commento
                                     Descrizione                        Ric.     sj




                                                                                                                                      Pag 23/99
               trasporti da e per il cern                        2      0   1.5     0     0
TO             trasporti da e per trieste                        1      0     0   1.5     0   sub judice al CLAM
               Totale per la sezione                             3      0   1.5   1.5     0
TS             meccanica CLAM da portare al CERN                 2      0     0     2     0
COMPASS        Totale per il capitolo di spesa                   5      0   1.5   3.5     0

Materiale Inventariabile
                                                                     Ric.
     Sezione                                                                Ass   Asj   AsD                        Commento
                                     Descrizione              Ric.    sj
               7 HD SATA 500GB (netto in raid 5 3TB)           3.3      0     8     0     0
                                                                                               sub judice al successo dell`esperienza di
TO             6 client 2*Xeon da inserire in COMPASS Grid     18       0     0    18     0
                                                                                              integrazione in INFN-GRID.
               Totale per la sezione                          21.3      0     8    18     0
                                                                                               sub judice all`effettiva necessita` e in seguito
TS             Farm locale: sostituzione 4 PC                  12       0     0    12     0
                                                                                              all`esperienza di integrazione parziale in INFN grid
COMPASS        Totale per il capitolo di spesa                33.3      0     8    30     0

Costruzione Apparati
                                                                     Ric.
     Sezione                                                                Ass   Asj   AsD                        Commento
                                     Descrizione              Ric.    sj
               2 multiplexer x richwall (spares)                 4      0     4     0     0
TO             scheda di prototipo x trigger (2 sviluppi)        4      0     4     0     0
               Totale per la sezione                             8      0     8     0     0
               RICH: PC CLAM lab view RICH: PC dedicato per
                                                                 3      0     0     3     0   se si fa il CLAM
               monocromatore
               RICH: meccanica CLAM                              3      0     0     3     0
               RICH: camere CCD, ottica, interfacce              8      0     0     8     0
TS
               RICH: licenze labview (CLAM e monocromatore)      3      0     0     3     0
               RICH: sistema di illuminazione                    2      0     0     2     0
               RICH: 2 lastre (60 x 60 cm2) spare di quarzo    20       0    13     0     0   finanziata solo 1 lastra.
               Totale per la sezione                           39       0    13    19     0
COMPASS        Totale per il capitolo di spesa                 47       0    21    19     0




                    17. Comunicazioni – U. Dosselli
               Dosselli saluta la Commissione e annuncia che il Comitato di Valutazione Interna
               (CVI) ha fornito il suo primo rapporto, il quale sembrerebbe essere abbastanza
               gratificante dal punto di vista dei risultati; il CVI ha espresso le proprie
               preoccupazioni per la situazione finanziaria in cui versa l’Ente, mentre sarebbe
               soddisfatto del nostro impatto socio-economico, e ci invita, se i tempi non migliorano,
               a mettere in piedi un sistema decisionale in cui possano essere effettuate delle scelte
               tra progetti diversi. È chiaro che la struttura attuale dell’Ente in 5 commissioni
               scientifiche separate non facilita questo tipo di confronto, e l’attuale Presidente INFN
               ha cominciato questo lavoro di confronto dei relativi meriti scientifici, vedi
               discussione sulla Road Map.
               Dosselli fa presente come sia importante che l’INFN rifletta sulla sua organizzazione.
               Il nuovo governo è molto attivo nel ridefinire il management degli altri Enti, per
               esempio è probabile che l’INFM, accorpato al CNR nella precedente legislatura, verrà
               ripristinato. Col governo precedente l’INFN è stato l’unico Ente a non essere stato
               riformato, ed il management INFN pensa che potrebbe essere giunto il momento di
               una riflessione interna sul regolamento generale. Questa riflessione comincerà nel


                                                                                                                          Pag 24/99
prossimo Direttivo, quando i Direttori saranno chiamati ad esprimere la loro opinione
in merito con un primo giro di consultazione. A questo proposito credo che anche le
Commissioni debbano dare il loro contributo; le domande da farsi sono sulle
procedure che adottiamo per l’approvazione dei progetti, ecc
Passaleva domanda se vi siano state richieste dall’esterno per iniziare questo
processo; Dosselli risponde di no, che si tratta di una decisione autonoma dell’Ente, e
che è anche possibile che alla fine si giunga alla conclusione che tutto vada bene;
Ferroni riconosce che nel caso fosse richiesto alle Commissioni Scientifiche di
tagliare i propri programmi il confronto tra i programmi nelle varie Commissioni
diventerebbe obbligatorio, quindi concorda che iniziare questa discussione è
importante e soprattutto che non sarà una discussione breve.
Piredda concorda che una riflessione di questo tipo potrebbe essere molto utile per
l’Ente, in particolare la questione della decisione di programmi tra le diverse
Commissioni. Paolucci domanda se verrà comunicato all’esterno lo svolgersi di
questa attività e Dosselli risponde di no.
Albergo si dice contento del fatto la Commissione sia stata informata dell’intenzione
di avviare questo processo anche prima che fosse iniziato, ritenendolo un indice di
democrazia, e pensa che sia un’iniziativa positiva, sia perché utile in sé che come
difesa preventiva rispetto ai possibili interventi politici.
Dosselli affronta la parte finanziaria, dicendo che la situazione in cui ci stiamo
muovendo è stata descritta molto chiaramente da Pacciani.
Ferroni interviene dicendo di aspettarsi che l’anno prossimo ci sarà un avanzo
ragionevole che potrà essere riassegnato, visto che non ci sarà il nuovo contratto come
nel 2006. Dosselli replica che l’avanzo naturale sarà piccolo, e sicuramente inferiore
ai 20 M€, ma qualcosa si potrà fare.
Dalla Torre domanda a Dosselli se può dire qualcosa sulle iniziative per far fronte al
problema delle trasferte dei tecnici; Dosselli risponde che si stanno cercando delle
soluzioni per compensare i tagli.
Dosselli aggiunge che per quanto riguarda le ME, il governo ha fatto il decreto nella
speranza che le spese di quel capitolo diminuiscano, il management non ritiene quindi
prudente che questo non avvenga, e per questo si sta valutando l’opportunità di
restituire il 20% delle missioni da oggi fino a fine anno, dopo aver scorporato le spese
di viaggio dalle diarie; mentre per il 2007 si penserà ad una altra soluzione.
Calvetti solleva il problema delle missioni interne, particolarmente grave per i
Laboratori. Dosselli si dice perfettamente d’accordo con Calvetti.
Dosselli ricorda che a febbraio si era affermato che era fondamentale che ogni
esperimento avesse una pagina pubblica sul WEB; ad oggi ce ne sono ancora poche e
Dosselli quindi chiede che gli esperimenti provvedano al più presto.




                                                                                 Pag 25/99
19 Settembre 2006 – Mattina


    18. P326 - E. Iacopini
Iacopini presenta lo stato generale dell’esperimento.

A domanda di Ferroni, circa il contributo italiano al quadro complessivo delle analisi
di fisica da completare, Iacopini specifica che si può quantificare in un 30-40%, che
può essere considerato una giusta proporzione.
A domanda di Branchini, Iacopini afferma che la risoluzione temporale del RICH
deve raggiungere i 100 ps, che è la stessa che si vuole ottenere nel Giga-tracker.
Questo permette il matching dell’evento tra Giga-tracker, CEDAR e RICH stesso.
Troncon chiede chiarimenti sul problema della resistenza alla radiazione del Giga-
tracker, e domanda come mai si preveda di sostituire gli elementi del Giga-tracker
ogni 10-20 giorni; Troncon porta l’esempio di ATLAS, in cui viene utilizzata una
tecnologia che permette di avere rivelatori capaci di assorbire fino a oltre 1014
neutroni/cm2. Bosisio risponde che per ATLAS non è necessario spingere la
risoluzione temporale al livello richiesto da P326, che implica la necessità di un
rapporto segnale rumore molto elevato e che rende molto difficile migliorare la
resistenza alla radiazione del rivelatore. Iacopini aggiunge anche che in realtà la
superficie da coprire è limitata e quindi il numero di rivelatori è talmente piccolo che
la sostituzione non è di per sé un problema, semmai è tutto il lavoro di test e
allineamento ad essa associato che spinge a continuare l’R&D sui silici non standard
per cercare di aumentarne la vita.
Dalla Torre raccomanda che lo specchio del RICH da usare per il test beam sia di
qualità molto vicino a quella dello specchio finale. Inoltre, chiarito il fatto che si
lavora a pressione atmosferica ma non in connessione alla pressione esterna per cui
non si hanno variazioni di pressione, Dalla Torre sottolinea come sia importante e
forse complesso fare il monitoraggio sull’indice di rifrazione che, su un oggetto di 17
m, potrebbe avere variazioni locali,.
Iacopini spiega che la motivazione del test beam con fasci di elettroni e pioni a 75
GeV non è tanto la dimostrazione della capacità di separazione elettrone pione a
quelle energie, quanto la determinazione della risoluzione angolare e la verifica
dell’adeguatezza della simulazione del rivelatore, indipendentemente dal tipo di
canale utilizzato. Dalla Torre commenta che l’estrapolazione delle simulazione dai 54
fototubi ai 2000 finali non è sufficiente a capire se si possa raggiungere la separazione
  /  alle energie di interesse.

    19. P236 Referee - A. Di Ciaccio, L. Bosisio, M. Curatolo, V.
       Vercesi
   Di Ciaccio presenta le proposte dei referee. Nel 2006 si sono concluse molte analisi di
   NA48/2: i referee apprezzano l’impegno dei gruppi italiani e sottolineano l’alto grado
   di soddisfazione delle corrispondenti milestone. EPSI prosegue solo a Perugia anche
   nel 2007, sulle Dotazioni. Nel giugno 2006 il Research Board del CERN ha approvato
   la continuazione dell’attività di R&D di P326. Nella relazione si sottolinea tuttavia il
   problema del reperimento di fondi e quindi la necessità di allargare la Collaborazione
   (il contributo CERN sarà fissato al 20%): inoltre P326 sarà in competizione con le altre
   proposte di fisica con targhetta fissa. Al momento, ci sono vari contatti con istituti
   europei, mentre la situazione con i gruppi americani è purtroppo immutata:


                                                                                      Pag 26/99
   recentemente il gruppo di Roma Tor Vergata si è unito alla collaborazione italiana.
   Anche la scala temporale è stata rivista e, a parere dei referee, rimane molto ottimistica.
   Gli studi sui sensori a pixel (Ferrara-CERN) sono da considerarsi sostanzialmente
   completi (test di irraggiamento con neutroni e prossimamente con protoni) con risultati
   in linea con la letteratura disponibile. I referee non raccomandano dunque altri test per
   il 2007 sugli stessi sensori ma piuttosto sul prototipo finale (incluso il read-out). Inoltre
   ritengono importante continuare lo studio delle tecniche di raffreddamento, e di
   assemblaggio. Per quanto riguarda il chip di readout (Torino-Ferrara-CERN) il progetto
   a blocchi funzionali (preamplificatore, discriminatore, TDC) del primo prototipo a
   0.13m è in fase avanzata e dovrebbe terminare con la fusione nel 2007.
   Per i veti a grande angolo (LNF, Napoli, Pisa, Roma1), sono stati eseguiti vari test sui
   prototipi disponibili (KLOE, Protvino), mentre manca ancora il confronto con quello a
   tile (CKM) a causa di intoppi burocratici. I referee propongo di finanziare sub-judice
   alla conclusione dei test alla BTF sul prototipo a fibre, un ulteriore prototipo di
   calorimetro a tile. Anche gli ulteriori test-beam alla BTF vengono raccomandati SJ alla
   realizzazione dei test attualmente in corso
   Gli studi sul trigger e sulla lettura del Calorimetro a LKr. (Pisa, Roma2) nel 2007 si
   concentreranno sulle possibili soluzioni di schede di read-out (tecnologia commerciale
   vs tecnologia fatta in casa a la APE).
   C’è una nuova proposta per quanto riguarda il RICH a neon, dove Firenze e Perugia
   insieme al CERN intendono costruire un prototipo per il 2007 da testare al CERN per
   validare le simulazioni e verificare la possibilità di separare  ad almeno 3 per
   impulsi tra 15 e 35 GeV e di raggiungere una risoluzione temporale < 150 ps. Tenuto
   conto della criticità di questi studi, i referee incoraggiano questa iniziativa e ne
   propongono il finanziamento. Raccomandano però che si manifesti un impegno
   finanziario CERN più consistente e ribadiscono che la partecipazione della
   Collaborazione italiana al RICH definitivo sarà limitata al read-out.
   Su Firenze vengono raggruppate le richieste di pagamento delle fatture del Pool e non
   viene proposto di continuare la manutenzione della libreria ADIC Scalar 1000 a Pisa:
   in caso di problemi se ne ridiscuterà.
   I criteri di assegnazione dei fondi di ME assumono, ove applicabile, una
   sovrapposizione temporale tra i meeting di P326 e quelli di NA48/2. Si propone una
   tasca di 25k€ sj nella sede del RN per far fronte alle necessità in corso d’anno della
   Collaborazione ed ai test sul fascio per il RICH.
   Globalmente i referee giudicano che l’attività di R&D nel 2006 ha progredito in modo
   apprezzabile. A fronte di una struttura della Collaborazione internazionale che è
   purtroppo ancora in formazione, il programma di lavoro presentato dai gruppi italiani
   per il 2007 è ben strutturato: su questa proposta risultano attualmente impegnati 56
   ricercatori (37.5 FTE equivalenti). I referee esprimono quindi il loro incoraggiamento.
   Raccomandano ancora una maggiore pressione presso il CERN e presso le altre
   istituzioni per un più adeguato impegno finanziario.
Un commento generale di Ferroni è che il problema più delicato del progetto non è
tanto il fatto che manchino i potenziali contributi per il 50% del costo complessivo
dell’esperimento, ma che i gruppi italiani si sono impegnati negli R&D delle parti
dell’esperimento più costose, senza che l’Ente sia in grado di finanziare i relativi costi
sull’esperimento finale. Diventa in tal modo infatti difficile per i nuovi gruppi
inserirsi su un programma di sviluppo fatto altrove.
Iacopini chiede di anticipare 33 K€ per la costruzione dello specchio per il prototipo
del RICH, in quanto i tempi per la produzione sono molto lunghi. La Commissione
non ha obiezioni di principio, ma decide di rinviare la discussione di questa necessità
alla sessione finale di bilancio, quando sarà disponibile il quadro generale delle
richieste.



                                                                                           Pag 27/99
               Ferroni puntualizza che la Commissione si è impegnata nell’R&D di questo
               esperimento sin dall’inizio e quindi propone che si prosegua su questa strada anche in
               considerazione dei costi ragionevoli e dell’importante ritorno scientifico. Allo stesso
               tempo la Commissione ritiene necessario avere una prospettiva chiara da parte del
               CERN circa la possibilità di fare l’esperimento e a quali condizioni, dopo di che
               andrebbe verificata la partecipazione dei gruppi americani che ad ora ancora non
               hanno preso una decisione finale. A questo proposito Di Ciaccio ricorda che si deve
               scrivere il TDR, che è correlato con i MoU delle varie agenzie e quindi tutte le
               agenzie finanziatrici dovranno in breve tempo rompere gli indugi.
               La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
               include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
                                                                               Ric.
     Sezione                                                                          Ass    Asj   AsD                        Commento
                                    Descrizione                         Ric.    sj
FE             Riunioni di collaborazione gruppi italiani 1 m.u.           5      0     8      0     0
               Riunioni della collaborazione italiana ed in
FI                                                                         8      0     6      0     0
               particolare con Perugia
               Missioni Interne: Collaborazione con Napoli e Pisa,
LNF                                                                      3.3      0     3      0     0
               Roma
               Collaborazione con Pisa LNF e Roma 1 , contatti
                                                                                                          SJ a nuove necessità sui prototipi presenti e al test
NA             con i fornitori, costruzione di prototipi e test beam       5      0     3      2     0
                                                                                                         sul nuovo prototipo
               con fascio di elettroni e fotoni presso i LNF
PG             riunioni di collaborazione e riunioni a Firenze             5      0     4      0     0
               Riunioni di gruppo, contatti con ditte                    16       0    12      0     0
                                                                                                          SJ a nuove necessità sui prototipi presenti e al test
PI             Test dei prototipi alla BTF di Frascati                   15       0     0      3     0
                                                                                                         sul nuovo prototipo
               Totale per la sezione                                     31       0    12      3     0
               Collaborazione con Napoli e Pisa per il test di
               componenti del sistema di veto, costruzione di
RM1                                                                      4.5      0     2      0     0
               prototipi a LNF, testbeam con fascio di elettroni e
               fotoni a LNF
RM2.Dot        Contatti collaborazione                                     1      0     1      0     0
               Riunione con collaboratori italiani per disegno
TO             GigaTracker e riunioni con collaboratori (4 riunionix2    2.5      0     3      0     0   Inclusivo delle due voci
               persone)
P326           Totale per il capitolo di spesa                          65.3      0    42      5     0

Missioni Estere
                                                                               Ric.
     Sezione                                                                          Ass    Asj   AsD                        Commento
                                    Descrizione                         Ric.    sj
FE             meetings di collaborazione 3 m.u.                          15      0 26.5       0     0   Inclusiva delle prime tre voci
               Riunione di Collaborazione (P326) ed analisi(NA48):                                        Sub-judice per eventuali test al CERN e necessità
FI                                                                        30      0    19     25     0
               6 mesi uomo                                                                               della proto-collaborazione
               Riunioni di collaborazione/working group e
LNF                                                                     14.2      0    9.5     0     0
               conferenze
               Meeting Working group, meeting di collaborazione e
NA                                                                        16      0    9.5     0     0
               conferenze
               riunioni di collaborazione Epsi e P326 (4.5 m.u.)
PG                                                                        35      0    15      0     0
               installazione e test prototipo (3 m.u.)
               Riunioni di collaborazione ed analisi EPSI al CERN,
PI             meeting P326 al CERN, meeting annuale fuori               105      0    49      0     0
               CERN, partecipazione a conferenze internazionali
               Partecipazione al working group sui photon veto
               Partecipazione ai test di vuoto dei componenti dei
RM1                                                                       15      0    7.5     0     0
               photon veto al CERN Partecipazione ai meeting di
               collaborazione e conferenze
RM2.Dot        Viaggi Cern                                                 2      0    3.5     0     0




                                                                                                                                      Pag 28/99
               Riunioni collaborazione, presentazione risultati ->2
TO                                                                         22.4      0 11.5      0     0
               m.u. x 2.6 fte = 5.2 m.u. e assumendo kE 4.3/m.u ->
P326           Totale per il capitolo di spesa                            254.6      0   151    25     0

Materiale di Consumo
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                             Ass   Asj   AsD                        Commento
                                     Descrizione                          Ric.     sj
FE             Metabolismo                                                 7.5       0     9     0     0
               Metabolismo                                                  10       0   7.5     0     0
               6 Finestre di Quarzo per il prototipo                       2.5       0   2.5     0     0

FI                                                                                                        Ass+SJ comprensivo di tutte le voci equivalenti
               Pool Elettronico (materiale Cagliari)                       1.8       0     6     8     0 delle altre sezioni. SJ alla presentazione delle
                                                                                                         fatture
               Totale per la sezione                                      14.3       0    16     8     0
LNF            Metabolismo                                                 3.3       0     3     0     0
               Beam splitter, attenuatori, accoppiatori in fibra, fibre
               in quarzo, scintillatore e fibre WLS per tests delle
NA                                                                          14       0   4.5     5     0   SJ ad una presentazione più dettagliata del sistema
               performance temporali delle tiles "low cost"
               utilizzando il laser UV disponibile in Sezione.
               metabolismo (5K euro) test fotorivelatori e test
PG                                                                          15       0     8     0     0
               prototipo (6K euro) affitto pool elettronico (4k euro)
               Metabolismo                                                  24       0    18     0     0
               Fibre Wavelength shifter, Piombo, scintillatore per
PI                                                                           7       0     0     4     0   SJ alla decisione sul prototipo finale
               prototipo (All.1 in EC2a)
               Totale per la sezione                                        31       0    18     4     0
               Test di materiale (scintillatore, wrapping, fibre a
RM1            spostamento di frequenza, fibre scintillanti, colle         4.5       0     3     0     0
               ottiche, ecc.)
RM2.Dot        Fabbricazione circuiti stampati (4 schede)                  2.5       0     5     0     0   comprensivo di tutte le voci
TO             Metabolismo                                                   4       0     4     0     0
P326           Totale per il capitolo di spesa                            96.1       0 70.5     17     0

Materiale Inventariabile
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                             Ass   Asj   AsD                        Commento
                                     Descrizione                          Ric.     sj
               2 PC con prestazioni di I/O elevate, 2 interfacce
PI             Ethernet 10 Gb/s, 2 Interfacce Infiniband (All. 2 in         20       0    10     0     0
               EC2a)
RM2.Dot        2 PC ad alte prestazioni con PCIexpress                       3       0     3     0     0
P326           Totale per il capitolo di spesa                              23       0    13     0     0

Costruzione Apparati
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                             Ass   Asj   AsD                        Commento
                                     Descrizione                          Ric.     sj
PG             Prototipo: PMT, basi, cavi HV                                26       0    26     0     0
               Costruzione stampo per scintillatore prototipo (All. 1                                       Comprensivo delle due voci e SJ alla realizzazione
PI                                                                          25       0     0    25     0
               in EC2a)                                                                                    del prototipo di veto finale
P326           Totale per il capitolo di spesa                              51       0    26    25     0




                    20. MEG - A. Baldini
                   Baldini presenta lo stato dell’esperimento con particolare attenzione alle attività di
                   responsabilità italiana.
                   Per ciò che riguarda il criostato, attualmente in fase di costruzione presso la ditta
                   SIMIC (CN), è stato risolto il problema delle saldature ma purtroppo anche il test del
                   secondo honeycomb della finestra sottile fredda non è andato a buon fine. F. Raffaelli


                                                                                                                                       Pag 29/99
  si sta occupando di progettarne un terzo che non presenti i problemi di rottura dei due
  precedenti. La SIMIC reclama a questo punto un costo aggiuntivo per la produzione
  delle finestre sottili legato al ritardo nella fornitura dell’honeycomb. È stato invece
  provato con successo il bersaglio a idrogeno liquido già finanziato dalla Commissione.
  La componente di Tokyo dell’esperimento ha assicurato il finanziamento del 50% del
  sistema di introduzione dei protoni all’interno dell’esperimento, per la calibrazione del
  calorimetro elettromagnetico. Il PSI acconsente inoltre, con un documento scritto,
  all’utilizzo dell’area adiacente la sala sperimentale di MEG per il posizionamento
  dell’acceleratore di protoni. Si torna quindi a chiedere, come preventivato a luglio, lo
  sblocco dei 10 K€ di costruzione apparati SJ a Pisa e l’assegnazione di ulteriori 35 K€
  per la realizzazione del sistema di introduzione dei protoni in MEG.
  Viene successivamente illustrato lo stato di avanzamento della costruzione del timing
  counter, del sistema di splitter e del trigger. L’elettronica è già stata installata in
  esperimento mentre il timing counter sarà installato ad inizio ottobre. Si pensa di
  iniziare una presa dati dell’esperimento ad ottobre senza il calorimetro a xenon liquido,
  che sarà consegnato presumibilmente a dicembre. La presa dati completa comincerà
  nell’aprile 2007. Baldini illustra infine una possibile strategia per l’analisi dati che
  richiede la maggior parte della potenza di calcolo concentrata al PSI. La componente
  svizzera sta richiedendo il necessario finanziamento, si ritiene con buone probabilità di
  riuscita. Le varie sezioni italiane richiedono unicamente il necessario per compiere
  l’analisi finale delle n-uple prodotte al PSI.
Ferroni esprime preoccupazione per il fatto che ad occuparsi del problema del
criostato sia l’Ing. Raffaelli di Pisa, già impegnato in moltissime altre attività nella
sezione di Pisa, ed invita la collaborazione a prendere in considerazione questo
potenziale problema.

   21. MEG Referee – P. Cenci
  Cenci presenta la relazione dei referee di MEG. È in corso un’intensa attività per
  completare la costruzione e l’assemblaggio del rivelatore e per effettuare test su fascio.
  Entro fine anno si prevedono conclusi il commissioning della linea di fascio e di metà
  delle camere a deriva assieme al Timing Counter, e l’integrazione completa del trigger
  con l’elettronica di lettura e di acquisizione dei dati. Nel 2006 è stato messo a
  disposizione dell’esperimento tempo macchina per 7 mesi circa, a partire da aprile Un
  engineering run è previsto a fine anno, senza calorimetro elettromagnetico e con metà
  delle camere a deriva. La presa dati con il rivelatore completo è rinviata al 2007. Il
  ritardo sul calorimetro è dovuto principalmente al ritardo di consegna del criostato: un
  finanziamento inatteso è necessario per la copertura di costi imprevisti nella
  costruzione. In fase conclusiva il test di tutti i PM del calorimetro, sia sul banco di
  prova a Pisa, che nel Large Prototype. Completato con successo a Pisa l’assemblaggio
  e il test del bersaglio a idrogeno liquido. Ben definite e messe a punto le procedure per
  la calibrazione e per il monitor del calorimetro, con diversi metodi. La consegna
  dell’acceleratore C-W è anticipata a maggio 2007; è stata definita in un memorandum
  con il PSI la sua collocazione vicino al rivelatore, in accordo alle richieste
  dell’esperimento. E' stato presentato un modello di calcolo dettagliato, in cui al PSI
  vengono fatte calibrazioni e pre-analisi; l’analisi finale sarà effettuata nelle varie sedi.
  Se le risorse necessarie non crescono significativamente non si ritiene strettamente
  necessario che queste vengano inserite in un'infrastruttura di sezione, anche se in
  principio sarebbe conveniente. E' stato chiesto al PSI di farsi carico totalmente delle
  risorse necessarie per l'analisi, Monte Carlo incluso: la risposta è attesa entro fine
  ottobre e sarà quasi certamente positiva. I criteri per le assegnazioni nel 2007 tengono
  conto del fatto che verranno completati costruzione, assemblaggio e commissioning del
  rivelatore e avrà luogo il primo run di fisica dell’esperimento. I referee esprimono




                                                                                         Pag 30/99
                   parere sostanzialmente favorevole sulla attività svolta, auspicando che i problemi di
                   costruzione del criostato e di interazione con la ditta siano definitivamente risolti.
               C’è una disputa con la ditta per il criostato per capire quali siano state le cause dei
               problemi riscontrati. A fronte del costo finale stimato dalla ditta che sembra essere
               37k€, vengono assegnati solo 35k€ aggiuntivi 2006 con la raccomandazione che
               prima di pagare vi sia una contrattazione dall’esito chiaro con la ditta per assicurarsi
               che la produzione del criostato sia portata a termine senza ulteriori extracosti. Su
               domanda di Ferroni si specifica che questa assegnazione chiude la spesa. Su domanda
               di Dosselli si afferma che una simulazione completa agli elementi finiti della struttura
               meccanica era stata effettuata anche per la realizzazione della prima versione e che
               ora se ne sta portando a termine un’altra più dettagliata; si spiega inoltre che il
               problema più che l’assenza di una tale simulazione è stato il fatto che non si è potuto
               seguire con l’attenzione necessaria le fasi della costruzione presso la ditta; ora è
               previsto un programma per seguire i lavori alla ditta in modo molto più stringente.
               Ferroni dichiara che nonostante i vari problemi MEG procede bene, è uno degli
               esperimenti da cui ci aspettiamo ottimi risultati, e a nome della Commissione augura
               successo nel 2007.
               La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
               include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
                                                                             Ric.
     Sezione                                                                        Ass   Asj   AsD                         Commento
                                     Descrizione                      Ric.    sj
               Riunioni italiane per analisi Roma, Lecce, Pisa,                                        1.8 fte + 1 tecnico arrotondato a 2 fte; assegnati
GE                                                                       5      0     3     0     0
               Pavia                                                                                  1.5k x fte
                                                                                                       1 fte + 4 tecnici: valutati 1.5 fte; assegnazione: 2ke
LE             Meeting in Italia                                         4      0     3     0     0
                                                                                                      x 1.5fte = 3.ke
                                                                                                       fte: 7.7 (arrotondato a 8) assegnazione: 8 fte x
PI             Riunioni italiane per analisi e viaggi spokesperson     12       0    11     0     0
                                                                                                      1.2ke = 10ke
PV             meetings e contatti in Italia.                            5      0   3.5     0     0   2.4 fte 2.4 fte x 1.5k = 3.5k
RM1.Dot        Meeting a Pisa, Pavia e Genova                            3      0     1     0     0   0.5 fte
MEG            Totale per il capitolo di spesa                         29       0 21.5      0     0

Missioni Estere
                                                                             Ric.
     Sezione                                                                        Ass   Asj   AsD                         Commento
                                     Descrizione                      Ric.    sj
                                                                                                       1 mu = 4.8keuro (6.0keuro x 0.8) run: 4 mu x 2 fte =
               Run dell'esperimento e meeting al PSI (4 mu / FTE                                      8 mu responsabilita` rivelatore: 1 mu Assegnazione
GE                                                                     50       0    30     0     0
               + 1 mu )                                                                               totale: 43.5ke totale; 70% subito (30ke) + 30%
                                                                                                      (13.5ke) sj a Pisa 30% s.j. a Pisa)
               Manutenzione Splitter                                   12       0   4.8     0     0   1 mu = 4.8ke
                                                                                                     1.5 fte x 4 mu = 6 mu; 6 mu x 4.8ke = 28.7 k
LE             Shift                                                   15       0 18.7      0     0 Assegnazione totale: 33.5, 70% subito (23.5ke),
                                                                                                    30% s.j. a Pisa (10ke)
               Totale per la sezione                                   27       0 23.5      0     0
                                                                                                     run: 4mu x 8fte = 32mu responsabilita`: 3mu
                                                                                                    (trigger, calorimetro LXe, calibrazione)
               Run dell'esperimento e meeting al PSI + presenza
PI                                                                    200       0   120 86.5      0 spokesperson: 1 mu Totale: 36 mu x 4.8ke = 173
               spokesperson (4 mu / FTE + 1 mu )
                                                                                                    ke, 70% subito (120ke), 30% s.j. (53ke) Totale s.j.=
                                                                                                    53ke (Pi)+ 13.5 ke (Ge) + 10ke (Le) + 14.5ke (Pv)
               montaggio Timing Counter, runs di presa dati al PSI,
                                                                                                       run: 4 mu x 2.4 fte = 10 mu (48ke), 70% subito
PV             meetings di collaborazione + responsabilita'            50       0 33.5      0     0
                                                                                                      (33.5k), 30% s.j. a Pisa (14.5ke)
               coordinamento software del Timing Counter.
RM1.Dot        3 mesi/uomo al PSI                                      27       0    10     0     0   4 mu x 0.5 fte = 2 mu
MEG            Totale per il capitolo di spesa                        354       0   217 86.5      0

Materiale di Consumo


                                                                                                                                      Pag 31/99
                                                                              Ric.
     Sezione                                                                         Ass   Asj   AsD                        Commento
                                   Descrizione                         Ric.    sj
GE             Metabolismo e inter-calibrazione fisica TC LXe           10       0     8     0     0   metabolismo 1.5ke x fte: 3k running costs: 5ke
                                                                                                       metabolismo: 1.5ke x 1.5fte = 2.25ke running cost:
LE             Manutenzione Splitter                                      8      0     5     0     0
                                                                                                       2.75ke
               Metabolismo di criostato + trigger + acceleratore (20                                    12ke: metabolismo (1.5ke x 8 fte) 30ke: running
PI                                                                      60       0    42     0     0
               K€ciascuno)                                                                             cost per trigger, calorimetro, calibrazione
                                                                                                       metabolismo: 2.4 fte x 1.5ke = 3.6 ke running cost:
PV             metabolismo                                                5      0     5     0     0
                                                                                                       1.4 ke
RM1.Dot        Metabolismo                                                2      0     1     0     0   0.5fte x 1.5ke
MEG            Totale per il capitolo di spesa                          85       0    61     0     0

Materiale Inventariabile
                                                                              Ric.
     Sezione                                                                         Ass   Asj   AsD                        Commento
                                   Descrizione                         Ric.    sj
GE             2 TB disco e 2 CPU dual-core per analisi end-user          8      0     0     8     0   s.j. a presentazione offerte definitive
               Oscilloscopio per sistema trigger                        10       0    10     0     0
PI             2 TB disco e 2 CPU dual-core per analisi end-user          8      0     0     8     0   s.j. presentazione offerte definitive
               Totale per la sezione                                    18       0    10     8     0
PV             2 TB disco e 2 CPU dual-core per analisi end-user          8      0     0     8     0   s.j. a presentazione offerte definitive
MEG            Totale per il capitolo di spesa                          34       0    10    24     0




                    22. LHCf - O. Adriani
                  Adriani presenta lo stato attuale dell’esperimento LHCf, composto da due calorimetri
                  separati (Arm1 e Arm2).
                  Arm1, realizzato con scintillatori plastici e tungsteno per la parte di misura dell’energia
                  e con un sistema di fibre scintillanti per la parte di misura del punto di impatto, è stato
                  interamente realizzato e assemblato in Giappone nel mese di luglio 2006, ed è stato in
                  seguito portato al CERN per un test su fascio.
                  Arm2, realizzato con scintillatori plastici e tungsteno per la parte di misura
                  dell’energia, e con un sistema di rivelatori al silicio per la parte di misura del punto di
                  impatto, è stato parzialmente assemblato a Firenze nel mese di Agosto (utilizzando un
                  modulo completo di rivelatori al silicio, secondo quanto concordato nelle milestone
                  INFN del 2006), e portato in seguito al CERN per il test su fascio insieme ad Arm2.
                  Il test, effettuato nella zona H4 dell’SPS, ha permesso la precisa calibrazione in energia
                  dei calorimetri, e un primo studio sulle prestazioni del modulo al silicio.
                  Sono stati presentati i primi preliminari risultati del test su fascio ed in seguito è stato
                  presentato il programma dell’installazione di Arm1 e Arm2 in LHC, che verrà
                  completata nell’autunno del 2007.
               Ferroni annuncia che Maurizio Biasini affiancherà Checchia come referee di LHCf.
               Nella composizione del Grey Book del CERN comparirà nel prossimo futuro Adriani
               come deputy spokesperson. Dosselli afferma che nella lista degli istituti compare
               anche il CNR; dato però che non partecipa in quanto Ente, e cioè con finanziamenti
               all’esperimento, va dunque eliminato dalla lista. Diverso è il caso delle Università
               italiane che figurano come tali grazie alla convenzione con l’INFN, ed attraverso di
               esso; una simile convenzione non esiste per il CNR, che ufficialmente non fa ricerca
               in fisica delle particelle.
               Checchia osserva che, guardando l’organigramma del management dell’esperimento,
               sembrerebbero esserci molte istituzioni rappresentate che non danno un contributo
               finanziario significativo, e chiede spiegazioni. Adriani risponde che ci sono alcune
               persone come Bill Turner, che ha una grande esperienza sulle problematiche legate ai


                                                                                                                                    Pag 32/99
               luminometri e Hangenaur, che cura i contatti con le persone chiave del CERN per
               risolvere alcuni dei problemi tecnici, che sono state strumentali nei rapporti col CERN
               ed il cui ruolo è stato riconosciuto negli organigrammi.
               Comunque Adriani dichiara di avere in programma dei colloqui con lo spokeperson
               riguardo alla questione della rappresentanza, dove tutte queste perplessità verranno
               chiarite.
               Ferroni chiede se non si temono incidenti di fascio sul rivelatore all’inizio. Adriani
               spiega che la perdita del fascio nella zona dove il rivelatore è installato è virtualmente
               impossibile, e che inoltre l’esperimento è dotato di un manipolatore meccanico per
               mettere in sicurezza il rivelatore in casi di emergenza.

                    23. LHCf Referee – P. Checchia
                  Checchia si congratula con l'esperimento per la realizzazione del primo modulo di
                  silicio (milestone concordata e raggiunta al 100%) e per il montaggio di entrambi i
                  rivelatori (D1 e D2). Esprime anche apprezzamento per il primissimi risultati del test
                  sul fascio che sono stati elaborati in tempi molto brevi. Propone l'approvazione con
                  proposte finanziarie come da database. Comunica che è stato fatto un tentativo da parte
                  del Responsabile Nazionale di reperire il sistema di alimentazione per i moduli al
                  silicio presso altri esperimenti che li potessero avere come riserva. Dato che tale
                  tentativo non ha avuto conclusione positiva, propone l'acquisto del sistema stesso.
                  Le milestone concordate, a parte la produzione dei moduli di silicio entro febbraio 2007
                  sono fortemente dipendenti dai tempi dettati dalla macchina.
               La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
               include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
                                                                             Ric.
     Sezione                                                                        Ass   Asj   AsD                        Commento
                                    Descrizione                       Ric.    sj
                                                                                                       assegnazione calcolata + conguaglio per costi
CT.Dot         Riunioni collaborazioni Firenze                           2      0     1     0     0
                                                                                                      viaggio
FI             Riunioni di collaborazioni a Catania                      4      0   2.5     0     0   assegnazione calcolata
LHCf           Totale per il capitolo di spesa                           6      0   3.5     0     0

Missioni Estere
                                                                             Ric.
     Sezione                                                                        Ass   Asj   AsD                        Commento
                                    Descrizione                       Ric.    sj
CT.Dot         Installazione e commissioning (1 mese uomo)               5      0     2     0     0   eventuali ulteriori necessita` da sblocco s.j. indiviso
                                                                                                     6 m/u concessi con una parte s.j. all`effettivo
               Installazione e commissioning al CERN (6 mesi
FI                                                                     30       0    13    10     0 programma di installazione. s.j. comprensivo di
               uomo)
                                                                                                    eventuali necessita` di Catania
LHCf           Totale per il capitolo di spesa                         35       0    15    10     0

Materiale di Consumo
                                                                             Ric.
     Sezione                                                                        Ass   Asj   AsD                        Commento
                                    Descrizione                       Ric.    sj
CT.Dot         Consumi vari per laboratorio e metabolismo                1      0   0.5     0     0   assegnazione calcolata
               Metabolismo al CERN per installazione: materiale di
                                                                                                       Valutazione degli eventuali costi non quantificata
FI             magazzino, cavi, connettori, interventi di personale    20       0    10    10     0
                                                                                                      con precisione. S.J. alle effettive necessita`
               divisione TS/LEA etc.
LHCf           Totale per il capitolo di spesa                         21       0 10.5     10     0

Costruzione Apparati
                                                                             Ric.
     Sezione                                                                        Ass   Asj   AsD                        Commento
                                    Descrizione                       Ric.    sj
FI             Sistema di alimentazione per moduli al silicio: 1      24.5      0 24.5      0     0   concessa in mancanza di materiale utilizzabile da




                                                                                                                                   Pag 33/99
       crate SY2527: 9600 Euro; 1 scheda HV A1512 12                              altri esperimenti (es. spare CMS)
       canali 500 Volt (100uA/1mA): 4800 Euro; 2 schede
       LV A1518B 6 canali (4.5V, 6 Amp): 9900 Euro.
LHCf   Totale per il capitolo di spesa                    24.5   0 24.5   0   0




                                                                                                             Pag 34/99
19 Settembre 2006 – Pomeriggio


   24. CMS: Stato dell’esperimento - G. Tonelli
  Tonelli presenta lo stato attuale generale dell’esperimento. Il magnete di CMS è stato
  collaudato fino ad un campo di 4T. Nel Febbraio il magnete ha raggiunto la sua
  temperatura operativa di 4 ºK, in agosto è stata fatta circolare corrente fino al valore
  nominale di 20kA corrispondente ad un campo di 4T. Per alcuni giorni il magnete è
  stato operato a 3.8T e si sono presi dati con cosmici (MTCC) usando camere a deriva
  ed RPC del barrel come trigger. In 5 giorni sono stati registrati circa 5M di eventi con
  una efficienza globale di DAQ intorno al 90%. Il test di uno spicchio completo di CMS
  (rivelatore per muoni, calorimetria e tracciatura) è risultato estremamente utile per
  mettere a punto le procedure di installazione di ECAL e tracciatore, qualificare il
  software per la gestione della presa dati e fare esercizi preliminari di sincronizzazione,
  calibrazione ed allineamento dei vari sottosistemi.
  La costruzione e l’installazione di CMS procede a ritmo sostenuto. Complessivamente
  è stato installato oltre il 70% del rivelatore per muoni ed è stato effettuato il
  commissioning di una frazione globale superiore al 60%.
  La qualità globale risulta eccellente, con difettosità complessiva inferiore al 1%.
  Per quanto riguarda ECAL, sono stati consegnati circa il 90% dei cristalli e sono stati
  assemblati il 70% dei supermoduli. Procede in parallelo la calibrazione dei
  supermoduli: 4 sono stati testate su fascio ed 11 hanno completato la calibrazione con
  cosmici.
  La costruzione del tracciatore si avvia rapidamente alla conclusione. Il TIB/TID+ è
  stato consegnato al CERN in Giugno mentre nel mese di settembre è previsto il
  completamento dell’integrazione della parte ‘backward’. Il 77% delle rod sono state
  integrate nel TOB, la TEC+ è stata completata ad Aachen e verrà trasportata al CERN
  in Ottobre. L’integrazione della TEC- è in corso al CERN; attualmente sono stati
  inseriti il 70% circa dei petali. L’integrazione finale del tracciatore è prevista iniziare
  alla fine di Ottobre con l’inserimento del TIB/TID+ nel TOB+ ed essere completata
  entro la metà di gennaio 2007. L’installazione del tracciatore in CMS è prevista per
  giugno dell’anno prossimo.
  In parallelo è iniziata la produzione di moduli e ‘placchette’ del rivelatore a pixel la cui
  installazione in CMS è prevista per la primavera del 2008. Nel run pilota di fine 2007
  sarà installato nel tracciatore solo un settore del rivelatore a pixel (barrel e forward).
  È stata approvata una nuova schedula di installazione dell’esperimento che prevede il
  calo della ruota centrale a gennaio 2007. Le parti più critiche della schedula sono il
  cablaggio di YB0 e l’installazione di ECAL e del tracciatore compresa la connessione
  finale ed il commissioning ‘in-situ’.
  In preparazione del pilot run si sono registrati notevoli progressi nel computing
  (conclusione positiva di SC4) e nella fisica (Physics TDR ed avvio di CSA06). Su
  questi temi si concentrerà il grosso dello sforzo della comunità italiana nei prossimi
  mesi a partire dall’imminente workshop sul commissioning di CMS. A rafforzare il
  nostro ruolo in questo ambito si è unito recentemente a noi un nuovo gruppo di Torino
  il cui impegno principale sarà lo studio della fisica in avanti in generale e diffrattiva in
  particolare.
Ferroni annuncia che Tonelli sarà proposto come vice-spokesperson di CMS alla
collaborazione questa settimana. A Tonelli vanno le congratulazioni della
Commissione.
Dosselli si congratula poi con il gruppo italiano che ha contribuito in maniera
strumentale alla realizzazione del magnete di CMS, che è stata la più grande sfida
tecnologica dell’esperimento; Dosselli esprime a nome di tutto l’INFN il proprio


                                                                                         Pag 35/99
ringraziamento e apprezzamento per le persone coinvolte, che hanno fatto ben
figurare l’INFN a livello internazionale. L’INFN si congratula con i colleghi per
questo traguardo.

   25. CMS: DT – P. Zotto
   Zotto presenta lo stato della costruzione dei Drift Tubes di CMS. La produzione delle
   camere è terminata: tutte le camere da installare sono disponibili all’ISR. La maggior
   parte sono pronte per l’installazione, mentre solo una ventina sono in fase di
   preparazione e certificazione. È stata installata più della metà delle camere e il
   cablaggio su rivelatore è stato completato e verificato su due ruote. L’installazione in
   superficie sarà completata all’inizio del prossimo anno e quella in caverna entro
   Aprile/Maggio 2007. È stato operato il collaudo delle camere installate con verifiche
   puntuali di funzionamento di tutta l’elettronica, di rumore e di efficienze con raggi
   cosmici. I risultati sono stati ottimi e la frequenza di intervento è diminuita nel tempo
   coerentemente con l’individuazione progressiva dei singoli problemi.
   Tutta l’elettronica installata sulla camera è stata prodotta e l’elettronica esterna è a
   livello di prototipo. Tutte le schede sono state collaudate con esito positivo durante il
   test del magnete e si comincia ad avviare la produzione. C’è qualche preoccupazione
   per alcuni componenti obsoleti di cui abbiamo solo una piccola quantità di riserva, e
   per il piano di consegna del sistema di bassa tensione che è marginale se confrontato
   con quello generale di installazione di CMS.
   Il test del magnete, oltre ad avere permesso il collaudo delle schede di elettronica, ha
   anche dato la possibilità di effettuare un test approfondito dello stato delle infrastrutture
   di calcolo e distribuzione dati e degli strumenti di analisi disponibili. Il sistema ha
   dimostrato di essere ampiamente flessibile, stabile e affidabile.
Nel progettare il sistema DSS, che consente lo spegnimento contemporaneo di mezza
ruota, il gruppo CERN ha imposto l’utilizzo di un tipo di cavi che è risultato
incompatibile con quelli previsti dal progetto originario del gruppo italiano e che
erano già stati acquistati. Ferroni afferma che se il piano di lavoro approvato in
origine prevedeva esplicitamente l’utilizzo dei cavi già acquistati, e se i cavi sono stati
ora cambiati senza consultare il gruppo italiano con un tipo incompatibile con il
sistema a suo tempo approvato, la collaborazione avrebbe dovuto chiedere che questo
aspetto fosse seguito da chi si era reso responsabile del problema. Zotto, pur
concordando con la critica di Ferroni, afferma che in realtà, non si trattandosi di una
spesa aggiuntiva significativa, il gruppo italiano preferisce mantenere il controllo sul
modo di risolvere il problema.

   26. CMS: RPC – A. Colaleo
   Colaleo presenta lo stato della costruzione, installazione e collaudo degli RPC. La
   produzione e il test delle singole e doppie gap è terminata. La produzione e test delle
   ultime 22/480 camere termina in Ottobre. 412 camere sono state accettate presso il sito
   di test dell’ISR, mentre 32 devono essere testate per la prossima installazione. Le
   prestazioni delle attuali 420 camere testate all’ISR sono soddisfacenti.Il
   commissioning delle camere installate è stato completato sulla W+2, W+1 e sulla W0
   (esclusi i settori 4-5): 5 board e 3 connettori di HV sono state sostituite in loco, 2
   camere         sono        state      sostituite.      Un’intensa          attività      di
   accoppiamento/installazione/commissioning è prevista per fine anno. Il MTCC
   costituisce un importante test di tutta la catena di trigger/DCS/DSS e di lettura del
   rivelatore. Nella fase 1 sono stati implementati differenti tipi di trigger con elettronica
   differente (RBC e TB), ben sincronizzati fra loro e con altri sottosistemi. Il sistema
   DCS ha funzionato bene. Il sistema LV è stabile. La CAEN sta indagando alcuni
   problemi di instabilità e mis-calibrazione dei moduli di HV, non presenti durante


                                                                                           Pag 36/99
   precedenti test in laboratorio. DQM e event display hanno consentito un’analisi
   preliminare dei dati. Nella fase 2 è previsto il test dell’intera catena di elettronica di
   trigger e integrazione nel global DAQ.
   Sono in corso test di fattibilità del sistema di gas monitoring: sviluppo di nuova
   elettronica e test su RPC di recupero. Il sistema di ricircolo è utilizzato all’ISR,
   rigenerazione ogni 20 giorni e campioni dei filtri sono analizzati prima della
   rigenerazione. Ci sarà un test esaustivo del sistema all’ISR e alla GIFnel 2007.
   I cavi tra il rivelatore e rack è realizzato per 40 %. I cablaggi della W0 sono previsti in
   Novembre È niziato il cablaggio underground. La produzione dei moduli RBC sarà
   completata nel 2006. Un crate Sorter è stato prodotto e testato, sono in produzione i
   moduli spare.
Di Ciaccio domanda come mai si siano tenute per molti giorni le camere accese con
temperature di 24 gradi. La risposta è che avendo una sola camera una corrente
estremamente bassa e stabile ed essendo questo indice di buona salute, non si è
ritenuto necessario spegnere; Colaleo aggiunge anche che in realtà la camera è rimasta
accesa solo per due giorni.
Ferroni commenta circa gli studi approfonditi per il sistema di ricircolo del gas
(closed loop), chiedendo a Santonico chiarimenti sullo stato dell’analogo sistema di
ATLAS. Santonico risponde che negli studi fatti da ATLAS durante il periodo della
GIF non è stato possibile usare il closed loop, ma che ATLAS è molto interessata a
portare avanti test simili ed auspica che questi siano fatto in stretta collaborazione con
CMS. Paolucci propone di formalizzare l’auspicio in un’azione della CSN1 che si
deve quindi aspettare a Novembre un rapporto circa i piani di questi test. Darbo
contribuisce dicendo che i finanziamenti su questi soggetti rimarranno SJ fino a
quando il progetto non si delinei in maniera compiuta. Iaselli afferma che c’è interesse
anche da parte CERN che metterebbe a disposizione un fellow a seguire questi test.

   27. CMS: ECAL - M. Diemoz
   Diemoz presenta lo stato del calorimetro elettromagnetico.
Dosselli chiede quando si pensa che il calorimetro sia completo. Diemoz ricorda che
bisogna risolvere ancora il problema dei 5500 cristalli che la Russia ha promesso in
kind e che invece non ha dato. Risolvendo questo problema si afferma che il
calorimetro sarà pronto per il run di fisica dopo il Maggio 2008.

   28. CMS: Tracker - E. Focardi
   Focardi presenta lo stato della costruzione del tracciatore di CMS. L'attività di
   integrazione moduli sui semigusci e sui dischi è stata completata in Italia in agosto. I
   centri di integrazione hanno integrato ~4000 moduli con questa suddivisione: Firenze
   10 di 16 semigusci del barile interno, Pisa 6 di16 semigusci e Torino 6 dischi.
   La metà del barile interno positiva è stata ultimata in maggio e nella prima metà di
   giugno è stata sottoposta ad un test completo nella stazione di burn-in allestita nel
   laboratorio INFN di S. Piero a Grado; sono stati acquisiti anche eventi da raggi cosmici
   che hanno permesso di vedere il funzionamento del sistema in condizioni operative.
   Questa prima metà è stata trasportata al CERN a metà giugno. Dopo un controllo di
   ricezione dei vari settori del rivelatore è stata effettuata una sistemazione dei servizi in
   modo da soddisfare le dimensioni stabilite. Tale lavoro è stato ultimato in questi giorni.
   Nel frattempo è in corso di preparazione la sistemazione dei servizi finali (tubi di
   raffreddamento + cavi elettrici) in modo di anticipare il lavoro necessario alla
   sistemazione di tali servizi dopo l'inserzione del TIB/TID+ nel barile esterno (TOB+)
   che avverrà verso la fine di ottobre. per quanto riguarda lo stato di avanzamento
   dell'integrazione della seconda metà (TIB/TID-) sono in corso gli ultimi controlli in


                                                                                          Pag 37/99
camera climatica del layer 1, quello più interno, mentre è in corso l'inserzione del layer
2 nei layer 3-4. Per quanto riguarda la preparazione dei dischi interni sono in corso le
lavorazioni del cilindro di servizio che alloggia tali dischi. Nel corso della settimana
prossima saranno inseriti i 3 dischi nel cilindro di servizio. Di notevole effetto è il
confronto tra il tempo impiegato per l'integrazione dei moduli sulle strutture nella caso
della prima e della seconda metà. Per il TIB/TID+ sono stati impiegati 380 giorni; per il
TIB/TID- 120 giorni. Durante l'integrazione si sono verificati vari problemi:
disponibilità di componenti di ricambio, sostituzione di componenti difettosi;
danneggiamento durante l'integrazione.
la fase di burn-in delle strutture ultimate si è mostrata dare utili informazioni, in
particolare sono stati individuati gli eventuali problemi di comunicazione, sono state
fatte prove a -25 ºC. Per quanto riguarda la consegna del sistema di alimentazione, la
CAEN ha consegnato tutte le A4601H, mentre si aspettano ulteriori campioni dei
moduli di alimentazione di controllo A4602. Per quanto riguarda i cavi, ~350 cavi LIC
sono stati prodotti con lo scopo di utilizzarli al test del tracciatore prima di scendere al
pozzo. In questi giorni, dopo il test di consumo di un tipico rack equipaggiato con 5
crate riempiti di moduli CAEN, sono stati rilasciate le lunghezze dei cavi per la parte +;
ciò permetterà una certa continuità di produzione. Il barile esterno ha completato la
costruzione e si sta preparando il test di una settore di questo apparato. I dischi in
avanti stanno procedendo secondo la pianificazione: TEC+ è completata in Aachen e
sarà trasportata al CERN durante la settimana prossima. L'integrazione del TEC- presso
la TIF è al 63% dei moduli montati.
Sempre nella tracking facility, sarà fatta la prova di questo disturbo e verranno prese in
considerazione situazioni operative in cui SST (Silicon strip Tracker)sarà sottoposto
alla prova di acquisizione di raggi cosmici. Grande successo ha riportato l'esperienza
fatta con l'inserzione di parte di tracciatore nel test della bobina che è stata effettuata in
questi giorni a Ginevra. I risultati mostrano come sia possibile utilizzare in maniera
relativamente facile questo tipo di rivelatori. Sono stati visti i primi eventi di raggi
cosmici in tutti i rivelatori di CMS partecipanti al test. È stata osservata una buona
stabilità dei piedistalli e del rumore nelle operazioni fuori e dentro CMS.
Per quanto riguarda la pianificazione, la seconda metà del TIB/TID sarà trasportata,
come previsto, nella seconda metà di Ottobre. Il completamento dell'inserzione delle
atre parti nel tubo di supporto del tracciatore è prevista prima del prossimo Natale.
Successivamente sarà effettuato un test a settori dell'apparato che permetterà di provare
~ 25% del rivelatore. tale operazione sarà completata in primavera '07, con
l'installazione in CMS prevista nel corso del mese di Giugno '07.
Il gruppo di Milano, partecipa all'attività di costruzione del rivelatore a Pixel in avanti;
in particolare si occupa del running dei test su fascio, del test dei ladder in costruzione
e di attività software. I risultati di questi test sono molto soddisfacenti, si ottengono
risoluzioni spaziali al disotto di 10 µm. Nel 2007 è prevista la partecipazione al pilot
run inserendo ~5% del rivelatore a pixel; sarà ultima entro l'estate la partecipazione al
test delle ladder. Proseguirà l'attività software su allineamento e sarà utilizzato il nuovo
software importato in CMSSW.

29. CMS Referee – G. Darbo (*)
G. Darbo presenta la relazione dei referees di CMS, riassumendo e commentando la
situazione dell’esperimento. In particolare: molto positivo il test del solenoide che ha
raggiunto i 4 T per 1 ora, può essere operato stabilmente tra 3.5 e 4T. Il ritardo di ~2
mesi ha/avrà qualche impatto sulla schedule. Il Magnet Test Cosmic Challenge
(MTCC) ha permesso di far funzionare, per la prima volta, una fetta di molti rivelatori:
RPC, DT, HCAL, ECAL, TRK. La schedula di installazione molto stretta richiederà
manpower che si rifletterà in costi di mano d’opera straniera e missioni estere. La ruota
centrale del rivelatore (YB0 con calorimetro, solenoide e tracker) verrà calata nel pozzo
a Gennaio 2007. Il peso totale è di 2.5 Gg! Per quanto riguarda il software, il nuovo


                                                                                         Pag 38/99
framework è in fase avanzata d’implementazione, i data challenge (CSA06) procedono
speditamente, con buona partecipazione italiana Per completare CMS mancano fondi.
In particolare~5÷6 MSF per i cristalli e 1÷2 MSF per infrastrutture globali e slices di
DAQ. Ci sono alcune preoccupazione per i tempi di consegna dei power suppy della
CAEN. Ci sono pure aumenti dei costi da parte della CAEN, in particolare per gli
AC/DC converter a 48 V (MAO) usati nei sottosistemi del rivelatore. Darbo illustra
quindi i criteri generali usati per le assegnazioni di MI, ME e Consumi.
Missioni Interne (MI).
 Per le MI si è usato lo stesso parametro di 1 k€/FTE (dove negli FTE sono contati sia i
fisici che i tecnologi). Le missioni per costruzione sono state tagliate essendo le attività
d’integrazione per il TRK concluse ed essendo i contatti con la GT a livello di
metabolismo. Le missioni alla Casaccia sono state dimezzate rispetto al 2006
considerando un periodo di 6 mesi per il 2007. Per il Calcolo abbiamo considerato
alcune richieste per coordinamento e attività ai TIER2 e abbiamo lasciato un sj alla
sede del responsabile del Calcolo (MIB.EC). Un SJ dell’ordine del 20 % è stato
assegnato a PI per tutto CMS.
Missioni Estere (ME).
Per le ME si è proceduto ad un’analisi delle Attività che richiedono personale al
CERN. Alla Collaborazione CMS era stato chiesto di definire, mediante il riempimento
di un template distribuito dai referee, per ciascuna attività di ogni sottorivelatore il
numero di mesi uomo (mu) necessari. In tale template veniva richiesto d’evidenziare
anche le persone coinvolte nelle attività e d’indicare le responsabilità prese da
personale INFN e il tempo richiesto al CERN per svolgerle. Le richiese sono state
analizzate dividendo le Attività in 3 Task:
Task1: attività d’integrazione ed installazione del rivelatore
Task 2: attività di commissioning del rivelatore o istallazioni al di fuori dello stesso.
Task 3: attività relative al computing
Ai 3 Task sono state assegnate priorità diverse che hanno portato ad un taglio delle
richieste. Il task 1 è stato assegnato al 100%, il task 2 al 80% ed il task 3 al 30%. Le
responsabilità sono state valutate singolarmente e sono stati assegnati i mu ritenuti
necessari. Il metabolismo è stato portato a 1.3 mu/FTE per i fisici e 1 mu/FTE per i
tecnologi. Dal metabolismo sono stati sottratti i mu precedentemente assegnati ai Task,
alle Responsabilità ed ad eventuali contratti CERN mediante una formula che tenga
conto della sovrapposizione tra metabolismo e altre assegnazioni. Nella tabella sotto
sono mostrate le richieste (Neces.) e le assegnazioni proposte secondo i tagli effettuati.


(*) Si ribadisce che l’assegnazione aggiuntiva di 4000Euro su consumo per CMS-Si
Padova è stata approvata dalla Commissione ma per errore non inserita nel DB.




                                                                                       Pag 39/99
         Tasks in mu: Necessità/Normalizzazione - Responsabilità e Contratti CERN in mu
 Pesi              Task1 (mu)   Task2 (mu) Task3 (mu)      Resp. (mu)      Tot Contr.
 Sez.     Sez.07 Neces. Norm. Neces. Norm. Neces. Norm. Rich.      Ass. T+R+C CERN
     1   BA.RPC     25.0  25.0    6.0    4.8   4.0    1.2     4.0    4.0   35.0
     1   BA.SI      22.8  20.5   10.8    7.8   8.4    2.3     5.0    3.0   39.6     6.0
     1   BO         10.5   9.5   45.5   32.8  30.5    8.2   25.0    16.0   66.4
     1   CT         10.8   9.7    7.2    5.2   6.0    1.6      -       -   16.5
     1   FI         22.2  20.0   16.8   12.1   9.0    2.4      -       -   42.5     8.0
     1   GE            -     -     -      -      -     -       -     0.7     0.7
     1   LNF         7.0   7.0   10.0    8.0   2.0    0.6      -       -   15.6
     1   MIB.EC     20.0  20.0    3.0    2.4  14.0    4.2   24.0     5.0   31.6
     1   MIB.PIX    13.6   9.5    6.8    3.8  10.0    2.1     6.0      -   15.4
     1   NA         17.5  17.5    2.0    1.6     -     -      3.0    2.0   33.1    12.0
     1   PD.MU      27.3  24.5   23.8   17.1  15.0    4.1   12.0    11.0   56.7
     1   PD.SI      36.0  32.4     -      -   12.0    3.2      -       -   47.6    12.0
     1   PG         25.8  23.2     -      -   13.8    3.7     4.0    4.0   38.9     8.0
     1   PI         36.6  32.9   26.4   19.0  15.0    4.1   16.0     9.0 119.0     54.0
     1   PV         11.0  11.0     -      -    2.0    0.6      -       -   11.6
     1   RM1        16.5  16.5    5.0    4.0  11.0    3.3   39.5    12.0   35.8
     1   TO.EC      10.0  10.0    5.0    4.0   8.0    2.4     8.0      -   16.4
     1   TO.MU       4.0   3.6   18.0   13.0  16.0    4.3     6.0    1.0   33.9    12.0
     1   TO.SI      12.6  11.3    6.0    4.3     -     -       -       -   22.7     7.0
     1   TS          4.0   4.0    4.0    3.2   4.0    1.2   14.0     9.0   17.4
         Totale    333.2 308.2 196.3    143 180.7 49.54 166.5       76.7 696.5 119.0

 Pesi                Task1 (mu)   Task2 (mu) Task3 (mu)     Resp. (mu)            Tot Contr.
 Det.      Det.     Neces. Norm. Neces. Norm. Neces. Norm. Rich.   Ass.         T+R+C CERN
   0.7   PIX          13.6    9.5   6.8    3.8  10.0    2.1   6.0      -          15.4     -
   0.9   TRK         166.8 150.1   67.2   48.4  64.2   17.3  25.0   16.0         326.8  95.0
     1   ECAL         50.5   50.5  17.0   13.6  37.0   11.1  85.5   26.0         101.2     -
   0.9   DT           41.8   37.6  87.3   62.8  61.5   16.6  43.0   28.0         157.0  12.0
     1   RPC          60.5   60.5  18.0   14.4   8.0    2.4   7.0    6.0          95.3  12.0
     1   MAG            -      -     -      -     -      -     -     0.7           0.7     -
         Totale     333.2 308.2 196.3     143 180.7 49.54 166.5     76.7         696.5 119.0


Il metabolismo si aggiunge a quanto sopra e la proposta globale per ciascun rivelatore è
riassunta nella tabella sotto. Il SJ totale corrisponde al 14.1% ripartito sulle sedi del
rappresentante di ciascun sottorivelatore.


                           Richieste                 Tot ass + sj             Tot
           FTE07     Rich. k€/FTE       mu        k€   k€/FTE       mu      sj (k€)
PIX           8.7     180.4 20.736       4.6        91    10.5      2.72       11.5
TRK         101.4      2279   22.475      5.0     1258      12.4    3.23      179.5
ECAL         43.0       822   19.119      4.2      529      12.3    3.20       74.5
DT           59.7      1058   17.728      3.9      769      12.9    3.35      109.5
RPC          39.5       692   17.522      3.9      479      12.1    3.15       65.0
MAG           0.1         6       60     13.3        3      25.0    6.50
Tot.       252.4     5037                        3128      12.4     3.22        440

Consumi.
 Per i Metabolismi si è assegnato 1 mu/FTE (contando negli FTE sia fisici che
tecnologi). Tra i consumi specifici, le camere pulite sono state finanziate per un loro
funzionamento ridotto in base alle loro dimensioni:
4 k€ per camere piccole (m2<150)  BA, CT, PD, PG, TO
8 k€ per camere medie (150 < m2 < 300)  FI
15 k€ per camere grandi (m2> 300)  PI




                                                                                      Pag 40/99
La Collaborazione CMS aveva fatto richieste importanti di consumi per SLHC (346 k€)
e FP420 (6 k€). Nelle ristrettezze di bilancio del 2007 si è proposto di tagliarle
completamente e rivederle in tempi successivi.
MOF-A & B.
Per i MOF-A si è finanziata la richiesta scorporata dal contributo per “computer
professionals” che si propone di fornire in kind (tale cifra era stata richiesta 2 volte: nel
totale dei MOF-A su PI e come calcolo su MIB.EC). Per i MOF-B si è fatto un
referaggio valutando le richieste con i proponenti. In particolare si fa notare che:
DT: costi sono sotto controllo, diminuiti significativamente nel 2007 per conclusione
acquisizioni spare di operazione e per il non inserimento di spese di manutenzione che
appariranno l'anno prossimo;
ECAL: ottenuta quest'anno una descrizione dettagliata e aggiornata dei costi; la
revisione dei costi ha portato l'ammontare totale a regime da 1506 a 1284 kChF;
tuttavia i costi sono ancora elevati
TRK: Esaminati i dettagli dei conti, scorporati i PIXEL per i quali non abbiamo ancora
la richiesta di contributi.
RPC: costi a livello insostenibile; concordata con i referee una riduzione del 40%
Il risultato finale e riassunto nella tabella sotto.


                         Sezione   2006            RRB-2006-35                         2007
                                            Sharing Italy (kSF) Italy (k€)   Rich.     Ass.       Sj.       k€/FTE
MOF-A   (Calc)         MIB.EC                                                 174.0          -          -
MOF-A   (Senza Calc)   PI           530.0     14.5%     1206.0      804.0     935.0     500.0      280.0       3.1
MOF-B   TRK            PI           196.5     22.4%      598.4      398.9     386.0     145.0      145.0       2.6
MOF-B   ECAL           RM1          120.0     14.8%      223.0      148.7     150.0      75.0       75.0       3.5
MOF-B   DT             PD.MU         81.0                                       56.0     35.0       21.0       0.9
                                              30.0%      598.1      398.7
MOF-B   RPC            BA.RPC       120.0                                     225.0      80.0       80.0       4.1
MOF-B   TRI            BO             5.0      0.9%        4.3        2.9        5.0                 3.0




Infine si è deciso di mantenere circa un 50% di SJ per i MOF-B e in misura minore i
MOF-A in attesa di una verifica dei conti e dell’RRB del prossimo mese di ottobre. In
particolare si vuole che venga resa trasparente, prima dello sblocco del SJ, la
distinzione fra:
spare per costruzione: andavano inseriti in CORE
spare per operazione: riserva da tenere "in armadio" per sostituzioni immediate, vanno
finanziati una sola volta;
spese per riparazioni e contratti di manutenzione: da verificare a consuntivo sulla base
delle spese effettivamente sostenute;
spese per interventi straordinari: M&O-B o paga chi è responsabile? i costi determinati
come frazione dell'investimento iniziale andavano bene per una stima di massima del
profilo sul lungo periodo; ora vanno rivisti.
Costruzione Apparati e CORE.
Sono stati assegnati un totale di 1608.5 k€ di costruzione apparati (di cui 316 k€ in SJ).
Le assegnazioni principali sono:
TRK: Acquisto di MAO e relativi extracosti, extracosti relativi ai cavi, ultimi debiti per
i sensori.
ECAL: Costi per il centro INFN/ENEA della Casaccia più relativi costi per la
restituzione della struttura nelle condizioni ricevute più extracosto per le cooling box
per il quale era già stata avanzata una pledge letter da parte dell’INFN nei confronti
della Collaborazione CMS
DT: Costi di costruzione in parte dovuti a residui non rassegnati lo scorso anno
RPC: Completamento/miglioramento del sistema di monitoraggio purificazione del
sistema di gas e per il sistema delle basse tensioni con i relativi extracosti delle MAO.
Con le assegnazioni (incluso il sj) fatte in Commissione il CORE residuo a
disposizione di CMS ammonta a 0.68 MSF. La contingenza di 0.80 MSF è quindi



                                                                                              Pag 41/99
     parzialmente utilizzata. Nella cifra sopra non sono inclusi residui di Gare che sono stati
     riassorbiti dall’INFN. Il totale assegnato per il 2007 e 2006, prima delle modifiche fatte
     in chiusura di bilancio, è riportato nella tabella più sotto.
                            Sommario Assegnazioni 2007 (Inclusi Anticipi)

k€                           Richieste                              Assegnazioni
                 Rich.           sj         Tot.       Ass.        sj         Ant.        Tot.
MI                  582.3            2.5       584.8      281.0       56.0                   337.0
ME                4,988.9           48.2     5,037.1    2,688.0      440.0                 3,128.0
Cons.             2,963.2          225.0     3,188.2    1,398.0      754.0                 2,152.0
Trasp.               60.0            1.0        61.0       31.0         -                     31.0
Inv.                829.6          178.0     1,007.6       10.5       55.0         11.5       77.0
C.App.            1,484.0           10.5     1,494.5    1,292.5      286.0        242.0    1,820.5
Totale          10,908.0          465.2    11,373.2    5,701.0    1,591.0        253.5    7,545.5
                                               CORE     1,292.5      316.0           -    1,608.5



                                   Sommario Assegnazioni 2006
                                Assegnazioni 2006
                                   Richieste     Proposte
                 MI                        18.0           5.5
                 ME                        80.0         54.0
                 Consumi                  104.0         75.0
                 Trasporti                   5.0          5.0
                 Apparati                  95.2         86.0
                 Totale                   302.2        225.5

Ferroni solleva il problema del futuro delle camere pulite, domandando quale ne sarà
l’utilizzo futuro. Segue breve discussione su come meglio utilizzarle e sui costi di
mantenimento.
Su domanda di Ferroni si specifica che il 50% dei MOF-B sono stati messi SJ.
Dosselli parlando di MOF, argomento sul quale poi si tornerà ad ottobre nella
discussione sugli RRB, ricorda che è un problema molto serio. Morandin ha fornito le
proiezioni dei MOF che faranno agli RRB: la somma per tutti gli esperimenti è circa
21.7 M€ nel 2007 e saranno 35 M€ nel 2008. Queste cifre sono troppo alte rispetto ai
finanziamenti dell’Ente, e potrebbe verificarsi che l’INFN indicherà quanto si potrà
pagare di MOF, quella cifra sarà stanziata e poi le collaborazioni italiane ne trarranno
le conseguenze.
Ferroni trova che lo sforzo nel senso di moderare le necessità dei MOF e la richiesta
che questi fondi siano ben giustificati vada organizzato verso il CERN, per avere un
effetto, in quanto la componente italiana degli esperimenti è solo una delle tante. I
nostri rappresentanti nazionali devono esprimere la loro opinione chiaramente nelle
sedi opportune, tuttavia l’alleanza con altri enti deve essere aiutata nella discussione a
più alto livello tra omologhi nei vari enti finanziatori. Dosselli si dichiara d’accordo
con Ferroni. Tonelli dichiara che all’interno dell’esperimento è difficile operare molto
e Mandelli afferma che se si vuole cominciare ad intraprendere questa discussione
sarebbe opportuno dare un segnale già al prossimo RRB, anche se lui non vede altri
enti lamentarsi. Nelle collaborazioni i membri degli altri paesi non vedono di buon
occhio una riduzione dei MOF in quanto sono considerati una tasca importante da cui
attingere per risolvere i problemi degli esperimenti.
Dalla Torre apre una discussione sui mezzi di trasporto all’interno del CERN. Chiede
che si stabilisca una regola uniforme per tutti gli esperimenti su come trattare il
problema. Ferroni ricorda che ATLAS e CMS sono stati trattati nello stesso modo.
Bedeschi invece confronta questo dato con i gruppi che partecipano agli esperimenti
in USA dichiarando che questi gruppi non hanno mai avuto finanziamenti speciali su


                                                                                          Pag 42/99
           questa voce, ma piuttosto si è aumentato solo un po’ il metabolismo. Paolucci sostiene
           che vada garantita ciascuna sezione. Ferroni ricorda che per i laboratori negli Stati
           Uniti si ha un algoritmo semplice perché la situazione è uniforme. Al CERN è diverso
           perché ci sono alcune persone che devono andare lontano per recarsi in un
           esperimento ed altri no.
           Ferroni ricorda che gli esperimenti di LHC devono produrre una tabella con il
           dettaglio dei finanziamenti INFN versati distintamente tra core ed extra costi, ed in
           particolare quanto l’Ente ha già versato nel 2006 dei 4M€ che si era impegnato a
           versare a CMS.
           Segue una breve discussione sulle 2 slice mancanti, sulle 8 previste, del DAQ di
           CMS. CMS chiede che sia portato sui MOF, e quindi si dovrebbero pagare 100 k€ nel
           2007, 350 k€ 2008 e 300 k€ nel 2009. Ferroni propone tre alternative: Contribuire
           nella giusta proporzione di ciò che rimane del progetto, 2 slice, di cui sia chiaro il
           finanziamento delle 6 slice; aiutare ma chiedendo che il finanziamento sia effettuato
           sul capitolo core; non contribuire, visto che l’INFN non partecipa al DAQ.
           Quest’ultima alternativa è un atteggiamento di chiusura che andrebbe evitato.
           Passaleva ritiene che la prima proposta sia sensata, e che occorra però sapere prima
           chi finanzia il resto del progetto.
           Dosselli dichiara che, se la raccomandazione è che non si vuole pagare dei pezzi di
           hardware come MOF, allora sia necessario chiarirlo subito così da poter anticipare
           questo atteggiamento già alla prossima riunione dell’RRB, dichiarando che si vuole
           partecipare alla soluzione del problema purché il finanziamento sia conteggiato come
           extracosti di livello 3.
           Ferroni concorda dicendo che a ciò consegue che per finanziare il contributo si
           utilizzeranno gli 0.8 M€ di riserva sugli extracosti, e che quindi devono essere indicati
           nel capitolo conseguente. Morandin indica che questa soluzione presenta una
           difficoltà, perché lo scorporo da MOF a fondi comuni cambierebbe notevolmente il
           profilo di spesa dei MOF, creando potenzialmente problemi a qualche altra agenzia.
           Dosselli osserva che un’altra difficoltà nel mettere sui fondi comuni è che i questi
           sono già nella money matrix dei vari sottorivelatori; ne consegue che se siamo
           d’accordo ad approvare il finanziamento, e se non vogliamo usare i MOF, dovremmo
           entrare nel DAQ come subdetector . Diemoz afferma che ci sono delle contrattazioni
           in corso con altre agenzie di finanziamento per le rimanenti slice del DAQ.
           Segue una discussione sui MOF-B. Morandin dichiara che la collaborazione CMS
           richiede l’assunzione di due persone per il computing di servizio, la collaborazione
           italiana non trova candidati. Dosselli afferma che i colleghi di CMS devono trovare le
           persone per coprire i task che ci sono richiesti nell’ambito di quello che è già il nostro
           contributo in kind. Paganoni interviene per dire che la trattativa l’anno scorso era
           andata bene perché CMS ha già riconosciuto i task fatti dalla componente italiana.
           Quest’anno non vorrebbero farlo in quanto richiedono che le persone siedano
           materialmente al CERN.
           Diemoz interviene dicendo di avere iniziato una revisione dei MOF-B, facendo un
           esercizio per vedere oggi quello che servirà per l’ECAL nel 2007 e nella fase running;
           ci sono delle questioni opinabili, come ad esempio il peronale necessario per svolgere
           lavori di routine quotidiano, che quando svolto dai nostri tecnici, è pagato come
           missione estera, mentre altre agenzie si regolano in maniera diversa. Si discute se
           questo tipo di lavoro viene riconosciuto all’INFN come contributo.
           La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
           include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne



                                                                                              Pag 43/99
                                                                                   Ric.
     Sezione                                                                                  Ass    Asj       AsD                           Commento
                                    Descrizione                          Ric.       sj
BA.RPC         Metabolismo (1 kEuro per fte)                               15             0    15      0         0       1kE/FTE
BA.SI          Contatti fra le Sezioni e riunioni Nazionali                27             0    14      0         0       1kE/FTE
               riunioni di CMS Italia e viaggi per incontri della
               collaborazione DT e per il calcolo
BO                                                                         50             0    23      0         0       1kE/FTE
               (23,7+1,3)FTE*2settimane/FTE assumendo che
               1settimana(albergo+viaggio)=1KEur
               Riunioni CMS-Italia e Tracker-Italia (10 riunioni per
CT                                                                         15             0     9      0         0       1kE/FTE
               2 persone) e metabolismo
FI             Riunioni di collaborazione 2Ke x 14.3 FTE                   29             0    14      0         0       1kE/FTE
LNF            Metabolismo 1kE/FTE                                             8          0     9      0         0       1kE/FTE
               Metabolismo. Riunioni CMS Italia per
               coordinamento fisica. Riunioni dei gruppi italiani
                                                                           37             0    19      0         0       1kE/FTE
               ECAL, per sviluppi comuni su commissioning e
               calibrazione del rivelatore
MIB.EC         Supporto attivita' Tier2 di Roma                                8          0     4      6         0       sj per tutti i gruppi afferenti a Tier2 ECAL Roma1
               Responsabilità coordinamento nazionale calcolo (M.
                                                                               8          0     4      0         0
               Paganoni)
                Totale per la sezione                                      53             0    27      6         0
               Riunione dela collaborazione italiana e contatti fra i
MIB.PIX                                                                    18             0     9      0         0       1kE/FTE
               gruppi italiani
NA             Metabolismo (1 Keuro/FTE)                                  7.5             0     8      0         0       1kE/FTE
PD.MU          Metabolismo (1 keuro X 24.15 FTE)                           24             0    24      0         0       1kE/FTE
               metabolismo: riunioni di collaborazione, meetings
PD.SI                                                                      24             0    11      0         0       1kE/FTE
               software, commissioni scientifiche
               Partecipazione riunioni di computing,GRID e
                                                                               5          0     2      0         0
               sviluppo CRAB (D. Spiga e L. Servoli)
PG             Metabolismo per 16.3 FTE x 2ke. Riunioni Tracker
                                                                           33             0    16      0         0       1kE/FTE
               Italia. Riunioni CMS Fisica e software
                Totale per la sezione                                      38             0    18      0         0
               Riunioni di Collaborazione, Referees, Tracker
                                                                                                                         1kE/FTE per metabolismo PI, 50kE sj tasca per
PI             Management, Contatti con ditte italiane (2KE X              70             0    33     50         0
                                                                                                                         CMS Italia
               FTE)
PV             Metabolismo (1 kE/fe x 8.5 fe)                             8.5             0     9      0         0       1kE/FTE
               Centro Regionale INFN/ENEA 110*(4tecnici+1fisico)
                                                                           15             0    12      0         0       in linea con spese degli anni precedenti
               (6 mesi)
RM1
               metabolismo (riunioni CMS ECAL e CMS ITALIA)                20             0    15      0         0       1kE/FTE
                Totale per la sezione                                      35             0    27      0         0
               Riunioni con la collaborazione italiana (6.5 FTE * 1
                                                                          6.5             0     5      0         0       1kE/FTE
               keu) (2 FTE da ottobre 2006)
TO.EC
               Attivita' Tier2 a Roma                                          4          0     2      0         0
                Totale per la sezione                                    10.5             0     7      0         0
TO.MU          metabolismo per 12.2 FTE                                  24.4             0    12      0         0       1kE/FTE
TO.SI          Metabolismo per 3.5 fte                                         7          0     4      0         0       1kE/FTE
               Riunioni CMS-Italia, ECAL-Italia, Computing-Italia:         10             0     5      0         0       1kE/FTE
               Incontri di lavoro per coordinamento Computing:
TS                                                                             4          0     3      0         0
               (Belforte)
                Totale per la sezione                                      14             0     8      0         0
CMS             Totale per il capitolo di spesa                         477.9             0   281     56         0

Missioni Estere
                                                                                   Ric.
     Sezione                                                                                  Ass     Asj       AsD                           Commento
                                   Descrizione                          Ric.        sj
BA.RPC         Metabolismo (2 mese uomo per fte)                         140         0          60         0         0




                                                                                                                                                    Pag 44/99
                                                                                                  raggruppa le attività legate a installazione,
          Installazione commmissioning (15 mesi uomo)               72    0   100.5   50.5   0
                                                                                                 commissioning e software. Il sj è globale RPC
          responsabilità installazione e commissioning (10
                                                                    48    0     13      0    0   responsabilità
          Mesi uomo)
          Totale per la sezione                                    260    0   173.5   50.5   0
          Metabolismo (13,7 FTE x 2 m.u.)                          132    0     53      0    0
          Responsabilità calcolo                                    25    0     9.5     0    0
BA.SI     Partecipazione al Commissioning del tracciatore                                         raggruppa le attività legate a installazione,
                                                                  201.5   0    99.5     0    0
          (3,5 FTE + tecnici sempre presenti al CERN)                                            commissioning e software
          Totale per la sezione                                   358.5   0    162      0    0
          DT trigger electronics installation & commissioning                                     raggruppa le attività legate a installazione,
                                                                    57    0    153      0    0
          7mesi*2FTE                                                                             commissioning e software
          responsibilita': Coordinazione integrazione muon
          barrel e deputy P.M. (A.Benvenuti) 10mesi, HV,LV
BO        DCS resp.(P.Giacomelli) 4mesi, 3)Muon Trigger            101    0     49      0    0
          technical coordinator (M.DallaValle) 8mesi, 4)muon
          resource manager (F.L.Navarria) 3mesi
          metabolismo 25FTE*6settimane=37.5mesi                    152    0     86      0    0
          Totale per la sezione                                    310    0    288      0    0
          Riunioni di collaborazione al CERN e Metabolismo
                                                                    70    0     38      0    0
          (15 m.u.)
CT        Installazione e Commissioning del tracciatore al                                        raggruppa le attività legate a installazione,
                                                                   110    0    53.5     0    0
          CERN (24 m.u.)                                                                         commissioning e software
          Totale per la sezione                                    180    0    91.5     0    0
          Riunioni di collaborazione (CMS weeks, Tracker
                                                                   145    0     53      0    0
          Days,) 2 x 14.3 mesi uomo
FI        Installazione e Commissioning del rivelatore e                                          raggruppa le attività legate a installazione,
                                                                   180    0    105      0    0
          power supply: 36 mesi uomo                                                             commissioning e software
          Totale per la sezione                                    325    0    158      0    0
          Riunioni del Magnet Technical Board e riunioni
GE        specifiche del Coil Working Group(10 trasferte al          6    0     2.5     0    0   responsabilità magnete
          CERN)
                                                                                                  raggruppa le attività legate a installazione,
          Installazione e commissioning 7mu                         30    0     46      0    0
                                                                                                 commissioning e software
LNF
          Metabolismo 2 mu/FTE                                      71    0     34      0    0
          Totale per la sezione                                    101    0     80      0    0
          Metabolismo. Settimane di riunioni CMS e ECAL.
          Meeting ECAL/e-gamma, analisi cosmici; sviluppo          163    0     70      0    0
          software di ricostruzione; gruppi di lavoro di fisica
MIB.EC
          Responsabilità calibrazione ECAL con cosmici e                                          raggruppa le attività legate a installazione,
                                                                   52.8   0    14.5     0    0
          supporto alla presa dati (2 x 6 m.u.) (A. Ghezzi)                                      commissioning e software
          Totale per la sezione                                   215.8   0    84.5     0    0
          Meeting al CERN 1m*8.7u=8.7mu                            39.2   0     34      0    0
          Commissioning rivelatore a pixel per pilot-run e
MIB.PIX                                                             90    0    45.5    8.5   0   Il sj è globale PIX
          relative responsabilita': 10mu tecnico + 10mu fisico
          Totale per la sezione                                   129.2   0    79.5    8.5   0
          Installazione e commissioning (turni tecnici e fisici                                   raggruppa le attività legate a installazione,
                                                                   32.2   0     60      0    0
          presso l'ISR ed SX5)                                                                   commissioning e software
          Responsabilita' del sistema di cabling per gli RPC
NA
          (D. Piccolo) e relativi lavori di installazione 4        18.4   0     6.5     0    0   responsabilità
          mesi/uomo
          Totale per la sezione                                    50.6   0    66.5     0    0
          Metabolismo (24.15 FTE X 1 m.u. X 4,5 keuro)             108    0     89      0    0
                                                                                                  raggruppa le attività legate a installazione,
          Installazione (8 m.u.)                                    36    0    139     86    0
PD.MU                                                                                            commissioning e software. Il sj è globale DT
          Responsabilita' (Project Manager 3 m.u.,
                                                                   58.5   0    33.5     0    0   responsabilità
          resposabile PRS-MU 2 m.u., responsabile




                                                                                                                            Pag 45/99
        cablaggio racks 2 m.u., rappresentante DT nel
        trigger 2 m.u., workload manager 3 m.u.,
        responsabile software TIER2 LNL 1 m.u.) 13 m.u.
        Totale per la sezione                                         202.5   0    261.5    86    0
        metabolismo: riunioni al CERN, meetings, presa
                                                                        72    0      34      0    0
        dati 8 FE x 2 m/u
PD.SI   commissioning tracker: 1 fisico (+1 sj) permanente                                             raggruppa le attività legate a installazione,
                                                                        36    36   108.5     0    0
        al CERN                                                                                       commissioning e software
        Totale per la sezione                                          108    36   142.5     0    0
        Responsabilita` TIB Optohybrids/Optolink readout
                                                                        10    0     12.5     0    0
        (B. Checcucci) 2 mu
        Riunioni CMS weeks, TK days, CPT weeks:
        metabilismo 16.3 FTEx 2 mu (4 CMS weeks, 4                     145    0      63      0    0
PG      CPT weeks, 7 TK days meetings)
        Integrazione e Commissioning Tracker (40 mu)                                                   raggruppa le attività legate a installazione,
                                                                       180    0      85      0    0
        Vedi Allegato EC2a                                                                            commissioning e software
        Totale per la sezione                                          335    0    160.5     0    0
        Riunioni collaborazione e Management (2 M.U. X
                                                                       315    0     111      0    0
        FTE x4.5)
        Responsabilita’ Foa’, Castaldi, Tenchini, Bagliesi,
                                                                        60    0     27.5     0    0   responsabilità
        (Tonelli, Dell’Orso - solo viaggi)
PI
        Installazione e Commissioning al CERN: (5
                                                                                                       raggruppa le attività legate a installazione,
        fisici/ingegneri e 1.5 tecnici x 12 mesi) 78M.U. x 4.5         351    0    170.5   141    0
                                                                                                      commissioning e software. Il sj è globale TRK
        KE
        Totale per la sezione                                          726    0     309    141    0
        Metabolismo (1 mu/fe x 8.5 fe)                                  38    0      36      0    0
        Attività installazione e Commissioning presso SX5                                              raggruppa le attività legate a installazione,
PV                                                                     49.5   0      34      0    0
        (11 mu )                                                                                      commissioning e software
        Totale per la sezione                                          87.5   0      70      0    0
        Metabolismo per attivita' FTE senza specifiche
        responsabilita'(studi di calibrazione e analisi, studi
        installazione Super Moduli rivelatore dopo Tracker,             50    0      53      0    0
        attivita' qualifica e controllo cristalli cinesi, trasporto
        moduli ECAL)
        Responsabilita' software (Resp. software di base
        ECAL e resp. ricostruzione oggetti di alto                      36    0     35.5     0    0   responsabilità complessive
RM1     livello:e/gamma)
        Attivita' integrazione in P5 (superficie) e nel pit di
        CMS: inst. raffr. commiss. e monitor(Mi                                                        raggruppa le attività legate a installazione,
        8mu=35ke); inst. HV APD, cablaggio e                                                          commissioning e software solo di Roma1 (le altre
                                                                       142    0      70    58.5   0
        commiss.(RM 8mu = 35ke), inst. comiss. e test                                                 sezioni sono state assegnate a parte). Il sj è
        canali elettronica (To 8mu =35ke), inst., test e                                              globale ECAL
        commiss. Data Quality Monitor (Ts 8mu=37ke)
        Totale per la sezione                                          228    0    158.5   58.5   0
        Riunioni di collaborazione, ECAL, analisi dati test,
TO.EC   computing (2 mu * 6.5 FTE) (2 FTE da ottobre                    56    0      14      0    0
        2006) 1 mu = 4.3 keu
        metabolismo per 12.2 FTE (calcolato per 2mu/FTE
                                                                       110    0      45      0    0
        con diaria 4.5kE/mu)
                                                                                                       raggruppa le attività legate a installazione,
TO.MU   commissioning camere (4mu)                                      18    0     61.5     0    0
                                                                                                      commissioning e software
        responsabilita' ricostruzione CMSSW Bellan (8mu)                36    0       3      0    0   responsabilità
        Totale per la sezione                                          164    0    109.5     0    0
        Metabolismo per 3.5 fte (calcolato per 2 mu/FTE
                                                                       31.5   0       9      0    0
        con diaria 4.5 kE/mu)
TO.SI   Commissioning Tracker (calcolato per 20 mu con                                                 raggruppa le attività legate a installazione,
                                                                        90    0      46      0    0
        diaria 4.5 kE/mu) vedi allegato)                                                              commissioning e software
        Totale per la sezione                                         121.5   0      55      0    0
        Riunioni CMS, ECAL, Computing al CERN:
TS                                                                      45    0      18      0    0
        (metabolismo)




                                                                                                                                 Pag 46/99
               Responsabilita' al CERN, Computing co-
                                                                          46         0       27.5         0     0    9 m.u.
               coordinator: (Belforte, 10 m.u.)
               Responsabilita' al CERN, ECAL online monitoring:                                                       raggruppa le attività legate a installazione,
                                                                            9        0       25.5         0     0
               (Della Ricca, Gobbo, 2 m.u.)                                                                          commissioning e software
               Totale per la sezione                                     100         0        71          0     0
CMS            Totale per il capitolo di spesa                         4064.6       36 2537.5 344.5             0

Materiale di Consumo
                                                                                    Ric.
     Sezione                                                                                 Ass    Asj       AsD                        Commento
                                     Descrizione                         Ric.        sj
               Metabolismo (1.5 keuro per fe)                              22            0   26.5     0         0   metabolismo + consumi CERN
                                                                                                                     MOF-B da dettagliare 45 su C. Apparati Napoli
BA.RPC         MOF B (Dettaglio in documento a parte)                     225            0    60     55         0
                                                                                                                    (20+25 sj)
                Totale per la sezione                                     247            0   86.5    55         0
               Metabolismo del gruppo                                      27            0   25.5     0         0   metabolismo + consumi CERN
BA.SI          Mantenimento strutture e strumentazione                          5        5      4     0         0   camera pulita
                Totale per la sezione                                      32            5   29.5     0         0
               MOFB trigger Italia                                              5        0      0     3         0   RRB trigger 2006
               metabolismo 25FTE*1.5KEur                                  37.5           0    44      0         0   metabolismo + consumi CERN
BO             fibre ottiche di diverse lunghezze (da 1 a 150 m) e
                                                                                3        0      3     0         0   OK
               con diversi tipi di connettori
                Totale per la sezione                                     45.5           0    47      3         0
               metabolismo                                                 15            0    13      0         0   metabolismo
               Consumi per installazione e commissioning (auto
                                                                                7        0    4.5     0         0   consumi CERN
CT             CERN etc.)
               Mantenimento Camera Pulita                                       7        0      4     0         0   camera pulita
                Totale per la sezione                                      29            0   21.5     0         0
               Metabolismo 2Ke x 14.3 FTE                                  29            0   25.5     0         0   metabolismo + consumi CERN
FI             Manutenzione camera pulita                                  20            0      8     0         0   camera pulita
                Totale per la sezione                                      49            0   33.5     0         0
               Metabolismo 1.5kE/FTE                                       12            0   17.5     0         0   metabolismo + consumi CERN
               Consumo sistema gas monitor a Frascati                           5        0      4     0         0   OK
LNF
               Consumo diffrattometro e analisi SEM EDS                         3        0      2     0         0   OK
                Totale per la sezione                                      20            0   23.5     0         0
MIB.EC         Metabolismo                                                 37            0   32.5     0         0   metabolismo + consumi CERN
               Consumi metabolici: 2kEuro/u*8.7u                           18            0    13      0         0
               Consumi ad hoc per pilot-run, TIF, test-stand e test-
MIB.PIX                                                                    25            0      5     0         0
               beam
                Totale per la sezione                                      43            0    18      0         0
NA             Metabolismo (1.5*FTE)                                      11.3           0   15.5     0         0   metabolismo + consumi CERN
               affitto due auto CERN per andare a SX5                           9        0      9     0         0   consumi CERN
               MOF-B (59% di 126 kCHF)                                     56            0    35     21         0   MOF-B DT da dettagliare
PD.MU
               Metabolismo per 24.15 FTE (1.5 keuro/FTE)                  36.5           0    36      0         0   metabolismo
                Totale per la sezione                                    101.5           0    80     21         0
               metabolismo, maintenance laboratori 12 FE x 2
                                                                           24            0   21.5     0         0   metabolismo + consumi CERN
               keuro
PD.SI
               contratto minimo di manutenzione clean room                      5        0      4     0         0   camera pulita
                Totale per la sezione                                      29            0   25.5     0         0
               Contributo alla manutenzione ordinaria degli
                                                                                7        5      4     0         0   camera pulita
PG             impianti e strumenti della camera pulita
               Metabolismo di Gruppo 2 Ke x 16.3 FTE                       33            0   28.5     0         0   metabolismo + consumi CERN




                                                                                                                                                Pag 47/99
               Totale per la sezione                                         40          5    32.5           0     0
                                                                                                                        metabolismo, 150kE sj tasca di consumo per CMS
               Metabolismo (2KE/FTE)                                         70          0     50       150        0
                                                                                                                       Italia
               Consumi Installazione CERN 40 KE, Affitto 3
                                                                             49          0    13.5           0     0    consumi CERN
               camionette cern 3KE

PI             Clean rooms maintenance (Marzotto 15 KE, S.Piero
                                                                             30          0     15            0     0    camera pulita
               15 KE)
               Contributo MOFB                                              386          0    145 145              0    MOF-B tracker Italia, RRB 2006-35 senza pixel
               Contributo MOFA                                              935          0    230            0     0    include MOF-A computing 150 su C. Apparati
               Totale per la sezione                                       1470          0 453.5 295               0
               Metabolismo (1.5ke/fe x 8.5 fe)                               13          0    17.5           0     0    metabolismo + consumi CERN
PV             Gas Stazione di test Pavia                                         5      0         2         0     0
               Totale per la sezione                                         18          0    19.5           0     0
               metabolismo                                                   30          0    26.5           0     0    metabolismo + consumi CERN
               irragiamenti di controllo cristalli cinesi End Cap            30          0     25            0     0    produzione, come nel 2006
               MOF-B ECAL ITA (da confermare e dettagliare                                                           MOF-B ECAL Italia, RRB 2006-035, dettaglio non
                                                                            150          0     75        75        0
               dopo revisione in corso)                                                                              ancora definitivo
RM1
               spese convenzione ENEA                                        10          0     10            0     0    in linea con 2005 e 2006
               manutenzioni 3D + condizionamento camera
                                                                             10          0     10            0     0    in linea con 2005 e 2006
               oscura
               Totale per la sezione                                        230          0 146.5         75        0
               Metabolismo (FTE * 1.5 keu) (2 FTE da ottobre
TO.EC                                                                        10          0         7         0     0    metabolismo
               2006)
TO.MU          metabolismo (2ke/fte)                                        24.4         0     18            0     0    metabolismo
               Metabolismo (2 ke/fte)                                             7      0         6         0     0    metabolismo
TO.SI          Manutenzione camere pulite                                         5      0         4         0     0    camera pulita
               Totale per la sezione                                         12          0     10            0     0
TS             Spese di gruppo: (metabolismo)                                10          0         8         0     0    metabolismo
CMS            Totale per il capitolo di spesa                            2458.7        10   1108 449              0

Trasporti e Facchinaggi
                                                                                      Ric.
     Sezione                                                                                 Ass       Asj       AsD                       Commento
                                     Descrizione                           Ric.        sj
BA.RPC         Trasporti gap Colli- Cern                                      6          0     3         0         0
               spedizioni Bologna->CERN crates e boards con
BO                                                                            3          0     2         0         0   OK
               mezzo in affitto 4volte*0.7KE
LNF            Trasporti gas monitor system da Frascati a CERN                3          0     2         0         0
               2 Spedizioni relativi ai cablaggi per i 6 racks di HV in
                                                                              4          0     2         0         0
               control room dalla ditta CPE Milano al CERN
NA             1 spedizione dell'ultimo lotto di schede LV da Napoli
                                                                            2.5          0     1         0         0
               al CERN
                Totale per la sezione                                       6.5          0     3         0         0
                                                                                                                        Trasporto patch panel e schede in costruzione a
PD.MU          Trasporti di materiale al CERN                                 2          0     2         0         0
                                                                                                                       LNL
PI             Spedizioni DHL e trasporti Pisa-CERN                           2          0     2         0         0   OK
RM1            3 viaggi (contratto) mod calorimetro                         15           0    15         0         0   OK
TO.EC          Trasporto schede Motherboard                                   2          0     1         0         0
TO.MU          trasporto camera 1 spare vestita a Torino                      3          0     1         0         0
CMS             Totale per il capitolo di spesa                            42.5          0    31         0         0

Materiale Inventariabile
                                                                                      Ric.
     Sezione                                                                                 Ass       Asj       AsD                       Commento
                                     Descrizione                           Ric.        sj




                                                                                                                                                   Pag 48/99
BA.RPC         Miglioramento del sistema purificazione gas                30       0     0     30     0   sj a presentazione progetto. E` considerato CORE
               schede per sistema di test Alimentatori LV                   5      0     5      0     0   setup di test da realizzare
PD.MU          Intestatore di fbre ottiche portatile                        2      0     2      0     0   OK: serve al CERN per interventi sulle fibre
               Totale per la sezione                                        7      0     7      0     0
PD.SI          pompa turbo da 1000 l/m per linea SIRAD                    25       0     0     25     0   da valutare se possibile un confinanziamento
CMS            Totale per il capitolo di spesa                            62       0     7     55     0

Costruzione Apparati
                                                                                Ric.
     Sezione                                                                           Ass    Asj   AsD                        Commento
                                     Descrizione                         Ric.    sj
               quota CORE DT 2007                                         38       0    38      0     0   analizzatore per sistema di gas (CORE)
BO             parte di CORE DT 2005 non riassegnata                      28       0     0     28     0   s.j. a presentazione di dettaglio utilizzo
               Totale per la sezione                                      66       0    38     28     0
               acquisto 30 MAO, extra costi 50 MAO, revisione 700
                                                                         276       0   276      0     0   completamento ed extracosti MAO (CORE)
               schede A4601H
FI
               Cost to completion (extra-Core), relativo a cavi          131       0   131      0     0   extracosti (CORE)
               Totale per la sezione                                     407       0   407      0     0
                                                                                                           Keuro 5.0 dal sj: ( Ke). OK, 5 anticipati al 2006
               Completamento sistema gas monitor                          41       0    36      0     0
                                                                                                          (CORE)
LNF
               Sistema distrib. gas a SG5 CERN                              8      0     0      8     0   sj a dettaglio
               Totale per la sezione                                      49       0    36      8     0
               7 AC/DC 48 volts converter (MAO). Sistema
               condiviso con il gruppo del trigger di Varsavia che
                                                                                                          Keuro 23.0 dal sj: ( Ke). OK, 23 anticipati a 2006,
               compra a sua volta altri 7 MAOs. Spesa non                 35       0    12      0     0
                                                                                                          CORE
               contemplata nel gia' finanziato sistema di potenza
               ma gia' discussa con il GRI.
               7 filtri per la stabilizzazione dei MAO (control room).
               Spesa non contemplata nel sistema di potenza               10       0    10      0     0   OK, anticipabile a 2006, CORE
               (recupero gara HV di 27 KEuro)
               set di cavi di controllo e di servizio per il MAO.
NA             Spesa non contemplata nel gia' finanziato sistema          4.5      0    4.5     0     0   OK, anticipabile a 2006, CORE
               di potenza (recupero gara HV di 27 KEuro)
               installazione dei cavi di controllo e servizio dei MAO.
               Spesa non contemplata nel gia' finanziato sistema          5.5      0    5.5     0     0   OK, anticipabile a 2006, CORE
               di potenza (recupero gara HV di 27 KEuro)
               10 schede HV A3512N per il completamento del
               sistema minimale di HV (da verifica nell'ambito delle      35       0    35      0     0   OK, CORE
               priorita' del CORE)
               Totale per la sezione                                      90       0    67      0     0
               Contributo manodopera cablaggio rivelatore
                                                                          40       0    40      0     0   conclusione cablaggio, CORE
               (residuo 2005 non riassegnato)
                                                                                                           ulteriore produzione per scarti (~20 schede), CORE
               extra TRB phi (comprensivo di IVA)                         15       0    15      0     0
                                                                                                          12.5kE
PD.MU                                                                                                    spesa prevista nel 2005: 70kCHF, riduzione dovuta
               Patch Panel LV                                             16       0    16      0     0 a progetto finale (circa una decina di pannelli),
                                                                                                        CORE
               Spare Slow Control Master                                    4      0     4      0     0   due schede spare, CORE
               Totale per la sezione                                      75       0    75      0     0
               Quota INFN contributo silici                               60       0    60      0     0   OK, CORE
PI             Quota extra costi core II 2007                            516       0   516      0     0   OK, CORE
               Totale per la sezione                                     576       0   576      0     0
               Attivita' Centro Regionale INFN/ENEA (fine
RM1                                                                       50       0    50      0     0   in linea con anni precedenti
               costruzione + smantellamento)
CMS            Totale per il capitolo di spesa                           1313      0 1249      36     0




                                                                                                                                        Pag 49/99
20 Settembre 2006 – Mattina


   30. P-ILC - M. Caccia
  Il coordinatore nazionale M. Caccia completa le informazioni già presentate alla
  Commissione nella seduta del luglio 2006. Il Coordinatore si è focalizzato sulle attività
  legate ai pixel & DAQ, demandando ad Alessandro Calcaterra la presentazione del
  piano di lavoro sulla calorimetria adronica.
   Per ciò che riguarda le attività 2006, il progresso più significativo ha riguardato:
  Il telescopio a microstrip, il cui sviluppo è coordinato da Roma-III. L'apparato, nella
  configurazione che integra 4 piani di riferimento con strip verticali e 2 con strip
  orizzontali, è stato installato alla BTF dei LNF a fine luglio 2006, per la messa in opera
  e la verifica delle funzionalità. I test sono stati condotti con successo: il telescopio è
  stato allineato, le tracce ricostruite ed un allineamento al primo ordine effettuato. Il
  segnale rumore non è ancora ottimale (attualmente a 10) ma comunque ha consentito
  una buona discriminazione del segnale dal fondo. Per il mese di Novembre, è previsto
  un secondo test che prevede: il completamento dei 4 piani, subordinato al recupero di
  due rivelatori non perfettamente funzionanti; un miglioramento del meccanismo di
  allineamento del telescopio al fascio; l'integrazione del MIMOSA-250 nm
  (MIMOROMA) ed una iterazione sul software di allineamento ed analisi.
  I primi test della scheda di acquisizione (sviluppo condotto da Ferrara): la scheda,
  basata su una FPGA che integra algoritmi di sparsificazione, è stata adottata dalla
  collaborazione EUDET. Il primo prototipo è stato consegnato a fine luglio 2006. I test
  di funzionalità elettrica sono stati completati. Le prime misure di velocità di
  trasmissione dati sono stati ultimati. I diversi moduli sono in fase di caratterizzazione.
  Al momento, la scheda non ha mostrato errori di progettazione o difetti di produzione.
  Le principali linee di attività per il 2007 sono così sintetizzabili:
  Ultimazione della messa in opera del telescopio a strip e partecipazione alla
  realizzazione del telescopio a pixel di EUDET, la cui messa in opera è prevista per
  l'estate 2007. Il contributo italiano sarà focalizzato sul commissioning della scheda di
  DAQ, a partire dall'interfacciamento del singolo sensore di riferimento alla
  integrazione di più sensori ed alla implementazione della logica di trigger.
  Analisi del prototipo progettato e realizzato in tecnologia 130 nm e, in caso di
  performance accettabili, progettazione e realizzazione di un prototipo di 128 x 128
  pixel.
  Analisi e caratterizzazione dei prototipi in tecnologia SOI, prodotti con
  HAMAMATSU.
  Viene inoltre rimarcata la collaborazione con FNAL, ed i fondamenti e la storia dei
  sensori SOI vengono riassunti.
  Da ultimo, viene analizzata la partecipazione delle diverse unità, con un passaggio da
  8.1 FTE a 12.1 FTE, per la sola attività legata ai pixel.
Batignani osserva che lo sviluppo della tecnica SOI (silicon on insulator), messo per
ora SJ dai referee, potrebbe essere finanziato già da subito, non appena chiarite le
implicazioni sulla proprietà intellettuale e le relazioni a questo proposito con
Hamamatsu. Batignani ricorda poi che lo sviluppo della tecnica SOI era stato fatto
anche negli anni 90, e domanda a Caccia di commentare in proposito; Caccia risponde
che allora fu fatto un errore di processo abbastanza grossolano, e per questo la tecnica
era stata abbandonata, ora la situazione è completamente diversa.
Batignani spiega che riguardo al lavoro di software del gruppo di Lecce, i referee
hanno messo SJ tutta l’attività all’accettazione ed effettiva realizzazione da parte del


                                                                                       Pag 50/99
gruppo di Lecce di una milestone che consiste nella realizzazione dell’analisi dei dati
presi in raggi cosmici dal telescopio EUDET utilizzando ILC-root. Batignani
domanda se il gruppo concorda ed accetta questa milestone. Caccia risponde che lui è
perfettamente d’accordo con la milestone che è in linea con gli sviluppi previsti per
l’attività, si inquadra nel progetto europeo, ed è fondamentale per il gruppo
soddisfarla; per quanto riguarda il gruppo di Lecce, la discussione è ancora in corso.
Dosselli domanda come mai per lo sviluppo del processo di SOI ci siano contatti solo
con la ditta Hamamatsu; Caccia risponde che questo è dettato dalla realtà
dell’industria presente sul mercato e che la scelta è ristretta dal fatto che non ci si può
indirizzare ad una qualsiasi industria di microelettronica perché queste, essendo molto
più orientate al mercato, hanno un time-to-market troppo breve (~18 mesi) rispetto a
quello che il nostro tipo di sviluppo richiede. L’Hamamatsu invece ha tempi
dell’ordine di qualche anno e, a differenza di molte altre industrie simili, è molto più
orientata allo sviluppo di rivelatori, cioè della parte sensibile del dispositivo, che non
alla sola costruzione di circuiti elettronici. Dosselli dice che la spiegazione cha Caccia
ha dato è chiara, ma va anche formulata per iscritto in modo chiaro perché l’INFN
dovrà spiegarlo molto bene all’esterno.
Batignani fa notare che a Pavia c’è un gruppo sperimentale che si propone di
collaborare con Fermilab sui SOI, e domanda se questa sia una linea di sviluppo
diversa da quella di Hamamatsu; Caccia risponde che quella perseguita al FNAL è
una tecnologia SOI diversa e che l’idea è quella di stabilire contatti per stabilire
opportune sinergie.


   31. P-ILC Calorimetro - A. Calcaterra
   Calcaterra presenta la proposta di apertura di una nuova attività di applicazione di
   SiPM alla calorimetria nell’ambito P-ILC. Viene esposto il programma proposto dalle
   Sezioni INFN di LNF e RM1, centrato su R&D con fotomoltiplicatori a Silicio (SiPM),
   programma destinato a confluire nel progetto generale di calorimetria per i rivelatori da
   installare in futuro sull'International Linear Collider. Di questa macchina esiste già un
   progetto di massima: l'energia nel centro di massa sarà compresa tra 200 e 500 GeV/c,
   con la possibilità di raggiungere 1 TeV/c; si prevede raccoglierà 500 fb-1 in 4 anni e
   avrà 2 zone di interazione con 2 rivelatori.
   Gli studi Monte Carlo dei canali di fisica, attualmente in pieno sviluppo, concordano
   circa la necessità per la calorimetria di raggiungere una risoluzione energetica per il
   singolo jet al livello del 30%/√E, da confrontare con la figura di merito tipica di LEP
   del 60%/√E. Allo stadio attuale, l'unica tecnica di analisi che sembra promettere una
   simile risoluzione è quella basata su metodi di Particle Flow (PF). Questi metodi, per
   poter funzionare, hanno necessità di calorimetri ad elevata segmentazione(~3x3 cm2
   trasversa x 0.12 longitudinale) e privi di zone morte: si prevede che la calorimetria
   adronica di un rivelatore ottimizzato per metodi di PF consisterà di milioni di canali
   indipendenti. Questo rende impossibile il read-out con metodi classici, sia per ragioni
   di costo che di ingombri, e la possibilità di lettura al momento sembra essere costituita
   dal SiPM: si tratta di un dispositivo a stato solido caratterizzato da elevato guadagno
   (~106), piccole dimensioni (0.5-5 mm) e bassa tensione di alimentazione (~50V). Per
   contro, gli svantaggi sono di due tipi: a livello del singolo PM il rumore è ~1
   MHz/mm2, e il guadagno è una funzione non lineare della temperatura e della tensione
   di alimentazione; inoltre, sui grandi numeri i processi costruttivi attuali non
   garantiscono ancora un’omogeneità sufficiente tra SiPM di una stessa produzione. Di
   qui, l'interesse dello studio proposto: la Sezione di RM1 intende concentrarsi sulla
   caratterizzazione dei SiPM in quanto rivelatori di luce, a prescindere dalla presenza di
   materiale scintillatore; invece la Sezione dei LNF intende lavorare ad ottenere un


                                                                                       Pag 51/99
  assieme (SiPM + scintillatore) in grado di funzionare come rivelatore di particelle, e
  studiarne le performance sia in cosmici che su fascio alla Beam Test Facility di
  Frascati.
Checchia osserva che c’è una richiesta di R&D per KLOE-2 per aumentare la
granularità di KLOE che potrebbe vedere applicati anche i SiPM e domanda se il
gruppo ritiene possibile un’interazione; de Sangro risponde che le applicazioni per
KLOE sono molto diverse da quelle per ILC, ma che se si dovessero prospettare delle
sinergie saranno ovviamente sfruttate al massimo. Caccia aggiunge che i SiPM
rappresentano una tecnologia dalle molte applicazioni, quindi è chiaro che qualunque
gruppo che lavora con rivelatori di luce di scintillazione sia interessato in qualche
modo a studiare i SiPM, ciò non implica automaticamente che vi sia la possibilità di
programmi in comune. Ferroni interviene facendo notare che gli sviluppi di KLOE-2
devono necessariamente essere limitati nel tempo, essendoci la possibilità concreta
che il rivelatore possa entrare in macchina già nel 2009. Piccolo aggiunge che oltre la
scala dei tempi diversa, c’è anche una sostanziale differenza nel tipo di rivelatore per
cui non è affatto detto che il lavoro sia lo stesso. Ferroni ribadisce di non ritenere
saggio legare due progetti dalle scale dei tempi così diverse.

   32. P-ILC Referee – G. Passaleva
  Passaleva presenta le proposte dei referee, che ricordano l’ambito in cui si devono
  sviluppare le attività di P-ILC: NON è un generico R&D su futuri rivelatori, ma solo in
  vista di un esperimento a P-ILC. I gruppi devono definire un programma di durata
  limitata (2007-2008) con obiettivi chiari e milestone verificabili. Il programma
  proposto dalle sezioni di FE, LE, LNF, MI, PV, RM1, RM3 segue due filoni: sviluppo
  di Pixel (MAPS) per il vertex e calorimetria. L’attività sui pixel (FE,MI,PV,RM3)
  segue tre filoni: sviluppo della facility di test (telescopio) EUDET, sviluppo di MAPS e
  del relativo DAQ (utilizzato anche per EUDET), sviluppo di tecnologia SOI.
  Telescopio. Il goal finale è testare MAPS in stile ILC. Il prototipo è già stato finanziato,
  i referees sono contrari al finanziamento di spare poiché l’attività si deve concentrare
  sullo sviluppo del nuovo telescopio. La versione “demonstrator” del telescopio EUDET
  viene invece finanziata. I referees si congratulano per l’attività fin qui svolta sia sul
  telescopio che sul DAQ. Il telescopio servirà per testare i MAPS in sviluppo.
  Sottomissione nel 2006 di strutture 8x8 pixel a passo 20 micron in tecnologia 0.13
  micron già finanziata. La sottomissione di una nuova struttura 128x128 viene finanziata
  a PV s.j. all’esito positivo della sottomissione di quest’anno. Tecnologia SOI. C’è
  un’attività di PV in collaborazione con FNAL per l’implementazione in SOI del front-
  end analogico di PV e una proposta di intesa con HAMAMATSU per lo sviluppo della
  tecnologia da usare per sensori. I referee vedono con favore questa proposta ma
  ritengono che i problemi di copyright e di tutela dell’INFN debbano essere
  approfonditi. Il finanziamento viene messo s.j. al chiarimento di cui sopra.
  Calorimetria. Nuova attività in P-ILC proposta da LNF e RM1 per lo studio di SiPM
  per rilettura calorimetro a tile. I referee ritengono che l’attività sul calorimetro sia
  molto importante per ILC. In particolare è ritenuto cruciale che si abbiano indicazioni
  precise sulle possibilità di accoppiare SiPM con scintillatori in geometrie utili per ILC.
  I referee ricordano che anche in gruppo V sono presenti attività simili (DASIPM2,
  FACTOR) e che le attività di R&D sui singoli sensori SiPM sono, salvo casi
  particolari, di pertinenza di quella commissione scientifica. Notando anche che i gruppi
  di Roma1 e Frascati non hanno una esperienza specifica pregressa sui SiPM, i referee
  propongono:
  Per entrambi i gruppi un prima fase di familiarizzazione con i SiPM e l’elettronica
  associata, con milestone al 31/7/07.
  Una seconda fase per realizzare prototipi SiPM-scintillatore, con milestone al 31/12/07.



                                                                                         Pag 52/99
   Di discutere l’attività di RM1 di caratterizzazione “di livello elevato” del sensore
   (efficienze quantiche, ecc) al momento del superamento della prima milestone. In
   particolare si dovrà capire se queste caratterizzazioni sui prototipi dei SiPM acquisiti
   non siano state nel frattempo misurate dai fornitori stessi (p.es. IRST nel programma di
   accordo con l’INFN) e/o da altri gruppi INFN (P-ILC Milano, oltre ai già citati
   DASIPM2 e FACTOR).
Batignani domanda chiarimenti a Caccia sull’interazione dell’attività di R&D sui
SiPM per il calorimetro con l’analoga iniziativa presente in CSN-5 che ha un
obiettivo molto simile. Caccia risponde che prima di presentare la proposta ha preso
contatti con Vacchi e Penzo, proponenti l’iniziativa in questione, prospettandogli la
possibilità di entrare in P-ILC con questa attività. Loro hanno risposto che non
ritenevano i loro obiettivi sovrapponibili a quelli di P-ILC, in quanto interessati allo
sviluppo del sensore in sé, in collaborazione con l’IRST, e non alle applicazioni
calorimetriche. Caccia spiega di avere allora chiesto, non essendoci identità di intenti
tra le due iniziative, che vi fosse totale distinzione tra loro, arrivando all’accordo che
la loro attività venisse presentata in CSN-5, mentre quella di LNF e Roma 1 in CSN-
1.
Batignani ringrazia per il chiarimento e si dichiara d’accordo con questa visione e
ribadisce che l’R&D sul rivelatore in sé va finanziata in CSN-5, limitando le attività
in CSN-1 alla sola attività di applicazione del rivelatore al calorimetro.
Checchia osserva che a DESY è già stato fatto un prototipo di calorimetro con SiPM e
domanda se vi sono stati contatti con i gruppi esteri già impegnati in queste attività.
Caccia risponde che già sono stati presi contatti con il gruppo di DESY, ma la
tecnologia dei SiPM è ancora abbastanza immatura da lasciare ampi spazi per nuovi
gruppi e che, sebbene ci sia un prototipo su fascio, i problemi da studiare sono ancora
tali da giustificare ampiamente la coesistenza di più attività in parallelo. Piccolo fa
rilevare a questo proposito che anche l’Hamamatsu ha avuto grandi problemi nella
produzione dei primi batch di SiPM.
Luci ricorda che nella riunione del luglio scorso era stata fatta una lunga discussione
sia sull’opportunità di approvare la partecipazione del gruppo di Lecce sul software,
sia sulla composizione del gruppo di Roma 1, che contava molti associati da altre
istituzioni non INFN, e chiede quale sia stato l’esito di queste discussioni.
Batignani spiega che le discussioni sono andate avanti ed in parte sono ancora in
corso col gruppo di Lecce; aggiunge che la situazione è ben riassunta dalle
assegnazioni che i referee hanno fatto, secondo le quali il gruppo di Lecce risulta
finanziato solo e per intero in SJ alla volontà del gruppo di Lecce di accettare prima,
ed alla sua capacità di soddisfare poi, la milestone stabilita di realizzare l’analisi dei
dati presi con il telescopio EUDET utilizzando ILC-root. Caccia conferma che anche
all’interno della collaborazione c’è stata una discussione molto ampia sull’argomento,
che ha avuto come conclusione la richiesta fatta al gruppo di Lecce di entrare per
contribuire sostanzialmente all’attività già esistente, identificando nell’analisi dei dati
del telescopio di EUDET con ILC-root un contributo adeguato.
Per quanto riguarda il gruppo di Roma 1, Caccia sottolinea che la partecipazione degli
associati al gruppo di Roma è molto significativa, concreta e ben definita.
Batignani rileva che i referee non hanno trovato alcuna incompatibilità, né hanno
ricevuto obiezioni in tal senso da alcuno, tra l’impegno dei proponenti sulla nuova
iniziativa e quelli assunti in precedenza negli esperimenti di provenienza.
Nel corso della discussione la Commissione osserva che il gruppo di Roma 1 ha
attualmente una consistenza di 1.4 FTE: C. Bosio, S. Gentile, K. Kuznetsova, e
prende atto che i referee hanno espresso parere favorevole sulla partecipazione a


                                                                                       Pag 53/99
               tempo parziale di K Kuznetsova a questa attività. Dopo ampia discussione, la
               Commissione approva la proposta dei referee di finanziare l’esperimento come RM1-
               DTZ.
               Caccia ritiene che la collaborazione con i referee sia stata proficua, ma dichiara di non
               condividere la loro decisione di non finanziare gli spare per il telescopio EUDET.
               Ferroni risponde che ciò è stato dovuto alla situazione finanziaria sfavorevole.
               La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
               include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
                                                                              Ric.
     Sezione                                                                         Ass   Asj   AsD   Commento
                                    Descrizione                        Ric.    sj
               Riunioni di Collaborazione italiana (2 FTE). Tests
FE             rivelatori e installazioni DAQ in laboratori della         5      0     2     0     0
               collaborazione.
LE             Contatti con i membri della collaborazione italiana        4      0     0     2     0
               Riunioni P-ILC Italia Contatti con Ditte produttrici
LNF                                                                       7      0     2     0     0
               SiPM
               riunioni di collaborazione, partecipazione a riunioni
                                                                          4      0     3     0     0
               csn1, coordinamento nazionale
MI
               test su fascio alla BTF di Frascati                      2.5      0     2     0     0
               Totale per la sezione                                    6.5      0     5     0     0
               Metabolismo (riunioni di Gruppo I, riunioni della
                                                                        4.5      0     3     0     0
               collaborazione italiana)
               Attività di sviluppo dei MAPS CMOS in
PV
               collaborazione con le sezioni di Milano, Ferrara,        3.5      0     2     0     0
               RomaIII
               Totale per la sezione                                      8      0     5     0     0
               Riunioni collaborazione italiana, partecipazione a
               CSN1; attività congiunte, tests, progettazione,
RM1                                                                     9.5      0     0     0     4
               contatti ditte (IRST + POHLTEC) 2 * 2gg Missioni
               LNF (2 persone * 3 mesi (BTF et all.);
RM3            Riunione della collaborazione in Italia                  2.5      0     2     0     0
P-ILC          Totale per il capitolo di spesa                         42.5      0    16     2     4

Missioni Estere
                                                                              Ric.
     Sezione                                                                         Ass   Asj   AsD   Commento
                                    Descrizione                        Ric.    sj
               1mu a DESY per tests telescopio EUDET (1mu)              6.7      0     5     0     0
               Riunioni di Collaborazione (EUDET e ILC) e
               workshops:10kE; Commissioning telescopio
FE                                                                       19    4.5     7     0     0
               EUDET: 1mu a Strasburgo; Test su fascio pixels di
               Roma3 (1mu s.j.)
               Totale per la sezione                                   25.7    4.5    12     0     0
               Meeting di collaborazione e conferenze
LE                                                                       17      0     0     7     0
               internazionali.
               ILC Collaboration Meetings Collaborazione con
LNF                                                                      12      0     7     0     0
               gruppo DESY
               meeting internazionali di ILC ( 7 gg x 2 persone x 2
                                                                          5      0     5     0     0
               meeting)
               riunioni del progetto europeo EUDET (M. Caccia
                                                                          5      0     3     0     0
               rappresentante italiano)
               commissioning del telescopio a pixel per EUDET           4.5      0     4     0     0
MI
               corrdinamento internazionale (M. Caccia: co-
               coordinatore del gruppo di ECFA sullo sviluppo dei
                                                                          6      0     3     0     0
               vtx detectors; Chief editor del "libro bianco" sugli
               R&D relativi ai vtx)
               Totale per la sezione                                   20.5      0    15     0     0




                                                                                                           Pag 54/99
               Partecipazione a meeting dei gruppi internazionali di
                                                                           12       0    7.5     0     0
               R&D sul Vertex Detector di ILC
               Contatti con i gruppi europei per lo sviluppo dei
               MAPS (Monolithic active Pixel Sensors) CMOS                  5       0    2.5     0     0
PV             (Strasburgo)
               Attività di progettazione di MAPS CMOS per ILC
               presso il Fermi National Accelerator Laboratory (3          20       0     6      0     0
               mesi uomo)
               Totale per la sezione                                       37       0    16      0     0
               2 riunioni ILC internazionali 7gg + viaggio; 4 riunioni
RM1                                                                        12       0     0      0     5
               DESY 4gg + viaggio
               Riunioni collaborazione progetto europeo EUDET               5       0     4      0     0
RM3            Commissioning telescopio EUDET (Desy)                       4.5      0     3      0     0
               Totale per la sezione                                       9.5      0     7      0     0
P-ILC          Totale per il capitolo di spesa                           133.7    4.5    57      7     5

Materiale di Consumo
                                                                                 Ric.
     Sezione                                                                            Ass    Asj   AsD                       Commento
                                    Descrizione                          Ric.     sj
FE             metabolismi di laboratorio                                   2       0     2      0     0
LE             Metabolismo                                                  4       0     0      2     0
LNF            50 SiPM, amplificatori, cooling, scintillatore              12       0     8      0     0   per tutta la collaborazione
               metabolismo                                                2.5       0     4      0     0
               produzione di strutture di test di SOI sensor (vedi
MI             offerta HAMAMATSU in allegato + specifiche                  40       0     0     40     0   controllare parte burocratica
               tecniche)
               Totale per la sezione                                     42.5       0     4     40     0
               Sottomissione di matrice CMOS MAPS per ILC con
               lettura sparsificata in tecnologia CMOS ST 130 nm            0     30      0     30     0   sj a verifica risulati batch sottomesso nov2006
               (12 mm^2)
PV
               Metabolismo                                                  6       0     5      0     0
               Totale per la sezione                                        6     30      5     30     0
RM1            Metabolismo                                                  5       0     0      0     4
               Metabolismo                                                  5       0     2      0     0
               Costruzione schede lettura nuova versione del chip
RM3                                                                         3       0     3      0     0
               in quarter micron (TSMC 0.25um)
               Totale per la sezione                                        8       0     5      0     0
P-ILC          Totale per il capitolo di spesa                           79.5     30     24     72     4

Materiale Inventariabile
                                                                                 Ric.
     Sezione                                                                            Ass    Asj   AsD                       Commento
                                    Descrizione                          Ric.     sj
LNF            QDC per misure carica                                        5       0     5      0     0
               VME 64 crate                                               7.5       0     0    3.5     0   sj al cofiananziamento del coordinatore
MI             VME 64 CPU                                                   3       0     0    1.5     0   sj al cofiananziamento del coordinatore
               Totale per la sezione                                     10.5       0     0      5     0
P-ILC          Totale per il capitolo di spesa                           15.5       0     5      5     0

Costruzione Apparati
                                                                                 Ric.
     Sezione                                                                            Ass    Asj   AsD                       Commento
                                    Descrizione                          Ric.     sj
               4 schede DAQ "EUDET" per sensori da 1Mpixel                  6       0     6      0     0
FE             6 "Repeater cards" per interfaccia tra sensori e DAQ         4       0     4      0     0
               Totale per la sezione                                       10       0    10      0     0
P-ILC          Totale per il capitolo di spesa                             10       0    10      0     0




                                                                                                                                         Pag 55/99
    33. LHC Start Up - W. Scandale
Scandale presenta lo stato della costruzione dell’LHC.
Checchia domanda quali siano i motivi tecnici della scelta dello scenario con due
periodi separati di test, piuttosto che un unico periodo in cui si prova tutto prima della
presa dati; Scandale risponde che non ci sono motivi tecnici per preferire questo
scenario, ma solo di “opportunità temporale”. Checchia domanda se non si
guadagnerebbe tempo partendo direttamente a 7 TeV; Scandale risponde che la
necessità di cominciare l’attività di LHC a stadi è dettata da problemi di tempistica.
Checchia domanda se nello scenario previsto rimane valida la richiesta agli
esperimenti di completare la costruzione entro il 1 settembre; Scandale risponde di si
perché altrimenti si assumono troppi rischi, considerato che occorre del tempo
(almeno 6-8 settimane) dal momento dell’accensione per effettuare tutti i test
necessari. Dosselli dice di capire la prudenza di Scandale, ma di essere preoccupato
dalle notizie che ha sentito riguardo ad un possibile serio problema nei collimatori del
fascio. Scandale risponde che c’è stato un problema serio di produzione dovuto ad un
errore della ditte costruttrice che ha coinvolto ¼ dei collimatori consegnati al CERN;
questi risultavano difettosi ed andranno rifatti; al momento attuale si prevede di
poterli montare nello shutdown previsto nel 2008.
Campana dice di aver ricavato l’impressione che ci sia una certa ritrosia a portare i
fasci all’incrocio ad angolo, e domanda se questo sia dovuto al fatto che la sua
realizzazione sia complicata; Scandale risponde che certamente realizzare l’incrocio
ad angolo è complicato, tuttavia non è obbligatorio avere l’incrocio ad angolo per
ottenere la luminosità di progetto.
Passaleva domanda se durante il run di fisica a 450 GeV i magneti degli esperimenti
dovranno essere mantenuti spenti; Scandale risponde che dovranno essere spenti
all’inizio, ma poi sarà meglio che essi siano accesi, altrimenti si farebbe il
commissioning della macchina in condizioni diverse da quelle del run di fisica.
Ferroni domanda se non sarebbe interessante, visti i risultati positivi già ottenuti sul
fascio H4 del CERN, fare un test dell’estrazione col cristallo su una macchina
operante come il Tevatron; Scandale risponde di non ritenere che a Fermilab possano
dedicarsi a questa attività in quanto questa andrebbe ad interferire con gli obiettivi
della macchina di ottenere la massima luminosità integrata per gli esperimenti
attualmente in presa dati. Ferroni, complimentandosi con Scandale per gli ottimi
risultati ottenuti con questo esperimento in parte finanziato dalla CSN1, lo invita a
presentare una relazione alla fine dell’analisi dei dati in occasione della riunione della
CSN-1 del prossimo novembre.
Dosselli domanda se per TOTEM c’è qualche speranza di prendere dati, visto che
nella presentazione non era stato citato tra i programmi; Scandale risponde che
sebbene Totem sia un programma ufficiale, tuttavia non è ancora stato inserito tra
quelli ad alta priorità; Scandale aggiunge di ritenere che presto questo succederà e
quando succederà anche Totem sarà inserito nella schedula di run di LHC.
Curatolo ricorda che qualche tempo fa in Commissione il portavoce dell’esperimento
Totem aveva dichiarato che erano in corso colloqui con i macchinisti di LHC per
trovare delle condizioni di run adatti alla loro misura, e chiede chiarimenti a Scandale;
questi risponde che ciò è vero, ma che questa attività, che pure richiederebbe
l’impiego di una sola persona per qualche settimana, non si può portare avanti a meno
che a Totem non venga assegnata una priorità maggiore dal management; in presenza



                                                                                   Pag 56/99
di problemi di tempistica attuali è difficile mettere del personale ad occuparsi di
progetti che non siano considerati ad alta priorità.

   34. ZEUS Fisica - E. Gallo
  Elisabetta Gallo, spokeperson di ZEUS, presenta una relazione sullo stato del lavoro
  del gruppo. L'esperimento ZEUS ha ripreso il run di presa dati nel luglio 2006, dopo un
  mini-shutdown per passare da collisioni e-p a collisioni e+p. La presa dati sta andando
  bene, con efficienza maggiore dell'80%. Il goal è di continuare senza interruzione con
  e+p fino al marzo 2007 e di integrare almeno 100 pb-1 di luminosità con e+p, da
  aggiungere ai 210 di collisioni e-p in HERA II. Gli ultimi 3-4 mesi di presa dati di
  HERA, fino al 30 giugno 2007, saranno con energia nel centro di massa più bassa, per
  poter misurare la funzione di struttura longitudinale. Recenti risultati di fisica presentati
  alla conferenza ICHEP06 sono misure di xF3 e F2 polarizzate, ricerche di eventi esotici
  come i leptoni isolati, la misura di s. Le sezioni italiane occupano posizioni di rilievo
  nella collaborazione. Il piano per lo smontaggio del rivelatore e per l'analisi dei dati
  dopo giugno 2007 è ben avviato.
Ferroni dichiara che la misura di FL sta a lui molto a cuore, ma domanda quale sia lo
stato dell’analisi degli eventi candidati pentaquark; Gallo risponde che per quanto
riguarda quelli con charm, sia ZEUS che H1 sono convinti siano veri, mentre per
quello con stranezza invece non c’è ancora lo stesso accordo e certezza.
Del Duca domanda quale sia l’intervallo di q2 all’interno del quale sono fatte le
misure di ZEUS. Gallo risponde che c’è un taglio nel q2 a 9 GeV2, ma si può arrivare
in linea di principio a q2=4 GeV2, questo sia per i dati di foto-produzione che quelli
con singolo leptone.
Chiarelli domanda se è possibile usare i dati di HERA per fare delle correzioni alle
previsioni teoriche sulle sezioni d’urto diffrattive al Tevatron, oltre che ad LHC come
già è stato fatto. La risposta è che questo è possibile, anche se non sono ancora state
fatte. Segue una breve discussione sull’utilità degli esperimenti che volti a
determinare la validità della fattorizzazione, visto che già i dati di HERA hanno
indicato che questa sembra essere contraddetta dai dati di un fattore almeno dieci.

   35. ZEUS Referee – S. Albergo
  Albergo riporta il parere dei Referee sull'attività di ZEUS. I Referee sono pienamente
  soddisfatti dell'andamento dell'esperimento e del ruolo che la componente italiana
  copre in termini di attività e responsabilità. Lamentano però che la sede di Bologna, che
  detiene importanti responsabilità in ZEUS, abbia ulteriormente diminuito la propria
  consistenza numerica. In considerazione degli impegni e del ruolo della componente
  italiana in ZEUS, il cui spokesperson è proprio un dipendente INFN, i referee
  raccomandano che il sostegno finanziario alle attività 2007 non subisca una eccessiva
  diminuzione, nonostante la presa dati dell'esperimento duri per il solo primo semestre
  dell'anno, e ciò al fine di garantire il positivo completamento del programma scientifico
  dell'esperimento. Viene quindi precisato che le milestone finora arrivate in scadenza
  sono state tutte soddisfatte e vengono di seguito illustrate le milestone proposte per il
  2007. I Referee propongono tra l'altro l'assegnazione per il 2007 di 65 K€ di missioni
  estere per lo smontaggio dell'apparato sperimentale, SJ alla presentazione e
  approvazione di un piano dettagliato dello stesso.
Viene chiarito che il prossimo anno il gruppo italiano non avrà più la responsabilità di
Physics Chairman né di Run Coordinator, perché queste termineranno alla fine della
presa dati, ossia i primi sei mesi dell’anno. Si discute brevemente la questione di dove
mettere i fondi per lo smantellamento dell’apparato, inizialmente messi nel capitolo
CA, si decide di spostarli sul capitolo di consumo.


                                                                                          Pag 57/99
Dosselli domanda se alla prossima riunione delle agenzie finanziatrici che si terrà il
prossimo novembre si discuterà dello smantellamento e se in quella sede si chiarirà
che questo sarà tutto il nostro contributo; Carlin risponde di si, ma che in realtà ci sarà
una piccola coda di qualche mese per lo smantellamento anche nel 2008.
Ferroni domanda se ci siano involontarie violazioni dell’unitarietà nelle assegnazioni
delle ME per ZEUS. Albergo e Carlin assicurano che questo non è il caso.
Ferroni commenta che le assegnazioni di ME sono molto alte, superando tutti gli altri
esperimenti qualunque sia il parametro che si voglia utilizzare per il confronto, che
solo in parte può essere giustificato con lo sforzo finale dell’ultimo anno di presa dati.
Dalla Torre domanda se il fatto di dover fare lo smontaggio col nostro personale
tecnico corrisponde alla necessità o volontà di recuperare materiale di valore; Carlin
risponde di no, ma corrisponde ad una richiesta specifica del laboratorio
Dosselli interviene per far presente che se lo smontaggio deve essere portato a termine
con la stessa cura di come furono montate, l’assegnazione proposta è probabilmente
addirittura insufficiente, se invece questo non fosse il caso, allora si dovrebbe cercare
di capire meglio.
Passaleva domanda se lo smontaggio dell’esperimento è obbligatorio; Dosselli ricorda
che molti anni fa negli accordi con DESY fu inclusa una clausola che impegnava le
istituzioni partecipanti agli esperimenti a provvedere al loro smontaggio al termine
dell’attività; aggiunge però che da allora non è mai tornato sull’argomento e quindi
non ricorda i dettagli. Albergo dichiara che i referee non hanno ricevuto un
programma di smontaggio, e di aver messo il finanziamento dello smontaggio SJ
proprio per questo.
Gallo spiega che esiste un piano preciso per lo smantellamento dell’esperimento. E
conferma che il management del Laboratorio ha esplicitamente chiesto che ogni
gruppo provveda allo smontaggio del proprio pezzo di rivelatore, utilizzando i propri
tecnici ecc, con un documento che è stato ricevuto da appena una settimana; Gallo
conferma anche l’esistenza dell’intesa con DESY riguardo allo smontaggio dei
rivelatori alla fine dell’attività.
Ferroni si dice preoccupato, più che dalle assegnazioni per lo smontaggio che sono SJ,
da quelle non SJ per l’attività 2007, che pure risultano molto elevate.
Albergo spiega che l’attività del gruppo si svolge prevalentemente a DESY; Ferroni
replica che l’anno prossimo il run finisce a giugno, e che poi si potrebbe fare uso di
tutta una serie di moderni mezzi di comunicazione per sopperire ad una diminuita
presenza nel laboratorio.
Gallo dichiara di augurarsi che non tutti i collaboratori lascino l’esperimento il 1 di
luglio, sebbene potrebbe essere lecito aspettarsi una grossa flessione nel 2008, e
quindi il supporto quest’anno non può essere fatto mancare.
Dalla Torre contesta la milestone numero 3 presentata dai referee e trova troppo vaga
quella sull’analisi. Diemoz si dichiara d’accordo con Dalla Torre, osserva che le
milestone vengono utilizzate per la valutazione dell’Ente nel suo complesso ed
aggiunge che le milestone secondo lei devono essere formulate in modo tale che il
loro contenuto possa essere in qualche modo misurabile. Per questo propone di
togliere quella sulle conferenze estive, perché le performance di un esperimento in
questo genere di cose sono inserite in altri capitoli di valutazione e quindi verrebbero
contate due volte, e che venga meglio specificata la milestone sull’analisi, anche da
lei ritenuta troppo generica.

La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
include anche le eventuali modifiche della Commissione:


                                                                                    Pag 58/99
Missioni Interne
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                             Ass   Asj    AsD                         Commento
                                      Descrizione                         Ric.     sj
               Riunioni e contatti in Italia, partecipazione a riunioni
BO                                                                           5       0   3.5     0      0
               CSN1
               Partecipazione alle riunioni della CSN1 e
CS             collaborazioni con altri gruppi ZEUS-Italia (2.4 f.e. x     4.8       0   2.5     0      0
               2.0 k€)
               Riunioni e contatti in Italia, partecipazione a riunioni
FI                                                                           4       0     2     0      0
               CSN1
PD             Missioni viaggi per analisi e incontri collaboratori         10       0     6     0      0
RM1            Meetings                                                      3       0   2.5     0      0
               Contatti con gli altri gruppi Italiani, in particolare
TO                                                                           3       0   2.5     0      0
               Cosenza
ZEUS           Totale per il capitolo di spesa                            29.8       0    19     0      0

Missioni Estere
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                             Ass   Asj    AsD                         Commento
                                     Descrizione                          Ric.     sj
               Esigenze legate a incarico: Trigger coordination                                              64 KEuro per tutte le attivita`, escluso lo
BO                                                                          18       0    57     0      0
               (A.Polini) (4 m.u. al 66 %)                                                                  smontaggio, di cui il 10% s.j. a PD
                                                                                                             39.5 KEuro per tutte le attivita`, escluso lo
CS             0.5 m.u. (DQM Diffrattivo)                                   3.4      0 35.5      0      0
                                                                                                            smontaggio, di cui 4 s.j. a PD
               Esigenze legate a incarico: Permanenza a DESY
                                                                            45       0 30.5     3.5     0   6.7 m.u. proposti di cui 10% s.j.
               della Spokesperson (E.Gallo) (10 m.u. al 66 %)
               Esigenze legate all' incarico di cui sopra:Varie
FI                                                                                                           16.5 KEuro per tutte le attivita`, escluso
               trasferte estere non a DESY attinenti alle mansioni           6       0 14.5      0      0
                                                                                                            permanenza a Desy del referee, di cui 2 s.j. a PD
               di Spokesperson (conferenze e contatti)
               Totale per la sezione                                        51       0    45    3.5     0
                                                                                                           22 KEuro proposti s.j. che si cumulano al s.j.
               Inizio Smontaggio RMUON: 4 mesi                              28       0     0    65      0 generale di Zeus Italia per lo smontaggio del
                                                                                                          rivelatore
PD                                                                                                         80 KEuro per tutte le attivita`, escluso lo
               1fte*12 sett.analisi+coord.gen. e ZEP: 3+2 m.u.              34       0 71.5     23      0 smontaggio, di cui 8.5 s.j. che si cumulano al
                                                                                                          s.j.generale di ZEUS Italia
               Totale per la sezione                                        62       0 71.5     88      0
                                                                                                             20 KEuro per tutte le attivita`, escluso lo
RM1            Meetings 1.0 mesi/uomo                                       6.7      0    18     0      0
                                                                                                            smontaggio, di cui il 10% s.j. a PD
                                                                                                             45 KEuro per tutte le attivita`, escluso lo
TO             Riunioni di collaborazione: 1 MU                             6.7      0    40     0      0
                                                                                                            smontaggio, di cui il 10% s.j. a PD
ZEUS           Totale per il capitolo di spesa                            147.8      0   267 91.5       0

Materiale di Consumo
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                             Ass   Asj    AsD                         Commento
                                      Descrizione                         Ric.     sj
BO             Metabolismo e consumi a BO e DESY                             6       0     6     0      0
CS             (1.5 K€/f.e.) metabolismo                                   3.6       0   2.5     0      0
FI             Metabolismo e consumi a FI e DESY                             4       0   2.5     0      0
               Metabolismo BRMUON                                            5       0     5     0      0
               Metabolismo MVD                                               2       0     2     0      0
PD
               Metabolismo gruppo                                           10       0     6     0      0
               Totale per la sezione                                        17       0    13     0      0
RM1            Metabolismo in sede e a DESY                                  5       0     3     0      0
TO             Metabolismo a DESY                                            3       0   2.5     0      0
ZEUS           Totale per il capitolo di spesa                            38.6       0 29.5      0      0




                                                                                                                                         Pag 59/99
Trasporti e Facchinaggi
                                                                   Ric.
  Sezione                                                                 Ass   Asj   AsD   Commento
                                Descrizione                 Ric.    sj
BO          Trasporto materiale FMUON decommissioning          5      0     0     5     0
PD          Trasporto Elettronica BRMUON decommissioning       5      0     0     5     0
RM1         Trasporto Elettronica BRMUON                       5      0     0     3     0
ZEUS        Totale per il capitolo di spesa                  15       0     0    13     0

Costruzione Apparati
                                                                   Ric.
  Sezione                                                                 Ass   Asj   AsD   Commento
                                Descrizione                 Ric.    sj
            Zarah e CDAQ upgrade, Zarah Operations (ZEUS-
PD                                                           75       0    55    20     0
            Italia)
ZEUS        Totale per il capitolo di spesa                  75       0    55    20     0




                                                                                                Pag 60/99
20 Settembre 2006 – Pomeriggio
   36. ATLAS Stato generale - L. Mandelli
   Mandelli presenta lo stato generale dell’esperimento. Nel corso del 2006 la
   collaborazione ha compiuto notevolissimi progressi verso l’istallazione ed il
   commissioning del rivelatore. Il solenoide centrale (CS), istallato nel criostato del
   calorimetro elettromagnetico, è stato raffreddato ed eccitato alla corrente nominale. Il
   campo magnetico è stato misurato su tutto il volume utile. Il Toroide centrale (BT) è
   stato completamente istallato ed è attualmente raffreddato a 4K. Il toroide sarà eccitato
   nei prossimi mesi. Le masse fredde dei Toroidi End Cap (ECT) sono state assemblate.
   Problemi di meccanica stanno ritardando l’integrazione della massa fredda del primo
   dei due toroidi (ECT-A) nel criostato. L’istallazione dell’ECT-A in caverna è prevista
   per Marzo 2007. L’istallazione del secondo ECT seguirà 2-3 mesi dopo. Il tracciatore
   centrale formato da microstrip di silicio (SCT) e dal Transition Radiation Tracker
   (TRT) è stato assemblato in superficie ed istallato al punto di interazione. La
   preparazione delle parti in avanti del tracciatore procede bene e la loro istallazione è
   prevista a Dicembre-Gennaio. Il rivelatore a pixel ha completato con successo
   l’assemblaggio del cilindro intermedio. L’inserimento del rivelatore a pixel (centrale e
   in avanti) è previsto nell’aprile 2007. I calorimetri elettromagnetici e adronici centrali,
   già da molti mesi istallati in ATLAS sono in fase di commissioning ed hanno iniziato a
   registrare RC. I calorimetri terminali, elettromagnetico e adronico, già in UX15, sono
   in fase di commissioning. L’assemblaggio delle stazioni dello spettrometro per muoni
   centrale si è praticamente conclusa. La loro istallazione sul BT procede bene e potrà
   essere conclusa entro il 2006. La prima ruota delle “Big Wheel“ dello spettrometro a
   muoni in avanti è stata completamente assemblata in caverna. La costruzione delle altre
   seguirà come previsto. Il TDAQ è in fase di implementazione in parallelo alla messa in
   funzione dei rivelatori. La situazione finanziaria complessiva di ATLAS non è
   floridissima . Alla mancanza di finanziamenti sul bilancio di costruzione del rivelatore
   per circa 15Mchf si aggiunge un nuovo sovraccosto di 4.4Mchf.
   ATLAS ritiene di poter acquisire dati nella seconda metà del 2007, eventualmente date
   le presenti difficoltà incontrate nell’ assemblaggio degli ECT, con parte dello
   spettrometro ain avanti non completata.
Dalla Torre domanda come mai la Commissione non sia stata informata fino ad ora
degli errori progettuali riscontrati sull’ECT-A; Mandelli risponde che non ci si è resi
conto del problema fino a quando non sono cominciate le operazioni di assemblaggio
che lo hanno evidenziato, e questo è avvenuto solo di recente.
Ferroni annuncia che ci sarà una sessione dedicata dell’RRB per stabilire gli ulteriori
eventuali extracosti causati da questo problema; l’ipotesi ventilata che si possa coprire
le ulteriori spese attraverso un aumento a 12.5 kchf/anno dei fondi comuni per fisico
non sarà accettata dall’INFN.
Dosselli domanda quali siano le responsabilità italiane nello schema di organizzazione
presentato da Mandelli; Mandelli risponde che i responsabili di molti task verranno
decisi nella prossima Atlas-week e che ci sono buone probabilità di ottenerne
qualcuna.

   37. ATLAS Stato dei Pixel - C. Meroni
   Meroni presenta lo stato del rivelatore a pixel di ATLAS. Nel corso del 2006 è stata
   completata la produzione e il test dei moduli bare ed equipaggiati (flex). La resa
   globale (dalla produzione dei bare moduli ai moduli flex testati ) è del 81%. Anche la
   produzione degli stave, compreso il montaggio dei moduli, è pienamente ripresa da


                                                                                         Pag 61/99
   Marzo. Le fasi di assemblaggio dei bi-stave e di integrazione sulle half-shell al SR
   building, inizialmente ritardate da problemi riscontrati nei microcavi, che collegano i
   moduli al primo Patch Panel, sono riprese con efficacia durante l’estate. Il Layer più
   esterno (L2) è stato completato e inserito nel Global Frame a metà Settembre. Obiettivo
   è integrare il Pixel Detector Barrel entro la fine di Dicembre per poter inserire il Pixel
   Package in ATLAS, come previsto, nell’Aprile 2007. Il periodo di commissioning
   prima della chiusura di ATLAS risulterà purtroppo molto compresso.
   In parallelo stanno proseguendo al CERN le attività per un test con i cosmici di un End
   Cap, equivalente a circa 10% del rivelatore e per l’installazione dei servizi in caverna.
   La comunità Pixel è anche attiva nelle attività di preparazione al data taking e
   all’analisi. Attilio Andreazza è il nuovo responsabile del SW dei Pixel.
Ferroni si congratula per la situazione notevolmente migliorata rispetto al passato.

    38. ATLAS Stato del LAr - G.C. Costa
   Costa presenta lo stato del calorimetro ad argon liquido. I calorimetri Barrel ed End
   Cap (A/C) LAr sono stati installati nel pozzo di ATLAS e procede la fase di
   equipaggiamento e commissioning dei rivelatori. Il gruppo di Milano, ha completato
   nel luglio 2006 l’installazione dei servizi di EC- C/A. Le misure HV a freddo del
   Barrel hanno messo in evidenza l’esistenza di alcuni settori con alta corrente di
   “leakage”; nei settori del pre-sampler il problema e’ stato sostanzialmente risolto
   utilizzando una procedura di “burning”. I primi “eventi cosmici” sono stati già stati
   acquisiti a fine Agosto in una presa dati congiunta con il calorimetro Tile e proseguirà
   nell’ autunno 2006. Si prevede che il riempimento con LAr per EC-A sia completato
   entro Gennaio 2007 e per ECC a fine Marzo, per entrambi gli EC seguirà una fase di
   presa dati con “cosmici”. Il gruppo di Milano che e’ responsabile del software di
   gestione HV dei calorimetri LAr , si occuperà dell’inserimento del software nel DCS
   di ATLAS. L’attività di simulazione ed analisi in Milano prosegue sulle tematiche di
   già consolidate, relative alla ricostruzione e calibrazione di Et miss, allo studio del
   decadimento Z → τ τ , per la calibrazione in situ della scala di Et miss. Continua lo
   studio del decadimento H → γ γ e A/H → τ τ nell’ambito MSSM. Sono progrediti
   inoltre gli studi per la calibrazione del calorimetro elettromagnetico, per la
   ricostruzione di e/γ, utilizzando simulazioni dettagliate Geant4 in campo magnetico.
   I risultati preliminari con elettroni in funzione di p ed η sono promettenti.

    39. ATLAS Stato dei Tiles - V. Cavasinni
   Cavasinni presenta una relazione sullo stato dei tiles. Sia il Barrel centrale che gli
   extended Barrel sono stati istallati nella caverna. È in fase di installazione anche il
   sistema di calibrazione con la sorgente di Cs itinerante.
   L’elettronica di FE (drawers) è stata tutta installata e in fase di certificazione, così pure
   il sistema dei ROD con cui sono stati acquisiti dati di raggi cosmici con gli MDT/RPC
   e il calorimetro elettromagnetico. C’è ancora qualche problema sulla stabilità del
   sistema di basse tensioni: sono state individuate e messe in atto soluzioni provvisorie
   che permetteranno una normale presa dati nel 2007. È in corso a Pisa l’analisi dei dati
   del test beam combinato e lo studio del H adroni adroni, con l’obiettivo di una
   nota CSC per entrambe le analisi.
Bruni chiede se è stata capita la variazione di guadagno osservata con la temperatura;
Cavasinni risponde di no, e che ulteriori studi saranno portati avanti.

    40. ATLAS Spettrometro e LV1: Stato degli assemblaggi - S.
       Veneziano
Veneziano relaziona sullo stato dello spettrometro e trigger.



                                                                                           Pag 62/99
Ferroni esprime le congratulazioni della Commissione per il lavoro fatto ed i primi
ottimi risultati sul trigger.

   41. ATLAS Spettrometro e LV1: Stato del Commissioning - L.
      Pontecorvo
  Pontecorvo presenta una relazione sullo stato dell’Installazione e commissioning dello
  spettrometro a  di ATLAS. 430 camere a  del barrel (67%) sono state installate con
  una velocità di installazione di 3,5 camere per giorno. Delle camere italiane sono state
  installate 43 BIL e 17 BML e ne mancano ancora 77 BIL-BIM-BIR e 79 BML per il
  completamento. Per la fine di Ottobre, quando sarà spostata la prima Big wheel delle
  TGC che impedirà l’istallazione di camere sul side C, si prevede di avere ancora circa
  40 camere (tra BIM-BIR e BML) da installare. Questa installazione è prevista nei primi
  mesi del 2007 quando la Big Wheel sarà spostata per ridare accesso al side C.
  Si prevede che l’istallazione del side A sia terminata per la fine del 2006. F. Cerutti e
  L. Pontecorvo coordinano l’istallazione ed il commissioning del barrel dei .
  L’istallazione dei servizi è coordinata da A. Lanza. Per quello che riguarda le MDT,
  quasi tutti i cavi sono stati installati o stanno per essere installati, la produzione di cavi
  segue bene l’installazione.
  Per i servizi degli RPC riferirsi alla presentazione di S. Veneziano. Gli alimentatori HV
  e LV sia per RPC che per MDT sono prodotti dalla CAEN. La schedula di delivery di
  questi alimentatori è molto problematica, c’è stata al CERN una prima riunione tra tutti
  gli acquirenti (ATLAS, CMS, LHCB etc) e la CAEN per definire questa schedula.
  Le camere a  sono testate subito prima e dopo l’istallazione nell’esperimento.
  450 camere sono state testate in superficie e circa il 4% di queste sono state rimandate
  indietro alla fase di certificazione. I test dopo l’installazione sono molto basilari, HV e
  leak tightness, per l’assenza dei servizi, però adesso abbiamo iniziato a testare in
  maniera quasi completa le camere del layer interno. Inoltre il sistema del DCS e di
  allineamento sono completamente installati e funzionanti e un gran numero (>100) di
  camere sono continuamente monitorate con questi due sistemi. P. Valente è il
  coordinatore del DCS per le MDT. Oltre ai test di funzionalità delle camere abbiamo
  preso dati con 3 BML e 3 BOL nel settore 13. Il trigger è stato dato dal LVL1 RPC e
  distribuito tramite il Central Trigger Processor anche al Tile calorimeter. S. Veneziano
  è il coordinatore del LVL1 trigger per i muoni e E. Pasqualucci coordina il DAQ per i
  muoni. I dati presi sia su RPC che MDT indicano un buon funzionamento di tutto il
  sistema.
Ferroni nota con soddisfazione come anche questa relazione mostri i notevoli
progressi fatti da tutti i gruppi di ATLAS.

   42. ATLAS Stato del TDAQ - V. Vercesi
  Vercesi presenta lo stato del trigger DAQ. Il sistema di High Level Trigger e Data
  Acquisition ha quasi terminato la Fase 1 di preparazione, mirata a fornire ai rivelatori
  tutti i supporti necessari al loro stesso commissioning ed al run di cosmici. La struttura
  del Progetto HLT/DAQ è in fase di revisione per renderla consona all’Operation Model
  dell’esperimento. Gli studi che utilizzano la pre-serie, oltre a verificare le performance
  attese, si sono concentrati su test di stabilità e di integrazione delle varie componenti.
  Proseguono anche le attività legate al ROD Crate DAQ e al Monitoring, dove gli
  italiani hanno responsabilità primarie. In entrambi i casi il supporto ai rivelatori è
  praticamente completo (e molti sub-detector ne sono clienti da tempo) e si stanno
  ultimando gli sviluppi necessari per l’applicazione su larga scala nell’esperimento
  (configurazione, database, error-reporting).
  Proseguono anche gli sviluppi delle attività di Physics and Event Selection
  Architecture. Oltre al miglioramento delle prestazioni dei singoli algoritmi e allo studio



                                                                                           Pag 63/99
  delle performance per l’identificazione delle segnature fondamentali (e/, , jet, etc), ci
  si sta concentrando sull’inserimento degli algoritmi nel sistema on-line reale.
  Recentemente una selezione completa con menu multi-object è stata utilizzata con dati
  pre-caricati nei ROS, secondo il formato finale dell’esperimento. Si stanno inoltre
  sviluppando metodi per l’estrazione delle efficienze di trigger direttamente dai dati.
  Continua la collaborazione attiva tra gruppi di Fisica e di Trigger, sia con le
  Trigger&Physics Week sia con la partecipazione alla stesura delle CSC notes, sia con
  la preparazione di un Trigger Menu a 1031 cm-2s-1, baseline per il primo run di fisica.
  L’acquisto del sistema di Read-Out (ROS) è completato, così come è completo il
  contributo CORE INFN legato a Monitoring e File Servers: il profilo finanziario per
  l’acquisto delle farm HLT (LVL2 ed EF) è stato modificato per tener conto della nuova
  schedule di LHC.
Ferroni estende le congratulazioni della Commissione anche a Vercesi per il lavoro
svolto.

   43. ATLAS Stato del luminometro - A. Zoccoli
  Zoccoli relaziona sullo stato del LUCID. Le attività del Gruppo di Bologna sul detector
  LUCID di ATLAS negli ultimi mesi si sono concentrate sia sulla progettazione e
  realizzazione dell’elettronica di front-end, readout e trigger, sia su diversi aspetti del
  rivelatore. In particolare il gruppo ha avuto la responsabilità della campagna di misure
  su banco, effettuate al CERN, volte a misurare le performances delle diverse parti del
  detector ed ha organizzato il test beam effettuato nell’Agosto 2006 al DESY di
  Amburgo. Il gruppo si sta inoltre impegnando nelle simulazioni Monte Carlo ed ha
  proposto una nuova schedula di installazione per questo sottosistema. Le misure su
  banco al CERN sono state effettuate con una laser rosso che ha permesso di misurare le
  performances delle diverse parti del detector: tubi, Winston Cones (WC) e fibre. Sono
  stati provati diversi tipi di tubi (trattati meccanicamente o elettricamente o tubi di
  Mylar), WC con diverse geometrie (diametro finale di 3mm e 4mm) e diversi tipi di
  fibre (PUV500, PUV700, FSU600). Tali misure hanno permesso di valutare il
  miglioramento nelle performances del detector, rispetto al test beam del 2005 in cui si
  avevano circa 5 fotoelettroni (p.e.), in un fattore compreso tra 2 e 4. Il limite di tali
  misure consiste nel fatto che sono effettuate solo con luce rossa e che sono affette da
  fluttuazioni intrinseche. Si è pertanto deciso di verificare tali risultati su test beam. A
  questo scopo, nell’Agosto 2006, è stata effettuata una presa dati presso il fascio di test
  di elettroni da 6 GeV del laboratorio DESY di Amburgo. In tali misure sono state
  misurate le performances del detector sia nella sua configurazione base (luce rivelata
  attraverso fibre al quarzo e fotomoltiplicatore multianodo (MAPMT)) , sia nella
  configurazione di backup, in cui il WC è direttamente accoppiato con un
  fotomoltiplicatore singolo (PMT). I risultati ottenuti sono i seguenti:
              10-12 p.e. nella configurazione base
              100-125 p.e. nella configurazione di backup
  Il miglioramento rispetto al 2005 (configurazione base) è di circa un fattore 2 e si
  colloca al limite inferiore dell’intervallo previsto con i test su banco. La versione finale
  del rivelatore, ulteriormente ottimizzata, sarà nuovamente testata su fascio entro la fine
  del 2006. Vista la situazione del detector, sopra descritta, e la schedula temporale molto
  stretta, si è deciso di ridefinire la strategia di installazione del LUCID. Nel 2007 verrà
  installato una piccola parte del rivelatore, circa 10 tubi per parte. La maggior parte dei
  canali sarà letta con fibre al quarzo e MAMPT. Il front-end sarà installato sui MAPMT
  ed i segnali saranno inviati direttamente ad USA15, usando una versione
  dell’elettronica vicina a quella finale. Pochi canali saranno letti direttamente con PMT
  singoli, disposti alla fine dei tubi. Questi PMT saranno letti, dopo uno stadio di
  amplificazione, direttamente in USA15. Tale strategia permetterà di commissionare il
  detector con i primi dati, di verificarne l’allineamento ed il timing e di effettuare le



                                                                                         Pag 64/99
  prime misure di luminosità relativa. L’installazione finale avverrà durante il primo
  lungo shut-down della macchina.
  L’elettronica di lettura del LUCID consiste di diverse parti, tutte attualmente in fase di
  avanzata progettazione o realizzazione, è modulare e può essere facilmente modificato
  nel caso si decida di adottare la soluzione di backup (PMT singoli). I segnali in uscita
  dai MAPMT vengono analizzati da una scheda basata sul MAROC chip e poi inviati in
  USA15 attraverso una serie di schede che gestiscono l’amplificazione dei segnali e la
  loro trasmissione (Analog board, TX digital board, Connector board). La versione 2
  del MAROC chip è stata rilasciata in Luglio 2006 ed i primi test sono positivi. Le parti
  più importanti del front-end sono in produzione, alcune parti in fase di avanzata
  progettazione. In parallelo è stata sviluppata una Analog Test Board che permetterà sia
  di verificare il funzionamento del front-end, sia di leggere i tubi equipaggiati con PMT
  singoli. Lo sviluppo dell’elettronica di readout e di trigger è meno critica, a causa delle
  ridotte dimensioni del LUCID nel 2007 e comincerà non appena il front-end sarà
  finalizzato.
Ferroni dichiara di aver sentito solo giudizi positivi sul contributo che i gruppi di
Bologna stanno dando ad ATLAS, ed augura buon lavoro a Zoccoli.

   44. ATLAS Referee – F. Bedeschi
  Bedeschi presenta la relazione con le proposte dei referee. I referees constatano un
  ottimo progresso dell’esperimento, che è ormai in fase di completamento seguendo
  abbastanza fedelmente le ultime schedule presentate. Si prevede che il rivelatore
  completo o quasi sarà in grado di prendere dati con tutti i sistemi, o quasi, presenti
  durante il test run di fine 2007. Unica ombra il recente problema ravvisato sui toroidi
  degli end-cap, il cui impatto sulla schedule non è ancora completamente chiaro. I MOF
  non sono ancora del tutto definiti al momento; auspichiamo si chiariscano dopo l’RRB
  di Ottobre.
  Il rivelatore a pixel sarà pronto per l’installazione alle fine di Aprile 2007 nonostante i
  molti problemi imprevisti, in particolare la corrosione dei tubi di raffreddamento e
  successivamente l’inaffidabilità di alcuni tipi di cavi speciali. Il gruppo dei pixels ha
  affrontato questi problemi con decisione ed efficacia trovando e implementando
  soluzioni adeguate. Il recente completamento del layer 2 è un grosso successo e dà
  confidenza sulla fattibilità del completamento del rivelatore nei tempi richiesti.
  L’assemblaggio di RPC sarà completato entro la fine di Ottobre 2006 e l’installazione
  di RPC e MDT sebbene più lento del previsto sarà in ogni caso completato entro la fine
  del 2006 tranne alcune camere la cui installazione verrà rinviata a maggio 2007 per
  permettere l’installazione del rivelatore a pixels. Da parte italiana, è stata individuata
  una persona dedicata (ing. Pellegrino, LNF) a studiare i problemi di temperatura in
  caverna che sono critici per il corretto funzionamento degli RPC. I referees richiedono
  al prima possibile un aggiornamento su questo problema che ancora non appare ben
  sotto controllo. Tutte le parti del sistema di potenza sono in avanzato stato di
  produzione, ma i costi ancora una volta sono lievitati generando delle richieste
  finanziarie inattese. I referees non vogliono vedere altre richieste a riguardo nelle
  riunioni future della CSN1. La prima parte del sistema di distribuzione del gas è stata
  consegnata ed è soddisfacente. Viene richiesto il finanziamento della seconda parte che
  i referees propongono di anticipare al 2006 utilizzando il SJ sui ROD di NA. Il prof.
  Santonico andrà un anno al CERN per coordinare il commissioning degli RPC; i
  referees si complimentano per questa decisione e gli richiedono per Gennaio 2007 una
  schedule dettagliata delle attività previste al CERN sugli RPC.
  Il lavoro sul trigger di primo livello sta pure entrando in fase conclusiva. Le PAD sono
  tutte prodotte e gli spare già finanziati utilizzando il SJ per l’elettronica off-detector
  (RxSL) che verrà rassegnato nel 2007. Circa il 10% delle schede necessitano di
  riparazioni, ma un’ efficiente catena di test e aggiustaggio è stata implementata. Tutte
  le camere vengono installate con l’elettronica di trigger montata, tranne un piccola


                                                                                        Pag 65/99
  frazione che verrà equipaggiata sul rivelatore. È in corso la pre-produzione delle
  schede RxSL e la produzione sarà probabilmente completa all’inizio del 2007. I ROD
  invece hanno bisogno della realizzazione di un secondo prototipo che si spera sia
  completo per la fine di Dicembre 2006. I referees esprimono preoccupazione per la
  schedule di questo elemento. Test di questo sistema sul settore 13 hanno dimostrato il
  corretto funzionamento del sistema di trigger di ATLAS.
  Si riconosce l’enorme lavoro fatto sul software del DAQ e del HLT sia per quanto
  riguarda l’infrastruttura che per gli algoritmi di trigger e il sistema di monitoraggio. Le
  acquisizioni dell’hardware, per le quali i referees hanno ricevuto adeguati consuntivi di
  spesa, hanno finora seguito il piano prestabilito e approvato nel 2004. I ritardi previsti
  nell’accumulo di luminosità consigliano però di ritardare un po’ gli acquisti rispetto a
  questo piano. Questo comporta un piccolo avanzo nel 2006 che viene restituito alla
  CSN1 e un risparmio rispetto ai preventivi 2007. I referees apprezzano questo
  atteggiamento realistico del gruppo TDAQ italiano; ritengono inoltre che vada
  mantenuto il totale complessivo del contributo INFN lasciando flessibilità ai gruppi di
  ottimizzare negli anni il profilo degli acquisti.
  I calorimetri ad Argon liquido (LAr) e quelli a tile sono completi ed installati sia per
  quanto riguarda la parte centrale che quella di endcap. I servizi del primo
  (responsabilità di MI) sono pure stati installati. Si segnala qualche problema di corti nel
  calorimetro a LAr, che è stato solo in parte risolto con la revisione delle procedure di
  riempimento. Gli alimentatori a bassa tensione del calorimetro tile mostrano delle
  instabilità occasionali che richiedono una revisione seria del progetto. Nel frattempo
  sono state installate delle protezioni che impediscono danneggiamenti all’elettronica
  alimentata da queste unità.
  Per quanto riguardo lo sviluppo del luminometro è stato fatto un notevole lavoro per
  aumentare l’insufficiente resa luminosa. Purtroppo un test dei componenti ottimizzati
  ha portato solo ad un fattore due di miglioramento, che è ancora insufficiente. Sono
  ancora in corso studi ulteriori e soluzioni alternative con foto-tubi montati direttamente
  sui tubi Cherenkov senza fibre nel mezzo. Vista la collocazione del rivelatore è
  necessario però dimostrare un’adeguata resistenza a radiazione dei tubi prima che
  quest’alternativa possa essere considerata fattibile. Diverse prove su fascio sono
  previste per valutare alternative e soluzioni. Il piano d’installazione del rivelatore
  risente di tutte queste incertezze. Al momento si prevede di montare solo un rivelatore
  parziale per il test run del 2007, mentre quello definito verrà installato nel 2008. Il chip
  MAROC2 è stato prodotto e le prime fasi di test indicano un funzionamento corretto,
  non tutte le funzioni sono state verificate però. Il disegno dell’elettronica di front-end
  continua secondo la tempistica prevista. I referees ricordano che la CSN1 continuerà a
  finanziare solo l’R&D di questo progetto visto che il “CORE” è interamente a carico
  della collaborazione ATLAS.

                                      ASSEGNAZIONI

  - Missioni Interne:
  si assegna il metabolismo di 1 k€/FTE a tutti i gruppi e 3 k€ aggiuntivi a MI per il
  responsabile nazionale.

Gruppo       Ric/Ass.       SJ           Gruppo         Ric/Ass.           SJ
Bologna-RPC 8                            Milano-L.Argon 15.8
             8                                          11.5
Bologna-Lumi 17.5                        Napoli         16
             17.5                                       14
Cosenza      12.9                        Pisa           17.6
             8.5                                        9.5


                                                                                         Pag 66/99
Genova      16                             Pavia                  11
            16.5                                                  11
Lecce       13                             Roma1                  34.6
            12.5                                                  28.5
Frascati    25                             Roma2                  8
            16.5                                                  8
Milano-GRID 0                              Roma3                  12
                                                                  12
Milano-MAG 2                               Udine                  6
             2                                                    4
Milano-Pixel 8.5                           TOTALI                 223.9
             8.5                                                  188.5    0

   - Consumi:
   vengono assegnati SJ tutti i MOF di tipo B secondo i numeri più recenti resi disponibili
   dal responsabile nazionale. Su richiesta del presidente questi andranno vagliati dai
   referees prima dello sblocco del SJ. Questo richiederà che l’esperimento fornisca
   adeguata documentazione. Per quanto riguarda i MOF-A, stimati in 610 k€,
   l’assegnazione risulta di 257 k€ SJ di cui 57 k€ sulla voce consumi e 200 k€ su
   costruzione apparati. Per la completa copertura dei MOF-A del 2007 sono quindi
   necessari ulteriori 353 k€, che saranno reperiti, se possibile, nel fondo indiviso
   oppure rimandati al bilancio 2008. Tutto il metabolismo viene assegnato nella misura
   di 1.5 k€/FTE. I consumi per C&I vengono assegnati SJ. Lo sblocco avverrà a fronte di
   circostanziate richieste. Altre assegnazioni consistono in: 10 a CS per test a Casaccia, 7
   k€ a GE per manutenzione clean room e micro-bonder, 2 k€ a MI per manutenzione
   clean room, e 8 k€ PI per fototubi e fibre ottiche.

Gruppo                           Ric/Ass      SJ         Gruppo            Ric/Ass. SJ
Bologna-RPC                              24              Milano-L.Argon          85.4
                                       11.5         4                            12.5           40
Bologna-Lumi                             26              Milano-MOF               715
                                         26                                                     57
Cosenza                                37.9              Napoli                     39
                                         23         3                               21          5
Genova                                   38              Pisa                    55.4
                                       31.5                                         22          41
Lecce                                    29              Pavia                  188.5
                                         19         3                            16.5       165
Frascati                                 40              Roma1                   68.7
                                         25         5                               43          8
Milano-GRID                               0              Roma2                      22
                                                                                 11.5           3
Milano-MAG                               10              Roma3                      28
                                         10                                         18          3
Milano-Pixel                            275              Udine                       6
                                         15        191                             5.5
                                                         TOTALI                1687.9
                                                                                  311       528
   - Trasporti:
   si assegnano tutte le richieste:
   LNF: 2 k€, NA: 3 k€, PV: 2 k€, RM1: 1 k€, RM3: 3 k€
   - Inventariabile:



                                                                                         Pag 67/99
   GE: 7 k€ CPU per test del trigger, LNF: 4 k€ per alimentatori LV, PI: 12 k€ per ADC e
   alimentatori HV
   Tutte le altre richieste di computing locale vanno soddisfatte tramite l’uso dei tier 1 e 2
   o tramite le dotazioni di sezione.
   -Costruzione Apparati:
                                  Variazioni 2006
   PV restituisce 50 k€ per variazione piano di acquisizione hardware DAQ/HLT; si
   sbloccano 42 k€ a NA per sistema di gas RPC; si sbloccano di 103 k€ a NA (previsto
   per produzione ROD) e si richiedono altri 9 k€ di finanziamento aggiuntivo per sistema
   di gas RPC.
                                  Assegnazioni 2007
   Le proposte dei referees del calcolo per TIER2: approvazione apertura TIER2 a MI e
   assegnazione di SJ indiviso a MI di 250 k€ per tutti i TIER2 di ATLAS sono accettate.
   La raccomandazione di creare una tasca di 300 k€ per tutti gli esperimenti LHC viene
   rigettata dal presidente per mancanza di disponibilità finanziarie. Vengono assegnati su
   questo capitolo 200 k€ di MOF-A a MI come descritto nella sezione sui consumi.
   Seguono le altre assegnazioni: BO-Lumi: 30 k€ per elettronica e cavi; NA: 63 k€ + 40
   k€ SJ riassegnazione per produzione ROD; PV: 236 k€ hardware per HLT/DAQ; RM1:
   55 k€ + 30 k€ SJ riassegnazione per elettronica RxSL; RM2: 41 k€ + 35 k€ SJ
   completamento sistema di potenza RPC. Ultima assegnazione su questa voce.

Gruppo                               Ric/Ass.            SJ          Gruppo              Ric/Ass.       SJ
Bologna-RPC                                          0               Milano-L.Argon                 0

Bologna-Lumi                                        45               Napoli                    534.2
                                                    30                                            63 40
Cosenza                                              0               Pisa                          0

Genova                                               0               Pavia                       331
                                                                                                 236
Lecce                                                0               Roma1                       250
                                                                                                  55          30
Frascati                                             0               Roma2                        76
                                                                                                  41          35
Milano                                               0               Roma3                         0
                                                     0 450
Milano-MAG                                           0               Udine                          0

Milano-Pixel                                         0               TOTALI                   1236.2
                                                                                                425          555


   - Missioni Estere:
   vengono assegnate quasi tutte le richieste con una correzione all’assegnazione del
   metabolismo per evitare double counting. Per il valore del mese uomo è utilizzata la
   nuova tabella disponibile sul sito della commissione 1. Il 30% delle missioni viene
   assegnato SJ a MI. I referees vogliono essere informati di tutte le assegnazioni future di
   contratti CERN. A fine riunione il SJ viene ridotto da 762 a 684 k€.


                           Richieste/Assegnazioni                    Richieste/Assegnazioni
Gruppo                       Mu       k€     SJ Gruppo                  mu         k€       SJ
Bologna                        48.3 214.5         Milano
RPC                            47.0 125.0                                                     684
Bologna                        50.3 221.1         Milano                     39.8     174.9
Lumi                           46.6 124.0         L. Argon                   35.7      92.5


                                                                                          Pag 68/99
Cosenza                    24.2   116.1       Napoli             59.3     272.6
                           22.5    63.5                          55.8     154.5
Genova                     65.5   281.5       Pisa               38.4     182.8
                           58.6   151.5                          37.5     100.0
Lecce                      40.8   188.0       Pavia              41.8     185.0
                           40.5   115.0                          37.0      96.0
Frascati                   76.8   347.0       Roma1             109.2     502.2
                           67.5   174.5                          99.1     256.5
Milano                      1.0     4.5       Roma2              46.2     208.0
GRID                        1.0     2.5                          46.5     120.5
Milano                      5.4    23.0       Roma3              33.9     152.0
MAG                         5.0    13.0                          31.5      81.5
Milano                     40.1   172.5       Udine               7.8      35.5
Pixel                      35.1    91.0                           7.2      20.0
                                              TOTALI            728.4    3281.2
                                                                673.9    1781.5    684


   - Raggiungimento Milestones 2006

   Data                       Descrizione                        %                Commento
30/06/2006 LAR - Completamento installazione dei                100
           servizi su ECC e ECA
31/03/2006 LAR- Delay runs, master waveforms per                50
           calcolo OFC nel DB del calorimetro em                        Fattibilità OK-da
           barrel                                                       completare
30/12/2006 PIXEL-Fine assemblaggio del Pixel Detector           80      Estrapolato
20/12/2006 MDT-RPC - Tutte le stazioni testate nel pit di       70
           ATLAS                                                        Estrapolato
31/10/2006 LAR - Implementazione sw del controllo HV            50
           su tutto il calorimetro nello standard DCS di
           ATLAS
30/11/2006 TILES - Commissioning di EBA ed EBC                   90     Estrapolato
31/12/2006 LAR - TILES - Cosmic ray run congiunto dei           100
           calorimetri barrel Tilecal e LAr                             Estrapolato
31/05/2006 RPC - Tutte le unita` RPC al CERN,                   90
           disponibili per integrazione                                 Ora completo
30/10/2006 MDT-RPC – 100% delle stazioni installate in          80
           ATLAS                                                        Estrapolato
20/12/2006 LUMI - Finalizzazione del progetto                   100
           dell`elettronica del LUCID                                   Estrapolato
20/12/2006 LVL1 - Completamento del test delle PAD e            100
           fine installazione elettronica on detector nel
           pozzo                                                        Estrapolato

   - Milestones 2007

   Data      Sistema      Descrizione
31/03/2007   LV1          Produzione e test RXSL
30/04/2007   LAR          Integrazione SW controllo HV in DCS
30/04/2007   Pixel        Pronti per l' istallazione in Atlas



                                                                              Pag 69/99
             30/06/2007        LV1                  Fine produzione e test ROD
             31/08/2007        LV1                  Fine istallazione LV1
             30/04/2007        Tiles                Monitor istallato su ROS multipli
             31/05/2007        Analisi              Rilasciate note CSC con editori italiani
             31/07/2007        Tiles                Completamento istallazione fLVPS
             31/05/2007        TDAQ                 ROS operativi con test di EB e invio a SFO ( HLT trasparente)
             31/12/2007 Computing                   Piena operatività del computing finanziato su TIER1 e 2
             31/08/2007 LV1                         Integrazione LV1 in DAQ
             31/08/2007 MDT                         Fine commissioning LV e HV
             31/08/2007 RPC                         Fine commissioning LV e HV
             30/09/2007 Calorimetri;                Calorimetri, Mu Barrel, LV1 Mu, TDAQ (con algoritmi semplici ) pronti per
                        MDT; RPC;                   acquisizione dati
                        LV1; TDAQ
             31/10/2007 Pixel                       Pronti per acquisizione dati

            Su richiesta del Presidente, Livan informa la Commissione della sua esperienza nella
            compilazione dei MOF, spiegando che loro mantengono un dettagliato elenco delle
            spese effettuate che può in qualunque momento essere consultato, e che per il
            rivelatore dei il ~60% viene speso tra gas e personale.
            Dosselli chiede che entro la metà di ottobre, prima della prossima riunione dell’RRB,
            gli esperimenti ATLAS, CMS e LHCb producano una tabella riassuntiva della
            situazione completa e dettagliata dei MOF per il 2006 e 2007.
            Dalla Torre fa notare come la Commissione non sia completamente impossibilitata ad
            esercitare un minimo di controllo sui MOF-B, perché nel caso in cui si ravvisasse un
            doppio conteggio tra quello che la Commissione assegna in consumo ed i MOF-B,
            questa può sempre tagliare sul consumo. Dosselli concorda ed aggiunge che secondo
            lui è chiaro che se l’INFN dovesse un giorno venirsi trovare nella malaugurata
            situazione di assenza completa di controllo sui MOF, il management porterà
            automaticamente il consumo di quegli esperimenti a zero. Ferroni in conclusione
            ringrazia ATLAS per le buone notizie che ha portato.
            La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
            include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
                                                                             Ric.
  Sezione                                                                           Ass    Asj   AsD                      Commento
                                  Descrizione                         Ric.    sj
BO.LUMI     Contatti e partecipazione a meeting (1k€*17.5 FTE)        17.5      0   17.5     0     0
BO.RPC      Riunioni Collaborazione Italiana (1k€/FTE x 8 FTE)           8      0     8      0     0
CS          8.6 f.e. x 1.5k€                                          12.9      0    8.5     0     0
            Contatti e riunioni con la Collaborazione (1 K€/FTE)
GE                                                                      16      0   16.5     0     0
            (FTE = 15.7)
            Ordinarie (metabolismo per 12.5 FTE
LE                                                                      13      0   12.5     0     0
            ricercatori+tecnologi)
LNF         Missioni interne (1.5KEurox16.5 fte)                        25      0   16.5     0     0
            partecipazione a meetings ATLAS italia ,
            commissioni scientifiche nazionali gruppi di lavoro       12.8      0    8.5     0     0
            8.5 FTE x 1.5 K Euro
MI.LAR
            integrazione per Responsabile Nazionale ATLAS                3      0     3      0     0
            Totale per la sezione                                     15.8      0   11.5     0     0
MI.MAG      Metabolismo                                                  2      0     2      0     0   meeting nazionali e di coordinamento
MI.PIX      Metabolismo: 8.7 FTE x 1 K€ = 8.7 K€                       8.5      0    8.5     0     0
            Riunioni collaborazione italiana, contatti con le altre
NA                                                                      16      0    14      0     0
            sedi (15.5 fte fisici + 0.5 fte tecnologo Tier2 x 1k€)




                                                                                                                                Pag 70/99
PI             Metabolismo: 1 kE*FTE                                       7.6      0         9.5      0         0
PV             1 k€/FTE                                                     11      0         11       0         0
RM1            29.8 feq x 1.0 k€                                          29.8      0        28.5      0         0
               Riunioni Collaborazione italiana, Contatti di lavoro
RM2                                                                          8      0          8       0         0
               (1.0 Keur/FTE x7.8 FTE)
RM3            1 ke * f.t.e.                                                12      0         12       0         0
UD             Metabolismo: 1kEuro*FTE (3.8)                                 4      0          4       0         0
ATLAS           Totale per il capitolo di spesa                          207.1      0 188.5            0         0

Missioni Estere
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                                 Ass     Asj AsD                              Commento
                                     Descrizione                          Ric.     sj
               Contatti scientifici, paretecipazione a meeting vari
BO.LUMI        (collaborazione Luminometro, fisica, trigger,              115.5     0         124          0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
               computing etc.): 17.5 FTE x 1.5MU x 4.4k€
               Commissioning camere RPC e DAQ (3FTE fisici x
BO.RPC                                                                      80      0         125          0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
               6 mesi = 18 mu)
CS             8.6 f.e. x 1.5 m.u. x 4.8 k€                                61.9     0         63.5         0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
GE             1.5 m.u./FTE = 23.5 m.u. (1 m.u. = 4.29 K€)                 101      0        151.5         0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
               Ordinarie (metabolismo 12.5 FTE meno 2 FTE
LE                                                                          73      0         115          0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
               commissioning)
               Metabolismo 1.5mux16.5fte=25mu Preparazione
LNF            all'analisi=8mu -Commissioning Tr/DAQ=8mu                   347      0        174.5         0     0
               Commissioning e maintenance rivelatore=36mu
               viaggi L.Perini ( ATLAS Grid tools and services
MI.GRID                                                                     4.5     0          2.5         0     0
               coordination e GDB)
               Partecipazione alle ATLAS/ Physics/ LAr "Weeks"
MI.LAR         ,partecipazione a gruppi di lavoro 8.5 FTE x 1.5 mu         56.1     0         92.5         0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
               x 4.4 Keuro
               3.0 mesi uomo per la partecipazione al
MI.MAG         commissioning del sistema magnetico completo                 13      0          13          0     0   Inclusiva di tutte le voci, 30% SJ indiviso a MI
               (BT + ECTs + CS)
               Metabolismo: 1.5 m.u. x 8.7 FTE = 13.05 m.u. pari
MI.PIX                                                                      56      0          91          0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
               a 13.05 x 4.3 K€ = 56.115
               Commissioning in caverna e presa dati (3 fte fisici
NA                                                                        128.8     0        154.5         0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
               per i primi 6 mesi + 2 fte fisici per gli altri 5 mesi)
PI             Metabolismo: 1.5 mu*FTE=11.4 mu (1 mu = 4.5 kE)             51.3     0         100          0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
PV             Metabolismo 1.5 m.u./FTE                                    73.5     0          96          0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
RM1            29.8 feq x 1.5 m.u. = 44.7 mu @ 4.6 k€/m.u.                205.6     0        256.5         0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
               Attivita' ordinaria(Atlas, muon week etc): (7.8-
               3)FTEx1.5 mu/FTE. Si assume che per i 3 fisici che
RM2                                                                        32.5     0        120.5         0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
               manterranno al CERN una presenza cospigua (vedi
               richieste seguenti) questa necessita' e' gia coperta.
RM3            1.5 m * f.t.e.                                               80      0         81.5         0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
UD             Metabolismo: 1,5kEuro*4,6*FTE (3.8)                         26.5     0          20          0     0   Inclusiva di tutte le voci, SJ indiviso a MI
ATLAS          Totale per il capitolo di spesa                           1506.2     0 1781.5               0     0

Materiale di Consumo
                                                                                   Ric.
     Sezione                                                                                 Ass     Asj       AsD                        Commento
                                     Descrizione                          Ric.      sj
BO.LUMI        Materiale vario (metabolismo)                                 26          0    26       0         0
               Metabolismo in sede                                           12          0 11.5        0         0
BO.RPC         Metabolismo al CERN                                           12          0     0       4         0
                Totale per la sezione                                        24          0 11.5        4         0
               Metabolismo 8.6 f.e. x 1.5 k€                               12.9          0    13       0         0
CS
               Consumi commissioning ed installazione                        10          0     0       3         0




                                                                                                                                                 Pag 71/99
         Test al reattore nucleare ENEA LA CASACCIA               15    0    10    0    0
         Totale per la sezione                                   37.9   0    23    3    0
         Metabolismo (1.5 K€/FTE)                                23.5   0 24.5     0    0
         Manutenzione camera pulita e semipulita                   5    0    4     0    0
GE       Manutenzione straordinaria (1 intervento) per
                                                                   3    0    3     0    0
         macchine Xrays & wirebonding
         Totale per la sezione                                   31.5   0 31.5     0    0
         Ordinario (metabolismo per 12.5 FTE
                                                                  19    0    19    0    0
         ricercatori+tecnologi)
LE       Manutenzioni e consumi vari attività su apparato in
                                                                  10    0    0     3    0
         fase di commissioning
         Totale per la sezione                                    29    0    19    3    0
         Metabolismo 1.5x16.5                                     25    0    25    0    0
LNF      Commissioning e Maintenance                              15    0    0     5    0
         Totale per la sezione                                    40    0    25    5    0
         Previsione contributo MOF-A. 1112kCHF ( possibile
MI                                                               715    0    0    57    0
         contributo in kind per SW da sottrarre)
         metabolismo di gruppo, consumi magazzino CERN
                                                                 12.8   0 12.5     0    0
         1.5x 8.5 FTE
MI.LAR   M+O: Maintenance and Operations (2007) 64 KFr
                                                                 42.6   0    0    40    0   Aggiornata 20/9
         CH
         Totale per la sezione                                   55.4   0 12.5    40    0
         Sensoristica e componentistica varia da usare
MI.MAG                                                            10    0    10    0    0
         durante i collaudi
         metabolismo 1.5 K€ x 8.7 = 13.05K€                       13    0    13    0    0
         MOFB pixels: 296 KCHF pari a 180 K€ di cui 90
                                                                  90    90   0    122   0   Aggiornata 20/9
         S.J.
MI.PIX
         MOFB IDGEN: 105 KCHF pari a 75 k€                        75    0    0    69    0   Aggiornata 20/9
         Manutenzione camera bianca                                2    0    2     0    0
         Totale per la sezione                                   180    90   15   191   0
         Metabolismo (15.5 fte fisici + 0.5 fte tecnologo) x
                                                                  24    0    21    0    0
         1.5 k€
NA
         Consumi vari per attività al CERN                        15    0    0     5    0
         Totale per la sezione                                    39    0    21    5    0
         Metabolismo: 1.5 kE*FTE                                 11.4   0    14    0    0
         MOF: 46 kChF                                             31    0    0    41    0   Aggiornato 20/9
         PMT: N.O. 10 Hamamatsu 7878 per continuazione
         dei test di laboratorio da effettuare in sede a          10    0    5     0    0
PI
         luminosita' molto grande.
         Fibre: Kuraray della famiglia y11-(200)-MSJ per test
                                                                   3    0    3     0    0
         di curvatura.
         Totale per la sezione                                   55.4   0    22   41    0
         Metabolismo 1.5 k€/FTE                                  16.5   0 16.5     0    0
         Consumi commissioning MDT                                10    0    0     3    0
PV
         M&O B 2007 Gruppi mu                                    162    0    0    162   0   Aggiornata 20/9
         Totale per la sezione                                  188.5   0 16.5    165   0
         29.8 feq x 1.5 k€                                       44.7   0    43    0    0
         commissioning BIL                                        12    0    0     4    0
RM1
         cablaggio e commissioning LVL1                           12    0    0     4    0
         Totale per la sezione                                   68.7   0    43    8    0
         Metabolismo (1.5Keur/FTE x 7.8 FTE)                      12    0 11.5     0    0
RM2
         Consumo per attivita al CERN                             10    0    0     3    0




                                                                                                              Pag 72/99
               Totale per la sezione                                      22             0 11.5              3     0
               10 ke per commissioning                                    10             0         0         3     0
RM3            1.5 ke * f.t.e.                                            18             0     18            0     0
               Totale per la sezione                                      28             0     18            3     0
UD             Metabolismo: 1,5kEuro*FTE (3.8)                                6          0    5.5            0     0
ATLAS          Totale per il capitolo di spesa                        1556.4         90       311      528         0

Trasporti e Facchinaggi
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                                 Ass       Asj       AsD                        Commento
                                       Descrizione                    Ric.         sj
LNF            Trasporti                                                 2           0         2         0         0
NA             Trasporti (DHL + rientro in sede materiali spare)         3           0         3         0         0
PV             1 trasporto CERN- Pavia                                   2           0         2         0         0
RM1            Trasporti verso il CERN                                   1           0         1         0         0
RM3            trasporti materiale per rivelatori e commissioning        3           0         3         0         0
ATLAS           Totale per il capitolo di spesa                         11           0        11         0         0

Materiale Inventariabile
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                                 Ass       Asj       AsD                        Commento
                                       Descrizione                    Ric.         sj
               2 processori dual dual-core (4 CPU per macchina)
GE             12 GB RAM ciascuno per attività di trigger/TDAQ ed       14           0         7         0         0   Assegnata 1 CPU
               elaborazione on-line della calibrazione dei pixel
LNF            Alimentatori LV                                           4           0         4         0         0
               Sistema di HV per laboratorio (CAEN N470)                 5           0         5         0         0
PI             ADC veloce CAEN V1729                                    7.2          0         7         0         0
                Totale per la sezione                                 12.2           0        12         0         0
ATLAS           Totale per il capitolo di spesa                       30.2           0        23         0         0

Costruzione Apparati
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                                 Ass       Asj       AsD                         Commento
                                    Descrizione                        Ric.        sj
               Elettronica LUCID: II versione prototipale
BO.LUMI                                                                  45          0        30         0         0   Ritenuti sufficienti per la fase prototipale
               dell'elettronica + PMT
               ROD riassegnazione del sj del 2006 in caso non ne
                                                                                                                        Riassegnazione SJ ROD 2006, parte SJ a
NA             venga richiesto lo sblocco entro fine 2006 (2.45k€ x   103.2          0        63        40         0
                                                                                                                       definizione costi
               35 schede = 86.0+17.2 I.V.A.)
               LVL II Farm e infrastruttura                             130          0 61.5              0         0   aggiornato a nuovo piano di spesa di settembre
               Event filter farm and infrastructure                     116          0 90.5              0         0   aggiornato a nuovo piano di spesa di settembre
PV             On-line ancillary equipment                             51.5          0 51.5              0         0
               Event building fabric                                   33.5          0 32.5              0         0   Costi aggiornati a presentazione Luglio
               Totale per la sezione                                    331          0       236         0         0
                                                                                                                      Spare PADs gia` assegnate da anticipi su fondi
RM1            produzione spare PADs                                    100          0        55        30         0 LVL1. Si riassegnano i fondi LVL1 off-detector, con
                                                                                                                     SJ a definizione costi
                                                                                                                        Ultime assegnazioni per sistema potenza. SJ a
RM2            Completamento sistema di potenza (HV,LV+DCS)              76          0        41        35         0
                                                                                                                       presentazione piano complessivo RPC
ATLAS          Totale per il capitolo di spesa                        655.2          0       425       105         0




                                                                                                                                                    Pag 73/99
21 Settembre 2006 – Mattina


  45. CDF: Stato Generale - G. Chiarelli
  Chiarelli presenta lo stato dell’esperimento e “summarizza” una serie di risultati da
  “blessare” (!!). L'esperimento è in piena attività al Tevatron. La macchina funziona
  molto bene e, dalla fine di agosto, la luminosità di picco è molto spesso superiore a
  2x1032 cm-2s-1. La luminosità integrata è superiore ai 27 pb-1/settimana. Finora, da parte
  della divisione macchine, sono state rispettate le scadenze fissate quasi tre anni fa. In
  totale, durante il Run II, sono stati forniti agli esperimenti quasi 1.8 fb -1 di dati. Tipica
  efficienza di presa dati è 80-90%. Al momento CDF si trova a lavorare con una
  situazione in cui l'alta luminosità istantanea crea del tempo morto al trigger
  dell'esperimento. Gli upgrade in corso (in particolare quello del trigger di L2
  calorimetrico, vedi presentazione di G. Bruni), risolveranno queste situazioni. La
  presentazione si concentra su alcune misure di fisica recenti e sulle prospettive. CDF ha
  un programma di fisica estremamente ampio, spaziando dalla fisica di basso p t (in
  particolare la fisica del B) alla ricerca di fisica oltre il modello standard. Vengono
  presentati due nuovi risultati di fisica del B appena resi pubblici. Con 1 fb-1 CDF ha
  presentato in aprile l'evidenza (2.8) dell'oscillazione del Bs. Ora, dopo una
  ottimizzazione della selezione e delle procedure di tagging, CDF presenta, con lo stesso
  data set, una osservazione (>6) di oscillazione: Dms= 17.77±0.1(stat)±0.07(syst).
  Il programma di fisica del Bs procede con misure time-dependent e misure di vita
  media (BsKK, BsJ/ ecc). Un'altra misura appena blessata da CDF è quella delle
  misure del Bhh con 1 fb-1. CDF misura l'asimmetria ACP del B0K= -
  0.086±0.023(stat)±0.009(syst) [questa era una milestone di CSN1 da raggiungere per il
  31/12/2006]. Nella stessa analisi sono stati misurati una serie di BF, citiamo qui la
  prima osservazione del B0sKBF=(5±0.75±1)x10-6. È stata inoltre misurata la ACP
  nel canale B0sK=0.39±.15±0.08.
  Potenzialmente la comparazione tra l'ACP del B0 e del B0s rappresentano un test del
  modello standard. Sul fronte dei test indiretti del modello standard nel settore del B,
  CDF ha recentemente aggiornato (1fb-1) il suo limite sul decadimento del Bd e del Bs
  in due . Il nuovo limite per il Bs (90%CL) è di 8x10-8, che pone seri vincoli in molti
  modelli SUSY. È bene notare che in tutte e tre le analisi citate SVT gioca un ruolo
  fondamentale. Per il mantenimento dei rate di fisica del B (ed in particolare del
  Bs) entro i limiti previsti dall'esperimento, gioca un ruolo importante l'upgrade di
  XFT oramai pressoché terminato.
  Per quanto riguarda la fisica di altro Pt, la presentazione fa una rapida carrellata di
  risultati recenti e/o ottenuti con 1 fb-1 guardando in prospettiva al futuro. La fisica di
  precisione del modello standard fornisce un banco di prova per nuovi algoritmi
  fornendo allo stesso tempo informazioni preziose su alcuni parametri poco noti (es: le
  PDF). In questo quadro sono interessanti sia le recenti misure di asimmetria del W e di
  d/dy dello Z, che le misure di precisione della sezione di produzione del W con
  elettroni prodotti nella regione in avanti. Quest'ultima misura ha fornito un test per le
  performance del tracciatore a grande . Allo stesso tempo il confronto con la misura
  analoga nella zona centrale costituisce un vincolo per le varie PDF. In progress è la
  misura della massa del W, l'incertezza (statistica + sistematica) è già inferiore al Run I.
  Inoltre CDF ha messo un limite sulla sezione d'urto di produzione del top attraverso
  canali EWK (single top) a meno di 1 dalle predizioni del modello standard (<3.4 pb
  @95% CL). D0 ha presentato ad ICHEP la sezione d'urto più piccola mai misurata al
  Tevatron: meno di 4pb per il processo WZ.
  Nell'ambito della fisica del top, le misure di sezione d'urto di produzione (effettuate in


                                                                                           Pag 74/99
tutti i canali, escluso al momento quello in cui uno dei W decade in ) hanno raggiunto
in precisione le previsioni teoriche. Sarebbe interessante un aggiornamento di queste
ultime anche dati i nuovi risultati sulla massa. Al momento sigma (ppbarttbar) =
7.3±0.5±0.6±0.4 pb Per quanto riguarda la massa, il Tevatron ha appena aggiornato
(ICHEP06) Mtop: D0+CDF: 171.4±1.2±1.8 Gev/c2.
Da notare che CDF da solo ha una misura con un errore inferiore ai 3 GeV/c2, mentre il
TDR per il Run II prevedeva di aver bisogno di 2 fb-1 per una misura con una
precisione di 3GeV/c2. Miglioramenti sono ancora possibili, e un errore sulla misura
inferiore all'1% sembra raggiungibile. Le misure di Mtop, combinate con le altre misure
EWK, pongono un limite alla massa dell'Higgs a 199 GeV/c2 (includendo i limiti diretti
di LEP-2). Nell'ultimo anno CDF e D0 hanno ampliato i loro sforzi sulla ricerca
dell'Higgs. In particolare CDF ha il suo punto di forza nel b-tagging, e quindi ha
concentrato molti sforzi nella regione di bassa massa (115-130 GeV/c2) dove l'Higgs è
prodotto in associazione con un bosone vettore, mentre D0 si è concentrata sulla
regione intorno ai 160 GeV/c2 (Higgs prodotto attraverso gluon fusion) dove il
decadimento dell'Higgs avviene due bosoni vettori ed è possibile sfruttare la grande
accettanza di D0 per leptoni. Le analisi del 2005 utilizzavano circa 350-380 pb-1, quelle
presentate ad ICHEP hanno fatto uso di 1 fb-1. I limiti del 2005 erano dell'ordine di 20-
50 volte (a seconda della regione di massa) su quanto atteso dallo SM. Al momento
(ICHEP 06), i limti osservati vanno da 10 volte il modello standard (zona a bassa
massa), a 4 volte il modello standard (zona attorno a 160 GeV/c2). I miglioramenti sono
stati ovunque superiori al semplice aumento di luminosità anche se, ad oggi, non tutti i
canali sono stati rianalizzati utilizzando 1 fb-1. Rimane spazio per molti miglioramenti.
Dall'ottimizzazione del b-tagging, all'utilizzo del canale Zbb per migliorare la JES,
all'utilizzo del tracking in avanti per migliorare l'accettanza, all'utilizzo di reti neurali
per ottimizzare la selezione. Molti di questi sviluppi vedono protagonisti i gruppi
italiani. CDF ha anche in corso un programma esteso di ricerca di nuova fisica, in
particolare di supersimmetria. La ricerca di produzione chargino-neutralino nello stato
finale multi-leptonico appare promettente, così come l'identificazione di un Higgs
supersimmetrico attraverso i suoi decadimenti in due . Per il mantenimento delle
capacità di fisica al alta luminosità è cruciale che il trigger sia all'altezza delle sfide.
Oltre al miglioramento del trigger calorimetrico (cui si è già accennato), CDF ha, da
quest'anno, un programma di prioritarizzazione dei vari trigger in vista del
mantenimento di un programma di fisica adeguato. Sul piano del mantenimento del
rivelatore, la COT (dopo l'inserimento di ossigeno) non ha più mostrato segni di
invecchiamento, e il SVX si sta comportando, fino ad ora, secondo le aspettative (in
effetti, all'interno della forbice conservativa prevista dalle aspettative, SVX sembra stia
seguendo il limite inferiore per quanto riguarda il danneggiamento). Non ci si aspetta
inversione di nessuno strato fino ad almeno 2.5 fb-1.
Infine la presentazione mostra alcune statistiche relative all'esperimento. Il numero di
studenti di dottorato negli ultimi tre anni è approssimativamente costante e mostra un
interesse verso la fisica di CDF. In realtà viene fatto osservare come la migrazione di
personale verso gli esperimenti di LHC abbia favorito un "alleggerimento" di molte
procedure dell'esperimento. Attualmente uno studente è in grado di giocare un ruolo
attivo dentro le analisi dell'esperimento molto più rapidamente che nel passato. Questo
tipo di "streamlining" continua quotidianamente. Nel quadro di una ottimizzazione
dell'uso delle risorse, CDF sta dando vita a turni di controllo remoto della qualità della
presa data (Remote Online Monitoring) tra Fermilab e l'Italia. Il progetto, che mentre
scriviamo è in fase di commissioning, è stato effettuato in collaborazione con CMS-
USA.
In generale gruppi italiani sono stati parte, e in alcuni casi forza trainante, di molte delle
analisi (non solo quelle di fisica del B) qui citate. Per concludere, CDF ha in corso un
attivo programma di fisica. Grazie alle ottime performance della macchina, ed al fatto




                                                                                         Pag 75/99
  di operare con un rivelatore che ora è molto ben capito, l'esperimento sta lavorando a
  misure di fisica interessanti e dalle ampie prospettive.
Ferroni si congratula per il successo del RUN-2 di CDF e gli ottimi risultati di fisica,
e si augura per il bene dell’esperimento che i referee siano stati con loro magnanimi
.

   46. CDF Referee – G. Bruni, P.Giubellino, L.Lista, P.Morettini,
       L.Moroni, V.Vercesi
  Bruni presenta la relazione con le proposte dei referees per l’esperimento CDF. Sia il
  Tevatron che l’esperimento funzionano molto bene. Nel mese di agosto 2006 la
  luminosità di picco ha superato il valore di 2x1032 cm-2s-1, ed ora è usuale avere una
  luminosità iniziale superiore a tale valore. L’efficienza di CDF è maggiore dell’80% , e
  l’esperimento ha accumulato una statistica pari a circa 1.5 fb-1.
  Sono in corso molte analisi (fisica del b/c, alti PT, minimum bias) con il contributo
  determinante dei gruppi italiani a tutti i livelli (mantenimento dei rivelatori, sviluppo di
  tool, calcolo, analisi dei dati). L’upgrade del trigger SVT è stato un successo. I risultati
  principali, di grande rilevanza e livello, sono stati presentati da G. Chiarelli. I referees
  si congratulano con la collaborazione.
  L’aumento della luminosità ha messo in evidenza i limiti attuali del trigger di secondo
  livello del calorimetro (L2CAL). Mentre, grazie anche al lavoro effettuato su SVT, la
  larghezza di banda al livello 1 (30 kHz) non costituisce più un problema, il collo di
  bottiglia si è spostato al livello 2 (1 kHz). La sezione d’urto al livello 2 cresce molto
  rapidamente, ed è dominata da “junk” che entra principalmente nei canali di trigger che
  richiedono ET e jet. Usando le variabili offline la crescita è molto più moderata. Nella
  implementazione attuale L2CAL utilizza le somme di ET e ET direttamente dal trigger
  di livello 1 con limitazioni al potere di reiezione. Si propone una modifica al livello 2
  che permetta di utilizzare i dati delle torri calorimetriche a risoluzione completa, pre-
  processarli e raggrupparli tramite un insieme di schede Pulsar prima di inviarli alle
  CPU del livello 2. Verrà inoltre implementato un algoritmo di jet-finding migliorato.
  La collaborazione CDF ha deciso ufficialmente di effettuare questo upgrade. Il costo
  totale (acquisto di schede Pulsar, progetto e realizzazione di mezzanini) ammonta a 200
  k$. Si propone una quota di 50 k$ a carico dell’INFN. La scala temporale del progetto è
  di 6 mesi (20% realizzazione, 80% test), grazie al fatto che verrà suddiviso in sotto-
  progetti che procederanno in parallelo. Ferroni chiede se questi sotto-progetti saranno
  realizzati solo da italiani, come appare dalla trasparenza presentata. In realtà nella
  trasparenza è indicata solo la distribuzione preliminare delle attività dei gruppi italiani.
  I referee raccomandano l’approvazione del progetto e del relativo finanziamento (40
  kЄ, se possibile anticipati al bilancio 2006).
  Per quanto riguarda il calcolo si osserva che CDF è sempre più attiva nell’utilizzo di
  risorse GRID, sia negli USA (NAmCAF) che in Europa (lcgcaf) con risultati
  soddisfacenti. Le risorse messe a disposizione dal CNAF sono riconosciute
  esplicitamente dalla Collaborazione. Anche al CNAF le risorse per CDF sono allocate
  in modo esplicito, il che fa sperare che anche in futuro – quando l’utilizzo degli
  esperimenti LHC diventerà sempre più importante – CDF vedrà preservata la sua
  quota. Le richieste di incremento di CDF (71 TB di spazio-disco e 130 kSi2k di CPU)
  sono in linea con i profili di crescita discussi negli anni precedenti. Non viene
  finanziato il materiale inventariabile richiesto a Padova, poiché le risorse di calcolo di
  CDF continueranno ad essere presso il TIER1 del CNAF. Come al solito si riconosce ai
  gruppi un contributo di materiale inventariabile, valutato in 0.6 kЄ per FTE impegnato
  nell’analisi.
  Qualche preoccupazione deriva dall’osservazione che il numero di fisici e tecnologi
  impegnati in CDF è in calo dal 2005 (FTE: 78 nel 2004, 74.5 nel 2005, 66.6 nel 2006,
  57.5 previsti per il 2007). Una nota positiva è che il numero di studenti in CDF (USA e


                                                                                         Pag 76/99
              non-USA) è sostanzialmente costante. Negli ultimi due anni si sono uniti a CDF circa
              90 nuovi studenti. Ferroni domanda quale sia la situazione relativamente agli studenti
              italiani, e la risposta è che anche il loro numero è sostanzialmente costante. Le
              assegnazioni per missioni-estere tengono conto di questa contrazione, dei progetti
              approvati, delle responsabilità, delle attività di analisi e del fatto che, a differenza del
              2006, durante il 2007 non sono previsti lunghi periodi di shutdown della macchina. Un
              mese uomo a FNAL viene valutato con una riduzione del 20% rispetto agli anni
              precedenti (1 m.u. = 5.4 kЄ). La sezione di Trento richiede un contributo di 40 kЄ su
              missioni estere per una responsabilità legata allo sviluppo della CAF a FNAL. I
              referees, pur esprimendo soddisfazione per il riconoscimento delle capacità di giovani
              italiani, non ritengono accettabile finanziare una attività legata allo sviluppo della
              GRID americana. Il finanziamento standard e probabili contributi da CDF possono
              finanziare questa attività.
              I finanziamenti proposti sul capitolo di consumo, oltre al metabolismo, tengono conto
              delle attività specifiche legate alla manutenzione dei rivelatori. Come al solito il
              finanziamento sul consumo di Pisa include il contributo ai fondi comuni
              dell’esperimento.
              LNF richiede su Costruzione Apparati un finanziamento (41.5 kЄ) per l’acquisto di un
              laser a eccimeri (XeCl, 308 nm), che sarà utilizzato per la calibrazione dei foto-tubi del
              calorimetro (~ 1500). Il laser ad azoto utilizzato sinora, vecchio di 25 anni, è rotto e
              non più riparabile. I referee hanno verificato che il suo costo (esiste già anche una
              offerta) è congruo con le caratteristiche necessarie, e ne propongono il finanziamento
              sul capitolo di Inventario.
              Per quanto riguarda le richieste 2006, l’analisi delle necessità e dei profili di spesa delle
              ME, corretti per la riduzione del 20%, evidenziano una necessità per Pisa, a cui si
              propone una integrazione di 20 kЄ, mentre tale necessità non è ravvisata per LNF. Il
              gruppo di Pisa richiede 3.5 kЄ per materiale inventariabile necessario alla realizzazione
              di un sistema che permetta lo svolgimento remoto di turni di controllo di qualità
              (Consumer Operator). Pisa è una delle istituzioni pilota per questo progetto. Si propone
              l’assegnazione di 3 kЄ. Ferroni osserva che anche gli esperimenti LHC devono trarre
              ispirazione da questa iniziativa. Vi è una richiesta di 36 kЄ dal gruppo di LNF per
              l’acquisto di fotomoltiplicatori “spare” per il calorimetro. I referees ricordano che
              questa cifra fu già finanziata nel maggio 2005, non fu spesa ed è andata persa a causa
              delle mancate riassegnazioni dei residui del bilancio 2005. Propongono quindi di
              finanziare 18 kЄ, raccomandando di impegnarli immediatamente. Le piccole richieste
              di Trieste su Consumo e Missioni Interne possono essere soddisfatte all’interno dei
              gruppi italiani di CDF o della Sezione di Trieste. Nelle tabelle che seguono sono
              riassunte le richieste ed assegnazioni sia per il 2006 che per il 2007, che riflettono
              eventuali modifiche apportate in Commissione.
            Ferroni fa osservare alla Commissione che è stata finanziata la realizzazione a CDF di
            un sistema di controllo per via remota dell’esperimento che consentirà, quando entrerà
            in funzione, il run dell’esperimento dal proprio ufficio via rete; questo ha
            conseguenze non banali perché consentirà in futuro di diminuire i fondi di ME per i
            turni. Ferroni si augura ed auspica che, ove questo esperimento funzionasse bene a
            CDF, vengano implementati anche per LHC sistemi simili. Chiarelli dichiara che
            avrebbe preferito partire subito nel 2007 con l’upgrade del L2, che è stato invece
            messo SJ; Ferroni si rammarica, ma purtroppo la Commissione non ha potuto fare di
            più.
            La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
            include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
                                                             Ric.
  Sezione                                                           Ass   Asj   AsD              Commento
                           Descrizione                Ric.    sj




                                                                                                      Pag 77/99
               Contatti con le Sezioni Italiane della Collaborazione.
BO                                                                            8         0      8     0         0
               Convegni in Italia. 7.95 fte x 1KEuro
LNF            Missioni interne                                             5.6         0      5     0         0
               -riunioni di CDF Italia -attivita' di analisi in
               collaborazione -coordinamento computing al CNAF
PD                                                                            8         0      5     0         0
               (1m/u) -attivita' di test di nuove schede per il trigger
               (1m/u)
               Missioni interne: riunioni di collaborazione, contatti
               per analisi, partecipazione a
PI                                                                          45          0     24     0         0
               conferenze,partecipazione Hadron Collider Physics
               (maggio 2007)
               Partecipazione a meetings, Riunione nazionale
PV.Dot                                                                      3.5         0      1     0         0
               Gruppo I
RM1            Riunioni CDF-Italia, SVT                                     10          0      7     0         0
               Contatti di collaborazione CDF-Italia, riunioni
TN                                                                            3         0      4     0         0
               organizzative, workshops
TS             Riunioni, contatti scientifici                                 4         0      4     0         0
UD             riunoni e congressi                                          4.5         0      4     0         0
CDF2            Totale per il capitolo di spesa                            91.6         0     62     0         0

Missioni Estere
                                                                                      Ric.
     Sezione                                                                               Ass     Asj       AsD                     Commento
                                     Descrizione                           Ric.        sj
               Shift, Collaboration Meetings, Working groups,
BO             riunioni, offline, on-call HV Plug (HW+SW), analisi,         138          0    73         0     0
               trigger. 20.5 mu x 6.71KEuro = 137.6KEuro
               Missioni estero 24 MU (12 MU + 6 MU resp. CHA-
LNF                                                                         160          0    65         0     0
               WHA + 6 MU resp. SVT)
               15 m/u in totale a 6.71 KE/(m/u) shift esperimento
               3m/u analisi offline e software 6m/u attivita' di
PD             computing 3m/u riunioni della collaborazione 2m/u            100          0    47         0     0
               partecipazione allo sviluppo e ai test delle nuove
               schede per il trigger 1m
               Altre attività (turni, manutenzione, system manager                                                Comprensivo di responsabilità come da dettaglio
PI             sistema silicio, partecipazione a meeting, riunioni e        385          0   260 175.5         0 delle richieste. Sub-judice alle necessità
               comitati) 55 m.u.                                                                                 dell`esperimento pari al 25% del totale
               Turni di presa dati, partecipazione a meetings e
PV.Dot                                                                       15          0    10         0     0
               riunioni.
RM1            Missioni a Fermilab: 22 m.u. (1 m.u.=6.71 KE)                148          0    57         0     0
TN             Turni CO/SciCO                                                     7      0    37         0     0
TS             Analisi, Riunioni (8 m.u.)                                   53.5         0    32         0     0
UD             missioni al fnal                                              54          0    29         0     0
CDF2           Totale per il capitolo di spesa                            1060.5         0   610 175.5         0

Materiale di Consumo
                                                                                      Ric.
     Sezione                                                                                 Ass   Asj       AsD                     Commento
                                     Descrizione                           Ric.        sj
               Metabolismo 7.95 fte x 1.5KEuro                               12          0    12     0         0
BO             Maintenance HW+SW HV Plug                                      5          0     3     0         0
                Totale per la sezione                                        17          0    15     0         0
               Metabolismo                                                    9          0   7.5     0         0
LNF            Manutenzione CHA - WHA                                         4          0     6     0         0   Comprensivo di SVT
                Totale per la sezione                                        13          0 13.5      0         0
PD             metabolismo a Padova e a Fermilab                             10          0     7     0         0
               Contributo gestione apparato                                 300          0   250     0         0
PI             Consumi a Pisa                                                30          0    36     0         0   Pisa+Fermilab
                Totale per la sezione                                       330          0   286     0         0




                                                                                                                                           Pag 78/99
PV.Dot         Magazzino a Fermilab e consumi a Pavia.                    2.5      0     1      0     0
RM1            Metabolismo                                                14       0     7      0     0
TN             Varie                                                       5       0     5      0     0
TS             Metabolismo                                                 6       0     5      0     0
               metabolismo                                                4.5      0    4.5     0     0
UD             manutenzione laser                                         1.5      0     3      0     0   Nuovi valori del rimpiazzo cella
               Totale per la sezione                                       6       0    7.5     0     0
CDF2           Totale per il capitolo di spesa                          403.5      0   347      0     0

Trasporti e Facchinaggi
                                                                                Ric.
     Sezione                                                                           Ass    Asj   AsD                       Commento
                                    Descrizione                         Ric.     sj
PI             Materiale in riparazione, spedizione schede                 8       0     5      0     0
CDF2           Totale per il capitolo di spesa                             8       0     5      0     0

Materiale Inventariabile
                                                                                Ric.
     Sezione                                                                           Ass    Asj   AsD                       Commento
                                    Descrizione                         Ric.     sj
               Rinnovo hardware calcolo in sede e a Fermilab
BO             (secondo l'algoritmo 0.6KEuro per fte_analisi)            4.5       0     4      0     0
               0.6KEuro x 7.3 fte_analisi = 4.38KEuro
               2 PC: Dual Core Intel 3 GByte, RAM 4 GByte,                                                3 kEuro per calcolo in sede. 41.5 kEuro per Laser
LNF                                                                       13       0 44.5       0     0
               Storage 4 TByte                                                                            XeCl
               rinnovo delle attrezzature di calcolo e storage locale
PD                                                                         3       0     3      0     0
               0.6 KE * 4.6 fte
               Metabolismo, strumenti per analisi (calcolo in
PI                                                                        15       0   9.5      0     0
               Sezione)
               Sostituzione PC a Fermilab e incremento spazio
RM1                                                                        5       0   2.5      0     0
               disco per analisi locale
TN             Connesso al lavoro di analis.                               2       0     2      0     0
TS             Calcolo: Metabolismo analisi                                2       0     2      0     0
UD             incrementi disco                                            2       0     2      0     0
CDF2           Totale per il capitolo di spesa                          46.5       0 69.5       0     0




                    47. LHCb: Stato di LHCb - P. Campana
                  Campana presenta lo stato generale dell’esperimento. L'esperimento LHCb è in fase
                  avanzata di montaggio al pozzo 8. Viene dapprima illustrato lo stato dei rivelatori nei
                  quali l'INFN non è direttamente coinvolto. Il rivelatore di vertici è in fase di
                  assemblaggio. I sensori stanno arrivando al CERN e vengono installati sui supporti
                  meccanici. Metà del rivelatore è pronto e verrà allineato su fascio. L'altra metà è in
                  ritardo, per cui verrà solo verificato dimensionalmente. La parte di tracking al silicio è
                  molto avanzata e la sua preparazione non crea particolari problemi. Molta attività nel
                  pozzo è stata svolta per ciò che riguarda il tracker a straw tubes. La grande struttura
                  meccanica di supporto è stata calata nel pozzo e installata, assieme al sistema di
                  montaggio delle grandi "C" costituite dai rivelatori. Sono stati effettuati test di gas e
                  HV su alcuni elementi sensibili montati sull'apparato, con risultati analoghi a quanto
                  osservato in laboratorio. Il montaggio dei calorimetri sta proseguendo con
                  l'installazione di PS e SPD, che interagiscono spazialmente con la stazione aM1.
                  Viene anche presentato il lavoro del gruppo di Bologna sul trigger Ecal. Le schede di
                  trasmissione ottica e di selezione sono ben avanzate e la produzione è stata approvata.
                  Insieme a questa attività, il gruppo è fortemente impegnato nello sviluppo del software
                  di monitor della farm on-line. Il lavoro è quasi completato ed è nei tempi previsti.
                  Viene fatto anche un breve cenno allo stato dell'installazione della beam pipe, che è


                                                                                                                                     Pag 79/99
  partita dal lato della zona di interazione e proseguirà fino a novembre. LHCb si sta
  preparando al pilot run, per cercare di massimizzare la quantità di informazione
  ottenibile nelle collisioni a 0.9 TeV. La parte finale è dedicata allo stato delle finanze.
  Avendo messo tutto il debito sulla farm on-line, esso ammonta a circa 2.6 Mchf. Se si
  considerano i contributi che vari paesi hanno fornito tra il 2005 e il 2006 (per il
  dettaglio vedi trasparenze), il saldo negativo ammonta a circa 1.3 Mchf. Ciò non
  impedisce comunque di arrivare al run del 2007 con tutto il network necessario e 1/3
  della CPU. L'INFN si riserva di considerare un suo possibile extra contributo di 200
  kchf, non appena UK e US rilascino analoghi contributi.
Ferroni chiede chiarimenti sul finanziamento del computing, ribadendo che la somma
di 200 kchf dovuta dall’INFN è da considerarsi SJ al fatto che anche le altre agenzie
finanziatrici provvedano a versare la loro parte di finanziamento. Campana risponde
che Stone (USA) per ora ha messo la metà di quello che doveva mettere. Batignani
domanda come devono essere conteggiati i 200 kchf, e Ferroni risponde che contano
come extra-costi.

   48. LHCb: RICH - C. Matteuzzi
  Matteuzzi relaziona sullo stato della costruzione del RICH. Lo stato dei rivelatori
  RICH (RICH-1 e RICH-2) di LHCb e passato in rassegna. Per il RICH-2, gli impegni
  italiani sono stati: Genova: progettazione e produzione dell'alloggiamento dei
  fotorivelatori HPD, del circuito di raffreddamento, circuiti di collegamento HPD-FE
  (ZIF), e DCS Milano:progettazione e costruzione dello schermo magnetico globale,
  ottimizzazione dello schermo magnetico locale (cilindri di mumetal), partecipazione al
  sistema di allineamento dell'ottica, progettazione e produzione e montaggio delle
  schede di alimentazione dell'HV e LV, isolamento elettrico HPD-mumetal. Il vessel del
  RICH-2, con ottica montata, e stato trasportato in pit 8 e si trova quindi nella sua
  posizione finale sul fascio. Tutti i milestones sono stati rispettati. manca solamente il
  montaggio in situ delle 2 matrici di HPD (16x9 HPD ciascuna), in via di assemblaggio
  in superficie. Per quanto riguarada il RICH-1, gli impegni italiani sono: Genova:
  circuiti di collegamento HPD-FE (ZIF), e DCS Milano: radiatore aerogel, progettazione
  e produzione e montaggio delle schede di alimentazione dell'HV e LV, isolamento
  elettrico HPD-mumetal. La produzione dell'aerogel e stata completata: tutte le
  mattonelle sono state spedite al CERN, e le specifiche rispettate per l'indice di
  rifrazione n, e i valori della Clarity sono ben al di sotto (cioe migliori) del valore
  0.0064 um4/cm. I contenitori dell'aerogel, due elementi in fibra di carbonio, sono stati
  prodotti e il loro montaggio testato in pit 8 nel luglio 2006. Un'altra prova sara fatta con
  il vessel del RICH-1 nella sua posizione finale, dove l'accesso per il montaggio
  presentera problemi di spazio a disposizione. L'aerogel sara assemblato nei suoi
  contenitori al CERN in primavera 2007, e montato sul fascio nell'estate 2007: e'
  l'ultimo item nella catena dell'installazione prima di chiudere le porte laterali del vessel.
  Gli specchi sferici del RICH-1 sono stati commissionati alla CMA, dopo la rottura del
  contratto per gli specchi in berillio. Campioni in fibra composta (carbonio e resina) ci
  sono stati consegnati dalla CMA per tests di invecchiamento nel gas C4F10, resistenza
  alle radiazioni, e resistenza meccanica. I test sono positivi, ma il parametro riflettivita
  degli specchi non e ancora a livello delle specifiche richieste. Un possibile coating
  diverso da quello standard della CMA e preso in considerazione, sotto la supervisione
  di Andre Braem del CERN. La produzione degli HPD procede regolarmente, un
  rallentamento e intervenuto per le vacanze estive della DEP e per un problema di
  cattiva trasparenza delle finestre di quarzo destinate ai fotocatodi. Sono stati consegnati
  al 12 settembre 2006 al CERN 286 tubi, di cui 244 completamente caratterizzati (solo il
  3% risulta difettoso e da sostituire da parte della DEP), a fronte dei 484 necessari per il
  rivelatore finale. Mancano, per la tabella dei tempi, 54 tubi, in ritardo per le ragioni
  citate sopra, ma il ritardo non compromette il montaggio finale, che resta nei tempi.



                                                                                          Pag 80/99
   Una matrice di 3 colonne con 12 HPD ciascuna e stata testata con successo al BTF di
   Frascati in marzo 2006. I cilindri di mumetal, in cui ciascun HPD va inserito, sono stati
   ordinati e consegnati. E quasi terminato il lavoro di wrapping del kapton attorno agli
   HPD e il loro inserimento nei cilindri per il RICH-2. Milano ha progettato un setup di
   test, nel quale i cilindri con il kapton vengono testati e tenuti per 4 giorni sotto HV di
   25 KV, per controllare eventuali fughe di corrente. Le boards di distribuzione di HV e
   LV sono state prodotte in Italia, sul progetto di Milano, e sono in via di montaggio sulle
   colonne degli HPD. Una ulteriore scheda di protezione e stata disegnata e la sua
   produzione e in corso. Il progetto e stato approvato dalla CSN1 in giugno 2006. Il
   lavoro di vestizione delle colonne e in corso, e dovrebbe concludersi per il RICH-2
   nell'autunno del 2006. Continuera per il RICH-1 fino alla primavera 2007. Anche il
   RICH-1 e previsto essere installato nei tempi previsti, e quindi LHCb sara equipaggiato
   allo start-up del suo sistema di particle identification completamente operativo.
Albergo domanda se in considerazione dell’alto livello di radiazione a cui sono
sottoposte alcune parti del rivelatore esiste qualche rischio di fluorescenza del
materiale; Matteuzzi risponde che allo stato attuale sembrerebbe di no, anche se per
essere sicuri occorrerebbe fare un test anche in presenza di gas; aggiunge comunque
che fino ad ora in tutti i test realizzati questo fenomeno non si è mai verificato, e
siamo confidenti che questo non si verificherà. Batignani domanda quante persone
stanno lavorando al software; Matteuzzi risponde che sul software stanno lavorando
prevalentemente gli inglesi su tre aspetti: la descrizione dettagliata della geometria in
Geant4, la ricostruzione degli anelli Cerenkov e l’analisi finale degli eventi. Dalla
Torre aggiunge che il software equivalente di COMPASS è costato 6 anni uomo.

   49. LHCb: Rivelatori per muoni - E. Santovetti
   Santovetti relaziona sullo stato della costruzione del rivelatore di mu. Il rivelatore di
   muoni dell’esperimento LHCb, quasi interamente di responsabilità dell’INFN, entra ora
   in una fase cruciale. La produzione delle camere è ormai quasi completamente
   terminata: le camere delle stazioni M2, M3 ed M5 sono ultimate, la produzione di M4
   finirà ad Ottobre e M1 è in uno stato ben avanzato (60%). Le operazioni di vestizione
   (equipaggiamento delle Faraday cage, elettronica di FE e connettori LV e HV) sono in
   corso così come è in corso, ai LNF e al CERN, un test accurato delle prestazioni delle
   camere completamente finite in vista dell’installazione. La produzione ed il test delle
   camere a GEM (destinate alla regione più interna di M1) va avanti spedita e supera ora
   il 50%.
   Le diverse schede di elettronica, atte all’acquisizione ed al processamento dei dati del
   rivelatore sono in un avanzato stato di produzione e di test finale ed una intera catena di
   acquisizione è stata testata in laboratorio con successo. L’istallazione del rivelatore è
   iniziata, ed il commissioning è previsto per la fine di aprile 2007. Sono attualmente in
   fase di installazione i cavi e le linee di gas mentre l’installazione delle camere inizierà
   ai primi di Ottobre, nell’ordine da M5 fino ad M1.
Ferrari domanda chiarimenti sulla richiesta di acquistare 850 schede in più per
sostituire quelle rotte in quanto sembrerebbe insufficiente se quelle rotte sono 8000.
Campana spiega che le 8000 schede sono tutte quelle sulle quali è stata applicata la
modifica e sono state controllate dalla ditta; di queste 8000, ~700 sono risultate
impossibili da recuperare con la modifica prevista, e quindi vanno sostituite; la
richiesta quindi comprende anche un certo numero di schede spare.
Albergo domanda chiarimenti riguardo al tasso di occorrenza delle bolle che si sono
formate in alcuni dei pannelli; Santovetti risponde che le bolle sono distribuite
uniformemente su tutti i pannelli, sia nuovi che vecchi, quindi c’è una distribuzione




                                                                                         Pag 81/99
               indipendente dalla data di produzione. Campana aggiunge che per ora non si hanno
               dati sufficienti a stabilire se si tratti di un fenomeno di invecchiamento.

                    50. LHCb: Referee – G. Batignani
                   Batignani presenta le proposte dei referee. Il lavoro della collaborazione LHCb
                   procede, con alcuni ritardi, verso la completa costruzione ed istallazione del rivelatore.
                   I principali problemi tecnici consistono nella produzione dei nuovi specchi in fibra di
                   carbonio per i RICH (lavoro non sotto il controllo italiano) e sulla formazione di bolle
                   nei pannelli di alcune WPC che pure avevano passato i test di controllo qualità.
                   Problemi minori sono legati a ritardi dovuti ad errori di ditte fornitrici per schede del
                   L0 trigger e resistori delle SPB, oppure a basse efficienze di produzione dei
                   CARDIAC. Questa situazione si riflette immediatamente in una percentuale molto
                   bassa di milestone rispettate per il rivelatore di MU ed il trigger di livello 0; sono state
                   invece rispettate pienamente le milestone di competenza italiana dei RICH.
                   Per il 2007 i referees auspicano un coinvolgimento maggiore dei vari gruppi sia nel
                   software di servizio che nella preparazione dei physics tool.
                   Per quanto riguarda i finanziamenti, con oggi risulta completato il CORE dei
                   rivelatori, mentre 574 k€ di C.F. devono essere ancora versati: si propone di dividerli
                   fra anticipi 2006 e finanziamenti 2007 (come da tabella allegata), per concludere i
                   pagamenti nell’anno 2008.
                   Per quanto riguarda i MOFA si propone il finanziamento dei 216 k€ previsti (materiale
                   consumo) per il 2007, che però viene spostato nella tasca indivisa di 1.219 M€. Per
                   quanto riguarda i MOFB, tenendo presente la necessità improrogabile di acquisire nel
                   2007 il materiale per la costruzione dei moduli spare, i referee propongono per il 2007
                   un finanziamento di (67 + 185sj) k€ , anticipando quindi anche una parte delle spese
                   previste per il 2008 e 2009.
               La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
               include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                             Ass   Asj   AsD                         Commento
                                      Descrizione                          Ric.    sj
BO             Riunioni CSN1, riunioni di collaborazione                      7      0     7     0     0
CA             riunioni fisica                                              24       0    20     0     0   comprensivo di tutte le altre voci di missioni interne
FE             riunioni, conferenze e workshop                              9.5      0     6     0     0
FI             Metabolismo (riunioni LHCb Italia, etc)                      4.5      0     6     0     0   comprensivo di tutte le altre voci di missioni interne
GE             Incontri fra collaboratori italiani                            2      0   3.5     0     0   comprensivo di tutte le altre voci di missioni interne
               riunioni software, programmazione commissioning,                                             comprensivo di tutte le altre voci di missioni interne.
LNF                                                                         20       0    18    16     0
               centri di produzione                                                                        Il sj e` per tutta la collaborazione
               5 riunioni di fisica con altri laboratori ( 4 persone per
MIB                                                                           8      0     8     0     0   comprensivo di tutte le altre voci di missioni interne
               due giorni)
RM1            Riunioni dei gruppi italiani per analisi di fisica             6      0    10     0     0   comprensivo di tutte le altre voci di missioni interne
RM2            Riunioni LHCb Italia e contatti con ditte                    10       0     6     0     0   comprensivo di tutte le altre voci di missioni interne
LHCb           Totale per il capitolo di spesa                              91       0 84.5     16     0

Missioni Estere
                                                                                  Ric.
     Sezione                                                                             Ass   Asj   AsD                         Commento
                                      Descrizione                          Ric.    sj
               LHCb week, istallazione elettronica di trigger,
BO             partecipazione working group, coordinamento offline           50      0    48     0     0   m.u. : 7.2+1(resp)+4(instal)
               computing, partecipazione online
               installazione e commissioning elettronica                     55      0    35     0     0   9 m.u.
CA             installazione e commissioning rivelatore GEM                  30      0    15     0     0   4 m.u.
               LHCb week                                                     50      0    44     0     0   11.3 m.u. comprensivo richiesta riunioni fisica




                                                                                                                                        Pag 82/99
               viaggi del responsabile dell'elettronica dei muoni       10       0     7     0     0   2 m.u.
               Totale per la sezione                                   145       0   101     0     0
               riunioni estero, LHCb weeks, conferenze                  54       0    20     0     0   5.6 m.u.
FE             assemblaggio rivelatore LHCb                             15       0    22     0     0   5 m.u. comprensivo commissioning
               Totale per la sezione                                    69       0    42     0     0
               Meetings di collaborazione al CERN (LHCB weeks,
                                                                        35       0    22     0     0   6.2 m.u.
               riunioni analisi, etc)
FI
               Installazione camere a mu al CERN                        35       0    22     0     0   6 m.u.
               Totale per la sezione                                    70       0    44     0     0
               Commissioning ECS / DCS e installazione alte
                                                                        13       0    14     0     0   4 m.u. comprensivo responsabilita`
               tensioni 3 m.u.
GE
               LHCb Weeks e meeting rivelatore 3 m.u.                   13       0    11     0     0   3.2 m.u.
               Totale per la sezione                                    26       0    25     0     0
               installazione e commissioning                           180       0    98   113     0   28 m.u. + assegnazioni s.j. LHCB
               test beam WPC e GEM                                      18       0    11     0     0   3 m.u.
LNF            LHCb weeks e riunioni                                    25       0    34     0     0   9.7 m.u.
               viaggi rappresentante nazionale                           5       0     7     0     0   2 m.u.
               Totale per la sezione                                   228       0   150   113     0
               4 LHCb weeks (4 persone per 5 giorni)                   12.5      0    20     0     0   5.7 m.u. comprensivo voci 2 e 4
               Riunioni per responsabili: M.Musy per s/w del
               rivelatore RICH (6 meeting per 3 g) + Calvi e Musy
               per tagging (6 meetings per 2 g) + C.Matteuzzi per
                                                                        11       0     7     0     0   2 m.u.
               aerogel e LHCb editorial board (6 meeting per 2g)+
               M.Calvi per PPG (4 meetings per 2 g)+G.Pessina
MIB            per HV e LV (4 meeting per 2 g)
               Assemblaggio e montaggio aerogel, fine montaggio
               e test LV e HV per RICH1, commissioning
                                                                        45       0    35     0     0   10 m.u. comprensivo voce successiva
               elettronica HV e LV per RICH1 e RICH2,
               commissioning aerogel, (30 giorni per 9 persone)
               Totale per la sezione                                   68.5      0    62     0     0
               Partecipazione alle LHCb week, Muon meeting,
               working group di fisica, monitoring group                71       0    36     0     0   10.3 m.u.
               1.5MU/FTE, 1.5x11.3x4.2=71KE
               Partecipazione riunioni di elettronica del
               responsabile dell'ECS dei
RM1            mu,1x5riunioni*0.8KE=4KE Partecipazione del               8       0     7     0     0   2 m.u.
               deputee project leader con delega al commissionig
               del rivelatore mu 1x5riunioni*0.8=4KE
               Installazione camere ed installazione e test
                                                                        25       0    42     0     0   12 m.u. comprensivo voci successive
               dell'elettronica di controllo e di acquisizione, 6MU
               Totale per la sezione                                   104       0    85     0     0
               4 LHCb week (4 persone - 4 MU)                           20       0    18     0     0   5.1 m.u. comprensivo due voci successive
                                                                                                        7 m.u. comprensivo voce successiva ed richiesta
               Installazione camere e stazione M1 al CERN (3 MU)        15       0    24     0     0
                                                                                                       per sistema AT
RM2
               Riunioni Project Leader (TB, Comp. Review ecc. - 1
                                                                         5       0     4     0     0   1 m.u.
               MU)
               Totale per la sezione                                    40       0    46     0     0
LHCb           Totale per il capitolo di spesa                        800.5      0   603   113     0

Materiale di Consumo
                                                                              Ric.
     Sezione                                                                         Ass   Asj   AsD                      Commento
                                    Descrizione                       Ric.     sj
               Metabolismo, magazzino elettronica, magazzino
BO                                                                      10       0    10     0     0
               CERN
               materiale per installazione e commissioning
                                                                        10       0     5     0     0
CA             elettronica + GEM
               metabolismo sede + CERN                                  28       0    16     0     0   Metabolismo CERN compreso nei MOFB (voce




                                                                                                                                 Pag 83/99
                                                                                                        succesiva)
               materiale consumo laboratorio elettronica                 14       0     9     0     0   MOFB
               sistema di monitor del guadagno rivelatori GEM              6      0     5     0     0
               Totale per la sezione                                     58       0    35     0     0
               metabolismo                                               10       0     8     0     0
               consumi produzione 10% camere a Mu: filo, colla,
                                                                         25       0     0     5     0
FE             connettori gas, tubo rilsan
               consumi e manutenzione camera pulita                        8      0     5     0     0
               Totale per la sezione                                     43       0    13     5     0
               Metabolismo                                               12       0    10     0     0
               Consumi camera pulita Firenze                             10       0     5     0     0
FI
               Consumi generali camere a filo                            15       0     0     5     0
               Totale per la sezione                                     37       0    15     5     0
               metabolismo                                                 7      0   4.5     0     0
               allestimento rack e crates sistema alimentatori alte
GE                                                                         3      0   1.5     0     0
               tensioni Rich
               Totale per la sezione                                     10       0     6     0     0
               consumi al CERN per installazione cavi M1, camere         20       0    10     0     0
               metabolismo al CERN                                       15       0    10     0     0
               consumi legati a installallazione/debug                   15       0    10     0     0
               metabolismo a LNF                                         20       0    15    30     0   30 S.J. per tutta la collaborazione
LNF
               MOF-B: consumi laboratorio al CERN                          5      3     5     0     0   MOFB
               MOF-B: Produzione 10% di rivelatori e elettronica
                                                                           0    20      5     0     0   non MOFB
               spare (mantenimento camere pulite e consumi)
               Totale per la sezione                                     75     23     55    30     0
               Scatola a tenuta di gas per tenere il rivelatore ad
               aerogel dopo l'assemblaggio e in attesa                     5      0     5     0     0
               dell'installazione sotto flussaggio di azoto.
MIB
               Metabolismo                                                 9      0     9     0     0
               Totale per la sezione                                     14       0    14     0     0
               Metabolismo sedi Roma-Potenza-CERN                        20       0    15     0     0
               Materiali per laboratorio di elettronica al CERN (vedi
RM1                                                                      10       0     5     0     0   MOFB
               EC2a)
               Totale per la sezione                                     30       0    20     0     0
               Metabolismo in sede e funzionamento stazione di
RM2                                                                      12       0    10     0     0
               test
LHCb           Totale per il capitolo di spesa                          289     23    178    40     0

Trasporti e Facchinaggi
                                                                               Ric.
     Sezione                                                                          Ass   Asj   AsD                       Commento
                                    Descrizione                         Ric.    sj
CA             trasporto apparecchiature di test per l'elettronica         2      0     2     0     0
FE             trasporto camere al cern                                    5      0     1     0     0
LNF            trasporto camere M1 e elettronica                         10       5     5     5     0
               Trasporto elettronica al CERN                               3      0     1     0     0
RM1            Trasporti residui Potenza-Ferrara                           2      0     1     0     0
               Totale per la sezione                                       5      0     2     0     0
LHCb           Totale per il capitolo di spesa                           22       5    10     5     0

Materiale Inventariabile
                                                                               Ric.
     Sezione                                                                          Ass   Asj   AsD                       Commento
                                    Descrizione                         Ric.    sj




                                                                                                                                    Pag 84/99
            apparecchiature per il test/debugging elettronica +
CA                                                                    48      0     25     0     0   MOFB
            GEM al CERN (vedi allegato)
            MOF-B: laboratorio al CERN: rack raffreddato,
LNF                                                                   22      0     15     0     0   MOFB
            Maraton per crates, crate VME per controlli
            sistema automatico di test e monitoraggio in
            continua per lo studio della stabilita e affidabilita
            delle schede HV e LV (il sistema va usato in parte a
MIB                                                                  4.5      0      3     0     0
            milano e in parte al CERN) Il costo si compone in
            2700+1200+600 euro per 1 multimetro
            multicanale+alimentatore Agilent+GPIB USB
            Scheda AT CAEN A1733B negativa per PM
RM2                                                                    4      0      4     0     0
            stazione test (trigger + odoscopi)
LHCb        Totale per il capitolo di spesa                         78.5      0     47     0     0

Costruzione Apparati
                                                                            Ric.
  Sezione                                                                          Ass   Asj   AsD                       Commento
                                Descrizione                         Ric.     sj
            +20% cartine CARDIAC spare                                15       0     0    15     0   manca presentazione piano
            impacchettamento e test di chip DIALOG e SYNCH
CA                                                                    20       0     0    20     0   manca presentazione piano
            (10 wafer)
            Totale per la sezione                                     35       0     0    35     0
            Sistema monitor gas GEM                                    6       0     5     0     0
                                                                                                      224 sj potrebbero andare nella tasca indivisa 2007
            Common Funds 2007 (560 kCHF)                             374       0     0   224     0
                                                                                                     150ke CF rimandati 2008
LNF
            MOF-B: Produzione 10% di rivelatori e elettronica                                         I 200 kE potrebbero andare nella tasca indivisa
                                                                       0    200      0   150     0
            spare                                                                                    2007
            Totale per la sezione                                    380    200      5   374     0
            completamento HPDs per RICH                              43.5      0    40     0     0
            Extra costo HPD (approvato da RRB come parte del
MIB                                                                   40       0    40     0     0
            CORE)
            Totale per la sezione                                    83.5      0    80     0     0
LHCb        Totale per il capitolo di spesa                         498.5   200     85   409     0




                 51. Calcolo LHC: ATLAS – L. Luminari
            Luminari presenta una relazione sullo stato del calcolo di ATLAS.
            Ferroni domanda come mai al CNAF si stiano utilizzando, tra ATLAS, CMS ed
            LHCb solo 12 dei 40 kSpecInt2k/day che erano stati richiesti dal CERN e comprati
            dall’INFN. Luminari risponde che in parte questo è dovuto al fatto che le produzioni
            di ATLAS avvengono solo in alcuni periodi. Perini è dell’opinione che ATLAS, a
            giudicare dai dati di utilizzo, sta usando quanto dichiarato e si dichiara soddisfatta del
            grado di efficienza del CNAF, che sta funzionando bene.
            Ferroni insiste dicendo di non capire perché il CERN sostenga che i 40
            kSpecInt2K/day con cui abbiamo contribuito al calcolo LHC con il CNAF, e dei quali
            si utilizza meno del 25%, ancora non siano sufficienti.
            Paganoni ricorda che il CERN basa le sue richieste sui numeri che furono inseriti nei
            CTDR all’inizio, i quali erano solo indicativi, tanto che Capiluppi ha sempre
            dichiarato essere sbagliati; Ferroni fa notare che l’INFN ha pagato 1800 CPU al
            CNAF che erano state chieste a gran voce dagli esperimenti LHC; queste ora risultano
            largamente sotto utilizzate dai gruppi di LHC, e quindi c’è un problema.
            Luminari ammette che ci sia un problema col TIER1 che, per quanto riguarda
            ATLAS, si può in parte spiegare col fatto che il calcolo è stato portato avanti nei
            TIER2; infatti per quanto riguarda il calcolo locale, l’esperimento è riuscito a tratti a
            saturare il 100% delle CPU disponibili.


                                                                                                                                Pag 85/99
21 Settembre 2006 – Pomeriggio


    52. Calcolo LHC: CMS M. Paganoni
Paganoni presenta lo stato del calcolo di CMS.
Ferroni domanda se al TIER1 c’è la disponibilità dei 70 TB di cui l’esperimento ha
bisogno; Morandin interviene per dire che a lui risulta che non saranno disponibili
prima di novembre. Paganoni spiega che CMS ha chiesto al CNAF la disponibilità di
70 TB. Luminari interviene per ricordare che se ATLAS non sta utilizzando il disco al
TIER1 in questo momento è solo perché i dati sono per ora mantenuti su nastro, ma
avverte che entro un paio di settimane è previsto l’inizio di un’altra produzione e
quindi il disco sarà presto utilizzato anche da loro.

    53. Calcolo LHC: LHCb Angelo Carbone
   Carbone presenta lo stato del calcolo LHCb. Sono stati presentati gli aggiornamenti
   delle richieste di risorse di calcolo presso il centro T1 ed il piano di sviluppo aggiornato
   del T2 al CNAF. Nel 2008, primo anno di presa dati, il campione di dati acquisito sarà
   2.5 volte inferiore a quello previsto nel Computing TDR. La potenza di calcolo
   secondo TDR è di 4.42 MSi2k*year, essa si riduce quindi a 1.31 MSi2K*year. Ognuno
   dei 6 centri T1 di LHCb deve fornire 1/6 delle risorse, per cui al CNAF sono richiesti
   circa 0.2 MSi2K*year. Pertanto LHCb non richiede risorse aggiuntive al CNAF per il
   2007 e per il 2008 rispetto a quanto disponibile oggi (15% di 1.8 MSi2k).
   Aggiornamento richieste T2. Secondo il computing TDR i T2 di LHCb sono dedicati
   alla produzione MC. La potenza di CPU a regime deve essere tale da permettere di
   generare 4*109 eventi all'anno, dei quali circa 1/10 debbono essere completamente
   ricostruiti dopo che abbiamo superato i trigger. Al T2 italiano presso il CNAF è
   richiesta la produzione del 15% degli eventi. Per il 2007 è richiesta una potenza di
   calcolo di 0.3 MSi2K*year, mentre per il 2008 sono richiesti 0.7 MSi2K*year. Le
   attività DC06 di LHCb sono state condotte con risultati soddisfacenti negli ultimi 3
   mesi. Le varie fasi previste sono state collaudate con successo. La produzione MC
   procede regolarmente da maggio e sono stati prodotti 144 Milioni di eventi, di cui 11%
   al CNAF. Per quanto riguarda la ricostruzione, il meccanismo di trasferimento dei dati
   RAW dal CERN al ai centri T1 e di esecuzione automatica dei job di ricostruzione sta
   funzionando su 4 dei 7 siti (6 + CERN operante come T1). Al T1 del CNAF è stato
   possibile eseguire solo alcuni job di ricostruzione a causa di problemi legati al
   malfunzionamento di Castor-2 al momento non risolti. La fase di preselezione deve
   essere ancora collaudata. Il suo funzionamento essendo del tutto analogo a quello della
   ricostruzione non desta particolare preoccupazione. Le attività della DC06
   continueranno nei prossimi mesi con lo scopo di completare la ricostruzione e la
   selezione degli eventi MC prodotti e quindi procedere al collaudo dell'analisi
   distribuita.
Ferroni domanda chiarimenti sul perché CASTOR-2 al CNAF non funzioni, quando
invece al CERN si. Carbone spiega che l’implementazione di CASTOR-2 del CNAF
è più ambiziosa di quella del CERN in quanto un singolo server deve poter funzionare
con più esperimenti contemporaneamente (al CERN è invece previsto un server
separato per esperimento) ed è proprio nel funzionamento contemporaneo di più
esperimenti che si manifestano i problemi. Morandin interviene per dire che l’utilizzo
intensivo del CNAF è cominciato solo a giugno scorso, c’è sicuramente un problema




                                                                                          Pag 86/99
al quale si sta lavorando ed aggiunge che ovviamente se, oltre una certa data, il
problema non verrà risolto, si provvederà ad individuare una soluzione alternativa.

    54. Calcolo LHC: Referee – M. Morandin
Morandin presenta la relazione dei referee del calcolo di LHC.
Segue un approfondito dibattito che si conclude con l’osservazione da parte della
Commissione che esiste un modello di calcolo per gli esperimenti, in cui il ruolo del
TIER1 e dei TIER2 è fondamentale. C’è preoccupazione per il sottodimensionamento
del personale del TIER1, sia per quanto riguarda la gestione delle risorse di CPU e
disco che per la parte relativa ai singoli esperimenti. Si ritiene che gli esperimenti
debbano incrementare il supporto al funzionamento del TIER1. Per quanto riguarda i
TIER2, la commissione riconosce la notevole attività di calcolo svolta. Tuttavia, non è
ancora stato possibile valutare il loro ruolo effettivo nell’ambito del modello di
calcolo proposto. Si ritiene che le attività tuttora in corso (CSA06, SC4) siano un
banco di prova fondamentale per accertare la validità del modello di calcolo degli
esperimenti, per definirne le esigenze in termini sia di risorse richieste sia del numero
dei TIER2 necessari, e per verificare la reale efficacia dei TIER2 approvati. Si prende
atto con soddisfazione che le sedi candidate di Milano e Pisa hanno superato le loro
debolezze tecnico-economiche, definendo in maniera soddisfacente il progetto
infrastrutturale ed individuando le risorse per le infrastrutture tramite accordi con
istituzioni al di fuori dell’Ente. La proposta dei referee di finanziamento di 500kE SJ
viene quindi accolta e la Commissione valuterà come utilizzare, in toto o in parte, tale
somma per rafforzare le risorse di calcolo.
Ferroni domanda poi agli esperimenti di esprimere un commento sulle proposte dei
referee. Luminari risponde che le proposte sembrano ragionevoli ed esprime
soddisfazione per il fatto che nella proposta dei referee del calcolo si dichiari che il
TIER2 candidato di Milano non abbia più ostacoli dal punto di vista del bilancio e
delle infrastrutture. Paganoni dichiara di considerare ragionevoli le proposte dei
referee, vista l’attuale situazione di bilancio, ed esprime soddisfazione per il fatto che
nella proposta dei referee del calcolo si dichiari che il TIER2 candidato di Pisa non
abbia più ostacoli dal punto di vista del bilancio e delle infrastrutture.

    55. Discussione Generale Bilancio
Si tiene una discussione generale sulla situazione del bilancio, sia 2006 che 2007.
Restano da reperire nel bilancio 2007 ~500k€ sul capitolo consumo, che attualmente
eccede il tetto stabilito dal Ministero, e 171k€ da tagliare di ME per lo stesso motivo.
Per quanto riguarda il capitolo IV, si decide di rivedere le assegnazioni delle
dotazioni; dopo un giro di tavolo risultano risparmiati ~190k€ su questo capitolo, e si
decide di reperire il resto dagli esperimenti maggiori con l’aiuto dei referee e dei
rappresentanti degli esperimenti stessi.
Per quanto riguarda le ME, la Commissione decide di tagliare sul capitolo ME una
cifra maggiore di 171k€, e di ricavare una tasca indivisa alla Commissione di circa
100k€. Per reperire questi fondi, si decide di applicare un taglio uniforme a tutti gli
esperimenti ad esclusione di quelli più piccoli.




                                                                                   Pag 87/99
22 Settembre 2006 – Mattina


    56. TOTEM Stato Generale - A. Scribano
Scribano presenta lo stato dell’esperimento.
Ferroni informa la Commissione che l’MoU di TOTEM, sia pure con qualche dubbio
rispetto al numero di FTE, è stato approvato al Direttivo; Ferroni si congratula con
Scribano per la positiva conclusione di questo lungo e travagliato processo. Scribano
ringrazia Ferroni e spiega che la trattativa è stata a lungo ferma sulla cifra di 500kchf
che il CERN doveva inizialmente dare a TOTEM per l’acquisto del DAQ, e che alla
fine si è deciso che sarà data direttamente a CMS.
Ferroni aggiunge di ritenere che la ricerca, in collaborazione con i macchinisti, di una
configurazione di LHC di compromesso (risultati preliminari indicano come una
concreta possibilità la scelta di *=0.9 metri) sia la giusta linea da seguire perché,
oltre a consentire una misura preliminare della sezione d’urto totale al ~6-7%,
permetterebbe anche di calibrare il rivelatore e mettere a punto l’esperimento.
Scribano conferma che infatti questa è la linea che l’esperimento sta perseguendo.

    57. TOTEM Referee – G. Chiefari, M. Curatolo, M. de Palma
   de Palma presenta la relazione dei referee. Si prende atto che finalmente l’esperimento
   lavora con un MoU firmato (che prevede uno staging dei costi del calcolo per
   500kCHF). Il MoA con CMS dovrebbe essere a buon punto ed è in definizione un
   programma di fisica in comune. Nell’MoU vengono confermati gli impegni dei gruppi
   INFN (Ba: trigger+DAQ, Ge: T1+elettronica, Pi/Si: GEM+elettronica) ed il contributo
   CORE per INFN (in 2085 KCHF). I gruppi si presentano per il 2007 con una
   configurazione stabile e con un aumento di FTE in Pi/Si. L’attività procede in linea
   con quanto previsto. Ci sono stati importanti progressi e sviluppi nella produzione di
   T1, nell’allestimento di un laboratorio di test per le GEM, nella progettazione
   dell’elettronica sia di T1 sia di T2, negli studi e nei test della catena di read-out finale.
   Questo ha permesso il raggiungimento di molti obiettivi delle milestone, sebbene con
   qualche difficoltà imputabile essenzialmente al ritardo nella firma dell’MoU. Tutti i
   gruppi parteciperanno ai test dei rivelatori presso la facility TOTEMino,
   all’installazione e al commissioning dell’apparato a P5. Le assegnazioni proposte sono
   state elaborate seguendo i seguenti criteri:
   Per le MI vengono confermati i livelli del 2006. C’è un sj (indiviso su PI) per una
   probabile riunione di collaborazione in Italia.
   Per le ME vengono valutate le singole esigenze dando precedenza a compiti specifici di
   istallazione e commissioning rispetto ai metabolismi. Si propone di lasciare una quota
   di ME (indivisa su PI) sj alla verifica delle necessità e dello stato dei lavori.
   Per i consumi e l'inventariabile vengono valutate le singole richieste. Si è posta
   un’assegnazione di consumi SJ alla presentazione delle fatture di affitto di elettronica al
   CERN. C’è un contributo ai Common Fund. Tutti i finanziamenti CORE sono
   assegnati.
Albergo si congratula con Scribano per la firma del MoU, e domanda se i 500 kchf
che il CERN doveva dare a TOTEM e che sono stati oggetto della lunga
contrattazione, saranno fondi extra dati a CMS; Scribano risponde che anche se i soldi
fossero stati assegnati a TOTEM come previsto inizialmente, essi poi sarebbero stati
comunque passati subito a CMS perché sarebbero stati loro a comprare il DAQ.



                                                                                           Pag 88/99
               Albergo allora esprime il timore che questi fondi potrebbero venire presentati come
               extra costi di CMS, ed essere quindi poi suddivisi tra tutti compreso l’INFN.
               Ferroni replica ad Albergo che l’importante é che TOTEM si faccia, e che la base
               dell’accordo col CERN, che stabiliva l’indipendenza totale da CMS di TOTEM dal
               punto di vista scientifico, aveva come contrappeso il fatto che il DAQ dovesse essere
               lo stesso di CMS. Ferroni propone infine di accettare le proposte dei referee.
               La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
               include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
                                                                                 Ric.
     Sezione                                                                            Ass   Asj   AsD   Commento
                                     Descrizione                          Ric.    sj
               meetings, attivita' con gruppi Italiani e contatti con i
BA                                                                         12       0     6     0     0
               referees
               Contatti con Bari/Pisa/Siena. Riunioni con i referee.
GE                                                                         18       0     9     0     0
               Incontri con ditte fornitrici.
               Contatti Pisa-Genova-Bari-Referee-Industrie e Test
PI                                                                         12       0     9     6     0
               50 moduli T2-GEM a Siena
TOTEM          Totale per il capitolo di spesa                             42       0    24     6     0

Missioni Estere
                                                                                 Ric.
     Sezione                                                                            Ass   Asj   AsD   Commento
                                     Descrizione                          Ric.    sj
               Partecipazione Meetings di collaborazione, analisi e
                                                                             9      0     2     0     0
               Boards (2 m.u.)
               Responsabilita' DAQ e contatti con CMS (3 m.u.)             13       0     5     0     0
               Completamento della facility
                                                                             9      0     6     0     0
BA             "TOTEMINO",integrazione subdetectors(2m.u.)
               Test Beams TOTEMINO (2 m.u.)                                  9      0     5     0     0
               Installazione, Commissioning, Integrazione e test in
                                                                           40       0    27     0     0
               IP5 (9.m.u.)
               Totale per la sezione                                       80       0    45     0     0
               Riunioni di collaborazione [4 m.u.]                         16       0     7     0     0
               Contatti con PNPI durante produzione camere T1 [1
                                                                             4      0     3     0     0
               m.u.]
               Assemblaggio dei telescopi T1 [8 m.u.]                      32       0    22     0     0
GE
               Commissioning di T1 [7 m.u.]                                28       0    17     0     0
               Installazione di T1 in CMS [6 m.u.]                         24       0    16     0     0
               Deputy spokesman [2 m.u.]                                     8      0     4     0     0
               Totale per la sezione                                      112       0    69     0     0
               Meetings al CERN (6 MU)                                     27       0    10     0     0
               Responsabilita` Chairman del Collaboration Board
                                                                             9      0     4     0     0
               (2 MU)

PI             Assemblaggio, Test, Commissioning (8 MU)                    36       0    25     0     0
               Test Beam (4 MU)                                            18       0    15     0     0
               Installazione e Integrazione in IP5(6 MU)                   27       0    12    27     0
               Totale per la sezione                                      117       0    66    27     0
TOTEM          Totale per il capitolo di spesa                            309       0   180    27     0

Materiale di Consumo
                                                                                 Ric.
     Sezione                                                                            Ass   Asj   AsD   Commento
                                     Descrizione                          Ric.    sj
               Metabolismo sede e CERN                                       5      0     4     0     0
BA
               Affitto elettronica e acquisto di materiale per test in     10       0     4     0     0




                                                                                                              Pag 89/99
               area
               Installazione e commissioning in IP5                    5      0     4     0     0
               Totale per la sezione                                 20       0    12     0     0
               Metabolismo in sede e al CERN                           5      0     4     0     0
               Attrezzatura area ricezione/test/assemblaggio
                                                                       8      0     6     0     0
GE             camere T1
               Installazione in IP5                                    4      0     2     0     0
               Totale per la sezione                                 17       0    12     0     0
               Metabolismo di base                                     5      0     4    13     0
               Meccanica supporto e Elettronica TB CERN                4      0     2     0     0
               Setup Laboratorio Elettronica Pisa                      6      0     2     0     0
PI             Carte elettroniche di test                              5      0     3     0     0
               Sistema gas Lab Siena                                   2      0     2     0     0
               Common Projects                                       38       0    38     0     0
               Totale per la sezione                                 60       0    51    13     0
TOTEM          Totale per il capitolo di spesa                       97       0    75    13     0

Trasporti e Facchinaggi
                                                                           Ric.
     Sezione                                                                      Ass   Asj   AsD   Commento
                                      Descrizione                   Ric.    sj
               Trasporti materiali costruzione T1 al CERN e in
GE                                                                   10       0    10     0     0
               Russia
PI             Spedizione 50 moduli T2-GEM al CERN                     8      0     8     0     0
TOTEM          Totale per il capitolo di spesa                       18       0    18     0     0

Materiale Inventariabile
                                                                           Ric.
     Sezione                                                                      Ass   Asj   AsD   Commento
                                      Descrizione                   Ric.    sj
               Catena completa nella versione finale del read-out
BA             per test in laboratorio (FED+FEC+ VME-PCI-            10       0    10     0     0
               Caen(CMS like) + S-link)
PI             Setup Test 50 GEM a Siena: Tubo raggi X               15       0    15     0     0
TOTEM          Totale per il capitolo di spesa                       25       0    25     0     0

Costruzione Apparati
                                                                           Ric.
     Sezione                                                                      Ass   Asj   AsD   Commento
                                      Descrizione                   Ric.    sj
BA             Completamento DAQ Standalone                         106       0   106     0     0
GE             Completamento elettronica di T1                      434       0   434     0     0
               Completamento Power Supply T2                         49       0    49     0     0
               Completamento Cavi HV/LV                              21       0    21     0     0
               Patch panels                                          16       0    16     0     0
PI             Carte Trigger                                         85       0    85     0     0
               Disegno, fabbricazione, montaggio carte
                                                                     40       0    40     0     0
               optoelettroniche
               Totale per la sezione                                211       0   211     0     0
TOTEM          Totale per il capitolo di spesa                      751       0   751     0     0




                      58. Dotazioni - P. Checchia
                   Il Responsabile delle dotazioni ( P. Checchia) ha riportato le richieste e le proposte di
                   assegnazione residue per il 2006 (vedi presentazione e DB). Una ulteriore richiesta da



                                                                                                        Pag 90/99
               parte di Trieste per far fronte alle spese sostenute per la riunione della CSN1 di 1.5 K€
               è stata accettata dalla commissione. Per quanto riguarda il 2007 Checchia ha riportato i
               valori ottenuti dalle formulazioni concordate inclusi gli spostamenti dal capitolo quarto
               ad inventariabile. Inoltre ha fatto notare che le formulazioni riguardanti il metabolismo
               del consumo degli esperimenti, a suo tempo concordate e inserite nelle apposite tabelle
               si sono dimostrate inadeguate.
               Dopo una discussione si è proposto di interpretare il parametro in modo elastico,
               secondo le indicazioni riportate nella tabella col riassunto delle formule. (vedi
               http://www.infn.it/csn1/varie/Riassuntoformule2006.pdf).
            Checchia osserva che la formula di assegnazione del consumo per gli esperimenti
            (1.5k€/FTE) non è quasi mai applicata e propone di toglierla del tutto. Si discute
            brevemente sulla proposta di Checchia. Dalla Torre sostiene che sia necessario
            stabilire un minimo metabolismo di consumo, e quindi secondo lei la formula non va
            cancellata. de Sangro sostiene che la formula può anche essere utile come valore di
            riferimento, e che poi i referee caso per caso possono modificare le assegnazioni
            giustificandole. Morettini si dice d’accordo. Pastrone dice che secondo lei è sbagliato
            togliere la formula, semmai si può scorporare il costo delle automobili. Luci fa notare
            come questo tema sia periodicamente affrontato dalla Commissione, e che l’ultima
            volta fu discusso nel 2001 nella riunione Castel Gandolfo; allora si discuteva il
            problema delle auto in USA, e dato che non si potevano pagare le auto si decise di
            aumentare il metabolismo a 1.5 k€/FTE, e per la California si decise di adottare
            1.7k€/FTE perché più cara. Luci allora propone di aggiornare il metabolismo sia per
            gli esperimenti al CERN che fuori.
            Checchia propone che la formula del consumo sia considerata un minimo.
            Ferroni accogliendo la proposta suggerisce che si lasci la formula del consumo intatta
            e si spieghi con un commento chiaro la sua interpretazione nel senso discusso qui.
            Pastrone fa presente che a Torino ha ricevuto una richiesta di ME per P-ILC, che lei
            ha inserito nelle richieste di dotazioni della sua sezione. Ferroni risponde che Pastrone
            può inizialmente provvedere sulle dotazioni e che durante l’anno se necessario si
            potrà discutere un’integrazione delle ME per Torino.
            Ferroni annuncia che occorre trovare un sostituto per fare da osservatore in GR2 la
            settimana prossima al Gran Sasso, ma non si trovano volontari disponibili.
            Si discute poi brevemente la riduzione delle ME per la copertura del buco di 176 k€ e
            la formazione di una tasca di circa 100k€ per la Commissione. Il taglio (in k€) è
            applicato all’assegnazione SJ degli esperimenti nella seguente misura:

                    ATLAS            78,0
                    BABAR            27,0
                    CDF              24,0
                    CMS              95,0
                    COMPASS           6,0
                    LHCb             17,0
                    MEG               5,0
                    TOTEM             3,0
                    ZEUS              6,0

            La Commissione approva le proposte dei referee riassunte nella tabella seguente che
            include anche le eventuali modifiche della Commissione:
Missioni Interne
  Sezione                  Descrizione               Ric.   Ric.   Ass   Asj   AsD            Commento




                                                                                                   Pag 91/99
                                                                 sj
      Sede Lontana                                          2         0    2    0   0   sede lontana
      Referaggio De Palma                                  1.5        0   1.5   0   0
BA
      Assegnazione Calcolata MI                             0         0   16    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 34.2
      Totale per la sezione                                3.5        0 19.5    0   0
      Riunioni referee non coordinatori (R.Nania, LHCb)     2         0   1.5   0   0
BO    Assegnazione Calcolata MI                             0         0   30    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 68.85
      Totale per la sezione                                 2         0 31.5    0   0
      Osservatore in CSN2                                   2         0   1.5   0   0
      Assegnazione Calcolata MI                             0         0   6.5   0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 11.3
CA
      Assegnazione Aggiuntiva 1                             0         0    2    0   0   Sede lontana
      Totale per la sezione                                 2         0   10    0   0
CS    Assegnazione Calcolata MI                             0         0    6    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 11
      Assegnazione Calcolata MI                             0         0   5.5   0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 8.9
CT    Assegnazione Aggiuntiva 1                             0         0    2    0   0   sede lontana
      Totale per la sezione                                 0         0   7.5   0   0
FE    Assegnazione Calcolata MI                             0         0   12    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 25.05
FI    Assegnazione Calcolata MI                             0         0   14    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 29.9
      Referee commissione I (Contri (MEG) Darbo (CMS)
                                                            5         0    3    0   0
      Morettini (CCR))
GE
      Assegnazione Calcolata MI                             0         0   15    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 32.75
      Totale per la sezione                                 5         0   18    0   0
      Assegnazione Calcolata MI                             0         0   8.5   0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 16
LE    Assegnazione Aggiuntiva 1                             0         0    2    0   0   sede lontana
      Totale per la sezione                                 0         0 10.5    0   0
      Referaggi CSN1 non coordinatori: Bossi (LHC
      calcolo e grid), Miscetti (PAX, ASSIA), Curatolo     7.5        0   4.5   0   0
      (EPSI,P326,TOTEM)
LNF
      Assegnazione Calcolata MI                             0         0   32    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 73.1
      Totale per la sezione                                7.5        0 36.5    0   0
      referee C. Meroni                                    1.5        0   1.5   0   0
MI    Assegnazione Calcolata MI                             0         0   12    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 24.9
      Totale per la sezione                                1.5        0 13.5    0   0
MIB   Assegnazione Calcolata MI                             0         0   15    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 32.9
      Referee KLOE, Totem e CDF calcolo                    4.5        0    3    0   0
NA    Assegnazione Calcolata MI                             0         0 13.5    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 28.7
      Totale per la sezione                                4.5        0 16.5    0   0
      Referee non coordinatori : M. Morandin, R. Carlin     3         0    3    0   0
PD    Assegnazione Calcolata MI                             0         0 25.5    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 57.95
      Totale per la sezione                                 3         0 28.5    0   0
      2 referee (Lubrano Cenci) * 1.5                       3         0    3    0   0
PG    Assegnazione Calcolata MI                             0         0   11    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 22.5
      Totale per la sezione                                 3         0   14    0   0
      referee non coordinatori: Bedeschi(ATLAS),
      Dellorso M.(CMS), Forti (calcolo LHC), Sozzi Marco
                                                           7.5        0   7.5   0   0
      (calcolo non-LHC), Fantechi (calcolo non-LHC),
PI    Batignani (PANDA in gr3)
      Assegnazione Calcolata MI                             0         0   47    0   0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 110.1
      Totale per la sezione                                7.5        0 54.5    0   0
PV    Referaggi: Vercesi(CDF2, EPSI + P326) Livan          4.5        0    3    0   0




                                                                                                                    Pag 92/99
               (KLOE2)
               Assegnazione Calcolata MI                                  0      0    13     0     0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 27.6
               Totale per la sezione                                    4.5      0    16     0     0
               Referaggio Comm.1 (M.Diemoz, C.Luci)                       4      0     3     0     0
               Viaggi Presidente CSN1                                   10       0    10     0     0
RM1
               Assegnazione Calcolata MI                                  0      0 37.5      0     0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 86.5
               Totale per la sezione                                    14       0 50.5      0     0
RM2            Assegnazione Calcolata MI                                  0      0     8     0     0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 15.4
RM3            Assegnazione Calcolata MI                                  0      0     9     0     0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 17.9
TN             Assegnazione Calcolata MI                                  0      0     3     0     0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 3.3
               Attivita' dell'osservatore (V. Del Duca) di Gruppo IV
                                                                          3      0     3     0     0
               in CSN1

TO             Referee BABAR (Staiano, CDF (Giubellino)                   3      0     3     0     0
               Assegnazione Calcolata MI                                  0      0    18     0     0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 40.21
               Totale per la sezione                                      6      0    24     0     0
               referaggi (4 persone: Bosisio, Dalla Torre, gobbo,
                                                                          6      0   4.5     0     0
               Lanceri)
               GSI-spin                                                   3      0   1.5     0     0
TS
               Assegnazione Calcolata MI                                  0      0 13.5      0     0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 28.4
               Assegnazione Aggiuntiva 1                                  0      0     2     0     0   sede lontana
               Totale per la sezione                                      9      0 21.5      0     0
UD             Assegnazione Calcolata MI                                  0      0   4.5     0     0   MI = 1.6 x 0.516 x (Fte/2 + 2). FTE totali = 6.8
Dotazioni      Totale per il capitolo di spesa                          73       0   444     0     0

Missioni Estere
                                                                              Ric.
     Sezione                                                                         Ass   Asj   AsD                        Commento
                                    Descrizione                        Ric.    sj
BA             Assegnazione Calcolata ME                                  0      0    14     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 34.2
               Riunioni al CERN del Presidente ACCU
                                                                          7      0     6     0     0   Applicato fattore di scala riduzione trasferte (1/1.17)
               (F.L.Navarria)
BO
               Assegnazione Calcolata ME                                  0      0 28.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 68.85
               Totale per la sezione                                      7      0 34.5      0     0
               Assegnazione Calcolata ME                                  0      0   4.5     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 11.3
                                                                                                        Assegnazione per Babar tecnicamente inserita in
CA             Assegnazione Aggiuntiva                                    7      0     7     0     0
                                                                                                       dotazioni
               Totale per la sezione                                      7      0 11.5      0     0
CS             Assegnazione Calcolata ME                                  0      0   4.5     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 11
CT             Assegnazione Calcolata ME                                  0      0   3.5     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 8.9
FE             Assegnazione Calcolata ME                                  0      0 10.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 25.05
FI             Assegnazione Calcolata ME                                  0      0 12.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 29.9
               PDG (C.Caso C.Patrignani)                                10       0     8     0     0   Riduzione percentuale (20%)
               Membro del SPSC (G. Ridolfi)                               2      0   1.5     0     0   fattore riduzione CERN (1/1.17)
GE
               Assegnazione Calcolata ME                                  0      0 13.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 32.75
               Totale per la sezione                                    12       0    23     0     0
LE             Assegnazione Calcolata ME                                  0      0   6.5     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 16
               Partecipazioni a Comitati Internazionali: SPSC (M.                                       assegnazione 2005 (5) con fattore di riduzione
                                                                        10       0   4.5     0     0
               Piccolo)                                                                                (1/1.17)
LNF
               Assegnazione Calcolata ME                                  0      0    30     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 73.1
               Totale per la sezione                                    10       0 34.5      0     0
MI             Mandelli ECFA                                              5      0     4     0     0   riduzione percentuale (20%)




                                                                                                                                   Pag 93/99
               Assegnazione Calcolata ME                                 0      0 10.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 24.9
               Totale per la sezione                                     5      0 14.5      0     0
MIB            Assegnazione Calcolata ME                                 0      0 13.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 32.9
NA             Assegnazione Calcolata ME                                 0      0    12     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 28.7
PD             Assegnazione Calcolata ME                                 0      0    24     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 57.95
PG             Assegnazione Calcolata ME                                 0      0   9.5     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 22.5
               Forti (LHCC, 4 meeting); Bedeschi, Dell'Orso, Sozzi,
               Fantechi, Batignani, Cervelli (referre, 1
                                                                                                       Forti (5/1.17), Chiarelli(2*0.8), Bemporad+Foa`
               meet/ciascuno); Chiarelli (Eu.GDE Outr.                 40       0    15     0     0
                                                                                                      (5*0.8)*2 con riduzioni
               Adv.Comm., 3 meeting); Bemporad e Foa' (ECFA),
PI             4 meeting; G.Pun
               Assegnazione Calcolata ME                                 0      0 45.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 110.1
               Totale per la sezione                                   40       0 60.5      0     0
PV             Assegnazione Calcolata ME                                 0      0 11.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 27.6
               Viaggi Presidente CSN1                                  20       0    16     0     0   Riduzione percentuale (20%)
               Membro del comitato LECC (LHC Electronics
                                                                         5      0   4.5     0     0   fattore di riduzione ( 1/1.17)
RM1            Coordination Committee)(E.Petrolo)
               Assegnazione Calcolata ME                                 0      0 35.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 86.5
               Totale per la sezione                                   25       0    56     0     0
RM2            Assegnazione Calcolata ME                                 0      0   6.5     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 15.4
               Partecipazioni riunioni ECFA (F. Ceradini)                6      0     4     0     0   Riduzione percentuale (5*0.8)
               Assegnazione Calcolata ME                                 0      0   7.5     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 17.9
RM3                                                                                                   Finanziamento assegnato dalla commissione per B.
               H1                                                        5      0     5     0     0
                                                                                                      Stella
               Totale per la sezione                                   11       0 16.5      0     0
TN             Assegnazione Calcolata ME                                 0      0   1.5     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 3.3
               2 riunioni a FNAL Finance Committee CDF
                                                                         5      0     4     0     0   Ridizione percentuale ( 20%)
               (Giubellino)
               Attivita' Quarkonium Working Group (1 settimana
TO                                                                       3      0   2.5     0     0   Riduzione percentuale (20%)
               Amburgo - R. Mussa)
               Assegnazione Calcolata ME                                 0      0 16.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 40.21
               Totale per la sezione                                     8      0    23     0     0
               riunioni ECFA (Bradamante)                                5      0     4     0     0   Riduzione percentuale ( 20%)
               riunioni LHCC (dalla Torre)                               5      0   4.5     0     0   fattore di riduzione (1/1.17)
TS             GSI-spin                                                  8      0     5     0     0
               Assegnazione Calcolata ME                                 0      0 11.5      0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 28.4
               Totale per la sezione                                   18       0    25     0     0
UD             Assegnazione Calcolata ME                                 0      0     3     0     0   ME = 0.8 x 0.516 x Fte. FTE totali = 6.8
Dotazioni      Totale per il capitolo di spesa                        143       0   432     0     0

Materiale di Consumo
                                                                             Ric.
     Sezione                                                                        Ass   Asj   AsD                        Commento
                                   Descrizione                        Ric.    sj
                                                                                                       CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 34.2 8,5
BA             Assegnazione Calcolata CON                                0      0    10     0     0
                                                                                                      su invent.
                                                                                                       CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 68.85
BO             Assegnazione Calcolata CON                                0      0    20     0     0
                                                                                                      16.5 su inv.
                                                                                                       CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 11.3 2 su
CA             Assegnazione Calcolata CON                                0      0     5     0     0
                                                                                                      inv.
CS             Assegnazione Calcolata CON                                0      0   6.5     0     0   CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 11
                                                                                                       CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 8.9 2 su
CT             Assegnazione Calcolata CON                                0      0   3.5     0     0
                                                                                                      inv.
FE             Assegnazione Calcolata CON                                0      0     7     0     0   CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 25.05 7 su




                                                                                                                                      Pag 94/99
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 29.9 2 su
FI             Assegnazione Calcolata CON                           0      0 14.5      0     0
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 32.75 8 su
GE             Assegnazione Calcolata CON                           0      0    10     0     0
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 16 4.5 su
LE             Assegnazione Calcolata CON                           0      0     5     0     0
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 73.1 9 su
LNF            Assegnazione Calcolata CON                           0      0    30     0     0
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 24.9 4 su
MI             Assegnazione Calcolata CON                           0      0    10     0     0
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 32.9 6 su
MIB            Assegnazione Calcolata CON                           0      0    12     0     0
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 28.7 6 su
NA             Assegnazione Calcolata CON                           0      0    10     0     0
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 57.95 18
PD             Assegnazione Calcolata CON                           0      0    13     0     0
                                                                                                 su inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 22.5 2 su
PG             Assegnazione Calcolata CON                           0      0 10.5      0     0
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 110.1 25
PI             Assegnazione Calcolata CON                           0      0    33     0     0
                                                                                                 su inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 27.6 5.5
PV             Assegnazione Calcolata CON                           0      0    10     0     0
                                                                                                 su inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 86.5 18 su
RM1            Assegnazione Calcolata CON                           0      0 27.5      0     0
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 15.4 6 su
RM2            Assegnazione Calcolata CON                           0      0     3     0     0
                                                                                                 inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 17.9 4.5
RM3            Assegnazione Calcolata CON                           0      0     6     0     0
                                                                                                 su inv.
TN             Assegnazione Calcolata CON                           0      0   2.5     0     0   CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 3.3
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 40.21 12
TO             Assegnazione Calcolata CON                           0      0    10     0     0
                                                                                                 su inv.
                                                                                                  CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 28.4 2 su
TS             Assegnazione Calcolata CON                           0      0 13.5      0     0
                                                                                                 inv.
UD             Assegnazione Calcolata CON                           0      0   4.5     0     0   CON = 1 x 0.516 x (Fte + 2). FTE totali = 6.8
Dotazioni      Totale per il capitolo di spesa                      0      0   277     0     0

Seminari
                                                                        Ric.
     Sezione                                                                   Ass   Asj   AsD                        Commento
                                     Descrizione                 Ric.    sj
BA             Seminari di Gruppo 1                                 6      0     4     0     0
BO             Spese per Seminari                                 4.5      0   3.5     0     0   come 2005
CA             6 seminari annuali                                   3      0     3     0     0
CS             Seminari                                             3      0     3     0     0
CT             seminari studiosi italiani e stranieri               4      0     3     0     0
FE             Spese per seminari                                   3      0     3     0     0
FI             seminari                                             3      0     2     0     0   1 su inv.
GE             Seminari                                             6      0     4     0     0
LE             Seminari scientifici di interesse per il gruppo      3      0     1     0     0   2 su inv.
               Contributo LNF Spring School 2007 (3kEuro),
                                                                  7.5      0   7.5     0     0
               contributo 3 workshop LHC-MC (4.5kEuro)
LNF
               Seminari                                             4      0   1.5     0     0   2.5 su inv.
               Totale per la sezione                             11.5      0     9     0     0
MI             seminari                                             2      0     1     0     0   1 su inv.
NA             Seminari di GR I                                     3      0   2.5     0     0




                                                                                                                             Pag 95/99
PD             seminari sezione                                         4      0     2     0     0   2 su inv.
PG             Seminari                                                 3      0     3     0     0
PI             Attivita' seminariali                                  10       0     7     0     0
PV             Seminari                                                 5      0     1     0     0   2 su inv.
RM1            Seminari                                                 5      0     4     0     0
RM2            Spese seminari                                           5      0   1.5     0     0   2.5 su inv.
               Seminari ospiti italiani e stranieri, corsi di
RM3                                                                     7      0     7     0     0   ciclo di seminari a novembre
               aggiornamento
TN             Seminari gr 1                                            1      0     1     0     0
TO             Attivita' di seminari scientifici e tecnici            10       0     5     0     0
TS             seminari                                                 5      0     2     0     0   2 su inv.
UD             5 seminari                                               3      0     3     0     0
Dotazioni      Totale per il capitolo di spesa                       110       0 75.5      0     0

Pubblicazioni
                                                                            Ric.
     Sezione                                                                       Ass   Asj   AsD                      Commento
                                       Descrizione                   Ric.    sj
BO             Spese per pubblicazioni                                  1      0     1     0     0
CA             Pubblicazioni su rivista                                 3      0     1     0     0
CS             Pubblicazioni                                            1      0     1     0     0
FI             pubblicazioni                                            3      0     1     0     0   2 su inv.
GE             Pubblicazioni                                            3      0     3     0     0
LE             Copie di pubblicazioni                                   1      0     1     0     0
MI             pubblicazioni                                            1      0     1     0     0
PD             Stampa Pubblicazioni                                     3      0     1     0     0   2 su inv.
PG             Pubblicazioni                                            3      0     1     0     0   2 su inv.
PI             Pubblicazioni articoli e report                          6      0     5     0     0
PV             Pubblicazioni                                            4      0     1     0     0   2 su inv.
RM1            Pubblicazione                                            3      0     3     0     0
RM2            Proceedings,Stampa articoli                              3      0   0.5     0     0   1.5 su inv.
TS             pubblicazioni locale gruppo I                            3      0     1     0     0   1 su inv.
Dotazioni      Totale per il capitolo di spesa                        38       0 21.5      0     0

Affitti e Manutenzione
                                                                            Ric.
     Sezione                                                                       Ass   Asj   AsD                      Commento
                                       Descrizione                   Ric.    sj
MI             asic2(1700 +IVA)                                       2.2      0   2.5     0     0   arrotondamento
               manutenzione stampante cms lnl CMSSUN1;
PD                                                                      1      0     1     0     0
               BBR_ACSLS (Gestione librerie BABAR)
               - acid15 - SUN Blade 1000 - server farm COMPASS
               (1200 Euro, IVA inclusa) - Switch farm COMPASS:
               Switch SuperStack Switch2 3com 3900 + Switch             2      0     2     0     0
               SuperStack Switch 3com 4900 (880 Euro, IVA
               inclusa)
TS             tape library farm COMPASS STK L40 con 2 drive
                                                                      4.5      0   4.5     0     0
               IBM LTO (4600 Euro, IVA inclusa)
               manutenzione gruppo continuita' della farm di
                                                                      1.5      0   1.5     0     0
               COMPASS (1440 Euro, IVA inclusa)
               Totale per la sezione                                    8      0     8     0     0
               Manutenzione e affitti apparecchiature presenti nel
UD                                                                    10       0     4     0     0
               laboratorio pixel
Dotazioni      Totale per il capitolo di spesa                       21.2      0 15.5      0     0




                                                                                                                               Pag 96/99
Materiale Inventariabile
                                                                              Ric.
     Sezione                                                                         Ass    Asj   AsD                        Commento
                                    Descrizione                        Ric.    sj
               Assegnazione calcolata                                    25      0   11.5     0     0   da IV cat.
               Assegnazione Calcolata PCs                                 0      0    4.5     0     0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 34.2
BA
               Assegnazione Calcolata INV                                 0      0    25      0     0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 34.2
               Totale per la sezione                                     25      0    41      0     0
               Strumentazione generale, potenziamento strutture
                                                                       32.5      0   16.5     0     0   da IV cat.
               di servizio impegnate negli esperimenti (calcolato/2)
                                                                                                         INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali =
BO             Assegnazione Calcolata INV                                 0      0   32.5     0     0
                                                                                                        68.85
               Assegnazione Calcolata PCs                                 0      0    8.5     0     0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 68.85
               Totale per la sezione                                   32.5      0   57.5     0     0
               Rinnovo strumentazione da laboratorio e acquisto
                                                                         35      0     2      0     0   2 da IV cat.
               nuove apparecchiature

CA             Assegnazione Calcolata INV                                 0      0    14      0     0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 11.3
               Assegnazione Calcolata PCs                                 0      0    1.5     0     0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 11.3
               Totale per la sezione                                     35      0   17.5     0     0
               Assegnazione Calcolata INV                                 0      0    14      0     0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 11
CS             Assegnazione Calcolata PCs                                 0      0    1.5     0     0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 11
               Totale per la sezione                                      0      0   15.5     0     0
               Strumentazioni di laboratorio                             25      0     3      0     0   da IV cat.
               Assegnazione Calcolata INV                                 0      0    12      0     0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 8.9
CT
               Assegnazione Calcolata PCs                                 0      0     1      0     0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 8.9
               Totale per la sezione                                     25      0    16      0     0
               Strumentazione di uso generale (calcolato/2)              21      0     9      0     0   da IV cat.
                                                                                                         INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali =
               Assegnazione Calcolata INV                                 0      0   21.5     0     0
FE                                                                                                      25.05
               Assegnazione Calcolata PCs                                 0      0     3      0     0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 25.05
               Totale per la sezione                                     21      0   33.5     0     0
               attrezzature e strumentazione                             23      0     5      0     0   da IV cat.
               Assegnazione Calcolata INV                                 0      0   23.5     0     0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 29.9
FI
               Assegnazione Calcolata PCs                                 0      0     4      0     0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 29.9
               Totale per la sezione                                     23      0   32.5     0     0
               Strumentazione di sezione                                 40      0     8      0     0   da IV cat.
                                                                                                         INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali =
               Assegnazione Calcolata INV                                 0      0   24.5     0     0
GE                                                                                                      32.75
               Assegnazione Calcolata PCs                                 0      0     4      0     0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 32.75
               Totale per la sezione                                     40      0   36.5     0     0
               Attrezzature di calcolo e di laboratorio                  19      0    6.5     0     0   da IV cat.
               Assegnazione Calcolata INV                                 0      0   17.5     0     0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 16
LE
               Assegnazione Calcolata PCs                                 0      0     2      0     0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 16
               Totale per la sezione                                     19      0    26      0     0
               Strumentazione di laboratorio                             68      0   13.5     0     0   da IV cat.
               Assegnazione Calcolata INV                                 0      0   33.5     0     0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 73.1
LNF
               Assegnazione Calcolata PCs                                 0      0    9.5     0     0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 73.1
               Totale per la sezione                                     68      0   56.5     0     0
               materiale vario                                           30      0     5      0     0   da IV cat.
MI
               Assegnazione Calcolata INV                                 0      0   21.5     0     0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 24.9




                                                                                                                                    Pag 97/99
      Assegnazione Calcolata PCs                              0    0     3    0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 24.9
      Totale per la sezione                                  30    0   29.5   0   0
      Stampanti, oscilloscopi, unità di elettronica da
                                                             49    0    10    0   0   da IV cat.
      laboratorio e strumentazione

MIB   Assegnazione Calcolata INV                              0    0   24.5   0   0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 32.9
      Assegnazione Calcolata PCs                              0    0     4    0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 32.9
      Totale per la sezione                                  49    0   38.5   0   0
      Metabolismo ( (Ln FTE)**1.5*14.5*0.516 )              47.6   0    7.5   0   0   da IV cat.
      Assegnazione Calcolata INV                              0    0    23    0   0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 28.7
NA
      Assegnazione Calcolata PCs                              0    0    3.5   0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 28.7
      Totale per la sezione                                 47.6   0    34    0   0
      Assegnazione calc. inv                                 30    0    22    0   0   da IV cat.
                                                                                       INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali =
      Assegnazione Calcolata INV                              0    0   30.5   0   0
PD                                                                                    57.95
      Assegnazione Calcolata PCs                              0    0    7.5   0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 57.95
      Totale per la sezione                                  30    0    60    0   0
      (Ln FTE)**1.5*14.5*0.516 FTE=22.2                     20.5   0     4    0   0   da IV cat.
      Assegnazione Calcolata INV                              0    0   20.5   0   0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 22.5
PG
      Assegnazione Calcolata PCs                              0    0     3    0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 22.5
      Totale per la sezione                                 20.5   0   27.5   0   0
      Equipaggiamento laboratori ("questo va al
                                                            111    0    25    0   0   da IV cat.
      coordinatore")
                                                                                       INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali =
PI    Assegnazione Calcolata INV                              0    0    38    0   0
                                                                                      110.1
      Assegnazione Calcolata PCs                              0    0    14    0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 110.1
      Totale per la sezione                                 111    0    77    0   0
      Strumentazione                                        22.6   0    9.5   0   0   da IV cat.
      Assegnazione Calcolata INV                              0    0   22.5   0   0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 27.6
PV
      Assegnazione Calcolata PCs                              0    0    3.5   0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 27.6
      Totale per la sezione                                 22.6   0   35.5   0   0
      strumentazione di laboratorio                          80    0    18    0   0   da IV cat.
      Assegnazione Calcolata INV                              0    0    35    0   0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 86.5
RM1
      Assegnazione Calcolata PCs                              0    0    11    0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 86.5
      Totale per la sezione                                  80    0    64    0   0
      Strumentazione elettronica di uso generale. Rinnovi
                                                             40    0    10    0   0   da IV cat.
      PC-Desktop

RM2   Assegnazione Calcolata INV                              0    0    17    0   0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 15.4
      Assegnazione Calcolata PCs                              0    0     2    0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 15.4
      Totale per la sezione                                  40    0    29    0   0
      Dotazioni di laboratorio                              38.1   0    6.5   0   0   da IV cat.
      Assegnazione Calcolata INV                              0    0   18.5   0   0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 17.9
RM3
      Assegnazione Calcolata PCs                              0    0    2.5   0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 17.9
      Totale per la sezione                                 38.1   0   27.5   0   0
      Assegnazione Calcolata INV                              0    0     5    0   0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 3.3
TN    Assegnazione Calcolata PCs                              0    0    0.5   0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 3.3
      Totale per la sezione                                   0    0    5.5   0   0
      Strumentazione di laboratorio Da ottobre 2006: 39.9
                                                             21    0    14    0   0   da IV cat.
      FTE ln(FTE)*1.5*14.5*.516/2
TO
                                                                                       INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali =
      Assegnazione Calcolata INV                              0    0   26.5   0   0
                                                                                      40.21




                                                                                                                  Pag 98/99
            Assegnazione Calcolata PCs                                  0    0     5    0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 40.21
            Totale per la sezione                                      21    0   45.5   0   0
            attrezzature di laboratorio, posti di lavoro in sede e
                                                                       60    0     5    0   0   da IV cat.
            nei laboratori degli esperimenti

TS          Assegnazione Calcolata INV                                  0    0    23    0   0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 28.4
            Assegnazione Calcolata PCs                                  0    0    3.5   0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 28.4
            Totale per la sezione                                      60    0   31.5   0   0
            Assegnazione Calcolata INV                                  0    0    10    0   0   INV = 7.25 x 0.516 x (lnFte)**1.5. FTE totali = 6.8
UD          Assegnazione Calcolata PCs                                  0    0     1    0   0   PCs = 200 x 0.516 x Fte/TotFte. FTE totali = 6.8
            Totale per la sezione                                       0    0    11    0   0
Dotazioni   Totale per il capitolo di spesa                          838.3   0 848.5    0   0




                 59. Discussione Generale Bilancio
            Dopo una breve discussione degli anticipi richiesti dal 2007 al 2006, la Commissione
            approva i bilanci 2006 e 2007 ed il Presidente dichiara chiusi i lavori.




                                                                                                                           Pag 99/99

								
To top