Il mio piede sinistro

Document Sample
Il mio piede sinistro Powered By Docstoc
					                                                                1


Batblackonga vs Tutti

52 brevi racconti umoristici, basati sul cinismo, il non sense e i giochi
di parole. Credo che per un blogger la brevità di un racconto sia
essenziale se si vuole strappare un sorriso a chi si collega ad
internet per pochi minuti durante le pause del lavoro.
Bat

Sommario
Talento sprecato.....................................................................................................................................
C’è un blog .............................................................................................................................................
Il mio piede sinistro .................................................................................................................................
Stufo!.......................................................................................................................................................
Tariffe telefoniche - Offerte ......................................................................................................................
Come costruirsi un protacchione ............................................................................................................
Alla fermata del bus .................................................................................................................................
Domande ...............................................................................................................................................
Il mostro del calzino spaiato ....................................................................................................................
Una perditina in bagno ............................................................................................................................
Geografia nazionale ................................................................................................................................
Si va al mare ..........................................................................................................................................
Lo roscope di Ciro ‘o Guaglione..............................................................................................................
Tecla e Guglielmo ..................................................................................................................................
Capello ....................................................................................................................................................
Il passerottino .........................................................................................................................................
Ospiti .......................................................................................................................................................
Grandi interviste .....................................................................................................................................
La neve: che gran maleducata! ..............................................................................................................
I’tteniho della hardaja ..............................................................................................................................
La parità dei diritti ...................................................................................................................................
Stress del nuovo millennio .......................................................................................................................
Ombrelli..................................................................................................................................................
Pronto intervento ....................................................................................................................................
M’ama, non m’ama .................................................................................................................................
Imbarazzi ...............................................................................................................................................
Un matrimonio perfetto ............................................................................................................................
Contro i primi sintomi del raffreddore ......................................................................................................
Il frigo ad incazzo ...................................................................................................................................
Sine titulo ...............................................................................................................................................
Scioè…diciamo…un attimino… ..............................................................................................................
La terribile storia di Torquato Astriscioni (con traduzione in calce in inglese eseguita
dall'autore medesimo) .............................................................................................................................
Il vecchietto ............................................................................................................................................
Il menu lacustre ......................................................................................................................................
Il macellaio furbo ....................................................................................................................................
Il pranzo di oggi ......................................................................................................................................
Krapr e Rarkp .........................................................................................................................................
                                                               2

Il condomino Talvacchia ..........................................................................................................................
Ballistiche ...............................................................................................................................................
Cavalleria ...............................................................................................................................................
Lavoretti di ordinaria manutenzione 1 .....................................................................................................
Lavoretti di ordinaria manutenzione 2 .....................................................................................................
Il nipote della signora Zanaboni ..............................................................................................................
Due mosche trombano ............................................................................................................................
Tragedia senza battute ............................................................................................................................
(Non) tutti i giorni sono uguali .................................................................................................................
Cinesi e Ape 50 ......................................................................................................................................
Tv satellite ..............................................................................................................................................
La contessa Cippa Della Lippa nella Prugna ...........................................................................................
Tre Giovanni e una Domenica (ma pure un Venerdì) ..............................................................................
Ma povere lance! ....................................................................................................................................
Buonasera, gatte morte ...........................................................................................................................
                                   3

Talento sprecato

Salve, anemici girovaghi del web. Anche oggi siete capitati su queste
pagine senza sapere neanche il perché; cercate invano di consolarvi
dicendovi che in questa valle di lacrime non ci dev'essere per forza
un perché delle cose, ma come consolazione è piuttosto
insignificante, come voi, del resto.
Sperate inconsapevolmente, nel vostro insano ed inutile girovagare,
di trovar qualcosa che vi stupisca, che vi stupisca così enormemente
da poter finalmente esclamare "Oh!", suono che si ottiene
posizionando le labbra a mo' di buco del culo e che vi renderà padri
di un'espressione finalmente gagliarda, da immortalare con l'ausilio
del vostro terzo occhio, l'ormai inseparabile web-cam, così utile a
dare il via alla manovalanza quando in casa non trovate neanche un
maledettissimo giornaletto pornografico.
E dovrei esser forse io a stupirvi? Dovrei arrogarmi questo compito
solo ed esclusivamente per il semplice fatto che siete casualmente
giunti fino a qui azionando lobotomicamente uno stupido oggetto
denominato "topo"?
Oh no, non ci casco! Passerete di qui come siete passati da mille
altri posti, senza stupirvi e senza lasciar traccia alcuna, cosa che
peraltro è il vostro destino.
E dire che volendo potrei colpirvi al fegato o al cuore e finanche al
cervello (se l’aveste); si, potrei farlo, combinando abilmente ad
hoc queste poche lettere di cui è composto il nostro alfabeto; potrei
farvi ridere, piangere, sognare e addirittura pensare (se ne foste
capaci).
Potrei donarvi il segreto della teoria delle stringhe, la quale non si
occupa di calzature come i più tra voi potrebbero immaginare. Potrei
ipotizzare la costruzione di un nuovo veicolo che vola sott'acqua, ma
a che vi servirebbe se non sapete volar neanche con la fantasia?
Mi par di vedervi nel legger queste poche righe (senza in realtà
leggerle), mentre coronate il vostro scopo più sublime: estrarvi una
caccola dal naso per poi osservarla attentamente, come un turista
osserva la Cappella Sistina.
Ed io dovrei sforzarmi per voi, anemici girovaghi del web? Voi che
ambite al primo premio del concorso "grattati e vinci"?
Non sprecherò un solo grammo della mia inventiva per far cosa
grata alla vostra inutilità.
Ed ora v’invito a posizionare il ditino indice sul pulsante sinistro del
                                 4

vostro "topo" e spingerlo a fondo per recarvi inanimatamente al
BLOG SUCCESSIVO.
                                   5

C’è un blog

C'è un blog che quando son tranquillo e mi voglio far venire il
nervoso me lo vado a leggere. E' il blog della "Sprippolina del mio
cuore" con tutti dei bellissimi link tipo "La mia Silviettina tutta
smaciukkosa", "Una matitina colorosa", "La fiokkolina del mio cuore".
Oggi la tipa era tutta emozionata perché una farfallina bianca s'è
posata sulla sua bambolina di pezza. Che bello! Spero sia passata la
mamma col battipanni e le abbia impresso ad aeternum la farfallina
sul muso dell'orsacchiotto.

Uno si va a leggere ste cagate e pensa le abbia scritte una bimbetta
che frequenta la terza media. No: la tipa ha 28 anni! 28 anni, capite?
Quest’elemento va a votare! Ma cosa ci va a fare in cabina
elettorale? I balocchi?
"Scusi signor skrutatore ma non c'è il simbolino dell'orsetto lavatore
che da i bacini alla margheritina? Che pekkato...e le matitine? Avete
solo quella grigia? Se lo sapevo mi portavo da casina i miei pastellini
tutti colorosi! Lo sa come si giocherebbe bene ai mangiarini lì
dentro?"

La cosa terrificante è che è il blog con più messaggi in assoluto;
un'esplosione di demenza totale elevata al cubo. Pensavo: "A queste
stronzate chi vuoi che commenti..."

Commentano!
E commentano anche in parecchi.
Commenti del tipo: "Il battito d'ali di una farfalla accompagna fatine
ed angeli..."

Ma ste farfalle son dappertutto? Non hanno rotto un po' troppo i
coglioni?
Questo un altro commento:

"E' ovvio che il suo cuoricino batte sbrilluccicosamente per tante
persone diverse e tutte sbrilluccicose... vi amo sbrilluccicosamente
anche se siete sbrilluccicosamente insensibili...vostra
sbrilluccicosamente sbrilluccicosoloxte, e anche per tutte voi baci
baci sbrilluccicosi smack smack"
                                    6

Un inno alla cretineria più assoluta.

"Sbrilluccicate amorini miei...sbrilluccicate come solo voi siete in
grado di fare...vi adoro..."

E' un universo per aspiranti al cottolengo.

Ma che stai a di'? Sbrilluccicata sarai te! Come ti permetti?
E poi come si sbrilluccica? Avete mai sbrilluccicato voi?

Mi immagino un dialogo di vita quotidiana del povero cristo che si
accatta una donna simile:
"Scusa, cara, vado al cesso..."
"Oh si, tesoruccio...vai al gabinettino? Vai a fare la kakkina
sbrilluccicosa? (parlano tutto con le kappa sti deficenti) Ti ho
comprato la carta triplo velo color rosa kol disegno delle nuvolette,
tutta delicatina, alla kamomillina...ricordati poi di lavarti per benino
con la saponettina sbrillucicosa a forma di kuoricino...Vedrai che
verrà la farfallina a trovarti mentre fai la kakkina!"

Io vorrei poter risalire all'infanzia di sta gente qui; ma chi li ha
allevati? Topolino e Minnie? Quale oscuro male ha potuto far sì che
un essere adulto si riducesse così in malo modo? Quale trauma?
Quale gene non ha compiuto il suo dovere?
Guardate che son cose gravi! Uno ci ride e ci scherza, ma metti caso
che uno di questi individui vada al potere. Che ne so, ministro della
pubblica istruzione (abbiamo visto di tutto, perfino Sgarbi ai beni
culturali, non ci sarebbe poi da meravigliarsi troppo). Scelta dei libri
di testo per i bimbi del liceo:
-L'almanacco del girandolaio (cultura generale)
-Tartamondo (geografia)
-Gli animali birichini (scienze)
-La divina commedia a fumetti (italiano)
-Chimica sbrilluccicosa (chimica)

C'è un blog che quando son tranquillo me lo vado a leggere per farmi
venire il nervoso.
                                    7


Il mio piede sinistro

Oggi, quando mi sono svegliato, mi sono trovato davanti ad un vero
e proprio atto di ribellione; cos’è successo? E’ successo che il mio
piede sinistro ha deliberatamente, senza preavviso alcuno e
totalmente in autonomia, deciso di agire per conto suo senza dare
più ascolto agli ordini impartiti dal cervello. Essendo un piede sinistro
ha pensato bene di dirigersi solo ed esclusivamente verso sinistra,
cosicché stamattina io, ignaro della sua decisione perché presa
mentre dormivo, appena sceso dal letto mi sono ritrovato a ruotare
su me stesso in direzione antioraria. Non appena i neuroni hanno
capito che questa sommossa era una cosa seria, hanno tentato di
porre rimedio alla faccenda, impartendo l’ordine al piede destro di
girare avanti tutta in senso orario; il risultato è stato deletereo: per
via delle leggi della fisica vettoriale sono partito per la tangente che,
puta caso, tangeva proprio con lo spigolo dello stipite della porta.
Vista la gravità della situazione è stata indetta un’assemblea
straordinaria, alla quale hanno partecipato anche tutte le dita delle
mani, escluso il mignolo della mano destra che era di corvè,
impegnato a levare il cerume dall’orecchio sinistro. Tutti i tentativi per
far ragionare il piede sinistro sono stati vani; l’unica speranza è che
questo suo colpo di testa sia passeggero e rientri velocemente nei
ranghi.
Dal canto mio mi trovo in seria difficoltà, ma sto già mettendo a
punto dei metodi per muovermi abbastanza liberamente. Se debbo
girare a sinistra non ci sono particolari problemi anzi, lo faccio in
maniera spedita, molto meglio di prima. Se debbo andare dritto mi è
sufficiente, come spiegato innanzi, dare un “avanti tutta” al piede
destro; i guai arrivano quando debbo girare a destra. La mia fortuna
è che non sono mancino e quindi il piede destro è leggermente più
forte del sinistro; ho quindi scoperto che se do un “avanti a tutta
randa” al piede destro, riesco a compiere una curva verso destra con
un raggio però ampissimo. La cosa crea pochi problemi in campo
aperto, ma è causa di non trascurabili difficoltà dovendo muovermi in
spazi angusti, come ad esempio un appartamento.
Adesso debbo lasciarvi perché è appena giunto un comunicato da
parte del mio piede sinistro; speriamo voglia trattare la resa perché
avrei proprio bisogno di un caffè, ma sfortunatamente il bar è proprio
                                  8

accanto, sulla destra e per raggiungerlo in queste condizioni dovrei
fare il giro dell’isolato intero.
                                    9



Stufo!

Sono stufo, stufo, stufo, stufo! Vi dirò di più: sono stufo! Arcistufo! Di
che? Non lo so! Ma sono stufo!
Non ho niente, non posseggo niente, ergo sono stufo di niente. Ma
sono stufo! Si può essere stufi di niente? Si!
Se avessi almeno una A potrei stufarmi di quella. Mi accontenterei
persino di una G. Ma come si fa a stufarsi di una A, direte voi? Bene:
quando si è stufi di niente si farebbero i salti mortali per poter essere
stufi anche di una semplicissima, normalissima A.
A cosa serve stufarsi di una povera A? A chi è stufo di niente, serve!
Peraltro gli unici che ci rimetterebbero sarebbero i miei pochi lettori
che sarebbero costretti, nel caso avessi una A e potessi stufarmene,
a leggere frasi del genere:
"L'ltr mttin ndi cs di nn Mri dr l ppp l cnrino, dt che ell er in vcnz!"
(L'altra mattina andai a casa di Anna Maria a dare la pappa al
canarino dato che ella era in vacanza)
Ma visto che non posseggo neanche l'ombra di uno straccio di A,
debbo continuare ad essere stufo di niente.
Ma stufo, stufo, stufo!
                                   10

Tariffe telefoniche - Offerte

Dovendo acquistare un nuovo cellulare mi sono fatto un giro fra i vari
siti di telefonia alla ricerca della miglior offerta cellulare-piano
tariffario. Se vi dico che non ci ho capito nulla credo che non vi
stupirete; insomma, m'è successo qualcosa del genere:

"Buongiorno signorina, in merito alle vostre tariffe telefoniche gradirei
sapere se è in corso qualche particolare offerta cui aderire."
"Perbacco! Ne abbiamo più d'una; gliele illustro:
ad esempio c'è MAXXIFAXXI che è l'offerta per chiamare gratis tre
numeri a sua scelta dalle 23,30 alle 24 per non oltre un'ora, con
scatto alla risposta e addirittura senza scatto alla risposta nel caso
non rispondesse nessuno! Può usufruire inoltre di 700 messaggi, 40
videochiamate, 2000 e-mail, un panino al prosciutto e un buono
sconto da McDonalds, il tutto spendibile entro adesso.
Poi abbiamo TUAMIA-MIATUA che le consente di mandare GRATIS
7500 messaggi SMS nell'arco dei primi cinque minuti dall'attivazione,
l'offerta non è però cumulabile con MAXXIFAXXI, a meno che lei non
aderisca anche a SETTEPEROTTOASINOCOTTO, l'offerta che le
consente di chiamare tutti i numeri a due centesimi al secondo per il
primo secondo, quattro centesimi per il secondo secondo, otto
centesimi per il terzo, sedici per il quarto, trentadue per il quinto è
così via. Ovviamente qui v'è da pagare una simbolica cifra mensile di
euro 250, oltre a questo, quello e quell'altro ancora.
Poi abbiamo PARENTISERPENTI, l'offertona (non cumulabile con
MAXXIFAXXI) che le consente di telefonare gratis a tutti i parenti più
vecchi di lei che non abbiano superato la maggiore età pur essendo
nati prima del 1950.
Quindi c'è MELADAIONO, la spettacolare occasione che le mette a
disposizione gratuitamente (al solo costo di 100 euro al mese) un
telefono UMTSTRIBANDGPRSPKPC per chiamare la propria
fidanzata gratis fino al giorno del vostro matrimonio; quest'offerta
però scade fra... tre... due... uno... scaduta... mi spiace.
Infine (e guardi che questa è meravigliosa) abbiamo
PORNOCHIAMAMI, l'offertona di carica e ri-carica a 90°; offerta di
videochiavate riservata alle sole coppie in possesso del vibrotelefono
NERKIA 6969."
                                   11


Come costruirsi un protacchione

Vi darò oggi finalmente quella dritta che tutti attendevate. D'altra
parte in periodi di carestia economica l'arte del fai da te viene
sempre più sfruttata, dato che consente di risparmiare diversi soldini.
Lo so, voi tutti siete in ansia perché frugandovi nel portafoglio vi siete
accorti che non avete i mezzi sufficienti per acquistare lui, si proprio
lui, quell'oggetto che adesso, oggi, tutti desiderate: il protacchione.
Ma ecco che il Bat, come sempre, viene in vostro soccorso. Non
sfigurerete più davanti ad amici ed amiche, ai raduni sociali
qualunque sia l'ambiente da voi frequentato. Il vostro protacchione
autocostruito non sarà da meno rispetto a quello che potete
acquistare nei migliori negozi; anzi, osservandoli accuratamente
l'uno e l'altro, si può tranquillamente asserire che sono perfettamente
identici.

LA TECNICA
Per costruire il vostro personalissimo protacchione munitevi innanzi
tutto di un botroffo, due sgagole di circa 20 cm. cadauna, un po' di
fantrella (potete anche abbondare), un paio di tenzole e qualche etto
di limpinote.
Prendete adesso il botroffo ed agite sul carangiolo (o carangiòlo che
dir si voglia) fino a che non otterrete un pimpo ben amalgamato.
Adesso, con molta attenzione, prendete le sgagole (non toccatele
con le mani, mi raccomando, usate possibilmente uno sgargioffo) ed
unitele al pimpo precedentemente ottenuto mediante l'alcone.
Strumate adesso la frantella dall'alto fino ad ottenere il classico
effetto evienso. Infine applicate girogiro le limpinote ed attendete che
esse fiovilino per benino. Quando saranno ben fievolinate potete
agganciare le tenzole in modo da attaccare il protacchione ai
pantaloni.
Et voilà! Il giuoco è fatto!
                                12

Alla fermata del bus

"Ciao, io sono Mario e tu?"
"Franco..."
"Ciao, Franco..."
"Ciao..."
"E come mai Franco?"
"Mio papà e mia mamma han deciso così..."
"Si, ma perché?"
"Si vede che a loro piaceva Franco..."
"E com'è che a loro piaceva Franco?"
"Ehm... Mio nonno si chiamava Franco!"
"Paterno o materno?"
"Paterno!"
"Quindi è tuo papà che ha voluto chiamarti Franco!"
"Può darsi..."
"E tua mamma perché non si è opposta?"
"Ma che ne so! Sarà piaciuto anche a lei..."
"Avrebbe potuto proporre il nome di tuo nonno materno!"
"Avrebbe, ma evidentemente non lo ha fatto!"
"E perché non lo ha fatto?"
"Ma che ne so io!"
"Come si chiamava tuo nonno materno?"
"Adelmo!"
"Ecco perché! Ti sarebbe piaciuto chiamarti Adelmo?"
"Non so, non ci ho mai pensato..."
"Non hai mai pensato a come avresti potuto chiamarti?"
"No!"
"E perché?"
"Perché mi piace Franco!"
"E perché ti piace Franco?"
"Perché è un nome corto, che indica sincerità!"
"E Adelmo lo sai cosa indica?"
"No!"
"E perché non lo sai?"
"Perché non me ne frega nulla di Adelmo!"
"Ma se era tuo nonno! Non te ne frega di tuo nonno?"
"No! Perdinci! Non me ne frega!"
"E perché? Era un farabutto?"
"Macché farabutto, era un gentiluomo!"
                                13

"Bella persona che sei allora, che non te ne frega di un gentiluomo
peraltro tuo parente!"
"Ohè! Ma chi sei, ma che vuoi?"
"Io sono Mario, te l'ho detto! Ti piace Mario?"
"Lo odio!"
"E perché?"
"Perché è un nome insulso e spaccamaroni, come te!"
"Certo che sei un bel maleducato! Per due chiacchiere... Meno male
che sta arrivando il mio bus. Giammai chiamerò mio figlio Franco!
Addio!"
                                    14



Domande

Domanda:
perché gli accappatoi, quando vai a indossarli, soprattutto d'inverno
che sei tutto bagnato e stai gelando, hanno sempre le maniche
rovesciate?

Risposta:
la risposta a codesto quesito è ardita anche perché vi si sono
scervellati i più noti luminari della fisica, sia essa pratica sia teorica,
giungendo però sempre a vaghe ipotesi mai confermate.
Dice, ad esempio, il grande Katsonen (il notissimo fisico finnico) in
una delle sue più note formule:
"L'inversione del vettore è vettorialmente inversa all'azione vettoriale
speculare prospiciente."
In un primo momento tale teoria potrebbe apparire azzeccata, se
non fosse per la tesi antitetica prodotta dal suo collega tedesco
Stockatsen che recita così:
"La notazione positivo-negativa indotta dal piano verticale dell'asse
delle ascisse invoca il parallelismo statico antistante del soggetto
retrostante."
Come vedete, non se ne vien fuori.
Molto più terra terra il pensiero del mago napoletano Ciro 'o
Guaglione secondo cui la maledizione della manica dell'accappatoio
va contrastata ingurgitando tisane a base di lava del Vesuvio
incandescente; ma trattasi di credenze popolari.
Secondo studi più recenti parrebbe invece avvalorarsi la teoria
pratica della mia vicina di casa che sostiene "essere sufficiente
rivoltare le maniche una volta smesso l'oggetto, invece voi uomini
fetenti non avete voglia di fare un cazzo e sbattete tutto li in terra
tanto ci siamo noi, donne cretine, al vostro servizio, maremma
impestata!"
                                    15

Il mostro del calzino spaiato

Del mostro del calzino spaiato si sa ben poco. Non è come lo Yeti o
come Big Foot di cui ogni tanto si rintraccia un'orma o un ciuffetto di
peluria,oppure vi è qualcuno che dice di averli avvistati lungo i pendii
himalayani o nelle foreste canadesi.Il mostro del calzino spaiato non
lo ha mai visto nessuno. Persino la Befana e Babbo Natale spesso
vengono visti a cavallo della rispettiva scopa o slitta; il mostro del
calzino spaiato non si sa invece che mezzo di locomozione utilizzi.

Il mostro del calzino spaiato è cattivo. Egli non se la prende con
quelle persone superorganizzate che meticolosamente mettono tutto
in ordine, oggetto per oggetto, cassetto per cassetto. Il mostro del
calzino spaiato se la rifà invece coi più disordinati, con quelli che già
perdono la roba per conto loro, con i distratti, generalmente con i
single distratti, che non necessiterebbero di ulteriori ammanchi.

Il single distratto si sveglia al mattino per recarsi al lavoro, va a farsi
la doccia, si lava i denti e poi razzola fra la biancheria alla ricerca
delle mutande e dei calzini. Ed è lì che il tapino s'accorge del
passaggio del mostro del calzino spaiato: quando, pur trovandosi
davanti a una distesa quasi infinita di calzini, non riesce ad
accoppiarne nessuno con l'altro. Tutti diversi. Alcuni sembrano
uguali. Ma non lo sono.
Il single distratto cerca a quel punto di fare un po' d'ordine, per
vedere se il mostro del calzino spaiato abbia lasciato almeno un paio
di calzini uguali. Macchi:

"C'è quello nero di cotone corto.... ecco che va insieme a questo...
azz... no, questo è nero di cotone lungo... allora forse con
questo..uhm..ma questo è nero o blu scuro?? ...è blu scuro. Ah però
allora questo blu scuro va con questo..ecco. Merda! No... questo è a
coste larghe l'altro invece a coste strette...."

Insomma: non v'è nulla da fare. La coppia non si trova. Eppure il
single distratto è certo di averne comprati due uguali. Pur prova a
frugare nel cesto della biancheria sporca. Nisbah! E' passato anche
di là, il lurido!
                                   16

Il mostro del calzino spaiato ha colpito ancora! Investigatori,
detectives, forze armate e non! All'armi!!! Non si può andare avanti
così. Noi single distratti veniamo derisi tutti i santi giorni perché ci
dobbiamo ridurre ad indossare calzini l'uno diverso dall'altro. La
gente ci prende in giro: "Ahahahaha...ma dove hai la testa...??? Ma
come vai in giro? Ahahahaha!"

Loro non sanno che siamo vittime di quell'infido, verme, meschino,
aberrante d'un mostro del calzino spaiato, che di notte silente
s'insinua nelle nostre magioni.

Aiuto!
                                   17



Una perditina in bagno

"Bat!!"
"Dimmi, cara..."
"C'è una perditina d'acqua in bagno, dal tubo del lavandino,
bisognerà chiamare l'idraulico!"
"Ma quale idraulico! Ma sei matta? Con quello che costano... Per
una piccola perdita... Ci penso io, vammi a prendere gli attrezzi!...
Oh... Ecco gli attrezzi... Vediamo sta perditona (ridacchia)... Uh...
Che sarà mai? Due goccioline che vengon giù dal tubo dell'acqua
calda... Passami il pappagallo...!"
"Pappagallo..."
Stronk, strink, gnic, gnec...
"Grunt... Non si svita... E' arrugginito... Passami lo Svidol..."
"Svidol..."
Stronk, strink, gnic, gnec...
"Niente da fare... incastrato...Usiamo mezzi più drastici...Martello..."
"Ma sei sicur..."
"Martello ho detto...!"
"Martello..."
Tump, tump, stump... crack...fiottttttt...
"Azz... ma di che li fanno sti tubi? Di burro?...Guarda che fiotto...
Tamponare, tamponare! Straccio...forza, forza..."
"Straccio..."
"Vedi però che adesso si è svitato?"
"Si ma mi pare che adesso perda ben di più... Forse è meglio
chiamare l'idraulico..."
"Ma che caspita dici? Vedi? Non hai fiducia in me... Quale idraulico?
Ora seghiamo la parte di tubo rotto e richiudiamo il tutto... E’ un
attimo! Seghetto a ferro!"
"Seghetto a ferro..."
Rash rish rash rish.... Wwwwooooooooshhhhhhhhhh!!!
"Merd... Secchi...secchi...Tamponare... Tamponareeeeeeeee!!!!!!!
Metti un dito dentro al tubo... E' fatta, non preoccuparti... Va bene
così... Era tutto previsto... Ora un po' di silicone, poi richiudiamo..."
"Ma è un torrente..."
"Siliconeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee....!!!!!!"
"Non ne abbiamooooooooooooooooooo!!!"
                                  18

"T'avevo detto di comprarlo... E' colpa tua, non fai mai come ti dico!!
E tieni il dito nel buco..."
"T'avevo detto di chiamar l'idraulico..."
"Ma quale idraulico, per una perdituccia... E' tutto sotto controllo...
Stai lì che vado dal vicino a farmi dare il silicone..."
20 minuti dopo
"Ma dove sei stato, Cristo!?"
"A prendere il silicone dal vicino..."
"20 minuti?"
"S'è parlato di calcio, del rigore alla Juve, che non c'era
assolutamente! Juventino schifoso! Hai tenuto bene il dito nel tubo?
Su che ora metto il silicone..."
Zssssssss...Zssssssssssss...
"Fatto! Ohhhhhhhhh....! Puoi togliere il dito!"
"Non viene..."
"Come non viene?"
"E' rimasto incastrato dentro, incollato al silicone...mannaggia..."
"Tira! Tira forte per dinci!"
Tira:
swaradradaannnnnnnnnnn.....WWWOOOOSHHHHHHHHHH!!!!
"Ma che fai? Non così forte!! Hai sradicato il tubo dal muro!! Guarda
che lagoooooooooooooooooo...."
"Pompieri! Pompieriiiiiiiiiiiiiiiiiii....."
                                  19

Geografia nazionale

Ora io voglio dire una cosa: ma il Molise!?
Ma esiste per davvero? Nessuno parla mai del Molise. Non si sa
niente di sto Molise. Ma possibile non ci sia nulla nel Molise? Almeno
in Basilicata hanno i sassi di Matera! Quando la discussione cade sui
sassi di Matera ti soffermi sorpreso per un attimo a pensare:
"Però... sto parlando della Basilicata!"
Ma del Molise? Quando se ne parla del Molise? Mai! Che ci hanno in
sto Molise? Nulla ci hanno!
Vediamo, sapientoni: capoluogo del Molise?... Senza pensarci su
due ore... Che è? Teramo? Roncobilaccio? Campobasso è!... E che
c'è a Campobasso? Manco i sassi di Campobasso hanno.
Altre cose del Molise... Che ne so... Fiumi del Molise! Non ce n'è...
Avessero il Po, l'Adda, almeno ogni tanto si sentirebbe parlar di loro:
Sulle prime pagine di tutti i giornali
"Tracima il Po: il Molise è in ginocchio!".
Oppure, che ne so... Piatti tipici del Molise! Boh?
Prodotti artigianali molisani?
Personaggi eroici del Molise... Uh?
Sportivi..."L'atleta molisano Pincopallo si aggiudica la medaglia d'oro
ai giochi olimpici"... Mai sentita dire una roba simile.
Insomma, il Molise non ha altro scopo se non separare abruzzesi da
pugliesi, cosa peraltro inutile dato che non mi risultano particolari
rivalità tra queste due regioni.
Io ora vorrei l'intervento d'un molisano (ma esistono?) che ci elenchi
le qualità della sua regione!
                                      20

Si va al mare

A me piace il mare, soprattutto la mattina presto d'estate, quando
l'acqua è liscia come l'olio e le onde, appena accennate, ti cantano
quella dolce ninna nanna: "shhhhhhh...shhhhhhh..." quasi a
reclamare ed imporre silenzio.

Al mare ci si va sempre coi migliori propositi: rilassarsi, abbronzarsi
un po', farsi un bagnetto, respirare aria buona e salubre.

Arrivi che già sei incazzato come Zidane con Materazzi dopo aver
compiuto 70 (settanta) chilometri in "appena" tre ore e quaranta
minuti.
"Bagnino, buongiorno, per cortesia...mi dà una sdraio e un
ombrellone?"
"Le SDRAIE so' finite...je posso da' l'ombrellone, fanno 50 EURI"
"50 euro? Ma con 50 euro mi compro cinque ombrelloni!"
"Ma lei dotto' nun paga l'ombrellone! Paga 'o spazio!"
"Già...lo spazio...a proposito! Che spazio!? Mi pare tutto pieno..."
"Nun se preoccupi...un posticino glielo trovo...venga con
me...ecco...se mettaqquà!"
"Ma qua dove scusi? Ci son solo rocce..."
"E che ce vo' fa'...nun c'è altro...anzi, dato che qua l'ombrellone nun
se po' piantà, me lo ripìjo!... Li mortacci de sta gente nun so' mai
contenti, ahò!"

Fosse solo il problema delle rocce: mi pianta accanto a una famiglia
di napoletani al completo. Ora, qui bisogna far sempre la premessa
perché c'è sempre qualcuno con lo spirito di patate che si incazza: io
non ce l'ho coi napoletani, stirpe degnissima, però dovete ammettere
che in quanto ad abitudini balneari, sono un po' singolari.
I napoletani che vanno al mare sembra sempre che stiano
effettuando un trasloco: sedie, tavolini, frigo bar, serviti di piatti, lettini
pieghevoli, materassini, pinne, palloni, gagliardetti del Napoli, tric e
trac, borse del ghiaccio; da qualche anno a questa parte hanno fatto
un ulteriore scoperta: il gazebo!

E sotto a sto gazebo, il mondo! Che uno si domanda: "Ma che ci
sarà mai là sotto? Mi fate dare un'occhiata anche a me?"
                                  21

Sono sempre gruppi di almeno 20 persone e quando chiacchierano
urlano. Io ho capito perché urlano: perché non si capiscono tra di
loro; nessuno sa mai chi sta parlando con chi, per ovvii motivi di
omonimia: gli uomini si chiamano tutti Ciro e Gennaro, le donne
Carmela e Filomena (ma le chiaman Filonema perché non gli riesce
di dirlo giusto). Allora per capirsi alzan la voce...e più la alzano e
meno si capiscono...è un cane che si morde la coda: ne viene fuori
un boato assordante.
Questo fatto dei nomi tutti uguali ha però un vantaggio: quando li
devi radunare tutti basta chiamare Ciroooooooo!!!
Gennaroooooooooo!!! E giù in trenta come un'orda di vandali.

A un certo punto i Ciri e i Gennari erano tutti a fare il bagno...ero
rimasto là con accanto solo qualche Carmela e Filomena...
"Ahhh..un po' di silenzio!"
Manco p'u cazz...
"Filonè...vien'accà!!!"
"Chè c'è Filonè...?"
"Hai visto a Filonè?"
"Si, stava con Filonè.."
"E Carmè...?"
"Anche lei con Filonè!"
"Ah...allora lo dicevo ggiusto che Filonè stava con Carmè..."
"Ma scusa...Carmè non stava con Carmè?"
"Prima, ora sta con Filonè...sono andate a trovare a Carmè e poi
passavano da Filonè..."
"Ma Filonè non stava con loro?"
"No...è andata da Carmè, che poi dovevano telefonare a Carmè, che
ci doveva dire se veniva anche Filonè e poi andavano a trovare a
Anna!"
"Anna???!!! E chi è sta qua?"

Un delirio...Prima di trovare il bandolo della matassa impiegano
almeno un'ora e mezzo...
Quando gli animi si placano è ora di pranzo:
"Ciroooooo....Gennà....!!!"
A rieccoli...e da quelle borse vedi spuntare cocomeri, quintali di
pasta al pomodoro, pizze, pizzette, babà, birre, vino...
C'è un sole cocente. Filomena ha un'idea brillante. Tira fuori la borsa
del ghiaccio e se la mette in testa a mo' di cappelletto. Prova un
                                     22

senso di sollievo e vuole costringere tutta la comitiva a provare
questa cosa bellissima.
"Ciro, Gennà..la volete la bborsa?"
"No Filonè...mo' c'andiamo a bagnà..."
"Allora chiedilo a Ciro o a Gennà....se vogliono la bborsa..."

A quel punto si scatenano i bambini! Colti da improvvisa vivacità,
proprio sempre mentre ti stai mangiando il panino: cominciano a
correrti attorno come forsennati sollevando quintali di sabbia...ora
sembra un panino impanato...
"Ciro...Gennà...non date fastidio..."
Allora i bimbi se ne vanno più in là...in compenso ci pensa Carmela a
concludere l'opera di impanatura. Come? Ma è ovvio: scuotendo
l'asciugamano. Li scuote tutti...ci si mette pure il vento che (e questa
legge della fisica me la dovete spiegare) tira sempre nella tua
direzione quando qualcuno scuote l'asciugamano.

Vado a fare il bagno! E' una gincana tra ombrelloni, sdraio, castelletti
di sabbia del cazzo, piste delle biglie, asciugamani...il mare quasi
non si vede...no: eccolo...

Ahhhhhhhhhhhhhhh!!!
Ploff ploff...
"Ma che è sto schifo?" domandi con un'espressione mista tra l'ebete
e l'incredulo a uno che anche lui è lì accanto a te, con la stessa
espressione, con l'acqua fino alle ginocchia e non si attenta ad
andare oltre...
"Alghe!"
"Alghe?"
"Si, alghe...l'hanno detto al telegiornale: quest'anno si prevedeva
un'invasione d'alghe provenienti dal mar dei Sargassi...per una volta
ci hanno azzeccato..."
"Eh già...se prevedevano l'invasione delle madreperle col cazzo che
ci davano...!"

Esci, t'asciughi, ti rivesti, monti in auto, torni in città che tanto è vuota
e ti sdrai sull'asfalto del viale.
Ah! Che pace!
                                   23

Lo roscope di Ciro ‘o Guaglione

Ariete
A Riete (provincia de Riete) se tiene occi la fiere del tartufe di fosse.
Se siete della prime tecade mangiativille, se siete della seconde o
terza decade controllate che sia frische che poi ve ne ite allo spetale
chiagnende. Se vi sono malumori, provate a risolverli. Se vi sono
problemi, provate a risolveri. Io di più nun saccio che dirvi.

Tore
E’ un ciorno medie, direi normalo. Se vi accadrebbe qualcose di
strane vuole dire che non siete del tore o che avete l’ascendente che
non è del tore o che vostra madre non è del tore o che vostre fratelle
non lo è. State attente al vostre conto in banche. Se siete che avete
da fare, vi ci sto attente io.

Cemelli
Per i nate sotto il segne dei cemelli occi è nu giorne speciale. Sarà
nu giorne sprinte, dinamiche, velocissime, pecchè ve siete svegliate
tarde e dovete fare la corse che sennò o’ cape ve licenzia. Serata ‘i
mmerda.

Cancre
Iurnata che se ve ne stavate a lette facevate meglie. Venero con
Saturne stanno a fa’ le marachelle ed è puro uscite il fante di picche
che è la carte più fetente che ce sta. Stateve accuorte . L’amore va
un po’ meglie: se siete sposate o fidanzate, oggi non scoprirete il
vostro partenèr con l’amante; se non siete sposate, che ve ne
freche?

Leone
Il leone occi può ritenersi soddisfatte: Marte incrocia Saturne, che
sorpassa Mercurie, che passa ratente alla costellaziona del Cigne
Rampante. Tutto bene dunque, ciocate pure al lotto i numeri che ve
pare, tanto nun escono. Per i più fortunate, serata danzante con
Peppe e Los Maracas.

Vergine
E ho cià dette tutte…
                                   24

Bilance
Iatevenne! Occi avete la iella addosse! Statev’alla larga. Tenete ‘nu
cuorne sempre ccu vuie, toccateve giù, legne, ferre, fate la
scaramanzie e precate San Gennare che a tutti quanti v’aiuta. Però
può anche essere che me sbaglie e siete fortunatissime. Beati a
vuie!

Scorpiono
Ma quanti minchia sono sti cazz’ e segni? Scorpiono: per i nati sotto
al segne dello scorpiono si prospette quante di meglie ci si può
augurare. Me lo ha dette la vergine Marie che m’è venuta in sogne e
m’ha dette proprie così: Scorpiono sfacciatamente fortunate. Io ci ho
dette: “Verginella, che me ne freche a me che so’ del capricuorne?”

Saggittarie
Ciorno favorevolo: siete predisposti. Farete tantissime agguisti, se
c’avete l’euri. Se non ce l’avete usate ‘o bancomatik. Se c’avete
paure che non v’arricuordate la combinazione secrete, ditemela puro
a me che ve la custodische (garantisco max serietà nei prelievi).


Capricuorne
Chisto è ‘o segne mio! Prestate attenziona a ciò che dite e a ciò che
facite. Se presterete attenziona può darsi che trovate la 500 euro per
strade. Se non sapete dove accustodire la vostra 500 euro, ci pense
io che ve l’accustodische. Fidateve. I nati nella terza decade sono
nati nella terza decade, io nun ce pozze fa’ niente. Nun date retta a
nisciuno, solo a Cire ‘o Guaglione.

Acquarie
Il ciorne fa schife, ‘na porcherie ma, visto il vostro momente, è una
manna. Ascoltate i consigli di quelli del capricuorno: fate nu
versamente di euro 500 al conto corrento 113646.

Pesci
Stateve zitte. Non dite ‘na sola parole che tutte se ritorcerà contre di
vuie. Incontrerete uno straniere che vi chiederà l’informaziona per
piazza del Gesù. Statev’accuorte: non è uno straniere, ma nu ladre
che vi vuole frecare gli euri. Se volete mettere al sicure i vostri euri,
                                  25

non diffidate: lasciatemeli a me che ve li accustodische aggratis per
tempe indeterminate
                                   26

Tecla e Guglielmo

Guglielmo aveva un occhio in su e un occhio in giù. L'occhio destro
gli serviva per guardar le stelle (cui per forza di cose alla fine s'era
appassionato, le conosceva tutte), l'occhio sinistro per non inciampar
per terra. Se abbassava l'occhio destro riusciva a guardare
contemporaneamente in basso e dritto, se alzava l'occhio sinistro
vedeva in simultaneo sia dritto sia in alto.
"Allora -direte voi che siete perspicaci ma disinformati- se avesse
contemporaneamente abbassato l’occhio destro ed alzato quello
sinistro, avrebbe potuto dar la parvenza di possedere due occhi
normali che guardavan diritto!"
No! Ve l'ho detto che siete disinformati! Guglielmo, infatti, aveva pure
un difetto alla muscolatura oculare che non gli consentiva di
muovere simultaneamente entrambi gli occhi.
Per un’incredibilissima coincidenza (di quelle che sembrerebbero
avvenire solo nelle storielle inventate) Tecla, la moglie di Guglielmo,
aveva un occhio rivolto verso destra e l’altro rivolto verso sinistra.
Anche Tecla, spostando gli occhi verso il centro, avrebbe potuto dar
parvenza di possedere una conformazione normale, tenendo conto
che i suoi muscoli oculari funzionavano benissimo, ma a causa di un
lifting per ridurre le rughe intorno agli occhi aveva la pelle corta e non
poteva tirare più di tanto.
Quando erano insieme, Guglielmo e Tecla, erano micidiali: non
sfuggiva loro nulla. I due erano complementari: "Guglielmo, mi è
caduto in terra un bottone!" Zac, l'occhio sinistro di Guglielmo,
allenatissimo a guardar per terra trovava, il bottone in un battibaleno.
Tecla, per contro, si rifaceva quando erano in macchina:
"Tecla, vien nessuno da destra?"
La risposta arrivava fulminea: "No, nessuno! Passa pure!" Così
guadagnavano un sacco di tempo quando dovevano impegnare un
incrocio o una rotonda.
Un giorno sfortunato però Guglielmo tornò a casa con una notizia
terribile:
"Tecla! Ho perso un occhio!"
"Ma come? Ma come hai fatto a perderlo?"
"Non so... L'ho perso e basta... Non lo trovo più!"
"Ma quale hai perso? Quello che guarda in basso o quello che
guarda in alto?"
"Quello in basso! Mi deve essere cascato per terra ed è per quello
                                   27

che non lo trovo!"
"Ma porca miseria! Ma potevi stare più attento, no? Fammi vedere,
mettiti di profilo!"
"Fatto!"
"Ma no... Dall'altro lato! Non vedi che ti sto guardando da destra?"
"No! Riesco a vedere solo il soffitto!"
"Ah, già..."
"Fatto!"
"Opperbacco! Non c'è proprio più!"
Misero annunci, attaccarono ai lampioni locandine con la foto
dell'occhio di Guglielmo, ma quest'occhio benedetto non saltava fuori
da nessuna parte.
Si rivolsero anche ad un investigatore privato. L'agenzia investigativa
"Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio (OMPF)" gli sembrò la
più competente in merito, ma il titolare, dr. Diotiguardi, non dette loro
molte speranze. In compenso si fece pagare un occhio della testa,
cosicché anche Tecla rimase guercia.
Dopo qualche giorno, quando ormai avevano perso le speranze,
sentirono suonare il campanello.
Era il loro vicino di casa, Cho Lok Kio, un cinese proprietario di un
ristorante.
"Signol Guglielmo! Solplesa! Ho tlovato occhio! Oggi io dovele
plepalale coniglio pel listolante, allola ammazzato gatto landagio.
Occhio dentlo pancia gatto!"
Guglielmo organizzò la sera stessa una gran festa che si svolgeva
su due livelli, al piano di sopra e al piano di sotto, così poteva tenerli
d'occhio entrambi, ma Tecla rimase guercia tutta la vita, poiché
nonostante si sia rivolta a fior d'avvocati non ha mai riavuto indietro il
suo occhio dall'investigatore privato.
                                   28



L’angolo della poesia

Capello

Sono un capello son sempre presente
son qui dondolante sopra alla fronte
impavido assisto a tutti gli eventi
passati,futuri e a quelli recenti.
Sono scampato a mille avventure:
shampoo,phonate e mille tinture,
ho fatto pure la cura Panthene
ma non m'ha fatto per niente del bene.

Son stato rosso,biondo e castano
ho avuto pure un aspetto malsano
però da quando ho visto un pelato
mi son sentito rassicurato.
A volte rifletto sul mio passato,
opaco,lucido,imbrillantinato;
è stato bello,è stato buffo
trovarsi in duemila a far parte d'un ciuffo.

Ho dei problemi durante l'amplesso
mi pare di fare la parte del fesso,
son tutto eccitato,non so dove andare
da qualche parte mi devo posare;
sopra una tetta,sotto a un sedere
ma guarda che roba mi tocca vedere,
sarà che son matto o forse svitato
ma godo soltanto se son pettinato.

C'è poi una storia,dirla mi stucca,
ho fatto all'amore con una parrucca
voi lo sapete la vita com'è
la troia è scappata insieme a un tupé.
Quanto ho patito per quella maiala
tre anni,due mesi e 'na settimana:
                                29

mi sono trovato solo e depresso
adesso mi stacco e mi butto nel cesso.
                                   30



Il passerottino

Ieri sera, tornando a casa ho trovato in giardino un passerottino
caduto dal nido. Povera bestiolina. Era già grandicello, ma ancora
non sapeva volare; che sfiga, cadere dal nido a pochi giorni dal suo
primo volo. Zoppicava, il passerottino; piccolo. Che sfiga, cadendo
dal nido si doveva pure essere fatto male a una zampetta. Ho ben
pensato di dargli un po' d'assistenza, povero animaletto; sono così
andato in casa a cercare una scatola di cartone dove fargli passare
la notte. Ho imbottito la scatola con una vecchia maglietta di lana per
farlo stare al caldo e dei batuffoli di cotone per farlo stare sul
morbido.
Quando sono riuscito in giardino ho visto una scena terribile: il gatto
con in bocca il passerottino! Fortunatamente sono arrivato in tempo!
Che sfiga, povera bestiolina: caduto dal nido, con una zampetta rotta
e finito tra le fauci di un gattone.
"Qui sarai al sicuro!" E l'ho messo dentro alla scatola che avevo
allestito. "Ora riposa un pochetto; io vado a prepararti della pappetta,
sarai affamato, povero piccino!"
Gli ho preparato un intruglio di latte e molliche di pane, mi ci è voluto
un po' di tempo perchè son stato trattenuto al telefono.
"Eccomi piccolino! La tua pappa!"
Ho aperto la scatola. Cazzo! Stava morendo soffocato. Con la
faccenda del gatto m'ero scordato di fare i buchi al coperchio.
Povero uccellino, che sfiga: caduto dal nido, con una zampetta rotta,
finito tra le fauci del gatto e rimasto senz'aria dentro una scatola di
cartone.
L'ho scosso un po'. Gli ha fatto bene! Ha ripreso a respirare!
Fiuuuuuuuu... meno male.
"Vieni piccino, adesso provo ad imboccarti!"
Con delle pinzette per le ciglia gli inserivo delicatamente il cibo nel
becco. Vedeste come lo spalancava!
Poi è ripassato il gatto, mi ha dato una botta al braccio e le pinzette
mi conficcare nell'esofago dello sfortunato volatile.
Povero passerottino, che sfiga: caduto dal nido, con una zampetta
rotta, finito tra le fauci di un gattone, rimasto senz'aria dentro ad una
scatola e con delle pinzette per ciglia conficcate in gola!
Con delicatezza sono riuscito ad estrarre le pinzette. Un po'
                                   31

malandato, ma l'uccellino sembrava star bene. L'ho richiuso nella
sua scatolina (questa volta coi buchi sul coperchio) e sono andato a
vedere un po' la tele.
La Manu mi fa: "Vado a buttare la spazzatura..."
"Vai... vai..."
Dopo un po' torna... "Ah, ho buttato via anche quella vecchia scatola
di scarpe! Era pure tutta piena di buchi!"
"Noooooooooooooooooo........"
Ho fatto una corsa fino al cassonetto. Mi ci sono infilato dentro, ho
ravanato, ma alla fine l'ho trovato. Il passerottino.
Povero animaletto, che sfiga: caduto dal nido, con una zampina
rotta, finito tra le fauci del gatto, rimasto soffocato nella scatola con
le pinzette da ciglia conficcate in gola e buttato nel cassonetto
dell'immondizia.sono cadute andandosi a
"Non preoccuparti, bestiolina: finché ci sarò io a proteggerti sarai al
sicuro!"
Siccome la notte il gatto dorme in casa e fuori c'era un gran bel
tempo, ho lasciato la scatolina in giardino, al sicuro.
Non si è scatenato un temporale da epopea, con chicchi di grandine
grossi come noci?
Appena ho potuto sono uscito. La scatola era madida, ammaccata
dalla grandine, gelida.
Anche il passerottino dentro era gelido: ma respirava ancora!
Mooooooolto flebilmente, ma respirava!!
Che sfiga, povero uccelletto: caduto dal nido, con una zampina rotta,
finito tra le fauci del gatto, rimasto senz'aria dentro ad una scatola di
cartone, le pinzette per le ciglia conficcate in gola, salvato per
miracolo dal netturbino e preso a sassate da una biblica grandinata!
Per scaldarlo e rimetterlo un po' in sesto ho acceso i termosifoni e
l'ho appoggiato lì sopra.
"Povero passerottino, vedrai che un po' di calore ti farà bene!"
Ma io, si sa, sono un po' smemorato e, povero passerottino, me lo
sono scordato là, sul termosifone.
Accidenti, non c'era più niente da fare: arrostito.
Povero animaletto, che sfiga: caduto dal nido, con una zampetta
rotta, finito tra le fauci del gatto, quasi soffocato senz'aria nella
scatola, con le pinzette per le ciglia conficcate in gola, caduto nel
cassonetto, presso a mazziate dalle grandine e arso vivo sul
termosifone stile Savonarola!
"Manuuuuuu!!! Ce l'abbiamo la polenta? Ti piace con gli osei?"
                                   32

Ospiti

La lingua italiana, ne converrete, è tra le più ricche di termini, nonché
sinonimi e contrari. Verbi ed oggetti non ci fanno difetto ed ogni
singola cosa od azione può esser descritta in più e più maniere.
Ora, io mi domando e dico, in tutto quest’ambaradàn di verbi,
avverbi, aggettivi, preposizioni, articoli, oggetti e complementi
oggetti, è mai possibile che nessuno tra i nostri eccelsi letterati non
si sia mai adoperato nella ricerca di un distinguo per la parola
"ospite"? Par di no! Ospite è colui che ospita e ospite è colui che è
ospitato.
Per i protagonisti della vicenda non vi è alcun problema, ognuno di
essi infatti saprà se è ospite ospitante od ospite ospitato, ma quando
si deve raccontar la cosa a terzi ne può nascere una vera e propria
Babele.
Esempio esplicativo

"Mario è ospite di Giacomo!" Ora ditemi voi se da questa frase si
capisce se è Mario che fa gli onori a Giacomo o viceversa.

Oppure:

"Vorrei essere tuo ospite per qualche giorno!"
"In così poco spazio?"
"Maleducato!"
Ove il primo intendeva dir che voleva ospitare e il secondo capisce
altresì di dover ospitare, cosa per lui impossibile abitando in un
minuscolo monolocale.

"La squadra ospite veste in completa tenuta azzurra!"
Embè? Io ho seguito un intero incontro calcistico scambiando una
compagine per un'altra.

Ma che ci vorrà mai a creare un termine nuovo? Non mancheranno
mica le combinazioni di lettere, perdinci!
Io farei così: per convenzione si dirà ospite colui che è ospitato. Per
l'ospitante posso proporre i seguenti vocaboli da me medesimo or
ora coniati (che gli accademici della Crusca scelgan quel che a loro
pare più espressivo):
                                  33

       caspite
       castipe
       postite
       postipe
       estepo
       ostipe
       aspite

Mi auguro dalla prossima edizione del vocabolario della lingua
italiana di veder apportata la modifica.
Vorrei indire anche un concorso in merito: il vincitore sarà mio ospite
per 15 giorni.
                                  34


Grandi interviste

Per la serie "Grandi Interviste" vi proponiamo oggi l'intervista al noto
inventore tedesco, prof. Sette Stokatsen.
"Professor Stokatsen, innanzi tutto ci sveli un piccolo mistero: tutti i
suoi compatrioti si chiamano Otto, invece lei curiosamente si chiama
Sette; come mai?"
"Yaaa, è puffo mio nomen, veren? Ma ankora più puffo è ze lei
penza ke mio kane non è un setter, ma un otter! Ahahaha... Kuindi
infece ke eine Otto che porta a spassen un setter, zono un Sette ke
porta a spassen un otter... ahahahah! (Fatto pattuta)!"
"Ehm... Uhm... Bè, veniamo a noi, illustrissimo professore: ci parli
della sua ultima invenzione, quella che le è valsa la vincita
dell'ambitissimo premio per inventori "Il Mongolo d'Oro". Lei è stato
premiato dalla F.I.I.G.A (Federazione Internazionale Inventori
Giovani & Anziani), vero?"
"Yawohl! Kvesto ampitissimo premien mi è stato perzonalmente
konsegnaten per mia infenzionen tentifricen senza spazzolinen!"
"Il dentifricio senza spazzolino?"
"Yawohl! Essere eine grande infenzionen per tutti qvelli ke in viaccio
dimentikano di portaren spazzolinen! Per qvelli ke dimentikano di
portaren dentifricen ho inventaten, l'anno skorsen, spazzolinen
senza dentifricen. Ma il gran kolpo di genien essere ke se uno
komprare nostro kit kompleten, cioè dentifricen senza spazzolinen e
spazzolinen senza dentifricen può anke usare simultaneamenten!"
"Mi sembra veramente geniale! Ma se uno fosse così distratto che si
dimentica entrambi, cioè sia lo spazzolino sia il dentifricio?"
"Per qvesto kaso extremo mio staff sta cià infentando nuofa
invenzionen: il bokka senza denten, di proxima usciten!"
"Senta professor Stokatsen, ma un'invenzione che non sia quello
senza quell'altro o quell'altro senza quello, è riuscita a inventarla?
Intendo dire una cosa tutta nuova, di sana pianta..."
"Yawohl! Certamenten! In 1988 (millenofecentottantotten) ho
infentato il Buela!"
"La Buela? Ovvero...?"
"Diciamen ke è eine specien di kavatappen senza tappen!"
"Professore, la nostra intervista sta per terminare, ma prima di
congedarla vorremmo sapere da lei che cos'ha in cantiere per il
futuro più prossimo; so che voi inventori siete molto gelosi del vostro
                                  35

lavoro e custodite in gran segreto i vostri esperimenti, ma per il
pubblico italiano che tanto la ama, ci dia qualche anticipazione..."
"Yawohl! Io staren laforanden a molti, molti procetten: guinzaglien
senza kane, kane senza guinzaglien, sciakkuonen senza water,
water senza sciakkuonen, volante senza manen, manen senza
volante e molte, molte altre ankoren...!"
"La ringrazio infinitamente per averci dedicato il suo prezioso tempo,
illustre professore e la congedo con il caloroso applauso del nostro
pubblico!"
"Clap clap clap...."
"Danke, danke, grazie a voi di qvesta bella intervisten...!"
                                   36



La neve: che gran maleducata!

L'altro giorno mi sono svegliato e, sorpresa, c'era la neve! Oggi mi
sono svegliato e, sorpresa, la neve non c'era più! Questa va e viene
senza avvertir nessuno, come fosse a casa sua; è una gran
maleducata! Quando arriva non si fa annunciare, quando parte non
saluta. Ma che razza di modi sono?
E' infida! Non è come la pioggia che giungendo si fa annunciare in
pompa magna da tuoni e lampi o come la grandine che addirittura ti
batte in testa (un po' rude a dire il vero) come a dir " toc toc, si può?"
No, la neve è silenziosa, zitta zitta; un minuto prima non c'è e subito
dopo, come per incanto, ha invaso tutto di bianco. Maleducata di
prim'ordine!
E poi quante pretese:
"Se arrivo io chiudete sta strada che la voglio tutta per me o se
proprio volete transitare dovete farlo incatenati... e camminate in
punta di piedi che altrimenti vi faccio scivolare e vi spezzo le
gambine!"
La neve si fa odiar da tutti; va d'accordo solo coi bimbi. Ah, si, dai
bimbi si fa far tutto, anche metter carote sul naso, appallottolare
e perfino si fa lanciare a destra e a manca senza alcun riguardo.
Ma con gli adulti, solo delle gran pretese!
Poi, va là, chi si crederà mai d'essere: con sto mantello tutto bianco
che pare una sposa all'altare, vuole aver un'aria da gran signora,
tutta immacolata, ma basta una sola macchiolina di fango per farla
apparir come la peggior sgualdrina e nessuno osa più neanche
toccarla.
E poi... e poi... vorrebbe far concorrenza al sole; vorrebbe che tutti le
dicessimo: "Oh neve, come sei bella! Sei bella più del sole!"
Ma nessuno mai dirà una cosa del genere a una maleducata tale! E
men che mai il sole stesso che anzi, quando s'accorge della sua
presenza, salta fuori e la scioglie in un baleno.
Il sole, lui si che è un gran signore: tutti i sacrosanti giorni fa il suo
dovere, senza pretese, senza chieder nulla in cambio: sorge,
riscalda, tramonta. Mica si fa vedere una volta ogni tanto, come la
signora neve, che si fa desiderare come una grande star.
Oggi mi sono svegliato e la neve non c'era più! Ben le sta!
                                    37

I’tteniho della hardaja

Giurin giuretto, se si rompe la caldaia sta pur tranquillo che non lo
farà alle prime accensioni autunnali, quando il freddo è ancora
sopportabile, ma la troia si guasterà (manco a farlo apposta) nei
giorni più freddi dell'anno, i cosiddetti giorni della merla, che per
coloro che si ritrovano (come il sottoscritto) con la caldaia rotta
diventano i giorni della merda!
Giurin giuretto, se si rompe la caldaia sta pur certo che non lo farà di
lunedì, martedì, mercoledì o giovedì ma, la troia, si guasterà di
venerdì sera quando ormai son tutti a far baldoria per il weekend.

Giurin giuretto, se si rompe la caldaia, lo farà, la troia, dopo due anni,
un minuto e un secondo spaccati dalla data d'installazione, cioè
esattamente un minuto e un secondo dopo la scadenza della
garanzia.
Per provvedere alla riparazione della troia bisogna rivolgersi a un
tecnico specializzato: il tecnico della caldaia, che a Firenze,
strascicando una vocale in qua e una consonante in là, chiamiamo
i'ttenniho della hardaja.

I'ttenniho della hardaja in certi periodi dell'anno è più richiesto di una
zoccola brasiliana appena arrivata in città, cosicché bisogna far la
voce grossa per riuscire ad accaparrarsi le sue prestazioni, che
risultano meno piacevoli di quelle della zoccola, ma ben più utili.
Entrambi però a loro modo ti evitano la morte per assideramento.

I'ttenniho della hardaja quando lo vedi arrivare tiri un sospiro di
sollievo; i'ttenniho della hardaja è solitamente di poche parole, anche
perché difficilmente riesce a coniugarne due insieme in maniera
corretta; di solito sbuffa e mugugna mentre armeggia sul misterioso
oggetto da riparare, tant'è che non si capisce mai se quei rumori
sono prodotti dal tenniho o dalla hardaja che sta esalando i suoi
ultimi respiri; sottosotto tutti speriamo che il moribondo sia il tenniho.
I' tteniho della hardaja in compenso ha sempre in testa un
cappelletto fantastico, che non toglie mai, neanche quando va a
dormire. Sul cappelletto c'è scritto “Tenniho”, che ai più distratti
potrebbe apparire la sigla di una nota università americana, ma in
realtà è un cappelletto autobiografico, che tutti gli invidiano. Codesto
                                    38

cappelletto è una specie di barometro: quando i'tteniho della hardaja
si leva il cappelletto e si comincia a grattare la testa vuol dire che la
hardaja c'ha un problema grosso e che lui non ci sta capendo un
cazzo; statisticamente questo fatto si verifica nove volte su dieci. E'
così che nove volte su dieci i'ttenniho della hardaja ti dice: “'gna 'he
rivienga” che tradotto in linguaggio meno gutturale significa “bisogna
che ritorni”... Il fatto è che i'tteniho della hardaja non ha mai con sé il
pezzo di ricambio necessario all'uopo, ne ha duemila, ma mai quello
giusto.
Dopo qualche viaggio a vuoto, i'ttenniho della hardaja riesce sempre
a sistemare il problema e quando lo fa sorride ed è contento e si gira
il cappelletto con la visiera sulle ventitré, a sancire la sua gioia e direi
anche la sua di lui medesima sorpresa nell'essere riuscito
nell'intento.
I'tteniho della hardaja a quel punto vuole essere pagato; egli costa
mooooooooooolto di più della zoccola brasiliana appena arrivata in
città; inoltre egli deve compilare un foglio che attesta il suo
intervento. In realtà trattasi di due righe e mezzo ma egli perde
mezz'ora, di cui dieci minuti gli van via per capire da che parte si
tiene la penna.
Adesso i'ttenniho della hardaja può volare quale Superman verso
altri urgenti interventi, dando così anche ad altri l'immensa gioia di
vederlo all'opera mentre si gratta in testa bofonchiando parole
incomprensibili.
Nel salutarlo il mio cane Florinda gli azzanna un polpaccio.
                                    39



La parità dei diritti

In questi giorni di silenzio ho meditato su questioni sociali; in special
modo sulla parità dei diritti. E ho deciso che anch'io sono per la
parità dei diritti! In particolare per la parità dei miei diritti! Ho deciso
che i miei diritti devono essere pari ai miei rovesci. La parità dei
diritti, appunto.
Da come invece vanno le cose, su di me sembrerebbe vigere la
legge dell'imparità dei rovesci (della medaglia). Ma chi decide qual'è
il diritto o il rovescio d'una medaglia? Io non l'ho mai capito!
Prendiamo ad esempio una moneta da 2 euro. Per me il diritto è
quello con su stampata la scritta "2 euro". Mi pare la cosa più logica,
ma facendo un sondaggio sono venuto a scoprire una cosa per me
sconcertante: l'80% delle persone ha risposto che il diritto è quello
con su stampata l'effige del massimo poeta, l'Alighieri.
Ne ho dedotto che non sono i rovesci ad essere i miei diritti, bensì i
miei diritti ad essere dei rovesci. Ora aspettate un attimo che rimetto
in tasca la moneta da due euro che sennò va a finire che la perdo;
fra un dritto e un rovescio fan quattro mila lire!
Insomma se i miei diritti sono in realtà dei rovesci e se i rovesci son
sempre rovesci per tutti, dove cazzo stanno i miei diritti?
Mi informerò da gente che se ne intende, inizierò a scriver lettere
nella speranza che qualcuno mi risponda. Per i diritti domanderò a
degli avvocati, che di diritto dovrebbero saperne abbastanza; per
quanto riguarda i rovesci scriverò ai maggiori tennisti e all'uomo del
tempo, che dovrebbero essere esperti in materia.
Mi sono posto anche il quesito: ma un rovescio rovesciato diventa un
diritto, oppure semplicemente una schifezza peggio che andar di
notte? No, perché a rovesciar cose son bravo! Se per ottenere un
diritto bastasse rovesciare un rovescio sarei a cavallo. Annoto tra
"cose da verificare prossimamente".
Ci sono cose rovesciate che non possono assolutamente essere
raddrizzate! L'ho scoperto in questo preciso momento, che mi sono
rovesciato il caffè addosso. Vedete? Anche un semplice caffè,
purché mi appartenga, diventa un rovescio! Ma è mai possibile dover
ricordarsi, tutte le volte che si va al bar, di chiedere un caffè diritto?
Il barista pensa sia matto. Conosce caffè macchiati, bassi, lunghi,
corretti, freddi, shakerati... ma il caffè diritto glielo chiedo solo io.
                                   40

Quando però poi mi dimentico di chiederglielo ecco cosa mi
succede. Debbo sempre specificare! Mannaggia.
Insomma, concludendo, se per ogni rovescio v'è un diritto ed io
posseggo solo rovesci, vuole dire che qualcuno possiede tutti diritti, i
miei diritti.
Ladro di diritti, ti propongo uno scambio alla pari: i miei diritti per i
tuoi rovesci, sennò ti denuncio.
Voglio la parità dei diritti! Cristo!
                                    41


Stress del nuovo millennio

"Scus dottor se mi può aiutar su questo mio problem... Non è un
gran problem, ma ved che se son nervos mi prend un tic che non dic
l'ultim letter del parol!"
"Ma uarda u he oincidenza alla ovescia! Anche a e apita in alcuni
iorni ella ettimana di ronunciare e arole enza a ettera niziale!"
"Si, lo so dottor, mi capit anc a me! I giorn dispar non dic la ultim
letter, i giorn par non dic la prim!"
"Tupefacente! Io, al ontrario, i iorni ispari on ico a rima e i iorni ari on
ico l'ultima! A ene, omani niziamo a erapia! A omani!"

L'indomani:

"Uongiorno ottore, ono enuto er niziare a erapia er urare il io ifetto
ervoso!"
"Buongiorn! Ades farem di tut per migliorar quest problem, sperand
di curar anc me! Il dottor che cur sè stess non s'è mai vist, ma
speriam che funziòn!"
"Periamo, periamo!"
"Allor, cominciam! Ades facciam silenz e facciam mezz'or di
meditaziòn pensand di star tranquil... Dovreb funzionar!"

Mezz'ora dopo
"Ecco! Emp cadut... Ediam e i on dei igliorament. Rov a ir ualcos!"
"Affancul, ottor del azz!"
                                  42


Ombrelli

Oggi piove!
Se piove bisogna prendere l’ombrello. Per prendere l’ombrello
bisogna innanzi tutto possedere un ombrello. Per possedere un
ombrello bisognerebbe non esserselo dimenticati in chissà quale
portaombrelli l’ultimo giorno di pioggia. Per non dimenticarsi
l’ombrello occorrerebbe che non piovesse mai. Se non piovesse mai
non occorrerebbe neanche l’ombrello. Se non occorresse mai
l’ombrello nessuno fabbricherebbe i portaombrelli. Se non
fabbricassero i portaombrelli nessuno vi dimenticherebbe dentro
l’ombrello.
Indiciamo un referendum per l’eliminazione dei portaombrelli, che
sono causa ogni anno dello smarrimento e dell'abbandono di chissà
quanti poveri ombrelli!
Questi ombrellucci se ne stan lì, come cani abbandonati dal
padrone, parlan fra di sé:
”Io non mi muovo, vedrai che torna a prendermi! E’ un buon
padrone, il mio!”
”Povero illuso! Ormai non piove più! Si ricorderà di te solo il prossimo
giorno di pioggia e sempre che abbia un impellente necessità d’uscir
da casa! Io son qua ormai da due mesi e nessuno è mai passato a
reclamarmi!”
”Ma io sono un bell’ombrello, mica brutto come te! Vedrai che il mio
padrone torna!”
”Si si… Finiremo tutti dentro al cassonetto! Altro che… Faremo la
fine del topo!”
”Perché? Che fine ha fatto il topo?”
”Mangiato dal gatto! In un sol boccone! E a noi ci mangerà la
tritarifiuti!”

“Scusi, signor tabaccaio… Devo aver dimenticato l’ombrello da lei…
Sarà due mesi orsono!”
”Guardi nel portaombrelli… Non sempre li buttiamo via noi, gli
ombrelli!”

“Non ci posso credere! Il mio padrone è tornato a riprendermi! Dopo
due mesi… E ha fatto tutta questa strada per un ombrelluccio da due
soldi come me!”
                                  43

Il tipo guarda nel portaombrelli. Rovista un po’. Riconosce il suo
ombrello… Fa per prenderlo, ma poi agguanta quello più bello e se
ne va velocemente.

Dall’ombrello economico cade giù un’ultima goccia di pioggia,
rimasta intrappolata chissà come, quasi fosse una lacrima; in
cielo spunta il sole mentre per strada passa il camion della nettezza.
                                 44


Pronto intervento

Tuuuu…tuuuu…tuuuu…

“Si?…”
”Pronto intervento?”
”Eh?…” (Biascica)
”Pronto intervento?”
”No, qui non abita nessun Intervento…”
”No, dico, pronto intervento? Tutt’attaccato!”
”Come sarebbe a dire tutt’attaccato?”
”Si, attaccato… Cioè, non pronto virgola intervento, nel senso se
parlo con la famiglia Intervento, pronto intervento senza virgola…
Insomma, per il pronto intervento!”
”Guardi, faccia poco lo spiritoso! Lei vorrebbe farmi credere che c’è
qualcuno o qualcuna che si chiama Virgola Intervento?”
”Ma no! Era per spiegarmi… La punteggiatura… Lei ha detto che
non c’è nessun Intervento e allora io…”
”Guardi, signore… Questa è la linea del pronto intervento, non è che
si può stare qui al telefono a cazzeggiare!”
”Ohhhh! Ma chi cazzeggia!? Quindi siete il pronto intervento?”
”Signore, è un’ora che glielo sto a dire… Qui è il pronto intervento,
ma non abita, né lavora nessuna Virgola Intervento, qui! Che
diamine!”
”Non mi interessa chi ci lavora, non me ne frega niente!”
”Faccia poco il maleducato, sa? Sono uno che lavora, io! Allora,
insomma, per cosa chiama. Per un pronto intervento?”
”Ohhhh, sia lodato Gesù Cristo! Ci siamo capiti, finalmente!”
”Mi serve il suo nome, signore…”
”Demetrio Punto…!”
”Anche il cognome, per cortesia!”
”Le ho detto Demetrio Punto…!”
”Insomma!!! Cos’è sta storia? Le dico che mi serve il suo cognome!”
”Punto! Punto! Mi chiamo Punto! Punto e basta!”
”Rinnega il nome adesso? Prima ha detto Demetrio…! Vuole farmi
credere che lei ha solo il cognome, senza il nome?”
”Ma si, sta a vedere, ora sono l’uomo senza nome. Le ho già detto
che mi chiamo Demetrio Punto!”
”Certo, certo… un punto che cerca la virgola… Poi quando uscite
                                 45

assieme fate il punto e virgola… Ahahaha… Ma con chi crede di
avere a che fare? Con Cincirinella?”
”Ma come? Non era il pronto intervento? Chi è sto Cincirinella?”
”E’ un modo di dire, signore… Cincirinella… Come la sua virgola…
Insomma, mi vuole dire dove la dobbiamo mandare questa
ambulanza?”
”Piazza del Laccento, al numero 7”
”Mi sembra che il suo scherzo sia già durato abbastanza! Punti,
virgole, accenti.. Che stiamo a scrivere un libro di grammatica?”
”Ma no! Ma no! Poffarbacco… Ora mi rendo conto anch’io che la
cosa può apparir singolare…”
”Come sarebbe? E’ plurale? C’è più d’un ferito!”
”Macché… singolare, nel senso di buffa…”
”Se le sembra buffo il dover richiedere un’ambulanza.. Ma tu guarda
che gente…”
”Insomma… Perdinci! Piazza del Laccento… Laccento! Capito?
Senza l’apostrofo!”
”Accento sarà semmai senza accento! Che cosa c’entran gli
apostrofi ora? Guardi che lei è un bel tipo!”
”Non faccia ulteriore confusione!”
”Ah, sarei io che faccio confusione? Guardi che se entro dieci
secondi non mi dice dove devo inviar quest’ambulanza, le riattacco il
telefono in faccia!”
”Non importa più… E’ morto…”
Click.
                                 46

M’ama, non m’ama

 “Ma lui m’ha detto che mi ama solo perché io gli ho detto che lo amo
o me lo avrebbe detto anche se io non glielo avessi detto? Ma se io
non glielo avessi detto, lui avrebbe potuto pensar che non lo amo e
quindi a sua volta potrebbe non dirmi che mi ama per paura ch’io
non l’ami. Ma se io l’amo e gli dico che l’amo, lui potrebbe pensar
che glielo dico solo per sentirmi dir che m’ama e quindi non dirmelo,
ma m’ama. Se però m’ama e non me lo dice, come faccio io a saper
che m’ama? Certo che se invece me lo dice, io potrei pensar che
dice che m’ama per sentirsi dir che io lo amo; ma io lo amo, ma se
gli dico che…” (ad libitum, sfumando)
                                      47

Imbarazzi

Una delle cose più imbarazzanti che può capitarvi è che vi scappi la
cacca mentre siete a cena da dei semplici conoscenti. Non dico a
casa dell’amico del cuore, dico a casa di gente con la quale avete
pochissima o alcuna confidenza.
La vostra pancia comincia ad emettere strani mugugni e già lì temete
che gli altri convitati si girino per guardarvi con perplessità e che
magari ci scappi pure qualche risolino. Ad ogni mugugno del vostro
pancino accompagnate qualche colpetto di tosse, per coprire e
dissimulare l’altro rumore. In cuor vostro sperate di riuscire a
trattenervi fino al vostro ritorno a casa, ma quando il primo crampo vi
produce una fitta lancinante e cominciate anche a sudare dalle
orecchie, capite che non ce la farete mai. Cercate di resistere il più
possibile, attendendo il momento giusto per andare in bagno senza
che gli altri se ne accorgano, magari durante un’animata
discussione. Ecco… Vi sembra l’attimo adatto. Con indifferenza e
facendovi piccoli piccoli vi alzate dal divano, ma il padron di casa,
cortesissimo e a cui nulla sfugge (gli venisse ‘na trombosi) interviene
tosto: “Se cerchi il bagno è in fondo a destra..!”
”… …zie…!”
Mentre entrate nel gabinetto la prima cosa che guardate è se c’è la
finestra. Non c’è! Solo una ventolina piiiiiiiiiiiiiiccola, ma piiiiiiiiiiiccola
che fa gnec gnec. Pregate i vostri santi più devoti affinché la cagata
non sia troppo puzzolente e che nessun altro, per almeno mezz’ora,
voglia usufruire del bagno.
”Oddio… Certo che fare il bagno proprio adiacente al salotto…
Maledetto architetto… E se adesso faccio le scoregge rumorose?
Ma un po’ di musica a tutto volume in questo cazzo di casa no, eh?”
Non resistete più! Giù i pantaloni e.. ratatatatatà… Vai con una
sboassa di quelle a pressione che schizzano tutto il W.C.
Vi sentite subito meglio, ma è solo per un decimo di secondo; vi
rendete conto che l’odore è abominevole, che voi stessi rischiate il
coma per asfissia… Cercate di fare un po’ di vento scotendo le
manine, ma serve a poco, anzi a niente! Non resta che uscire al più
presto da là dentro e augurarsi che fino all’indomani nessuno faccia
uso del gabinetto… Con lo scovolino pulite il W.C. e poi… e poi…
ORRIBILE VISIONE! Non c’è… Dico NON C’E’ la carta igienica!
Panico! Cercate di riflettere… Un attimo di calma… Vi guardate
intorno alla ricerca di qualche giornale o rivista… Cazzo! Tutti
                                    48

leggono al cesso! Possibile che abbiate beccato l’unico essere al
mondo che va a cagare senza la Settimana Enigmistica? Chiedere
aiuto? Mai! Vorrebbe dire urlare “Qualcuno mi porta la carta
igienicaaaaaaaaaaa???…” Sarebbe una vera e propria figura di
merda, senza eufemismi..
Idea brillante! Forse nel portafoglio avete qualche foglietto o appunto
di poca importanza che può essere adatto all’uopo. Macché! Solo
banconote di grosso taglio, qualche assegno da incassare e la carta
di credito…
Siete ormai alla frutta… A drastici problemi, drastici rimedi… Vi
togliete la camicia, vi togliete la t-shirt e la strappate in tanti piccoli
pezzi. Vi pulite con quella!
”Ahhhhhhh…” Sospiro di sollievo!
Tirate lo sciacquone, ma la t-shirt intasa il tutto… Spingete a forza
con lo spazzolone… Insomma, in qualche modo riuscite a farla
passare…
Sentite bussare alla porta… “Toc toc”
”Ehm… Si…?”
E’ il padron di casa: “Scusa, volevo dirti che la carta igienica è nel
mobiletto sotto al lavandino… L’hai trovata?…”
                                   49



Un matrimonio perfetto

Avere per fidanzata una donna del sud certo è una gran fortuna: si
sa, esse sono amanti focose, dedite ai valori della famiglia, ottime
donne di casa, estremamente servizievoli nonché bravissime
mamme degli eventuali futuri pargoli. E’ una sfortuna immensa però
il momento del matrimonio, soprattutto se voi siete uomo del nord,
ma anche del centro Italia. Farete senz’altro una gran brutta figura:
alla cerimonia matrimoniale saranno presenti almeno 200 fra parenti
e amici della sposa, mentre dal canto vostro sarà illuminante se
riuscirete a raccogliere almeno 10 persone. Insomma, una roba da
non avere più il coraggio di presentarsi davanti ai suoceri che vi
guarderanno come un povero disgraziato solo al mondo.
Onde evitare questo spiacevole inconveniente, che potrebbe
segnarvi tutta la vita, avrei pensato di mettere su un’agenzia
all’uopo, cioè di noleggio ospiti da matrimonio. Ne verrà fuori un
matrimonio bellissimo, dove anche voi potrete vantare una famiglia
numerosissima e centinaia di amici.
La cosa dovrebbe svolgersi così: voi dovete venire in agenzia con
una specie di curriculum vitae il quale servirà sia a scegliere la
genealogia dei convitati, sia ad istruire i medesimi su voi stessi, sul
vostro carattere, i vostri gusti, usi e costumi.
Un parco ospiti ben amalgamato darà dei risultati sorprendenti; per
un matrimonio classico, io consiglierei un assortimento del genere:
- Un’ottantina fra amici, semplici conoscenti e colleghi di lavoro,
ognuno dei quali sarà istruito a colloquiare coi parenti della sposa
raccontando qualche simpatico aneddoto sulla vostra vita, di come vi
siete conosciuti, ecc. Tra questi ottanta amici è consigliabile
sceglierne almeno quattro o cinque di particolari spicco; io farei
figurare almeno un paio di affermati avvocati, un noto medico
chirurgo, un illustre scrittore e (colpo di genio) l’uomo a cui una volta
avete eroicamente salvato la vita!
- Tra i 20 e i 30 parenti, tra cui diversi cugini di primo, secondo e
terzo grado, qualche nipote ma soprattutto (colui che poi attirerà
l’attenzione nonché l’invidia della famiglia della sposa) lo zio
emigrato e arricchitosi in Australia, arrivato appositamente col suo jet
personale per assistere al vostro matrimonio e di cui voi siete il
nipote prediletto nonché principale ereditiere. Egli siederà al vostro
                                  50

fianco durante tutto il banchetto nuziale.
Logicamente le tariffe variano a seconda dell’importanza dell’ospite.
Questa una tabella stilata così, su due piedi, tanto per rendere un po’
l’idea:

       Ospite semplice euro 18,00
       Collega euro 20,00
       Collega di grado superiore euro 22,00
       Ospite illustre euro 25,00
       Uomo a cui avete salvato la vita euro 35,00
       Parente alla lontana (bis-tris cugino o bisnipote) euro 40,00
       Parente classico euro 50,00
       Parente simpatico euro 75,00
       Zio ricco euro 100,00




Come potete vedere, la spesa complessiva è abbastanza modica,
dato che con circa euro 3500,00 riuscirete a mettere su un gruppo di
tutto rispetto composto da almeno un centinaio di persone
ottimamente assortite.
Si accettano carte di credito e pagamenti rateali.
N.B. Trattative riservate in agenzia e tariffe speciali nel caso di
matrimoni tra omosessuali.
                                     51



Contro i primi sintomi del raffreddore

- Ehi! Che sorpresa rivederti! Come va?
- Ma ciao...! Bè, insomma... Ho il naso tappato... Sarà un po' di
raffreddore...
- Fai come me! Quando ho il naso tappato uso subito la Rinazyna
spray...
- Eh già, dici bene tu! Ma a me, se uso la Rinazyna, poi mi cola il
naso!
- Che problema c'è? Fai come me: se dopo che ho usato la
Rinazyna mi cola il naso, mi prendo un bell'antistaminico e il naso
non cola più!
- Si, ma con l'antistaminico poi ti vien la sonnolenza...
- La sonnolenza, la sonnolenza... Che problema c'è? fai come me:
se dopo che ho preso la Rinazyna mi cola il naso, prendo
l'antistaminico e mi vien la sonnolenza, mi faccio un bel caffè e addio
sonnolenza...
- Dici facile tu...! Se prendo un eccitante mi vengono gli attacchi
d'ansia...
- Ansia? Hai detto ansia? Ahahahaha... Fai come me! Se dopo che
ho preso la Rinazyna mi cola il naso e prendo l'antistaminico ma mi
vien la sonnolenza e allora prendo il caffè ma mi si piglia l'ansia, una
quindicina di gocce di Lexotan e sto rilassato come un bradipo...
- Il Lexotan rincoglionisce; se prendo il Lexotan poi batto la fiacca...!
- La fiacca, ma quale fiacca? ma non esiste la fiacca! Fai come me:
se dopo che ho preso la Rinazyna mi cola il naso, prendo
l'antistaminico mi vien la sonnolenza, prendo il caffè mi viene l'ansia,
prendo il Lexotan mi vien la fiacca, mi faccio una bella fiala di
ricostituente e divento iperattivo...
- E' proprio quello il fatto: l'iperattività. Lì per lì ti senti un leone, ma
quando svanisce l'effetto ti senti un gran dolore ai muscoli, alle ossa,
non abituati a lavorare così tanto...
- Ma suvvia, suvvia! Ti perdi in un bicchier d'acqua! fai come me: se
prendo la Rinazyna e mi cola il naso, allora prendo l'antistaminico
ma mi vien la sonnolenza, quindi mi faccio un caffè ma mi coglie
l'ansia, dunque rimedio col Lexotan ma batto la fiacca, risolvo col
ricostituente ma mi vengono i dolori muscolari, con una bella bustina
di Aulin mi passano tutti i dolori!
                                  52

- L'Aulin? Ma non lo sai che l'Aulin fa male allo stomaco? Poi ti viene
l'acidità...
- Ragazzo mio, ragazzo mio! Come devo fare con te? L'acidità? Fai
come me: se prendo la Rinazyna e mi cola il naso poi prendo
l'antistaminico e mi vien la sonnolenza, allora mi faccio un caffè ma
sono colto dall'ansia, quindi prendo il Lexotan ma batto la fiacca,
allora il ricostituente ma mi vengono i dolori muscolari che li faccio
passare con l'Aulin, ma mi coglie il mal di stomaco, bevo due sorsate
di Maalox e sono in forma come un atleta!
Guarda! Una farmacia! Vieni, che ci penso io a te... Buongiorno
signor farmacista, il mio amico avrebbe bisogno di una bottiglia di
Maalox, delle bustine di Aulin, una confezione di ricostituente, una
boccetta di Lexotan, dell'antistaminico (uno a caso vanno bene
tutti)...
- Scusi signore, ma.... che sintomi denota il suo amico?
- Ma che domande? Ma roba da pazzi sti farmacisti di oggi! E'
evidente che ha il naso un po' tappato, no?... Ah già...Anche della
Rinazyna, grazie!
                                     53


Il frigo ad incazzo

Donne! Volete accertarvi che il vostro uomo (fidanzato, marito,
convivente, amante) vi ami veramente? Chiedetegli la prova
d'amore. Chiedetegli di smontare (facile) e rimontare (eh eh eh...) il
vostro frigo ad incasso.
Davanti a tale proposta, alcuno si tirerà indietro: gli
parrà un'occasione d'oro, irripetibile per convincere anche le più
scettiche del proprio amore; che ci vorrà mai? Poche viti, si sfila, si
rinfila e si riavvita! Ta-dah! Prova d'amore finita...
Manco p'u cazz'!
Uomini! Rifiutatevi categoricamente! E' uno sporco trucco! Risolvere
l'enigma del frigo ad incasso è operazione pressoché impossibile!
Da recenti studi effettuati dal paranormalista tedesco Otto Von
Stukkatzen, sembra che all'interno del frigo ad incasso s'annidi il
maligno. Non si spiega altrimenti il perché una volta ripiazzato
l'elettrodomestico nello stesso identico punto dove si trovava
precedentemente, all'interno del suo vano, i fori per riavvitar le viti
non coincidano più... Questione di un paio di millimetri... Sfilate,
rinfilate... Niente da fare! Fa un po' di gioco...Ecco, ora si: torna tutto:
avvitate... Non si chiude più lo sportello! ‘Petta... Risvitare, risvitare...
Un colpetto a destra...Forse va un po' più in dentro... O un po' più in
fuori? Ecco così! Si è così! Macché...E' storto che par la torre di
Pisa... Risvita, risfila (ohè che poi detto così sembra roba da due
minuti, ma un frigo non è che pesi mezz'etto), rispingi,
riavvita...Aaaarghhhh!!! Ora non scorre più l'anta!...
Nel frattempo la partner (bastardissima), sigaretta in una mano,
bicchiere di vino nell'altra, vi sprona: "Dai che vai bene... Si più o
meno era così... Vabbè, dai poverino, lasciamolo pure così... Certo è
tutto storto...!"
Perle di sudore grosse come acini d'uva vi colano dalla fronte...
Ormai siete in ballo, dovete ballare, l'orgoglio v'esce dagli orecchi!
Riprovate... Nulla: ora il frigo è dritto, ma è storta l'anta del mobile...
Lei: "Dai, povero amore...chiamerò il tecnico!"
Il tecnico? Per due viti? Giammai! Passate ai metodi drastici:
qualche pedata in qua, qualche pedata in là, una martellata allo
sportello, una bestemmia in ostrogoto...
Lei: "Tsk... Tsk... Per me non è a filo..."
Grrrrrr... Alla fine rimontate tutto: cercate d'essere convincenti.
                                    54

"Ecco, amore, ce l'ho fatta. Perfetto!"
Il frigo ad incasso in realtà non chiude bene, l'anta del mobile è
piazzata che sembra una diagonale del tris, in più è scheggiata
("Vabbè.. qui, con un po' di stucco..."), il frigo per via delle pedate, ha
due fitte che paion la fossa delle Marianne, in più dondola perché nel
caos avete perso un paio di viti ("Ma tanto regge uguale..."), in mano
v'è rimasto un pezzo che non avete la minima idea da dove sia
saltato fuori, furtivamente ve lo mettete in tasca fischiettando
indifferenza...
Inutile descriver lo sguardo di lei, che però v'abbraccia e vi dà un
bacio grosso così... Il frigo è andato, ma la prova d'amore è
superata!
                                   55

Sine titulo

Lui, rientrando a casa dal lavoro...

"Ciao cara..."
"Amoruccio ciaoooooo.... -piroettando su sé stessa- yuhuu...!"
"Si mangia?"
"Ma amoruccio... -ripiroettando- nonmidicinullanonnotinulla?"
"Hai cambiato pettinatura. Che c'è di buono?"
"Mannò, macchi pettinatura! E' sempre la stessa quella!" Ri-
ripiroetta. "Però uffa!"
"Scusa cara sono stanco, stravolto, ho fame...e non avevo notato il
vestito nuovo..."
"Ma amoruccioo...ma non lo vedi che questo è il vestito che mi hai
regalato te per l'anniversario? Uffa uffa uffa..adesso non si va in
tavola finché non mi dici cosa noti in me di nuovo!"
"Ma dai facciamolo dopo sto gioco...che magari dopo cena connetto
meglio!"
"Tu non mi ami più!"
"Ma si che ti amo...guarda son sudato, sono stanco, vorrei farmi una
doccia, ho fame, ho sete!"
"Nonnò tu non m'ami più..."
"Le scarpe! Ci sono...son le scarpe! Beeeeelleeeeeee!"
"Amoruccio! -piagnucolando- Non sono le scarpe! Queste scarpe le
ho messe chissà quante volte!"
"Senti amore...mi sono un po' rotto i coglioni! Ho fame e ora si va a
tavola! Porca d'una vacca boia!"
"Ihhhhhhhhhhh -in pianto dirotto scappando verso la camera da letto,
buttandosi sul medesimo e battendo i pugni sempre sul medesimo-
Sei un orco! Ecco cosa sei diventato! Un tempo avresti notato subito
che lo smalto per unghie non è il solito rosso ciliegia, ma oggi l'ho
messo rosso papavero! Una fa di tutto per farsi bella per te e questo
è il tuo ringraziamento! Orco!"
Lui, già a tavola, inforca gli spaghetti, tira giù un gozzo di vino ed
emette un rutto di Mercalliana* memoria.

*Mercalliana: neologismo, da Scala Mercalli
                                    56

Scioè…diciamo…un attimino…

Ogni epoca ha le proprie caratteristiche, le proprie mode, i propri
particolari che la identificano; tra questi ci sono gli
"intercalare". Attualmente va per la maggiore il "diciamo", negli anni
'90 c'era invece "un attimino", verso la fine dei '70 e per tutti gli '80
furoreggiava il "scioè".
Il scioè in realtà doveva essere un cioè, ma dopo qualche sigarettina
alla marijuana e un paio di litri di rosso condivisi dalla masticazione
della ciuingomma (inseparabili compagni dei giovani dell'epoca),
inevitabilmente il cioè si tramutava in scioè. Non poteva essere
altrimenti. Il scioè aveva almeno la pretesa di poter dar, a chi lo
usava, la parvenza d'intellettualoide a chi non l'era. Gli attimini e i
diciamo invece non han pretese, se non quella di allungare di
qualche secondo il discorso di chi non ha un cazzo da dire.
Essendo fenomeni che si prolungano negli anni essi lasciano il
segno. Non è la camicina verde pistacchio che va di moda tre mesi e
poi la butti via. Chi ne ha fatto uso, non riesce più a liberarsene, ma
contemporaneamente acquisisce i nuovi intercalare.
Ed è così che abbiamo il 18enne che riempie i suoi discorsi di
"diciamo". Il 30/40 enne che li condisce coi "diciamo" e gli "attimino",
il 40/50enne che avrà un linguaggio più forbito coi "diciamo", gli
"attimino" ed il "scioè".
Abbiamo proceduto ad un esperimento di carattere scientifico e
antropologico che andremo ora ad illustrare. All'uopo ci siamo muniti
di tre cavie: il 18enne, il 35enne, il 45enne che sono stati isolati
ognuno in una stanza diversa.
Muniti di apparecchiature costosissime per la monitorizzazione delle
risposte (1 registratore a cassette), abbiamo posto a ciascuno di loro
la stessa domanda:
"Che ne pensa del film La Guerra Dei Mondi?"

Risposta num.1 (il 18enne)
"Bè diciamo che è un film che è stato girato diciamo da Steven
diciamo Spielberg...e... diciamo che è il remake... diciamo di un
vecchio film cheeeee.... diciamo era uguale maaaaa.... diciamo più
vecchio...eee...diciamo che questo qui diiii...diciamo Spielberg ha
degli effetti specialiiii...diciamo speciali...diciamo che m'è piaciuto!"
                                   57

Risposta num.2 (il 35enne)
"Bè diciamo che è un film...un attimino girato diciamo da Steven
Spielberg...eee...diciamo che è un attimino il remake di un vecchio
film cheee...diciamo era un attimino uguale maaa...diciamo un
attimino più vecchio...eee diciamo che questo ha degli effetti speciali
un attiminoooo più speciali, diciamo!...diciamo che m'è piaciuto un
attimino più di altri filmS!"

Risposta num.3 (il 45enne)
"Bè si, scioè, diciamo che è un film un attimino, scioè, diciamo di
Spielberg, scioè Steven..scioè è, diciamo, un attimino il remake,
diciamo, d'un vecchio film, scioè...un attimino più vecchio,
maaaa...diciamo, scioè...che in fondo era diciamo uguale.
Scioè...questo diciamo che ha degli effetti speciali diciamo un
attimino più...scioè...diciamo più fantastici...scioè...non so se mi
spiego. Diciamo che è un attimino...scioè...diciamo che m'è piaciuto
un attimino di più diciamo di altri film...scioè...non so se hai capito!"
                                 58

La terribile storia di Torquato Astriscioni
(con traduzione in calce in inglese eseguita dall'autore medesimo)

Torquato Astriscioni beato guardava
T.A. beat looks
la ciminiera del porto che fumo eruttava
the porto's ciminier that smoke erupted
sporto sul ponte sul fiume inquinato
penzolons over the smogged river's bridge
Torquato Astriscioni nell'acqua è infilato.
T.A. in the water splashed.

Il pover Torquato non sapeva nuotare
Poor T.A. don't know to swim
e scuoteva le braccia per non affogare
and he squoshed his braces to no affog
la corrente del fiume lo trainava feroce
the river's current trained him very bad
vedeste Torquato come andava veloce!
oh! Looks T.A. how rapid he runs!

Ululando e stremato cercava un appiglio
Hululù and stremmed he try for an appil
per in qualche modo scampare al periglio
to escape sometimes from the peril
ma non c'era roccia a offrirgli salvezza
but there isn't rock to save him
e l'unico ramo che acchiappa si spezza.
and the unic rame that he chap is broken.

Il fiume trainava Torquato lontano
The river trains T.A. so far away
lo seguiva dall'alto un alato gabbiano
over the top seggued him a Jonathan Livingstone
Torquato urlava dal terrore impaurito
T.A. hurled impaured for the terror
il gabbiano osservava assai divertito
the Jonathan Livingstone observed very happy
                                59

La bestiola distratta dal terribil drammone
The bestia distrapted by the big drama
beccò in pieno un filo dell'alta tensione
becks enplein the file of the high voltage
ed anche lei come il pover Torquato
and also her like the poor T.A.
cascò di filata nel fiume inquinato.
directly splashed in to the smogged river.

I due trascinati dall'acqua cattiva
Ambos trained by the bad water
rassegnati andavano alla deriva
rassegned going to the derive
ma Gualberto Testotti che lavora alla Piaggio
but Gualberto Testotti who woeks in Piaggio cyclo motors
li vide da un ponte ed andò al salvataggio.
watched they from a bridge and went to the save.

Gettatosi in acqua ancor tutto vestito
Ejected in the water all dressed
ricordò di non avere ancor ben digerito
he remembered something about the digestion
improvviso lo colse un tremendo malore
a terrible malor improved caught him
e iniziò a recitare preghiere al Signore.
and begins to sing hymns to God.

Correva il fiume con l'acqua sua infetta
River runs with his infected water
sembrava perfino che avesse un po' fretta
sembred that the river was in ritard
trascinava il gabbiano e le due persone
he trained the Jonathan Livingstone and the two people
a galla dei tratti, ma i più in immersione.
sometimes in galled but more times in immersion.

Serafino Balestra remava tranquillo
Serafino Balestra remed so calm
quando all'orecchio gli giunse uno squillo
                                   60

when a ring was capted by his auditive apparate
eran quei due ormai quasi annegati
there was both near the amnegation
che urlavano forte per esser salvati.
that hurled so strong to be saved.

Con la barca sua bella Serafino Balestra
With his remed yacht Serafino Balestra
fu vicino a quesi due e porse il remo di destra
was near to two and porged the right reme
ma Torquato ch'avea la salvezza vicino
but T.A. that was near to the save
tirò troppo forte e cascò pur Serafino.
tired so strong and casked Serafino too.

Il povero ometto pensava avvilito
Poor man avviled was thinking
al guaio tremendo in cui era finito
to the terrible situation in which was finished
e salutò sconsolato la sua imbarcazione
and bye bye sconsoled the imbarcation
che s'era comprato col fondo pensione.
that he boughted with his ancient pension.

Un mite bagnino col suo rosso costume
A good river-coast guard with his red monokini
s'accorse di tutto e si gettò dentro il fiume
accorged of everything and splashed into the river
vide quei quattro (c'era pure il gabbiano)
he see the four (there was the Jonathan Livingstone too)
e pensò bene di dare una mano.
and think good to give a hand.

Con le braccia virili come hanno i bagnini
With the macho braces like had the river-coast guards
era uno scherzo salvar quei cretini
it was a play to save those dements
li avea agguantati, quand'ecco ad un tratto
he had agguanted them but in a trapt
                                    61

un vortice triplo s'inghiottì tutti e quattro.
a triple vorticaze inglupted every four.

Il gabbiano volante, benchè spennacchiato
The flying Jonathan Livngstone banks spenned
al triplice vortice pur era scampato
at the triple vorticaze also was scamped
e fattosi remo con le forti sue ali
and making reme with his strong flying articulations
uscì dalle turpi correnti fluviali
he escaped from the turpents river's currents.

Raggiunta la riva ed appena un po' asciutto
Arrived at the rived of the river and a little asciupted
venne da me per raccontarmi il tutto
he comes to me to say me everything
poi messosi in sesto il piumaggio grigiastro
and after putting in sest his grey plumage
volò via felice scordando il disastro.
he fly away dimenticated the disaster.

Sulla riva del fiume una lapide impera
On the rive of the river a lapid empires
coperta di fiori quand'è primavera
sommerged by flowers in spring
e lì si può legger tra stami e pistilli
and there we can read between stames and pistils
"qui perser la vita ben quattro imbecilli".
"Here died four dements".
                                  62



Il vecchietto

Se io dico "vecchietto" a voi, dall’animo candido e buono, verrà
subito in mente l'immagine di un simpatico ometto canuto intento a
comprar leccornie alla nipotina; una sorta d’angoscia vi scorrerà per
le vene e vi riporterà alla mente il vostro nonnetto che vi raccontava
le fiabe davanti al camino oppure, se non avete avuto la fortuna di
conoscerlo, vi verrà in mente il nonno di Heydi che v’insegna a
preparare il formaggio di capra.
NOOOOOOOOOOOOOOOO!!! In guardia! Levatevi dalla testa
quest'icona fasulla e fuorviante. Il vecchietto è infido, odioso,
pericoloso! Vi elencherò ora alcuni dei casi che mi hanno portato a
tale veritiera conclusione.

La maggior parte di voi, come me, si recherà la mattina al lavoro con
la propria autovettura. Essendo le nostre città impreparate ad
assorbire il flusso del traffico, si creano ingorghi pazzeschi nei quali
bisogna districarsi come Teseo nel labirinto di Minotauro. Stress,
nervoso, crisi isteriche in mezzo a quel traffico caotico. Dal lunedì al
venerdì, guardatevi intorno, manco l'ombra d'un pensionato al
volante; tutti normalissimi impiegati intenti a raggiunger la propria
postazione di lavoro. Ma....
...il sabato e la domenica, giorni in cui la maggior parte della gente
resta a casa a riposare, provate ad uscire e prender la macchina. La
prima sensazione sarà: "Ahhhh...che meraviglia! La strada vuota.
Come si guida bene oggi!"
Non fate in tempo a pensarlo che, appena svoltato a destra
v'imbattete nel
VECCHIETTO PILOTA
Egli conduce il proprio autoveicolo con una flemma preistorica.
Quando s'accorge che supera i 30, frena; anzi, inchioda. Il volante gli
serve per tenere a bada il Parkinson e il cambio è una sorta di
bastone cui appoggiarsi quando si sente appena un po' stanco. Egli
occupa perfettamente il centro della carreggiata, procedendo anche
un po' a zig-zag, impedendovi in maniera più assoluta il sorpasso.
Non azzardatevi a fargli un colpo di clacson che gli viene una
sincope e rischiate denunzia per omicidio colposo. Non vi resta che
accodarvi e sperare che posteggi il prima possibile; ovviamente non
                                     63

lo farà mai: per chissà quale misterioso segno del destino, il
vecchietto pilota si sta recando nello stesso identico punto ove voi
siete diretti. Dovrete ciucciarvelo fino alla fine. Il percorso di cinque
chilometri che in un normalissimo giorno di catastrofico ingorgo
percorrereste in un'ora e mezzo, durerà dalle tre alle quattro ore. Se
dovete attraversare un incrocio, segnatevi. Possedendo, il vecchietto
pilota, i riflessi d'un bradipo morto, rischiate al crocevia di diventare
più vecchio di lui; finalmente si decide e passa, percorre in prima
marcia il successivo chilometro, per poi finalmente decidersi a
mettere la seconda, ma sbaglia, inserisce la quarta e l'auto si ferma.
Ovviamente si ferma in una strettoia dove non siete in grado di
superarlo, anzi, dovete aiutarlo e spingere l'auto che non si rimette in
moto, perché più vecchia di lui. Il vecchietto pilota possiede, infatti,
solo ed esclusivamente le seguenti autovetture:
- Fiat Uno dell'85 grigio metallizzata con sfumature ruggine
- Fiat Panda 30 solo sfumature ruggine
- Fiat Duna station wagon rossa a metano (con la bombola sul tetto)

Finalmente riparte. Alla curva successiva, se Dio vuole, s'imbatte in
una pattuglia dei carabinieri che lo blocca, constata il suo stato e gli
ritira la patente.
"Giustizia è fatta!" Pensate voi col ghigno tra i denti e accelerando
vistosamente.
Perché non sapete che il vecchietto pilota non demorde e...
...IL SABATO SUCCESSIVO...
ve lo ritroverete nuovamente davanti perché adesso egli ha il Sulky.
Il Sulky, per chi non lo sapesse, è quella sorta di scatoletta a tre
ruote che si può guidar senza patente. Il vecchietto pilota ne va
matto! E' un po' come il motorino per i ragazzi. "Figliuolo: adesso che
ho compiuto gli 80 anni, mi compri il Sulky?"
Il Sulky, quando va veloce, è fermo. Piantato. Si sposta solo grazie
all'energia a bestemmie prodotta da coloro che lo seguono in coda.
Se il vecchietto pilota non possiede sufficiente denaro per acquistare
il Sulky (è per quello che non gli aumentan le pensioni), si
accontenta di rispolverare il vecchio...
..GARELLI 50...
...che aveva gelosamente custodito in garage. Osservando un
vecchietto pilota in sella al mitico Garelli, parrebbe di assistere ad un
test di gincana motociclistica tra i birilli. In realtà i birilli non ci sono.
Egli si muove così perché non ha la minima idea di dove stia
                                   64

andando: l'eccessivo peso del casco sul suo vecchio collo intorpidito,
gli fa inclinar la testa verso il basso, sì ch'egli non guarda in avanti,
bensì l'asfalto sotto i piedi. Generalmente percorre pochi metri prima
di sfracellarsi contro un platano
                                   65



Il menu lacustre

Sulla via del ritorno da una simpatica gitarella in Umbria, ho ben
pensato di fare tappa sul lago Trasimeno. Il lago Trasimeno sarebbe
il lago di origine vulcanica più grande d'Italia. Nonostante la mia
proverbiale magrezza sono sempre stato una buona forchetta ed
avevo sempre sentito parlare del pesce persico del Trasimeno,
nonché della carpa. In special modo la carpa in Italia viene cucinata
quasi esclusivamente in quei ristorantini tipici in riva al lago. Quale
migliore occasione per un assaggio delle tipiche specialità lacustri?
Ma porca puttana d'una troia zozzissima! Ma proprio il ristoratore
onesto dovevamo trovare?
Io ti voglio dire, caro ristoratore onesto, che devi essere un po' più
disonesto! Io erano anni che smaniavo di provar sto pesce del lago
Trasimeno e, finalmente, eccomi lì proprio all'ora di cena. Non che io
e la Manuela non si sia mangiato bene, anzi direi benissimo, ma
abbiamo trovato il ristoratore onesto. Ecco. Porca puttana!
"Che c'è di male? Anzi, che fortuna!" Direte voi, che ovviamente
siete come al solito all'ignaro di tutto e vi si deve spiegar ogni cosa
come ai bambini piccini.
Non ci sarebbe niente di male se l'onestà del ristoratore onesto si
fosse espressa nel presentarci il conto che invece di onesto non
aveva proprio un fico secco.
Mentre però eravamo lì che si mangiava ecco il ristoratore onesto
che viene a farci gli onori di casa, dato che gli avevamo svelato che
per noi era la prima volta che si mangiavano le specialità del
Trasimeno.
"Allora, signori, come vi sono sembrati i crostini di filetto di tinca
affumicati?"
"Ottimi! Qual'è il procedimento per affumicar sta tinca?"
"Non ne ho la più pallida idea. A noi arrivano già pronti dal nord
Italia. Qui sul Trasimeno non c'è più una tinca da tempo memorabile!
E il carpaccio di carpa, signori, è stato di vostro gradimento?"
"Semplicemente squisito! Quanto tempo la tenete la carpa a
spurgare per farla così buona?"
"Non saprei proprio dirglielo. Negli ultimi anni il livello dell'acqua del
lago è sceso di un metro e mezzo e le carpe vivono praticamente in
mezzo alla melma. Le nostre sono immangiabili, quindi ce le
                                  66

facciamo portare da un allevamento di Roma!...E del coregone alla
griglia che ne dite? Ne siete rimasti soddisfatti?"
"Soddisfattissimi! Peraltro non lo avevamo mai sentito nominare sto
coregone. Che razza di pesce sarebbe?"
"Si figuri che non ne avevo la più pallida idea nemmeno io. Il
coregone il lago Trasimeno non lo ha mai visto manco col lanternino,
dato che è specie autoctona del lago di Bolsena. Ma tant'è: il nostro
menù lacustre sarebbe talmente scarso, che vi abbiamo inserito pure
lui...Avete gustato anche il filetto di pesce persico. V'è piaciuto?"
"Diamine! Una prelibatezza! Quello è del Trasimeno, l'ho visto
mentre ne pescavano uno!"
"Si figuri: è sempre il solito povero pesce, ultimo superstite d'una
degna dinastia di persici ormai estinta, che viene pescato tutti i santi
giorni per mostrarlo ai turisti, dopodiché viene rigettato in acqua.
Speriamo che campi parecchio, povera bestia, perché dopo di lui nel
lago non vi saranno che alghe putrescenti."
Insomma! Avete capito? Il ristoratore onesto ci ha svelato che manco
uno di quei pesci che abbiamo mangiato aveva nuotato per un solo
minuto nel lago Trasimeno!
Menù lacustre del Trasimeno una sega.
                                     67

Il macellaio furbo

"Buongiorno signor macellaio. Ne avete del lardo di Colonnata?"
"Certamente! Dei migliori!"
"Allora me ne faccia due etti..."
Ed ecco che comincia con la solita manfrina. Fa sempre così:
velocissimamente (dire un secondo e mezzo è dir troppo) mette la
carta sulla bilancia, pigia il tasto del peso lordo, mette su il salume
tagliato, toglie il tutto...
"Bon: due etti, ipso facto!"
Questa volta non m'è andata giù. Chi mi assicurava che fossero
veramente due etti? Io non ho avuto assolutamente il tempo di
vedere, talmente è rapido il tipo a compiere l'operazione; pare di
avere a che fare con Hudini.
In coda c'era un'orda di clienti, sicché non sapevo se contenermi
nell'osare a dare del ladro al macellaio. In più avevo notato che pure
la carta dove aveva avvolto il salume non era pulitissima e perfino
che l'insaccato puzzava un po'. Alla fine non mi contenni e sbottai:

"Pur con l'orda, con l'ardor di dirlo l'ardir l'ho: l'arduo ordir col lordo e
darlo con l'odor, il lardo lordo, il ladro fa!"

E me ne andai via soddisfatto! Senza lardo!
                                  68


Il pranzo di oggi

"Oggi sono appena stato invitato a pranzo da un amico!"
"E quando?"
"Quando cosa?"
"Il pranzo...oggi!"
"Oggi, perdinci!"
"Mi sono perso..."
"Allora: per una mirabile coincidenza, il pranzo di oggi si svolge oggi"
"Mi hai detto solo che oggi eri stato invitato a pranzo..."
"Si, sono stato invitato oggi al pranzo di oggi!"
"Ah! E' per oggi allora!"
"Si...hai mai visto che qualcuno possa invitarti oggi al pranzo di ieri?
Semmai ieri poteva invitarmi al pranzo di oggi!"
"Appunto! Pensavo che oggi fossi stato invitato al pranzo di domani!"
"No! A quello mi ci hanno invitato ieri e oggi devo dare conferma
all'invito al pranzo di ieri per domani. Ma se oggi vado al pranzo di
oggi, non so se domani andrò al pranzo di ieri!"
"Potresti andare domani al pranzo di domani!"
"Ma oggi non posso ancora avere avuto un invito di domani per il
pranzo di domani! Avrei potuto averlo oggi, ma oggi mi hanno
invitato al pranzo di oggi e non a quello di domani!"
"Va bene, allora ti auguro buon pranzo!"
"Buon pranzo quando? Oggi o domani per il pranzo di ieri? Ad
ogniqualmodo, buon pranzo anche a te!"
                                   69

Krapr e Rarkp

(una cazzata così, ve lo prometto, mai più!)

C'era una volta una bambina rumena che si chiamava Krapr; ella
viveva sui monti della Transilvania e faceva la pastorella. Lì, si sa, la
gente è povera e Krapr aveva solo tre caprette: Krapret, Teprak, e
Ktarpret. Questi nomi erano stati dati ai graziosi animaletti da suo
nonno Brno, pace all'anima sua. Krapret era una capretta tutta
bianca, Teprak aveva invece il musino e la coda neri, mentre
Ktarpret era tutta, tutta nera.
Krapr partiva di buon'ora per il pascolo, insieme a Krapret, Teprak e
Ktarpret; le ci voleva almeno un'ora e mezza per raggiungere il
pratone dove lasciarle in libertà e dove si incontrava con Rarkp, un
pastorello della sua stessa età che aveva anch'egli tre belle caprette:
Terprak, Karpètt e Terpratk, le quali erano anch'esse (potenza delle
coincidenze) una bianca, una nera e una bianca col musino e la
coda neri.
Voi penserete "Chissà che confusione salta fuori adesso con tutti sti
nomi, caro autore qui hai voluto proprio giocar sulle parole..."
Sarebbe stato fin troppo facile, ma si da il caso che i due bambini
fossero muti e che quindi non possa scaturirne fuori alcuno
scioglilingua.

Quel giorno però, in cima alla montagna scoppiò una gran tempesta,
di quelle con vento, tuoni e fulmini; Krapr e Rarkp si rifugiarono con
le loro rispettive caprette in una grotta e attesero che terminasse il
temporale. Quindi presero la via del ritorno. Purtroppo i graziosi
animaletti, nella confusione iniziale, si erano mischiati. Quando
rientrarono in paese trovarono tutti preoccupati ad attenderli; in
prima fila c'erano Prark, il babbo di Krapr e Pkrar, il babbo di Rarkp, i
quali però muti non erano e dopo essersi rassicurati che i rispettivi
figliuoli stessero bene, andarono a controllare anche le caprette;
esse, seppur quasi identiche, si differenziavano per sette piccoli
particolari, difficilissimi però da individuare.
"Senti Prark -disse Pkrar- Krapr indica che questa e Krapret, ma a
me par più Karpètt, Rarkp che ne pensa?"
"Rarkp -disse Prark- è sol sicuro che questa sia Terprak e non
Teprak, Terpratk è con Pkrar,Ktarpret è accanto a Krapret!"
"Quella non può essere Ktarpret! Ktarpret è con Krapret! Krap e
                                   70

Pkrar hanno fatto confusione! Questa è Terpratk e non Terprak (che
son diverse da Ktarpret) Karpètt è con Krapret"
Ovviamente la discussione divenne animata finchè non intervennero
Prarka e Krarpa, le rispettive mamme di Krapr e Rarkp, nonché
mogli di Pkrar e Prark. Prarka prese Rarkp e Prark e se ne andò a
casa. Krarpa prese Krapr e Pkrar e anch'ella li portò a casa.
Dopo mezz'ora si rincontrarono fuori a rendersi figli e mariti perché li
avevano scambiati.
Le caprette vennero cucinate a Natale senza che mai più si sapesse
il loro vero nome.
                                   71

Il condomino Talvacchia

Il condomino Talvacchia mi ha scassato il cazzo!
Il condomino Talvacchia appartiene a quella categoria di condomini
che non manca mai in un condominio. Non si capisce come mai, ma
in qualunque condominio, c'è un condomino Talvacchia che scassa i
maroni. Anche se il condominio è composto da due sole famiglie, sta
pur sicuro che una delle due sarà la Talvacchia. Perfino se abiti in un
caseggiato da solo, c'è il condomino Talvacchia: sei tu e siccome
non puoi esimerti dallo scassare le palle, le scassi a te stesso.

Connotati salienti del condomino Talvacchia:
A) E' un pensionato. Questa è una caratteristica imprescindibile per
aspirare alla nomina di Talvacchia dell'anno. Il condomino
Talvacchia è un pensionato è non ha da fare una sega dalla mattina
alla sera: lavori in corso da poter osservare non ve ne sono, tanto
meno campi dove poter andare a fare un po' d'orticultura; figlia e
nipotine vengono a trovarlo solo una volta all'anno e non va neanche
mai in vacanza.
B) Il condomino Talvacchia è sempre lì, al portone d'ingresso, che
controlla i movimenti di ciascun altro, tant'è che se arriva un nuovo
condomino all'inizio lo scambia per il portinaio. Il condomino
Talvacchia fa sempre un terzo grado a chiunque entri da quel
portone e non appartenga al condominio stesso, cercando di
prendere in castagna il malcapitato:
"Lei dove va, prego?"
"Mah...ehm...si...vado dai signori Vannelli"
"E' un parente? I signori Vannelli non credo siano in casa..."
"No, guardi ci sono...ho appena parlato con la signora al telefono."
"Uhm...strano...perché a quest'ora solitamente la signora è alla Coop
a fare la spesa e non rientra fin verso mezzogiorno, mezzogiorno e
dieci, mentre il marito, che fa da dieci anni l'agente di commercio,
difficilmente è a casa per pranzo..."
"Ah, siete molto amici!"
"Affatto, non li conosco per niente, non ci siamo mai parlati se non
alle riunioni condominiali..."
C) Il condomino Talvacchia gira sempre per tutto il palazzo, dalla
mattina alla sera, con un blocchetto e una penna in mano. In tasca
tiene lo scotch. Da tutte le parti vi sono bigliettini da lui appiccicati:
-E' vietato trasportare animali in ascensore
                                    72

-I signori condomini proprietari di animali sono pregati di non
utilizzare le scale (praticamente per portare a spasso il cane
pretenderebbe che lo lanciassi tutte le volte dalla finestra, cosa che
non risulterebbe effettivamente complicata: il problema è riportarlo in
casa, soprattutto se possiedi un pastore tedesco e abiti al quinto
piano).
-E' fatto divieto di calpestare l'aiuolina d'ingresso (perché la moglie
Talvacchia ci ha piantato il basilico che non dà a nessuno)
-E' fatto divieto di usare la bicicletta in ascensore (il condomino
Talvacchia è anche fantasioso)
-I signori condomini sono pregati di pulirsi le scarpe nell'apposito
zerbino
-I signori condomini sono pregati di tenere lo zerbino pulito
-E' fatto divieto del giuoco della palla e di effettuare schiamazzi dalle
14.00 alle 16.00 (perché a quell'ora i Talvacchia fanno la siesta).
-Si prega di chiudere sempre il portone
-Si consiglia di tenere il portone sempre aperto per aerare l'androne
condominiale
-E' fatto divieto d'innaffiare dalle 10 alle 22
-Per risparmiare acqua è fatto divieto d'utilizzarla dalle 22 alle 10
-E' fatto divieto di appendere i panni ad asciugare in orario diurno
-E' fatto divieto di fare lavatrici in orario notturno
-E' fatto divieto di mettere antenne paraboliche sul tetto
-Avendo acquistato il decoder, il condomino Talvacchia comunica
che apporrà un'antenna parabolica sul tetto.
D) Il condomino Talvacchia indice continuamente assemblee
straordinarie per qualunque cosa.
E) Il condomino Talvacchia, per questo suo gran da fare, si sente
proprietario di tutto lo stabile e in diritto a fare di tutto (lui è esente
dall'eseguire le norme dei suoi bigliettini).
F) Il condomino Talvacchia ti suona il campanello quando gli pare a
lui e cioè sempre quando:
    -Stai mangiando
    -Stai cagando
    -Stai dormendo
    -Stai scopando
Solitamente è per dirti che: la vuotatura dei pozzi neri è stata
rimandata al mese successivo.
G) Se tu suoni al campanello del Talvacchia prima di aprirti ci mette
mezz'ora, perché ti osserva attentamente dallo spioncino; non si sa a
                                    73

quale scopo...tu lo senti che è lì appiccicato, senti il suo respiro oltre
la porta, non è indaffarato, non ha un cazzo da fare il Talvacchia, è
solo lì che ti guarda mentre tu sei impalato come un baccalà che
aspetti che ti apra.
H) Dulcis in fundo, il condomino Talvacchia si aggira sempre in
canottiera.

Il condomino Talvacchia un paio di mesi fa è morto. Un colpo secco
mentre innaffiava il basilico della moglie. Kaputt! La signora
Talvacchia s'è trasferita in casa della figlia.
L'appartamento è rimasto vuoto fino all'altro ieri, giorno in cui sono
arrivati i signori Romanello - Cicatiello.
Ieri, uscendo di casa per venire al lavoro, ho trovato nell'androne il
seguente bigliettino:
"E' fatto divieto d'apporre bigliettini sulle pareti dell'androne.
Firmato
Romanello - Cicatiello nei Talvacchia
                                   74

Ballistiche

Che cosa vedreste in foto se ci fosse? No, non è una palla di gelato
alla stracciatella. E' la ballistica denominata "parlami d'amore". Uno
degli oggetti più inquietanti coi quali io abbia mai avuto a che fare.
Le ballistiche solitamente le comprano le donne; non si sa per quale
arcano motivo quest'oggetto riporta la femmina ad erotiche immagini
degne delle mille e una notte, al sesso tantrico, a Salomè e alla
danza dei sette veli.
Può capitare di veder una sera tornare a casa la nostra compagna
con sguardo ammiccante e movimenti sinuosi per poi, con voce
suadente sussurraci all'orecchio:
"Ho preso una certa cosina..."
E con un movimento lento, accennando un passo di danza, estrarre
dalla borsa...
...una palla!
Una palla proprio come quella della foto!
Tu, homo sapiens sapiens, prendi in mano la sfera e cominci ad
osservarla attentamente, ruotandola in tutti i sensi nel tentativo di
poterne capire l'utilizzo; lei, donna furbens furbens, comincia a
riempir d'acqua la vasca da bagno.
Di qualunque cosa si tratti tu, homo sapiens sapiens, capisci che
ormai sei in trappola.
A questo punto si rende necessaria, per quei fortunati che ancora
non sapessero cos'è una ballistica, una descrizione più accurata
dell'oggetto:
la ballistica è una palla di bicarbonato di sodio, contenente al suo
interno un intero universo: profumo, colorante, petali di fiore
essiccati, essenze, altre schifezze e persino foglietti recitanti frasi
che solo Shahrazàd avrebbe saputo coniare.
Lo scopo del gioco è di lanciare in acqua la ballistica ed osservare
attentamente quello che accade.
Nel frattempo la vasca è pronta, bella calda e fumante.
"Dai amore... facciamo il bagno insieme..."
Se non fosse per le dimensioni della vasca l'idea non sarebbe
malvagia; voi, come sempre comprensivi, accettate di stare al giuoco
e vi recate nella stanza da bagno che nel frattempo è stata
addobbata d'una miriade d'incensi e candele profumate. Dopo esser
riusciti a convincere il vostro naso a seguirvi nell'impresa, trovate lei
già a bagnomaria che vi porge le tumide labbra.
                                  75

"Ma il bagnoschiuma non ce lo metti?"
Lei vi guarda con disprezzo...
"Ma no, tesoro! Non hai capito! Prendi la ballistica che ti ho dato
prima..."
"La che?"
"Ma su dai...la ballistica...Quella sfera profumata! Ci dobbiamo buttar
quella in vasca, vedrai che bello, vedrai come sarà rilassante. Valla a
prendere..."
Fate come suggerito. Entrate in vasca con la ballistica in mano.
Vi posizionate come una sardina dentro ad una scatola poiché la
vostra vasca non è proprio come quella dipinta nella confezione della
ballistica, che pare una piscina olimpionica. La vostra schiena poggia
inesorabile sul rubinetto, ancora bollente, dell'acqua calda. Ustione
di terzo grado.
Rilassantissimo!
Lei è invece correttamente sdraiata dal lato giusto, spaparanzata
come il Gran Visir, con la sigaretta in una mano e un bicchiere di
vino bianco ghiacciato nell'altra.
"Su dai, amore, butta in acqua la ballistica!"
Eseguite...
Frizzzzzzzzzzzzzzzzz.......
Delle simpatiche bollicine fuoriescono dalla ballistica che comincia
lentamente a ridursi...
"Però...carino..." Vi vien da pensare.
Ma dopo qualche secondo dall'interno della ballistica comincia a
venir fuori roba strana, papposa:
"Ma che è sto schifo?"
"Ma quale schifo? Sono petali! Petali di rosa!"
"Secchi! Marci!"
In un nanosecondo, la vasca è piena di sti petali color cacchina che
puzzacchiano pure un po' d'erba andata a male e vi s'attaccano da
tutte le parti. Ne siete pieni. Sembra d'essere sull'Adriatico durante
l'invasione della mucillaggine.
"Insomma... Non sei mai contento!"
Non si capisce per quale motivo uno dovrebbe essere contento di
starsene rincalcagnato nella più difficile posizione yoga mai eseguita,
in una vasca da bagno striminzita, piena d’erbacce marcescenti.
Nonostante tutto abbozzate un sorriso mentre vi rendete conto che
pure un pezzo di carta vi è rimasto attaccato sulla punta del... si
insomma, sulla punta.
                                      76

"Uh!! Che carino" -fa lei- "Il bigliettino, c'è il bigliettino con la frase
misteriosa... Leggilo dai!"
La frase è talmente misteriosa che non si legge un tubo: l'acqua
calda ha cancellato l'inchiostro.
"Sai, amore? Ne ho presa anche un'altra! Una che al suo
interno, invece dei petali di rosa, ha tutti i brillantini colorati! La
prossima volta usiamo quella? Sei contento?"
No! I brillantini colorati no...Ti prego!
                                  77

Cavalleria

"Prego, prima lei..."
"Ci mancherebbe! Prego..."
"Ma no... Non mi permetterei mai...!"
"Neanch' io! S'accomodi..."
"Si figuri! S'accomodi lei...!"
"Assolutamente!"
"Ci tengo!"
"Anch'io ci tengo!"
"Suvvia, perbacco, guardi che m'offendo!"
"S'offenda pure! Prima lei..."
"Non ci penso neanche lontanamente! Prima lei!"
"Non mi smuovo neanche con le cannonate!"
"Guardi che la spingo!"
"Non si permetta, sa?"
"Allora vada!"
"Io vado quando mi pare e piace!"
"E non risponda a tono!"
"Maleducato!"
"Mascalzone!"
"Guardi che la schiaffeggio col guanto!"
"E io le do il bastone in testa!"
"Cafone!"
"Babbeo!"
Schiaff
Tump
Ciaff
Sdeng
Ciock

"Mi scusino, signori... Mi fanno passare, per cortesia...?"
                                    78

Lavoretti di ordinaria manutenzione 1

I lavoretti di ordinaria manutenzione casalinga vanno fatti di tanto in
tanto, su questo non ci piove anzi, se non li fate è facile che ci piova,
in casa. E che c'è di più bello del fai da te? Quella meravigliosa
sensazione di sentirsi utili, abili, capaci; e il risparmio ce lo vogliamo
mettere? Ché oggi chiamare un imbianchino o un idraulico equivale
a farsi una crociera nei mari del sud.
E poi, dai, bello andare all'Obi a scegliere gli arnesi adatti all'uopo;
nel mio caso specifico trattavasi di tinta, pennelli, secchi, stucco e
buona volontà; ma quella non ce l'ho trovata. Il resto, tutto.
Però, per una mirabile coincidenza che non ho mai saputo spiegare,
tutti sti lavoretti di ordinaria manutenzione, non appena intervengo io,
diventano di straordinario cataclisma; ebbi già modo a suo tempo di
narrarvi di quando "riparai" (eufemismo) il tubo del lavandino e
anche, se non rammento male, di quando sistemai lo sportello del
frigorifero della mia fidanzata Manuela (che colgo l'occasione per
ringraziare ufficialmente della comprensione).
Per prima cosa, quando si pittura casa, bisogna stendere dei nylon
in terra, onde preservare il pavimento; in seconda battuta urge
coprire con lo scotch-carta stipiti, battiscopa e tutte quelle parti esenti
dall'imbiancatura.
Stendere il nylon non è cosa estremamente complicata; ben più
difficile è poi rimanere in equilibrio sulla scala su sto nylon del cavolo
che scivola sul pavimento come uno slittino al palazzetto del
ghiaccio.
Usare lo scotch-carta è una rottura di coglioni! Bisogna fare con
attenzione e seguire la linea del battiscopa... Niente! Storto! Petta!
Ecco... Uff... Mi s'è attaccato al dito...Ecco...Ora si stacc...Merda! E'
venuto via di là...Petta, petta... Ricomincio da...si...da
qua...ecco...Macché! Porc... (Ad libitum sfumando)...
Dopo qualche rotolo finito nella spazzatura e qualche bestemmia
finita nell'alto dei cieli, lo scotch è posato.
Ora bisogna preparare la tinta.E' necessario diluirla con l'acqua e poi
mescolare. Ma bisogna prestare attenzione che se viene troppo
asciutta c'è da rimanere attaccati al soffitto insieme al pennello,
viceversa se la si fa troppo bagnata cola tutto che pare d'essere al
Niagara. Ho provato entrambe le sensazioni: straordinario! Sport
estremo e contatto con la natura, uno dopo l'altro, che libidine!
Dopo numerosi tentativi (tropo asciutta, fradicia, troppo asciutta,
                                   79

fradicia, troppo asciutta, fradicia) ho trovato il giusto equilibrio.
Peccato che, trovato l'equilibrio della densità della tinta, abbia perso
l'equilibrio della permanenza sulla scala. Solo un miracolo ha voluto
che io scansassi, nella caduta libera, il secchio con la vernice. Tutto
grazie alla mia agilità da pantera nera.
Dopo qualche difficoltà iniziale ho arrancato nella maniera giusta;
sono un diesel. Effettivamente è una soddisfazione vedere, dopo
due ore e trequarti, perfettamente dipinto di bianco il pezzettino di
muro di cm.30x30 nascosto dietro all'armadio e che avevo scelto
come campione-prova per vedere come veniva il lavoro.
                                   80

Lavoretti di ordinaria manutenzione 2

Di solito sono le mogli o conviventi o fidanzate che ci intrappolano
nei lavoretti di ordinaria manutenzione: all'inizio, subdolamente e
quasi sottovoce, cominciano ad insinuare che c'è qualche
macchiolina sul muro o che le imposte sono un po' scolorite dal
sole o che il rubinetto della cucina gocciola. Via via che passano i
giorni, se noi non interveniamo dato che abbiamo cose più
interessanti da fare quali guardare la partita, poltrire sul divano a
leggere il giornale o più semplicemente grattarci i coglioni allo
specchio, esse si mostreranno sempre più insistenti, da sottovoce
cominceranno a gridarlo ai quattro venti, il rubinetto che gocciola
sarà diventata la foce del Po, la macchiolina sul muro si sarà
trasformata in "parete fatiscente" e, inferocite dal nostro
menefreghismo, si muniranno di frusta e ci metteranno gli attrezzi in
mano obbligandoci a spaccarci la schiena.
A questo proposito avrei ideato un metodo onde evitare che tutto ciò
accada e che le obbligherà esse stesse a compiere il lavoro; si
intende far leva sullo spirito da crocerossina che alberga in ogni
femmina degna di tal nome.
INTELLIGENTE METODO PER SCANSARE I LAVORETTI DI
ORDINARIA MANUTENZIONE:

Alla prima avvisaglia (ovvero "caro, questo muro non è più bianco
come un tempo, andrebbe un po' pitturato...") non fate finta di non
sentire anzi, mostratevi entusiasti all'idea di potervi darvi da fare.
Dite che vi occuperete il prima possibile della faccenda, che
comprerete l'utile necessario non appena avrete un minimo di tempo.
(Intanto la fate star zitta per qualche giorno).
Quando qualche giorno dopo ella ritornerà alla carica, fingetevi
dispiaciuti del ritardo ma reiterate il vostro desiderio di compiere quel
lavoretto:
"Hai ragione cara; mi occupo subito della questione. Vado tosto a
comprare l'utile necessario... Sai, sono stato molto impegnato, ma tu
vieni innanzitutto!"
Ella si sentirà importante.
Andate in mesticheria e comprate qualcosina, tipo un pennello e un
secchio e tornando a casa mostratevi arrabbiatissimi:
"Porco cane! Ho girato mezza città e non avevano quella
determinata marca di pittura che mi hanno assicurato essere la
                                   81

migliore. L'ho dovuta ordinare e arriverà la prossima settimana!"
Guadagnerete così altri sette giorni e la vostra lei sarà orgogliosa
della vostra abnegazione.
La settimana successiva dovete arrivare con i secchi di vernice
senza dirle nulla, in modo che ella resti favorevolmente sorpresa dal
fatto che ve ne siete ricordati; ditele che domenica prossima darete
inizio ai lavori.
A quel punto, adducendo come motivazione il peso dei secchi di
vernice che avete dovuto trasportare per centinaia di metri dato che
non trovavate parcheggio vicino alla mesticheria, cominciate ad
accusare qualche dolorino alla schiena; fate finta di prendere
qualche aspirina, chiedetele di farvi dei massaggi col Fastum-Gel
ma, giorno dopo giorno, mostrate sempre più dolore e difficoltà nel
chinarvi.
Giunge la fatidica domenica. Nonostante l'acuto dolore ditele che
siete assolutamente intenzionati a compiere il lavoro; spostate tutto,
stendete i nylon in terra, mettete lo scotch carta, preparate
la pittura ma, non appena tentate di prendere la scala, ZAC! Il colpo
della strega (funziona sempre)! Bloccati, immobili! Non c'è niente da
fare!
A quel punto entrerà in funzione lo spirito da crocerossina di cui
sopra; ormai certa delle vostre buone intenzioni ella vi dirà di
starvene immobili a letto o sul divano (dove voi potrete godervi in
barba a tutti ogni avvenimento sportivo della giornata).
"Povero caro! Per una volta che ti ci eri messo d'impegno! Ci penso
io a pitturare...ormai abbiamo tutta la casa per aria, la vernice
pronta...Non possiamo buttare via tutto!"
Infine, se siete dei perfezionisti, ogni tanto distraetevi dalla partita o
dalla lettura per dimostrale la vostra solidarietà: "Mi spiace amore!
Non sai quanto mi dolga il non poterti aiutare!"
                                   82

Il nipote della signora Zanaboni

Signori, se le dimensioni dei vostri attributi sono un problema, fatevi
prestare per un paio d'ore il nipote della signora Zanaboni (una mia
cliente); al termine della terapia avrete due palle così, degne di un
toro miura subito prima della monta.
Che i bambini siano dei rompicoglioni è cosa ormai nota, tant'è che
l'aggettivo rompicoglioni non viene neanche più utilizzato, è retorico,
insito nel termine medesimo "bambino". Infatti, così come non stiamo
a specificare un "bambino con due occhi, un naso e una bocca",
perchè tanto è ovvio, omettiamo anche di dire "bambino
rompicoglioni", perché tanto è ovvio pure quello.
Proprio per questo, quando invece adopriamo tale aggettivo e
specifichiamo "bambino rompicoglioni" stiamo in realtà dicendo
"bambino rompicoglioni dei rompicoglioni", ovvero rompicoglioni al
quadrato.
Il nipote della signora Zanaboni è un caso limite, trattandosi di un
rompicoglioni al cubo, ovvero rompicoglioni dei rompicoglioni dei
rompicoglioni.
Quando uno si reca a casa della signora Zanaboni, nel mio caso
vedi tu per una consegna, rilievo misure o montaggio d'una tenda e/o
zanzariera, si deve preparare psicologicamente in anticipo e poi
cercare tutte le soluzioni per restarvi il meno tempo possibile.
Mentre uno è lì il bimbo, nell'evidente tentativo di farsi notare ed
essere al centro dell'attenzione, ti salta davanti come un canguro,
urla a squarciagola frasi incomprensibili, accende e spegne la luce in
continuazione simulando una tempesta di lampi, picchia quel povero
cane della signora Zanaboni, picchia pure la nonna, la signora
Zanaboni in persona, lancia i balocchi frantumandoli a terra e fa
anche tante altre simpatiche cose.
Io, che ormai sono quasi vaccinato, adoro farlo incazzare adottando
la tattica del "non ti vedo, non ti sento"; per me il piccolo non esiste:
un fantasma passerebbe meno inosservato. E allora si che questo
s'incazza come una iena; triplica le sue forze distruggendo il
distruggibile (tanto è roba della nonna, a me che me frega) nella
speranza che io lo degni almeno di uno sguardo. Nisba! T'attacchi
moccioso; puoi piangere in sanscrito e urlare in uzbeco, ma per me
non esisti.
Quando esco da casa Zanaboni mi sembra di venir via da Bagdad:
macerie ognidove e la nonna anch'essa distrutta con la faccia da
                                 83

zombi.
"E' stato un piacere signora, alla prossima. Buonasera!"
                                     84

L’angolo della poesia




E' bello ogni tanto lasciarsi trasportar dai versi ed obliar la prosa. La
poesia la trovi tutt'attorno a te, a volte non te ne accorgi, ma è lì. Io
oggi l'ho vista e l'ho colta.
Vi dono questi dolci versi che ho intitolato:

Due mosche trombano

Un punto nero su un punto nero va
dell’elitra s’ode il ronzio dello sfregar

Volar unite quattro alette qua e là
Lei avanti, il mosco dietro a fecondar

L’insetta nera, ch’ova e speme poserà
sopra calda cacca al tardo tramontar.
                                   85

Tragedia senza battute

Personaggi:
Il giovane fidanzato
La giovane fidanzata
Camerieri, cameriere che vanno e vengono
Clienti seduti ai tavoli che chiacchierano tra di sé producendo un
gran brusio.

La scena si svolge ai giorni d'oggi in un qualunque ristorante o
pizzeria.

S'alza il sipario:
Il ristorante è strazeppo di gente che chiacchiera, brinda, beve,
mangia. Oltre al brusio dovuto al chiacchiericcio si odono suoni di
bicchieri che tintinnano e posate che sferragliano. Camerieri e
cameriere vanno avanti e indietro con portate pantagrueliche,
sparecchiano tavoli, li riapparecchiano, stappano bottiglie di vino
ecc. ecc.
Al centro della scena il tavolo del giovane fidanzato e della giovane
fidanzata, seduti l'uno di fronte all'altra.
Il giovane fidanzato giochicchia un po' col tovagliolo, gira gli occhi a
destra e sinistra, ogni tanto s'incanta come a guardar nel vuoto con
l'espressione inebetita. La giovane fidanzata si diletta ad arricciarsi i
capelli con un dito e gira gli occhi a destra e a manca, ogni tanto
s'incanta come a guardar nel vuoto con espressione inebetita.
Il giovane fidanzato controlla accuratamente le posate.
La giovane fidanzata guarda in controluce i bicchieri.
Dopo cinque minuti di assoluto silenzio, cala tragicamente il

sipario
                                    86

(Non) tutti i giorni sono uguali

Una mia nuova ma già cara amica, mi ha prestato, con tutte le
raccomandazioni del caso, un libro sugli odori, sulla capacità di
percezione delle nostre narici... sull'olfatto insomma. Non chiedetemi
né titolo né autore ché sono negato per queste cose. Non ho ancora
cominciato a leggerlo, ma nello sfogliarlo distrattamente m'è venuto
in mente un simpatico e significativo episodio di cui risulta
protagonista involontaria la mia cagnetta Florinda (che voi potreste
vedere nella foto 1 se ci fosse). Ora la foto c'è e quindi la vedete
nella sua sfolgorante bellezza. Nel frattempo il cane è cresciuto,
tranne che nel cervello.

Come tutte le sacrosante mattine, prima di andare al lavoro, portai
Florinda a fare i suoi bisogni in riva al fiume: abbiamo la fortuna di
abitare praticamente in campagna e non devo munirmi di sacchetti
raccattamerda come invece i "padroni" di città, giustamente colpiti
dal tedioso problema delle deiezioni canine. Florinda concima
giornalmente il greto del Bisenzio ed è anche grazie a lei che in
primavera vi è un'esplosione di vita vegetale impressionante, cosa
che peraltro ha portato al reingresso nell'area di numerose specie di
aironi ed altri simpatici volatili quali persino il minuscolo martin
pescatore. Adesso la zona brulica di vita ed è un'oasi WWF e tutto
questo, pensate, grazie all'ignaro contributo della mia bella cagnetta;
ma amiamo la natura e non vogliamo essere ricompensati in alcun
modo.

Insomma, quel giorno.
Quel giorno era il primo giorno di primavera. Ma non era il 21 marzo.
Non è da un semplice datario che si capisce dell'arrivo della stagione
più attesa. La primavera è nell'aria. E' quando finalmente un giorno ti
svegli e senti l'aria profumata da nuovi odori, che i mesi invernali ti
avevano fatto dimenticare. E' quando non c'è più quella grigia cappa
di nuvole, è la luce, è l'albero sotto casa pieno strazzeppo di uccellini
cinguettanti e festosi. La primavera è quando finalmente, a sorpresa,
ti senti addosso uno sprint inatteso ed esci di casa con un sorriso
che ti taglia il viso da un orecchio all'altro (mentre fino al giorno prima
neanche un lifting ti avrebbe tirato le labbra). Il primo giorno di
primavera è quando alle sei del mattino ti trovi già in piedi felice di
esserlo. Il primo giorno di primavera è quando ti senti parte
                                   87

integrante del pianeta, quando capisci che Discovery Channel non è
una bufala, ma certe cose esistono.

Arrivammo sulle rive del Bisenzio e lì sciolsi Florinda. Io mi fermai a
guardare il fiume: i germani ammaravano nell'acqua con una
dolcezza da fare invidia al più tecnologico idrovolante, i fiori
sbocciavano, la brina faceva sì che l'erba emanasse quel
gradevolissimo odore di vita. Florinda, contrariamente al suo solito,
non si impegnò in una folle ed insensata corsa. Florinda rimase
immobile. Alzò solo lievemente il capo e protese il suo muso
nell'aria.

Pensai: "anche lei sente la primavera! Alla faccia di chi sostiene che
gli animali non hanno una sensibilità ed un'anima (perché si
chiamerebbero animali sennò?). E poi, lo sento io quest'odore
meraviglioso, figuriamoci un cane che in un mondo di odori ci vive".

Stette lì qualche secondo (attimi che mi sembrarono interminabili) col
suo tartufo nero proteso in direzione nord-est, come per dire "è lì...la
primavera è esattamente lì"; e poi partì. A razzo! E si perse nell'erba
alta.

"Florindaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!"

Tornò dopo cinque minuti. Il muso impiastricciato da una
puzzolentissima cacca fumante che guarda caso aveva trovato
proprio lì, dove iniziava la primavera.

Capii che era un giorno come gli altri: un giorno di merda.
                                    88

Cinesi e Ape 50

Il cinese alla guida ha la stessa abilità di una mucca nel fare la
danza del ventre.

Non si capisce assolutamente come sia possibile che i
rappresentanti della repubblica popolare cinese spesso siano trovati
alla guida di autoveicoli.

Sarà perché abito vicino a un quartiere cinese, ma tutti i sacrosanti
giorni mi imbatto nel muso giallo alla guida dell'Ape 50...prott prott...

Il cinese conduce la mitica Ape 50... prott prott... con la stessa abilità
con cui un bambino del cottolengo guiderebbe un elicottero
Apache.Con la differenza che l'elicottero Apache non viene messo in
mano al povero bimbo, mentre l'Ape 50...prott prott...ormai è
prerogativa del muso giallo; l'italiota non guida più questo veicolo da
almeno 25 anni.Il cinese invece lo ha trovato subito di suo
gradimento.Intanto per il costo contenuto, che permette anche ai
nuovi arrivati, con due soldi in tasca, di acquistare un mezzo utile per
spostarsi.In secondo luogo l'ampio cassone posteriore permette di
inserirvi intere famiglie (li ho visti io, personalmente, scendere in 7 -
sette- dal cassone di un'ape 50...prott prott)...La cabina coperta dà la
possibilità di guidare tranquillamente anche sotto le intemperie e in
più, stringendosi un po', ci si sta dentro anche in 3 (tre).E' così che
con pochi soldi si acquista un mezzo capace di trasportare 10 (dieci)
persone.Vabbè che i cinesi son piccini, ma a tutto c'è un limite.

La tragedia è quando ti trovi davanti sto cazzo di Ape 50...prott
prott...che affronta la salita di un cavalcavia.Il cinese imperterrito è lì
col gas a manetta e raggiunge la folle velocità di 1,5 kmh (chilometri
orari).Tu sei dietro che hai furia, che hai l'appuntamento con chi
cazzo ti pare fra 5 (cinque) minuti e non puoi superare perché:

A) sui cavalcavia non si può superare

B) sai benissimo che 99 su 100 col culo che ti ritrovi, di là c'è una
pattuglia di carabinieri che non aspetta altro (anzi secondo me i
carabinieri hanno fatto un accordo coi cinesi, perché loro, in 10
                                    89

sull'Ape 50...prott prott... passano indisturbati, ma tu ti becchi 5
points).

C) anche se te ne sbattessi del divieto di sorpasso o dei carabinieri
sicuramente appostati, una fila di camion che proviene in senso
opposto t’impedisce di effettuare il sorpasso.

Non ti resta che accodarti all'Ape 50... prott prott... spegnere il
motore della tua macchina e superare il cavalcavia grazie
al propulsore a bestemmie che hai appena inserito.

Finalmente ce l'hai fatta.Dopo 25 (venticinque) minuti il cavalcavia di
metri 100 (cento) è oltrepassato, i camion in senso opposto non ci
sono più e puoi superare.Metti la freccia e vai.

Ovviamente il cinese in quell'identico istante si ricorda che deve
prendere quella stradina sterrata a sinistra e senza guardare gli
specchietti (non li ha perché li ha tolti: li usa a casa per radersi quei
tre peli del cazzo che a volte gli spuntano) e senza usare le frecce
("siamo cinesi, mica indiani perdinci") gira di brutto pure lui; per
scansarlo tu vai a finire nel fosso, ti si apre l'airbag, distruggi le
sospensioni, il cofano, i tergicristalli e ti procuri pure contusioni e
abrasioni multiple guaribili in 7 (sette) giorni.Nel frattempo vedi il
cinesino che si allontana lungo la stradina sterrata con la sua Ape 50
del cazzo...prott prott...
                                     90

Il cliente rompicoglioni

Il cliente rompicoglioni esiste. Il cliente rompicoglioni ha le seguenti
caratteristiche:

A) è un rompicoglioni!

Alle ore 20.00 quando hai già fatto la cassa, rimesso un po' a posto,
spento le luci e sei già fuori dal negozio che stai tirando il bandone, il
cliente rompicoglioni spunta dal nulla, ti assale alle spalle ed
esordisce così:
"State chiudendo?"
"No, stiamo aprendo! Abbiamo fatto un fioretto a san Pancrazio e
quindi effettuiamo orario notturno..."
"Ahahaha... simpatico! ...abbia pazienza, ma vengo da lontano...
(l'uomo che viene da lontano)... solo una domanda, non le faccio
perdere tempo!"
Bugia! Panzana cosmica! Lo si capisce anche dal fatto che il naso gli
diventa improvvisamente una proboscide impazzita!
Ma il gestore gentile non si scompone: "Prego, si accomodi..." E
intanto riapre il bandone, riaccende le luci.
"Vorrei qualche informazione sui materaZZi.Li avete i materaZZi?"

Ndr: il negozio si chiama "CENTRO DEL MATERASSO", all'interno
materassi di tutti tipi strabuzzano dagli scaffali, cartelloni giganti che
pubblicizzano materassi delle migliori marche sono appesi ai
muri...Materassi singoli, matrimoniali, piazza e mezzo fanno bella
mostra di sé nelle 4 vetrine.

"Si, abbiamo i materassi..."
"Ma della misura 80x190 li avete?"
"E' standard! E' una misura standard...ecco, vede? Questo ad
esempio è un 80x190!"

Il cliente rompicoglioni è pure diffidente e gira sempre con un metro
in tasca.Lo tira fuori e verifica che il gestore gentile gli abbia detto il
vero (che gusto sarebbe prenderlo in castagna)...Con flemma da
inglese misura il materasso per vedere se corrisponde.
Corrisponde! Ma va?
                                    91

"In realtà non sono sicuro che il mio sia 80x190...devo prendere
meglio le misure!"

Poi al cliente rompicoglioni si illuminano gli occhi: "Attenda un attimo
che chiamo mia moglie! Lei gira sempre con le misure in
borsa...Torno subito, abbia pazienza...la chiamo che è in macchina
che aspetta..."
Ovviamente il cliente rompicoglioni ha parcheggiato 6 isolati più in
giù e ci mette almeno un quarto d'ora fra andare e tornare.Quasi
quasi il gestore gentile spera che non torni.
Torna!
Con la moglie.Anch'ella rompicoglioni, succube del marito e in più
brutta come la fame e pure un po' puzzolente di eau d'ascel.

"Su cara, facci vedere al signore le misure del materaZZo..."

La signora (si fa per dire) razzola nella sua incomprensibile borsa
tipo sacco, dalla quale comincia a tirare fuori di tutto: rossetti, ciprie,
fazzoletti di carta, chiavi, liste della spesa, scontrini, banane,
albanesi...insomma di tutto.Finalmente anche dei foglietti con su
scritte delle misure...le misure delle tende, le misure dello spazio fra
il comodino e il termosifone, le misure delle mutande del genero
(povero), la misura del passo del dado della vite del pannello della
cappa della cucina...Ma non ha...NON HA...la misura del suo cazzo
di materasso.
A quel punto il cliente rompicoglioni s'incazza con la moglie:
la litigata (in un incomprensibile dialetto) dura circa 20
minuti.Finalmente le acque si calmano.Il cliente rompicoglioni prende
la moglie sottobraccio e si avvia verso l'uscio:

"Torneremo con più calma e con le misure...tanto non eravamo
venuti per comprare, volevamo solo qualche informazione.."

Il gestore gentile li saluta con un sorriso, si chiude un attimo dentro il
negozio, va verso la cassetta degli attrezzi, prende un mazzuolo, si
cala i pantaloni ed anche le mutande, poggia i genitali sul banco e si
tira una mazzolata pazzesca.Prova un meraviglioso senso di
sollievo.
                                   92

Tv satellite

Potenza del satellite. Ti colleghi con tutto il mondo. Avete mai visto la
televisione polacca? La televisione polacca è, apparentemente,
come tutte le altre televisioni: trasmette!
La televisione polacca trasmette tristezza. Dalla mattina alla sera,
dalla sera alla mattina un grande fratello della tristezza.Quando poi i
polacchi tentano d'essere allegri è quando sono più tristi. La
televisione polacca è più triste della televisione del Qatar, di quella
dell'Azerbaijan (che almeno ha il coraggio di non trasmettere
assolutamente nulla, se non il cartellone, 24 ore su 24 con su scritto
"Azerbaijan TV").
L'unico programma polacco che sprizza un po' di allegria sono le
previsioni meteo quando non piove (uno o due giorni l'anno).
Ma i film! I film che trasmette la televisione polacca! Io non ci volevo
credere; vivamente vi consiglio di sintonizzarvi e di godervi lo
spettacolo. Fatevi una canna, una pera, del crack, un cocktail di
tutto, fatevi quello che vi pare e poi guardatevi un film trasmesso
dalla tv polacca.
I polacchi (insieme ai cecoslovacchi prima e ora ai cechi e agli
slovacchi), si sa, ci martellano coi loro deprimentissimi film
"significativi" che, oltre ad essere in polacco, in bianco e nero (se
non seppia), lunghi dalle sette alle dieci ore siderali, sono sempre
sottotitolati in olandese, in aramaico o indiano telugu.
Ebbene, avendo capito di avere creato una società di depressi
potenziali suicidi e cercando (invano) di venirne a capo, la
televisione polacca ha deciso di darsi una svolta e si è messa a
trasmettere i film americani (Via col vento, Easy rider, Titanic...).
"Che c'è di strano?" penserete voi?
Ecco cosa c'è:
evidentemente Polska TV non ha il danaro sufficiente per
permettersi un cast di doppiatori. Ne hanno assunto uno, uno solo
(probabilmente non è neanche assunto, ma è un rapito,
lobotomizzato, costretto a lavorare con un Kalashnikov puntato alla
tempia). Il malcapitato con ogni probabilità era un impiegatuccio che
lavorava in un seminterrato del catasto di Cracovia. Egli è costretto a
fare la parte di tutti gli attori: Clint Eastwood, Robert De Niro, Kim
Basinger, Marilyn Monroe, John Wayne: lui è tutti loro, maschi o
femmine, con la stessa voce, con lo stesso tono; mentre il film scorre
col sottofondo in lingua originale, il lobotomizzato ogni tanto traduce
                                  93

e sovrappone la sua voce, sempre uguale, mai un picco,
un'espressione di sorpresa, d'ilarità, di sconforto. Dev'essere vietato
esprimere emozioni. Vorrei vedere così doppiata Anna Magnani
nella scena finale di "Bella".
Una volta hanno trasmesso doppiato con questo
sistema "Totò,Peppino e la malafemmena". Un mito!

Se avrete organizzato una serata con gli amici e non sarete paghi di
tale spettacolo, una volta terminato il film della tv polacca, vi
consiglierei (dopo esservi fatto uno schizzo di eroina) di sintonizzarvi
sulla tv del Sudan e di godervi una delle loro strepitose telenovelas.
Ah! Che attori, che trasporto nella recitazione, che capacità
nell'entrare nel personaggio.

Dulcis in fundo, tanto per sollevare un po' gli amici superstiti (quelli
che hanno cioè rinunciato all'impiccagione dal vostro lampadario o a
fulminarsi col vostro phon dopo aver detto "vado un attimo in
bagno"), il palinsesto consiglierebbe la televisione tailandese. A
parte il fatto che hanno delle vocine che sembrano tutti eunuchi,
deve essere difficilissimo creare una programmazione per la tv
tailandese: parlano velocissimi! Un programma che da noi durerebbe
due ore da loro dura venti minuti. Ecco perché trasmettono molte più
cose che le tv occidentali. Una volta ho assistito alla telecronaca di
una partita di calcio tailandese. Il telecronista parlava talmente
veloce che quando ancora si giocava il quindicesimo del primo
tempo lui aveva già dato il risultato finale, intervistato i giocatori e
dato la linea allo studio.

Mi piace guardare le tv estere, sono una vetrina sul mondo. Fatelo
anche voi.
                                    94

La contessa Cippa Della Lippa nella Prugna

La contessa Cippa Della Lippa nella Prugna è una vera contessa,
una contessa d'altri tempi, non come quelle contesse di adesso che
non si capisce se appartengano alla nobiltà oppure al cast di
"velone" di un programma pomeridiano. La contessa Cippa Della
Lippa nella Prugna è stata forgiata da educatori di rango, ha studiato
a Oxford, veste in modo elegante ma sobrio, la sua villa è stupenda
ma assolutamente non kitch con, arredi di classe assoluta. La
contessa Cippa Della Lippa nella Prugna mai parteciperebbe all'isola
dei famosi, le sue frequentazioni sono esclusivamente quelle d'altri e
alti nobili ma giammai riflettori o paparazzi l'hanno immortalata in
atteggiamenti scandalistici su riviste di dubbio valore. La contessa
Cippa Della Lippa nella Prugna è anche una bella donna, anche se
ormai non più ragazzina.

La contessa Cippa Della Lippa nella Prugna ha però un problema:
scoreggia. E scoreggia di brutto, di continuo, pianissimo, adagio,
forte, andante con moto: è quasi una sinfonia. Una sinfonia della
quale non riesce, suo malgrado, a farne a meno. La contessa Cippa
Della Lippa nella Prugna è disperata. Nessun medico, nessuno
specialista, neanche a Parigi, a New York o a Tokio dove s'è recata
dai migliori esperti, è riuscita a trovare un rimedio. Andò persino una
volta da un guru a Bombay e poi da una certa Sybillam, strega
dell'Arkansas, esperta in magia bianca, nota in tutto lo stato per aver
guarito un cavallo che ruttava. Niente: neanche le scienze occulte
avevano avuto il sopravvento sul male che affligge la contessa.

Ha cercato, la tapina, soluzioni che chiamare artigianali è dir poco;
come quando s'inserì un tappo nel nobile orifizio nella speranza di
bloccare l'uscita del maleodorante gas. Risultato: nobile mutanda
bucata ed esplosione pirotecnica durante la nomina a cavaliere
d'Italia del duca della Mandragola, con tappo che andò a perforare il
timpano di uno dei valletti. Un'altra volta, durante una visita ad un
istituto per orfanelli, per evitare la fuoriuscita della fetida flatulenza,
inserì un normalissimo palloncino, in modo tale che il gas rimanesse
costretto all'interno del tale. Nel giro di pochi minuti la nobildonna
cominciò a sentirsi leggera. Era una cosa direttamente
proporzionale: più aumentava il suo deretano (per via del palloncino
che si gonfiava) più ella si sentiva leggera, fino quasi a volare. I
                                   95

bimbi attoniti e felici credevano che fosse venuta in visita Mary
Poppins. Con un'ingente donazione all'istituto il fatto venne messo a
tacere.

Adesso la contessa Cippa Della Lippa nella Prugna non è più
giovanissima e come tutte le donne non più giovanissime ogni tanto
si ferma a riflettere sul suo passato. Mai un amante, non un marito,
nessuno l'ha mai conosciuta nell'intimità. Anzi no, a dire il vero uno ci
fu: il marchese Pier Gerardo (di cui ometto il casato per motivi di
privacy). Non si sa come, con che stratagemma, ella riuscì a
condurlo fino all'alcova; intendo dire senza che il marchese non
avvertisse né coriacei odori né intemperanti rumori. Forse era
ubriaco. Già,senz'altro era ubriaco. Nell'intimità però difficile fu
dissimulare; i rumori venivano coperti dai gemiti (non si sa quanto
reali) della Della Lippa e per gli odori ella fu così abile da condurlo a
compiere l'atto nella stalla della magione di campagna. Non rivide
comunque mai più il marchese: forse quella stalla era più puzzolente
del normale.

Povera contessa, affranta, triste, senza più speranze né rimedi; tra
una scoreggia e l'altra vede le sue rughe farsi sempre più profonde e
ogni notte, quando si corica, prima dell'ultima grande scoreggia che
la porterà tra le braccia di Morfeo, si chiede come sarebbe stata la
sua vita senza peti.
                                 96

Tre Giovanni e una Domenica (ma pure un Venerdì)

"Buongiorno Giovanni!" Disse Giovanni.
"Buongiorno a te, Giovanni!" Rispose Giovanni.
"Non hai mica visto Giovanni ultimamente?" Domandò Giovanni.

(Purtroppo per voi che POTRESTE leggerla, ma soprattutto per me
che DEBBO scriverla, i tre protagonisti maschi di questa vicenda si
chiamano tutti Giovanni).

Ma dov'ero rimasto? Ah, si! A Giovanni!

"Dev' essere da Domenica..." Rispose Giovanni.
"Quindi l'hai visto l'altroieri..." Disse Giovanni.
"No, saranno quattro o cinque giorni che non lo vedo..."
"Mi permetto di correggerti: se è da domenica è da l'altroieri,
essendo oggi martedì!"
"Assolutamente no! Son cinque giorni! E' da Domenica! E' da sua
sorella Domenica da cinque giorni esatti, per i preparativi del
matrimonio!"
"Si sposa?"
"Si, Domenica si sposa lunedì e poi vanno subito in viaggio di
nozze!"
"E Venerdì?"
"Venerdì cosa? Venerdì pesce! Che c'entra venerdì?"
"Intendevo Venerdì! Il cane di Domenica! A chi lo lasciano?"
"Domenica Venerdì è da Domenica, lunedì portano Venerdì dal
vicino di Domenica, il signor Di Sabato, fino a mercoledì; Domenica
riprenderà Venerdì giovedì!" Chiarì finalmente Giovanni.
"E Giovanni? Non poteva tenerlo lui Venerdì fino a mercoledì?"
Domandò Giovanni.
"Giovanni giovedì è impegnato e Domenica viene di giovedì, mentre
Di Sabato fra mercoledì e giovedì sta con Venerdì fino a che arriva
Domenica di giovedì! Non mi pare poi così complicato! Perbacco!"
"Non mi è del tutto chiaro..." Disse Giovanni...

Sembra che la discussione si protrasse fino a venerdì, quando cioè
da Domenica, arrivata mercoledì, c'era già Venerdì, che Di Sabato
rese giovedì.
                                  97

Ma povere lance!

Vi sono alcuni modi di dire dei quali non si capisce un tubo: né
significato, né etimologia.
Prendiamo ad esempio il modo di dire "spezzare una lancia".
Innanzi tutto non si sa che razza di lancia si debba spezzare: vuoi
che sia essa una lancia di tipo masai? Oppure si fa riferimento ad
una lancia-motoscafo? O ancora ad un'autovettura della nota casa
automobilistica?
Certo parrebbe inverosimile, ogni volta che vogliamo dimostrare
solidarietà a qualcuno, mettersi di buzzo buono a stroncare in due un
motoscafo in mezzo al mare o peggio ancora, andare a sfracellarsi
contro un muro e disintegrare una Delta Integrale.
"Ora spezzo una Lancia in tuo favore!" E giù a tutta birra contro un
platano in mezzo ai viali! Un pazzo!
Se ne deduce quindi che si sta parlando di una lancia del tipo di
quelle che usavano i cacciatori di un tempo e di cui ancora oggi fa
uso qualche lontana tribù.
Ma di tutto ciò, cosa ne pensano i fabbricanti di lance? Pensate voi
che essi siano contenti di tale usanza? Produrre lance deve essere
un'attività a rischio: quante ne arrivano intatte presso i negozianti?
E ancora, voglio vedere chi ha il coraggio di andare da un guerriero
masai, sottrargli la sua personalissima lancia e spezzargliela in due
sotto il naso adducendo come motivazione "scusa guerriero masai,
abbi pazienza, mi spiace per la tua bellissima lancia tutta intagliata a
mano da te personalmente con certosina pazienza, ma lo faccio per
mostrare solidarietà ad un mio conoscente!".
E poi inoltre vorrei sapere: qual'è il vantaggio materiale che ne trae
colui per il quale spezziamo sta benedetta lancia? Magari si tratta di
uno cui, nonostante un punteggio adeguato, il comune non assegna
la casa. "Non preoccuparti, ho appena spezzato una lancia per te!" E
gli porgete l'attrezzo perfettamente troncato a metà. Pensate forse
ch'egli vi mostrerà gratitudine o piuttosto che vi guarderà come un
povero deficiente?
Io sosterrei che l'inutilità di tale gesto appare palese dopo queste mie
poche righe, quindi ritengo che da oggi dovremmo smettere di
prendercela con queste povere lance che rischiano lo sterminio a
causa della nostra incoerenza.
                                   98

Buonasera, gatte morte

Buonasera, mie care gatte morte folgorate dalla catalessi mediatica;
quante fregnacce vi passano per la testa in questo esattissimo
momento?
Alt! Non fermatevi a contarle, potreste non farcela!
Siete ancora rincoglioniti dalla nottata gagliarda (quanto
inutile) passata davanti al vostro trasparentissimo monitor nel
tentativo di vedere una donna spogliata? Almeno vederle calar per
sbaglio la spallina del reggiseno? E quando le è (per errore) calata,
avete colto l'attimo e le avete scritto soddisfatti di voi stessi "sei
proprio una troia", ma vi s'è improvvisamente oscurata quella
merdosissima webcam acquistata in offerta su ebay da un serissimo
rivenditore cinese?
E adesso, miei cari zuzzurelloni del web, siete lì che giocate col
"topo" saltando come canguri tra un blog e l'altro senza sapere il
perché e il percome? E vi trovate ancora qui, guarda caso, a sperare
di avere un sussulto nel vostro piattume grazie ad un post
incredibile dell'ancor più incredibile Bat?
Scordatevelo!
Non impegnerò oltre le mie capacità neurologiche; non oltre a quel
che basta per farvi scorrere lo sguardo inebetito su quello che per
voi è un semplice quadrato luminoso, ovvero il monitor.
Dite la verità, a qualcosa, scorrendo queste righe, seppur possa
apparire incredibile, state pensando: a come dimagrire prima delle
vostre ferie estive a Cesenatico Nord presso la pensione Greta, che
è ad una sola stelletta ma alle 19.00 in punto vi serve i tortellini caldi
in brodo (anche il 15 d'agosto), proprio come faceva vostra nonna
Eulalia, pace all'anima sua.
Ai vostri amici di chat avete semplicemente detto che vi recherete in
Riviera, "...perché lì è tutta vita..."; e per confermare tale
affermazione avete già pensato alla cartolina da spedire, che ritrarrà
uno splendido primo piano della discoteca più "in" della zona, presa
d'assalto dalle fiche più fiche del sistema solare; solo che voi in cuor
vostro, già sapete che non potrete andarvi, perché la pensione Greta
chiude il portone alle undici di notte e non dà le chiavi a nessuno
degli ospiti. Ma soprattutto perché vostra moglie, che in questo
mondo virtuale non avete mai presentato a nessuno, ma nella realtà
esiste, vi prenderebbe a randellate sulle costole.
E voi femminucce? Che ridete? Non sarà da meno anche per voi,
                                  99

inutilmente alle prese con creme, unguenti, palestre, diete, erbe,
yoga, massaggi e cartomanti per eliminare tutto ciò che il
vostro sfatto corpo ha accumulato, come gli orsi, durante il lungo
anno. Voi, forse, alla discoteca "in" ci arriverete, ma non vi cagherà
nessuno, perché appunto presa d'assalto dalle fiche più fiche del
sistema solare.
Ecco, e adesso che avete trascorso tre superflui minuti della vostra
superflua esistenza a leggere questo superfluo post, potete
nuovamente pigiare il dito indice della vostra addormentata manina
sul tasto sinistro del vostro "topo" e passare inermi e passivi al
BLOG SUCCESSIVO

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:17
posted:2/18/2012
language:Italian
pages:99