Arlecchino Torta Magname

Document Sample
Arlecchino Torta Magname Powered By Docstoc
					               ARLECCHINO
      E LA TORTA MAGNAME MAGNAME
                                       Di Manrico Punzo

Personaggi

Pantalone- Padre di Gisella
Arlecchino Batocchio- Servo arruffone di Pantalone
Brighella- Amico di Arlecchino e servo di Gaudenzio
Gaudenzio- Innamorato e finto rapitore di Gisella
Gisella- Figlia di Pantalone e innamorata di Gaudenzio
(Il duca Federico - Cugino di Gaudenzio e suo ambasciatore)

ATTO PRIMO
Primo quadro
(Pantalone- Arlecchino in persona e burattino)

Pantalone (Passeggiando avanti e indietro inveisce)- Mi lo sapevo, ostrega! ‘Sti servitori
sono tuti medesimi, quando te bisognan non ci sono mai...Arlecchinoo! Danato martufo
scansafatighe! Arlecchinooooo!
Arlecchino (Arriva di persona passando fra il pubblico )- L’è proprio furioso! L’è mejo far
finta de gniente.... Ooh, che bela compagnia vi riverisco tutti ( inchino) Mi son Arlecchin
Batochio, servitor, ahimè del sior Pantalòn, quel là (lo indica al pubblico e Chiede a
qualcuno) Permette, che mi me seto on momentìn ? (si siede)
Pantalone (dal teatrino)- Arlecchinooooo .... lasaròn, indove che sei finito! Quando non se
vede ‘l combina qualche pastiso! (scompare)!
Arlecchino (all’urlo di Pantalone sprofonda nella sedia per nascondersi poi si tira su)- L’è
sucessa una roba tremenda!..... El paròn m’ha mandà dal sior Ernesto a prender ona torta per
‘stasera che xè la festa del fidansamento di madamigella Gisela. Ona torta, zente! Mi la
portavo ed ela me diseva: “Magname, magname!” e mi “No, no!” ed ela ancora “Magname,
magname!” e mi “On toco solo, picolo eh!” ....con sto paròn se magna poco, la fame la xè
tanta .....do tochi.... tre tochi, .... insomma adesso la torta non la ghè xè più. Fi-ni-ta, gnanca
più le briciole! ( si liscia pancia e bocca con soddisfazione). Se ghe penso a quel che
sucederà quando el sior Pantalòn scopre ....Oh povero Arlechin ... Brrr, però ostrega come la
xera bona, on paradiso fato torta!
Pantalone ( compare dal teatrino con un cannocchiale)- Prima o poi lo scopro dove si è
nascosto quel disgrasiato....lì no ....manco de là! Eccolo il delinquente!! ..... Arlecchino: ti ho
visto! Te sè vicino (descrive in maniera ridicola quelli seduti vicino ad Arlecchino) .Vien qua
subito, scansafatiche, lasaròn, cana de vetro!
Arlecchino- Vegno! Forse l’è mejo che vada!
Pantalone- De corsa!
Arlecchino- Vegno sor paròn lustrissimo! Arivo! (si infila nel teatrino )
Pantalone- A travajar gh’ è mai... bisogna sercarlo e se sucede de trovarlo alora dise che
ariva ...Lasaròn!
Arlecchino ( compare come burattino vicino a Pantalone) Pronto sior Paròn non avevo
sentito che mi sercavate!
Pantalone-Così se’ diventà anche sordo! Adesso ti guarisco io (bastonata)
Arlecchino- Ohi, ohi! Ma me sono inocente!
Pantalone- Ti te xè mai inocente, ti te xè on satanasso!
Arlecchino- Mi me par d’essere un materasso, altro che!
Pantalone- Adesso però slarga le sventole e capissi ben quel che te devi fare. Questa sera ghe
sarà la festa del fidansamento de la mi putela Gisela con el sior Arturo Barbagianni....
Arlecchino- Quel che l’ somija tal e qual al so nom?
Pantalone (bastonata)- Dillo ancora che te faso on paltò de legnate! ( bastona)
Arlecchino- Oh, sior paròn queste son caresse??
Pantalone- Silensio! Ti te devi vardar che sia tuto in ordine su la tavola del rinfresco! E me
racomandi la torta che te sì andà a prender dal sior Ernesto!
Arlecchino- La torta .. la torta..ah, ecco: quela no!
Pantalone- Come, quella no! La xè una meraviglia, l’ho comprata aposta .... 20 secchini, uno
su l’altro, ostrega! Basta guardarla che te ven voja de magnarla!
Arlecchino- Su questo mi son d’acordo col sior paròn, però... però, ecco, l’è sucesso che ....
che quando son andà dal sior Ernesto non la xera ancora pronta! Devo.... devo andar fra on
po’!
Pantalone- Va ben! Adeso però dà ona vos a la mi putela, Gisela, che me la aspetto quà e po’
camina a travajar, che il tempo vola! (Arlecchino esce) E anca questa la xè fata .....

Secondo quadro
(Pantalone e Gisella)

Voce fuori campo- Sior pare, dove siete, sior pare!
Pantalone- Son qua! Ostrega ma xè mai posibile che te devi semper starnasar como un’oca
sema?
Gisella (entrando)- Quali ordini sior pare?
Pantalone- Alora, te piase la veste per la festa di questa sera?
Gisella- No, no, e no! La veste me piase, ma mi quel rospo, bruto, cataroso e graso como on
majal del sior Arturo non lo vojo!
Pantalone- Non lo vojo? Se ‘l piase a mi deve piaser anca a ti! Te se fijia mia o no?
Gisella- Per disgrasia son propio fijia vostra, ma mi ...... no, no e poi no! La xè ‘na roba da
sprofondar per la vergogna ciamarse “siora Barbagianni” e spasigiàr vicino a quel bruto
coso!
Pantalone- Ma per ona dote de quatro baiochi como la xè la tua, anca ciamarse “siora
Schifessa” ‘l va sempre ben! Ascolta una volta ‘sto gram’omo de to pare!
Gisella- Voi non siete me pare, voi siete me pare orbo! Perchè più bruto del sior Arturo non
potevate trovarmelo!
Pantalone- E a quele scarsele tute bele gonfie di sechini, non te pensi?
Gisella- Scarsele? Oh, sior pare, non la basta una montagna de sechini per far diventar belo
quel vecio barbagianni agli oci di una dona! Ve lo garantiso mi!
Pantalone- Orbo o no, belo o brutto che sia, mi g’ ho una parola sola e questa sera se farà la
festa per il fidansamento con il sior Arturo! Ciaro?
Gisella- Ciaro, on bel gniente, sior pare! Al massimo per forsa!
Pantalone- Non per forsa ma perchè ona dona la ubidise sempre prima al pare e po’ al so’
marì!
Gisella- E sà....e certo.... prima al Pantalòn e dopo al Barbagianni! Che bela vita..... E va ben
... e alora per la festa mi devo andar a comperar uno scialle che ‘l staga ben con la vesta nova!
Pantalone- Scialle? Ecco: secchini, ancora secchini, sempre secchini!.... Ma se ne hai una
cassa piena, cosa devi comprare ancora scialli!!
Gisella- La xè tuta roba vecia....de la mi nona e bisnona. Oltre a on fidansà che xè stato su
l’Arca del Noè, me toca anco uno scialle più vecio del fidansà?! Semo mati? O scialle nuovo
o niente fidansamento!
Pantalone- Ti te xe’ pû tremenda de la tua mama buonanima! G’ ho ‘na voja mata de gavarte
la polvere dal fondo del de drio .....
Gisella- E alora niente fidansamento e niente sghei del sor Arturo!
Pantalone- E va bene, gasa ladra, ma quando che te sorte mena con ti la Filippa. Non me
piase che ti te vai a spasegiar da sola!
Gisella- E no, sior pare, mi preferiso Arlechin perchè vojo far anche un po’ di spesa e quelo
porta la roba senza tante ciacole. La Filippa la xè sempre tuta una lamentansa! Vado a
prepararme per sortir! Sono tuta disordinata!(Esce)
Pantalone- Disordinata? Ostrega, ma cosa g’ha nela testa? La sta semper lì a stucarse e
pitarse como ‘na gondola vegia e po’ la deve prepararse ! Ma come fa a vivere on pover’omo
còn ‘na putela sensa cervela e on servidor indormio e scansafatighe! Arlechinoooo!


Terzo quadro
(Pantalone e Arlecchino)

Arlecchino (Entrando) Per servirla sior paròn, sempre al suo servisio!
Pantalone- Arlechin, quando che la serà pronta, fra una mesa ora che la vaga ben, devi
compagnar madamigella Gisela al mercà a spender tuti i miei secchini! E non smentiarte la
torta dal sior Ernesto o te taco per il colo sul patibolo! (esce)
Arlecchino- E chi se dimentica! Adesso però xè necesario trovar Brighella che me daga ‘na
man, mi vojo mica pensolar in meso San Marco!

Quarto quadro
(Arlecchino e Brighella)

Voce fuori campo (Brighella))- Arlechin!Ohhhh Arlechin!
Arlecchino- Chi me ciama! (rivolto al pubblico) Ostrega che fortuna, zente, xè proprio il
Brighela!
Brighella (entrando) Se-sempre al suuuo servisio sior Aaarlechin!
Arlecchino- Non far il semo ancòn mi! Ostrega! Per fortuna che te xè rivato: sono in pericolo
di vita!
Brighella- Maaa se non ti ho mai visto così bello e pa-pasciuto. Sembra che ti sii levato di
tavola du- due minuti fa!
Arlecchino- Proprio per questo!
Brighella- Perchè ci hai pa-paura che ti hanno invelenato?
Arlecchino- No, quello no, ma me son magnà tuta la torta per la festa del fidansamento di
madamigella Gisela. Tuta capisi? Una buntà ....incalcolabile. Però adesso che el sor
Pantalone se ne acorse sai che legnate!..... Una quantità incalcolabile! Un interoclisma!
Brighella- Un cacataclisma, se diiiise!Te sè proprio un semo in go-gon....
Arlecchino- Semo in gonella te sarà ti!
Brighella- Mi volevo dir seeeemo in go-gondola e non in goonella!Rimbambio!
Arlecchino- E va ben: in gondola pole anche andar.... però aiutami perchè se il sior Pantalòn
scopre ....Brr! Son morto! Fa in fretta perchè g’ ho poco tempo .....
Brighella- Se ca-capise: te devi sortir con mada-da- damigella Gisela che la vaaa a
comperarse on sialle novo di se-secca!
Arlecchino- Proprio così.....Ostrega e ti come te fa a saverlo?
Brighella- Oh, Aaarlechin, ma te sè proprio indormio con tuta la to-to-torta nela pansa? Chi
l’è el me paròn?
Arlecchino- Me par quel bel fiol del sor Gaudensio!
Brighella- E allora? Du- du- due più du-du- due.....
Arlecchino- Me par che ‘l fasa sinque.... ma non pensar a la matermatica, ostrega, pensa a la
torta. Cosa potemo far per scansar il.....brrr, il patibolo?
Brighella- Aaarlechin: il sor Gaudensio e mada- da-damigella Gisela ......
Arlecchino- E ben?
Brighella- Come e ben? Mada-da-damigella Gisela e il sor Gaudensio.....
Arlecchino- E alora.
Brighella- Ma po-porca miseriassa, Aaarlechin, sono inamorati!
Arlecchino- Oh, questa poi ! ....Ma non xè posibile: madamigella la xè fidansata e ....stasera
xè la festa del fidansamento!
Brighella- On bel gnieeeente! Statasera il siòr Barbagianni rimane a booocca asciutta!
Arlecchino- Che bela scoperta! Se capise: la torta me la sono magnata io!
Brighella- Ma nooon per la toorta, semo! Bocca asciutta per la morosa!Xè on mooodo di dire!
Sensa morosa, insosomma hai capito? E lasia peperdere la to-torta!.
Arlecchino- Parli bene te ma a finire morto catavere stechito con il collo tirato sarò io!
Brighella- Ma no! Aaaascolta bene: adesso che te sorti con mada-da-damigella Gisela, in sul
più bello ririverà on bandito che la rarapipisce ....
Arlecchino- Ehhhh? Rarapisono ..... allora corriamo a dircelo agli sbirri!
Brighella- Ma ti te g’ha tuuuuta la servela a bagno!? La xè tuta una finta! Il rapitotore xè il
sior Gaudensio e l’ xè d’aaacordo con mada-da- damigella! Xè on rapimeeento per finta .......
Arlecchino- Per mandare gambe a l’aria la facenda con il barbagianni!?
Brighella- Proprio co-co- così, finalmente ci sei rivato!
Arlecchino- E va ben! Madamigella Gisela la scapa con el sior Gaudensio; el sior
Barbagianni resta sensa putela, el sior Pantalòn risparmia anca i quater baiochi de dote, ma
mi, come faso per la torta?
Brighella- Ma sei du-duro, eh! Non hai proprio coooomprendonio! Se non xè il fidansame-
mento, non ghe sarà gnanca la fe-festa e sensa fe-festa la torta non serve! Tutti preoccupati per
il rato e nessuuuno....
Arlecchino- Cosa ghe entrano adeso i rati!
Brighella- Quali rati?
Arlecchino- L’hai detto ti che tuti pensano al rato!
Brighella- Gnorantiiissimo gnorante! (legnate) Ra-ra- rato per rapimento non ra-rato per
topo! Hai capito? (una sberla)
Arlecchino- Urca, ma anca ti per menare! Ma te se mato?
Brighella- Mi sarò anca mato, ma ti sè tuuuto semo! Allora me racococomando: adesso che ti
sorte con mada- da- damigella Gisella fa come se niente fosse.
Arlecchino- Come se ti non mi avessi contato gniente del rirassa...rapinissamento!!                  Brigh
Arlecchino- Va ben, mi me gavo da torno e se rangia il rapi....il rapina.....il rapinassatore.....
Brighella- Ti te ne vai on po’ qua e on po’ là e pian pianin te torni a cà.
Arlecchino- E se capise, ma rivato a cà cosa ghe digo al sior Pantalòn quando che me ciama
de la so putela?
Brighella- Te devi contar al sior Pantalòn che la so puutela la xè stata rapita.... che xera ‘na
banda treeemenda de tajagola.... insomma rangiate ti .... on po’ de fan- fan....
Arlecchino- Fanfaluche! E dai, anca ti! Mi fanfaluche non so contarne! Mai stato bono!Me
ciamo mica Brighella mi!
Brighella- Diisevo on po’ de fan- fan- fantasia, non de fan- fan- fanfaluche! Te capisi mai
gniente ti, ooostrega!
Arlecchino- Anca la fantasia adesso? Non te par ‘na facenda on po’ tropo complicada? E poi
se a on che non ci importa della madamigella rari ... rapi ...rapinassata ci salta in testa de
magnar la torta, mi cosa faso?
Brighella- Ma sta tranquilo.. se proprio el sior Pantalòn la serca fasemo preeesto a inventarse
‘na storia qualsiasi: mi sono on ma-mago per questo!Ti saluto e vado! (esce)
Arlecchino- Tuti medesimi: menan bote e dano ordini! Questo qui dise perfino che lui xè on
mago! Pensan solo a farte correre e travajàr, travajar e correre! Ma come la xera bona quela
torta!!

FINE DEL PRIMO ATTO




ATTO SECONDO

Primo quadro
(Arlecchino e Gisella)

Gisella (entra con una sporta al braccio )- Arlecchinoooo!!! Servitòr tuto semo e
imbarsamato!
Arlecchino (erntra con un inchino)- Comandi madamigella lustrissima!
Gisella- Ciapa la sporta e ven con mi! (da la sporta ad Arlecchino e si avvia)

(I due attraversano il boccascena avanti e indietro un paio di volte a simulare che
camminano)
Arlecchino (camminando)- Camina, porta, sali, sendi, vai, veni, ma magnar mai che on paròn
se ricorda! Bela eh, la vita del servitòr!
Gisella (si ferma)- Adesso ti, va dal sior Ernesto per quela schifessa de torta del mi pare . Poi
mi raggiungi al mercà.
Arlecchino- Ma...ma....eco, se madamigella permette, me par che el xè ancora presto..... el
sior Ernesto el diseva .... intorno mesogiorno!
Gisella- E va ben! ..... Alora va dal vecio Toni e portame 20 tochi de savòn per belessa che
poi ghe pensa me pare a pagarli!
Arlecchino- Madamigella, me dispiase, ma so pare l’ha barufato di brutto con il Toni. Son
legnate se mi rivo col savòn de quel là !
Gisella- Ah, si? Non lo sapevo! Bhe, allora.... ah, ecco: vammi a comprare 20 rose dalla
Ignazia, ma sta tento che siano proprio belle, rosse, vellutate e profumate come voglio io !
Arlecchino- Ma per piasèr, madamigella: quella, la Ignazia, l’ha il banchettin proprio su la
strà per andare al mercà, no?! Alora, adesso che ghe pasemo davanti, madamigella può
scegliere tute le rose che vuole e come ci piasono, sensa che mi faso qualche pastiso! Dico
bene, madamigella?
Gisella - Certamente (rivolta al pubblico) Non xè proprio verso de gavarselo de torno ‘sto
allocco!! Non capise gniente! Peggio per lui se ne prenderà un sacco e una sporta!
Arlecchino- (rivolto al pubblico) Mica semo! Ci portavo le rose e lei prinsipiava a rognare...il
colore xè on bruto roso.. il profumo no ‘l xè fresco ... La xè mai contenta! Speriamo però che
adesso me dise d’andar via! Questo xè on posto che non me piase el’ va proprio ben per i
rapinassamenti! Se ciama anche calle de’ morti! Brrrr!

Secondo Quadro
(Gaudenzio- Arlecchino- Gisella)

Gaudenzio (entrando)- Fermi tutti e silenzio.. .. chi si muove è un uomo morto!
Arlecchino (alzando le mani) - Calma eh! Mi son disarmato, non ho visto gniente de gniente!
Mi son tuto semo e voi rangeve come ve piase...Brancate pure la putela si ve piase , io non ho
visto gniente! Me non ci sono, ecco
Gisella (abbracciando il rapitore)- Gaudenzio, amore mio, pensavo che non arrivassi più!!
Baciami, Gaudenzio, baciami
Gaudenzio- (staccando da sè Gisella) -Gisella, sciocchina imprudente! Ti avrevo detto di non
pronunciare il mio nome!
Gisella (tornando ad abbracciarlo)- E’ l’amore! E’ la passione per te che non mi dà pace e
che mi ha tradita! Perdonami , dimmi che sono ancora il tuo grande amore e portami via con
te ... lontano...per sempre!
Arlecchino- Brava madamigella!.... Che se la porti pure sior Gaudensio ben ben lontano, ma
lontano davvero! E per sempre, mi racomando!
Gaudenzio- Fa silenzio, grosso stupido (scrollandosi di dosso Gisella) Ma certo che sei il
mio grande amore.... si capisce, .... ma adesso, per carità, lasciami e corri....
Gisella- No, solo con te!.... Avevi detto, che mi portavi con te!
Gaudenzio- Per favore, Gisella, non metterti a fare i capricci proprio adesso! Certo che verrò
con te, ma ora corri: in fondo alla strada c’è una gondola che ci aspetta, saltaci sopra ..... io
arrivo subito, te lo giuro.... aspettami !
Gisella- (scomparendo)- Volo amore mio, volo ! Fai presto! Ti amo, ti amo, ti amo!
Arlecchino- Che l’ vaga pure con madamigella. Mi la strà per tornare a cà la cognosco mejo
d’on cagnolìn amaestrato! Che l’ vaga caro sior Gaudensio!
Gaudenzio- Come mi chiamo io? Eh, signor Tremarella? (legnate)
Arlecchino- Uhi! Ma qui xè un errore: me sono Arlechin Batochio e non Tremarella!
Gaudenzio- Tuto sbagliato ! Ti se’ on cagòn tuta tremarella (legnate) ma io chi sono?
Arlecchino- Ohiohioioiò! Ma perchè non andate con madamigella sulla gondola? La putela la
xè là, tuta inamorata che vi spetta!
Gaudenzio- Tu non ci pensare! Piuttosto io come mi chiamo?
Arlecchino- Sior Gaudensio!
Gaudenzio (legnate)- Non è vero!
Arlecchino- Si che ‘l xè vero!
Gaudenzio- E io ti dico di no! (legnata)
Arlecchino- Ma se anca la putela del siòr paròn l’ha ciamalo Gaudensio... il suo grande
amore!
Gaudenzio- E tu dimenticalo! Hai capito? Di- men- ti- ca- lo (alternato con legnate). E’
chiaro quello che ti ho detto?
Arlecchino- Disemo che l’ xè più ciaro quel che el sior m’ha dato! Perchè queste son bote da
orbi, ostrega! Brighella, disgraziato! Questo xè on mato bacato ne la testa de quei che menan
de brutto! Ohi, mè, son tuto a tochi!
Gaudenzio- Dopo che sto cercando di aiutarti io sarei bacato ne la testa?! (legnata) Te lo dò
io il matto! (legnate), Ma lo sai che è nel tuo interesse rivar dal sor Pantalòn tuto pesto e
sderenato? (altre bastonate)
Arlecchino- Ohi, Urca! Ciamale interesse tute ‘ste legnate! De ‘sto passo dal sior Pantalòn
non ghe rivo proprio!
Gaudenzio- E’ inutile, sei troppo scemo! Allora mi raccomando, non ti dimenticare: io non
esisto!
Arlecchino- Ma si capise, sempre al suo servisio! Non si preoccupi che Arlechin xè più muto
di un’anatra!... E buona festa con madamigella Gisella, eh, sior Gaudensio!
Gaudenzio (legnata)- Idiota, questa te la sei proprio meritata e anche questa (legnata)
Arlecchino- Ohi! Urca! Dio bono che botta! E anca questa le xà nel mio interesse?
Gaudenzio- No, è una sodisfazione personale!
Arlecchino- Non xè mica tanta diferensa! Ma perchè le sodisfasioni personali non va a
prenedersele su la gondola dove che lo aspeta Madamigella Gisella?
Gaudenzio- So io cosa fare! (legnata) Ti, Cagòn Tremarella, pensa a taser e basta! Se ti
chiedono come mi chiamo tu rispondi che non mi conosci... non lo sai ... “Nolsò”. Chiaro?
(bastonata)
Arlecchino- (cade poi solleva un po’ la testa rivolto al pubblico) Mejo fare el morto
altrimenti ‘sto disgrasià me copa davvero!
Gaudenzio- Non fare il cadavere, Tremarella, perchè mi lo so che tu sei vivo! E non
dimenticarti: silensio con gli sbirri ! Alora come mi chiamo io?
Arlecchino- Gli strapassati fan silensio e basta!
Gaudenzio (bastonata)- Te lo dò mi lo strapassato! Alora come mi chiamo io? Parla o mi te
maso sul serio!
Arlecchino- Parla ...tase... tase.... parla ....non se capise più niente... ”Nolsò”, va bene così?
Gaudenzio- Finalmente l’hai capita. Va benissimo e non dimenticarti: silensio con gli sbirri si
te piase la vita (esce)
Arlecchino- Benissimo forse per la signoria vostra caro sior.... “Nolsò”! Ma per mi
...benissimo on cavol ostrega! Ohiohi! Me sento tuto riformà! Se branco Brighella lo faso a
tochi!

Terzo quadro
(Arlecchino- Brighella)

Brighella (entrando si avvicina ad Arlecchino) Aaarlechin, ma cooosa xè sucesso? Chi l’è stà
a rangiarte in sto modo?
Arlecchino Non me doveva suceder gniente, eh? Tuto sistemato eh?! Sensa parola, lasaròn,
vijacco!
Te g’ha ‘na bela facia de bronso! Si che sei fresco tè! Altro che amico!
Brighella- Perchè co- co- cosa t’ ho fatto di male!
Arlecchino- Gniente! Ti non t’ha fato gniente! Più innocente della strage! Com’ era la
spiegasione? Madamigella ti manda via, tè tagli la corda .... quella se ne va col suo amore.....
tutti felici e contenti !!.... Le balle! ... La putela prima voleva el savòn del Toni e poi le rose
rosse, ma di mandarmi via, silensio eh! Muta come un’anatra!! E poi ‘l to paròn m’ è rivato
adosso e giù a menare e a ciamarme cagòn!
Brighella- Ah, grosso mentecacatto! Possiiibile cheche non hai cacapito?
Arlecchino- Capito che roba!
Brighella- Ma che xeeeran scuse! Madamigeeella g’ha sercacato de gavarte de totorno prima
con la torta, poi col saaavòn a la fine con le rose, ma ti gniente, semper lì , rasa de indormito!
Arlecchino- Ma perchè quella, la putela, invece de tuti questi pastisi che ti te ciami scuse, non
m’ha dito ciaro “Adesso vai via”!Me spettavo e quella gniente....
Brighella- Braaavo fufurbo, ti! Ma la colpa non xè la mia sese non vi siete capiti e ti te xè
oooon po’ duro di comprendodonio!!
Arlecchino- E allora la xè colpa mia se el to paròn intanto che ‘l faseva il
rirap...rampin....rapissantore de putele, m’ha gnacato gli osi?
Brighella- Ma è stato per faaar credere al sior Pantalòn che teee hai difeso madamigella
Gisella! Cheche non eri un coooomplice!
Arlecchino- Anche sensa menarme el sior Pantalòn sa che mi son Arlechin Batocchio e non
‘sto sior complice che te disi ti!
Brighella- AAArlechin, per piasèr, cooomplice vole dir che eri d’acocordo anca ti
nell’imbrojo del rapiiiimento. Sono state booote per il tuo bene, insomma!
Arlecchino- Martufo vijacco: metemose ben d’acordo eh! Per el to paròn l’era ‘l mi
interesse; per ti l’è il mio bene e intanto.... oohhi, che mal ....
Brighella- Ma è la steeessa cosa: bene o interesse! Sosono modi di dire!
Arlecchino- Per mi xè on modo de ciaparne, altro che! Uhia che mal!
Brighella- Ma dodov’è che hai male?
Arlecchino- Sono tuto un male! Ma perchè ti ho dato retta !
Brighella- Piutooosto perchè ti sei mamagnato tuta la torta del sior Papantalòn? Te lo sei
didimenticacato?
Arlecchino- E chi se lo dimentica con lo spettro de la morte sul patibolo! Però tè perchè
invece di ricordarmi quella maledetta torta non ti spremi la servela e trovi una bella scusa?
Avanti! Xè ‘l momento de far el mago e de inventarse una storia!!
Brighella- Maaamma come sei noioso, oooggi! E va bene tu cooonta...dunque.... spetta....
ecocco fatto: dì che l’han mamagnata i ratti nella dispensa!
Arlecchino- Ma non avemo ratti per la cà! Avemo tre gatti che da caccia son on fenomeno!
Brighella- E ti dì che l’haaanno magnata i gatti perchè dodopo che g’han sterminà i raratti
non g’ era altero da mamagnar!
Arlecchino- Ma tase, che mi g’ho mai visto i gatti magnar le torte!
Brighella- E mi te digo che quaquando tacano non lasano più gniente. Lapano via tuto, anche
le briciole. Ma poi da retta a me nooonsucede gniente! Co-co- con ‘sta storia del rapi-pi-pi-
mento, Pantalòòòn el g’ha altero a che pensare. Ricordaaati piutosto: si- si....
Arlecchino- No ...no ..... altro che si... no....e no! Quel là l’è stato ciaro: “Nolsò”
Brighella- Ma io di- di-cevo si-si- silenzio! Acqua in bocca, i-i-i insomma!
Arlecchino- Dopo tute ‘ste bote, forse mejo de pl’acqua saria on bel cichet di sgnieppa, no?
Brighella- Ma sei davvero incoooregibile! Ghe mancaa ancora la sgnieppa a ti! E poi mi
devo andar! Anca mi g’ho on paròn! Te saluto (esce)
Arlecchino- On bel mascalsòn anca quelo: l’ha brancà quela sema de la so putela tuta basame
basame e via in gondola, ma a mi soltanto legnate!


FINE SECONDO ATTO
TERZO ATTO Con Federico


Primo quadro
(Pantelone- Arlecchino- Brighella)

Arlecchino entra lentamente con la testa fasciata aiutato da Brighella
Pantalone- (in scena) Bravo che te sè rivato.....ma cosa t’è sucesso? Chi xè che t’ha ripasà gli
osi in ‘sto modo?
Arlecchino- Son stà certe brute cere mai viste prima! Sior Pantalòn! L’è suceso in strà!
Oihmèmè, quante bote!
Patalone- E quela magnasecchini de la mi putela che la xè sortita con ti?
Arlecchino- Eh! La so putela .... la so putela ... come se dise: chi s’è visto s’è visto, siòr
paròn!
Pantalone- Mi te faso un altro paltò di legnate! Indove che l’è la mi Gisella ??!! La xè sortita
con ti!
Arlechino- Sortita la xè sortita, poi per la strà l’è stada rapi...pinar....ripinassada!
Pantalone- Oh, semo patentà, cosa me conti: la xè stata rapinata la mi Gisela? G’han portà
via tuti i baiochi a la mi putela?
Arlechino- Non proprio, sior Pantalòn, i rarapa ...rampina... insomma, quei là, non g’han
portà via i baiochi, ma madamigela Gisella con tuti i baiochi!
Brighella- Sior Paaantalòn, Arlenchin Batotocchio vuol dire che madadadamigella Gisella la
xè stata raaapita!
Pantalone- Rapita? Rapiiiita! Mondo boia, mi faso on macello! .... Se li ciapo, mi li faso a
tochi, li faso! Asasiiiini! ...Mi vojo savèr chi l’è stato!
Arlecchino- Ecco, a dir la verità... me li ho visti...me par proprio.....ecco..... “Nolsò”!
Pantalone- Ti te sai mai gniente! Ma almeno come l’è andata!(rivolto ad Arlecchino) E ti, ti
cosa te fasevi?
Arlecchino- Mi? Eh, mi...g’ho sercà de difender madamigella Gisella, de.... de salvarla e g’ho
tacà a menar bote torno torno !
Pantalone- Ma ti te dovevi ciamàr al socorso, farte anche masàr, ma non molarla!
Brighella- Siòr Paaantalòn, ma Arlechin Batotocchio, ha fatto il possibile....l’è stàààà on leòn.
L’ha difeso madadadamigella con il proprio corpo a rischio della propropria vita!
Arlecchino- Si capise....bhè, la vita, ecco .... la pelle la xè ‘na roba.... me... insomma....
Brighella- Ma sisicuro! Hai rischiato la peeeellaccia, oh semo che non sei altro!
Arlecchino- Euh, come no, ansi due pellacce! E g’ ho ciapà più legnate d’on asino, caro siòr
Pantalòn!
Pantalone- Ma come xè posibile che ti, tuto d’on boto, te se diventà on leòn, e che la mi
Gisela, con tuti i baiochi, tuti i sechini che g’ho dato, la xè no tornada a cà?
Brighella- Il nunumerò siòr Paaantalòn. Saràn stà almeno venti! Tuuutti adosso al povero
Arlechin, con certe face da gagagalera! G’avean anca ..... aaanca gli sciopi!
Pantalone- Eulalà! Anca gli sciopi?
Arlecchino- E beli grosi ...‘na grandinada de balote mai vista prima! Saràn stà quaranta o
sinquanta ...
Pantalone- Ma se xeran venti on minuto fa!
Brighella- AAAArlechin, semo in mutande! Eeeehhhh, certatamente, siòr Paaantalòn! ....Ma
al prinsipio.... poooi son rivà anca gli altri, armati fino ai dededenti !On finimondo!
Pantalone- E la mi Gisela? Cosa la faseva? L’è stata ferita?
Arlecchino- No, no! La ...la xera semper con mi... la ...la ciamava al socorso,ma non xera
anima viva... Po’ quei là g’han portà anca.... anca on canòn ....e in ‘sto modo...
Pantalone- On canòn per menar via ‘na putela?
Brighella- Bhe! L’era piciiinìn .... ‘na spingagagardetta, ma la faseva certi botti!
Arlecchino- E mi ciapava certe bote!
Pantalone- E in meso ai boti e alle bote, la Gisela la xè sparia con tuti gli sghei! On pastiso
belo groso proprio per gniente!
Arlecchino- Per gniente no, sior Pantalòn, perchè mi le legnate le g’ho ciapae!E on saco ve
lo garantiso mi!
Pantalone- Per on martufo come ti sempre troppo poche! (rivolto a Brighella) E ti? Ti cosa
t’ha combinà? .... Quel lì, il tò compare, almeno l’è a tochi, ma ti... tuto belo lavato e stirato ...
ti cosa t’ha combinà?
Brighella- Sosono corso quando g’ho sentio ‘l cacanòn, ma ormai madadamigella xera
lontana.... In terra xera AAAArlechin Batocchio circondà da tutti queli che aaaveva copato.
Uno steterminio, un macello!
Pantalone-Ma varda!Quel lì faseva Arlechin a la guerra de Troia e quei là ciapavan la mia
Gisella ... con tuti i miei baiocchi, ostrega! E adeso quei danati brigantasi me ciameràn altri
sechini e poi sechini e ancora sechini! On mare de sechini!
Arlechino-Alora la xè ‘na fortuna che el sior paròn el sa nadàr!!
Pantalone- (bastonata) Ma cosa te g’ ha mai in quela testasa! Altro che nadàr! Mi ciamo gli
sbirri, ostrega! Tuti, tuti gli sbirri !
Arlecchino- Sbirri? Alora semo in pericolo! Per vendicarse, quel là ..... me maserà tuti!
Pantalone- Mi no, perchè si me copan non ciapan gnanca pû meso sgheo!
Brighella-       Ma, cocon riverensa, siòr Paaantalòn,             forse ha ragione AAArlechin
Batocchio!Non xè mejo tatatasèr almeno fino a che quei là nooon vegnono a sercarve ?
Adesso lala prima a essere in pericocolo la xè proprio la so putela!
Arlecchino- E anca mi!
Pantalone- Ma tase ti, una buona volta (bastonata) Boia d’on mondo! Se ‘sti vijachi me
copan la Gisela mi ...mi .....
Brighella- Cocoraggio, siòr Paaantalòn! .... Metemooose d’acordo: siiilensio de tomba fino a
quaquando i rapitori non chichiedono il riscacatto e poi....
Pantalone-Va ben femo come te disi ti ! Forse el xè mejo saver quanti sechini me ciamano
quei tajaborse! Son brigantassi che fan presto a ciuciarte il sangue fino all’ultima stisa o a
coparte !
Arlecchino- No lo diga a mi , lustrissimo, che g’ho sa visto la morte in faccia!
Pantalone- Ma perchè non t’ha menato via quella boia visto che la xera lì!
Brighella- AAAllora, sior Paaantalòn, calma e sangue freddo. Intanto cheche spettiamo, me e
AAArlechin Batocchio teniamo le ooorecchie aperte. Forse podemo sentir quaqualche bebela
notizia
Arlecchino- Allora xè tuto a posto!
Pantalone - Tuto a posto t’ el dago mi! E la festa del fidansamento che la xè stasera? E’ li
che ti vojo!
Arlecchino- E sà, ostrega! E ben, disemo al Barbagianni che non xè festa perchè .... perchè
madamigella Gisella l’è stata rapi.... rapinassata!
Brighella- Eco e xè la mededesima roba che andar a cooontare tuta la storia in memeso al
mercà con trombe e tatatamburin!... No, invece el sior Paaantalon conta al sior Baaarbagianni
che ci è tacacata la scarlatina a madadamigella Gisella!
Arlecchino- Ma la scarlatina fra una setimana la xè pasada!
Brighella- AAArlechin, ma non te cacapisi mai un ostrega! Con la scacarlatina, stasera
niente fefesta ..... Poi la quaquarantena.... e pasa altro teeempo..... così ....
Arlecchino- .... Gh’è la speransa che ‘l fidansà, on dì, se ampinise la pansa fina a sciopàr e
così semo tuti salvi!
Pantalone- Più prendi legnate più diventi semo! (bastonata) Però l’idea del Brighella me
piase. Vada per la scarlattina! Al sior Barbagianni penso mi, ma voi due occhi aperti e
orecchie a sventola! (esce)

Secondo quadro
(Arlecchino- Brighella)
Brighella- Viiisto? Un po’ di fafantasia... quattro parole al momento giuuusto ed è tutto fatto!
Arlecchino- Fatto un bel gniente! Va ben che per Madamigella, ci tocca al to paròn rangiar le
robe, ma per la torta cosa femo?
Brighella- Ma nooon hai sentio? Niente festa... xè la scarlattina ....
Arlecchino- G’ho sentio, ma se capita che ‘l paròn, scaralattina o orecchioni, vuole la torta,
mi cosa faso? Me lo spiegate voi sior Brighella, disgrasia vestida da buratìn?
Brighella- Titiri fuuori la stotoria dei gatti affamamati che g’han magnato tuuta la torta! Te
l’ho spiegato no? Te lo sei già dimenticato?!
Arlecchino- No, ma ‘sti gatti che magnan le torte, non me piasono!
Brighella- Vanno bebenissimo, non ti preoooccupare! E poi non succede gniente....te lo digo
mi! Adesso però deeevo proprio scacapar via perchè g’ho un cucugino che mi speta al
baaarcarizzo di San Marco. (esce)
Arlecchino-(al pubblico) Ecco: g’ha sempre da far qualche cosa, e intanto la mia esperiensa
me dise che, con la scarogna che g’ho tacata adosso,sono in arivo legnate. Oramai ne g’ ho
ciapate tante che riconosco il profumo a distansa ! ‘Sta facenda de la torta, finise male!

Terzo quadro
(Pantalone-Arlecchino )
Pantalone- (entrando affannato)- Arlechin, vien qua e ‘scolta ben! M’ero proprio smentià che
el sior Barbagianni la xè la golosità fata omo e mi lo ciapo per il lato debole! Andemo ..
Arlecchino- Tuti a magnar i bigoli in tratoria!
Pantalone- Te la do mi la tratoria! Andemo dal sior Arturo con la notisia de la scarlatina, ma
con il premio .... de consolasiòn ! Camina, nato stanco: va a brancar la torta del sior Ernesto!
Svelto!
Arlecchino- Eeeehhh! La torta?! Dove?!
Pantalone- Come dove. Dove la po’ mai star ‘na torta! La xè ne la dispensa, no?
Arlecchino- Si, xè vero....subito, ecelensa!(esce)
Pantalone- Ma che ecelensa e ecelensa.... Atento Pantalòn che quando quel martufo te ciama
“ecelensa” el g’ha combinà on meso disastro! Ma guarda quanto ci mette per portarme il
pachetto con la torta! Una lumaca la xè on fulmine ! Arlechinoooo! (rientra Arlecchino che si
ferma vicino a uno stipite del boccascena)
Arlecchino- (entrando) Al suo servisio,ecelensa! Pantalone- Al suo servisio? Questo mi lo
so, per disgrasia! Ma mi vojo la torta! Indove che la xè ‘sta torta,eeehhh?
Arlecchino- L’è quel che sto pensando anca mi, perchè ne la dispensa non la xè!
Pantalone- Ma che fanfaluca me conti? Ma te par mai che ona torta la scapa de cà? Son mica
semo come ti per credere una roba così!
Arlecchino- No .... sior paròn lustrissimo! ... Adesso che ghe penso, ostrega ....la torta .... si,
eh, sà...ecco in tuto il parissa ... ripa... rapinassamento mi ... mi me son smentiato...me deve
perdonar!
Pantalone- Te sè’ smentià di andare dal sior Ernesto?
Arlecchino- Nooo! Mi son andà e g’ho ciapà la torta ma me son smentiato de contarve che
quando, per la strà, son rivà quei tajagola, la xera madamigella che l’aveva in man. In ‘sto
modo i g’han riranpa ... rarin...rapanissato putela, baiochi e anca la torta !
Pantalone- Sparia la torta?! Tuta, completa! Questa me la pagan.... Parola de Pantalòn de’
Bisognosi che me faso far lo sconto sul riscatto ...... 50 secchini .... 20 de la torta e 30 perchè
adeso devo per forsa menar el sor Arturo in trattoria e per magnàr quello!
Toc! Toc! (colpi come se qualcuno bussasse)
Arlecchino- Oh, i batte, chi sarà adeso! Vado a vedèr! (si avvia poi rivolto al pubblico) Forse
la xè andata ben con la torta ! (esce)
Pantalone- Non se capise più gniente in questo mondo! Putele testarde, brigantasi, servidori
boni solo a magnar! La xè tuta una schifessa!


Quarto quadro
(Arlecchino- Pantalone- Federico)
Arlecchino (entrando )- Xè rivato on nobilomo, tuto parfumato ed elegante che dise d’esser
l’ambasadòr del conte Tajapan ai Ferri de Caval Bacucco !
Pantalone- Che roba? Beh, va ben: fa entrar ‘sto siòr e vedemo cosa el g’ha da dirme!
(Arlecchino esce) Mai sentio on nom così strampalà. La sarà ona nuova rasa de imbrojòni! I
lasaròn ciuciabaiocchi vengòn su come i funghi!
Federico (entrando)-Egregio signor Pantalone de’ Bisognosi, vi riverisco e vi ringrazio di
avermi concesso udienza. Se mi permette io sono Federico d’Usbergo duca di Sommariva e
Carpeneto.
Pantalone- Ma bravo! E alora?
Federico- Sono ambasciatore dell’esimio cavaliere Gaudenzio Tagliaferri, conte di
Frangipane, signore di Bagnacavallo e Moncucco, a me legato da fraterna cuginanza, che vi
saluta e vi riverisce.
Pantalone- Lo ricambio, ma cosa vole ‘sto toco de nobil omo? Mi nol conioso!
Federico- Il conte ha il piacere e l’onore d’ informare la signoria vostra che è sua intenzione
impalmare, la vostra stupenda figliola, madamigella Gisella, attualmente ospite, amata e
riverita, di uno dei castelli della famiglia Frangipane
Pantalone- Cooosa? Ostrega, ma alora ....disgrasiata: la xè scapada de cà! Aaahhhhh! Mi la
maso.... Arlechin, rasa de merlo, tuta pansa e gniente servela! (bastona) Cosa m’hai contà?
(bastona) El canòn, le sciopetate ... tute fanfaluche (bastona)
Arlecchino- Ahiaiah! Oh, sior paròn, la putela la xè mica scapada con mi! G’ho contà quel
che xè sucesso e ve garantiso che per la quantità de legnade che g’ho ciapà l’è stato on
rapinassaturamento in regola!
Federico- Mi sia concesso, anche a nome del conte Tagliaferri, di spezzare una lancia in
favore di questo servo ricco di scemenza e di fedeltà per vostra signoria e per madamigella.
Pantalone - Mi la lancia la faso a tochetti sulla schiena a lui e a la mi putela! La scapa de cà e
me ciapa anche per i fondei con la bubola del rapimento! Mi la saro in convento e de clausura
anche!
Federico- Madamigella Gisella, mi ha pregato di dirvi che al cuore non si comanda e che lei
è felice nelle braccia del conte Gaudenzio, che è tutto il suo amore!
Pantalone-Ghe lo do mi l’amore! Sensa on goto de servela! Ela sta al castelo, ciapa le cocole,
la xè tuta contenta e mi cosa digo al fidansà e a la zente. He? Cosa digo?!
Federico - In proposito, se l’eccellentissimo signor Pantalone mi concede, posso dire che
madamigella Gisella, ambisce far sapere a tutti che anche una zitella orba non può sposare
uno come il signor Barbagianni perchè resta sempre la puzza !
Pantalone- La g’ha proprio perdio la tramontana quela!
Arlecchino- L’ha mica torto però, la so putela!
Pantalone- Silensio ti! (bastonata) E così ‘sto Gaudensio Tagliaferri, cugino vostro, saria
conte, eh?!! Ma lo sapete caro sior duca che i conti spiantà e con le ciape sul culo se vendono
a masi....
Federico- Verissimo, vostra signoria, posso confermarlo senza esitazione, ma mi sia
concesso di dirvi, con riverenza, che non si tratta del nostro caso: le ricchezze della famiglia
Tagliaferri sono conosciute in tutto il mondo!
Arlecchino- ‘Stavolta la xè no ‘na bubola, lustrissimo, ‘l so anca mi! ‘Sto siòr Bacucco
Torcibudella g’ha tanti sechini da riempir l’Arsenale!I baiochi del sior Arturo son niente a
confronto!
Pantalone- E perchè alora quella disgrasia ambulante de la mi putela, non m’ ha contato tuta
la storia? Cosa ne dite voi, sior ambasadòr?
Federico- Perchè madamigella Gisella la ignorava, egregio signor Pantalone. Mio cugino non
si era rivelato!
Pantalone- Vergogna! La fija de Pantalòn de Bisognosi che la scapa de cà con on omo sensa
informarse se l’ha on po’ de baiocchi o xè uno spiantà!
Federico- A dir il vero madamigella Gisella ha reso onore al vosto nome e alla tradizione di
famiglia, ma mio cugino le ha detto di essere uno studente per scoprire se la vostra figliola
amasse veramente lui o piuttosto i suoi averi!
Pantalone- Uno studente!? Ela, quando che la xè scapada, credeva che Gaudenzio xera uno
studente e.... e....l’a xè andata ugualmente ??!!
Federico- Proprio così, egregio signor Pantalone. Posso garantire che madamigella ha
detto:”Fossi anche un saltimbanco, resti sempre il mio grande amore e con te verrò in capo al
mondo!”
Pantalone- E alora bisogna dire che la xè andata ancora ben. In capo al mondo! Tutta folle!
Arlecchino- Perchè ‘sto posto xè lontano da Venesia?
Pantalone- Xè la capitale de la tua ignoransa! Tase e va a travajar, camina ( Arlecchino esce)
Federico - La mia ambasceria è ormai finita, egregio signor Pantalone. Non mi resta che
riferirvi un desiderio della vostra diletta Gisella. La fanciulla vi prega di portare una certa
“torta schifezza” al signor Arturo Barbagianni con l’augurio di mangiarsela tutta e con la
speranza che un boccone gli vada di traverso!
Pantalone- La to....to...rta...!Ma la torta .... Oh, mondo boia! Mi lo lo faso andar su la
graticola....
Federico- Chiedo il permesso di ritirarmi e vi ringrazio per la vostra gentilezza.
Pantalone- Come? Ah, si, si .... potete andare ... vi saluto, caro duca! (Federico esce)

Quinto quadro
(Pantalone - Brighella e Arlecchino
burattino e persona)
Pantalone - (chiama) Arlechinooo, boia d’on can, vieni qui subito ! De corsa!
Arlecchino-(entra sparato) Ho compagnà il duca e adesso sono tuto al vostro servisio, siòr
Pantalòn!
Pantalone- Ascolta ben, lasaròn! La mi Gisela m’ ha mandato a dire de portar la torta de la
festa al Barbagianni. Che se la magnasse tuta e che se strosegasse anche! Hai capito?
Arlecchino- Me par .... ma ‘l xè mica tanto ciaro.
Pantalone- Alora te lo spiego a modo mio! Se mi devo portar la torta (botte) al sior Arturo
(botte) significa che la mi Gisella (botte) non g’ha la torta come ti m’ha contà; qui, in cà, ne la
dispensa, non la xè! Alora ‘sta torta indove che l’è finita? (botte)
Arlecchino- Sior paròn, basta , son mica on asse per lavar gli strasi!
Pantalone- Magnapàn a tradimento, lasaròn (bastona). Tè se stà ti, ma come t’ha fato a
magnar da solo tuta quela torta?!
Arlecchino- Non tuta d’un boto, sior paròn, lo giuro! On toco a la volta!
Pantalone- L’è mejo che vada a rangiar ‘l pastiso con quell’ altro “pulisipiatti” del
Barabagianni, se no mi gli tiro il collo come a on polastrin! (esce)
Arlecchino- Ostrega che battuta! L’è mejo cambiar aria perchè si sa mai...un’altra
rasione....... (scompare )
Pantalone (rientra)- Arlechinoooo! Mondo boia, l’è sa scapato!
Arlecchino (seduto fra il pubblico) L’ho pagata cinque bastonate per ogni toco quella torta! E
pensare che secondo quel brigante di Brighella, non mi doveva succedere niente. Sarebbe
stato meglio se avessi confessato subito di aver magnato tuta la torta!

FINE TERZO ATTO con Federico


TERZO ATTO Senza Federico

Primo quadro
(Pantalone- Arlecchino)

Pantalone- (entrando) Bravo che te sè rivato.....ma cosa t’è sucesso? Chi xè che t’ha ripasà
gli osi in ‘sto modo?
Arlecchino- “Nolsò”! Son stà certe brute cere mai viste prima, sior Pantalòn! L’è suceso in
strà! Oihmèmè, quante bote!
Patalone- E quela magnasecchini de la mi putela che la xè sortita con ti?
Arlecchino- Eh! La so putela .... la so putela ... come se dise: chi s’è visto s’è visto, siòr
paròn!
Pantalone- Mi te faso un altro paltò di legnate! Indove la xè finita la mi Gisella ??!! La xè
sotita con ti, no?!
Arlechino- Sortita la xè sortita, poi per la strà l’è stata rapi...pinar....ripinassada!
Pantalone- Oh, semo patentà, cosa me conti: la xè stata rapinata la mi Gisela? G’han portà
via tuti i baiochi a la mi putela?
Arlechino- Non proprio, sior Pantalòn, i rarapa ...rampina... insomma, quei là, non g’han
portà via i baiochi, ma madamigela Gisella con tuti i baiochi!
Pantalone - Vuoi dire che madamigella Gisella la xè stata rapita?
Arlecchino- Proprio così sior paròn! Ve lo garantiso mi!
Pantalone- Rapita? Rapiiiita! Mondo boia, mi faso on macello! .... Se li ciapo, mi li faso a
tochi, li faso! Asasiiiini! ...Mi vojo savèr chi l’è stato!
Arlecchino- Ecco, a dir la verità... me li ho visti...me par proprio.....ecco..... “Nolsò”!
Pantalone- Ti te sai mai gniente! Ma almeno come l’è andata! Ti cosa te fasevi?
Arlecchino- Mi? Eh, mi...g’ho sercà de difender madamigella Gisella, de.... de salvarla e g’ho
tacà a menar bote torno torno !
Pantalone- Ma dovevi ciamàr al socorso, farte anche masàr, ma non molarla!
Arlecchino- Se capise, ma g’ ho ciapà più legnate d’on asino, caro siòr Pantalòn! Saràn stà
almeno venti! Tutti adosso a mi con certe face da galera! G’avean anca ..... anca gli sciopi!
Pantalone- Eulalà! Anca gli sciopi?
Arlecchino- E beli grosi ...‘na grandinada de balote mai vista prima! Saràn stà quaranta o
sinquanta ...
Pantalone- Ma se xeran venti on minuto fa!
Arlecchino- Al prinsipio, sior Pantalòn!.... Poi son rivà anca gli altri, armati fino ai denti,
così tremendi che smijavan turchi !On finimondo!
Pantalone- E la mi Gisela? Cosa la faseva? L’è stata ferita?
Arlecchino- No, no! La ...la xera semper con mi... la ...la ciamava al socorso! Po’ quei là
g’han portà anca.... anca on canòn ....e in ‘sto modo...
Pantalone- On canòn per menar via ‘na putela?
Arlecchino- Bhe! L’era picinìn .... ‘na spingardetta, ma la faseva certi botti! E mi ciapava
certe bote!
Pantalone- Per on martufo come ti sempre troppo poche!
Arlecchino- Però quando che la xè finita, la strà pareva on macelo di banditasi copati! Uno
sterminio!
Pantalone-Così mentre che ti fasevi la guerra de Troia, quei là ciapavan la mi Gisella ... con
tuti i baiocchi, ostrega! E adeso quei danati tajagole me ciameràn altri sechini e poi sechini e
ancora sechini! On mare de sechini!
Arlechino-Alora la xè ‘na fortuna che el sior paròn el sa nadàr!!
Pantalone- (bastonata) Ma cosa te g’ ha mai in quela testasa! Altro che nadàr! Mi ciamo gli
sbirri, ostrega! Tuti, tuti gli sbirri !
Arlecchino- Sbirri? Alora semo in pericolo! Per vendicarse, ..... me maserà tuti!
Pantalone- Mi no, perchè si me copan non ciapan gnanca pû meso sgheo!
Arlecchino- Ma, con riverensa, siòr Pantalòn, adesso la prima a essere in pericolo la xè
proprio la so putela! !Non xè mejo tasèr almeno fino a che quei là non vegnono a sercarve ?
Pantalone- Boia d’on mondo! Se ‘sti vijachi me copan la Gisela mi ...mi .....
Arlecchino- Mi però digo che con on frisin de furbisia...
Pantalone- Ma varda ! Adeso ‘l furbo te xè diventà ti e mi el semo!
Arlecchino- No, sior Pantalòn! Ma una volta tanto anca on asino el po’ correre come on
caval!
Pantalone-Va ben femo come te disi ti ! Forse el xè mejo saver quanti sechini me ciamano
quei tajaborse! Son brigantassi che fan presto a ciuciarte il sangue fino all’ultima stisa o a
coparte !
Arlecchino- No lo diga a mi , lustrissimo, che g’ho sa visto la morte in faccia!
Pantalone- Ma perchè non t’ha menato via quella boia visto che la xera lì!....
Arlecchino- Alora, sior paròn, se tuto xè a posto...
Pantalone- A posto ‘n bel gniente! E il riscatto ? E tuti i miei secchini? E la festa del
fidansamento che la xè stasera?
Arlecchino- E sà, ostrega! E ben, disemo al Barbagianni che non xè festa perchè .... perchè
madamigella Gisella l’è stata rapi.... rapinassata!
Pantalone- Eco, rasa di somaro, xè la medesima roba che andar a contare tuta la storia in
meso al mercà. No, invece disemo al sior Barbagianni che .... che... ci è tacata la...la ....
scarlatina a la mi Gisella!
Arlecchino- Ma la scarlatina fra una setimana la xè pasada!
Pantalone- Arlechin, ma non te capisi mai un ostrega! Con la scarlatina, stasera niente festa
..... Poi la quarantena.... e pasa altro tempo..... così ....
Arlecchino- .... Gh’è la speransa che ‘l fidansà, on dì, se ampinise la pansa fina a sciopàr e
così semo tuti salvi!
Pantalone-Salvi on ostreca! Gnorante !(bastonata) Il riscatto dela Gisella mi lo devo pagar
anco se ‘l Barbagianni el va a tocchi! Ciamala salvessa ti! (legnate) Adesso però va a dar ‘na
man a la Filippa che xè da portar il bucato in terrazza! Camina o te spolvero el de drio!!
(esce)
Arlecchino-(a sè stesso) Arlechin, gambe in spalla!! Oggi la xè ‘na bruta giornà! La mia
esperiensa di scarogna me dise che xè in arivo on di quei temporal!! Oramai ne g’ ho ciapate
tante che riconosco il profumo de le legnate a distansa !
Pantalone- (entrando affannato)- Arlechin, vien qua ! M’ero proprio smentià che el sior
Barbagianni la xè la golosità fata omo e mi lo ciapo per il lato debole! Andemo ..
Arlecchino- Tuti a magnar i bigoli in tratoria!
Pantalone- Te la do mi la tratoria! Andemo dal sior Arturo con la notisia de la scarlatina, ma
con il premio .... de consolasiòn ! Camina, nato stanco: va a brancar la torta del sior Ernesto!
Svelto!
Arlecchino- Eeeehhh! La torta?! Dove?!
Pantalone- Come dove. Dove la po’ mai star ‘na torta! La xè ne la dispensa, no?
Arlecchino- Si, xè vero....subito, ecelensa!(esce)
Pantalone- Ma che ecelensa e ecelensa.... Atento Pantalòn che quando quel martufo te ciama
“ecelensa” el g’ha combinà on meso disastro! Ma guarda quanto ci mette per portarme il
pachetto con la torta! Una lumaca la xè on fulmine ! Arlechinoooo! (rientra Arlecchino che si
ferma vicino a uno stipite del boccascena)
Arlecchino- (entrando) Al suo servisio,ecelensa! Pantalone- Al suo servisio? Questo mi lo
so, perchè la xè la mi disgrasia! Ma mi vojo la torta! Indove che la xè ‘sta torta,eeehhh?
Arlecchino- L’è quel che sto pensando anca mi, perchè ne la dispensa non la xè!

Pantalone- Ma che fanfaluca me conti? Ma te par mai che ona torta la scapa de cà? Son mica
semo come ti per credere una roba così!
Arlecchino- No .... sior paròn lustrissimo! ... Adesso che ghe penso, ostrega ....la torta .... si,
eh, sà...ecco in tuto il parissa ... ripa... rapinassamento mi ... mi me son smentiato...me deve
perdonar!
Pantalone- Te sè’ smentià di andare dal sior Ernesto?
Arlecchino- Nooo! Mi son andà e g’ho ciapà la torta ma me son smentiato de contarve che
quando, per la strà, son rivà quei tajagola, la xera madamigella che l’aveva in man. In ‘sto
modo i g’han riranpa ... rarin...rapanissato putela, baiochi e anca la torta !
Pantalone- Sparia la torta?! Tuta, completa! Questa me la pagan.... Parola de Pantalòn de’
Bisognosi che me faso far lo sconto sul riscatto ...... 50 secchini .... 20 de la torta e 30 perchè
adeso devo per forsa menar el sor Arturo in trattoria e per magnàr quello!
Toc! Toc! (colpi come se qualcuno bussasse)
Arlecchino- Oh, i batte, chi sarà adeso! Vado a vedèr! (si avvia poi rivolto al pubblico) Forse
la xè andata ben con la torta! (esce)
Pantalone- Non se capise più gniente in questo mondo! Putele testarde, brigantasi, servidori
boni solo a magnar! La xè tuta una schifessa!

Secondo quadro
(Arlecchino- Pantalone-Brighella)

Arlecchino (entrando )- Sior Pantalòn gh’è rivato Brighella. Dise che deve parlar con voi di
una facenda molto importante.
Pantalone- Brighella? Sarà on imbrojo se gh’è da meso quel bel tomo! Fallo entrar e vedemo
cosa vole!
Brighella (entrando)-Riveriiisco sior Pantalòn!
Pantalone- Va ben, d’acordo, ma cosa l’è la facenda importante che ti me devi contar?
Brighella- Paparlo a nome del cacavaliere Gaudenzio Tagliaferri, cooonte di Frangipane,
signore di Bagnacacavallo e Moncucco che vi saluuuta e vi riverisce.
Pantalone- Lo ricambio, ma cosa vole ‘sto toco de nobil omo? Mi nol conioso e per aver on
ambasadòr come ti o el xè on imbrojon o tuto semo. Va avanti!
Brighella- Mi g’ho il piaaasèr d’ informarve che la xè inteeensiòn del mi paròn de
mariarse con la vostra puuutela, madamigella Gisella, che la xè ospite, amata e riverita, diiii
uno dei castelli della famiglia Frangipapapane
Pantalone- Cooosa? Ostrega, ma alora ....disgrasiata: la xè scapada de cà! Aaahhhhh! Mi la
maso.... Arlechin, rasa de merlo, tuta pansa e gniente servela! (bastona) Cosa m’hai contà?
(bastona) El canòn, le sciopetate ... tute fanfaluche (bastona)
Arlecchino- Ahiaiah! Oh, sior paròn, la putela la xè mica scapada con mi! G’ho contà quel
che xè sucesso e ve garantiso che per la quantità de legnade che g’ho ciapà l’è stato on
rapinassaturamento in piena regola!
Pantalone - In piena regola xè stata la presa per i fondei a mi, con la bubola del rapimento!
Ma mi la saro in convento e de clausura!
Brighella- Madadadamigella Gisella, mi ha pregagato de didirve che al cuuuore non si
comanda e che el me paròn xè tuuutto il suo amore!
Pantalone-Ghe lo do mi l’amore! Sensa on goto de servela! Ela ciapa le cocole, la xè tuta
contenta e mi cosa digo al fidansà e a la zente. Eh? Cosa digo?!
Brighella - Madadamigella Gisella, m’ha ordinà de far sapere a tuuutti che anche una sitella
orba non la può mamariarse con uno come il Barbagianni perchè resta sempre la spupusa !
Pantalone- La g’ha proprio perdio la tramontana quela!
Arlecchino- L’ha mica torto però, la so putela!
Pantalone- Silensio ti! Va in cucina a travajar con la Filippa, camina (bastonata e Arlecchino
esce) E così ‘sto “brancaputele” del to paròn saria conte. Ma lo sai, rasa d’imbrojòn anca ti,
che di conti spiantà e con el de drio arciaptà se ne vendono a masi....
Brighella- Veverissimo, sior Pantalòn, ma el me paparòn xè di altra rassa; g’ ha richesse ...
in tutto il mondo coconosiuto e .... scoconosiuto! G’ha tanti sechini da riempir l’Aaarsenale!
Pantalone- E perchè alora quella disgrasia ambulante de la mi putela, non m’ ha contato tuta
la storia? ‘Sto paròn del meo che te da a magnar, xera on pretendente mica mal!
Brighella- Perchè madadamigella Gisella non lo saaaapeva, sior Pantalòn. El sior conte non si
era rivelato!
Pantalone- Vergogna! La fija de Pantalòn de Bisognosi che la scapa de cà con on omo sensa
saver se l’ha on po’ de baiocchi o xè uno spiantà!
Brighella- Per scocoprire se la putela la xera veraaamente inamorata el sior coconte g’ha
dito che xera uno stuuudente e madamigella g’ha respopondio: “Fossi aaanche un
saltimbaaanco, resti sempre il mio graaaande amore e cocon te verrò in capo al mondo!”
Pantalone- E alora bisogna dire che la xè andata ancora ben. In capo al mondo! E dopo ‘ste
robe de matti cosa la g’ha dito ancora la siora contessa del Moncucco!
Brighella - Madamigella Gisella la dise di portare la torta del sior Ernesto al Barbagianni
con l’augurio di mangnarsela tutta e la speranza che se strosega!
Pantalone- La to....to...rta...!Ma la torta ....
Brighella- G’ho finio, sior Pantòn, ve saluto e ve riverisco come la g’ha ordinà Madamigella!
Pantalone- La torta? Ostrega... ma alora! ‘Stavolta mi lo lo faso andar su la graticola....
(chiama) Arlechinooo, boia d’on can, vieni qui subito ! De corsa!

Terzo quadro
(Pantalone e Arlecchino burattino e persona)

Arlecchino-(entra sparato) Al vostro servisio, siòr Pantalòn!
Pantalone- Ascolta ben, lasaròn! La mi Gisela m’ ha mandà a dire de portar la torta de la
festa al Barbagianni. Che se la magnasse tuta e che se strosegasse anche! Hai capito?
Arlecchino- Me par .... ma ‘l xè mica tanto ciaro.
Pantalone- Alora te lo spiego a modo mio! Se mi devo portar la torta (botte) al sior Arturo
(botte) significa che la mi Gisella (botte) non g’ha la torta, però qui, in cà, ne la dispensa, non
la xè! Alora ‘sta torta indove xè finita? (botte)
Arlecchino- Sior paròn, basta , son mica on asse per lavar gli strasi!
Pantalone- Magnapàn a tradimento, lasaròn (bastona). Tè se stà ti, ma come t’ha fato a
magnar da solo tuta quela torta?!
Arlecchino- Non tuta d’un boto, sior paròn, lo giuro! On toco a la volta!
Pantalone- Ma varda! On toco (botte) a la volta! Perchè mi non lo sapevo (botte) G’avevo
bisogna de la to’ spiegasiòn (botte)! Ma tase che xè mejo!
Arlecchino- El sior paròn voleva savèr come x’era andata e....mi g’ho contà....
Pantalone- Se non te maso l’è perchè in Paradis xè on protetor dei servitori sensa servela! L’è
mejo che vada a rangiar ‘l pastiso con quell’ altro “pulisipiatti” del Barabagianni, perchè g’ho
‘na voja mata de tirarti il collo come a on polastrin! (esce)
Arlecchino- Ostrega che battuta! L’è mejo cambiar aria perchè si sa mai...un’altra
rasione....... (scompare )
Pantalone (rientra)- Arlechinoooo! Mondo boia, l’è sa scapato!Ma mi lo trovo, ostrega se lo
trovo! (Esce)
Arlecchino (seduto fra il pubblico) L’ho pagata sinque bastonate per ogni toco quella torta!
Brighella disgrasiato se ti ciapo....
Brighella (compare nel teatrino) O groso sesemo in gondola peeeerchè t’ha cambià la storia
dei gagati che g’han magnà la torta seeeensa avertirmi! Ti sei coconsegnato da solo al
cacarnefice !
Arlecchino (balzando in piedi e lanciando una scarpa a Brighella) - Scapa eh! Scapa perchè
xè la volta che mi faso uno spropinproposito! G’ha rasòn el sior Pantalòn: te sè on imbrojo
fato buratìn! E mi... mi saria stato mejio se avessi confessato subito che g’avevo magnà tuta
la torta, questa la xè la verità!
FINE TERZO ATTO senza Federico

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:13
posted:2/18/2012
language:Italian
pages:18