Attivit� di ricerca individuale

Document Sample
Attivit� di ricerca individuale Powered By Docstoc
					              Istituto Comprensivo
              “Angelo Massazza”
              Mede-PV




Piano dell’Offerta Formativa
            POF



      Anno scolastico 2010-2011



                 -1-
                                                  INDICE

PREMESSA                                                                               pag.   5

SCHEMA DEL P.O.F                                                                       pag.   6

IL CONTESTO AMBIENTALE                                                                 pag.   7

          I dati anagrafici dell’Istituto                                             pag.   8
          Le risorse della scuola                                                     pag.   9
          La Scuola – le scuole                                                       pag.   10
          Le caratteristiche del territorio                                           pag.   12
          I bisogni educativi della società contemporanea e del contesto ambientale   pag.   15

L’OFFERTA FORMATIVA                                                                    pag.   16

          Le scelte educative dell’Istituto                                           pag.   17
          Gli indirizzi generali per l’attività della Scuola
           definiti dal Consiglio d’Istituto                                           pag.   19

          Le scelte curriculari                                                       pag.   20
          Le attività interdisciplinari e integrative                                 pag.   22
          L’attività sportiva                                                         pag.   23
          Le visite di integrazione culturale                                         pag.   24
          L’integrazione degli alunni in situazione di handicap                       pag.   27
          L’alfabetizzazione degli alunni stranieri                                   pag.   28
          Le attività alternative all’insegnamento della Religione cattolica          pag.   28

I PERCORSI INDIVIDUALIZZATI / PERSONALIZZATI DI APPRENDIMENTO

DELLE MATERIE CURRICULARI                                                              pag.   29

          Introduzione                                                                pag.   30
          Il programma di Italiano                                                    pag.   30
          Il programma di Storia e Geografia                                          pag.   35
          Il programma di Matematica                                                  pag.   40
          Il programma di Scienze                                                     pag.   45
          Il programma di Lingua Straniera                                            pag.   48
          Il programma di Tecnologia                                                  pag.   51
          Il programma delle Attività Fisico-motorie                                  pag.   55
          Il programma di Arte e immagine                                             pag.   56
          Il programma di Religione                                                   pag.   58
          Il programma di Musica                                                      pag.   61

I PROGETTI EDUCATIVI COMUNI                                                            pag.   63

          Il Progetto d’Accoglienza                                                   pag.   64
          Il Progetto di Accoglienza e integrazione degli alunni stranieri            pag.   68
          Il Progetto di Continuità                                                   pag.   72




                                                       -2-
           Il Progetto di Orientamento tra la Scuola Media e la Scuola Superiore
             “Orientiamoci: una bussola per i giovani in formazione”                        pag.   73
           Il Progetto di Educazione Ambientale                                            pag.   75
           Il Progetto di Educazione alla Salute                                           pag.   77
           Il Progetto di Educazione alla Legalità                                         pag.   80
           Il Progetto "Sportello ascolto"                                                 pag.   83
           Il Progetto di Educazione alla Lettura                                          pag.   84
           Attività motorie                                                                pag.   87
           Progetto di attività sportiva: Sport a Scuola                                   pag.   88
           VIII^ Concorso nazionale di fiaba                                               pag.   93
           Il Progetto di Educazione all’Immagine                                          pag.   94

I PIANI DELL’OFFERTA FORMATIVA DELLE SINGOLE SCUOLE
         Il P.O.F. della Scuola Secondaria 1° grado di Mede                                pag.   95
         Il P.O.F. della Scuola Primaria di Lomello                                        pag.   120
         Il P.O.F. della Scuola Secondaria 1° grado di Lomello                             pag.   130
         Il P.O.F. della Scuola Secondaria 1° grado di Pieve del Cairo                     pag.   143
         Il P.O.F. della Scuola Secondaria 1° grado di Sartirana                           pag.   155

LE SCELTE ORGANIZZATIVE                                                                     pag.   166

           L’Autonomia nella Scuola                                                        pag.   167
           Organigramma della scuola                                                       pag.   168
           Il Calendario Scolastico                                                        pag.   170
           Le Funzioni Strumentali al P.O.F.                                               pag.   171
           La Funzione Docente                                                             pag.   173
             Le Attività di Insegnamento:                                                  pag.   173
                      Le classi e gli insegnanti assegnati                                 pag.   173
                      L’orario settimanale delle lezioni                                   pag.   178
             Le Attività Funzionali all’Insegnamento:                                      pag.   178
                      Il rapporto Scuola-Famiglia                                          pag.   178
                      Gli Organi Collegiali                                                pag.   179
                      Il Calendario delle Attività Funzionali                              pag.   182
             Le Attività Aggiuntive funzionali all’Insegnamento:                           pag.   184
                      Le Commissioni e i Gruppi di lavoro                                  pag.   184
                      Gli Incarichi dei Docenti                                            pag.   186
             Le Attività aggiuntive di Insegnamento                                        pag.   187
           L’Organizzazione del lavoro del Personale A.T.A.                                pag.   187
             Collaboratori scolastici                                                      pag.   187
             Personale Amministrativo                                                      pag.   188
           Le Convenzioni                                                                  pag.   189
           I Rapporti di collaborazione con Enti Esterni/altre Scuole/associazioni varie   pag.   189
           Le scelte di formazione e di aggiornamento                                      pag.   190
           Le Regole                                                                       pag.   190
             …dal Regolamento di Istituto                                                  pag.   190
             …dallo Statuto degli Studenti                                                 pag.   192
             …dal Regolamento delle Gite                                                   pag.   195
           Le Scelte finanziarie                                                           pag.   199
             Le tabelle finanziarie relative alla distribuzione del Fondo Incentivante     pag.   200




                                                    -3-
LA QUALITA’ DEL SERVIZIO                              pag.   208

           La valutazione degli alunni               pag.   209
           La valutazione esterna                    pag.   214
           La valutazione interna del P.O.F.         pag.   214



APPENDICE                                             pag.   215

           Moduli e griglie                          pag.   215




                                                -4-
                                             Premessa

Il presente P.O.F. deliberato dal Collegio Docenti e dal Consiglio di Istituto vuole essere uno
strumento di armonizzazione dei vari interventi educativi, didattici, organizzativi e gestionali
dell’Istituto Comprensivo di Mede.

E’ un tentativo, spero efficace, di documentare la vita e l’attività della nostra scuola, offrendo ai
nuovi docenti, agli alunni, alle famiglie, agli Enti locali o a qualsiasi operatore esterno che voglia
affiancare la scuola nel suo percorso, elementi di informazione e di valutazione globale.

Tutte le componenti scolastiche hanno cercato di contribuire alla qualificazione e all’ampliamento
dell’offerta formativa adeguandosi alle esigenze nazionali ed europee, ma, nello stesso tempo,
rapportandole alle caratteristiche peculiari del territorio, in cui si opera.

Il piano dell’offerta formativa dell’Istituto Comprensivo di Mede, fondandosi su una
rappresentazione coerente e condivisa dei bisogni, dei problemi e delle attese dell’intera comunità
scolastica, ha definito le priorità cui intende dare risposta e delineato gli interventi finalizzati al
miglioramento dell’attività didattico-educativa; l’obiettivo prioritario rimane, pertanto, quello di
offrire a tutti gli alunni un’adeguata base formativa e culturale e di costituire un forte terreno di
crescita del cittadino, nel quale ciascuno ritrovi la condizione indispensabile per il suo corretto
sviluppo, rimuovendo quei condizionamenti sociali e familiari che mortificano e, in taluni casi,
annullano il processo educativo.

In questo modo, la scuola diventa centro di aggregazione e di cultura, fornendo un servizio
formativo sempre più adeguato alle differenziate esigenze degli alunni e al contesto socio-
economico e culturale di riferimento.

Infine, ispirandosi al principio della ricerca della qualità del servizio, il presente P.O.F. è
suscettibile di revisione e di integrazione “in itinere”, nella ricerca di adattamenti e di
miglioramenti.




                                      La funzione strumentale al Piano dell’offerta formativa




                                                 -5-
               La formazione e     Finalità generali       Gli indirizzi
               l'aggiornamento                             generali del
                                                           C. d'istituto



                                                                             Il contesto
                                                                             culturale,
La qualità
                                                                             economico e sociale
del servizio



                                   P.O.F.                                    L'organizzazione
 Le risorse                                                                  della Scuola
finanziarie




                   Le risorse                             Le scelte per la
                                  Obiettivi educativi e
                  dell'Istituto                              didattica
                                       formativi




                                          -6-
Il contesto
ambientale




     -7-
                  I dati anagrafici dell’Istituto 
ISTITUTO COMPRENSIVO “ANGELO MASSAZZA” - MEDE (PV)
con sezioni associate:

 SCUOLA PRIMARIA di LOMELLO
Via Carducci n. 6
Telefono:         0384 85079
E- Mail:      scuoleelelomello@tiscali.it
N° allievi:       86
N° classi:        5
N° Insegnanti: 11
N° A.T.A:         Collaboratori Scolastici 2


 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO di MEDE
Corso Italia n. 31
Telefono:          0384 820055 / Fax 0384 823127
E-Mail: istitutomassazza@libero.it
Sito Internet:     www.icmassazza.it
N° allievi:        230
N° classi:         11
N° Insegnanti: 26
N° A.T.A:          Personale Amministrativo 4 - Collaboratori Scolastici 4


 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO di LOMELLO
Via Porter n. 3
Tel / Fax:      0384 85094
E-Mail: scuola.lomello@libero.it
N° allievi:     106
N° classi:      5
N° insegnanti: 17
N° A.T.A.:      Collaboratori Scolastici 2

 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO di PIEVE DEL CAIRO
Via Bianchi n. 2
Tel / Fax:      0384 87060
N° allievi:     80
N° classi:      4
N° insegnanti: 14
N° A.T.A.:      Collaboratori Scolastici 1

 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO di SARTIRANA
Via Roma n. 28
Tel / Fax:        0384 800098
N° allievi:       90
N° classi:        5
N° insegnanti:    14
N° A.T.A:         Collaboratori Scolastici 2



                                                 -8-
                                                                RISORSE



STRUTTURALI                                                    STRUMENTALI                                                   UMANE
         Sala professori                                                                                               Competenze di
         Archivio                       TV                                                   Apparecchiature            professionalità interne.
         Palestra                                                                              scientifiche            Esperti esterni, compresi
         Presidenza                                                                                                     i genitori
         Uffici Amministrativi     Lavagna                                                   Strumenti per             Enti
         Servizi                   luminosa                                                  la tecnologia             Istituzioni
         Ambulatorio                                                                                                   Associazioni presenti nel
         Mensa                                                                               computer                   territorio.
                                    Strumenti
                                     musicali
                                                                                              Videoproiettori
                                      Episcopi
Aule Speciali e laboratori                                                                    Videoregistratori
          Tecnologia                 Software
          Arte e immagine            didattici
                                                                                                  Materiale sportivo
          Musica
          Lingue
                                  Proiettori per
          Informatica                                                                            Fotoriproduttori
                                   diapositive
Biblioteca:
                                    Materiale arte e                                           Materiale
          Docenti                    immagine                                                multimediale
          Alunni
                                                                                 Fotocopiatrici
                                                   Cinepresa      Collegamento
                                                                   INTERNET



                                                -9-
                                 La Scuola – Le Scuole 
L’Istituto Comprensivo “A. MASSAZZA” è formato da cinque plessi scolastici, accorpati dallo 01.09.2000.



                     LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI MEDE

La Scuola secondaria di primo grado statale “A. Massazza” di Mede occupa un edificio posto in zona centrale, con
accesso da Corso Italia e da Piazza Papa Giovanni Paolo II. E’ costituito da un seminterrato e da due piani ed è dotato di
aule sufficienti ad accogliere le classi e a svolgere attività specifiche.
Lo spazio educativo è suddiviso in:

        11 aule destinate alle attività delle singole classi
        1 aula per computer
        1 aula per “sportello – ascolto”
        1 biblioteca alunni
        1 sala professori dove sono custoditi i volumi della biblioteca professori
        1 palestra
        3 aule per attività di sostegno o di gruppo
        1 ufficio di presidenza
        2 uffici di segreteria
        1 archivio



                                   LA SCUOLA PRIMARIA DI LOMELLO

La Scuola primaria “C. Assandra” di Lomello occupa un edificio costituito da un seminterrato e da due piani, dotato dei
seguenti spazi educativi:

        1 ingresso area cortiva
        1 atrio ed aree di transito
        5 aule normali
        4 aule didattiche particolari (laboratori di informatica, di lingue, di artistica; biblioteca)
        aula di educazione sonoro- musicale
        1 archivio, magazzini e depositi
        1 locale ad uso collettivo (refettorio, ecc.)
        6 servizi igienici
        1 altro locale di servizio (cucina, lavanderia, ecc.)



                 LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI LOMELLO

La Scuola secondaria di primo grado “G. B. Magnaghi” è situata in un edificio di recente costruzione circondato da
ampio spazio verde completamente recintato, dove è possibile effettuare, nella stagione migliore, attività sportiva
all’aperto.
E’ dotata di:

     5 aule per la normale attività di classe e per le attività svolte in compresenza;
     3 aule speciali:
          - laboratorio di informatica;




                                                            - 10 -
             -    laboratorio per le attività audiovisive (TV, videoregistratore, proiettore, cinepresa, registratore,
                  giradischi, strumenti musicali, ecc.);
             -    laboratorio per Arte e immagine e con banchi speciali

        1 palestra attrezzata con tribuna per il pubblico
        1 locale per la mensa
        1 gabinetto medico
        strutture particolari per favorire la fruizione della scuola da parte degli alunni diversamente abili (scivolo di
         accesso, ascensore).



           LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI PIEVE DEL CAIRO

La Scuola secondaria di primo grado “P. Barbieri” è ospitata in un edificio, la cui costruzione risale all’inizio del 1900 e
che ha fruito, recentemente, di interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.
Le aule sono in numero più che sufficiente per la normale attività di classe e per le attività svolte in compresenza.

Funzionano le seguenti aule speciali:

        laboratorio per Tecnologia
        laboratorio per Arte e Immagine
        laboratorio per Musica con pianoforte
        laboratorio per le attività audiovisive
        laboratorio di informatica
        una palestra attrezzata
        2 aule per il sostegno e le compresenze
        un gabinetto scientifico
        una sala professori
        due locali – deposito
        7 servizi igienici (anche per alunni diversamente abili)
        strutture particolari per favorire la fruizione della scuola da parte degli alunni diversamente abili.



                 LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI SARTIRANA

La Scuola secondaria di primo grado “P. Marziani” occupa un edificio, collegato alla Scuola primaria, costituito da un
seminterrato e da due piani, dotato dei seguenti spazi educativi:

        ingresso area cortiva, atrio ed aree di transito
        4 aule normali
        2 aule didattiche particolari (laboratorio di informatica, laboratorio di ed. artistica, aula per il sostegno)
        archivi, magazzini e depositi
        3 locali ad uso collettivo (palestra, refettorio, sala professori)
        7 servizi igienici
        1 ambulatorio
        strutture particolari per favorire la fruizione della scuola da parte degli alunni diversamente abili (scivolo di
         accesso).




                                                           - 11 -
                         Le caratteristiche del territorio 
Simili, ma non uguali, sono le caratteristiche socio-ambientali-culturali dei quattro Comuni principali di riferimento.


 MEDE

La città conta una popolazione di 7.066 abitanti, suddvisi in 3.405 maschi e 3.661 femmine (dati aggiornati al 30
settembre 2010), in aumento nel corso dell’anno grazie anche a un flusso migratorio sempre presente.



ECONOMIA
L’economia locale è abbastanza diversificata.
Il settore agricolo è quello tradizionale, caratterizzato dalla coltivazione del riso in aziende di grandi dimensioni.
Ad esso si affianca un artigianato abbastanza vivace e produttivo. Una particolare menzione merita l’artigianato orafo
che ha visto negli anni passati un notevole sviluppo ed è, attualmente, in lieve crisi. Le aziende artigiane sono in genere
di non grandi dimensioni. Offrono discrete possibilità di lavoro anche ai giovani.
Fra le attività industriali compaiono una società farmaceutica, un’azienda che produce serramenti in alluminio, mentre
in notevole calo sono le industrie legate all’abbigliamento.
Va però evidenziato il fenomeno del pendolarismo perché, quotidianamente, molti lavoratori raggiungono il loro posto
di lavoro a Milano, Pavia, Valenza, Sannazzaro.



AGENZIE EDUCATIVE
Le scuole presenti a Mede sono:

         Asilo Nido comunale
         Scuola dell’infanzia “Soldati”
         Scuola dell’infanzia Asilo Infantile (Residenza Sanitario Assistenziale Istituzioni Riunite Asilo Infantile)
         Scuola primaria statale “Suor Maria Diletta Manera”
         Scuola secondaria statale di primo grado
         Scuola per orafi della Regione Piemonte
La Direzione Didattica ha sede a Mede.
Nei paesi che costituiscono il bacino d’utenza della Scuola secondaria statale di primo grado di Mede, funziona la
Scuola dell’infanzia e primaria di Frascarolo.
La maggior parte dei ragazzi che frequentano le superiori fuori Mede si dirige a Mortara, Valenza, Voghera, Casale
Monferrato, Vigevano, Pavia, Alessandria.



CENTRI CULTURALI, EDUCATIVI, RICREATIVI

Mede offre un ricco panorama di attività educative, culturali e ricreative.

In città operano la Biblioteca Comunale “Masinari”, il Circolo Culturale “Amisani”, il Centro Culturale “Olivelli”, la
Pro-Loco. La Biblioteca, oltre i normali servizi, offre incontri culturali con gli autori, mostre fotografiche e pittoriche e
convegni. La raccolta archeologica e naturalistica “Fantelli” e il museo delle opere della scultrice medese Regina
Cassolo hanno trovato spazio nella prestigiosa cornice del palazzo Sangiuliani; nella vecchia sede della biblioteca
comunale, anch’essa trasferita nel palazzo, si trova l’accademia di danza che organizza corsi per bambini e adulti.




                                                           - 12 -
Dal 2009, dopo un periodo di ristrutturazione, è stato riaperto il “Teatro Besostri”, presso il quale si organizzano
stagioni teatrali con spettacoli di vario tipo dall’operetta alla commedia, alle serate musicali, appuntamenti di
intrattenimento e importanti appuntamenti musicali , culturali e di costume.
I Centri Culturali propongono varie iniziative: mostre, dibattiti, seminari di studio.
I ragazzi possono inoltre usufruire di altre agenzie educative: l’oratorio “Don Bosco” e il Gruppo Scout.
Numerosi sono poi i gruppi di volontariato e le associazioni sportive.
Durante l’estate l’offerta formativa ai preadolescenti è assicurata dai campi estivi gestiti dal Comune e dagli Oratori che
si avvicendano nei mesi di giugno e luglio.
Le situazioni di tossicodipendenza di adolescenti e giovani sono seguite da un Gruppo di Accoglienza; il fenomeno
dell’alcolismo vede l’impegno di due gruppi CAT.
L’inserimento degli immigrati nella comunità e tutte le loro problematiche anche legate alla regolarizzazione della loro
posizione sono affidate al gruppo “Jerry Masslo”.



ANDAMENTO DEMOGRAFICO DEL TERRITORIO

L’andamento demografico del territorio servito dalla Scuola è caratterizzato da un modesto numero di nascite.
Ciò si ripercuote sulle iscrizioni scolastiche, ma il fenomeno è parzialmente temperato dai trasferimenti nella zona di
famiglie provenienti da altre regioni. Se fino ad alcuni anni fa era molto significativa l’incidenza dei ricongiungimenti
familiari per molti immigrati da paesi extracomunitari, in particolare dal Marocco e dall’Albania, oggi il fenomeno
migratorio, che riguarda intere famiglie, è ancora presente.
La Scuola è oggi frequentata da alunni di nazionalità straniera di etnie sempre più diverse.
Le famiglie degli alunni sono in gran parte originarie della zona; forti flussi migratori dal Veneto e dal Mezzogiorno che
hanno caratterizzato gli anni ‘60/’80 sono stati assorbiti positivamente nella realtà locale.



IL BACINO D’UTENZA

La Scuola secondaria statale di primo grado “A. Massazza” di Mede serve i Comuni di Mede, Villa Biscossi, Semiana,
Castellaro de’ Giorgi, Frascarolo e Torre Beretti con un bacino di utenza di circa 10.000 abitanti.
Gli alunni di Mede che abitano in periferia o nelle frazioni, quelli di Frascarolo, Castellaro e Semiana raggiungono la
scuola servendosi degli scuolabus del Comune di Mede; quelli di Villa Biscossi usufruiscono del servizio predisposto
dall’Amministrazione locale.


 LOMELLO - PIEVE DEL CAIRO – SARTIRANA

Il Comune di Lomello ha una popolazione di 2.332 abitanti, suddivisa in 1.125 maschi e 1.207 femmine, quello di Pieve
del Cairo di 2.163 abitanti, suddivisi in 1.058 maschi e 1.105 femmine (per entrambi i Comuni i dati sono aggiornati al
30 settembre 2010) e Sartirana di 1.796 articolati in 858 maschi e 938 femmine (dati aggiornati al 31 agosto 2010). In
tutti e tre i comuni la polazione è in calo con un declino non solo delle nascite, ma anche del flusso migratorio.



ECONOMIA

I tre paesi sono accomunati da condizioni ambientali, sociali ed economiche simili.
Le attività lavorative sono imperniate prevalentemente sul settore primario (agricoltura), sull’artigianato e sui servizi.
La maggior parte delle industrie (settore tessile a Pieve del Cairo), in questi anni di recessione, è stata chiusa,
provocando una depressione economica abbastanza rilevante.




                                                          - 13 -
Anche qui è presente il fenomeno del pendolarismo in particolare verso Pavia, Sannazzaro, Milano, Valenza, Casale
Monferrato.



AGENZIE EDUCATIVE

Le scuole presenti nei tre paesi sono:
         Scuola dell’infanzia non Statale (Lomello e Sartirana)
         Scuola dell’infanzia (Pieve del Cairo)
         Scuola primaria statale (a Lomello sezione associata dell’I. C. “A. Massazza” di Mede, a Pieve del Cairo
             dipendente dalla Circolo Didattico di Mede, a Sartirana dipendente dal Circolo Didattico di Mede)
         Scuola secondaria statale di primo grado
Al termine della Scuola Secondaria di 1° grado, i ragazzi frequentano Istituti Superiori a Mortara, Vigevano, Pavia,
Sannazzaro, Valenza, Casale Monferrato e Voghera.



CENTRI CULTURALI, RICREATIVI, EDUCATIVI

Sia a Lomello che a Pieve del Cairo e Sartirana sono attivi: la Biblioteca Comunale, la Pro-Loco, centri culturali,
associazioni sportive, gli oratori. In particolare a Sartirana molto attiva è l’Associazione Brunoldi Ceci, che organizza
iniziative culturali, sportive e di intrattenimento anche con altre realtà dei Comuni limitrofi, e la Fondazione Arte.



ANDAMENTO DEMOGRAFICO

Anche qui l’andamento demografico è caratterizzato da un basso numero di nascite, perciò il saldo demografico tende al
negativo. L’immigrazione da paesi extracomunitari, in particolare Albania, Marocco, Bulgaria e Romania, nell’ultimo
periodo è in pareggio.



I BACINI D’UTENZA

La Scuola Secondaria di 1° grado di Lomello accoglie alunni provenienti da San Giorgio, Cergnago, Semiana,
Galliavola, quella di Pieve del Cairo è frequentata da ragazzi di Suardi e Mezzana Bigli, per la maggiore, ma anche da
allievi provenienti da Galliavola eda Gambarana, quella di Sartirana da ragazzi di Torre Beretti, Breme e Frascarolo.
I trasporti avvengono con l’utilizzo di scuolabus comunali.


 BREVI OSSERVAZIONI SULLA REALTA’ SOCIO - CULTURALE

Il contesto sociale è sostanzialmente sano e la Scuola non è collocata in area ad alto rischio educativo.
Si rilevano però alcuni indicatori che suggeriscono la necessità di un’attenzione particolare: aumentano le situazioni
problematiche a livello familiare, causate anche da difficoltà economiche, si ampliano i flussi di immigrazione,
diminuisce il livello della sicurezza sociale.
I ragazzi risentono dell’incertezza che nasce dai rapidi mutamenti cui la società deve continuamente adeguarsi e vivono
talvolta con disagio queste situazioni, caratterizzate sovente da contraddizioni e da mancanza di punti di riferimento
stabili, sicuri, attendibili.




                                                         - 14 -
                                     I bisogni educativi 
                        della società e del contesto ambientale

Nel corso degli ultimi anni, la Scuola ha continuamente analizzato, sia in modo formale che informale, le caratteristiche
degli alunni e dell’utenza in generale che hanno fruito dei suoi servizi.
Si è venuto così via via componendo questo identikit della situazione:

 aumentano, fra gli alunni, i casi di disagio con riflessi sia sul comportamento e sull’apprendimento;
 aumentano difficoltà e disinteresse nei confronti di contenuti culturali che sembrano distanti dalla realtà odierna e
  troppo teorici;
 aumenta, all’interno delle classi, la “forbice” tra livelli di apprendimento;
 aumentano, sia da parte delle famiglie che della società, richieste alla Scuola di interventi di supplenza nella
  formazione e nell’informazione;
 aumenta il numero delle famiglie meno partecipi ai colloqui con gli insegnanti e meno disponibili al dialogo
  casa/scuola;
 aumenta il numero degli alunni extracomunitari.

Perché i giovani possano inserirsi in modo attivo in una società complessa e difficile, in continua trasformazione quale
è la nostra, la Scuola ritiene che debbano possedere:

   conoscenze significative e diversificate;
   competenza nel fronteggiare le varie realtà comunicative;
   abilità tecnico-operative-strumentali;
   capacità di confronto, accettazione ed integrazione di culture diverse dalla propria;
   conoscenza delle personali radici culturali e capacità di valorizzarle;
   capacità di dare un senso e un significato anche a ciò che costa fatica, che non dà vantaggio immediato, che
    costituisce un recupero di valori morali e civili, difficili da vivere quotidianamente.

Questi stessi bisogni, interpretati alla luce del contesto territoriale di riferimento, assumono connotazioni concrete.
In questo periodo, in questo ambiente socio-culturale, è necessario che il ragazzo, futuro protagonista dello sviluppo
sociale,

 abbia un bagaglio culturale solido, non dispersivo, facilmente utilizzabile, adeguato ai tempi;
 impari a muoversi, orientarsi, a interagire con gli altri, sia pari che adulti, utilizzando linguaggi diversi;
 coniughi il sapere e il saper fare, comprendendo i processi operativi e mentali alla base della realizzazione di un
  prodotto;
 arrivi a conoscere la propria storia senza rinserrarsi in essa, ma ricercando un confronto e uno scambio con culture
  diverse;
 rivitalizzi l’etica della responsabilità, della motivazione personale, del rispetto degli altri.




                                                         - 15 -
 L’offerta
formativa




    - 16 -
                        … le scelte educative dell’Istituto 

Nell’elaborare il proprio Piano dell’Offerta Formativa, la Scuola ha tenuto presente i seguenti punti di riferimento:

 l’assetto normativo istituzionale dell’autonomia;
 la realtà contestuale;
 la Riforma Moratti;
 la Riforma Gelmini.

Dal Profilo educativo, culturale e professionale dello studente al termine del Primo Ciclo di istruzione che la
“Riforma Moratti” esplica attraverso:

     a.   identità: conoscenza di sé – relazione con gli altri – orientamento
     b.   strumenti culturali – convivenza civile

Il Collegio dei Docenti ha ritenuto importante evidenziare in primo luogo le seguenti finalità educative:

1.   Riconoscere e gestire i diversi aspetti della propria esperienza motoria, emotiva e razionale consapevoli (in
     proporzione all’età) della loro interdipendenza e integrazione nell’unità che ne costituisce il fondamento
2.   Abituarsi a riflettere con spirito critico, sia sulle affermazioni in genere, sia sulle considerazioni necessarie per
     prendere una decisione
3.   Distinguere, nell’affrontare in modo logico i vari argomenti, il diverso grado di complessità che li caratterizza
4.   Concepire liberamente progetti di vario ordine (dall’esistenziale al tecnico) che li riguardino, e tentare di attuarli,
     nei limiti del possibile, con la consapevolezza dell’inevitabile scarto tra risultati sperati e risultati ottenuti
5.   Avere strumenti di giudizio sufficienti per valutare se stessi, le proprie azioni, i fatti e i comportamenti individuali,
     umani e sociali degli altri, alla luce dei parametri spirituali che ispirano la convivenza civile
6.   Avvertire, sulla base della coscienza personale, la differenza tra bene e male ed essere in grado di orientarsi nelle
     scelte di vita e nei comportamenti sociali e civili
7.   Essere disponibili al rapporto di collaborazione con gli altri, per contribuire alla realizzazione di una società
     migliore
8.   Avere consapevolezza, adeguata all’età, delle proprie inclinazioni e capacità e progettare su questa base il proprio
     futuro
9.   Porsi le grandi domande sul mondo, sulle cose, su di sé e sugli altri.


               In particolare, per la Scuola Secondaria di primo grado essi vengono così suddivisi:

 PER LE CLASSI PRIME

1. Educare al senso di responsabilità personale e di autocontrollo.
2. Promuovere una visione della vita, che abbia alla base il rispetto degli altri e dell’ambiente e atteggiamenti di
   comprensione e di tolleranza della diversità.
3. Promuovere la conoscenza e l’apprendimento di codici linguistici diversi per una più approfondita e consapevole
   decodificazione del reale.
4. Sviluppare capacità di osservazione, di ascolto, di lettura del mondo circostante.
5. Stimolare alla comunicazione verbale e all’arricchimento delle capacità espressive per dominare la parola, il segno, i
   simboli.
6. Porre attenzione alla promozione di capacità logiche per acquisire un metodo di lavoro sistematico.
7. Agevolare lo sviluppo di una mentalità operativa e di abilità manuali.
8. Favorire la conoscenza della propria corporeità.




                                                             17
 PER LE CLASSI SECONDE

1. Educare al senso di responsabilità personale e di autocontrollo.
2. Promuovere una visione della vita che abbia alla base il rispetto degli altri e dell’ambiente e atteggiamenti di
   comprensione e tolleranza delle diversità.
3. Migliorare le varie capacità espressive ed arricchire il bagaglio lessicale.
4. Promuovere le capacità di apprendimento autonomo affinché l’alunno acceda ad un patrimonio culturale sempre più
   ampio.
5. Educare l’alunno ad una lettura approfondita e problematica di ogni esperienza umana per ampliare il processo di
   crescita della personalità.
6. Sviluppare le capacità logiche attraverso operazioni di analisi e di confronto.
7. Favorire l’ordinato sviluppo psicomotorio e la coscienza della propria corporeità.


 PER LE CLASSI TERZE

1. Educare al senso di responsabilità personale e di autocontrollo.
2. Portare ciascun alunno ad una maturazione adeguata alla sua persona, ponendola in condizione di operare scelte
   realistiche.
3. Promuovere una conoscenza più approfondita della realtà in modo da averne una visione problematica.
4. Consolidare efficacemente le conoscenze apprese e le abilità raggiunte per ampliare gli interessi, per promuovere
   creatività e per abilitare alla valutazione e alla critica.
5. Consolidare la capacità di analisi, di confronto, di collegamento e di sintesi delle conoscenze acquisite in tutte le
   materie.
6. Perfezionare il metodo di lavoro per acquisire una maggiore consapevolezza delle capacità logiche, per valutare e
   ordinare informazioni e conoscenze, per inquadrare e risolvere problemi che sorgono dai rapporti con mondo
   esterno.
7. Affinare la comunicazione, potenziando le abilità di base con il contributo dei codici non verbali: grafici, visivi e
   manuali.

               Per la Scuola Primaria:

In particolare l’offerta formativa vuole rispondere alle esigenze e alle necessità del singolo alunno nel rispetto dei ritmi
e dei modi di apprendere di ciascuno:

        promuovendo il benessere personale del bambino tramite la scoperta e lo sviluppo della sua identità fisica,
         psicologica e culturale;
        sviluppando adeguate capacità di autostima e consapevolezza di sé;
        sviluppando autonomia e responsabilità;
        promuovendo l’apprendimento dei saperi e dei valori;
        favorendo comportamenti sociali positivi;
        sviluppando la capacità di relazione con gli altri;
        favorendo nei bambini l’atteggiamento di ricerca;
        sviluppando la creatività, l’autonomia di giudizio, la capacità di riflessione e di studio individuale;
        sviluppando le iniziative personali attraverso esperienze adeguate.




                                                             18
         Gli indirizzi generali per l’attività della Scuola 
                               definiti dal Consiglio d’Istituto

Poiché l’offerta formativa nel suo complesso è finalizzata allo sviluppo della personalità degli alunni, tenuto conto delle
caratteristiche specifiche degli stessi, delle domande delle famiglie, del contesto territoriale, la Scuola organizza il
proprio lavoro, per quanto riguarda gli alunni, secondo i seguenti obiettivi:

   favorire il successo formativo degli stessi, potenziando le occasioni e le attività di recupero, consolidamento,
    potenziamento;
   ampliare e diversificare l’offerta formativa, potenziando:

         a)   la conoscenza delle lingue
         b)   l’utilizzo dell’informatica
         c)   la pratica sportiva
         d)   la sperimentazione scientifica

   creare le condizioni per sviluppare un clima di solidarietà e tolleranza.

Inoltre vengono fissate le seguenti linee di sviluppo e di tendenza dell’attività didattica, formativa ed organizzativa
della Scuola:

   nei rapporti con l’esterno:
        a) potenziare la continuità didattica
        b) valorizzare il contesto (EE.LL., Associazioni, eccetera) facendolo partecipe delle proprie attività e inserirsi
             in una rete di collaborazione con le altre Scuole del territorio
   nei confronti del personale:
        a) promuovere e potenziare le varie professionalità attraverso attività di formazione e aggiornamento
        b) creare una cultura di appartenenza e una cultura di servizio
   in relazione all’organizzazione globale:
        a) integrare l’innovazione nella prassi consolidata della Scuola
        b) ricercare la qualità

Per conseguire questi obiettivi, la Scuola intende utilizzare, quali strumenti operativi:

   l’organizzazione didattica prevista dalla normativa nazionale,
 la progettazione dell’Autonomia didattica e organizzativa.




                                                            19
                                     Le scelte curriculari 
 LA      STRUTTURA ORARIA DI BASE

Nella Scuola primaria funzionano 5 classi a Tempo Pieno per un totale di 86 alunni.
Le lingue straniere insegnate nella Scuola Secondaria di primo grado sono:

              francese e inglese


Nella Scuola primaria l’orario settimanale è di 40 ore e articolato su cinque giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00
alle ore 16.30; il mercoledì dalle ore 8.00 alle ore 14.05. Il tempo mensa (12.30-14) è compreso nelle 40 ore settimanali,
visto che si tratta di Tempo Pieno. Le 40 ore sono così distribuite:



MATERIE                               CLASSE I          CLASSE II       CLASSI III - IV - V    N° INSEGNANTI

Italiano                               7 ore              7 ore               7 ore            Insegnante A

Storia                                 2 ore              2 ore               2 ore            Insegnante A

Matematica                             7 ore              7 ore               7 ore            Insegnante B

Scienze e teconologia                  3 ore              2 ore               2 ore            Insegnante B

Geografia                              2 ore              2 ore               1 ora            Insegnante B

Inglese                                1 ora              2 ore               3 ore            Insegnante C

Educaz. all’Immagine                   2 ore              2 ore               2 ore            Insegnante A/B

Educaz. Motoria                        1 ora              1 ora               1 ora            Insegnante A/B

Educaz. al Suono e Musica              1 ora              1 ora               1 ora            Insegnante A/B

Religione                              2 ore              2 ore               2 ore            Insegnante A

Attività in compresenza               ore 4.30          ore 4.30             ore 4.30          Insegnanti A-B-C




La Riforma Moratti



La nuova legge di riforma (L.53 del 28/03/03), ha introdotto molte novità organizzative, educative e didattiche.




                                                            20
Orario
Per la Secondaria di primo grado prevede una quota oraria di 990 ore annuali con un impegno settimanale di 30 ore. La
ripartizione oraria delle discipline è la seguente:




MATERIE                                                                              CLASSE 1^

Italiano                                                                                6 ore

Storia e Geografia                                                                        3

Matematica                                                                              6 ore

Approfondimento materie letterarie                                                      1 ora

Lingua inglese                                                                          3 ore

Lingua francese                                                                         2 ore

Arte e immagine                                                                         2 ore

Tecnologia                                                                              2 ore

Musica                                                                                  2 ore

Scienze motorie e sportive                                                              2 ore

Religione                                                                               1 ora

TOTALE ORE                                                                            n° 30 ore




 I CONTENUTI DELLE SINGOLE DISCIPLINE
La scelta dei contenuti è compiuta a livello di Consigli di Classe, di Interclasse e da ogni singolo docente sulla base
delle Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati e tenendo conto dei livelli di partenza di ciascun alunno.
Poiché la Scuola Secondaria di primo grado accoglie alunni con livelli estremamente diversificati di capacità, attitudini,
preparazione, interessi, aspettative è un dovere istituzionale formare ed istruire ogni alunno attraverso interventi
didattici di Recupero / Consolidamento / Potenziamento che favoriscano l'individualizzazione e la personalizzazione
dell’insegnamento (vedi P.O.F. delle singole sedi). Proprio per soddisfare le esigenze specifiche degli alunni il
Collegio dei Docenti ha indicato itinerari di insegnamento / apprendimento per competenze. Nella Scuola Primaria
ferma restando l’unità di ciascuna classe, al fine di agevolare l’attuazione del diritto allo studio e la promozione della
formazione della personalità degli alunni, la programmazione educativa può comprendere attività scolastiche integrative
organizzate per gruppi di scolari della classe o di classi diverse. Questo anche allo scopo di realizzare interventi
personalizzati in relazione alle esigenze dei singoli alunni.




                                                           21
               Le attività interdisciplinari ed integrative 
I Consigli di Classe e di Interclasse, all’inizio dell’anno scolastico, fissano una serie di tematiche da sviluppare
attraverso un approccio interdisciplinare, in modo che possano costituire un arricchimento e un’integrazione dei
contenuti disciplinari. Essi vengono raccolti sotto il nome di Progetti, sono svolti dagli insegnanti in compresenza o
individualmente, in periodi definiti o per tutto l’anno scolastico, a seconda dei diversi argomenti. Vengono realizzati in
tutte le sedi e, pur adattati alle specifiche realtà, hanno modalità di conduzione molto simili.

Nell’anno scolastico 2010/11 sono previste le seguenti attività formative:



                            ATTIVITA’ INTERDISCIPLINARI E INTEGRATIVE


SETTORE                                         DISCIPLINE COINVOLTE
Progetto Accoglienza                            Tutte le discipline
Progetto Ambiente                               Scienze – Geografia – Tecnologia – Arte e immagine

Progetto Salute                                 Scienze – Lettere – Tecnologia – Attività fisiche e motorie– Arte e
                                                immagine
Progetto alfabetizzazione e integrazione        Tutte, con particolare riferimento all’area linguistica
alunni stranieri
Progetto Educazione alla legalità e alla        Lettere – Scienze – Tecnologia – Attività fisiche e motorie – Arte e
sicurezza                                       immagine
Progetto Ed. all’Immagine                       Arte e immagine – Lettere – Musica
Progetto Lettura                                Lettere
Progetto Orientamento                           Tutte le discipline con particolare riferimento a Lettere
Progetto Continuità: Scuola Primaria / Scuola Secondaria di primo grado            Tutte le discipline
                    Scuola Secondaria di primo grado / Scuola Superiore
Educazione alla prevenzione dei rischi:                                            Tutte le discipline
prove di evacuazione degli edifici scolastici
Conoscenza del territorio: visite e viaggi di istruzione                           Tutte le discipline
Educazione all’agonismo: Giochi della Gioventù                                     Attività fisiche e motorie
Educazione Interculturale                                                          Tutte le discipline

                                ATTIVITA’ AGGIUNTIVE E/O FACOLTATIVE


Laboratori                             Per cicli di attività in orario curriculare, o extracurriculare per gruppi di
                                       alunni a classi aperte
Recupero e approfondimento             Per cicli di attività in orario curriculare o extracurriculare, per gruppi di
scientifico e linguistico              alunni a classi aperte




                                                             22
                                      L’attività sportiva 
Con la collaborazione di docenti, genitori, EE.LL. Associazioni di Volontariato, gli alunni della Scuola Secondaria di
primo grado partecipano ogni anno alle attività previste negli attuali programmi dei Giochi Sportivi Studenteschi, nelle
seguenti specialità:

   Corsa campestre
   Atletica leggera
   Orienteering (Mede, Pieve del Cairo)
   Calcio e pallavolo (torneo d’Istituto)

Anche quest’anno la fase di Istituto della Corsa campestre vedrà riuniti a Pieve del Cairo tutti gli alunni partecipanti,
provenienti dalle varie sedi, per un momento comunitario.
L’impegno della Scuola è volto a potenziare questo settore in quanto una corretta e concreta pratica sportiva è portatrice
di valori di socializzazione, impegno, responsabilizzazione e rispetto delle regole.

                                     I GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI
                                     Calendario attività anno scolastico 2010-11

DATA                    CLASSI COINVOLTE          LUOGO              MANIFESTAZIONE             MEZZO DI TRASPORTO
23/09/2010              CLASSI 1°                 PAVIA              SPORT EXIBITION            PULLMAN            /
                        Tutti i plessi                                                          SCUOLABUS
26/10/2010              GRUPPI         1°-2°-3°   PIEVE DEL CAIRO    TROFEO “BALDINI”           SCUOLABUS
                        Tutti i plessi
06/11/2010              GRUPPI         1°-2°-3°   MORTARA            CAMPESTRE       GSS        SCUOLABUS
                        Tutti i plessi                               DISTRETTUALE
02/12/2010              GRUPPI         1°-2°-3°   PAVIA              CAMPESTRE       GSS        PULLMAN USP
                        Tutti i plessi                               PROVINCIALE
15/02/2011              MASCHI         1°-2°-3°   MEDE               INCONTRO BASKET            SCUOLABUS
                        Mede – Pieve
Marzo 2011              GRUPPI         1°-2°-3°   SANNAZZARO         ORIENTEERING               SCUOLABUS
                        Mede - Pieve                                 DISTRETTUALE
09/03/2011 oppure       GRUPPI         1°-2°-3°   PIETRAGAVINA       ORIENTEERING               PULLMAN USP
30/03/2011              Mede - Pieve                                 PROVINCIALE
09/04/2011              GRUPPI 2°-3°              VOGHERA/           ATLETICA                   SCUOLABUS
                                                  VIGEVANO           DISTRETTUALE
05/05/2011              GRUPPI 2° - 3°            PAVIA              ATLETICA PROVINCIALE       PULLMAN USP
18/05/2011              CLASSI 1° -2°-3°          MEDE               SEMIFINALI    Calcio/      SCUOLABUS
25/05/2011                                        Mede - Sartirana   Pallavolo
24/05/2011              CLASSI 1°-2°-3°           PIEVE DEL CAIRO    SEMIFINALI    Calcio/      SCUOLABUS
26/05/2011                                        Pieve - Lomello    Pallavolo
Maggio 2011             CLASSI 1°                 PAVIA              TEST EVENTS                PULLMAN USP
                        Classi selezionate                           GDG
31/05/2011              CLASSI 1°                 MEDE               ATLETICA A SCUOLA          SCUOLABUS
04/06/2011              Tutti i plessi
07/06/2011              CLASSI 2°-3°              MEDE               FINALI       D’ISTITUTO    SCUOLABUS
09/06/2011              Tutti i plessi                               Calcio/ Pallavolo

                                                    I DOCENTI DI SCIENZE MOTORIE: Gallizzi – Deluchi – Delbò


                                                            23
                       Le visite di integrazione culturale 

La Scuola organizza visite guidate e viaggi di istruzione che hanno un rapporto di continuità con la didattica.
Il piano gite viene completato generalmente alla fine di novembre, quando i Consigli di Classe, valutate le diverse
opzioni, arrivano ad una proposta unitaria.
Ogni uscita didattica viene organizzata nel rispetto rigoroso delle misure di sicurezza previste dalla legge e
nell’osservanza del Regolamento gite approvato dal Consiglio d’Istituto il 30 ottobre 2001.
Nella Scuola Primaria sia le uscite didattiche sia i viaggi d’approfondimento culturale, sono organizzati dai docenti
delle varie classi, tenendo conto principalmente delle finalità didattiche. Inoltre, data la fascia d’età degli alunni, si cerca
di utilizzare le risorse offerte dal territorio in limiti di distanza ritenuti opportuni e nell’arco di tempo di un solo giorno.
Essendo poi la “gita” considerata momento importante nella vita di classe, sia per la socializzazione, che per
l’approfondimento degli obiettivi disciplinari trattati, le Insegnanti ritengono indispensabile la partecipazione totale
della classe, salvo casi eccezionali.
Anche quest’anno, per venire incontro alle difficoltà economiche espresse da alcuni genitori, sono stati fissati dei tetti
di spesa massimi per ogni classe della Scuola Secondaria di primo grado:


    · classi prime: 70 euro, classi seconde: 120 euro, classi terze: 150 euro


Per l’anno scolastico 2010-11 il piano gite èancora in fase di definizione.




                                                       Scuola Primaria

Attualmente i ragazzi hanno la possibilità di compiere viaggi con la famiglia, cosa che risultava rara anche solo qualche
decennio fa. Partendo da questa considerazione, gli insegnanti hanno concordato di cercare itinerari che abbiano sia
un’utilità didattica, sia un interesse che vada oltre la pura osservazione dei luoghi.
La “gita” di classe per i ragazzi della società moderna resta comunque un momento importante di condivisione con i
compagni e con le insegnanti, le quali ritengono che sia sicuramente utile e educativa.


OBIETTIVI

        Promuovere l’interesse per un luogo o una determinata attività.
        Scoprire usi e costumi diversi dai propri.
        Capire le radici storiche di una zona o di una città.
        Aiutare l’alunno a gestirsi fuori dal proprio nucleo famigliare e dal proprio contesto territoriale.
        Favorire lo sviluppo del senso critico ed estetico.
        Conoscere le caratteristiche del proprio territorio.


Per ora è stata fissata una visita a un centro sportivo Coni per tutte le classi. La visita, che è legata al progetto “Correre è
salute”, si terrà in primavera. Il mezzo di trasporto sarà pagato dall’associazione “Correre è salute”.




                                                              24
                                        Scuola Secondaria di primo grado



                           SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI MEDE (da definire)

    CLASSI PRIME (totale 1 g.)           CLASSI SECONDE (totale 2 gg.)                CLASSI TERZE (totale 3 gg)

META: Torino (Palazzo Reale,         META : Torino (Palazzo Reale, Venaria     META: Vicenza e Ville Venete
Palazzo del Senato, Borgo            Reale)
medievale del Valentino)                                                       DURATA: 2 gg.
                                     DURATA: giornata intera
DURATA: giornata intera                                                        PERIODO: maggio 2011
                                     PERIODO: maggio 2011
PERIODO: maggio 2011                                                           COSTI: da definire
                                     COSTI: circa 38 €uro
COSTI: circa 30 €uro
                                                                               META: Torino (Visita mostra “Fare gli
                                     META: Mantova (Palazzo Ducale e           italiani”, Reggia di Venaria)
                                     navigazione sul Mincio)
                                                                               DURATA: giornata intera
                                     DURATA: giornata intera
                                                                               PERIODO: aprile 2011
                                     PERIODO: maggio 2011
                                                                               COSTI: circa 40 €uro
                                     COSTI: circa 42 €uro




                                 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI LOMELLO

CLASSI PRIME (tot. 1 g.)           CLASSI SECONDE (totale 2 gg.)             CLASSI TERZE (totale 3 gg)

META: Torino e Venaria Reale       META: Ferrara                             La classe terza di Lomello non partecipa ad
                                                                             alcuna gita e/o uscita didattica.
DURATA: giornata intera            DURATA: giornata intera

PERIODO: 2 maggio 2011 COSTI:      PERIODO: 6 maggio 2011
37 €uro
                                   COSTI: 42,50 €uro

                                   ABBINAMENTO: Pieve del Cairo
META: Museo del contadino di
Frascarolo

DURATA: mezza giornata

PERIODO: 2011

COSTI: zero




                                                            25
                    SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI PIEVE DEL CAIRO
     CLASSI PRIME (tot. 1 g.)  CLASSI SECONDE (totale 2 gg.)  CLASSI TERZE (totale 3 gg.)

META: Mantova e Sabbioneta       META: Mantova e Sabbioneta     META: Aquileia - Redipuglia

DURATA: giornata intera          DURATA: giornata intera        DURATA: 2 gg.

PERIODO: 12 maggio 2011          PERIODO: 12 maggio 2011        PERIODO: 2011

COSTI: da definire               COSTI: da definire             ABBINAMENTO: Sartirana

                                                                COSTI: 100 €uro

META: Parco “Le Folaghe” di Casei META: Ferrara                 META: Milano Museo della scienza e della
Gerola (PV)                                                     tecnica
                                  DURATA: intera giornata
DURATA: nel corso della mattinata                               DURATA: intera giornata
                                  PERIODO: 6 maggio 2011
COSTI: zero                                                     PERIODO: 9 marzo 2011
                                  ABBINAMENTO: Lomello
                                                                COSTI: da definire
                                 COSTI: 42,50 €uro
                                                                META: Musei “Cervi” e “Peppone e don
                                                                Camillo” Reggio Emilia

                                                                DURATA E PERIODO: 15 aprile 2011

                                                                COSTI: zero (offerta dal Comune di Pieve)




                        SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI SARTIRANA
    CLASSI PRIME (tot. 1 gg.)    CLASSI SECONDE (totale 2 gg.) CLASSI TERZE (totale 3 gg.)

META: Mantova                    META: Mantova                  META: Aquileia - Redipuglia

DURATA: giornata intera          DURATA: giornata intera        DURATA: 2 gg.

PERIODO: aprile /maggio 2011     PERIODO: aprile/maggio 2011    PERIODO: 2011

ABBINAMENTO: Pieve del Cairo     ABBINAMENTO: Pieve del Cairo   ABBINAMENTO: Pieve del Cairo

COSTI: 30 €uro                   COSTI: 30 €uro                 COSTI: 100 €uro

                                 META: Torino                   META: Torino

                                 DURATA: intera giornata        DURATA: intera giornata

                                 PERIODO: aprile/maggio 2010    PERIODO: aprile/maggio 2011

                                 ABBINAMENTO: Pieve del Cairo   ABBINAMENTO: Pieve del Cairo

                                 COSTI: 37 €uro                 COSTI: da definire




                                                      26
           L’integrazione degli alunni diversamente abili 
In tutto l’Istituto sono presenti 29 alunni, affiancati da docenti di sostegno.
Pur nell’estrema differenziazione delle situazioni, che viene recepita dai singoli Piani Educativi Individualizzati, la
Scuola si prefigge i seguenti obiettivi generali:

1.   favorire la formazione di un’identità positiva pur nella consapevolezza dei propri bisogni
2.   attivare esperienze agibili a diversi livelli di competenze
3.   inserire l’alunno in una rete sociale che fornisca opportunità formative e di socializzazione
4.   praticare esperienze che sviluppino

        il linguaggio, le competenze sulle relazioni causali-spaziali-temporali
        le conoscenze sulla realtà circostante

5. sviluppare i percorsi che consentano l’elaborazione della propria esperienza.
Per il loro raggiungimento è previsto il coinvolgimento delle famiglie, dell’A.S.L., dell’Ente Locale.
Anche quest’anno il gruppo H, formato da tutti i docenti di sostegno dell’Istituto, ha elaborato un progetto articolato
per migliorare l’offerta formativa della scuola verso gli alunni più sfortunati.


                                             PROGETTO GRUPPO H

Il gruppo di lavoro ha programmato 3 sedute annuali.
Le scadenze di seguito elencate sono stabilite in rapporto ai compiti e alle funzioni riportate nella legge
104/92 e agli impegni di lavoro previsti dall’attività scolastica:

Ottobre
     Accoglienza ai nuovi insegnanti
     Formulazione di linee programmatiche e operative comuni
     Valutazione di situazioni che richiedono interventi particolari e/o raccordi esterni
     Individuazione e organizzazione delle risorse
     Prime segnalazioni
     Orientamento

Febbraio
    Verifica intermedia del P.E.I.
    Analisi delle situazioni che richiedono un potenziamento dell’orario delle attività di sostegno
    Verifica sulle attività di orientamento
    Consegna delle note informative per il cambio scuola

Maggio:
    Analisi degli adempimenti e delle proposte per le prove d’esame
    Valutazione dei risultati, dei bisogni, dei problemi ed interventi per l’anno successivo per gli alunni
         già conosciuti
    Predisposizione del fascicolo personale da inviare alla nuova scuola
    Varie ed eventuali

Costi previsti:
       4 ore di non insegnamento per gli 11 docenti di sostegno coinvolti, + 10 ore per il coordinatore del
       gruppo prof. Biancardi




                                                             27
               L’alfabetizzazione degli alunni stranieri 
Nella Scuola sono presenti 109 alunni stranieri.
Gli obiettivi a lungo termine da conseguirsi, ricercando la collaborazione dei gruppi accoglienza che agiscono sul
territorio, sono i seguenti:

        la conoscenza e l’accettazione reciproca
        l’approfondimento di culture diverse
        il rispetto delle reciproche identità
        la promozione di iniziative che favoriscano la conoscenza e la comprensione dei popoli.

La necessità da soddisfare in via prioritaria è quella dell’alfabetizzazione, in modo da poter superare le difficoltà di
comprensione e di produzione, orali e scritte, in lingua italiana.
Il lavoro è organizzato in Unità Didattiche e/o di Apprendimento in cui sono presentate semplici situazioni
comunicative che utilizzano un lessico essenziale.
In tutte le sedi il compito è affidato, prevalentemente, a docenti di lettere, matematica, lingua straniera, tenuti al
completamento d’orario; in alcune situazioni di particolare gravità ci si avvale di operatori esterni.
Anche quest’anno, l’I.C. partecipa ad un progetto provinciale organizzato dal CSA di Pavia.




                 Le attività alternative all’insegnamento 
                                     della religione cattolica
Frequentano la Scuola 71 alunni che non si avvalgono dell’insegnamento della R.C. Nella Scuola Secondaria di primo
grado alcuni di questi svolgono un’attiva alternativa, altri entrano un’ora dopo o escono un’ora prima a seconda se la
disciplina è all’inizio o al termine dell’orario antimeridiano. Coloro che hanno scelto di svolgere attività alternative
sono seguiti da insegnanti disponibili per le ore eccedenti o da insegnanti che completano il loro orario settimanale con
un aumento di ore. Nella Scuola Primaria i quattro allievi che non si avvalgono dell’insegnamento della religione
cattolica, seguono un’attività alternativa.




                                                           28
    Percorsi
personalizzati di
 apprendimento
  delle materie
   curriculari


        29
                                         Definizione di…

      percorsi essenziali di insegnamento / apprendimento

      percorsi di approfondimento

personalizzati per tutte le classi della Scuola Secondaria di 1° grado ed elaborati dai docenti,
riuniti in gruppi di lavoro per materie.

Essi hanno tenuto conto delle seguenti Indicazioni della




                                  Riforma Moratti
I docenti dell’I.C. di Mede hanno pertanto, selezionato gli obiettivi formativi generali secondo
criteri di gradualità, di funzionalità alla situazione, di priorità verso i bisogni formativi individuati;
per ogni disciplina e educazione sono state individuate delle competenze distinte su tre livelli di
apprendimento, rilevabili in ciascuna classe prima.
Ogni coordinatore, infine ha predisposto un piano di studio, strutturato per ogni disciplina e/o
educazione in:

                U.d.A. (unità di apprendimento) del gruppo – classe
                U.d.A. (unità di apprendimento) del gruppo di livello o individuali
                U.d.A. (unità di apprendimento) distinte per attività di laboratorio

Il lavoro è stato svolto all’inizio dell’anno scolastico, in fase di programmazione delle attività
didattiche.


                                                  ITALIANO


A: percorso di eccellenza   B: percorso medio    C: percorso di accettabilità

                                  CLASSE PRIMA: OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI

Comprensione della            C     Comprende in modo globale un testo ascoltato
lingua orale
                              B     Comprende le informazioni principali di un testo ascoltato

                             A      Comprende in modo analitico un testo ascoltato




                                                         30
Comprensione della        C   Legge ad alta voce in modo chiaro
lingua scritta
                          B   Legge ad alta voce in modo chiaro e corretto,rispettando la punteggiatura

(tecnica di lettura)
                          A   Legge ad alta voce in modo espressivo




Comprensione della        C   Comprende in modo globale un testo letto
lingua scritta
                          B   Comprende le informazioni principali di un testo letto

                          A   Comprende in modo analitico un testo letto




Produzione nella lingua   C   Riferisce in modo globale un testo letto o ascoltato e risponde in modo pertinente
orale
                          B   Riferisce le informazioni essenziali di un testo letto o ascoltato e risponde in modo
                              pertinente

                          A   Riferisce in modo chiaro e preciso un testo letto o ascoltato e risponde in modo
                              esauriente




Produzione nella lingua   C   Risponde in modo chiaro ed essenziale            Scrive testi semplici su modelli appresi
scritta
                          B   Risponde in modo articolato                      Scrive testi semplici su modelli appresi,
                                                                               applicando le regole ortografiche

                          A   Risponde in modo esauriente e strutturato        Scrive testi coerenti e corretti dal punto
                                                                               di vista ortografico e grammaticale




Conoscenza della          C   Riconosce, distingue e trascrive in modo corretto i suoni della lingua e le parti del
                              discorso
struttura della lingua
                          B   Riconosce e distingue le parti del discorso

                          A   Riconosce, analizza e usa correttamente le parti del discorso




Conoscenza e              C   Conosce i testi proposti e li riferisce in modo semplice
organizzazione dei
                          B   Conosce i testi proposti e li riferisce con coerenza
contenuti
                          A   Conosce in modo approfondito i testi proposti e li riferisce in modo logico, operando
                              collegamenti




                                                    31
                              CLASSE SECONDA: OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI

Comprensione della       ABC        Ascolta seguendo il filo del discorso
lingua orale
                          C         Comprende in modo globale un testo ascoltato

                          B         Comprende le informazioni principali di un testo ascoltato

                          A         Comprende in modo analitico un testo ascoltato




Comprensione della        C         Legge ad alta voce in modo chiaro
lingua scritta
                          B         Legge ad alta voce in modo chiaro e corretto, rispettando la punteggiatura

(tecnica di lettura)
                          A         Legge ad alta voce in modo espressivo




Comprensione della        C         Comprende in modo globale un testo letto
lingua scritta
                          B         Comprende le informazioni principali di un testo letto

                          A         Comprende in modo analitico un testo letto




Produzione nella          C         Riferisce in modo globale un testo letto o ascoltato seguendo uno schema proposto
lingua orale
                          B         Riferisce in modo pertinente le informazioni essenziali di un testo letto o ascoltato

                          A         Riferisce in modo chiaro, esauriente e preciso un testo letto o ascoltato




Produzione nella          C         Risponde in modo chiaro ed essenziale        Scrive testi semplici su modelli appresi
                                                                                 applicando le regole ortografiche
lingua scritta
                          B         Risponde in modo articolato                  Scrive testi coerenti e corretti

                          A         Risponde in modo esauriente e                Scrive testi coerenti, corretti e personali
                                    strutturato




Conoscenza della          C         Riconosce e distingue in modo corretto le parti del discorso
struttura della lingua
                          B         Riconosce e analizza le parti del discorso

                          A         Riconosce, analizza e usa correttamente le parti del discorso




Conoscenza e              C         Conosce i testi proposti e li riferisce in modo semplice




                                                       32
organizzazione dei             B         Conosce i testi proposti e li riferisce con coerenza
contenuti
                               A         Conosce in modo approfondito i testi proposti e li riferisce in modo logico, operando
                                         collegamenti



                                                      CONTENUTI




    FAVOLA, FIABA, AVVENTURA, MITO, EPICA, POESIA, TESTI DESCRITTIVI, NARRATIVI, RIFLESSIVI, GIALLO, LETTERA, DIARIO,
                                AUTOBIOGRAFIA / ORTOGRAFIA, SINTASSI DELLA FRASE




                                   CLASSE TERZA: OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI

Comprensione della           ABC         Ascolta seguendo il filo del discorso
lingua orale
                               C         Comprende in modo globale un testo ascoltato

                               B         Comprende le informazioni principali di un testo ascoltato

                               A         Comprende in modo analitico un testo ascoltato e sa prendere appunti




Comprensione della             C         Legge ad alta voce in modo chiaro e corretto
lingua scritta
                               B         Legge ad alta voce in modo scorrevole

(tecnica di lettura)
                               A         Legge ad alta voce in modo espressivo




Comprensione della             C         Comprende in modo globale un testo letto
lingua scritta
                               B         Comprende le informazioni principali di un testo letto

                               A         Comprende in modo analitico un testo letto e sa prendere appunti




Produzione nella               C         Riferisce in modo globale un testo letto o ascoltato
lingua orale
                               B         Riferisce in modo pertinente le informazioni essenziali di un testo letto o ascoltato

                               A         Riferisce in modo chiaro, esauriente e preciso un testo letto o ascoltato




Produzione nella               C         Risponde in modo chiaro                       Scrive testi semplici su modelli appresi
                                                                                       applicando le regole ortografiche




                                                            33
lingua scritta               B           Risponde in modo pertinente                   Scrive testi coerenti e corretti

                             A           Risponde in modo esauriente                   Scrive testi coerenti, corretti e personali




Conoscenza della             C           Riconosce le funzioni logiche della frase semplice e differenzia quest’ultima dalla frase
                                         complessa
struttura della lingua
                             B           Individua gli elementi principali della frase complessa (propp. principale, coordinate e
                                         subordinate)

                             A           Riconosce e analizza gli elementi del periodo




Conoscenza e                 C           Conosce i testi proposti e li riferisce in modo chiaro ed essenziale
organizzazione dei
                             B           Conosce i testi proposti e li riferisce con coerenza
contenuti
                             A           Conosce in modo approfondito i testi proposti e li riferisce in modo logico, operando
                                         collegamenti



                                                      CONTENUTI



        RACCONTO E NOVELLA, ROMANZO STORICO E SOCIALE, NARRAZIONE MEMORIALISTICA, TESTO POETICO, TESTO
                                ARGOMENTATIVO, IL QUOTIDIANO, LETTERATURA

                                           SINTASSI DELLA FRASE COMPLESSA.




                                 ARGOMENTI INTERDISCIPLINARI (*)
                                                                              Italiano - Lingua straniera
                           Favola
                           Fiaba
                                                                              Arte e immagine - Musica
                           Poesia



                           Descrizione                                        Italiano - Lingua straniera – Arte e immagine

CLASSE PRIMA



                           Strutture grammaticali                             Italiano - Lingua straniera




                                                            34
                                                                                   Italiano - Lingua straniera
                              Il cavaliere
                                                                                   Storia - Geografia - Arte - Musica


CLASSE SECONDA


                              La lettera                                           Italiano - Lingua straniera




                              Orientamento                                         Tutte le discipline




CLASSE TERZA                                                                       Italiano - Lingua straniera

                              Problemi di attualità                                Storia - Geografia - Scienze

                                                                                   Tecnologia - Musica

                                                        STRUMENTI


CLASSE PRIMA                                                                 Questionari
                                                            (a risposta aperta / chiusa / a scelta multipla)

                                                                       Riassunti (orali / scritti)

                                                             Parafrasi - Commenti - Versioni in prosa
CLASSE SECONDA
                                                                    Domande di comprensione

                                                                        Riflessioni sulla lingua

                                                                         Elaborati - Colloqui

CLASSE TERZA                                                         Esercitazioni grammaticali




(*) Argomenti svolti a discrezione dell’insegnante, oppure svolti in anni diversi in relazione al testo adottato.




        PROGRAMMA DI STORIA – CITTADINANZA E COSTITUZIONE - GEOGRAFIA

                                 CLASSE PRIMA: OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI

                                                             STORIA

Conoscenza degli                C            Conosce gli aspetti essenziali dei periodi storici presi in esame




                                                                35
eventi storici             B   Conosce gli aspetti essenziali dei periodi storici presi in esame approfondendone alcuni

                           A   Conosce in modo approfondito i periodi storici presi in esame




Capacità di stabilire      C   Ordina cronologicamente fatti storici
relazioni
                           B   Individua una successione causale fra fatti storici

                           A   Raffronta elementi simili in civiltà diverse




Comprensione e uso         C   Conosce il lessico specifico di base e legge semplici carte, tabelle e schemi
dei linguaggi e degli
                           B   Conosce il lessico specifico di base e interpreta semplici carte, tabelle e schemi
strumenti specifici
                           A   Utilizza il lessico specifico e decodifica carte storiche e fonti


                                 CITTADINANZA E COSTITUZIONE

                           C   Conosce l’organizzazione amministrativa dello stato italiano

Educazione alla            B   Conosce la competenza dei diversi organi amministrativi locali
cittadinanza
                           A   Conosce le competenze dei diversi organi amministrativi

                                             GEOGRAFIA

Conoscenza                 C   Individua le caratteristiche essenziali dell’ambiente
dell’ambiente fisico e
                           B   Individua le caratteristiche degli ambienti studiati
umano
                           A   Acquisisce le nozioni relative allo spazio europeo




Uso degli strumenti        C   Legge carte, grafici e tabelle, e conosce i termini base del linguaggio specifico
propri della disciplina:
                           B   Legge carte, grafici e tabelle, individuando i vari simboli e comprendendo il linguaggio
comprensione e uso del
                               specifico
linguaggio specifico
                           A   Distingue e legge diversi tipi di carte, grafici e tabelle, utilizzando la terminologia
                               appropriata




Comprensione delle         C   Individua l’intervento dell’uomo sull’ambiente
relazioni
                           B   Individua l’intervento dell’uomo nell’utilizzo delle risorse

                           A   Collega la disponibilità delle risorse naturali con lo sviluppo dell’ambiente




                                                   36
                           CLASSE SECONDA: OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI

                                                    STORIA

Conoscenza degli           C      Conosce gli aspetti essenziali dei periodi storici presi in esame
eventi storici
                           B      Conosce gli aspetti essenziali dei periodi storici presi in esame approfondendone
                                  alcuni

                           A      Conosce in modo approfondito i periodi storici presi in esame




Capacità di stabilire      C      Individua semplici relazioni tra fatti storici (ordine cronologico, semplici cause, ecc.)
relazioni
                           B      Individua relazioni articolate tra fatti storici

                           A      Individua relazioni complesse tra fatti storici e raffronta elementi simili in contesti
                                  diverse




Comprensione e uso         C      Conosce il lessico specifico di base e legge semplici carte, tabelle e schemi
dei linguaggi e degli
                           B      Conosce il lessico specifico di base e interpreta semplici carte, tabelle e schemi
strumenti specifici
                           A      Utilizza il lessico specifico e decodifica carte storiche e fonti

                                    CITTADINANZA E COSTITUZIONE

                           C      Conosce l’organizzazione dei diversi organi amministrativi dell’U.E. attraverso i siti

Educazione alla            B      Conosce la competenza dei diversi organi amministrativi dell’U.E.
cittadinanza
                           A      Conosce gli strumenti e le modalità di comunicazione utilizzati dalle Istituzioni

                                                  GEOGRAFIA

Conoscenza                 C      Individua le caratteristiche essenziali dell’ambiente
dell’ambiente fisico
                           B      Individua le caratteristiche degli ambienti studiati
e umano
                           A      Acquisisce le nozioni relative allo spazio europeo




Uso degli strumenti        C      Legge carte, grafici e tabelle, e conosce i termini base del linguaggio specifico
propri della disciplina:
                           B      Legge carte, grafici e tabelle, individuando i vari simboli e comprendendo il linguaggio
comprensione e uso
                                  specifico
del linguaggio
specifico                  A      Distingue e legge diversi tipi di carte, grafici e tabelle, utilizzando la terminologia
                                  appropriata




                                                      37
Comprensione delle       C      Individua l’intervento dell’uomo sull’ambiente
relazioni
                         B      Individua l’intervento dell’uomo nell’utilizzo delle risorse

                         A      Collega la disponibilità delle risorse naturali con lo sviluppo dell’ambiente




                         CLASSE SECONDA: OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI

                                                 STORIA

Conoscenza degli         C      Conosce gli aspetti essenziali dei periodi storici presi in esame
eventi storici
                         B      Conosce gli aspetti essenziali dei periodi storici presi in esame approfondendone
                                alcuni

                         A      Conosce in modo approfondito i periodi storici presi in esame




Capacità di stabilire    C      Individua semplici relazioni tra fatti storici (ordine cronologico, semplici cause, ecc.)
relazioni
                         B      Individua relazioni articolate tra fatti storici

                         A      Individua relazioni complesse tra fatti storici e raffronta elementi simili in contesti
                                diverse




Comprensione e uso       C      Conosce il lessico specifico di base e legge semplici carte, tabelle, schemi e fonti
dei linguaggi e degli
                         B      Conosce e usa il lessico specifico di base e interpreta semplici carte, tabelle, schemi e
strumenti specifici             fonti

                         A      Utilizza il lessico specifico e decodifica carte storiche e fonti

                                    CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Educazione alla          C     Conosce le principali organizzazioni internazionali
cittadinanza
                         B     Conosce il ruolo svolto dalle principali organizzazioni internazionali in relazione ai
                               problemi

                         A     Conosce gli strumenti e le modalità di intervento utilizzati dalle organizzazioni
                               internazionali

                                               GEOGRAFIA

Conoscenza               C      Individua le caratteristiche essenziali dell’ambiente
dell’ambiente fisico e
                         B      Individua le caratteristiche degli ambienti studiati




                                                    38
umano                       A             Conosce in modo approfondito gli ambienti extraeuropei




Uso degli strumenti         C             Legge carte, grafici e tabelle; individua i vari simboli; comprende e usa il linguaggio
propri della disciplina:                  specifico di base
comprensione e uso
                            B             Legge carte, grafici e tabelle; individua i vari simboli; comprende e usa il linguaggio
del linguaggio specifico
                                          specifico

                            A             Distingue e legge diversi tipi di carte, grafici e tabelle, utilizzando la terminologia
                                          appropriata




Comprensione delle          C             Individua semplici relazioni
relazioni
                            B             Individua relazioni articolate

                            A             Individua relazioni complesse tra elementi e li raffronta in contesti diversi




ARGOMENTI INTERDISCIPLINARI (*)
                           Il Medio-Evo                                        Storia – Geografia – Arte – Religione




                                                                               Italiano - Lingua straniera

CLASSE PRIMA E                                                                 Storia - Geografia
                           Il cavaliere
SECONDA                                                                        Arte – Musica




                           Il Rinascimento                                     Storia – Geografia – Arte – Musica




                           Orientamento
                                                                               Tutte le discipline


                                                                               Italiano - Lingua straniera
CLASSE TERZA
                                                                               Storia - Geografia - Scienze

                           Problemi di attualità                               Tecnologia

                                                                               Musica




                                                              39
                                                            STRUMENTI

CLASSE PRIMA
                                                                               Questionari
                                                              (a risposta aperta / chiusa / a scelta multipla)
                                                                                  Colloqui
CLASSE SECONDA
                                                           Lettura e analisi di documenti scritti e iconografici

                                                           Attività di ricerca individuale, di gruppo e di classe

CLASSE TERZA                                        Costruzione di schemi, tabelle, carte geografiche e tematiche

                                                                          per fissare i concetti chiave




                                         PROGRAMMA DI MATEMATICA

                                                              Classe prima

                                              OBIETTIVI FORMATIVI MATEMATICA

        C percorso minimo                               B percorso medio                            A percorso di approfondimento

1.   conosce i principali concetti            1.   conosce i fondamentali concetti e           1.    conosce con sicurezza i concetti e le
     aritmetici                                    proprietà degli insiemi numerici                  proprietà degli insiemi numerici
2.   esegue semplici operazioni ed            2.   esegue operazioni ed espressioni in         2.    ha padronanza delle tecniche di calcolo
                                                           +                                                   +
     espressioni in N                              N, Z, Q                                           in N, Z, Q
3.   conosce i principali elementi            3.   individua gli elementi geometrici           3.    riconosce gli enti geometrici e li utilizza
     geometrici                               4.   risolve problemi diretti ed inversi su            con padronanza
4.   risolve semplici problemi diretti             tracce note                                 4.    individua il procedimento risolutivo di
5.   conosce i principali termini specifici   5.   utilizza i principali termini specifici e         un problema
     e un linguaggio grafico essenziale            un semplice linguaggio grafico              5.    comprende ed usa il linguaggio
                                                                                                     specifico, anche quello grafico




                                                            Classe seconda

                                              OBIETTIVI FORMATIVI MATEMATICA

        C percorso minimo                               B percorso medio                            A percorso di approfondimento

1.   conosce i principali concetti 1.              conosce i fondamentali concetti e           1.    conosce con sicurezza i concetti e le
     aritmetici e geometrici                       proprietà degli insiemi numerici e gli            proprietà degli insiemi numerici e
2.   esegue semplici operazioni ed                 elementi geometrici                               riconosce gli enti geometrici e li utilizza
     espressioni in N                       2.     esegue operazioni ed espressioni in               con padronanza
                                                           +
3.   risolve semplici problemi diretti             N, Z, Q                                     2.    ha padronanza delle tecniche di calcolo
                                                                                                               +
4.   conosce i principali termini specifici 3.     risolve problemi diretti ed inversi su            in N, Z, Q
     e un linguaggio grafico essenziale            tracce note                                 3.    individua il procedimento risolutivo di
                                              4.   utilizza i principali termini specifici e         un problema
                                                   un semplice linguaggio grafico              4.    comprende ed usa il linguaggio
                                                                                                     specifico, anche quello grafico




                                                                     40
       MATEMATICA: obiettivi specifici di apprendimento (OSA per il biennio)
                          CONOSCENZE                                                          ABILITA’

Il numero

Ripresa complessiva dei numeri interi e dell’aritmetica della A1: risolvere problemi e calcolare semplici espressioni tra
Scuola Primaria:                                              numeri interi mediante l’uso delle quattro operazioni;

C1: operazioni con i numeri naturali;                              A2: elevare a potenza numeri naturali;

C2: multipli e divisori di un numero;                              A3: ricercare multipli e divisori di un numero; individuare
                                                                   multipli e divisori comuni a due o più numeri;
C3: i numeri primi;
                                                                   A4: scomporre in fattori primi un numero naturale;
C4: minimo comune multiplo, massimo comune divisore;
                                                                   A5: leggere e scrivere numeri naturali e decimali in base dieci
C5: potenze di numeri naturali;                                    usando la notazione polinomiale e quella scientifica;

C6: numeri interi relativi.                                        A6: riconoscere frazioni equivalenti;

Approfondimento e ampliamento del concetto di numero:              A7: confrontare numeri razionali e rappresentarli sulla retta
                                                                   numerica;
C7: la frazione come rapporto e come quoziente;
                                                                   A8: eseguire operazioni con i numeri razionali in forma
C8: i numeri razionali;
                                                                   decimale;
C9: rapporti, percentuali, proporzioni;
                                                                   A9: eseguire semplici calcoli con numeri razionali usando
                                                                   metodi e strumenti diversi;
C10: scrittura decimale dei numeri razionali;

C11: operazioni tra numeri razionali;

C12: confronto tra numeri razionali;

C13: la radice quadrata           come    operazione     inversa
dell’elevamento al quadrato.
                                                                   A10: conoscere proprietà di figure piane e solide e classificare
                                                                   le figure sulla base di diversi criteri;

                                                                   A11: riconoscere figure uguali e descrivere le isometrie
Geometria
                                                                   necessarie per portarle a coincidere;
Ripresa complessiva della Geometria piana e solida della
                                                         A12: costruire figure isometriche con proprietà assegnate;
Scuola Primaria.
                                                            A13: utilizzare le trasformazioni per osservare classificare ed
C14: figure piane; proprietà caratteristiche di triangoli e
                                                            argomentare proprietà delle figure;
quadrilateri, poligoni regolari;
                                                                   A14: risolvere problemi usando proprietà geometriche delle
C15: somma degli angoli di un triangolo e di un poligono;
                                                                   figure ricorrendo a modelli materiali e a semplici deduzioni e
C16: equiscomponibilità di semplici figure poligonali;             ad opportuni strumenti di rappresentazione (riga, squadra,
                                                                   compasso e, eventualmente, software di geometria);
C17: teorema di Pitagora;
                                                         A15: riconoscere grandezze proporzionali in vari contesti;
C18: nozione intuitiva di trasformazione geometrica: tra riprodurre in scala;
stazione, rotazione e simmetria;
                                                         A16: calcolare aree e perimetri di figure piane;




                                                                   41
                                                              A17: riconoscere figure simili in vari contesti;

C19: rapporto tra grandezze;                                  A18: costruire figure simili dato il rapporto di similitudine;




C20: omotetie, similitudini;                                  A19: rappresentare sul piano cartesiano punti, segmenti,
                                                              figure;




C21: introduzione al concetto di sistema di riferimento: le
coordinate cartesiane, il piano cartesiano.



                          CONOSCENZE                                                      ABILITA’

Misura

C22: le grandezze geometriche;                                A20: esprimere le misure in unità di misura nel sistema
                                                              internazionale, utilizzando le potenze del 10 e le cifre
C23 il sistema internazionale di misura.                      significative;

                                                              A21: effettuare e stimare misure in modo diretto ed indiretto;

                                                              A22: valutare la significatività delle cifre del risultato di data
                                                              misura;




                                                              A23: identificare un problema affrontabile con un’indagine
                                                              statistica, individuare la popolazione e le unità statistiche ad
                                                              esso relative, formulare un questionario, raccogliere dati,
Dati e previsioni
                                                              organizzare gli stessi in tabelle di frequenze;
C24: fasi di un’indagine statistica;
                                                              A24: rappresentare graficamente e analizzare gli indici
C25: tabelle e grafici statistici;                            adeguati alle caratteristiche: la moda, se qualitativamente
                                                              sconnessi; la mediana, se ordinabili; la media aritmetica e il
C26: valori medi e campo di variazione;                       campo di variazione, se quantitativi;

C27: concetto di popolazione e di campione;                   A25: realizzare esempi di campione casuale e rappresentativo;




                                                              A26: realizzare previsioni di probabilità in contesti semplici.




                                                              42
C28: probabilità di un evento: valutazione di probabilità in casi
semplici.




Aspetti storici connessi alla matematica

C29: aspetti storici connessi alla matematica, ad esempio:
sistemi di numerazione nella storia, il metodo di Eratostene
per la misura del raggio della Terra, i diversi valori di pi-greco
nella geometria antica.



                                                           CONTENUTI

                       CLASSE PRIMA                                               CLASSE SECONDA

        Potenze e divisibilità. M.C.D. e m.c.m.                                Numeri decimali e radici

                          Le frazioni                                     Rapporti, proporzioni e percentuali

                  Operazioni e problemi                                                  Aree

                       Enti geometrici                                           Teorema di Pitagora

                         Figure piane                                              Piano cartesiano

                                                                             Trasformazioni geometriche



                                                           Classe terza

                                           OBIETTIVI FORMATIVI MATEMATICA

        C percorso minimo                              B percorso medio            A percorso di approfondimento

1. conosce i principali concetti 1. conosce i fondamentali concetti e 1. conosce con sicurezza i concetti e
   aritmetici e geometrici              le fondamentali proprietà degli        le proprietà degli insiemi numerici
2. esegue semplici operazioni ed        insiemi numerici e gli elementi        e riconosce gli enti geometrici e li
   espressioni in R                     geometrici                             utilizza con padronanza
3. risolve semplici problemi diretti 2. esegue operazioni ed espressioni 2. ha padronanza delle tecniche di
4. conosce i principali termini         in R                                   calcolo in R
   specifici e un linguaggio grafico 3. risolve problemi diretti ed inversi 3. individua       il    procedimento
   essenziale                           su tracce note                         risolutivo di un problema



                                                                     43
                                               4. utilizza i principali termini 4. comprende ed usa il linguaggio
                                                  specifici e un semplice linguaggio specifico, anche quello grafico
                                                  grafico




                     MATEMATICA: obiettivi specifici di apprendimento (OSA per la terza)

                        CONOSCENZE                                                             ABILITA’

Il numero                                                          - Riconoscere i vari insiemi numerici con le loro
                                                                        proprietà formali e operare in essi.
- Gli insiemi numerici e le proprietà delle operazioni.            - Effettuare semplici sequenze di calcoli approssimati.
                                                                   - Rappresentare con lettere le principali proprietà delle
- Allineamenti decimali, periodici e non, esempi di                     operazioni.
  numeri irrazionali.                                              - Esplorare situazioni modellizzabili con semplici
                                                                   - equazioni; risolvere equazioni in casi semplici.
- Ordine di grandezza, approssimazione, errore, uso
  consapevole degli strumenti di calcolo.

- Scrittura formale delle proprietà delle operazioni e uso
   delle lettere come generalizzazione dei numeri in casi
   semplici.

- Elementi fondamentali di calcolo algebrico.

- Semplici equazioni di primo grado.


                                                                   - Calcolare lunghezze di circonferenze e aree di cerchi.
                                                                   - Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da una
Geometria
                                                                     rappresentazione bidimensionale e viceversa,
                                                                     rappresentare su un piano una figura solida.
- Lunghezza della circonferenza e area del cerchio.
                                                                   - Risolvere problemi usando proprietà geometriche delle
                                                                     figure ricorrendo a modelli materiali e a semplici
- Significato di ð e cenni storici ad esso relativi.
                                                                     deduzioni e ad opportuni strumenti di rappresentazione
                                                                     (riga, squadra, compasso e, eventualmente, software di
- Ripresa dei solidi, calcolo dei volumi dei principali solidi e     geometria).
  calcolo delle aree delle loro superfici ( cubo,                  - Calcolare i volumi e le aree delle superfici delle
  parallelepipedo, piramide, cono, cilindro, sfera).                 principali figure solide.


                                                                   - Rappresentare sul piano cartesiano punti, segmenti, figure




                                                                   - Identificare un problema affrontabile con un’indagine
                                                                     statistica, individuare la popolazione e le unità statistiche
                                                                     ad esso relative, formulare un questionario, raccogliere
                                                                     dati, organizzare gli stessi in tabelle di frequenze;
                                                                   - Rappresentare graficamente e analizzare gli indici
                                                                     adeguati alle caratteristiche: la moda, se qualitativamente
                                                                     sconnessi; la mediana, se ordinabili; la media aritmetica e
                                                                     il campo di variazione, se quantitativi;
- Introduzione al concetto di sistema di riferimento: le           - Realizzare esempi di campione casuale e rappresentativo.
  coordinate cartesiane, il piano cartesiano




                                                                   44
Dati e previsioni

-    Fasi di un’indagine statistica;
-    Tabelle e grafici statistici;
-    Valori medi e campo di variazione;
-    Concetto di popolazione e di campione;
-    Probabilità di un evento.




                                               PROGRAMMA DI SCIENZE


                                                   Biennio: OBIETTIVI FORMATIVI

           C percorso minimo                             B percorso medio                      A percorso di approfondimento

1.    conosce i fondamentali fenomeni         1.   conosce i fenomeni naturali nelle      1.   comprende le fondamentali strutture
      nelle linee essenziali                       linee essenziali                            della materia e degli esseri viventi
2.    osserva ed individua gli elementi       2.   riconosce i dati di un’esperienza      2.   ordina i dati di un’esperienza
      fondamentali di un fenomeno             3.   riferisce su esperienze note in modo   3.   individua ed analizza un problema
3.    riferisce le linee essenziali di             completo                               4.   comprende ed usa in modo appropriato
      un’esperienza nota                      4.   comprende ed usa in modo                    i termini specifici
4.    memorizza i principali termini               pertinente i principali termini
      specifici                                    specifici
                          SCIENZE: obiettivi specifici di apprendimento (OSA per il biennio)

                        CONOSCENZE                                                              ABILITA’

SC1: Come si muovono i corpi: velocità e traiettoria,              SA1: Rappresentare in diagrammi spazio/tempo diversi

      accelerazione.                                                     tipi di movimento; interpretare i diagrammi.

SC2: Le forze in situazioni statiche e come cause di variazioni SA2: Fare forza e deformare; osservare gli effetti del
         del moto.
                                                                     peso; trovare situazioni di equilibri.
SC3: Peso, massa, peso specifico.
                                                                SA3: Misurare forze (dinamometro, bilancia).
SC4: Lavoro ed energia.
                                                                SA4: Stimare il peso specifico di diversi materiali d’uso
SC5: Il galleggiamento; il principio di Archimede.
                                                                     comune.
SC6: Primo approccio alla chimica: acidi, basi e sali
                                                                SA5: Dare esempi tratti dall’esperienza quotidiana in cui
      nell’esperienza ordinaria come esempi di
                                                                     Si riconosce la differenza tra temperatura e calore.
      sostanze chimiche.
                                                                SA6: Eseguire semplici reazioni chimiche (per es. acidi e
SC7: Caratteristiche dei suoli: loro origine e relazione
                                                                     basi con alcuni metalli, carbonato di calcio, saponi,
     con le sostanze chimiche presenti in essi. Cenno ai
                                                                     dentifrici) e descriverle ordinatamente.
     concimi.
                                                                SA7: Illustrare praticamente l’importanza delle proporzioni fra le
SC8: Cellule e organismi unicellulari e pluricellulari.                sostanze chimiche che prendono parte




                                                                   45
SC9: Piante vascolari: ciclo vitale.                                 ad una reazione (p. es. usando indicatori).

SC10: Animali vertebrati ed invertebrati.                       SA8: Effettuare semplici esperimenti di caratterizzazione

SC11: Sistemi e apparati del corpo umano: apparato mo-               di terreni diversi.

      torio, sistema circolatorio, apparato respiratorio.       SA9: Riconoscere le piante più comuni in base a semi, radici, foglie,
                                                                      fiori e frutti.
SC12: Ecosistema terra; ambiente terrestre e marino.
                                                                SA10: Attraverso esempi della vita pratica illustrare la
SC13: Ecosistemi locali: fattori e condizioni del loro
                                                                     complessità del funzionamento del corpo umano
      equilibrio.
                                                                     nelle sue varie attività (nutrimento, movimento,
SC14: Concetti di habitat, popolazione, catena e rete
      alimentare                                                     respirazione,…).

                                                                SA11: Raccogliere dati sulla frequenza cardiaca e su

                                                                     quella respiratoria.

                                                                SA12: Individuare, spiegare e riproporre con semplici

                                                                      modelli che cosa accade nel movimento del corpo

                                                                      umano.

                                                                SA13: Identificare in termini essenziali i rapporti tra

                                                                      uomo, animali e vegetali in ambienti noti.

                                                                SA14: Raccogliere informazioni sulle catene alimentari

                                                                      in ambienti noti.

                                                                SA15: Collegare le caratteristiche dell’organismo di ani-

                                                                      mali e piante con le condizioni e le caratteristiche

                                                                     ambientali.

                                                            CONTENUTI

CLASSE PRIMA: la cellula, la materia, gli ecosistemi.

CLASSE SECONDA: il corpo umano – la cellula - elementi di fisica – il suolo – Chimica



                                                    Argomenti interdisciplinari

                                    Educazione Fisica: Il corpo umano
                      Educazione Tecnica: Principi alimentari e alimentazione (La leva*)
                                       Matematica: Proporzionalità




                                                                46
                                                  Classe terza: OBIETTIVI FORMATIVI

                         C                                            B                                                A

           percorso minimo                                  percorso medio                            percorso di approfondimento

1. conosce i fondamentali fenomeni                1. conosce i fenomeni naturali nelle           1.   comprende le fondamentali strutture
   nelle linee essenziali                            linee essenziali                                 della materia e degli esseri viventi
2. osserva ed individua gli elementi              2. riconosce i dati di un’esperienza           2.   ordina i dati di un’esperienza
   fondamentali di un fenomeno                    3. riferisce su esperienze note in modo        3.   individua ed analizza un problema
3. riferisce le linee essenziali di                  completo                                    4.   comprende ed usa in modo appropriato
   un’esperienza nota                             4. comprende ed usa in modo                         i termini specifici
4. memorizza i principali termini specifici          pertinente i principali termini specifici



                               SCIENZE: obiettivi specifici di apprendimento (OSA per la terza)

                             CONOSCENZE                                                                    ABILITA’

- Elettricità: concetti di carica e corrente elettrica.                      - Dimostrare sperimentalmente l'esistenza di cariche elettriche
                                                                             e la differenza tra conduttori e isolanti.
- Il magnetismo; la calamita, i poli magnetici
                                                                             - Effettuare esperimenti con calamite e limatura di ferro.
terrestri, la bussola.
                                                                             - Descrivere i principali moti della terra e le loro
- Onde elettromagnetiche e trasmissione di segnali radio.
                                                                             conseguenze.
- Il sole e il sistema solare: dalle osservazioni degli
                                                                             - Mostrare come il moto apparente del sole permetta di
antichi alle ipotesi della scienza contemporanea.                            individuare le stagioni, la latitudine, l'ora del giorno: la
                                                                             meridiana.
- Principali movimenti della terra: rotazione,
                                                                             - Attribuire il nome ai diversi tipi di rocce in base alle loro
rivoluzione; il giorno e la notte, le stagioni.
                                                                             caratteristiche e alla loro origine.
- Il globo terracqueo: dimensioni, struttura.
                                                                             - Classificare gli alimenti in base ai loro principi alimentari.
- Principali tipi di rocce (magmatiche, sedimentarie
                                                                             - Valutare l'equilibrio della propria alimentazione e fare un
                                                                             esame del proprio stile di vita alimentare.
e metamorfiche) attraverso i loro caratteri
                                                                             - Spiegare perché i farmaci, in particolare gli anabolizzanti e gli
macroscopici.
                                                                             psicofarmaci, vanno assunti solo in caso di necessità e con il
- La funzione nutritiva: gli alimenti e i loro                               consiglio del medico.

componenti, controllo dell'alimentazione, sostanze                           - Spiegare perché e in che modo l'uso di sostanze
                                                                             stupefacenti, dell'alcool e del fumo nuoce gravemente alla
dannose.                                                                     salute.

- Sistema nervoso nell'organismo umano ed effetti                            - Confrontare i cicli riproduttivi di piante, e animali

di psicofarmaci, sostanze stupefacenti od eccitanti.                         invertebrati e vertebrati.

- Notizie generali sulla riproduzione dei viventi e

sulla genetica




                                                                       47
- Malattie che si trasmettono per via sessuale

- La riproduzione nell'uomo: sua specificità, specie

per quanto riguarda l'allevamento della prole




   (*) Argomenti svolti a discrezione dell’Insegnante oppure svolti in anni diversi in relazione al testo adottato.



                                    PROGRAMMA DI LINGUA STRANIERA

                                                  CLASSE PRIMA E SECONDA

                                                        Obiettivi formativi

                                          livello minimo                     livello intermedio                livello eccellenza

Comprensione lingua orale          -    comprendere in modo              -   comprendere in modo           -    comprendere in modo
                                        globale un semplice testo            essenziale un semplice             analitico un semplice
                                        letto o ascoltato                    testo letto o ascoltato            testo letto o ascoltato

Comprensione lingua scritta -           comprendere in modo              -   comprendere in modo           -    comprendere in modo
                                        globale un semplice testo            essenziale un semplice             analitico un semplice
                                        scritto                              testo scritto                      testo scritto


Produzione lingua orale            -    leggere e rispondere a           -   leggere e rispondere a        -    leggere correttamente
                                        semplici domande in modo             semplici domande in modo           con giusta intonazione
                                        adeguato                             chiaro e autonomo                  e strutturare semplici
                                                                                                                messaggi in modo
                                                                                                                autonomo
                                   -    scrivere brevi testi su          -   scrivere brevi testi su       -    scrivere brevi testi
Produzione lingua scritta               modelli appresi                      modelli appresi con                guidati o liberi con
                                                                             correttezza ortografica            correttezza ortografica
                                                                                                                e padronanza lessicale
Conoscenza ed uso delle            -    conoscere e usare semplici       -   conoscere e usare in modo     -    conoscere e usare
strutture e funzioni                    strutture grammaticali e le          adeguato le strutture e le         correttamente le
                                        funzioni linguistiche                funzioni apprese                   strutture e le funzioni
linguistiche                            fondamentali                                                            apprese e stabilire
                                                                                                                confronti tra L1 e L2
Conoscenza della cultura e         -    conoscere alcuni aspetti         -   conoscere in modo             -    conoscere alcuni
della civiltà                           della cultura del popolo di          essenziale alcuni aspetti          aspetti della cultura
                                        cui si studia la lingua              della cultura del popolo di        del popolo di cui si
                                                                             cui si studia la lingua            studia la lingua e
                                                                                                                operare confronti con
                                                                                                                la cultura del proprio
                                                                                                                Paese


Le conoscenze, le abilità e le competenze degli allievi saranno attivate, così come suggerito dal
Quadro Comune Europeo di riferimento del Consiglio d’Europa, nell’“ambito personale”:
identificazione personale, famiglia, casa, aspetto fisico, routine quotidiana




                                                                    48
                                                       Classe prima
                                                Conoscenze e abilità di Inglese
-   Salutare e presentarsi                                   -    Indicare ciò che si sa fare o non si sa fare o che altri sanno o non
-   Pronunciare le lettere dell’alfabeto                          sanno fare
-   Fare lo spelling                                         -    Orientarsi nello spazio
-   Chiedere e dire la provenienza                           -    Proporre di fare qualcosa
-   Saper contare                                            -    Riprodurre e leggere con corretta pronuncia e intonazione le parole e
-   Chiedere e dire la propria nazionalità                        le espressioni più ascoltate
-   Identificare persone e cose                              -    Reimpiegare in contesti diversi strutture ed espressioni incontrate e
-   Chiedere e dire l’indirizzo, l’età                            memorizzate
-   Identificare i membri della famiglia                     -    Partecipare a semplici dialoghi in modo pertinente e con appropriata
-   Dire a chi appartengono le cose                               competenza comunicativa
-   Parlare di ciò che si ha e di ciò che non si ha          -    Trascrivere parole e/o semplici testi in modo ortograficamente
-   Indicare i colori                                             corretto
-   Descrivere le persone                                    -    Rispondere a semplici domande
-   Orientarsi nel tempo                                     -    Scrivere semplici testi sulla loro quotidianità
                                               Conoscenze e abilità di Francese
-   Salutare, presentarsi e presentare altri                 -    Chiedere e dire l’ora, il giorno e il mese
-   Chiedere e dire l’indirizzo, l’età                       -    Articoli determinativi e indeterminativi, preposizioni
-   Descrivere se stessi e gli altri                         -    Femminile degli aggettivi qualificativi, plurale dei nomi
-   Identificare qualcuno                                    -    Pronomi personali soggetto, “on”, aggettivi possessivi
-   Chiedere e dire la professione                           -    Indicativo presente dei verbi essere, avere, dei verbi del primo
-   Identificare e descrivere un oggetto                          gruppo e di: fare, volere, potere, andare e venire
-   Descrivere un luogo                                      -    I numeri da 1 a 100
-   Telefonare e rispondere al telefono                      -    Forme: interrogativa, negativa; il y a
                                                             -    Preposizioni con città e nazioni



                                                            Classe seconda

                                            Conoscenze e abilità: Francese e Inglese

               PERCORSO MINIMO                                                  PERCORSO APPROFONDITO

-     Comperare                                        -      Domandare o dire il prezzo e indicare la quantità
-     Identificare i cibi                              -      Parlare delle proprie abitudini alimentari, ordinare al ristorante
-     Esprimere azioni contemporanee del               -      Confronto con altre strutture linguistiche
      momento in cui si parla                          -      Giustificare le proprie scelte
-     Invitare, accettare, rifiutare                   -      Domandare e concedere il permesso e vietare di fare qualcosa
-     Permettere, vietare                              -      Parlare al telefono
-     Telefonare, chiamare e rispondere                -      Letture di brani di civiltà del passato
-     Parlare di avvenimenti passati
-     Strutture grammaticali di L.2 proposte dai testi in uso
-     Uso della moneta
-     Confronto tra le abitudini alimentari italiane e straniere
-     Aspetti geografici della nazione di cui si studia la lingua
-     Meteorologia (clima)
-     Il cavaliere
-     La lettera - La pubblicità
-     Lettura e/o ascolto di testi relativi all’argomento




                                                                     49
                                              Classe terza: Francese e Inglese
                 CRITERI                             PERCORSO MINIMO                             PERCORSO APPROFONDITO

Comprensione orale                                                                    -     Confronto tra le diverse strutture linguistiche
                                              -     Parlare di avvenimenti passati    -     Differenti tipi di lettere (informali e
                                                    e futuri                                commerciali)
Comprensione scritta                          -     Parlare di azioni ipotetiche      -     Esprimere la propria opinione e quella degli
                                              -     La lettera: impostazione                altri
                                              -     Raccontare


Produzione orale



Produzione scritta

Conoscenza ed uso delle strutture e -               Strutture grammaticali di L.2 proposte dai testi in uso
funzioni linguistiche

                                              -     Razzismo - Colonialismo
                                              -     Ecologia - Inquinamento - Energia
                                              -     Paesi Extraeuropei: aspetti geografici, storici e culturali
                                              -     Comunità Europea
Argomenti interdisciplinari

Conoscenza delle culture e civiltà            -     Lettura e/o ascolto di testi relativi all’argomento




                                                          Classe terza
                                                  Conoscenze e abilità di Inglese
 Funzioni per:
- chiedere e parlare di avvenimenti presenti, passati, futuri e di
     intenzioni
- fare confronti, proposte, previsioni
- riferire ciò che è stato detto
- esprimere stati d'animo, opinioni, desideri, fare scelte
- formulare ipotesi ed esprimere probabilità
- dare consigli e persuadere
- descrivere sequenze di azioni
- esprimere rapporti di tempo, causa, effetto                                   - interagire in brevi conversazioni concernenti situazioni
                                                                                  di vita quotidiana ed argomenti familiari
 Lessico:                                                                      - scrivere messaggi e lettere, motivando opinioni e scelte
- ampliamento degli ambiti lessicali relativi alla sfera personale,             - individuare il punto principale in una sequenza
  istituzionale e pubblica; abitudini quotidiane, parti del corpo, malattie,      audiovisiva
  esperienze, fatti                                                             - comprendere un semplice brano scritto,
                                                                                  individuandone l'argomento e le informazioni
 Riflessioni sulla lingua:                                                       specifiche
- pronomi indefiniti composti e pronomi relativi                                - descrivere oralmente in forma articolata persone,
- connettori, avverbi; indicatori di casualità e di possibilità                   situazioni ed esperienze
- verbi irregolari di uso frequente                                             - produrre testi scritti usando un registro adeguato
- passato prossimo, futuro, condizionale, forma passiva
                                                                                - relazionare su aspetti fondamentali della civiltà
- modali
                                                                                  anglosassone e confrontarli con la propria




                                                                     50
                                                           Classe terza
                                                  Conoscenze e abilità di Francese
 Per la comunicazione:                                                          - comprendere e formulare semplici messaggi in contesti di
- modalità di interazione in brevi scambi dialogici                                vita sociale
- brevi messaggi orali relativi a contesti significativi della vita sociale,     - chiedere e rispondere a quesiti riguardanti la sfera
  dei mass-media, dei servizi                                                      personale
- semplici testi informativi, descrittivi, narrativi, epistolari                 - leggere semplici testi narrativi e cogliere in essi le
                                                                                   informazioni principali
                                                                                 - individuare il messaggio chiave in un breve e semplice atto
                                                                                   comunicativo
    Lessico relativo alle situazioni di vita personali e lavorative
                                                                                 - descrivere persone, luoghi ed oggetti in forma semplice,
    Ambiti semantici relativi alla vita personale, familiare, parentale, di
     relazione                                                                     usando lessico e forme note
                                                                                 - parlare e chiedere di avvenimenti presenti, passati, futuri,
                                                                                   facendo uso di un lessico semplice
                                                                                 - comprendere il significato di elementi lessicali nuovi dal
 Riflessioni sulla lingua:                                                        contesto
- tempi verbali: presente, passato, futuro                                       - utilizzare strategie di studio: usare il vocabolario per il
- fissazione ed applicazione di alcuni aspetti fonologici, morfologici,            controllo della grafia, del significato di una parola e della
  sintattici e semantici della comunicazione orale e scritta                       pronuncia di vocaboli nuovi
                                                                                 - individuare le informazioni utili in un semplice e breve testo
 Civilisation:                                                                    quale istruzioni d'uso, tabelle orarie, elenchi telefonici,
- specifici aspetti della cultura e della civiltà straniera impliciti nella        menu, ricette, itinerari
  lingua                                                                         - individuare e confrontare abitudini e stili di vita nelle
                                                                                   diverse culture




                                               PROGRAMMA DI TECNOLOGIA


                                                                CLASSE PRIMA

                      PERCORSO MINIMO                                                  PERCORSO DI APPROFONDIMENTO

Disegno tecnico
- Conoscere la nomenclatura geometrica (punto, retta, - Comprendere le convenzioni grafiche riguardanti i tipi di linee
segmento…)
- Saper usare correttamente le squadre, il compasso, il - Saper risolvere graficamente problemi di geometria piana
goniometro                                                     (pentagono, ettagono, ottagono dato il lato o la circonferenza
                                                               circoscritta)
- Saper costruire, con adeguata precisione, la squadratura del
foglio                                                         - Saper riprodurre un disegno in scala

- Saper disegnare le principali figure geometriche (triangolo, - Saper disegnare le proiezioni ortogonali dei principali poligoni
quadrato, esagono…)
                                                               - Costruzione di un nido artificiale previo progetto attraverso cenni
- Saper disegnare composizioni grafiche modulari               sulle proiezioni ortogonali ed assonometriche (per le scuole di Mede
                                                               e Sartirana)
- Comprendere e saper usare i termini specifici di quest’area

Misure
- Conoscere le principali unità di misura                                - Conoscere il Sistema Internazionale (le grandezze fondamentali)

- Saper usare uno strumento di misura (righello…)                        - Conoscere le regole di scrittura relative alle indicazioni di misura




                                                                      51
- Comprendere e saper utilizzare i termini specifici di quest’area

Materiali
- Conoscere le principali proprietà fisiche, chimiche dei - Conoscere i cicli di lavorazione e trasformazione dei materiali
principali materiali (legno, carte, metalli, fibre tessili…)
                                                             - Progettare e realizzare semplici oggetti utilizzando i diversi materiali
- Raccogliere e organizzare campioni di diversi materiali

- Conoscere i vantaggi derivanti dal riciclaggio dei materiali ed
eventuali cause di inquinamento imputabili ad alcuni di questi
materiali

- Comprendere e saper utilizzare i termini specifici di
quest’Area
Risorse della Terra

- Conoscere e saper classificare le risorse esauribili e rinnovabili     - Conoscere le caratteristiche dello sviluppo improprio e di quello
della terra                                                              sostenibile in relazione alle conseguenze sull’ambiente

                          Argomenti interdisciplinari: L’uomo e l’ambiente – La geometria descrittiva – Le misure




                                                             CLASSE SECONDA

                   PERCORSO MINIMO                                                   PERCORSO DI APPROFONDIMENTO

Disegno tecnico
- Conoscere la tecnica delle proiezioni ortogonali ed - Conoscere le norme che regolano la vuotatura dei disegni tecnici
assonometriche
                                                                  - Saper quotare semplici disegni tecnici
- Saper disegnare le P.O. e le assonometrie dei principali solidi
(cubo, parallelepipedo…)                                          - Saper rappresentare dati con vari tipi di grafici statistici

- Conoscere le regole per lo sviluppo dei solidi geometrici - Saper leggere ed interpretare i principali tipi di grafici statistici
elementari

- Realizzare in cartoncino solidi geometrici elementari

Agricoltura
- Conoscere l'influenza del clima sulla vita delle piante              - Conoscere le cause dell'erosione del suolo

- Conoscere le caratteristiche dei terreni                             - Conoscere le operazioni di bonifica e di sistemazione dei terreni

- Conoscere le principali lavorazioni del terreno                      - Conoscere le principali tecniche di irrigazione

- Conoscere i principali tipi di allevamento                           - Conoscere i principi e le tecniche della concimazione

- Comprendere ed utilizzare i termini specifici di quest’Area          - Conoscere i sistemi di riproduzione delle piante

                                                                       - Conoscere le colture protette

                                                                -       Analizzare il rapporto tra la presenza di allevamenti e il degrado
                                                                       ambientale
Alimentazione
- Conoscere la funzione degli alimenti e le caratteristiche dei - Analizzare le cause del problema alimentare e il rapporto tra fame e




                                                                       52
principi alimentari                                                  risorse

- Conoscere le caratteristiche di un’alimentazione equilibrata       - Analizzare le abitudini alimentari personali

- Saper leggere e collegare ai principi alimentari le indicazioni - Conoscere le caratteristiche e i sistemi di lavorazione dei principali
delle etichette                                                   alimenti

- Conoscere le principali tecniche di conservazione degli - Analizzare le caratteristiche degli additivi chimici
alimenti
                                                              - Analizzare le cause dell'inquinamento alimentare
- Comprendere ed utilizzare i termini specifici di quest’Area
                                                              - Saper leggere ed interpretare le etichette delle confezioni alimentari




Territorio ed abitazione
- Possedere alcune conoscenze relative al territorio e alla città - Analizzare l'evoluzione storica dell'abitazione
in cui si vive
                                                                  - Saper classificare le strutture
- Conoscere le caratteristiche dei materiali da costruzione
                                                                  - Saper valutare a grandi linee l'impatto ambientale di opere create
- Saper descrivere e disegnare la propria abitazione con figure dall'uomo
geometriche semplici
                                                                  - Conoscere a grandi linee i contenuti di un Piano Regolatore
- Riconoscere le risorse naturali e artificiali di un territorio
                                                                  - Analizzare le cause di inquinamento provocato dagli insediamenti
- Conoscere e classificare i servizi e le strutture di una città  urbani

- Conoscere le diverse fasi di costruzione di un edificio            - Saper rilevare la presenza di barriere architettoniche

- Comprendere e saper utilizzare termini tecnici specifici di
quest'area



Argomenti interdisciplinari                       L’uomo e l’ambiente - L’alimentazione



                                                             CLASSE TERZA

                      PERCORSO MINIMO                                               PERCORSO DI APPROFONDIMENTO

Disegno tecnico
- Saper progettare forme solide semplici in proiezione ortogonale      - Saper disegnare le proiezioni ortogonali di gruppi di solidi e oggetti
ed assonometria                                                        semplici
- Saper quotare un solido semplice
                                                                       - Saper disegnare solidi complessi in proiezione ortogonale ed
- Saper applicare le scale di proporzione                              assonometria applicando le corrispondenze cromatiche

- Comprendere e saper utilizzare i termini specifici di quest’Area     - Saper disegnare sezioni di solidi

                                                                       - Saper leggere i disegni in proiezione ortogonale ed in assonometria

                                                                       - Comprendere il significato convenzionale dei colori

Energia
- Conoscere il concetto di energia e le varie forme                    - Conoscere i principi di funzionamento delle principali centrali




                                                                     53
- Saper classificare le risorse energetiche                              elettriche

- Conoscere le caratteristiche e gli impieghi dei combustibili           - Saper realizzare schemi di centrali elettriche
fossili
                                                                         - Analizzare i problemi legati alla sicurezza delle centrali nucleari e
- Conoscere i danni ambientali causati dall'utilizzazione dei            allo smaltimento delle scorie
combustibili fossili e dei loro derivati

- Conoscere le tecnologie per lo sfruttamento di fonti
energetiche alternative

- Comprendere e saper utilizzare i termini specifici di quest’Area

Elettricità
- Conoscere la teoria elettronica e le caratteristiche dei corpi - Conoscere le principali unità di misura della corrente elettrica e la
conduttori e dei corpi isolanti                                  legge di Ohm

- Conoscere le proprietà principali del magnetismo                       - Conoscere il funzionamento dell'alternatore, della dinamo, dei
                                                                         motori elettrici e del trasformatore
- Conoscere il funzionamento e lo schema della pila di Volta
                                                                         - Analizzare i settori dove è possibile effettuare un risparmio
- Progettare un semplice circuito elettrico                              energetico

- Conoscere le caratteristiche dell'energia elettrica

- Conoscere i pericoli della corrente elettrica nelle abitazioni e gli
impianti di sicurezza

- Comprendere e saper utilizzare i termini specifici di quest'Area

Trasporti
- Conoscere a grandi linee il sistema dei trasporti in Italia

- Conoscere la struttura e la tecnica dei principali mezzi di
trasporto: biciclette e ciclomotori

- Conoscere le prescrizioni del Codice della strada relative alla
bicicletta e al ciclomotore

- Comprendere ed utilizzare i termini specifici di quest'Area

Economia
- Conoscere i concetti fondamentali di economia: beni e servizi, - Conoscere le funzioni e i servizi offerti dalla banca
patrimonio e reddito, soggetti economici, reddito nazionale,
consumo, risparmio e investimento, forme di mercato              - Saper leggere e compilare cambiali e assegni

- Conoscere le caratteristiche della moneta

- Saper effettuare operazioni con l'EURO

- Comprendere e saper utilizzare termini specifici di quest'area

Lavoro
- Conoscere i settori della produzione                                   - Analizzare le norme che riguardano la tutela della salute nei luoghi
                                                                         di lavoro
- Conoscere le caratteristiche del mercato del lavoro
                                                                         - Conoscere le norme che regolano il rapporto di lavoro: previdenza
- Conoscere le principali norme dello Statuto dei lavoratori




                                                                     54
- Comprendere e saper utilizzare i termini specifici di quest'area    e assistenza, busta paga, la Cassa Integrazione, il licenziamento




Argomenti interdisciplinari
                      L'uomo e l'ambiente - Il lavoro - L'energia e l'elettricità - Educazione stradale




                       PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ FISICHE E MOTORIE


                                                              CONTENUTI

Esercizi ginnici a corpo libero, con piccoli e grandi attrezzi, svolti in forma individualizzata, a coppie, a gruppi; lavori in
stazioni e circuito; esercizi di stretching, di tonicità, di mobilità articolare e preatletici generali, utilizzo di piccoli
sovraccarichi. Elementi tecnico-tattici di pallavolo, pallacanestro, atletica leggera, corsa campestre. Tutte le attività
saranno svolte preferibilmente in forma ludica. Si darà ampio spazio a giochi sportivi e presportivi, a gare, staffette,
tornei, partite.




                                              CLASSI PRIMA, SECONDA E TERZA


Obiettivi formativi
1.   Coordinamento e consolidamento degli schemi motori di base:
     - utilizzare efficacemente le proprie capacità in condizioni facili e normali di esecuzione
     - accoppiamento ed esecuzione dei movimenti
     - differenziazione, equilibrio, orientamento, ritmo, reazione, trasformazione
2. Potenziamento fisiologico:
     - modulare e distribuire il carico motorio e sportivo secondo i giusti parametri fisiologici e rispettare i tempi di
       recupero
3. Conoscenza degli obiettivi specifici della disciplina:
     - gestire in modo consapevole abilità specifiche riferite a situazioni tecniche e tattiche negli sport individuali e di
       squadra
4. Conoscenza e rispetto delle regole sportive:
   - utilizzare le conoscenze tecniche per svolgere funzioni di arbitraggio e giuria.
                                                       U.d.A.

            per la prima:                               per la seconda:                                  per la terza
          Correre è bello                              Correre è bello                            La resistenza motoria
          Imparo a giocare                            Il gioco organizzato                         Il gioco organizzato
           L'orienteering                               L'orienteering                               L'orienteering




                                                                     55
                                                               ESEMPI DI U.d.A.

U.d.A. 1                                          U.d.A. 2                                         U.d.A. 3

RESISTENZA MOTORIA                                IL GIOCO ORGANIZZATO                             L’ORIENTEERING

L. 1 conosce e utilizza la sua andatura e il suo L. 1 collabora nel gruppo per il raggiungimento L. 1 sa orientare la carta in rapporto alla realtà
ritmo di lavoro                                  di un obiettivo comune                          in luogo conosciuto
L. 2 sa adeguare lo sforzo alla distanza e al L. 2 conosce e rispetta le regole del gioco e L. 2 sa orientare la carta e seguire un percorso
tempo                                         arbitra                                       prestabilito

L. 3 sa sopportare la fatica nel tempo L. 3 conosce le finalità e gli obiettivi L. 3 sa orientarsi con la carta in luogo
e sulla distanza prestabiliti          del gioco                                sconosciuto e scegliere il percorso più
                                                                                conveniente per raggiungere la meta




                                                 PROGRAMMA DI ARTE E IMMAGINE


                                                              Classe prima
                U.d.A.                                        Conoscenze                                               Abilità

Il territorio: ambienti, case e             - Superamento dello stereotipo                          -   saper osservare gli ambienti
paesaggi                                    - Funzione e carattere dell'immagine                    -   inventare e produrre messaggi visivi
                                            - Codici del linguaggio visivo


Il colore                                   -   Strumenti                                           - Sperimentare diverse tecniche
                                            -   Materiali e metodologie
                                            -   Effetti cromatici
Alberi, fiori, nuvole                       -    Valore espressivo ed estetico dell'ambiente        - Saper interpretare in modo personale

Dalla preistoria all'arte romana            - Paradigmi del percorso dell'arte nei secoli           - Saper analizzare opere di diverse
                                                                                                      epoche



                                                            Classe seconda
                U.d.A.                                        Conoscenze                                               Abilità

Tecniche figurativo-espressive              - Tipologia di pittura su materiali                     - Saper usare pastelli, pennarelli,
                                              bidimensionali e tridimensionali                        tempere, mosaico, ...


Figura umana                                - Dallo schema alla forma                               - Saper osservare la realtà e
                                                                                                      interpretarla
Gli animali                                 - Osservazione e realizzazione fantasiosa di            - Saper interpretare con fantasia
                                              animali
Dall'arte bizantina all'arte                - I paradigmi del percorso dell'arte nei secoli         - Saper analizzare opere d'arte
rinascimentale                                                                                      - Riconoscere le tipologie principali dei
                                                                                                      beni artistico-culturali




                                                                       56
                                                   Classe terza
             U.d.A.                               Conoscenze                                      Abilità

I diversi ambienti (naturale,     - Rielaborare i diversi elementi della realtà   - Saper interpretare in maniera
agricolo, urbano)                                                                   personale


Figura umana                      - Comprendere le relazioni tra la realtà e le   - Saper utilizzare in modo corretto le
                                    diverse forme                                   proporzioni
Natura morta                      - Interpretare in modo creativo e personale     - Saper applicare le metodologie
                                                                                    operative delle tecniche d'immagine
Luce ed ombra                     - Utilizzare i codici visuali                   - Utilizzare le varie tecniche del chiaro-
                                                                                    scuro
La prospettiva                    - Accenni generali di prospettiva centrale e    - Applicare le regole apprese
                                    accidentale



Dal Barocco al '900               - I paradigmi del percorso dell'arte            - Saper leggere i documenti visivi
                                                                                    riconoscendone le funzioni artistico-
                                                                                    culturali e ambientali



 Si prevedono, nel corso dei due quadrimestri, lezioni di recupero per gli alunni che non sono riusciti a
  raggiungere gli obiettivi minimi di cui sopra.

 Gli obiettivi minimi verranno eventualmente ed opportunamente modificati per gli alunni portatori di handicap,
  dopo aver preso visione della situazione di partenza individuale (si rimanda pertanto alle programmazioni
  individualizzate).


 ARGOMENTI INTERDISCIPLINARI: i mass-media: pubblicità, fotografia, cinema, giornale, computer…
 I beni culturali e ambientali: aspetti tipici locali
 Gli aspetti storici raccontati dalle immagini: classe 1^ il Medio Evo - classe 2^: il Medio Evo e il Rinascimento -
  classe 3^: dal Barocco al Novecento




                                                              57
                                                  PROGRAMMA DI RELIGIONE



                                                         CLASSE PRIMA
                                         OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (OSA)

                            CONOSCENZE                                                                ABILITÀ

    ricerca umana e rivelazione di Dio nella storia: il Cristianesimo a     evidenziare gli elementi specifici della dottrina, del
     confronto con l’Ebraismo e le altre religioni                            culto e dell’etica delle altre religioni, in particolare
    il libro della Bibbia, documento storico-culturale e parola di Dio       Ebraismo e Islam
    l’identità storica di Gesù e il riconoscimento di Lui come figlio di    ricostruire la geografia e le tappe della storia di Israele
     Dio fatto uomo, Salvatore del mondo                                      e della prima comunità cristiana e la composizione
                                                                              della Bibbia.
                                                                             individuare il messaggio essenziale di alcuni passi
                                                                              biblici, utilizzando informazioni storico-letterarie e
                                                                              seguendo metodi diversi di lettura
                                                                             individuare i tratti fondamentali della figura di Gesù
                                                                              nei Vangeli sinottici, confrontandoli con i dati della
                                                                              ricerca

         PERCORSO MINIMO                               PERCORSO MEDIO                             PERCORSO APPROFONDITO
1.   riscoperta dell’interesse riguardo alla 1.   l’uomo in continua ricerca e in            1.   curiosità nel cogliere come la fede sia
     propria esperienza di vita e degli           apertura verso le altre ricerche di Dio:        l’unica via che dà un senso pieno alla
     interrogativi che spingono il cuore a        il Cristianesimo non come religione             vita di ogni uomo; sguardo d’insieme
     maturare; presenza di ricerche diverse       della ricerca, ma dell’apertura e               su Cristianesimo ed Ebraismo e
     nel mondo                                    dell’ascolto a un Dio che si rivela             sull’Islam
2.   Dio entra nella vita dell’uomo per 2.        Dio entra nella storia: tratti             2.   presenza di Dio come Creatore e
     rispondere ai suoi dubbi. Lo ha fatto        fondamentali della geografia della              Salvatore dell’uomo: dall’esperienza
     in un luogo specifico (Palestina),           Palestina; riproduzione e uso dei dati          del popolo ebraico saper creare
     nella storia del popolo d’Israele e con      acquisiti per la comprensione del N.T.          collegamenti alla fede proposta da
     un libro sacro: la Bibbia                    Uso del lessico specifico.                      Cristo e vissuta dal cristiano come
3.   Gesù Cristo è l’unica via di Verità, 3.      i patriarchi come cammino verso                 risposta all’Alleanza voluta da Dio
     fino a condividerne la sofferenza e il       l’Alleanza del Sinai; saper leggere        3.   Dio è l’autore della Bibbia che
     peccato                                      nelle     vicende      dell’A.T.     un         diventa la via maestra per confrontarsi
                                                  collegamento all’esperienza di Gesù.            con Lui; formazione e uso sicuro dei
                                                  Lessico specifico                               testi; lessico specifico e simboli
                                             4.   struttura della Bibbia, le lingue e        4.   l’umiltà di Dio che entra nella storia
                                                  l’importanza di una traduzione; uso             di ogni uomo facendosi uomo; la vita
                                                  delle citazioni e del linguaggio                di Gesù come un cammino verso la
                                                  specifico per la comprensione della             croce; l’evento pasquale come
                                                  salvezza proposta da Gesù                       fondamento di ogni fede; dalla
                                                                                                  Pentecoste nasce la Chiesa; Cristo
                                             5.   la vita di Cristo, vero Dio ma anche
                                                                                                  presente nella vita quotidiana di
                                                  vero uomo (ebreo); conoscenza dei
                                                                                                  ciascuno
                                                  personaggi che gli stavano intorno;
                                                  collegamento a passi evangelici
                                         ARGOMENTI INTERDISCIPLINARI

Essendo il fatto religioso un evento che sta alla base della vita dei popoli e, quindi, di ogni uomo si ritrova pertanto in
ogni sua espressione dal campo artistico, letterario, tecnico…




                                                                  58
                                                        CLASSE SECONDA
                                          OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (OSA)

                      CONOSCENZE                                                                ABILITÀ

    La preghiera al Padre nella vita di Gesù e                   Riconoscere le caratteristiche della salvezza attuata da Gesù in
     nell’esperienza dei discepoli                                 rapporto ai bisogni e alle attese dell’uomo
    La persona e la vita di Gesù nell’arte e nella cultura       Documentare come le parole e le opere di Gesù abbiano ispirato
     in Italia e in Europa, nell’epoca medievale e                 scelte di vita fraterna, di carità e di riconciliazione nella storia
     moderna                                                       dell’Europa e del mondo
    L’opera di Gesù, la sua morte e resurrezione e la            Individuare lo specifico della preghiera cristiana
     missione della Chiesa nel mondo: l’annuncio della            Riconoscere vari modi di interpretare la vita di Gesù, di Maria e dei
     Parola, la liturgia e la testimonianza della carità           Santi nella letteratura e nell’arte
    I Sacramenti, incontro con Cristo nella Chiesa, fonte        Cogliere aspetti significativi e costitutivi della celebrazione dei
     di vita nuova                                                 Sacramenti
    La Chiesa generata dallo Spirito Santo, realtà               Individuare caratteristiche e responsabilità di ministeri, stati di vita
     universale e locale, comunità di fratelli, edificata da       e istituzioni ecclesiali
     carismi e ministeri                                          Riconoscere nel cammino ecumenico l’impegno delle Chiese per la
                                                                   pace, la giustizia e la salvaguardia del creato




         PERCORSO MINIMO                                PERCORSO MEDIO                           PERCORSO APPROFONDITO
1.   Ogni uomo è creato per condividere 1.         Il ragazzo è in grado di riflettere con 1.     l’alunno scopre l’importanza di
     la felicità di Dio                            spirito critico sulla sua libertà, aperta      mettersi in discussione con spirito
2.   La Chiesa nasce dall’evento pasquale          alla vita extra-familiare; ha presente         critico e sensibilità su se stesso e sugli
     di Cristo e dal dono dello Spirito ai         la Chiesa, come espressione della              altri; la felicità di Dio è l’unica meta
     credenti. Essa è la garante della             proposta di felicità offerta da Dio e 2.       La carità nella Chiesa è la chiave di
     speranza che Gesù porta in risposta           coglie la carità cristiana, come la            lettura su come la Misericordia di Dio
     alle grandi domande dell'uomo                 perfezione del servizio agli altri             parla all’uomo; nell’amore per gli altri
3.   Dallo Spirito deriva tutta la vita della 2.   Cristo morendo, ha salvato l’uomo              c’è la risposta alle inquietudini
     Chiesa:         preghiera,     servizio,      dalla schiavitù al peccato e risorgendo        personali
     realizzazione personale. Nella Chiesa         si è proposto come il Signore della 3.         Lo Spirito è il grande amico
     il Cristiano trova il giusto posto per        vita: Lui dà senso alle domande del            dell’anima:        la    migliora    nella
     una matura collaborazione con gli             ragazzo che ne intuisce la portata             preghiera, le dà forza nell’amore; Lui
     altri e realizzazione alle proprie            rivoluzionaria                                 è la guida per un futuro di risposta alla
     inclinazioni personali.                  3.   l’interiorizzazione     dettata     dallo      chiamata di Dio: Egli cerca solo la
                                                   Spirito è l’unico modo per una vita            nostra realizzazione
                                                   consapevole di sé e aperta agli altri




                                          ARGOMENTI INTERDISCIPLINARI

Essendo il fatto religioso un evento che sta alla base della vita dei popoli e, quindi, di ogni uomo si ritrova pertanto in
ogni sua espressione dal campo artistico, letterario, tecnico…




                                                                   59
                                                        CLASSE TERZA

                                        OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (O.S.A)

                         CONOSCENZE                                                             ABILITÀ

- La fede, l'alleanza tra Dio e l'uomo, vocazione e progetto di    - Riconoscere le dimensioni fondamentali dell'esperienza di
  vita                                                               fede di alcuni personaggi biblici, mettendoli anche a
- Fede e scienza, letture distinte ma non conflittuali dell'uomo     confronto con le altre figure religiose
  del mondo                                                        - Confrontare spiegazioni religiose e scientifiche del mondo e
- Il cristianesimo e il pluralismo religioso                         della vita
- Gesù: via, verità e vita per l'umanità                           - Cogliere nei documenti della Chiesa le indicazioni che
- Il decalogo, il comandamento nuovo di Gesù e le beatitudini        favoriscono l'incontro, il confronto e la convivenza tra
  nella vita dei cristiani                                           persone di diversa cultura e religione
- Gesù e la Chiesa nella cultura attuale e nell'arte               - Individuare nelle testimonianze di vita evangelica, anche
  contemporanea                                                      attuali, scelte di libertà per un proprio progetto di vita
- Vita e morte nella visione cristiana e nelle altre religioni.    - Descrivere      l'insegnamento        cristiano  sui     rapporti
                                                                     interpersonali, l'affettività e la sessualità
                                                                   - motivare le risposte del cristianesimo ai problemi della
                                                                     società di oggi
                                                                   - Confrontare criticamente comportamenti e aspetti della
                                                                     cultura attuale con la proposta cristiana
                                                                   - Individuare l'originalità della speranza cristiana rispetto alla
                                                                     proposta di altre visioni religiose.



          PERCORSO MINIMO                              PERCORSO MEDIO                               PERCORSO MASSIMO

1. il ragazzo si riconosce come persona     1. percepisce la collaborazione in classe,    1. sa rapportarsi con spirito critico di
   con una dignità che ha il                   con gli amici e nel mondo come                fronte alle risposte delle varie religioni
   diritto/dovere di far maturare nel          strumento di crescita personale e             e, tramite lo strumento del dialogo, sa
   tentativo di rispondere ai grandi           sociale                                       dare una risposta al suo desiderio di
   perchè dell'uomo                         2. sa che la scelta tra bene e male è            felicità
2. concepisce il suo rapporto col mondo        prioritaria per la realizzazione           2. si percepisce come persona in crescita,
   in modo sereno ma condizionato dalla        personale                                     con rispetto per la propria persona,
   sua capacità di ascolto e di dialogo     3. Dio e le religioni sono occasione di          per quella degli altri e per Dio,
3. concepisce la vita come un'occasione        risposta ai grandi perchè dell'uomo           valutando con serenità il suo
   di crescita in cui le regole umane e                                                      approccio fisico, emotivo, razionale e
   divine sono un aiuto alla sua felicità                                                    religioso
                                                                                          3. conosce il valore del sacrificio come
                                                                                             occasione di felicità e realizzazione in
                                                                                             una società dove il primato degli sforzi
                                                                                             è destinato al successo e alla
                                                                                             soddisfazione egoistica. Sa che l'amore
                                                                                             è        un'arte      che       s'impara
                                                                                             progressivamente.



                                             ARGOMENTI INTERDISCIPLINARI

 Essendo il fatto religioso un evento che sta alla base della vita dei popoli e, quindi, di ogni uomo si ritrova pertanto in
                              ogni sua espressione dal campo artistico, letterario, tecnico…




                                                               60
                                            PROGRAMMA DI MUSICA


                                                  BIENNIO: COMPETENZE

    saper “valutare” un brano, suonato e/o cantato, in base:
      alle difficoltà di esecuzione (vocale, strumentale, vocale/strumentale)
      al riconoscimento dei Temi principali insieme alle parti secondarie (melodia principale, accompagnamento,
       arrangiamento, orchestrazione)
      al riconoscimento degli strumenti principali, all’espressività degli stessi e pertanto al loro uso più pertinente
      all’inquadramento del brano nel suo contesto storico e sociale (compositore, scopo del brano)
      all’utilità del brano per noi ascoltatori d’oggi
                    CONOSCENZE                                                          ABILITÀ



                                                       nella Pratica strumentale:
a.   Fondamenti della tecnica di uno strumento - sviluppare le elementari tecniche esecutive degli strumenti didattici per
     musicale.                                            eseguire semplici brani ritmici, sia ad orecchio, sia decifrando una
b.   Famiglie strumentali (con particolare riferimento    notazione
     a quelli che appaiono nei brani presi in nella Pratica vocale:
     considerazione); fonemi.
c.   Tecnica di base del canto.                        - riprodurre con la voce, per imitazione e/o per lettura, brani corali ad
d.   Criteri di organizzazione formale tradizionali,      una o più voci anche con eventuali appropriati arrangiamenti
     principali strutture del linguaggio musicale e       strumentali, desunti da repertori senza preclusioni di generi, epoche e
     loro valenza espressiva.                             stili
e.   Relazioni tra linguaggi                            nella Produzione musicale:
f.   Parametri del suono.
                                                       - improvvisare sequenze ritmiche e melodiche a partire da stimoli di
                                                          diversa natura( musicali, grafici, verbali, ...)
                                                       - elaborare semplici commenti musicali a testi verbali o figurativi, azioni
                                                          sceniche, ecc.
                                                       nell’ascolto, interpretazione e analisi:

                                                       - Riconoscere e analizzare con linguaggio appropriato le fondamentali
                                                         strutture di un facile brano musicale.
                                               CLASSE TERZA: COMPETENZE

    saper “valutare” un brano, suonato e/o cantato, in base:
      alle difficoltà di esecuzione (vocale, strumentale, vocale/strumentale)
      al riconoscimento dei Temi principali insieme alle parti secondarie (melodia principale, accompagnamento,
       arrangiamento, orchestrazione)
      al riconoscimento degli strumenti principali, all’espressività degli stessi e pertanto al loro uso più pertinente
      all’inquadramento del brano nel suo contesto storico e sociale (compositore, scopo del brano)
      all’utilità del brano per noi ascoltatori d’oggi
                    CONOSCENZE                                                          ABILITÀ




                                                               61
a. Fondamenti della tecnica di uno strumento             nella Pratica strumentale:
   musicale.
b. Elementi fondamentali di acustica                     - Consolidare le tecniche esecutive degli strumenti didattici per eseguire
c. Tecnica di base del canto.                               semplici brani ritmici e melodici, sia ad orecchio, sia decifrando una
d. Criteri di organizzazione formale tradizionali,          notazione
   principali strutture del linguaggio musicale e        nella Pratica vocale:
   loro valenza espressiva.
e. Relazioni tra linguaggi                               - riprodurre con la voce, per imitazione e/o per lettura, brani corali ad
f. Analogie, differenze e peculiarità stilistiche di        una o più voci anche con appropriati arrangiamenti strumentali,
   epoche e generi musicali diversi, con riferimento        desunti da repertori senza preclusioni di generi, epoche e stili
   anche alle aree extraeuropee.                          nella Produzione musicale:
g. Principali usi e funzioni della musica nella realtà
   contemporanea, con particolare riguardo ai mass       - improvvisare sequenze ritmiche e melodiche a partire da stimoli di
   media.                                                   diversa natura (musicali, grafici, verbali, ...)
h. Storia della musica con ascolto guidato               - elaborare semplici commenti musicali a testi verbali o figurativi, azioni
                                                            sceniche, ecc.
                                                         nell’Ascolto, interpretazione e analisi:

                                                         1.   Riconoscere e analizzare con linguaggio appropriato le fondamentali
                                                              strutture del linguaggio musicale e la loro valenza espressiva, anche
                                                              in relazione ad altri linguaggi, mediante l'ascolto di opere musicali
                                                              scelte come paradigmatiche di generi, forme e stili storicamente
                                                              rilevanti



I contenuti si adatteranno alle conoscenze da perseguire e a discrezione dell’insegnante, alle esigenze che si
presenteranno nel corso dell’anno; la parte storica seguirà il programma di storia.




                                                                62
Progetti educativi
 didattici comuni




        63
             PROGETTO ACCOGLIENZA ALUNNI DELLA CLASSE 1^ (Sc. sec. 1° grado)



                                                                                               ATTIVITÀ

                                                                    • Mi presento:

                                                                      la mia carta d’identità
                                                                      le mie qualità e i miei difetti
                                                                      cosa mi aspetto dalla nuova scuola
                  ENTRO FINE SETTEMBRE



 ATTIVITA’: “LA MIA CARTA D’IDENTITA’” (VEDI SCHEDA N° 1)
  OBIETTIVI: conoscere i dati anagrafici, personali ed emotivi degli alunni

 ATTIVITA’: “ LE MIE QUALITA’ E I MIEI DIFETTI” (VEDI SCHEDA N° 2)
    OBIETTIVI: facilitare e stimolare l’inserimento dell’alunno che proviene dalla Scuola Primaria; far ragionare
l’allievo sul proprio essere e sui propri bisogni

 ATTIVITA’: “COSA MI ASPETTO DALLA NUOVA SCUOLA” (VEDI SCHEDA N°3)
 OBIETTIVI: cominciare a conoscere le aspettative di ogni alunno nei confronti della scuola che andrà a frequentare.

All’interno del “Progetto accoglienza”, gli insegnanti sono chiamati a far conoscere il Regolamento dell’Istituto
scolastico. Gli allievi devono essere informati dell’organizzazione e del funzionamento della scuola. Nel momento in
cui arrivano in questo nuovo ambiente, hanno bisogno di conoscerlo per comprendere come si vive al suo interno, quali
sono i ruoli dei diversi protagonisti della vita scolastica, quali sono le regole che garantiscono un’ordinata e proficua
partecipazione di ciascuno.
E’ necessario che l’alunno lo riconosca importante per la propria crescita. Nei primi giorni i ragazzi saranno guidati a
conoscere le ragioni e le regole delle diverse attività scolastiche.
L’insegnante deve esplicitare le ragioni e le regole con cui imposta la sua attività. E’ importante, quindi, che il
Consiglio di Classe, nel corso del primo incontro, definisca gli elementi su cui tutti i docenti si soffermeranno in classe
durante la prima lezione, in modo da chiarire preliminarmente alcune questioni:

- il posto che la disciplina occupa rispetto al corso di studi; gli obiettivi proposti per l’anno e le difficoltà incontrate; il
metodo di lavoro dell’insegnante (materiali, compiti, stile di insegnamento, ecc.);

- il metodo di lavoro richiesto agli studenti (uso del libro di testo, organizzazione del tempo, strategie di lettura, ecc.);

- i criteri di valutazione (criteri per prove scritte ed orali, giudizi di fine anno, ecc.).




                                                                64
                      COGNOME E NOME …………………………CLASSE …… DATA ………

                            SCHEDA N° 1 – LA MIA CARTA D’IDENTITA’


                                           Conoscersi




1.Completa la tua carta d’identità
I MIEI DATI ANAGRAFICI                             IL MIO ASPETTO FISICO
Nome
…………………………………………..
Cognome
………………………………….
Luogo di nascita
………………………………………
Nazionalità
………………………………………………
Indirizzo                                                              Foto (autoritratto)
……………………………………………..                                Capelli
……………………………………………..                                ……………………………………………….
……………………………………………..                                Occhi
……………………………………………….                                …………………………………………
Numero di telefono (casa)                          Naso
…………………………………..                                    ……………………………………………
Numero di telefono (cellulare)                     Bocca
……………………………………..                                   ……………………………………………..
                                                   Altezza
Stato civile                                       ……………………………………………..
……………………………………….                                   N° scarpe
Professione                                        ……………………………………………….
……………………………………………..                                Segni particolari
Firma                                              ………………………………………………
…………………………………………..                                 ……………………………………………….




                                              65
                                                     SCHEDA N° 2


 COGNOME E NOME …………………………CLASSE ……DATA ……

                                            LE MIE QUALITA’ E I MIEI DIFETTI


                                                   Conoscersi



1.   A ognuno dei difetti e delle qualità elencati qui sotto dai un voto da 1 a 10 (1 = per niente, 10 = moltissimo.



 QUALITA’ / PUNTEGGIO                                        QUALITA’ / PUNTEGGIO


 GENEROSO ……………………                                           TIMIDO ………………………………….


 SENSIBILE …………………………                                        STUDIOSO ……………………………..


 INTRAPRENDENTE ………………….                                     AGGRESSIVO ………………………………


 OTTIMISTA ………………………….                                       PREMUROSO ……………………………..


 SIMPATICO …………………………..                                      DOLCE ………………………………………


 NOIOSO ……………………………                                          MANESCO …………………………………


 INTELLIGENTE …………………………..                                   VOLENTEROSO …………………………


 MODESTO ……………………………..                                       TRASGRESSIVO …………………………….


 ARROGANTE …………………………..                                      PIGRO ………………………………………


 PRESUNTUOSO …………………………                                      CURIOSO …………………………………




                                                           66
                                                       SCHEDA N° 7
 COGNOME E NOME …………………………CLASSE ……DATA ……

                                CHE COSA MI ASPETTO DALLA NUOVA SCUOLA

                                                        Conoscersi



2. Completa la tabella scrivendo nella colonna di sinistra come pensi “che sarà” e nella colonna di destra come
   “vorresti che fosse la tua nuova scuola.



 LA NUOVA SCUOLA …                    PENSO CHE SARA’ ….                      VORREI CHE FOSSE …

 I compagni                           .....................................   ……………………………..
                                      …………………………….                            …………………………….
                                      ……………………………..                           …………………………….
                                      ………………………………                            ………………………………

 Gli insegnanti                       …………………………….                            ………………………………
                                      ……………………………                             ………………………………..
                                      ……………………………..                           ………………………………
                                      …………………………….                            ……………………………….

 Le lezioni                           …………………………….                            ……………………………….
                                      ……………………………..                           ……………………………….
                                      ………………………………                            ………………………………
                                      ……………………………….                           …………………………………

 I compiti a casa                     ………………………………                            ……………………………….
                                      ……………………………..                           ………………………………
                                      ……………………………..                           ………………………………
                                      ……………………………..                           ………………………………

 Le materie                           …………………………….                            …………………………………..
                                      ……………………………..                           …………………………………..
                                      …………………………….                            …………………………….
                                      ……………………………..                           ………………………………..

 Le altri classi                      ………………………………                            ………………………………….
                                      ……………………………….                           ………………………………
                                      ………………………………..                          ……………………………..
                                      ……………………………….                           ……………………………….



                                                               67
                               ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERI


Finalità
            Essere una Scuola integrativa che nella reciprocità:
                  a. garantisce diritti, doveri e pari opportunità,
                  b. riduce progressivamente eventuali gap nelle scelte e negli esiti scolastici di italiani e stranieri,
                      mettendo in campo dispositivi efficaci di sostegno all’apprendimento,
                  c. previene e contrasta fenomeni di esclusione e di autoesclusione sociale e culturale,
                  d. contribuisce ad educare a una cittadinanza condivisa,
                  e. progetta e realizza percorsi interculturali per i suoi alunni,
                  f. promuove l’integrità psicofisica e culturale,
                  g. dà cittadinanza alle diverse appartenenze culturali, linguistiche e religiose in un quadro di
                      rispetto, di dialogo e di apertura per la costruzione di nuove identità personali e di gruppo.
Discipline coinvolte
           tutte
Docente responsabile del progetto
           Pagliari Renata
Destinatari
           Tutti gli alunni stranieri dell’I.C. di Mede
Obiettivi
           Conoscersi e accettarsi reciprocamente
           Realizzare l’integrazione scolastica ed extrascolastica
           Consolidare i rapporti scuola/famiglia
           Favorire la comunicazione con l’arricchimento del lessico e l’approfondimento della conoscenza delle
             fondamentali strutture della lingua italiana
           Avviare alla comprensione e all’uso dei testi scolastici
Modalità di intervento

                 Adesione al progetto provinciale in continuità con il lavoro del precedente anno scolastico:
                      a. Aggiornamento dei dati sulla presenza di alunni stranieri nella nostra scuola,
                      b. Aggiornamento del corpo docente attraverso la partecipazione a un Corso di formazione,
                           organizzato dal C.S.A. e a Corsi di formazione per la produzione di materiale didattico
                           semplificato, direttamente fruibile dagli alunni stranieri,
                      c. Possibilità di accesso ad uno sportello di consulenza, a Voghera, curato del CSA (un
                           pomeriggio ogni settimana).
                Progetto in rete:
                      a. Per un confronto,
                      b. Per la collaborazione nella stesura e nell’adozione di un comune Protocollo di accoglienza,
                      c. Per la produzione e lo scambio e l’ottimizzazione di risorse e di materiale didattico,
                      d. Per l’organizzazione di un Corso di formazione sulla semplificazione del testo
                Strutture operative di Istituto:
                      a. Costituzione della Commissione Accoglienza
                      b. Potenziamento dello Scaffale interculturale presente nella Scuola
                      c. Costituzione di una “valigia dell’accoglienza” contenente il materiale proposto nel CD “Tutti
                      uguali e tutti diversi”: materiale in 11 lingue per l’accoglienza, per la facilitazione dei rapporti
                      con le famiglie, per la rilevazione della situazione di partenza
                Interventi finalizzati all’integrazione attraverso l’apprendimento della lingua italiana:
                      a. Interventi di facilitazione attraverso l’adattamento dei programmi che il Collegio Docenti
                      demanda ai C. di classe,
                      b. Attuazione di corsi di alfabetizzazione per piccoli gruppi, a diversi livelli di conoscenza della
                      lingua italiana.
Collaborazione con Soggetti esterni
                C.S.A.
                Scuole della Provincia
Costi previsti
                20 ore di non insegnamento per il referente Istituto, prof. Pagliari.



                                                           68
                                             ITALIANO PER AMICO


Destinatari
     Ragazzi di origine e lingua straniera:
         con necessità di prima alfabetizzazione
         già inscritti nel percorso di scolarizzazione italiano, ma con evidenti difficoltà nell’uso della lingua.

Finalità
     Favorire l’inserimento e l’integrazione degli alunni stranieri
     Favorire la partecipazione all’attività della classe
     Favorire l’integrazione e il dialogo tra differenti culture.

Situazione di partenza
     Il corso si propone di sviluppare nei ragazzi di origine e lingua straniera una conoscenza della lingua italiana
         che permetta loro di partecipare in modo proficuo alle attività della propria classe.
         Nel percorso di alfabetizzazione la comunicazione linguistica passa attraverso qualsiasi forma di contenuto
         facendo della lingua parlata uno strumento indispensabile per capire problematiche del mondo che ci circonda.

Risultati attesi
     Possesso della lingua italiana nei suoi aspetti fonologici, morfo-sintattici e lessicali di base.
     Possesso del lessico disciplinare fondamentale e delle abilità operative in campo logico, matematico, tecnico e
         scientifico.
     Possesso di abilità linguistiche essenziali legate alla comunicazione informale.


Nello stabilire gli obiettivi si è tenuto conto della disomogeneità culturale e delle differenze per quanto riguarda le
competenze linguistiche e le abilità cognitive.



Obiettivi specifici

    Ambito linguistico (italiano):

         1. Acquisizione della capacità di ascoltare discorsi parlati e scritti:
               1.1. Riconoscere e usare un termine;
               1.2. Comprendere il significato di una parola ed essere in grado di utilizzarla, ripetendola;
               1.3. Riconoscere e usare in modo corretto simboli fonici e simboli grafici: a) adoperare con proprietà le
               parole nella produzione linguistica orale e scritta; b) riconoscere e usare i fondamentali fonemi della
               lingua italiana; c) riconoscere e usare il linguaggio espressivo e fatico.

         2.     Acquisizione della capacità di parlare con pronuncia comprensibile, utilizzando le parole memorizzate;
                (ortoepia)
                2.1. Raggiungere, mediante la buona percezione del parlato, una pronuncia largamente accettabile, nel
                rispetto dei progressi raggiunti da ciascuno;
                2.2. Inserirsi in maniera funzionale in una conversazione scolastica ed extrascolastica.

         3.     Acquisizione della capacità di leggere parole ed enunciati semplici:
                3.1. Raggiungere la capacità di leggere in modo ortoepico e ortofonico;
                3.2. Essere in grado di orientarsi nella lettura dei testi scolastici.

         4. Acquisizione della capacità di scrivere in modo corretto:
               4.1. Scrivere parole semplici, brevi enunciati;
               4.2. Possedere un uso strumentale della lingua scritta per riferire la propria esperienza.




                                                             69
    Ambito logico-matematico:

         1. Acquisizione della capacità di utilizzare un linguaggio tecnico-scientifico appropriato:
               1.1. Osservare e riconoscere simboli e termini:
               1.2. Utilizzare tabelle e grafici

         2 Acquisizione della capacità di operare con gli insiemi:
               2.1. Riconoscere
               2.2. Raggruppare
               2.3. Abbinare
               2.4. Raggruppare - abbinare
               2.5. Ordinare
               2.6. Paragonare

         3 Acquisizione della capacità di operare con i numeri:
               3.1. Contare
               3.2. Svolgere semplici operazioni numeriche
               3.3. Utilizzare linee numeriche

         4 Acquisizione della capacità di operare con misure, forme e proprietà
               4.1. Operare con le seguenti categorie relative alle misure: dimensioni, quantità e lunghezza
               4.2. Operare con le seguenti categorie relative alle forme: figure geometriche
               4.3. Operare con le seguenti categorie relative alle proprietà: massa, capacità, temperatura e tempo.

Tempi
Il corso si articola sul primo quadrimestre dell’anno scolastico.
La realizzazione degli obiettivi indicati è relativa all’accertamento della situazione iniziale in cui si trovano i ragazzi


                               Percorsi educativi, percorsi didattici, interventi realizzati

Metodologia
Presupposto metodologico è che sia necessario partire dalle necessità comunicative dei ragazzi nel contesto scolastico e
trarre vantaggio dalle abilità cognitive e dalle conoscenze acquisite da loro nel precedente percorso di scolarizzazione
nei paesi di origine.
Si sono individuate le seguenti aree principali di intervento:

Area 1, "comunicazione": sviluppo di abilità linguistiche legate alle competenze comunicative di base, con particolare
enfasi sull’interazione orale.

Area 2, "italiano": sviluppo di abilità linguistiche legate ai contenuti delle materie umanistiche, con particolare enfasi
sulla lingua italiana (abilità di lettura e scrittura, abilità metalinguistiche).

Area 3, "matematica": sviluppo di abilità linguistiche legate alle materie logico-matematiche e scientifiche, con
particolare enfasi sulla matematica e le scienze.

        Attraverso queste aree si cercherà di creare un contesto che favorisca l’apprendimento in ambito scolastico e la
         capacità di imparare fuori e oltre il tempo di scuola per acquisire un’autonomia sempre maggiore. A tale scopo
         sarà necessario fornire ai ragazzi la consapevolezza di quanto stanno facendo, esplicitando il più possibile gli
         obiettivi del percorso, consentendo loro l’accesso a una varietà di risorse (dizionari, materiali audiovisivi,
         ecc.), dando ai ragazzi stessi la possibilità di intervenire sulle scelte del percorso didattico, esprimendo i propri
         bisogni e facendoli riflettere su come s'impara e sui progressi che stanno facendo. Si sfrutterà inoltre la
         ricchezza derivante dalle diverse esperienze dei singoli, ponendo al centro della riflessione le differenze e le
         somiglianze culturali (tempo/spazio/comportamenti linguistici e culturali, ecc.).
         A livello pratico, la strategia adottata sarà quella "dell’imparare facendo". Ad esempio, si privilegerà un
         approccio induttivo all’apprendimento delle abilità metalinguistiche (categorie grammaticali, distinzioni
         fonetiche), e verrà favorito lo sviluppo delle conoscenze lessicali attraverso la creazione da parte dei ragazzi di
         un quaderno/dizionario bilingue di parole nuove da aggiornare quotidianamente e individualmente e per uso
         immediato.



                                                              70
Procedure di attuazione
     L’approccio metodologico è di tipo funzionale-comunicativo. La lingua infatti soddisfa vari scopi e varie
       funzioni: si usa per fare domande, per ordinare, per spiegare, per classificare. Tali funzioni acquistano maggior
       significato a scuola, nella realtà nella quale vengono utilizzate sia in un contesto educativo generale che di
       apprendimento dei linguaggi specifici delle singole discipline.
     Saranno utilizzati testi semplificati.

Discipline coinvolte
     Discipline dell’ambito linguistico e matematico

Strumenti di verifica del progetto
     In itinere
     Finale, utilizzando i criteri e i giudizi sintetici della scheda di valutazione
     Autovalutazione

Materiali e strumenti
    Laboratorio di informatica; testi scolastici, testi di italiano, schede, dizionari, riviste, giornali;
        audiovisivi; materiale di facile consumo.

Collaborazione con soggetti esterni
     Patto territoriale salva precari finanziato dalla Regione Lombardia

Costi
        80 ore d'insegnamento per corsi di alfabetizzazione organizzati su progetto in base al numero degli alunni e al
         loro livello di conoscenza dell’italiano, con i fondi previsti per gli stranieri




                                   PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA PRIMARIA

Finalità
     Promuovere il pieno sviluppo dela persona
     Prevenire fenomeni di disagio scolastico (problemi di relazione, paure legati a piccoli insuccessi, disagi
         emotivi legati al passaggio ad un nuovo ambiente scolastico)
     Conoscere le diversità e calibrare interventi affinché esse non si trasformino in disuguaglianze
     Porre le basi per una progettualità educativa comune scuola-famiglia

Discipline coinvolte
    Questo progetto coinvolge tutta la scuola come ambiente di apprendimento

Referente di plesso
    Ferrara Antonella

Destinatari
    Tutti gli alunni, in modo particolare gli alunni della classe prima e gli alunni eventualmente iscritti nel corso
    dell’anno scolastico

Obiettivi
     Conoscere “fisicamente” l’edificio Scuola: la propria aula, gli spazi comuni, le classi degli altri alunni
     Conoscere il personaledocente e non docente presente nella scuola
     Conoscere e stabilire relazioni di amicizia e di rispetto con i compagni
     Conoscere le regole base della vita scolastica




                                                             71
Attività
      Per le singole classi sono programmate attività linguistiche/grafico-pittoriche guidate dalle insegnanti, che però
         vedano coinvolti ed attivi in prima persona gli alunni
      Incontro del team docente con i genitori degli alunni di classe prima (o di alunni neo-iscritti)
      “Visita guidata” all’interno dell’edificio scolastico

Tempi di attuazione
In modo particolare i primi giorni dell’anno scolastico e ogni volta che si verifica una iscrizione in corso d’anno
scolastico. Ogni giorno di tutto l’anno gli alunni trovano spazio per comunicare (anche privatamente) con le insegnanti
e manifestare la propria personalità e/o gli eventuali disagi.




                                           PROGETTO CONTINUITÀ
                                       (SCUOLA PRIMARIA DI LOMELLO)
                           Scuola dell’infanzia / primaria / secondaria di primo grado



Finalità
     Realizzare la continuità, cioè collegare le tre scuole in un processo culturale ed educativo unico.
     Promuovere un unico ed armonico ambiente di apprendimento.

Discipline coinvolte
Tutte le materie.



Responsabili del progetto
Insegnanti: Icardi, Martinotti, Massone.

Destinatari
Alunni dell’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia, della classe V Primaria e I Secondaria di primo grado.

Obiettivi specifici
     Conoscere a grandi linee le programmazioni reciproche.
     Conoscere situazioni problematiche.

Attività
Incontri con le insegnanti coinvolte e con i genitori.
Stesura di prove (per Lomello), compilazioni griglie, colloqui.

Tempi di attuazione
    Incontri durante l’anno scolastico (Scuola Infanzia-Primaria Lomello)
    Incontro a gennaio tra docenti e genitori
    Incontro alla fine dell’anno tra docenti delle terze Secondarie e insegnanti delle quinte Primaria

Costi
4 ore per 3 insegnanti della Scuola Primaria per un totale di 12 ore.




                                                           72
                                ORIENTIAMOCI: una bussola per i giovani in formazione


Finalità
             Formare l’alunno alla consapevolezza delle proprie capacità, attitudini e limiti.
             Indirizzare l’alunno a scelte il più possibile responsabili.

Discipline coinvolte
          Tutti i Docenti opereranno al fine dell’orientamento.

Docente responsabile del progetto
         Responsabili di sezione (Antona, Pagliari, Bottazzi) e Poles.

Destinatari
         Tutti gli alunni della Scuola secondaria di 1° grado e i Genitori interessati.

Obiettivi
               Promuovere la conoscenza di se stessi e del mondo fornendo strumenti culturali adeguati.
               Evidenziare e sviluppare attitudini, interessi, capacità ed abilità.
               Far acquisire un metodo di studio e di lavoro.
               Fornire indicazioni di massima sullo sviluppo dello scenario economico e sociale.
               Attuare una continuità nella valutazione dell’alunno.
               Favorire l’inserimento dell’alunno nella nuova realtà scolastica.
               Raccogliere informazioni riguardo al curriculum dell’alunno.

Contenuti
        Per l’orientamento i contenuti riguarderanno tutte le materie.

Metodologia
        Informazioni sulla Scuola Superiore, sul mondo del lavoro, sugli sbocchi professionali
        Consiglio orientativo formulato dal Consiglio di Classe di dicembre
        Colloqui tra Insegnanti, Alunni, Genitori e Dirigenti scolastici

Attività
             Informazione ed indirizzo, anche in collaborazione con esperti
             Visita ad Istituti superiori da parte di Genitori ed alunni di terza secondaria

Tempi di attuazione
         Il lavoro di formazione ed indirizzo, per le classi prime, seconde e terze, sarà effettuato per tutto
           l’anno scolastico.
         Per le classi terze, in particolare, il lavoro con gli esperti e la visita agli stand degli Istituti
           superiori.

Mezzi e strumenti
          Materiale informativo.
          Materiale proposto da esperti.

Strumenti di verifica e di valutazione
        Verifiche e valutazione comune prodotta dagli incontri tra Insegnanti.

Collaborazione con Soggetti esterni
         Esperti in orientamento dell’Amministrazione Provinciale.
         Istituti Superiori.




                                                               73
Contributo funzioni strumentali
         Lavoro di coordinamento tra gli Insegnanti, in vista dell’orientamento.
         Lavoro di coordinamento tra i Coordinatori delle terze e gli Enti esterni.

Supporto Personale ATA
         Nessuno.

Costi previsti
          Zero.




                                                          74
                             PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

Finalità
                 Sviluppare la conoscenza e l’interesse per l’ambiente naturale caratteristico del territorio
                 Valutare il comportamento umano nello sfruttamento della natura e nella gestione delle risorse
                 Promuovere atteggiamenti consapevoli e responsabili per il rispetto della natura e l’utilizzazione delle
                  sue risorse

Discipline coinvolte
              Area scientifica – tecnica - geografica

Responsabili del progetto
             Referenti di sede:             prof. Perone         (Scuola secondaria di 1° grado di Lomello)
                                             prof. Triches        (Scuola secondaria di 1° grado di Pieve del Cairo)
                                             prof. Crabi          (Scuola secondaria di 1° grado di Mede)
                                             prof. Antona         (Scuola secondaria di 1° grado di Sartirana)

Destinatari
                 Tutti gli alunni della Scuola secondaria di 1° grado

Obiettivi
                 Potenziare la capacità di osservazione
                 Promuovere la scoperta e la conoscenza dell’ambiente
                 Favorire un corretto rapporto fra l’alunno e l’ambiente
                 Individuare le conseguenze dell’intervento dell’uomo sull’ambiente
                 Comprendere la necessità di un armonico rapporto tra le esigenze dell’ambiente naturale e lo sviluppo
                  tecnologico
                 Utilizzare le conoscenze nel rispetto dei cicli biologici

Contenuti
                 Classe prima:
                      - ambienti naturali
                      - fattori biotici e abiotici
                      - catena alimentare
                 Classe seconda:
                      - ecosistemi naturali ed artificiali
                      - interventi dell’uomo
                      - politica ambientale in Italia (le Organizzazioni Ambientaliste)
                      - raccolta differenziata e smaltimento RSU
                 Classe terza:
                      - sostanze inquinanti
                      - legislazione
                      - compostaggio, riciclaggio e raccolta differenziata
                      - inquinamento aria / acqua / suolo / acustico
                      - impatto dell’ambiente sulla salute

Metodologia
                 Lezioni curriculari
                 Metodo sperimentale
                 Discussioni guidate

Attività
                 Visite guidate in oasi naturali della zona
                 Esperimenti graduati di laboratorio
                 Interventi di esperti (personale delle associazioni ambientaliste, guardie ecologiche)


                                                             75
                 Partecipazione a concorsi

Tempi di attuazione
              Tutto l’arco dell’anno, con suddivisione in periodi diversi sulla base delle varie programmazioni dei
                 Consigli di Classe

Mezzi e strumenti
             Sussidi audiovisivi
             Schede di approfondimento

Materiali prodotti
              Ricerche / Cartelloni, piccoli oggetti prodotti

Strumenti di verifica
              Verifiche scritte / orali / grafiche

Collaborazione con Soggetti Esterni
             G.E.V. (provincia di Pavia)
             Enti Locali

Apporto Funzioni strumentali
            Attività di raccordo

Costi previsti
                 Costo zero




                                                          76
                                         PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE


Per la Scuola Primaria

“CONOSCERE GLI ALIMENTI PER NUTRIRSI MEGLIO”

Finalita’
     Apprendere l’importanza di uno stile di vita sano
     Conoscere i principi per una corretta alimentazione, base di una buona salute

Discipline coinvolte
Scienze, Tecnologia, Ed. alla Cittadinanza

Referente di plesso
Ins. Ferrara Antonella

Destinatari
Alunni delle classi I, II, III, IV, V.

Obiettivi
     Conoscere le relazioni tra cibo e corpo umano
     Conoscere le principali composizioni dei cibi
     Distinguere cibi di origine animale e vegetale
     Conoscere la piramide alimentare
     Conoscere i pasti della giornata
     Conoscere la corretta merenda

Metodologia
Gruppo classe e a classi aperte: lezioni frontali, ricerche di gruppo e progettazione di grafici riassuntivi.

Attivita’
      Conversazioni
      Schede illustrative
      Proiezioni di videocassette e diapositive
      Rappresentazioni grafiche
      Ricerche e studio di contenuti specifici
      Incontri con la nutrizionista

Tempi di attuazione
L’intero arco dell’anno, in periodi diversi in base alle programmazioni di classe.

Collaborazione con soggetti esterni
Dott.ssa Lavaselli, dietista che controlla la refezione scolastica.

Costi
Il progetto è a costo zero.

per la Scuola secondaria di 1° grado

Finalità
              L’educazione alla salute si configura come attenzione e azione della




                                                              77
                scuola tesa a favorire il benessere degli alunni. Tale situazione si verifica quando i ragazzi stanno bene con
                se stessi, con gli altri, nell’ambiente in cui vivono.

Discipline coinvolte
             Tecnologia – Scienze – Attività motoria – Cittadinanza e Costituzione
          Docenti responsabili del progetto
          Referenti di sede:      Magnani                    (Scuola secondaria di 1° grado di Lomello)
                                   Triches                    (Scuola secondaria di 1° grado di Pieve del Cairo)
                                   Crabi                      (Scuola secondaria di 1° grado di Mede)
                                   Antona                     (Scuola secondaria di 1° grado di Sartirana)

Destinatari
         Tutti gli alunni della Scuola secondaria di 1° grado

Obiettivi
               Classe prima:
                    - approfondire la conoscenza dell’organismo dal punto di vista fisico
                    - sensibilizzare gli alunni sull’importanza della pulizia per la salute
                    - promuovere la prevenzione delle malattie
               Classe seconda:
                    - far riflettere sul cibo e sul rapporto con esso
                    - far riflettere sul rapporto alimentazione e salute
                    - fornire elementari nozioni di pronto soccorso e di educazione sanitaria, con la simulazione delle
                         procedure da mettere in atto in caso di emergenze sanitarie
               Classe terza:
                    per gli alunni di tutte le sedi:
                    - far riflettere sulle conseguenze che uno stile di vita scelto può avere sulla salute (fumo ed alcool)
                    - correlare le conoscenze ai comportamenti

Contenuti
               Classe prima:
                    - nozioni di igiene personale
               Classe seconda:
                    - elementi di anatomia, fisiologia, alimentazione
                    - emergenze sanitarie
               Classe terza (per gli alunni di tutte le sedi):
                    - malattie sociali (fumo, alcool, droghe, A.I.D.S.)

Metodologia
        Discussioni guidate e attività di gruppo
        Letture
        Ricerche

Attività
               Semplici esperimenti
               Lavori di gruppo
               Intervento di esperti

Tempi di attuazione
         Durante l’anno scolastico a discrezione dei Docenti

Mezzi e strumenti
          Audiovisivi
          Testi ed atlanti
          Strumenti multimediali



                                                              78
Materiali prodotti
         Relazioni sulle attività svolte
         Cartelloni

Strumenti di verifica
        Osservazioni sistematiche dei comportamenti
        Discussioni guidate / Verifiche orali

Collaborazione con Soggetti Esterni
         Volontari della C.R.I.
         Personale A.S.L.

Apporto Funzioni strumentali
         Attività di raccordo

Costi previsti
          Costo zero




                                                   79
                            PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ’


Per la Scuola Primaria

                                                    “STRADA SICURA”

Finalità
               Promuovere la formazione degli alunni della Scuola Primaria in materia di comportamento stradale e
                sicurezza
               Incentivare l’uso della bicicletta

Discipline coinvolte
          Ed. alla Cittadinanza

Referente di plesso
         Ruggia Silvia

Destinatari
         Tutti gli alunni della Scuola Primaria

Obiettivi
               Conoscere le norme generali di condotta dei pedoni e dei ciclisti
               Conoscere la segnaletica stradale

Attività / Contenuti
           Conversazioni
           Lettura di schede illustrative
           Osservazione, descrizione, studio della segnaletica stradale
           Realizazione di cartelloni di sintesi dei contenuti appresi
           Visione di filmati
           Esecuzione pratica di un percorso in bicicletta rispettando le norme apprese

Tempi di attuazione
         Secondo quadrimestre

Collaborazione con soggetti esterni
         Il progetto prevede l’intervento del Consorzio di Polizia Locale di Pieve del Cairo a cui aderisce il
            Comune di Lomello

Costi
               Eventuali costi sono a carico del Comune

 per la Scuola secondaria di 1° grado

Finalità
               Sensibilizzare gli alunni alle problematiche riguardanti gli incidenti stradali
               Sensibilizzare gli alunni alle problematiche inerenti alla sicurezza nell’ambiente scolastico
               Aiutare gli alunni a comprendere il ruolo degli organismi democratici
               Sensibilizzare gli alunni alle problematiche relative al fenomeno “droga”

Discipline coinvolte
          Lettere – Tecnologia - Scienze – Cittadinanza e Costituzione



                                                              80
Responsabili del progetto
        Referenti di sede:          prof. Poles                  (Scuola secondaria di 1° grado di Mede)
                                     prof.Triches                 (Scuola secondaria di 1° grado di Pieve del Cairo)
                                     prof. Pagliari               (Scuola secondaria di 1° grado di Lomello)
                                     prof. Denari E.              (Scuola secondaria di 1° grado di Sartirana)

Destinatari
         Tutti gli alunni della Scuola secondaria di 1° grado
         Alunni delle classi 2^ e 3^ di tutte le sedi per il fenomeno “droga”

Obiettivi
               Acquisire un comportamento corretto su strada
               Acquisire una coscienza civica
               Acquisire la conoscenza delle norme legislative di base
               Acquisire regole comportamentali da adottare anche in caso di eventi straordinari

Contenuti
               Classe prima:
                    - conoscenza del linguaggio stradale urbano
                    - comportamento del pedone: regole per attraversare, per camminare, semafori, mezzi pubblici,
                         segnaletica verticale ed orizzontale
                    - la sicurezza nell’ambiente-scuola

               Classe seconda:
                    - il Codice della Strada: conoscenza delle norme elementari
                    - comportamento su due ruote: la bicicletta (manutenzione ed uso), il ciclista e il Codice della
                         Strada, segnaletica verticale ed orizzontale
                    - nozioni di Pronto Soccorso (vedi “Educazione alla Salute”)
                    - la sicurezza nell’ambiente-scuola

               Classe terza:
                    - comportamento su due ruote: il motorino (manutenzione ed uso), limiti di velocità, segnaletica
                         verticale ed orizzontale
                    - la sicurezza nell’ambiente-scuola
                    - corso propedeutico al conseguimento del patentino

Per gli incontri sul fenomeno “droga”, che si inserisce in un più ampio progetto, volto a diffondere una cultura dei
valori civili:
                  - sensibilizzaione al rispetto delle leggi e delle norme
                  - rispetto dell’individuo e lotta al bullismo
                  - lotta alla droga e alle altr dipendenze
                  - sensibilizzazione ai pericoli della navigazione in Internet

Metodologia
        Lezioni frontali, utilizzo di materiale informativo
        Percorsi guidati

Attività
               Classe prima:
                    - osservazione e descrizione dell’arredo stradale
                    - individuazione dei percorsi più sicuri casa-scuola

               Classe seconda:
                    - memorizzazione delle norme
                    - osservazione e riflessione sui comportamenti di pedoni e ciclisti
                    - proposte personali




                                                             81
            Classe terza:
                 - riflessione sulle cause e le conseguenze degli incidenti
                 - riflessioni sui danni dell’inquinamento del traffico

Tempi di attuazione
         Tre mesi nel corso dell’anno scolastico a scelta dei Consigli di Classe

Mezzi e strumenti
          Codice della Strada
          Materiale informatico e audiovisivi
          Uscite in loco
          Intervento di esperti

Materiali prodotti
         Cartelloni e grafici

Strumenti di verifica
        Conversazioni guidate
        Materiale prodotto
        Prove di evacuazione

Collaborazione con Soggetti Esterni
         Polizia Urbana
         Medici / Personale ASL
         Carabinieri
         Protezione civile
         Amministrazioni locali
         WTD per incarico responsabile servizi prevenzione e protezione (RSPP)
         personale scuola-guida

Apporto Funzioni strumentali
         Attività di raccordo

Costi previsti
          24 ore di non insegnamento da suddividere tra gli insegnanti coinvolti
          4 ore per classe a costo zero, intervento dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Sarirana per le classi
              2^ e 3^ di tutte le sedi




                                                         82
                              PROGETTO “SPORTELLO ASCOLTO”
                            per la Scuola Secondaria e per la Scuola Primaria:



Responsabili:
     dott. Bonfiglio (per la Secondaria), dott.sa Claudia Danesini (per la Primaria)

Docenti referenti:
    tutti i coordinatori

Destinatari:
     tutti gli alunni dell’Istituto

Finalità:
     sostenere gli studenti nel processo di crescita
     prevenzione del disagio e dell'insuccesso scolastico
     monitorare eventuali situazioni a rischio
     dare sostegno alla strutturazione dell'identità
     consulenza, informazione e sostegno agli insegnanti e alle famiglie

Articolazione del progetto
     una settimana prima dell'avvio dell'attività, lo psicologo entrerà in classe per presentare agli studenti l'attività
         di sportello e le modalità di accesso
     interventi di ascolto attivo rivolto agli alunni, ai genitori, al personale della scuola

    se richiesto dai docenti:
     interventi nelle classi per favorire la comunicazione, il dialogo e il confronto tra gli alunni

Metodi e strumenti:
    con studenti, genitori e personale: colloqui di sostegno della durata di 40 min. ciascuno, con la tecnica del
        counseling per:
         aiutare il soggetto ad interpretare in modo corretto una situazione
         individuare i comportamenti utili per fronteggiare una certa difficoltà e prendere responsabilmente
        decisioni

Tempi:
    3 ore a cadenza quindicinale da ottobre a giugno

Collaborazione con Enti esterni
       Comuni dell’Ambito Territoriale del distretto di Sannazzaro de’ Burgondi

Costi previsti:
     finanziamento a carico dell’Amministrazione




                                                           83
                      PROGETTO EDUCAZIONE AL PIACERE DELLA LETTURA

                                                  per la Scuola Primaria


Finalita’
Leggere per il piacere di leggere.

Discipline coinvolte
Area linguistico-espressiva, Tecnologia.

Referente di plesso
Ins. Tempella Gianfranca

Destinatari
Il progetto coinvolge gli alunni di tutte le classi.

Obiettivi
     Promuovere l’ interesse per il libro, facilitandone con ogni mezzo la comprensione
     Cogliere le funzioni proprie della parola e dell’immagine
     Scoprire modalità linguistico-espressive
     Aiutare l’alunno a passare dalla lettura passiva alla lettura attiva
         Favorire lo sviluppo del senso critico ed estetico
     Conoscere la Biblioteca Comunale ed usufruire dei suoi servizi

Attivita’
      osservazione e analisi di un’illustrazione tratta da un libro esaminato
      confronto di più immagini e testi fra loro
      produzione di nuove originali illustrazioni
      costruzione di un libro
      lettura individuale e collettiva dei libri della Biblioteca e successivi analisi e commento
      ideazione di semplici filastrocche in rima

Collaborazione con Soggetti Esterni
Biblioteca Comunale di Lomello

Costi
Il progetto è a costo zero.



                                          per la Scuola Secondaria di 1° grado
Finalità
            Avviare i giovani preadolescenti al gusto della lettura, perché acquisiscano dei contenuti, imparino a
             riflettere e potenzino l’immaginazione
          Stimolare il gusto della lettura come piacere personale e abitudine di vita, non solo come obbligo
             scolastico
Discipline coinvolte
          Italiano (Arte –Musica)
Responsabili del progetto
          Referenti di sede:        prof. Zelaschi        (Scuola secondaria di 1° grado di Mede)
                                     prof. Bottazzi        (Scuola secondaria di 1° grado di Pieve del Cairo)
                                     prof. Girini          (Scuola secondaria di 1° grado di Sartirana)
                                     prof. Pagliari        (Scuola secondaria di 1° grado di Lomello)



                                                            84
Destinatari
         Tutti gli alunni della Scuola secondaria di 1° grado

Obiettivi
               Acquisire e/o sviluppare la capacità di leggere
               Avviare ad una lettura corretta ed espressiva e potenziare la capacità di analisi di un testo
               Offrire riflessioni sui problemi della società e sui comportamenti individuali nelle varie epoche e presso
                civiltà diverse
               Rispondere ai quesiti relativi alla sfera affettiva e sentimentale della preadolescenza
               Avviare ad una lettura introspettiva, critica e consapevole
               Stimolare al raffronto del linguaggio verbale di un testo scritto con linguaggi non verbali: grafico,
                pittorico, iconico, musicale, mimico-gestuale
               Guidare all’uso proficuo di una biblioteca
               Favorire lo scambio di esperienze di letture tra gli alunni
               Potenziare la creatività e la fantasia
               Scoprire la diversità dei generi

Contenuti
               Testi narrativi, didascalici, espressivi

Metodologia
        Esercizio frequente di lettura a casa e a scuola
        Visite programmate e guidate ad una biblioteca, in particolare a quella comunale, consultazione degli
            schedari, scelta consapevole di un testo
        Esercitazioni guidate sull’uso del dizionario
        Scelta di un testo adeguato alle capacità, all’età e agli interessi dell’alunno
        Avvio all’analisi letteraria di un testo narrativo
        Interdisciplinarità

Attività
               Per tutte le classi (a discrezione di ogni Consiglio di Classe):
                     - compilazione di schede di lettura (all. B)
                     - accostamento di un testo ad un brano musicale
                     - drammatizzazione di un testo
                     - visita guidata ad una biblioteca pubblica: informazioni sul funzionamento e sulle modalità di
                          prestito, consultazione degli schedari, richiesta di un testo scelto
                     - dibattito su un argomento di lettura particolarmente interessante
                     - approfondimento interdisciplinare su una tematica ricavata da un testo
                     - attivazione di una biblioteca di classe

                 In particolare:   Pieve del Cairo e Sartirana: incontro con l’autore
                                   Mede, per tutte le classi: laboratorio di animazione alla lettura

Tempi di attuazione
         Intero anno scolastico

Mezzi e strumenti
          Schede di lettura, dizionario, audiovisivi
          Biblioteca scolastica e comunale

Materiali prodotti
         Per l’incontro con l’autore, elaborazione di una scaletta di massima relativa ai quesiti da sottoporre

Strumenti di verifica
        Questionari, relazioni orali e scritte




                                                               85
Collaborazione con Soggetti Esterni
         Biblioteche Comunali, scrittori, attori, animatori

Costi previsti
          Retribuzione, a carico delle Biblioteche Comunali, degli Autori eventualmente invitati
          ore di non-insegnamento come risulta dai POF delle singole sedi




                                                         86
                                 ATTIVITÀ MOTORIE: attività sportiva scolastica



Responsabili:
     Insegnanti di Scienze motorie

Destinatari:
     tutti gli alunni dell'I.C. di Mede

Finalità:
     coordinare la partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi di tutte le sedi dell'I.C.

Obiettivi:
     coinvolgere il maggior numero di alunni nella partecipazione ai G.S.S.
     preparare adeguatamente le classi ad affrontare le varie attività proposte
     promuovere lo spirito di sana competizione e coinvolgere attivamente i portatori di handicap

Metodi e contenuti:
    preparazione e accompagnamento a tutte le manifestazioni sportive a cui la Scuola partecipa
    organizzazione torneo Baldini
    compilazione elenchi e altro materiale cartaceo per le singole gare

Materiali e strumenti:
    in dotazione della palestra scolastica
    contatti e aggiornamenti con il C.O.N.I.
    collaborazione con i Comuni e tra le varie sedi dell'I.C.

Verifica:
     incontro-scontro col secondo gruppo di lavoro (Mede) - tornei di Istituto

Tempi:
    da settembre a giugno

Collaborazione con soggetti esterni
     Amministrazioni comunali, Pro Loco

Costi previsti:
     ore di non insegnamento come risulta dai POF delle singole sedi.




                                                           87
                                   ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

                                             “A. MASSAZZA” MEDE



                                                   SPORT a SCUOLA

                                               Progetto di attività sportiva




                            Coordinatore: Prof.ssa Gallizzi Carmela



Da quest’anno anche l’ Istituto comprensivo “A. Massazza” ha riservato alle attività motorie particolare interesse,
considerandole come esigenza imprescindibile per una crescita personale, intesa come proposta concreta alla
possibilità di integrazione, di convivenza comune e alla riduzione delle disuguaglianze sociali e culturali al fine di
vivere in armonia con se stesso e con gli altri. Da qui l'esigenza di programmare un quadro metodologico che rivisiti
l'educazione motoria in un rapporto che riguarda crescita, sviluppo e mantenimento delle funzioni motorie e sviluppo
di capacità emotive, cognitive di gioco e di relazione.


Obiettivo Finale
        Acquisire una consuetudine alla pratica motoria come base per il mantenimento di un buon stato di salute fisica
         e mentale, di un corretto rapporto con compagni e avversari, per l’acquisizione di rispetto delle regole.

Obiettivi Educativi
        Acquisire una corretta educazione al rispetto delle regole e dei ruoli nelle attività di gruppo.
        Migliorare le modalità di partecipazione ad una attività di gruppo.
        Migliorare le conoscenze della regolamentazione degli sport come base per un futuro corretto ruolo di tifoso,
         per il rispetto delle decisioni dei giudici durante le manifestazioni agonistiche.
        Acquisire la consapevolezza che solo un impegno continuo e intenso consente il raggiungimento degli obiettivi
         preposti.

Obiettivi Cognitivi
        Migliorare le proprie capacità fisiche e coordinative.
        Acquisire un migliore bagaglio tecnico degli sport trattati.
        Acquisire la capacità di dare il proprio contributo allo svolgimento di un gioco di squadra nel rispetto
         dell’organizzazione e del sistema di gioco della squadra (tattica di gioco).

Attività
Le attività sportive di gruppo e individuali sono visti in un’ottica di piacevole partecipazione del maggior numero
possibile di studenti, pur salvaguardando la dimensione agonistica dello sport.




                                                             88
        Gruppo sportivo: si prevedono quattro rientri pomeridiani. Il gruppo sportivo è inteso sia come conoscenza
         alla pratica sportiva, sia come attività preparatoria alla partecipazione ai giochi studenteschi che ogni anno
         vengono organizzati a livello provinciale. Sono coinvolte tutte le classi. Le discipline sportive scelte sono:
         pallavolo, basket, calcio, pallamano, orienteering, danza sportiva, badminthon, tennis, campestre e atletica
         leggera.


In orario curricolare oltre alle attività programmate dalle docenti saranno possibili:

        Partecipazione alle partite dei Campionati GSS gara d’istituto, partecipazione alla giornata dello sport, tornei
         di fine anno (festa dello sport d’Istituto).
        Partecipazioni a manifestazioni promosse dall’ Ufficio Scolastico Provinciale.
        Uscite in ambiente naturale (parco Allevi sito in Sannazzaro de’ Burgondi) per la pratica dell’orienteering e
         per la corsa campestre
        Tornei d’Istituto di basket, pallavolo , calcio e atletica leggera.



In orario extracurricolare:

        Avviamento alla pratica sportiva
        Allenamenti in preparazione ai campionati GSS
        Uscite per orienteering
        Uscite per corsa campestre
        Incontri con esperti (insegnanti di danza sportiva, esperto di judo)



PROGRAMMAZIONE IN DETTAGLIO DELLE SINGOLE FASI DEL PROGETTO


                                                       CAMPESTRE

Lo svolgimento della preparazione avverrà in parte a scuola nelle ore curriculari di insegnamento e in parte in orario
extracurricolare. Saranno coinvolti tutti gli alunni. Come ogni anno la fase d’Istituto si svolgerà a Pieve del Cairo in
data 26 ottobre in memoria di Fabio Baldini.


   ATTIVITÀ’          FASI          DOCENTI        GIORNO            PERIODO      CLASSI       DATE / GARE   SPAZI UTILIZZATI
                                                                                                                / USCITE
                                   COINVOLTI                         ATTIVITÀ   COINVOLTE



CAMPESTRE         TUTTE LE FASI      PROF.         GIOVEDI’/     DA OTTOBRE A     TUTTE            DA           AMBIENTE
                  PREVISTE DAI      GALLIZZI       MARTEDI’       DICEMBRE                    CALENDARIO        NATURALE
                                    DELUCHI                                                    UFF. DI ED.
                       GSS                        DALLE 14.00                                    FISICA
                                     DELBO’        ALLE 17.00




                                                                89
                                               GIOCHI DI SQUADRA

Lo svolgimento della preparazione avverrà nelle ore pomeridiane presso le palestre della Scuola secondaria di
primo grado di Mede.

L’offerta coinvolgerà tutti gli alunni.

La fase distrettuale e quella provinciale si svolgeranno presso scuole esterne come da calendario ufficiale dell’Ufficio
Provinciale di Ed.Fisica



  ATTIVITÀ’           FASI          DOCENTI      GIORNO            PERIODO       CLASSI     DATE / GARE    SPAZI UTILIZZATI
                                   COINVOLTI                       ATTIVITÀ    COINVOLTE                          /

   BASKET       FASE D’ISTITUTO      PROF.     MERCOLEDI’         22 OTTOBRE     TUTTE     DA CALENDARIO    PALESTRA SMS
    M/F             TORNEI          SCOLARO     VENERDI’          31 GENNAIO                 UFF. DI ED.        MEDE/
                     E GSS                     DALLE 14.00                                     FISICA        PALAZZETTO
                                                ALLE 17.00                                                  “U. FANTELLI”




   ATTIVITÀ’           FASI         DOCENTI     GIORNO            PERIODO        CLASSI     DATE / GARE    SPAZI UTILIZZATI
                                   COINVOLTI                      ATTIVITÀ     COINVOLTE                      / USCITE

  PALLAVOLO      FASE D’ISTITUTO     PROF.       GIOVEDI’           DA           TUTTE           DA          PALESTRA
     M/F          E TORNEO DI       GALLIZZI   DALLE 14.00        MARZO A                   CALENDARIO       SMS MEDE
                   FINE ANNO                    ALLE 17.00        GIUGNO                     UFF. DI ED.
                      E GSS                                                                    FISICA




   ATTIVITÀ’           FASI         DOCENTI     GIORNO            PERIODO        CLASSI     DATE / GARE    SPAZI UTILIZZATI
                                   COINVOLTI                      ATTIVITÀ     COINVOLTE                      / USCITE

 PALLAMANO              FASE         PROF.       LUNEDI’/            DA          TUTTE           DA         PALESTRA SMS
                    D’ISTITUTO      DELBO’/      GIOVEDI’         GENNAIO A                 CALENDARIO          MEDE
                       E GSS        GALLIZZI   DALLE 14.00        FEBBRAIO                   UFF. DI ED.
                                                ALLE 17.00                                     FISICA




                                               SPORT INDIVIDUALI

Lo svolgimento della preparazione avverrà nelle ore pomeridiane presso le palestre della scuola media di Mede.
L’offerta coinvolgerà tutti gli alunni

   ATTIVITÀ’           FASI         DOCENTI     GIORNO            PERIODO        CLASSI     DATE / GARE    SPAZI UTILIZZATI
                                   COINVOLTI                      ATTIVITÀ     COINVOLTE                      / USCITE

    TENNIS             GSS           PROF.       GIOVEDI’            DA          TUTTE           DA          PALESTRA
                                    GALLIZZI   DALLE 14.00        FEBBRAIO                  CALENDARIO       SMS MEDE
                                                ALLE 15.00         MARZO                     UFF. DI ED.
                                                                                               FISICA




                                                             90
   ATTIVITÀ           FASI           DOCENTI        GIORNO            PERIODO       CLASSI          DATE / GARE     SPAZI UTILIZZATI
                                    COINVOLTI                         ATTIVITÀ    COINVOLTE                            / USCITE

     JUDO              GSS            PROF.       MARTEDI’/               DA        TUTTE                DA           PALESTRA
                                     GALLIZZI       GIOVEDI’         NOVEMBRE                       CALENDARIO        SMS MEDE
                                                  DALLE 14.00        A DICEMBRE                      UFF. DI ED.
                                                   ALLE 16.00                                          FISICA




   ATTIVITÀ           FASI           DOCENTI        GIORNO            PERIODO       CLASSI          DATE / GARE     SPAZI UTILIZZATI
                                    COINVOLTI                         ATTIVITÀ    COINVOLTE                            / USCITE

 BADMINTON             GSS            PROF.         GIOVEDI’         DAL            TUTTE                DA           PALESTRA
                                     GALLIZZI     DALLE 16.00    MARZO APRILE                       CALENDARIO        SMS MEDE
                                                   ALLE 17.00                                        UFF. DI ED.
                                                                                                       FISICA




                                                      ORIENTEERING

Lo svolgimento della preparazione di orienteering avverrà in parte a scuola nelle ore curriculari di insegnamento e in
parte nelle ore pomeridiane. Saranno coinvolti tutti gli alunni. La fase d’Istituto, per tutte la classi si svolgerà in ore
extracurricolari, al parco “Allevi” di Sannazzaro de Burgondi.

La fase provinciale si svolgerà come da calendario ufficiale dell’Ufficio di Ed.fisica.

  ATTIVITÀ           FASI             DOCENTI       GIORNO           PERIODO        CLASSI         DATE / GARE     SPAZI UTILIZZATI
                                     COINVOLTI                       ATTIVITÀ     COINVOLTE
   ORIEN-         DISTRETTUA       PROF SCOLARO   MERCOLEDI’VE        MARZO         TUTTE               DA            CORTILE
   TEERIG         PROVICIALE                         NERDI’           APRILE                       CALENDARIO        PALESTRA
    M/F                                            DALLE 14.00                                      UFF. DI ED.    PARCO “ALLEVI”
                                                      ALLE                                            FISICA
                                                     17.00




                                                          ATLETICA

L’attività preparatoria avverrà in parte nelle ore curriculari e in parte nelle ore pomeridiane.

L’offerta coinvolgerà tutti gli alunni. Oltre alla partecipazione ai GSS per le classi seconde e terze è stata prevista una
fase d’Istituto dedicata alle classi prime di tutti i plessi presso la sede centrale di Mede.

   ATTIVITÀ           FASI           DOCENTI       GIORNO             PERIODO       CLASSI          DATE / GARE    SPAZI UTILIZZATI
                                    COINVOLTI                         ATTIVITÀ    COINVOLTE
  ATLETICA        TUTTE LE FASI       DELBÒ/       MARTEDI’          DA MARZO       TUTTE               DA             PALESTRA
    M/F              DEI GSS         GALLIZZI/     /GIOVEDI’         A MAGGIO                      CALENDARIO           CORTILE
                    GORNATA          DELUCHI      DALLE 14.00                                       UFF. DI ED.
                 DELL’ATLETICA A                   ALLE 17.00                                         FISICA
                     SCUOLA




                                                                91
                                                    DANZA SPORTIVA

Lo svolgimento della preparazione avverrà nelle ore pomeridiane presso la palestra della Scuola Secondaria di
secondo grado di Mede.

L’offerta coinvolgerà tutti gli alunni. Esibizione delle coreografie al saggio finale.



   ATTIVITÀ           FASI          DOCENTI        GIORNO            PERIODO       CLASSI    DATE / GARE   SPAZI UTILIZZATI
                                   COINVOLTI                         ATTIVITÀ    COINVOLTE                    / USCITE

DANZA SPORTIVA    SAGGIO FINALE     PROF.       LUNEDI’             DA MARZO A      TUTTE     7 GIUGNO      PALESTRA SMS
                                    DELBO’       DALLE 14.00         MAGGIO                                     MEDE
                                                  ALLE 16.00                                               PALAZZETTO “U.
                                                                                                              FANTELLI”


Mede, 06/10/2010
                                                                                              Responsabile del Progetto
                                                                                                  Gallizzi Carmela




                                                               92
                                        VIII CONCORSO NAZIONALE DI FIABA


La classe 3°A dell’I.C. “Massazza”, sezione di Mede, con il supporto dell’insegnante di lettere, prof.ssa Percivaldi
Anastasia, partecipa all’VIII concorso nazionale di fiaba Premio letterario “Città di Mede” 2010/2011, organizzato dal
Centro Culturale “Amisani”, dal Comune di Mede, con il patrocinio della Provincia di Pavia. Riservato ai ragazzi di età
compresa fra i sette e i quindici anni, è organizzato in due sezioni: - sezione A dai 7 agli 11 anni e – sezione B dai 12 ai
15 anni, sezione nella quale rientrano gli allievi di terza. Il concorso prevede quanto segue:

        Fiaba o racconto inediti in lingua italiana che non superi due pagine dattiloscritte (non più di 40 righe per
         pagina).
        E’ possibile inviare due fiabe in due copie: una con scritto sez.A o sez.B e l’altra in busta chiusa con generalità,
         indirizzo, email, telefono, firma dell’autore. Si richiede l’autorizzazione firmata dei genitori. (Vedi allegato).
        La partecipazione è gratuita.
        Le fiabe premiate saranno illustrate dal “gruppo pittori” del Centro “Amisani”.
        Le fiabe dovranno pervenire entro il 15 gennaio 2011 (farà fede il timbro postale) all’indirizzo: “Premio Fiaba”
         Centro Culturale “Amisani” Mede c/o Biblioteca Comunale, piazza Repubblica 27035 Mede (PV).
        Saranno premiati i primi tre classificati delle due sezioni con l’illustrazione originale della loro fiaba e
         materiale librario o didattico.
        Gli enti promotori si riservano il diritto di pubblicare le fiabe in volume, su riviste, settimanali, quotidiani
         locali e sul sito www.centroamisani.it.
        L’esito del Premio verrà comunicato personalmente ai vincitori, verrà reso noto a mezzo stampa e sul sito
         sopra riportato.
        I vincitori dovranno ritirare il Premio personalmente durante la cerimonia di domenica 8 maggio 2011 alle 10
         nella sala verde del Castello Sangiuliani, in piazza Repubblica.
        Qualora i vincitori fossero impossibilitati a partecipare, per non perdere il diritto al Premio sarà necessario
         delegare (in forma scritta e firmata) una persona al ritiro.




    AUTORIZZAZIONE
                                                                                                           Alla segreteria
                                                                                        Del Centro Culturale “G.Amisani”
                                                                                                 -Premio Nazionale Fiaba
                                                                                              “Città di Mede” 2010/2011
                                                                                                    Mede Lomellina (PV)

    Il sottoscritto …………………………. nato a ……………………….. il ………………………. residente a
    …………….           Via ……………………….      N. ……….Tel.   ……………………..     E-mail
    ……………………….genitore di ………………………..nato a ……………………..il ……………………………

            AUTORIZZO mio figlio a partecipare al CONCORSO NAZIONALE “FIABA” 2010/2011 bandito dal
             Centro Culturale “G. Amisani” in collaborazione con la Biblioteca Comunlae “Masinari” di Mede
             Lomellina (PV)
            Dichiaro di aver preso visoine delle condizioni del concorso e di accettarle “in toto”
            Ai sensi della legge del D.Lgs 196/2003 autorizzo l’ultilizzo dei dati personali del minore esclusivamente
             per le finalità legate al concorso sopra nominato.

         Data……………………

         Firma del genitore ………………………………




                                                            93
                                  DAL PENNELLO AI PIXEL: I RITRATTI NELLA STORIA


Destinatari
         Alunni della classe 3°A della sezione di Lomello

Finalità
              Ogni epoca conserva differenti modalità e tecniche per la realizzazione di ritratti. La lezione laboratorio si
               propone, attraverso la presentazione di ritratti dell’arte europea, di presentare agli alunni le caratteristiche
               più significative di questo soggetto d’arte dal I sec. D. C. ai giorni nostri.

Contenuti
              Seguirà un’esercitazione pratica in cui i ragazzi si cimenteranno nella lettura individuale di un ritratto e, in
               conclusione, si cimenteranno con la realizzazione di un ritratto alla Picasso.

Obiettivi
              Aumentare le conoscenze personali di ogni alunno
              Arricchire il lessico dei ragazzi, con termini specialistici
              Avvicinare gli alunni in modo creativo e originale ad argomenti di storia dell’arte
              Stimolare lo spirito d’osservazione
              Avvicinarli alla lettura di un’opera d’arte
              Favorire opportunità di espressione individuale

Materiali occorrenti per ogni alunno
        Astuccio
        Pennarelli
        Tempere

Materiale per la classe
        Giornali vecchi

Durata
         3 ore
A disposizione dell’operatore dovrà essere messa una parete della classe per la proiezione del power point e un
appoggio per pc e videoproiettore. A ogni alunno sarà consegnata la scheda per la lettura di un’opera d’arte e un
questionario per la verifica dei contenuti presentati. Tutto il materiale rimarrà alla classe.
L’insegnante dovrà compilare e restituire quanto prima la scheda di prevalutazione della classe in allegato, al fine di
una corretta gestione de laboratorio e dovrà prevedere, preventivamente all’incontro, di individuare le copiie di ragazzi
che lavoreranno in coppia durante il laboratorio pittorico. Tutti gli alunni anche eventuali pdh saranno coinvolti nel
lavoro.

Collaborazione con esterni
        Dott.ssa Valeria Cechetto




                                                              94
Scuola secondaria
    di I grado
      Mede

     P.O.F.


        95
                                         PREMESSA

Attività facoltative


   Si organizzeranno interventi di recupero e approfondimento rivolti agli alunni delle diverse classi;


   verranno organizzati dei corsi di informatica extracurriculari (resta inteso che i corsi verranno
    realizzati solo se il numero dei partecipanti sarà di almeno 10 alunni);


   laboratori artistici per le classi seconde e terze;




Uno sportello ascolto, inserito all’interno del “Progetto Intreccio” (Comune di Mede e Comune di
Vigevano), aiuterà i docenti, a comprendere e a gestire meglio i casi problematici, e gli alunni, a stare
meglio con se stessi e con gli altri; per le classi terze è prevista anche un’attività di orientamento.




                                                          96
GIORNI   ORE    1^A       2^A       3^A       1^B       2^B       3^B       1^C       2^C       3^C       2^D        3^D
                                   Matem     Franc                         Inglese             Musica    Lettere   Lettere
LUN       1    Tecnol    Lettere                        Arte     Matem               Matem

                         Lettere             Matem      Arte     Musica    Inglese
          2    Franc               Matem                                             Matem     Tecnol    Lettere    Lettere

                          Arte     Lettere             Tecnol    Lettere   Matem               Franc     Inglese   Lettere
          3    Matem                         Matem                                   Musica

               Matem                         Musica    Matem     Lettere   Lettere    Arte     Matem     Inglese   Matem
          4              Tecnol    Franc

               Musica    Matem     Lettere             Matem                          Arte     Matem     Lettere   Matem
          5                                  Tecnol              Franc     Lettere

               Lettere             Lettere   Lettere                                 Lettere    Arte     Matem      Inglese
MAR       1              Franc                         Inglese   Lettere   Musica

               Lettere             Lettere   Lettere             Lettere             Lettere    Arte     Matem      Inglese
          2              Musica                        Inglese             Sc.mot

               Matem     Lettere   Musica    Inglese   Franc                         Inglese   Lettere   Franc     Lettere
          3                                                       Arte     Matem

               Matem     Cittad    Sc.mot              Lettere    Arte               Franc     Inglese   Franc      Tecnol
          4                                  Matem                         Lettere

               Cittad              Tecnol              Lettere                       Matem     Inglese    Arte      Franc
          5              Matem               Sc.mot              Matem     Lettere

               Lettere   Tecnol                                  Lettere   Lettere   Lettere
MER       1                        Sc.mot    Lettere   Matem                                   Matem      Arte      Matem

               Lettere    Arte     Matem                         Lettere   Lettere   Lettere   Matem     Tecnol    Musica
          2                                  Lettere   Matem

                                   Inglese   Matem     Lettere   Lettere             Tecnol    Sc.mot    Musica    Lettere
          3    Matem     Lettere                                            Arte

                Arte                         Lettere   Musica    Tecnol              Matem     Lettere   Matem      Sc.mot
          4               Relig    Inglese                                 Lettere

               Inglese                                                                         Lettere   Matem       Arte
          5              Lettere   Musica    Tecnol    Lettere   Sc.mot    Matem     Relig

                         Matem     Franc     Inglese              Relig    Matem     Tecnol
GIO       1    Sc.mot                                  Musica                                  Lettere   Lettere    Lettere

                         Matem      Relig    Cittad              Franc               Matem     Lettere   Lettere   Lettere
          2    Musica                                  Sc.mot              Tecnol

                                   Matem     Musica              Lettere             Lettere   Matem     Sc.mot     Tecnol
          3    Lettere   Inglese                       Relig               Franc

               Franc               Tecnol     Relig                        Lettere   Sc.mot    Matem     Matem     Matem
          4              Inglese                       Cittad    Lettere

                Relig                        Franc     Tecnol              Lettere             Cittad    Lettere   Matem
          5              Sc. mot   Matem                         Inglese             Lettere

               Inglese             Matem     Lettere   Franc     Matem      Relig    Matem     Sc.mot    Tecnol    Lettere
VEN       1              Lettere

               Tecnol    Lettere   Inglese   Lettere   Matem     Lettere   Matem     Sc.mot     Relig    Matem     Lettere
          2

               Lettere   Matem     Lettere   Matem     Inglese   Sc.mot                        Tecnol    Lettere   Lettere
          3                                                                Matem     Lettere

                         Sc.mot    Cittad     Arte     Lettere             Tecnol    Inglese   Lettere   Lettere    Inglese
          4    Matem                                             Matem

                         Matem                Arte     Lettere   Tecnol              Inglese   Lettere   Lettere    Franc
          5    Lettere             Lettere                                 Sc.mot

               Inglese              Arte     Sc.mot    Lettere   Matem               Lettere
SAB       1              Lettere                                           Musica              Franc     Cittad    Musica

               Lettere              Arte               Lettere   Matem     Inglese   Lettere
          2              Lettere             Inglese                                           Musica    Musica     Sc.mot

                         Musica    Lettere   Lettere   Matem     Inglese   Franc     Cittad    Lettere
          3    Sc.mot                                                                                    Inglese     Arte

                Arte     Franc               Matem               Inglese             Musica    Lettere   Sc.mot      Relig
          4                        Lettere             Lettere             Cittad

                         Inglese             Lettere             Musica     Arte
          5    Lettere             Lettere             Sc.mot                        Franc     Inglese   Relig      Matem




                                                         97
                                   “IL COMPUTER UN AMICO PER LA VITA”

Docente responsabile
        Salvatore Barbara

Destinatari
         Alunni delle classi prime della sede di Mede

Finalità
              Guidare a un processo di alfabetizzazione dello strumento, spendibile per il conseguimento della Patente
               europea di guida al computer
              Far acquisire un corretto rapporto con lo strumento informatico
              Integrare alunni in difficoltà
              Sviluppare la creatività, la precisione, e la capacità di formulare progetti e portarli a termine

Discipline coinvolte
         Matematica, Italiano, Tecnologia, Arte e Immagine

Obiettivi
              Comprendere i concetti fondamentali riguardanti le tecnologie dell’informazione e della comunicazione
              Descrivere la struttura e il funzionamento di un PC e saperne individuare gli elementi
              Muoversi in un sistema operativo a interfaccia grafica (MS Windows)
              Saper utilizzare il sistema MS WORD (formattare e gestire un testo scritto)
              Conoscere i fondamenti e gli ambiti applicativi del programma MS EXCEL (risolvere semplici operazioni
               numeriche e utilizzare i grafici per rappresentare una semplice base dati)
              Conoscere le principali funzioni del programma Cabrì
              Saper utilizzare le funzionalità di base di MS POWERPOINT per realizzare presentazioni in cui verranno
               inseriti testi, immagini, grafici ed effetti speciali (animazioni)
              Usare in modo conscio Internet e la posta elettronica

Contenuti
              Illustrazione dei concetti teorici di base riguardanti le tecnologie della informazione e della comunicazione
              Introduzione all’uso del computer e alla gestione di un file
              Presentazione di MS WORD: programma di videoscrittura per l’elaborazione dei testi
              Il foglio elettronico: presentazione di MS EXCEL, programma specifico per risolvere problemi
               matematici, inserire dati, elaborarli e trasformarli in grafici
              Introduzione all’uso CABRI’ : programma didattico di geometria che facilita la comprensione e
               l’assimilazione di concetti fondamentali legati alla materia attraverso la costruzione, la deformazione e la
               manipolazione di vari enti geometrici
              Illustrazione di MS POWERPOINT: programma specifico per la realizzazione di presentazioni
               multimediali
              Guida a un utilizzo consapevole di INTERNET e della posta elettronica

Tempi di attuazione
       22 ore in orario extracurriculare

Metodologia:
      Lezioni frontali e uso di software dimostrativo per la parte teorica
              Esercitazioni guidate in itinere
              Esercitazioni graduate, finalizzate al consolidamento delle competenze

Materiali e strumenti:
       Schede per lo svolgimento delle esercitazioni
       Programmi specifici per le presentazioni e per la comunicazione


                                                             98
              Pacchetti tipo Office
              Pacchetti matematici (Cabrì Geomètre)
              Una connessione veloce a Internet
              Laboratorio di informatica (PC, stampanti, videoproiettore)

Eventuali materiali prodotti:
I lavori prodotti dagli alunni saranno memorizzati in una cartella che sarà conservata nel database della scuola.

Strumenti di verifica e valutazione
      Test a risposta multipla contenente dei distrattori per valutare in modo oggettivo le competenze acquisite
      Verifiche pratiche da svolgere al PC
      Scheda di autovalutazione finale e di gradimento del corso

Costi previsti:
         22 ore di insegnamento per il docente
         Euro 70,00 per materiale di consumo




           LABORATORIO DI MATEMATICA: IMPARARE LA GEOMETRIA CON LE NUOVE
                               TECNOLOGIE DIDATTICHE


Docente responsabile
        Mirabile Celestina

Destinatari
         Alunni delle classi 1^A e 2^A

Finalità
               Impostare un’attività che consenta a tutti gli alunni di fruire delle nuove tecnologie in uso nella società
               Far acquisire un corretto rapporto con lo strumento informatico
               Integrare alunni in difficoltà
               Sviluppare la capacità attentiva, la precisione, la capacità di formulare progetti e di portarli a termine

Discipline coinvolte
               Matematica e informatica

Obiettivi
               Studiare la geometria con l’aiuto del computer
               Costruire le figure geometriche del piano con Cabrì
               Studiare le relazioni tra gli enti che si disegneranno

Contenuti
               Angoli e loro misura
               Angoli e rotazione
               Rette parallele e rette incidenti
               Triangoli
               Quadrilateri
               Circonferenza

Tempi di attuazione
       Pacchetto di cinque ore in orario extracurriculare




                                                               99
Attività
               Saper costruire con Cabrì angoli, rette parallele e incidenti, triangoli
               Saper costruire con Cabrì quadrilateri e circonferenze

Metodologia
      Esercitazioni guidate e individuali, lavori di gruppo

Materiali e strumenti
       Strumenti informatici del laboratorio
       Software didattici
       Dispense fornite dal docente

Eventuali materiali prodotti
        Figure geometriche ispirate agli oggetti della vita quotidiana

Strumenti di verifica e valutazione
      Valutazione della partecipazione e dell’interesse dimostrati
      Prove di valutazione sull'utilizzo dei software presentati
      Valutazione del materiale prodotto

Costi previsti
         5 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta
         5 ore di non insegnamento per l’insegnante coinvolta

Supporto personale ATA : 2 ore




                     IL LATTE: UN BENE PREZIOSO DETTO ANCHE “ORO BIANCO”

Docente responsabile
        Mirabile Celestina

Destinatari
         Alunni delle classi 1^A, 2^A e 2^D

Finalità
               Condurre i ragazzi verso il consumo di un alimento basilare

Discipline coinvolte
              Scienze

Obiettivi
              Comprendere che il latte è essenziale per lo sviluppo di ossa, denti, muscolatura nell’età evolutiva
              Comprendere che in età adulta il latte è necessario per il benessere dell’organismo

Contenuti
              Trattamenti, scadenze, microfiltratura, tipologie

Tempi di attuazione
              5 ore di non insegnamento



                                                               100
Attività
              Discussione guidata

Metodologia
              Lettura di vari testi, articoli vari, discussione guidata

Materiali e strumenti
       Dispense fornite dall’insegnante

Eventuali materiali prodotti
        Cartelloni

Strumenti di verifica e valutazione
      Valutazione della partecipazione e dell’interesse dimostrati

Costi previsti
         5 ore di non insegnamento per l’insegnante coinvolta




                                        “LA STORIA …. VISTA DA VICINO”


Docente responsabile
         Calvi Silva

Discipline coinvolte
          Storia

Destinatari
         Alunni della classe 1^ B

Finalità
              Avvicinarsi alle fonti scritte e a quelle iconografiche per capire “dal vero” i fatti, gli eventi e i fenomeni
               storici

Obiettivi
              Leggere, comprendere e classificare i documenti (scritti, materiali, visivi)
              Selezionare dati e informazioni ricavati dalla consultazione dei documenti
              Riflettere su fatti e fenomeni lontani nel tempo
              Conoscere la personalità di grandi uomini nella storia della civiltà antica

Contenuti
              Documenti concernenti biografie di uomini illustri, descrizioni di eventi e fenomeni
              Documenti sulla vita quotidiana e sulla società del periodo scelto

Metodologia
        Presentazione del documento (fonte)
        Analisi dell’insegnante
        Domande e lavoro su quanto presentato




                                                               101
Attività
              Lettura, comprensione, analisi
              Individuazione dei dati
              Studio di quadri, affreschi, disegni, fotografie
              Visione dei documenti

Tempi di attuazione
        Attività extracurriculare, nel corso del pomeriggio

Mezzi e strumenti
         Libro di testo, fotocopie, materiale audiovisivo fornito dall’insegnante

Strumenti di verifica e di valutazione
        Verifiche in itinere
        Valutazione finale sull’analisi di un documento mai consultato

Costi previsti
         7 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                                            LE IMMAGINI DELLA STORIA


Docente responsabile
         Poles Eugenio

Discipline coinvolte
          Storia

Destinatari
         Alunni della classe 3^B

Finalità
              Arricchire con immagini lo studio degli argomenti storici

Obiettivi
              Approfondire la conoscenza della storia del XX secolo

Contenuti
              La storia d’Italia dal 1900 al 1960
              La Prima Guerra mondiale
              La Rivoluzione sovietica
              Il Fascismo
              Il Nazismo
              La crisi del 1929
              La Seconda Guerra mondiale
              Il dopoguerra
              La Guerra Fredda
              Il boom economico

Metodologia
        Utilizzo di audiovisivi strutturati (ED. BBC)



                                                             102
Attività
              Visione e commento di videocassette introdotte e commentate dal docente

Tempi e organizzazione delle attività
         Novembre – aprile

Mezzi e strumenti
         Libro di testo, videocassette, due film su aspetti storici connessi

Strumenti di verifica e di valutazione
        Colloqui

Collaborazione con soggetti esterni
              Biblioteca

Costi previsti
         14 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolto

Supporto personale
              Collaboratori scolastici per predisporre aula audiovisivi




                                     LEGGERE E SCRIVERE IL GIORNALE

Docente responsabile
         Percivaldi Anastasia

Discipline coinvolte
          Italiano

Destinatari
              Alunni della classe 2^A

Finalità
              Imparare a leggere criticamente il giornale

Obiettivi
              Imparare che cos’è un quotidiano
              Conoscere le caratteristiche tecniche e linguistiche
              Conoscere i compiti di un giornalista

Contenuti
              Storia del giornale
              I diversi tipi di quotidiano
              La struttura di un quotidiano
              Le tecniche

Metodologia
        Lezioni frontali e guidate
        Discussioni e confronti




                                                             103
Attività
              Studio dei contenuti
              Applicazione pratica
              Confronti tra quotidiani
              Composizione di alcuni articoli

Tempi e organizzazione delle attività
         Febbraio - marzo: 12 ore

Mezzi e strumenti
         Dispensa fornita dall’insegnante

Strumenti di verifica e di valutazione
        Controllo sistematico del lavoro svolto

Costi previsti
         12 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta



                     DAI GIOCHI DI PAROLE ALLA POESIA (APPROFONDIMENTO)


Docente responsabile
          Zelaschi Wilma
Discipline coinvolte
          Italiano

Destinatari
         Alunni della classe 2^C

Finalità
              Avvicinare, in modo piacevole, i giovani alla poesia

Obiettivi
              Scoprire i “misteri” della lingua, imparando simboli nuovi e arricchendo il lessico
              Sviluppare la creatività
              Capire chi è il poeta e cos’è la poesia
              Imparare a leggere a voce alta, in modo espressivo ed in silenzio una poesia per ascoltare le emozioni che
               trasmette
              Comprendere il linguaggio poetico

Contenuti
              Giochi di parole (metagramma, scarto, logogrifo, calligramma)
              La poesia e il suo contenuto
              Le figure retoriche
              La parafrasi

Metodologia
              Lezione frontale
              Ascolto
              Lettura attiva
              Lavoro individuale



                                                           104
Tempi e organizzazione delle attività
         A partire da novembre per un totale di 16 ore

Attività
              Risoluzione di giochi di parole
              Prove di lettura
              Questionari di comprensione
              Parafrasi

Mezzi e strumenti
         Antologia in adozione, altri testi, CD

Strumenti di verifica e valutazione
        Prove di lettura
        Esercizi vari

Costi previsti
         16 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta
         Euro 5,00 per materiale di consumo




                                  RECUPERO DI MATEMATICA CLASSI PRIME


Docente responsabile
         Mirabile Celestina

Discipline coinvolte
          Matematica

Destinatari
         Alunni delle classi 1^A e 1^B

Finalità
              Offrire a ciascun alunno opportunità formative adeguate alle sue possibilità
              Recuperare le abilità di base

Obiettivi
              Conoscere i fondamentali concetti geometrici e aritmetici
              Applicare semplici regole in situazioni note
              Risolvere semplici problemi geometrici ed espressioni

Contenuti
              Operazioni ed espressioni con i numeri naturali
              Semplici problemi di geometria con le figure piane

Metodologia
              A carattere operativo con percorsi semplificati
              Controllo sistematico e individualizzato del lavoro




                                                            105
Tempi e organizzazione delle attività
         Novembre - dicembre: 6 ore
         Febbraio – marzo: 6 ore. Totale: 12 ore

Attività
              Graduate

Mezzi e strumenti
         Testi facili, materiale a disposizione della scuola, situazioni reali

Strumenti di verifica e valutazione
        Esercizi orali e scritti

Costi previsti
         12 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta


                              RECUPERO DI MATEMATICA CLASSI SECONDE


Docente responsabile
         Mirabile Celestina

Discipline coinvolte
          Matematica

Destinatari
         Alunni delle classi 2^A e 2^D

Finalità
              Offrire a ciascun alunno opportunità formative adeguate alle sue possibilità
              Recuperare le abilità di base
Obiettivi
              Conoscere i fondamentali concetti geometrici e aritmetici
              Applicare semplici regole in situazioni note
              Risolvere semplici problemi geometrici ed espressioni

Contenuti
              Operazioni ed espressioni con i numeri razionali
              Semplici problemi di geometria con le figure piane
              Applicazione del Teorema di Pitagora e risoluzione di semplici problemi

Metodologia
              A carattere operativo con percorsi semplificati
              Controllo sistematico e individualizzato del lavoro

Tempi e organizzazione delle attività
         Novembre - dicembre: 6 ore
         Febbraio - marzo: 6 ore. Totale: 12 ore

Attività
              Graduate



                                                            106
Mezzi e strumenti
         Testi facili, materiale a disposizione della scuola, situazioni reali

Strumenti di verifica e valutazione
        esercizi orali e scritti

Costi previsti
         12 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                                     RECUPERO DI MATEMATICA CLASSI TERZE


Docente responsabile
         Gatti Antonella

Discipline coinvolte
          Matematica

Destinatari
         Alunni delle classi 3^D e 3^C

Finalità
              Recupero e consolidamento dei concetti e delle abilità relative agli argomenti svolti in preparazione
               all’Esame di Stato

Obiettivi
              Recupero per gruppi di alunni che presentano lacune nella preparazione di base

Contenuti
              Numeri relativi
              Calcolo algebrico e letterale
              Equazioni
              Semplici problemi di geometria solida

Metodologia
              Lezioni frontali
              Lavoro individuale e di gruppo
              Correzione collettiva e individuale

Tempi e organizzazione delle attività
         Marzo - aprile: 12 ore

Attività
              Esercizi graduati per gruppi di alunni

Mezzi e strumenti
         Libri in adozione, altri testi di matematica, eserciziari, fotocopie, CD

Strumenti di verifica e valutazione
        Esercizi sui quaderni da verificare in itinere


                                                          107
Costi previsti
         12 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta
         Euro 10,00 per materiale di consumo




                                                 AVVIO AL LATINO

Docente responsabile
              Gamalerio Maria Luisa

Destinatari
         Alunni delle classi terze

Finalità
              Fornire agli allievi le prime conoscenze e un primo approccio con il latino

Obiettivi
              Conoscere e approfondire l’analisi logica
              Conoscere i casi e le declinazioni
              Conoscere i verbi
              Insegnare a tradurre

Discipline coinvolte
        Italiano

Contenuti
       Casi, declinazioni, verbi latini

Metodologia
        Lezioni frontali
        Esercizi

Attività
              Esercitazioni

Tempi
              Febbraio - marzo

Mezzi e strumenti
         Libro di testo

Strumenti di verifica e valutazione
        Verifiche scritte

Costi
              16 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta
              2 ore di non insegnamento




                                                            108
                               POTENZIAMENTO SCIENTIFICO CLASSI PRIME


Docente responsabile
         Meschini Milena

Discipline coinvolte
          Matematica

Finalità
              Approfondire gli argomenti proposti nel corso dell’anno
              Ampliare le conoscenze degli alunni più dotati

Destinatari
         Alunni delle classi 1^A e 1^B

Obiettivi
              Potenziare le tecniche di calcolo
              Accrescere le capacità sia intuitive che logiche
              Individuare ed applicare regole in ambiti diversi

Contenuti
              Sistema di numerazione binario

Metodologia
        Lezione frontale
        Metodo induttivo
        Metodo deduttivo
        Controllo sistematico ed individualizzato del lavoro svolto

Attività
              Esercizi di base: esercizi graduati in ordine di difficoltà crescente
              Esercizi vari: esercizi più impegnativi e volutamente non graduati in ordine di difficoltà crescente

Tempi di attuazione
        Febbraio - marzo: 4 ore

Mezzi e strumenti
         Testo in adozione, eserciziari

Strumenti di verifica e di valutazione
        Esercizi orali e scritti

Costi previsti
         4 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                            POTENZIAMENTO SCIENTIFICO CLASSI SECONDE


Docente responsabile
         Meschini Milena




                                                            109
Discipline coinvolte
          Matematica

Finalità
              Approfondire gli argomenti proposti nel corso dell’anno
              Ampliare le conoscenze degli alunni più dotati

Destinatari
         Alunni delle classi 2^A e 2^B

Obiettivi
              Potenziare le tecniche di calcolo
              Accrescere le capacità sia intuitive che logiche
              Individuare ed applicare regole in ambiti diversi

Contenuti
              Estrazione di radice
              Logaritmo
              Numeri irrazionali

Metodologia
        Lezione frontale
        Metodo induttivo
        Metodo deduttivo
        Controllo sistematico ed individualizzato del lavoro svolto

Attività
              Esercizi di base: esercizi graduati in ordine di difficoltà crescente
              Esercizi vari: esercizi più impegnativi e volutamente non graduati in ordine di difficoltà crescente

Tempi di attuazione
        Gennaio - febbraio: 4 ore

Mezzi e strumenti
         Testo in adozione, altri testi, eserciziari

Strumenti di verifica e di valutazione
        Esercizi orali e scritti

Costi previsti
         4 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta



                              POTENZIAMENTO SCIENTIFICO CLASSI TERZE


Docente responsabile
         Meschini Milena

Discipline coinvolte
          Matematica

Finalità
              Approfondire gli argomenti proposti nel corso dell’anno
              Ampliare le conoscenze degli alunni più dotati


                                                            110
Destinatari
         Alunni delle classi 3^A e 3^B

Obiettivi
              Potenziare le tecniche di calcolo algebrico
              Accrescere le capacità sia intuitive che logiche
              Individuare ed applicare regole in ambiti diversi

Contenuti
              Prodotti notevoli
              Divisione di polinomi
              M.C.D. e m.c.m. di due o più monomi

Metodologia
        Lezione frontale
        Metodo induttivo
        Metodo deduttivo
        Controllo sistematico ed individualizzato del lavoro svolto

Attività
              Esercizi di base: esercizi graduati in ordine di difficoltà crescente
              Esercizi vari: esercizi più impegnativi e volutamente non graduati in ordine di difficoltà crescente

Tempi di attuazione
        Marzo – aprile: 6 ore

Mezzi e strumenti
         Testi per il biennio delle scuole secondarie di secondo grado: primo volume, eserciziari

Strumenti di verifica e di valutazione
        Esercizi orali e scritti

Costi previsti
         6 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                                                CERTIFICAZIONE KET


Docente responsabile
         Rosa Giovanna (referente)

Discipline coinvolte
         Lingua inglese

Finalità
     Motivare e perfezionare l’apprendimento della lingua inglese gestendo situazioni quotidiane a livello scritto e
         orale
     Ottenimento del certificato “Ket” rilasciato dall’Università di Cambridge

Destinatari
         Alunni delle classi terze di tutto l’Istituto, individuati dai docenti



                                                            111
Obiettivi
              Certificazione delle competenze in L2, con riferimento al livello A2 del QCER per le lingue del Consiglio
               d’Europa

Contenuti
        Strutture linguistiche e comunicative in L2 relative a semplici domande e istruzioni atte a          esprimere
       brevi opinioni, bisogni e informazioni personali

Metodologia
        Conversazione in lingua con docente di lingua madre ed esercizi appositamente ideati per il superamento
       dell’esame

Attività
              Ascolto, produzione orale, lettura e comprensione scritta

Tempi di attuazione
        II quadrimestre, entro la metà del mese di maggio

Mezzi e strumenti
         Registrazioni audio, conversazioni e lavoro su testi

Eventuali materiali prodotti
              Prove scritte d’esame finali

Strumenti di verifica e di valutazione
        Screening finale effettuato dall’Università di Cambridge e rilascio di certificazione

Collaborazione con soggetti esterni
         Docente di madrelingua ed équipe della Cambridge University

Costi previsti
         20 ore di insegnamento (10 per ogni insegnante coinvolta)
         9 ore di non insegnamento




                                EDUCAZIONE AL PIACERE DELLA LETTURA


Docente responsabile
         Zelaschi Wilma

Discipline coinvolte
          Italiano

Destinatari
         Tutti gli alunni della sede di Mede

Finalità
              Avviare i giovani al piacere della lettura, perché acquisiscano contenuti, imparino a riflettere,
               potenzino l’immaginazione e trovino dentro di sé il gusto profondo per la lettura, non solo come
               obbligo scolastico, ma come abitudine di vita
              Offrire riflessioni sui problemi della società e sui comportamenti individuali




                                                           112
Obiettivi
              Sviluppare la capacità di leggere
              Stimolare il gusto della lettura come piacere personale
              Potenziare la creatività e la fantasia
              Offrire riflessioni sui problemi della società e sui comportamenti individuali

Contenuti
              Testi narrativi di vario genere

Metodologia
        Esercizi di lettura a casa e a scuola
        Visite programmate in biblioteca
        Approfondimento di tematiche ricavate da un testo

Attività
                       A gennaio, per l’anniversario della Shoah, è prevista una mostra su Terezin
                       Sono previsti incontri e attività di promozione della lettura

Tempi e organizzazione delle attività
         Intero anno scolastico

Mezzi e strumenti
         schede di lettura, audiovisivi / Biblioteca comunale

Strumenti di verifica e di valutazione
        questionari, relazioni orali / scritte

Collaborazione con Soggetti esterni
         Biblioteca comunale di Mede, scrittori, attori

Costi previsti
         10 ore di non insegnamento per l’insegnante coinvolta
         Euro 20,00 per materiale di consumo: cinque risme di carta, toner o qualche cartuccia stampante




                                   LA PITTURA AD OLIO ED ACQUARELLO


Docente responsabile
         Tavano Luisa

Discipline coinvolte
          Arte e immagine

Destinatari
         Alunni delle classi seconde e terze

Finalità
              Conoscere nuove tecniche espressive

Obiettivi
              Ampliare le proprie conoscenze nel campo dell’arte




                                                            113
Contenuti
              Realizzazione di disegni preparatori
              Realizzazione di elaborati con le nuove tecniche

Metodologia
        Esercitazioni preliminari
        Preparazione dei supporti
        Colorazione

Attività
              Realizzazione di attività grafiche e coloristiche

Tempi e organizzazione delle attività
         Secondo quadrimestre

Mezzi e strumenti
         Cartoncini telati
         Carte da acquarello
         Colori ad olio, acquarelli e pennelli

Materiali prodotti
         Elaborati pittorici

Strumenti di verifica e di valutazione
        Valutazione dell’elaborato prodotto

Costi previsti
         20 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta
         4 ore di non insegnamento per l’insegnante coinvolta
         Euro 100,00 per materiale di consumo




                                   RECUPERO DI INGLESE (CLASSE TERZA)


Docente responsabile
         Mazzarello Cesarina

Discipline coinvolte
              Inglese

Destinatari
         Alunni della classe 3^ D

Finalità
              Recupero e consolidamento delle conoscenze della lingua inglese

Obiettivi
              Acquisizione di un metodo personale di lavoro
              Saper interagire in semplici situazioni
              Saper utilizzare in modo appropriato le principali strutture grammaticali e funzionali




                                                             114
Contenuti
              Uso delle strutture e delle funzioni linguistiche
              Esercizi orali e scritti di differente tipologia

Metodologia
        Pair work
        Lezione frontale
        Studio guidato

Tempi e organizzazione delle attività
         Marzo – aprile: 12 ore

Mezzi e strumenti
         CD rom, CD player, fotocopie

Strumenti di verifica e valutazione
        Verifica finale orale e scritta

Costi previsti
         12 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                                 RECUPERO DI FRANCESE (CLASSE TERZA)


Docente responsabile
         Mazzarello Cesarina

Discipline coinvolte
              Francese

Destinatari
         Alunni della classe 3^ D

Finalità
              Recupero e consolidamento delle conoscenze della lingua francese

Obiettivi
              Acquisizione di un metodo personale di lavoro
              Saper interagire in semplici situazioni
              Saper utilizzare in modo appropriato le principali strutture grammaticali e funzionali

Contenuti
              Uso delle strutture e delle funzioni linguistiche
              Esercizi orali e scritti di differente tipologia

Metodologia
        Jeu de role
        Lezione frontale
        Studio guidato

Tempi e organizzazione delle attività
         Gennaio - febbraio: 12 ore



                                                             115
Mezzi e strumenti
         CD rom, CD player, fotocopie

Strumenti di verifica e valutazione
        Verifica finale orale e scritta

Costi previsti
         12 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                              POTENZIAMENTO LINGUA INGLESE (MEDE)

Docente responsabile
        Rosa Maria Giovanna

Discipline coinvolte
              Inglese

Destinatari
         Alunni delle classi 2^A e 2^B

Finalità
              Approfondire la conoscenza della cultura anglosassone

Obiettivi
              Attuare un confronto tra culture diverse

Contenuti
       Confrontare la propria cultura con alcuni aspetti di quella studiata in L2
       Esaminare materiale in lingua inglese (riviste e testi di civiltà)

Metodologia
              Lezioni frontali
              Utilizzo di CD rom in lingua inglese

Attività
              Ascolto, produzione orale, lettura e comprensione scritta
              Uso di CD rom

Tempi di attuazione
              Secondo quadrimestre, per un totale di 10 ore

Mezzi e strumenti
         Registrazioni audio, conversazioni, lavoro su test e su Cd rom

Materiali prodotti
        Lavori individualizzati da parte degli studenti

Strumenti di verifica e valutazione
        Controllo puntuale da parte dell’insegnante durante le lezioni
        Monitoraggio in classe



                                                           116
Costi
              10 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta



        POTENZIAMENTO LINGUA INGLESE (MEDE E SARTIRANA CLASSI PRIME)

Docente responsabile
        Guaschi Paola

Discipline coinvolte
              Inglese

Destinatari
         Alunni delle classi 1^A, 1^B, 1^C di Mede e 1^A di Sartirana

Finalità
              Acquisire maggiori competenze nella padronanza della L2

Obiettivi
              Migliorare la capacità di: speaking, listening, writing (and translation), reading

Contenuti
       Programmazione della classe 2^ con approfondimenti e ampliamenti lessicali

Metodologia
              Lezioni solo in L2 (uso della lingua italiana solo per gli esercizi di traduzione)
              Interazioni e simulazioni di situazioni in L2

Attività
              Lezione frontale, pair-work, listening-comprehension, traduzione guidata fino al livello simultaneo

Tempi di attuazione
              Marzo – aprile: 8 ore

Mezzi e strumenti
         Testo, quaderno


Costi
              8 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




   POTENZIAMENTO LINGUA INGLESE (MEDE E SARTIRANA CLASSI SECONDE)

Docente responsabile
        Guaschi Paola

Discipline coinvolte
              Inglese




                                                               117
Destinatari
         Alunni delle classi 2^D, 2^ C di Mede e 2^A e 2^B di Sartirana

Finalità
              Acquisire maggiori competenze nella padronanza della L2

Obiettivi
              Migliorare la capacità di: speaking, listening, writing (and translation), reading

Contenuti
       Programmazione della classe 2^ con approfondimenti e ampliamenti lessicali

Metodologia
              Lezioni solo in L2 (uso della lingua italiana solo per gli esercizi di traduzione)
              Interazioni e simulazioni di situazioni in L2

Attività
              Lezione frontale, pair-work, listening-comprehension, traduzione guidata fino al livello simultaneo

Tempi di attuazione
              Febbraio - marzo: 10 ore

Mezzi e strumenti
         Testo, quaderno


Costi
              10 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                                     ATTIVITA’ SPORTIVA SCOLASTICA

Docente responsabile
        Gallizzi Carmela

Destinatari
         Tutti gli alunni con potenziali qualità fisiche rilevate da test attitudinali

Finalità
              Coordinare la partecipazione a tutte le attività sportive programmate nel Pof

Obiettivi
              Coinvolgere il maggior numero di alunni
              Promuovere lo spirito di sana competizione
              Coinvolgere attivamente i ragazzi diversamente abili
              Promuovere l’attività fisica multimediale

Discipline coinvolte
        Scienze motorie

Contenuti
       Preparazione e accompagnamento a tutte le manifestazioni sportive a cui l’Istituto aderisce


                                                               118
               Compilazione cartacea della modulistica necessaria all’iscrizione e alla partecipazione alle gare
               Contatti con Enti pubblici e Comune oltre l’orario di cattedra

Attività
                Graduate e differenziate per categorie: ragazze / ragazzi / cadette / cadetti

Tempi
                Intero anno scolastico (da settembre a giugno)

Mezzi e strumenti
         Palestra e cortile dell’Istituto
         Attrezzatura sportiva esistente
         Palestra comunale “Fantelli”
         Campo sportivo comunale “Fantelli”

Materiali prodotti
        Tutto il materiale cartaceo e telematico occorrente per la partecipazione ai GSS, ai GdG e ai CSS

Strumenti di verifica e valutazione
        Test individuali e di gruppo per rilevare tempi, misure e abilità tecniche
        Tornei di basket presso la palestra “Fantelli”
        Manifestazione “Atletica a scuola” per le classi prime , presso il cortile della scuola secondaria di primo
            grado di Mede
        Torneo di qualificazione di calcio e di pallavolo, presso la palestra e il campo sportivo “Fantelli”
        Torneo di fine anno dell’Istituto Comprensivo di calcio e di pallavolo presso la palestra e il campo
            sportivo “Fantelli”

Collaborazione con Soggetti esterni
        Contatti con l’Ufficio tecnico del Comune di Mede, con l’assessore allo sport di Mede, con il coordinatore
            dell’Ufficio Sportivo Scolastico di Pavia e con il responsabile CONI
        Contatti con i docenti di Scienze motorie di Lomello e di Sartirana (prof.ssa Deluchi) e di Pieve del Cairo
            (prof.ssa Delbò)

Costi
                30 ore di non insegnamento per l’insegnante coinvolta
                Euro 100,00 per materiale di consumo (attrezzatura sportiva)




                                                               119
          Scuola primaria
                 di
             Lomello

              P.O.F.



- 120 -
                                           PREMESSA

                            LA SCUOLA PRIMARIA DI LOMELLO

 “La finalità del primo ciclo è la promozione del pieno sviluppo della persona…..la scuola
accompagna gli alunni nell’elaborare il senso della propria esperienza, promuove la pratica
consapevole della cittadinanza attiva e l’acquisizione degli alfabeti di base della cultura…”
Partendo da questi presupposti la nostra Scuola intende attuare un percorso formativo che,
muovendo dalle esperienze personali, valorizzi le potenzialità di ogni singolo alunno orientandolo a
sviluppare un comportamento responsabile nel massimo rispetto altrui.
L’organizzazione prevede un tempo scolastico settimanale di 40 ore.
Le lezioni si svolgono lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle ore 8.00 alle 16.30; il mercoledì dalle
8.00 alle 14.05.
Il tempo mensa, dalle ore 12.30 alle 14.00, è parte integrante delle 40 ore ed è, a tutti gli effetti,
considerato momento educativo.
Oltre alle materie prettamente curriculari, viene dato spazio ai Laboratori, che rappresentano un
ampliamento dell’attività formativa e sono finalizzati alla realizzazione dei progetti.
I Laboratori possono variare nel corso dell’anno scolastico, secondo la programmazione didattica o
le necessità che possono emergere in itinere.
I Laboratori avranno queste caratteristiche:

         OPERATIVITA’ con la finalità di tenere alti l’interesse e la motivazione;
         VARIETA’ evitando la caduta nella ripetitività;
         CREATIVITA’ con la valorizzazione delle differenze per cogliere opportunità di nuovi
          input di lavoro;
         INTERDISCIPLINARIETA’ per un sapere unitario;
         TEMPI DI REALIZZAZIONE DIFFERENZIATI in funzione agli obiettivi delle varie unità
          didattiche di apprendimento programmate ed alle esigenze e motivazione di ogni classe;
         ORGANIZZAZIONE PER GRUPPI DI ALUNNI della stessa classe o di classi aperte o
          all’interno del gruppo classe.

Per l’anno scolastico 2010-11 i PROGETTI proposti sono i seguenti:
     Progetto accoglienza
     Progetto “L’italiano come amico”
     Progetto attività grafico- pittoriche
     Progetto multimedialità
     Progetto educazione al piacere della lettura
     Progetto educazione sonoro- musicale “Cantare e suonare nella Scuola Primaria”
     Progetto drammatizzazione/ teatro
     Progetto continuità ( con la Scuola dell’Infanzia e con la Scuola Secondaria di primo grado)
     Progetto di educazione motoria “Correre è salute”
     Progetto “Lettorato di lingua inglese”
     Progetto “Conoscere gli alimenti per nutrirsi meglio”
     Progetto di Educazione alla legalità “Strada sicura”.
     Progetto Sportello Ascolto


- 121 -
              GIORNI          ORE            1^            2^                 3^           4^             5^
                                                                       Matematica
            LUNEDÌ          8.00-9.00    Matematica    Matematica                        Inglese     Matematica

                                                       Matematica                      Matematica    Mat/Inglese
                            9.00-10.30   Matematica                    Matematica

                                                         Scienze            Inglese    Matematica      Ing/Geog
                           10.30-11.30    Scienze

                                           Scienze                                       Scienze      Geografia
                           11.30-12.30                  Scienze             Scienze

                                           Italiano      Italiano           Italiano     Italiano
                           14.00-15.30                                                                 Italiano

                                           Inglese       Storia         Religione        Storia
                           15.30-16.30                                                                Religione

                                           Italiano                         Italiano
            MARTEDÌ         8.00-9.00                    Inglese                         Italiano      Italiano

                                           Italiano                         Italiano                 Ital/Musica
                            9.00-10.30                   Italiano                        Italiano

                                           Storia        Storia             Storia       Musica
                           10.30-11.30                                                                 Italiano

                                           Musica        Musica             Inglese    Tecnologia       Storia
                           11.30-12.30

                                         Matematica                    Ed. Motoria     Matematica
                           14.00-15.30                 Matematica                                    Matematica

                                         Geografia                          Scienze    Matematica
                           15.30-16.30                 Geografia                                      Arte/Geog

                                         Tecnologia     Mat/Rec                                         Inglese
            MERCOLEDÌ       8.00-9.00                                  Matematica      Rel/Ed. Mot

                                         Ed. Motoria   Potenz/Rec           Inglese                    Italiano
                            9.00-10.30                                                 Ed Mot/ Rel

                                                                            Italiano    Religione     Tecnologia
                           10.30-11.30    Religione    Ed. Motoria

                                          Religione                                      Inglese     Ed. Motoria
                           11.30-12.30                 Potenz/Rec       Religione

                                                       Matematica           Storia                   Matematica
            GIOVEDÌ         8.00-9.00    Matematica                                    Matematica

                                                       Matematica           Italiano                 Matematica
                            9.00-10.30   Matematica                                    Matematica

                                                                       Arte e Imm                    Mat/Scienze
                           10.30-11.30   Geografia     Arte e Imm                       Geografia

                                         Arte e Imm                    Arte e Imm      Matematica
                           11.30-12.30                 Arte e Imm                                      Scienze

                                           Italiano                                      Italiano
                           14.00-15.30                   Italiano      Matematica                        Larsa

                                           Italiano                                    Arte e Imm
                           15.30-16.30                   Inglese        Geografia                     Religione

                                           Italiano                    Matematica        Italiano      Italiano
            VENERDÌ         8.00-9.00                    Italiano

                                           Italiano      Italiano      Matematica        Italiano      Italiano
                            9.00-10.30

                                           Italiano     Religione       Tecnologia       Storia       Ita/Att.alt
                           10.30-11.30

                                           Storia       Religione       Geografia      Arte e Imm    Storia/Att.alt
                           11.30-12.30

                                                       Matematica           Italiano   Matematica
                           14.00-15.30   Matematica                                                  Matematica

                                                       Geografia                         Scienze
                           15.30-16.30   Arte e Imm                         Musica                   Arte e Imm

                                                                  VACANZA
            SABATO

          Da Lunedì a Venerdì dalle 12.30 alle 14.00: Mensa



- 122 -
                                          PROGETTO MULTIMEDIALITA’


Finalità:
         Uso sempre più consapevole del computer come mezzo, strumento integrativo al raggiungimento di uno scopo,
         non il fine ultimo

Discipline coinvolte:
         Tutte le materie

Referente di plesso:
       Ruggia Silvia

Destinatari:
        Alunni di tutte le classi

Obiettivi:
             Riconoscere le parti che compongono un computer
             Imparare a seguire esatte procedure, scandite in singole e precise successioni al fine di organizzare e dare
              ordine al proprio sapere
             Utilizzare i programmi di disegno, videoscrittura e presentazione
             Utilizzare il video-proiettore
             Utilizzare la Lim come strumento per sviluppare il proprio lavoro in più discipline

Metodologia:
       Lavoro individuale e di gruppo

Attività:
             Scrittura con l’utilizzo di Word
             Apertura e creazione di un documento
             Inserimento di wordart e di immagini clipart
             Inserimento di tabelle e grafici
             Salvataggio di file
             Utilizzo dello scanner
             Utilizzo di Power Point
             Utilizzo della Lim in collaborazione con l’insegnante per conoscere e muoversi in Rete in siti web sicuri.

Tempi
          L’intero anno scolastico

Eventuali materiali prodotti
       CD di immagini-testi poetici presentati con Power Point



Costi
Euro 500 per acquisto materiale facile consumo (carta, cartucce inchiostro, CD).
E’ previsto un costo quantificato in ore 12 di non insegnamento per 5 insegnanti per un totale di 60 ore e 5 ore per il
docente responsabile dell’aula di informatica.




- 123 -
                               PROGETTO ATTIVITA’ GRAFICO- PITTORICHE


Finalità:
             Sviluppare e potenziare nell’alunno la capacità di leggere e comprendere le immagini e le diverse
              creazioni artistiche
             Esprimersi e comunicare in modo personale e creativo

Discipline coinvolte:
          Arte e immagine - Tecnologia

Referente di plesso:
        Amelotti Ottaviana

Destinatari:
         Alunni di tutte le classi

Obiettivi:
             Promuovere lo sviluppo della socializzazione e della comunicazione mettendo il bambino nella condizione
              di collaborare per la realizzazione di un progetto
             Sviluppare la creatività con attività, strumenti, tecniche che aiutino l’alunno a esprimersi liberamente
             Sviluppare la capacità di concettualizzazione aiutando l’alunno a progettare, elaborare, costruire con una
              certa precisione
             Produrre immagini pittoriche, plastiche tridimensionali, attraverso processi di manipolazione e
              rielaborazione di tecniche e materiali diversi tra di loro

Metodologia:
       Gruppo classe / classi aperte

Attività:
             Produrre decorazioni e piccoli manufatti (con tecniche varie) in occasione delle diverse festività
             Progettare e realizzare scenografie per lo spettacolo natalizio e di fine ano
             Rappresentare col disegno un vissuto personale o la realtà (utilizzando pastelli, tempere, colori a dita,
              pastelli a cera)

Mezzi e strumenti:
             carta, cartoncino, forbici, colla, matite, colori vari, das, pongo, materiale per décupage, stencil,
                   materiale di recupero

Tempi
             Intero anno scolastico

Costi
             Euro 300 per acquisto materiale di facile consumo




- 124 -
                                 PROGETTO DRAMMATIZZAZIONE - TEATRO


Finalità:
              Stimolare il bambino alla ricerca di nuove vie espressive, ampliando le sue opportunità formative e
               relazionali e sviluppando le sue capacità immaginative
              Acquisire una maggiore sicurezza personale

Discipline coinvolte:
              Arte linguistica, logica, Tecnologia Ed. alla Cittadinanza, Ed. musicale

Referente di plesso:
              Amelotti Ottaviana

Destinatari:
              Alunni di tutte le classi

Obiettivi:
              Sviluppare un itinerario operativo interattivo e interdisciplinare
              Usare il corpo per comunicare utilizzando codici espressivi diversi (verbale, musicale, gestuale)
              Socializzare, riconoscendo i diritti degli altri e dimostrando più disponibilità nei rapporti interpersonali
              Prendere coscienza delle possibilità espressive di linguaggi diversi
              Arricchire il lessico

Metodologia:
       Gruppo classe o classi aperte

Attività:
              Realizzazione di uno spettacolo musicale a fine anno scolastico

Tempi di attuazione:
              Secondo quadrimestre

Costi
La previsione di spesa riguarda 10 ore di non insegnamento prestate dalle insegnanti: Ferrara, Tempella, Massone,
Ruggia, Amelotti, Torti, Malaspina, Vaccarone, Icardi, Martinotti per un totale di 100 ore.
Euro 300.00 materiale di facile consumo ( costumi, fondali..)




- 125 -
                 PROGETTO “CANTARE E SUONARE NELLA SCUOLA PRIMARIA”


Finalità:
             Avvicinamento e graduale apprendimento della Musica nel corso della scuola Primaria

Discipline coinvolte:
             Italiano / arte e immagine / scienze motorie / matematica

Referente di plesso:
         Martinotti Giuseppina

Destinatari:
         Gli alunni di tutte le classi

Obiettivi:
             Apprendere e decodificare la scrittura e il linguaggio musicale
             Eseguire da soli o in gruppi semplici brani con il canto ed attraverso l’utilizzo di semplici strumenti
              (Strumentario Orff, flauto dolce)
             Ascoltare un brano musicale e apprezzare la valenza estetica

Metodologia:
        le attività si svolgono all’interno del gruppo classe e/o a classi aperte

Attività:
             Ascolto e produzione di suoni e rumori
             Ascolto, interpretazione di testi e brani musicali
             Esecuzione di canti corali
             Esecuzione di brani musicali con il flauto

Tempi
          Primo modulo:
           da novembre a dicembre per un totale di 24 ore suddivise in 6 incontri per quattro classi (accorpando le
              classi I e III)
          Secondo modulo:
           da febbraio a maggio per un totale di 56 ore suddivise in 14 incontri per quattro classi (accorpando le
              classi I e II)

Strumenti di verifica
        Saggio al termine dell’anno scolastico

Collaborazione con soggetti esterni
         Collaborazione della Maestra Meri Vezzuli

Costi
             Il costo del corso è a carico dell’Amministrazione Comunale




- 126 -
                                   PROGETTO DI EDUCAZIONE MOTORIA



                                                 CORRERE É SALUTE

Finalità:
             Promuovere la conoscenza di sé, dell’ambiente e delle proprie possibilità di movimento
             Comprendere l’importanza del rispetto delle regole per raggiungere un fine comune
             Stimolare la socializzazione, la partecipazione, la collaborazione

Discipline coinvolte:
          Ed. motoria, Geografia, Ed. alla Cittadinanza

Referente di plesso:
         Malaspina Cristina

Destinatari:
         Gli alunni di tutte le classi

Obiettivi:
             Percezione e conoscenza del proprio corpo nel tempo e nello spazio
             Coordinazione dinamica generale
             Rispetto delle regole di gioco
             Cooperazione nel gruppo e confronto leale, anche in competizione, con i compagni
             Conoscenza del rapporto tra alimentazione e benessere fisico

Attività:
             Esercizi di motricità per consolidare e affinare schemi motori statici e dinamici
             Approccio all’atletica leggera (cammino, corsa veloce, corsa campestre, salto in alto, salto in lungo, ….)
             Attività di avviamento al gioco sportivo di squadra (minivolley, basket,…)

Metodologia
        Le lezioni frontali e le attività pratiche saranno condotte da un docente laureato in Scienze Motorie inviato
            dal Coni, affiancato dall’insegnante di classe o da collaboratori volontari dell’associazione “Correre è
            salute”

Tempi
             Si svolgerà, nel corso di tutto l’anno scolastico, 1 ora di lezione settimanale per ogni classe (accorpando le
              classi III e IV), il mercoledì mattina presso la Palestra comunale. E’ prevista in primavera una giornata da
              trascorrere presso un centro sportivo Coni, ( Vigevano o Pavia). Le spese per il viaggio (pullman( di
              questa uscita didattica saranno a carico dell’associazione “Correre è salute”.

Attrezzatura
         Palloni, cerchi, clavette, materassini, ecc…

Test di verifica
          Durante le attività verranno predisposti dei semplici test che serviranno soprattutto all’insegnante per
                 valutare la correttezza dell’impostazione del lavoro in rapporto alle risposte psicomotorie dei bambini




- 127 -
Collaborazione con soggetti esterni
         Docente inviato dal Coni: prof. Andrea Giannini, collaboratori appartenenti all’associazione “Correre è
            salute”: Giuseppe Gemelli, Pietro Pastorini, Giuseppe Pastorini.

Costi
             Il progetto sarà finanziato dal Coni e dall’associazione “Correre è salute”.


                                PROGETTO LETTORATO DI LINGUA INGLESE


Finalità:
             Avere un approccio diretto con la cultura anglosassone attraverso persone di madrelingua.

Discipline coinvolte:
          Lingua inglese

Referente di plesso:
         Massone Anna

Destinatari:
         Alunni delle classi IV e V

Obiettivi:
             Ascoltare espressioni di lingua inglese
             Comprenderne il significato
             Svolgere una breve conversazione
             Approfondire aspetti della civiltà anglosassone

Metodologia:
        conversazioni individuali e dialoghi / lavori di gruppo / lavoro a coppie

Attività:
             giochi
             conversazioni
             ascolto di brani musicali
             lettura e commento di brani

Tempi
             II quadrimestre

Collaborazione con soggetti esterni
         Dott.ssa Damienne Rowe

Costi
          Il progetto sarà finanziato dall’Amministrazione comunale.




- 128 -
                        PROGETTO RECUPERO/POTENZIAMENTO DI ITALIANO


Finalità
Recuperare le abilità di base in alunni con svantaggio socio-culturale

Discipline coinvolte
Lingua italiana.

Docente coinvolto
Amelotti Ottaviana

Destinatari
Alunni di classe III

Obiettivi
    Recuperare e potenziare la conoscenza lessicale
    Colmare lacune ortografiche

Contenuti e attività
Dettati ortografici, lettura espressiva e comprensione di testi di vario genere, esercizi di dizione.

Metodologia
Esercizi individualizzati

Tempi di attuazione
I quadrimestre

Strumenti di verifica
Test scritti e orali

Costi
Cinque ore di insegnamento per l’insegnante Amelotti Ottaviana




- 129 -
    Scuola secondaria
        di I grado
         Lomello

          P.O.F.

           Premessa


- 130 -
Tenendo presente l'idea della "uguaglianza delle opportunità" nella consapevolezza della diversità di

partenza e di capacità, la Scuola Secondaria di 1° grado di Lomello, anche quest’anno, cerca di rispondere

alle aspettative degli utenti con un ventaglio di proposte, attuate in orario extracurriculare ed essenzialmente

a costo contenuto per l'Istituto.



I tipi di attività e di interventi possono essere così riassunti:

           attività disciplinari, tese allo sviluppo della personalità e delle abilità attraverso l'acquisizione di

              conoscenze fondamentali specifiche;

           attività di recupero / approfondimento, come opportunità di rinforzo nei diversi itinerari di

              apprendimento;

           attività di laboratorio finalizzate allo sviluppo della personalità degli alunni anche sotto i profili

              creativo, operativo e scientifico.



Particolare attenzione sarà posta alle attività di recupero/consolidamento ed approfondimento nell’area
linguistica e logico-matematica, che si svolgeranno secondo diverse modalità:


              i docenti di lingua e di matematica proporranno lezioni in orario pomeridiano a classi aperte




                 GIORNI      ORE        1^A          2^A           3^A          1^B            2^B




- 131 -
                                                          Inglese         Arte
          LUNEDÌ      1   Cittadinanza     Lettere                                    Matematica
                                            Arte                       Matematica     Cittadinanza
                      2     Lettere                       Inglese
                                            Arte         Francese                       Lettere
                      3    Francese                                    Cittadinanza

                             Arte                                       Francese        Lettere
                      4                    Inglese      Cittadinanza

                            Inglese      Cittadinanza      Arte                        Francese
                      5                                                  Lettere
                          Matematica                       Arte          Lettere
          MARTEDÌ     1                   Francese                                    Matematica
                          Matematica                      Lettere        Lettere
                      2                    Lettere                                    Matematica
                            Lettere      Matematica       Lettere      Matematica     Sc. Motorie
                      3
                            Lettere       Religione     Sc. Motorie                     Lettere
                      4                                                Tecnologia

                          Sc. Motorie                    Religione                    Tecnologia
                      5                    Lettere                       Lettere

                            Inglese        Lettere
          MERCOLEDÌ   1                                 Matematica      Religione       Musica
                            Lettere      Matematica       Musica
                      2                                                  Inglese       Religione
                                                          Lettere        Inglese        Lettere
                      3     Lettere      Matematica
                            Musica                                       Lettere        Inglese
                      4                    Lettere        Lettere

                            Lettere
                      5                    Musica         Lettere        Lettere        Inglese

                                          Francese      Matematica       Musica
          GIOVEDÌ     1   Tecnologia                                                    Inglese
                                         Tecnologia     Matematica     Sc. Motorie
                      2     Inglese                                                    Musicca
                                                        Tecnologia     Matematica
                      3    Francese        Inglese                                    Sc. Motorie
                          Matematica                    Sc. Motorie    Matematica      Francese
                      4                    Inglese
                          Matematica                                    Francese      Matematica
                      5                  Sc. Motorie      Inglese

                          Matematica                     Francese        Lettere         Arte
          VENERDÌ     1                  Tecnologia

                          Tecnologia     Matematica       Lettere        Inglese         Arte
                      2

                            Lettere      Matematica       Lettere      Tecnologia       Lettere
                      3
                                           Lettere      Tecnologia        Arte          Lettere
                      4    Religione
                                           Lettere                       Lettere      Tecnologia
                      5      Arte                       Matematica
                          Matematica                      Lettere        Musica       Matematica
          SABATO      1                    Lettere

                            Lettere                       Lettere                     Matematica
                      2                  Matematica                      Lettere

                                           Musica       Matematica     Sc. Motorie      Lettere
                      3     Lettere
                            Musica       Sc. Motorie                   Matematica
                      4                                 Matematica                      Lettere
                                           Lettere                     Matematica
                      5   Sc. Motorie                     Musica                        Lettere



   CAVALLERESCA…MENTE (VIAGGIO TRA CAVALIERI, DAME, EROI ED EROINE NEL MEDIOEVO)


- 132 -
Docente responsabile
        Calvi Silva

Finalità
              Approfondire le conoscenze dell’epica medievale perché gli alunni si avvicinino e comprendano la
               mentalità dell’epoca, le tradizioni, la cultura

Discipline coinvolte
              Italiano, Storia

Destinatari
         Alunni delle classi 1^A e 1^B

Obiettivi
              Conoscere figure storiche nei rimaneggiamenti del poema epico
              Conoscere culture e usanze del mondo cavalleresco - cortese
              Approfondire il concetto di epica intesa come tradizione di un popolo

Contenuti
              Il ciclo carolingio
              Il ciclo arturiano
              Il ciclo castigliano
              Il ciclo germanico

Metodologia
        Lettura di documenti, brani e biografie
        Comprensione e analisi di quanto letto
        Analisi di immagini afferenti ai testi proposti
        Individuare dei collegamenti con la storia

Tempi
              Lezioni di due ore ciascuna, per un totale di 14 ore

Mezzi e strumenti
         Testo di epica in uso
         Materiale iconografico
         Materiale audiovisivo fornito dall’insegnante
         Fotocopie

Strumenti di verifica e di valutazione
              Si valuterà in itinere la capacità di istituire collegamenti, di analizzare e proporre ricerche personali

Costi previsti
         14 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                                                 DISEGNO TECNICO



- 133 -
Docente responsabile
        Magnani Massimo

Discipline coinvolte
          Tecnologia

Destinatari
         Alunni delle classi seconde e terze

Finalità
              Acquisizione di competenze tecnico - grafiche
Obiettivi
              Migliorare le capacità grafiche
              Migliorare le conoscenze tecniche relative alla rappresentazione di solidi nello spazio

Contenuti
              Problemi di geometria descrittiva

Metodologia
        Disegno con l’uso degli strumenti

Attività
              Le attività verranno svolte in modo graduato

Tempi di attuazione
           Da gennaio a marzo, lezioni di due ore in orario pomeridiano

Strumenti
              Tutti gli strumenti utili per una corretta rappresentazione grafica

Costi previsti
            14 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolto
            Euro 10 per materiale di consumo




                               APPROFONDIMENTO DI LINGUA INGLESE




- 134 -
Docente responsabile
        Mazzarello Cesarina

Discipline coinvolte
          Inglese

Destinatari
         Alunni delle classi 2^A e 2^B

Finalità
              Potenziamento della conoscenza della lingua inglese

Obiettivi
              Approfondire le quattro abilità
              Utilizzare il dizionario
              Acquisire un metodo di lavoro autonomo

Contenuti
              Listening
              Personal written production
              Rispondere a domande di comprensione sul past e sul future
              Riferire a un compagno / alla classe
              Completare esercizi di diversa tipologia

Metodologia e attività
        Lavoro individualizzato o a coppie
        Lezione frontale

Tempi di attuazione
           Durante il secondo quadrimestre con lezioni di due ore in orario pomeridiano

Mezzi e strumenti
         CD rom, CD player, fotocopie

Strumenti di verifica e valutazione
        Verifica scritta e orale

Costi previsti
            14 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta
            Euro 10 per materiale di consumo




                          RECUPERO E APPROFONDIMENTO DI MATEMATICA



- 135 -
Docente responsabile
         Denari Luca

Finalità
              Recupero delle nozioni di base necessarie ad affrontare l’Esame di Stato in maniera adeguata
              Approfondire gli argomenti del terzo anno in preparazione alla Scuola Secondaria di II grado

Discipline coinvolte
          Matematica
Destinatari
          Alunni della classe 3^A

Obiettivi
              Recupero delle nozioni di base necessarie ad affrontare l’Esame di Stato in maniera adeguata
              Approfondire argomenti in preparazione alla Scuola Secondaria di II grado

Contenuti
        Matematica: numeri relativi e operazioni, potenze e loro proprietà, calcolo letterale, prodotti notevoli,
       identità ed equazioni
        Geometria: circonferenza, cerchio, poliedri, solidi di rotazione, piano cartesiano

Metodologia
              Lezioni frontali per recupero nozioni di base
              Esercitazioni in classe
              Cooperative learning

Attività
              Esercizi per verificare la preparazione della classe o le lacune che possono avere i ragazzi
              Ripasso degli argomenti svolti durante l’orario curriculare
              Esercizi di ripasso / potenziamento
              Verifica finale

Tempi di attuazione
        7 lezioni di due ore, per un totale di 14 ore, in orario pomeridiano

Mezzi e strumenti
         Eventuali strumenti informatici

Materiali prodotti
         Elaborati del cooperative learning

Strumenti di verifica e di valutazione
        Verifica finale

Costi previsti
         14 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolto


                                         RECUPERO DI MATEMATICA




- 136 -
Docente responsabile
        Sacchi Eleonora

Finalità
              Consentire il recupero delle abilità di base

Discipline coinvolte
          Matematica

Destinatari
         Alunni delle classi 1^A e 1^B

Obiettivi
              Offrire ad alunni in difficoltà l’opportunità di rivedere argomenti già trattati
              Esercitare gli alunni con esercizi mirati alle loro problematiche

Metodologia
        Si utilizzeranno lezioni frontali alternate a esercitazioni in classe

Contenuti
              Sono in relazione alle carenze rilevate in matematica durante il primo quadrimestre

Tempi di attuazione
           Durante il secondo quadrimestre, lezioni di due ore in orario pomeridiano

Mezzi e strumenti
              Si utilizzerà materiale in dotazione degli alunni ed eventualmente esercizi appositamente selezionati

Verifica e valutazione
         Verifica a fine corso

Costi previsti
            14 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                      RECUPERO / CONSOLIDAMENTO AREA MATEMATICA




- 137 -
Docente responsabile
          Perone Anna
Finalità
           Recuperare e consolidare le abilità di base

Discipline coinvolte
          Matematica

Destinatari
         Alunni delle classi seconde

Obiettivi
              Recuperare / consolidare le tecniche di calcolo in Q, individuare e applicare regole, risolvere semplici
               problemi geometrici

Contenuti
              Operazioni, espressioni, proporzioni in Q
              Perimetro e area figure piane
              Applicazioni del teorema di Pitagora

Metodologia
        Lezioni frontali, esercizi graduati, lavoro individuale, controllo sistematico ed individuale del lavoro
            svolto

Attività
              Attività graduate, esecuzione di esercizi con la guida dell’insegnante/individualmente, correzione
               collettiva e individuale

Tempi di attuazione
           Da gennaio ad aprile, lezioni di due ore in orario pomeridiano

Strumenti
              Libri e quaderni personali, eserciziari

Verifica e valutazione
         Esercizi sui quaderni e alla lavagna, ricaduta sull’attività didattica

Costi previsti
            14 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta
            10 euro per carta fotocopie

Supporto personale ATA
              Apertura della scuola nel pomeriggio aggiuntivo




                                         LABORATORIO SCIENTIFICO


Docente responsabile



- 138 -
              Sacchi Eleonora

Discipline coinvolte
          Area scientifica

Destinatari
         Alunni delle classi 1^ B e 2^B

Finalità
              Rafforzare l’apprendimento e la comprensione di alcuni concetti scientifici
Obiettivi
              Stimolare la capacità di osservazione, di porsi domande, di formulare ipotesi, di verificarle
              Abituare gli alunni al lavoro di gruppo
              Esercitare gli alunni nella stesura di relazioni scientifiche

Metodologia
        Si utilizzerà il metodo sperimentale, con l’aiuto di schede di lavoro per fornire agli alunni una traccia
            guida che rafforzi e fissi i punti più importanti del laboratorio. Alla fine di ogni laboratorio l’alunno
            stenderà una relazione.

Contenuti
              Sono in relazione agli argomenti proposti nella programmazione di scienze della classe

Tempi di attuazione
           Durante l’anno scolastico

Strumenti
              Si utilizzerà il materiale in dotazione alla scuola o di facile reperibilità

Eventuali materiali prodotti
              Le relazioni sulle attività svolte

Verifica e valutazione
         Relazioni redatte dagli alunni

Costi previsti
            5 ore di non insegnamento per l’insegnante coinvolta




                                           DISEGNARE LA GEOMETRIA


Docenti responsabili
         Sacchi Eleonora, Magnani Massimo



- 139 -
Finalità
              Facilitare l’interiorizzazione di alcune proprietà geometriche

Discipline coinvolte
          Matematica (geometria), Tecnologia

Destinatari
         Alunni della classe 1^ B

Obiettivi
              Abituare gli alunni ai collegamenti interdisciplinari
              Esercitare gli alunni all’utilizzo di strumenti tecnici (riga, compasso, goniometro)
              Esercitare gli alunni a costruire in modo autonomo figure geometriche

Contenuti
              Sono in relazione agli argomenti di geometria trattati durante l’anno (misura di angoli e segmenti,
               bisettrice di un angolo, asse di un segmento, proiezioni ortogonali di punti e segmenti, i punti notevoli dei
               triangoli)

Metodologia
        Lezioni frontali
              Esercitazioni pratiche
              Lavoro individuale
              Discussioni in classe

Tempi di attuazione
           Durante l’anno scolastico

Strumenti
              Si utilizzerà il materiale già in possesso degli alunni

Eventuali materiali prodotti
        Tavole di disegno tecnico da esporre eventualmente nella mostra di fine anno

Verifica e valutazione
         Valutazione delle tavole prodotte dagli alunni

Costi previsti
            6 ore di non insegnamento per gli insegnanti coinvolti




                                           THE IMAGE OF THE OTHER


Docente responsabile
        Mazzarello Cesarina




- 140 -
Discipline coinvolte
          Inglese

Destinatari
         Alunni delle classi 2^ A e 2^ B

Finalità
              Utilizzo delle tecnologie dell’informazione
              Potenziamento della conoscenza della lingua inglese
              Aprirsi agli altri
              Accettare e apprezzare le differenze

Obiettivi
              Interagire con soggetti stranieri dando e fornendo informazioni
              Scrivere brevi lettere
              Cogliere il punto principale in un testo scritto
              Descrivere il proprio vissuto

Contenuti
              Le lettere affronteranno i seguenti temi: presentazione di sé, descrizione della propria casa, dell’ambiente
               scolastico, hobbies, festivals, holidays

Metodologia e attività
        L’insegnante di inglese curerà l’elaborazione delle lettere in classe; gli alunni, successivamente,
           provvederanno alla trascrizione su supporto elettronico; l’insegnante invierà e scaricherà le lettere tramite
           il suo personale computer a casa.

Tempi di attuazione
           Tutto l’anno scolastico

Mezzi e strumenti
              Computer, posta elettronica, internet, carta

Verifica e valutazione
            Monitoraggio del lavoro svolto / Valutazione del diario di corrispondenza

Costi previsti
            15 ore di non insegnamento per supporto didattico e informatico




                                    ATTIVITA’ SPORTIVA SCOLASTICA


Docente responsabile
        Deluchi Rossana




- 141 -
Discipline coinvolte
          Scienze motorie

Destinatari
         Alunni di tutte le classi

Finalità
              Preparazione e partecipazione alle gare previste dai giochi sportivi studenteschi

Obiettivi
              Promuovere lo spirito sportivo
              Coinvolgere attivamente gli alunni diversamente abili
              Partecipare alle manifestazioni sportive

Contenuti
              Preparazione e accompagnamento alle gare
              Compilazione del materiale cartaceo richiesto

Metodologia e attività
        Attività graduate e differenziate a seconda delle categorie partecipanti

Tempi di attuazione
           Intero anno scolastico

Mezzi / Strumenti
         Attrezzatura sportiva

Costi previsti
            10 ore di non insegnamento per l’insegnante coinvolta
            Euro 50 per materiale di consumo




- 142 -
   Scuola Secondaria
      di I grado di
    Pieve del Cairo

                                P.O.F.


                                          Premessa

Per l’anno scolastico 2010/2011 si propone l’attuazione di progetti che prevedono:



- 143 -
     attività teatrale
     attività di recupero / potenziamento
     laboratorio di lingua inglese




Rimane costante nella programmazione delle attività l’approccio pluridisciplinare che consente di
far ruotare, intorno ad uno stesso progetto, apprendimenti e produzioni che coinvolgono più di una
materia.


Particolare attenzione sarà posta alle attività di recupero/consolidamento ed approfondimento
nell’area linguistica e logico-matematica, che si svolgeranno secondo diverse modalità:


             ogni docente attiverà lezioni di recupero/potenziamento in orario extracurriculare
             i docenti di lingua e di matematica proporranno lezioni in orario pomeridiano a classi
              aperte




                          GIORNI   ORE     1^A           2^A          3^A         2^B
                                                                    Inglese
                       LUNEDÌ       1    Sc.Motorie   Matematica                Francese
                                                      Matematica                Lettere
                                    2     Francese                 Sc.Motorie
                                                      Sc.Motorie   Matematica   Lettere
                                    3     Inglese




- 144 -
                                        Lettere                                Inglese
                                   4                 Francese    Matematica
                                        Lettere      Inglese      Francese    Sc.Motorie
                                   5
                                       Matematica                Sc.Motorie
                       MARTEDÌ     1                   Arte                   Matematica

                                        Lettere                  Matematica
                                   2                Sc.Motorie                Matematica

                                       Sc.Motorie     Lettere       Arte       Lettere
                                   3
                                          Arte        Lettere     Musica       Lettere
                                   4
                                        Lettere                   Lettere     Sc.Motorie
                                   5                 Musica
                                        Lettere     Matematica
                       MERCOLEDÌ   1                              Lettere     Tecnologia
                                       Matematica     Lettere    Tecnologia
                                   2                                           Lettere

                                                                  Lettere      Lettere
                                   3   Matematica   Tecnologia

                                        Lettere                               Matematica
                                   4                  Lettere    Matematica
                                       Tecnologia
                                   5                  Lettere    Matematica   Matematica
                                                    Matematica    Inglese
                       GIOVEDÌ     1    Musica                                 Lettere
                                                      Lettere     Inglese
                                   2   Matematica                              Lettere

                                                                  Musica
                                   3    Inglese     Matematica                 Lettere

                                        Lettere                   Lettere      Musica
                                   4                 Inglese
                                        Lettere                                Inglese
                                   5                 Musica       Lettere
                                        Francese                 Religione       Arte
                       VENERDÌ     1                  Lettere
                                        Lettere       Lettere     Francese       Arte
                                   2
                                          Arte      Religione     Lettere      Francese
                                   3

                                                       Arte       Lettere      Lettere
                                   4   Religione

                                                     Francese                 Religione
                                   5    Lettere                     Arte

                                        Inglese                   Lettere     Matematica
                       SABATO      1                Tecnologia
                                       Matematica                 Lettere     Matematica
                                   2                 Inglese
                                                      Lettere    Tecnologia    Inglese
                                   3   Matematica
                                        Musica        Lettere
                                   4                             Matematica   Tecnologia

                                                    Matematica
                                   5   Tecnologia                 Lettere      Musica



              LABORATORIO “RECUPERO / POTENZIAMENTO” DI MATEMATICA


Docente responsabile
             Triches Manuela




- 145 -
Finalità
              Favorire il successo formativo
              Ampliare l’offerta formativa

Discipline coinvolte
              Matematica

Classi coinvolte
              Alunni della classe 1^A

Obiettivi
              Consolidare le capacità di calcolo e le conoscenze geometriche
              Approfondire le conoscenze in campo geometrico
Contenuti
              Espressioni e problemi di aritmetica e di geometria
              Cabrì Gèométre: costruzione di segmenti, angoli, rette, poligoni

Metodologia
              Lezione frontale
              Esercitazioni guidate e in gruppo con l’utilizzo del software Cabrì

Attività
              Esercizi guidati individuali e in gruppo

Tempi
              Sei lezioni di due ore ciascuna da febbraio ad aprile

Mezzi e strumenti
              Testo in adozione
              Fotocopie
              CD allegato al testo adottato

Strumenti di verifica
              Verifica in itinere degli esercizi svolti
              Verifica finale delle conoscenze ed abilità acquisite

Costi previsti
              12 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                    LABORATORIO DI APPROFONDIMENTO DI MATEMATICA


Docente responsabile
              Triches Manuela




- 146 -
Finalità
           
           Ampliare l’offerta formativa offrendo la possibilità di approfondire conoscenze e competenze
     matematiche a un gruppo di alunni

Discipline coinvolte
              Matematica

Classi coinvolte
              Alunni della classe 3^A con un buon livello di competenze in matematica

Obiettivi
              Migliorare le capacità di analisi e sintesi
              Acquisire un elevato livello di competenza in matematica

Contenuti
              Approfondimento del calcolo algebrico / letterale
              I problemi geometrici con equazioni di I grado
              Elementi di logica

Metodologia
              Lezioni frontali
              Lavori di gruppo

Attività
              Esercitazioni guidate individuali e di gruppo
Tempi
              6 lezioni di due ore ciascuna nei periodi marzo a aprile

Mezzi e strumenti
              Testi in adozione
              Libri della Scuola Secondaria di II grado
              Fotocopie

Strumenti di verifica
              Test di verifica dei risultati ottenuti
              Valutazione della partecipazione e dell’interesse dimostrati

Costi previsti
              12 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta
              Euro 50 per materiale di consumo



                     LABORATORIO DI LINGUA INGLESE (CLASSI SECONDE)


Docente responsabile
              Cattaneo Anna Maria




- 147 -
Finalità
              Attivare curiosità e interesse per un diverso codice linguistico
              Acquisire nuove competenze e consolidare quelle già sviluppate
              Raggiungere una conoscenza della L2 per esprimersi in modo disinvolto su temi di interesse personale

Discipline coinvolte
              Area linguistico - espressiva/ Lingua inglese

Classi coinvolte
              Alunni delle classi 2^A e 2^B

Obiettivi
              Sviluppo e potenziamento delle abilità di listening, speaking e writing
              Listening: capire il significato globale e le informazioni specifiche del materiale registrato
              Seguire il senso di ciò che viene detto su argomenti familiari
              Usare abilità quali la predizione e l’intuizione
              Speaking: esprimere il proprio punto di vista e la propria opinione su temi familiari
              Fare conversazioni e comunicare messaggi significativi
              Produrre frasi corrette per pronuncia e intonazione
              Writing: comunicare idee semplici su aree di interesse in modo chiaro e corretto

Contenuti
              Ascolto di canzoni e messaggi radiofonici o televisivi
              Ascolto di brani registrati tratti da opere letterarie
              Ascolto di conversazioni in situazioni quotidiane
              Visione del video “Watch this 2”
              Conversazioni su argomenti di interesse comuni, su avvenimenti passati e su progetti futuri
              Stesura di lettere personali

Metodologia
              Esercitazioni pratiche guidate
              Lavoro individuale
              Organizzazione a piccoli gruppi

Attività
              Compilazione di schede di lettura e interpretazione dei testi / video
              Dettati, backversions, attività ludiche

Tempi
              5 rientri di due ore per un totale di 10 ore da marzo a maggio

Mezzi e strumenti
              Materiale multimediale e testo in uso

Strumenti di verifica
              Verranno valutati: interesse, partecipazione, comprensione orale e produzione orale



- 148 -
Costi previsti
             10 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                     LABORATORIO DI LINGUA INGLESE (CLASSE TERZA)


Docente responsabile
             Cattaneo Anna Maria




- 149 -
Finalità
              Attivare curiosità e interesse per un diverso codice linguistico
              Acquisire nuove competenze e consolidare quelle già sviluppate
              Raggiungere una conoscenza della L2 per esprimersi in modo disinvolto su temi di interesse personale

Discipline coinvolte
              Area linguistico – espressiva / Lingua inglese

Classi coinvolte
              Alunni della classe 3^A

Obiettivi
              Sviluppo e potenziamento delle abilità di listening, speaking e writing
              Listening: capire il significato globale e le informazioni specifiche del materiale registrato
              Seguire il senso di ciò che viene detto su argomenti familiari
              Usare abilità quali la predizione e l’intuizione
              Speaking: esprimere il proprio punto di vista e la propria opinione su temi familiari
              Fare conversazioni e comunicare messaggi significativi
              Produrre frasi corrette per pronuncia e intonazione
              Writing: comunicare idee semplici su aree di interesse in modo chiaro e corretto

Contenuti
              Ascolto di canzoni e messaggi radiofonici o televisivi
              Ascolto di brani registrati tratti da opere letterarie
              Ascolto di conversazioni in situazioni quotidiane
              Visione del video “Watch this 3”
              Conversazioni su argomenti di interesse comuni, su avvenimenti passati e su progetti futuri
              Stesura di lettere personali e questionari

Metodologia
              Esercitazioni pratiche guidate
              Lavoro individuale
              Organizzazione a piccoli gruppi

Attività
              Compilazione di schede di lettura e interpretazione dei testi / video
              Dettati, backversions, attività ludiche

Tempi
              5 rientri di due ore per un totale di 10 ore da marzo a maggio

Mezzi e strumenti
              Materiale multimediale e testo in uso

Strumenti di verifica
              Verranno valutati: interesse, partecipazione, comprensione orale e produzione orale



- 150 -
Costi previsti
             10 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                           RECUPERO – POTENZIAMENTO DI ITALIANO


Docente responsabile
        Salvati Monica



- 151 -
Destinatari
         Alunni della classe 1^A

Finalità
              Accrescere l’offerta formativa mediante il recupero / consolidamento / approfondimento delle conoscenze
               letterarie

Obiettivi
          Recupero delle abilità di base
          Consolidamento e potenziamento delle abilità e delle conoscenze acquisite
Discipline coinvolte
        Italiano

Contenuti
       Esercizi di morfologia
       Arricchimento lessicale
       Letture, analisi, stesura, commento di testi in prosa e in poesia

Metodologia
        Lezione frontale
        Esercitazioni guidate, individuali e/o di gruppo
        Analisi di testi (parafrasi, comprensione, commento)

Attività
              Esercitazioni orali e/o scritte, individuali e/o di gruppo
              Letture

Tempi
              6 lezioni di due ore ciascuna da febbraio ad aprile, per un totale di 12 ore

Mezzi e strumenti
         Testo in adozione
         Schede operative
         Libri della biblioteca scolastica, DVD, PC

Strumenti di verifica e valutazione
        Produzioni orali e scritte
        Valutare l’impegno e la partecipazione

Costi
              12 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta
              Euro 50,00 per materiale di consumo




                LABORATORIO DI POTENZIAMENTO / RECUPERO DI ITALIANO


Docente responsabile
        Bottazzi Maria Grazia


- 152 -
Destinatari
         Alunni delle classi 2^A e 2^B

Finalità
               Ampliare l’offerta formativa attraverso il recupero / potenziamento delle conoscenze in campo letterario

Obiettivi
               Recuperare le abilità di base e rafforzare le conoscenze acquisite
               Potenziare le conoscenze già acquisite

Discipline coinvolte
      Italiano

Contenuti
              Arricchimento lessicale
              Esercizi di analisi logica
              Comprensione testuale
              Analisi e commento di testi in prosa e in poesia

Metodologia
        Lezioni frontali
        Esercitazioni guidate, individuali e/o di gruppo
        Analisi di testi letterari (parafrasi e prose)

Attività
               Esercitazioni orali / scritte
               Letture

Tempi
               6 lezioni di 2 ore ciascuna, per un totale di 12 ore da febbraio ad aprile

Mezzi e strumenti
         Testo in adozione, schede operative

Strumenti di verifica e valutazione
        Produzioni orali/scritte
        Partecipazione e impegno

Costi
               ore 12 di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                                                LABORATORIO DI LATINO


Docente responsabile
        Bottazzi Maria Grazia




- 153 -
Destinatari
         Alunni della classe 3^ A

Finalità
              Ampliare l’offerta formativa attraverso conoscenze in campo letterario

Obiettivi
              Potenziare le conoscenze attraverso un approccio alla lingua latina come lingua madre

Discipline coinvolte
        Italiano

Contenuti
       Conoscere le declinazioni, le forme verbali e le principali regole grammaticali

Metodologia
        Lezione frontali
        Fonologia latina / flessione nominale / flessione verbale

Attività
              Esercitazioni orali / scritte
              Letture

Tempi
         6 lezioni di due ore ciascuna da febbraio ad aprile, per un totale di 12 ore
Mezzi e strumenti
         Testo in adozione
         Schede operative

Strumenti di verifica e valutazione
        Produzione orale / scritta
        Valutare la partecipazione e l’impegno

Costi
              12 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




- 154 -
    Scuola secondaria
        di I grado
       di Sartirana

                              P.O.F.


              GIORNI   ORE      1^A            2^A          3^A            2^ B           3^B
                                                         Matematica
          LUNEDÌ        1    Cittadinanza   Sc.Motorie                  Matematica     Tecnologia
                                            Matematica                  Tecnologia     Matematica
                        2      Lettere                   Sc. Motorie
                                            Matematica    Religone      Cittadinanza     Lettere
                        3    Sc. Motorie
                             Matematica                                 Sc. Motorie      Lettere
                        4                    Religone      Lettere

                              Religione      Lettere     Cittadinanza     Lettere      Sc. Motorie
                        5




- 155 -
                                     Inglese                      Lettere
           MARTEDÌ             1                   Musica                       Lettere     Matematica
                                     Musica                       Inglese
                               2                   Lettere                      Lettere     Matematica
                                     Francese       Arte          Inglese     Matematica      Musica
                               3

                                     Inglese      Francese        Lettere     Matematica      Lettere
                               4

                                       Arte                       Musica      Sc. Motorie     Lettere
                               5                   Lettere
                                     Inglese     Tecnologia
           MERCOLEDÌ           1                                Matematica    Sc. Motorie    Francese
                                    Tecnologia   Matematica      Francese
                               2                                                Inglese     Sc. Motorie
                                                                Tecnologia      Inglese     Matematica
                               3   Sc. Motorie   Matematica
                                   Matematica                                   Lettere       Inglese
                               4                  Francese      Sc. Motorie

                                     Francese
                               5                 Sc.Motorie       Inglese     Tecnologia      Lettere

                                                   Lettere      Matematica
           GIOVEDÌ             1     Lettere                                    Lettere     Matematica
                                                   Lettere         Arte
                               2   Matematica                                 Matematica    Cittadinanza
                                                                  Lettere
                               3   Matematica    Cittadinanza                    Arte         Lettere
                                     Lettere                      Lettere       Musica        Lettere
                               4                 Matematica

                                     Lettere                                    Lettere        Arte
                               5                 Matematica       Lettere

                                     Musica                     Matematica      Inglese       Lettere
           VENERDÌ             1                   Lettere
                                   Matematica      Musica         Lettere       Lettere       Inglese
                               2
                                   Matematica      Lettere        Musica        Lettere       Inglese
                               3
                                                   Inglese        Lettere       Musica        Lettere
                               4     Lettere
                                                   Inglese                      Lettere       Musica
                               5     Lettere                      Lettere

                                    Tecnologia                  Matematica    Religione     Matematica
           SABATO              1                    Arte

                                       Arte                     Matematica    Matematica     Religione
                               2                 Tecnologia

                                                   Lettere         Arte       Matematica     Francese
                               3     Lettere
                                     Lettere       Lettere
                               4                                 Francese        Arte       Tecnologia
                                                   Inglese
                               5     Lettere                    Tecnologia     Francese        Arte




                                    “CHI E’ PIETRO MARZIANI?”


Docenti responsabili
         Girini Manuela, Leva Cinzia, Ruffinoni Marco

Destinatari
         Alunni delle classi 1^ A, 3^A e 3^ B




- 156 -
Finalità
              Acquisire familiarità con la storia locale
              Accostarsi all’uso delle fonti archivistiche

Obiettivi
              Apprendere conoscenze e competenze relative all’analisi di fonti archivistiche
              Apprendere come analizzare una fonte documentaria
              Saper esprimere i risultati di una ricerca

Discipline coinvolte
        Italiano, storia

Contenuti
       Ricerca di informazioni su testi di storia locale
       Analisi di fonti archivistiche provenienti dall’Archivio del Comune di Sartirana
       Contatti con gli eredi di Pietro Marziani

Metodologia
        Attività di ricerca e di rielaborazione delle informazioni
        Lezioni frontali

Attività
              Reperimento di documenti scritti e iconografici
              Analisi del materiale archivistico e iconografico
              Stesura testi informativi
              Visita all’Archivio Comunale

Tempi
              All’inizio del secondo quadrimestre

Mezzi e strumenti
         Fotocopie dei documenti d’archivio

Materiali prodotti
        Testi informativi

Strumenti di verifica e valutazione
        Valutazione degli insegnanti sui testi prodotti, sull’impegno e sull’interesse degli alunni

Collaborazione con soggetti esterni
        Archivio del Comune di Sartirana
        Erede di Pietro Marziani

Costi
              12 ore di non insegnamento per gli insegnanti coinvolti
                              EDUCAZIONE AL PIACERE DELLA LETTURA


Docenti responsabili
         Girini Manuela

Destinatari
         Alunni di tutte le classi




- 157 -
Finalità
              Avviare i giovani al piacere della lettura e della scrittura

Obiettivi
              Sviluppare e far acquisire l’amore per la lettura, per giungere a riflettere e a potenziare l’immaginazione

Discipline coinvolte
        Lettere

Contenuti
       Testi di vario genere

Metodologia
        Esercizi di lettura guidata; scelta consapevole di testi adeguati all’età dei ragazzi; visite guidate alla
            Biblioteca Comunale; consultazione degli schedari; organizzazione Biblioteca di classe

Attività
              Lettura silenziosa e a voce alta; compilazione schede di lettura; visite guidate alla Biblioteca; attivazione
               della Biblioteca di classe; produzione di testi per Concorsi
              Approfondimento di tematiche ricavate dai testi

Tempi
              Intero anno scolastico

Mezzi e strumenti
         Dizionari, schede di lettura, audiovisivi, Biblioteca

Materiali prodotti
        Testi scritti di vario genere

Strumenti di verifica e di valutazione
        Produzione orale e/o scritta dei libri letti, questionari

Collaborazione con soggetti esterni
              Biblioteca Comunale, Associazione “Brunoldi Ceci”, il Giralibro
Costi
              5 ore di non insegnamento per l’insegnante coinvolta
              Euro 10,00 per materiale di consumo




                                           “IN GIRO PER LA FRANCIA”


Docenti responsabili
         Denari Luisa, Girini Manuela

Destinatari
         Alunni della classe 2^ B




- 158 -
Finalità
              Guidare gli alunni a prendere coscienza del proprio impegno lavorativo al fine di realizzare un progetto
               comune (Carta d’identità della Francia)

Obiettivi
              Saper condurre una ricerca di gruppo
              Saper esprimere correttamente i risultati della ricerca
              Sapersi concentrare sul lavoro che si intraprende
              Saper lavorare in gruppo

Discipline coinvolte
        Geografia, francese

Contenuti
       Ricerca di materiali
       Elaborazione dei materiali reperiti

Metodologia
        Attività di ricerca
        Lavoro individuale e di gruppo
        Lezioni frontali

Attività
              Produzione di testi informativi, carte geografiche, diagrammi, tabelle

Tempi
              Alcuni mesi tra il primo e secondo quadrimestre

Mezzi e strumenti
         Riviste, siti web, atlanti, libri monografici, enciclopedie

Eventuali materiali prodotti
              Itinerario turistico dettagliato
              Carta d’identità della Francia

Strumenti di verifica e di valutazione
        Produzione di un testo e/cartellone informativo, grafico-artistico

Costi
              6 ore di non insegnamento per le insegnanti coinvolte




           ATTIVITA’ DI RECUPERO/POTENZIAMENTO NELL’AREA LINGUISTICA


Docenti responsabili
         Girini Manuela, Leva Cinzia, Ruffinoni Marco

Destinatari
         Alunni delle classi 1^A, 2^A, 2^B, 3^A, 3^B

Finalità


- 159 -
              Attivare processi e percorsi di apprendimento

Obiettivi
              Offrire agli alunni opportunità formative e di apprendimento adeguate alle loro possibilità
              Recuperare le abilità di base nell’area linguistica
              Rafforzare e ampliare abilità e conoscenze

Discipline coinvolte
        Lettere

Contenuti
       Recupero ortografico e grammaticale
       Analisi logica
       Analisi del periodo

Metodologia
        Attività a classi aperte

Attività
              Esercizi, letture

Tempi
              Ore pomeridiane, periodo da concordare

Mezzi e strumenti
         Eserciziari, schede, testi vari

Strumenti di verifica e di valutazione
        Esercizi di verifica

Costi
              24 ore di insegnamento (8 ore per ogni insegnante)
              Euro 20,00 per materiale di consumo




                                   RECUPERO NELL’AREA MATEMATICA


Docenti responsabili
         Antona Ornella, Gatti Antonella

Destinatari
         Alunni delle classi 1^A, 2^A, 2^B, 3^A, 3^B

Finalità



- 160 -
              Recupero e consolidamento dei concetti e delle abilità relative agli argomenti svolti

Obiettivi
              Recupero per gruppi di alunni che presentano lacune nella preparazione di base nelle varie aree

Discipline coinvolte
        Matematica

Contenuti
       Espressioni, potenze, M.C.D. e m.c.m, frazioni, problemi di aritmetica e di geometria, radici, proporzioni e
          proporzionalità, aree, Teorema di Pitagora, calcolo letterale, equazioni, piano cartesiano, geometria solida

Metodologia
        Lezioni frontali, lavoro individuale, correzione collettiva, didattica al computer

Attività
              Esercizi graduati per gruppi di alunni

Tempi
              Febbraio - marzo

Mezzi e strumenti
         Libri in adozione, eserciziari, fotocopie, Cd

Materiali prodotti
        Lavori sui quaderni

Strumenti di verifica e di valutazione
        Esercizi sui quaderni da verificare in itinere
        Software didattico

Costi
              24 ore di insegnamento (12 ore Antona,12 ore Gatti)




                             POTENZIAMENTO NELL’AREA MATEMATICA


Docenti responsabili
         Antona Ornella,

Destinatari
         Alunni delle classi 3^A, 3^B

Finalità



- 161 -
              Potenziamento dei concetti e delle abilità relative agli argomenti svolti

Obiettivi
              Potenziare la padronanza nel calcolo
              Sviluppare le capacità di analisi e sintesi
              Sollecitare a esprimersi con un linguaggio sempre più chiaro e preciso

Discipline coinvolte
        Matematica

Contenuti
       Numeri relativi, calcolo letterale, risoluzione di problemi mediante equazioni, poliedri regolari e solidi
          composti

Metodologia
        Lezioni frontali, lavoro individuale, correzione collettiva, didattica al computer

Attività
              Esercizi e didattica al computer

Tempi
              Febbraio - marzo

Mezzi e strumenti
         Libri in adozione, eserciziari, fotocopie, Cd

Materiali prodotti
        Lavori sui quaderni

Strumenti di verifica e di valutazione
        Esercizi sui quaderni da verificare in itinere
        Software didattico

Costi
              8 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




                                     ATTIVITÀ SPORTIVA SCOLASTICA


Docente responsabile
        Deluchi Rossana

Destinatari
         Alunni di tutte le classi

Finalità



- 162 -
              Preparazione e partecipazione alle gare previste dai Giochi Sportivi Studenteschi

Obiettivi
              Coinvolgere il maggior numero di alunni nella partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi

Discipline coinvolte
        Scienze motorie

Contenuti
       Preparazione e accompagnamento alle gare
       Compilazione di elenchi e materiale vario

Attività
              Attività graduate e differenziate a seconda delle categorie

Tempi
              Intero anno scolastico

Mezzi e strumenti
         Attrezzatura sportiva

Costi
              10 ore di non insegnamento per l’insegnante coinvolta
              Euro 50,00 per materiale di consumo




                               “SENTIRSI ITALIANI IERI, OGGI E DOMANI”
                                  “LA DEFORESTAZIONE CI SPOGLIA”
        Premio Letterario “Penna d’Argento-Ricordo Brunoldi Ceci”, Concorso Giralibro: “In quale libro ti
                                            piacerebbe vivere?”



Docenti responsabili
         Girini Manuela, Leva Cinzia, Ruffinoni Marco

Destinatari



- 163 -
              Alunni delle classi 1^A, 2^ A, 2^ B, 3^ A, 3^ B

Finalità
              1861 – 2011: 150° anniversario dell’Unità d’Italia
              2011: Anno Internazionale delle foreste per la conservazione e lo sviluppo sostenibile

Obiettivi
              Riflettere sull’importanza della libertà e della democrazia e amare la propria nazione
              Accrescere il senso di responsabilità verso la natura

Discipline coinvolte
        Italiano, storia, Cittadinanza e Costituzione

Contenuti
       Ricerca di fonti, elaborazione delle stesse

Metodologia
      Lezioni frontali, attività di ricerca, lavoro individuale

Attività
              Stesura di testi di tipologia varia

Tempi
              Dal mese di dicembre alla fine di febbraio

Mezzi e strumenti
         Elaborare e/o realizzare testi di vario genere

Materiali prodotti
        Saggi, poesie, novelle, racconti

Strumenti di verifica e valutazione
              Giudizio della giuria

Costi
              12 ore di non insegnamento (4 ore per ogni insegnante)
              Euro 20,00 per materiale di consumo




                    ATTIVITA’ DI RECUPERO/POTENZIAMENTO DI FRANCESE


Docente responsabile
        Denari Luisa

Destinatari
         Alunni delle classi 1^A, 2^A, 2^B, 3^A, 3^B

Discipline coinvolte
        Francese



- 164 -
Finalità
              Attivare processi e percorsi di apprendimento

Obiettivi
              Approccio comunicativo
              Approfondire le strutture grammaticali e le funzioni linguistiche
              Ampliare le conoscenze relative alla civiltà

Contenuti
       Funzioni comunicative
       Strutture linguistiche
       Sviluppo delle quattro abilità

Metodologia
        Metodo induttivo, funzionale, comunicativo
        Attività di ripasso e ascolto (comprensione e fonetica)
        Attività a classi aperte

Attività
              Graduate e differenziate per le classi
              Studio assistito
              Adattamento contenuti disciplinari
              Compiti a crescente livello difficoltà

Tempi
              Ore pomeridiane, periodo da concordare

Mezzi e strumenti
         Libri di testo, schede, sussidi didattici

Materiali prodotti
        Verifiche scritte e orali

Strumenti di verifica e valutazione
        Interrogazioni, esercitazioni, test di verifica oggettiva per valutare la comprensione

Costi
              8 ore di insegnamento per l’insegnante coinvolta




- 165 -
                     Le scelte
                   organizzative



                            L’Autonomia nella Scuola 

L’Autonomia consente ad ogni Istituto sia di adeguare l’offerta formativa alle esigenze dell’utenza sia di utilizzare
appieno le proprie risorse, in termini di personale e di attrezzature.
Su questa base ognuna delle cinque sedi ha scelto percorsi di innovazione diversi e caratterizzanti: essi diventano una
risposta ai problemi ritenuti prioritari nel proprio contesto di attività e seguono le linee portanti del progetto di
AUTONOMIA.




- 166 -
                                       Adattamento
                                       Adattamento
                                        callendariio
                                        ca endar o
                  Fllessiibiilliità
                  F ess b tà            scollastiico
                                         sco ast co
                   d''orariio
                    d o r ar o                            Collllaboraziione
                                                          Co aboraz one
                                                            tra Scuolle
                                                            tra Scuo e


      Artiicollaziione
      Art co az one                                                  Collllaboraziione
                                                                     Co aboraz one
            deii
            de                                                        con soggettii
                                                                      con soggett
      gruppii-cllasse
      grupp -c asse                                                     esternii
                                                                        estern
                                       Autonomia
                                       Autonomia

           Recupero e
            Recupero e
          sostegno degllii
          sostegno deg
                                                                    Laboratorii
                                                                    Laborator
          apprendiimentii
          apprend ment
                                                  Introduziione
                                                   Introduz one
                              Sviilluppo e
                              Sv uppo e                  dii
                                                         d
                            approffondiimentto
                            appro ond men o      iinsegnamentii
                                                   nsegnament
                               degllii
                                deg                 aggiiuntiivii
                                                    agg unt v
                           apprendiimentii
                           apprend ment




- 167 -
                                                                               ORGANIGRAMMA

                 Dirigente Scolastico (DS)                                                                   Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA)

        È il responsabile della qualità dei risultati sul piano                                                         E’ il responsabile della gestione amministrativa e finanziaria
                    organizzativo e gestionale                                                                                                    della scuola




                                                                                                                                                                       PERSONALE ATA


                  FUNZIONI STRUMENTALI                                         COMMISSIONI                     REFERENTI DEI PROGETTI                            Composto da
                                                                                                                                                                 3 Assistenti amministrativi
          cinque docenti con i segg. compiti:                        Composti da                              Nominati dal Dirigente
                                                                          Docenti di varie discipline         Scolastico su disponibilità                       11 Collaboratori scolastici
Area 1. Sostegno all’attuazione del POF                                      su individuazione del D.S.,       individuale
Area 2. Sostegno al lavoro dei docenti                                       disponibilità individuale o                                                         Compiti tecnici e amministrativi
Area 3. Promozione di interventi e servizi per gli alunni                    indicazione del collegio          Compiti:
       e le famiglie                                                                                               Coordinare in itinere
                                                                      Compiti:                                          Monitorare i progetti
Compiti:                                                                  Provvedono alla
                Sostenere il lavoro delle varie commissioni e                 strutturazione dei progetti
                cooperare con i referenti: attivare le fasi di
                                                                          Progettano e rivedono
                monitoraggio e verifica del POF;                                                               2 collaboratori
               favorire i rapporti tra scuola e famiglia;                     strumenti di verifica e
               controllare la produzione di materiali didattici e             valutazione;                    4 funzioni strumentali al Piano dell’offerta formativa, anche con
                l’attività di tutoraggio;                                 Presentano proposte                 funzione di gestione routinaria delle sedi
                sostenere le attività curricolari, di continuità e            innovative in materia di
                orientamento, di integrazione e di recupero;                   organizzazione scolastica       1 funzione strumentale al Piano dell’offerta formativa, con
               mantenere i rapporti con enti e istituzioni esterne            (orario, etc..)
                                                                                                               coordinamento di gestione
                alla scuola.                                              Elaborano progetti speciali.        3 sostituti referenti
                                                                          Strutturano le prove di
                                                                               ingresso e di uscita            25 coordinatori di classe


           - 168 -
              L’AUTONOMIA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO
                           E NELLA SCUOLA PRIMARIA
                                     LOMELLO      PIEVE     SARTIRANA
                              MEDE


 Flessibilità di orario         SÌ      SÌ          SÌ             SÌ



 Articolazione flessibile
                                SÌ      SÌ          SÌ             SÌ
 della classe

 Adattamento del calendario
                                SÌ      SÌ          SÌ             SÌ
 scolastico

 Recupero e sostegno
                                SÌ      SÌ          SÌ             SÌ
 degli apprendimenti

 Sviluppo

 e approfondimento              SÌ      SÌ          SÌ             SÌ

 degli apprendimenti

 Introduzione
                                SÌ      SÌ          SÌ             SÌ
 di insegnamenti aggiuntivi




- 169 -
                           Il calendario scolastico 

Il Consiglio d'Istituto ha fissato, in base ai calendari scolastico nazionale e regionale, e ha deliberato
le seguenti vacanze per l’anno 2010/2011.


Inizio delle lezioni                  13 settembre 2010

Fine delle lezioni                    11 giugno 2011

Festa dei Santi                       1 novembre 2010
                                            2 novembre 2010 solo Mede e Lomello

Festa dell’Immacolata Concezione 8 dicembre 2010
                                       9 dicembre 2010 solo Mede e Lomello

Vacanze natalizie                     dal 23 dicembre 2010 al 9 gennaio 2011

Carnevale                             7 e 8 marzo 2011 solo Mede e Lomello

Vacanze pasquali                      dal 21 aprile al 26 aprile 2011 Pieve del Cairo e Sartirana
                                             dal 21 aprile al 27 aprile 2011 Mede e Lomello

Festa della Repubblica                 2 giugno 2010

Festa del Santo Patrono                Scuole di Lomello: 10 maggio 2011
                                       Scuola di Mede:      11 novembre 2010
                                       Scuola di Pieve del Cairo: 14 settembre 2010




- 170 -
                        Funzioni strumentali al P.O.F. 

Per la realizzazione delle finalità istituzionali della scuola in regime di autonomia, il patrimonio professionale dei
docenti viene valorizzato per l’espletamento di specifiche funzioni-strumentali.
A tale scopo, il Collegio Docenti ha identificato le aree di riferimento per le quali attribuire gli incarichi.

   Area 1 - Gestione del Piano dell’Offerta Formativa
   Area 2 - Sostegno al lavoro dei docenti
   Area 3 - Interventi e servizi per gli studenti

Su proposta del Dirigente scolastico e, quindi, con l’approvazione del Collegio Docenti si è ritenuto opportuno, per le
Scuole Secondarie di I grado, suddividere le diverse aree di riferimento tra i docenti responsabili di sezione, che si
occuperanno ognuna di tutto ciò che riguarda la propria sede; è stata inoltre, individuata una funzione di coordinamento
relativa al P.O.F., che assemblerà tutto il lavoro dell’Istituto. In particolare alle responsabili di sezione, ora referenti per
il coordinamento e la gestione routinaria delle sedi (prof. Bottazzi per Pieve, prof. Pagliari per Lomello e prof.
Antona per Sartirana) spetta il compito di:


               Gestione del P.O.F.
   Coordinare le attività curriculari ed extracurriculari
   Organizzarne l’orario e le modalità di svolgimento
   Vigilare affinché nella sezione ci siano condizioni di sereno e ordinato funzionamento


               Sostegno al lavoro dei docenti
   Accogliere i nuovi docenti
   Supportare i docenti, specie di prima nomina, nella stesura delle relazioni, verbali, progetti e nella tenuta dei
    registri scolastici
   Diffondere le comunicazioni e la documentazione proveniente dalla sede centrale
   Gestire la sostituzione dei docenti assenti fino a 15 gg. (con comunicazione immediata alla Segreteria)
   Prendere in custodia e consegnare ai colleghi i testi lasciati in visione dai rappresentanti delle Case Editrici
   Prendere in custodia le schede di valutazione nella fase di compilazione da parte dei docenti



               Interventi e servizi per gli alunni e le famiglie
   Accoglienza
   Orientamento
   Continuità tra gli ordini di scuola
   Vigilanza
   Rapporti di primo livello con l’utenza


               per l’attività di coordinamento                      (affidata alla prof. Percivaldi Anastasia)
    Sono state previste le seguenti funzioni:
   Coordinamento di gestione
   Stesura del documento del P.O.F.
   Ideazione, elaborazione, compilazione della modulistica relativa al P.O.F.
   Attività di monitoraggio e di valutazione delle attività del P.O.F.
   Organizzazione e tenuta dell’archivio delle best-practices
   Inventario dei sussidi didattici recenti ed utilizzabili in modo proficuo disponibili presso le varie sedi e diffusione
    dell’elenco



- 171 -
 per la scuola primaria:                 (affidata alla maestra Ferrara Antonella)



              Gestione del P.O.F.
   Coordinare le attività curriculari ed extracurriculari
   Organizzarne l’orario e le modalità di svolgimento


              Sostegno al lavoro dei docenti
   Accogliere i nuovi docenti
   Supportare i docenti, specie di prima nomina, nella stesura delle relazioni, verbali, progetti e nella tenuta dei
    registri scolastici
   Diffondere le comunicazioni e la documentazione proveniente dalla sede centrale
   Gestire la sostituzione dei docenti assenti fino a 15 gg. (con comunicazione immediata alla Segreteria)
   Prendere in custodia e consegnare ai colleghi i testi lasciati in visione dai rappresentanti delle Case Editrici
   Prendere in custodia le schede di valutazione nella fase di compilazione da parte dei docenti



              Interventi e servizi per gli alunni e le famiglie
   Accoglienza
   Orientamento
   Continuità tra gli ordini di scuola
   Vigilanza
   Rapporti di primo livello con l’utenza




- 172 -
                                       Funzione docente 

La funzione docente è declinata nelle seguenti attività:
 attività di insegnamento;
 attività funzionali all’insegnamento;
 attività aggiuntive di insegnamento;
 attività aggiuntive funzionali all’insegnamento




                               Attività di insegnamento 
                               Le classi e gli insegnanti assegnati
Il Dirigente Scolastico, tenendo conto della normativa vigente, dei criteri e delle proposte elaborati rispettivamente dal
Consiglio di Istituto e dal Collegio dei Docenti, assegna i docenti alle classi, rispettando sostanzialmente due principi:

   la continuità didattica nella classe e nella sezione
   l’anzianità di servizio come da graduatorie



        l’anzianità di servizio come da graduatorie.        SCUOLA PRIMARIA DI LOMELLO
INSEGNANTI                                                        CLASSI

TEMPELLA Gianfranca                                               Classe 1^A

FERRARA Antonella

MASSONE Anna                                                      Classe 2^A

RUGGIA Silvia

AMELOTTI Ottaviana                                                Classe 3^A

TORTI Grazia

VACCARONE Anna Maria                                              Classe 4^A

MALASPINA Cristina

MARTINOTTO Giuseppina                                             Classe 5^A

ICARDI Stefania

MASSONE Anna Giustina                                             Insegnante di lingua inglese (ore 12 part time)

SPOSATO Laura                                                     Insegnante di sostegno: 3^ A - 5^A




- 173 -
                  SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI MEDE
INSEGNANTI DI LETTERE                      CLASSI
CONTE Marina                               1^ A (Lettere e Cittadinanza e Costituzione) 1^B –
                                           1^C – 2^A – 2^B - 2^C – 2^D – 3^A – 3^C
                                           (Cittadinanza)         h. 18
PERCIVALDI Anastasia                       2^ A – 3^A (Lettere)           h. 18
POLES Eugenio                              2^D – 3^B (Lettere) – 3^B (Cittadinanza)
                                           h. 19
CALVI Silva                                1^ B –2^B (Lettere)        h. 18
ZELASCHI Wilma                             2^ C – 3^C (Lettere)          h. 18
GAMALERIO Maria Luisa                      1^ C – 3^D (Lettere) – 3^D (Cittadinanza) h. 19
INSEGNANTI DI SCIENZE MATEMATICHE          CLASSI
MIRABILE Celestina                         1^, 2^ , 3^ A – 2^D                  h.24
MESCHINI Milena                            1^ , 2^ , 3^ B                       h. 18
CRABI Maura                                1^ , 2^ , 3^ C                       h. 18
GATTI Antonella                            3^D                                  h. 6
INSEGNANTI DI LINGUA STRANIERA             CLASSI
DELLACASA Costantina (Francese)            1^ , 2^ , 3^ A – B – C                h. 18
MAZZARELLO Cesarina (Francese e Inglese)   2^ , 3^ D (Francese) - 3^D (Inglese) h.4 +3=7
CATTANEO Anna Maria (Inglese)              2^ , 3^ C                            h. 6
ROSA Maria Giovanna (Inglese)              1^ , 2^ , 3^ A - B                   h. 18
GUASCHI Paola (Inglese)                    1^C - 2^ D,                          h. 6
INSEGNANTI DI ARTE E IMMAGINE              CLASSI
TAVANO Luisa                               1^ , 2^ , 3^ A - B - C ; 2^, 3^D      h. 18+4=22
INSEGNANTI DI SCIENZE MOTORIE              CLASSI
GALLIZZI Carmela                           1^ - 2^ - 3^ A - B - C ; 2^,3^D       h.18+4=22
INSEGNANTI DI MUSICA                       CLASSI
SCAPITA Siro                               1^, 2^, 3^ A- B- C                    h. 18
BARDONI Loretta                            2^, 3^D e attività alternativa insegnamento di
                                           religione cattolica                   h.4+2=6
INSEGNANTI DI TECNOLOGIA                   CLASSI
GIRARDI Natalino                           1^ , 2^ , 3^ A – B – C; 2^, 3^D      h. 18+4=22
INSEGNANTE DI RELIGIONE                    CLASSI
PISANO Daniele                             1^ , 2^ , 3^ A – B - C
                                           2^, 3^ D                             h. 11
INSEGNANTI DI SOSTEGNO                     CLASSI
BIANCARDI Maria Cecilia                    3^ D                                  h. 18
PIREDDU Silvana                            3^B – 3^ B                            h. 18
SERGIO Ilenia                              2^A – 3^A – 2^D                       h. 18
BARBARA Salvatore                          1^ A – 1^ B –2^B                      h. 18
GUERRA Rosanna                             1^ C - attività alternativa insegnamento religione
                                           cattolica                             h 9+9=18




               SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI LOMELLO
INSEGNANTI DI LETTERE                      CLASSI
PAGLIARI Renata                            3^ A (Lettere)                     h. 9
MASTRONUZZI Gianna                         1^ , 2^ B (Lettere)                h. 18
ARIENTI Daniela                            1^, 2^ A (Lettere)                 h. 18
BORDONALI Federica                         (S.T. allattamento Arienti)        h. 5
INSEGNANTI DI SCIENZE MATEMATICHE          CLASSI



- 174 -
PERONE Anna                                            1^, 2^, 3^ A                    h. 18
SACCHI Eleonora                                        1^, 2^ B                        h.12
INSEGNANTI DI LINGUA STRANIERA                         CLASSI
MAZZARELLO Cesarina (Inglese) (Francese)               1^, 2^, 3^ A ; 1^, 2^ B ; 3^A   h. 18
DENARI Luisa (Francese)                                1^ , 2^ , 3^ A - B                  h. 12
INSEGNANTI DI ARTE E IMMAGINE                          CLASSI
BISCALDI Carlo                                         1^, 2^, 3^ A; 1^, 2^ B           h. 10
INSEGNANTE DI SCIENZE MOTORIE                          CLASSI
DELUCHI Rossana                                        1^, 2^, 3^ A; 1^, 2^ B           h. 10
INSEGNANTI DI MUSICA                                   CLASSI
BRANDINO Marco                                         1^, 2^, 3^ A; 1^,2^ B            h. 10
INSEGNANTE DI TECNOLOGIA                               CLASSI
MAGNANI Massimo                                        1^, 2^, 3^ A; 1^, 2^ B          h. 10
INSEGNANTE DI RELIGIONE                                CLASSI
PISANO Daniele                                         1^, 2^, 3^ A; 1^, 2^ B           h. 5
INSEGNANTE DI SOSTEGNO                                 CLASSI
DENARI Luca                                            2^ A,                            h. 18
FRANZIN Gian Maria                                      1^ A, 1^ B                      h. 9
CHIERICI Paola                                          2^ B, 3^ A                      h. 18
INSEGNANTE DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE                CLASSI
CALVI Silva                                             1^, 2^, 3^ A; 1^, 2^ B          h. 5




           SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI PIEVE DEL CAIRO
INSEGNANTI DI LETTERE                                  CLASSI
BOTTAZZI Maria Grazia                                  2^ A - 3^ A (Lettere)           h 18 + 2=20
SALVATI Monica                                         1^ A - 2^ B (Lettere)           h. 18+2=20
INSEGNANTI DI SCIENZE MATEMATICHE                      CLASSI
DENARI Luca                                            2^ B                            h. 6
TRICHES Manuela                                        1^ , 2^, 3^ A                   h 18
INSEGNANTI DI LINGUA STRANIERA                         CLASSI
CATTANEO Anna Maria (Inglese)                          1^ , 2^ , 3^ A ; 2^ B            h. 12
NOBILI Giuseppina (Francese)                           1^ - 2^ - 3^ A; 2^ B             h. 8
INSEGNANTE DI ARTE E IMMAGINE                          CLASSI
DI LORENZO Debora/GARLASCHINI Enrica (Suppl. su mat)   1^, 2^, 3^ A                     h. 6
TAVANO Luisa                                           2^ B                             h. 2
INSEGNANTE DI SCIENZE MOTORIE                          CLASSI


- 175 -
DELBO’ Maria Giuseppina                         1^ , 2^ , 3^ A                  h. 6
INSEGNANTE DI MUSICA                            CLASSI
BARDONI Loretta                                 1^ , 2^ , 3^ A ; 2^ B               h. 8
INSEGNANTE DI TECNOLOGIA                        CLASSI
MAGNANI Massimo                                 1^ , 2^ , 3^ A ; 2^ B               h. 8
INSEGNANTE DI RELIGIONE                         CLASSI
ZORZOLI Maura                                   1^ , 2^ , 3^ A ; 2^ B                h. 4

INSEGNANTE DI SOSTEGNO                          CLASSI
TORNIELLI Simone                                1^ , 3^A                            h 23.30




                SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI SARTIRANA
INSEGNANTI DI LETTERE                           CLASSI
GIRINI Manuela                                  2^ B –3^ B (Lettere)        h. 18
LEVA Cinzia                                     2^, 3^ A (Lettere)          h. 18
RUFFINONI Marco                                 1^ A (Lettere)              h. 9
RUFFINONI Marco (Cittadinanza e Costituzione)   1^, 2^, 3^ A; 2^, 3^        h. 5
INSEGNANTI DI SCIENZE MATEMATICHE               CLASSI
ANTONA Ornella                                  1^ , 2^ , 3^ A              h. 18
GATTI Antonella                                 2^, 3^ B                    h. 12
INSEGNANTI DI LINGUA STRANIERA                  CLASSI
DENARI Luisa (Francese)                         1^ , 2^ , 3^ A ; 2^, 3^ B   h. 10
GUASCHI Paola (Inglese)                         1^, 2^ , 3^ A; 2^, 3^ B      h. 15
INSEGNANTI DI ARTE E IMMAGINE                   CLASSI
BISCALDI Carlo                                  1^ , 2^ , 3^ A; 2^, 3^ B     h. 10

INSEGNANTI DI SCIENZE MOTORIE                   CLASSI
DELUCHI Rossana                                 1^ , 2^ , 3^ A; 2^, 3^ B    h. 10

INSEGNANTI DI MUSICA                            CLASSI



- 176 -
BRANDINO Marco                                                     1^ , 2^ , 3^ A; 2^, 3^ B         h. 10
INSEGNANTI DI TECNOLOGIA                                           CLASSI
DENARI Elfio                                                       1^, 2^ , 3^ A ; 2^, 3^ B         h. 10
INSEGNANTE DI RELIGIONE                                            CLASSI
PISANO Daniele                                                     2^, 3^ B                        h. 2
ZORZOLI Maura                                                      1^, 2^, 3^ A                    h. 3
INSEGNANTE DI SOSTEGNO                                             CLASSI
SCOLARO Roberto                                                    2^, 3^ A - 3^ B                 h. 18




                            L’orario settimanale delle lezioni
Pur con il vincolo determinato dagli impegni di alcuni docenti presso altri Istituti, la formulazione dell’orario delle
lezioni tiene conto dei seguenti criteri deliberati dal Collegio Docenti e dal Consiglio d’Istituto:
     - razionale distribuzione delle materie,
     - alternanza di discipline operative e teoriche,
     - avvicendamento degli insegnanti,
     - distribuzione delle compresenze per un miglior utilizzo delle strutture scolastiche,
     - 2 ore consecutive di Arte e immagine e Tecnologia per le classi seconde e terze, ove è possibile
I quadri orari delle cinque sedi sono presenti nelle pagine relative al Piano dell’Offerta Formativa di ogni scuola, e
precisamente:

             Scuola secondaria di primo grado di Mede                 pag. 77
             Scuola primaria di Lomello                               pag. 100
             Scuola secondaria di primo grado di Lomello              pag. 109
             Scuola secondaria di primo grado di Pieve del Cairo      pag. 120
             Scuola secondaria di primo grado di Sartirana            pag. 129



                   Attività funzionali all’insegnamento 
                                  Il rapporto Scuola - Famiglia

Questo Istituto crede nella validità di un rapporto con le famiglie che si basi su alcuni punti fermi:




- 177 -
 la Scuola deve porsi in una posizione di ascolto e di accoglienza;
 è importante costruire un colloquio libero da ambiguità, prevaricazione e diffidenza;
 scopi ed orientamenti educativi della Scuola devono essere chiariti e motivati alle famiglie.
Per quanto riguarda la Scuola secondaria di primo grado, l’incontro tra genitori e docenti è possibile:

    a) con colloqui individuali la seconda settimana di ogni mese (ore di ricevimento parenti);
    b) negli incontri generali che avvengono tre volte l’anno, generalmente il sabato pomeriggio:
     alla fine del mese di ottobre (presentazione dell’andamento di ogni alunno, con consegna di una “scheda di
         rilevazione della situazione di partenza”);
     a metà febbraio (consegna della scheda di valutazione del profitto del 1° quadrimestre);
     nel mese di aprile (consegna di una “pagellina” che inquadra, in quel momento, la situazione formativa di ogni
         allievo e che segnala ad alunni e genitori l’eventuale necessità di un impegno più costante ed organico.
    c) In momenti anche non prefissati, a richiesta dei genitori e previo accordo con Dirigente Scolastico e docenti.
    Inoltre,
     al termine dell’anno scolastico la scheda di valutazione del profitto del II quadrimestre viene consegnata dai
         docenti non impegnati negli Esami di Stato.
L’incontro tra genitori e Dirigente Scolastico è possibile in ogni momento, anche senza preavviso, durante l’orario
d’ufficio del Dirigente stesso, se non altrimenti impegnato, oppure previo appuntamento.

Nella Scuola primaria gli insegnanti sono disponibili al colloquio con i singoli genitori nel corso della settimana
(durante l’orario di apertura della scuola), previa comunicazione scritta sul diario, e gli incontri generali si tengono, di
norma, ogni due mesi.
La partecipazione dei rappresentanti dei genitori negli Organi Collegiali (Consigli di Classe, Consigli di
Interclasse, Consiglio di Istituto, Giunta Esecutiva, Comitato di Garanzia) diventa un altro fattore importante di
confronto e di colloquio con l’utenza.

                                         Gli Organi Collegiali
Nell’Istituto funzionano i seguenti Organi Collegiali:

Consiglio di Istituto     18 membri, di cui 8 rappresentanti dei genitori, 8 rappresentanti dei docenti, 1 rappresentante
                          del personale ATA, il Dirigente Scolastico.
                                     Dirigente scolastico: dott.ssa Vitale Giovanna
                                  Insegnanti: Pisano Daniele              Denari Luisa
                                              Magnani Massimo             Icardi Stefania
                                              Bottazzi M. Grazia          Martinotti Giuseppina
                                                       Poles Eugenio               Conte Marina
                                     Genitori:         Pregnolato Daniela          Volpi Elena Rita
                                                       Cerri Stefano               Galluzzo Nella
                                                       Guaschi Paola               Agapito Achille
                                                       Semino Massimo              Zaino Marco
                                     ATA:              Perotti Ivana (assistente amministrativa)

Ha potere deliberante per quanto concerne l’organizzazione e la programmazione della vita e dell’attività della Scuola.

Giunta Esecutiva        5 membri, di cui 1 rappresentante dei docenti, 2 rappresentante dei genitori, il Dirigente
                        Scolastico, il Direttore dei servizi generali e amministrativi.
                                        Dirigente scolastico: dott.ssa Vitale Giovanna
                                        Prof. Pisano Daniele
                                        Sig.ra Volpi Elena Rita
                                        Sig.ra Guaschi Paola
                                        DSGA: Sig.ra. Arcorace Ada



- 178 -
Prepara i lavori del Consiglio di Istituto e cura l’esecuzione delle delibere dello stesso.

Collegio dei Docenti E’ composto dal Dirigente Scolastico, che lo presiede, e dai docenti in servizio nella Scuola.
                     Ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico e educativo della Scuola.
Consiglio di Classe Specifico della Scuola secondaria di primo grado.
                     E’ composto dal Dirigente Scolastico, dai docenti di ogni singola classe, da 4 rappresentanti eletti
                     dai genitori degli alunni nelle elezioni del 29/10/2010:
                                                     per Mede:
          1^A: Fornaroli Stefano                               Gatti Antonella Piazza
                  Vailati Luigina Tempella                     Risoli Ornella Resta
          1^B: De Rosa Nicola                                  Cerri Erika Toniato
                  Laino Adriana Monachella                     Rexephi Flutra
          1^C: Galli Gianluca                                   Della Monaco Antonio
                  Cortellino Domenico                           Belloni Cinzia Marchiotti
          --------------------------------------------------------------------------------------------
          2^A: Lamanna Katia Sempio                            Tempella Domenica Montani
                   Riccardi Lucia Bertarello                    Carlino Maria Rosaria Moscatello
          2^B: Lambra Anna Maria Ferraris                      Broveglio Marco
                  Garberi Silvia                               Bozzelli Michela Carena
          2^C: Grassi Rosa Padovan                             Balladore Rossana Costa
                  Guaschi Paola Martullo                       Mancuso Stefania Montalbano
          2^D Voglini Silvia Maggi                             Chiesa Daniela Casalino
                  Mazzucco Kety Fontana
          --------------------------------------------------------------------------------------------
          3^A: Barbieri Lucia Massarelli                       Masinari Luciana Zafferoni
                  Malvicini Loretta Pozzato
          3^B: Magni Daniela Gerzeli                           Madorini Ernesto
                  Cisterna M. Roberta Greggio
          3^C: Iselli Paola Lambra                             Bertucci Anna Crosta
                  Fontana Daniela Zapelli                      Kovachevich Silvina Wald
          3^ D Pilotto Monica Fantaguzzi                       Cavalleri Alessandra Contarino
                  Pavese Marcella Coco
          ------------------------------------------------------------------------------------- -------

                                                      per Lomello:
          1^A: Berri Antonella Chiodi                          Freguglia Manuela Ferlenghi
                  Bonafè Katia Ottoboni                        Milo Gabriella Rabitti
          1^B: Massone Anna Giustina Nobili                    Prioletti Angela Santagata
                  Cafiero Anna Bove                            Tiozzo Ombretta Pititto
          ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
          2^A: Vecchio Paola Bovolenta                         Rossetti Patrizia Amico
          2^B: Gmelin Francy Mary                              Tardani Francesco
                  Collarino Milena Contini                      Ragazzi Marco
          ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
          3^A: Silvestri Stefania Garini                       Fecchio Ornella Torti
                  Armanno Antonina Ballatore                   Agapito Achille
          ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
                                                      per Pieve del Cairo:
          1^A: Morelli Ombretta Morosin                        Gagliardi Annalisa Curti
                  Grieco Margherita Di Prima                   Zanta Brunetta Maronchelli


- 179 -
          --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
          2^A: Barbieri Bruna Serrone                          Sturla Francesco
                   Longo Giuseppa La Scala                     Semino Massimo
          2^ B Aglio Elisabetta Magagnato                       Massola Monica Coassolo
                   Bin Deborah Capella                          Malo Vita Torti
          ---------------------------------------------------------------------------------------------
          3^A: Angeleri Linda Romanino                         Giorgino Celeste Landini
                  Peretto Maria Barbara                        Coppola Antonietta Cerri
          ---------------------------------------------------------------------------------------------

                                                     per Sartirana:
          1^A: Volpi Paola Lanziani                            Zanda Elena Stea
                  Nese Marinella Ghiselli
          -----------------------------------------------------------------------------------------------
          2^A: Garimberti Anna Amabile                         Pregnolato Daniela Martinotti
          2^B: Volpi Rita Elena Gasparotto                     Barbaglia Loredana Gamalerio
                  Lacelli Chiara Luci
          -----------------------------------------------------------------------------------------------
          3^A: Coccarelli Maria Teresa Vezzoni                 Ferrara Barbara Martinoli
                  Spadetto Patrizia Aceti
          3^B: Ciapanna Cinzia Aguggia                         Lasagna Raffaella

Il Consiglio di Classe è organo di coordinamento di programmazione educativa e didattica, di valutazione e di verifica
dell’andamento dell’attività della classe.
Con la sola presenza dei docenti, procede alla valutazione dei singoli alunni.

Consiglio di Interclasse                 Specifico della Scuola primaria.
                                         Tecnico: è composto dal Dirigente Scolastico e da tutti i docenti del plesso.
                                         Giuridico: è composto dal Dirigente Scolastico, da tutti i docenti del plesso e dai
                                         rappresentanti eletti dai genitori degli alunni (1 rappresentante per ogni classe); in
                                         particolare:
                                         1^A:     Pocalana Monica Barteloni
                                         2^A:     Becagli Laura Bellingeri
                                         3^A:     Contini Maria Ferri
                                         4^A:     Mosca Rita Ceci
                                         5^A:     Prioletti Angela Santagata

Il Consiglio di Interclasse ha il compito di formulare al Collegio Docenti proposte in ordine all’azione educativa e
didattica e ad iniziative di sperimentazione.
Con la sola presenza dei docenti, procede alla valutazione dei singoli alunni.

Organo di Garanzia                       E’ composto dal Dirigente Scolastico, da 2 rappresentanti dei genitori, da 2
                                         rappresentanti dei docenti.

Ha compito di garanzia e di mediazione.

Interviene in presenza di reclami di alunni e genitori a fronte di provvedimenti disciplinari adottati dalla Scuola (con
esclusione della sospensione).

Comitato di valutazione del Servizio dei Docenti




- 180 -
                                      E’ formato dal Dirigente Scolastico e dai docenti Ruggia Silvia, Meschini Milena,
                                      Gamalerio M. Luisa e Guaschi Paola (effettivi), Massone Anna e Mazzarello
                                      Cesarina (supplenti).

Provvede alla valutazione del servizio degli insegnanti.

All’inizio dell’anno il Capo di Istituto predispone il Piano Annuale dell’attività del personale docente:
esso contiene l’elenco delle attività programmate in ordine alle riunioni degli organi collegiali.




Calendario attività funzionali all’insegnamento di carattere collegiale
                                                      SCUOLA SECONDARIA
DATA           RIUNIONE                                                           SEDE
                                     MEDE                    LOMELLO                 PIEVE            SARTIRANA
05-10-10       CONSIGLIO DI          C-D: ore 14-17

12-10-10       CLASSE                A-B-D: ore 14-17                                A-B: ore 14-16

19-10-10       (senza genitori)                              A-B: ore 14-16                           A-B: ore 14-16

29-10-10       ELEZIONE Rappresentanti Genitori e CONSEGNA pagelline: ore 15.30-18

16-11-10       CONSIGLIO DI          A: ore 14-16            A: ore 14-16            A-B: ore 14-17

23-11-10       CLASSE                B-D: ore 14-17          B: ore 14-15                             A: ore 14-16

30-11-10       (con genitori)        C-D: ore 14-17                                                   B: ore 14-15

14-12-10       CONSIGLIO DI          A-B-D: ore 14-17        A-B: ore 14-16

21-12-10       CLASSE                C-D: ore 14-17                                  A-B: ore 14-16   A-B: ore 14-16
               (con genitori)
18-01-11                             A: ore 14-16                                    A: ore 14-17

20-01-11                             B-D: ore 14-17.20
               PRESCRUTINI
25-01-11                                                     A -B: ore 14-17.20                       A-B: ore 14-17.20

28-01-11                             C: ore 14-16

-01-11         COLLEGIO DOCENTI

01-02-11       SCRUTINI                                                                               A: ore 14-16

02-02-11                                                                             A-B: ore 14-17

03-02-11                             A: ore 14-16




- 181 -
                                                       SCUOLA SECONDARIA
DATA           RIUNIONE                                                       SEDE
                                     MEDE                    LOMELLO             PIEVE              SARTIRANA
04-02-11                                                     A: ore 14-16

08-02-11                                                     B: ore 16-17                           B: ore 14-15

09-02-11                             B-D: ore 14-17

10-02-11                             C-D: ore 14-17

12-02-11       CONSEGNA Schede di valutazione personale: ore 14.30-17

01-03-11       CONSIGLIO DI          A-C: ore 14-16          A-B: ore 14-16

08-03-11       CLASSE                                                            A-B: ore 14-16     A-B: ore 14-16

09-03-11       (con genitori)        B-D: ore 14-16

12-04-11       CONSIGLIO DI          B-D: ore 14-17          A-B: ore 14-16      A-B: ore 14-17

19-04-11       CLASSE                A-C-D: ore 14-17                                               A-B: ore 14-1
               (con genitori)
-04-11         COLLEGIO              DOCENTI

29-04-11       CONSEGNA Pagelline: ore 16.30-19.00

24-05-11                             A- D: ore 14-17         A: ore 14-16        A-B: ore 14-17

25-05-11       PRESCRUTINI           C-D: ore 14-17          B: ore 14-15                           A: ore 14-16

26-05-11                             B: ore 14-16                                                   B: ore 14-15


31.05-11                                                                A

01-06-11                                                                B                                     B

03-06-11                                      C-D

06-06-11       SCRUTINI                                                                  A-B

07-06-11                                                                                                      A

08-06-11                                      B-D

09-06-11                                       A

       CALENDARIO DELLE RIUNIONI DEGLI OO.CC DELLA SCUOLA PRIMARIA
                        “C.ASSANDRA” A.S. 2010/2011

               DATA                                       RIUNIONE                                ORARIO

1 settembre                                COLLEGIO DOCENTI UNITARIO                Or e 1 0

10 settembre                               COLLEGIO DOCENTI UNITARIO                Or e 1 0

27 ottobre                                 Assemblea dei genitori e votazioni
                                           d ei  rappresentanti   di   classe
                                           Colloqui                                 Ore 14.30

                                                                                    Ore 15.30

17 novembre                                Interclasse Tecnico                      Ore 14.05

                                           Interclasse Giuridico                    Ore 15.05

15 dicembre                                Colloqui                                 Ore 14.30

26 gennaio                                 Interclasse Tecnico                      Ore 14.05




- 182 -
                                         Interclasse Giuridico                     Ore 15.05

16 febbraio                              Distribuzione scheda di valutazione e     Ore 14.05
                                         colloqui

6 aprile                                 Interclasse tecnico                       Ore 14.05

13 aprile                                Colloqui                                  Ore 14.05

18 maggio                                Interclasse Tecnico                       Ore 14.05

                                         Interclasse Giuridico                     Ore 15.05

maggio                                   COLLEGIO DOCENTI

8 giugno                                 Interclasse Tecnico                       Ore 14.05

18 giugno                                Distribuzione scheda di valutazione       Or e 9




            Attività aggiuntive funzionali all’insegnamento
                              Le commissioni e i gruppi di lavoro
 Il Collegio dei Docenti all’inizio dell’anno scolastico, si è articolato in commissioni e gruppi di lavoro, con il compito
di predisporre l’organizzazione di varie attività o progetti.
Di loro fanno parte insegnanti delle cinque sedi, che in questo modo confrontano le varie esigenze, uniformandole o
differenziandole a seconda delle situazioni formative.

A settembre, prima dell’inizio delle lezioni, hanno operato le seguenti commissioni:

   Commissione per la programmazione delle attività di Accoglienza per gli alunni delle classi prime, le Prove di
    ingresso e l’Orientamento
   Commissione per l’Educazione all’Ambiente e alla Salute
   Commissione per l’Educazione all’immagine
   Commissione per il Recupero e il Potenziamento
   Commissione per la Multimedialità
   Commissione per la formulazione dell’orario: Pagliari Renata (sede di Lomello), Bottazzi Maria Grazia (sede di
    Pieve del Cairo), Antona Ornella (sede di Sartirana)

Funzionano, anche nel corso dell’anno scolastico, le seguenti commissioni:




- 183 -
   Commissione Visite Guidate e Viaggi di Istruzione: Calvi Silva, Poles Eugenio (sede di Mede), Denari Luisa
    (sede di Sartirana), Mazzarello Cesarina (sede di Lomello, scuola secondaria), Icardi Stefania (Scuola Primaria di
    Lomello), Bottazzi Maria Grazia (sede di Pieve del Cairo)
   Gruppo H: tutti gli insegnanti di sostegno
   Gruppo d’ascolto: tutti i coordinatori in collaborazione con gli psicologi
   Commissione per recupero extracomunitari: Pagliari Renata (sede di Lomello), Zelaschi Wilma (sede di Mede),
    Salvati Monica (sede di Pieve del Cairo), Massone Anna (Scuola Primaria di Lomello), Denari Luisa (sede di
    Sartirana)
   Commissione per le Attività Sportive: Deluchi Rossana, Gallizzi Carmela, Delbò Maria Giuseppina
   Commissione per l’Educazione alla Lettura: Zelaschi Wilma, Bottazzi Maria Grazia, Girini Manuela, Pagliari
    Renata
   Commissione mensa: Ferrara Antonella, Ruggia Silvia
   Commissione per l’Educazione alla legalità (educazione stradale e sicurezza): Poles, Pagliari, Triches e Denari E.
   Commissione P.O.F.: Dirigente scolastico, D.S.G.A., Percivaldi e Ferrara

Questi gruppi di lavoro autogestiscono la propria attività nel rispetto di scadenze temporali, fissate dalle disposizioni
normative o definite dal Collegio dei Docenti e percepiscono un compenso nell’ambito del fondo d’Istituto.

   In applicazione della L. 626/94 sulla sicurezza nella Scuola è costituita una commissione mista di docenti e
    personale ATA.

         Riveste l’incarico di Responsabile del Servizio per la Prevenzione e la Sicurezza il Dirigente Scolastico,
          con il quale collaborano gli insegnanti Mazzarello Cesarina (R.L.S.), Poles Eugenio (Sc. secondaria di primo
          grado Mede), Ruggia Silvia (Sc. primaria Lomello), Pagliari Renata (Sc. secondaria di primo grado Lomello),
          Triches Manuela (Sc. secondaria di primo grado Pieve del Cairo), Denari Elfio (Sc. secondaria di primo grado
          Sartirana) e sig. Pecorini P. della Zoth Service per incarico responsabile servizi prevenzione e protezione
          (RSPP).

Sono addetti alla Prevenzione Incendi:

    -     per la sede di Mede: Zappavigna Cosma, Fabiano Antonia, La Cognata Rosario, Borali Emanuela, Poles
          Eugenio;
    -     per la sede di Lomello (Sc. primaria): Belziti Isabella, Piparo Lorenzo, Ruggia Silvia;
    -     per la sede Lomello (Sc. secondaria di primo grado): Riva Luana, Zorzoli Antonio, Pagliari Renata;
    -     per la sede di Pieve del Cairo: Lacerenza Gaetano, Triches Manuela, Bottazzi Maria Grazia;
    -     per la sede di Sartirana: Arrigoni Alessandra, Corbella Luisa, Antona Ornella.

Sono addetti al Primo Soccorso:
    - per la sede di Mede: Fabiano Antonia, Borali Emanuela, Zappavigna Cosma, La Cognata Rosario;
    - per la sede di Lomello (Sc. primaria): Piparo Lorenzo, Belziti Isabella;
    - per la sede di Lomello (Sc. secondaria di primo grado): Zorzoli Antonio, Riva Luana;
    - per la sede di Pieve del Cairo: Lacerenza Gaetano;
    - per la sede di Sartirana: Arrigoni Alessandra; Corbella Luisa.

Sono referenti per le attività relative all’Evacuazione:
    - per la sede di Mede: Poles Eugenio
    - per la sede di Lomello (Sc. primaria): Ruggia Silvia
    - per la sede di Lomello (Sc. secondaria di primo grado): Pagliari Renata
    - per la sede di Pieve del Cairo: Bottazzi Maria Grazia
    - per la sede di Sartirana: Denari Elfio

É rappresentante dei lavoratori per la sicurezza la prof.ssa Mazzarello Cesarina.




- 184 -
                                     Gli incarichi dei docenti
 Svolgono azione di supporto organizzativo al Dirigente Scolastico:
    -     il Collaboratore Vicario Eugenio Poles;
    -     il Collaboratore del Dirigente Scolastico Silvia Ruggia;
    -     gli insegnanti addetti alla vigilanza delle sezioni associate, Silvia Ruggia (Sc. primaria di Lomello), Renata
          Pagliari (Sc. secondaria di primo grado di Lomello), Maria Grazia Bottazzi (Sc. secondaria di primo grado di
          Pieve del Cairo), Ornella Antona (Sc. secondaria di primo grado di Sartirana);
    -     i sostituti degli addetti alla vigilanza: Cesarina Mazzarello (Sc. secondaria di primo grado di Lomello),
          Emanuela Triches (Sc. secondaria di primo grado di Pieve del Cairo), Manuela Girini (Sc. secondaria di primo
          grado di Sartirana).
 Sono Coordinatori e Segretari dei vari Consigli di Classe i seguenti docenti:

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI MEDE
CLASSE 1^A           CLASSE 2^A                   CLASSE 3^A           CLASSE 1^B        CLASSE 2^B CLASSE3^B
Conte                Mirabile                     Percivaldi           Meschini          Calvi       Poles
Dellacasa            Percivaldi                   Tavano               Calvi             Meschini    Rosa
CLASSE 1^C           CLASSE 2^C                   CLASSE 3^C           CLASSE 2^ D       CLASSE 3^ D
Gamalerio            Crabi                        Zelaschi             Guaschi           Gamalerio
Guaschi              Zelaschi                     Crabi                Pisano            Biancardi




- 185 -
SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI LOMELLO
CLASSE 1^A          CLASSE 2^A          CLASSE 3^A          CLASSE 1^B          CLASSE 2^B
Perone              Arienti             Pagliari            Mastronuzzi         Sacchi
Mazzarello          Mazzarello          Perone              Biscaldi            Magnani


SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI PIEVE DEL CAIRO
CLASSE 1^A          CLASSE 2^A          CLASSE 3^A          CLASSE 2^B
Salvati             Triches             Bottazzi            Cattaneo
Cattaneo            Bottazzi            Triches             Salvati


SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI SARTIRANA
CLASSE 1^A           CLASSE 2^A        CLASSE 3^A           CLASSE 2^B                 CLASSE
                                                                                       3^B
Ruffinoni            Antona            Leva                 Gatti                      Girini
Denari L.            Leva              Antona               Girini                     Denari L.


SCUOLA PRIMARIA DI LOMELLO
CLASSE 1^A          CLASSE 2^A          CLASSE 3^A          CLASSE 4^A          CLASSE 5^A
Le Insegnanti di classe coordinate da Silvia Ruggia (segretario Malaspina)




                  Le attività aggiuntive di insegnamento 
Visto il Piano dell’Offerta Formativa, le attività aggiuntive di insegnamento sono deliberate nell’ambito delle risorse
finanziarie disponibili; esse consistono nello svolgimento di interventi didattici e educativi integrativi o in ulteriori
attività aggiuntive di insegnamento volte all’arricchimento e all’integrazione dell’Offerta Formativa (tali corsi potranno
realizzarsi solo con un numero di alunni non inferiore a 10).
Nell’anno scolastico 2010/2011 saranno svolte le seguenti attività aggiuntive di insegnamento:

 laboratori (vedi progetti specifici delle diverse sedi)
 corsi di recupero e approfondimento pomeridiani (vedi progetti specifici delle diverse sedi).




     L’organizzazione del lavoro del Personale A.T.A.
Prestano servizio nell’Istituto:

 1 Direttore dei servizi generali e amministrativi
 3 Assistenti Amministrativi
 11 Collaboratori Scolastici (4 a Mede, 2 alla Primaria, 2 alla Sec. di Lomello, 1 a Pieve del Cairo, 2 a Sartirana)




- 186 -
L’orario di apertura dell’Istituto è, di norma, dalle ore 7,30 alle ore 17,30, nei giorni in cui si svolgono attività
didattiche pomeridiane, dalle ore 7,30 alle ore 13,30 negli altri giorni. In presenza di incontri collegiali pomeridiani
l’orario di apertura potrà essere, in caso di necessità, dalle ore 7,30 alle ore 18,00.
L’Ufficio di Segreteria a Mede è aperto al pubblico dalle ore 11 alle ore 13 e dalle 15 alle 16 dal lunedì al venerdì. Il
sabato l’accesso del pubblico è consentito fino alle ore 13.00.


ORARIO FUNZIONAMENTO ISTITUTO A. S. 2010/2011


Orario generale di servizio                                      36 ore settimanali con possibilità di effettuare turnazione
(durante il periodo delle lezioni)                               e orario flessibile su 5 giorni settimanali

Orario periodo di sospensione delle lezioni                      36 ore settimanali con turno unico dal lunedì al sabato
Vacanze estive (luglio / agosto)
Vacanze natalizie
Vacanze pasquali

Collaboratori Scolastici Scuola Secondaria di primo grado di MEDE
Numero 2 unità sono impegnati dalle ore 7,30 alle ore 13,30 dal lunedì al sabato con orario fisso su tutto l’anno
scolastico.
Due unità di personale turneranno nel modo seguente:
1° settimana
N° 1 unità dalle ore 11,30 alle ore 17,30 il lunedì, martedì, giovedì e venerdì; dalle 8,00 alle 14,00 il mercoledì e il
sabato.
N° 1 unità dalle ore 7,30 alle ore 13,30 dal lunedì al sabato

2° e 3° settimana
N°1 unità dalle ore 7,30 alle ore 13,30 dal lunedì al sabato
N°1 unità dalle ore 10,00 alle ore 17,30 il lunedì, martedì, giovedì e venerdì; dalle ore 8,00 alle ore 14,00 il mercoledì.
In occasione dei Consigli di Classe e degli incontri con i genitori il turno di servizio sarà dalle ore 12,00 alle ore 18,00.
Durante la sospensione delle attività didattiche, a turnazione saranno impegnate 3 unità dalle ore 7,30 alle ore 13,30 e 1
unità dalle ore 8,00 alle ore 14.

Collaboratori Scolastici Scuola Secondaria di primo grado di LOMELLO
N°1 unità dalle ore 7,45 alle ore 13,45 (comprensivo attività Funzione Mista)
N° 1 unità dalle ore 7,30 alle ore 13,30 (comprensivo funzione Mista)
In occasione dei Consigli di Classe e degli incontri con i genitori, il turno di servizio sarà dalle ore 12,00 alle ore 18,00.

Collaboratori Scolastici Scuola Primaria di LOMELLO
N° 1 unità dalle ore 7,30 alle ore 14,40, il lunedì, dalle ore 9,40 alle ore 17,30 il martedì, dalle ore 7,30 alle ore 14,00, il
mercoledì, dalle ore 7,30 alle ore 14,40, il giovedì e dalle ore 9,40 alle ore 17,30 il venerdì.
N° 1 unità dalle ore 9,40 alle ore 17, 30, il lunedì, dalle ore 7,30 alle ore 14,40 il martedì, dalle ore 7,30 alle ore 14, il
mercoledì, dalle ore 9,40 alle 17,30, il giovedì e dalle ore 7,30 alle ore 14,40, il venerdì.

Collaboratore Scolastico Scuola Secondaria di primo grado di PIEVE DEL CAIRO
N° 1 unità dalle ore 7,30 alle ore 13,30.
In caso dei Consigli di Classe e degli incontri con i genitori, il turno di servizio sarà dalle ore 7,45 alle ore 13,15 e dalle
ore 14,00 alle ore 17,30.

Collaboratori Scolastici Scuola Secondaria di primo grado di SARTIRANA
N° 2 unità dalle ore 7,30 alle ore 13,30.
In occasione dei Consigli di Classe e degli incontri con i genitori, il turno di servizio sarà dalle ore 12,00 alle ore 18,00.


- 187 -
Personale Amministrativo
La Segreteria funziona dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 16.30; il sabato dalle 7.45 alle 13.45.
Il servizio è svolto a rotazione dalle assistenti amministrative in 5 giorni settimanali.
In sede di contrattazione annuale del personale A.T.A., sono stati assegnati degli incarichi specifici alle 3 assistenti
amministrative e ai collaboratori scolastici di Lomello primaria e secondaria, Mede e Pieve Del Cairo:
In sede di assemblea del personale A.T.A. sono stati inoltre stabiliti i criteri per l’assegnazione del Fondo di Istituto.


                                       Utilizzo Fondo Istituzione Scolastica
La ripartizione del Fondo d’Istituto avverrà in base a determinate tipologie di attività e in particolare:

     per le assistenti amministrative:
 applicazione e aggiornamento dei sistemi informatici e delle risorse tecnologiche, ai fini dell'efficienza, dello
  snellimento e della rapidità del servizio;
 prestazioni aggiuntive per far fronte ad esigenze straordinarie;
 sostituzione dei colleghi assenti fino a 12 gg. lavorativi;
 attività di supporto ai Progetti del P.O.F.;
 attività di supporto tecnologico qualificato ai procedimenti amministrativi, contabili e patrimoniali; 
 attività di supporto tecnologico qualificato alla realizzazione dei Progetti contenuti nel P.O.F.; 
 sostituzione D.S.G.A. e coordinatore d'area di tutto il personale;
 supporto qualificato all'attività didattica: area alunni.

     per i collaboratori scolastici:
 attività di intensificazione delle prestazioni quali la sostituzione dei colleghi assenti in sede;
 attività di intensificazione delle prestazioni per piccola manutenzione, per manutenzione straordinaria e/o per la
  realizzazione di iniziative particolari individuate nel P.O.F. in collaborazione con i docenti;
 attività do collaborazione con gli Uffici Amministrativi (ricerca d'archivio, esecuzione fotocopie);
 ore eccedenti;
 assistenza alunni diversamente abili e organizzazione intervento primo soccorso; 
 assolvimento dei compiti legati all'assistenza degli alunni diversamente abili e al primo soccorso. 

I criteri per l'attribuzione degli incarichi specifici sono stati così determinati:

    per i collaboratori scolastici:
 - disponibilità e apertura verso l'alunno diversamente abile;
    - possesso di esperienze documentabili sui medesimi compiti (esperienza maturata nel settore e/o specifici corsi di
    formazione);

   per le assistenti amministrative:
 - esperienza maturata nel settore;
  - buona conoscenza dei pacchetti applicativi informatici;
  - buona conoscenza di tecniche di ragioneria e contabilità;
  - buona conoscenza delle norme in materia di tenuta di inventario.
 - esperienza maturata nel settore;
   - buona conoscenza del pacchetto applicativo Office con particolare riguardo a Excel.

Per l'attribuzione e le particolari modalità degli incarichi si rinvia alla Contrattazione Sindacale Decentrata.




                                          Le convenzioni 

- 188 -
La Scuola ha stipulato:

 una convenzione stipulata tra la Scuola e l’Amministrazione Comunale di Lomello riguardante il pre e post
  scuola svolto dai collaboratori scolastici per gli alunni della Scuola Primaria.


           Rapporti di collaborazione con gli Enti Locali 
Nei rapporti fra l’Istituzione Scolastica e gli Enti Locali territoriali si ricerca la massima collaborazione (vedi P.O.F.
delle singole scuole).


             Rapporti di collaborazione con altre Scuole 
   Si aderisce al progetto in rete con altre Scuole della Provincia (DD Mede, IC. Cassolnovo, Sannazzaro e Valle) per
    l’accoglienza e l’inserimento degli alunni extracomunitari; scopi del progetto:

             -    Confrontarsi
             -    Collaborare per la stesura e l’adozione di un comune protocollo di Accoglienza e per la produzione e
                  lo scambio di materiale didattico
             -    Ottimizzare le risorse

   Si collabora con altre scuole relativamente a progetti specifici di cui ai P.O.F. delle varie sedi.

                            I rapporti di collaborazione 
                 con associazioni educative, sportive e culturali
L’Istituzione Scolastica collabora con le Biblioteche comunali, le Pro-loco e le Associazioni sportive e culturali del
territorio nella progettazione di attività didattiche, sportive e culturali (vedi progetti didattici delle singole scuole).

                  Le scelte di formazione e aggiornamento 
Attuare la Nuova Riforma comporta una più densa e consapevole attività di formazione/aggiornamento dei docenti,
affinché essi maturino una sostanziale riconversione professionale, approfondiscano le varie tematiche didattiche ed
organizzative e assumano un abito mentale coerente con la ricerca di miglioramenti continui della qualità dell’offerta
formativa. Tale abito mentale è l’unico che può far fronte alla complessità del sistema-scuola, alla non linearità dei
miglioramenti, alle richieste sempre mutevoli degli utenti di ogni unità scolastica.
Su tali esigenze di formazione si prevede per il corrente anno scolastico la partecipazione dei docenti alle iniziative di
aggiornamento sulle seguenti tematiche:

   corso di formazione per recupero di alunni extracomunitari (II livello) con Scuole in rete
   corsi per migliorare e rendere più efficace l’azione didattico/educativa
   corsi disciplinari
   corsi a discrezione dei docenti
   corso di formazione per realizzare e/o aggiornare sito accessibile.

Per l'aggiornamento, quest'anno, se verranno assegnati alla Scuola tutti i contributi promessi, sarà possibile compensare
in parte, le spese sostenute dai docenti per la frequenza di tali corsi; i criteri verranno stabiliti nel momento
dell'assegnazione dei fondi.


                                              Le regole 

- 189 -
…dal REGOLAMENTO D’ISTITUTO:
…omissis

TIT.VI – VIGILANZA

ART. 31- Vigilanza sugli alunni
Per la vigilanza sugli alunni durante l'ingresso, la permanenza e l'uscita dalla scuola, valgono le norme seguenti:

-   gli alunni entrano nella scuola 5 minuti prima dell'inizio delle lezioni, al suono del primo campanello;
-   i docenti devono trovarsi in sede almeno 5 minuti prima dell'orario di servizio;
-   durante l'intervallo, che è di 10 minuti per la Scuola Media e 15 minuti per la scuola elementare, gli alunni sono
    sorvegliati dai docenti di turno e dal personale ausiliario;
-   quando le lezioni pomeridiane superano le due ore, viene effettuato un intervallo di 10 minuti tra la II e la III ora,
    sotto la sorveglianza dei docenti e del personale ausiliario;
-   negli spostamenti in aule diverse o in palestra, gli alunni devono essere sempre accompagnati da un docente o, in
    caso di necessità, da un collaboratore scolastico;
-   in occasione di ritardi o di assenze improvvise o non previste del personale docente, deve essere sempre assicurata
    la sorveglianza degli alunni della classe interessata.

Secondo un ordine di priorità, vigileranno sulla classe:

1 - i docenti disponibili;
2 - il personale ausiliario.
Al termine delle lezioni, gli alunni, che non possono uscire dall'aula prima del suono del campanello, si dirigono
all'uscita in ordine, accompagnati dai docenti dell'ultima ora fino alla porta della scuola. E' necessario che il personale
docente di turno vigili sul comportamento degli alunni in modo da evitare che si arrechi pregiudizio alle persone e alle
cose.
Al termine delle lezioni, l'uscita degli alunni avviene per piani.
Nei momenti del cambio di attività l'insegnante che ha terminato il turno di servizio non lascerà gli alunni finché non sia
arrivato il collega. Qualora l'assenza si prolungasse oltre i 15 minuti e non si potesse assicurare in altro modo la
vigilanza degli alunni, gli stessi saranno divisi tra le varie classi. Durante i cambi delle ore di lezione, i docenti,
comunque, raggiungono con la massima sollecitudine possibile l'aula della successiva ora di lezione; se durante l'orario
di lezione l'insegnante dovesse allontanarsi dall'aula, affida momentaneamente la classe alla sorveglianza del personale
ausiliario.
L'insegnante deve essere sempre in grado di dimostrare che si trovava in posizione di sorveglianza attiva e che può
essere escluso qualsiasi elemento di negligenza, imperizia o inosservanza di norme nello svolgimento regolare del
proprio lavoro.
I docenti sono responsabili civilmente e personalmente dell'incolumità degli alunni. L'osservanza delle disposizioni
relative all'assistenza degli alunni garantisce i docenti rispetto alla responsabilità civile e penale che deriverebbe da
eventuali infortuni.
Il personale ausiliario assicura il servizio di vigilanza nei locali della scuola e sugli alunni affidati in casi di particolare
necessità alla loro sorveglianza
Durante la mensa gli alunni sono vigilati da un insegnante destinato a tale compito coadiuvato da un Collaboratore
Scolastico.

ART. 32 - Ritardi, uscite, assenze, giustificazioni
Gli alunni in ritardo, di norma, sono ammessi in classe dal Dirigente Scolastico o dal docente delegato, ma devono
giustificare il ritardo.
Gli alunni possono lasciare l'edificio scolastico prima della fine delle lezioni, solo se prelevati personalmente da un
genitore o da chi ne fa le veci, o da un parente stretto con delega scritta dei genitori. Le assenze devono sempre essere
giustificate su apposito libretto da un genitore o da chi ne fa le veci entro tre giorni dal rientro.



- 190 -
TIT. VII – REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELLA SCUOLA
…omissis

ART.36 – Personale docente
I docenti devono rispettare i propri orari ed essere in Istituto almeno 5 minuti prima dell'inizio delle proprie lezioni. I
docenti della prima ora antimeridiana e pomeridiana devono accompagnare in aula i propri alunni, cosi come i docenti
dell'ultima ora devono accompagnarli all'uscita.
I docenti della prima ora antimeridiana, su delega del Dirigente Scolastico, controllano assenze, giustificazioni e
permessi, annotandoli sul registro di classe.
I docenti:

-   sono incaricati dell'assistenza alla propria classe durante l'intervallo secondo i criteri e i turni stabiliti;
-   in classe non possono dedicarsi ad attività non didattiche;
-   non possono fumare nelle aule, nei corridoi e nei locali della scuola;
-   in aula, durante la lezione, devono tenere spento il cellulare: sono autorizzati a tenere il cellulare acceso i
    Responsabili di plesso ed eventualmente altri docenti individuati dal D.S.;
-   devono mantenere un comportamento adeguato alla loro funzione educativa; il loro linguaggio deve essere sempre
    estremamente corretto e sorvegliato,
-   non possono allontanarsi dall'aula lasciando i ragazzi incustoditi;
-   non possono allontanare dall'aula un alunno per motivi disciplinari;
-   nel cambio dell'ora devono recarsi nelle proprie classi con sollecitudine.

Tutti i docenti sono obbligati a:

-   compilare regolarmente il registro di classe; quello personale; le schede di valutazione con i diversi allegati;
-   compilare lo stato personale;
-   stendere le relazioni didattiche nei tempi stabiliti;
-   intervenire puntualmente alle riunioni del Collegio Docenti, dei Consigli di classe e degli altri Organi Collegiali;
-   correggere puntualmente le verifiche e consegnarle non oltre 10 giorni dalla data di effettuazione;
-   comunicare la situazione didattica degli alunni alle famiglie;
-   comunicare per tempo l'assenza ai responsabili della sezione staccata e in segreteria;
-   non abbandonare il posto di lavoro se non per giustificato motivo, dopo aver avvertito la Dirigenza che deve
    rilasciare esplicito e formale permesso.
-   Prendere visione delle circolari e delle comunicazioni interne ed attenersi a quanto in esse stabilito.

ART. 38 - Personale Ausiliario
Collabora con i docenti a mantenere un clima corretto e sereno tra gli alunni.
Oltre alle mansioni di pulizia quotidiana dei locali scolastici, provvede a:
- mantenere in ordine gli strumenti in dotazione alla scuola;
- portare nelle aule il materiale richiesto dai docenti.

Nell'ambito della vigilanza:

-    sorveglia gli alunni in caso di assenza imprevista e momentanea del docente, in particolare, nell'intervallo tra una
     materia e l'altra (cambio d'ora), quando il docente uscente e quello subentrante abbiano precedenti e susseguenti
     impegni di lezione in piani diversi dell'edificio;
- sorveglia i corridoi e i servizi, facendo rientrare in aula gli alunni che vi sostano senza motivo;
- sorveglia i servizi durante l'intervallo;
- sorveglia la porta d'ingresso, impedendo l'accesso a scuola di persone che non ne abbiano giustificato motivo;
- regola l'entrata e l'uscita degli alunni;
Non abbandona il posto di lavoro se non per giustificato motivo, dopo aver avvertito il Dirigente Scolastico, la
Segreteria o l'addetto alla vigilanza della sezione staccata, che devono rilasciare esplicito e formale permesso.
Non abbandona la propria postazione di vigilanza, se non per giustificato motivo o per adempiere ad altri compiti
inerenti il servizio;



- 191 -
Non fuma nelle aule, nei corridoi e nei locali della scuola;
Usa un linguaggio corretto e sorvegliato.
Non usa il cellulare durante l’orario di servizio.

Dallo STATUTO DEGLI STUDENTI
                                                           Diritti
1.   Lo studente ha diritto di essere informato sulle norme che regolano la vita della scuola.
2.   Lo studente ha diritto ad una formazione culturale qualificata che valorizzi le inclinazioni personali e lo aiuti a
     scegliere consapevolmente il proprio futuro.
3.   Lo studente ha diritto ad una partecipazione attiva alla vita della scuola e ad una valutazione il più possibile
     trasparente e tempestiva che lo guidi a sapersi autovalutare.
4.   Lo studente ha diritto a rimanere nella classe durante le ore di lezione, per cui non può mai essere allontanato
     dall’aula e affidato alla sorveglianza del personale ATA, anche in caso di mancata osservanza delle regole
     disciplinari.
5.   Lo studente ha diritto di scegliere tra le attività curriculari integrative e quelle aggiuntive facoltative offerte dalla
     scuola.
6.   Lo studente straniero ha diritto al rispetto della propria cultura e la scuola deve promuovere iniziative volte ad una
     sua completa integrazione.
7.   La scuola promuove la solidarietà e tutela il diritto dello studente alla riservatezza.
8.   La scuola si impegna inoltre ad organizzare:
          a) iniziative per il recupero del ritardo, dello svantaggio e della dispersione scolastica;
          b) interventi atti a tutelare la sicurezza e la salubrità degli ambienti, eliminando anche le barriere
               architettoniche per i portatori di handicap;
          c) iniziative finalizzate alla promozione della salute fisica e psichica degli allievi.

                                                          Doveri

Norme di comportamento
- Gli alunni devono rispettare l’orario scolastico.
- Gli alunni devono partecipare alle lezioni con la massima attenzione, osservando la disciplina che è rispetto per sé e
   per i compagni, rispetto del diritto personale e altrui allo studio, rispetto di tutte le persone che nella scuola operano
   per la formazione dei giovani; hanno altresì il dovere di eseguire i compiti assegnati e di portare il materiale
   occorrente.
- A scuola bisogna tenere un comportamento corretto: è vietato correre nell'aula e per i corridoi, spostare banchi,
   lanciare oggetti, mangiare o masticare la cicca durante le ore di lezione.
- Gli alunni sono tenuti a segnalare episodi scorretti, incivili e/o pericolosi.
- Gli alunni sono tenuti a rispettare regolamento e norme di sicurezza.
- E' proibito allontanarsi dalla scuola. Chi dovesse assentarsi per motivi di famiglia, per visite mediche o esigenze
   varie, deve presentare richiesta scritta da parte dei genitori al D.S. o al Responsabile della sezione staccata. Il
   genitore deve altresì presentarsi a scuola al momento dell'uscita del figlio.
- E' vietato portare a scuola oggetti pericolosi (coltellini, forbici a punta, accendini, ecc….) o inutili.
- Durante la permanenza a scuola è vietato tenere acceso il cellulare e altri strumenti elettronici (lettore mp3, i-pod,
   palmari, game-boy, ecc.). La scuola in ogni caso non risponde del loro eventali danneggiamenti o sparizioni.
- I danni provocati al patrimonio della scuola dovranno essere risarciti, previa informazione alla famiglia, o in forma
   individuale, quando l'autore del danno venga individuato, o in forma collettiva, quando il danno sia stato commesso
   da ignoti.
- E' vietato scrivere sui banchi, sulle sedie, sulle carte geografiche, sugli armadi e sui muri. Eventuali scritte
   dovranno essere cancellate.
- Gli alunni non possono accedere alla Presidenza, alla Segreteria, alla Sala Insegnanti salvo che per motivi molto
   urgenti e solo accompagnati da Docenti e Ausiliari.
- L'accesso ai bagni è consentito nell'intervallo e alla fine delle lezioni. Durante le ore di lezione gli insegnanti
   accorderanno solo in via del tutto eccezionale il permesso di andare al bagno.
- Gli alunni potranno accedere alle aule all'inizio delle lezioni solo se accompagnati dall'insegnante della prima ora.
   Allo stesso modo potranno lasciare l'aula alla fine delle lezioni solo se accompagnati all'uscita dall'insegnante
   dell'ultima ora.
- L'Istituto non risponde degli indumenti, libri, oggetti personali abbandonati nell'edificio e delle biciclette o altri
   mezzi di locomozione utilizzati per recarsi a scuola.



- 192 -
    -     Le assenze dalle lezioni dovranno essere limitate allo stretto indispensabile. Alla ripresa delle lezioni gli alunni
          devono presentare la giustificazione scritta dell'assenza, debitamente firmata da un genitore.
    -     E' dovere dell'alunno che si assenta dalle lezioni informarsi presso i compagni di quanto è stato fatto in sua assenza
          e provvedere a studiare quanto dovuto e a fare gli opportuni compiti.
    -     E' indispensabile che ogni alunno abbia sempre con sé il diario scolastico e il libretto dei voti che deve essere
          tenuto in ordine, deve contenere solo annotazioni di carattere scolastico, non deve essere deturpato da disegni o
          dalla applicazione di adesivi o foto.
    -     E' compito di ogni alunno far firmare tempestivamente dai genitori qualsiasi annotazione che gli insegnanti
          apporranno sul suo diario e/o sul suo libretto dei voti. Solo la firma del genitore dà la certezza che l'annotazione è
          stata veramente vista. I genitori sono invitati a controllare e a firmare con regolarità i diari e i libretti dei figli.
    -     Le verifiche scritte, che vengono riconsegnate agli alunni, devono essere restituite, firmate da un genitore, nella
          prima lezione successiva a quella in cui sono state consegnate. Gli insegnanti non daranno più verifiche da portare
          a casa a quegli alunni che non si siano dimostrati diligenti nel riconsegnarle. I risultati delle verifiche saranno scritti
          sul libretto e le verifiche rimarranno a scuola a disposizione dei genitori che vorranno prenderne visione.
    -     Gli alunni devono dimostrare il massimo rispetto verso i compagni, il personale docente e non docente e il
          Dirigente Scolastico.
    -     Il linguaggio e i gesti a scuola e nei pressi della scuola devono essere rispettosi del decoro e non devono scadere
          nella volgarità. Le bestemmie sono vietate.
    -     Ogni alunno è tenuto ad un abbigliamento sobrio, decoroso e intonato con la funzione educativa della scuola.
    -     L'alunno che arrivi con notevole ritardo a scuola farà firmare dal Dirigente Scolastico o dall’insegnante delegato la
          giustificazione fatta dalla famiglia.

    Per le trasgressioni sono previste sanzioni disciplinari elencate qui di seguito e stabilite dalla Scuola ai sensi dell'art. 4,
    comma 1 del D.P.R. 249/1998.




                                                             SANZIONI DISCIPLINARI

                                                                        SANZIONI E AZIONI DI                            ORGANO                  Procedura
          DOVERI                             MANCANZE
                                                                        RESPONSABILIZZAZIONE                          COMPETENTE
                                                                        A. Ammonizione con annotazione sul                                 Per punti C e D.
                                                                        diario.
                                                                        B. Ammonizione con annotazione sul                                 INVIO LETTERA
                                                                                                                    Docente
1. Frequenza regolare           Assenze ripetute e non giustificate     registro di classe.
                                                                                                                    Dirigente scolastico
                                                                        C. Comunicazione scritta e/o telefonica
                                                                        alla famiglia
                                                                        D. Convocazione dei genitori
                                 Mancanza di collaborazione
2. Segnalazione di episodi                                              Ammonizione alla classe con
                                 nell’accertare la verità e le                                                      Docente
scorretti, incivili e pericolosi                                        annotazione sul registro
                                 responsabilità
                                                                          A. Ammonizione con annotazione sul                               Per punti C e D.
                                                                          diario.
                                 - Non far firmare e/o non consegnare
3. Garantire la regolarità delle                                          B. Ammonizione con annotazione sul                               INVIO LETTERA
                                 le comunicazioni, le verifiche, ecc.                                               Docente
comunicazioni scuola-                                                     registro di classe.
                                 - Falsificare la firma dei genitori, dei                                           Dirigente scolastico
famiglia                                                                  C. Comunicazione scritta e/o telefonica
                                 docenti, ecc.
                                                                          alla famiglia
                                                                          D. Convocazione dei genitori
                                                                          A. Ammonizione con annotazione sul
                                 - Mancato svolgimento dei compiti        diario.
4. Assolvimento degli                                                                                               Docente
                                 - Dimenticanze ripetute del materiale B. Ammonizione con annotazione sul
impegni di studio                                                                                                   Dirigente scolastico
                                 scolastico                               registro di classe.
                                                                          C. Comunicazione scritta e/o telefonica




    - 193 -
                                                                        alla famiglia
                                                                        D. Convocazione dei genitori
                                                                         A. Ammonizione con annotazione sul
                                                                        diario.                                                             INVIO LETTERA
                                                                        B. Ammonizione con annotazione sul                                  A/R con
                                - Linguaggio e/o gesti offensivi
                                                                        registro di classe.                                                 contestazione
5. Comportamento educato e      - Bestemmie
                                                                        C. Comunicazione scritta e/o telefonica      Docente                addebiti
rispettoso nei confronti del    - Minacce
                                                                        alla famiglia                                Dirigente scolastico
Dirigente Scolastico, dei       - Aggressione
                                                                        D. Convocazione dei genitori                 Consiglio di Classe
Docenti, del personale ATA e    verbale/fisica/psicologica
                                                                        E. Esclusione da gite, uscite, tornei        (p.f.)
dei compagni                    - Mancato rispetto delle proprietà
                                                                        F. Sospensione sino a 15 gg secondo le
                                altrui
                                                                        procedure previste per una durata
                                                                        commisurata alla gravità delle mancanze
                                                                        G. Risarcimento del danno
                                                                        A. Ammonizione con annotazione sul                                  Per punti C e D.
                                                                        diario.
6. Comportamento corretto e - Disturbo della lezione/attività
                                                                        B. Ammonizione con annotazione sul                                  INVIO LETTERA
collaborativo nell’ambito       - Rifiuto a svolgere il compito                                                      Docente
                                                                        registro di classe.
dello svolgimento dell’attività assegnato                                                                            Dirigente scolastico
                                                                        C. Comunicazione scritta e/o telefonica
didattica                       - Rifiuto a collaborare
                                                                        alla famiglia
                                                                        D. Convocazione dei genitori
                                                                        A. Ammonizione con annotazione sul                                  Per punti C e D.
                                                                        diario.
                                - Lancio di oggetti
                                                                        B. Ammonizione con annotazione sul                                  INVIO LETTERA
7. Rispetto dei regolamenti e - Movimenti pericolosi e non adatti                                                    Docente
                                                                        registro di classe.
delle norme di sicurezza        all’ambiente (spinte, corse, scivolate,                                              Dirigente scolastico
                                                                        C. Comunicazione scritta e/o telefonica
                                ecc.)
                                                                        alla famiglia
                                                                        D. Convocazione dei genitori
                                                                          A. Ammonizione con annotazione sul
                                                                          diario.
                                                                          B. Ammonizione con annotazione sul                                INVIO A/R
                                                                          registro di classe.                                               LETTERA con
8. Utilizzo corretto delle
                                                                          C. Comunicazione scritta e/o telefonica    Docente                contestazione
strutture, delle                Disimpegno nella cura degli ambienti
                                                                          alla famiglia                              Dirigente scolastico   addebiti
strumentazioni, dei sussidi     o danneggiamento volontario e/o
                                                                          D. Convocazione dei genitori               Consiglio di Classe
didattici e del materiale della colposo
                                                                          E. Esclusione da gite, uscite, tornei      p. f.
scuola
                                                                          F. Sospensione sino a 15 gg secondo le
                                                                          procedure previste per una durata
                                                                          commisurata alla gravità delle mancanze
                                                                          G. Risarcimento del danno
                                                                          A. Ammonizione con annotazione sul                                Per punti C e D.
                                                                          diario.
                                Vestire in modo non decoroso
                                                                          B. Ammonizione con annotazione sul                                INVIO LETTERA
9. Abbigliamento consono        (magliette scollate, corte e trasparenti,                                            Docente
                                                                          registro di classe.
all’ambiente educativo          pantaloni a vita troppo bassa, ecc) e/o                                              Dirigente scolastico
                                                                          C. Comunicazione scritta e/o telefonica
                                esibizionista
                                                                          alla famiglia
                                                                          D. Convocazione dei genitori
                                                                        A. Ammonizione con annotazione sul                                  Per punti C e D.
                                                                        diario.
10. Non portare oggetti                                                 B. Ammonizione con annotazione sul                                  INVIO LETTERA
pericolosi e/o inutili; non                                             registro di classe.
usare il cellulare e            Pericolo per l’utenza; uso di cellulare C. Comunicazione scritta e/o telefonica      Docente
apparecchiature elettroniche    e uso improprio apparecchiature         alla famiglia                                Dirigente scolastico
(lettore mp3, i-pod, palmari,                                           D. Convocazione dei genitori
game-boy, ecc.)                                                         Nel caso del cellulare lo stesso viene
                                                                        ritirato dall’insegnante e riconsegnato
                                                                        solo al genitore
                                                                           A. Ammonizione con annotazione sul                               Per punti C e D.
                                                                           diario.
                                Danneggiare il diario, deturparlo con
                                                                           B. Ammonizione con annotazione sul        Docente                INVIO LETTERA
11. Uso corretto del diario     scritte, disegni e adesivi; sostituirlo in
                                                                           registro di classe.                       Dirigente scolastico
                                corso d’anno
                                                                           C. Comunicazione scritta e/o telefonica
                                                                           alla famiglia




    - 194 -
                                                               D. Convocazione dei genitori
                                                               In caso di sostituzione l’alunno deve
                                                               consegnare il vecchio diario
                                                               all’insegnante coordinatore
                       Reato di particolare gravità, che violi F. Sospensione superiore a gg. 15
                       la dignità ed il rispetto della persona secondo le procedure previste con una
                       umana o che rappresenti situazioni di durata commisurata alla gravità della
                       pericolo per l’incolumità delle persone mancanza
                       perseguibile d'ufficio o per il quale H. Allontanamento sino al termine Consiglio di Istituto
                       l'Autorità giudiziaria abbia avviato dell’a.s..
                       procedimento penale.                    I. Esclusione dallo scrutinio finale e non
                                                               ammissione        all’esame    di     Stato
                                                               conclusivo del corso di studi.
Omissis

…dal REGOLAMENTO DELLE GITE
….omissis

DURATA DEI VIAGGI
La durata dei viaggi può essere diversa per le classi e per la tipologia dei viaggi stessi e più precisamente:

    Scuola primaria          - verranno utilizzate soprattutto le risorse offerte dal territorio in limiti di distanza ritenuti
                               ragionevoli e nell’arco di tempo di un solo giorno.
    Scuola secondaria di primo grado
     - classe prima: si possono effettuare, nel corso dell’anno 2 visite didattiche o viaggi di istruzione della durata
         ciascuna di 1 g., in Italia;
     - classe seconda: si possono effettuare, nel corso dell’anno, 2 viaggi di istruzione di 1 g. in Italia;
     - classe terza: si possono effettuare, nel corso dell’anno scolastico, 1 viaggio di istruzione di 2 gg. e 1 viaggio di
         istruzione di 1 g., in Italia o in uno Stato dell’U.E.

Tutti i viaggi dovranno essere distribuiti nell’arco di tutto l’anno scolastico e avranno termine entro 30 giorni dal
termine delle lezioni. I viaggi connessi alle attività sportive e/o naturalistiche prescindono dai vincoli del comma
precedente.

DOCENTI ACCOMPAGNATORI
Gli insegnanti accompagnatori sono tenuti, innanzi tutto, ad illustrare alle classi le finalità didattiche e i contenuti
culturali del viaggio, avendo cura di effettuare alcune attività di preparazione al viaggio stesso. Ai docenti
accompagnatori, tra i quali, se più di uno, il Dirigente scolastico individuerà un coordinatore del viaggio, competono in
ogni caso gli obblighi di un’attenta ed assidua vigilanza degli alunni, con l’assunzione della responsabilità di cui all’art.
2057 del C.C., integrato dalla norma di cui all’art. 61 della L. 11.7.1980 n. 312, che limita la responsabilità patrimoniale
del personale della scuola ai soli casi di dolo o colpa grave. Tale vigilanza deve essere esercitata non solo a tutela
dell’incolumità degli alunni, ma anche a tutela del patrimonio artistico. Essa è riferita inoltre non solo agli alunni della
classe assegnata al singolo docente, ma globalmente a tutti i partecipanti al viaggio.
….omissis

ELEMENTI VINCOLANTI
Sono elementi vincolanti per visite e viaggi d’istruzione:

1)    disponibilità dei docenti a partecipare;
2)    partecipazione dei 2/3 degli alunni della Scuola secondaria di primo grado;
3)    partecipazione totale della classe nella Scuola primaria, salvo casi eccezionali;
4)   docente accompagnatore ogni 15 alunni, preferibilmente di materie attinenti alle finalità del viaggio;
5)    1 docente di sostegno ogni 2 alunni diversamente abili; nel caso non fossero disponibili i docenti di sostegno, un
     altro docente sarà incaricato formalmente di provvedere alla cura e alla vigilanza degli alunni diversamente abili,
     secondo lo stesso rapporto numerico;




- 195 -
 6) limite massimo di 3 giorni + mezza giornata nel corso dell’anno scolastico per la scuola secondaria di primo
    grado;
 7) limite massimo complessivo di 3 gg. nel corso dell’anno scolastico per la Scuola primaria;
 8) per le sole classi terze medie, si potranno prevedere viaggi all’estero, purché inquadrati nella programmazione
    didattica e coerenti con gli obiettivi didattici e formativi propri della Scuola secondaria di primo grado.
10) per l’anno scolastico in corso, è previsto un budget di spesa per ogni classe (vedi piano gite)

PRASSI PROCEDURALE
L’autorizzazione del Consiglio di Istituto è da richiedere con la seguente procedura:

1.   proposta delle visite guidate e/o viaggi di istruzione in sede di C. di classe o di interclasse;
2.   approvazione del Consiglio di classe o interclasse e presentazione dell’apposita modulistica in Presidenza;
3.   presentazione del piano annuale al C. d’Istituto entro la fine di novembre;
4.   solo per le classi terze il Dirigente Scolastico può autorizzare le visite didattiche di mezza giornata proposte da un
     Consiglio di classe, connesse all’orientamento, anche al di fuori dei tempi e del limite massimo di giorni sopra
     indicati.

QUOTE DI PARTECIPAZIONE
….omissis
 L’adesione alla gita comporterà il versamento della quota relativa al costo pro-capite del noleggio del pullman, che
    non potrà essere restituita.
 La partecipazione dei genitori degli alunni è consentita, a condizione che non comporti oneri a carico del bilancio
     dell’Istituto e che sollevi la Pubblica Amministrazione da qualsiasi responsabilità penale e civile, nell’eventualità di
     danni riportati a carico della propria persona in seguito ad incidenti.
 I genitori s’impegnano a collaborare alle attività programmate non assumendo in alcun modo funzione di
     accompagnatori, ruolo di esclusiva competenza dei docenti.
 I Collaboratori Scolastici possono partecipare alle gite scolastiche alle condizioni deliberate dal Consiglio di
     Istituto (Delibera n. 34 del 9.5.2001), di seguito riportate:
….omissis
Per gli alunni è obbligatorio acquisire per ogni gita o viaggio d’istruzione il consenso di chi esercita la patria potestà.
La scuola dovrà acquisire per ogni uscita, la documentazione prevista dalla normativa vigente.
(C.M. 14 ottobre ’92, n.291, artt.11 e 12).
Il presente regolamento potrà essere aggiornato all’inizio di ogni anno scolastico.

                             PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’
                                   (approvato dal Consiglio di Istituto)

Visto il D.M. n 5843/A3 del 16 ottobre 2006 “Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità”;
Visti i D.P.R. n. 249 del 24/06/1998 e D.P.R. n. 235 del 21/11/2007 “Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e
degli studenti della scuola secondaria”;
Visto il D.M. n. 16 del 5 febbraio 2007 “Linee di indirizzo generali ed azioni a livello nazionale per la prevenzione
del bullismo”;
Visto il D.M. n. 30 del 15 marzo 2007 “Linee di indirizzo ed indicazioni in materia di utilizzo di telefoni cellulari e
di altri dispositivi elettronici durante l’attività didattica, irrogazione di sanzioni disciplinari, doveri di vigilanza e di
corresponsabilità dei genitori e dei docenti”;
Visto il D.M. n. 235/2007;
Vista la C.M. 31 luglio 2008 n. 3602;

                                                   SI STIPULA

con la famiglia dell’alunno/a _______________________________________________il seguente
PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’,




- 196 -
finalizzato a definire in maniera puntuale e condivisa diritti e doveri nel rapporto tra istituzione
scolastica autonoma, famiglie e studenti.
Il rispetto di tale Patto costituisce la condizione indispensabile per costruire un rapporto di fiducia reciproca,
per potenziare le finalità dell’Offerta Formativa e per guidare gli studenti al successo scolastico.



                           L’ISTITUZIONE SCOLASTICA e i DOCENTI
                                                      si impegnano a:

         realizzare i curricoli disciplinari e le scelte progettuali, metodologiche e pedagogiche indicate nel
          Piano dell’Offerta Formativa, tutelando il diritto ad apprendere anche degli studenti in situazioni di svantaggio;
         favorire il successo scolastico anche attraverso le attività di recupero nell’arco dell’intero anno scolastico;
         supportare l’alunno nelle scelte scolastiche (orientamento in itinere e orientamento in uscita);
         rispettare la riservatezza in relazione ai problemi degli studenti e delle famiglie;
         fornire sostegno psicopedagogico e promuovere l’educazione a stili di vita corretti anche tramite l’intervento di
          esperti esterni;
         favorire la partecipazione delle famiglie alla vita scolastica;
         recepire dalle famiglie le istanze volte al miglioramento del servizio scolastico;
         creare un clima sereno e corretto per favorire lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze;
         favorire, anche attraverso attività progettuali integrative la maturazione dei comportamenti e dei valori,
          combattendo ogni forma di pregiudizio e di emarginazione;
         comunicare alle famiglie tutte le notizie relative alla crescita didattica e educativa dello studente, in particolare
          le situazioni disciplinarmente rilevanti e/o ricorrenti, che possano costituire un ostacolo al processo educativo
          e di apprendimento;
         sostenere un rapporto di relazione aperto al dialogo e alla collaborazione, presentando e spiegando alla classe i
          piani di lavoro delle singole discipline, evidenziando i contenuti, gli obiettivi e i criteri di valutazione;
         procedere periodicamente alle attività di verifica e di valutazione con trasparenza, motivando i risultati e
          comunicando agli studenti le valutazioni delle prove immediatamente per le verifiche orali, entro al massimo
          10 gg. per le verifiche scritte e promuovendo la capacità di autovalutazione.


                                       LA FAMIGLIA SI IMPEGNA A

         valorizzare l’istituzione scolastica, instaurando un positivo clima di dialogo, nel rispetto delle scelte educative
          e didattiche condivise, oltre ad un atteggiamento di reciproca collaborazione con i docenti;
         conoscere l’Offerta Formativa della scuola e partecipare al dialogo educativo, collaborando con i docenti e
           partecipando ai Consigli di classe e ai colloqui scuola/famiglia;
         tenersi costantemente informati sull’andamento didattico e disciplinare dei propri figli nei giorni e nelle ore di
          ricevimento dei docenti;
         controllare periodicamente il Diario scolastico e firmare le comunicazioni della scuola;
         invitare i propri figli a non fare uso in classe di cellulare o di altri dispositivi elettronici o audiovisivi;
         giustificare assenze e ritardi nei tempi e nei modi previsti dal regolamento di Istituto;
         vigilare sulla puntualità di ingresso a scuola e sulla costante frequenza dello studente;
         collaborare con l’Istituzione scolastica affinché l’alunno rispetti le regole e partecipi responsabilmente alla vita
          della classe e della scuola;
         sostenere e controllare i propri figli nel rispetto degli impegni scolastici;
         risarcire la scuola per i danni arrecati agli arredi, alle attrezzature ed ai servizi provocati da comportamenti non
          adeguati;
         risarcire il danno, in concorso con altri, quando l’autore del fatto non dovesse essere identificato.




- 197 -
                                          L’ALUNNO SI IMPEGNA A

         presentarsi con puntualità alle lezioni;
         rispettare i tempi programmati e concordati con i docenti per la costruzione del proprio curricolo,
           impegnandosi in modo responsabile nell’esecuzione dei compiti richiesti; seguire con attenzione quanto viene
           insegnato e intervenire in modo pertinente, contribuendo ad arricchire le lezioni con le proprie conoscenze ed
          esperienze;
         prendere coscienza dei personali diritti e doveri e rispettare persone, ambienti e attrezzature;
         spegnere i telefonini cellulari e gli altri dispositivi elettronici durante la presenza a scuola (la violazione di tale
          disposizione comporterà il ritiro temporaneo del cellulare se usato durante le ore di lezione e/o il deferimento
          alla autorità competente nel caso in cui lo studente utilizzi dispositivi per riprese non autorizzate e comunque
          lesive dell’immagine della scuola e della dignità degli operatori scolastici e dei compagni);
         tenere un contegno corretto e rispettoso nei confronti di tutto il personale della scuola e dei propri compagni;
         usare un linguaggio e un abbigliamento consono all’ambiente educativo in cui si vive e si opera;
         evitare di provocare danni a cose, persone, suppellettili e al patrimoni o della Scuola. Gli alunni dovranno
          indennizzare il danno prodotto.




                                     Le scelte finanziarie 
Le risorse che si prevede di utilizzare nel corso del corrente anno scolastico fanno capo:

 ai trasferimenti dello Stato per:             1. il contributo ordinario
                                                2. il contributo perequativo
                                                3. il fondo dell’istituzione scolastica;
   ai finanziamenti per l’autonomia;
   ai finanziamenti per i progetti speciali ed attività particolari;
   ad eventuali economie del bilancio scolastico relativo all’anno 2005/2006, da definirsi in sede di consuntivo;
   a contributi da Enti esterni (EE.LL., Associazioni ecc..)




 I criteri per l’utilizzo delle risorse finanziarie assegnate alla scuola
          dallo Stato e per il reperimento di ulteriori risorse
I fondi che il MPI, attraverso il Provveditorato agli Studi, assegna all’Istituzione scolastica vengono utilizzati:




- 198 -
   per garantire il funzionamento didattico ordinario della scuola;
   per garantire il normale funzionamento amministrativo generale;
   per realizzare i progetti specifici ai quali sono destinati.
   per la formazione e l’aggiornamento
I fondi vengono impegnati sulla base delle necessità che si evidenziano, specialmente in relazione ai progetti elaborati
dalla Scuola.

Avendo riguardo:            - alla capacità propositiva ed organizzativa di ciascuna delle cinque sedi;
                            - alla dimensione di ognuna delle cinque sedi;

l’Istituto s’impegna a reperire ulteriori risorse mediante la presentazione di specifici progetti, rientranti comunque nel
Piano dell’offerta formativa, a:

 Enti Locali afferenti, allo scopo di integrare le dotazioni di sussidi della scuola o per iniziative e progetti che
  coinvolgano scuole di diversi comuni;
 Soggetti privati, anche sotto forma di sponsorizzazione, interessati e/o disponibili a collaborare con la scuola per la
  promozione di attività culturali rivolte agli alunni, alle famiglie e ai docenti.
Le famiglie degli alunni possono contribuire alla copertura finanziaria delle spese connesse alla realizzazione del Piano
dell’offerta formativa, limitatamente a:

 gite scolastiche e visite didattiche
 trasporti
 manifestazioni

In ogni caso le quote poste a carico delle famiglie devono essere di importo modesto.

L’attuazione del Piano dell’Offerta Formativa nei suoi aspetti più qualificanti e distintivi richiede che, durante
quest’anno scolastico,

 si destini parte del contributo ordinario e del contributo perequativo all’acquisizione di attrezzature, che
  qualifichino l’azione della scuola
I criteri e le modalità per l’attribuzione degli incarichi retribuiti con
                          il Fondo di Istituto
Il Fondo di Istituto e comunque ogni altro stanziamento destinato alla retribuzione di prestazioni straordinarie del
personale sono finalizzati a:

   valorizzare e sviluppare le molteplici risorse umane esistenti nelle scuole;
   migliorare l’organizzazione complessiva dell’Istituto;
   sviluppare le attività delle commissioni e dei gruppi di lavoro;
   riconoscere i maggiori impegni individuali di docenti referenti e/o responsabili di specifiche attività e iniziative di
    interesse generale e del personale ATA;

Il Fondo di Istituto è distribuito tenendo conto dei seguenti criteri:

 Rispetto sostanziale della consistenza numerica delle due fasce: 75% - 25%
 Destinazione delle quota per i collaboratori del D.S.
 Destinazione della quota relativa al pagamento dei compensi per attività rutinarie di carattere organizzativo comuni
  a tutte le sedi (coordinamento C. di classe e Interclasse, formulazione orario, coordinamento e gestione dell’attività
  quotidiana del singolo plesso o sezioni associate, flessibilità, PP6)
 Concrete e dimostrate capacità professionali e operative nello svolgimento dell’incarico specifico affidato
 Equa distribuzione delle risorse tra chi è già destinatario di specifiche indennità e compensi e chi no



- 199 -
 Incarico che preveda una prestazione visibile, verificabile, non sulla carta, non formale
 Disponibilità a prestare l’incarico.

Le tabelle allegate esplicitano chiaramente la destinazione del Fondo d’Istituto.


             ATTIVITA' DI ISTITUTO                   costo        Scuola sec. 1° grado   Scuola primaria   ore cad.   totale ore/persone       totale

Referenti x coordinamento                        €      850,00             2                                                  2            €        1.700,00

Gestione unitaria                                €      550,00             2                    1                             3            €        1.650,00

                                                 €     2.500,00                                 1                             1            €        2.500,00
Due collaboratori
                                                 €     3.500,00            1                                                  1            €        3.500,00

Coordinatori + Segretari                         €      100,00            50                    2                            52            €        5.200,00

Orario
                                                 €       17,50             4                    1          10x4+10           50            €            875,00


Sostituti dei referenti
                                                 €       17,50             2                                  25             50            €            875,00

Flessibilità: docenti primaria
                                                 €       80,00                                 10                            10            €            800,00

Commissione mensa
                                                 €       17,50                                  1             3               3            €             52,50


Sicurezza
                                                 €       17,50             4                    1             6              30            €            525,00


Aggiornamento sito Internet
                                                 €       17,50             1                                  30             30            €            525,00


Commissione gite
                                                 €       17,50             4                    1             8              40            €            700,00

Commissione accoglienza                          €       17,50            11                    2             1              13            €            227,50

Commissione continuità                           €       17,50             7                    3             2              20            €            350,00


Progetto H 11 insegnanti + 10 ore Coordinatore                                                             11x4+10
                                                 €       17,50            11                                                 54            €            945,00
                                                                                                            coord
TOTALE                                                                    85                   23            70             348            €   20.425,00




- 200 -
                                                      fondo incentivante disponibile                 €    43.422,27
                                                             attività per l'Istituto                 €    20.425,00
                                                        a disposizione per progetti                  €    22.997,27




                                                                                               Suddivisione fondo in base al numero degli alunni


                                                                                         scuole           totale        alunni         pro capite
                      sintesi

           €                     3.062,50 Lomello primaria                                           €    22.997,27         591 €                   38,91
           €                     9.467,50 Mede
           €                     3.570,00 Lomello secondaria
           €                     3.745,00 Pieve                                        Mede          €        38,91         230 €             8.949,87
           €                     3.027,50 Sartirana                                    Element       €        38,91           85 €            3.307,56
           €                    22.872,50 totale spese progetti                        Lomello       €        38,91         107 €             4.163,63
                                                                                       Pieve         €        38,91           80 €            3.113,00
                                                                                       Sartirana     €        38,91           89 €            3.463,21
                 facile consumo                                                                                    somma controllo €          22.997,27

           €                      305,00 Mede
           €                      150,00 Pieve
           €                      100,00 Sartirana                                                   €    22.997,27
           €                      500,00 Primaria                                                    €    22.872,50
           €                        80,00 Lomello                                                    €       124,77      AVANZO fondo incentivante
           €                     1.135,00 TOTALE




          L'avanzo verrà utilizzato per incentivare i docenti che operano sul sostegno degli alunni portatori di h - n. 3 docenti per un compenso forfettario di € 200,00 per un tot


L'avanzo verrà utilizzato per incentivare i docenti che operano sul sostegno degli alunni portatori di h - n. 3 docenti per
un compenso forfettario di € 200,00 per un totale di 600,00




- 201 -
                                                                                                    materiale
LOMELLO PRIMARIA                                    ore ins.             ore non ins.               consumo         ore ins.       ore non ins.   totali parziali       TOTALE
1) Progetto Multimedialità: 12 h x 5
insegnanti + docente responsabile - Ins.
Ruggia Silvia                                           €      35,00   65       €       17,50                   €              -   €   1.137,50 €       1.137,50 €        1.137,50

2) Progetto recupero di italiano
                                                5       €      35,00            €       17,50 €             -   €        175,00 €            -    €       175,00 €         175,00
3) Progetto attività grafico-pittoriche - Ins. Amelotti Ottaviana
                                                         €     35,00            €       17,50                                      €         -    €           -
4) Progetto drammatizzazione-teatro: 10
h x 10 insegnanti - Ins. Amelotti
Ottaviana                                                €     35,00   100      €       17,50                                      €   1.750,00 €       1.750,00 €        1.750,00


                                                        €      35,00            €       17,50 €             -   €              -   €         -    €           -     €            -
totale                                          5                      165                      €       500,00 €       175,00 €        2.887,50 €     3.062,50 €          3.562,50


AUTONOMIA
                                                                                                    materiale
LOMELLO PRIMARIA                                    ore ins.             ore non ins.               consumo         ore ins.       ore non ins.   totali parziali       TOTALE


                                                        €      35,00            €       17,50 €             -                      €         -    €           -     €            -


                                                        €      35,00            €       17,50 €             -                      €         -    €           -     €            -
totale                                                                                          €           -                      €        -     €          -      €            -




- 202 -
                                                                                                            materiale
  LOMELLO (secondaria)                               ore ins.                 ore non ins.                  consumo                 ore ins.           ore non ins.        totali parziali       TOTALE
Recupero/consolidamento area
matematica - classi seconde - Prof.
Perone Anna                                     14         €    35,00                   €      17,50 €            10,00 €                490,00 €                 -        €       490,00 €         500,00
"The image of the other" - classi 2° A -
B - Prof. Mazzarello Cesarina                              €    35,00       15          €      17,50                      €                    -   €           262,50 €            262,50 €         262,50
Potenziamento della conoscenza
della lingua inglese - classi 2° A - B -
Prof.ssa Mazzarello Cesarina                    14         €    35,00                   €      17,50 €            10,00 €                490,00 €                 -        €       490,00 €         500,00
Laboratorio Scientifico -classi 1 e 2 B -
Prof. Sacchi Eleonora                                      €    35,00       5           €      17,50                      €                    -   €            87,50 €             87,50 €          87,50
Disegnare la geometria - classe 1° B -
Prof. Magnani Massimo - Prof. Sacchi
Eleonora                                                   €    35,00       6           €      17,50                      €                    -   €           105,00 €            105,00 €         105,00
Attività sportiva scolastica - Prof.
Delucchi Rosanna                                           €    35,00       10          €      17,50 €            50,00 €                      -   €           175,00 €            175,00 €         225,00
Recupero e approfondimento classe
3° A - Prof. Denari Luca                        14         €    35,00                   €      17,50                       €             490,00 €                 -        €       490,00 €         490,00
Disegno Tecnico - classi 2° - 3° - Prof.
Magnani Massimo                                 14         €    35,00                   €      17,50 €            10,00 €                490,00 €                 -        €       490,00 €         500,00
"Cavalleresca…..mente" - classi
prime - Prof. Calvi                             14         €    35,00                   €      17,50 €               -    €                490,00 €               -        €       490,00 €         490,00
Potenziamento recupero matematica -
Prof.ssa Sacchi Eleonora                        14         €    35,00                   €      17,50                       €             490,00 €                 -        €       490,00 €         490,00


                                                           €    35,00                   €      17,50                      €                    -   €              -        €           -     €            -


                                                           €    35,00                   €      17,50                                               €              -        €           -     €            -


                                                           €    35,00                   €      17,50                                               €              -        €           -     €            -


                                                                                        €      17,50                                               €              -        €           -     €            -
totale                                          84                          36                          €        80,00 €             2.940,00 €                630,00 € 3.570,00 €                 3.650,00



AUTONOMIA
                                                                                                   materiale
LOMELLO                                         ore ins.                ore non ins.               consumo           ore ins.           ore non ins.       totali parziali         TOTALE


                                                                                 €     17,50                                           €           -      €            -       €             -
totale                                      0                           0                      €            -    €              -      €           -       €          -        €             -




- 203 -
                                                                                              materiale
MEDE                                               ore ins.            ore non ins.           consumo          ore ins.       ore non ins.   totali parziali       TOTALE
1) Educazione al piacere della lettura -
tutti gli alunni - Prof. Zelaschi                     €       35,00   10      €       17,50   €    20,00   €              -   €     175,00   €       175,00    €      195,00
2) La storia vista da vicino - classe 1°
B - Prof. Calvi                               7       €       35,00           €       17,50   €      -     €        245,00    €         -    €       245,00    €      245,00
3) Potenziamento matematica - classi
3° A - B - Prof. Meschini Milena
                                              6       €       35,00           €       17,50   €      -     €        210,00    €         -    €       210,00    €      210,00
4) Potenziamento matematica - classi
1° A - B - Prof. Meschini Milena              4       €       35,00           €       17,50   €      -     €        140,00    €         -    €       140,00    €      140,00
5) Potenziamento matematica - classi
2° A - B - Prof. Meschini Milena              4       €       35,00           €       17,50   €      -     €        140,00    €         -    €       140,00    €      140,00
6) Dai giochi di parole alla poesia -
classe 2° C - Prof. Zelaschi                 16       €       35,00           €       17,50   €     5,00   €        560,00    €         -    €       560,00    €      565,00
7) Recupero matematica: classi 3 D-
C - Prof. Gatti Antonella                    12       €       35,00           €       17,50   €    10,00   €        420,00    €         -    €       420,00    €      430,00
8) Potenziamento in L2 - classi 2° A -
B - Prof. M. Giovanna Rosa                   10       €       35,00           €       17,50   €      -     €        350,00    €         -    €       350,00    €      350,00
9) Le immagini della storia - classe 3°
B - Prof. Poles                              16       €       35,00           €       17,50   €      -     €        560,00    €         -    €       560,00    €      560,00
10) Recupero matematica: classi 2 A -
2 B - Prof. Mirabile Celestina               12       €       35,00           €       17,50   €      -     €        420,00    €         -    €       420,00    €      420,00
11) Recupero matematica: classi 1 A -
B - Prof. Mirabile Celestina                 12       €       35,00           €       17,50   €      -     €        420,00    €         -    €       420,00    €      420,00
12) Laboratorio di matematica:
imparare la geometria attraverso le
nuove tecnologie didattiche - classi 1°
A - 2° A - Prof. Mirabile Celestina
                                              5       €       35,00   5       €       17,50   €      -     €        175,00    €      87,50   €       262,50    €      262,50
13) Concorso per una Fiaba Prof.ssa
Percivaldi                                            €       35,00   4       €       17,50   €      -     €              -   €      70,00   €        70,00    €       70,00
14) Il Latte (denominato: oro bianco) -
classi 1° A - 2° A - 2° D - Prof. Mirabile
Celestina                                             €       35,00   5       €       17,50   €      -     €              -   €      87,50   €        87,50    €       87,50
15) Recupero di lingua inglese -
classe 3° D - Prof. Mazzarello
Cesarina                                     12       €       35,00           €       17,50                €        420,00    €         -    €       420,00    €      420,00
16) Pittura a olio e acquarello - classi
2 e 3 - Prof. Luisa Tavano                   20       €       35,00   4       €       17,50   €   100,00   €        700,00    €      70,00   €       770,00    €      870,00
17) Leggere e scrivere il giornale -
classe 2° A - Prof. Percivaldi               12       €       35,00           €       17,50                €        420,00    €         -    €       420,00    €      420,00
18) Avvio al latino - classi 3° - Prof.
Camalerio                                    16       €       35,00   2       €       17,50   €     -      €        560,00    €      35,00   €       595,00    €      595,00
                                                                                              materiale
MEDE                                               ore ins.            ore non ins.           consumo          ore ins.       ore non ins.   totali parziali       TOTALE
19) Il computer un amico per la vita -
classi prime - Prof. Barbara Salvatore
                                             22       €       35,00           €       17,50   €    70,00   €        770,00    €         -    €       770,00    €      840,00
20) Recupero di lingua francese -
classe 3° D - Prof. Mazzarello               12       €       35,00
Cesarina                                                                      €       17,50   €      -     €        420,00    €         -    €       420,00    €      420,00
21) Certificazioni Ket - classi 3° - Prof.
M. Giovanna Rosa                             20       €       35,00   9       €       17,50   €      -     €        700,00    €     157,50   €       857,50    €      857,50
22) Attività sportiva scolastica - Prof.
Gallizzi Carmela                                      €       35,00   30      €       17,50   €   100,00   €              -   €     525,00   €       525,00    €      625,00
23) Potenziamento lingua Inglese -
Prof.ssa Guaschi classi prime                 8       €       35,00                                        €        280,00                   €       280,00    €      280,00
24) Potenziamento lingua inglese
classi 2 - Prof.ssa Guaschi                  10       €       35,00                                        €        350,00                   €       350,00    €      350,00

totale                                       236                      69                      € 305,00     €    8.260,00      €   1.207,50   €   9.467,50      €     9.772,50




- 204 -
                                                                                                   materiale
SARTIRANA                                               ore ins.            ore non ins.           consumo         ore ins.       ore non ins.   totali parziali       TOTALE

Recupero di Matematica Prof. Antona
Ornella e Prof. Gatti Antonella
                                                  24       €       35,00           €       17,50               €        840,00    €         -    €       840,00    €      840,00
Potenziamento di matematica classi
terze - Prof. Antona Ornella
                                                   8       €       35,00           €       17,50               €        280,00    €         -    €       280,00    €      280,00
Chi è Pietro Marziani? Classi 1° A - 3°
A - B - Prof. Girini - Prof. Leva - Prof.
Ruffinoni                                                  €       35,00   12      €       17,50               €              -   €     210,00   €       210,00    €      210,00
In giro per la Francia - classe 2° B -
Prof. Denari Luisa - Prof. Girini
Manuela                                                    €       35,00   6       €       17,50               €              -   €     105,00   €       105,00    €      105,00
Attività di recupero/potenziamento
lingua straniera classi 1° - 2° - 3° -
Prof. Denari Luisa                                 8       €       35,00           €       17,50               €        280,00    €         -    €       280,00    €      280,00
Attività di recupero/potenziamento
area linguistica classi 1°A - 2° A - B-
3° A - B- Prof. Girini Manuela - Prof.            24       €       35,00           €       17,50   €   20,00   €        840,00    €         -    €       840,00    €      860,00
Educare al piacere della lettura - Prof. Girini
                                                           €       35,00   5       €       17,50   €   10,00                      €      87,50   €        87,50    €       97,50
Attività sportiva scolastica - Prof.                                                                                              €         -
Delucchi Rosanna                                           €       35,00   10      €       17,50   €   50,00                      €     175,00   €       175,00    €      225,00
"Sentirsi italiani ieri, oggi e domani"
"La deforestazione ci spoglia" - Prof.
Girini - Leva - Ruffinoni                                                  12      €       17,50   €   20,00                      €     210,00   €       210,00    €      230,00
totale                                            64                       45                      € 100,00    €    2.240,00      €    787,50    €   3.027,50      €     3.127,50




                                                                                                   materiale
PIEVE DEL CAIRO                                         ore ins.            ore non ins.
                                                                                                   consumo
                                                                                                                   ore ins.       ore non ins.   totali parziali       TOTALE

Potenziamento Latino classe 3° A
docente Bottazzi Maria Grazia                     12       €       35,00           €       17,50   €     -     €        420,00    €         -    €       420,00    €      420,00
Recupero/Potenziamento Materie
Letterarie classi 2° A - 2° B - Prof.ssa
Bottazzi Maria Grazia                             12       €       35,00           €       17,50               €        420,00    €         -    €       420,00    €      420,00
Laboratorio di Inglese classi 2 A - B
Prof.ssa Cattaneo Anna Maria                      10       €       35,00           €       17,50               €        350,00    €         -    €       350,00    €      350,00
Laboratorio di Inglese classi 3 A
Prof.ssa Cattaneo Anna Maria                      10       €       35,00           €       17,50               €        350,00    €         -    €       350,00    €      350,00
Recupero/Potenziamento Italiano
classe 1° A - Prof. Monica Salvati                12       €       35,00           €       17,50   €   50,00   €        420,00    €         -    €       420,00    €      470,00
Laboratorio di Teatro Prof. Bardoni
Loretta                                           10       €       35,00           €       17,50               €        350,00    €         -    €       350,00    €      350,00
Laboratorio di matematica classe 3° A
- Prof. Triches Manuela                           12       €       35,00           €       17,50   €   50,00   €        420,00    €         -    €       420,00    €      470,00
Recupero / approfondimento
matematica classe 1° A - Prof.
Triches Manuela                                   12       €       35,00           €       17,50               €        420,00    €         -    €       420,00    €      420,00
Recupero potenziamento - Prof.
Denari Luca                                       12       €       35,00           €       17,50               €        420,00    €         -    €       420,00    €      420,00
Laboratorio di educazione motoria -
Prof.ssa Delbò Maria Giuseppina                            €       35,00   10      €       17,50   €   50,00                      €     175,00   €       175,00    €      225,00
totale                                            102                      10                      € 150,00    €    3.570,00      €    175,00    €   3.745,00      €     3.895,00




- 205 -
                ATTIVITA' DI ISTITUTO                costo           Scuola sec. 1° grado        Scuola primaria       ore cad.    totale ore/persone         totale

Referenti x coordinamento                        €       850,00               2                                                             2           €            1.700,00

Gestione unitaria                                €       550,00               2                         1                                   3           €            1.650,00

                                                 €     2.500,00                                         1                                   1           €            2.500,00
Due collaboratori
                                                 €     3.500,00               1                                                             1           €            3.500,00

Coordinatori + Segretari                         €       100,00              50                         2                                  52           €            5.200,00

Orario
                                                 €        17,50               4                         1              10x4+10             50           €              875,00


Sostituti dei referenti
                                                 €        17,50               2                                           25               50           €              875,00

Flessibilità: docenti primaria
                                                 €        80,00                                        10                                  10           €              800,00

Commissione mensa
                                                 €        17,50                                         1                 3                 3           €               52,50


Sicurezza
                                                 €        17,50               4                         1                 6                30           €              525,00


Aggiornamento sito Internet
                                                 €        17,50               1                                           30               30           €              525,00


Commissione gite
                                                 €        17,50               4                         1                 8                40           €              700,00

Commissione accoglienza                          €        17,50              11                         2                 1                13           €              227,50

Commissione continuità                           €        17,50               7                         3                 2                20           €              350,00


Progetto H 11 insegnanti + 10 ore Coordinatore                                                                         11x4+10
                                                 €        17,50              11                                                            54           €              945,00
                                                                                                                        coord
TOTALE                                                                       85                        23                70               348           €     20.425,00



                                                                  fondo incentivante disponibile                   €    43.422,27
                                                                       attività per l'Istituto                     €    20.425,00
                                                                   a disposizione per progetti                     €    22.997,27




                                                                                                            Suddivisione fondo in base al numero degli alunni


                                                                                                      scuole           totale          alunni           pro capite
                           sintesi

            €                           3.062,50 Lomello primaria                                                  €    22.997,27          591 €                       38,91
            €                           9.467,50 Mede
            €                           3.570,00 Lomello secondaria
            €                           3.745,00 Pieve                                             Mede            €           38,91       230 €                8.949,87
            €                           3.027,50 Sartirana                                         Element         €           38,91            85 €            3.307,56
            €                        22.872,50 totale spese progetti                               Lomello         €           38,91       107 €                4.163,63
                                                                                                   Pieve           €           38,91            80 €            3.113,00
                                                                                                   Sartirana       €           38,91            89 €            3.463,21
                      facile consumo                                                                                              somma controllo €             22.997,27

            €                            305,00 Mede
            €                            150,00 Pieve
            €                            100,00 Sartirana                                                          €    22.997,27
            €                            500,00 Primaria                                                           €    22.872,50
            €                             80,00 Lomello                                                            €          124,77    AVANZO fondo incentivante
            €                           1.135,00 TOTALE


L'avanzo verrà utilizzato per incentivare i docenti che operano sul sostegno degli alunni portatori di h - n. 3 docenti per
un compenso forfettario di € 200,00 per un totale di 600,00




- 206 -
         AUTONOMIA
                                                                                      materiale                                                                     TOTALE LORDO
LOMELLO PRIMARIA                                ore ins.           ore non ins.                   ore ins.   ore non ins.    totali parziali       TOTALE
                                                                                      consumo                                                                          STATO
                                                      €    28,41   8      €   15,91                          €     127,28    €      127,28
informatica 4 ore x 5 insegnanti
+ 10 ore respon. aula Ruggia
                                                      €    35,00   22     €   17,50                          €     385,00    €      385,00     €     512,28     €            679,80

                                                      €    28,41   3      €   15,91                          €      47,73    €       47,73
continuità Amelotti Torti Massone
                                                      €    35,00   9      €   17,50                          €     157,50    €      157,50     €     205,23     €            272,35

LOMELLO SECONDARIA

                                                                   4      €   15,91                          €      63,64    €       63,64
continuità
                                                                   8      €   17,50                          €     140,00    €      140,00     €     203,64     €            270,25

PIEVE DEL CAIRO

                                                      €    28,41   5      €   15,91                          €      79,55    €       79,55
attività sportiva scolastica di Istituto
Padoan
                                                      €    35,00   10     €   17,50                          €     175,00    €      175,00     €     254,55     €            337,80

                                                      €    28,41          €   15,91                          €         -     €         -
concorso Bic il mondo a colori
Miracca
                                                      €    35,00   5      €   17,50                          €      87,50    €       87,50     €      87,50     €            116,10

                                                                   3      €   15,91                          €      47,73    €       47,73
continuità
                                                                   5      €   17,50                          €      87,50    €       87,50     €     135,23     €            179,45

SARTIRANA

                                                      €    28,41   2      €   15,91                          €      31,82    €       31,82
progetto lettura Girini
                                                      €    35,00   3      €   17,50                          €      52,50    €       52,50     €      84,32     €            111,90

                                                                   3      €   15,91                          €      47,73    €       47,73
continuità
                                                                   5      €   17,50                          €      87,50    €       87,50     €     135,23     €            179,45

totale                                      0                      95                 €     -     €    -     €    1.617,98   €   1.617,98      €    1.617,98    €           2.147,10




                                                     FONDI PER EXTRACOMUNITARI
                                                                ore   costo
IMPORTO A DISPOSIZIONE                                                                                                                                      €           3.795,70
corsi alfabetizzazione per extracomunitari                                        89              €              35,00       €        3.115,00            €             3.115,00
                                                                                   8              €              15,91       €             127,28
coordinamento progetto (Pagliari)
                                                                                  12              €              17,50       €             210,00         €               337,28
                                                                                   5              €              15,91       €              79,55
commissione per extra: 5 insegnanti
                                                                                  15              €              17,50       €             262,50         €               342,05
RESIDUO                                                                                                                                                   €                 1,37



SEDE                                       N° ALUNNI               ORE PROPOSTE
Elementari                                     4                        20
Mede                                           6                        27
Pieve                                          2                        18
Sartirana                                      2                        10
TOTALE                                         14                       75




- 207 -
          La qualità del
             servizio




- 208 -
                        La valutazione degli alunni 

 LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA PRIMARIA

-   è effettuata secondo quanto previsto dagli articoli 8 e 11 del decreto legislativo 19 febbraio 2004 N°59 e successive
    modificazioni, dagli articoli 2 e 3 del decreto legge 1 settembre 2008 N°137 e del decreto del Presidente della
    Repubblica 22 giugno 2009 N°122;
-   è espressione dell’autonomia professionale propria della funzione docente;
-   ha per oggetto il processo di apprendimento, il comportamento e il rendimento scolastico complessivo degli alunni;
-   assume un’importanza particolarmente rilevante perché la capacità degli alunni di prendere coscienza delle proprie
    abilità e competenze (per una valutazione formativa) si forma proprio in questo segmento del primo ciclo
    d’istruzione.
    Per questo motivo:
-   nella valutazione delle attività quotidiane si esprimeranno, di solito, giudizi ( SI’- BRAVO- BENE…) che tendono
    ad incoraggiare l’alunno e che non sono da mettere in stretta relazione con i voti numerici;
-   la valutazione effettuata mediante l’attribuzione di un voto numerico espresso in decimi (da 5 a 10) riguarderà le
    prove con valore di verifica.

Le prove di verifica (orali e/o scritte) si diversificano in:

-   test d’ingresso: lo scopo principale è valutare la situazione di partenza (prerequisiti o competenze pregresse) per
    poter programmare piani di studio funzionali e conformi alle esigenze della classe;
-   prove “in itinere” e al termine di ogni unità didattica per verificare le conoscenze e le abilità raggiunte ed
    eventualmente modificare-adattare strategie didattiche e tempi;
-   verifiche quadrimestrali: valutazione delle competenze raggiunte al termine dei due quadrimestri.




- 209 -
                          CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE

CONOSCENZE (contenuti disciplinari appresi)
ABILITA’ (applicazione e rielaborazione delle conoscenze)
LINGUAGGIO (uso del linguaggio specifico delle diverse discipline)
COMPETENZA (capacità di applicare conoscenze e abilità apprese in contesti diversi)


          Criteri                                     Giudizio analitico            Giudizio sintetico   Voto in
                                                                                                         decimi

Conoscenze              Precise, approfondite e integrate da apporti personali.
Abilità                 Corrette, dirette e complete.
Linguaggio              Chiaro, ricco e ben articolato.
                                                                                          ottimo           10
Competenze              Applicazione efficace di conoscenze a situazioni nuove.
                        Rielaborazione personale, creativa e critica.
Conoscenze              Precise e approfondite.

Abilità                 Corrette e complete.
Linguaggio              Chiaro, corretto e ben articolato.                               distinto          9
Competenze              Applicazione sicura ed autonoma.
                        Rielaborazione appropriata con spunti critici personali.
Conoscenze              Valide.
Abilità                 Corrette.
Linguaggio              Pertinente e/o appropriato.
                                                                                         buono             8
Competenze              Applicazione sicura.
                        Rielaborazione chiara con apporti personali apprezzabili.
Conoscenze              Modeste.
Abilità                 Abbastanza corrette.
Linguaggio              Semplice ma chiaro.
                                                                                         discreto          7
Competenze              Applicazione meccanica.
                        Rielaborazione semplice ma adeguata.
Conoscenze              Accettabili.
Abilità                 Di base.
Linguaggio              Semplice e non sempre corretto.                                 sufficiente        6
Competenze              Applicazione limitata a determinate situazioni.
                        Rielaborazione semplice a guidata.
Conoscenze              Minime e frammentarie.

Abilità                 Incerte.
                                                                                      Non sufficiente      5
Linguaggio              Lessicalmente povero e impreciso.
Competenze              Applicazione scarsa anche se guidata.
                        Rielaborazione non acquisita.




- 210 -
                                CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

Frequenza.
Rispetto delle regole.
Rispetto del materiale e dell’ambiente scolastico.
Relazione con i compagni.
Relazione con le insegnanti.
Partecipazione.
Impegno/organizzazione del lavoro.
Il giudizio o il voto di condotta viene assegnato considerando la prevalenza degli indicatori relativi al singolo voto.

                                            Giudizio analitico                                      Giudizio sintetico     Voto in decimi



Frequenta in modo assiduo e regolare.
Rispetta in modo responsabile le regole di comportamento.
Ha molta cura dei materiali propri e altrui e dell’ambiente scolastico.
Instaura relazioni collaborative con tutti i compagni.                                               Comportamento
Riconosce il ruolo dell’insegnante e mostra atteggiamenti di rispetto e di fiducia.                   responsabile             9-10
Partecipa alle attività scolastiche in modo attivo e interessato.
Porta a termine con regolarità, precisione e costanza i lavori assegnati nei tempi stabiliti.


Frequenta in modo regolare.
Conosce le regole di comportamento e le mette in pratica.
Generalmente ha cura dei materiali propri e altrui e dell’ambiente scolastico.
Instaura relazioni positive all’interno della classe.                                             Comportamento corretto        7-8
Riconosce il ruolo dell’insegnante e lo rispetta.
Partecipa con attenzione alle attività anche se non interviene spontaneamente.
Porta a termine il lavoro.


Frequenta in modo irregolare (ritardi in ingresso e/o ripetute richieste di uscite anticipate).
Non sempre rispetta le regole di comportamento.
Ha poca cura dei materiali propri e altrui e dell’ambiente scolastico.
Stabilisce relazioni talvolta conflittuali con i compagni.
Talvolta è poco controllato e rispettoso nei confronti dell’insegnante.                            Comportamento non            5-6
Partecipa in modo discontinuo alle varie attività.                                                     corretto
Porta a termine il lavoro solo dopo continue sollecitazioni dell’insegnante.




- 211 -
 LA VALUTAZIONE NELLA SCUOLA SECONDARIA: CRITERI E MODALITA’
  GENERALI PER LA RILEVAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI (verifiche)


Il momento della verifica deve essere sistematico e avviene durante il lavoro per:

         controllare quanto appreso dagli alunni
         correggere e sostenere le attività svolte
         accertare la validità dell’intervento didattico-metodologico.

Le verifiche possono essere orali o scritte, di comprensione e/o di produzione; devono essere frequenti, precise nel
definire gli obiettivi di cui si vuol verificare il raggiungimento, e progressive, cioè devono proporre difficoltà graduali
rispondenti alle competenze e ai contenuti acquisiti.

Strumenti di verifica possono essere:

    Prove strutturate scritte e orali: test oggettivi (Vero/Falso, corrispondenze, scelte multiple, completamenti, ecc.)
    Prove semistrutturate scritte e orali: riassunto, saggio breve, relazione, problema, versione, tavole, ecc..
    Prove non strutturate scritte: tema
    Prove non strutturate orali: interrogazioni, colloqui, conversazioni.



CRITERI E MODALITA’ COMUNI PER LA FORMULAZIONE DEI GIUDIZI (valutazione)

La valutazione consiste nella raccolta e nell’interpretazione dei dati riguardanti i cambiamenti (progressi - regressi) fatti
registrare dagli alunni nel corso dell’attività didattica e formativa e sono utilizzati dai docenti per organizzare meglio il
proprio lavoro al fine di migliorare gli apprendimenti degli allievi.

La raccolta dei dati si realizza:

1.   prima dell’intervento didattico
2.   durante l’intervento didattico
3.   dopo l’intervento didattico.

Ad ognuno di questi momenti, corrisponde un tipo di valutazione:

1.   la valutazione diagnostica, fatta più di osservazione della situazione di partenza degli allievi che di giudizi;
2.   la valutazione formativa, che avviene in itinere e consente di effettuare interventi correttivi sulle modalità di
     realizzazione dell’intervento didattico;
3.   la valutazione sommativa, che prende in considerazione i risultati effettivamente conseguiti alla fine di un
     determinato periodo di lavoro, orientando la prosecuzione delle attività.

Il Collegio dei Docenti, al fine di dare un giudizio globale della completezza e/o esattezza delle prove di verifica di
ciascuna materia, si è uniformato alle direttive ministeriali deliberando la valutazione in decimi con voti dal tre al dieci
per le classi seconde e terze e dal quattro al dieci per le classi prime. Il Collegio dei Docenti per cercare di uniformare,
per quanto possibile, la valutazione, ha elaborato criteri per valutare la conoscenza degli argomenti attraverso gli
indicatori di livello qui di seguito riportati:

Voto 10
Le conoscenze sono approfondite e ricche e applicate anche a contesti interdisciplinari. Le relazioni complesse tra i dati
sono stabilite e analizzate in modo personale.

Voto 9
Le conoscenze sono ampie e approfondite, utilizzate in modo sicuro anche in nuovi contesti; l’analisi e la sintesi sono
impostate con sufficiente autonomia. L’esposizione è scorrevole e ricca sul piano lessicale.

- 212 -
Voto 8
Le conoscenze sono complete e utilizzate in modo corretto e consapevole anche in contesti nuovi. I nuclei problematici
sono colti correttamente e analisi e sintesi vengono in alcuni casi impostate in modo autonomo. L’esposizione è chiara,
sufficientemente scorrevole con lessico specifico.

Voto 7
Le conoscenze sono pressoché complete anche se di tipo prevalentemente descrittivo; la comprensione è corretta ma
l’applicazione resta limitata a contesti noti. I dati sono ordinati in modo chiaro ma analisi e sintesi sono impostate solo
sotto la guida del docente. L’esposizione è corretta, ordinata anche se non utilizza sempre il lessico specifico.

Voto 6
Le conoscenze, non sempre complete e di taglio prevalentemente mnemonico, sono comprese in modo
complessivamente corretto e limitato ai contenuti fondamentali. I dati sono ordinati e colti nei loro nessi in modo
elementare. L’esposizione è accettabile.

Voto 5
Le conoscenze sono incomplete rispetto ai contenuti minimi fissati per la disciplina; la comprensione è insicura e
parziale. I dati sono ordinati in modo confuso. L’esposizione è stentata e carente sul piano lessicale.

Voto 4
Le conoscenze sono carenti nei dati essenziali per lacune molto ampie; la comprensione è molto limitata. L’esposizione
è inefficace e confusa.

Voto 3
Le conoscenze sono contraddistinte da lacune talmente diffuse da non presentare elementi valutabili.
Nella prova scritta il giudizio deve essere accompagnato da una valutazione sul raggiungimento degli obiettivi
specifici che l’esercizio vuol rilevare.

I giudizi sono riportati sul registro personale del professore.

Le tre tipologie di valutazione (diagnostica, formativa, sommativa) trovano concretizzazione in momenti specifici
dell’attività scolastica:

-    all’inizio dell’anno scolastico:
    viene rilevata la situazione di partenza di ogni alunno e viene portata a conoscenza della famiglia attraverso una
    “pagellina”;
-    durante l’anno scolastico
    attraverso le verifiche scritte ed orali si valuta il processo formativo dell’alunno e si calibra la prosecuzione del
    lavoro sui risultati;
-    a metà del II quadrimestre:
    viene consegnata ai genitori una scheda informativa sui livelli di profitto raggiunto nelle diverse materie;
-    alla fine del I e del II quadrimestre:
    si tirano le somme di un periodo preciso di lavoro; vengono distribuite le schede di valutazione con i risultati
    conseguiti nelle varie materie ed il giudizio globale.

Nell’assegnazione del voto di comportamento si fa riferimento a

             correttezza e senso di responsabilità nei confronti dei compagni, degli insegnanti, del personale scolastico
             senso del dovere nei confronti del lavoro scolastico (impegno, partecipazione, interesse).


Voto 10
Comportamento corretto, responsabile e rispettoso delle regole dell’Istituto. Partecipazione attiva e costruttiva. Impegno
continuo e regolare. Frequenza assidua.

Voto 9
Comportamento corretto e rispettoso delle regole dell’Istituto. Partecipazione attiva. Impegno continuo e regolare.
Frequenza regolare.


- 213 -
Voto 8
Comportamento quasi sempre corretto e rispettoso delle regole dell’Istituto. Partecipazione e impegno discontinui.
Frequenza regolare.

Voto 7
Comportamento poco rispettoso delle regole e poco corretto nel rapporto con compagni e insegnanti. Partecipazione
passiva e disinteresse per le attività scolastiche. Impegno superficiale e limitato. Frequenza irregolare.

Voto 6
Comportamento non rispettoso delle regole e non corretto nel rapporto con compagni e insegnanti (tali comportamenti,
annotati sul registro e riferiti ai genitori, sono stati anche oggetto di sanzioni disciplinari). Partecipazione passiva e
indifferenza nei confronti dei richiami dell’insegnante. Impegno molto limitato. Frequenza saltuaria.

Voto 5
Comportamento sanzionato con provvedimento disciplinare di allontanamento dell’alunno dalla comunità scolastica per
un periodo superiore a 15 giorni.




                                 La valutazione esterna 
Per l’anno scolastico. 2010-11, l’INVALSI provvederà a valutare gli apprendimenti dell’italiano e della matematica e
delle scienze attraverso prove nazionali strutturate assegnate
     - per la classe seconda e quinta della scuola primaria, e per la classe prima della scuola secondaria di primo
          grado;
     - per la classe terza della scuola secondaria di primo grado in sede di esame di licenza.




    La valutazione interna del Piano dell’Offerta Formativa 
Nella normativa sull’Autonomia, è indicata, in modo esplicito, la necessità che le singole unità scolastiche provvedano
alla verifica della validità di percorsi formativi progettati e realizzati.
Nell’attività di ogni Istituto diventa necessario prevedere processi di feedback, funzionali a rispettare, anche in itinere, i
percorsi prefigurati, che vanno considerate ipotesi di lavoro e che, come tali, possono richiedere modifiche ed
aggiustamenti.
A tale scopo ogni progetto prevede modalità di verifica e di valutazione in itinere e finali, affinché il processo educativo
e didattico sia il più possibile adattato alla realtà scolastica.




- 214 -
                           Appendice
            Elenco griglie, moduli e tabelle 

    1. Comunicazione ai genitori sulla situazione di partenza e sugli interventi individualizzati
          (pagellina di fine ottobre)
    2. Griglia riassuntiva (di classe) per la valutazione quadrimestrale
    3. Osservazioni sul processo educativo e didattico (pagellina III bimestre)
    4. Modulo per il Consiglio orientativo
    5. Modulo di autorizzazione di gita scolastica
    6. Modulo di proposta di progetto
    7. Modello per la verifica dei progetti realizzati
    8. Modulo per la richiesta di materiale didattico
    9. Modello per U.d.A.




- 215 -

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:130
posted:2/12/2012
language:Latin
pages:215