POF DOCUMENTO FINALE by yOm8H3

VIEWS: 0 PAGES: 52

									               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 


                                    Indice



Premessa                                                                    pag      1
Il profilo della scuola attuale                                             pag     4
L’organigramma                                                              pag   5/6
ANALISI DEL CONTESTO SOCIALE CULTURALE ED ECONOMICO                         pag     7
LA NOSTRA STORIA                                                            pag     8
Il DIRIGENTE SCOLASTICO                                                     pag     9
i RESPONSABILI dei PLESSI                                                   pag     9
le FUNZIONI STRUMENTALI E le COMMISSIONI                                    pag    10
Il RESPONSABILE SICUREZZA                                                   pag    10
Il personale a.t.a                                                          pag     11
La SCUOLA DELL’INFANZIA                                                     pag    12
La SCUOLA primaria                                                          pag    12
La SCUOLA secondaria di I grado                                             pag    13
I Docenti di strumento                                                      pag    14
I RESPONSABILI delle AULE MULTIMEDIALI                                      pag    14
IL CONSIGLIO D’ISTITUTO                                                     pag    14
IL NOSTRO MODO DI CONCEPIRE LA SCUOLA                                       pag    15
LA FORMAZIONE                                                               pag    16
La progettazione formativa                                                  pag    17
FINALITà                                                                    pag   18
Gli Obiettivi formativi e le scelte pedagogiche                             pag    21
OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO                                   pag   22
SCELTE PEDAGOGICHE                                                          pag   23
Strategie generali                                                          pag   24
Scuola territorio : risorse esterne ed interne                              pag   25
La progettazione curriculare                                                pag   26
la programmazione                                                           pag   27
Iniziative per garantire la continuità dei processi educativi               pag   32
La socializzazione degli alunni diversabili                                 pag   33
l’insuccesso scolastico: Strategie                                          pag   33
L’ampliamento dell’offerta formativa                                        pag   34
La progettazione extracurriculare                                           pag   35
Progetti di arricchimento dell’offerta formativa                            pag   36
- Progetti della scuola d’infanzia                                          pag   36
- Progetti della scuola primaria                                            pag   36
- Progetti verticali                                                        pag   37
- Progetti della scuola secondaria di primo grado                           pag   37
- Progetti patrocinati dal comune                                           pag   37
- Progetti legge 285/97                                                     pag   37
Viaggi d’istruzione                                                         pag   38
La progettazione organizzativa                                              pag   39
OrGANIZZAZIONE DEL TEMPO SCUOLA                                             pag    41
RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA                                                    pag   45
Verifica e valutazione dell’efficienza dell’istituto                        pag   46
La valutazione del piano dell’offerta formativa                             pag   47




                            Anno scolastico 2006/2007                                    1
       P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 


         
         
         
         
         
         
         
         
         
         






         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         




                    Anno scolastico 2006/2007                       2
              P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




     Il Piano dell’Offerta Formativa è uno strumento volto a tradurre
in prassi una concezione della scuola intesa:
  o come ambito privilegiato della crescita culturale, sociale e civile
     degli alunni;
  o come momento fondamentale per l’acquisizione di adeguati
     livelli di conoscenza, abilità ed esiti formativi;
  o come sede operante nel registrare, decodificare e prevenire
     eventuali disagi;
  o come luogo dell’uguaglianza nella fruizione dei diritti.
     Esso esplicita le progettazioni:
  o educativa,
  o curriculare,
  o extracurriculare,
  o organizzativa,
  è coerente con gli obiettivi specifici di apprendimento ministeriali,
  riflette le esigenze emerse dall’analisi del contesto culturale, sociale
  ed economico della realtà locale e ricorre alle risorse umane,
  strumentali e finanziarie dell’Istituto.




                           Anno scolastico 2006/2007                       3
       P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                        È STRUMENTO
                             DI
                        INFORMAZION
                             EE
                        CONOSCENZA
 ARMONIZZA                                         È STRUMENTO
 ATTIVITÀ E                                        DI
 RISORSE IN                                        ASSUNZIONE
  FUNZIONE                                         DI
    DEGLI                                          RESPONSABILI
  OBIETTIVI                                        TÀ
 FORMATIVI


                        P.O.F.
  TRADUCE I                                        È STRUMENTO
 BISOGNI DEL                                             DI
TERRITORIO IN                                       CONTROLLO
    PRASSI                                             DELLE
 EDUCATIVA                                          PROCEDURE
                            RENDE
                          VISIBILI LE
                          PROPOSTE
                            DELLA
                           SCUOLA
                         ALL’UTENZA


                                                                    Indice




                    Anno scolastico 2006/2007                           4
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




  Il profilo della scuola attuale

                      SCUOLA DELL’INFANZIA
             Possono iscriversi alla scuola dell’infanzia i bambini e le bambine
             che compiranno i 3 anni entro il 31 dicembre 2006.
             “Gli anticipi previsti dalla legge 53/2003 per bambini che
    ETÀ
             compiono tre anni entro il 28 febbraio dell’anno successivo,
             applicati in via sperimentale, sono attualmente oggetto di verifica”
             (www.pubblica.istruzione.it)
 DURATA      3 anni
ISCRIZIONE Non obbligatoria




                 PRIMO CICLO D’ISTRUZIONE
                                                 SCUOLA SECONDARIA DI
          SCUOLA PRIMARIA
                                                     PRIMO GRADO
DURATA:                                     DURATA:
5 anni                                      3 anni

STRUTTURA:                                  STRUTTURA:
Un primo anno propedeutico seguito Un biennio seguito dall’anno terminale
da due bienni

ETÀ:                                        CONCLUSIONE DEL PRIMO CICLO:
Possono iscriversi alla prima classe        Esame finale con una prova nazionale
della scuola primaria le bambine e i        e con prove elaborate dalle singole
bambini che compiranno 6 anni entro         scuole.
il 31 marzo 2007




                                                                            Indice

                            Anno scolastico 2006/2007                              5
             P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                  L’organigramma



                        Dirigente                  Consiglio
                        scolastico                 d’Istituto




 Direttore dei                                                        Collegio dei
    servizi                                                             docenti
   generali,
amministrativi
e di segreteria




         Personale                                              Consiglio di
       Amministrativo                                             classe
         , Tecnico,
         Ausiliario


                                     Personale
                                     docente




                                                                                     Indice




                            Anno scolastico 2006/2007                                    6
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 


Il Consiglio d’Istituto :

È costituito dai rappresentanti dei genitori, dai rappresentanti dei docenti, dai
rappresentanti del personale ATA e dal Dirigente scolastico ed è presieduto da
un genitore eletto dai membri. Ha il compito di definire le finalità generali della
scuola, di provvedere agli acquisti e a tutte le attività extrascolastiche, di
formulare il regolamento d’Istituto.

Il collegio dei docenti :

È composto da tutti i docenti della scuola, è un organo deliberante presieduto dal
Dirigente scolastico. Fissa gli obiettivi didattici ed educativi, progetta e
promuove il piano dell’offerta formativa e tutte le attività scolastiche.

Il consiglio di classe :

È costituito da tutti i docenti della classe e dai genitori eletti, è presieduto dal
Dirigente scolastico o, in sua assenza, da un docente coordinatore. Provvede alla
definizione della programmazione didattico-educativa della classe, in accordo
con quanto fissato dal C.d.I. e dal C.d.D.

il dirigente scolastico :

È il rappresentante legale della scuola e provvede affinché le finalità generali
siano conseguite attraverso la realizzazione della programmazione didattico-
educativa.

il dirigente dei servizi generali,
amministrativi e di segreteria :

Dirige i servizi amministrativi e organizza il personale amministrativo ed
ausiliario, in modo da realizzare le finalità dell’Istituto.

Il personale docente :

Definisce e realizza la programmazione per materie in accordo con quella di
classe e nel rispetto di quanto fissato dal C.d.I. e dal C.d.D.

Il personale a.t.a. :

Collabora al conseguimento delle finalità dell’Istituto assicurando servizi
amministrativi, di vigilanza e di igiene.

                                                                              Indice


                             Anno scolastico 2006/2007                            7
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




      ANALISI DEL CONTESTO
SOCIALE CULTURALE ED ECONOMICO


       Mirabella Imbaccari è un piccolo centro che si estende su una collina a
circa 500 metri sul livello del mare, e dista 85 km dal capoluogo di provincia. La
sua posizione geografica di cittadina dell’entroterra, la rete viaria di non agevole
fruizione e il modesto numero di servizi pubblici di collegamento, comportano
una condizione di relativo isolamento.
       Il paese, prevalentemente agricolo, è noto anche per la lavorazione di
pregiati merletti artigianali, la cui tradizione si tramanda di generazione in
generazione dal 1910, anno in cui le suore dorotee, ospiti dei principi Biscari, lo
introdussero. Attualmente, presso i locali che un tempo ospitavano la ex Scuola
Media Statale unificata "E. De Amicis", è possibile visitare la mostra
permanente del tombolo. A Mirabella sono presenti delle modeste attività
artigianali inerenti ai settori delle reti ortopediche, degli infissi metallici, della
lavorazione della ceramica, della conservazione dei prodotti agricoli e da attività
commerciali che vertono prevalentemente sui prodotti agricoli locali: frumento,
olio, vino, frutta e verdura.
       A causa delle esigue opportunità lavorative, circa il 60% della
popolazione ha intrapreso la via dell’emigrazione; un cospicuo numero di
mirabellesi si è insediato in Italia settentrionale e in Germania. Tale fenomeno,
che ha apportato un discreto benessere materiale, ha avuto come contropartita un
depauperamento socio-culturale del paese che si è visto privato delle sue energie
giovanili e ha registrato, inoltre, una sensibile riduzione della popolazione in età
scolare.




                                                                                Indice


                             Anno scolastico 2006/2007                              8
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                    LA NOSTRA STORIA


        L'istituzione scolastica a Mirabella Imbaccari è rappresentata solo dalle
scuole della fascia dell'obbligo (una per ogni ordine).
        La scuola media è sorta nel 1939 come Regio Corso Secondario Annuale
di Avviamento Professionale ad indirizzo agrario, sito presso alcuni locali dello
storico Palazzo Biscari; nell'anno scolastico 1947-1948, tale istituzione si è
modificata in Scuola di Avviamento Professionale a indirizzo agrario e
industriale femminile, ubicato presso il fabbricato alloggio per i ferrovieri. La
Scuola Media Statale unificata "E. De Amicis" si costituisce negli anni Sessanta
con la legge del 31 dicembre 1962 n. 1859, e sorge nell'edificio di via Roma sul
terreno donato, a tale scopo al Comune, dal Cav. Ignazio Paternò Castello. A
causa dell’incremento della popolazione scolastica, per parecchi anni si ricorre
ad una sezione staccata nel plesso «Ospizio». Nel 1984, si realizza la definitiva
ed attuale sistemazione nell’edificio di Piazza A. Moro, 7.
        Fino all'anno scolastico 1997-1998, quando, a seguito dell'emanazione
della legge per la tutela delle zone di montagna (L. 97 dell'11.01.1994), gli
Istituti Comprensivi sono stati diffusi capillarmente in tutto il territorio
nazionale, i tre ordini della scuola hanno operato separatamente. A causa del
decremento della popolazione scolastica, legato a fenomeni di migrazione, la
verticalizzazione è stata avvertita, dai responsabili della Scuola e della Pubblica
Amministrazione, come un momento funzionale alla conservazione dell’identità
culturale e come preservazione di un agevole fruizione del diritto allo studio, in
quanto ha evitato accorpamento con scuole dislocate in Comuni limitrofi.




                                                                             Indice




                            Anno scolastico 2006/2007                            9
              P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                                 L’Istituto
                                Comprensivo
                               “E. De Amicis”
                                comprende:




Scuola dell’Infanzia          Scuola Primaria             Scuola Secondaria di I
situata in via Scollo        ubicata in via Roma          grado sita in p.zza A.
    che accoglie                 che accoglie             Moro n. 7 che accoglie
   quattro sezioni               dodici classi                 nove classi



                                                                              Indice



                    DIRIGENTE SCOLASTICO:
                     Professoressa Teresa Fonti



                                                                              Indice



                        RESPONSABILI PLESSI
               Scuola dell’infanzia: Elvira Raffaele
                 Scuola primaria: Giovanna Sottile

   Scuola secondaria di primo grado: Giuseppe Randazzo

                                                                              Indice




                           Anno scolastico 2006/2007                               10
                    P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




       FUNZIONI STRUMENTALI E COMMISSIONI
               Area sostegno
               ai docenti:
               Penitente,




                                        COMMISSIONE ALLA SALUTE
               Cittati
               Area sostegno
               agli alunni:
 STRUMENTALI




                                                                                 COMMISSIONE
                                                                                 DISPERSIONE
   FUNZIONI




               Pappalardo,
                                                                  Guccio
               Carapezza                                                                           Di Rosa
                                                                  Marotta
               Area rapporto                                                                       F. Naso
                                                                  R. Naso
               scuola-
               territorio:
               Marotta,
               I. Lacanea.
               Area P.O.F.:
               Gambino,
               Scianni
COMMISSIONE




                                     COMMISSIONE




                                                                               COMMISSIONE
AMBIENTALE




                                                                                EDUCAZIONE
EDUCAZIONE




                                       UNESCO




               Guerriero                                          Di Rosa                          Carapezza
                                                                               LEGALITÀ
                                                                                   ALLA


               E. La Canea                                        F. Naso                          Pennacchia
               De Angelis                                         Raffaele                         A. E. Patti.
                                                                                 COMMISSIONE PER
COMMISSIONE




                                   COMMISSIONE

                                   D’ISTRUZIONE
EDUCAZIONE




                                                                                   DIVERSABILI
 STRADALE




                                       VIAGGI




               Sottile                                            La Mattina                       Chiaromonte
               Meschi                                             Berretta                         Lo Maglio
               G. Patti                                           Raffaele                         Pappalardo




                                                                                                             Indice


                             RESPONSABILE SICUREZZA
                                     G. Patti



                                 Anno scolastico 2006/2007                                                        11
   P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




          Il personale a.t.a.

 Il dirigente dei
servizi generali,                  Di Stefano Giuseppe
amministrativi e
  di segreteria :
                                    Barbuscia Michele
                                     Bonura Giuseppe
  Ilpersonale
                                      Garziano Maria
    Tecnico
                                       Patti Serafina
                                        Tosto Elide
                                     Berretta Nunzio
                                    Brighino Vincenzo
                                     Farinato Patrizia
                                    Farinato Salvatore
                                     Ferrera Carmelo
  Il personale                      Guzzo Bonaventura
    Ausiliario                     Ingrassano Salvatore
                                    Interlandi Antonio
                                      La Spina M.F.
                                      Pesce Giuseppe
                                        Politi Felice
                                     Ragusa Vincenzo



                                                                Indice




                Anno scolastico 2006/2007                          12
                 P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                     SCUOLA DELL’INFANZIA
          NUMERO
SEZIONI                  INSEGNANTI DI CLASSE             INSEGNANTE DI RELIGIONE
          ALUNNI*
  A          28               GUCCIO – CITTATI
  B          26               MESCHI – A. PATTI
                                                                   SCARCIOFALO
  C          22            RAFFAELE –GUERRIERO
  D          22                MELA – DENTICE
                                                                                   Indice




                          SCUOLA PRIMARIA
                                        Insegnanti di
            N.       Insegnanti di                    Insegnanti Insegnanti di
Classi                                      lingua
          alunni         classe                       di sostegno  religione
                                          straniera
                        PLATANIA
 IA        24           CUTRONA            MAROTTA                            CARAPEZZA
                      NASO PUGLISI
                       BARBUSCIA
 II A      20              PARISI          MAROTTA             ZITO           CARAPEZZA
                          IURATO
                       E. LACANEA
III A      20             VICINO
                                           BERRETTA                             RUSSO
                         DI ROSA
IV A       25          DI STEFANO
                                           BERRETTA                           CARAPEZZA
                         SOTTILE
 VA        24         TERRANOVA
                                           MAROTTA                            CARAPEZZA
                        PLATANIA
 IB        23           CUTRONA            MAROTTA         PAPPALARDO         CARAPEZZA
                      NASO PUGLISI
 II B      22             IURATO           MAROTTA                            CARAPEZZA
III B      19            SCOLLO            BERRETTA        PAPPALARDO         CARAPEZZA
IV B       25            LO FARO           BERRETTA                           CARAPEZZA
VB         25          I. LACANEA          MAROTTA                            CARAPEZZA
                       A. SICILIANO
  IC       23             FAILLA
                                           BERRETTA                           CARAPEZZA
                        AZZOLINA
III C      19          A. SICILIANO
                                           BERRETTA                           CARAPEZZA


                                                                                   Indice




                              Anno scolastico 2006/2007                                 13
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




           SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
                                                        Docenti di          Docente di
  Classi     N. alunni     Docenti di classe
                                                        sostegno             religione
                               LA MATTINA,
                           PENITENTE, ALFIERI,
   IA           19            .DIELI,. LEONE,.           ADAMO
                          ARANZULLA, GALFO, R.
                                    NASO
                            OLIVO, PENITENTE,
                          ALFIERI, DIELI, LEONE,.    CHIARAMONTE
   II A         22         ARANZULLA, GALFO,          LO MAGLIO
                                  R. NASO
                              A. M. SICILIANO,
                           RAPISARDA, ALFIERI,
  III A         21             DIELI, LEONE,            GAGLIANO
                          ARANZULLA, GALFO, R.
                                    NASO
                             SCIANNI, CHIRICO,
                            MONTAUDO, DIELI,
   IB           18                                      LO MAGLIO




                                                                                ANGELA MONTEMAGNO
                           LEONE, ARANZULLA,
                           RANDAZZO, R. NASO
                              MONTEMAGNO,
                          CHIRICO, MONTAUDO,
   II B         23             DIELI, LEONE,             ADAMO
                               ARANZULLA,
                           RANDAZZO, R. NASO
                           CASSISI, DE ANGELIS,
                            MONTAUDO, DIELI,
  III B         21         LEONE, ARANZULLA,
                            RANDAZZO, R.NASO
                          NICOLOSI, DE ANGELIS,
                                MONTAUDO,
   IC           18          CAVALIERE, PATTI,            FALCONE
                               ARANZULLA,
                           BRIGADIECI, R. NASO
                               PENNACCHIA,
                                 GIBILISCO,
   IIC          20              MONTAUDO,
                           CAVALIERE, G. PATTI,
                          NIZZA, GALFO, R. NASO
                           GAMBINO, GIBILISCO,
                               RODOMONTE,
  III C         19          CAVALIERE, PATTI,            F. NASO
                          NIZZA, BRIGADIECI, R.
                                    NASO




*Il numero degli alunni è un dato variabile a causa dei frequenti flussi migratori
ai quali è interessata la popolazione mirabellese.


                            Anno scolastico 2006/2007                                               14
 P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



                                                              Indice




              Anno scolastico 2006/2007                          15
          P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                 DOCENTI DI STRUMENTO
                 CLARINETTO               Priscimone
                 FLAUTO                   Scavo
                 PIANOFORTE               Cocuccio
                 TROMBA                   Grasso
                                                                            Indice




           RESPONSABILI AULE MULTIMEDIALI

                SCUOLA PRIMARIA                       Vicino
               SCUOLA SECONDARIA
                                                    Randazzo
                 DI PRIMO GRADO
                                                                            Indice


               IL CONSIGLIO D’ISTITUTO
    COMPONENTE                 COMPONENTE                    COMPONENTE
      DOCENTI                   GENITORI                        A.T.A.

1    G. RANDAZZO                 G. D’AMICO                     V. RAGUSA

2     E. CHIRICO               S. ARANZULLA                  M. BARBUSCIA

3    M. CARAPEZZA                 V. GANGI

                                 G. GENTILE
4     G. SOTTILE

5      C. IURATO                    G.NISI

6    M. GUERRIERO                  C. NASO

7     I. LA CANEA               G. PENITENTE

8         --                     F. CROCILLÀ
                                                                            Indice




                       Anno scolastico 2006/2007                               16
              P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



IL NOSTRO MODO DI CONCEPIRE LA SCUOLA
           L’ATTIVITà EDUCATIVA DEL NOSTRO ISTITUTO
                  è ISPIRATA AI SEGUENTI PRINCIPI:

 o L’imparzialità: a ciascun alunno deve essere offerta l’opportunità di
   sviluppare la propria identità e di esprimere le proprie potenzialità,
   rispettandone tempi di sviluppo e modalità d’apprendimento;
 o la valorizzazione delle diversità;
 o il rispetto dell’unità psicofisica del bambino e dell’adolescente;
 o l’educazione all’impegno, al senso di responsabilità e alla conquista
   dell’autonomia;
 o la sollecitazione alla cooperazione;
 o l’atteggiamento di ricerca.


                         RITENIAMO LA SCUOLA:

 o   Laboratorio di cultura;
 o   luogo di memoria e di ricerca;
 o   sede privilegiata per la costruzione dell’identità;
 o   ambiente nel quale esprimere liberamente il pensiero critico, avviare e
     consolidare relazioni significative, vivere in armonia con sé e con gli altri.


       CONSIDERIAMO UN BUON MODO DI FARE SCUOLA:

 o Il lavoro collegiale degli insegnanti nel rispetto della libertà di
   insegnamento di ciascuno;
 o il raccordo interdisciplinare tra i docenti come strumento che possa
   garantire l’unitarietà degli obiettivi educativi e l’utilizzo delle potenzialità
   intrinseche ad ogni disciplina;
 o l’individualizzazione dei percorsi formativi;
 o il ricorso a strategie euristiche;
 o la flessibilità organizzativa;
 o l’utilizzo razionale degli spazi educativi sistematicamente qualificati;
 o il rapporto costante tra insegnanti e genitori;
 o il raccordo con le istituzioni locali;
 o la visibilità,la regolarità e la trasparenza i merito : alla formazione delle
   classi, alla definizione dei tempi destinati agli incontri scuola-famiglie,
   all’assegnazione degli insegnanti alle classi, alla formulazione dell’orario
   delle lezioni.
           Indice

                           Anno scolastico 2006/2007                            17
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                        LA FORMAZIONE


       L’aggiornamento e la formazione costituiscono un diritto-dovere del
personale scolastico, svolgono, a partire dalle esigenze espresse dal contesto
scolastico, la funzione di promuovere strumenti culturali idonei a sostenere
sperimentazione ed innovazione didattica, rappresentano uno dei fattori di
qualità della scuola e sono sostenuti con risorse finanziarie provenienti dal
Ministero.
Il Collegio dei docenti delibera annualmente le attività di formazione collettive
ed individuali nonché le loro modalità di svolgimento, nel rispetto delle
disposizioni normative del C.C.N.L.
       Le iniziative di formazione per l’anno scolastico 2006/2007
privilegeranno quei contenuti miranti ad affinare competenze professionali
comuni al fine di incrementare, presso i docenti, le metodologie, di garantire
l’applicazione di strategie condivise, di ampliare la capacità relazionale con i
discenti, con le loro famiglie e con tutte le figure professionali afferenti al
mondo della scuola.
       Per il corrente anno scolastico, relativamente alla scuola secondaria di I
grado, l’Istituto comprensivo “E. De Amicis”, ha avviato una convenzione di
tirocinio di formazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia.
In riferimento al decreto legislativo 195/2003, diventato esecutivo in seguito al
recente accordo Stato-Regioni, che impone l’obbligo della formazione delle
seguenti figure “sensibili”: rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, addetti
antincendio, addetti al pronto soccorso, responsabili della sicurezza e
responsabili della privacy, saranno attivati specifici corsi.
La scuola inoltre supporterà le famiglie degli allievi, impegnate nella complessa
e delicata funzione genitoriale durante l’età evolutiva, organizzando una serie di
incontri, curati da esperti della comunicazione, relativi al tema delle relazioni
interpersonali.



                                                                              Indice




                             Anno scolastico 2006/2007                           18
       P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         






         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         



                    Anno scolastico 2006/2007                       19
            P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                             FINALITà

LA LEGGE DI RIFORMA N. 53/2003 E IL DECRETO N.59 DEL 19/02/2004


                             INDIVIDUANO

       QUALI FINALITÀ DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA:


o Concorrere all’educazione e allo sviluppo affettivo, psicomotorio,
  cognitivo, morale, religioso e sociale delle bambine e dei bambini;
o promuovere le potenzialità di relazione, autonomia, creatività,
  apprendimento;
o assicurare una effettiva eguaglianza delle opportunità educative;
o contribuire alla formazione integrale,nel rispetto della primaria
  responsabilità educativa dei genitori;
o realizzare il profilo educativo e la continuità educativa con il complesso
  dei servizi all’infanzia e con la Scuola Primaria.


          QUALI FINALITÀ DELLA SCUOLA PRIMARIA:


o Accogliere e valorizzare le diversità individuali, ivi comprese quelle
  derivanti dalle disabilità, promuovendo la personalità di ciascun allievo;
o favorire l’acquisizione e lo sviluppo delle conoscenze e delle abilità di
  base,ivi comprese quelle relative alla alfabetizzazione informatica e alle
  prime sistemazioni logico-critiche;
o ampliare l’apprendimento dei mezzi espressivi, della lingua italiana e
  avviare all’alfabetizzazione della lingua inglese;
o fondare solide basi per l’utilizzazione di metodologie scientifiche nello
  studio del mondo naturale, dei suoi fenomeni e delle sue leggi;
o valorizzare le capacità relazionali;
o affinare le capacità di orientamento nello spazio e nel tempo;
o educare ai principi fondamentali della Convivenza civile.



                         Anno scolastico 2006/2007                       20
              P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




QUALI FINALITÀ DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO:



  o Favorire la crescita delle capacità autonome di studio;
  o promuovere il rafforzamento delle attitudini all’interazione sociale;
  o avviare verso l’organizzazione delle conoscenze e delle abilità sia in
    relazione alla tradizione culturale e all’evoluzione sociale, culturale e
    scientifica della società contemporanea, sia mediante l’alfabetizzazione e
    l’approfondimento di tecnologie informatiche;
  o stimolare lo sviluppo progressivo delle competenze e delle capacità di
    scelta corrispondenti alle attitudini e vocazioni degli allievi;
  o indirizzare verso l’acquisizione di strumenti adeguati alla prosecuzione
    delle attività d’istruzione e di formazione;
  o introdurre ad una seconda lingua dell’Unione Europea;
  o orientare verso le scelte di istruzione e di formazione future.



   I docenti dell’Istituto comprensivo “E. De Amicis” intendono
armonizzare le indicazioni ministeriali di carattere nazionale sia con le
specifiche esigenze formative degli alunni, sia con le caratteristiche
sociali, culturali ed economiche del territorio, al fine di educare le
giovani generazioni a stabilire un rapporto di reciprocità funzionale
con la comunità d’appartenenza. A tal uopo si considerano momenti
particolarmente incisivi del processo formativo l’acquisizione di una
consapevole fruizione di quanto l’ambiente offre e la conquista di una
immagine di sé come soggetto modificante mediante puntuali
sollecitazioni ad una costante operatività sociale.
                                                                           Indice




                           Anno scolastico 2006/2007                          21
      P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




LA SCUOLA DOVRÀ CONCORRERE A REALIZZARE




                          CORPOREA




                        L’ ARMONIA




  SOCIALE                                           PSICOLOGICA




                   Anno scolastico 2006/2007                       22
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                 Obiettivi formativi
               e scelte pedagogiche

       Si definiscono formativi quegli obiettivi trasversali a tutte le discipline
che concretizzano le finalità e che, negli Istituti comprensivi, si perseguono, nel
rispetto delle problematiche peculiari a ciascuna fascia d’età e mediante un
coordinamento delle attività didattiche, a partire dalla scuola dell’infanzia fino
alla conclusione del primo ciclo d’istruzione.
       A ciascun alunno deve essere offerta la possibilità di:

   o maturare l’identità;
   o conquistare l’autonomia;
   o sviluppare le linguistico-espressive, logico-scientifiche, artistico-
     estetiche;
   o acquisire ed esprimere un personale modo di essere e proporlo
     agli altri;
   o interagire positivamente con l’ambiente naturale e sociale
     circostante e influenzarlo positivamente;
   o risolvere i problemi che di volta in volta incontra;
   o riflettere su sé stesso, gestire il proprio processo di crescita e,
     all’occorrenza, ricorrere all’ aiuto di figure di riferimento;
   o comprendere la complessità di sistemi simbolici e culturali;
   o maturare il senso del bello;
   o conferire senso alla vita.
                                                                             Indice




                            Anno scolastico 2006/2007                           23
                                            P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                    OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO


                                   -acquisire il senso del valore dell’ esperienza;
SCUOLA PRIMARIA




                                   -vivere la corporeità come valore;
                                   -riconoscere le idee e i valori presenti nell’esperienza;
                                   - passare dal mondo delle categorie empiriche al mondo delle categorie
                                   formali;
                                   -abituarsi al confronto personale;
                                   -considerare la diversità delle persone e delle culture come ricchezza;
                                   -praticare l’impegno personale e la solidarietà sociale.


                                   -riconoscere e gestire i diversi aspetti della propria esperienza motoria,
                                   emotiva e razionale, nella consapevolezza della loro interdipendenza e
                                   integrazione nell’unità che ne costituisce il fondamento;
                                   -abituarsi a riflettere, con spirito critico, sia sulle affermazioni i genere, sia
                                   sulle considerazioni generali per prendere una decisione;
SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO




                                   -distinguere, nell’affrontare in modo logico i vari argomenti, il diverso grado
                                   di difficoltà che li caratterizza;
                                   -concepire liberamente progetti di vario ordine, dall’esistenziale al tecnico, che
                                   li riguardino, e tentare di attuarli, nei limiti del possibile, con la
                                   consapevolezza dell’inevitabile scarto tra concezione ed attuazione, tra risultati
                                   sperati e risultati ottenuti;
                                   -avere gli strumenti di giudizio sufficienti per valutare sé stessi, le proprie
                                   azioni, i fatti e i comportamenti individuali, umani e sociali degli altri, alla
                                   luce dei parametri derivati dai grandi valori spirituali che ispirano la
                                   convivenza civile;
                                   -avvertire interiormente, sulla base della coscienza personale, la differenza tra
                                   il bene e il male ed essere in grado, perciò, di orientarsi di conseguenza nelle
                                   scelte della vita e nei comportamenti sociali e civili;
                                   -essere disponibili al rapporto di collaborazione con gli altri, per contribuire
                                   con il proprio apporto personale alla realizzazione di una società migliore;
                                   -avere consapevolezza, sia pure adeguata all’età, delle proprie capacità e
                                   riuscire, sulla base di esse, a immaginare e progettare il proprio futuro,
                                   predisponendosi a gettarne le basi con appropriate assunzioni di responsabilità;
                                   -porsi le grandi domande sul mondo, sulle cose, su di sé e sugli altri, sul
                                   destino di ogni realtà, nel tentativo di trovare un senso che dia loro unità e
                                   giustificazione, consapevoli, tuttavia, dei propri limiti di fronte alla
                                   complessità e all’ampiezza dei problemi sollevati.




                                                         Anno scolastico 2006/2007                                24
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



                        È compito dell’Istituzione scolastica:
Promuovere l’educazione integrale della personalità degli allievi attraverso
l’esercizio dell’autonomia personale, della responsabilità intellettuale, morale e
sociale, della creatività e del gusto estetico mediante:

   o   Esortazione all’autoregolazione degli apprendimenti;
   o   percezione dell’auto-efficacia;
   o   auto-rinforzo cognitivo;
   o   attivazione delle risorse personali.
                                                                                 Indice


                      SCELTE PEDAGOGICHE
L’azione della scuola, in considerazione dei bisogni formativi degli alunni e del
contesto territoriale di appartenenza, è orientata a:



       FORNIRE GLI             RENDERE GLI ALLIEVI                   RENDERE
    STRUMENTI PER:             PROTAGONISTI DEL                   CONSAPEVOLI:
                              PROPRIO PROCESSO DI
                                APPRENDIMENTO,
                             INTESO COME CAPACITÀ
                                      DI:



- Capire le relazioni tra - Sviluppare un pensiero          - Dei processi cognitivi
le conoscenze pregresse creativo.                           attivati per osservare,
e i nuovi saperi.                                           selezionare e rielaborare
                          - Saper esplicitare a sé          le informazioni che ci
-    Saper     usare   le stessi e agli altri la            provengono dalla realtà.
informazioni apprese in propria             visione
contesti     diversi    e soggettiva.
imprevisti.
                          - Confrontarsi con le
- Imparare ad utilizzare idee diverse.
nuove idee, nuovi metodi
e nuove tecnologie.       -     Comprendere      le
                          relazioni     tra      le
                          conoscenze              e
                          l’esperienza.


                             Anno scolastico 2006/2007                              25
 P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



                                                              Indice




              Anno scolastico 2006/2007                          26
              P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                     Strategie generali



Per garantire il successo formativo degli alunni e nel rispetto dei
processi di apprendimento e di formazione, si stabiliranno relazioni
educative improntate alla disponibilità all’ascolto.
Dal punto di vista meramente didattico, si considerano strategie
efficaci:


      o Vagliare debitamente i prerequisiti di ognuno;
      o considerare i diversi stili di apprendimento intesi come
        diversa modalità di interiorizzare e costruire la propria
        conoscenza;
      o utilizzare l’errore come risorsa ed occasione di ricerca;
      o privilegiare la domanda rispetto alla risposta;
      o ottimizzare il lavoro di tutti;
      o valorizzare l’esperienze e le riflessioni attraverso il fare.


Dal punto di vista relazionale, si considera necessario stabilire un
clima sereno e collaborativo:


     o   Tra docenti e alunni;
     o   tra gli operatori scolastici;
     o   tra insegnanti e genitori;
     o   tra la scuola ed Enti locali.

                                                                           Indice




                           Anno scolastico 2006/2007                          27
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



                 Scuola territorio:
             risorse esterne ed interne

La scuola dell’autonomia esprime la propria identità relazionandosi con il
territorio, pertanto la programmazione educativo-didattica ricercherà anche nella
realtà esterna elementi che costituiscano occasione di crescita e di arricchimento
culturale per gli alunni. L’istituto comprensivo “Edmondo De Amicis” è
collegato in rete con le scuole del circondario,attraverso un protocollo d’intesa.

                              RISORSE ESTERNE

   o Risorse naturali: zona archeologica in contrada “Castellaccio”o
      “Montagnola”;
   o Risorse storico-monumentali: Chiesa Madre Santissima Maria delle
     Grazie, chiesa del Sacro Cuore di Gesù, Palazzo Biscari, ex-carcere
     borbonico, Palazzo Giangrande;
   o Risorse culturali: Biblioteca comunale, museo del tombolo, cinema,
     circoli culturali, istituti superiori del territorio limitrofo;
   o Risorse istituzionali: Comune, A.S.L, Protezione civile, C.S.A. di Catania,
     Croce rossa sezione locale, Consultorio, Kalat Ambiente, Sovraintendenza
     ai beni culturali.

                              RISORSE INTERNE

   o Risorse umane: il personale della scuola, descritto nella composizione
     dell’organigramma, con funzioni e ruoli diversi, in un clima relazionale
     sereno concorrerà quotidianamente al raggiungimento delle medesime
     finalità educative;
   o Risorse strutturali e strumentali: gli alunni dell’Istituto potranno usufruire:
        nel plesso della scuola dell’infanzia: di sala giochi, sala mensa, sala
           audiovisivi;
        nel plesso della scuola primaria: di biblioteca (annessa alla sala
           insegnanti) di sala informatica, di sala sussidi didattici, di sala
           audiovisivi, di un’aula adibita a palestra, di aule destinabili ad
           attività di recupero e di sostegno;
        nel plesso della scuola secondaria di I grado di: aula multimediale,
           biblioteca e sala lettura, laboratorio scientifico, laboratorio di cucina,
           sala riunioni, aula magna, palestra.

                                                                               Indice



                             Anno scolastico 2006/2007                            28
       P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 


         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         






         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         




                    Anno scolastico 2006/2007                       29
             P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




Per programmazione si intende l’elaborazione di un
progetto che, in un’ottica di formazione globale
permanente, espliciti con chiarezza, precisione e
consapevolezza, le varie fasi del processo educativo,
considerando debitamente sia le reali condizioni
sociali, culturali, ambientali in cui si opera, sia le risorse
disponibili. La sua pianificaZione prevede:




             PROCEDURE                                   ANALISI
             DI VERIFICA                                  DELLA
                 E DI                                  SITUAZIONE
             VALUTAZION                                  INIZIALE
                  E




   INDIVIDUAZI                                                  DEFINIZIONE
      ONE DI                                                       DEGLI
   METODOLOG                                                     OBIETTIVI
      IE E DI
    STRATEGIE




                                 SELEZIONE
                                    DEI
                                 CONTENUTI




                           Anno scolastico 2006/2007                          30
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




La programmazione dell’intervento educativo considera in prima istanza le
esigenze formative degli alunni che fanno riferimento alla necessità di:




  Scuola dell’infanzia            Scuola primaria                Scuola secondaria
                                                                    di I grado

Maturare         l’identità Sviluppare rapporti e Favorire la maturazione
corporea, intellettuale e relazioni    interpersonali del sé e del proprio
psicodinamica               adeguati                  rapporto col mondo

Conquistare l’autonomia Integrare il curricolo               Favorire:
nelle scelte personali e tradizionale con attività            la       capacità        di
nelle interazioni sociali    che     promuovano       la     osservazione,
                             pratica     di   linguaggi      le conoscenze,
                             diversificati (Musicale -       le capacità di analisi, di
                             teatrale)                       sintesi e di rielaborazione
Sviluppare le competenze
                             Disporre di:                    Potenziare i linguaggi
in merito alle abilità
                              spazi legati all’attività     funzionali e specifici al
sensoriali,        motorie,
                                fisica e motoria             fine di comprendere e
linguistiche, intellettive e
                              momenti per attività          comunicare in modo
riorganizzative
                                individualizzata             corretto e adeguato
dell’esperienza
                             Entrare in contatto con:
                                                             Acquisire un metodo di
                              lingua straniera
                                                             lavoro e di studio capace
                              Tecnologie
                                                             di rendere gli studenti
                                informatiche           e
                                                             autonomi
                                multimediali




                             Anno scolastico 2006/2007                                31
                  P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 


La programmazione dell’intervento didattico si realizzerà secondo le seguenti
linee operative:

       Scuola                  Scuola primaria             Scuola secondaria di I grado
    dell’infanzia
All'inizio di ciascun       Tutti gli insegnanti          Il Collegio dei docenti stabilirà le
anno scolastico i           programmeranno         con    linee guida della programmazione
docenti,                    cadenza bisettimanale;        per l’anno scolastico in corso.
collegialmente,             la      programmazione        Tutti gli insegnanti, analizzati i
elaboreranno         una    didattica      coinvolgerà    livelli di partenza della classe,
programmazione              gruppi e         team di      formuleranno          le         unità
educativa contenente        docenti      operanti     a   d’apprendimento       (U.D.A.),      a
le scelte didattiche e      diversi livelli (classi,      cadenza bimensile, fissando i tempi,
organizzative, nonché       classi parallele, classi      definendo        gli       argomenti,
i        criteri       di   appartenenti allo stesso      selezionando le competenze da
utilizzazione       delle   biennio,      gruppi     di   promuovere in riferimento al
risorse.                    progetto,            plessi   P.E.CU.P. e gli O.S.A., declinando
Durante           l’anno    scolastici);                  gli obiettivi specifici per fasce di
scolastico           tale                                 livello,   chiarendo      metodi     e
progetto sarà valutato                                    strategie, mezzi e strumenti,
con              cadenza                                  considerando le verifiche formative
periodica           dalle                                 e sommative in itinere e a fine
insegnanti.           La                                  percorso.
programmazione e la         All’interno di ogni           Periodicamente gli insegnanti, a
verifica         saranno    gruppo sarà prevista la       livello di Consiglio di classe, si
organizzate          con    figura         di       un    incontreranno per confrontare ed
cadenza mensile.            coordinatore.                 eventualmente         riprogrammare
                            Periodicamente            i   quanto proposto.
                            coordinatori         della
                            scuola      primaria     si
                            incontreranno          per
                            discutere le difficoltà
                            rilevate in ogni gruppo
                            al fine di uniformare
                            modalità e strumenti
                            della
                            programmazione/valuta-
                            zione.
Ogni      docente   o        Ogni       docente      o    Ogni docente, o all’ interno del
all’interno       del       all’interno del Consiglio     Consiglio di Classe o per disciplina,
Consiglio di Classe o       di     Classe     o    per    si attiverà al fine di affrontare
per disciplina, si          disciplina, si attiverà al    meglio qualsiasi emergenza che si
attiverà al fine di         fine di affrontare meglio     verifichi nel corso dell’anno.
affrontare     meglio       qualsiasi emergenza che
qualsiasi emergenza         si verifichi nel corso
che si verifichi nel        dell’anno.
corso dell’anno.
                                 Anno scolastico 2006/2007                                   32
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 


Inoltre si stabiliranno incontri di interplesso per visite guidate e cineforum,
orientamento, gite scolastiche programmazione di interventi di esperti per
l’Educazione alla convivenza civile.
                                                                                Indice


             Insegnamento - Apprendimento

       L’insegnamento e l’apprendimento sono le variabili che influiscono più
incisivamente sulla formazione culturale dell’alunno. A tal fine, l’Istituto
Comprensivo “Edmondo De Amicis” ritiene fondamentale per ciascun ordine di
scuola:
la libertà di ciascun docente, in quanto professionista, di attuare un
insegnamento diretto allo studente per favorirne la crescita culturale e umana
mediante le modalità previste dalla legislazione vigente, nel rispetto dei
curricoli disciplinari, dei principi contenuti nel P.O.F. e delle esigenze delle
varie realtà
                                                                                Indice


Verifica


       La verifica degli apprendimenti sarà connessa alla programmazione dei
percorsi interdisciplinari in cui si registrerà la qualità dei risultati allo scopo di
poter offrire fondati elementi di giudizio. Le prove mireranno ad accertare il
possesso di conoscenze ed abilità in relazione agli obiettivi operativi fissati;
saranno oggetto di discussione per promuovere nell’allievo l’auto-osservazione
e l’auto-valutazione attivando dinamiche aperte alla valorizzazione
dell’esperienza. Le rilevazioni sistematiche saranno attuate mediante colloqui
orali, questionari, test a risposta multipla, griglie a completamento, relazioni,
produzioni creative autonome.
       In presenza di difficoltà d’apprendimento, evidenziate da alcuni alunni nel
corso delle attività didattiche, si procederà alla verifica della programmazione
iniziale per riprogettare, calibrandole in maniera più incisiva “aderente” alle
esigenze dei soggetti in questione, le attività curriculari.
                                                                                Indice


Valutazione


La valutazione accompagna i processi di insegnamento/apprendimento e
consente un costante adeguamento della programmazione didattica in quanto
permette ai docenti di:


                             Anno scolastico 2006/2007                             33
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 


   o offrire a ogni alunno la possibilità di aiuto per favorire il superamento
     delle difficoltà che si presentano in itinere
   o predisporre collegialmente piani individualizzati per i soggetti in
     situazione di insuccesso.



 Nel corso dell’anno scolastico la valutazione

attesterà:
    o cosa è cambiato
    o cosa funziona meglio
    o cosa non funziona ancora

svolgerà funzione:
    o Prognostica: in quanto accerterà se gli alunni hanno acquisito le
       competenze stabilite.
    o Proattiva:     in    quanto     predisporrà       piani    di   lavoro,scelte
       metodologiche,attività e strumenti idonei a raggiungere gli obiettivi
       fissati.
    o Formativa: in quanto sarà orientata alla valorizzazione dei punti di forza
       di ciascun alunno e a rinforzarne l’identità e la stima di sé.
    o Sommativa: in quanto certificherà i livelli di apprendimento degli alunni.

prenderà in considerazione:
   o la situazione familiare e socio-ambientale
   o la capacità e i ritmi di apprendimento
   o gli obiettivi educativi e didattici conseguiti
   o le conoscenze, le abilità e le competenze acquisite
   o le difficoltà incontrate
   o il livello di preparazione raggiunta



           Scuola primaria                       Scuola secondaria di I grado




                            Anno scolastico 2006/2007                           34
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 


          Indicatori-Strumenti :                      Indicatori-Strumenti :
   Scheda di valutazione ministeriale          Scheda di valutazione ministeriale
   colloqui con le famiglie                    colloqui con le famiglie
   documenti auto-prodotti                     consigli di classe (valutazione,
   diari                                        verifica periodica dell’andamento
   relazioni,    conferenze,    mostre,         della classe)
    spettacoli                                  Piano educativo didattico (solo per
   percorsi e progetti                          casi particolari)
   piano di lavoro annuale                     coerenza del processo formativo con
   piano dell’offerta formativa                 quanto stabilito nel P.O.F
                                                documentazione               percorso
                                                 individuale
                                                piano dell’offerta formativa
                                                                                Indice




                             Anno scolastico 2006/2007                             35
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



             Iniziative per garantire
       la continuità dei processi educativi

La legge di riforma della scuola e la struttura del P.E.CU.P. (Profilo educativo
culturale e professionale ) confermano la continuità del processo educativo quale
condizione essenziale per assicurare agli alunni il positivo conseguimento delle
finalità dell’istruzione obbligatoria.
La scuola primaria deve garantire un sereno raccordo con gli ordini scolastici
che la precedono e la seguono.
Saranno attuate:

                         L’OSSERVAZIONE IN SITUAZIONE:
partecipazione degli insegnanti della scuola primaria ad attività svolte nella
scuola dell’infanzia per una prima conoscenza degli alunni di 5 anni;

                          LA FORMAZIONE DELLE CLASSI:
al fine di garantire trasparenza ed equità, i docenti dei tre ordini di scuola
provvederanno preliminarmente, sulla base di elementi oggettivi, ad individuare
delle fasce di livello; successivamente, nel rispetto del criterio di omogeneità
dell’equilibrata composizione per profitto e per sesso, l’assegnazione degli
alunni alle classi, avverrà mediante sorteggio pubblico

                   INCONTRI PERIODICI FRA GLI INSEGNANTI:
i docenti della scuola dell’infanzia primaria e secondaria di primo grado, si
incontrano durante l’anno per confrontarsi su problemi di ordine didattico ed
organizzativo.

                            ATTIVITÀ DI LABORATORIO:
Nel periodo dicembre-gennaio gli alunni delle classi quinte della scuola primaria
parteciperanno a dei laboratori organizzati presso la scuola secondaria di primo
grado al fine di familiarizzare con l’ambiente che li accoglierà nel successivo
anno scolastico.

  INCONTRI PERIODICI TRA LE INSEGNANTI DELLE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA
      PRIMARIA E I DOCENTI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO:
per confrontare i rispettivi programmi di lavoro e le prove di ingresso che la
scuola secondaria di primo grado ha già sperimentato, oltre che per avviare una
programmazione comune che garantisca continuità nel passaggio tra i due ordini
di scuola anche in relazione a quanto previsto dal P.E.CU.P..

                                                                            Indice


                            Anno scolastico 2006/2007                          36
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



 La socializzazione degli alunni diversabili
       Convinti che la diversabilità rappresenti una risorsa per la scuola e uno
stimolo alla crescita personale per ogni componente della comunità scolastica
propendiamo per l’attuazione di un percorso compatibile per normodotati e
diversamente abili, da attuarsi in un unico ambiente formativo, con, ove
possibile, strategie condivise, contenuti funzionali alla promozione di tutti e
individuazione di traguardi calibrati ai diversi tempi di apprendimento di
ciascuno.
       Il “diverso” deve essere considerato nella sua specificità, nella differente
organicità costituita da componenti psicologiche e biologiche differenti da
individuo a individuo. L’analisi attenta di tali diversità deve costituire il punto
focale su cui edificare la didattica integrata e differenziata.
       Per ciascun alunno diversabile, i docenti di sostegno, con la
collaborazione dell’equipe psicopedagogica del servizio sanitario locale e le
famiglie, predisporranno un piano educativo personalizzato (P.E.P.). In caso di
grave disabilità psicofisica gli enti locali metteranno a disposizione dell’allievo
un assistente.
       I docenti dell’Istituto comprensivo “E. De Amicis” mirano a sottolineare
come l’insegnante di sostegno sia una risorsa per tutti gli alunni della classe e
come l’attività integrata di tutti i docenti concorra alla riuscita dei progetti
didattico-educativi.
                                                                             Indice
             l’insuccesso scolastico: Strategie
       L’Istituto comprensivo “Edmondo De Amicis” dispone di un osservatorio
sulla dispersione scolastica. Per quanto attiene agli alunni che, nello svolgimento
delle attività didattiche, esperiranno situazioni di insuccesso, si provvederà alla
stesura di piani personalizzati, che presuppongano, al termine del percorso
formativo, prove di verifica individuali. Il processo di individualizzazione
dell’insegnamento si fonderà sulla capacità dei docenti di “adattare” l’intervento
didattico alle caratteristiche specifiche degli allievi; ogni procedura
metodologica dovrà essere calibrata sul soggetto al quale è diretta. Si procederà
in prima istanza alla “facilitazione” dell’insegnamento mediante la
semplificazione del linguaggio, l’attenuazione delle difficoltà, il rispetto dei
ritmi individuali, l’incoraggiamento, il suggerimento, la guida.
       Un elemento didattico efficace potrebbe rivelarsi la "memoria storica"
della classe o della sezione: giornalini di classe o di plesso, cartelloni, mostre,
ecc... sono strumenti importanti per consolidare l'identità individuale e di gruppo
degli alunni. Non va sottovalutata poi la funzione comunicativa che tali
strumenti possono assolvere nei confronti delle famiglie.


                            Anno scolastico 2006/2007                           37
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 


      I docenti che dovessero riscontrare situazioni di insuccesso scolastico
potranno rivolgersi ai docenti della Commissione dispersione scolastica e
progettare insieme a loro dei moduli di intervento alternativi ed efficaci.
      Indice




      L’ampliamento dell’offerta formativa

A supporto ed integrazione dei curricoli programmati, si svolgeranno varie
attività in orario curriculare ed extra-curriculare.
Sono previste visite guidate in orario scolastico a musei, aziende, scuole,
laboratori artigianali. Arricchiranno inoltre, l’offerta formativa le seguenti
attività curriculari :


                         SCUOLA DELL’INFANZIA:

“Accoglienza”, “Laboratorio del fare e dell’agire”


                             SCUOLA PRIMARIA:

Psicomotricità; educazione all’immagine; educazione musicale; educazione
all’ambiente; attività di manipolazione; attività logiche e matematiche;
laboratorio linguistico; spettacoli teatrali per gli alunni e le famiglie, da
organizzarsi anche con la collaborazione dei genitori, degli enti locali e delle
associazioni; uscite programmate per la scoperta e la conoscenza dell’ambiente
in cui si vive.


           SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

Laboratorio di Strumento musicale; Laboratorio di teatro; Laboratorio tecnico-
operativo (Q); Laboratorio matematico-scientifico (Q); Laboratorio artistico;
Laboratorio di     Latino; Laboratorio di educazione alimentare;Palchetto
stage”;“Repubblica @ scuola”; Newspaper games.
                                                                                 Indice




                             Anno scolastico 2006/2007                              38
       P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         






         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         



                    Anno scolastico 2006/2007                       39
           P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                              pianifica




                                                           Adesione ad
  Progetti di              Visite guidate e             attività culturali
arricchimento                   viaggi                   proposte da Enti,
 dell’offerta               d’istruzione                   Associazioni,
                                                        Comuni, Istituzioni
  formativa
                                                          pubbliche varie


                                                                          Indice




         Progetti della scuola d’infanzia

    NATALE
    CARNEVALE
    SAN GIUSEPPE
    FINE ANNO
                                                                          Indice




          Progetti della scuola primaria

  EDUCAZIONE MOTORIA
  DRAMMATIZZAZIONE
                                                                          Indice




                        Anno scolastico 2006/2007                             40
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                           Progetti verticali

I progetti di seguito elencati saranno attuati sia in orario curriculare che extra-
curriculare

      “Dalla parte dei bambini” (Progetto UNESCO)
      “Semi di giustizia per un mondo di pace”
      “Promuovere la salute a scuola”
      “Conosci il tuo territorio” (Educare al futuro: energie
       alternative-rinnovabili; Il mio territorio e le sue energie;
       Educazione alla campagna amica”)
      “Educazione stradale nell’ambito dell’Educazione alla
       convivenza civile”
      “Drammatizzazione”
      “Voliamo sempre più in alto” (Kalat Ambiente)
      Cineforum
      Valorizzare il passato per meglio costruire il futuro
                                                                                   Indice


                       Progetti
       della scuola secondaria di primo grado
    “Il mio corpo comunica”(recital di fine anno)
    “Gruppo sportivo a scuola” Progetto di                                  Educazione
     sportiva
    “Progetto patentino”
                                                                                   Indice


             Progetti patrocinati dal comune
    “Il cavallo a scuola”(destinato ad alunni diversabili)
    “Psicomotricità in acqua”(destinato ad alunni diversabili)
    “Costituzione di un gruppo musicale”(destinato ad
     adolescenti : alunni frequentanti la scola secondaria di
     primo grado ed exallievi)
                                                                                   Indice


                             Progetti legge 285/97
      “L’aquilone diventa poesia”
      “Laboratorio fotografico”
      “Laboratorio di Educazione Civica”
      “Laboratorio musicale”
                                                                                   Indice



                             Anno scolastico 2006/2007                                41
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                      Viaggi d’istruzione


   Il viaggio d’istruzione costituisce parte integrante dell’offerta formativa di
un’istituzione scolastica e occasione di apprendimento fuori dall’aula, nonché
stimolo alla socializzazione e alla responsabilizzazione personale e di gruppo.

   La selezione della meta verrà effettuata in relazione ai seguenti criteri:

       o la fascia di età degli alunni,
       o il livello di motivazione,
       o l’attinenza tematica ai programmi svolti.

   Le finalità dei viaggi d’istruzione saranno:

       o sviluppare e ampliare conoscenze attraverso il confronto con la realtà
         circostante;
       o rinforzare e consolidare le conoscenze pregresse;
       o sollecitare e potenziare il senso di autonomia e di responsabilità
         attraverso le relazioni con gli altri;
       o stimolare le capacità comunicative e la socializzazione;
       o allargare le esperienze dall’ambito familiare a quello dei linguaggi
         culturali.

       La Commissione gite avrà cura di contattare le agenzie di viaggio,di
provvedere all’esame dei preventivi di spesa e delle soluzioni relative a forme e
modalità di trasporto e di sistemazione logistica.
È contemplata la possibilità di forme di cofinanziamento, qualora il Consiglio
d’Istituto qualora prevedesse lo stanziamento di fondi in materia di “visite
guidate” e “viaggi d’istruzione” nella assunzione della delibera di spesa a carico
del bilancio dell’istituzione scolastica.
      Indice




                             Anno scolastico 2006/2007                          42
       P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 


         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         






         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         
         




                    Anno scolastico 2006/2007                       43
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



  Il percorso educativo-didattico            sarà    caratterizzato     da   due   linee
metodologiche privilegiate :

                    L’APPRENDIMENTO COOPERATIVO:

Che rappresenta un modello fondato sul dialogo, sul confronto negoziale e il
dibattito ragionato e che ricorre a strategie ludiche e creative e all’applicazione
di una didattica operativa concreta.

                         LA DIDATTICA LABORATORIALE

Il laboratorio è uno “spazio” per l’attuazione di percorsi di apprendimento
multidisciplinari caratterizzato da un’atmosfera emotiva, affettiva e, in taluni
casi, estetica rispondente a specifici interessi nonché ai bisogni formativi degli
alunni. Le attività di laboratorio favoriscono i rapporti interpersonali tra i
bambini e permettono scambi di esperienze e di conoscenze con coetanei e
insegnanti di altre sezioni.
       Nei laboratori l’apprendimento è basato sulla ricerca, sulla osservazione,
sulla esplorazione, sulla elaborazione con possibilità di seguire individualmente
gli alunni. Gli strumenti, i metodi e le attività sono diversificati in rapporto
all’età ai diversi ritmi e tempi di apprendimento, agli interessi e alle motivazioni
di ogni singolo alunno.
       Nelle scuole d’infanzia e primaria,riveste importanza fondamentale
l’allestimento di spazi-laboratorio, di ateliers, di angoli-gioco e di angoli per le
attività in cui i bambini possano relazionarsi, manipolare, fare ipotesi, costruire e
inventare.
       Si utilizzeranno materiali poveri come la creta, la carta, la plastilina, il
das, il polistirolo, il legno, la gomma, la gommapiuma e il sughero. Si useranno
inoltre materiali di facile consumo, sussidi didattici e audiovisivi.

Le attività didattiche saranno improntate a procedure di problematizzazione,
scomposizione funzionale, manipolazione, integrazione e coerenza dei contenuti.

L’obiettivo che ci proponiamo è il raggiungimento, da parte degli allievi, del
“saper essere”, ovvero di competenze spendibili in contesti culturali e sociali che
richiedono:flessibilità di pensiero,gestione critica dei contenuti, integrazione dei
linguaggi specifici.
                                                                                   Indice




                             Anno scolastico 2006/2007                                44
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




     ORGANIZZAZIONE DEL TEMPO SCUOLA

SCUOLA DELL’INFANZIA

      Le attività didattiche sono organizzate con differenti modalità, al fine di
rendere più efficace il progetto educativo, anche in relazione ai diversi stili di
apprendimento, alle motivazioni e agli interessi dei bambini. Sono previste:
           o attività laboratoriale e di intersezione;
           o attività di gruppo in sezione;
           o attività di piccolo gruppo;
           o attività per gruppi di età omogenea.


Orario scolastico: dal lunedì al venerdì 8.30 – 13.30 (primo turno) 11.30 - 16.30
(secondo turno)


SCUOLA PRIMARIA
      Il monte ore settimanale delle attività di insegnamento ivi compresa
l’organizzazione delle attività facoltative opzionali, è così articolato:


                                                   I        II          III       II
        Discipline curriculari
                                                classe    classe      classe   biennio
    Lingua italiana                                7        8            7        7
    Matematica                                     5        5            6        5
    Lingua inglese                                 1        2            2        2
    Storia                                         2        2            2        2
    Geografia                                      2        1            2        2
    Scienze                                        2        1            2        2
    Tecnologia e informatica                       1        1            1        1
    Musica                                         1        1            1        1
    Arte e immagine                                2        2            1        2
    Scienze motorie                                2        2            1        1
    Educazione alla convivenza civile              0        0            0        0
    Religione/Attività alternative                 2        2            2        2




                            Anno scolastico 2006/2007                               45
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




       Il monte-ore settimanale indicato nella tabella non va inteso in modo
rigido in quanto esigenze ambientali od organizzative possono suggerire
adeguamenti e correzioni.
       Per esempio le attività di educazione ambientale possono richiedere una
intensificazione in determinati momenti dell'anno; analogamente possono essere
opportune riduzioni orarie di alcune discipline in relazione ad assenze diffuse
degli alunni.
       Le compensazioni temporali devono comunque consentire di assegnare a
ciascuna disciplina un numero di ore annuali congruo e tendenzialmente pari ai
valori della tabella moltiplicati per 33.
       L'insegnamento di informatica e tecnologia comprende sia le attività
svolte con l'utilizzo di strumentazione informatica sia le attività didattiche che
attengono concetti tipici dell'informatica e che possono essere realizzate senza
fare ricorso ad attrezzature specifiche.




                    Attività facoltative opzionali

      La legge di riforma prevede che a partire da quest’anno scolastico, nella
scuola primaria, l’orario settimanale sia articolato in 27 ore di attività
obbligatorie e 3 ore opzionali.
      Per l’anno scolastico in corso le attività opzionali sono le seguenti:

         o   attività linguistico-espressivo;
         o   attività artistico-manipolativo;
         o   attività di drammatizzazione;
         o   attività di recupero.

Orario scolastico: dal lunedì al sabato 8.30 – 13.30.

                                                                              Indice




                             Anno scolastico 2006/2007                         46
                 P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

ORARIO DELLE LEZIONI DI UNA CLASSE:
          - 29 ore curricolari,
          - 4 ore facoltative opzionali,
          - 6 ore di mensa e studio guidato (3 +3) dalle ore 13.30 alle ore 15.30

                                                                                 N.
                                        ORE
          DISCIPLINE                                       ATTIVITÀ             ORE
                                      SETTIM
                                                         FACOLTATIVE
                                       ANALI
                                                           OPZIONALI
Italiano, Storia, Geografia               9       Attività a classi aperte in 2
Inglese                                   3       orizzontale*:
Seconda lingua comunitaria                2        recupero abilità di base di
(Francese)                                        italiano
Matematica, Scienze                       6        recupero abilità di base di
                                          2       matematica
Tecnologia
                                                   ampliamenti disciplinari di
Musica                                    2
                                                  italiano
Arte e immagine                           2
                                                   ampliamenti disciplinari di
Scienze motorie e sportive                2       matematica
Religione cattolica                       1        pratica sportiva (classi
                                                  prime e seconde)
                                                   latino (classi seconde e
                                                  terze)

                                                  Laboratorio         a       classi   2
                                                  aperte**

              Totale                      29                                               4




*Classi prime
Durante queste 2 ore le classi parallele, divise in tre gruppi omogenei, svolgeranno
alternativamente attività di recupero o potenziamento (di italiano e matematica ) e
pratica sportiva. Gli insegnanti di lettere e matematica lavoreranno con gli alunni delle
proprie classi, mentre l’insegnante di Scienze motorie seguirà in ogni ora gruppi di
alunni provenienti dalle tre classi.
Per consentire a tutti gli alunni di effettuare, nel corso dell’anno, le attività scelte e/o
consigliate dai docenti, i gruppi ruoteranno ogni 10 settimane.




                              Anno scolastico 2006/2007                                        47
                 P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




*Classi seconde
Durante queste 2 ore le classi parallele, divise in tre gruppi omogenei, svolgeranno
attività di recupero o potenziamento (di italiano, matematica e latino ) e pratica
sportiva. Gli insegnanti di lettere e matematica lavoreranno alternativamente con gli
alunni delle proprie classi; un altro insegnante di italiano della scuola effettuerà, per
un’ora settimanale, un corso di latino annuale con gruppi di alunni provenienti dalle tre
classi; l’insegnante di Scienze motorie seguirà in ogni ora gruppi di alunni provenienti
dalle tre classi.
Per consentire a tutti gli alunni di effettuare, nel corso dell’anno, le attività scelte e/o
consigliate dai docenti, i gruppi ruoteranno ogni 10 settimane.

*Classi terze
Durante queste 2 ore le classi parallele, divise in tre gruppi omogenei, svolgeranno
attività di latino, recupero o potenziamento di italiano e matematica.
Gli insegnanti di lettere e matematica lavoreranno alternativamente con gli alunni delle
proprie classi, mentre un altro insegnante di italiano della scuola effettuerà un corso di
latino annuale con gruppi di alunni provenienti dalle tre classi.

**Laboratori a classi aperte

CLASSI PRIME               CLASSI SECONDE             CLASSI TERZE
   Strumento    musicale     Strumento musicale (T)  Strumento
    (T)                       Teatro (A)             musicale (T)
   Teatro (A)                Tecnico-operativo (Q)      Tecnico-
   Tecnico-operativo (Q)     Matematico-scientifico       operativo (Q)
   Matematico-scientifico     (Q)                        Artistico (Q)
    (Q)                       Artistico (Q)              Latino (A)
                                                          Giornalino
                                                            (A)
                                                          Ed.
                                                            Alimentare(Q
                                                            )

Q = quadrimestrale
T = triennale
A = annuale


      ORARIO ALUNNI
Classi Prime e Seconde: Lunedì, Mercoledì e Venerdì dalle 8.30 alle 16.30
                         Martedì, Giovedì e Sabato dalle 8.30 alle 13.30
Classi Terze: Lunedì, Mercoledì e Venerdì dalle 8.30 alle 13.30 – 14.30 16.30
              Martedì, Giovedì e Sabato 8.30 – 13.30


                               Anno scolastico 2006/2007                                 48
                P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



                                                                                Indice


                RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA
       Il rapporto scuola-famiglia è di rilevante importanza ed acquista un
significato effettivo quando, pur nel rispetto dei ruoli, le due agenzie cooperano ed
interagiscono nel processo educativo. Ciò implica la necessità di condividere
intenti e la disponibilità a collaborare affinché i momenti di incontro tra le due
componenti diventino occasione di confronto, di conoscenza e di
approfondimento delle esperienze scolastiche. I docenti dell’Istituto
comprensivo”Edmondo De Amicis”, pertanto, intendono favorire un clima
relazionale sereno e costruttivo con le famiglie, al fine di rendere più incisiva
l’esperienza educativa degli allievi. A tal uopo propongono:
    o Assemblee di classe
    o Incontri periodici di valutazione
    o Colloqui individuali su richiesta dei docenti e/o genitori ogni qual volta se
       ne ravvisi l’esigenza
    o Coinvolgimento dei genitori nelle feste di plesso, negli spettacoli di fine
       anno, nei progetti attuati dalla scuola.


                   INCONTRI SCUOLA FAMIGLIA
                                                              21-11-2006
      SCUOLA DELL’INFANZIA                                    06-03-2007
                                                              18-05-2007
                                                              28-11-2006
         SCUOLA PRIMARIA                                      20-12-2006
                                                              09-02-2007
                                                              04-04-2007
                                                              19-12-2006
       SCUOLA SECONDARIA                                      08-02-2007
         DI PRIMO GRADO                                       05-04-2007



                          ORARI DI RICEVIMENTO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO riceve il lunedì,il mercoledì e il venerdì per
                             appuntamento
LA SEGRETERIA riceve tutti i giorni dalle ore 9:00 alle ore12:30
I DOCENTI ricevono per appuntamento.                                  Indice



                             Anno scolastico 2006/2007                           49
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 




                Verifica e valutazione
              dell’efficienza dell’istituto

L’efficienza dell’Istituto verrà testata mediante osservazioni e rilevamenti
sistematici. La verifica e la valutazione si focalizzeranno intorno all’analisi dei
seguenti aspetti: la struttura e i servizi della scuola, i percorsi formativi, la
conduzione delle attività.

AREA DI ANALISI              ASPETTI                 DA INFORMAZIONI
                             ANALIZZARE                 RICHIESTE
SCUOLA:                      1. FUNZIONAMENTO DELLA         1. - PRESENZA DI BIDELLI
    A. STRUTTURA             STRUTTURA                         - PULIZIA
    B. SERVIZI               2. SERVIZIO DI SEGRATERIA         - PUNTUALITÀ NEGLI
                             3.COMUNICAZIONE TRA GLI             ORARI DI APERTURA
                             ORGANI DELLA SCUOLA                 E CHIUSURA DEI PLESSI.
                             4.RAPPORTI COL TERRITORIO      2. - TEMPESTIVITÀ
                                                               - DISPONIBILITÀ
                                                               - CORRETTEZZA
                                                                - EFFICIENZA
                                                            3.              CIRCOLARITÀ,
                                                            COMPLETEZZA                  E
                                                            TEMPESTIVITÀ           NELLE
                                                            COMUNICAZIONI               DI
                                                            SERVIZIO.
                                                            4.
                                                            A. COLLABORAZIONE CON
                                                            ISTITUZIONI,            ENTI,
                                                            COMUNITÀ,            ISTITUTI
                                                            SECONDARI DI SECONDO
                                                            GRADO.
                                                            B.     RAPPORTI    CON     LE
                                                            FAMIGLIE
PERCORSI FORMATIVI              1.    ESIGENZE              1.RISPONDENZA            TRA
                                      FORMATIVE DEGLI       ESIGENZE E INTERVENTI
                                      ALUNNI.               2.       RISPETTO      DELLA
                                2.    CODIFICAZIONE         GRADUALITÀ                DEL
                                      DEGLI INTERVENTI      PERCORSO.
                                      EDUCATIVI.
SVOLGIMENTO          DELLE      1.   CRITERI DI SCELTA      1.INTERESSI,ATTITUDINI,
ATTIVITÀ                        2.   IMPOSTAZIONE           POTENZIALITÀ
                                     METODOLOGICA           2.COMPLEMENTARIETÀ          E
                                3.   PROCESSO          DI   ARRICCHIMENTO
                                     CRESCITA               DELL’ATTIVITÀ
                                                            CURRICULARE
                                                                3. CREATIVITÀ           E
                                                                   PROGETTUALITÀ


La valutazione interna o auto-valutazione d’Istituto è di competenza degli organi
collegiali e del Dirigente scolastico che potranno anche utilizzare i suggerimenti
e gli strumenti forniti da enti quali l’INVALSI (Istituto Nazionale per la
Valutazione del Sistema d’Istruzione).
                             Anno scolastico 2006/2007                                  50
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 



                                                                            Indice




                   La valutazione
          del piano dell’offerta formativa


       Il piano dell’offerta formativa sarà oggetto di valutazione finale da parte
degli insegnanti incaricati a svolgere le funzioni strumentali relative al
coordinamento del piano medesimo. Gli organi collegiali,attraverso la
documentazione del lavoro svolto e l’analisi degli esiti formativi relativi alle
azioni educative programmate,potranno verificare l’effettivo andamento delle
attività didattiche. Le osservazioni che emergeranno e le eventuali difficoltà
riscontrate ,serviranno per modificare,migliorare e potenziare il piano.
                                                                            Indice




                            Anno scolastico 2006/2007                          51
               P.O.F Istituto Comprensivo “E. De Amicis” 

                                           .

                                    Indice



Premessa                                                                    pag     1
Il profilo della scuola attuale                                             pag    4
L’organigramma                                                              pag    5
ANALISI DEL CONTESTO SOCIALE CULTURALE ED ECONOMICO                         pag    7
LA NOSTRA STORIA                                                            pag    8
Il DIRIGENTE SCOLASTICO                                                     pag    9
i RESPONSABILI dei PLESSI                                                   pag    9
le FUNZIONI STRUMENTALI E le COMMISSIONI                                    pag   10
Il RESPONSABILE SICUREZZA                                                   pag   10
Il personale a.t.a                                                          pag    11
La SCUOLA DELL’INFANZIA                                                     pag   12
La SCUOLA primaria                                                          pag   12
La SCUOLA secondaria di I grado                                             pag   13
I Docenti di strumento                                                      pag   14
I RESPONSABILI delle AULE MULTIMEDIALI                                      pag   14
IL CONSIGLIO D’ISTITUTO                                                     pag   14
IL NOSTRO MODO DI CONCEPIRE LA SCUOLA                                       pag   15
LA FORMAZIONE                                                               pag   16
La progettazione formativa                                                  pag   17
FINALITà                                                                    pag   18
Gli Obiettivi formativi e le scelte pedagogiche                             pag    21
OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO                                   pag   22
SCELTE PEDAGOGICHE                                                          pag   23
Strategie generali                                                          pag   24
Scuola territorio : risorse esterne ed interne                              pag   25
La progettazione curriculare                                                pag   26
la programmazione                                                           pag   27
Iniziative per garantire la continuità dei processi educativi               pag   32
La socializzazione degli alunni diversabili                                 pag   33
l’insuccesso scolastico: Strategie                                          pag   33
L’ampliamento dell’offerta formativa                                        pag   34
La progettazione extracurriculare                                           pag   35
Progetti di arricchimento dell’offerta formativa                            pag   36
- Progetti della scuola d’infanzia                                          pag   36
- Progetti della scuola primaria                                            pag   36
- Progetti verticali                                                        pag   37
- Progetti della scuola secondaria di primo grado                           pag   37
- Progetti patrocinati dal comune                                           pag   37
- Progetti legge 285/97                                                     pag   37
Viaggi d’istruzione                                                         pag   38
La progettazione organizzativa                                              pag   39
OrGANIZZAZIONE DEL TEMPO SCUOLA                                             pag    41
RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA                                                    pag   45
Verifica e valutazione dell’efficienza dell’istituto                        pag   46
La valutazione del piano dell’offerta formativa                             pag   47








                            Anno scolastico 2006/2007                               52

								
To top