INDICE by 3KYoLCe

VIEWS: 48 PAGES: 93

									                                                                    INDICE


-subunità (LH, FSH, GH) ................................................................................................................ 51
13C Urea Breath Test (Cod. 44.19.2 - lit.27.000).............................................................................. 42
25 OH – Vitamina D .......................................................................................................................... 82
Acidi triciclici .................................................................................................................................... 41
Acidimetria Gastrica .......................................................................................................................... 70
Agoaspirato in stereotassi della mammella ........................................................................................ 56
Agobiopsia ecoguidata di ghiandole salivari ..................................................................................... 90
Allergologia ....................................................................................................................................... 42
Altra irrigazione di ferita.................................................................................................................... 19
Altre misure anatomiche e fisiologiche ed esami manuali (Cod.89.3) .............................................. 30
Ambulatori AISTOM ed UROSTOM................................................................................................ 56
Analisi del limbus corneale e immunofenotipizzazione .................................................................... 74
Analisi della superficie oculare .......................................................................................................... 74
Analisi elettroacustica della Voce ...................................................................................................... 71
Angio Tac ........................................................................................................................................... 52
Angio-Tac. ......................................................................................................................................... 91
Anoscopia............................................................................................................................... 37; 46; 48
Anti epitelio (ASA) ............................................................................................................................ 33
Anti reticolina (ARA .......................................................................................................................... 33
Anti ribosoma..................................................................................................................................... 33
Anti testicolo (ATLA) ........................................................................................................................ 33
Anticorpi anti aspergillo..................................................................................................................... 85
Anticorpi anti BP180 ......................................................................................................................... 84
Anticorpi anti Dsg1 ............................................................................................................................ 84
Anticorpi anti Dsg3 ............................................................................................................................ 84
Anticorpi Anti recettore Acetilcolina ................................................................................................. 39
anticorpi anti-alfa fodrina................................................................................................................... 76
Anticorpi anti-Borrelia con metodo Western Blot ............................................................................. 56
anticorpi anti-citrullina ....................................................................................................................... 76
anticorpi anti-clocea ........................................................................................................................... 76
Anticorpi anti-endomisio ................................................................................................................... 40
Anticorpi anti-istoni ........................................................................................................................... 40
anticorpi anti-mielina ......................................................................................................................... 76
anticorpi anti-neuronali ...................................................................................................................... 76
anticorpi anti-steroidali ...................................................................................................................... 76
Anticorpi antitetano...................................................................................................................... 37; 46
Anticorpi Antitransglutaminasi .......................................................................................................... 56
Antimieloperossidasi (MDO) ............................................................................................................. 90
Antiproteinasi 3 (PR 3........................................................................................................................ 90
Applicazione di supporto per il collo (Cod. 93.52 - Lit. 60.000)....................................................... 32
Arteriografia aorto iliaca e arti inferiori ............................................................................................. 74
Asportazione di cataratta e intervento per il glaucoma in regime ambulatoriale............................... 68
Attività fagocitaria ............................................................................................................................. 39
Autoanticorpi anti- LDL ossidate ...................................................................................................... 90
Beta endorfine .................................................................................................................................... 41
BILICHECK® SYSTEM ................................................................................................................... 69
Biopsia della tiroide ( cod. 06.11.1 ) . Biopsia eco-guidata della tiroide ( cod. 06.11.2 ) ................. 74
Biopsia muscolare .............................................................................................................................. 92
Biopsia ossea TC guidata ................................................................................................................... 73
Biopsia polmonare Tc guidata e Biopsia polmonare sotto guida radioscopica ................................. 73
Biopsie multiple ................................................................................................................................. 15
Biopsie tac guidate ............................................................................................................................. 14
Calcio ionizzato.................................................................................................................................. 40
Case di cura accreditate...................................................................................................................... 18
Cateterismo nefrostomico .................................................................................................................. 65
Certificazione INPS e Certificazione IVG ......................................................................................... 65
chirurgia refrattiva con uso di laser ad eccimeri ................................................................................ 78
Clearance della creatinina .................................................................................................................. 21
Clearance lacrimale ( test jones, secrezione riflessa ) e prelievo lacrimale ....................................... 74
Colonscopia attraverso stoma artificiale ............................................................................................ 25
Componenti dello “Scheletro in toto”. ............................................................................................... 14
Consulenza genetica, consulenza teratologica e costruzione albero familiare .................................. 75
Controllo dietoterapeutico (verifica periodica dell‟osservanza dello schema dietetico previsto....... 26
Controllo neurostimolatore ................................................................................................................ 39
Converting enzyme (A.C.E.) (Metodo immunometrico) ................................................................... 24
Correzione di coloboma auricolare .................................................................................................... 83
Cromatina del sesso ........................................................................................................................... 55
Cross Laps .......................................................................................................................................... 82
Cross-link ........................................................................................................................................... 90
Desossipiridinolina............................................................................................................................. 91
Determinazione della massima ventilazione volontaria..................................................................... 25
Determinazione enzimatica di Porfobilinogeno-Deaminasi Eritrocitaria .......................................... 84
Diagnosi e trattamenti oftalmologici o otologici (Cod.95 ................................................................. 30
dosaggio antigene CagA dell‟Helicobacter pylori ............................................................................. 76
Dosaggio della Somatomedina C (IGF-1) ......................................................................................... 33
dosaggio elastasi fecale ...................................................................................................................... 76
Dosaggio Micofenolato ...................................................................................................................... 83
Dosaggio multiplo .............................................................................................................................. 31
dosaggio pepsinogeno1 e dosaggio pepsinogeno2............................................................................. 76
Dosaggio sirolimus ............................................................................................................................ 75
Ecocardiografia da stress con prova fisica o farmacologica .............................................................. 92
Ecocardiogramma Sedato .................................................................................................................. 70
Ecocolordoppler dei grossi vasi addominali ................................................................................ 36; 45
Ecocolordoppler penieno ................................................................................................................... 92
Ecocolordoppler tiroideo.................................................................................................................... 33
Ecocolordoppler transrettale .............................................................................................................. 92
Ecografia del reflusso gastroesofageo................................................................................................ 92
Ecografia dell‟addome superiore, dell‟addome inferiore e dell‟addome completo ........................... 30
Ecografia epatica con imaging armonico e mezzo di contrasto ecografico ....................................... 73
Ecografia gastrica ............................................................................................................................... 92
Ecografia transvaginale ...................................................................................................................... 42
Economia articolare ........................................................................................................................... 39
ECP (Proteina Cationica Eosinofila).................................................................................................. 39
Elaborazione di programma nutrizionale (compilazione di dieta personalizzata) ............................. 26
Elettroeiaculazione ............................................................................................................................. 52
Elettromiografia ................................................................................................................................. 83
Emogasanalisi arteriosa...................................................................................................................... 91
Endoscopia fosse nasali e rinofaringe con fibre ottiche ..................................................................... 24
Es. citologico cervico-vaginale (PAP test) (Cod. 91.38.5 - Lit. 21.600) ........................................... 41
Esame colturale delle feci coprocoltura - cod. 90.94.3 .................................................................. 45
Esame complessivo dell‟occhio ......................................................................................................... 21
Esame istologico di biopsia con agosottile ........................................................................................ 33
Esame istologico di conizzazione di cervice uterina ......................................................................... 33
Esami citologici.................................................................................................................................. 32
Esofagogastroduodenoscopia e polipectomia .................................................................................... 49
Esofagoscopia con dilatazioni più protesi ed Esofagoscopia con legatura o sclerosi delle varici
   esofagee .......................................................................................................................................... 67
Espansione protesi mammaria ........................................................................................................... 50
Farmaci antiepilettici.......................................................................................................................... 52
Farmaci immunosoppressori, anticorpi anti membrana basale glomerulare (AGMB) ...................... 49
Fattore Fitzgerald ............................................................................................................................... 90
Fattore Fletcher .................................................................................................................................. 90
Fattore VIII Antigene ......................................................................................................................... 82
Fototerapia del neonato ...................................................................................................................... 84
GDx Oftalmoscopio a scansione laser per lo studio dello spessore delle fibre nervose retiniche .... 36;
   45
Gruppo sanguigno ABO e Rh (D) (cod. 90.65.3) .............................................................................. 22
HBV - DNA ....................................................................................................................................... 40
HEV Anticorpi (HEV AB) ................................................................................................................. 52
HIV - DNA dosaggio qualitativo ....................................................................................................... 40
IgM Anti CMV (I.F.A.) ..................................................................................................................... 40
Immunizzazione per allergia .............................................................................................................. 19
Immunoterapia per carcinomi renali metastatizzati con l‟utilizzo di cellule LAK (Lymphokine
   Activated Killer Cells..................................................................................................................... 60
Incisione di ascesso dentario .............................................................................................................. 65
Indacano Urinario .............................................................................................................................. 70
Indagine alimentare (colloquio con il paziente per rilevare abitudini alimentari al fine di calcolare le
   principali componenti nutrizionali) ................................................................................................ 26
Indagine tossicologica di conferma ( HPLC ) .................................................................................... 82
Infusione di plasmaderivati – albumina ............................................................................................. 81
Inibitori fattore IX .............................................................................................................................. 90
Iniezione di sostanze terapeutiche nell‟articolazione o nel legamento cod. 81.92 ............................ 85
Iniezione endocavernosa di farmaci cod. 99.29.5. ............................................................................. 85
INIEZIONE ENDOLINFATICA DI SOSTANZE TERAPEUTICHE ............................................. 61
Iniezione generica .............................................................................................................................. 20
Insulin like growth hormon factor 3 (IGFBP3) ................................................................................. 48
Ioduri e solfati urinari ........................................................................................................................ 85
Lamotrigina ........................................................................................................................................ 41
Laser ad eccimeri ............................................................................................................................... 61
Laserterapia delle lesioni vascolari dermatologiche .......................................................................... 86
Lavaggio vescicale ............................................................................................................................. 25
Livelli essenziali di assistenza ( LEA ): prestazioni di “piccola chirurgia ambulatoriale ................. 81
Lucidatura dell‟otturazione ................................................................................................................ 65
Macroprolattina .................................................................................................................................. 90
Manometria gastrointestinale ............................................................................................................. 50
Massaggio neonatale .......................................................................................................................... 73
Metadone ............................................................................................................................................ 40
Metanefrine Urinarie .......................................................................................................................... 50
Microelettroforesi lacrimale ............................................................................................................... 74
Misure anatomiche e fisiologiche ed esami manuali (Cod. 89.1) ...................................................... 30
Misure anatomiche e fisiologiche ed esami manuali, (Cod. 89.2) ..................................................... 30
Monitoraggio ...................................................................................................................................... 69
Monitoraggio notturno di rigidità e tumescenza peniena................................................................... 39
Monitoraggio urodinamico continuo (Holter vescicale) .................................................................... 49
Netilmicina ......................................................................................................................................... 40
OFTALMOSCOPIA A SCANSIONE LASER (GDX) ..................................................................... 45
Olfattometria ...................................................................................................................................... 25
Omocisteina plasmatica o sierica ....................................................................................................... 56
Osmolarità plasmatica e osmolarità urinaria ...................................................................................... 34
Osservazione Breve Intensiva ................................................................................................................ 87
PAR (POTERE ANTIBATTERICO RESIDUO) TEST ................................................................... 55
Posizionamento di sonda gastroenterale ............................................................................................ 26
Prelievo vaginale ................................................................................................................................ 18
Prestazione di angiografia con indocianina ICGA ............................................................................. 55
Prestazioni dialitiche e diagnostico strumentali ad esse connesse ..................................................... 14
Prestazioni erogabili da più branche specialistiche............................................................................ 32
Prestazioni neuropsicologiche............................................................................................................ 27
Prestazioni non più erogabili a livello ambulatoriale......................................................................... 13
Prestazioni obsolete............................................................................................................................ 27
Prestazioni terapeutiche (infiltrazioni) ............................................................................................... 85
profili di prestazioni costruiti dall‟aggregazione di codici di prestazioni elementari presenti nel
  Nomenclatore Tariffario Regionale ............................................................................................... 31
Profili emocoagulativi ........................................................................................................................ 60
Propionibacterium acnes .................................................................................................................... 56
Proteina C Reattiva ultrasensibile ...................................................................................................... 90
PSA FREE.......................................................................................................................................... 19
Raccolta cellule staminali .................................................................................................................. 92
Radiologia diagnostica ....................................................................................................................... 14
Recettore solubile della Transferrina ................................................................................................. 48
Recettore solubile Interleuchina......................................................................................................... 48
Reverse T3 ......................................................................................................................................... 40
Riabilitazione del piano perineale ...................................................................................................... 93
Riabilitazione vascolare ..................................................................................................................... 69
Ricerca fattore Won Willebrand ........................................................................................................ 57
Ricerca micoplasma/Ureplasma tampone vaginale, uretrale e seminale ........................................... 39
Ricostruzione del capezzolo” e “Tatuaggio del capezzolo ................................................................ 68
Ricostruzione tridimensionale RM .................................................................................................... 82
RICOSTRUZIONE TRIDIMENSIONALE TC ................................................................................ 60
Rimozione e sostituzione di cannula tracheale .................................................................................. 69
Rimozione punti ................................................................................................................................. 75
Riparazione di lacerazione della retina mediante trattamento fotodinamico con verteporfina per
  pazienti con degenerazione maculare miopica............................................................................... 84
Rm addome completo ........................................................................................................................ 74
RM in toto della colonna .................................................................................................................... 74
Rochalimaea (Bartonella) henselae anticorpi titolazione mediante I.F. ............................................ 24
Rx bacino per anche ........................................................................................................................... 72
RX bacino per anche .......................................................................................................................... 65
RX Scapola ........................................................................................................................................ 43
Salasso ................................................................................................................................................ 20
Salassoterapia Terapeutica ................................................................................................................. 81
Scintigrafia con anticorpi monoclonali contro granulociti (Leukoscan) ........................................... 52
Scintigrafia mammaria con sestamibi ................................................................................................ 52
Separazione di sinechie delle piccole labbra...................................................................................... 24
SEPARAZIONE DI SINECHIE DELLE PICCOLE LABBRA”...................................................... 61
Somatostatina ..................................................................................................................................... 41
Somministrazione endovenosa di ferro .............................................................................................. 65
Sonosalpingografia............................................................................................................................. 55
Sostituzione drenaggio nefrostomico percutaneo .............................................................................. 73
Spet miocardica di perfusione ............................................................................................................ 76
Spirometria con tecnica pletismografica ............................................................................................ 91
Stima di dose al feto e rischio relativo in seguito ad esame radiologico della madre ....................... 81
Studio della permeabilità alveolare epiteliale .................................................................................... 48
Svuotamento gastrico mediante paracetamolo e svuotamento gastrico mediante test del respiro ..... 70
Tac femoro-rotulea ............................................................................................................................. 90
Tac toraco-addominale ....................................................................................................................... 74
Tac total body..................................................................................................................................... 74
Tc cuore multistrato ........................................................................................................................... 83
Tecnica PRC per ricerca Papillovirus e tecnica PRC per ricerca Parvovirus .................................... 50
Tempo di reptilasi .............................................................................................................................. 90
Tempo di transito intestinale .............................................................................................................. 40
Terapia cognitivo-comportamentale di gruppo .................................................................................. 26
Terapia cognitivo-comportamentale individuale ............................................................................... 26
Terapia educazionale pneumologica .................................................................................................. 68
Terapia fisica e riabilitazione ............................................................................................................. 19
Terapia fisica, terapia respiratoria, riabilitazione e procedure correlate (Cod. 93), .......................... 30
Test avidity citomegalovirus .............................................................................................................. 90
Test avidity IgG rosolia e Test avidity IgG toxoplasmosi ................................................................. 39
Test da carico con chelanti per la diagnosi e cura delle condizioni patologiche associate a
   sovraccarico del ferro, in particolari emocromatosi....................................................................... 49
Test di Farley ..................................................................................................................................... 43
Test di funzionalità epatica-clearance del verde indocianina ............................................................ 82
test di permeabilità gastrica................................................................................................................ 76
test di permeabilità intestinale............................................................................................................ 76
Test di vitalità degli spermatozoi ....................................................................................................... 90
Test immunoenzimatico per la ricerca di antigeni helicobacter pylori nelle feci ( HpSA) ............... 82
Tilt up test .......................................................................................................................................... 52
Tomografia computerizzata (TC) del rachide e dello speco vertebrale (Cod. 88.38.1) ..................... 30
Tomografia retinica ............................................................................................................................ 41
Tomoscintigrafia (Spect) in corso di scintigrafia ossea total body o trifasica segmentaria ............... 49
Tomoscintigrafia miocardica (SPET) di perfusione a riposo o dopo stimolo (Cod. 92.09.2 - Lit.
   261.000........................................................................................................................................... 33
TRAINING ORTOTTICO ................................................................................................................. 55
Translucenza nucale ........................................................................................................................... 73
Trasfusioni di sangue umano o emocomponenti (Cod. 99.07.1 - Lit. 50.000) ............................ 36; 42
Trasfusioni di sangue umano o emocomponenti (Cod. 99.07.1 - Lit. 50.000)” ................................ 42
Trattamenti dialitici ............................................................................................................................ 68
Urografia completa ............................................................................................................................ 74
V.D.R.L .............................................................................................................................................. 18
Valutazione con analisi impedenzometrica (BIA) ............................................................................. 26
Valutazione protesica (Cod. 93.03 - Lit.15.000)................................................................................ 31
Videomicroscopia a sonda ottica ....................................................................................................... 24
Visita di otorinolaringoiatria .............................................................................................................. 19
Visita dietologica, elaborazione dieta e medicazione piede diabetico ............................................... 76
Visita filtro ......................................................................................................................................... 75
Visita specialistica dietologica (Anamnesi, esame obiettivo ed eventuale prescrizione di schema
  dietetico)......................................................................................................................................... 26
                                                            SOMMARIO
20 NOVEMBRE 1997 ................................................................................................................ 13
   1.     PRESTAZIONI NON PIÙ EROGABILI A LIVELLO AMBULATORIALE. ............................................. 13
   2.     BIOPSIE TAC GUIDATE. ............................................................................................................ 14
   3.     COMPONENTI DELLO “SCHELETRO IN TOTO”. .......................................................................... 14
   4.     RADIOLOGIA DIAGNOSTICA. .................................................................................................... 14
   5.     PRESTAZIONI DIALITICHE E DIAGNOSTICO STRUMENTALI AD ESSE CONNESSE. ........................ 14
   6.     BIOPSIE MULTIPLE. .................................................................................................................. 15
30 GENNAIO 1998 ..................................................................................................................... 17
   1.     V.D.R.L. ................................................................................................................................. 18
   2.     PRELIEVO VAGINALE ............................................................................................................... 18
   3.     CASE DI CURA ACCREDITATE .................................................................................................. 18
   4.     TERAPIA FISICA E RIABILITAZIONE .......................................................................................... 19
   5.     VISITA DI OTORINOLARINGOIATRIA ........................................................................................ 19
   6.     PSA FREE .............................................................................................................................. 19
   7.     ALTRA IRRIGAZIONE DI FERITA ............................................................................................... 19
   8.     IMMUNIZZAZIONE PER ALLERGIA ............................................................................................ 19
   9.     SALASSO ................................................................................................................................. 20
   10.      INIEZIONE GENERICA ........................................................................................................... 20
   11.      ESAME COMPLESSIVO DELL‟OCCHIO ................................................................................... 21
   12.      CLEARANCE DELLA CREATININA ......................................................................................... 21
   13.      GRUPPO SANGUIGNO ABO E RH (D) (COD. 90.65.3) ........................................................... 22
15 MAGGIO 1998 ....................................................................................................................... 23
   1.  VIDEOMICROSCOPIA A SONDA OTTICA .................................................................................... 24
   2.  ENDOSCOPIA FOSSE NASALI E RINOFARINGE CON FIBRE OTTICHE ............................................ 24
   3.  ROCHALIMAEA (BARTONELLA) HENSELAE ANTICORPI TITOLAZIONE MEDIANTE I.F. .............. 24
   4.  SEPARAZIONE DI SINECHIE DELLE PICCOLE LABBRA ................................................................ 24
   5.  CONVERTING ENZYME (A.C.E.) (METODO IMMUNOMETRICO) ................................................ 24
   6.  COLONSCOPIA ATTRAVERSO STOMA ARTIFICIALE ................................................................... 25
   7.  OLFATTOMETRIA .................................................................................................................... 25
   8.  DETERMINAZIONE DELLA MASSIMA VENTILAZIONE VOLONTARIA........................................... 25
   9.  LAVAGGIO VESCICALE ............................................................................................................ 25
   10.    VISITA SPECIALISTICA DIETOLOGICA (ANAMNESI, ESAME OBIETTIVO ED EVENTUALE
   PRESCRIZIONE DI SCHEMA DIETETICO)............................................................................................. 26
   11.    INDAGINE ALIMENTARE (COLLOQUIO CON IL PAZIENTE PER RILEVARE ABITUDINI
   ALIMENTARI AL FINE DI CALCOLARE LE PRINCIPALI COMPONENTI NUTRIZIONALI) .......................... 26
   12.    ELABORAZIONE DI PROGRAMMA NUTRIZIONALE (COMPILAZIONE DI DIETA
   PERSONALIZZATA)........................................................................................................................... 26
   13.    CONTROLLO DIETOTERAPEUTICO (VERIFICA PERIODICA DELL‟OSSERVANZA DELLO SCHEMA
   DIETETICO PREVISTO) ...................................................................................................................... 26
   14.    POSIZIONAMENTO DI SONDA GASTROENTERALE.................................................................. 26
   15.    VALUTAZIONE CON ANALISI IMPEDENZOMETRICA (BIA) .................................................... 26
   16.    TERAPIA COGNITIVO-COMPORTAMENTALE INDIVIDUALE .................................................... 26
   17.    TERAPIA COGNITIVO-COMPORTAMENTALE DI GRUPPO ........................................................ 26
   18.    PRESTAZIONI OBSOLETE ...................................................................................................... 27
   19.    PRESTAZIONI NEUROPSICOLOGICHE .................................................................................... 27
7 GIUGNO 1998 .......................................................................................................................... 29
   1.    ECOGRAFIA DELL‟ADDOME SUPERIORE, DELL‟ADDOME INFERIORE E DELL‟ADDOME COMPLETO
         30
   2. TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA (TC) DEL RACHIDE E DELLO SPECO VERTEBRALE (COD.
   88.38.1) .......................................................................................................................................... 30
   3. MISURE ANATOMICHE E FISIOLOGICHE ED ESAMI MANUALI (COD. 89.1), MISURE ANATOMICHE
   E FISIOLOGICHE ED ESAMI MANUALI, (COD. 89.2), ALTRE MISURE ANATOMICHE E FISIOLOGICHE ED
   ESAMI MANUALI (COD.89.3), TERAPIA FISICA, TERAPIA RESPIRATORIA, RIABILITAZIONE E
   PROCEDURE CORRELATE (COD. 93), DIAGNOSI E TRATTAMENTI OFTALMOLOGICI O OTOLOGICI
   (COD.95). ........................................................................................................................................ 30
   4. VALUTAZIONE PROTESICA (COD. 93.03 - LIT.15.000)............................................................. 31
   5. DOSAGGIO MULTIPLO .............................................................................................................. 31
   6. FORMAZIONE DI PROFILI DI PRESTAZIONI COSTRUITI DALL‟AGGREGAZIONE DI CODICI DI
   PRESTAZIONI ELEMENTARI PRESENTI NEL NOMENCLATORE TARIFFARIO REGIONALE. .................... 31
   7. APPLICAZIONE DI SUPPORTO PER IL COLLO (COD. 93.52 - LIT. 60.000) ................................... 32
   8. PRESTAZIONI EROGABILI DA PIÙ BRANCHE SPECIALISTICHE .................................................... 32
   9. ESAMI CITOLOGICI .................................................................................................................. 32
   10.     ESAME ISTOLOGICO DI BIOPSIA CON AGOSOTTILE ............................................................... 33
   11.     ESAME ISTOLOGICO DI CONIZZAZIONE DI CERVICE UTERINA ............................................... 33
   12.     ANTI RETICOLINA (ARA) .................................................................................................... 33
   13.     ANTI EPITELIO (ASA) ......................................................................................................... 33
   14.     ANTI TESTICOLO (ATLA) ................................................................................................... 33
   15.     ANTI RIBOSOMA .................................................................................................................. 33
   16.     DOSAGGIO DELLA SOMATOMEDINA C (IGF-1) ................................................................... 33
   17.     ECOCOLORDOPPLER TIROIDEO ............................................................................................ 33
   18.     TOMOSCINTIGRAFIA MIOCARDICA (SPET) DI PERFUSIONE A RIPOSO O DOPO STIMOLO (COD.
   92.09.2 - LIT. 261.000) ................................................................................................................... 33
   19.     OSMOLARITÀ PLASMATICA E OSMOLARITÀ URINARIA ......................................................... 34
22 APRILE 1999 .......................................................................................................................... 35
   1.  RETTIFICA AL PUNTO 25 DEL PROT. N. 9852/DIR DEL 3/03/1999: “TRASFUSIONI DI SANGUE
   UMANO O EMOCOMPONENTI (COD. 99.07.1 - LIT. 50.000)” ............................................................. 36
   2. GDX OFTALMOSCOPIO A SCANSIONE LASER PER LO STUDIO DELLO SPESSORE DELLE FIBRE
   NERVOSE RETINICHE........................................................................................................................ 36
   3. ECOCOLORDOPPLER DEI GROSSI VASI ADDOMINALI ................................................................ 36
   4.     ESAME COLTURALE DELLE FECI COPROCOLTURA - COD. 90.94.3 ......................................... 36
   5.     ANTICORPI ANTITETANO ......................................................................................................... 37
   6.     ANOSCOPIA ............................................................................................................................. 37
3 MARZO 1999 ............................................................................................................................ 38
   1.     CONTROLLO NEUROSTIMOLATORE .......................................................................................... 39
   2.     ECONOMIA ARTICOLARE ......................................................................................................... 39
   3.     MONITORAGGIO NOTTURNO DI RIGIDITÀ E TUMESCENZA PENIENA.......................................... 39
   4.     ATTIVITÀ FAGOCITARIA .......................................................................................................... 39
   5.     ECP (PROTEINA CATIONICA EOSINOFILA) .............................................................................. 39
   6.     TEST AVIDITY IGG ROSOLIA E TEST AVIDITY IGG TOXOPLASMOSI.......................................... 39
   7.     RICERCA MICOPLASMA/UREPLASMA TAMPONE VAGINALE, URETRALE E SEMINALE ............... 39
   8.     ANTICORPI ANTI RECETTORE ACETILCOLINA ......................................................................... 39
   9.     CALCIO IONIZZATO ................................................................................................................. 40
   10.      IGM ANTI CMV (I.F.A.) ..................................................................................................... 40
   11.      ANTICORPI ANTI-ENDOMISIO ............................................................................................... 40
   12.        TEMPO DI TRANSITO INTESTINALE....................................................................................... 40
   13.        ANTICORPI ANTI-ISTONI ...................................................................................................... 40
   14.        METADONE ......................................................................................................................... 40
   15.        NETILMICINA ...................................................................................................................... 40
   16.        REVERSE T3 ........................................................................................................................ 40
   17.        HBV - DNA........................................................................................................................ 40
   18.        HIV - DNA DOSAGGIO QUALITATIVO ................................................................................. 40
   19.        ACIDI TRICICLICI ................................................................................................................. 41
   20.        BETA ENDORFINE ................................................................................................................ 41
   21.        LAMOTRIGINA ..................................................................................................................... 41
   22.        SOMATOSTATINA ................................................................................................................ 41
   23.        OCT - TOMOGRAFIA RETINICA............................................................................................ 41
   24.        ES. CITOLOGICO CERVICO-VAGINALE (PAP TEST) (COD. 91.38.5 - LIT. 21.600) ................. 41
   25.        TRASFUSIONI DI SANGUE UMANO O EMOCOMPONENTI (COD. 99.07.1 - LIT. 50.000) ........... 42
   26.        ALLERGOLOGIA .................................................................................................................. 42
   27.        13C UREA BREATH TEST (COD. 44.19.2 - LIT.27.000) ........................................................ 42
   28.        ECOGRAFIA TRANSVAGINALE ............................................................................................. 42
   29.        TEST DI FARLEY .................................................................................................................. 43
   30.        RX SCAPOLA ...................................................................................................................... 43
22 APRILE 1999 .......................................................................................................................... 44
   1.  RETTIFICA AL PUNTO 25 DEL PROT. N. 9852/DIR DEL 3/03/1999: “TRASFUSIONI DI SANGUE
   UMANO O EMOCOMPONENTI (COD. 99.07.1 - LIT. 50.000)” ............................................................. 45
   2. GDX OFTALMOSCOPIO A SCANSIONE LASER PER LO STUDIO DELLO SPESSORE DELLE FIBRE
   NERVOSE RETINICHE........................................................................................................................ 45
   3. ECOCOLORDOPPLER DEI GROSSI VASI ADDOMINALI ................................................................ 45
   4. ESAME COLTURALE DELLE FECI COPROCOLTURA - COD. 90.94.3 ......................................... 45
   5. ANTICORPI ANTITETANO ......................................................................................................... 46
   6. ANOSCOPIA ............................................................................................................................. 46
14 LUGLIO 1999......................................................................................................................... 47
   1. -SUBUNITÀ (LH, FSH, GH) .................................................................................................. 48
   2. INSULIN LIKE GROWTH HORMON FACTOR 3 (IGFBP3) ............................................................ 48
   3. RECETTORE SOLUBILE INTERLEUCHINA-2 ............................................................................... 48
   4. RECETTORE SOLUBILE DELLA TRANSFERRINA ........................................................................ 48
   5. RETTIFICA CODICE DELLA PRESTAZIONE “OFTALMOSCOPIA A SCANSIONE LASER
   (GDX)”........................................................................................................................................... 48
   6. RETTIFICA AL PUNTO 6 “ANOSCOPIA” DELLA NOTA PROT. 17692/DIR DEL 22 APRILE 1999 .. 48
   7. STUDIO DELLA PERMEABILITÀ ALVEOLARE EPITELIALE .......................................................... 48
   8. TOMOSCINTIGRAFIA (SPECT) IN CORSO DI SCINTIGRAFIA OSSEA TOTAL BODY O TRIFASICA
   SEGMENTARIA ................................................................................................................................. 49
   9. ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA E POLIPECTOMIA .............................................................. 49
   10.   MONITORAGGIO URODINAMICO CONTINUO (HOLTER VESCICALE) ...................................... 49
   11.   TEST DA CARICO CON CHELANTI PER LA DIAGNOSI E CURA DELLE CONDIZIONI PATOLOGICHE
   ASSOCIATE A SOVRACCARICO DEL FERRO, IN PARTICOLARI EMOCROMATOSI . ................................ 49
   12.   FARMACI IMMUNOSOPPRESSORI, ANTICORPI ANTI MEMBRANA BASALE GLOMERULARE
   (AGMB) ......................................................................................................................................... 49
   13.   TECNICA PRC PER RICERCA PAPILLOVIRUS E TECNICA PRC PER RICERCA PARVOVIRUS .... 50
   14.   MANOMETRIA GASTROINTESTINALE ................................................................................... 50
   15.   METANEFRINE URINARIE .................................................................................................... 50
   16.   ESPANSIONE PROTESI MAMMARIA ....................................................................................... 50
5/8/1999 ........................................................................................................................................... 51
   1.      TILT UP TEST ........................................................................................................................... 52
   2.      HEV ANTICORPI (HEV AB) ................................................................................................... 52
   3.      SCINTIGRAFIA MAMMARIA CON SESTAMIBI ............................................................................. 52
   4.      SCINTIGRAFIA CON ANTICORPI MONOCLONALI CONTRO GRANULOCITI (LEUKOSCAN) ............ 52
   5.      FARMACI ANTIEPILETTICI ........................................................................................................ 52
   6.      ELETTROEIACULAZIONE .......................................................................................................... 52
   7.      ANGIO TAC ............................................................................................................................. 52
28 AGOSTO 2000 ....................................................................................................................... 54
   1. TRAINING ORTOTTICO ..................................................................................................... 55
   2. PRESTAZIONE DI ANGIOGRAFIA CON INDOCIANINA ICGA ....................................................... 55
   3. PAR (POTERE ANTIBATTERICO RESIDUO) TEST ........................................................ 55
   4. CROMATINA DEL SESSO ........................................................................................................... 55
   5. “SONOSALPINGOGRAFIA”........................................................................................................ 55
   6. OMOCISTEINA PLASMATICA O SIERICA .................................................................................... 56
   7. ANTICORPI ANTITRANSGLUTAMINASI ..................................................................................... 56
   8. AMBULATORI AISTOM ED UROSTOM ................................................................................ 56
   9. AGOASPIRATO IN STEREOTASSI DELLA MAMMELLA ................................................................ 56
   10.   PROPIONIBACTERIUM ACNES ............................................................................................... 56
   11.   ANTICORPI ANTI-BORRELIA CON METODO WESTERN BLOT ................................................ 56
   12.   RICERCA FATTORE WON WILLEBRAND ............................................................................... 57
   ERRATA CORRIGE ..................................................................................................................... 58
   ALLA NOTA/CIRCOLARE PROT. N. 33797/DIR DEL 28 AGOSTO 2000............................................... 58

28 GENNAIO 2000 ..................................................................................................................... 59
   1. RICOSTRUZIONE TRIDIMENSIONALE TC..................................................................... 60
   2. IMMUNOTERAPIA PER CARCINOMI RENALI METASTATIZZATI CON L‟UTILIZZO DI CELLULE LAK
   (LYMPHOKINE ACTIVATED KILLER CELLS) .................................................................................... 60
   3. PROFILI EMOCOAGULATIVI...................................................................................................... 60
     - Proteina S funzionale ............................................................................................................... 60
     - Cofattore eparinico II .............................................................................................................. 60
     - Anticorpi anti  2-Glicoproteina I (IgG, IgM) ........................................................................ 60
     - Fibrinogeno immunologico ..................................................................................................... 61
     - Antitrombina III immunologica ............................................................................................... 61
   4. INIEZIONE ENDOLINFATICA DI SOSTANZE TERAPEUTICHE .................................. 61
   5. LASER AD ECCIMERI ................................................................................................................ 61
   6. RETTIFICA AL CODICE “SEPARAZIONE DI SINECHIE DELLE PICCOLE LABBRA” ...... 61
27/2/2001 ......................................................................................................................................... 64
   1.      CERTIFICAZIONE INPS E CERTIFICAZIONE IVG ...................................................................... 65
   2.      INCISIONE DI ASCESSO DENTARIO ............................................................................................ 65
   3.      LUCIDATURA DELL‟OTTURAZIONE .......................................................................................... 65
   4.      “CATETERISMO NEFROSTOMICO” ............................................................................................ 65
   5.      “SOMMINISTRAZIONE ENDOVENOSA DI FERRO” ...................................................................... 65
   6.      “RX BACINO PER ANCHE” ....................................................................................................... 65
31 DICEMBRE 2001 .............................................................................................................. 67
   1.  ESOFAGOSCOPIA CON DILATAZIONI PIÙ PROTESI ED ESOFAGOSCOPIA CON LEGATURA O
   SCLEROSI DELLE VARICI ESOFAGEE ................................................................................................. 67
   2.  “RICOSTRUZIONE DEL CAPEZZOLO” E “TATUAGGIO DEL CAPEZZOLO” .................................... 68
   3.  TERAPIA EDUCAZIONALE PNEUMOLOGICA .............................................................................. 68
   4.  TRATTAMENTI DIALITICI ......................................................................................................... 68
   5.  ASPORTAZIONE DI CATARATTA E INTERVENTO PER IL GLAUCOMA IN REGIME AMBULATORIALE
       68
   6. RIABILITAZIONE VASCOLARE .................................................................................................. 69
   7. RIMOZIONE E SOSTITUZIONE DI CANNULA TRACHEALE ........................................................... 69
   8. BILICHECK® SYSTEM ....................................................................................................... 69
   9. MONITORAGGIO CONTINUO DELLA GLICEMIA SISTEMA MINIMED® ........................................ 69
   10.   SVUOTAMENTO GASTRICO MEDIANTE PARACETAMOLO E SVUOTAMENTO GASTRICO
   MEDIANTE TEST DEL RESPIRO .......................................................................................................... 70
   11.   ACIDIMETRIA GASTRICA ..................................................................................................... 70
   12.   INDACANO URINARIO .......................................................................................................... 70
   13.   ECOCARDIOGRAMMA SEDATO ............................................................................................ 70
   14.   ANALISI ELETTROACUSTICA DELLA VOCE .......................................................................... 71
17/06/03 ........................................................................................................................................... 72
   1. RX BACINO PER ANCHE. .......................................................................................................... 72
   2. ECOGRAFIA EPATICA CON IMAGING ARMONICO E MEZZO DI CONTRASTO ECOGRAFICO. .......... 73
   3. SOSTITUZIONE DRENAGGIO NEFROSTOMICO PERCUTANEO, BIOPSIA OSSEA TC GUIDATA,
   BIOPSIA POLMONARE TC GUIDATA E BIOPSIA POLMONARE SOTTO GUIDA RADIOSCOPICA. .............. 73
   4. “TRANSLUCENZA NUCALE”. .................................................................................................... 73
   5. “MASSAGGIO NEONATALE”..................................................................................................... 73
   6. “UROGRAFIA COMPLETA , TAC TOTAL BODY, TAC TORACO-ADDOMINALE, RM ADDOME
   COMPLETO, ARTERIOGRAFIA AORTO ILIACA E ARTI INFERIORI". ..................................................... 74
   7. “ BIOPSIA DELLA TIROIDE ( COD. 06.11.1 ) . BIOPSIA ECO-GUIDATA DELLA TIROIDE ( COD.
   06.11.2 )“. ....................................................................................................................................... 74
   8. “ RM IN TOTO DELLA COLONNA “. .......................................................................................... 74
   9. “ANALISI DELLA SUPERFICIE OCULARE , ANALISI DEL LIMBUS CORNEALE E
   IMMUNOFENOTIPIZZAZIONE, MICROELETTROFORESI LACRIMALE , CLEARANCE LACRIMALE ( TEST
   JONES, SECREZIONE RIFLESSA ) E PRELIEVO LACRIMALE“. ............................................................... 74
   10.    “ VISITA FILTRO “. ............................................................................................................... 75
   11.    “ RIMOZIONE PUNTI “. ......................................................................................................... 75
   12.    “ DOSAGGIO SIROLIMUS “.................................................................................................... 75
   13.    “CONSULENZA GENETICA, CONSULENZA TERATOLOGICA E COSTRUZIONE ALBERO
   FAMILIARE “. ................................................................................................................................... 75
   14.    “ VISITA DIETOLOGICA, ELABORAZIONE DIETA E MEDICAZIONE PIEDE DIABETICO “. ........... 76
   15.    “ SPET MIOCARDICA DI PERFUSIONE “. ................................................................................ 76
   16.    “ RICERCA ANTICORPI ANTI-CLOCEA. ANTICORPI ANTI-ALFA FODRINA, ANTICORPI ANTI-
   CITRULLINA, ANTICORPI ANTI-NEURONALI, ANTICORPI ANTI-STEROIDALI, ANTICORPI ANTI-MIELINA,
   TEST DI PERMEABILITÀ INTESTINALE, TEST DI PERMEABILITÀ GASTRICA, DOSAGGIO ANTIGENE
   CAGA DELL‟HELICOBACTER PYLORI, DOSAGGIO ELASTASI FECALE, DOSAGGIO PEPSINOGENO1 E
   DOSAGGIO PEPSINOGENO2. .............................................................................................................. 76

26/01/2004 ...................................................................................................................................... 78
   OGGETTO: PARERE IN MERITO AL PAGAMENTO DELL'INTERVENTO DI CHIRURGIA REFRATTIVA CON
   USO DI LASER AD ECCIMERI EFFETTUATA DALLA ............................................................................. 78

26/03/2004 ...................................................................................................................................... 80
   1. LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA ( LEA ): PRESTAZIONI DI “PICCOLA CHIRURGIA
   AMBULATORIALE”. .......................................................................................................................... 81
   2.   STIMA DI DOSE AL FETO E RISCHIO RELATIVO IN SEGUITO AD ESAME RADIOLOGICO DELLA
   MADRE. ........................................................................................................................................... 81
   3. INFUSIONE DI PLASMADERIVATI – ALBUMINA. ........................................................................ 81
   4. SALASSOTERAPIA TERAPEUTICA. ............................................................................................ 81
   5. TEST DI FUNZIONALITÀ EPATICA-CLEARANCE DEL VERDE INDOCIANINA. ............................... 82
   6. TEST IMMUNOENZIMATICO PER LA RICERCA DI ANTIGENI HELICOBACTER PYLORI NELLE FECI (
   HPSA)............................................................................................................................................. 82
   7. CROSS LAPS, 25 OH – VITAMINA D, INDAGINE TOSSICOLOGICA DI CONFERMA ( HPLC ) E
   FATTORE VIII ANTIGENE. ............................................................................................................... 82
   8. RICOSTRUZIONE TRIDIMENSIONALE RM. ................................................................................ 82
   9. DOSAGGIO MICOFENOLATO. ................................................................................................... 83
   10.    INDAGINI DI NEUROFISIOLOGIA – ELETTROMIOGRAFIA. ...................................................... 83
   11.    CORREZIONE DI COLOBOMA AURICOLARE ........................................................................... 83
   12.    TC CUORE MULTISTRATO. ................................................................................................... 83
   13.    FOTOTERAPIA DEL NEONATO. ............................................................................................. 84
   14.    DETERMINAZIONE ENZIMATICA DI PORFOBILINOGENO-DEAMINASI ERITROCITARIA,
   ANTICORPI ANTI DSG3, ANTICORPI ANTI DSG1 E ANTICORPI ANTI BP180. ..................................... 84
   15.    RIPARAZIONE DI LACERAZIONE DELLA RETINA MEDIANTE TRATTAMENTO FOTODINAMICO
   CON VERTEPORFINA PER PAZIENTI CON DEGENERAZIONE MACULARE MIOPICA. .............................. 84
   16.    ANTICORPI ANTI ASPERGILLO. ............................................................................................. 85
   17.    INIEZIONE DI SOSTANZE TERAPEUTICHE NELL‟ARTICOLAZIONE O NEL LEGAMENTO COD.
   81.92 E INIEZIONE ENDOCAVERNOSA DI FARMACI COD. 99.29.5. .................................................... 85
   18.    IODURI E SOLFATI URINARI. ................................................................................................. 85
   19.    PRESTAZIONI TERAPEUTICHE (INFILTRAZIONI) .................................................................... 85
   20.    LASERTERAPIA DELLE LESIONI VASCOLARI DERMATOLOGICHE........................................... 86
   21.         VARIE ............................................................................................................................... 86
23/12/2004 ...................................................................................................................................... 87
10/01/05 ........................................................................................................................................... 89
   1. TAC FEMORO-ROTULEA. .......................................................................................................... 90
   2. TEST DI VITALITÀ DEGLI SPERMATOZOI. .................................................................................. 90
   3. AGOBIOPSIA ECOGUIDATA DI GHIANDOLE SALIVARI. .............................................................. 90
   4. TEST AVIDITY CITOMEGALOVIRUS. ......................................................................................... 90
   5. ANTIMIELOPEROSSIDASI (MDO), ANTIPROTEINASI 3 (PR 3), INIBITORI FATTORE IX, FATTORE
   FLETCHER, FATTORE FITZGERALD, TEMPO DI REPTILASI, CROSS-LINK, MACROPROLATTINA,
   PROTEINA C REATTIVA ULTRASENSIBILE, AUTOANTICORPI ANTI- LDL OSSIDATE. ........................ 90
   6. SPIROMETRIA CON TECNICA PLETISMOGRAFICA. ..................................................................... 91
   7. EMOGASANALISI ARTERIOSA................................................................................................... 91
   8. ANGIO-TAC. ............................................................................................................................ 91
   9. DESOSSIPIRIDINOLINA. ............................................................................................................ 91
   10.   RACCOLTA CELLULE STAMINALI. ........................................................................................ 92
   11.   ECOCOLORDOPPLER TRANSRETTALE, ECOCOLORDOPPLER PENIENO ................................... 92
   12.   ECOGRAFIA DEL REFLUSSO GASTROESOFAGEO, ECOGRAFIA GASTRICA .............................. 92
   13.   ECOCARDIOGRAFIA DA STRESS CON PROVA FISICA O FARMACOLOGICA .............................. 92
   14.   BIOPSIA MUSCOLARE .......................................................................................................... 92
   15.   RIABILITAZIONE DEL PIANO PERINEALE .............................................................................. 93
20 novembre 1997

                                                  Bologna, 20 novembre 1997


Prot. n. 47201/DIR                               - AI DIRETTORI GENERALI
GV
                                                 - AI DIRETTORI SANITARI

                                                 - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                  PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                  NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                  REGIONALE

                                                  DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                  DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                 - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                 - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                 - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                  PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                  NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                  REGIONALE

                                                  DEGLI ISTITUTI OROPEDICI RIZZOLI

                                                  - AI DIRETTORI SANITARI
                                                  DELLE CASE DI CURA PRIVATE

                                   e p.c. - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                           DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE


                                                   LOROSEDI


Oggetto: Risposta ai quesiti relativi all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario regionale
delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al “Gruppo
regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

       Nel corso dell‟applicazione del Nomenclatore Tariffario in oggetto sono emersi
alcuni problemi di carattere generale formulati attraverso quesiti, in merito ai quali si ritiene
di fornire le seguenti indicazioni:

       1. Prestazioni non più erogabili a livello ambulatoriale.

E‟ stato chiesto, per tali prestazioni non più presenti nel nuovo Nomenclatore, quali tariffe
applicare.
Si rimanda, per il problema, alla circolare regionale n.9/97 - punto B.6.6. ed alle linee guida
del Ministero della Sanità n.100/SCPS/21.4075 del 1 aprile 1997 (pag. 20, punto 3.2).

       2. Biopsie tac guidate.

E‟ stato chiesto a quali prestazioni vanno assimilate le altre biopsie tacguidate oltre a quella
del fegato, già presente nel Nomenclatore.

Si ritiene opportuno, se vengono erogate altre biopsie addominali tacguidate, assimilarle alla
prestazione cod.50.19.1 “Biopsia [percutanea][agobiopsia] del fegato- Aspirazione
diagnostica TC-guidata”.

       3. Componenti dello “Scheletro in toto”.

E‟ stato richiesto quali siano le componenti dello “scheletro in toto”.

Esse sono : cranio, rachide in toto (cervicale, dorsale, lombosacrale), emitorace destro e
sinistro, bacino, femori e gambe.
A fronte della richiesta “scheletro in toto”, indipendentemente dai segmenti trattati, si
applica la tariffa della prestazione cod. 88.31 “Radiografia dello scheletro in toto [Scheletro
per patologia sistemica]”. Lo stesso codice 88.31 non è associabile ad altri codici riferiti ad
indagini radiologiche scheletriche.

       4. Radiologia diagnostica.

Alcune Aziende sostengono che prestazioni quali : “Rx piede in ortostasi e carico” o “Rx
piede in clinostasi e scarico del peso corporeo” non siano riconducibili alla prestazione “Rx
del piede e della caviglia”, in quanto la tariffa prevista non è sufficientemente remunerativa.

Dall‟Allegato n. 3 “Allineamento codici delle prestazioni di Radiodiagnostica - D.M. „91-
„93- delibera di Giunta regionale n. 410” alle “Indicazioni per l‟applicazione del Tariffario
regionale “ dell‟aprile 1997, si desume che tutte le prestazioni di Radiodiagnostica in
“ortostatismo/clinostatismo” e “sottocarico”, ad esclusione delle prestazioni cod. 87.29
“Radiografia completa della colonna- (due proiezioni) Radiografia completa della colonna
e del bacino sotto carico” e cod. 88.29.1 “Radiografia completa degli arti inferiori e del
bacino sotto carico”, siano da ricondurre , dal punto di vista della remunerazione tariffaria,
alla prestazione originaria presente nel Nomenclatore Tariffario regionale, che non
contempla tali metodiche associate alle prestazioni, ancorchè erogate dalle Aziende.

Si coglie l‟occasione per ricordare che per le radiografie, rispetto alla valutazione dei
distretti, si deve far riferimento alle linee guida del Ministero della Sanità
n.100/SCPS/21.4075 del 1 aprile 1997 (pag. 10).

       5. Prestazioni dialitiche e diagnostico strumentali ad esse connesse.
Sono state richieste indicazioni per la rilevazione di tali prestazioni ai fini di una corretta
gestione dei flussi di mobilità infra ed interregionale. E‟ stata infatti rilevata una discrepanza
tra quanto affermato dalla nota del Ministero della Sanità n. 100/SCPS/21.4075 del 1° aprile
1997 e quanto espresso nella circolare regionale sulla mobilità n. 9/97 al punto B. 6.9.
La nota ministeriale specifica che per le prestazioni di emodialisi identificate dai codici
39.95.1, 39.95.2, 39.95.4, 39.95.5, 39.95.6, 39.95.7, 39.95.8, 39.95.9, le tariffe includono il
costo dei farmaci e delle indagini di laboratorio comunemente connesse al trattamento
dialitico. Pertanto, l‟eventuale somministrazione di farmaci o l‟erogazione di esami
diagnostici in corso di trattamento dialitico non dà diritto ad alcuna remunerazione
aggiuntiva oltre la tariffa della prestazione dialitica erogata.
La circolare regionale n. 9 prevede modalità di valorizzazione e di compensazione
finanziaria delle prestazioni sia dialitiche che diagnostico-strumentali ad esse connesse.

Al fine di una corretta interpretazione di ciò che è da includere, o da escludere dai
trattamenti dialitici e, quindi, da assoggettare o meno a compensazione finanziaria, si
precisa quanto segue, in accordo con quanto recentemente proposto dalla Sezione Emiliano-
Romagnola della Società Italiana di Nefrologia (SIN) :

 Trattamenti dialitici (cod.39.95.1, 39.95.2, 39.95.3, 39.95.4, 39.95.5, 39.95.6, 39.95.7,
   39.95.8, 39.95.9, 54.98.1, 54.98.2)
Le tariffe comprendono tutte le manovre e le medicazioni relative ai trattamenti stessi
(puntura arteriosa e venosa della FAV, connessione di cateteri, prelievi ematici e peritoneali,
ecc.).
Esse includono, inoltre, l‟eventuale somministrazione di farmaci comunemente connessi al
trattamento dialitico (soluzioni polisaline, eparina, farmaci per patologie acute intercorrenti,
ecc.).
Anche le prestazioni laboratoristiche necessarie per la diagnosi di patologie acute che si
manifestino nel corso o al termine della seduta dialitica (esami urgenti) sono incluse nella
tariffa.

 Sono, viceversa, da escludere (conteggiandole separatamente) le terapie farmacologiche
  (Eritropoietina, Vitamina D, ecc.) e gli esami diagnostici (screening periodici, markers
  virali, ecc.) non direttamente correlati alla prestazione dialitica.

       6. Biopsie multiple.

E‟ stato chiesto se, nel caso delle biopsie multiple, per le quali il Nomenclatore Tariffario
fissa le tariffe per “sede”, si debba intendere la stessa “sede” come sinonimo di “distretto”.

Si precisa, al riguardo, che distretto non è sinonimo di sede.

Si specifica, inoltre, che tutte le biopsie sono da considerarsi a livello tariffario “multiple”,
quando si prevedano più allestimenti.

       Si informa, infine, che non tutte le Aziende in indirizzo hanno inviato alla Agenzia
Sanitaria Regionale il nominativo del referente aziendale individuato per l‟applicazione del
Nomenclatore Tariffario regionale, come richiesto con nota Prot. n. 30090/AGS del 10
luglio 1997.
       Si prega, pertanto, le Aziende-USL di Reggio Emilia, Bologna Sud, Ferrara e Forlì di
provvedere a trasmettere al più presto i rispettivi nominativi.

       La principale funzione svolta da tali referenti è, infatti, quella di aggregare e di
selezionare i problemi e di formulare i quesiti posti dai vari operatori all‟interno delle
singole strutture aziendali, onde permettere al gruppo di lavoro regionale di svolgere un
coordinamento a livello centrale per la risoluzione dei problemi relativi alla codifica ed alla
interpretazione delle prestazioni specialistiche e garantire un‟uniforme applicazione del
Nomenclatore Tariffario regionale.

      Distinti saluti.

                                                IL DIRETTORE GENERALE
                                                  Dr. Francesco Taroni
30 gennaio 1998

                                                Bologna, 30 gennaio 1998


Prot. n.3329/DIR                         - AI DIRETTORI GENERALI
GV
                                               - AI DIRETTORI SANITARI

                                               - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                REGIONALE

                                                DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                               - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                               - AL DIRETTORE SANITARIO

                                               - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                REGIONALE

                                                DEGLI ISTITUTI OROPEDICI RIZZOLI

                                                - AI DIRETTORI SANITARI
                                                DELLE CASE DI CURA PRIVATE

                                         e p.c. - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                         DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE


                                                 LOROSEDI


Oggetto : Risposta ai quesiti relativi all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario regionale
delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al “Gruppo
regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

       A seguito dell‟esame di ulteriori quesiti posti dalle Aziende in merito
all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario Regionale si forniscono le indicazioni di
seguito riportate, ampliando quanto già puntualizzato nella nota di risposta ai primi quesiti
Prot. n. 47201/DIR del 20 Novembre 1997 .

      Si precisa che la validità di tali indicazioni, ai fini della codifica, decorre dal 15°
giorno successivo alla data di invio della presente.
       Si ritiene opportuno segnalare, inoltre, che la formulazione di alcuni quesiti sembra
evidenziare, in talune realtà aziendali, uno scarso coinvolgimento dei professionisti sanitari
nell‟applicazione del Nomenclatore Tariffario Regionale. Si sottolinea pertanto la necessità
che i quesiti vengano sempre filtrati dal referente aziendale previa consultazione con i
professionisti interessati.

       1. V.D.R.L.

Il Nomenclatore Tariffario Regionale non comprende la Reazione di Wasserman in quanto
ritenuta obsoleta. In precedenza l’esame era strutturato in R.W. o V.D.R.L.
Poiché la V.D.R.L. è tuttora eseguita viene chiesto quale codice debba essere attribuito.

Si ritiene opportuno precisare che per la diagnostica sierologica della lue possono essere
utilizzate varie metodiche riportate nel Nomenclatore dal codice 91.10.2 al codice 91.11.1.
In particolare la prestazione V.D.R.L. corrisponde al codice 91.11.1 “TREPONEMA
PALLIDUM ANTICORPI ANTI CARDIOLIPINA (Flocculazione) [VDRL][RPR]”.

       2. Prelievo vaginale

Il Nomenclatore Tariffario Regionale non comprende il prelievo vaginale in quanto ritenuto
obsoleto. Alcuni laboratori analisi ritengono, invece, di non effettuare esami culturali senza
il pagamento del prelievo stesso. È stato quindi chiesto quale codice affiancare al prelievo
vaginale per esami culturali.

A tale prestazione va affiancato il codice 91.49.3 “PRELIEVO MICROBIOLOGICO”. Al
riguardo, si segnala al Ministero della Sanità che i prelievi 91.48.4 “PRELIEVO
CITOLOGICO”, 91.48.5 “PRELIEVO DI SANGUE ARTERIOSO”, 91.49.1 “PRELIEVO
DI SANGUE CAPILLARE”, 91.49.2 “PRELIEVO DI SANGUE VENOSO” e 91.49.3
“PRELIEVO MICROBIOLOGICO” andrebbero inclusi negli esami connessi, secondo la
filosofia del nuovo Nomenclatore più volte ribadita a livello nazionale. Va infatti evitata la
somma di prestazioni parziali ricomprese nella prestazione più esaustiva o più specifica.

       3. Case di cura accreditate

E’ stato chiesto se le case di cura accreditate, essendo equiparate all’ospedale, possono
continuare ad erogare le prestazioni comprese tra i codici 79.00 e 79.74 (RIDUZIONE DI
FRATTURA E DI LUSSAZIONE) sebbene segnalate come prestazioni soggette a specifiche
condizioni di erogabilità (lettera H - prestazioni erogabili in ambulatori situati presso
istituzioni di ricovero, ovvero ambulatori protetti).

Essendo le suddette prestazioni prevalentemente erogate nell‟ambito del Pronto Soccorso, si
ritiene che le case di cura accreditate possano erogarle se le stesse strutture effettuano
prestazioni in regime di urgenza e/o se le case di cure sono accreditate per la branca di
ortopedia.
       4. Terapia fisica e riabilitazione

E’ stato chiesto, riguardo alla prestazione 93.31.3 “IDROMASSOTERAPIA”, come
considerare il trattamento di due arti uguali.

Si precisa che il Nomenclatore Tariffario Regionale alla voce 93.31.3 specifica : “Per seduta
di 15 minuti per arto”. Pertanto due arti uguali devono essere trattati in due sedute di 15
minuti ciascuna.
Si ricorda che nella Circolare Regionale n.24/97 tale prestazione viene inclusa tra quelle a
bassa priorità.

       5. Visita di otorinolaringoiatria

E’ stato chiesto se la visita di otorinolaringoiatria (cod. 89.7 o 89.1) sia comprensiva di
laringoscopia indiretta (cod. 31.42.1) oppure se l’esame debba essere valorizzato in
aggiunta alla visita.

Si ritiene che la laringoscopia indiretta sia parte integrante della visita, cosi come la
rinoscopia e l‟otoscopia. Pertanto tale esame non deve essere valorizzato in aggiunta alla
visita.

       6. PSA FREE

Poiché il Nomenclatore Tariffario Regionale non prevede più il PSA FREE, è stato richiesto
se può essere equiparato come codice e ticket al PSA “ANTIGENE PROSTATICO
SPECIFICO” (cod. 90.56.5).

Si ritiene che il PSA FREE possa essere ricondotto al PSA sia come codice che come ticket.
Si invitano, comunque, gli operatori ad una riflessione sull‟appropriatezza della prestazione
“Determinazione del PSA FREE.”

       7. Altra irrigazione di ferita

E’ stato chiesto perché la prestazione riportata nel Manuale “Prime Indicazioni relative
alla Uniforme Interpretazione ed Applicazione del Tariffario Regionale” (Aprile 1997) con
codice 93.57.2 “APPLICAZIONE DI ALTRA MEDICAZIONE SU FERITA” non sia
presente nel Nomenclatore Tariffario Regionale.

Si precisa che la prestazione in oggetto è stata inclusa nel Manuale per mero errore
materiale. Pertanto la prestazione a cui fare riferimento è contrassegnata con il codice 96.59
“ALTRA IRRIGAZIONE DI FERITA”.

       8. Immunizzazione per allergia

E’ stato chiesto se la tariffa relativa alla “IMMUNIZZAZIONE PER ALLERGIA” (codice
99.12) sia da intendersi riferita alla sola iniezione del vaccino oppure includa anche il
costo del farmaco.
Si precisa che la tariffa comprende solo la valutazione clinica e la somministrazione del
farmaco. Pertanto il costo del vaccino resta a carico dell‟assistito (Nota del Ministero della
Sanità dell‟1.4.97 - pag.14).

In aggiunta, è stato chiesto se il numero totale di iniezioni necessarie per raggiungere la
desensibilizzazione debba essere considerato come sommatoria di singole prestazioni per
ognuna delle quali il paziente è tenuto a versare il ticket di lit.22.500 oppure come ciclo
unico per cui, a fronte di una tariffazione di lit.22.500 per numero totale di iniezioni, il
paziente è tenuto a versare la relativa quota solo fino al tetto massimo di lit.70.000.

Si ritiene che, in una stessa prescrizione, possano essere richieste fino ad un numero
massimo di 8 iniezioni, indipendentemente dall‟intervallo temporale intercorso tra le
somministrazioni. Il paziente, se non esente, è tenuto a versare la relativa quota di
Lit.70.000.

       9. Salasso

Poiché il Nomenclatore Tariffario Regionale non include il salasso e, in alcune Aziende,
viene eseguito nell’Ambulatorio di Ematologia e nel Centro Ipertesi e non può
corrispondere alla prestazione “ERITROAFERESI CON SACCHE MULTIPLE” (cod.
99.73.1) eseguita in Nefrologia, è stato chiesto quale codifica adottare.

Qualora per salasso si intenda predeposito di sangue si precisa che questa prestazione è
erogabile dai Centri Trasfusionali e la regolazione economica avviene per fatturazione
diretta secondo quanto previsto dal Decreto del 5 novembre 1996 - “Aggiornamento del
prezzo unitario di cessione del sangue e degli emocomponenti tra servizi sanitari pubblici e
privati uniforme per tutto il territorio nazionale”. Si chiarisce, inoltre, che per la prestazione
“salasso”, peraltro eseguita raramente, non sembra conveniente individuare ulteriori
specifiche voci non previste nel Nomenclatore Tariffario Regionale.

       10. Iniezione generica

E’ stato chiesto se esista una prestazione “iniezione generica”.

Si precisa che nel Nomenclatore Tariffario Regionale non esiste una prestazione “iniezione
generica”, cosi come non esiste una prestazione “fleboclisi” e, pertanto, non vanno
assoggettate né a compensazione né a partecipazione alla spesa sanitaria.


Sono previste, invece, le sottoindicate iniezioni :
03.8 Iniezione di farmaci citotossici nel canale vertebrale
03.91 Iniezione di anestetico nel canale vertebrale per analgesia
03.92 Iniezione di altri farmaci nel canale vertebrale
04.81.1 Iniezione di anestetico in nervo periferico per analgesia
04.81.2 Iniezione di anestetico in nervo periferico per analgesia
05.31 Iniezione di anestetico nei nervi simpatici per analgesia
05.32 Iniezione di agenti neurolitici nei nervi simpatici
10.91 Iniezione sottocongiuntivale
16.91 Iniezione retrobulbare di sostanze terapeutiche
34.92 Iniezione nella cavità toracica
38.99.1 Iniezione di mezzo di contrasto per simulazione radioterapica TC
38.99.2 Iniezione di mezzo di contrasto per simulazione radioterapica RM
39.92 Iniezione intravenosa di sostanze sclerosanti
54.97 Iniezione di sostanze terapeutiche ad azione locale nella cavità peritoneale
76.96 Iniezione di sostanza terapeutica nell‟articolazione temporomandibolare
81.92 Iniezione di sostanze terapeutiche nell‟articolazione o nel legamento
83.98 Iniezione di sostanze terapeutiche ad azione locale all‟interno di altri tessuti molli
99.23 Iniezione di steroidi
99.25 Iniezione o infusione di sostanze chemioterapiche per tumore, non classificate altrove
99.29.1 Iniezione perinervosa
99.29.2 Iniezione periarteriosa
99.29.5 Iniezione endocavernosa di farmaci
99.29.6 Iniezione modificatrice in ascesso freddo
99.29.8 Iniezione intra o periureterale
99.29.9 Iniezione di tossina botulinica

       11. Esame complessivo dell’occhio

E’ stato chiesto se l’esame complessivo dell’occhio sia comprensivo anche di “midriasi”,
“visus”, “ciclolux”, “curva tonometrica”.

Si precisa che, come già riportato nel Manuale “Prime Indicazioni relative alla Uniforme
Interpretazione ed Applicazione del Tariffario Regionale” (Aprile 1997), la visita oculistica
ovvero “ESAME COMPLESSIVO DELL‟OCCHIO” (codice 95.02) comprende tutti gli
aspetti del sistema visivo.

       12. Clearance della creatinina

E’ stato chiesto se i calcoli matematici (es. clearance creatinina) sono da ritenersi compresi
nell’esame.

Diversamente da quanto riportato nel Manuale “Prime Indicazioni relative alla Uniforme
Interpretazione ed Applicazione del Tariffario Regionale” (Aprile 1997) dove si afferma che
“La creatinina clearance va intesa come ottenuta per calcolo della creatininemia e della
creatinuria, che quindi andranno codificate anche in assenza di richiesta specifica”, si ritiene
che la tariffa associata alla prestazione Creatinina Clearance (Cod. 90.16.4) sia remunerativa
delle due determinazioni (Creatininemia e Creatinuria) più i calcoli matematici necessari per
ottenere il valore della clearance. Tale conclusione è stata raggiunta dopo aver consultato i
professionisti della nostra regione ed aver valutato i costi di produzione delle prestazioni
Creatininemia (cod.90.16.3), Creatinuria (cod.90.16.3) e Calcolo della clearance.

Peraltro, questa posizione è coerente con altre già assunte nell‟ambito dell‟applicazione a
livello regionale del Nomenclatore Tariffario. Ad esempio, la tariffa corrispondente alla
radiografia di due arcate dentarie (cod. 87.11.11) è abbattuta rispetto alla somma delle
tariffe corrispondenti alla radiografia di ciascuna emiarcata (cod. 87.11.1).

       13. Gruppo sanguigno ABO e Rh (D) (cod. 90.65.3)

E’ stato sottolineato come tale prestazione, nel Nomenclatore Tariffario Regionale, sia
contraddistinta dalla lettera H (prestazioni erogabili in ambulatori situati presso istituzioni
di ricovero, ovvero ambulatori protetti) sebbene sia considerata come esame di routine.

Si conferma che l‟individuazione del gruppo sanguigno è da eseguirsi solo presso
ambulatori protetti.

Si conclude sottolineando la necessità di una maggior collaborazione fra referenti sanitari e
operatori interessati, in quanto essa può rappresentare un‟opportunità per la
corresponsabilizzazione di tutti i professionisti sanitari al fine di un corretto utilizzo del
Nomenclatore Tariffario Regionale.

      Distinti saluti.

                                                IL DIRETTORE GENERALE
                                                 Dr. Francesco Taroni
15 maggio 1998


                                                Bologna, 15 maggio 1998


Prot. n. 19118/DIR                      - AI DIRETTORI GENERALI
GV
                                               - AI DIRETTORI SANITARI

                                               - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                REGIONALE

                                               DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                               DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                               - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                               - AL DIRETTORE SANITARIO

                                               - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                REGIONALE

                                               DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                               - AI DIRETTORI SANITARI
                                               DELLE CASE DI CURA PRIVATE

                                        e p.c. - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                                 DIPARTIMENTO                       DELLA
PROGRAMMAZIONE


                                                LOROSEDI


Oggetto : Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all‟applicazione del Nomenclatore
Tariffario regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende
sanitarie al “Gruppo regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle
prestazioni”.

       A seguito dell‟esame di ulteriori quesiti posti dalle Aziende in merito
all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario Regionale si forniscono le indicazioni di
seguito riportate, ampliando quanto già puntualizzato nelle due note di risposta ai primi
quesiti (Prot. n. 47201/DIR del 20 novembre 1997 e Prot. n. 3329/DIR del 30 gennaio
1998).


Per i seguenti quesiti (1-3), relativi a prestazioni non presenti all‟interno del Nomenclatore
Tariffario Regionale, il Gruppo di Controllo per la Qualità della Codifica ritiene che le
proposte di assimilazione avanzate siano accettabili e pertanto propone quanto segue :

       1. Videomicroscopia a sonda ottica

Il Nomenclatore Tariffario Regionale non comprende la Videomicroscopia a sonda ottica
(epiluminescenza digitalizzata), impiegata per la diagnosi differenziale delle lesioni
pigmentate e per la diagnosi precoce di melanoma. Tale prestazione può essere ricondotta
all’”ANGIOSCOPIA PERCUTANEA - CAPILLAROSCOPIA” (cod. 38.22) in quanto
l’apparecchio utilizzato è il medesimo, tranne le sonde ottiche.

       2. Endoscopia fosse nasali e rinofaringe con fibre ottiche

Tale prestazione può essere assimilata a “ENDOSCOPIA LARINGEA” (cod. 31.42).

       3. Rochalimaea (Bartonella) henselae anticorpi titolazione mediante I.F.

Tale prestazione, frequentemente erogato in alcune realtà aziendali, può essere assimilata
all’esame “LEGIONELLA ANTICORPI TITOLAZIONE MEDIANTE I.F.” (cod. 90.95.3).

       4. Separazione di sinechie delle piccole labbra

La prestazione “SEPARAZIONE DI SINECHIE DELLE PICCOLE LABBRA” è assente dal
Nomenclatore Tariffario Regionale. Si richiede se sia possibile assimilarla alla prestazione
“LIBERAZIONE DI SINECHIE PENIENE” (Cod. 64.93 - Lit.38.400).

Poiché non è presente all‟interno della branca relativa una procedura NAS (Non Altrimenti
Specificata) e ritenuto opportuno evitare problemi di incompatibilità con il sesso, derivanti
dall‟assimilazione di tale prestazione alla “LIBERAZIONE DI SINECHIE PENIENE”
(Cod. 64.93), si introduce per tale prestazione la codifica 64.93.01 con uguale tariffa (Lit.
38.400). Tale integrazione del Nomenclatore Tariffario Regionale sarà oggetto di successiva
nota circolare.

       5. Converting enzyme (A.C.E.) (Metodo immunometrico)

Nonostante il test per la determinazione dell’enzima convertitore dell’angiotensina (ACE)
rientri tra le prestazioni ritenute obsolete, alcune Aziende ritengono che debba essere
ancora erogabile.

Si valuta che il test possa essere esclusivamente eseguito in situazioni particolari, per
diagnosticare la sarcoidosi polmonare ed in presenza di specifica richiesta medica. Solo in
tal caso la determinazione può essere assimilata alla “ANGIOTENSINA II” (cod. 90.08.2).
       6. Colonscopia attraverso stoma artificiale

Viene chiesto come considerare la Colonscopia attraverso stoma artificiale esclusa dal cod
45.23 “COLONSCOPIA CON ENDOSCOPIO FLESSIBILE” (Cod.45.23 - Lit.120.000) e
non presente, con altra descrizione, nel Nomenclatore Tariffario Regionale.

Poiché la prestazione non è ricompresa né tra quelle ritenute obsolete dal DM 22 luglio
1996 (All.4 - Parte A), né fra quelle non erogabili in ambulatorio (All.4 - Parte B), in attesa
di specifico quesito in merito al Ministero della Sanità, si valuta opportuno assimilare tale
prestazione alla “SIGMOIDOSCOPIA CON ENDOSCOPIO FLESSIBILE” (Cod. 45.24 -
Lit.72.000).

       7. Olfattometria

Poiché tale prestazione non è presente all’interno del Nomenclatore Tariffario Regionale, è
stato chiesto se possa essere assimilata alla prestazione “GUSTOMETRIA” (Cod. 89.39.4)

Si ritiene che la prestazione “OLFATTOMETRIA”, peraltro eseguita molto raramente e
prevalentemente a scopi medico-legali, sia parte integrante della visita specialistica e,
pertanto, non deve essere valorizzata in aggiunta alla tariffazione della visita.

       8. Determinazione della massima ventilazione volontaria

E’ stato richiesto se tale prestazione possa essere assimilata per analogia alla prestazione
“DETERMINAZIONE DEL PATTERN RESPIRATORIO A RIPOSO” (Cod. 89.38.5).

Poiché tale prestazione viene effettuata mediante utilizzo di spirometro, si ritiene piuttosto
opportuno assimilarla alla prestazione “SPIROMETRIA” (Cod. 89.37.1).

       9. Lavaggio vescicale

E’ stato richiesto un chiarimento in merito al lavaggio vescicale, non contemplato nel
Nomenclatore Tariffario Regionale 1996, sebbene codificato nel tariffario 1991 con Cod.
440103.

Si ritiene che il lavaggio vescicale debba essere assimilato alla prestazione
“CATETERISMO VESCICALE” (Cod. 57.94), così come riportato nella Tabella di
allineamento tra il Nomenclatore Tariffario 1991 e 1996. Poiché tale Tabella è stata a suo
tempo consegnata a tutte le Aziende sanitarie si invitano i responsabili della codifica a farne
attivo uso.


Per tutte le seguenti prestazioni (10-17) è stato richiesto un chiarimento in relazione alla
tariffazione ed alla codifica, in quanto non contemplate nel Nomenclatore Tariffario
Regionale.
       10. Visita specialistica dietologica (Anamnesi, esame obiettivo ed eventuale
           prescrizione di schema dietetico)

Si ritiene che tale prestazione possa essere assimilata alla prestazione “ANAMNESI E
VALUTAZIONE DEFINITE COMPLESSIVE” (Cod. 89.03 - £. 32.000)

       11. Indagine alimentare (colloquio con il paziente per rilevare abitudini
           alimentari al fine di calcolare le principali componenti nutrizionali)

       12. Elaborazione di       programma        nutrizionale    (compilazione      di   dieta
           personalizzata)

       13. Controllo dietoterapeutico (verifica periodica dell’osservanza dello schema
           dietetico previsto)

Si ritiene che le precedenti prestazioni possano essere assimilate alla prestazione
“ANAMNESI E VALUTAZIONE DEFINITE BREVI” (Cod. 89.01 - £.20.000).

       14. Posizionamento di sonda gastroenterale

Si ritiene che, se erogata in ambulatorio ospedaliero, tale prestazione, come per la
olfattometria, sia parte integrante della visita specialistica e quindi non deve essere
valorizzata in aggiunta alla tariffazione della visita. Se la stessa prestazione viene erogata a
domicilio la tariffazione dovrà riguardare prestazioni che rientrano nell‟Assistenza
Domiciliare Integrata.

       15. Valutazione con analisi impedenzometrica (BIA)

In analogia con la prestazione di laringoscopia indiretta, ricompresa all‟interno della visita
di otorinolaringoiatria, come precisato al punto 5 della nota del 30/1/1998 prot.n. 3329/DIR,
si ritiene che tale prestazione debba essere fatta rientrare nella visita dietologica, come
completamento diagnostico.

       16. Terapia cognitivo-comportamentale individuale

       17. Terapia cognitivo-comportamentale di gruppo

Per quanto riguarda il supporto psicologico fornito dagli specialisti (dietologi,
gastroenterologi, ecc.) a particolari categorie di pazienti (anoressici, ecc.) non è corretto
codificare tali prestazioni come terapie cognitivo-comportamentali di gruppo o individuali.
Questa attività viene ricompresa ancora una volta nell‟ambito della visita specialistica.
       18. Prestazioni obsolete

A seguito di richieste di indicazioni circa la codifica e la tariffazione di prestazione che,
sebbene ritenute obsolete nell‟Allegato 4 - Parte A del DM 22 luglio 1996, sono ancora
erogate si precisa che :
  in attesa di migliore definizione del problema si invita a limitare l‟erogazione ai soli casi
   che i professionisti ritengono indispensabili, segnalando e motivando queste scelte al
   referente aziendale per l‟applicazione del Nomenclatore Tariffario Regionale e al
   “gruppo di Controllo per la Qualità della Codifica delle Prestazioni di Specialistica
   Ambulatoriale” ;
  riguardo la tariffazione si precisa che nessun onere debba essere addebitato a carico del
   cittadino.

       19. Prestazioni neuropsicologiche

A seguito di chiarimenti richiesti da alcune Aziende e di alcuni suggerimenti proposti dai
professionisti sanitari, in materia di prestazioni neuropsicologiche, si comunica quanto
segue.
Si ritiene che un corretto approccio neuropsicologico debba prevedere :
  visita neurologica preliminare
  colloquio con i familiari
  esame neuropsicologico.
 In particolare l‟esame neuropsicologico si intende composto da due fasi :
PRIMA FASE il cui scopo è l‟inquadramento generale del paziente. Tale fase prevede le
seguenti tre prestazioni :
1. VALUTAZIONE               MONOFUNZIONALE                CON       SCALA        PSICO-
   COMPORTAMENTALE (Cod. 93.01.3 - Lit. 15.000) al fine di effettuare uno screening
   dei disturbi psico-comportamentali ;
2. VALUTAZIONE FUNZIONALE DELLE FUNZIONI CORTICALI SUPERIORI (Cod.
   93.01.4 - Lit. 15.000) per uno screening dei disturbi cognitivi ;
3. SOMMINISTRAZIONE DI TEST DI DETERIORAMENTO O SVILUPPO
   INTELLETTIVO (Cod. 94.01.2 - Lit. 30.000) come esame psicometrico generale.

Si precisa che tali prestazioni, visto l‟impegno che comportano, non sono parte integrante
della visita specialistica. Pertanto vanno codificate e valorizzate come sopra descritto.
SECONDA FASE, di approfondimento, il cui scopo è l‟esplorazione delle singole finzioni.
Tale fase prevede l‟esplorazione di più aree funzionali:

1. SOMMINISTRAZIONE DI TEST DELLA MEMORIA (Cod. 94.02.1). Al fine di
   valutare adeguatamente la memoria sono prevedibili tre subcomponenti :
   - esame della memoria a breve termine
   - esame della memoria a lungo termine
   - esame della memoria per il passato.
   Ogni subcomponente deve essere tariffata secondo il Nomenclatore Tariffario
   Regionale : Lit. 11.300 per ogni componente (max 3 = Lit.33.900)
  SOMMINISTRAZIONE DI TEST DELLE FUNZIONI ESECUTIVE (Cod. 94.08.1 -
  Lit.11.300)

3. SOMMINISTRAZIONE DI TEST DELLE ABIILITA‟ VISUO SPAZIALI (Cod.
   94.08.2 - Lit.11.300)

4. ESAME DELL‟AFASIA CON BATTERIA STANDARDIZZATA (Cod. 94.08.4) - Lit.
   52.500


Si conclude, precisando che le risposte ai quesiti e le indicazioni relative all‟applicazione
del Nomenclatore tariffario regionale, contenute nella presente nota, in quelle precedenti e
nelle prossime, costituiranno la base per la predisposizione di un manuale applicativo, che
amplierà le prime indicazioni già fornite nell‟aprile 1997.



      Distinti saluti.

                                               IL DIRETTORE GENERALE
                                                  Dr. Francesco Taroni
7 giugno 1998


                                                    Bologna, 7 giugno 1998


Prot. n.23727/DIR                           - AI DIRETTORI GENERALI
GV
                                                    - AI DIRETTORI SANITARI

                                                    - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                     PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                     NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                     REGIONALE

                                                    DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                    DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                    - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                    - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                    - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                     PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                     NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                     REGIONALE

                                                    DEGLI ISTITUTI OROPEDICI RIZZOLI

                                                    - AI DIRETTORI SANITARI
                                                    DELLE CASE DI CURA PRIVATE

                                            e p.c. - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                                     DIPARTIMENTO DELLA
PROGRAMMAZIONE


                                                     LOROSEDI

Oggetto : Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario
regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al “Gruppo
regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

       A seguito dell‟esame di ulteriori quesiti posti dalle Aziende in merito all‟applicazione del
Nomenclatore Tariffario Regionale si forniscono le indicazioni di seguito riportate, ampliando
quanto già puntualizzato nelle precedenti note di risposta ai quesiti (Prot. n. 47201/DIR del 20
novembre 1997 , Prot. n. 3329/DIR del 30 gennaio 1998 e Prot. n. 19118/DIR del 15 maggio 1998).
       1. Ecografia dell’addome superiore, dell’addome inferiore e dell’addome
          completo
Con riferimento alle prestazioni in oggetto, viene richiesta una interpretazione del
significato dato al termine “Incluso” riportato nel Nomenclatore Tariffario Regionale. Si
vuole infatti accertare se, a fronte della richiesta di una ecografia di uno specifico organo,
l’ecografista debba eseguire l’indagine solo sull’organo indicato oppure debba comunque
estendere l’indagine anche a tutti gli altri organi compresi nella voce “Incluso”.

Si ritiene che la scelta in merito all‟estensione dell‟esame anche ad altri organi spetti all‟ecografista.
Questi può, autonomamente, sulla base della prescrizione del medico curante e della situazione
clinico-strumentale riscontrata in corso di esame, decidere di limitare l‟esame solo all‟organo
richiesto oppure esaminare e refertare anche i restanti organi. Indipendentemente dalla scelta
effettuata dall‟ecografista, ai fini della partecipazione alla spesa da parte del cittadino e della
retribuzione della Azienda sanitaria erogante, viene comunque riconosciuta la tariffa intera
corrispondente al codice 88.74.1 (ECOGRAFIA DELL‟ADDOME SUPERIORE - Lit.85.000)
oppure al codice 88.75.1 (ECOGRAFIA DELL' ADDOME INFERIORE - Lit.85.000) oppure al
codice 88.76.1 (ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO - Lit.117.000).

       2. Tomografia computerizzata (TC) del rachide e dello speco vertebrale (Cod.
          88.38.1)
Viene chiesta un’interpretazione in merito alla specificazione “TC del rachide [cervicale,
toracico, lombosacrale], spinale - Incluso: lo studio di 3 metameri e 2 spazi intersomatici”
associata, nel Nomenclatore Tariffario Regionale, a tale prestazione.

La specificazione associata al codice di tale prestazione è da interpretarsi come segue : se una TC
viene contemporaneamente eseguita su due distretti dà origine alla remunerazione di una sola
prestazione.

       3. Misure anatomiche e fisiologiche ed esami manuali (Cod. 89.1), Misure
          anatomiche e fisiologiche ed esami manuali, (Cod. 89.2), Altre misure
          anatomiche e fisiologiche ed esami manuali (Cod.89.3), Terapia fisica,
          terapia respiratoria, riabilitazione e procedure correlate (Cod. 93), Diagnosi
          e trattamenti oftalmologici o otologici (Cod.95).
Poiché nei sottotitoli di queste sezioni è riportata la frase “Escluso le procedure
sottoelencate quando eseguite come parte integrante di una visita generale specialistica” si
chiede un chiarimento circa l’interpretazione della frase.

Si riporta a tale proposito quanto indicato dalla Circ. 15 - Prot. n. 24520/BAS del 11 giugno 1997,
la quale precisa che le prestazioni presenti nel nuovo tariffario che riportano la dicitura “escluso
quando eseguite come parte integrante di una visita specialistica” [...] vanno considerate anche dal
punto di vista finanziario quale parte integrante della visita specialistica (89.7 o altro codice
corrispondente a visita specialistica : 89.13, 89.26, 95.02), quando eseguite come parte della stessa,
e devono quindi essere tariffate solo qualora non venga eseguita la visita specialistica”.
       4. Valutazione protesica (Cod. 93.03 - Lit.15.000)
Viene richiesto se tale prestazione debba essere interpretata come collaudo delle protesi
prescritte in corso di visita specialistica e che, per legge, devono essere collaudate entro 10
giorni dall’erogazione della protesi stessa.

Si ritiene che tale interpretazione sia corretta : pertanto la prescrizione della protesi deve avvenire
nell‟ambito della visita specialistica, mentre il collaudo della stessa deve avvenire mediante ricorso
alla prestazione in oggetto.

       5. Dosaggio multiplo
Viene richiesta la tariffa da applicare in presenza di dosaggi multipli (curve e pulsatilità
ormonali, non secondarie a stimolo). A questo proposito si richiede se sia opportuno
applicare n volte la singola tariffa oppure utilizzare quella prevista per i singoli dosaggi
ormonali seriati dopo stimolo.

Viene richiesta la tariffa da applicare in caso di dosaggi a 2 o 3 tempi (es. Cortisolo ore
8/16, Prolattina 0, 15, 30). In particolare si chiede se sia possibile applicare la tariffa del
singolo esame prevista dal Nomenclatore Tariffario Regionale, raddoppiandola o
triplicandola a seconda delle necessità. Inoltre si richiede la tariffa da applicare nel caso di
curve a tempi non previste dal Nomenclatore Tariffario Regionale (es. pulsatilità LH) o di
curve con più di 5 prelievi per stimolo.

Si ritiene che in presenza di dosaggi multipli (oltre 2) sia opportuno applicare la tariffa dei dosaggi
seriati dopo stimolo. Si precisa che la tariffa è valida anche qualora il numero dei dosaggi richiesti
superi quello indicato in parentesi tonda nella descrizione della prestazione [Es. PROLATTINA
(PRL): Dosaggi seriati dopo TRH (5) - Cod. 90.38.3]. Si ritiene infatti che il Nomenclatore
Tariffario Regionale con tali numeri indichi un numero di dosaggi mediamente sufficiente per
rispondere al quesito diagnostico. Infatti nel caso in cui la prestazione preveda un numero massimo
di dosaggi, tale valore massimo viene specificato nella descrizione della prestazione stessa(Es.
INSULINA (Curva da carico o dopo test farmacologici, max. 5 - Cod. 90.28.5).

       6. Formazione di profili di prestazioni costruiti dall’aggregazione di codici di
          prestazioni elementari presenti nel Nomenclatore Tariffario Regionale.
Si richiede se i profili che sono stati formati internamente all’Azienda, specialmente per la
branca di Biologia Molecolare e Virologia, devono essere sottoposti all’autorizzazione del
Ministero o della Regione o se si possano adottare sommando le tariffe previste per le
singole prestazioni.

In futuro è auspicabile che vengano definiti percorsi e/o pacchetti di prestazioni con tariffe
complessive per determinate tipologie di pazienti. Attualmente, la tariffa associata all‟eventuale
formazione di profili di prestazioni deve essere ottenuta come semplice somma delle tariffe
associate alle prestazioni oggetto dell‟aggregazione. È tuttavia prevista la possibilità di effettuare
accordi, in sede di contrattazione fra le Aziende sanitarie della Regione, per l‟abbattimento delle
tariffe complessive.
       7. Applicazione di supporto per il collo (Cod. 93.52 - Lit. 60.000)
Viene richiesto di specificare se all’interno della tariffa prevista per tale prestazione sia
compreso anche il costo del collare oppure se sia riferita solo all’atto manuale di prima
applicazione e relative istruzioni per la corretta applicazione successiva.

Si ritiene che la tariffa associata a questa prestazione sia comprensiva anche del costo del collare,
che pertanto non deve essere a carico del paziente.

       8. Prestazioni erogabili da più branche specialistiche
Viene chiesto un chiarimento sul comportamento da adottare per la tariffazione di
prestazioni appartenenti a branche diverse, ma erogabili insieme ad altre, o da uno stesso
specialista o da specialisti diversi. La normativa, infatti, prevede la possibilità di
prescrivere, sulla stessa ricetta, fino ad otto prestazioni della stessa branca specialistica
con un massimo di ticket di Lit. 70.000.

Si ribadisce che sulla stessa ricetta possono esser prescritte sino ad 8 prestazioni della stessa
branca : pertanto, prestazioni appartenenti a branche diverse vanno prescritte su ricette diverse.
Qualora nella medesima ricetta siano prescritte anche prestazioni appartenenti al gruppo “Altre
prestazioni” (Es. 89.01, 89.03, 89.07, 89.7, 93.56.1, 93.82.1, 93.82.2, 96.59, 99.12, 99.13, 99.14.1),
queste possono essere erogate addebitando al paziente una sola quota di compartecipazione alla
spesa fino al massimale di Lit.70.000.

       9. Esami citologici
Alcune Aziende hanno richiesto a quali voci del Nomenclatore Tariffario Regionale
assimilare le seguenti prestazioni, non presenti nel Nomenclatore Tariffario Regionale :
Esame citologico di lavaggio bronchiale, Esame citologico di brushing bronchiale, Esame
citologico di secreto mammario.

Il Nomenclatore Tariffario Regionale prevede la prestazione “ESAME CITOLOGICO DA
AGOASPIRAZIONE NAS” (Cod. 91.39.1 - Lit. 65.400). Tuttavia, la minor complessità delle
prestazioni in oggetto non ne giustifica la assimilazione alla suddetta prestazione che risulta assai
più complessa. Pertanto, si introduce per tali prestazioni, a integrazione del Nomenclatore Tariffario
Regionale, la codifica “ESAME CITOLOGICO DI MATERIALE NAS” (Cod. 91.38.51 - Lit.
21.600), la cui tariffa è la stessa dell‟“ES. CITOLOGICO CERVICO VAGINALE [PAP test]”
(Cod.91.38.5). Tale integrazione sarà oggetto di successiva nota/circolare.

Per i seguenti quesiti (10-16), relativi a prestazioni non presenti all‟interno del Nomenclatore
Tariffario Regionale, il Gruppo di Controllo per la Qualità della Codifica ritiene che le proposte di
assimilazione avanzate siano accettabili e pertanto propone quanto segue :
      10. Esame istologico di biopsia con agosottile
Tale prestazione va, di volta in volta, ricondotta alla biopsia riportata nel Nomenclatore
Tariffario Regionale, in relazione all’organo analizzato.

      11. Esame istologico di conizzazione di cervice uterina
Si propone l’assimilazione alla prestazione “ES. ISTOCITOPATOLOGICO APP.
UROGENITALE: Biopsie cervicali (Sedi multiple)” (Cod. 91.46.3 - Lit. 90.000).

      12. Anti reticolina (ARA)
Si propone l’assimilazione alla prestazione “ANTICORPI ANTI GLIADINA (IgG, IgA)”
(Cod. 90.49.5 - Lit.22.100).

      13. Anti epitelio (ASA)
Si propone l’assimilazione alla prestazione “ANTICORPI ANTI ORGANO” (Cod. 90.52.5 -
Lit.28.100).

      14. Anti testicolo (ATLA)
Si propone l’assimilazione alla prestazione “ANTICORPI ANTI OVAIO” (Cod. 90.53.1 -
Lit.14.400).

      15. Anti ribosoma
Si propone l’assimilazione alla prestazione “ANTICORPI ANTI MITOCONDRI” (Cod.
90.52.1 - Lit.18.300).

      16. Dosaggio della Somatomedina C (IGF-1)
Si riconduce tale prestazione, frequentemente richiesta da Endocrinologi e Pediatri quale
indice di valutazione dei difetti dell’accrescimento e delle patologie GH dipendenti, alla
prestazione ORMONE SOMATOTROPO (GH) [P/U] (Cod. 90.35.1 - Lit.20.500).

      17. Ecocolordoppler tiroideo
Si propone l’assimilazione alla prestazione ECO(COLOR)DOPPLERGRAFIA DEGLI ARTI
SUPERIORI O INFERIORI O DISTRETTUALE (Cod.88.77.2 - Lit. 85.000).

      18. Tomoscintigrafia miocardica (SPET) di perfusione a riposo o dopo stimolo
          (Cod. 92.09.2 - Lit. 261.000)
Poiché la formulazione descrittiva della prestazione in oggetto comporta le seguenti
possibilità di esecuzione : Tomoscintigrafia miocardica (SPET) di perfusione a riposo
oppure Tomoscintigrafia miocardica (SPET) di perfusione a riposo più Tomoscintigrafia
miocardica (SPET) di perfusione dopo stimolo oppure Tomoscintigrafia miocardica (SPET)
di perfusione dopo stimolo, viene richiesto come debba essere tariffata. Inoltre si chiede se
la Tomoscintigrafia miocardica (SPET) di perfusione dopo stimolo sia comprensiva del test
cardiovascolare (Test cardiovascolare da sforzo con cicloergometro - Cod. 89.43 ; Altri test
cardiovascolari da sforzo - Cod.89.44).
Si precisa che la prestazione in oggetto va tariffata a seconda dello specifico esame eseguito.
Pertanto le tre precedenti ipotesi danno luogo alle seguenti tariffazioni :
1. Tomoscintigrafia miocardica (SPET) di perfusione a riposo : Lit.261.000
2. Tomoscintigrafia miocardica (SPET) di perfusione a riposo più Tomoscintigrafia miocardica
   (SPET) di perfusione dopo stimolo : Lit.261.000 x 2 = Lit.522.000
3. Tomoscintigrafia miocardica (SPET) di perfusione dopo stimolo : Lit.261.000.
Inoltre, si sottolinea che la Tomoscintigrafia miocardica (SPET) di perfusione dopo stimolo è
comprensiva del test cardiovascolare da sforzo che pertanto non va tariffato separatamente.

       19. Osmolarità plasmatica e osmolarità urinaria
Viene richiesta un’indicazione sulla codifica delle prestazioni in oggetto non presenti nel
Nomenclatore Tariffario.

Si fa presente che le due prestazioni in oggetto rientrano nell‟Allegato 4 - Parte A del DM 22 luglio
1996 e pertanto sono da ritenersi obsolete. A questo proposito si rinvia alla nota Prot. n. 19118/DIR
del 15 maggio 1998 per ulteriori precisazioni.



       Distinti saluti.

                                                    IL DIRETTORE GENERALE
                                                       Dr. Francesco Taroni
22 aprile 1999



                                                       Bologna, 22 aprile 1999


Prot. n. 17692//DIR
GV
                                                       - AI DIRETTORI GENERALI

                                                       - AI DIRETTORI SANITARI

                                                       - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                         PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                         NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                         REGIONALE

                                                        DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                        DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                       - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                       - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                       - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                         PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                         NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                         REGIONALE

                                                        DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                       - AI DIRETTORI SANITARI
                                                         DELLE CASE DI CURA PRIVATE

                                                e p.c. - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                                        DIPARTIMENTO DELLA
                                                       PROGRAMMAZIONE


                                                       LORO SEDI

Oggetto : Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario
          regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al
          “Gruppo regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

       Nel corso dell‟applicazione del Nomenclatore Tariffario in oggetto sono emersi alcuni
problemi di carattere generale formulati attraverso quesiti, in merito ai quali si ritiene di fornire le
seguenti indicazioni:
       1. Rettifica al punto 25 del prot. n. 9852/dir del 3/03/1999: “Trasfusioni di
          sangue umano o emocomponenti (Cod. 99.07.1 - Lit. 50.000)”
Alcune Aziende avevano sottolineato come l’applicazione della tariffa alla prestazione in oggetto
sembri essere in contrasto con l’art.1 della legge 107/1990 : “Il sangue umano ed i suoi derivati
non sono fonte di profitto; la loro distribuzione al ricevente è comunque gratuita ed esclude
addebiti accessori ed oneri fiscali”.

Si precisa che con il codice 99.07.1 si individua la prestazione “TRASFUSIONE DI SANGUE O
EMOCOMPONENTI” ai fini della compensazione della mobilità e della determinazione
dell‟eventuale quota di partecipazione alla spesa da parte del cittadino. In particolare, la
distribuzione del sangue umano e dei suoi derivati è, inoltre, regolamentata dalla legge n. 107/90 e
dal “Piano sangue e plasma 1998/2000 della Regione Emilia Romagna”, di cui alla nota prot.
52935/DIR del 31/12/1998. Per questa si stabilisce che: “nessun addebito è effettuato a carico del
cittadino per sangue o emoderivati; la fatturazione, in attesa di diverse disposizioni nazionali e/o
regionali, è effettuata direttamente all‟Azienda U.S.L. di residenza dell‟interessato e quindi non
compresa nella compensazione; tale fatturazione comprende anche le prove di compatibilità da
addebitarsi secondo le tariffe della delib. di G.R. n. 410/97”.

       2. GDx Oftalmoscopio a scansione laser per lo studio dello spessore delle fibre
          nervose retiniche

Viene richiesto se tale prestazione, non presente nel Nomenclatore Tariffario Regionale, si possa
assimilare ad un’altra prestazione già esistente o sia opportuno inserirla con uno specifico codice.

Per la prestazione “OFTALMOSCOPIA A SCANSIONE LASER (GDx)” si introduce nel
Nomenclatore Tariffario la codifica Cod. 95.12.1 con tariffa di Lit. 90.000. Si tratta, infatti, di una
tecnica innovativa, particolarmente promettente per la diagnosi precoce delle otticopatie
glaucomatose.

       3. Ecocolordoppler dei grossi vasi addominali
Si richiede se sia possibile assimilare l’”ECOCOLORDOPPLER DEI GROSSI VASI
ADDOMINALI” alla prestazione “ECO(COLOR)DOPPLER DEI RENI E SURRENI” (88.74.5).

Si ritiene di non procedere all‟assimilazione della prestazione con altre già esistenti (es. ecografia di
grossi vasi addominali oppure ecocolordoppler di altri distretti, etc.), ma di introdurre la prestazione
“ECODOPPLER DEI GROSSI VASI ADDOMINALI” con codice 88.76.21 e tariffa di Lit. 85.000,
in considerazione della rilevanza clinica per la diagnostica delle patologie dell‟aorta addominale.

       4. Esame colturale delle feci coprocoltura - cod. 90.94.3
 E’ stato chiesto se la prestazione 90.94.3 “ESAME COLTURALE DELLE FECI”
COPROCOLTURA comprenda l’esecuzione della ricerca colturale della YERSINIA E.

In assenza di richiesta specifica, si dispone che l‟esame in oggetto non comprenda l‟esecuzione
della ricerca colturale della Yersinia E. In caso di ricerca specifica, in aggiunta, si utilizzerà il
codice 91.27.5 “YERSINIA DELLE FECI ESAME COLTURALE” - Lit. 4.000.
       5. Anticorpi antitetano
Viene richiesto se la prestazione “ANTICORPI ANTITETANO” sia assimilabile a “VIRUS
RESPIRATORIO SINCIZIALE ANTICORPI (E.I.A.)” (COD. 91.25.5 -Lit.17.700).

Si richiama la nota dell‟Assessorato alla Sanità, prot. 18383/Prev del 24 maggio 1993, con la quale
si evidenzia la necessità di fare aderire ai protocolli vaccinali quanto più possibile i soggetti
socialmente svantaggiati e non stabili sul territorio (nomadi, immigrati non residenti) ed in
particolare i bambini. La ricerca anticorpale per la ANATOSSINA TETANICA, a questi fini, sarà
effettuata solo in caso di risposta garantita in tempi utili per ricontattare il bambino per la
vaccinazione e, quindi, sarà richiesta molto raramente. In tali casi si ritiene di assimilarla alla
prestazione “BATTERI ANTIGENI CELLULARI ED EXTRACELLULARI IDENTIFICAZIONE
DIRETTA” (COD. 90.85.3 Lit. 11.300)

       6. Anoscopia
E’ stato richiesto se la prestazione “ANOSCOPIA” cod. 49.21 sia ricompresa nella visita
specialistica o se vada valorizzata in aggiunta alla visita

Si precisa che la prestazione “ANOSCOPIA” (COD. 49.21) va ricompresa nella visita specialistica,
qualora eseguita nell‟ambito della prima visita proctologica e non deve essere valorizzata in
aggiunta alla visita, questo in analogia a quanto indicato al punto 5 della nota prot. n. 3329/Dir del
30/01/98. In tale nota, infatti, si stabilisce che la prestazione “laringoscopia indiretta”, non va
aggiunta alla “visita di otorinolaringoiatria”, in quanto parte integrante della stessa.
3 marzo 1999




                                                     Bologna, 3 marzo 1999


Prot. n.9852/DIR
GV
                                                    - AI DIRETTORI GENERALI

                                                    - AI DIRETTORI SANITARI

                                                    - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                      PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                      NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                      REGIONALE

                                                      DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                      DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                    - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                    - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                    - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                      PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                      NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                      REGIONALE

                                                      DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                     - AI DIRETTORI SANITARI
                                                       DELLE CASE DI CURA PRIVATE
                                              e p.c. - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                                     DIPARTIMENTO DELLA
                                                     PROGRAMMAZIONE


                                                    LORO SEDI

Oggetto : Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario
regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al “Gruppo
regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

       A seguito dell‟esame di ulteriori quesiti posti dalle Aziende in merito all‟applicazione del
Nomenclatore Tariffario Regionale si forniscono le indicazioni di seguito riportate, ampliando
quanto già puntualizzato nelle precedenti note di risposta.
        Per i seguenti quesiti (1-23) relativi a prestazioni non presenti all‟interno del Nomenclatore
Tariffario Regionale, il Gruppo di Controllo per la Qualità della Codifica propone le seguenti
assimilazioni/integrazioni :
       1. Controllo neurostimolatore
Si propone l’assimilazione alla prestazione “CONTROLLO E PROGRAMMAZIONE
PACE-MAKER” (Cod. 89.48.1 - lit.45.000).

       2. Economia articolare
Tale prestazione può essere assimilata alla “TERAPIA OCCUPAZIONALE” (Cod. 93.83.1
- Lit. 2.100 - per seduta di gruppo e cod. 93.83 - Lit. 8.500 - per seduta individuale).

       3. Monitoraggio notturno di rigidità e tumescenza peniena
Si propone l’assimilazione di tale prestazione, che peraltro rappresenta un’indagine spesso
indispensabile per una corretta diagnosi etiopatogenica delle disfunzioni erettili peniene,
alla prestazione “PLETISMOGRAFIA PENIENA” (Cod. 89.58.6 - Lit.40.000).

       4. Attività fagocitaria
Tale prestazione può essere assimilata al “TEST DI STIMOLAZIONE LINFOCITARIA
CON ANTIGENI SPECIFICI” (Cod. 90.77.4 - lit.70.500) in quanto, pur diversificandosi,
attiene comunque alla esplorazione e valutazione del sistema immunitario.

       5. ECP (Proteina Cationica Eosinofila)
Si propone l’assimilazione alla prestazione “TEST DI RESISTENZA ALLA PROTEINA C
ATTIVATA” (Cod. 90.77.2 - lit.17.500) e si segnala al Ministero la necessità di introdurla
come prestazione specifica.

       6. Test avidity IgG rosolia e Test avidity IgG toxoplasmosi
Entrambe le prestazioni possono essere assimilate alla prestazione “VIRUS ANTICORPI
IMMUNOBLOTTING (Saggio di conferma)” (Cod. 91.13.2 - lit.70.100).

       7. Ricerca micoplasma/Ureplasma tampone vaginale, uretrale e seminale
Le tre prestazioni vanno assimilate a “MICOPLASMA PNEUMONIAE IN MATERIALI
BIOLOGICI DIVERSI ESAME COLTURALE” (Cod. 91.03.4 - lit.15.000). Qualora il test
risulti positivo e si proceda con l’identificazione si utilizzeranno in aggiunta i codici
91.03.2 (MICOPLASMA PNEUMONIAE DA COLTURA IDENTIFICAZIONE
BIOCHIMICA - lit.15.800) per l’identificazione biochimica e/o il codice 91.03.3
(MICOPLASMA PNEUMONIAE DA COLTURA IDENTIFICAZIONE SIEROLOGICA - Lit.
12.000) per quella sierologica

       8. Anticorpi Anti recettore Acetilcolina
Si propone l’assimilazione alla prestazione “ANTICORPI                         ANTI     RECETTORE
NICOTINICO MUSCOLARE” (Cod. 90.53.4 - Lit. 49.000).
       9. Calcio ionizzato
Si propone l’assimilazione alla prestazione “CALCIO TOTALE [S/U/dU]” (Cod. 90.11.4 -
lit.2.400).

       10. IgM Anti CMV (I.F.A.)
Si propone l’assimilazione alla prestazione “VIRUS CITOMEGALOVIRUS ANTICORPI
IgM (E.I.A.)” (Cod. 91.14.3 - lit.17.000).

       11. Anticorpi anti-endomisio
Si propone l’assimilazione alla prestazione “ANTICORPI ANTI MUSCOLO LISCIO
(ASMA)” (Cod. 90.52.2 - Lit. 14.400).

       12. Tempo di transito intestinale
Si propone l’assimilazione di tale prestazione alla “RADIOGRAFIA              DEL TRATTO
GASTROINTESTINALE INFERIORE” (Cod. 87.64 - Lit.58.000).

       13. Anticorpi anti-istoni
Si propone l’assimilazione alla prestazione “ANTICORPI ANTI NUCLEO (ANA)” (Cod.
90.52.4 - Lit. 18.700).

       14. Metadone
Si propone l’assimilazione alla prestazione “DROGHE D'ABUSO” (Cod. 90.18.3 - Lit.
11.600).

       15. Netilmicina
Si propone l’assimilazione alla prestazione “ANTIBIOTICI” (Cod. 90.08.3 - Lit. 14.200).

       16. Reverse T3
Si propone l’assimilazione alla prestazione “TRIODOTIRONINA LIBERA (FT3)” (Cod.
90.43.3 - Lit. 17.700). Si richiama, tuttavia, l’attenzione dei professionisti all’esigenza di
valutare l’appropriatezza di tale prestazione.


       17. HBV - DNA
Si propone l’assimilazione alla prestazione “VIRUS EPATITE B [HBV] ACIDI NUCLEICI
IBRIDAZIONE DIRETTA” (Cod. 91.17.4 - Lit.70.000) qualora non effettuato con
metodologia “VIRUS EPATITE B [HBV] ACIDI NUCLEICI IBRIDAZIONE (Previa
reazione polimerasica a catena)” (Cod. 91.17.3 - Lit.122.800).

       18. HIV - DNA dosaggio qualitativo
Si propone l’assimilazione alla prestazione “VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV ]
ANALISI QUALITATIVA DI RNA (Previa reazione polimerasica a catena)” (Cod. 91.22.2 -
Lit. 122.000). In aggiunta è necessario codificare anche la prestazione “ESTRAZIONE DI
DNA O DI RNA (nucleare o mitocondriale)” (Cod. 91.36.5 - Lit. 88.000).
       19. Acidi triciclici
Poiché la determinazione degli acidi triciclici implica una determinazione semi-quantitativa
si ritiene opportuno assimilarla alla prestazione “AMITRIPTILINA” (Cod. 90.07.4 -
Lit.14.200). Diversamente per la determinazione quantitativa di ciascun farmaco anti-
depressivo si rinvia alle specifiche voci contenute nel Nomenclatore Tariffario Regionale.

       20. Beta endorfine
Tale determinazione può essere assimilata alla prestazione “CORTICOTROPINA (ACTH)
[P]” (Cod.90.15.2 - Lit.39.800).

       21. Lamotrigina
Si propone l’assimilazione alla prestazione “CARBAMAZEPINA” (Cod. 90.12.3 -
Lit.25.900).

       22. Somatostatina
Poiché la prestazione in oggetto non è presente all’interno del Nomenclatore Tariffario
Regionale ed in considerazione della crescente rilevanza del suo utilizzo si introduce per
tale prestazione la codifica 90.35.11 con tariffa di lit.20.500.

       23. OCT - Tomografia retinica
L’OCT è una nuova tecnica diagnostica che fornisce immagini ad alta risoluzione della
retina. Essa risulta particolarmente utile nello studio delle lesioni maculari (Edema
maculare, membrane epiretiniche, membrane sottoretiniche, fori retinici, nevi, retinopatia
diabetica) e fornisce un prezioso monitoraggio nei pazienti operati. Poiché non è presente
all’interno del Nomenclatore Tariffario Regionale se ne richiede l’assimilazione.

In considerazione della rilevanza clinica di tale prestazione se ne propone l‟assimilazione alla
“ANGIOGRAFIA CON FLUORESCEINA O ANGIOSCOPIA OCULARE” (Cod. 95.12 -
Lit.90.000).

       24. Es. citologico cervico-vaginale (PAP test) (Cod. 91.38.5 - Lit. 21.600)
Viene richiesto se la tariffa di tale prestazione debba ricomprendere anche la quota di
esecuzione del prelievo(PRELIEVO CITOLOGICO - cod. 91.48.4 - Lit. 5.000) oppure se si
debba sommare la tariffa del prelievo a quella della prestazione.

Si riporta quanto previsto dalla circolare ministeriale n. 100/SCPS/21.4075 del 1 aprile 1997 : “Al
fine dell‟applicazione del limite di prescrivibilità di prestazioni per singola ricetta, relativamente
alle prestazioni di prelievo (Prelievo citologico, di sangue arterioso, di sangue capillare, di sangue
venoso e microbiologico) si precisa che: (i) il prelievo non deve essere incluso nel conteggio delle
prestazioni, sebbene debba essere specificamente riportato nella ricetta ; (ii) al fine del calcolo della
remunerazione complessiva dell‟erogatore, il valore della tariffa corrispondente alla prestazione di
prelievo deve essere sempre sommato al valore delle altre prestazioni prescritte ed erogate.” Si
precisa inoltre che, come indicato dalla circolare regionale 15/1997, “la prestazione prelievo [...]
andrà inclusa una sola volta per accesso.”
       25. Trasfusioni di sangue umano o emocomponenti (Cod. 99.07.1 - Lit. 50.000)
Alcune Aziende hanno sottolineato come l’applicazione della tariffa alla prestazione in
oggetto sembri essere in contrasto con l’art.1 della legge 107/1990 : “Il sangue umano ed i
suoi derivati non sono fonte di profitto; la loro distribuzione al ricevente è comunque
gratuita ed esclude addebiti accessori ed oneri fiscali”.
La prestazione in oggetto, come previsto dalla legge 107/1990 - “Disciplina per le attività
trasfusionali relative al sangue umano ed ai suoi componenti e per la produzione di plasmaderivati”
- non deve essere addebitata al paziente. Tuttavia è compito della Azienda erogatrice procedere
all‟addebito nei confronti della Azienda di residenza dell‟assistito secondo le normali procedure di
mobilità sanitaria.

       26. Allergologia
Per la prestazione “IgE SPECIFICHE ALLERGOLOGICHE” (Cod. 90.68.1 - Lit. 196.900)
si chiede quale tariffa applicare per gli allergeni saggiati in più rispetto a quelli previsti dal
Nomenclatore Tariffario.

Per tale prestazione, ove la tariffazione avviene per pannello, si precisa che per “pannello” non si
intende il kit di laboratorio utilizzato per l‟indagine, ma l‟insieme di allergeni riconducibili allo
stesso raggruppamento. In particolare si individuano i seguenti raggruppamenti :
 alimenti ;
 inalanti ;
 imenotteri/farmaci/professionali.
Pertanto, mentre l‟utilizzo di due o tre pannelli comporta un raddoppiamento o una triplicazione
della tariffa, l‟utilizzo, all‟interno dello stesso pannello, di un numero di allergeni superiore a quello
massimo non determina alcuna modificazione della tariffa.
In attesa di definire insieme ai professionisti allergologi linee guida per la corretta prescrizione di
tali test diagnostici, si auspica un monitoraggio, a livello aziendale, dell‟utilizzo di allergeni al fine
di promuovere un uso più appropriato delle risorse.

       27. 13C Urea Breath Test (Cod. 44.19.2 - lit.27.000)
Il Nomenclatore Tariffario Nazionale e Regionale contengono la voce “13C Urea breath
Test” con tariffa di lit.27.000, mentre il decreto del Ministero della Sanità del 27/10/1998
stabilisce il “Regime di rimborsabilità e prezzo di vendita della specialità medicinale
HELICOBACTER test INFAJ UREA 13C” con prezzo di vendita fissato a lit.44.500 + IVA.

In considerazione di questa discrepanza si ritiene opportuno segnalare al Ministero della Sanità la
necessità di un urgente adeguamento della tariffa e di un chiarimento per i regimi di opportuna
rimborsabilità. Numerose Aziende, infatti, hanno sottolineato come la tariffa del test non copre il
prezzo stabilito per i materiali necessari alla sua esecuzione ed implica, quindi, una erogazione
sottocosto di questa prestazione diagnostica di alta utilità (patologie a forte prevalenza come la
dispepsia ulcerosa).

       28. Ecografia transvaginale
Questa prestazione si trova solo nella branca di Radiologia e non in quella di
Ginecologia/Ostetricia. In alcune Aziende essa viene invece eseguita negli ambulatori di
Ginecologia/Salute della Donna con una prescrizione fatta su una ricetta separata da
quella per eventuali altre prestazioni della branca di Ginecologia, con conseguente
aumento del ticket a carico della paziente. Si chiede pertanto se sia opportuno integrare il
NTR inserendo la prestazione anche nella branca di Ginecologia.

In considerazione dell‟aggravio alla partecipazione alla spesa sanitaria da parte del cittadino si
ritiene opportuno segnalare al Ministero della Sanità la necessità di una integrazione del
Nomenclatore Tariffario Nazionale che includa tale prestazione anche nella branca di Ginecologia.

       29. Test di Farley
Si chiede come tariffare il test di Farley o Ematuria Minutata (conta delle emazie nelle
urine).

Si precisa che tale test è automaticamente ricompreso nel test delle urine e quindi non dà luogo ad
alcuna ulteriore tariffazione.

       30. RX Scapola
Poiché nel Nomenclatore Tariffario non è compresa questa prestazione si richiede come
tariffarla e codificarla.

Si precisa che tale prestazione rientra nella “RADIOGRAFIA DELLA SPALLA E DELL' ARTO
SUPERIORE” (Cod. 88.21 - lit.34.500). Si sottolinea, inoltre, che a fronte di richieste separate di
radiografia della spalla e della scapola, è necessario codificare solo la prestazione 88.21 senza
duplicazioni della tariffa.




                                                             IL DIRETTORE GENERALE
                                                                (Dott. Tiziano Carradori)
22 aprile 1999



                                                       Bologna, 22 aprile 1999


Prot. n. 17692//DIR
GV
                                                       - AI DIRETTORI GENERALI

                                                       - AI DIRETTORI SANITARI

                                                       - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                         PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                         NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                         REGIONALE

                                                        DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                        DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                       - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                       - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                       - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                         PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                         NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                         REGIONALE

                                                        DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                       - AI DIRETTORI SANITARI
                                                         DELLE CASE DI CURA PRIVATE

                                                e p.c. - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                                        DIPARTIMENTO DELLA
                                                       PROGRAMMAZIONE


                                                       LORO SEDI

Oggetto : Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario
          regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al
          “Gruppo regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

       Nel corso dell‟applicazione del Nomenclatore Tariffario in oggetto sono emersi alcuni
problemi di carattere generale formulati attraverso quesiti, in merito ai quali si ritiene di fornire le
seguenti indicazioni:
       1. Rettifica al punto 25 del prot. n. 9852/dir del 3/03/1999: “Trasfusioni di
          sangue umano o emocomponenti (Cod. 99.07.1 - Lit. 50.000)”
Alcune Aziende avevano sottolineato come l’applicazione della tariffa alla prestazione in oggetto
sembri essere in contrasto con l’art.1 della legge 107/1990 : “Il sangue umano ed i suoi derivati
non sono fonte di profitto; la loro distribuzione al ricevente è comunque gratuita ed esclude
addebiti accessori ed oneri fiscali”.

Si precisa che con il codice 99.07.1 si individua la prestazione “TRASFUSIONE DI SANGUE O
EMOCOMPONENTI” ai fini della compensazione della mobilità e della determinazione
dell‟eventuale quota di partecipazione alla spesa da parte del cittadino. In particolare, la
distribuzione del sangue umano e dei suoi derivati è, inoltre, regolamentata dalla legge n. 107/90 e
dal “Piano sangue e plasma 1998/2000 della Regione Emilia Romagna”, di cui alla nota prot.
52935/DIR del 31/12/1998. Per questa si stabilisce che: “nessun addebito è effettuato a carico del
cittadino per sangue o emoderivati; la fatturazione, in attesa di diverse disposizioni nazionali e/o
regionali, è effettuata direttamente all‟Azienda U.S.L. di residenza dell‟interessato e quindi non
compresa nella compensazione; tale fatturazione comprende anche le prove di compatibilità da
addebitarsi secondo le tariffe della delib. di G.R. n. 410/97”.

       2. GDx Oftalmoscopio a scansione laser per lo studio dello spessore delle fibre
          nervose retiniche

Viene richiesto se tale prestazione, non presente nel Nomenclatore Tariffario Regionale, si possa
assimilare ad un’altra prestazione già esistente o sia opportuno inserirla con uno specifico codice.

Per la prestazione “OFTALMOSCOPIA A SCANSIONE LASER (GDx)” si introduce nel
Nomenclatore Tariffario la codifica Cod. 95.12.1 con tariffa di Lit. 90.000. Si tratta, infatti, di una
tecnica innovativa, particolarmente promettente per la diagnosi precoce delle otticopatie
glaucomatose.

       3. Ecocolordoppler dei grossi vasi addominali
Si richiede se sia possibile assimilare l’”ECOCOLORDOPPLER DEI GROSSI VASI
ADDOMINALI” alla prestazione “ECO(COLOR)DOPPLER DEI RENI E SURRENI” (88.74.5).

Si ritiene di non procedere all‟assimilazione della prestazione con altre già esistenti (es. ecografia di
grossi vasi addominali oppure ecocolordoppler di altri distretti, etc.), ma di introdurre la prestazione
“ECODOPPLER DEI GROSSI VASI ADDOMINALI” con codice 88.76.21 e tariffa di Lit. 85.000,
in considerazione della rilevanza clinica per la diagnostica delle patologie dell‟aorta addominale.

       4. Esame colturale delle feci coprocoltura - cod. 90.94.3
 E’ stato chiesto se la prestazione 90.94.3 “ESAME COLTURALE DELLE FECI”
COPROCOLTURA comprenda l’esecuzione della ricerca colturale della YERSINIA E.

In assenza di richiesta specifica, si dispone che l‟esame in oggetto non comprenda l‟esecuzione
della ricerca colturale della Yersinia E. In caso di ricerca specifica, in aggiunta, si utilizzerà il
codice 91.27.5 “YERSINIA DELLE FECI ESAME COLTURALE” - Lit. 4.000.
       5. Anticorpi antitetano
Viene richiesto se la prestazione “ANTICORPI ANTITETANO” sia assimilabile a “VIRUS
RESPIRATORIO SINCIZIALE ANTICORPI (E.I.A.)” (COD. 91.25.5 -Lit.17.700).

Si richiama la nota dell‟Assessorato alla Sanità, prot. 18383/Prev del 24 maggio 1993, con la quale
si evidenzia la necessità di fare aderire ai protocolli vaccinali quanto più possibile i soggetti
socialmente svantaggiati e non stabili sul territorio (nomadi, immigrati non residenti) ed in
particolare i bambini. La ricerca anticorpale per la ANATOSSINA TETANICA, a questi fini, sarà
effettuata solo in caso di risposta garantita in tempi utili per ricontattare il bambino per la
vaccinazione e, quindi, sarà richiesta molto raramente. In tali casi si ritiene di assimilarla alla
prestazione “BATTERI ANTIGENI CELLULARI ED EXTRACELLULARI IDENTIFICAZIONE
DIRETTA” (COD. 90.85.3 Lit. 11.300)

       6. Anoscopia
E’ stato richiesto se la prestazione “ANOSCOPIA” cod. 49.21 sia ricompresa nella visita
specialistica o se vada valorizzata in aggiunta alla visita

Si precisa che la prestazione “ANOSCOPIA” (COD. 49.21) va ricompresa nella visita specialistica,
qualora eseguita nell‟ambito della prima visita proctologica e non deve essere valorizzata in
aggiunta alla visita, questo in analogia a quanto indicato al punto 5 della nota prot. n. 3329/Dir del
30/01/98. In tale nota, infatti, si stabilisce che la prestazione “laringoscopia indiretta”, non va
aggiunta alla “visita di otorinolaringoiatria”, in quanto parte integrante della stessa.
14 luglio 1999


                                                       Bologna, 14 luglio 1999


Prot. n. 29074//DIR
GV
                                                       - AI DIRETTORI GENERALI

                                                       - AI DIRETTORI SANITARI

                                                       - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                         PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                         NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                         REGIONALE

                                                        DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                        DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                       - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                       - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                       - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                         PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                         NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                         REGIONALE

                                                        DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                       - AI DIRETTORI SANITARI
                                                         DELLE CASE DI CURA PRIVATE

                                                e p.c. - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                                        DIPARTIMENTO DELLA
                                                       PROGRAMMAZIONE


                                                       LORO SEDI

Oggetto : Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario
          regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al
          “Gruppo regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

       Nel corso dell‟applicazione del Nomenclatore Tariffario in oggetto sono emersi alcuni
problemi di carattere generale formulati attraverso quesiti, in merito ai quali si ritiene di fornire le
seguenti indicazioni:
       1. -subunità (LH, FSH, GH)
Si richiede a quale prestazione possa essere assimilata la prestazione “-subunità (LH, FSH,
GH)”.
Si ritiene di poter assimilare la prestazione “-subunità (LH, FSH, GH)” al dosaggio del
“TESTOSTERONE LIBERO” cod. 90.41.4 con tariffa di £.30.600.

       2. Insulin like growth hormon factor 3 (IGFBP3)
Si richiede a quale delle prestazioni presenti nel Nomenclatore Tariffario possa essere assimilata la
prestazione“Insulin like growth hormon factor 3 (IGFBP3)”.
Si ritiene di poter assimilare la prestazione “Insulin like growth hormon factor 3” alla prestazione
“ORMONE SOMATOTROPO (GH) P/U” cod. 90.35.1 con tariffa di £.20.500, in quanto trattasi
di esame dosato con metodica RIA ed è richiesto nelle patologie della crescita.

       3. Recettore solubile Interleuchina-2
Si richiede l’assimilazione della prestazione “Recettore solubile interleuchina-2” alla prestazione
“INTERLEUCHINA-2”.
Si ritiene di poter assimilare la prestazione “Recettore solubile interleuchina-2” alla prestazione
“INTERLEUCHINA-2” cod. 90.70.2 con tariffa di £.38.000. Tale esame dosato con una metodica
immunoenzimatica è richiesto principalmente dagli ematologi nei disordini immunitari.

       4. Recettore solubile della Transferrina
Si chiede se si possa assimilare la prestazione “Recettore solubile Transferrina” con la prestazione
“INTERLEUCHINA-2”.
Si ritiene di non poter assimilare la prestazione “Recettore solubile Transferrina” ad altre presenti
nel Nomenclatore tariffario. Si tratta, infatti, di un esame specialistico utilizzato nel monitoraggio
dei pazienti talassemici presso Centri specialistici di riferimento regionali. Si introduce, pertanto,
come nuova prestazione, integrando la prestazione “Transferrina (S)” cod. 90.42.5, con un nuovo
codice 90.42.51 corrispondente alla dizione “RECETTORE SOLUBILE TRANSFERRINA” e con
tariffa di £. 38.000.

       5. Rettifica codice della prestazione “OFTALMOSCOPIA A SCANSIONE
          LASER (GDX)”.
Nella nota prot. n. 17692/DIR del 22 aprile 1999, al punto 2, è stato introdotto il codice 95.12.1 che
è da rettificare con il codice 95.12.01, per omogeneità con i nuovi codici precedentemente introdotti
nel Nomenclatore Tariffario regionale, a 8 cifre.

       6. Rettifica al punto 6 “Anoscopia” della nota Prot. 17692/DIR del 22 aprile
          1999
Nella nota prot. 17692 del 22 aprile 1999, al punto 6 “Anoscopia”, veniva erroneamente indicato
che la prestazione “ANOSCOPIA” Cod. 49.21, qualora eseguita nell’ambito della prima visita
proctologica, andava ricompresa all’interno della stessa.
Si precisa che la prestazione sopracitata è da ricomprendere a livello tariffario nell‟ambito della
visita sia essa prima visita o visita di controllo.

       7. Studio della permeabilità alveolare epiteliale
Si richiede se la prestazione “Studio della permeabilità alveolare epiteliale” possa essere
assimilata alla prestazione “SCINTIGRAFIA CON STUDIO DELLA PERMEABILITA'” (Cod.
92.04.5) con tariffa di £. 119.000.
Si ritiene di poter assimilare la prestazione “Studio della permeabilità alveolare epiteliale” alla
“SCINTIGRAFIA CON STUDIO DELLA PERMEABILITA' ” cod. 92.04.5 con tariffa di
£.119.000. Vengono infatti utilizzati lo stesso radiofarmaco e la stessa procedura di acquisizione ed
elaborazione per entrambe le metodiche.

       8. Tomoscintigrafia (Spect) in corso di scintigrafia ossea total body o trifasica
          segmentaria
Si richiede l’assimilazione della prestazione in oggetto alla “TOMOSCINTIGRAFIA RENALE”
(Cod. 92.03.5) con tariffa di £. 79.900.
Si ritiene che l‟effettuazione di uno o più studi tomoscintigrafici a completamento della scansione
planare total body sia assimilabile alla prestazione “TOMOSCINTIGRAFIA RENALE” (Cod.
92.03.5), con tariffa di £. 79.900, la quale si intende modificata con la dizione
“TOMOSCINTIFRAFIA RENALE E DI ALTRI DISTRETTI (OSSEA, TIROIDEA,
ADDOMINALE)”.

       9. Esofagogastroduodenoscopia e polipectomia
Si chiede se, nel caso di erogazione delle prestazioni in oggetto, si debba tariffare solo la
prestazione (Cod. 43.41.1) “ASPORTAZIONE O DEMOLIZIONE LOCALE DI LESIONE O
TESSUTO DELLO STOMACO PER VIA ENDOSCOPICA” o entrambe le prestazioni.
Se, in corso di esame endoscopico di tipo diagnostico si rende necessaria l‟asportazione o
demolizione locale della lesione o tessuto, vanno tariffate ambedue le prestazioni. (Esempio:
“ESOFAGOGASTRODUODENOSCOPIA EGD” (Cod. 45.13) e “ASPORTAZIONE O
DEMOLIZIONE LOCALE DI LESIONE O TESSUTO DELLO STOMACO PER VIA
ENDOSCOPICA” (Cod. 43.41.1).

       10. Monitoraggio urodinamico continuo (Holter vescicale)
Si chiede se si possa assimilare la prestazione “Monitoraggio urodinamico continuo (Holter
vescicale)” alla prestazione “URODINAMICO COMPLETO” (Cod. 57.39.2).
Si ritiene di poter assimilare la prestazione “Monitoraggio urodinamico continuo (Holter
vescicale)” alla prestazione “URODINAMICO COMPLETO” (Cod. 57.39.2) con tariffa di £.
110.000.


       11. Test da carico con chelanti per la diagnosi e cura delle condizioni patologiche
           associate a sovraccarico del ferro, in particolari emocromatosi .
Si chiede l’inserimento nel Nomenclatore Tariffario della prestazione “test da carico con chelanti”
per la diagnosi e cura delle condizioni patologiche associate a sovraccarico del ferro, in
particolari emocromatosi.
Nell‟attesa di valutare, previa richiesta al Ministero, se introdurre con apposito nuovo codice il test
da carico con chelanti del ferro per la diagnosi e cura delle condizioni patologiche associate a
sovraccarico del ferro, in particolari emocromatosi, si propone di codificare e tariffare le
determinazioni urinarie di ferro eseguite: “FERRO dU” (Cod. 90.22.4) con tariffa di £. 10.300. Si
sottolinea che attualmente tale test è utilizzato da gruppi specialistici e non è comunemente diffuso
nella pratica ambulatoriale.

       12. Farmaci immunosoppressori, anticorpi anti membrana basale glomerulare
           (AGMB)
Si chiede l’assimilazione delle prestazioni Farmaci immunosoppressori (Ciclosporina A,
Ciclosporina A e metaboliti, Tacrolimus (FK 506)) alla prestazione (CICLOSPORINA) (Cod.
90.13.2) con tariffa di £. 31.500 e Anticorpi anti membrana basale glomerulare (AGMB) con la
prestazione “ANTICORPI ANTIORGANO” (Cod. 90.52.5) con tariffa di £. 28.100.
Si assimilano le seguenti prestazioni: “Farmaci immunosoppressori (Ciclosporina a, Ciclosporina A
e metaboliti, Tacrolimus (Fk 506))” alla prestazione “CICLOSPORINA” (Cod. 90.13.2) con tariffa
di £. 31.500 e “Anticorpi anti membrana basale glomerulare (AGMB)” alla prestazione
“ANTICORPI ANTIORGANO” (Cod. 90.52.5) con tariffa di £ 28.100.

        13. Tecnica PRC per ricerca Papillovirus e tecnica PRC per ricerca Parvovirus
Si chiede l’assimilazione delle due prestazioni in oggetto con la prestazione “ANALISI DELLA
MUTAZIONE DNA” con reazione polimerasica e ibridazione con sonde non radiomarcate (Cod.
91.29.04) con tariffa di £. 232.500.
Per tutte le prestazioni di laboratorio di analisi chimico-cliniche si sottolinea che quando compare
tra parentesi tonda la dizione “previa reazione polimerasica a catena”, tale parte di prestazione si
intende ricompresa nella prestazione complessiva e quindi nella tariffa.

        14. Manometria gastrointestinale
Si chiede l’inserimento della prestazione in oggetto nel Nomenclatore Tariffario.
Si inserisce una nuova prestazione con la dizione “MANOMETRIA GASTROINTESTINALE” con
cod. 89.32.01 e con tariffa di £. 130.000, ad integrazione di procedure fisiologiche ed esami
manuali, quali ad esempio la “MANOMETRIA ESOFAGEA” (Cod. 89.32.1).

        15. Metanefrine Urinarie
Si chiede l’assimilazione della prestazione in oggetto alla prestazione “CATECOLAMINE
URINARIE”.
Si assimila la prestazione “Metanefrine Urinarie” alla prestazione “CATECOLAMINE
URINARIE” presente nel Nomenclatore Tariffario con Cod. 90.12.4 e con tariffa di £. 24.400.

        16. Espansione protesi mammaria
Si chiede se la prestazione “espansione protesi mammaria” debba considerarsi come una
prestazione a se stante o possa, invece, considerarsi parte integrante della visita di controllo.
Si ritiene che l‟utilizzo degli espansori, al fine del riempimento delle protesi negli esiti di
mastectomia o nei casi di cicatrici vaste e deturpanti, non debba determinare una tariffa aggiuntiva
rispetto a quella della visita di controllo (Cod. 89.01 e tariffa £. 20.000), nel contesto della quale
viene erogata.

Si precisa, infine, che sono pervenuti al gruppo numerosi quesiti riguardanti assimilazioni, o per
l‟inserimento di test di laboratorio non ricompresi nel Nomenclatore Tariffario, che spesso sono di
nuova e non ancora consolidata introduzione. Poiché tali esami, spesso, fanno parte di protocolli di
ricerca, si richiama l‟attenzione sulla opportunità di non far gravare né sul cittadino
(compartecipazione alla spesa) né sul Servizio Sanitario Nazionale i costi sostenuti per l‟erogazione
di prestazioni la cui efficacia ed appropriatezza sono ancora oggetto di studio; i relativi oneri
saranno da ricondurre agli specifici fondi destinati alla ricerca.

Distinti saluti.
                                                                   IL DIRETTORE GENERALE
                                                                      Dott. Tiziano Carradori
5/8/1999
                                                       Bologna, 5/8/1999


Prot. n. 31699/DIR
GV
                                                       - AI DIRETTORI GENERALI

                                                       - AI DIRETTORI SANITARI

                                                       - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                         PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                         NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                         REGIONALE

                                                        DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                        DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                       - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                       - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                       - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                         PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                         NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                         REGIONALE

                                                        DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                       - AI DIRETTORI SANITARI
                                                         DELLE CASE DI CURA PRIVATE

                                                e p.c. - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                                        DIPARTIMENTO DELLA
                                                       PROGRAMMAZIONE


                                                       LORO SEDI

Oggetto : Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario
          regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al
          “Gruppo regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

       Nel corso dell‟applicazione del Nomenclatore Tariffario in oggetto sono emersi alcuni
problemi di carattere generale formulati attraverso quesiti, in merito ai quali si ritiene di fornire le
seguenti indicazioni:
       1. Tilt up test
Si richiede di definire la codifica e la relativa tariffa della prestazione in oggetto, non essendo
presente nel Nomenclatore Tariffario.
Si ritiene di poter assimilare il “Tilt up test” alla prestazione “TEST CARDIOVASCOLARI PER
VALUTAZIONE DI NEUROPATIA AUTONOMICA” Cod. 89.59.1 con tariffa di £. 80.000. Tale
esame viene effettuato per valutare l‟origine vaso-vagale di sindromi sincopali.

       2. HEV Anticorpi (HEV AB)
Si richiede l’introduzione nel Nomenclatore Tariffario Regionale della prestazione in oggetto.
Verificata la frequenza dell‟esame sopraindicato e la necessità di tenere distinte, ai fini della
rilevazione statistico-epidemiologica, le diverse tipologie di epatite, si introduce nel Nomenclatore
Tariffario Regionale la prestazione “HEV ANTICORPI (HEV AB)” con Cod. 91.17.11 e tariffa di
£. 18.100.

       3. Scintigrafia mammaria con sestamibi
Si richiede l’assimilazione ad altra prestazione o l’introduzione della prestazione in oggetto nel
Nomenclatore Tariffario Regionale.
Considerata l‟importanza che l‟indagine assume nella valutazione di lesioni dubbie nella
stadiazione del carcinoma mammario e per le recidive dopo trattamento radio-chemioterapico,
nonché data l‟alta specificità dell‟indagine, si introduce nel Nomenclatore Tariffario Regionale una
nuova prestazione “SCINTIGRAFIA MAMMARIA (MAMMOSCINTIGRAFIA) con Cod.
92.18.11 e tariffa di £. 413.500.

       4. Scintigrafia con anticorpi monoclonali contro granulociti (Leukoscan)
Si chiede l’assimilazione della prestazione in oggetto ad altra prestazione presente nel
Nomenclatore Tariffario Regionale.
Si ritiene di poter assimilare la prestazione “Scintigrafia con anticorpi monoclonali contro
granulociti (Leukoscan)” alla prestazione “SCINTIGRAFIA GLOBALE CORPOREA CON
CELLULE AUTOLOGICHE MARCATE” con Cod. 92.18.4 e tariffa di £. 487.100.

       5. Farmaci antiepilettici
Si richiede l’assimilazione della prestazione in oggetto ad altra presente nel Nomenclatore
Tariffario Regionale.
Si ritiene opportuno assimilare la prestazione “Farmaci antiepilettici” alla prestazione
“CARBAMAZEPINA” Cod. 90.12.3 e con tariffa di £. 25.900.

       6. Elettroeiaculazione
Si richiede l’introduzione o l’assimilazione ad altra prestazione della “Elettroeiaculazione” non
presente nel nomenclatore Tariffario Regionale
Poiché si ritiene che la prestazione sopracitata sia effettuata solo in centri specialistici, è opportuno
non introdurla come nuova prestazione, ma assimilarla al “TEST NEUROFISIOLOGICI PER LA
VALUTAZIONE DEL SISTEMA NERVOSO VEGETATIVO” Cod. 89.15.5 e tariffa di £.
108.000.

       7. Angio Tac
Si richiede l’assimilazione della prestazione “Angio Tac” ad altra prestazione presente nel
Nomenclatore Tariffario Regionale
Si ritiene opportuno assimilare le prestazioni di Angio Tac a quelle relative alle “TAC con mezzo di
contrasto” (con rispettivi codici e tariffe), già previste nel Nomenclatore Tariffario Regionale,
facendo riferimento ad ogni specifico distretto sottoposto ad esame.
Distinti saluti.
IL DIRETTORE GENERALE
  Dott. Tiziano Carradori
28 agosto 2000


                                                     Bologna, 28 agosto 2000


Prot. n. 33797 /DIR
GV
                                                     - AI DIRETTORI GENERALI

                                                     - AI DIRETTORI SANITARI

                                                     - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                       PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                       NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                       REGIONALE

                                                      - AI RESPONSABILI DI DISTRETTO

                                                      DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                      DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                     - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                     - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                     - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                       PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                       NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                       REGIONALE

                                                      DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                     - AI DIRETTORI SANITARI
                                                       DELLE CASE DI CURA PRIVATE

                                         e p.c.     - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                                      DIPARTIMENTO DELLA
                                                      PROGRAMMAZIONE


                                                      LORO SEDI

Oggetto : Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario
regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al “Gruppo
regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

        Con la presente, si inviano le risposte ai quesiti sollevati dalle Aziende successivamente alla
diffusione del Manuale operativo per la corretta codifica ed applicazione del Nomenclatore
Tariffario, edito nel dicembre 1999. In merito ai suddetti quesiti si ritiene di fornire le seguenti
indicazioni:


       1. TRAINING ORTOTTICO

        Si chiede se la prestazione “TRAINING ORTOTTICO” (Cod. 95.35) possa essere tariffata
per ciclo e non per singola seduta.

       La prestazione in questione non può essere tariffata per ciclo e, pertanto, la tariffa di £
10.500 dovrà essere applicata per ogni singola seduta. Restano ovviamente invariate le modalità di
applicazione del ticket con tetto di spesa di £ 70.000 per un massimo di 8 prestazioni.

       2. Prestazione di angiografia con indocianina ICGA

       Si richiede l’assimilazione della prestazione di Angiografia con indocianina ICGA ad altra
prestazione presente nel Nomenclatore Tariffario regionale.

     Si assimila la prestazione di Angiografia con indocianina ICGA alla “ANGIOGRAFIA
CON FLUORESCINA O ANGIOSCOPIA OCULARE” (cod. 95.12 -£ 90.000).

       3. PAR (POTERE ANTIBATTERICO RESIDUO) TEST
       Alcune Aziende ritengono utile eseguire il PAR (potere antibatterico residuo) test su tutti i
campioni inviati per urinocoltura e risultati negativi al fine di verificare la presenza di eventuali
sostanze antibatteriche che possano interferire con l’interpretazione del risultato dell’esame.

       Se non esiste una specifica richiesta o se non vi sono fondati dubbi su base anamnestica, il
PAR test (“BATTERI DETERMINAZIONE CARICA MICROBICA IN LIQUIDI BIOLOGICI
DIVERSI” - Cod. 90.86.3 - £ 7.400) non deve essere eseguito come completamento diagnostico di
urinoculture negative. Qualsiasi approfondimento diagnostico non concordato con i medici
richiedenti e motivato potrebbe incentivare l‟uso non appropriato del test.

       4. Cromatina del sesso

   Si richiede l’assimilazione della prestazione “Cromatina del sesso” ad altra prestazione
   presente nel Nomenclatore Tariffario regionale.

   Tale prestazione è da assimilare all‟ “ESAME CITOLOGICO DI MATERIALE NAS” (Cod.
   91.38.51- £ 21.600).

       5. “Sonosalpingografia”

   Si richiede l’inserimento dell’esame “Sonosalpingografia” nel Nomenclatore Tariffario
   regionale.

   Tale prestazione, il cui scopo è principalmente la valutazione, attraverso un esame ecografico,
   della funzionalità tubarica nonché lo studio di patologie a carico dell‟endometrio, viene
   assimilata alla “ECOGRAFIA TRANSVAGINALE” (Cod. 88.79.7 - £ 84.000).
   6. Omocisteina plasmatica o sierica

Si chiede se il dosaggio di Omocisteina plasmatica o sierica possa essere assimilato al
dosaggio di aminoacidi totali.

Il dosaggio di .Omocisteina plasmatica o sierica viene assimilato ad “AMINOACIDI
DOSAGGIO SINGOLO” (cod. 90.07.2 - £ 6.700).

   7. Anticorpi Antitransglutaminasi

Si chiede l’inserimento del test per la determinazione degli Anticorpi Antitransglutaminasi tra
le prestazioni erogabili a pazienti ambulatoriali.

Si assimila il test per la determinazione degli Anticorpi Antitransglutaminasi agli “ANTICORPI
ANTI GLIADINA (IgG, IgA)” (cod. 90.49.5 - £ 22.100).

   8. Ambulatori AISTOM ed UROSTOM

Si chiede di precisare come codificare le prestazioni erogate da alcune Aziende Sanitarie in
specifici ambulatori (AISTOM ed UROSTOM).

Si ritiene che le prestazioni erogate da tali ambulatori vengano codificate e tariffate quando
presenti nel Nomenclatore Tariffario ambulatoriale (es. “ALTRA IRRIGAZIONE DI FERITA”,
cod. 96.59 - £ 7.500).

   9. Agoaspirato in stereotassi della mammella

Si richiede l’inserimento nel Nomenclatore Tariffario dell’esame “Agoaspirato in stereotassi”.

Si ritiene che tale prestazione possa essere ricondotta alla prestazione “BIOPSIA ECO-
GUIDATA DELLA MAMMELLA” (Cod. 85.11.1 - £ 72.000).

   10. Propionibacterium acnes

Si richiede l’inserimento nel Nomenclatore Tariffario ambulatoriale della indagine
microbiologica Propionibacterium acnes.

In riferimento alla richiesta di inserimento nel Nomenclatore Tariffario ambulatoriale della
indagine microbiologica Propionibacterium acnes, si rimanda alle indicazioni già fornite dal
gruppo di lavoro “Controllo della qualità della Codifica delle prestazioni di specialistica
ambulatoriale”, relativamente all‟inserimento di test di laboratorio non ricompresi nel
Nomenclatore Tariffario di nuova e non ancora consolidata introduzione, e riportate a pag.42
del Manuale Operativo ad uso delle Aziende della Regione Emilia-Romagna.

   11. Anticorpi anti-Borrelia con metodo Western Blot

Si richiede l’inserimento nel Nomenclatore Tariffario ambulatoriale della seguente prestazione
Anticorpi anti-Borrelia con metodo Western Blot.
.
Si ritiene di assimilare tale prestazione a “VIRUS ANTICORPI IMMUNOBLOTTING (saggio
di conferma)” (cod. 91.13.2 - £ 70.100).
   12. Ricerca fattore Won Willebrand

Si chiede di assimilare la ricerca del fattore Won Willebrand ai “FATTORI DELLA
COAGULAZIONE”.

Si ritiene di poter assimilare tale prestazione a “FATTORI DELLA COAGULAZIONE” (cod.
90.64.3 - £ 27.700).

   Distinti saluti.

                                                      IL DIRETTORE GENERALE
                                                          Dr.Franco Rossi
                                      ERRATA CORRIGE
                    alla Nota/circolare Prot. n. 33797/DIR del 28 agosto 2000




La risposta al quesito di cui al punto 3, riguardante il PAR(POTERE ANTIBATTERICO
RESIDUO) TEST è da sostituire con la seguente risposta:

       Se non esiste una specifica richiesta o se non vi sono fondati dubbi su base anamnestica, il
PAR test (“BATTERI POTERE ANTIBATTERICO RESIDUO IN MATERIALI BIOLOGICI
DIVERSI” - Cod. 90.87.1 - £ 9.000) non deve essere eseguito come completamento diagnostico di
urinoculture negative. Qualsiasi approfondimento diagnostico non concordato con i medici
richiedenti e motivato potrebbe incentivare l‟uso non appropriato del test.
28 gennaio 2000



                                                      Bologna, 28 gennaio 2000


Prot. n. 3969/DIR
GV
                                                     - AI DIRETTORI GENERALI

                                                     - AI DIRETTORI SANITARI

                                                     - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                       PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                       NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                       REGIONALE

                                                       DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                       DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                     - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                     - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                     - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                       PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                       NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                       REGIONALE

                                                       DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                     - AI DIRETTORI SANITARI
                                                       DELLE CASE DI CURA PRIVATE

                                          e p.c.     - AL MINISTERO DELLA SANITA‟
                                                       DIPARTIMENTO DELLA
                                                       PROGRAMMAZIONE

                                                       LORO SEDI


Oggetto : Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario
regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al “Gruppo
regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.


       Nel corso dell‟applicazione del Nomenclatore Tariffario in oggetto sono emersi alcuni
problemi di carattere generale formulati attraverso quesiti, in merito ai quali si ritiene di fornire le
seguenti indicazioni:
       1. RICOSTRUZIONE TRIDIMENSIONALE TC

Si richiede se alla prestazione Angio-TAC debba essere sempre aggiunto il codice ministeriale
88.90.2 “RICOSTRUZIONE TRIDIMENSIONALE TC” con tariffa di Lit. 39.000.

La “RICOSTRUZIONE TRIDIMENSIONALE TC” (Cod. 88.90.2 - Lit. 39.000) va codificata in
aggiunta a qualunque prestazione TAC o Angio Tac, qualora sia eseguita, e tariffata con Lit.
39.000.

       2. Immunoterapia per carcinomi renali metastatizzati con l’utilizzo di cellule
          LAK (Lymphokine Activated Killer Cells)

Si chiede come debba essere codificata la prestazione in oggetto.

L‟Immunoterapia per carcinomi renali metastatizzati con l’utilizzo di cellule LAK (Lymphokine
Activated Killer Cells) va codificata attraverso le prestazioni già comprese nel Nomenclatore
Tariffario e, precisamente, 1) “PRELIEVO DI SANGUE VENOSO” (Cod. 91.49.2 - Lit. 5.000) e
2) “COLTURA DI LINFOCITI PERIFERICI CON PHA O ALTRI MITOGENI” ( Cod. 91.34.5 -
Lit. 155.000).

       3. Profili emocoagulativi

Si richiedono alcune assimilazioni per prestazioni, eseguite presso i Laboratori Analisi, non
presenti nel Nomenclatore Tariffario .
Profili emocoagulativi : per quanto riguarda la valutazione di alcuni profili emocoagulativi, così
come accade in alcuni laboratori di riferimento regionale, per la determinazione di particolari fattori
della coagulazione si propongono le seguenti assimilazioni:

- Proteina S funzionale

Si assimila la prestazione Proteina S funzionale (tale test consiste nella misurazione, con metodo
funzionale coagulativo, di uno dei principali inibitori fisiologici della coagulazione) alla
“PROTEINA S LIBERA P” ( Cod. 90.72.4 – Lit. 19.000);

- Cofattore eparinico II

Tale test, che consiste nella misurazione, con metodo funzionale, di uno dei principali inibitori
della trombina va assimilato alla “ANTITROMBINA III FUNZIONALE” ( Cod. 90.57.5 – Lit.
5.400);


- Anticorpi anti  2-Glicoproteina I (IgG, IgM)

Tali test, che consistono nella misurazione con metodi ELISA degli anticorpi anti 2-Glicoproteina
I (IgG, IgM) vanno assimilati agli “ANTICORPI ANTI CARDIOLIPINA (IgG, IgA, IgM)” (Cod.
90.47.5 – Lit. 24.300);
- Fibrinogeno immunologico

Tale test, che consiste nella misurazione con metodo nefelometrico del fibrinogeno va assimilato al
“FIBRINOGENO FUNZIONALE” (Cod. 90.65.1 – Lit. 5.100);

- Antitrombina III immunologica

Tale test, che consiste nella misurazione con metodo nefelometrico dell‟antitrombina III) va
assimilato all‟ANTITROMBINA III FUNZIONALE” (Cod. 90.57.5 – Lit. 5.400).

       4. INIEZIONE ENDOLINFATICA DI SOSTANZE TERAPEUTICHE
Si richiede l’introduzione nel Nomenclatore Tariffario della prestazione in oggetto.

Si introduce la prestazione “INIEZIONE ENDOLINFATICA DI SOSTANZE
TERAPEUTICHE” con codifica 54.97.01 e tariffa di Lit. 150.000, dal momento che nei pazienti
portatori di neoplasie renali metastatizzate è possibile somministrare prodotti immunoattivi con
buoni risultati clinici.

       5. Laser ad eccimeri
Sono state richieste puntualizzazioni sul Laser ad eccimeri.

Dopo opportuna valutazione delle modalità d‟impiego e dei costi associati a tale nuova tecnologia si
introducono modifiche delle tariffe alle seguenti prestazioni già presenti nel Nomenclatore
Tariffario nella branca di Oculistica:

11.99.2 “CORREZIONE DI VIZI DI REFRAZIONE”: per questa prestazione la tariffa viene
incrementata da Lit. 154.000 a Lit. 740.000. Inoltre, viene modificata la sottodizione che diventa :
”Con laser ad eccimeri (PRK) con tecnica di ablazione standard o superficiale”

11.99.3 “CORREZIONE DI ALTERAZIONI CORNEALI” con laser ad eccimeri (PTK) : per
tale prestazione la tariffa viene incrementata da Lit. 154.000 a Lit. 740.000.

Viene inoltre introdotta, come nuova prestazione, la “CORREZIONE DEI VIZI DI
REFRAZIONE” con laser ad eccimeri con tecnica LASIK o lamellare con il relativo codice
11.99.04 e relativa tariffa di Lit. 940.000. Si tratta di una tecnica innovativa, il cui utilizzo è
importante in particolari condizioni cliniche.

L‟erogazione delle precedenti prestazioni (codici 11.99.2, 11.99.3, 11.99.04) è sottomessa, per
quanto riguarda le indicazioni terapeutiche, alla nota Prot. n. 16784/DIR del 16.4.‟99, che definisce
i limiti di erogabilità a carico del S.S.N. delle prestazioni stesse.


       6. Rettifica al codice “SEPARAZIONE DI SINECHIE DELLE PICCOLE
          LABBRA”

E‟ stato rettificato il codice della prestazione “SEPARAZIONE DI SINECHIE DELLE PICCOLE
LABBRA”, che non è più il 64.93.01, ma diventa il 71.11.01 con uguale tariffa (Lit. 38.400): tale
modifica si è resa necessaria in quanto non inerente al raggruppamento di prestazioni
contraddistinte dal codice 64.


Si coglie l‟occasione per comunicare che, con la presente, si inviano le ultime risposte ai quesiti
sollevati entro il 30 settembre 1999. Le indicazioni formulate negli ultimi due anni sono state
sintetizzate nel Manuale operativo per la corretta codifica ed applicazione del Nomenclatore
Tariffario, in corso di stampa, che verrà distribuito alle singole Aziende Sanitarie della Regione.

       Distinti saluti.


                                                                 IL DIRETTORE GENERALE
                                                                       Franco Rossi
Carissimo/a,
non riuscendo ad organizzare in tempi brevi una riunione del gruppo di lavoro, vi invio la lettera
finale con le ultime risposte ai quesiti, che ho già inserito nel Manuale.
Come potrete notare, il punto 5 (laser ad eccimeri) è nuovo : riassume le indicazioni
dell‟Assessorato che, in merito, ha effettuato l‟analisi dei costi ed ha scelto di adottare le tariffe del
la Toscana. Ho detto al responsabile del Servizio Presidi Ospedalieri che avrei comunque acquisito
il parere del gruppo. Fatemi avere, perciò le eventuali vostre osservazioni e le modifiche alla lettera
che vorrei sottoporre alla firma del direttore generale lunedì prossimo.

Grazie,
Gioia Virgilio

P.S. ho ottenuto il permesso dall‟Agenzia di offrirvi un pranzo di lavoro “premio”. Non siamo
ancora riusciti a concordare una data. In quell‟occasione potrei fornirvi l‟ultima versione del
Manuale come da bozza CLUEB.
27/2/2001

                                                   Bologna, 27/2/2001


Prot. n. 8682/AGS
GV
                                                  - AI DIRETTORI GENERALI

                                                  - AI DIRETTORI SANITARI

                                                  - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                    PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                    NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                    REGIONALE

                                                    - AI RESPONSABILI DI DISTRETTO

                                                    DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                    DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                  - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                  - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                  - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                    PER L‟APPLICAZIONE DEL
                                                    NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                    REGIONALE

                                                    DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                  - AI DIRETTORI SANITARI
                                                    DELLE CASE DI CURA PRIVATE


                                                    LORO SEDI


Oggetto : Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all‟applicazione del Nomenclatore Tariffario
regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al “Gruppo
regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

        Con la presente, si inviano le risposte ad alcuni quesiti sollevati dalle Aziende
successivamente al corso tenuto nel settembre 2000 sulla “corretta codifica delle prestazioni
specialistiche ambulatoriali: metodologia e strumenti”. In merito ai suddetti quesiti si ritiene di
fornire le seguenti indicazioni:
       1. Certificazione INPS e Certificazione IVG

       Si chiedono chiarimenti per la codifica delle prestazioni certificazione INPS e certificazione
IVG.

       L‟attività di certificazione non rientra tra le prestazioni di specialistica ambulatoriale,
pertanto è riconducibile agli aspetti medico-legali dell‟attività di istituto.

       2. Incisione di ascesso dentario

       Si chiedono chiarimenti per la codifica della prestazione “Incisione di ascesso dentario”.

       Si precisa che tale prestazione è da considerarsi parte integrante della visita odontoiatrica.

       3. Lucidatura dell’otturazione

       Si chiedono chiarimenti per la codifica della prestazione “Lucidatura dell’otturazione”.

         Si precisa che tale prestazione è da considerarsi parte integrante della prestazione principale
cui si riferisce (ad esempio, “Ricostruzione di dente mediante otturazione”, cod. 23.20.1).

       4. “Cateterismo nefrostomico”

       Si chiede se la prestazione “Cateterismo nefrostomico”, non compresa nel Nomenclatore
Tariffario regionale, possa essere assimilata alla prestazione “Cateterismo ureterale” (cod. 59.8, £
44.000) o alla prestazione “Cateterismo vescicale” (cod. 57.94, £ 17.600).

        La prestazione “Cateterismo nefrostomico”, non ricompresa nella visita urologica, può
essere assimilata alla prestazione “Cateterismo ureterale” (cod. 59.8, £ 44.000).

       5. “Somministrazione endovenosa di ferro”

       Alcune Aziende hanno chiesto di assimilare la “Somministrazione endovenosa di ferro”,
non compresa tra le prestazioni del Nomenclatore Tariffario regionale, alla “Infusione di
immunoglobuline endovena” (cod. 99.14.1, tariffa £ 22.500) ed altre Aziende hanno chiesto a quali
prestazioni assimilare terapie iniettive di altri farmaci (antibiotici, antiinfiammatori ecc.).

        Come già precisato alle pagine 64 e 65 del “Manuale operativo ad uso delle Aziende” del
dicembre ‟99, ed. CLUEB, si ribadisce che, per le tipologie di terapia iniettiva ricomprese
all‟interno del Nomenclatore Tariffario regionale, non è prevista alcuna tariffazione, né alcuna
partecipazione alla spesa sanitaria da parte del cittadino. Pertanto, non è ammissibile l‟assimilazione
a prestazioni dello stesso Nomenclatore e, conseguentemente, non è possibile la relativa
compensazione finanziaria in mobilità sanitaria, né l‟addebito della prestazione al cittadino.

       6. “RX bacino per anche”

        Si chiede se, a fronte della prescrizione “RX bacino per anche” si devono considerare
solamente la prestazione radiografia del bacino (£ 34.000) oppure la radiografia delle anche
bilaterale (£ 68.000).
        Si precisa che la richiesta di “RX bacino per anche” va intesa come la sola prestazione di
Radiografia del bacino (panoramica), cod. 88.26 (£ 34.000). Qualora invece la richiesta preveda,
oltre alla Radiografia del bacino, il particolare dell‟anca (DX o SX o bilaterale), tali prestazioni
dovranno essere codificate in aggiunta.

       Distinti saluti.
                                                                  La coordinatrice del
                                                               gruppo di lavoro regionale
                                                            per il controllo della qualità della
                                                              codifica delle prestazioni
                                                                (Dr.ssa Gioia Virgilio)
31 Dicembre 2001




Il Direttore Generale

Prot. n. 56635 /BAS                                       Bologna 31 Dicembre 2001
AF-BB

                                                          Ai Direttori Generali

                                                          Al Commissario Straordinario

                                                          Ai Direttori Sanitari

                                                          Ai Direttori di Distretto

                                                          Ai Referenti aziendali per l’applicazione del
                                                          nomenclatore tariffario regionale

                                                          delle Aziende USL e Ospedaliere
                                                          della Regione Emilia-Romagna e
                                                          dello I.O.R.

                                                          Ai Direttori Sanitari
                                                          delle Case di Cura private


                                                          LORO SEDI



Oggetto: Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all’applicazione del Nomenclatore Tariffario regionale delle
         prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende sanitarie al “Gruppo regionale di lavoro
         per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

        Con la presente, si inviano le seguenti indicazioni in merito a particolari quesiti recentemente sollevati
dalle Aziende al gruppo regionale di lavoro in oggetto:

        1. Esofagoscopia con dilatazioni più protesi ed Esofagoscopia con legatura o
           sclerosi delle varici esofagee

     Si chiede se sia corretto eseguire tali prestazioni in ambulatorio protetto oppure se si debba eseguire in
     regime di chirurgia di giorno come da Allegato 4 – parte B del D.M. 22.07.1996.

     Questa tipologia di prestazione, come da Allegato 4 – parte B del D.M. 22.07.1996, rientra tra le
     prestazioni non erogabili in ambito ambulatoriale.
   2. “Ricostruzione del capezzolo” e “Tatuaggio del capezzolo”

Si chiede l’inserimento delle prestazioni “Ricostruzione del capezzolo” e “Tatuaggio del capezzolo” nel
Nomenclatore Tariffario Regionale.

Le due prestazioni descritte, rispettivamente, dai codici di intervento 85.87 ICDIX – CM e 86.02 ICDIX –
CM sono da considerarsi al momento attuale non erogabili in regime ambulatoriale.

   3. Terapia educazionale pneumologica

Si chiede di assimilare la prestazione di “Terapia educazionale pneumologica” al codice della “Terapia
educazionale del diabetico” (93.82.1 per seduta individuale e 93.82.2 per quella collettiva).

Si ritiene che tale prestazione debba essere fatta rientrare all’interno della visita come completamento
della visita stessa.

   4. Trattamenti dialitici

Si chiede la conferma che le tariffe di emodialisi includono il costo dei farmaci e delle indagini di
laboratorio comunemente connesse al trattamento dialitico e che l’eventuale erogazione dei farmaci
(eritropoietina) o di esami diagnostici in corso di trattamento dialitico non dà diritto ad alcuna
remunerazione aggiuntiva oltre alla tariffa della prestazione dialitica erogata.

La circolare del Ministero Sanità n. 100/SCPS/9 12378 del 28/8/2000 precisa che la somministrazione del
farmaco “eritropoietina”, quando erogata a pazienti in trattamento dialitico da parte dei centri che
effettuano la dialisi, siano essi pubblici o privati accreditati, è da considerarsi connessa al trattamento
dialitico e come tale non soggetta a tariffazione aggiuntiva.
Si puntualizza inoltre che le tariffe riflettono il costo medio rilevato del trattamento annuo per paziente e,
di conseguenza, il Centro Dialisi pubblico o privato accreditato è tenuto ad erogare la prestazione
remunerata dalla tariffa definita, inclusa la somministrazione dei farmaci in corso di trattamento, sia
occasionalmente, sia ordinariamente, per la cura di patologie correlate e dipendenti dal trattamento
stesso.
Modalità di remunerazione diverse da quelle indicate non trovano riscontro nella normativa vigente.

Considerato, inoltre, che i Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere della Regione - nota prot. 6859 del
7/8/01 - ritengono necessario un riadeguamento delle tariffe della dialisi si invia la scheda di analisi, a suo
tempo indirizzata a tutte le Aziende della Regione, finalizzata alla raccolta di tutti gli elementi necessari a
supportare la corretta determinazione delle tariffe relative a tutte le prestazioni specialistiche
ambulatoriali.

   5. Asportazione di cataratta e intervento per il glaucoma in regime
      ambulatoriale

Si chiede quale codice utilizzare e la relativa tariffa per effettuare interventi di asportazione di cataratta in
regime ambulatoriale anziché in Day Surgery. La stesso quesito viene posto per il glaucoma.

L’asportazione di cataratta e l’intervento per il glaucoma non sono contenute all’interno del Nomenclatore
tariffario delle prestazioni specialistiche ambulatoriali e pertanto attualmente non eseguibili in tale regime
di erogazione.
Si informa, inoltre, che a livello regionale si sta procedendo ad una revisione della D.G.R. n°125/99 (primi
provvedimenti applicativi della L.R. 34/98 riguardanti “norme in materia di autorizzazione ed
accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private.......”) in cui sono compresi anche i requisiti
degli ambulatori chirurgici per chirurgia invasiva.
Una volta chiariti gli elementi di revisione della regolamentazione attuale si procederà alla valutazione dei
costi della prestazione necessaria all’introduzione della prestazione all’interno del Nomenclatore Tariffario
Regionale.


   6. Riabilitazione vascolare

Si chiede di assimilare la prestazione “Riabilitazione vascolare” al Codice 93.36 “Riabilitazione
cardiologica”.

Si ritiene che la prestazione “Riabilitazione vascolare” possa essere assimilata alla prestazione
“Riabilitazione cardiologica” con Codice 93.36 e tariffa pari a £ 37.000 Pari a 19,10 EURO.

   7. Rimozione e sostituzione di cannula tracheale

Si chiede di assimilare la prestazione “Rimozione e sostituzione di cannula tracheale”, attualmente
codificata con il Codice 96.59 “Altra irrigazione di ferita”, alla prestazione “Rimozione di protesi
dentale…rimozione di elemento protesico” con Codice 97.35 oppure al Codice 31.42 “Laringoscopia
indiretta”.

Si ritiene che la codifica della prestazione “Rimozione e sostituzione di cannula tracheale” sia
correttamente codificata e tariffata con il codice 96.59 “Altra irrigazione di ferita” con tariffa pari a £. 7.500
Pari a 3,85 EURO, analogamente ad altre prestazioni di pari impegno.

   8. BILICHECK® SYSTEM

Si richiede l’introduzione della determinazione transcutanea dell’iperbilirubinemia in epoca neonatale BILI
CHECK SYSTEM.

La determinazione transcutanea dell’iperbilirubinemia, in epoca neonatale, è una metodica di recente
acquisizione e la letteratura scientifica al riguardo è scarsa. La significatività clinica del test, richiedendo
valutazioni ulteriori, ci fa ritenere che trattasi di prestazione ancora in fase sperimentale e pertanto non
inseribile, attualmente, nel Nomenclatore Tariffario Regionale delle prestazioni specialistiche
ambulatoriali.

   9. Monitoraggio continuo della glicemia sistema MiniMed®

Si richiede l’introduzione della prestazione monitoraggio continuo della glicemia MiniMed®

L’utilizzo del sistema MiniMed è in fase ancora sperimentale.
Dalla letteratura risulta che il sensore MiniMed non sia stato progettato per un uso a lungo termine: ne è
prevista, infatti, la permanenza in situ per sole 72 ore.
Il sensore, peraltro, dovrebbe essere ricollocato ogni 2-3 giorni per poter avere un monitoraggio continuo
della glicemia in pazienti con diabete particolarmente instabile (brittle diabetes); ciò dovrebbe essere
effettuato con particolare attenzione ed in ambiente asettico per evitare rischi di infezione locale per il
paziente.
L’accuratezza del MiniMed è, inoltre, sicuramente inferiore agli altri reflettometri per la misurazione della
glicemia, dal momento che questi sono impiegati per la sua calibrazione.
Quanto sopra ci fa ritenere che trattasi di prestazione di tipo sperimentale e pertanto attualmente non
inseribile nel Nomenclatore Tariffario Regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali.


   10. Svuotamento gastrico mediante paracetamolo e svuotamento gastrico
       mediante test del respiro

Si richiede l’inserimento delle metodiche svuotamento gastrico mediante paracetamolo e svuotamento
gastrico mediante test del respiro.

Poiché tali esami strumentali fanno sicuramente parte di protocolli a scopo di ricerca scientifica, si
richiama l’attenzione sull’opportunità di non far gravare né sul cittadino (compartecipazione alla spesa) né
sul Servizio Sanitario Nazionale i costi sostenuti per l’erogazione delle prestazioni la cui efficacia ed
appropriatezza sono ancora oggetto di studio. Gli oneri relativi all’esecuzione di queste indagini sono da
ricondursi pertanto agli specifici fondi destinati alla ricerca.


   11. Acidimetria Gastrica

Si richiede l’inserimento della metodica Acidimetria Gastrica , a supporto della diagnosi differenziale di
alcune specifiche patologie.

L’acidimetria gastrica è una metodica utile per la diagnosi differenziale di patologie di difficile
inquadramento quali la Sindrome di Zollingher-Ellison e di supporto nella diagnostica dell’atrofia gastrica,
tuttavia è un indagine eseguibile solo in centri specialistici di riferimento. Qualora le Aziende ritengano
necessario formulare una richiesta di inserimento di tale prestazione all’interno del nomenclatore tariffario
dovranno fornire tutti gli elementi di valutazione contenuti all’interno della citata scheda di analisi dei costi.

   12. Indacano Urinario

Si richiede l’inserimento della metodica Indacano urinario, a supporto della diagnosi differenziale di
alcune specifiche patologie.

L’indacano urinario è una metodica utile per la diagnosi differenziale di patologie di difficile
inquadramento quali la Sindrome Carcinoide e di supporto nella diagnostica della fenilchetonuria, tuttavia
è un indagine eseguibile solo in centri specialistici di riferimento. Qualora le Aziende ritengano necessario
formulare una richiesta di inserimento di tale prestazione all’interno del nomenclatore tariffario dovranno
fornire tutti gli elementi di valutazione contenuti all’interno della citata scheda di analisi dei costi.

   13. Ecocardiogramma Sedato

Si richiede l’inserimento della prestazione ECOCARDIOGRAMMA IN SEDAZIONE, metodica effettuata
su bimbi per i quali è prevista l’indagine ecocardiografica

   Considerato che alcune tipologie di prestazioni di diagnostica strumentale possono richiedere il ricorso
   alla sedazione, non si ritiene di dover individuare nuove prestazioni. La codifica della prestazione
   “ecocardiogramma in sedazione” va pertanto ricondotta alla prestazione principale cioè
   l’ecocardiogramma (Cod. 88.72.1 tariffa £ 100.000 Pari a 51,65 EURO).
   14. Analisi elettroacustica della Voce

Si richiede l’assimilazione o l’introduzione delle seguenti prestazioni ANALISI ELETTROACUSTICA
DELLA VOCE: ANALASI SPETTROACUSTICA ED ANALISI MULTIPARAMETRICA DELLA VOCE

Si ritiene che tali prestazioni possano essere ricondotte alla prestazione “ESAME FONETOGRAFICO”
(Cod. 31.48.2 - £ 43.900 Pari a 22,65 EURO).



  Distinti saluti.

                                                              Franco Rossi
17/06/03

Protocollo N°. ASS/DIR/03/       23669

Data 17/06/03
                                                           - AI DIRETTORI GENERALI

                                                           - AI DIRETTORI SANITARI

                                                           - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                             PER L’APPLICAZIONE DEL
                                                             NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                             REGIONALE

                                                            - AI RESPONSABILI DI DISTRETTO

                                                            DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                            DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                           - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                           - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                           - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                             PER L’APPLICAZIONE DEL
                                                             NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                             REGIONALE

                                                            DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                           - AI DIRETTORI SANITARI
                                                             DELLE CASE DI CURA PRIVATE


                                                            LORO SEDI


Oggetto: Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all’applicazione del Nomenclatore Tariffario
         regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende Sanitarie al
         “Gruppo regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

         Con la presente, si inviano le risposte ad alcuni quesiti sollevati dalle Aziende sulla "corretta codifica
delle prestazioni specialistiche ambulatoriali". In merito ai suddetti quesiti si ritiene di fornire le seguenti
indicazioni:


        1. Rx bacino per anche.

        Si chiedono chiarimenti per la corretta tariffazione della prestazione "Rx bacino per anche".
Si ribadisce che a fronte della richiesta "Rx bacino per anche" deve intendersi la sola prestazione di
radiografia del bacino cod. 88.26. Qualora invece la richiesta preveda, oltre alla radiografia del bacino,
il particolare dell’anca ( dx o sn o bilaterale), tali prestazioni dovranno essere codificate e tariffate in
aggiunta.
Ad esempio : Rx bacino per anche + anca dx cod. 88.26 per 2, Rx bacino per anche + anca dx e sn, cod.
88.26 per 3.

        2. Ecografia epatica con imaging armonico e mezzo di contrasto ecografico.

       Si richiede l’inserimento nel nomenclatore tariffario regionale della prestazione "ecografia epatica con
imaging armonico e mezzo di contrasto".

         Tale prestazione utilizzata in particolare per lo studio delle lesioni focali epatiche, consente
di identificare selettivamente i segnali provenienti dal mezzo di contrasto che si localizza nella rete
vascolare e nel microcircolo capillare, e di differenziarli dai segnali del tessuto, fornendo
informazioni estremamente dettagliate sul comportamento perfusionale del parenchima e delle
lesioni focali epatiche. In tal modo è possibile identificare pattern microvascolari specifici per le
diverse lesioni tumorali del fegato, con una resa diagnostica paragonabile a quella ottenuta con la
TC spirale e la Risonanza magnetica. E‟ peraltro utilizzata per valutare l‟efficacia delle terapie di
ablazione del tumore (chemioembolizzazioni, alcolizzazioni e termoablazioni con radiofrequenze e
con laser ). A tal punto, si ritiene di assimilare la prestazione all‟ "Ecografia dell‟addome superiore"
cod. 88.74.1 con tariffa pari a euro 43,90.
         A seguito di successive valutazioni, circa la quantità e la diffusione della prestazione in argomento,
l’assimilazione proposta verrà eventualmente rivista ai fini dell’inserimento nel nomenclatore tariffario con
codifica appropriata.

        3. Sostituzione drenaggio nefrostomico percutaneo, Biopsia ossea TC guidata,
           Biopsia polmonare Tc guidata e Biopsia polmonare sotto guida radioscopica.

        Si richiede l’assimilazione delle suddette prestazioni ad altre già esistenti nel nomenclatore tariffario.

        Si precisa che tali prestazioni, indicate nell’allegato 4 parte B del D.M. 22.7.1996 come sostituzione di
catetere nefrostomico o pielostomico, agobiopsia polmonare e biopsia ossea, rientrano tra le prestazioni non
erogabili in regime ambulatoriale.




        4. “Translucenza nucale”.

        Si richiede l’inserimento nel nomenclatore tariffario della prestazione "Translucenza nucale" .

      La prestazione "translucenza nucale" fa riferimento a prestazioni già presenti nel
nomenclatore tariffario identificabili ai codici 88.78 " ecografia ostetrica " e 90.43.1 " tri test " .

        5. “Massaggio neonatale”.

        Si richiede l’inserimento nel nomenclatore tariffario della prestazione " massaggio neonatale ".
           Tale prestazione non è ricompresa nel nomenclatore tariffario delle prestazioni di
   specialistica ambulatoriale in quanto prestazione riconducibile ad attività consultoriale di
   educazione sanitaria, prevalentemente svolta da personale non medico.

          6. “Urografia completa , Tac total body, Tac toraco-addominale, Rm addome
             completo, Arteriografia aorto iliaca e arti inferiori".

         Si richiede se, a fronte delle suddette prestazioni sia possibile creare una codifica di
   nomenclatore tariffario univoca.

          A fronte della richiesta di cui sopra si precisa che le Aziende, devono rilevare le prestazioni
   erogate utilizzando le codifiche riportate nel nomenclatore tariffario.

          7. “ Biopsia della tiroide ( cod. 06.11.1 ) . Biopsia eco-guidata della tiroide ( cod.
             06.11.2 )“.

         Si chiede, come considerare a livello tariffario le prestazioni di cui sopra, nel caso in cui le
   medesime vengano eseguite su lesioni multiple.

           Così come avviene per l‟esame istocitopatologico sistema endocrino: agobiopsia tiroidea
   cod. 91.48.1 tariffa pari a euro 70,00, che prevede un unica tariffa indipendentemente dal numero di
   sedi trattate ( tariffa peraltro identica a quella prevista per le sedi multiple ), si ritiene che anche le
   relative prestazioni bioptiche vengano codificate e tariffate un'unica volta indipendentemente dal
   numero di prelievi effettuati.


          8. “ RM in toto della colonna “.

          Si chiede come codificare la prestazione RM in toto .

           La prestazione va codificata utilizzando il codice 88.93.1 e tariffa pari a euro 241,70 con
   molteplicità 3 in quanto trattasi di 3 tratti di colonna . A tal fine si precisa che le virgole contenute
   nelle descrizioni delle prestazioni identificate dai codici 87.03 a 88.99.5, qualora non siano incluse
   tra parentesi quadre, sono finalizzate a distinguere i diversi distretti sui quali può essere eseguita la
   procedura in questione, di conseguenza, qualora la medesima prestazione venga
   contemporaneamente prescritta con riferimento a più di un distretto, è possibile riconoscerne la
   remunerazione in misura pari al numero di distretti .

          9. “Analisi della superficie oculare , Analisi del limbus corneale e
             immunofenotipizzazione, Microelettroforesi lacrimale , Clearance lacrimale (
             test jones, secrezione riflessa ) e prelievo lacrimale“.

Si richiede l’inserimento a nomenclatore tariffario delle suddette prestazioni.

          Le prestazioni in argomento, permettono di evidenziare la presenza di condizioni flogistiche
   anche in assenza di obiettività clinica, fenomeni allergici o di sensibilizzazione, secchezza della
   superficie oculare e deficit delle cellule staminali corneali (indagine propedeutica di fondamentale
   importanza nella valutazione prognostica dei trapianti corneali in particolari patologie ). Si propone
   di assimilare queste prestazioni a " altre procedure diagnostiche dell‟apparato lacrimale test di
   Schirmer " cod. 09.19 , che associata alle prestazioni soprariportate fornisce una informazione
   completa dell‟assetto lacrimale. Per quanto riguarda il “ prelievo di lacrime necessario per
   l‟esecuzione della Microelettroforesi e del Clearance lacrimale si ritiene sia ricompreso all‟interno
   della tariffa della prestazione principale.
   A seguito di successive valutazioni, circa la quantità e la diffusione della prestazione in argomento,
   l‟assimilazione proposta verrà eventualmente rivista ai fini dell‟inserimento nel nomenclatore
   tariffario con codifica appropriata.


           10. “ Visita filtro “.

Si richiedono chiarimenti rispetto alla visita filtro.

           Nel caso in cui le prestazioni diagnostico-terapeutiche, per la loro complessità o livello di
   responsabilità o per specifiche disposizioni di legge o, infine, per esigenze organizzative del
   servizio, richiedano una preventiva visita da parte di un medico della struttura pubblica,
   quest‟ultima viene prenotata automaticamente, senza bisogno di ulteriori adempimenti o rinvii del
   paziente al medico richiedente, è esente ticket e non è soggetta ne a compensazione della mobilità
   sanitaria ne a rilevazione flussi ASA.


           11. “ Rimozione punti “.

Si chiede come codificare la rimozione punti non seguita da medicazione.

          Si precisa che tale prestazione non va codificata in quanto ricompresa nella prestazione
   chirurgica iniziale. A tal fine, si ribadisce che anche il codice 96.59 " altra irrigazione di ferita ",
   non va utilizzato quando è presente il codice di una prestazione che presuppone, nella sua
   esecuzione la medicazione ( es.: biopsia, asportazione, ecc. ).


           12. “ Dosaggio sirolimus “.

Si chiede l‟inserimento del dosaggio sirolimus ( rapamicina ) nel nomenclatore tariffario.

           Il Sirolimus è un nuovo farmaco immunosoppressore attualmente immesso in commercio
   con la seguente indicazione: "…è indicato per la profilassi del rigetto d‟organo in pazienti adulti
   con rischio immunologico da lieve a moderato che hanno ricevuto trapianto di rene ". Per
   ottimizzarne l‟efficacia è necessario monitorare costantemente la sua concentrazione plasmatica. Si
   ritiene pertanto di assimilarlo alla prestazione " ciclosporina " cod. 90.13.2 con tariffa pari a euro
   16,25.

           13. “Consulenza genetica, consulenza teratologica e costruzione albero familiare
               “.

            Si richiede l'assimilazione delle suddette prestazioni ad altre già esistenti nel nomenclatore
   tariffario.

           L'attività di consulenza genetica, intesa come consulenza rivolta a casi complessi, rientra tra
   le attività di genetica medica previste per i centri HUB. Tale tipologia di consulenza genetica è
   principalmente volta ad una specifica diagnosi genetica, alla comunicazione del significato di tale
   diagnosi in termini prognostici e terapeutici, alla determinazione del rischio di trasmissione
   ereditaria e all'individuazione delle possibili misure preventive. Il genetista deve quindi confermare
   o formulare una diagnosi e necessita pertanto, oltre alla costruzione dell'albero familiare, di
   un'attenta valutazione complessiva non di un solo soggetto, ma, per lo più, di un'intera famiglia per
   giungere ad una diagnosi genetica corretta. Si tratta quindi di un processo diagnostico e informativo
   molto variabile nella complessità e conseguentemente nel tempo medico richiesto. Peraltro, i casi
   complessi, vengono sempre discussi da più specialisti che stilano una relazione complessiva.
   Pertanto alla luce di quanto sopra riportato, per le consulenze dei casi complessi effettuate presso i
   centri HUB, a fronte dell‟erogazione contestuale di consulenza genetica, teratologica e costruzione
   di albero familiare si ritiene di poter assimilare la prestazione così composta al cod. 89.07 "
   consulto definito complessivo " con tariffa pari a euro 47,00.


           14. “ Visita dietologica, elaborazione dieta e medicazione piede diabetico “.

          Si chiede se l’esenzione ticket per pazienti diabetici ricomprenda anche le prestazioni visita
   dietologica, elaborazione dieta e medicazione piede diabetico.

            Il D.M. 329/99 e successive integrazioni, identifica le prestazioni esenti per patologia,
   indicando anche il codice di prestazione. Occorre pertanto identificare, secondo le regole di codifica
   individuate a livello regionale, a quali codici di prestazione vanno ricondotte le prestazioni per cui è
   stato posto il quesito, e precisamente :
   La prestazione "elaborazione dieta" va ricondotta al codice 89.01 "Anamnesi e valutazioni definite
   brevi ", pertanto esente da ticket. Il codice 89.01 è stato infatti attribuito, per assimilazione, alle voci
   : " indagine alimentare, elaborazione di programma nutrizionale e controllo dietoterapeutico ".
   Nel caso in cui si tratti di " visita specialistica dietologica ", effettuata come prima visita dallo
   specialistia dietologo, e non dal diabetologo, la codifica della prestazione è 89.03, in quanto tale
   non esente.
              Per quanto riguarda la medicazione del piede diabetico si propone di ricondurla a livello
   tariffario al cod. 89.01 con tariffa pari a euro 18,00, intendendo tale codifica comprensiva di 8
   medicazioni.


           15. “ Spet miocardica di perfusione “.

          Si richiede se, quando a fronte dell’erogazione della Spet miocardica di perfusione (cod.
   92.09.2 ) si aggiunge la valutazione della frazione di eiezione ventricolare sinistra e dei relativi
   volumi con tecnica GATED, quest’ultima possa essere assimilata alla prestazione “studio
   quantitativo differenziale della funzione polmonare” cod. 92.15.3 con tariffa pari a euro 41,00.

          Qualora alla spet miocardica si aggiunge la valutazione con tecnica Gated, quest‟ultima può
   essere assimilata alla prestazione "studio quantitativo differenziale della funzione polmonare" cod.
   92.15.3.

           16. “ Ricerca anticorpi anti-clocea. anticorpi anti-alfa fodrina, anticorpi anti-
               citrullina, anticorpi anti-neuronali, anticorpi anti-steroidali, anticorpi anti-
               mielina, test di permeabilità intestinale, test di permeabilità gastrica,
               dosaggio antigene CagA dell’Helicobacter pylori, dosaggio elastasi fecale,
               dosaggio pepsinogeno1 e dosaggio pepsinogeno2.

Si chiede di assimilare le suddette prestazioni ad altre già esistenti in nomenclatore.

Per le prestazioni di cui sopra, si propongono le seguenti assimilazioni:
       -    " anticorpi anticitrullina " assimilata a " anticorpi anti antigeni nucleari estraibili ( ENA)
            "cod. 90.47.3 tariffa pari a euro 13,35;
        - " anticorpi antineuronali " assimilata a " anticorpi antiorgano " cod. 90.52.5 tariffa pari a
            euro 14,50;
        - " anticorpi anti-steroidali " assimilata a " anticorpi anti organo " cod. 90.52.5 tarifa pari a
            euro 14,50;
        - " anticorpi anti-mielina " assimilata a " anticorpi anti MAG " cod. 90.51.3 tariffa pari a
            euro 11,40;
        - " dosaggio pepsinogeno 1 e dosaggio pepsinogeno 2 " assimilate a " anticorpi anti
            cellule parietali gastriche ( PCA ) " cod. 90.48.1 tariffa pari a euro 8,35;
        - " elastasi fecale " assimilata a " chimotripsina ( feci ) " cod. 90.13.1 tariffa pari a euro
            5,40;
        - " anticorpi anti - GAD " assimilata a " anticorpi antitransglutaminasi " cod. 90.49.5
            tariffa pari a euro 11,40.
        Per quanto attiene le prestazioni, anticorpi anti-coclea, anti alfa-fodrina,dosaggio antigene
CagA dell‟helicobacter pylori, test di permeabilità intestinale e test di permeabilità gastrica , vista la
scarsa diffusione delle medesime e quindi delle informazioni necessarie ad una corretta valutazione,
attualmente non è possibile proporre alcuna assimilazione .

       Cordiali saluti


                                                             Franco Rossi
26/01/2004

Protocollo N°. ASS/BAS/04/    2504

Data 26/01/2004
                                                            Al Direttore Generale
                                                            Azienda USL




Oggetto: Parere in merito al pagamento dell'intervento di chirurgia refrattiva con uso
di laser ad eccimeri effettuata dalla


       In merito alla segnalazione della Sig.ra                                riguardante il pagamento
dell'intervento di chirurgia refrattaria con l'uso di laser ad eccimeri effettuato presso l'Ospedale
(inviatavi il 26 agosto 2003, prot. 31523), si ritiene utile precisare quanto segue:

1. Il DPCM 593/2001 e la DGR 1365/2002 specificano le indicazioni cliniche delle categorie degli
   aventi diritto all'intervento di chirurgia refrattaria con laser ad eccimeri,

2. Il primo intervento di chirurgia, se il paziente ha un'anisometropia grave (superiore alla 4 - 5
   diottrie) risulta a carico del SSN (DGR 295/2002 e DGR 1365/2002)). La scelta di tale limite è
   dovuta al fatto che, di fronte ad una anisometropia grave, la correzione del vizio refrattivo con
   lenti tradizionali crea difficoltà visive dovute al diverso livello di percezione visiva della
   dimensione degli oggetti da parte dei due occhi. E' ovvio che la correzione del vizio refrattivo
   deve essere totale e non parziale, vale a dire che non si deve limitare ad annullare la differenza
   di potere refrattivo nei due occhi, ma deve rendere emmetrope il primo occhio sul quale si
   interviene.


3. Se, una volta effettuato il primo intervento, il paziente non avesse più una anisometropia grave,
   il secondo intervento, nel caso in cui il paziente ritenesse di volerlo affrontare, sarebbe a carico
   del paziente stesso, in quanto il difetto refrattivo residuo può essere corretto con lenti
   tradizionali (Es. situazione refrattiva di partenza -2, -7 con anisometropia pari a 5 diottrie;
   situazione dopo l'intervento -2, 0).


4. Se, una volta effettuato il primo intervento, il paziente si trovasse ancora di fronte ad una
   anisometropia grave, il secondo intervento dovrà essere effettuato a carico del SSN, in quanto la
   correzione del difetto refrattivo con lenti tradizionali resterebbe problematica (Es. situazione
   refrattiva di partenza -4, -9, dopo il primo intervento: -4, 0).


      Alla luce di quanto sopra esposto riteniamo che la Sig.ra       abbia diritto al rimborso del
secondo intervento da Lei effettuato in quanto determinato dalla presenza di una anisometropia
grave, derivante comunque dalle condizioni che avevano determinato il primo intervento.
      Si chiede quindi di fornire una risposta direttamente alla interessata, dandone comunicazione
a questo Servizio.
      A disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti si inviano distinti saluti.




                                                          La Responsabile del Servizio
                                                          Maria Lazzarato
26/03/2004

Protocollo N°. ASS/DIR/04/       11794

Data 26/03/2004
                                                           - AI DIRETTORI GENERALI

                                                           - AI DIRETTORI SANITARI

                                                           - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                             PER L’APPLICAZIONE DEL
                                                             NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                             REGIONALE

                                                            - AI RESPONSABILI DI DISTRETTO

                                                            DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                            DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                           - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                           - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                           - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                             PER L’APPLICAZIONE DEL
                                                             NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                             REGIONALE

                                                            DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                           - AI DIRETTORI SANITARI
                                                             DELLE CASE DI CURA PRIVATE


                                                            LORO SEDI


Oggetto: Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all’applicazione del Nomenclatore Tariffario
         regionale delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende Sanitarie al
         “Gruppo regionale di lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.

         Con la presente, si inviano le risposte ad alcuni quesiti sollevati dalle Aziende sulla "corretta codifica
delle prestazioni specialistiche ambulatoriali". In merito ai suddetti quesiti si ritiene di fornire le seguenti
indicazioni:
        1. Livelli essenziali di assistenza ( LEA ): prestazioni di “piccola chirurgia
           ambulatoriale”.

         E’ stata proposta l’esclusione dai LEA di alcune prestazioni di “piccola chirurgia ambulatoriale” quali
asportazioni di fibropapillomi o fibromi penduli, dermatofibromi, nevi dermici, cisti cutanee, lipomi, unghie
incarnite ecc. in considerazione del fatto che Il DPCM 29 novembre 2001 “Definizione dei livelli essenziali di
assistenza (LEA)” annovera fra le prestazioni totalmente escluse dai LEA (Allegato 2 A) quelle di chirurgia
estetica non conseguente ad incidenti, malattie o malformazioni congenite.


          Premesso che, tutte le prestazioni del nomenclatore tariffario nazionale sono incluse nei livelli
essenziali di assistenza; si precisa, che il gruppo di lavoro sulla corretta applicazione del nomenclatore non
può dare indicazioni circa l’esclusione di prestazioni contenute al suo interno. Le uniche esclusioni sono state
stabilite, infatti, dal DPCM 29 novembre 2001 in considerazione del fatto che i LEA sono materia di
competenza esclusiva dello stato.
Si precisa, infine, che è data la possibilità alle Regioni di implementare (e non di ridurre) i livelli essenziali con
la eventuale previsione di ulteriori prestazioni o servizi, facendo fronte con risorse proprie ai relativi oneri.


        2. Stima di dose al feto e rischio relativo in seguito ad esame radiologico della
           madre.

          Si chiedono chiarimenti per una corretta tariffazione della prestazione di cui sopra, non ricompresa
all’interno del nomenclatore tariffario.

          Occorre innanzitutto valutare se le prestazioni radiologiche consigliate sono strettamente necessarie,
nel caso in cui lo fossero si dovranno effettuare con l’adeguata protezione. L’eventuale calcolo del rischio
radiologico non è comunque risolutivo; si ritiene pertanto di non individuare alcuna voce nel nomenclatore
tariffario.

        3. Infusione di plasmaderivati – albumina.

        Si chiedono chiarimenti per la corretta tariffazione della prestazione di cui sopra.

        Il nomenclatore tariffario prevede le prestazioni “ infusione di immunoglobulina endovena
“cod. 99.14.1 e “ infusione di fattori della coagulazione “ cod. 99.06.1. L‟infusione di albumina,
erogata sempre più frequentemente in regime ambulatoriale può essere assimilata al cod. 99.14.1
con tariffa pari a euro 11,60.


        4. Salassoterapia Terapeutica.

        Si richiede l’assimilazione della suddetta prestazione ad altra già esistente nel nomenclatore tariffario.

         Da verifiche effettuate all’interno delle aziende sanitarie risulta che la salassoterapia è una pratica
frequente. Essa viene effettuata periodicamente per la durata di anni e spesso per tutta la vita del paziente, ad
esempio: nel caso dell’emocromatosi primitiva o secondaria, della policitemia, poliglobulia, ecc.. dove la
sottrazione di eritrociti evita al paziente l’assunzione di farmaci specifici. Pertanto si ritengono superate le
indicazioni a suo tempo fornite, basate su rilevazioni di dati numericamente non descrittivi dell’entità del
fenomeno e si propone l’assimilazione alla prestazione “ Eritroaferesi con sacche multiple “ cod. 99.73.1 tariffa
pari a euro 43,90.
        5. Test di funzionalità epatica-clearance del verde indocianina.
        Si richiede l’inserimento nel nomenclatore tariffario della prestazione "Test di funzionalità epatica-
clearance del verde indocianina" .

        Il test della clearance del verde indocianina è utilizzato per la valutazione della funzionalità
epatica. Si basa sulla rapida estrazione di tale sostanza dalla circolazione sistemica operata dal
fegato. L‟eliminazione del verde indocianina è misurata in modo non invasivo dal sistema LIMON
con un flussiometro con specifiche caratteristiche in grado di leggere la fluorescenza verde nel letto
capillare. L‟utilizzo di tale test è indicato nei casi di epatite o cirrosi; chirurgia epatica per valutare
la capacità funzionale dell‟organo e per valutare l‟idoneità di un fegato prima di un trapianto.

Attualmente la prestazione sembra essere erogata da un'unica Azienda peraltro su casistica limitata.
L‟eventuale inserimento o assimilazione è condizionato alla diffusione di tale indagine a livello
regionale.

        6. Test immunoenzimatico per la ricerca di antigeni helicobacter pylori nelle
           feci ( HpSA).

        Si richiede l’assimilazione della suddetta prestazione ad altra già esistente nel nomenclatore tariffario.

         Si propone di assimilare alla prestazione “helicobacter pylori anticorpi ( EIA )” cod. 90.94.4
tariffa pari a euro 8,15.

        7. Cross Laps, 25 OH – Vitamina D, Indagine tossicologica di conferma (
           HPLC ) e Fattore VIII Antigene.

        Si chiede di assimilare le suddette prestazioni al altre già esistenti nel nomenclatore.

        Per le prestazioni di cui sopra si propongono le seguenti assimilazioni :

        - Cross laps – assimilare a “anticorpi anti leucociti” cod. 90.51.2 tariffa pari a euro 41,90;
        - 25 OH vitamina D – è già presente nel nomenclatore con il cod. 90.44.5 “ vitamina D “;
        - Indagine tossicologica di conferma, non si ritiene di assimilare ad alcuna prestazione in
          quanto di competenza di medicina legale;
        - Fattore VIII antigene - assimilare a “fattori della coagulazione” cod. 90.64.3 tariffa pari a
          euro 14,30.


        8. Ricostruzione tridimensionale RM.

        Si chiede, come tariffare correttamente la prestazione di cui sopra.

         Si ritiene di assimilare tale prestazione alla “Ricostruzione tridimensionale TC” cod. 88.90.2
tariffa pari a euro 20,15.
          9. Dosaggio Micofenolato.

          Si chiede come codificare la prestazione di cui sopra non ricompresa nel nomenclatore
          tariffario .

          Il micofenolato è un nuovo farmaco immunosoppressore attualmente immesso in commercio
   con la seguente indicazione: “……è indicato per la profilassi del rigetto acuto in pazienti che
   ricevono un allotrapianto renale, cardiaco o epatico in associazione con ciclosporina e
   corticosteroidi”. Tale farmaco che inibisce in modo selettivo i linfociti attivati e le cellule
   mesangiali renali è già impiegato nel trapianto d‟organo. Per ottimizzarne l‟efficacia è necessario
   monitorare costantemente la sua concentrazione plasmatica. Si ritiene pertanto di assimilarlo alla
   prestazione "ciclosporina" cod. 90.13.2 con tariffa pari a euro 16,25.


          10. Indagini di neurofisiologia – Elettromiografia.

Si richiedono chiarimenti in merito alla corretta tariffazione delle indagini di neurofisiologia.

           L‟indagine di neurofisiologia (elettromiografia) è di per se una metodica diagnostica
   variabile in rapporto al singolo paziente studiato ( quesito clinico ). Ciò fa si che, la singola
   indagine sul singolo paziente sia la risultante della somma di più metodiche variamente aggregate
   fra loro con l‟obiettivo di raggiungere una diagnosi, pertanto al di là dei protocolli generali esistenti
   di fatto la prestazione sul singolo paziente è variabile. Abitualmente quindi per fare una buona
   indagine elettrofisiologica si includono più prestazioni ricomprese all‟interno della branca di
   neurologia.
   Ai fini del pagamento ticket le prestazioni vanno conteggiate secondo le regole ad oggi vigenti,
   pertanto il massimale ticket viene calcolato al limite delle 8 prestazioni.

          11. Correzione di coloboma auricolare

Si chiede come tariffare correttamente la prestazione di cui sopra.

           Si propone di assimilare alla prestazione “asportazione o demolizione di altra lesione
   dell‟orecchio esterno” cod. 18.29 tariffa pari a euro 14,20.

          12. Tc cuore multistrato.

          Si chiede l’inserimento nel nomenclatore tariffario della prestazione di cui sopra.

           L‟evoluzione della strumentazione sempre più sofisticata per l‟analisi e per l‟interpretazione
   dei dati ha portato alla messa a punto della Tc multistrato, tecnica largamente utilizzata nella
   diagnosi di patologie molto diffuse come quelle a carico del miocardio che consente di effettuare
   l‟esame non invasivo delle arterie coronarie in una unica apnea. La Tc multistrato può essere
   effettuata sia senza, che con somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto iodato e queste
   diverse modalità di esame presentano indicazioni differenti : quella senza somministrazione di mdc
   viene effettuata per la diagnosi e la quantificazione di calcificazioni parietali delle arterie coronarie,
   mentre quella erogata con mdc viene effettuata per valutare l‟anatomia dell‟albero coronarico nel
   sospetto di anomalie di origine e decorso dei vasi, per la diagnosi di placca aterosclerotica della
   parete dei vasi e per la valutazione del paziente dopo procedure interventistiche percutanee e
   cardiochirurgiche.
   A tal punto, si ritiene di assimilare la prestazione:

   -   se eseguita senza mdc alla “Tomografia computerizzata del torace” cod. 87.41 tariffa pari a euro
       86.25;
   -   se eseguita con mdc alla “ Tomografia computerizzata del torace, senza e con contrasto “ cod.
       87.41.1 tariffa pari a euro 137.90;

   In entrambe si codifica in aggiunta 1 (una) “Ricostruzione tridimensionale TC” cod. 88.90.2 tariffa
   pari a euro 20.15, indipendentemente da quante ricostruzioni vengono effettuate in corso d‟esame.

   A seguito di successive valutazioni, circa la quantità e la diffusione della prestazione in argomento,
   l‟assimilazione proposta verrà eventualmente rivista ai fini dell‟inserimento nel nomenclatore
   tariffario con specifica codifica.


          13. Fototerapia del neonato.

Si chiede l’inserimento nel nomenclatore tariffario della prestazione di cui sopra.

           La terapia più efficace per la risoluzione dell‟ittero neonatale è costituita dalla fototerapia.
   Questa pratica assistenziale prevede che il neonato venga esposto a fonti luminose, trova la sua
   applicazione soprattutto negli itteri non emolitici e non richiede competenze specifiche ( occorre
   solo bendare gli occhi del neonato ). L‟intensità della fonte luminosa condiziona la durata
   dell‟esposizione, infatti di solito sono necessarie almeno 24 ore di fototerapia per avere una caduta
   significativa del livello della bilirubinemia ma possono bastare anche 12 ore se si usano sorgenti
   luminose molto efficaci. Vista la durata minima dell‟esposizione si ritiene non possa essere
   garantita a livello ambulatoriale.


          14. Determinazione enzimatica di Porfobilinogeno-Deaminasi Eritrocitaria,
              Anticorpi anti Dsg3, Anticorpi anti Dsg1 e Anticorpi anti BP180.

           Si richiede l'assimilazione delle suddette prestazioni ad altre già esistenti nel nomenclatore
   tariffario.

          Per le prestazioni di cui sopra si propongono le seguenti assimilazioni:

   -   Determinazione enzimatica di porfibilinogeno-deaminasi eritrocitaria asssimilata a “enzimi
       eritrocitari” cod. 90.62.4 tariffa pari a euro 15,50.
   -   Anticorpi anti Dsg3, Anticorpi anti Dsg1 e Anticorpi anti BP180 assimilate ognuna a “Anticorpi
       anti HLA” codice 90.50.2 tariffa pari a euro 35,85.


          15. Riparazione di lacerazione della retina mediante trattamento fotodinamico
             con verteporfina per pazienti con degenerazione maculare miopica.
          Si chiede di estendere le indicazioni ad effettuare il trattamento fotodinamico con
   verteporfina a pazienti con degenerazione maculare miopica.

          La terapia fotodinamica con verteporfina è indicata per il trattamento conservativo della
   degenerazione maculare correlata all‟età di tipo neovascolare. Tale trattamento si è dimostrato
   ugualmente utile anche nella degenerazione maculare miopica (associata alla miopia elevata
   degenerativa). A tal proposito si ritiene di assimilare la prestazione di cui sopra alla prestazione “
   Riparazione di lacerazione della retina mediante trattamento fotodinamico con Verteporfina (
   Visudyne ) “ cod. 142901 tariffa pari a euro 1.450,00. Si precisa che la tariffa della prestazione è
   comprensiva del costo del farmaco pertanto il Visudyne non è soggetto a rimborso tramite File F.


          16. Anticorpi anti aspergillo.

          Si chiede come tariffare correttamente la prestazione di cui sopra.

          La ricerca dell‟antigene galattomannano di Aspergillus spp è un‟indagine utilizzata nell‟iter
   diagnostico di aspergillosi invasiva e polmonare in pazienti neutropenici trapiantati di organo
   solido/midollo e altre categorie di immunodepressi. Si ritiene di assimilarlo alla prestazione “ miceti
   anticorpi “ cod. 90.97.2 tariffa pari a euro 11,30.


          17. Iniezione di sostanze terapeutiche nell’articolazione o nel legamento cod.
              81.92 e Iniezione endocavernosa di farmaci cod. 99.29.5.

Si chiede se le tariffe delle suddette prestazioni sono comprensive del costo del farmaco.

           Si precisa che le tariffe delle prestazioni di cui sopra non sono comprensive del costo del
   farmaco , pertanto i costi dei farmaci utilizzati vanno recuperati tramite File F “Somministrazione
   diretta farmaci”.

          18. Ioduri e solfati urinari.

           Si chiede di assimilare le suddette prestazioni ad altre già esistenti nel nomenclatore
   tariffario.

          Per le prestazioni di cui sopra si propongono le seguenti assimilazioni:

   -   Ioduri e solfati urinari – assimilate entrambe a “oligoelementi : dosaggio plasmatico” cod.
       90.34.4 tariffa pari a euro 6,90.

          19. Prestazioni terapeutiche (infiltrazioni)

          Si chiede come tariffare in modo corretto eventuali prestazioni (es. infiltrazioni) non definite
   “a ciclo” dal nomenclatore tariffario.

          Si precisa che, se a seguito dell‟accesso per visita specialistica, si ritiene necessario eseguire
   prestazioni terapeutiche ( es. infiltrazioni ), lo specialista deve redigere una nuova prescrizione-
   proposta contenente al massimo sino a 8 prestazioni, come da normativa vigente.
       20. Laserterapia delle lesioni vascolari dermatologiche.

       Si chiede di inserire nel nomenclatore tariffario la sopraindicata prestazione.

        Attualmente la prestazione sembra essere erogata da un'unica Azienda peraltro su casistica
limitata. L‟eventuale inserimento è condizionato alla diffusione di tale indagine a livello regionale,
nel frattempo si propone di assimilare la prestazione alla “Asportazione radicale di lesione della
cute” cod. 86.4 tariffa pari a euro 28,40.

       21. VARIE

        A seguito di ulteriori segnalazioni pervenute in merito alla prestazione “ecografia epatica
con imaging armonico e mezzo di contrasto ecografico” si ribadisce che, tale prestazione sarà
valutata alla luce dei costi prodotti dalle aziende interessate, al momento in cui si provvederà
all‟aggiornamento del nomenclatore tariffario.

       Sono in fase di approfondimento le richieste relative a :

   -   Vacuumterapia
   -   Test funzionali endocrinologici
   -   Test allergologici
   -   Videocapsula endoscopica.


       Cordiali saluti


                                                                                     Franco Rossi
23/12/2004


Protocollo N° ASS/OSP/04/44755

Data 23/12/2004
                                                       Ai Direttori Sanitari
                                                       Ai referenti per i sistemi informativi

                                                       Delle Aziende Sanitarie




Oggetto: Flussi informativi Osservazione Breve Intensiva


         Si è con la presente a precisare le modalità di gestione dei flussi informativi per le attività di
cui all‟oggetto.
         Allo stato attuale si ritiene di attivare un flusso aggregato a cadenza semestrale che rilevi,
per ciascuno stabilimento e per ciascuna struttura che svolga attività di accettazione in emergenza-
urgenza ed effettui attività di OBI, il numero totale degli accessi, il numero di accessi per i quali sia
stata attivata OBI, il numero di OBI esitate in ricovero, la durata media delle OBI.
         Tali informazioni dovranno essere inviate da ciascuna Azienda entro il 30 agosto per il
primo semestre di ciascun anno ed entro il 28 febbraio dell‟anno successivo per il secondo semestre
al Servizio Presidi Ospedalieri della Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali.
         Oltre a tale flusso aggregato, si prevede la rilevazione routinaria delle attività di OBI
attraverso i flussi correnti, Assistenza Specialistica Ambulatoriale (ASA) e Scheda di Dimissione
Ospedaliera(SDO), secondo quanto di seguito esplicitato.

Relativamente al flusso ASA
        Per l‟OBI dovrà essere compilato il campo “modalità d‟accesso” con modalità “10=
Osservazione breve intensiva” che viene appositamente inserita in modo da poter individuare da
subito una scheda OBI.
        L‟OBI sarà identificato anche il codice prestazione 89.09-Osservazione Breve Intensiva, e
relativa tariffa che costituirà integrazione del nomenclatore regionale.
        Al fine di avere il quadro esaustivo delle prestazioni erogate in OBI, nella compilazione
delle tabelle B relative alle singole prestazioni del flusso ASA, si dovrà inserire in una tabella B il
nuovo codice di prestazione (89.09) e la relativa tariffa; ed una tabella B per ogni prestazione
erogata, con importo valorizzato uguale a 0. Si ricorda che l‟importo Ticket deve essere valorizzato
sempre a 0.
        Ai fini di permettere una valutazione completa delle attività si ritiene, per questa casistica, di
riportare, obbligatoriamente, la diagnosi utilizzando il campo “Quesito diagnostico del medico
prescrittore” secondo il sistema di classificazione ICD IX CM - 2002. La diagnosi da riportare è
quella determinata al termine dell‟episodio di OBI. Tale campo va compilato per la sola tabella B
contenente il nuovo codice di prestazione che identifica l‟OBI.
Relativamente al flusso SDO
        Il campo “Tipo di ricovero” dovrà essere codificato con il valore 5 “ricovero d‟urgenza con
OBI”: tale voce costituisce integrazione alla circolare 4/2002 e sarà inserito nella circolare Norme
per la gestione della Scheda di dimissione ospedaliera - Anno 2005.



              A disposizione per ogni eventuale chiarimento, si inviano cordiali saluti.




         f.to Kyriakoula Petropulacos                                     f.to Eleonora Verdini
10/01/05




Protocollo N°. ASS/DIR/05/       394

Data 10/01/05

                                                      -         AI DIRETTORI GENERALI

                                                      - AI DIRETTORI SANITARI

                                                      - AI REFERENTI AZIENDALI
                                                        PER L’APPLICAZIONE DEL
                                                        NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                        REGIONALE

                                                      - AI RESPONSABILI DI DISTRETTO

                                                          DELLE AZIENDE USL E OSPEDALIERE
                                                          DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

                                                      - AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

                                                      - AL DIRETTORE SANITARIO

                                                      - AL REFERENTE AZIENDALE
                                                        PER L’APPLICAZIONE DEL
                                                        NOMENCLATORE TARIFFARIO
                                                        REGIONALE

                                                          DEGLI ISTITUTI ORTOPEDICI RIZZOLI

                                                      - AI DIRETTORI SANITARI
                                                        DELLE CASE DI CURA PRIVATE


                                                      LORO SEDI


Oggetto: Risposta ai quesiti ed indicazioni relative all’applicazione del Nomenclatore Tariffario regionale
         delle prestazioni specialistiche ambulatoriali posti dalle Aziende Sanitarie al “Gruppo regionale di
         lavoro per il controllo della qualità della codifica delle prestazioni”.
         Con la presente, si inviano le risposte ad alcuni quesiti sollevati dalle Aziende sulla "corretta codifica
delle prestazioni specialistiche ambulatoriali". In merito ai suddetti quesiti si ritiene di fornire le seguenti
indicazioni:
           1. Tac femoro-rotulea.

            Si chiedono chiarimenti per una corretta tariffazione della prestazione di cui sopra, non ricompresa
  all’interno del nomenclatore tariffario.

           Si precisa che se la prestazione di cui sopra si intende come articolazione tra femore e rotula
  va codificata la prestazione “Tomografia computerizzata (TC) dell‟arto inferiore” cod. 88.38.6
  tariffa pari a euro 86,50.

           2. Test di vitalità degli spermatozoi.

           Si richiede l’assimilazione della suddetta prestazione ad altra già esistente nel nomenclatore tariffario.

          Si propone di assimilare alla prestazione “Es. citologico di materiale NAS” cod. 913851 tariffa pari a
  euro 17,00.


           3. Agobiopsia ecoguidata di ghiandole salivari.

           Si richiede l’assimilazione della suddetta prestazione ad altra già esistente nel nomenclatore tariffario.

           Si propone di assimilare alla prestazione “Agobiopsia linfonodale eco-guidata” cod. 40.19.1
  tariffa pari a euro 59,30.

           4. Test avidity citomegalovirus.

           Si richiede l’assimilazione della suddetta prestazione ad altra già esistente nel nomenclatore tariffario.

         Si propone di assimilare alla prestazione “ Virus anticorpi immunoblotting (saggio di
  conferma) cod. 91.13.2 tariffa pari a euro 36,20.

           5. Antimieloperossidasi (MDO), Antiproteinasi 3 (PR 3), Inibitori fattore IX,
              Fattore Fletcher, Fattore Fitzgerald, Tempo di reptilasi, Cross-link,
              Macroprolattina, Proteina C Reattiva ultrasensibile, Autoanticorpi anti-
              LDL ossidate.

Si richiede l’assimilazione delle prestazioni di cui sopra ad altre già presenti nel nomenclatore
   tariffario.

           Si propongono le seguenti assimilazioni :

           Antimieloperossidasi (MDO) assimilata a “Anticorpi anti microsomi (AbTMS) o anti
           tireoperossidasi (AbTPO)” cod. 90.51.4 tariffa pari a euro 11,40.

           Antiproteinasi 3 (PR 3) assimilata a “ Anticorpi anti microsomi (AbTMS) o anti
           tireoperossidasi (AbTPO)” cod. 90.51.4 tariffa pari a euro 11,40.
           Inibitori fattore IX assimilata a “Anticorpi anti fattore VIII” cod. 90.49.4 tariffa pari a euro
           11,40.
           Fattore Fletcher assimilata a “Fattori della coagulazione” cod. 90.64.3 tariffa pari a euro
  14,30.
          Fattore Fitzgerald assimilata a “Fattori della coagulazione” cod. 90.64.3 tariffa pari a euro
          14,30.
          Tempo di reptilasi assimilata a “Tempo di trombina (TT)” cod. 90.75.5 tariffa pari a euro
          2,80.
          Cross-link assimilata a “Idrossiprolina [U]” cod. 90.28.2 tariffa pari a euro 17,80 (errata
          corrige rispetto comunicata con nota ASS/DIR/05/3559 del 02/02/05)
          Macroprolattina assimilata a “Prolattina (PRL) [S]” cod. 90.38.2 tariffa pari a euro 9,65
          Proteina C Reattiva ultrasensibile assimilata a “Proteina C reattiva” cod. 90.72.3 tariffa
          pari a euro 4,75
          Autoanticorpi anti- LDL ossidate La significatività clinica del test, richiedendo valutazioni
          ulteriori, ci fa ritenere che trattasi di prestazione ancora in fase sperimentale e pertanto non
          inseribile, attualmente, nel Nomenclatore Tariffario Regionale delle prestazioni
          specialistiche ambulatoriali.

          6. Spirometria con tecnica pletismografica.

          Si richiede come codificare le prestazioni “ spirometria con tecnica pletismografica” e
          “spirometria semplice” quando erogate nel medesimo contesto.

                 Si precisa che, se in sede di erogazione della prestazione “Spirometria globale con
          tecnica pletismografica” cod. 89.38.2 tariffa pari a euro 23,25 viene eseguita anche la
          “Spirometria semplice” cod. 89.37.1 tariffa pari a euro 23,25 vanno codificate entrambe.

          7. Emogasanalisi arteriosa.

          Si richiede quanti prelievi arteriosi codificare a seguito dell’esecuzione nel medesimo
          accesso delle diverse tipologie di emogasanalisi arteriosa previste dal nomenclatore.

          Si precisa che la prestazione “Prelievo di sangue arterioso” cod. 91.48.5 tariffa pari a euro
   5,15
   (come peraltro indicato dalla circolare Regionale 15/97) va inclusa e quindi codificata una sola
   volta per accesso.

          8. Angio-Tac.

Si chiede se sia possibile codificare 2 volte la prestazione Angio-Tac qualora venga eseguita anche
   una Tac..

           Si precisa che la prestazione Angio-Tac è stata assimilata (pag. 52 del manuale operativo ad
   uso delle aziende della Regione Emilia - Romagna) alle relative “Tac con mezzo di contrasto” ( con
   rispettivi codici e tariffe ) , si ritiene quindi che la Tac sia ricompresa nella prestazione principale e
   pertanto non va codificata.

          9. Desossipiridinolina.

Si richiede l’assimilazione della prestazione di cui sopra ad altra già presente nel nomenclatore.

          Si propone l‟assimilazione alla prestazione “Idrossiprolina [U]” cod. 90.28.2 tariffa pari a
   euro 17,80. Si precisa comunque che, qualora tale prestazione venga erogata contestualmente alla
   prestazione Cross-link, dovrà essere codificata un'unica prestazione.
          10. Raccolta cellule staminali.

Si richiede l’assimilazione della prestazione di cui sopra ad altra già presente nel nomenclatore.

          Essendo la prestazione “Aferesi per raccolta cellule staminali” sempre più frequentemente
   erogata per le procedure relative al trapianto di midollo osseo ,si propone l‟assimilazione alla
   prestazione “Leucoaferesi terapeutica” cod. 99.72 tariffa pari a euro 402,85.

          11. Ecocolordoppler transrettale, Ecocolordoppler penieno

           Si chiedono chiarimenti per una corretta tariffazione delle prestazioni di cui sopra non
   identificate dal nomenclatore tariffario.

                  Le tipologie di ecocolordoppler sopra indicate devono essere ricondotte alla
   prestazione "Ecocolordopplergrafia degli arti superiori o inferiori o distrettuale, arteriosa o venosa"
   cod. 88.77.2 tariffa pari a euro 43,90.

          12. Ecografia del reflusso gastroesofageo, Ecografia gastrica

           Si chiedono chiarimenti per una corretta tariffazione delle prestazioni di cui sopra non
   identificate dal nomenclatore tariffario.

            Si propone l‟assimilazione alla prestazione "Ecografia dell'addome superiore" cod. 88.74.1
   tariffa pari a euro 43,90.

          13. Ecocardiografia da stress con prova fisica o farmacologica

         Si chiedono chiarimenti per una corretta tariffazione della prestazione di cui sopra non
   ricompresa nel nomenclatore tariffario.

          La prestazione in questione comporta l'esecuzione di due ecocardiografie: una basale ed una
   dopo stimolo che possono essere eseguite con due diverse metodiche (doppler - colordoppler).
   Si propone pertanto l‟assimilazione alla prestazione "Ecocolordopplergrafia cardiaca " cod. 88.72.3
   con tariffa pari a euro 62,00 moltiplicata per due quando eseguita con Ecocolordoppler o
   l‟assimilazione alla prestazione "Ecodopplergrafia cardiaca" cod. 88.72.2 con tariffa pari a euro
   60,45 moltiplicata per due quando eseguita con Ecodoppler.

          14. Biopsia muscolare

         Si chiedono chiarimenti per una corretta tariffazione della prestazione di cui sopra non
   ricompresa nel nomenclatore tariffario.

          Si propone l‟assimilazione alla prestazione "Biopsia dei tessuti molli" cod. 83.21 tariffa pari
   a euro 33,45. Qualora la prestazione avvenga sotto guida ecografica dovrà essere assimilata
   prestazione "Biopsia eco-guidata dei tessuti molli" cod. 83.21.1 tariffa pari a euro 47,40.
       15. Riabilitazione del piano perineale

        Si chiedono chiarimenti per una corretta tariffazione della prestazione di cui sopra non
identificata dal nomenclatore tariffario.

       Si propone l‟assimilazione alla prestazione "Rieducazione motoria individuale in motuleso
segmentale semplice (incluso: Biofeedback)" cod. 93.11.4 tariffa pari a euro 6,80. Preme precisare
che la tariffa della prestazione è onnicomprensiva dei presidi sanitari utilizzati per la sua
erogazione.


       Cordiali saluti


                                                                                  Franco Rossi

								
To top