LE NUOVE INDAGINI FINANZIARIE � PARTE PRIMA

Document Sample
LE NUOVE INDAGINI FINANZIARIE � PARTE PRIMA Powered By Docstoc
					                  LE NUOVE INDAGINI FINANZIARIE – PARTE SECONDA

Proseguiamo la pubblicazione della chiave di lettura, in forma tabellare, della circolare di quasi 150
pagine sulle indagini finanziarie. La prima parte è stata pubblicata nel fascicolo precedente.

Punto della           Argomento                    Commento
Circolare
4.1                   Soggetti a cui vengono Si tratta, nell’ordine, delle seguenti categorie:
                      richieste le informazioni 1) Organi           procedenti          preventivamente
                                                     autorizzati;
                                                  2) Intermediari;
                                                  3) Clienti-contribuenti, effettivi destinatari del
                                                     controllo fiscale.
4.1                   Destinatario ultimo dei Oggetto dei controlli è, in ultima analisi, il
                      controlli                   contribuente. Questo vocabolo viene interpretato
                                                  in     senso     estensivo,       perché     comporta
                                                  l’individuazione di una molteplicità di soggetti
                                                  anche privi di un rapporto diretto con il
                                                  presupposto fiscale. Non si tratta solo di
                                                  contribuenti nazionali, ma anche di soggetti
                                                  residenti esteri; questi, infatti, oltre che potenziali
                                                  destinatari di accertamento, sono passivi di
                                                  indagini finanziarie e creditizie anche quando nei
                                                  loro confronti manchi un immediato interesse
                                                  nazionale.
4.1                   Lo scudo fiscale resiste Le operazioni di rimpatrio e di regolarizzazione
                      alle indagini finanziarie   delle attività detenute all’estero, sia l’utilizzo di
                                                  alcune attività definitorie, comportano la
                                                  preclusione sia degli accertamenti tributari e
                                                  contributivi, sia delle attività investigative con
                                                  riguardo anche alle indagini bancarie. Per questo
                                                  motivo, i soggetti intermediari, sono esonerati
                                                  dall’obbligo di fornire agli organi inquirenti
                                                  indicazioni relative a conti segretati, oppure
                                                  relative a somme e valori rimpatriati in
                                                  conseguenza dello scudo fiscale.
4.2                   Concetto di disponibilità Oggetto delle indagini sono non solo i conti
                                                  intestati, ma anche quelli di cui il contribuente ha
                                                  la disponibilità. Con tale concetto si intendono
                                                  tutti i conti per i quali l’interessato abbia la
                                                  possibilità di disporre in virtù di mandato da
                                                  parte dell’intestatario del conto medesimo; ad
                                                  esempio si tratta di conti sui quali il titolare abbia
                                                  rilasciato deleghe, o conti intestati a società per i
                                                  quali gli amministratori abbiano ricevuto poteri
                                                  di disposizione.
4.2                   Autorizzazione           ed Per l’indagine finanziaria l’autorizzazione è atto
                      impugnativa                 preparatorio allo svolgimento dell’istruttoria, e
                                                  quindi non assume rilevanza esterna, e dunque
                                                  non è immediatamente impugnabile, in quanto, a
                                                  parere dell’Agenzia delle Entrate, non rileva
                                      immediatamente sotto il profilo tributario.
4.2     Diritto di accesso ai         L’autorizzazione          all’avvio     dell’indagine
        documenti amministrativi      finanziaria è documento temporaneamente
                                      escluso dall’accessibilità del procedimento
                                      amministrativo.
4.2.1   Allegazione                   Nell’effettuare la richiesta di dati e notizie, non è
        dell’autorizzazione: non      obbligatorio allegare l’autorizzazione per l’avvio
        sussiste l’obbligo (anzi, è   di detta attività inquirente. Questo a fine di
        meglio evitare)               tutelare il rapporto tra la banca e lo stesso cliente,
                                      per evitare che l’autorizzazione, specie se
                                      motivata con notizie che potrebbero rivelarsi
                                      screditanti sotto il profilo economico tributario,
                                      possa trasformarsi in un atto lesivo dei rapporti
                                      fiduciari tra il contribuente e l’intermediario. La
                                      conoscenza delle specifiche              motivazioni
                                      contenute nell’autorizzazione potrà avvenire
                                      dopo la notifica dell’atto di accertamento.
4.3     L’intermediario informa       Il destinatario della richiesta, una volta ricevuta
        il suo cliente                la domanda di dati e notizie da parte dell’organo
                                      procedente, né dà immediata notizia al soggetto
                                      interessato. L’eventuale inadempimento di tale
                                      obbligo non rappresenta ne comporta un vizio di
                                      legittimità autonomamente impugnabile.
4.4     Invito a comparire            L’ufficio procedente può invitare i contribuenti,
                                      indicandone il motivo, a comparire allo scopo di
                                      fornire in contraddittorio dati e notizie e
                                      chiarimenti ai fini dell’accertamento nei loro
                                      confronti relativamente ai rapporti e alle
                                      operazioni acquisiti al seguito delle indagini.
4.4     Ampliamento                   L’ambito oggettivo d’indagine è ora riferito più
        dell’indagine                 genericamente “ai rapporti e alle operazioni”
                                      anziché, com’era nella normativa precedente, alle
                                      sole “operazioni annotate nei conti”.
4.4     Contraddittorio        non    La fase del contraddittorio, come sopra
        obbligatorio                  accennata, è un passaggio opportuno per
                                      provocare la partecipazione del contribuente; è
                                      finalizzata a consentire un esercizio anticipato
                                      del suo diritto di difesa, potendo lo stesso fornire
                                      già in sede precontenziosa la prova contraria, al
                                      fine di evitare l’emissione di avvisi di
                                      accertamento         che      potrebbero      risultare
                                      immediatamente infondati. Questo invito, ad
                                      avviso dell’Agenzia delle Entrate, costituisce una
                                      facoltà e non un obbligo. Pertanto il mancato
                                      invito       dell’ufficio      non    può        essere
                                      autonomamente impugnabile.
4.4     Valore probatorio             Il valore probatorio degli elementi raccolti, anche
                                      in esito al contraddittorio esperito, configurano
                                      una presunzione juris tantum, quindi da
                                      considerare alla stregua delle presunzioni “gravi,
                                      precise, concordanti”. Per questo motivo, si
                                      applica l’inversione dell’onere probatorio che
                                      viene trasferito, in senso negativo, a carico del
                                      contribuente.
4.4   Mancata o incompleta            Se il contribuente non accoglie l’invito
      adesione all’invito a           dell’ufficio, conseguentemente rinuncia alla
      comparire                       possibilità di fornire la prova contraria già in fase
                                      di controllo istruttorio. Tale prova potrà essere
                                      fornita qualora il contribuente dimostri in
                                      giudizio di non aver potuto adempiere alle
                                      richieste degli uffici per cause a lui non
                                      imputabili. In caso di mancata adesione all’invito
                                      a comparire o di non risposta alla richiesta di
                                      chiarimenti, valgono le previsioni normative in
                                      tema di presunzioni.
4.4   Contraddittorio esperito        Il contraddittorio è interpretato come fase
      da un organo diverso            “dialettica” e, se svolta con l’intervento di altro
                                      organo competente, come ad esempio la Guardia
                                      di Finanza, se ritenuto appagante per l’analisi
                                      d’ufficio esonera quest’ultimo dalla successiva
                                      ripetizione dell’esperimento. In sostanza, anche
                                      l’intervento di un altro organo non è
                                      autonomamente impugnabile.
4.5   Ricorso al Tar                  L’Articolo 7, comma 4, dello statuto del
                                      contribuente, prescrive che la “natura tributaria
                                      dell’atto non preclude il ricorso agli organi di
                                      giustizia amministrativa, quando ne ricorrono i
                                      presupposti” (ma vedi anche infra, in materia di
                                      impugnabilità)
4.5   Copia                   della   È gia prassi delle banche (estensibile anche agli
      documentazione                  altri intermediari finanziari) rilasciare copia del
      consegnata al Fisco             carteggio fornito agli organi inquirenti.
4.5   Impugnabilità                   A parere dell’Agenzia delle Entrate nella fase
      dell’attività istruttoria       istruttoria è da ritenersi esclusa la sussistenza
                                      della tutela non solo dinanzi al giudice
                                      amministrativo, ma anche quella davanti alla
                                      commissione         tributaria.  Infatti,   l’attività
                                      istruttoria, sarà sindacabile solo al momento della
                                      notifica dell’atto conclusivo del procedimento di
                                      accertamento.
4.6   Misure    minime          di    Per il rispetto della privacy, i soggetti interessati
      sicurezza                       alle indagini devono impartire le opportune
                                      disposizioni per l’utilizzo riservato e corretto dei
                                      dati e delle notizie raccolti. Occorre, inoltre, un
                                      articolato sistema di misure minime di sicurezza.
5.0   Motivi di      innesco    di    L’innesco dell’indagine finanziaria non può
      indagine                        avvenire a discrezione degli organi procedenti,
                                      persistendo la necessità della sussistenza di
                                      motivi che, seppur non più tassativamente
                                      indicati dalla legge, sono tuttavia rivedibili in
                                      apposite disposizioni tributarie.
5.1   Esito delle indagini            Se, dai dati e dalle notizie raccolte, non è
                                    immediatamente            possibile       concludere
                                    l’accertamento, l’ufficio procedente può azionare
                                    opportunamente          l’istituto     dell’interpello
                                    preventivo.
5.1   Rilevanza            delle    Nel nuovo contesto normativo non solo i
      operazioni “fuori conto”      versamenti risultanti dai conti bancari, ma anche
                                    quelli rilevati da conti finanziari o da operazioni
                                    “fuori conto” si presumono come ricavi,
                                    compensi ovvero componenti positivi di reddito.
                                    I versamenti non giustificati potranno essere
                                    contestati come operazioni imponibili, cessioni o
                                    prestazioni non contabilizzate, mentre i
                                    prelevamenti potranno essere valorizzati come
                                    acquisti in nero.
5.2   Intestazione fittizia dei     Già      la    giurisprudenza       ha    legittimato
      conti                         l’apprensione di quei conti di cui il contribuente
                                    sottoposto a controllo ha avuto la concreta ed
                                    effettiva disponibilità, indipendentemente dalla
                                    formale intestazione. In particolare, si tratta della
                                    possibilità di acquisire legittimamente i dati
                                    relativi ai conti correnti del coniuge; analoga
                                    considerazione è stata svolta anche per i conti
                                    intestati a soggetti terzi rispetto a una società
                                    sottoposta a controllo, allorché gli stessi soggetti
                                    risultino legati alla medesima da particolari
                                    rapporti. Non è previsto l’obbligo di interpellare
                                    preventivamente il soggetto che ha la titolarità
                                    formale dei conti oggetto di indagine (ad
                                    esempio i prestanome); ciò non impedisce agli
                                    uffici di rivolgere anche a quest’ultimo eventuale
                                    richiesta di dati o notizie.
5.3   Accertamento            nei   Il comma 402, lettera A, della finanziaria del
      confronti               dei   2006, ha esteso ai lavoratori autonomi la
      professionisti                presunzione di compensi ai prelevamenti e agli
                                    importi riscossi per i quali non siano stati indicati
                                    i beneficiari; ciò si applica anche alle singole
                                    operazioni fuori conto, che possono dare
                                    indicazioni di maggiori capacità di spesa.
5.4   Deducibilità dei costi non    In caso di accertamento di maggiori ricavi, è di
      contabilizzati                agevole constatazione la necessità del
                                    sostenimento di alcune spese per l’acquisto di
                                    beni o di servizi per rendere prestazioni, anche di
                                    natura complessa di tipo professionale.
5.4   Super - retroattività         A giudizio dell’Agenzia delle Entrate, le
                                    disposizioni sulle indagini finanziarie hanno
                                    natura procedimentale e quindi sono applicabili
                                    anche per l’accertamento di annualità pregresse
                                    rispetto alla sua entrata in vigore. Per questo
                                    motivo, è possibile che venga domandata al
                                    contribuente la documentazione giustificativa dei
                                    movimenti bancari che possono risalire anche a
                                      nove anni fa (infatti, nel 2005, il 1997 era ancora
                                      accertabile per chi non aveva effettuato il
                                      condono). Un gesto di clemenza è portato dal
                                      passo finale del paragrafo 5.4, laddove di
                                      riferisce che i contribuenti interessati possono
                                      ritenersi sollevati dall’onere di fornire
                                      dimostrazione in relazione a prelievi che, avuto
                                      riguardo all’importo e alle esigenze normali
                                      personali     o     familiari,    possono     essere
                                      ragionevolmente ricondotte nella gestione
                                      extraprofessionale.
5.4.1   Conto obbligatorio per i      L’articolo 35, comma 12, del decreto legge
        professionisti                223/2006 ha previsto l’obbligo della tenuta di
                                      uno o più conti correnti bancari o postali sui
                                      quali affluiscono obbligatoriamente le somme
                                      riscosse nell’esercizio dell’attività e dai quali
                                      sono effettuati i prelevamenti per il pagamento
                                      delle spese.
5.5     Deducibilità   dei    costi   In caso di rettifica del reddito mediante
        occulti                       accertamento induttivo, l’ufficio deve tener
                                      conto, soprattutto in assenza di documentazione
                                      certa, di un’incidenza percentuale di costi
                                      presunti a fronte di maggiori ricavi accertati.
                                      Questa regola, però, non si applica in caso di
                                      accertamento fondato sia sul metodo analitico
                                      che sul metodo analitico induttivo, perché nessun
                                      margine è lasciato all’ufficio per un possibile
                                      riconoscimento di componenti negative di cui
                                      non è stata fornita da parte del contribuente prova
                                      certa. In caso di dichiarazione omessa, l’ufficio
                                      può procedere induttivamente non solo nei modi
                                      ordinari, ma addirittura su fatti ed elementi,
                                      anche isolati, dai quali sia possibile ricavare
                                      ragionevolmente la sussistenza e l’entità dei
                                      redditi d’impresa anche in difformità da eventuali
                                      scritture contabili possedute.
6.0     Sanzioni nei confronti        La riforma del sistema sanzionatorio, ed in
        degli operatori finanziari    particolare l’Articolo 10 del Dlgs 471, ha
                                      ampliato la fattispecie sanzionabile. È prevista
                                      un'unica sanzione amministrativa da € 2.065,00 a
                                      € 20.658,00, ridotta alla metà se il ritardo
                                      nell’adempimento non supera i 15 giorni. La
                                      notifica dell’atto di contestazione dell’autore
                                      della violazione va individuato, in via presuntiva,
                                      della persona che ha sottoscritto la risposta e, in
                                      mancanza nel legale rappresentante della banca,
                                      delle poste o degli altri enti.
7.1     Aspetti     caratterizzanti   La nuova disciplina dell’indagine finanziaria si
        della riforma                 riassume, come già anticipato, nell’ampliamento
                                      soggettivo e oggettivo, associato alla valenza
                                      presuntiva di una mole di dati ed elementi che
                               nel sistema precedente o non risultavano in alcun
                               modo intercettabili oppure non avevano
                               autonomo valore probatorio.
7.1   Esempio di elementi Possono essere intercettati fenomeni come la
      sospetti                 mobilizzazione esasperata del reddito, le opzioni
                               decisionali di investimento e di consumo, gli
                               impieghi alternativi, le pianificazioni finanziarie,
                               eccetera.
7.2   Ambito soggettivo        Nell’ampia e illimitata categoria degli enti che
                               effettuano istituzionalmente riscossioni e
                               pagamenti per conto di terzi rientrano
                               sicuramente, tra gli altri, i soggetti che svolgono
                               attività di recupero crediti, la Siae, l’Aci e il Pra.
                               Dall’esercizio dei potere d’indagine sono
                               esplicitamente esclusi, come per il passato,
                               l’Istituto centrale di Statistica e gli Ispettorati del
                               lavoro.
7.3   Ambito oggettivo         L’ambito oggettivo dei dati e delle notizie
                               richieste è enorme, e riguarda ad esempio quei
                               dati e quelle informazioni che risultano
                               compiutamente dalle esigenze di contabilità. Ad
                               esempio, nell’ipotesi in cui un pagamento è
                               disposto dall’autorità giudiziaria a favore del
                               legale distrattario, oppure un pagamento
                               effettuato spontaneamente dalla compagnia
                               assicuratrice in maniera diretta e autonoma al
                               legale del sinistrato. In effetti, il soggetto
                               richiesto non può dimostrare l’indisponibilità dei
                               dati, quando questi risultano dai propri registri
                               contabili oppure dei quali risulta una
                               corrispondenza intercorsa, ad esempio tra il
                               legale del sinistrato e la compagnia assicurativa.
7.3   Nessuna privacy nelle Nelle indagini finanziarie sono esclusi i vincoli
      indagini finanziarie     relativi alla tutela della riservatezza del
                               trattamento dei dati personali, in quanto si è in
                               presenza di una gestione di elementi compiuti in
                               funzione degli interessi dell’amministrazione
                               fiscale, in considerazione del rilevante interesse
                               pubblico.
7.3   Definizione di notizie   Sono notizie gli elementi informativi che, pur
                               essendo privi di riscontri documentali, e dunque
                               privi di autonomo valore probatorio, hanno
                               comunque un concreto e oggettivo fondamento ai
                               fini dell’indagine e sono rimesse a libero
                               apprezzamento dell’organo procedente.
7.3   Ricerche troppo onerose: L’Agenzia delle Entrate precisa che sono da
      no                       escludere      tipologie      di     richieste     che
                               presuppongono          elaborazioni        complesse,
                               comportanti per i soggetti richiesti particolari e
                               specifici oneri organizzativi. Eccessiva onerosità
                               non può essere eccepita qualora si tratti di
                                               richieste di dati e notizie rientranti nella
                                               normalità.
7.4                  Procedure di acquisizione Nei confronti degli intermediari, può essere
                     delle informazioni        notificata una richiesta di informazioni ovvero, in
                                               casi particolari, può essere disposto un accesso
                                               presso gli stessi intermediari. Non è consentito
                                               invitare il soggetto terzo a comparire di persona o
                                               tramite il proprio legale rappresentante. Il
                                               termine fissato per l’adempimento è, come
                                               minimo, non inferiore a 15 giorni. L’accesso può
                                               essere disposto in casi di effettiva esigenza
                                               d’indagine e di controllo sul luogo, oppure
                                               allorquando una precedente richiesta non sia stata
                                               adempiuta dal destinatario ovvero, quando
                                               sussistono fondati sospetti che pongono in
                                               dubbio la completezza e l’esattezza dei dati e
                                               delle notizie completati.
8.0                  Soggetti delegati         I soggetti diversi dal titolare dell’operazione che
                                               si presentano “allo sportello” e si qualifichino
                                               nella veste di mandatario (cioè agiscono per
                                               conto del cliente sostanziale) devono essere
                                               identificati come tali, anche attraverso
                                               l’identificazione del rispettivo Codice Fiscale.
                                               Questa disposizione non vale per operazioni di
                                               importo inferiore ai 1.500,00 €, effettuate con
                                               bollettini postali.
8.0                  Ambito temporale          Gli uffici, indipendentemente dall’entrata in
                                               funzione della nuova anagrafe dei rapporti e del
                                               suo contenuto, potranno formulare richieste
                                               aventi per oggetto:
                                               1) qualsiasi rapporto anche cessato prima dell’1
                                                  gennaio 2005;
                                               2) qualsiasi operazione contenuta in un conto;
                                               3) qualsiasi operazione extraconto effettuata
                                                  prima del 31 dicembre 2005, il cui ammontare
                                                  sia superiore all’ammontare di 12.500,00 €;
                                               4) qualsiasi operazione extraconto di qualsiasi
                                                  ammontare effettuata dal 01 gennaio 2006.



Brescia, martedì 31 ottobre 2006

Giovanni Peli

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:34
posted:1/5/2012
language:Italian
pages:7