Docstoc

quattro (PowerPoint)

Document Sample
quattro (PowerPoint) Powered By Docstoc
					                        USP
                       PADOVA



SEMINARIO
L’OBBLIGO DI ISTRUZIONE:
IL LAVORO DELLA RETE
DELLE SCUOLE PADOVANE
             Padova, 23 maggio 2008
Nicoletta Ruggieri, Gruppo Asse Storico-Sociale

“Vivere in società: il gruppo sociale si organizza e si
evolve nella storia. Lettura ed analisi di fonti storiche e
giuridiche”
Docenti membri del gruppo:
Carla Cestaro – C.F.P. “E. Bentsik”, Padova
Rosa Anna Cillo – I.P.S.I.A. “Bernardi”, Padova
Antonella Ercolin – I.T.I.S. “Marconi”, Padova
Luca Milan – Liceo Scientifico “Nievo”, Padova
Rita Pillot – I.T.C. “Gramsci”, Padova
Nicoletta Ruggieri – I.T.G. “G.B. Belzoni”, Padova
Grazia Smania – I.P.S.I.A. “E.U. Ruzza”, Padova


                                    L' obbligo di istruzione
                                   Padova, 23 maggio 2008
 Problemi significativi nella progettazione del
curricolo di asse e nella progettazione della UF

            PROBLEMA EMERSO
  Nel biennio il programma di STORIA è
  orientato allo studio delle civiltà antiche; il
  programma di DIRITTO, invece, propone
  lo studio delle moderne forme istituzionali
  e del testo costituzionale italiano. Non vi è,
  pertanto, corrispondenza temporale.

                   L' obbligo di istruzione
                  Padova, 23 maggio 2008
             SCELTA ATTUATA
Le discipline si possono integrare ricercando l’obiettivo comune di
far acquisire ai giovani una forma mentis che permetta loro di
percepire la complessità dei fenomeni politici, economici, sociali e
culturali collocandoli in una dimensione storica e comprendendo il
cambiamento e le diversità nel tempo.
In quest’ottica, il nucleo fondante delle discipline coinvolte è il
“vivere in società”, il gruppo sociale che si organizza e si evolve
nella storia.
L’unità formativa proposta riguarda la lettura e l’analisi delle fonti
storiche e giuridiche.
Dal confronto tra fonti di diverso periodo o area geografica è
possibile cogliere l’evoluzione della società e, conseguentemente,
del Diritto.



                          L' obbligo di istruzione
                         Padova, 23 maggio 2008
           Motivazione della proposta
            e suo valore formativo
•   RILEVANZA CONCETTUALE: importanza dei contenuti proposti (istituti della
    convivenza civile e loro organizzazione nel tempo e nello spazio e fonti) per le
    discipline coinvolte.

•   PREGNANZA COGNITIVA: interiorizzazione del valore della “regola” e del suo
    necessario rispetto per la pacifica convivenza, apprendimento significativo attraverso
    l’analisi delle fonti e lo studio di caso.

•   SPENDIBILITA PERSONALE E SOCIALE: crescita e formazione culturale, anche
    attraverso lo studio della nostra Costituzione, per un inserimento attivo e consapevole
    nella vita sociale.




                                   L' obbligo di istruzione
                                  Padova, 23 maggio 2008
Unità Formativa dell’Asse Storico-Sociale
Vivere in società: il gruppo sociale si organizza e si evolve nella
storia. Lettura ed analisi di fonti storiche e giuridiche.


Competenze chiave di cittadinanza
•   Comunicare
•   Acquisire ed interpretare l’informazione
•   Individuare collegamenti e relazioni
•   Agire in modo autonomo e responsabile

                            L' obbligo di istruzione
                           Padova, 23 maggio 2008
Competenza attesa dell’ Unità Formativa

• Comprendere come ogni ordinamento giuridico
  regoli in modo diverso gli istituti fondamentali
  della convivenza civile cogliendo le diverse
  radici storiche e culturali.
• Leggere e riconoscere le fonti ricavandone
  informazioni su eventi storici di epoche diverse e
  differenti aree geografiche.
• Comprendere le caratteristiche fondamentali dei
  principi e delle norme sancite dalla Costituzione
  italiana.


                    L' obbligo di istruzione
                   Padova, 23 maggio 2008
                  Repertorio di attività
SAPERI NATURALI     Discussione guidata per favorire la consapevolezza dei saperi individuali
                        rispetto al compito.

MAPPING             Lettura fonti storiche e giuridiche.


APPLICAZIONE        Confronto di fonti.
                    Lettura e interpretazione di grafici, schemi e mappe.

TRANSFER            Organizzazione di Workgroups di approfondimento.
                    Studio di casi.

RICOSTRUZIONE       Confronto sul percorso svolto e giustificazione delle scelte fatte.


GENERALIZZAZIONE    Discussione guidata per favorire la consapevolezza riflessiva sui propri
                        prodotti di conoscenza.




                               L' obbligo di istruzione
                              Padova, 23 maggio 2008
                 ESEMPIO
• Al fine di sviluppare il senso critico e di
  comparazione dei giovani allievi,
  l’insegnante favorisce l’acquisizione dei
  contenuti proposti attraverso il metodo del
  confronto. In particolare si propone una
  scheda stimolo in cui sono riportati alcuni
  articoli del c.c., prima e dopo la riforma del
  diritto di Famiglia del 1975.

                   L' obbligo di istruzione
                  Padova, 23 maggio 2008
    VECCHIO E NUOVO DIRITTO DI FAMIGLIA

        Vecchio testo                          Riforma del 1975
Art.144 c.c.                             Art.144 c.c.
Potestà maritale. Il marito è il capo    Indirizzo della vita familiare e
della famiglia; la moglie segue la       residenza della famiglia.
condizione civile di lui, ne assume      I coniugi concordano tra loro
il cognome ed è obbligata ad             l’indirizzo della vita familiare e
accompagnarlo dovunque egli              fissano la residenza della famiglia
crede opportuno di fissare la sua        secondo le esigenze di entrambi e
residenza.                               quelle preminenti della famiglia
                                         stessa. A ciascuno dei coniugi
                                         spetta il potere di attuare l’indirizzo
                                         concordato.


                             L' obbligo di istruzione
                            Padova, 23 maggio 2008
Indicatori di valutazione individuati

• DIMENSIONE COGNITIVA
  Interazione cognitiva, attenzione.


• DIMENSIONE RELAZIONALE - MOTIVAZIONALE
  Memorizzazione,contestualizzazione, autonomia nel fare, capacità
    di fare analogie.


• DIMENSIONE METACOGNITIVA
  Consapevolezza riflessiva,autonomia di scelta



                            L' obbligo di istruzione
                           Padova, 23 maggio 2008
 Verso l’analisi della prova-attività
• PROVA ATTIVITA
  Al termine dell’unità formativa, la prova di verifica sarà affidata non
     solo a test strutturati ma anche, ad esempio, a relazioni
     sull’attività svolta.
  La prova sarà pensata coerentemente alla natura della competenza
     dell’unità formativa ed ai processi ad essa sottesi.


• VALUTAZIONE
  In relazione ad alcuni indicatori individuati (interazione cognitiva e
     autonomia di scelta), sono stati previsti quattro livelli di descrittori.




                             L' obbligo di istruzione
                            Padova, 23 maggio 2008

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:3
posted:12/17/2011
language:Italian
pages:12