OCCIDENTE N°53 - 17/12/2011 by mirco911

VIEWS: 19 PAGES: 4

Agenzia di informazione diretta da Guido VirziBisettimanale di formazione e controinformazione.Missione: Informazione, Formazione, Dibattiti, Cultura.

More Info
									Buttafuoco : improponibile lo schemino del fascista rozzo e cretino (Pag.4)


  ò




  /informazioni- commenti-opinioni –immagini /
  / informazioni - commenti- opinioni –immagini /
 “

  “Se l’Occidente si alza per difendersi, sotto un altro nome, con un altro viso e con
  niente che sia la proiezione del Passato, rinascerà l’Ordine di Sparta.” -M Bardèche-

  Palermo-----------------n° 53------------17 Dicembre 2011


                                                                                           Mancava una ciliegina sulla torta nel
                                                                                           contesto della Festa che ci si prepara a
                                                                                           fare agli Italiani. Mancava un bel
                                                                                           Bersaglio Finto, un Orco, un Mostro
                                                                                           da sbattere in prima pagina, un
                                                                                           Nemico che non facesse pensare a
                                                                                           tasse, balzelli, rincari. Ed ecco,
                                                                                           puntuale ritornare con sproporzionata
                                                                                           virulenza, la “notizia” di un rinnovato
                                                                                           “PERICOLO FASCISTA”. A Roma,
                                                                                           contro un gruppo di ragazzi che si
                                                                                           limitavano a riempire i muri di tatse-
                                                                                           bao, sono riscattati i tintinnii di
                                                                                           manette delle classiche “Trame Nere”
                                                                                           di ormai trentennale memoria. Una
                                                                                           storiella che pareva dimenticata e che
                                                                                           invece      ritorna,    radiocomandata,
                                                                                           proprio a fagiolo e con tutti gli
                                                                                           ingredienti del caso : la palestra della
                                                                                           congiura, le “adunate” tenebrose, i
                                                                                           fasci stilizzati, le “minacce” ad Ebrei
                                                                                           ed Alemanno (una simbiosi davvero
                                                                                           inedita!), proclami (mai pubblicati)
                                                                                           stilati a casa da un pericolosissimo
                                                                                           ragazzino di 16 anni denunziato anche
                                                                                           lui in base agli articoli della Legge
                                                                                           Scelba di buona e liberale memoria.
                                                                                           Per commentare ci verrebbe da
                                                                                           parafrasare la canzone degli Amici del
 *C’è anche chi ha sollevato dubbi sul ruolo anti-speculazione di questa manovra. Il       Vento : mancano all’appello solo
 premio Nobel dell’economia Paul Krugman, non crede alla ricetta di Mario Monti            alcuni spioni di Servizi deviati, qualche
 per risollevare l’Italia e ristabilire la fiducia internazionale attraverso una severa    parà in pensione, dei busti del Duce in
 politica di austerità: «Una maggiore austerità - dice l’economista - non convincerà i     gesso, un Campo Segreto per
 mercati dei bond che l’Italia sta bene». Non è un caso che , di nuovo, lo spread Btp-     “l’addestramento”. Il tutto cementato
 Bund sia salito del 4.53 per cento a 487 punti e Piazza Affari abbia chiuso in calo del   da una robusta accusa per associazione
 2,84 per cento. Qualcosa ai Maghi, decisamente, NON sta funzionando.                      a delinquere che ha spedito in galera 5
 Il paradosso sta proprio nel fatto che con la manovra arriverà una stangata per le        attivisti indomiti come fossero Spie al
 famiglie che, fuoridal mondo degli investimenti, si credevano “al sicuro”,in una          servizio dello Straniero, boss mafiosi o
 specie di “No-fly-Zone”. Allora perché non spremere le famiglie? Detto, fatto.            serial killers stupratori. Il dado è
 Secondo i calcoli di Federconsumatori, la manovra del governo Monti avrà a regime         tratto : insomma, CI RIPROVANO !
 un impatto di 1.129 euro a famiglia. Una ricaduta, secondo l’associazione, che si va
 ad aggiungere a quella già determinata dalle precedenti manovre, portando il totale
 generale aggiornato a 3.160 euro a famiglia. Per esempio, nel 2014 una famiglia
 (due componenti e un figlio) con una retribuzione netta nel 2011 di circa 32mila
 euro, registrerà a seguito delle varie manovre correttive una caduta nella capacità
 di consumo di circa il 7,6 per cento annuo. Senza consumi la macchina produttiva
 italiana si blocca, le imprese lavorano di meno, l’occupazione rallenta e i salari si
 abbassano. Un meccanismo infernale. Che non risparmia nessuno. E che ancora
 una volta, contro il dettato della stessa Costituzione formalmente vigente, non vede
 affatto i più agiati contribuire in misura proporzionale allo sforzo collettivo della
 Nazione. Una linea, sempre sotto traccia, che però, quasi incredibilmente fa
 rivedere a braccetto Pd e Pdl. Rivelando così la funzione di cortina fumogena del
 Governo Monti. Dietro la cortina del Governo tecnico stanno venendo a galla ogni
 sorta di anomalie, di mostruosità, di inciuci fino a ieri inconfessabili. Che ad
 un’Italia attenta dovrebbero urlare in faccia tutta la messinscena grottesca del
 nostro Bipolarismo fasullo che, alla prima prova seria, s’è rivelato Finzione notarile
 per mascherare la sostanziale,inossidabile Unitarietà della Casta politica nostrana.
                                                      E’ RECESSIONE PIENA                                  "L'uomo libero è un
                                                      Sull’eurozona cade «l’inverno della                 combattente. Da cosa si
                                                      recessione» che in Italia è iniziata                misura la libertà, negli
                                                      prima e risulterà più marcata». È
                                                      una vera allerta sociale ; per il                 individui come nei popoli?
                                                      nostro Paese è previsto un crollo del
                                                      Pil di 2 punti percentuali tra la
                                                                                                            Dalla resistenza che
                                                      scorsa     estate    e   la   prossima            dev'essere superata, dalla
                                                      primavera. Le stime del prodotto
                                                      interno lordo (Pil) per il 2012 sono
                                                                                                              fatica che costa
                                                      state tagliate dal +0,2 al -1,6 per                     restare in alto"
                                                      cento, mentre per il 2011 dal +0,7 al
                                                      +0,5 per cento.
                                                      Per l’Italia è la quinta recessione dal              Friedrich Nietzsche
                                                      1980. La flessione del Pil, dopo un
                                                      progresso di appena lo 0,5 per cento
                                                      quest’anno, è stata registrata dagli
                                                      economisti di Confindustria, già nel
                                                      terzo trimestre del 2011, si è
                                                      accentuata nel quarto e raggiungerà
                                                      la maggiore intensità nel primo
                                                      2012.E’ una specie di Tempesta
                                                      Perfetta. E non è detto affatto che la
                                                      Manovra di Monti ce ne faccia uscire




                              Andiamo a picco per un Sistema basato sul Demerito

                            *Che questa non sia affatto la desiderata democrazia dell'ateniese
Pericle o di Thomas Jefferson è oramai universalmente acclarato; non ne è neppure la bruttissima
e penosa copia. Quando poi si parla della triste Italia nostra, ci si trova per davvero dentro ad una
fitta jungla, dove l'etica, la coerenza e la morale sono de facto dissolte per lasciare solo spazio
all'"appropriazione indebita".Quindi passeremo le feste di natale a litigar sui benefits dei
parlamentari, ben sapendo che sono giusto un simbolo e non risolvono per niente il problema che
purtroppo è molto ben più grave. Sarebbe infine ora che qualcuno prendesse il cuore in mano e si
metta seriamente a fare una dura opposizione, ma non contro Tizio o Caio, bensì criticando il
sistema dei partiti tout-court per come è tuttora strutturato. Il regno del parlamentarismo e
dell'intermediazione parassitaria,del "deficit spending" e del voto comprato e scambiato, dal
Manzanarre al Reno. Naturalmente il tutto a debito e sulle spalle nostre, in particolare di quei
p
poveracci che lavorano e producono ogni dì. Gli stipendi dei politici vanno ridotti, ma ancor di più
va dimezzato il loro numero e sopratutto il gigantesco finanziamento pubblico, eufemisticamente
definito rimborso elettorale. Rimborso de che? Ma la scure tagliente va calata su quello che si
chiama sottogoverno, enti locali e parastato, quelle centinaia e migliaia di aziende pubbliche
inutili, in perdita e costose, che non hanno nessun' altra funzione di raccogliere, consolidare e
convogliare il consenso corrotto e manipolato. In questa vasta plaga italica dove scompare la
meritocrazia e trionfano indefessi gli "scurriculum". La vera linfa vitale, il mero meccanismo
referenziale, che perpetuamente alimentano le caste. Dove però ahimè si sono sistemati anche
tanti figli di semplici italiani, parenti pure nostri. Se non si elimina chirurgicamente questa
metastasi, la fine giungerà prestissimo. Difficile credere che eseguano tale operazione i beneficiari
ultimi di questi privilegi. In un paese che si sta deberlusconizzando dalla fresca sbornia
bonapartista, non resterebbe altro che pensare ad un nuovo 48! Ed intanto i super partes Monti e
Passera sognano una legge per cui, per diventare premier, bisogna prima aver lavorato in una
banca.
                                                                         -di Luigi Cardarelli-


                                                ULTIMISSIME SU PERICOLO
                                                     NEOFASCISTA !
                                             Nella Palestra-Covo di MILITIA, a Roma,
                                             trovato un Asilo Nido per l'Addestramento
                                          Precoce di Adolescenti da avviare sulle vie del
                                                        Fanatismo Reazionario.
                                                    Foto irrefutabili e schiaccianti.
                                           Gli interessati lunghissimamente interrogati
                                          prima si sono RIFIUTATI DI PARLARE, infine si
                                                  son messi a strillare senza ritegno.
                                              ( I loro avvocati hanno sostenuto che era
                                                          "l'ora della pappa").
m                                         Sequestrati ingenti partite di armi di cioccolata
                                          e pelouches di ORBACE in tenute paramilitari .
                                              Allarme in Procura. Sdegno di Alemanno
                                           iene
                                     Fini tiene in piedi pure un Giocattolone che si                                           Stateve buone
                                                                                                               E che ve devo   e STATEVE
                                    chiama “Fondazione Camera dei Deputati” che                                dì? Eravamo a   ACCUORTE!
                                                         l’anno….ma che NON si tocca
                                   costa 600.000 euro l’anno….                                                 mare .Un po’
                                                                                                                di Monti ce
                                                                                                                 vulevano!
                                                                                                                 vulevano!




                                    *E’ durante le baruffe, “a caldo” che spesso vengono fuori delle
Piccole Verità quasi sempre ignorate dai più. Una doppia scintilla ha surriscaldato pochi giorni fa
la seduta della Camera dei Deputati,ed           ha trasformato l’aula in un terreno infuocato di
contrapposizioni ,producendo una aperta contestazione nei confronti del presidente della Camera                Ha da passà a nuttata!
                                      rre
. La prima scarica elettrica che percorre Montecitorio è quella del «caso Barbato», il
parlamentare dell’Idv che ha filmato di nascosto le sue conversazioni con alcuni parlamentari per
conto della trasmissione «Gli Intoccabili». La seconda è la sortita ostruzionistica della Lega che
accompagna la discussione sulla manovra Monti con urla e fischi. Due episodi che si intrecciano e
diventano una miscela esplosiva quando il presidente della Camera dispone l’espulsione dei
                                                                     nell’intervento di
deputati del Carroccio, Buonanno e Rainieri. Una bagarre che culmina nell’int
Alessandra Mussolini che prende la parola e lancia il suo j’accuse. «Lei, presidente Fini, caccia
Bonanno della Lega mentre Barbato si permette ancora di rimanere in aula» attacca la
                                                            deputato che ha mandato in onda
parlamentare napoletana. «Lei ha l’obbligo di denunciare il de
filmati ripresi con una telecamera nascosta, in violazione. Lei ha l’obbligo di denunciarlo. Ma che
presidente della Camera abbiamo che non difende le istituzioni alle quali lui appartiene?». I toni
sono accorati, la partecipazione emotiva fortissima. Un crescendo che culmina nella richiesta di
un passo indietro rivolta verso il massimo inquilino di Montecitorio. «Lei presidente si sta
facendo la campagna elettorale sulla pelle nostra. Si tolga la Fondazione della Camera che
andrà a presiedere, che sono 600mila euro l’anno, e si dimetta. Si vergogni». Una chiusa
urlata, accompagnata da un «vaffa» a microfono spento. Come non bastasse, poco prima il
leghista Gianluca Pini aveva concluso il suo intervento dando del «cialtrone» a Fini. A quel punto
alcuni leghisti a urlare la parola dimissioni. Volano anche fischi. Decisamente, non un bel
                                                                    Deputati,
vedere. Il riferimento della Mussolini è alla Fondazione Camera dei Deputati creata nel 2002 da
                                             ica
Pier Ferdinando Casini. Un’istituzione pletorica ed “ornamentale” per cui si è chiesto più volte
alla Camera di impegnare l’ufficio di presidenza per sciogliere un ente sostanzialmente inutile e
costoso che ha già gravato sul bilancio per circa 15 milioni, buono solo per far rimanere nel giro
gli ex presidenti della Camera non rieletti (materia questa che interessa tanto a Bertinotti).
Questo spreco di denaro pubblico non può continuare visto che le iniziative di promozione e
immagine     (?) della Fondazione potrebbero essere svolte direttamente dalla Camera stessa.
Peraltro non risulta che il Senato abbia costituito una Fondazione con compiti simili e questo ne
comprova l’inutilità».


       No, NO IL PD NON RAPPRESENTA NESSUNO !“ Dichiara Bersani : “Ho letto i giornali
questa mattina: non si azzardino a parlare di lobbismo attribuendolo al Pd. Basta mettere tutti nel
mucchio, si facciano piuttosto nomi e cognomi". Questa frase letta sulle agenzie è una frase che
                                         rsani
che colpisce perché è evidente che Bersani non si rende conto che dire che il Pd "non fa lobbismo" è
dire una cosa che non ha senso, e che anzi è offensivo per lo stesso Pd.. Il lobbismo trasparente, e
non ci vuole certo una scienza per capirlo, è una delle caratteristiche di tutti i partiti moderni, e un
partito che nega di rappresentare qualcuno – e che nega di rappresentare anche gli interessi di
qualcuno – è un partito che dice una bugia. Una bugia che tra l’altro viene alimentata proprio dalla
                                                   entrosinistra,
stessa classe politica (compresa quella di centrosinistra, se non soprattutto) che considera il
             uasi
lobbismo quasi come un’attività criminale, illegale, immorale – e che anche per questo da anni si
                                                                                                       sfera
rifiuta di dare una legittimità legislativa a quella zona grigia che esiste tra la sfera pubblica e la sfe
non pubblica :aziende, multinazionali, imprenditori, sindacati, eccetera. In un qualsiasi paese
    identale
occidentale fare gli interessi di una categoria sociale, rappresentarla dovrebbe essere naturale,.
                                                                      Destra,
                                  Riprende forma, contro i circoli di Destra il tentativo di
                                   bandire nuove criminalizzazioni e Cacce alle Streghe.
                                  Con una volgarità indiscriminata che ha di nuovo fatto
                                           “sbilanciare” Pietrangelo Buttafuoco




                                                             chiudere”,
Quando è troppo è troppo. Intervistato sui “COVI FASCISTI da chiudere Pietrangelo
                    «È                  cameramen,
Buttafuoco insorge :«È una questione di cameramen non di camerati. I Centri di Destra sono
vittima di un riflesso condizionato, di chi ha interesse ad associare la camicia nera alle mascelle
quadrate e alle zucche vuote. È un giochino, un intreccio pericoloso. Ma che fa molto
                          ’uomo
comodo»Gianluca Casseri, l’uomo che ha ammazzato i due senegalesi a Firenze, frequentava il
centro e oggi sono molti quelli che puntano il dito e gridano alla chiusura, dimenticando i tanti
                                                                                  tranquillamente a
arresti di militanti, di neo brigatisti nei centri sociali «rossi» che continuano tranquilla
funzionare e che nessuno ha mai fatto chiudere.. Lì non esiste questa porcheria. Il resto è
caricatura che fa comodo ai giornali. Ai cameramen, appunto, che evocano mostri per farne un
                       LA         INSIDIOSA-“
carnevale ideologico».-LA DOMANDA INSIDIOSA                     Cosa aveva in comune Casseri con
“CasaPound”? «Niente. Da una parte c’è un ragioniere pazzo, uno squinternato che transita
dalle loro parti. Un tipo malato di estremismo, cresciuto con il linguaggio volgare e feroce dei
giornali, che vede l’Eurabia e schiuma rabbia, che ha in mente le pisciate e gli sputi sul
 abba
Battistero. Dall’altra un circolo culturale di altissimo livello che oggi subisce l’attacco e la critica
di gente che non conosce questo centro». Loro si basano su Musica e cultura. Un circuito
culturale che ha sedi in tutta Italia. Hanno anche una radio, “Radio Bandiera Nera”».Che
sembra un nome “inquietante”, ma             detto così sembra riduttivo;         invece, fanno ottimi
programmi, hanno il loro gruppo musicale gli Zeta Zero Alfa. Ma non solo, c’è molta solidarietà.
       ei
È uno dei fulcri al centro. «Additare ora fa comodo alla sinistra, ma anche a certa “destra” . Che
usa questi ragazzi come esempio per dire di essere migliore e usa la caricatura del fascista
cretino». Loro si ispirano alla poetica di Ezra Pound prima di tutto. Orientata all’apertura ed al
multiculturalismo,. Quindi chiamarli fascisti sarebbe come schematizzarli. Loro non sono né di
Alleanza nazionale né di altro gruppo. Non fanno politica, ma cultura»..«Di sicuro c’è bisogno di
                                 amento,
una profonda riflessione e ripensamento, ma non ha senso chiuderli, come viene richiesto da
taluni..Anzi, oggi, il loro consenso studentesco è sicuramente aumentato. Ma per un semplice
motivo. Che loro pescano negli ambienti popolari, a differenza dei centri sociali di sinistra che
      amente                                                                     storia.”
notoriamente sono frequentati da ragazzi di buona famiglia. Ma questa è un’altra storia.

                         In democrazia ha un senso metter “fuorilegge” le opinioni non
                         “gradite” e arrestar gente che non ha commesso altri reati ?


                        “Arresti per la Libertà”                                            Ridicoli!

     Fabrizio Rondolino su “il Giornale” : “(Roma): Nessun
                                           violento.
imputato ha commesso il minimo atto violento. In pratica, solo «centinaia di scritte xenofobe
              Roma», »,“Opinioni
sui muri di Roma»,“Opinioni anche orribili, nefaste, irricevibili. Ma opinioni, e nessuno dovrebbe
avere il diritto di censurarle, né tantomeno di trasformarle in reato penale.            Misurare      la
pericolosità di una azione è relativamente semplice; ma come si misura la pericolosità di un’idea?
                                                                            non
Valutarla in base alle conseguenze materiali di cui potrebbe essere causa n è semplice: prese alla
lettera, ci sono affermazioni della Bibbia o del Corano che suonano come istigazioni all’omicidio.
Applicare un criterio storico è impossibile, perché dovremmo mettere fuori legge non soltanto il
comunismo, ma più o meno tutte le religioni, nel cui nome sono stati perpetrati massacri inauditi.
Entrare nel merito delle varie opinioni, per valutarne ad esempio la compatibilità con il buonsenso,
è a dir poco rischioso, perché anche il buonsenso è mutevole: centocinquant’anni fa negli Stati Uniti
la schiavitù era per molti un’idea morale. L’Occidente ha cominciato a porsi questi interrogativi nel
Seicento, all’epoca delle grandi guerre di religione, e ne ha cavato fuori il pensiero liberale e l’idea
di tolleranza. La coabitazione delle idee diverse   - questo il succo - è preferibile alla guerra civile.”
Oppure qualcuno “ci spera” ?

								
To top