disciplinare VERDE by IJ6ol2uG

VIEWS: 7 PAGES: 47

									 LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA DEL VERDE LUNGO LE STRADE PROVINCIALI DI
                          MONZA E DELLA BRIANZA
                             CIG 24991457B0


                                  DISCIPLINARE di GARA

TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE: 22 GIUGNO 2011 – ORE 12,00
DATA PRIMA SEDUTA: 23 GIUGNO – ORE 9,30.


IL PRESENTE DISCIPLINARE di GARA CONTIENE LE NORME INTEGRATIVE DEL BANDO IN
ORDINE AI REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA, ALLE MODALITÀ di
COMPILAZIONE E PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA, AI DOCUMENTI DA PRESENTARE A
CORREDO DELLA STESSA ED ALLA PROCEDURA di AGGIUDICAZIONE

ART. 1 - STAZIONE APPALTANTE
Provincia di Monza e della Brianza. Piazza Diaz, 1 20900 Monza C.F. 94616010156 - P.

IVA: 06894190963.
Tel. n. 039.975.6206
Fax n. 039.975.6700

http://www.provincia.mb.it
e-mail: appalti@provincia.mb.it

ART. 2 – OGGETTO DELL’APPALTO
Oggetto del presente appalto è l’affidamento dei lavori di manutenzione ordinaria verde
sulle strade provinciali nel territorio di Monza e Brianza di cui agli elaborati progettuali
approvati con la determinazione a contrarre R.G. 1648/2011 del 23/05/2011.

ART. 3 – SOGGETTI AMMESSI ALLA PROCEDURA
Sono ammessi a partecipare alla gara, i soggetti di cui agli artt. 34, 35, 36 e 37 del D.
Lgs. 12/04/2006, n. 163 testo vigente.
Sono ammessi i soggetti con sede in altri Stati membri dell’Unione Europea alle
condizioni di cui agli artt. 38 commi 4 e 5 , 39, 44 e 47 del D. Lgs. 12/04/2006, n. 163.
Ai sensi di quanto previsto dall'art. 37 c. 8) del D. Lgs n. 163/2006, i soggetti di cui
all’art. 34, comma 1, lett. d) (raggruppamenti temporanei di concorrenti) e lett. e)
(consorzi di cui all’art. 2602 c.c.) del d. Lgs 12/04/2006, n. 163 possono presentare
offerte anche se non ancora costituiti. In tal caso l’offerta deve essere sottoscritta, a
pena di esclusione, da tutti gli operatori economici che costituiranno i raggruppamenti o
i consorzi, deve contenere l'impegno che, in caso di aggiudicazione della gara, gli stessi
operatori conferiranno mandato collettivo speciale con rappresentanza a uno di essi da
indicare in sede di offerta e qualificato come mandatario, il quale stipulerà il contratto
in nome e per conto proprio e dei mandanti.
Ai sensi dell'art. 37, c. 7), del D. Lgs 12/04/2006, n. 163, è fatto divieto agli offerenti, a
pena di esclusione, di partecipare alla gara in più di un raggruppamento temporaneo o

1
consorzio ordinario di concorrenti, ovvero di partecipare alla gara anche in forma
individuale qualora abbia partecipato alla gara medesima in raggruppamento o consorzio
ordinario di concorrenti.
I consorzi di cui all’art. 34, comma 1, lett. b) (consorzi tra società cooperative di
produzione e lavoro e tra imprese artigiane) sono tenuti ad indicare, a pena di
esclusione, in sede di offerta, per quali consorziati il consorzio concorre; a questi ultimi
è vietato partecipare in qualsiasi altra forma, alla medesima gara; in caso di violazione
sono esclusi dalla gara sia il consorzio, sia il consorziato. In caso d’inosservanza di tale
divieto si applica l'art. 353 del C.P.
Ai sensi dell'art. 36, c. 5) del D. Lgs 12/04/2006, n. 163, è vietata a pena di esclusione la
partecipazione alla gara del consorzio stabile e dei consorziati. In caso di inosservanza di
tale divieto si applica l'art. 353 del C.P. E' inoltre vietata la partecipazione a più di un
consorzio stabile.
Salvo quanto disposto dai commi 18 e 19 dell’art.37 del citato D. Lgs 12/04/2006, n. 163
è vietata qualsiasi modificazione alla composizione dei sopra indicati raggruppamenti
temporanei e dei consorzi ordinari di concorrenti rispetto a quella risultante
dall’impegno presentato in sede d’offerta.
Ai sensi dell’art. 37, comma 9 del cit. D. Lgs 12/04/2006, n. 163 è vietata l’associazione
in partecipazione.

ART. 4 - REQUISITI di PARTECIPAZIONE D’ORDINE GENERALE
Ai sensi di quanto previsto dall’art. 38 del D. Lgs 12/04/2006, n. 163 testo vigente sono
esclusi dalla partecipazione alla gara i soggetti:
a) che si trovano in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo
o nei cui riguardi sia in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali
situazioni;
b) nei cui confronti è pendente un procedimento per l’applicazione di una delle misure
di prevenzione di cui all’art. 3 della L. 1423/1956 o di una delle cause ostative previste
dall’art. 10 della L. 575/65.
L’esclusione e il divieto operano se la pendenza del procedimento riguarda il titolare o il
direttore tecnico se si tratta di impresa individuale; tutti i soci o il direttore tecnico, se
si tratta di società in nome collettivo; i soci accomandatari o il direttore tecnico se si
tratta di società in accomandita semplice; gli amministratori muniti di potere di
rappresentanza o il direttore tecnico se si tratta di altro tipo di società o consorzio
c) nei confronti delle persone sopra indicate , negli ultimi cinque anni , siano stati estesi
gli effetti delle misure di prevenzione della sorveglianza di cui all’art. 3 della L.
1423/1956 irrogate nei confronti di un proprio convivente.
d) nei cui confronti è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, o
emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza di
applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura
penale, per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità
professionale. E’ comunque causa di esclusione la condanna, con sentenza passata in
giudicato, per uno o più reati di partecipazione a un’organizzazione criminale,
corruzione, frode, riciclaggio, quali definiti dagli atti comunitari citati all’articolo 45,
paragrafo 1, direttiva CE 2004/18.
L’esclusione e il divieto operano se la sentenza o il decreto sono stati emessi nei
confronti: del titolare o del direttore tecnico, se si tratta di impresa individuale; del
socio o del direttore tecnico, se si tratta di società in nome collettivo; dei soci
accomandatari o del direttore tecnico se si tratta di società in accomandita semplice;
2
degli amministratori muniti di potere di rappresentanza o del direttore tecnico, se si
tratta di altro tipo di società o consorzio. In ogni caso l’esclusione e il divieto operano
anche nei confronti dei soggetti cessati dalla carica nel triennio antecedente la data del
bando di gara, qualora l'impresa non dimostri di aver adottato atti o misure di completa
dissociazione della condotta penalmente sanzionata; resta salva in ogni caso
l'applicazione dell'articolo 178 del codice penale e dell'articolo 445, comma 2, del codice
di procedura penale.
Gli offerenti devono dichiarare tutte le condanne eventualmente riportate dai
soggetti sopra indicati, senza eccezione alcuna, poiché la valutazione dell’eventuale
incidenza sull’affidabilità professionale dell’impresa spetta unicamente alla stazione
appaltante. Inoltre le indicazioni relative agli estremi dell’eventuale condanna
dovranno essere chiare e dettagliate al fine di consentire all’organo di gara la
verifica direttamente in seduta di gara, senza alcuna sospensione per la celerità del
procedimento.
e) che hanno violato il divieto di intestazione fiduciaria posto all’art. 17 della L.
19/03/1990, n. 55;
f) che hanno commesso gravi infrazioni debitamente accertate alle norme in materia di
sicurezza e a ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro, risultanti dai dati in
possesso dell’Osservatorio;
g) che, secondo motivata valutazione della stazione appaltante, hanno commesso grave
negligenza o malafede nell’esecuzione delle prestazioni affidate dalla stazione
appaltante che bandisce la gara; o che hanno commesso un errore grave nell’esercizio
della loro attività professionale, accertato con qualsiasi mezzo di prova da parte della
stazione appaltante;
h) che hanno commesso violazioni, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi
relativi al pagamento delle imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o quella
dello Stato in cui sono stabiliti;
i) che, nell’anno antecedente la data del bando di gara, hanno reso false dichiarazioni in
merito ai requisiti e alle condizioni rilevanti per la partecipazione alle procedure di
gara, risultanti dai dati in possesso all’Osservatorio;
l) che hanno commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in
materia di contributi previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o dello
Stato in cui sono stabiliti;
m) che non presentino la certificazione di cui all’articolo 17 della legge 12/03/1999, n.
68, salvo il disposto del comma 2;
n) nei cui confronti è stata applicata la sanzione interdittiva di cui all’articolo 9, comma
2, lettera c), del decreto legislativo 08/06/2001, n. 231 o altra sanzione che comporta il
divieto di contrarre con la pubblica amministrazione compresi i provvedimenti
interdittivi di cui all’art. 36 bis, comma 1, del D.L. 4.7.2006, n. 223, convertito con
modificazioni nella legge 04.08.2006, n. 248 (ora art.14, c.1, del D. Lgs n.81/2008 e
s.m.);
o) di cui alla precedente lettera b) che, anche in assenza nei loro confronti di un
procedimento per l’applicazione di una misura di prevenzione o di una causa ostativa ivi
previste, pur essendo stati vittime dei reati previsti e puniti dagli articoli 317 e 629 del
codice penale, aggravati, non risultino aver denunciato i fatti all’autorità giudiziaria,
salvo che ricorrano i casi previsti dall’articolo 4, primo comma, della legge 24 novembre
1981, n. 689.
La circostanza deve emergere dagli indizi a base della richiesta di rinvio a giudizio
formulata nei confronti dell’imputato nei tre anni antecedenti alla data del bando di
3
gara e deve essere comunicata, unitamente alle generalità del soggetto che ha omesso
la predetta denuncia, dal procuratore della Repubblica procedente all’Autorità di cui
all’articolo 6, la quale cura la pubblicazione della comunicazione sul sito
dell’Osservatorio;
p) che si trovino, rispetto a un altro partecipante alla medesima procedura di
affidamento, in una situazione di controllo di cui all'articolo 2359 del codice civile o in
una qualsiasi relazione, anche, di fatto, se la situazione di controllo o la relazione
comporti che le offerte sono imputabili ad un unico centro decisionale.
Gli offerenti dichiarano alternativamente: a) di non essere in una situazione di
controllo di cui all’articolo 2359 del codice civile con nessun partecipante alla
medesima procedura; b) di essere in una situazione di controllo di cui all’art. 2359
del codice civile e di aver formulato autonomamente l’offerta, con indicazione del
concorrente con cui sussiste tale situazione.
In tal caso la dichiarazione è corredata dai documenti utili a dimostrare che la
situazione di controllo non ha influito sulla formulazione dell’offerta, inseriti in
separata busta chiusa. La stazione appaltante esclude gli offerenti per i quali accerta
che le relative offerte siano imputabili a un unico centro decisionale, sulla base di
univoci elementi. La verifica e l’eventuale esclusione sono disposte dopo l’apertura
delle buste contenenti l’offerta economica (art. 38, c.2) del D. Lgs 12/04/2006,
n.163 e s.m.).

I casi di esclusione di cui sopra non si applicano alle aziende o società sottoposte a
sequestro o confisca ai sensi dell’articolo 12-sexies del decreto-legge 8 giugno 1992, n.
306, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1992, n. 356, o della legge 31
maggio 1965, n. 575, ed affidate ad un custode o amministratore giudiziario o
finanziario.

Inoltre, ai sensi di quanto previsto dalla vigente normativa, sono esclusi dalla
partecipazione alla gara i soggetti:
- che si sono avvalsi - e non sono ancora terminati - dei piani di emersione previsti dalla
L. 18/10/2001, n. 383, introdotto dall’art. 1, comma 2, del D.L. 25/09/2002, n. 210,
convertito in legge, con modificazioni, dalla L. 22/11/2002, n. 266;
- che non hanno ottemperato, all’interno della propria azienda, agli obblighi di sicurezza
previsti dalla vigente normativa, ai sensi dell’art. 87, c. 4 bis, del D. Lgs n. 163/2006 e
s.m.
- in caso di non veridicità delle autocertificazioni, ai sensi dell’art. 75 del DPR 445/2000,
ove tali dichiarazioni non risultino confermate - anche solo per uno dei requisiti come
sopra richiesti - dalla documentazione che la stazione appaltante acquisirà d’ufficio ai
sensi dell’art. 71 del predetto DPR 445/2000.
Per la partecipazione alla gara il possesso dei suddetti requisiti è fornito dall'offerente
presentando un’autocertificazione resa ai sensi del D.P.R. 445/2000.

ART. 5 – REQUISITI di IDONEITA' PROFESSIONALE
Possesso certificazione SOA in OS24 classifica I.
Condizione minima di partecipazione alla gara è il possesso di attestazione di
qualificazione rilasciata da una S.O.A., in corso di validità, ai sensi del D.P.R. 34/2000
(in relazione all’art.253, comma 3 D.Lgs. 12/04/2006, n. 163), per categoria/e e
classifica/che adeguata/e ai lavori d’appalto.

4
In caso di partecipazione alla procedura di gara in Raggruppamento Temporaneo i
requisiti dovranno essere posseduti dal R.T.I. nel suo complesso.

ART. 6 – CRITERIO di AGGIUDICAZIONE dei lavori.
La scelta del contraente avverrà mediante procedura aperta, ai sensi dell’articolo 55,
c.5) del D.Lgs. 12/04/2006, n. 163 testo vigente.


Nella busta “B - Offerta economica” devono essere contenuti, a pena di esclusione
dalla gara, i seguenti documenti :

    1) Dichiarazione sottoscritta dal legale rappresentante o da un suo procuratore,
       contenente l’indicazione del valore di tutti gli elementi di natura quantitativa
       previsti dal bando, espressi in cifre e lettere, (prezzo presunto che il concorrente
       richiede per l’esecuzione dei lavori − inferiore al prezzo complessivo presunto
       dell’appalto al netto di qualsiasi onere o spesa non soggetto a ribasso − nonché il
       conseguente ribasso percentuale, anch’esso espresso in cifre e in lettere, del
       prezzo presunto complessivo offerto rispetto al prezzo complessivo presunto
       dell’appalto al netto di qualsiasi onere o spesa non soggetto a ribasso); il prezzo
       complessivo presunto offerto deve essere determinato, ai sensi dell’articolo 82
       del d.lgs. 12/04/2006, n.163 e s.m.i. , mediante offerta a prezzi unitari
       compilata secondo le norme e con le modalità previste nel presente disciplinare
       di gara;


    2) Lista delle categorie di lavorazioni e forniture previste per l’esecuzione dei
       lavori, messa a disposizione dalla stazione appaltante in formato cartaceo,
       completata in ogni sua parte e in base alla quale è determinato il prezzo
       complessivo presunto offerto nonché i prezzi unitari offerti che saranno utilizzati
       per il pagamento a misura delle prestazioni eseguite; la lista deve essere redatta
       dal concorrente in formato cartaceo e in CD.


Si precisa e si prescrive:

          a) che la lista di cui al precedente punto 2) è composta di sette colonne nelle
             quali sono riportati i seguenti dati: nella prima, il numero di riferimento
             dell’elenco delle descrizioni delle varie lavorazioni e forniture oggetto
             dell’appalto; nella seconda la descrizione dettagliata o sintetica delle
             varie lavorazioni e forniture; nella terza le unità di misura; nella quarta il
             quantitativo presunto previsto per ogni voce. I concorrenti riporteranno:


                   1) nella quinta e sesta colonna, i prezzi unitari - al netto dei costi
                      della sicurezza, espressi in cifre nella quinta ed in lettere nella
                      sesta;
                   2) nella settima colonna riporteranno i prodotti dei quantitativi
                      indicati nella quarta colonna per i prezzi unitari indicati nella
                      sesta colonna;

5
          b) che in calce all'ultima pagina della lista il concorrente indica:


             1) il prezzo complessivo offerto - al netto dei costi della sicurezza, e
                degli importi a disposizione della stazione appaltante per lavori in
                economia e degli oneri di adeguamento alle normative - rappresentato
                dalla somma dei prodotti riportati nella settima colonna, espresso in
                cifre ed in lettere;
             2) il conseguente ribasso percentuale offerto rispetto al prezzo posto a
                base di gara, espresso in cifre e in lettere, calcolato fino alla terza cifra
                decimale arrotondata all’unità superiore qualora la quarta cifra
                decimale sia pari o superiore a cinque;


          c) che la lista ha valore ai soli fini dell’aggiudicazione e non anche per la
             determinazione del corrispettivo che rimane stabilito a misura;


          d) che deve essere utilizzata esclusivamente la lista vidimata
             preventivamente su ogni foglio dall’incaricato della stazione appaltante;


          e) che la lista deve essere sottoscritta su ciascun foglio dal legale
             rappresentante del concorrente o da altro soggetto avente i medesimi
             poteri, come risultante dalla documentazione presentata.

          f) La lista non può presentare correzioni che non siano da lui stesso
             confermate singolarmente con firma a margine di ciascuna, ovvero
             cumulativamente sullo stesso margine o in calce ad ogni foglio ma, in
             questo caso, con la postilla «si confermano le correzioni ai prezzi n.
             _____», completa dei numeri delle voci corrette, tratti dalla prima
             colonna, a pena di esclusione dell’offerta.


(nel caso di raggruppamenti temporanei e consorzi ordinari non ancora costituiti):

La dichiarazione di cui al punto 1) e la lista di cui al punto 2) devono essere sottoscritte
dai legali rappresentanti di tutti gli operatori economici che costituiranno il
concorrente.

La stazione appaltante, dopo l’aggiudicazione definitiva e prima della stipulazione del
contratto, procede alla verifica dei conteggi della “lista delle categorie di lavorazione
e forniture previste per l’esecuzione dei lavori” tenendo per validi ed immutabili le
quantità ed i prezzi unitari offerti, espressi in lettere, correggendo, ove si riscontrino
errori di calcolo, i prodotti e/o la somma. In caso di discordanza fra il prezzo
complessivo risultante da tale verifica e quello dipendente dal ribasso percentuale come

6
indicato nella dichiarazione di cui al punto 1), tutti i prezzi unitari offerti saranno
corretti in modo costante in base alla percentuale di discordanza.

I prezzi unitari offerti dall’aggiudicatario, costituiranno l’elenco dei prezzi unitari
contrattuali. In caso di discordanza fra prezzi unitari offerti relativi a medesime
categorie di lavorazioni o forniture sarà considerato prezzo contrattuale quello di
importo minore.

L’individuazione delle offerte anormalmente basse sarà effettuata a norma dell’art. 122
comma 9 del D.Lgs. 12/04/2006, n. 163, fatta salva la facoltà di cui all’art. 86, comma
3, del D. Lgs n. 163/2006.
L'aggiudicazione sarà effettuata anche nel caso di presentazione di una sola offerta
valida, sempre che sia ritenuta congrua e conveniente dal Committente.
L’Ente appaltante si riserva la facoltà insindacabile, di non procedere all’aggiudicazione
e/o di non provvedere all’appalto, ovvero di non convalidare l’aggiudicazione della gara
stessa.
Nelle suddette ipotesi, l’esperimento s’intenderà nullo a tutti gli effetti e i concorrenti,
o il concorrente provvisoriamente aggiudicatario, non avrà nulla a pretendere per la
mancata aggiudicazione.
Nel caso di conclusione anticipata del contratto per un qualsiasi motivo, l’Ente
appaltante ha facoltà di rivolgersi al secondo miglior offerente per l'assegnazione del
servizio.

ART.7 - PROCEDURA di GARA
Ai sensi dell'art.107 del D. Lgs n.267/2000, la procedura sarà presieduta da un Dirigente
della Provincia, assistito da un dipendente della stazione appaltante in qualità di
segretario con funzioni verbalizzanti, e da due esperti designati da chi presiede la gara.
Il Presidente di gara si riserva la facoltà insindacabile di non far luogo alla gara stessa o
di prorogarne le date comunicandolo agli offerenti
Il soggetto deputato all’espletamento della gara, nel giorno ed all'ora indicati nel bando
di gara, si riunirà in una sala dell’Amministrazione Provinciale in prima seduta pubblica.
Durante tale fase il Presidente procederà:
a) alla verifica della conformità di ciascun plico pervenuto, relativamente al termine di
arrivo ed ai requisiti esterni richiesti dal presente disciplinare;
b) all'apertura dell'unico plico contenitore ed alla verifica dei requisiti esterni richiesti
dal presente atto del plico "Offerta Economica”;
c) all'esame della documentazione amministrativa ed all’ammissione o esclusione dei
concorrenti alla gara;
d) alla verifica che non abbiano presentato offerte concorrenti che, in base alla
dichiarazione presentata, siano fra di loro in situazione di controllo e/o collegamento
sostanziale e, in caso positivo, ad escluderli dalla gara.
Infine, nel giorno fissato dal bando per la seduta pubblica presso la sede
dell’Amministrazione Provinciale di Monza e della Brianza, Piazza Diaz n. 1, il Presidente
procederà all'apertura del plico “Offerta Economica”, alla verifica della regolarità del
suo contenuto, pena l'esclusione dalla gara, ed alla determinazione della soglia di
anomalia come previsto dall’art. 122 comma 9 del D.Lgs. 12/04/2006, n. 163.



7
Al termine di tale operazione sarà formata la graduatoria degli offerenti ed effettuata
l’eventuale verifica per l’individuazione delle eventuali offerte anormalmente basse a
norma dell’art. 86 del D. Lgs 12/04/2006, n.163.
In caso di offerte anormalmente basse si procederà alla verifica con le modalità di cui
all’art.87 del D. Lgs n.163/2006.
Successivamente il responsabile del procedimento con atto dirigenziale procederà
all’approvazione dei verbali di gara e della verifica di congruità, all’eventuale esclusione
delle offerte ritenute non congrue, nonché all’approvazione della graduatoria
provvisoria di aggiudicazione ed eventualmente rideterminata per l’esclusione delle
offerte che non siano state ritenute congrue.
E’ espressamente stabilito che l’impegno dell’aggiudicatario è valido dal momento
stesso dell’offerta, mentre l’Amministrazione resterà vincolata solo ad intervenuta
aggiudicazione definitiva, fatto salvo l’esercizio dei poteri di autotutela nei casi
consentiti dalle norme vigenti.
La stazione appaltante si riserva la facoltà, prevista dall’art. 81, comma 3, del D. lgs.
12/04/2006, n. 163 e s.m., di non procedere all’aggiudicazione se nessuna offerta
risulti conveniente o idonea in relazione all’oggetto del contratto.
La stazione appaltante si riserva la facoltà insindacabile, di non procedere
all’aggiudicazione e/o di non provvedere all’affidamento, ovvero di non convalidare
l’aggiudicazione della gara stessa.
Nelle suddette ipotesi, l’esperimento s’intenderà nullo a tutti gli effetti e i concorrenti,
o il concorrente provvisoriamente aggiudicatario, non avrà nulla a pretendere per la
mancata aggiudicazione.
L'aggiudicazione provvisoria non costituisce la conclusione del contratto che sarà
stipulato dopo l'intervenuta esecutività della determinazione dirigenziale di affidamento
definitivo.
Dopo l’approvazione dei verbali di gara la stazione appaltante comunica l’adozione
dell’atto agli offerenti ed ai concorrenti eventualmente esclusi dalla procedura di gara
entro cinque giorni dalla data di adozione dell’atto medesimo a norma dell’art. 79. c.5,
del D. Lgs n.163/2006.
Successivamente la stazione appaltante procederà d’Ufficio all’acquisizione della
documentazione per le verifiche previste dall’art. 71 del D.P.R. 445/2000 sulla veridicità
delle dichiarazioni sostitutive presentate in sede di gara dai concorrenti primo e secondo
classificato, salvo di altri offerenti se ritenuto necessario.
Ai sensi dell’art. 75 del medesimo DPR 445/2000, in caso di non veridicità di tali
dichiarazioni, la stazione appaltante procederà all’esclusione automatica dalla
procedura di gara dei concorrenti che, sulla base dei documenti acquisiti
direttamente non siano in regola con il possesso di uno dei requisiti come sopra
richiesti per la partecipazione alla gara.
Nel predetto caso verrà data comunicazione (a tutti gli offerenti ammessi alla
procedura) dell’avvio del procedimento di esclusione a norma della legge n.241/90 e
s.m., per la comunicazione dell’eventuale data della nuova seduta per la rinnovazione
parziale del procedimento di gara. Resta comunque facoltà della stazione appaltante
procedere ad individuare nuovi aggiudicatari provvisori oppure a dichiarare deserta la
gara alla luce degli elementi economici desumibili dalla nuova eventuale aggiudicazione.
Ai sensi del combinato disposto dagli art.11 e 12 del D. Lgs n.163/2006 si precisa che:
   L’aggiudicazione definitiva verrà effettuata con atto dirigenziale, previa verifica del
possesso dei requisiti partecipazione alla presente procedura ai sensi dell’art. 11 comma
8 del D.Lgs. 12/04/2006, n. 163 testo vigente.
8
      L’affidatario è tenuto alla presentazione di tutta la documentazione occorrente per
la stipulazione del contratto di servizio entro giorni 15 dalla data della comunicazione
dell’aggiudicazione definitiva. La documentazione da produrre ed il relativo termine di
presentazione verranno elencati e richiesti per Fax, cui farà seguito comunicazione
scritta.
  Il termine per la stipulazione del contratto in forma pubblica amministrativa è
stabilito, ai sensi dell’art. 11, comma 9 del D. Lgs. 163/2006 e s.m., in 60 (sessanta)
giorni decorrenti dall’esecutività della determina di aggiudicazione definitiva.
  La stazione appaltante, ai sensi dell’art. 79, c.5) del D. Lgs n.163/2006, comunica agli
offerenti:
a) l’aggiudicazione definitiva del servizio;
b) la stipulazione del contratto:

ART. 8 - DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE PER AVVALERSI DELL’ISTITUTO
DELL’AVVALIMENTO
Ai sensi di quanto previsto dall’art.49 del D. Lgs n.163/2006, i concorrenti, singoli o
consorziati o raggruppati ai sensi dell’art.34 dello stesso D. Lgs 163/2006, possono
ricorrere all’istituto dell’avvalimento per soddisfare la richiesta relativa al possesso dei
requisiti di carattere tecnico organizzativo necessari per partecipare alla presente gara
avvalendosi dei requisiti di un altro soggetto (impresa ausiliaria).
In tal caso il concorrente e l’impresa ausiliaria sono responsabili in solido nei confronti
della stazione appaltante in relazione alle prestazioni oggetto dei contratti.
In caso di ricorso all’avvalimento, il concorrente e l’impresa ausiliaria, a pena di
esclusione dalla gara, devono attenersi alle disposizioni di cui al predetto art. 49 ed
inserire nel plico della documentazione amministrativa quanto in esso richiesto.

ART. 9 - CAUZIONI E GARANZIE RICHIESTE
L’offerta dei concorrenti deve essere corredata da cauzione provvisoria come definita
dall’art. 75, commi da 1 a 6, del D.Lgs. 12/04/2006, n. 163 e s.m.i. costituita, a scelta
del concorrente, secondo le modalità di seguito indicate:

     a. Mediante versamento sul conto corrente aperto presso la Tesoreria
        Provinciale: Banca INTESA SAN PAOLO – filiale di Monza, Piazza Trento e
        Trieste n.10– IBAN IT32 M030 6920 4071 0000 0300 017. Il versamento dovrà
        essere eseguito presso lo sportello operativo della Tesoreria Provinciale di
        Monza e della Brianza situato presso l’Ospedale San Gerardo, Via Pergolesi
        n.33, Monza:
        - Andando di persona e ritirando l'originale della quietanza numerata.

         -   con bonifico sul conto indicato con causale CHIARA, ma ritirando presso la
             Tesoreria la quietanza numerata.

         Nel caso di depositi provvisori effettuati tramite bonifico bancario, la
         quietanza rilasciata dal Tesoriere deve essere ritirata presso la stessa Tesoreria
         Provinciale entro 15 giorni dal ricevimento di tale deposito e trasmessa in copia
         al Settore Demanio, Patrimonio ed Edilizia Scolastica all’indirizzo indicato.



9
Qualora la cauzione venga prestata in contanti o in titoli, a norma dell’art.75, c.8, del
D.Lgs. n.163/2006, la stessa dovrà, a pena di esclusione dalla gara, essere
accompagnata dall’impegno di un fideiussore verso il concorrente, a rilasciare garanzia
fideiussoria definitiva nel caso di aggiudicazione del servizio da parte del concorrente.
b) fideiussione bancaria, firmata a pena di esclusione;
c) fidejussione, firmata a pena di esclusione, rilasciata da intermediari finanziari
iscritti nell’elenco speciale di cui all’articolo 107 del D.Lgs. 385/93, che svolgono in via
esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie, a ciò autorizzati dal Ministero del
Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica ai sensi del D.P.R. 30/03/2004
n.115; A pena di esclusione dalla gara dell’offerente, dovranno essere indicati nella
medesima fideiussione gli estremi della predetta autorizzazione ministeriale;
d) polizza assicurativa, firmata a pena di esclusione, rilasciata da Imprese di
assicurazione regolarmente autorizzate all’esercizio del ramo cauzioni;
A pena di esclusione dalla gara, le suddette fideiussioni e polizze di cui ai punti b), c)
e d) devono prevedere integralmente ed espressamente le seguenti condizioni:
1) rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale di cui
all’art.1944 del cod. civ.;
2) rinuncia all’eccezione di cui all’art. 1957, comma 2 del codice civile ;
3) impegno del fideiussore a versare la somma garantita presso la Tesoreria
Provinciale, a semplice e prima richiesta scritta dell’Ente appaltante, entro quindici
giorni dalla richiesta medesima;
4) impegno del fideiussore a rilasciare la garanzia fideiussoria per l’esecuzione del
contratto ai sensi dell’art. 113 D.Lgs. 163/06 ed art.100 comma 2 del
D.P.R.554/1999, qualora l’offerente fosse aggiudicatario;
5) validità non inferiore a 180 (centottanta) giorni dalla data di scadenza per la
presentazione dell’offerta.
Ai sensi del DM 123/04 del Ministero delle Attività Produttive, gli offerenti possono
presentare quale garanzia fideiussoria per la cauzione provvisoria la scheda tecnica di
cui al citato decreto – Schema tipo 1.1 – Scheda tecnica 1.1. Considerato che gli schemi
di polizza tipo adottati con il D.M. 12 marzo 2004 n.123 non contengono la clausola,
concernente la rinuncia all’eccezione di cui all’art. 1957, comma 2 del codice civile e
della validità dell’offerta con l’impegno al rinnovo della garanzia, i concorrenti sono
tenuti, a pena di esclusione, a far integrare le relative schede tecniche con le
predette clausole.
Le suddette fideiussioni e polizze devono riportare quale beneficiario la Provincia di
Monza e della Brianza.
La costituzione della cauzione provvisoria d’importo inferiore a quello richiesto
dall’art.75 del D.Lgs. n.163/2006 costituisce motivo di esclusione dalla gara.
La cauzione provvisoria copre la mancata sottoscrizione del contratto per fatto
dell’aggiudicatario ed è svincolata automaticamente al momento della sottoscrizione del
contratto. La cauzione provvisoria è svincolata ai concorrenti non aggiudicatari entro 30
giorni decorrenti dall’efficacia del provvedimento di aggiudicazione definitiva.
Ai sensi dell’art. 113 del D.Lgs. n.163/2006 l’aggiudicatario è obbligato a prestare una
garanzia fidejussoria del 10% dell’importo contrattuale. In caso di aggiudicazione con
ribasso di gara superiore al 10%, la garanzia fideiussoria è aumentata di tanti punti
percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10%; ove il ribasso sia superiore al 20%,
l’aumento è di due punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20%. Detta
fideiussione deve prevedere la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del
debitore principale, la rinuncia all’eccezione di cui all’art. 1957, comma 2, del
10
Codice Civile, nonché l’operatività della garanzia medesima entro quindici giorni a
semplice richiesta scritta della stazione appaltante.
Per le imprese certificate ai sensi dell’art.40, c. 7) e dell’art.75, c.7) del D. Lgs
n.163/2006, la cauzione e la garanzia fideiussoria previste, rispettivamente, dall’art.75
e dall’art.113 del D. Lgs n.163/2006, sono ridotte del 50%. In tal caso la Ditta dovrà
obbligatoriamente allegare alla cauzione copia del documento di certificazione.
A pena di esclusione dalla gara, in caso di Raggruppamenti temporanei o Consorzi o
GEIE non ancora costituiti, la cauzione deve essere intestata, oltre che all’impresa
mandante, anche a tutte le imprese da associarsi o consorziarsi ovvero, in alternativa,
riportare la seguente clausola: ”La fideiussione è prestata a garanzia dell’adempimento
degli obblighi derivanti dalla partecipazione alla gara dalle Imprese …………………….
(denominazione) con sede ……………… e ………………..
(denominazione) con sede …………. che partecipano in Raggruppamento Temporaneo di
Imprese ovvero Consorzio o GEIE non ancora costituiti, rispettivamente in qualità di
mandataria e di mandante”.
Ai sensi dell’art.108 del D.P.R.554/99 in caso di Raggruppamento temporaneo o
consorzio o GEIE già costituiti, la cauzione deve essere presentata, su mandato
irrevocabile delle altre imprese riunite o consorziate, dall’Impresa mandataria o
capogruppo in nome e per conto di tutti i concorrenti.

ART. 10 - VERSAMENTO DA PARTE DEGLI OFFERENTI DEL CONTRIBUTO ALL'AUTORITA'
PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI.
I partecipanti alla procedura di gara sono tenuti, a pena di esclusione dalla medesima, al
versamento del contributo a favore dell'Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di
lavori, servizi e forniture come stabilito dalla delibera del Consiglio dell’Autorità 15
Febbraio 2010 in attuazione di quanto previsto dall'art.1, commi 65 e 67 della legge 23
dicembre 2005, n.266 per l’anno 2010.
Ai fini del versamento delle contribuzioni, i soggetti vigilati debbono attenersi alle
istruzioni operative pubblicate sul sito dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici
di lavori, servizi e forniture al seguente indirizzo:
http://www.avcp.it/portal/public/classic/home/riscossione.
Nel caso di ATI costituite o costituende il versamento è unico e il pagamento sarà
eseguito dall’impresa qualificata come capogruppo.
A comprova dell’avvenuto pagamento, il concorrente deve allegare, inserendola nella
busta A - Documentazione, la ricevuta in originale del versamento, ovvero fotocopia
dello stesso, corredata da dichiarazione di autenticità e copia di un documento di
identità in corso di validità.
Il pagamento del contributo nella misura indicata costituisce condizione di
ammissibilità alla procedura di gara.
La mancata dimostrazione dell'avvenuto versamento di tale somma costituisce
motivo di esclusione dalla partecipazione alla procedura di gara.

ART. 11 - DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA GARA E CHIARIMENTI
La documentazione di gara è composta dai seguenti elaborati:

-   Allegato   1:   Relazione Descrittiva;
-   Allegato   2:   Capitolato d’ Oneri;
-   Allegato   3:   Elenco Prezzi;
-   Allegato   4:   Lista delle lavorazioni e forniture per l’esecuzione dei lavori;
11
-   Allegato 5: Tabella Calcolo Uomini/Giorno;
-   Allegato 7: Elenco strade Provinciali taglio da computare corpo;
-   Allegato 8: Planimetria D’Inquadramento.
-   Disciplinare di Gara
-   Bando di Gara.

La consegna della lista delle lavorazioni e forniture per l’esecuzione dei lavori da
inserire nella busta “B - Offerta economica”, e la presa visione degli elaborati
progettuali si terrà presso gli uffici del Settore Viabilità e strade, piazza A. Diaz n° 1
Monza nei seguenti giorni ed orari:

                  Giovedì          9               Giugno 2011 dalle ore 14:30 alle   ore
         17:00;
             Lunedì 13            Giugno 2011 dalle ore 9:30     alle ore 12.00;
                 Giovedì          16              Giugno 2011 dalle ore 14:30 alle    ore
         17:00;

Copia dei documenti progettuali sarà consegnata su supporto informatico “chiavetta
USB” fornita dalla ditta concorrente.
La ditta concorrente dovrà dichiarare in sede di gara di aver preso visione dello stato dei
luoghi, che fa riferimento all’ intero territorio provinciale, per la realizzazione dei
lavori.

Le informazioni di natura tecnica, concernenti in particolare gli elaborati tecnici
potranno essere richieste al Settore Viabilità e Strade, geom. Antonino Di Girolamo -
Tel. 039 975 6776 Fax 039 975 6237.
Le informazioni di natura amministrativa e quelle concernenti i documenti da
predisporre per la partecipazione alla gara, potranno essere richieste alla Dott.ssa Dora
Emilio ai seguenti recapiti - Tel.039/975.6206 e-mail: appalti@provincia.mb.it .
Eventuali quesiti per la partecipazione alla procedura potranno essere inviati via fax al
n.039/975.6700 e per mail alla predetta casella di posta elettronica.

ART. 12 - TERMINE E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE
Modalità presentazione offerte
I plichi contenenti le offerte e la documentazione richiesta dovranno pervenire, a pena
esclusione dalla gara, entro il termine perentorio delle ore 13,00 del giorno stabilito
nel bando di gara, a mezzo postacelere del servizio postale, o mediante agenzia di
recapito autorizzata, ecc., all’Ufficio Protocollo della stazione appaltante – Provincia di
Monza e della Brianza Piazza Diaz, 1.

Il plico deve essere indirizzato a: PROVINCIA di Monza e della Brianza – Settore
Avvocatura Provinciale – Servizio Gare di Appalto, Contratti e Sistema Assicurativo –
Piazza Diaz, 1 20900 Monza.

E’ altresì facoltà dei concorrenti la consegna a mano dei plichi, dalle ore 9 alle ore 12
all’Ufficio Protocollo della stazione appaltante - Provincia di Monza e della Brianza, che
ne rilascerà - su specifica richiesta - ricevuta su fotocopia del plico predisposta
dall’offerente.

12
Ai fini dell’arrivo dei plichi farà fede il timbro e l’orario apposti dall’Ufficio
Protocollo. Trascorso il termine fissato per la scadenza della presentazione
dell'offerta, non è riconosciuta valida alcuna altra offerta anche se sostitutiva o
aggiuntiva ad offerta precedente.
Le offerte dovranno pervenire in un’unica busta chiusa e sigillata, recante all’esterno,
oltre al nome della Ditta mittente, la seguente dicitura:

“NON APRIRE: Contiene documenti e offerta economica per la Procedura aperta per
l’aggiudicazione dell’appalto di manutenzione del verde delle strade provinciali”

La busta, come sopra sigillata, dovrà contenere, a pena di esclusione dalla gara,
tutta la documentazione amministrativa richiesta nel presente disciplinare per la
partecipazione alla gara e due plichi, ugualmente sigillati, con l’oggetto del servizio,
il nominativo dell'offerente e recanti le seguenti diciture: "DOCUMENTAZIONE
AMMINISTRATIVA" – "OFFERTA ECONOMICA".
A pena di esclusione dalla gara il plico dovrà contenere documenti redatti
esclusivamente in lingua italiana, o corredati di traduzione giurata.

Documentazione richiesta per l’ammissione alla gara

A) DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA
Per l’ammissione alla gara la documentazione dovrà, a pena di esclusione, consistere
in:
1. DOMANDA di PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA, da redigersi secondo lo schema
contenente l’indicazione dell’oggetto della gara e i dati identificativi dell’offerente
(denominazione/ragione sociale, codice fiscale, partita I.V.A., sede della società, ecc.).
La domanda dovrà essere sottoscritta, pena di esclusione dalla gara, dal legale
rappresentante dell’offerente.
In caso di soggetti offerenti riuniti, di cui all’art. 34, comma 1, lett. d) e lett. e) del D.
Lgs n.163/2006 e s.m., qualora sia stato già conferito il mandato, la domanda dovrà
essere espressa dall’impresa mandataria “in nome e per conto proprio e delle
mandanti”; qualora invece il mandato non sia stato conferito, la domanda dovrà essere
unica e sottoscritta da tutti i soggetti che costituiranno i raggruppamenti o i consorzi.
Detta domanda, a pena di esclusione, dovrà contenere, a norma dell’art. 37, c.8 del D.
Lgs n.163/2006 e s.m.i., l’impegno sottoscritto da tutti, che in caso di aggiudicazione
della gara, gli stessi operatori conferiranno mandato collettivo speciale con
rappresentanza a quello tra essi individuato come impresa mandataria/capogruppo,
nonché specificare le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli operatori
economici riuniti e consorziati.
2. UNICA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA, debitamente sottoscritta, a pena di
esclusione, attestante il possesso dei requisiti di ordine generale e speciale per
l’ammissione alla procedura, resa dal titolare dell’offerente o dal Legale
Rappresentante della Società o Cooperativa di produzione e lavoro o Consorzio ovvero
dal Procuratore Generale o Speciale munito dei relativi poteri, sotto la responsabilità in
caso di dichiarazione mendace prevista dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000.
Nel caso in cui la documentazione per la partecipazione alla procedura di gara sia
sottoscritta da un Procuratore, è necessaria la presentazione di una Procura generale o
speciale in originale o copia autentica, a pena di esclusione dalla gara.

13
L’Amministrazione ha predisposto all’uopo apposita modulistica che costituisce
documentazione integrativa del presente disciplinare di gara. I modelli devono essere
corredati da copia fotostatica di un documento d’identità del sottoscrittore ai sensi del
D.P.R. 445/2000.
Le dichiarazioni sostitutive del possesso dei requisiti di ordine generale e speciale
richiesti per la partecipazione alla gara e le altre dichiarazioni prescritte ai fini
dell’ammissione alla gara possono essere esibite utilizzando direttamente l’Allegato 2),
che va compilato riportando negli appositi spazi i dati e le informazioni richieste e
barrando, ove prescritto, le caselle in conformità delle quali sono riportati i requisiti da
dichiarare ai fini dell’ammissione alla gara.
Tali dichiarazioni possono essere esibite in modo conforme a quanto trascritto nel
suddetto modello.
In caso di raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario di concorrenti, di cui
all’art. 34, comma 1, lett. d) e lett. e) del D.Lgs. n.163/2006, la medesima
autocertificazione dovrà essere presentata e sottoscritta, a pena di esclusione, da
ciascun’impresa che costituisce o costituirà l'associazione o il consorzio.
Nel caso di raggruppamenti o consorzi già costituiti il mandato collettivo irrevocabile
con rappresentanza, deve essere allegato in originale o copia conforme, da parte della
mandataria/capogruppo alla documentazione necessaria per l'ammissione alla gara.
Solo per il/i consorziato/i per il/i quale/i i consorzi di cui all’art. 34, comma 1, lett.
b) (consorzi tra società cooperative di produzione e lavoro e tra imprese artigiane) e
lett. c) (consorzi stabili) del D.Lgs. n.163/2006 dichiarano di concorrere).
3. UNICA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA, debitamente sottoscritta a pena di
esclusione, resa ai sensi del DPR 28 dicembre 2000, n. 445, con la quale il/i legale
rappresentante del/i consorziato/i per il/i quale/i i consorzi di cui all’articolo 34,
comma 1, lettere b) e c) del D.Lgs. n.163/2006 e s.m. indicano di concorrere, dichiara
di possedere i requisiti generali per la partecipazione alle gare d'appalto.
La dichiarazione di cui al presente punto può essere redatta sullo schema.
Tale autocertificazione, debitamente compilata, va sottoscritta dal legale
rappresentante e a essa va allegata la copia fotostatica di un documento di identità del
sottoscrittore a norma del DPR n .445/2000.
PRECISAZIONI IN ORDINE ALLA COMPILAZIONE DELLE AUTOCERTIFICAZIONI
Si precisa che, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 73 comma 3 e 74 comma 3
del D.Lgs. 163/2006, l’utilizzo dei Modelli 2 e 3 non è obbligatorio a pena di esclusione
dalla gara, a condizione che siano ugualmente trasmesse tutte le dichiarazioni in essi
richieste, rilasciate nelle forme previste dalle vigenti disposizioni richiamate nei moduli
stessi.
Costituisce comunque motivo di esclusione, l’inosservanza delle relative prescrizioni. Le
autodichiarazioni non sottoscritte, omesse e/o incomplete nelle parti indicate nei
relativi modelli costituiscono causa di esclusione ai fini della partecipazione alla gara.
Non barrare le caselle che interessano il concorrente, dove prescritto negli Allegati 2 e 3
equivale a omessa dichiarazione.
La non indicazione dei soggetti che rivestono le qualifiche di legali rappresentanti,
amministratori , soci, ecc., costituisce omessa dichiarazione.
E’ escluso dalla gara il raggruppamento temporaneo o GEIE nei quali anche un solo
soggetto che lo costituiscono o lo costituiranno sia incorso nelle violazioni di cui sopra.
(solo per i concorrenti che si avvalgano dell'istituto dell'avvalimento di cui all'art.49
del D.Lgs. n.163/2006)

14
4. In caso di ricorso all'Istituto dell'Avvalimento l'offerente deve integrare, a pena di
esclusione dalla gara, la documentazione amministrativa con tutti i documenti
concernenti l’impresa ausiliaria dettagliatamente indicati al precedente punto 4) del
presente disciplinare di gara.
5. QUIETANZA DEL VERSAMENTO O FIDEIUSSIONE BANCARIA O POLIZZA ASSICURATIVA
O RILASCIATA DA INTERMEDIARI FINANZIARI relativa alla cauzione provvisoria, pari al
2% (€ 4.917,53.=) dell'importo a base di appalto dei lavori, compreso gli oneri per la
sicurezza, corredata dell’impegno di un fideiussore verso il concorrente a rilasciare
garanzia fideiussoria definitiva, di cui al comma 1 dell’art. 113 del D. Lgs n.163/2006,
nel caso di aggiudicazione da parte del concorrente del servizio. Le modalità di
costituzione della cauzione sono indicate al precedente punto “CAUZIONI E
GARANZIE RICHIESTE”.
6. ATTESTAZIONE DEL VERSAMENTO del contributo di Euro 20,00.= a titolo di
contributo dovuto all'Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e
forniture, previsto dalla deliberazione dell'Autorità per la Vigilanza del 15.02.2010
"attuazione dell'art. 1, commi 65 e 67 della legge 23 dicembre 2005, n.266 per l’anno
2010, da effettuarsi con le modalità indicate precedentemente.
La mancata dimostrazione dell'avvenuto pagamento di tale contributo e/o il
versamento del contributo in misura minore rispetto a quello sopra indicato
costituisce motivo di esclusione dalla partecipazione alla procedura di gara.

B) OFFERTA ECONOMICA
Per l’ammissione alla gara il plico dell'offerta economica dovrà:
  - Essere redatta obbligatoriamente sulla “Lista delle lavorazioni e forniture”, già
     vidimata in ogni suo foglio dal Responsabile del Procedimento (all’atto del
     ritiro presso il competente ufficio il consegnatario deve farsi carico di
     controllare la vidimazione), compilata e sottoscritta come previsto dall’art. 90
     comma 3 D.P.R. 554/99;
   - essere sottoscritta dal legale rappresentante/procuratore speciale dell’impresa
      concorrente, se trattasi di A.T.I. non ancora costituita, dai rappresentanti legali
      delle imprese facenti parte del raggruppamento. E’ nulla l’offerta priva di
      sottoscrizione;
   - essere accompagnata, ai sensi del comma 5 dell’art. 90 D.P.R. 554/99 da una
      dichiarazione di presa d’atto che l’indicazione delle voci e delle quantità non ha
      effetto sull’importo complessivo dell’offerta che, seppure determinato attraverso
      l’applicazione dei prezzi unitari offerti alle quantità delle varie lavorazioni, resta
      fisso e invariabile.
Nel caso di discordanza tra il ribasso percentuale espresso in cifra e in lettere prevale
quello indicato in lettere.
Sull’offerta economica - redatta come indicato e accompagnata dalla dichiarazione di
cui al quarto alinea - deve essere apposta una marca da bollo da Euro 14,62 ogni
quattro pagine.

  Dichiarazione, in bollo da € 14,62, riportante l’oggetto della gara ed i dati
identificativi della Ditta (ragione sociale, codice fiscale, partita I.V.A., sede della Ditta),
sottoscritta – a pena di esclusione dalla gara – da colui che rappresenta il concorrente,
indicante – in cifre ed in lettere – la percentuale di ribasso che l’offerente offre
sull'Elenco prezzi di riferimento per le prestazioni compensate a misura.
15
   La percentuale potrà riportare fino ad un massimo di tre decimali. In caso di offerte
con quattro o più decimali la terza cifra decimale sarà arrotondata all'unità superiore
qualora la quarta cifra decimale sia pari o superiore a cinque.
   In caso di imprese riunite, qualora sia stato già conferito il mandato, l’offerta dovrà
essere espressa dalla mandataria “in nome e per conto proprio e delle mandanti”;
qualora invece il mandato non sia stato conferito, l’offerta dovrà essere sottoscritta, a
pena di esclusione, da tutti gli offerenti che costituiranno i raggruppamenti o consorzi di
cui alle lett. d) ed e) del comma 1 dell’art.34 del D.Lgs. n.163/2006 e dovrà contenere
le indicazioni previste dall’art.37, comma 8 del predetto D. Lgs n.163/2006.
   In caso di ricorso all'istituto dell'Avvalimento l'offerta deve essere espressa e
sottoscritta solo dall'impresa concorrente.
   In caso di discordanza tra l’offerta indicata in cifre e quella indicata in lettere, sarà
considerata valida quella più vantaggiosa per l’Amministrazione.
   Oltre all’offerta nel plico non dovranno essere inseriti altri documenti.

ART. 13 - DATA APERTURA OFFERTE
Le sedute pubbliche si terranno presso una sala della sede della Provincia di Monza e
della Brianza – Piazza Diaz, 1 Monza, nei giorni e nelle ore indicati nel bando di gara.
Le sedute di gara sono pubbliche, ma soltanto i titolari o legali rappresentanti delle
ditte partecipanti, o persone munite di procura speciale notarile, hanno diritto di parola
e di chiedere che le loro dichiarazioni siano inserite a verbale.

ART. 14 - AVVERTENZE GENERALI
Il recapito del plico alla Provincia, in tempo utile, rimane a esclusivo rischio del
mittente, per cui l'Amministrazione aggiudicatrice non assume responsabilità alcuna
qualora per qualsiasi motivo il plico medesimo non venga recapitato entro il termine
perentorio stabilito dal bando di gara.
Non si darà corso al plico che non risulti pervenuto entro il termine fissato o sul quale
non sia apposto il nome del concorrente o la scritta relativa alla specificazione dei lavori
oggetto della gara.
Si riterranno come non pervenute le offerte recapitate oltre il termine fissato anche se
sostitutive od aggiuntive ad offerte precedenti.
Saranno nulle le offerte condizionate, quelle espresse in termini generici e quelle per
persona da nominare.
Non saranno altresì ammesse le offerte che recheranno abrasioni o correzioni nelle
indicazioni del prezzo offerta.
Tutte le spese inerenti e conseguenti la stipula del Contratto (Diritti di Segreteria,
l’Imposta di Registro, Imposta di Bollo, ecc.) saranno a carico dell’aggiudicatario.
L’Ente appaltante, in caso di fallimento o di risoluzione del contratto per grave
inadempimento dell’originario appaltatore, si riserva la facoltà di interpellare
progressivamente i soggetti che hanno partecipato all’originaria procedura di gara,
risultanti dalla relativa graduatoria, in analogia a quanto previsto dall’art. 140 del D.Lgs.
163/2006 testo vigente.
Si procederà alla pubblicazione dell’esito della gara con le modalità stabilite dal D.Lgs.
n.163/2006.
Per quant’altro non specificatamente previsto nel bando, nel capitolato e nel presente
disciplinare si fa riferimento alle norme vigenti in materia alla data della pubblicazione
del bando stesso.

16
Il bando non vincola la stazione appaltante che si riserva, a suo insindacabile giudizio, di
non far luogo alla gara, di rinviare l’aggiudicazione, di non procedere all’aggiudicazione,
di ripetere l’esperimento di gara nel caso che la stessa sia andata deserta o qualora si
renda eventualmente indispensabile modificare il relativo bando, senza che le imprese
possano pretendere alcun indennizzo di sorta.
Si precisa che, ai sensi del disposto dell'art.244 D.Lgs. 12/04/2006, n.163, tutte le
controversie, concernenti la presente procedura di affidamento di lavori, ivi incluse
quelle risarcitorie, sono devolute alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo
e pertanto eventuali ricorsi dovranno essere inoltrati al TAR Lombardia Milano con le
modalità ed entro il termine stabilito dall’art. 245 del D.Lgs. n.163/2006 e s.m. (Codice
dei Contratti).
Nella procedura di gara sono rispettati i principi di riservatezza delle informazioni
fornite, ai sensi del D.Lgs. n.196/2003, compatibilmente con le funzioni istituzionali, le
disposizioni di legge e regolamentari concernenti i pubblici appalti e le disposizioni
riguardanti il diritto di accesso ai documenti e alle informazioni.

ART. 15 - RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Il Responsabile del Procedimento (art.10 del D.Lgs. n.163/2006 e s.m.): Ing. Saverio
Bourlà TEL 039/975.6765 FAX 039/975.6237.




17
 Allegato Fac simile MODULO di DOMANDA E di DICHIARAZIONI PER PARTECIPAZIONE
            ALLA PROCEDURA APERTA PER L'APPALTO DEI LAVORI _____


Il sottoscritto _______________________ nato a ______________ il ___/___/___ e
residente in __________________________________ via ___________________________
nella sua qualità di legale rappresentante dell'Impresa ___________________________
quale:



     TITOLARE



      PRESIDENTE DELLA SOCIETA'


      SOCIO CON POTERE DI RAPPRESENTANZA



      AMMINISTRATORE DELEGATO



      PRESIDENTE DELLA COOPERATIVA



      _____________________________________________



Chiede di poter partecipare alla gara d’appalto suindicata e contestualmente
consapevole delle pene stabilite per le dichiarazioni mendaci dall’art. 76 del D.P.R.
28/12/2000, n. 445.



                                     DICHIARA



sotto la sua diretta e personale responsabilità e per conoscenza diretta, ai sensi degli
artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 28/12/2000, n. 445:


18
           a)                di avere il potere di rappresentanza dell'Impresa concorrente
                in forza:


      della diretta titolarità della ditta individuale



      Dello Statuto della Società datato ________________________________



      Del verbale del Consiglio di Amministrazione in data _______________



      __________________________________________________________



b)                     Che l'Impresa rappresentata e concorrente è denominata
______________________________________.

_________________________________________________ ha forma di:



       impresa individuale

       società per azioni

       società a responsabilità limitata

       società in accomandita semplice

       cooperativa

       _________________________________________

     Ha sede legale in CAP _________CITTA’____________________Provincia______
       Via ______________________________________

    Ha sede operativa in CAP _____ CITTA’ ___________________Provincia _____
Via ______________________________________
   ha la seguente partita IVA ____________________________________

     il seguente Codice Fiscale _____________________________________

     telefono n. __________________ fax n. ________________________

     e-mail: ______________________
19
c) che i legali rappresentanti sono, oltre al sottoscritto dichiarante, anche i signori:



     Cognome
             Nato a                      in data
     e nome




d) che i direttori tecnici sono i signori:

     Cognome
             Nato a                      in data
     e nome




e) che i soggetti cessati dalla carica nell’ultimo triennio anteriore alla pubblicazione
del bando di gara per l’affidamento dei lavori in oggetto sono i signori:


     Cognome
             Nato a                      in data
     e nome



f) di avere l’attestazione rilasciata da una SOA per la categoria “….” “…………………” di cui
all’allegato “A” al D.P.R. 25/01/2000, n. 34, in corso di validità alla data dell’offerta,
che documenti in possesso della qualificazione per l’esecuzione delle opere da
realizzare, classifica sino a euro ……………... che si allega in copia
Barrare la parte interessata
f1) di essere / non avere l’attestazione rilasciata da una SOA per la categoria
“________” “______________________” di cui all’allegato “A” al D.P.R. n. 34/2000,
classifica _______ per l’esecuzione delle opere scorporabili previste nel bando di gara;

solo in caso di avvalimento
20
g) che intende avvalersi della seguente impresa ausiliaria: ………………………………… con
sede     legale      in      …………………           …………………………………………………..            Via
……………….……………………………….-
h) che le risorse messe a disposizione dall’impresa avvalente sono le seguenti:
                                   ……………………………………………………………………………………



(caso di concorrente stabilito in altri stati aderenti all’Unione Europea)

i)   di possedere i requisiti d’ordine speciale previsti dal DPR 25/01/2000, n. 34
accertati, ai sensi dell’articolo 3, comma 7, del suddetto DPR 34/2000, in base alla
documentazione prodotta secondo le norme vigenti nel proprio paese;

j) di non trovarsi in una delle seguenti situazioni di esclusione dalla partecipazione alle
procedure di affidamento degli appalti di lavori pubblici previste dall’art. 38 del D.lgs.
12/04/2000, n. 163, e in particolare:


j1) di non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato
preventivo, o di non aver in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali
situazioni;

j2) che nei propri confronti non è pendente procedimento per l'applicazione di una delle
misure di prevenzione di cui all'articolo 3 della legge 27/12/1956, n. 1423 o di una delle
cause ostative previste dall’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575;

j3) che nei propri confronti non è stata pronunciata sentenza di condanna passata in
giudicato, o emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza
di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura
penale, per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità
professionale;

è comunque causa di esclusione la condanna, con sentenza passata in giudicato, per
uno o più reati di partecipazione a un’organizzazione criminale, corruzione, frode,
riciclaggio, quali definiti dagli atti comunitari citati all’articolo 45, paragrafo 1,
direttiva Ce 2004/18;

l’esclusione e il divieto operano se la sentenza o il decreto sono stati emessi nei
confronti: del titolare o del direttore tecnico se si tratta di impresa individuale;
del socio o del direttore tecnico, se si tratta di società in nome collettivo; dei soci
accomandatari o del direttore tecnico se si tratta di società in accomandita
semplice; degli amministratori muniti di potere di rappresentanza o del direttore
tecnico se si tratta di altro tipo di società o consorzio. In ogni caso l’esclusione e il

21
divieto operano anche nei confronti dei soggetti cessati dalla carica nel triennio
antecedente la data di pubblicazione del bando di gara, qualora l'impresa non
dimostri di aver adottato atti o misure di completa dissociazione della condotta
penalmente sanzionata; resta salva in ogni caso l'applicazione dell'articolo 178 del
codice penale e dell'articolo 445, comma 2, del codice di procedura penale;

j4) di non aver violato il divieto di intestazione fiduciaria posto all'articolo 17 della legge
19/03/1990, n. 55;

j5) di non aver commesso gravi infrazioni debitamente accertate alle norme in materia
di sicurezza e a ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro, risultanti dai dati in
possesso dell'Osservatorio;

j6) di non aver commesso grave negligenza o malafede nell'esecuzione delle prestazioni
affidate dalla stazione appaltante che bandisce la gara; o di non aver commesso un
errore grave nell’esercizio della loro attività professionale, accertato con qualsiasi
mezzo di prova da parte della stazione appaltante;

j7) di non aver commesso violazioni, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi
relativi al pagamento delle imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o quella
dello Stato in cui sono stabiliti;

j8) di non aver reso nell'anno antecedente la data di pubblicazione del bando di gara
false dichiarazioni in merito ai requisiti e alle condizioni rilevanti per la partecipazione
alle procedure di gara, e per l’affidamento dei subappalti, risultanti dai dati in possesso
dell'Osservatorio;

j9) di non aver commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in
materia di contributi previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o dello
Stato in cui sono stabiliti;

j10) (barrare la casella interessata)
(per imprese che occupano non più di 15 dipendenti e da 15 a 35 dipendenti che non
abbiano effettuato nuove assunzioni dopo il 18 gennaio 2000)
   che la ditta non è assoggettata agli obblighi di assunzioni obbligatorie di cui alla
Legge 12/03/1999, n. 68
ovvero

(per le imprese che occupano più di 35 dipendenti e per le imprese che occupano da
15 a 35 dipendenti che abbiano effettuato una nuova assunzione dopo il 18 gennaio
2000)
   ai sensi dell’art. 17 della Legge 12 marzo 1999, n. 68 che la ditta è in regola con le
norme della suddetta Legge;

22
j11) che nei propri confronti non è stata applicata la sanzione interdittiva di cui
all’articolo 9, comma 2, lettera c), del decreto legislativo dell’8/06/2001 n. 231 o altra
sanzione che comporta il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione, compresi
i provvedimenti interdittivi di cui all'articolo 36-bis, comma 1, del decreto-legge 4 luglio
2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006 n. 248;

j12) che nei propri confronti non è stata applicata la sospensione o la decadenza
dell'attestazione SOA da parte dell'Autorità per aver prodotto falsa documentazione o
dichiarazioni mendaci, risultanti dal casellario informatico;

j13) che, per quanto è a propria conoscenza, nei confronti dei soggetti indicati all’art.
38, c.1 lett. b) del D.lgs 12/04/2006, n. 163, non è pendente procedimento per
l’applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all’art. 3 della legge
27/12/1956, n. 1423 o di una delle cause ostative previste dall’articolo 10 della legge 31
maggio 1965, n. 575;

In alternativa alla dichiarazione di cui al presente punto j13 la medesima attestazione
può essere resa distintamente dai soggetti interessati (a tal fine può essere utilizzato il
prospetto all. sub. 1.1). Si ricorda che in tal caso la dichiarazione va effettuata per
tutti i soggetti interessati.
L’esclusione e il divieto operano se la pendenza del procedimento riguarda il titolare o
il direttore tecnico, se si tratta di impresa individuale; il socio o il direttore tecnico se
si tratta di società in nome collettivo, i soci accomandatari o il direttore tecnico se si
tratta di società in accomandita semplice, gli amministratori muniti di poteri di
rappresentanza o il direttore tecnico, se si tratta di altro tipo di società;

j14) che non è stato vittima dei reati previsti e puniti dagli articoli 317 e 629 del codice
penale aggravati ai sensi dell’articolo 7 del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152,
convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 1991, n. 203 o essendo stato vittima
dei reati previsti e puniti dagli articoli 317 e 629 del codice penale aggravati ai sensi
dell’articolo 7 del decreto-legge 13/05/1991, n. 152, convertito, con modificazioni,
dalla legge 12 luglio 1991, n. 203, non ha omesso la denuncia dei fatti all’autorità
giudiziaria, salvo che ricorrano i casi previsti dall’articolo 4, primo comma, della legge
24 novembre 1981, n. 689;

(barrare la casella interessata)

j15)     di non trovarsi in una delle situazioni di controllo di cui all'articolo 2359 del
codice civile con nessun partecipante alla presente procedura di gara;

   di trovarsi in una situazione di controllo di cui all'articolo 2359 del codice civile con
la ditta ____________________________, anch'essa partecipante alla presente
procedura di gara, e di aver formulato autonomamente l'offerta (allega, a dimostrazione

23
di quanto dichiarato, documentazione utile, inserita in separata busta);

j16) che, per quanto è a propria conoscenza, nei confronti dei soggetti indicati all’art.
38, c.1 lett. c) del D.lgs n. 12/04/2006, n. 163, non è stata pronunciata sentenza di
condanna passata in giudicato, o emesso decreto penale di condanna divenuto
irrevocabile, oppure sentenza di applicazione della pena su richiesta, ai sensi
dell'articolo 444 del codice di procedura penale, per reati gravi in danno dello Stato o
della Comunità che incidono sulla moralità professionale
In alternativa alla dichiarazione di cui ai precedenti punti j13), j14) e j16) la medesima
attestazione può essere resa distintamente dai soggetti interessati (a tal fine può
essere utilizzato il prospetto all. sub. 1.1). Si ricorda che in tal caso la dichiarazione va
effettuata per tutti i soggetti interessati.
L’esclusione e il divieto operano se la sentenza o il decreto sono stati emessi nei
confronti: del titolare o del direttore tecnico se si tratta di impresa individuale; del
socio o del direttore tecnico, se si tratta di società in nome collettivo; dei soci
accomandatari o del direttore tecnico se si tratta di società in accomandita semplice;
degli amministratori muniti di potere di rappresentanza o del direttore tecnico se si
tratta di altro tipo di società o consorzio. In ogni caso l’esclusione e il divieto operano
anche nei confronti dei soggetti cessati dalla carica nel triennio antecedente la data di
pubblicazione del bando di gara, qualora l'impresa non dimostri di aver adottato atti o
misure di completa dissociazione della condotta penalmente sanzionata; resta salva in
ogni caso l'applicazione dell'articolo 178 del codice penale e dell'articolo 445, comma 2,
del codice di procedura penale;
k) (eventuale)
 di avere riportato il beneficio della non menzione per le seguenti condanne:
   …………………………………………………………………………………………………
l) che il tribunale competente per l’effettuazione delle relative verifiche ha sede in
___________________________________
m) di avere alle proprie dipendenze, alla data della presente dichiarazione, un numero
di personale pari a __________ unità;
n)    che la ditta è iscritta alla Cassa Edile di __________matricola n. _______
oppure
di non essere iscritta alla Cassa Edile per il seguente motivo
                                    ………………………………………………………………………………………
o)    di applicare integralmente tutte le norme contenute nel contratto collettivo
nazionale di lavoro e nei relativi accordi integrativi, applicabili all’opera oggetto
dell’appalto, in vigore per il tempo e nella località n cui si svolgono i lavori
p)    di impegnarsi a osservare tutte le norme medesime, ivi comprese quelle inerenti
all’obbligo di iscrizione alla Cassa Edile del luogo ove si svolgono i lavori, anche da parte
degli eventuali subappaltatori e dei loro rispettivi dipendenti e che il contratto
appartiene alla seguente categoria:


24
                                                                        obbligo di indicare
il settore)



p) che l’impresa mantiene le seguenti posizioni:
-     I.N.P.S.: sede di ______________, matricola n. ______________
(nel caso d’iscrizione presso più sedi, indicarle tutte)
-     I.N.A.I.L.: sede di _________________, matricola n. _______________
(nel caso d’iscrizione presso più sedi, indicarle tutte)
q) che l’Ufficio delle Entrate competente per la verifica della regolarità in ordini agli
obblighi concernenti il pagamento delle imposte e delle tasse ha sede in
__________________
r) che la Società o ditta individuale è:
- se italiana:
r1) iscritta nel Registro delle imprese della Camera di Commercio, di
_______________________;
se appartenente a uno degli Stati della Comunità Europea
r2) iscritta nel seguente registro commerciale o professionale dello stato di residenza
______________________________________________
s) che la ditta non è incorsa nei due anni precedenti alla data della gara nei
provvedimenti previsti dall’art. 44 del D.Lgs 25/07/1998, n. 286 sull’immigrazione per
gravi comportamenti e atti discriminatori.

barrare la casella corrispondente
t)                                                                        di non     essersi
avvalso dei piani individuali di emersione (PIE) previsti dalla legge n. 383/2001

      di essersi avvalso dei piani individuali di emersione (PIE) previsti dalla legge
18/10/2001, n. 383, dando atto che gli stessi si sono conclusi


u) di avere esaminato gli elaborati progettuali;
u1) di essersi recato sul luogo di esecuzione dei lavori, di avere preso conoscenza delle
condizioni locali, della viabilità di accesso, delle discariche autorizzate, nonché di tutte
le circostanze generali e particolari suscettibili di influire sulla determinazione dei
prezzi, sulle condizioni contrattuali e sull’esecuzione dei lavori e di aver giudicato gli
stessi lavori realizzabili, gli elaborati progettuali adeguati e i prezzi nel loro complesso
remunerativi e tali da consentire il ribasso offerto;
v) di aver effettuato una verifica della disponibilità della manodopera necessaria per
l’esecuzione dei lavori, nonché della disponibilità di attrezzature adeguate all’entità e
alla tipologia e categoria dell’appalto;


25
x) di essere in grado, in caso di aggiudicazione della gara, di iniziare immediatamente
l’esecuzione dei lavori, in seguito a comunicazione dell’Amministrazione dell’avvenuta
aggiudicazione e conseguentemente di accettare l’eventuale consegna degli stessi sotto
le riserve di legge, nelle more della stipulazione del contratto;
y) di accettare l'appalto alle condizioni del Capitolato Generale approvato con
D.M.LL.PP. n. 145/2000, dello schema di contratto, del Capitolato speciale d'appalto e
del bando di gara;
barrare la casella corrispondente
z) SI   NO     di essere in possesso della certificazione UNI EN ISO 9000;
aa) di aver tenuto conto, nella redazione dell'offerta, degli oneri previsti per i piani di
sicurezza;

bb) di aver adempiuto, all’interno della propria azienda, agli obblighi di sicurezza
previsti dalla vigente normativa;

□       che il versamento effettuato all’Autorità di vigilanza con la ricevuta allegata, si
riferisce alla presente procedura di appalto;


Nel caso di consorzi: barrare la casella corrispondente

ff) che il Consorzio concorre per le sottoelencate imprese consorziate:
………………………………………………………………………………………………………

gg) per le sole associazioni temporanee di imprese non ancora costituite:

-      per le imprese mandanti:
di impegnarsi, in caso di aggiudicazione della gara, a conferire mandato collettivo
speciale con rappresentanza all’impresa ……………………………………………. qualificata come
capogruppo;

-                                                                                 che    le
prestazioni saranno eseguite nella seguente percentuale: ………………………;

-      per la capogruppo:
-                                                                           che        il
raggruppamento temporaneo di imprese è costituito da questa impresa, mandataria e
dalle sottoelencate imprese mandanti, che si sono impegnate, in caso di aggiudicazione
della gara, a conferire alla capogruppo mandato collettivo speciale con rappresentanza:

………………………………………………………………………………………………

- che le prestazioni saranno eseguite nella seguente percentuale: ……………..;



26
                                Si ricorda che in caso di costituito o costituendo
raggruppamento temporaneo di imprese o consorzi, la presente dichiarazione deve
essere presentata tanto da chi legalmente rappresenta l’impresa mandataria,
quanto da coloro che rappresentano legalmente le imprese mandanti.

                               Le dichiarazioni di cui alle precedenti lettere u) e
u1) non devono obbligatoriamente essere rese dalle imprese mandanti.


                                               IL LEGALE RAPPRESENTANTE

                                                  ________________________
DATA__________________



N.B.:   la    firma     del         legale
rappresentante dovrà essere:

1) autenticata nei modi di legge;

            oppure

2) non autenticata, unendo in tal caso
al presente modulo una copia
fotostatica di un valido documento di
identità del sottoscrittore.

I dati personali relativi alle imprese partecipanti alla gara saranno oggetto di
trattamento, con o senza ausilio di mezzi elettronici, limitatamente e per il tempo
necessario agli adempimenti relativi alla gara (“Tutela Privacy”). Titolare del
trattamento è il responsabile del procedimento.
Si fa rinvio agli artt. 7 e seguenti del D. Lgs. 30/06/2003, n. 196 circa i diritti degli
interessati alla riservatezza dei dati.




27
MODELLO Fac simile DICHIARAZIONE (da completare da parte dei sotto indicati
soggetti se diversi dal firmatario della dichiarazione )
– direttore tecnico e tutti i soci, se si tratta di società in nome collettivo;

– direttore tecnico e tutti i soci accomandatari, se si tratta di società in accomandita
semplice;

– direttore tecnico e amministratori muniti di rappresentanza, se si tratta di ogni altro
tipo di società;

– direttore tecnico nel caso di impresa individuale, qualora si tratti di soggetto diverso
dal titolare dell’impresa stessa).

N.B.: ogni soggetto deve compilare e firmare la dichiarazione, allegando, pena
esclusione, copia fotostatica, ancorché non autenticata, di un documento di identità del
sottoscrittore o di un documento di riconoscimento equipollente ai sensi dell’art. 35,
comma 2, D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in corso di validità.

Il sottoscritto <...>, nella sua qualità di <...> dell’impresa <...>, con sede in <...> via
<...>;

                                          DICHIARA
                           AI SENSI E NEI MODI di CUI ALL’ART. 46,
                                       D.P.R. 445/2000

di essere nato a <...>, il <...> e di risiedere in <...>, via <...>;

che il proprio C.F. è il seguente: <...>;

□ Che, in conformità a quanto previsto dall’art. 38, comma 1, lett. b) e c), D.Lgs.
12/04/2006, n. 163, nel proprio Certificato generale del Casellario giudiziale risulta
quanto segue, fatte salve eventuali sentenze di condanna con il beneficio della non
menzione nei certificati del Casellario giudiziale, spedito a richiesta di privati, ovvero di
irrogazione della pena su richiesta (patteggiamento), relative a reati non rilevanti ai fini
della partecipazione alle gare: <...>
□ Che non è pendente procedimento per l’applicazione di una delle misure di
prevenzione (art. 3, legge 27/12/1956, n. 1423) o di una delle cause ostative previste
dall’art. 10, L. 31/05/1965, n. 575;
□ Di non essere stato sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale;
□ Che nei propri confronti, negli ultimi 5 anni, non vi è stata l’estensione degli effetti
derivanti dall’irrogazione della sorveglianza speciale nei riguardi di un proprio
convivente.



28
                                        DICHIARA
            AI SENSI E NEI MODI di CUI ALL’ART. 47, D.P.R. 28/12/2000, n. 445

□        che nei propri confronti non è stata pronunciata alcuna sentenza di condanna
con beneficio della non menzione nel Certificato del Casellario giudiziale, a richiesta
dell’interessato, oppure indica di seguito le condanne per le quali abbia beneficiato
della non menzione, relative a reati rilevanti ai fini della partecipazione alle gare: <...>;
□        Che nei propri confronti non vi è stata irrogazione della pena su richiesta (il cd.
patteggiamento), per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla
moralità professionale.


La presente dichiarazione è resa dal sottoscritto tenuto conto di quanto previsto
dall’art. 76, D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in merito alle dichiarazioni mendaci, alla falsità
negli atti e all’uso di atti falsi.



Li, <...>                    F.to <...>



Il sottoscritto <...>, ai sensi dell’art. 13, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196, dichiara di essere
informato:

Che il trattamento di detti dati avverrà, presso l’Amministrazione, con l’utilizzo di
procedure anche informatiche, nei modi e nei limiti necessari per perseguire le
sottoindicate finalità, anche in caso di eventuale comunicazione a terzi, nel caso di
richiesta di accesso a detta procedura e/o controllo;

Che il conferimento dei dati richiesti è indispensabile, pena esclusione, per
l’espletamento della gara in oggetto, con riguardo alla normativa sugli appalti pubblici
che qui s’intende espressamente richiamata;

Che gli sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196;

Che il titolare del trattamento cui può rivolgersi per l’esercizio dei suoi diritti è la
Provincia di Monza e della Brianza e, in particolare, Il Direttore del Settore Demanio
patrimonio, Edilizia Scolastica e protezione Civile



Li, <...>                    F.to <...>



Si allega copia fotostatica, ancorché non autenticata, di un documento di identità del
sottoscrittore, o di un documento di riconoscimento equipollente, in corso di
29
validità.




30
MODELLO Fac simile Dichiarazione sottoscritta dall’impresa ausiliaria con cui
quest’ultima si obbliga verso il concorrente e verso la stazione appaltante a mettere
a disposizione per tutta la durata dell’appalto le risorse necessarie di cui è carente il
concorrente.
                                       DICHIARAZIONE

(da completare e firmare ai sensi e con le modalità indicate al punto <...> del <...>, da
parte del legale rappresentante dell’impresa ausiliaria) N.B.: Occorre allegare – pena
esclusione – copia fotostatica, ancorché non autenticata, di un documento di identità
del sottoscrittore o di un documento di riconoscimento equipollente, ai sensi dell’art.
35, comma 2, D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in corso di validità.

Il sottoscritto <...>, nato a <...>, il <...>, residente in <...> via <...> nella sua qualità di
<...> dell’impresa <...>, con sede in <...> via <...> ausiliaria dell’impresa <...> ai fini
della partecipazione alla gara per <...>,

Si obbliga verso il concorrente e verso la stazione appaltante a mettere a disposizione
per tutta la durata dell’appalto le risorse necessarie di cui è carente il concorrente e
precisamente <...> (indicare)

La presente dichiarazione è resa dal sottoscritto tenuto conto di quanto previsto
dall’art. 76, D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in merito alle dichiarazioni mendaci, alla falsità
negli atti e all’uso di atti falsi.



Li, <...>                     F.to <...>



Il sottoscritto <...>, ai sensi dell’art. 13, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196, dichiara di essere
informato:

– che il trattamento di detti dati avverrà, presso l’Amministrazione, con l’utilizzo di
procedure anche informatiche, nei modi e nei limiti necessari per perseguire le
sottoindicate finalità, anche in caso di eventuale comunicazione a terzi, nel caso di
richiesta di accesso a detta procedura e/o controllo;

– che il conferimento dei dati richiesti è indispensabile, pena esclusione, per
l’espletamento della gara in oggetto, anche con riguardo alla normativa sugli appalti
pubblici, che qui s’intende espressamente richiamata;

– che gli sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196;

– che il titolare del trattamento cui può rivolgersi per l’esercizio dei suoi diritti è la
31
Provincia di Monza e della Brianza e, in particolare, per il Settore Viabilità e Strade il
Dirigente Ing. Saverio Bourlà.

Li, <...>                   F.to <...>

Si allega copia fotostatica, ancorché non autenticata, di un documento di identità del
sottoscrittore o di un documento di riconoscimento equipollente, in corso di validità.




32
MODELLO Fac simile Dichiarazione sottoscritta dall’impresa ausiliaria con cui questa
attesta che non partecipa alla gara in proprio o in qualità di associata o consorziata,
né si trova in una situazione di controllo di cui all’art. 34, comma 2, D.Lgs.
12/04/2006, n. 163 con una delle altre imprese che partecipano alla gara


(da completare e firmare ai sensi e con le modalità indicate al punto <...> del <...>, da
parte del legale rappresentante dell’impresa ausiliaria) N.B.: Occorre allegare – pena
esclusione – copia fotostatica, ancorché non autenticata, di un documento di identità
del sottoscrittore o di un documento di riconoscimento equipollente, ai sensi dell’art.
35, comma 2, D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in corso di validità.

Il sottoscritto <...>, nato a <...>, il <...>, residente in <...> via <...> nella sua qualità di
<...> dell’impresa <...>, con sede in <...> via <...> ausiliaria dell’impresa <...> ai fini
della partecipazione alla gara per <...>;

DICHIARAZIONE RESA AI SENSI E NEI MODI DI CUI ALL’ART. 47, D.P.R. 28/12/2000, n.
                                     445

– Attesta di non partecipare alla gara in proprio o associata o consorziata;

– di non trovarsi in una situazione di controllo di cui all’art. 34, comma 2, D.Lgs.
163/2006 con una delle altre imprese che partecipano alla gara;

– di non fungere da impresa ausiliaria per più di un concorrente ai fini della presente
gara;

– La presente dichiarazione è resa dal sottoscritto tenuto conto di quanto previsto
dall’art. 76, D.P.R. 445/2000, in merito alle dichiarazioni mendaci, alla falsità negli atti
e all’uso di atti falsi.



Li, <...>                     F.to <...>



Il sottoscritto <...>, ai sensi dell’art. 13, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196, dichiara di essere
informato:

– che il trattamento di detti dati avverrà, presso l’Amministrazione comunale, con
l’utilizzo di procedure anche informatiche, nei modi e nei limiti necessari per perseguire
le sottoindicate finalità, anche in caso di eventuale comunicazione a terzi, nel caso di
richiesta di accesso a detta procedura e/o controllo;

– che il conferimento dei dati richiesti è indispensabile, pena esclusione, per
l’espletamento della gara in oggetto, anche con riguardo alla normativa sugli appalti
33
pubblici, che qui si intende espressamente richiamata;

– che gli sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196;

– che il titolare del trattamento cui può rivolgersi per l’esercizio dei suoi diritti è la
Provincia di Monza e della Brianza e, in particolare, per il Settore Viabilità e Strade il
Dirigente Ing. Saverio Bourlà.

Li, <...>                     F.to <...>

Si allega copia fotostatica, ancorché non autenticata, di un documento di identità del
sottoscrittore o di un documento di riconoscimento equipollente, in corso di validità.




34
MODELLO Fac simile Dichiarazione sostitutiva attestante il legame giuridico ed
economico esistente nel gruppo
DICHIARAZIONE

(da completare e firmare ai sensi e con le modalità indicate al punto <...> della lettera
invito/bando/disciplinare di gara, da parte del legale rappresentante dell’impresa)
N.B.: Occorre allegare copia fotostatica, ancorché non autenticata, di un documento di
identità del sottoscrittore o di un documento di riconoscimento equipollente, ai sensi
dell’art. 35, comma 2, D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in corso di validità.

Il sottoscritto <...>, nato a <...>, il <...>, residente in <...> via <...>, nella sua qualità di
<...> dell’impresa <...>, con sede in <...> via <...>;

            DICHIARA AI SENSI E NEI MODI DI CUI AL D.P.R. 28/12/2000, n. 445

Che, ai fini della partecipazione alla gara concernente i lavori di <...>, poiché trattasi di
avvalimento nei confronti di un’impresa che appartiene al medesimo gruppo, in luogo
del contratto, in virtù del quale l’impresa ausiliaria si obbliga nei confronti del
concorrente a fornire i requisiti e a mettere a disposizione le risorse necessarie per tutta
la durata dell’appalto, l’impresa concorrente dichiara il legame giuridico ed economico
esistente nel gruppo <...>, vale a dire <...>.

La presente dichiarazione è resa dal sottoscritto tenuto conto di quanto previsto
dall’art. 76, D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in merito alle dichiarazioni mendaci, alla falsità
negli atti e all’uso di atti falsi.

Li, <...>                     F.to <...>

Il sottoscritto <...>, ai sensi dell’art. 13, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196, dichiara di essere
informato:

– che il trattamento di detti dati avverrà, presso l’Amministrazione comunale, con
l’utilizzo di procedure anche informatiche, nei modi e nei limiti necessari per perseguire
le sottoindicate finalità, anche in caso di eventuale comunicazione a terzi, nel caso di
richiesta di accesso a detta procedura e/o controllo;

– che il conferimento dei dati richiesti è indispensabile, pena esclusione, per
l’espletamento della gara in oggetto, anche con riguardo alla normativa sugli appalti
pubblici, che qui si intende espressamente richiamata;

– che gli sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196;

– che il titolare del trattamento cui può rivolgersi per l’esercizio dei suoi diritti è la
Provincia di Monza e della Brianza e, in particolare, il Direttore del Settore Demanio,
Patrimonio, edilizia Scolastica e protezione Civile

Li, <...>                     F.to <...>
35
Si allega copia fotostatica, ancorché non autenticata, di un documento di identità del
sottoscrittore o di un documento di riconoscimento equipollente, in corso di validità.




36
Fac simile Dichiarazione sottoscritta da parte dell’impresa ausiliaria attestante il
possesso da parte di quest’ultima dei requisiti generali di cui all’art. 38 D.Lgs.
163/2006 e s.m.i.


Parte A)

                                       DICHIARAZIONE

(da completare e firmare ai sensi e con le modalità indicate al punto <...> del <...>, da
parte del legale rappresentante dell’impresa ausiliaria)

N.B.: Occorre allegare – pena esclusione – copia fotostatica, ancorché non autenticata,
di un documento di identità del sottoscrittore o di un documento di riconoscimento
equipollente, ai sensi dell’art. 35, comma 2, D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in corso di
validità.

Il sottoscritto <...>, nato a <...>, il <...>, residente in <...> via <...> nella sua qualità di
<...> dell’impresa <...>, con sede in <...> via <...> ausiliaria dell’impresa <...> ai fini
della partecipazione alla gara per <...>;

                                          DICHIARA
                           AI SENSI E NEI MODI DI CUI ALL’ART. 46
                                       D.P.R. 445/2000

□     che l’impresa <...> è iscritta alla Camera di Commercio di <...> al n. <...>, (data di
iscrizione <...>);
□     che, secondo le risultanze del certificato di iscrizione alla Camera di Commercio,
l’esatta denominazione dell’impresa è <...> C.F. <...> P. IVA <...>, forma giuridica <...>
sede legale <...>;
□     che l’attività dell’impresa è la seguente:<...>;
□     che i legali rappresentanti dell’impresa sono: (per ciascuno è necessario indicare:
nome e cognome/data di nascita/C.F./poteri/carica/qualifica/data nomina/durata in
carica) <...> <...> <...>;
□     che l’impresa possiede le seguenti sedi secondarie e unità locali: <...>;
□     che non risultano negli ultimi 5 anni a carico di questa impresa dichiarazioni di
fallimento, liquidazione coatta, concordato preventivo;
□     che il Direttore tecnico di questa impresa è <...>;
□     che, in base a quanto previsto dall’art. 38, comma 1, lett. b) prima parte, c),
prima parte e m), D.Lgs. 12/04/2006, n. 163, nel proprio Certificato generale del
Casellario giudiziale risulta quanto segue, fatte salve le eventuali sentenze di condanna
con il beneficio della non menzione nei certificati del casellario giudiziale, spedito a
richiesta di privati, ovvero di irrogazione della pena su richiesta (patteggiamento),
37
relative a reati non rilevanti ai fini della partecipazione alla gara: <...>
□     Che non è pendente procedimento per l’applicazione di una delle misure di
prevenzione di cui all’art. 3 legge 27/12/1956, n. 1423 o di una delle cause ostative
previste dall’art. 10 della legge 31/05/1965, n. 575;
Che, secondo il quanto previsto dall’art. 38, comma 1, lett. a), D.Lgs. 163/2006, non si
trova in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo, né nei
propri riguardi è in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni;

Che non è stato sottoposto a misure di prevenzione della sorveglianza speciale e che,
negli ultimi 5 anni, nei propri confronti non sono stati estesi gli effetti derivanti
dall’irrogazione della sorveglianza speciale nei riguardi di un proprio convivente;

ai sensi dell’art. 38, comma 1, lett. i), D.Lgs. 163/2006 e s.m.i, di non aver commesso
violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di contributi
previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o dello Stato in cui
l’impresa è stabilita;

ai sensi dell’art. 38, comma 1, lett. g), D.Lgs. 163/2006 e s.m.i, di non aver commesso
violazioni, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle
imposte e tasse, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui l’impresa è
stabilita;

DICHIARAZIONE RESA AI SENSI E NEI MODI DI CUI ALL’ART. 47 D.P.R. 28/12/2000, n. 445

Di non trovarsi in alcuna delle situazioni costituenti causa di esclusione dalle gare per
l’affidamento dei lavori pubblici ai sensi dell’art. 38, comma 1, lett. b) parte seconda,
lett. c) parte seconda, d), e), f), h), m) e m-bis), D.Lgs. 12/04/2006, n. 163, e
precisamente:

□     che non è stata applicata dall’organo giudiziario competente una delle misure di
prevenzione di cui alla legge n. 1423/1956 e s.m. nei confronti dei soggetti richiamati
dall’art. 38, comma 1, lett. b), D.Lgs. 12/04/2006, n. 163, che conseguono
all’annotazione – negli appositi registri presso le segreterie delle procure della
Repubblica e presso le cancellerie dei tribunali – della richiesta del relativo
procedimento, la quale era stata inserita come informazione nel casellario informatico
□     Di non essere a conoscenza che nei confronti di detti soggetti sia pendente alcun
procedimento per l’applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all’art. 3 della
legge 27/12/1956, n. 1423 o di una delle cause ostative previste dall’art. 10 della legge
31/05/1965, n. 575;
□     Che nei confronti dei soggetti cessati dalla carica nel triennio antecedente la data
di pubblicazione del bando di gara non sono state pronunciate:
□      sentenze di condanna passate in giudicato, o emessi decreti penali di condanna
divenuti irrevocabili, oppure sentenze di applicazione della pena su richiesta, ai sensi
dell’art. 444, c.p.p., per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono
sulla moralità professionale o sentenza passata in giudicato, per uno o più reati di
38
partecipazione a un’organizzazione criminale, corruzione, frode, riciclaggio, quali
definiti dagli atti comunitari citati all’art. 45, par. 1, Direttiva CE 2004/18,
□     Nel caso contrario, di dimostrare di aver adottato atti o misure di completa
dissociazione della condotta penalmente sanzionata, riferita a <...> mediante <...>;
□     Che non ci sono state violazioni del divieto di intestazione fiduciaria posto all’art.
17 legge 19/03/1990, n. 55;
□     Di non aver commesso gravi infrazioni debitamente accertate alle norme in materia
di sicurezza e a ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro, risultanti dai dati in
possesso dell’Osservatorio;
□     Di non aver commesso, secondo motivata valutazione della stazione appaltante,
grave negligenza o malafede nell’esecuzione delle prestazioni affidate dalla stazione
appaltante che bandisce la gara;
□     di non aver commesso un errore grave nell’esercizio della propria attività
professionale, accertato con qualsiasi mezzo di prova da parte della stazione
appaltante;
□     di non aver reso, nell’anno antecedente la data di pubblicazione del bando di gara,
false dichiarazioni in merito ai requisiti e alle condizioni rilevanti per la partecipazione
alle procedure di gara e per l’affidamento dei subappalti, risultanti dai dati in possesso
dell’Osservatorio;
□     che nei propri confronti non è stata applicata la sanzione interdittiva di cui all’art.
9, comma 2, lett. c), D.Lgs. 08/06/2001, n. 231 o altra sanzione che comporta il divieto
di contrarre con la pubblica Amministrazione;
□     che nei propri confronti non è stata applicata la sospensione o la decadenza
dell’attestazione SOA da parte dell'Autorità per aver prodotto falsa documentazione o
dichiarazioni mendaci, risultanti dal casellario informatico;
□     che nei propri confronti non è stata pronunciata sentenza di condanna con
beneficio della non menzione nel Certificato del Casellario giudiziale, rilasciato su
richiesta dell’interessato, oppure indica di seguito le condanne per le quali abbia
beneficiato della non menzione, relative a reati rilevanti ai fini della partecipazione a
gara: <...>;
□     che nei propri confronti non è stata irrogata alcuna pena su richiesta (il cd.
patteggiamento), per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla
moralità professionale;
□     di aver correttamente adempiuto, all’interno della propria azienda, agli obblighi di
sicurezza previsti dalla normativa vigente;
□     di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili,
nonché di essere in possesso di apposita certificazione rilasciata dagli uffici competenti,
dalla quale risulti l’ottemperanza alle norme della legge 12/03/1999, n. 68;
(Qualora la ditta invitata a gara non sia tenuta all’osservanza della legge 68/1999,
anche tenuto conto di quanto disposto dall'art. 5, c. 2, il concorrente scelga tra le
opzioni, barrando con una croce una delle caselle)

- impresa che occupi da 15 a 35 dipendenti che non ha proceduto a nuove assunzioni dal
39
18 gennaio 2000;

- impresa che versi in una delle situazioni previste dagli artt. 1 e 3, legge 23/07/1991, n.
223 e s.m., ovvero dall’art. 1, D.L. 30 ottobre 1984, n. 726, convertito, con
modificazioni, dalla legge 19/12/1984, n. 863 e dagli artt. 4 e 24, legge 223/1991, per la
quale trova applicazione la disposizione di cui all’art. 3, comma 5, legge 68/1999;

- impresa che occupi un numero di dipendenti inferiore a 15, non soggetta alle
disposizioni di cui alla legge 68/1999;

□     che, ai sensi dell’art. 1-bis, comma 14, legge 383/2001, modificato dal D.L.
210/2002 convertito con legge 266/2002, l’impresa non si è avvalsa dei piani individuali
di emersione di cui alla legge 383/2001 (o, in alternativa, che l’impresa si è avvalsa dei
piani individuali di emersione di cui alla legge 383/2001, ma che il periodo di emersione
è terminato);
La presente dichiarazione è resa dal sottoscritto tenuto conto di quanto previsto
dall’art. 76, D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in merito alle dichiarazioni mendaci, alla falsità
negli atti e all’uso di atti falsi.



Li, <...>                     F.to <...>



Il sottoscritto <...>, ai sensi dell’art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, dichiara di essere
informato:

– che il trattamento di detti dati avverrà, presso l’Amministrazione comunale, con
l’utilizzo di procedure anche informatiche, nei modi e nei limiti necessari per perseguire
le sottoindicate finalità, anche in caso di eventuale comunicazione a terzi, nel caso di
richiesta di accesso a detta procedura e/o controllo;

– che il conferimento dei dati richiesti è indispensabile, pena esclusione, per
l’espletamento della gara in oggetto, anche con riguardo alla normativa sugli appalti
pubblici, che qui s’intende espressamente richiamata;

– che gli sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196;

– che il titolare del trattamento cui può rivolgersi per l’esercizio dei suoi diritti la
Provincia di Monza e della Brianza e, in particolare, il Direttore del Settore Demanio,
Patrimonio, Edilizia scolastica, e Protezione Civile

Li, <...>                     F.to <...>

Si allega copia fotostatica, ancorché non autenticata, di un documento di identità del
sottoscrittore o di un documento di riconoscimento equipollente, in corso di validità.

40
MODELLO Fac simile Dichiarazione attestante l’avvalimento dei requisiti necessari
per la partecipazione alla gara, con specifica indicazione dei requisiti stessi e
dell’impresa ausiliaria
(da completare e firmare da parte del legale rappresentante dell’impresa)

N.B.: Occorre allegare – pena esclusione – copia fotostatica, ancorché non autenticata,
di un documento d’identità del sottoscrittore o di un documento di riconoscimento
equipollente, ai sensi dell’art. 35, comma 2, D.P.R. 28/12/2000, n. 445, in corso di
validità.

Il sottoscritto <...>, nato a <...>, il <...>, residente in <...> via <...> nella sua qualità di
<...> dell’impresa <...>, con sede in <...> via <...>;

                 DICHIARA AI SENSI E NEI MODI di CUI AL D.P.R. 445/2000

ai fini della partecipazione alla gara concernente i lavori di manutenzione ordinaria
strade provinciali Monza e Brianza di possedere i seguenti requisiti <...> e che intende
avvalersi dell’impresa ausiliaria <...> con sede in <...> via <...>, la quale è in possesso di
<...>, ai fini di <...> (18);

La presente dichiarazione è resa dal sottoscritto tenuto conto di quanto previsto
dall’art. 76, D.P.R. 445/2000, in merito alle dichiarazioni mendaci, alla falsità negli atti
e all’uso di atti falsi.

Li, <...>                     F.to <...>

Il sottoscritto <...>, ai sensi dell’art. 13, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196, dichiara di essere
informato:

– Che il trattamento di detti dati avverrà, presso l’Amministrazione comunale, con
l’utilizzo di procedure anche informatiche, nei modi e nei limiti necessari per perseguire
le sottoindicate finalità, anche in caso di eventuale comunicazione a terzi, nel caso di
richiesta di accesso a detta procedura e/o controllo;

– Che il conferimento dei dati richiesti è indispensabile, pena esclusione, per
l’espletamento della gara in oggetto, anche con riguardo alla normativa sugli appalti
pubblici, che qui s’intende espressamente richiamata;

– che gli sono riconosciuti i diritti di cui all’art. 7, D.Lgs. 30/06/2003, n. 196;

– che il titolare del trattamento cui può rivolgersi per l’esercizio dei suoi diritti è la
Provincia di Monza e della Brianza e, in particolare, il Direttore del Settore Demanio,
Patrimonio, Edilizia scolastica e Protezione Civile

Li, <...>                     F.to <...>
41
Si allega copia fotostatica, ancorché non autenticata, di un documento d’identità del
sottoscrittore o di un documento di riconoscimento equipollente, in corso di validità.




42
Dichiarazione del Fideiussore DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA di ATTO di NOTORIETA’
DA RENDERSI AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEGLI ARTT. 47, 75 E 76 DEL D.P.R. N.
445/2000 DA PARTE DEL FIDEIUSSORE


Il/la   sottoscritto/a   ______________________________________________   nato/a   a
_______________________________________il _____________ nella propria qualità di
__________________________________________ della Compagnia Assicurativa/Banca
_______________________________ ___________________

consapevole della responsabilità penale nella quale può incorrere in caso di
dichiarazione mendace,

                                        DICHIARA

Che in forza della Procura n_______________________/Verbale di Assemblea del

________________________ (altro_____________________________) è legittimato ad
emettere fideiussione per tipologia ed importo richiesti.




Data

In fede

IL DICHIARANTE




NOTA BENE:



43
Allegare copia fotostatica non autenticata del documento d’identità in corso di
validità del firmatario




44
ALLEGATO – Dichiarazione di subappalto


OGGETTO: Procedura aperta per l’affidamento
Il/la    sottoscritto/a    ______________________________________________          nato/a   a
_______________________________________________il            giorno   ___________________
nella propria qualità di (cancellare il campo che non interessa): legale rappresentante/
procuratore                                                                          speciale
dell’impresa________________________________________________________,

che partecipa alla gara di cui all’oggetto come:

        impresa singola
        mandatario dell’ATI__________________________________
        mandante dell’ATI____________________________________
        consorzio____________________________________________
        consorziato esecutore dei lavori appartenente al
         consorzio__________________________;
        con avvalimento dei requisiti dell’impresa _________________________
                                             DICHIARA




     - Che intende subappaltare le seguenti lavorazioni o parti di opere (indicare le
     lavorazioni    o      le   parti   di   opere   che    si   intendono      subappaltare)
     _________________________________________________________________________
     _________________________________________________________________________
     ______________________________________________________________________

     E nella misura del_________________________________________________

     (Dichiarare la % entro i limiti di cui all’art. 118 co. 2 D.Lgs. 163/06)

     DATA

     FIRMA DEL DICHIARANTE

     NOTA BENE

45
Questa dichiarazione va resa in caso si intenda utilizzare il subappalto. Qualora
sia omessa, l’impresa deve eseguire in proprio e con i requisiti prescritti dal
disciplinare di gara e dalla legge tutte le lavorazioni oggetto d’appalto.

ALLEGATO - Dichiarazione Accompagnatoria Dell’offerta Economica


                      (da inserire nella BUSTA “Offerta Economica”-)

OGGETTO: Procedura aperta per
Il/la    sottoscritto/a    ______________________________________________        nato/a   a
_______________________________________________il           giorno     ___________________
nella propria qualità di (cancellare il campo che non interessa): legale rappresentante/
procuratore                                                                        speciale
dell’impresa________________________________________________________,

che partecipa alla gara di cui all’oggetto come:

        impresa singola
        mandatario dell’ATI__________________________________
        mandante dell’ATI____________________________________
        consorzio____________________________________________
consorziato        esecutore       dei     lavori       appartenente       al    consorzio
__________________________;

           DICHIARA di PRENDERE ATTO AI SENSI DELL’ART. 90 CO. 5 DPR 554/99

Che l’indicazione delle voci e della quantità non ha effetto sull’importo complessivo
dell’offerta che, seppur determinato attraverso l’applicazione dei prezzi unitari
offerti alle quantità delle varie lavorazioni resta fisso ed invariabile ai sensi degli
artt. 53 co. 4 e 82 D.Lgs. 163/06.

Data

                                                    Firma




46
NOTA BENE
Questa dichiarazione va resa e allegata, a pena di esclusione, alla “Lista delle
lavorazioni e forniture”, ritirata presso l’ufficio competente e vidimata in ogni suo
foglio dal Responsabile del Procedimento.




47

								
To top