CAPITOLATO - DESCRIZIONE DELLE OPERE

Document Sample
CAPITOLATO - DESCRIZIONE DELLE OPERE Powered By Docstoc
					           immobiliare veneta biemme s.r.l.




        Le Villette

 Fabbricato di 12 Villette a Schiera



D E S C R I Z I O N E delle O P E R E




    Comune di Breda di Piave - Treviso




                                              1
                           CAPITOLATO - DESCRIZIONE DELLE OPERE


SCAVO GENERALE

Scavo di sbancamento in terreno vergine di qualsiasi natura e consistenza, eseguito con mezzo meccanico a
realizzazione di fondazioni, portato fino ai piano d'appoggio del magrone di sottofondazione,
ritombamento con materiale di risulta a lavoro ultimato.

FONDAZIONE

Formazione di piano di posa fondazioni (Magrone) dello spess. di cm. 10, realizzato con conglomerato
cementizio gettato entro lo scavo di fondazione dosato a qli 2,0 di cemento tipo 325 per mc. di impasto.
Formazione di vespaio aerato, realizzato mediante la posa in opera di elementi igloo h. cm.33, con forma a
cupola, atti a ricevere il getto sovrastante di calcestruzzo. Formazione di platea d'appoggio igloo, realizzata
a mezzo fornitura e getto di conglomerato cementizio entro lo scavo di fondazione, confezionato nelle
dovute proporzioni per ottenere una resistenza cubica a 28 gg di 250 Kg/cmq. (classe 250).
Realizzazione di zoccoli di rialzo a contenimento Igloo, realizzati a mezzo fornitura di conglomerato
cementizio gettato e vibrato in opera entro casseri, confezionato con le dovute proporzioni per ottenere una
resistenza cubica a 28 gg di 300 Kg/cmq. (classe 300), gettato in opera.
Formazione di soletta spess. cm. 5 sopra igloo, realizzata a mezzo fornitura e getto di conglomerato
cementizio armato con rete elettrosaldata.

MURATURE IN LATERIZIO

Formazione di murature interne portanti in blocchi modulari laterizi allettati con malta di cemento e dello
spessore richiesto dai calcoli strutturali.-

STRUTTURE PORTANTI

Formazione di pilastri in c.a. realizzati a mezzo fornitura e posa in opera
di conglomerato cementizio, Rck 300, di cemento tipo 325 gettato entro casseri di contenimento, ben
vibrato.


PIANO TERRA

Formazione di solaio di calpestio e soffitto piano, a struttura in latero-cemento adeguatamente armati e
completati con getti in opera di cls Rbk 300.-, (BAUSTA), compreso eventuale sporto per formazione
terrazze, tutti i cordoli saranno isolati esternamente con tavelle in cotto, onde evitare qualsiasi ponte
termico.

PIANO PRIMO - COPERTURA

Formazione di solaio di copertura in legno costituito da:
- Travi di abete delle dimensioni come da calcoli statici piallati e trattati con una mano di prodotto
antitarlo, compreso ammorsamento alla muratura.
- trattamento antitarlo, antibatterico e antiparassitario teste travi su cornici
- tavolato in legno d'abete dello spessore di mm 20, fissato alla struttura principale con chiodi
- cordoli d'appoggio travi in legno., realizzati a mezzo posa in opera di conglomerato cementizio, Rck 300,
di cemento tipo 325 gettato entro casseri di contenimento, ben vibrato.
- tamponamento tra trave e trave realizzato e mezzo getto di conglomerato cementizio, Rck 300, tra le travi
in legno
- pacchetto di ventilazione copertura in legno costituito da:
- Fornitura e posa di barriera antivento.
- Doppia orditura costituita da listelli in legno di abete della sezione di cm 4x5 il primo parallelamente alla
linea di gronda a contenimento isolante ed il secondo perpendicolarmente alla linea di gronda a
formazione aerazione;
- Pannello termoisolante tipo "Stirodur" dello spessore dì cm 4 posato sul primo ordine di listelli;
- Tavolato di chiusura dello spess. di mm 20;


                                                                                                             2
- linea di colmo aerata, costituita da fascia in piombo ed elemento di sostegno in pvc.
Posa in opera griglia microforata parapassero, in lamiera di rame spess. 6/10, per ventilazione.
Impermeabilizzazione sottotegola eseguita con guaina bituminosa armata al poliestere del tipo granigliata
dello spessore di mm 4, compreso saldature e sigillature.
Realizzazione del manto di copertura in coppi del tipo tradizionale nella quantità di N° 33/mq. posti in
malta una fila ogni tre.

PIANO PRIMO - COPERTURA BASSA SU TERRAZZE

Formazione di copertura parte bassa a mezzo:
- muretti in tramezze forate da cm. 8 legati in malta bastarda,
- sovrastanti tavelloni dello spessore di cm. 6,
- cappa in calcestruzzo dello spessore di cm 3 armata con rete metallica.
- isolamento solaio di soffittatura a mezzo fornitura e posa in opera di materassino di lana minerale spess.
cm. 4

MURATURE ESTERNE

Realizzazione di muratura portante dello spessore di cm. 25 in blocchi semipieni di laterizio modulare
20x20x25, lavorata in malta bastarda di cemento e calce idraulica (di tamponamento lato garage in blocchi
spessore di cm. 20). Formazione di controparete interna a mezzo posa in opera di tramezze forate dello
spessore di cm 8, legate in malta bastarda, con interposto pannello isolante lana di vetro ad alta densità
accoppiato con carta kraft dello spessore di cm.3.

MURATURE DIVISORIE TRA PROPRIETÀ

Formazione di muratura divisoria tra unità immobiliari, realizzata a mezzo di blocchi semipiani di laterizio
modulare, a realizzazione doppia muratura dello spess. di cm. 17, legati in malta e con strato
fonoassorbente costituito da pannello isolante, spess. tot cm. 3 (spessore totale cm.41).
Formazione di pareti di divisione tra garages, realizzati a mezzo conglomerato cementizio gettato e vibrato
in opera entro casseri, confezionato con le dovute proporzioni per ottenere una resistenza cubica a 28 gg di
300 Kg/cmq. (classe 300), gettato in opera (spessore totale cm.20).
Formazione di doppia muratura tra garage e soggiorno in tramezze forate dello spessore di cm 8+8, legate
in malta bastarda, con interposto strato fonoassorbente costituito da pannello isolante, spess. tot cm. 3.

TRAMEZZATURE INTERNE

Formazione di pareti divisorie con laterizi forati da cm. 8x25x50 legati con malta bastarda ed
opportunamente ammorsati con le murature esterne.

GRONDAIE E PLUVIALI

Grondaie in lamiera di rame dello spessore di 6/10 sviluppo cm 50, a semplice disegno fissate su apposite
zanche interne a mezzo viteria
Scossalina in rame per raccolta acque dalle varie falde, dello spessore di 6/10 sviluppo cm. 50.
Pluviali in rame, dello spessore di 6/10 diam. cm. 10, completi in opera di curve, volute, supporti ed ogni
altro onere.

ISOLAMENTO TERMOACUSTICO DEI SOLAI

L’isolamento termoacustico dei solai tra i piani sarà realizzato con un massetto di polistirolo e cemento
(tipo ISOCAL) dello spessore medio di cm. 8/10 e guaina “Isolgomma”.


ISOLAMENTO MURATURE

Isolamento al piede della muratura costituito da un doppio strato di guaina impermeabile prefabbricata a
base bituminosa (spess. mm 4 ).

SCARICHI INTERNI



                                                                                                           3
Rete di scarico interna da eseguirsi con tubi in PeAD diam. 50-63, dalle curve tecniche comprese, fino alle
colonne montanti.
Isolamento acustico colonne di scarico, da eseguirsi con materassino comprendente un materassino in
poliuretano, un foglio in lamina di piombo da 3 Kg./cmq., finitura in poliuretano o PVC, da porsi in
opera con soluzione di assoluta continuità.

CANNE FUMAIE PER CALDAIE A GAS

Camino caldaia, doppia parete finitura esterna in rame, diametro esterno 140 mm., diametro interno 240
mm, tubo interno AISI 316L, tubo esterno in rame, con interposto isolamento in lana minerale ad alta
densità spessore mm. 50, comprendente: raccordo a T di derivazione; cono terminale; base con
sportello ispezione e scarico condensa; fascette chiusura elementi; staffe a muro 50 mm. Sviluppo
complessivo ml. 3,5.

CANNE FUMARIE

Formazione di alloggio per canna fumaria per camino chiuso o stufa, eseguito con elementi in
vibrocemento, dimensioni 20x20cm. Formazione della relativa presa d’aria.
Torrette per camino eseguite come da disegno ed indicazione della Direzione Lavori, compresa conversa in
rame per raccordo al manto di copertura.

SFIATI ED ESALATORI

Colonne montanti di scarico, sfiati al tetto, da eseguirsi con tubi in PeAD, tipo GEBERIT od analogo.
Colonna unica per acque bianche e acque nere.

DAVANZALI E SOGLIE

I davanzali e le soglie esterne, realizzati in marmo botticino levigato e lucidato nelle parti in vista, avranno
spessore rispettivamente di cm. 3+7 e di cm. 3.-

SCALE INTERNE

Formazione di scale in c.a. a mezzo getto di conglomerato cementizio Rck 300.
Le scale saranno rivestite con alzata e pedata in piastrelle monocottura prima scelta della stessa varietà del
pavimento soggiorno, compreso pezzi speciali, torelli ecc..

RINGHIERE

Le ringhiere per le terrazze e per le scale saranno in ferro lavorato a semplice disegno o in grigliato, zincato
e verniciato a polveri colore antracite.

PAVIMENTO IN MONOCOTTURA

I pavimenti della zona giorno (ingressi, soggiorni), saranno realizzati con piastrelle in monocottura prima
scelta a pasta bianca, dimensioni cm. 33x33, colori a scelta della DD.LL., fugatura tinta grigio cemento,
posa ortogonale. (Prezzo listino €/mq.14,00.=)

PAVIMENTO IN LEGNO

I pavimenti della zona notte saranno in listoncini di parquet IROKO o ACERO EUROPEO, dello spessore
di mm. 10, posti in opera a colla bicomponente su sottofondo precedentemente predisposto e finiti, previa
levigatura, con tre mani di vernice.-

PAVIMENTO E RIVESTIMENTO IN CERAMICA

I pavimenti e rivestimenti dei servizi igienici saranno in piastrelle di ceramica di prima scelta delle
dimensioni di cm. 20x20, colori a scelta della DD.LL., fugatura bianca, posa ortogonale, i rivestimenti degli
angoli cottura saranno in piastrelle di ceramica di prima scelta delle dimensioni di cm. 10x10 o 20x20,
colori a scelta della DD.LL., fugatura bianca, posa ortogonale. L’altezza di rivestimento per tutti i servizi
sarà di mt. 2.40 mentre il rivestimento delle cucine sarà di mt. 2.00 per una superficie complessiva di
mq.7.- Sono escluse greche, decori e pezzi speciali.- ( Prezzo listino €/mq. 14,00.=).-

                                                                                                              4
IMPERMEABILIZZAZIONE E PAVIMENTAZIONE TERRAZZI

Isolamento dei poggioli a mezzo:
Fornitura e posa in opera di barriera al vapore costituita da guaina bituminosa dello spess. di mm 3.5.
Creazione di adeguate pendenze a mezzo getto di calcestruzzo atto a ricevere la pavimentazione prescelta.
Impermeabilizzazione mediante applicazione di “Acquascud” omologato “Volteco”
La pavimentazione dei terrazzi sarà realizzata con piastrelle in gres porcellanato antigelo ed antisdrucciolo
per esterni, di prima scelta, dimensioni cm. 15x15, colori a scelta della DD.LL., stuccato e fugato nelle
giunzioni con apposito stucco, posa ortogonale. Battiscopa dello stesso materiale altezza cm.8.

BATTISCOPA IN LEGNO

Tutti i battiscopa interni, compresi quelli delle scale, saranno impiallacciati iroko o acero dell’altezza di cm.
8 e dello spessore di cm. 1,3, fissati con chiodi d’acciaio e silicone compresa finitura a lucido delle teste.-

INTONACI INTERNI

Formazione di intonaci interni a mezzo due mani di malta cementizia, con finitura al civile a mezzo malta
fine frattazzata.

INTONACI ESTERNI

Fornitura e posa in opera di intonaco esterno del tipo premiscelato formato da un rinzaffo di malta di
cemento, uno strato di malta bastarda tirato a stadia, la finitura a mezzo malta fine fratazzata.

TINTEGGIATURE INTERNE

Le tinteggiature interne saranno di colore bianco o tinte pastello, realizzate con tinte a tempera, previa
preparazione del sottofondo, per tutti i locali di servizio, bagni e cucine e con tinte lavabili a base di resine
viniliche, previa preparazione del fondo con uno strato impregnante, per tutti gli altri locali.-

TINTEGGIATURE ESTERNE

Le tinteggiature interne saranno idrorepellenti lavabili ai silicati per esterni, in tinte tenui a due passate
previa preparazione del fondo.-

RIVESTIMENTI ESTERNI

Rivestimento di facciate esterne in mattoni di cotto lavorati a facciavista.


PORTE INTERNE

Le porte interne saranno ad un battente, costituite da cassa in listellare di pioppo con spessore mm40,
impiallacciatura sui quattro lati in noce, con guarnizione nel perimetro della battuta, mostre coprifilo in
multistrati impiallacciato con montaggio a 90 gradi, pannello del tipo tamburato con intelaiatura interna
di irrigidimento e sostegno in legno, riempimento a struttura alveolare, il supporto costituito da pannelli in
fibra di legno, battuta in ramino massello di spessore mm.44. Rivestimento eseguito con tranciato di
essenza pregiata incollato a caldo. Maniglia ottonata.

SERRAMENTI ESTERNI

Infissi esterni monoblocco Modello CLASSICA 58 marca PANTO.
FINESTRE E PORTEFINESTRE:
Anta e telaio assumono dimensione di 58 x 72 mm.
Per la costruzione dei telai cassa e battente sarà utilizzato un supporto interno lamellare in legno di
conifera a triplo strato con giunzioni a Finger-joint e riporto di una lamella di legno massiccio sulla parte
interna ed esterna del serramento in mogano. L'incollaggio sarà realizzato ad alta frequenza con collante in
classe D4 secondo la specifica prevista dalla normativa EN 204.


                                                                                                               5
II telaio sarà provvisto di doppia guarnizione, una esterna in gomma EPDM coestruso espanso, ed una
interna in gomma termoplastica TPE.
Vetrocamera del tipo 4/12/4 float. Per tutte le portefinestre e per l’infisso scorrevole del soggiorno (senza
scuro) sara’ previsto vetrocamera antisfondamento del tipo 3+3/12/4. Il valore dell'isolamento termico
espresso in K-WERT (W/m2 K)                sarà di 2,4 ± 5%. I canalini distanziatori saranno in alluminio
microforato con riempimento di setacci molecolari e giuntati nei quattro angoli. La sigillatura sarà doppia
con butile e thyocol sul perimetro del vetrocamera. Il fissaggio del pannello vetrocamera al telaio di legno
sarà assicurato per mezzo di listello fermavetro posizionato sul             lato interno e doppia siliconatura
interno/esterno.
I drenaggi saranno assicurati attraverso forature praticate all'interno della camera di evacuazione del
traverso inferiore del telaio, e nelle quali saranno inseriti dei tappi in materiale plastico.
Tutta la ferramenta delle ante ad oscillobattente sarà del tipo ad anta e ribalta prodotta da primaria ditta
tedesca. I meccanismi di regolazione saranno costituiti da perno e liscia nonché da ogni singolo incontro
posizionato nel perimetro di chiusura.
La ferramenta perimetrale sarà protetta contro gli agenti atmosferici da un trattamento di
tropicalizzazione con Zn e Cr, secondo le norme Din 50941 e DIN 50961.
II legno sarà protetto mediante vernice a base di resine acriliche in emulsione acquosa, una mano
d'impregnante, una mano di fondo intermedio, due mani di verniciatura a finire di circa 500 micron umidi
complessivi. I prodotti verniciati applicati sono stati testati nei laboratori di ricerca e prova per la
valutazione della permeabilità al vapore d'acqua secondo la norma EN 927-4/98, per la valutazione della
permeabilità all'acqua secondo la norma EN 927-5/98.
I manufatti saranno completi di cornici coprifilo interne ed esterne in legno.
SCURI IN LEGNO:
Scuri in multistrato, spessore di 35 mm ± tolleranze di lavorazione. Ferramenta di chiusura realizzata in
lamiera di acciaio, trattato con cataforesi epossidica e successiva verniciatura con polvere poliestere di
colore nero. II legno sarà protetto mediante vernice a base di resine acriliche in emulsione acquosa,
una mano d'impregnante, una mano di fondo intermedio, due mani di verniciatura a finire di circa 500
micron umidi complessivi. I prodotti verniciati applicati sono stati testati nei laboratori di ricerca e prova
per la valutazione della permeabilità al vapore d'acqua secondo la norma EN 927-4/98, per la valutazione
della permeabilità all'acqua secondo la norma EN 927-5/98. Imbotte da mm. 150, con incastro a maschio e
femmina sul serramento, tinteggiato come gli oscuri

BASCULANTI GARAGE

Portoni basculanti per garage eseguiti con struttura in lamiera d'acciaio zincata e specchiatura in legno,
completi di ferramenta di sostegno e chiusura a contrappesi, maniglie e serrature tipo "Yale" , verniciatura
della stessa tinta degli scuri esterni.

PORTONCINO D’INGRESSO

Portoncini d'ingresso degli alloggi del tipo antiscasso da esterno, classe di sicurezza 2 secondo la norma
europea UNI ENV 1627/30, marca GARDESA linea CLASSIC collezione ELITE mod.97, pantografati
termoformati MDF disegno “Londra” colore verde dal lato esterno, stesso disegno delle porte interne dal
lato interno, scocca acciaio 12/10, 3 rostri fissi, 11 blocchi di ancoraggio, stipite in acciaio 15/10 plastificato
testa di moro, carenatura in lamiera plastificata testa di moro, guarnizione di battuta, paraspifferi,
spioncino, chiave europea, maniglie ottone.


IMPIANTO ELETTRICO

Gli impianti di ogni singola unità abitativa saranno realizzati in esecuzione sottotraccia realizzato con cavi
unipolari in corda di rame isolata N07V-K del tipo non propagante l'incendio, formazione minima 3x1,5
mmq., posti in opera dentro tubazione flessibile ad anelli rigidi in materiale termoplastico autoestinguente.
Completo dì scatola modulare da frutto del tipo ad incasso in materiale termoplastico autoestinguente,
supporto, frutto e placca in tecnopolimero. Tutti i materiali elencati provvisti di marchio I.M.Q. o
equivalente. I frutti saranno della marca VIMAR serie IDEA e avranno placca di finitura in materiale
plastico color bianco.

Piano Terra:

INGRESSO/SOGGIORNO:
 punti luce deviati                                   N.            4

                                                                                                                 6
   punti luce interrotto                           N.   1
   punti prese 2P+T 10/16A                         N.   5
   punto luce presa TV                             N.   1
   punto luce presa TV SATELLITARE                 N.   1
   punto presa telefonica                          N.   1
   punto suoneria ronzatore                        N.   1
-   termostato con controllo caldaia                N.   1

CUCINA:
 punti luce deviati                                N.   1
 punti prese 2P+T 10/16A                           N.   4
 gruppo PRESE ELETTRODOMESTICI                     N.   1
 punto luce presa TV                               N.   1

LAVANDERIA:
 punti luce interrotti                             N.   2
 punti prese 2P+T 10/16A                           N.   2
 punti prese 2P+T 10/16°
  SCHUKO PER LAVATRICE                              N.   1
 punti luce prese pulsanti di chiamata a tirante   N.   1

GARAGE:
 punti luce deviati                                N.   1
 punti prese 2P+T 10/16A                           N.   2

Piano Primo:

PRIMA CAMERA A 1 LETTO:
 punto luce deviato                                N.   1
 punti prese 2P+T 10/16A                           N.   3
 punto luce presa TV                               N.   1
 punto presa telefonica                            N.   1
 punto pulsante di chiamata                        N.   1

SECONDA CAMERA A 1 LETTO:
 punto luce deviato                                N.   1
 punti prese 2P+T 10/16A                           N.   3
 punto luce presa TV                               N.   1
 punto presa telefonica                            N.   1
 punto pulsante di chiamata                        N.   1

CAMERA MATRIMONIALE:
 punto luce invertito                              N.   1
 punti prese 2P+T 10/16A                           N.   4
 punto luce presa TV                               N.   1
 punto presa telefonica                            N.   1
 punti luce pulsanti di chiamata                   N.   1
- punto termostato incasso                          N.   1

DISIMPEGNO:
 punti luce invertito                              N.   1
 punto presa 2P+T 10/16A                           N.   1

BAGNO:
 punti luce interrotti                             N.   2
 punti prese 2P+T 10/16A                           N.   2
 punti luce prese pulsanti di chiamata a tirante   N.   1
 punto termostato ad incasso                       N.   1



                                                             7
RIPOSTIGLIO:
 punto luce interrotto                               N.            1
 punto presa 2P+T 10/16A                             N.            1

ESTERNO:
 punti luce esterno
 (terrazzini e ingresso abitazione)
 completi di interruttore luminoso                    N.            5
- punto luce ad incasso sulla muretta esterna
(modello PRISMA)                                      N.            1
- presa punto presa 2P+T 10/16° STAGNA                N.            1


PREDISPOSIZIONE IMPIANTO DI ALLARME

Posa tubazioni e scatole e passaggio cavi, fornitura e posa contatti su infissi esterni

LINEA ALIMENTAZIONE:

Linea di alimentazione dal contatore ENEL al quadro generale abitazione

ALIMENTAZIONE CALDAIA:

Linea di alimentazione caldaia (compreso cavi di collegamento dai termostati alle testine elettriche di
comando del collettore)

QUADRO ELETTRICO ABITAZIONE:

Centralino da incasso in materiale termoplastico autoestinguente 24 moduli; in esecuzione
sottotraccia, completo di targhette indicative.
 Sono contenute le seguenti apparecchiature di comando:

n.1 Interruttore differenziale 2x25A 0,03
n.2 Interruttore magnetotermico 2x1 OA
n.1 Interruttore magnetotermico 2x16A
n.1 Alimentatore citofonico

LINEE DORSALI:

Linee di alimentazione e dorsali dalle scatole di derivazione agli interruttori di protezione

LUCE EMERGENZA:

Punto luce emergenza
compreso di lampada autonomo 4W                       N.            2

IMPIANTO DI DISPERSIONE A TERRA:

 Impianto di dispersione a terra completo di:
- Dispersore in profilato di acciaio da 50x50x5mm, zincato a caldo, posto in intimo contatto con il terreno
entro un pozzetto di cemento con chiusino carrabile. Completo di morsetto in lega anticorrosione, cartello
indicatore e accessori vari. Lunghezza 1500mm.
- Anello equipotenziale di terra in tondo di acciaio zincato a caldo per il collegamento tra loro dei
dispersori, completo di morsetti di collegamento e accessori per la posa in intimo contatto con il terreno
ad una profondità di almeno 60cm. Diametro 8mm.
 - Montante di terra realizzato con conduttore di rame isolato con materiale termoplastico autoestinguente
bicolore giallo- verde, posto entro tubo protettivo di PVC. Completo di capicorda, morsetti e accessori
di montaggio. Sezione minima 35mmq.

PREDISPOSIZIONE TUBAZIONI PER IMPIANTI ESTERNI:

Predisposizione    tubazioni   per citofonia,   cancello    carraio, illuminazione esterna (compreso cavo),

                                                                                                         8
eventuali barriere antintrusione esterne, dal quadro generale o cassetta di derivazione, fino ad un primo
pozzetto in CLS perimetrale all'edificio

PREDISPOSIZIONI TERMOSTATI AGGIUNTIVI:

E’ prevista l’istallazione di scatole aggiuntive in ogni stanza (dove non gia’ previsto) per eventuale
alloggiamento di ulteriori termostati ambienti.

IMPIANTO VIDEOCITOFONICO:

  Impianto videocitofonico completo di:
 - gruppo di alimentazione per impianto citofonico completo di alimentatori, cassetta in materiale
termoplastico autoestinguente atta a contenere le apparecchiature e la morsettiera per i cablaggi.
Compresa la rete esterna e dorsale interna dell'impianto citofonico con distribuzione entro tubazioni
con percorsi separati dagli altri utilizzi. Linee in cavo con conduttori in rame ed isolati in gomma EPR, non
propaganti l'incendio e cavo coassiale tipo RG59.
- gruppo esterno videocitofonico (tipo Comelit) completo di contenitore, placca portatasti e tasti, unità di
ripresa allo stato solido (MOS completo di obiettivo e focale fisso) lampade per l'illuminazione del
soggetto, gruppo fonico integrato, allacciamenti, cablaggio, materiali di fissaggio, prove di
funzionamento ecc.
 -n.1 posto interno videocitofonico (tipo Comelit) dotato di schermo in bianco e nero.

IMPIANTO CONDIZIONAMENTO:

 Linee di alimentazione impianto condizionamento, cavo di collegamento tra le due apparecchiature
interne e quella esterna.


IMPIANTO ANTENNA TERRESTRE:

Impianto antenna per ricezione programmi TV, completo di antenna logaritmica, montata su palo
autoportante altezza 4m, completo di sostegni per il fissaggio su qualsiasi tipo di struttura. Compreso
partitori 75 Ohm per dividere il segnale in più vie ad un massimo di 4, centralino autoalimentato con
circuito automatico di protezione contro i cortocircuiti, una sola uscita massima miscelata,
amplificazione, tensione alimentazione 220V, cavo coassiale RG58/B per collegamento dall'antenna al
centralino e al partitore, allacciamenti, prove di funzionamento.


IMPIANTO TELEVISIONE SATELLITARE

Impianto televisivo satellitare composto da parabola diametro 80 cm con convertitore universale puntata
su satellite HOT BIRD (SKY) montata su palo, cavo coassiale bassa perdita.


IMPIANTO IDROSANITARIO

La distribuzione partirà dai contatori acqua posti nelle vicinanze della recinzione, nel tratto interrato la
tubazione sarà in polietilene ad alta densità ed all'interno dell'edificio verrà connesso a tubazione
"multistrato". I tubi in polietilene saranno protetti da tubo corrugato tipo "PLASTIFLEX".
Il tubo "multistrato" alimenterà l'acqua sanitaria all'interno dell'edificio fino all'intercettazione generale
(nel locale caldaia), dalla caldaia e fino ai collettori dai singoli bagni e/o cucine. La distribuzione dai
collettori alle singole apparecchiature sarà realizzata con tubazioni in polietilene reticolato entro guaina
corrugata.
Tutte le tubazioni "multistrato" saranno termicamente coibentate, con funzione di anticondensa per le
tubazioni acqua fredda e secondo i disposti di cui alla Legge 10/91 per le tubazioni acqua calda.
Tutto l'impianto dovrà esser posto in opera in modo che in nessun punto dell'intera rete le parti metalliche
vengano a diretto contatto con la struttura edile e/o con gli intonaci.
Sono inoltre previste le colonne di scarico, sfiati al tetto e tutti gli scarichi interni al fabbricato mediante
tubazione in polietilene acusticamente isolate con materassino fonoisolante.
L’impianto idrosanitario sarà realizzato con tutte le tubazioni di adduzione dell’acqua calda e fredda
incassate e protette con guaina isolante, le tubazioni di collegamento alle colonne di scarico di ogni



                                                                                                              9
abitazione saranno in GEBERIT o similari, ogni apparecchio igienico sanitario sarà dotato di ventilazione
primaria e secondaria.
E’ prevista l’installazione delle seguenti apparecchiature igienico/sanitarie:

CUCINA

 presa acqua calda e fredda e scarico per lavello;
 presa acqua e scarico sifonato per lavastoviglie.

BAGNO

 lavabo bianco a colonna marca Lavabo in porcellana bianco, marca Ideal Standard serie ESEDRA
  larghezza 63 cm.., miscelatore monocomando per lavabo con aeratore, scarico automatico da 1"1/4,
  marca GROHE modello EUROSMART;
 bidet bianco Ideal Standard serie ESEDRA, miscelatore monocomando per bidet con aeratore,
  scarico automatico da 1"1/4, marca GROHE modello EUROSMART;
 vaso all'inglese bianco a pavimento, marca Ideal Standard serie ESEDRA, corredato di sedile
  coprivaso costruito con anima in legno e rivestito esternamente in resina poliestere con cassetta da
  incasso “GEBERIT” e sedile in plastica pesante, cassetta da incasso per W.C., cap. litri 9, marca
  GEBERIT, completa di placca bianca, con doppio tasto di comando;
 vasca bianca ARISTON CANOA in acrilico dimensioni 170x70, miscelatore monocomando esterno
  per    vasca, deviatore automatico, doccia MIDA, flessibile L=1500 mm., appendidoccia, marca
  GROHE, modello EUROSMART;

WC/LAVANDERIA

 lavabo bianco a colonna marca Ideal Standard serie GEMMA miscelatore monocomando per lavabo con
  aeratore, scarico automatico da 1"1/4, marca GROHE modello EUROSMART;
 vaso bianco marca Ideal Standard serie GEMMA corredato di sedile coprivaso costruito con anima in
  legno e rivestito esternamente in resina poliestere con cassetta da incasso “GEBERIT” e sedile in
  plastica pesante, cassetta da incasso per W.C., cap. litri 9, marca GEBERIT, completa di placca
  bianca, con doppio tasto di comando;
 piatto doccia bianco al angolo Ideal Standard mod.T1176 in Fire Clay dimensioni 80x80cm. con lato
  curvo, miscelatore monocomando per doccia marca GROHE, completo asta murale ZIP. Z92492
  comprendente barra L=600 mm., doccetta MIDA, flessibile L=1500 mm.
 presa d’acqua e scarico sifonato per lavatrice.

ESTERNO

 2 punti acqua fredda su pozzettino


IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

L'impianto termico, sarà del tipo a gas ad alta temperatura per alimentazione circuito radiatori.
L'impianto sarà del tipo "MODUL IN RAME" per alimentare radiatori tubolari in acciaio. I corpi scaldanti
saranno dotati di relative valvole e detentori per intercettazione e regolazione. Il passaggio delle tubazioni
sarà a pavimento e saranno termicamente isolate a mente della Legge 10/91.
L'impianto sarà quindi dotato di collettori di distribuzione in ottone, fornito di testine elettriche, allacciato
direttamente alla caldaia tramite tubazioni in multistrato.
La caldaia a gas metano, sarà dotata di tutti i dispositivi regolamentari di controllo e sicurezza, lo scarico
delle valvole di sicurezza, sarà convogliato mediante apposita tubazione diametro interno minimo, pari al
diametro dell'orifìzio della valvola, fino a quota + 10 pavimento
L'impianto è previsto del tipo a tre zone (zona notte – zona giorno - bagni) con la futura possibilità di
controllare nel collettore sopra descritto le testine elettriche da ulteriori termostati ambiente così da
rendere ogni locale indipendente. La regolazione della temperatura avverrà mediante termostato ambiente
ON-OFF, con azione diretta su testina termoelettrica e pompa di circolazione e parallelo su bruciatore
(spegnimento totale).
La caldaia Marca ARISTON, modello SELECTA IN 28 MFFI sara’ del tipo murale a gas camera stagna a
tiraggio forzato, con produzione istantanea acqua calda sanitaria, corredata di: camera di combustione
stagna; Ventilatore estrazione gas di combustione; Pressostato di consenso; Scambiatore di calore gas-


                                                                                                              10
acqua; Bruciatore atmosferico multigas in acciaio inox; Flussostato funzionamento; Pompa di
circolazione; valvola deviatrice a 3 vie; Apparecchiatura elettronica di accensione e controllo di
fiamma; Rubinetto carico; Rubinetto scarico; Valvola gas con stabilizzatore e regolatore di pressione;
Scambiatore in acciaio inox AISI 316; Vaso espansione It. 8; Valvola sicurezza caldaia; Valvola sfiato
automatico; Termostato bollitore; Termostato di sicurezza; Interruttore funzionamento; Interruttore E/l;
Termoidrometro. Completa di kit scarico fumi sdoppiato, per aspirazione aria esterna, scarico fumi in
camino. Potenza termica Kw 29,8.
Controllo remoto/cronotermostato digitale con sonda estema per caldaia ARISTON modello CLIMA
MANAGER.
Termostato a immersione funzione antigelo, tarato da 0-10°C, completo di guaina attacco 1/2", da
installarsi nel tubo ritorno impianto.
Radiatori tubolari in acciaio marca ARBONIA spessore 12/10, nei modelli h. 685 e h. 885 con spessore
pari a 3-4 colonne, corredati di tappi, riduzioni e mensole occorrenti. Forniti verniciati a polveri
epossidiche RAL 9010

IMPIANTO ADDUZIONE GAS

E' prevista la realizzazione di linee alimentazione dalla posizione contatori, alla caldaie ed alle
cucine;l'impianto sarà completo, con allaccio caldaia e fornelli.
Nel percorso interno e sottotraccia, i tubi saranno posti in guaina metallica.
L'impianto, inclusa la ventilazione dei locali C.T. e magazzino, dovrà essere realizzato secondo normativa
UNI CIG 7129, con riferimento alle seguenti norme:
• Tubi in polietilene (PE) per condotte interrate secondo UNI ISO 4437
• Raccordi polietilene (PE 50) saldabili per fusione mediante elementi riscaldanti secondo UNI 8849
• Raccordi polietilene (PE 50) saldabili per elettrofusione secondo UNI 8850
• Tubi in acciaio per condotte interrate con rivestimento esterno a base di bitume o di catrame secondo
UNI ISO 5256
• Raccordi in ghisa filettati secondo UNI 5192
• Tubi SS in acciaio secondo UNI 8863
• Tubi flessibili in acciaio a parete continua secondo UNI 9891
• Tubi in rame senza saldatura secondo UNI 6507 e raccordi a giunzione capillare secondo UNI 8050
Non è compreso l’onere per l’allacciamento della rete principale e la fornitura e posa di contatori al confine
dell’area di proprietà sull’apposito mobiletto, che sarà a carico dell’acquirente.-

IMPIANTO RAFFRESCAMENTO ESTIVO

Viene predisposto un impianto di condizionamento del tipo split-system, per unità interne del tipo a
parete. La predisposizione prevede la posa di tubazioni in rame isolate, scarico condensa, cassetta in PVC
da incasso a murare per contenimento tubazioni.
L'impianto sarà eventualmente completato mediante l'installazione di due unità a parete per ciascun
alloggio collegate ad un'unica unità esterna.

FOGNATURE

L’impianto prevede la separazione delle varie acque derivate in:
- acque nere;
- acque saponate;
- acque piovane
 - acque nere
Smaltimento delle acque nere per aspirazione, attraverso tubazioni collegate al collettore Comunale,
complete di pozzetti d’ispezione e di sifoni “Firenze”, posti nelle varie linee private in prossimità
dell’immissione del tubo di collegamento alla linea Comunale.
 - acque saponate
Confluenza delle acque saponate su vasca condensagrassi posta all’inizio della linea, decantazione dei
liquidi ed emissione attraverso tubazioni, complete di pozzetti d’ispezione, alla linea delle acque nere, per
successivo allacciamento al collettore Comunale.
 - acque piovane
Vengono raccolte a mezzo caditoie poste ai piedi dei pluviali, e nei rispettivi giardini e portate a mezzo
tubazioni in un pozzettone.




                                                                                                           11
ENEL E TELECOM

Le canalizzazioni per gli allacciamenti ENEL e TELECOM saranno in PVC, protetto da calcestruzzo magro,
i pozzetti di raccordo ed ispezione in cls verranno posizionati in base alle disposizioni progettuali degli enti
preposti.-

SISTEMAZIONE AREA ESTERNA E GIARDINI

Sistemazione dell’ area esterna alla ultimazione dei lavori di costruzione, compreso trasporto di tutti i
materiali di risulta alle Pubbliche Discariche, nonchè lo spianamento dell’area d’ intervento e la semina a
prato verde nei giardini privati. Ogni unità immobiliare sarà provvista di cancelletto pedonale e cancello
carraio privato.
Fondazione stradale della strada carraia e pedonale di accesso alle proprietà con misto granulare
stabilizzato, pavimentazione in conglomerato bituminoso (binder) ottenuto con graniglie e pietrischetti
della 4^ cat., sabbia ed additivi, confezionato a caldo con idonei impianti, con bitume 80-100 percentuale
in peso 4,5 posto in opera con idonee macchine vibrofinitrici, cilindrato con rulli vibranti, manto di usura
(tappeto) in conglomerato bituminoso confezionato a caldo con idonei impianti, percentuale in peso
bitume 6%, penetrazione bitume 80-100, granulometria inerti mm. 0-8, steso con vibrofinitrice e
costipato con rullo vibrante, compresa mano di attacco con Kg. 0,5 di emulsione bituminosa ed ogni altro
onere, spessore reso cm. 3.
Formazione di pista ciclopedonale lungo la Via Roma secondo quanto disposto dall’amministrazione
Comunale.

ILLUMINAZIONE ESTERNA

Nella sistemazione dell’area esterna di ogni abitazione verrà predisposto un punto luce con accensione
automatica crepuscolare completo di linea elettrica allacciato al contatore, incassato nella muretta di
recinzione, atto ad illuminare la porzione di strada prospiciente l’abitazione stessa.-

MARCIAPIEDI

Formazione di marciapiedi, comprendente lo scavo, getto di calcestruzzo debitamente armato, finiture a
stadia e successiva pavimentazione in lastre di pietra “PRUN”.-
Le aree esterne a parcheggio saranno pavimentate con maselli di cemento tipo betonella come anche i
vialetti di accesso nei giardini delle proprietà.

RECINZIONI

PERIMETRALI - Confinanti con aree stradali o pubblica e di proprietà comunale:
Muretto in cls con finitura a vista e ringhiera o grigliato in ferro zincato e verniciato.-

DIVISORIE – Tra giardini interni al lotto o con proprietà private limitrofi:
Rete plastificata verde altezza 100 cm. e paletti in ferro zincato.-

ALLACCIAMENTI

I lavori di allacciamento effettuati dalle seguenti Società Comunali o Pubbliche sono a carico degli
acquirenti:
 ACQUEDOTTO
 GAS
 ENEL
 TELECOM
 CONSORZIO FOGNATURA

VARIE

Il costruttore si riserva la facoltà di modificare la struttura architettonica del fabbricato, di variarne le
dimensioni volumetriche, di variare le dimensioni delle aree esterne con destinazione a verde e parcheggio,
di chiudere o aprire nuovi fori sulle murature perimetrali, di dare in uso esclusivo spazi esterni o interni ai
fabbricati.- Su indicazione della DD.LL. i materiali e gli impianti previsti nella presente descrizione


                                                                                                             12
potranno anche essere sostituiti con altri materiali che comunque conservino identità di valore e stessa o
superiore efficienza tecnica.-




                                                                                                       13

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:29
posted:12/10/2011
language:Italian
pages:13