DEMOGRAFIA by HC11120901827

VIEWS: 18 PAGES: 4

									                                                 DEMOGRAFIA
                                               Prof. Dionisia Maffioli


Settore Scientifico disciplinare: SECS-S04

Programma
1. Premesse generali. Definizioni e contenuti della Demografia. Problematiche demografiche attuali e loro rilevanza
sociale e politica. Storia delle popolazioni. Teoria della transizione demografica.
2. Rilevazione dei dati demografici. Fonti demografiche: caratteristiche e grado di attendibilità.
3. Accrescimento demografico; variazioni strutturali. Misure dell‟incremento e sue componenti naturale e migratoria.
Struttura per sesso e per età della popolazione. Interrelazioni fra dinamica e struttura.
4. Concetti e strumenti di analisi della dinamica demografica: Analisi per generazioni e per contemporanei.
Diagramma di Lexis. Indici sintetici. Standardizzazione. Relazioni fra tassi e probabilità. Tavole di eliminazione
5. Componenti naturali della dinamica demografica: Mortalità: costruzione di tavole di mortalità, mortalità infantile,
mortalità per cause, aspetti differenziali, tendenze evolutive. Nuzialità e Fecondità: misure di intensità e di cadenza, per
contemporanei e per generazioni, tendenze evolutive, cause e conseguenze; divorzialità; riproduttività. Migrazioni:
Definizioni, tipologia fonti, metodi di misura, cause, conseguenze, problematiche.
6. Previsioni demografiche: Problematiche e schemi di calcolo delle previsioni per componenti. Casi particolari: piccole
aree, aggregati non demografici.
7. Formazione delle popolazioni e modelli demografici. Teoria dei modelli di popolazione stazionaria, stabile e quasi
stabile.
8. Implicazioni economiche e sociali delle dinamiche attuali. Problemi demografici in prospettiva mondiale. Il dibattito
tradizionale e i modelli analitici sul tema “popolazione e sviluppo”. Politiche di popolazione: definizioni e contenuti;
valutazioni dell‟efficacia.

Testi di riferimento:
M. LIVI BACCI, Introduzione alla Demografia, Loescher, 1999
L. PASQUINI, Esercizi di Demografia. Guida alla risoluzione, Esculapio, Bologna, 1995.

Risultati dell’insegnamento previsti
Il corso si propone di fornire agli studenti di statistica una conoscenza operativa degli strumenti metodologici atti alla
misura dei fenomeni demografici, nei loro aspetti quantitativi, offrendo loro, nel contempo, una chiave di lettura delle
dinamiche di popolazione, che le riconosce al cuore dei mutamenti profondi della società attuali.

Propedeuticità:
Nessuna

Anno di corso:
2° anno del corso triennale in Scienze Statistiche ed Economiche

Metodi di valutazione:
Prova scritta e orale

Attività di supporto:
Esercitazioni in orari pomeridiani concordati con gli studenti

Orari di ricevimento studenti:
martedì 9.00 – 11.30; mercoledì 9.00 – 10.30
Curriculum della prof.ssa D. Maffioli

Studi
12.2.1964 - Diplomata in Scienze Statistiche presso l'Università degli Studi di Roma „La Sapienza‟. Votazione 70/70.
Tesi sugli Aspetti demografici e sanitari della città di Tripoli, basata su materiale raccolto presso l'archivio municipale e
gli uffici anagrafici di quella città, dove all'epoca risiedeva e lavorava alle dipendenze dell'Ambasciata d'Italia.
12.7.1971 - Laureata in Scienze Statistiche e Demografiche presso l'Università degli Studi di Roma „La Sapienza‟.
Votazione 110/110 e lode. Tesi sulla Fecondità delle popolazioni guen dell'Alto-Volta - Indagine campionaria, basata su
dati raccolti mediante un'indagine personalmente organizzata e condotta nella regione di Banfora (Burkina Faso), dove
all'epoca risiedeva con la famiglia.
1984 - Corso di specializzazione a Londra presso il Centre for Population Studies della London School of Hygiene and
Tropical Medicine, per lo studio dei metodi di analisi dei dati statistici difettosi o incompleti, tipici dei PVS

Attività didattica
11/1971 - 6/1987 Attività didattica e di ricerca presso l'Istituto di Demografia, poi Dipartimento di Scienze
Demografiche, dell'Università di Roma „La Sapienza‟, dapprima come borsista CNR („71-‟75), poi come contrattista
laureato („75-‟81), e infine ricercatore confermato („81-‟87).
 6/1987 - 10/1991 Professore associato di Demografia, in seguito al primo concorso nazionale libero, presso la Facoltà
di Economia e Commercio dell'Università degli Studi di Verona.
 11/1991–10/1994 Professore associato di Demografia presso la Facoltà di Scienze Statistiche, Demografiche ad
Attuariali dell'Università di Roma "La Sapienza" (per chiamata).
11/1994 ad oggi Professore ordinario di Demografia presso la Facoltà di Economia dell'Università degli Studi di Bari,
in seguito a concorso. Ha svolto anche corsi di Demografia Economica e Demografia Investigativa. Attualmente tiene i
corsi di Analisi e Modelli Demografici per il biennio di specializzazione del Corso di Laurea in Scienze Statistiche.
Oltre ai corsi universitari istituzionali, ha svolto e svolge numerose attività didattiche specialistiche:
In Italia: corsi di Analisi Demografica per la Scuola di specializzazione in "Metodi e tecniche per la ricerca sociale"
dell'Università di Roma "La Sapienza"; corsi sulle tecniche demografiche specifiche per paesi in via di sviluppo e corsi
sullo studio delle famiglie degli immigrati per il Dottorato in Demografia (Università di Padova, Firenze, Roma) e per il
Dottorato in Demografia Storica (Università di Bari); corsi di aggiornamento in Demografia per gli insegnanti delle
scuole secondarie superiori di Roma e del Lazio; corsi di formazione in Demografia per economisti provenienti da Paesi
in via di sviluppo, ISVE, Napoli). Fa attualmente parte del Consiglio dei docenti del Dottorato in Popolazione e
Sviluppo, Università di Bari, ed ha collaborato al corso per docenti provenienti dal Corno d‟Africa organizzato dalla
Scuola per la Pace (Università di Bari).
 All’estero: Corsi di formazione in Demografia, Epidemiologia e Statistica sanitaria per personale ministeriale (Beira,
Mozambico). Corsi in Tecniche d‟indagine campionaria e analisi dei dati per personale di istituti statistici nazionali
(Yola,Gongola State, Nigeria; Niamey, Niger). Partecipazione ad un progetto TEMPUS della CEE per l‟organizzazione
di corsi universitari e di dottorato in demografia presso la Facoltà di Scienze Economiche dell'Università di Mosca
Lemonossov, (collaborazione fra Dipartimento di Scienze Demografiche dell'Università di Roma La Sapienza,
Università di Parigi La Sorbonne e Università Cattolica di Louvain).

Cariche elettive
Segretario Generale della Società Italiana di Statistica (SIS) per il quadriennio 1990-1994.
Nel biennio 1996-1998, Responsabile del Gruppo di Coordinamento per la Demografia, organismo facente capo alla
SIS che raggruppa gli studiosi italiani di popolazione, siano essi iscritti o meno a tale Società
Nel 1996-1997, Direttore dell‟Istituto di Scienze Demografiche e Sociali dell‟Università degli Studi di Bari, di cui ha
coordinato la programmata confluenza nel Dipartimento di Scienze Statistiche.
Nell'adempimento dei compiti connessi a tali uffici, ha svolto intensa attività di organizzazione e promozione della
ricerca scientifica nel campo della statistica e della demografia, in sede nazionale ed internazionale, promovendo in
particolare i legami di collaborazione scientifica con i Paesi in via di sviluppo.

Ricerca Scientifica
1. Ricerca in paesi in via di sviluppo
Buona parte dell'attività scientifica è stata dedicata a varie iniziative riguardanti paesi in via di sviluppo, e in particolare
allo svolgimento di ricerche sul campo, per studiare vari aspetti della fecondità, delle migrazioni e dell'urbanizzazione,
nelle loro interrelazioni con l'organizzazione generale della società. Se ne ricordano di seguito alcune fra le più
significative:
- Indagine campionaria sulla fecondità di un gruppo etnico della regione di Banfora (Burkina Faso), personalmente
organizzata e condotta negli anni 1970-71 ai fini della tesi di laurea, poi pubblicata dall‟Istituto di Demografia
dell‟Università degli Studi di Roma „La Sapienza‟.
- Inchiesta demografica nell'ambito del General Economic Study del Gongola State (Nigeria, 1978-79), commissionato
dal Ministry of Finance and Economic Development di quello Stato. In quel quadro ha, fra l‟altro, organizzato e diretto
sul campo un'indagine sui movimenti migratori e sull'urbanizzazione che ha coinvolto 1566 famiglie (per un totale di
circa 14.000 persone) in sei diversi centri urbani ed ha elaborato proiezioni di popolazione con un metodo
appositamente concepito per tener conto dei movimenti di popolazione sul territorio. I risultati delle proiezioni della
popolazione sono stati adottati dalla Banca Mondiale, in sostituzione delle cifre ufficiali, nel corso dell'elaborazione di
un noto programma di sviluppo (Accelerated Development Program Area. An agenda for Africa. Più conosciuto come
Berg Report), Agosto 1980.
- Negli anni 1983-1988, costituzione di un gruppo di lavoro (coordinato da E. Sonnino), mirante a promuovere la
crescita dell‟interesse italiano per i problemi di popolazione del terzo mondo. In questo quadro l‟attività ha sviluppato
diversi settori di interesse: formazione dei docenti, didattica, sensibilizzazione degli ambienti della cooperazione allo
sviluppo, ricerca di collaborazione diretta con studiosi del Terzo Mondo. L‟interesse per gli aspetti metodologici della
ricerca nei PVS da un lato, e per gli aspetti divulgativi e formativi dall‟altro, ha continuato ad essere coltivato anche
dopo l'esaurimento dell'attività del gruppo, prendendo nuove strade.
- Indagine sui consumi alimentari (Niger, 1988-90). Promozione, e poi partecipazione con funzioni di direzione
scientifica e tecnica, a una indagine a doppio passaggio condotta a Niamey e in alcuni centri rurali del Niger, allo scopo
di indagare sulle interrelazioni fra "La croissance urbaine et les problèmes alimentaires au Sahel", nel quadro delle
attività svolte dal CILSS (Comité Permanent Interétats de Lutte contre la Sècheresse dans le Sahel). La raccolta di
informazioni sul consumo alimentare, oltre che sulle storie familiari e migratorie, ha riguardato circa 800 famiglie (per
un totale di oltre 6000 persone) ed è stata realizzata con l'osservazione quotidiana diretta, estesa su quattro giorni
consecutivi.
- Partecipazione alla definizione del Programma per lo sfruttamento dei dati del Censimento etiopico della popolazione
del 1994, che è stato attuato nel periodo 1997-2001 in collaborazione fra il CNR-IRP italiano e la Central Statistical
Authority etiopica su fondi UNFPA (United Nations Funds for Population Activities). In questo ambito ha coordinato
un gruppo di studio italo-etiopico che si è interessato al declino della fecondità, molto accentuato in ambienti urbani,
nonché all‟evoluzione dei sistemi familiari.
- Accordo quadro di cooperazione fra le università di Bari e di Addis Abeba, firmato nel 1999. Costituzione presso
l‟Università di Bari di un gruppo di studio sulla famiglia nell‟Africa sub-sahariana. In questo quadro è attualmente in
corso una serie di ricerche sulle relazioni fra etnicità, modernizzazione e trasformazioni delle relazioni familiari e del
comportamento nuziale e riproduttivo che si avvale di dati DHS (Demographic and Health Surveys) e prevede
confronto fra gruppi etnici in numerosi paesi africani. I risultati di tali ricerche sono stati presentati in diverse sedi
internazionali: XVI ISA World Congress of Sociology, Durban, South Africa ( luglio, 2006); Meeting of the
Population Association of America, New York, marzo 2007; Vth African Population Conference, Union for African
Population studies (UAPS), Ar usha, Tanzania, dicembre 2007. Recenti lavori che estendono l‟attenzione ad un
confronto fra paesi africani e asiatici sul tema della nutrizione infantile nel quadro delle dinamiche familiari e di genere
sono stati presentati in India (VIIIth International Conference on Asian Youth and Childhoods 2007, Lucknow,
novembre 2007), nonché alla suddetta Conferenza di Arusha (Tanzania) e sono in corso di pubblicazione sulla rivista
African Population Studies

2. Ricerca in ambito nazionale
Conduzione, coordinamento, o partecipazione a, numerose ricerche, finanziate da enti nazionali e internazionali,
imperniate essenzialmente sui filoni di ricerca appresso menzionati:
- Fecondità, famiglia, relazioni di coppia. Su questo insieme di tematiche, partecipazione nel corso degli anni a
numerose inchieste di varia ampiezza, e in particolare alle due indagini nazionali di fecondità (1979 e 1990) condotte
nel quadro di progetti UN-ECE. In genere, ha approfondito fattori poco noti del comportamento riproduttivo, tanto di
natura biologica (ad es. fecondabilità), quanto di natura sociale e culturale (ad es. relazioni di coppia e processi
decisionali; relazioni tra comportamenti individuali, contesti culturali, quadri normativi), anche con la messa a punto di
opportuni strumenti metodologici. Sempre presente in filigrana l‟attenzione agli aspetti di politica della popolazione.
- Condizione femminile, gender-system. L‟interesse per il tema della condizione femminile, che emerge anche da vari
lavori sulla fecondità e sulle popolazioni africane, ha trovato autonoma espressione nella partecipazione ad una ricerca,
svolta per conto della CEE negli anni 1977-79, sotto la direzione di N. Federici. Lavori successivi hanno riguardato le
relazioni fra il lavoro della donna e le funzioni di maternità. In anni recenti, l‟accento si è spostato particolarmente sulle
modalità della trasmissione didattica delle tematiche inerenti le interrelazioni fra popolazione, sviluppo e gender-
system. La riflessione sulle modalità della trasmissione delle conoscenze nel settore è resa necessaria dalla rilevanza
tanto scientifica che politica e dalla pregnanza ideologica di tali argomenti per se e nel quadro dei più ampi campi di
ricerca in cui sono in vario modo inseriti (women’s studies, donne e sviluppo).
- Immigrazione, comportamento demografico degli immigrati, integrazione della popolazione straniera, coppie miste. In
quest‟ambito ha particolarmente approfondito il comportamento demografico degli immigrati: tema che la carenza di
informazioni obbliga a sviluppare con procedimenti non tradizionali di osservazione e di analisi, sfruttando in modi
anche innovativi i dati anagrafici, ovvero utilizzando lo strumento dell‟inchiesta. Sempre presente sullo sfondo, ma
particolarmente sviluppato in alcuni contributi, il tema delle politiche migratorie e della loro efficacia.
- Previsioni demografiche, politiche di popolazione, valutazione dell‟efficacia delle politiche. Le implicazioni delle
attuali dinamiche demografiche per il futuro delle società, tanto dei paesi sviluppati che in via di sviluppo, e i possibili
interventi atti a gestire tali dinamiche o le loro conseguenze, sono stati sottolineati in maniera più o meno ampia in
molta parte della produzione scientifica ed hanno costituito l‟oggetto di una trattazione più compiuta e approfondita in
alcuni contributi.
- Ricerca scientifica, organizzazione accademica e trasmissione didattica della demografia e temi affini. Le riflessioni
suggerite dall‟esperienza maturata nello svolgimento degli incarichi istituzionali presso la SIS e il GCD, e lo
svolgimento di vere e proprie ricerche sullo “stato dell‟arte” a livello nazionale e internazionale, sono sfociate in diversi
contributi riguardanti le linee evolutive della ricerca scientifica e della didattica in demografia e temi di popolazione in
genere, con particolare riguardo ai contesti formativi di inserimento.
- Materiali didattici e opere a carattere divulgativo. L‟insegnamento di tematiche nuove o poco diffuse nel panorama
scientifico-didattico nazionale ha dato luogo anche ad alcune pubblicazioni a carattere didattico. Fra le numerose
iniziative riservate alla divulgazione scientifica si ricordano in particolare l‟elaborazione di testi di programmi televisivi
per il Dipartimento Scuola Educazione della RAI (anni 1985-87) e la partecipazione alle attività di un gruppo
internazionale e interdisciplinare (Italia, Grecia, Tunisia) coordinato dal Centro Ricerca e Cooperazione che, nell'ambito
di un progetto finanziato dell‟Unione Europea su "Processi demografici, sviluppo e opinione pubblica nell'area del
Mediterraneo", ha predisposto – nelle tre lingue - audiovisivi e altri materiali didattici per gli studenti delle scuole
medie superiori (anni 1994-96).
3. Organizzazione della ricerca
Molto impegno è stato dedicato all‟individuazione e all‟attivazione di canali che potessero portare ad una cooperazione
con paesi in via di sviluppo nel campo della ricerca demografica. Queste attività hanno portato allo svolgimento di
alcune ricerche interdisciplinari – in parte sopra illustrate - in cui sono state coinvolte diverse istituzioni nazionali e
internazionali.
Negli anni 1990-94, in seguito all‟elezione a Segretario Generale della Società Italiana di Statistica (SIS), l‟impegno di
organizzazione della ricerca si è inquadrato nell‟ambito delle attività di tale Società, con l'organizzazione di numerosi
convegni, seminari, riunioni scientifiche ed altre iniziative; la promozione l'attività dei numerosi gruppi di lavoro
interni, fra i quali in particolar modo il Gruppo di coordinamento per la Demografia; la cura delle relazioni con
associazioni e studiosi stranieri, operando in particolare a favore dei paesi in via di sviluppo; la partecipazione al
Comitato SIS-ISTAT per il coordinamento dei gruppi di lavoro misti. E‟ stata segretaria di redazione della rivista
internazionale della Società, The Journal of the Italian Statistical Society.
Nel biennio 1996-1998 ha promosso lo stesso tipo di attività in veste di Responsabile del Gruppo di coordinamento per
la Demografia (GCD-SIS), gruppo che porta avanti numerose iniziative, cura pubblicazioni, organizza gruppi di studio,
scuole estive, convegni, seminari. In particolare si ricordano la creazione di una collana di “Quaderni di discussione” e
l‟organizzazione del Convegno internazionale sulle International Migrations. Challenges for European Populations,
presso l‟Università di Bari nel giugno 1998, in collaborazione con l‟European Association for Population Studies.
Negli ultimi anni ha siglato un accordo-quadro di collaborazione fra le Università di Bari e di Addis Abeba (1999) e
costituito presso l‟Università di Bari un gruppo di studio su tematiche di demografia dell‟Africa sub-sahariana.

								
To top