1A italiano programma svolto

Document Sample
1A italiano programma svolto Powered By Docstoc
					                              LICEO SCIENTIFICO D’ANNUNZIO
                                             A.S.2007-2008
                                   INSEGNANTE: Prof.ssa CINZIA BISAGNI


                                   PROGRAMMA SVOLTO


Materia: ITALIANO

CLASSE: 1° A LICEO SCIENTIFICO


    A) GRAMMATICA
TESTO: MELLUSO-CUCCIA-CERRITO-MESSINEO., La grammatica i linguaggi – vol. Struttura linguistiche,
Le Monnier Scuola (parte teorica: tutto il libro; esercizi scelti)

             1.   TEORIA DELLA COMUNICAZIONE: segno, significante, significato, messaggi verbali e
                  non verbali, la comunicazione verbale, le funzioni della lingua (pp 2-19)
             2.   I SUONI DELLE PAROLE: la fonologia, l’ortografia e la punteggiatura
             3.   LA FORMAZIONE E IL SIGNIFICATO DELLE PAROLE: formazione (suffissi, prefissi,
                  composizioni) e significato delle parole (significante-significato, denotativo-connotativo,
                  campo semantico, polisemia, sinonimi e antonimi, iponimi e iperonimi, omonimia)
             4.   MORFOLOGIA - revisione di: articolo, nome, aggettivo (qualificativo / gradi e indicativo /
                  tipologie), pronome, verbo (struttura, modi e tempi, genere e forma, funzione, flessione),
                  avverbio, preposizione propria / impropria, congiunzione subordinante / coordinante,
                  interiezione o esclamazione
             5.   SINTASSI DELLA FRASE SEMPLICE - revisione di: enunciato minimo, predicato nominale
                  e verbale, soggetto e predicato sottintesi, attributo e apposizione, complemento oggetto e
                  complementi indiretti, i complementi predicativi
             6.   SINTASSI DELLA FRASE COMPLESSA O PERIODO - revisione di: la proposizione
                  indipendente, coordinazione e subordinazione, diverse forme di coordinazione; subordinate
                  implicite ed esplicite; gradi delle subordinate; subordinate completive (soggettiva, oggettiva,
                  interrogativa indiretta, dichiarativa, volitiva), attributive (relativa propria e relative improprie)
                  e circostanziali (varie tipologie e rapporto tra complemento indiretto e subordinata delle stesso
                  tipo); il periodo ipotetico.

    B) LABORATORIO DEL TESTO

TESTO: MELLUSO-CUCCIA-CERRITO-MESSINEO., La grammatica i linguaggi – vol. Abilità e tipologie
testuali, Le Monnier Scuola

    1.    Parlare (pp 23 ss)
    2.    Leggere: ascoltare e prendere appunti(attività sui libri di storia e geografia)
    3.    Dalle parole al testo: definizione, coerenza, coesione, tipi di testo (pp 78 ss -108 ss)
    4.    Le diverse tipologie testuali e le tecniche di scrittura:

    a) il testo narrativo: la sintesi del testo narrativo e il riassunto (pp 202 ss, pp 235 ss)
             b)    la descrizione (pp 158 ss)
             c)    testi informativi ed espositivi: caratteri generali ed esercizi collettivi (pp 176 ss)
             d)    il testo interpretativo e valutativo: caratteri generali ed esercizi collettivi (pp 194 – 195) - la
                   recensione (pp 248 ss)
             e)    testi argomentativi: caratteri generali ed esercizi collettivi (pp 140 ss) e il discorso
                   dimostrativo: CALVINO I., Perché leggere i classici (sull’antologia)

   C) EPICA
TESTO: DAGNA CAMPAGNOLI P., Leggere, vol. C Il mito e l’epica, Il Capitello

             1.   INTRODUZIONE AL GENERE EPICO



                                                          1
                                 LICEO SCIENTIFICO D’ANNUNZIO
                                               A.S.2007-2008
                                     INSEGNANTE: Prof.ssa CINZIA BISAGNI

                2.   EPICA GRECA: Omero e la questione omerica, il ciclo epico, il valore documentario dei
                     poemi omerici e il mondo greco (elementi di civiltà, cosmologia e teogonia), temi e strutture
                     narratologiche dell’epica omerica (stile formulare, epiteti, similitudini, ecc.)

                3.   ILIADE: lettura, analisi e commento dei seguenti passi, collegati da quadri sinottici e sintesi di
                     raccordo:
                           - protasi e invocazione, l’ira e le sue cause, la peste nel campo greco (libro I° vv 1-
                               100)
                           - parafrasi dell’incipit secondo la traduzione di V. Monti (I, 1-9)
                           - confronto: il personaggio di Criseide in Omero e in Omero Iliade di Baricco
                           - lo scontro tra Achille e Agamennone (ibid. 101-246)
                           - Tersite (II, 211-277)
                           - Glauco e Diomede (VI, 119-236)
                           - Ettore e Andromaca (ibid. 369-502)
                           - La morte di Patroclo (XVI, 783-867)
                           - Il dolore di Achille e Teti (XVIII, 22-116)
                           - Efesto fabbrica le armi di Achille (ibid., 478-616)
                           - La morte di Ettore (XXII° vv 248-411)
                           - Il riscatto del corpo di Ettore (XXIV, 468-676)

                4.   ODISSEA: introduzione mediante la visione del film Ulisse (1954); lettura, analisi e
                     commento dei seguenti passi, collegati da quadri sinottici e sintesi di raccordo:
                          - protasi, invocazione alla Musa, presentazione di Odisseo (I, 1-21)
                          - Il difficile ritorno di Odisseo (ibid.,22-95))
                          - Atena a Itaca: Telemaco e Penelope (ibid. 279-364)
                          - Calipso (V, 43-84 e 203-224)
                          - Odisseo e Nausicaa (libro VI° vv 117-210)
                          - Polifemo (IX, 231-505)
                          - Circe (X, 210-243 e 375-399)
                          - Le Sirene (XII, 151-200)
                          - Scilla e Cariddi (XII, 201-259)
                          - Il ritorno a Itaca (XIII, 187-310)
                          - Il cane Argo (XVII, 290-327)
                          - Euriclea e Odisseo – la cicatrice di Ulisse (XIX, 386-494)
                          - La strage dei Proci (XXII, 1-43, 203-268, 310-377)
                          - La pacificazione a Itaca (XXIV, 489-548)

    CONFRONTO TRA ILIADE ED ODISSEA: fabula/intreccio, sistema dei personaggi, spazio e tempo, narratore,
    modello di eroe ed evoluzione della società, intervento della divinità, elementi stilistici, ecc.

                5.   cenni sull’EPICA LATINA ARCAICA: l’epica scritta: contenuti, tecniche, stile; l’Odissea di
                     Livio Andronico, il Bellum Poenicum di Nevio, gli Annales di Ennio)

                6.    ENEIDE: Virgilio (linee biografiche e storico-letterarie); introduzione all’Eneide;
                          -      gli incipit dell’epica: Iliade, Odissea, Eneide
                          -      i proemi dei poemi epico-cavallereschi (l’Orlando innamorato, l’Orlando furioso,
                                 La Gerusalemme liberata)
                          -      lettura e analisi dei seguenti brani:
           dal libro I:    La protasi (I, 1-33)
                            La tempesta (I, 76-123)
                            Didone accoglie Enea a Cartagine (I, 588-632 e 723-756)
           dal libro II:   L’inganno del cavallo e Laocoonte (1-56 e 199-267)
           dal libro IV:   Didone innamorata (IV, 1-89)
                            Dialogo tra Enea e Didone (ibid. 296-392)
                            Il suicidio di Didone (ibid., 584-671)
           dal libro VI:   Enea agli Inferi (VI, 268-330 e 385-444)
                            Didone nell’oltretomba (ibid., 450-474)
                            L’incontro con Anchise (ibid., 637-702 e 756-853)
           dal libro VII:  Enea giunge alla foce del Tevere – IL secondo proemio (VII, 25-106)


                                                            2
                                     LICEO SCIENTIFICO D’ANNUNZIO
                                                   A.S.2007-2008
                                         INSEGNANTE: Prof.ssa CINZIA BISAGNI

             dal libro IX:      Eurialo e Niso (IX, 367-449)
             dal libro X:       Lauso e Mezenzio (X, 762-908)
             dal libro XII: La risoluzione del conflitto (XII, 704-765 e 887-952)
             Enea e Turno
                           -         la conclusione dell’Eneide
                           -         raccordi narrativi tra i vari libri
                           -         confronto tra epica virgiliana ed epica omerica; eroe e sistema dei personaggi,
                                     spazio, tempo, temi e valori, stile e forme narrative.


       D) ANTOLOGIA
    TESTO: DAGNA CAMPAGNOLI P., Spazio lettura – vol B racconto- romanzo, Il Capitello

    PREMESSA:
    a) la lettura personale
         - PENNAC. D. Il professore legge in classe, pp 26 31
    b) i generi letterari, il testo narrativo e le sue diverse tipologie, gli elementi essenziali della narrazione

    1. Analisi del testo narrativo: tipologie, elementi,caratteristiche del discorso, spazio e tempo, narratore e punto
    di vista, parole e pensieri dei personaggi (pp 60-68, 76-85, 90-97, 104-111, 118-124, 129-138, 143-153, 160-
    165, 169-176)
         - WILDE O., Il giovane re, pp69-75
         - VITTORINI E., Il signore che voleva assassinarlo, pp 98-103
         - RILKE R. M., Un uomo di carattere, PP 112-117
         - FLAIANO, L’aspirante attore, pp 166-168
         - MANGANELLI G., Quattordici, pp 177-179

    2. Temi: esser giovane, esser donna
         - JOYCE J., Dedalus, pp 228-233
         - LODOLI M., Alberto, pp 234-238
         - JOYCE J., Eveline, pp 308-313
         - FLAUBERT G., Emma Bovary, pp 321-328

    2. Generi del racconto: il fantastico (410-427)
        - KAFKA F., La metamorfosi, pp 499 - 203
        - ALLAN POE E., La maschera della morte rossa, pp 470-508
        - DE MAUPASSANT, Apparizioni, pp 478 - 485

    3. Autori e generi: Verga (668-669) e Calvino (pp 716-717)
        - VERGA G., Cavalleria rusticana, pp 670-679
        - id., La roba, pp 699-705
        - id., Libertà, 708-715
        - CALVINO I., Ultimo viene il corvo, pp 718-725
        - Id., Agilulfo e Gurdulù, pp 734-745
        - Perché leggere i classici, pp 764-773

    Altre attività:
                         lettura integrale e discussione sul romanzo MANFREDI V. M., Lo scudo di Talos, Mondadori
                         spettacolo teatrale: La locandiera di C. Goldoni
                         PROGETTO LETTURA: “Insieme per leggere insieme per leggersi”: incontri con animatori,
                          visita didattica alla Fiera Internazionale del Libro di Torino, incontro con il mondo
                          dell’editoria (dall’autore al traduttore al lettore; il giornalismo on-line); produzione di un
                          elaborato collettivo (cartellone) per partecipazione a Progetto EDUC/Provincia di Parma.


    Fidenza, 4 giugno 2008

    L’insegnante                                                                     I rappresentanti degli studenti



                                                                3

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:197
posted:12/7/2011
language:
pages:3