Docstoc

tesi_it

Document Sample
tesi_it Powered By Docstoc
					              UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI MILANO
        Facolta’ di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
           Corso di Laurea in Scienze dell’Informazione




                  L’handicap e la Rete




Relatore:      Dott.Ing. Giuliano PIRELLI
Correlatore:   Prof.ssa Fiorella DE CINDIO




                                                      Tesi di Laurea
                                                  Davide FERRAZZI
                                                    Matr. N.°524348




                  ANNO ACCADEMICO 1999-2000
a chi ci ha creduto,
  nonostante tutto
                                                                              SOMMARIO

   INTRODUZIONE .................................................................................................................................................... 5
CAPITOLO 1 INFORMATICA ED HANDICAP: LO STATO DELL'ARTE .............................................. 8
   1.1 INTRODUZIONE............................................................................................................................................... 9
   1.2 RASSEGNA DELLE PRESENZE IN RETE: ............................................................................................................ 9
      1.2.1 Tecnologie Informatiche (IT) ................................................................................................................. 9
      1.2.2 Tecnologie Informatiche per la comunicazione (ICT) ......................................................................... 11
           1.2.2.1 Informatica ed Inserimento lavorativo ............................................................................................................15
           1.2.2 2 Sordità in rete..................................................................................................................................................21
           1.2.2.3 Newsgroups e mailing list...............................................................................................................................25
   1.3 ANALISI E VALUTAZIONI .............................................................................................................................. 26
CAPITOLO 2 ACCESSIBILITÀ DEI SITI WEB .......................................................................................... 30
   2.1 INTRODUZIONE............................................................................................................................................. 31
   2.2 ACCESSIBILITÀ E DESIGN FOR ALL ............................................................................................................... 32
      Come funziona uno screen-reader ? ............................................................................................................. 33
      Approccio generale ....................................................................................................................................... 34
      Semplicità ..................................................................................................................................................... 34
      Modificabilità e possibilità di personalizzare ............................................................................................... 34
      CSS ............................................................................................................................................................... 35
      Plug - in ........................................................................................................................................................ 37
      Siti personalizzabili - cookie ......................................................................................................................... 38
      PDF .............................................................................................................................................................. 38
      Javascript...................................................................................................................................................... 38
      Applet Java ................................................................................................................................................... 39
      XML .............................................................................................................................................................. 39
      HTML Dinamico ........................................................................................................................................... 40
      XHTML ......................................................................................................................................................... 40
      Aural Style Sheet - voiceXML ....................................................................................................................... 40
      SMIL ............................................................................................................................................................. 40
      FLASH .......................................................................................................................................................... 41
      WAP .............................................................................................................................................................. 41
   2.3 TEST E STRUMENTI DI VALUTAZIONE AUTOMATICI ..................................................................................... 42
      2.3.1 Browser speciali utilizzati nei test ....................................................................................................... 42
           Amaya: .......................................................................................................................................................................42
           Lynx: ..........................................................................................................................................................................42
           Opera: .........................................................................................................................................................................43
           Jaws: ...........................................................................................................................................................................43
           Nokia 9110 Communicator: .......................................................................................................................................43
   2.4 L'ATTEGGIAMENTO DEL MONDO VERSO IL PROBLEMA DELL'ACCESSIBILITÀ ................................................ 44
      2.4.1 Pubbliche amministrazioni e legislazione............................................................................................ 44
      2.4.2 Produttori di software .......................................................................................................................... 46
           Microsoft ....................................................................................................................................................................46
           SUN - Java..................................................................................................................................................................46
   2.5 TEST DI ACCESSIBILITÀ PER ALCUNI SITI 'SIGNIFICATIVI' .............................................................................. 47
   2.6 CONCLUSIONI............................................................................................................................................... 50
CAPITOLO 3 FORUM VOICE: LA SFIDA, IL 'VALORE DA AGGIUNGERE': LA COMMUNITY .. 52
   3.1 INTRODUZIONE............................................................................................................................................. 53
   3.2 PREPARARE IL TERRENO: RISTRUTTURAZIONE DEL SITO............................................................................... 54
      3.2.1 Analisi del sito a Novembre'99 ............................................................................................................ 55
           Unire tre siti per dar vita ad un portale .......................................................................................................................56
           La struttura .................................................................................................................................................................57
           La navigazione............................................................................................................................................................58
   3.3 CREAZIONE DEL FORUM VOICE .................................................................................................................... 59
      3.3.1 Analisi dei requisiti .............................................................................................................................. 59
      3.3.2 La home page del forum ...................................................................................................................... 60
      3.3.3 Scelta dello strumento - implementazione ........................................................................................... 62
          Forum web: una moda difficile da improvvisare ........................................................................................................62
          Partire da una community esistente: RCM .................................................................................................................63
          Soluzioni tecniche a confronto ...................................................................................................................................65
          A-forum.isa.................................................................................................................................................................65
          Rguest.exe e Wguest.exe ............................................................................................................................................66
          lavagna.asp .................................................................................................................................................................67
      3.3.4 Promozione del forum - attività con le associazioni ............................................................................ 68
          Le Idee di fondo..........................................................................................................................................................68
   3.4 CONCLUSIONI - SVILUPPI FUTURI ................................................................................................................. 70
CAPITOLO 4 SOTTOTITOLAZIONE DI TELEFONATE E VIDEOCONFERENZE ............................ 73
   4.1 INTRODUZIONE............................................................................................................................................. 74
      4.1.1 Riconoscimento vocale discreto. .......................................................................................................... 75
      4.1.2 Riconoscimento vocale continuo.......................................................................................................... 76
   4.2 SOTTOTITOLAZIONE DI UNA TELEFONATA CON UN SISTEMA CONTINUO. ...................................................... 77
   4.3 TRASCRIZIONE DI UN MESSAGGIO DA SEGRETERIA TELEFONICA .................................................................. 78
   4.4 SOTTOTITOLAZIONE DI UNA TELEFONATA CON VOCABOLARIO RISTRETTO PRESTABILITO ........................... 80
   4.5 SISTEMI DI VIDEOCONFERENZA E VIDEOTELEFONI ....................................................................................... 82
   4.6 SOTTOTITOLAZIONE TELEVISIVA IN DIRETTA ............................................................................................... 84
CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI ........................................................................................................... 86
   CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI....................................................................................................................... 87
   RINGRAZIAMENTI ............................................................................................................................................... 89
   BIBLIOGRAFIA .............................................................................................................................................. 90
   ALLEGATO 1 - SITI WEB RECENSITI NELLA TESI .................................................................................................. 92
   ALLEGATO 2 - CHECKLIST PER UN SITO ACCESSIBILE - ....................................................................................... 93
   ALLEGATO 3 - LAVAGNA VIRTUALE DEL FORUM VOICE - ESEMPI -...................................................................... 94
                                         INTRODUZIONE


     Questo lavoro di tesi si compone di diverse parti indirizzate verso l'obiettivo
comune di studiare il ruolo dell'informatica, e di Internet nello specifico, per
aiutare le persone disabili a superare alcune barriere comunicative.

      Per spiegare la struttura e l'apparente eterogeneità di questa tesi è utile
ripercorrere almeno brevemente le fasi e la storia del progetto VOICE. Questa
tesi si è configurata infatti come uno stage di un anno presso il Centro Comune di
Ricerca (CCR) della Commissione Europea, sito di Ispra (VA), nell'ambito di tale
progetto. Il progetto VOICE, una campagna di sensibilizzazione circa l'utilizzo dei
prodotti di riconoscimento vocale per la sottotitolazione automatica per gli
audiolesi, è già stato oggetto, nei due anni precedenti, di altre tesi di laurea, tra
cui quella in Scienze dell'Informazione di Gianluca Nazzani, laureatosi nel 1999,
di cui il mio lavoro rappresenta la naturale prosecuzione [Naz99].

      Il progetto, nelle sue prime fasi, ha visto la realizzazione di un prototipo
software1 che, partendo dai prodotti di riconoscimento vocale già in commercio2,
permettesse, tramite l'utilizzo di un personal computer, la sottotitolazione di una
conferenza o di una lezione scolastica. Questo per poter dimostrare le
potenzialità di tali prodotti e per far riflettere circa l'importanza di tali strumenti
per l'integrazione di persone con disabilità di tipo comunicativo, principalmente
gli audiolesi.

     Parallelamente a quest'attività era stato creato un sito web3 per poter
condividere e raccogliere le informazioni che pervenivano man mano circa le
problematiche e i bisogni degli utenti in materia di sottotitolazione. La
precedente tesi si era quindi occupata di rendere il sito visibile ed accessibile, ed
aveva posto le basi per la creazione di un forum attraverso il quale mettere in
comunicazione tutte le persone interessate all'argomento.

      Nel momento in cui è iniziato il mio lavoro si stavano raccogliendo i frutti
più significativi di tale opera di sensibilizzazione, con l'organizzazione di
conferenze e workshops, che sono stati sottotitolati in diretta, alla presenza di
importanti autorità del settore televisivo e di quello scolastico. In particolare nel
novembre '99 si è riusciti a riunire presso la sede Rai di Bologna 4 una
significativa rappresentanza delle televisioni europee ed in particolare i


1
    VOICEMeeting by FBL, download disponibile su http://voice.jrc.it/download/_downl_i.htm

2
    DRAGON NaturallySpeaking 3.5. Preferred Edition

3
    http://voice.jrc.it

4
    Seminario "Handicap e Comunicazione", http://voice.jrc.it/events/vari/rai_i.htm
responsabili dei servizi di sottotitolazione, che a tutt'oggi offrono un servizio
estremamente ridotto rispetto al volume globale delle trasmissioni giornaliere.

Nel dicembre '99 la conferenza di
Arona5 (NO) ha visto riuniti gli
insegnanti che hanno partecipato alla
sperimentazione in classe del prototipo
VOICE che, alla presenza di molti
colleghi e di importanti autorità
scolastiche a livello nazionale, hanno
testimoniato l'interesse e l'impegno del
mondo della scuola nei confronti delle
nuove tecnologie laddove servono
all'integrazione di studenti con bisogni
speciali.

                                                       RAI-Bologna: il coordinatore del progetto parla
                                                       ai responsabili della sottotitolazione TV.

      Iniziando il mio lavoro ho trovato il progetto nella fase in cui gli obiettivi
ancora da raggiungere erano duplici: da un lato quello di sperimentare la
sottotitolazione di una telefonata e di una videoconferenza; dall'altro migliorare il
sito web con la creazione di un forum di discussione che potesse, col tempo,
aspirare a diventare una vera e propria comunità virtuale dedicata ai problemi
della disabilità, di cui al terzo capitolo.

      Parallelamente agli obiettivi del progetto VOICE, il presente lavoro richiede
di soffermarsi sull'analisi della situazione dei siti Internet dedicati alla disabilità in
genere ed alla sordità nello specifico, illustrati nel primo capitolo, dove vengono
prese in esame proposte di soluzioni passibili di ulteriori sviluppi.

      In questo contesto si inserisce la necessità di riprendere le norme
sull'accessibilità, già trattate nel precedente lavoro di tesi, per rileggerle alla luce
della mutata situazione tecnologica in materia di creazione di pagine web (cap2).

     Perciò le esigenze dettate da un progetto già avviato e quella di
approfondire ed allargare la visione d'insieme anche per migliorare aspetti già
affrontati, si fondono con l'obiettivo di sviluppare e diffondere l'utilizzo delle
tecnologie emergenti e di Internet presso chi si occupa di disabilità.

     Un importante aspetto che caratterizza questo lavoro e l'orizzonte
temporale: un anno nel mondo di Internet in continuo sviluppo è un lasso di
tempo davvero ampio, durante il quale si è assistito a notevoli mutazioni, sia
tecnologiche, sia dal punto di vista dell'utilizzo dello strumento. Al contrario, nel
mondo della disabilità, un anno è un lasso di tempo estremamente breve, dal
momento che sia il tempo che le risorse da dedicare all'aggiornamento in materia


5
    Seminario "didattica e nuove tecnologie" http:// voice.jrc.it/events/vari/arona_i.htm




                                                   6
di nuove tecnologie sono cronicamente scarsi. Questa situazione ha una duplice
valenza: da un lato c'è il vantaggio di poter disporre di continue innovazioni che
portano sul mercato strumenti sempre più potenti e facili da usare, nello stesso
tempo, dall'altro il grosso rischio che chi si attarda lungo la via
dell'aggiornamento, rimanga ulteriormente emarginato.

      Questo rischio è particolarmente forte per quella parte di giovani audiolesi
che, al contrario dei loro coetanei udenti, sono ancora diffidenti circa l'utilizzo di
Internet che invece, in molte forme quali e-mail, chat, forum web, è in grado di
offrire loro importantissime opportunità di comunicare.

       Dopo aver analizzato nei primi due capitoli il contesto generale, la tesi
illustra nel terzo e nel quarto il lavoro svolto ed i risultati raggiunti riguardo ai
due obiettivi principali sopraddetti. Nel terzo la ristrutturazione del sito di Voice è
seguita dalla creazione del forum e dall'avvio di attività con alcune associazioni di
audiolesi per promuoverne l'uso come strumento di comunicazione e scambio. Il
quarto capitolo, dedicato alla sperimentazione della sottotitolazione di una
telefonata e di videoconferenza, completa la fase sperimentale del progetto
offrendo interessanti possibilità di sviluppo in un settore in continua e frenetica
evoluzione come la telefonia.




                                          7
    CA P ITO LO 1

  IN FO R M AT ICA E D
      H AN DICA P :
LO S TATO DE L L'ART E
                                 C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE




                           CAPITOLO 1
                             IT, ICT E DISABILITÀ
      P ANORAMICA SULLA SITU AZIONE PER LA DEFINI ZIONE DEI
                                    REQUISITI


                                1.1 INTRODUZIONE


      La fase preliminare e la successiva analisi dei requisiti per avviare la
ristrutturazione del sito di VOICE, ha richiesto parecchia navigazione in Internet
cercando di dare risposta ad una semplice ma non banale domanda: 'come il
mondo della disabilità trae giovamento dall'utilizzo delle tecnologie emergenti in
genere e di Internet in particolare?'

      L'indagine in rete si è completata con incontri con i rappresentanti dei
principali enti ed associazioni, per cercare di capire assieme a loro la situazione
attuale e le presunte cause di molte situazioni di arretratezza dal punto di vista
dell'impiego di quanto la tecnologia propone.

      Visitando di persona le associazioni e conoscendo 'fisicamente' le persone, ci
si trova spesso di fronte ad un divario tra 'reale' e 'virtuale': ci sono siti belli ed
ampi dietro ai quali magari sta una singola persona volenterosa e capace, al
contrario vi sono enti grandi, attivi e con parecchie persone che ci lavorano, che
non hanno un sito o hanno pagine banali e poco aggiornate. L'analisi di queste
situazioni ha aiutato a discernere meglio quello che era il quadro uscito dalla
navigazione in Internet, dando preziosi indizi circa le problematiche 'reali' che
stanno dietro a situazioni presenti su web e difficilmente comprensibili al
navigatore. Ma approfondiremo questo tipo di analisi dopo aver fatto una
panoramica di quanto visitato e recensito.




                   1.2 RASSEGNA DELLE PRESENZE IN RETE:


     Sin dall'inizio ci si è resi conto che parlare di interazioni tra tecnologia ed
handicap presuppone una prima fondamentale divisione: quella tra tecnologie
informatiche individuali (IT) e le tecnologie informatiche per la comunicazione
(ICT).

                      1.2.1 TECNOLOGIE INFORMATICHE (IT)

      Con tecnologie informatiche individuali, si intende nella maggior parte dei
casi, l'utilizzo di ausili tecnologici [Bit99] in grado di sopperire a mancanze e
menomazioni dovute all'handicap. Prime tra tutte le tecnologie rivolte ai disabili
fisici e motori. In campo informatico questo tipo di ausili è costituito
principalmente dagli ausili per l'accesso al computer [Cas98], ovvero da una



                                          9
                                        C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



serie di apparecchi che permettano a chi ha disabilità motorie anche gravissime
di poter controllare il computer attraverso dispositivi alternativi rispetto a quelli
tradizionali. Esempi di questo tipo di ausili sono le tastiere semplificate, i mouse
vincolati, i sensori muscolari che, abbinati a software specifici, basati spesso su
logiche di tipo ciclico, permettono il controllo dell'intero PC anche in presenza di
un unico movimento volontario da parte dell'utente. Esistono numerose varianti
di tastiere virtuali, ovvero programmi software che simulano a video una tastiera
con le lettere che si illuminano ciclicamente, cercando, attraverso il meccanismo
della predizione di parola, di indovinare la parola che si sta digitando. Questo tipo
di strategia viene impiegato ultimamente anche nei telefoni cellulari per poter
comporre più rapidamente brevi messaggi di testo. Il meccanismo delle scelte
cicliche e della predizione di parola viene applicato in tantissimi ambiti e può
essere adattato anche a casi di disabilità cognitivo-comunicative sostituendo ad
esempio l'alfabeto con i simboli Bliss6.

      Ad ogni tipologia di disabilità corrisponde una categoria di prodotti hardware
e software dedicati, come ad esempio gli screen-magnifier o gli ingranditori per
gli ipovedenti, gli screen reader per i ciechi, i software a controllo vocale per chi
ha perso l'uso degli arti, fino ad il puntatore laser da applicare alla fronte per chi
non ha altre possibilità di comandare un mouse.

                                                         In questo settore si può dire che la
                                                    tecnologia ha fatto molto; addirittura,
                                                    citando le parole di un responsabile del
                                                    SIVA7, non è azzardato affermare che
                                                    non c'è praticamente più nulla da
                                                    inventare.     Ora     il   lavoro   è  di
                                                    personalizzazione e studio del singolo
                                                    caso,     basandosi       sulle   numerose
                                                    possibilità esistenti.

                                                          Quindi l'analisi della situazione dal
                                                    punto di vista degli ausili e dei vantaggi
                                                    che le tecnologie informatiche portano
                                                    al singolo disabile è decisamente
                                                    positiva, lasciando aperti filoni di ricerca
                                                    e sperimentazione alla bioingegneria, e
                                                    le problematiche maggiori rimangono
                                                    nella formazione di personale in grado
                                                    di scegliere ed adattare al caso
                                                    specifico i numerosi dispositivi esistenti.

     Cercando in rete risorse circa gli ausili è abbastanza facile orientarsi: un
sicuro punto di riferimento è il già citato SIVA di Milano sul cui sito si trovano le

6
  insieme di simboli iconografici, in grado di rappresentare ciò che succede nel mondo di ogni
giorno, permettendo la comunicazione a soggetti afasici o con altre gravi barriere comunicative.

7
    Servizio Informazione Valutazione Ausili presso Fondazione Don Gnocchi, Milano (www.siva.it)




                                                 10
                                  C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



principali informazioni e link sull'argomento e fornisce inoltre un completo
database con tutti gli ausili disponibili in Italia, con aggiornamenti periodici via
internet, completato da corsi di formazione per il personale in modo da creare
persone in grado di scegliere e consigliare l'ausilio più indicato caso per caso.

                                                     Altro      riferimento       sicuro    è
                                                             8
                                               l'Ausilioteca di Bologna che offre vasti
                                               archivi di hardware e software 'speciali'
                                               con particolare attenzione al settore del
                                               software didattico. Dal sito è possibile
                                               scaricare il software di pubblico dominio
                                               che si ritiene più interessante. Questa
                                               ricchezza       di     risorse     lo    rende
                                               sicuramente interessante e appetibile a
                                               chi     si   occupa       di   istruzione    e
                                               riabilitazione.

      Non ultimo il sito dei Centri Ausili9
offre un completo ed aggiornato elenco
dei centri che si occupano di ausili e di
riabilitazione in tutta Italia, suddiviso
per regioni e per tipologia di handicap.
Assieme ai due siti sopracitati, cui è
'linkato' in entrambe le direzioni, si
ottiene un quadro abbastanza completo
e rispondente alla realtà a riguardo
degli ausili.

       In   definitiva     l'apporto     che
l'informatica da al superamento dei
limiti    imposti    dalla    disabilità   è
importante e positivo dal punto di vista
degli aiuti alla persona e delle
tecnologie      che      'meccanicamente'
aiutano il singolo a superare i suoi
problemi, ed è radicata già da tempo
una cultura di tipo informatico nelle
persone che si occupano di tali
problematiche.



           1.2.2 TECNOLOGIE INFORMATICHE PER LA COMUNICAZIONE (ICT)




8
    http://www.ausilioteca.org

9
    www.centriausili.org




                                           11
                                      C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



     Ben diversa è la situazione dal punto di vista delle tecnologie per la
comunicazione, settore in fortissima espansione, che tuttavia appare sin da una
prima analisi ben poco sfruttato per superare le barriere della disabilità e per la
condivisione di informazioni a riguardo.

     Da questo punto di vista si è cercato di analizzare le presenze in rete per
capire come Internet venga usato da chi si occupa oppure ha in prima persona
un handicap. Un ruolo sicuramente fondamentale della rete è quello di
condivisione delle informazioni ancora prima di valutarne le potenzialità di
comunicazione. Ed in questo senso sono parecchie le iniziative volte a
condividere in rete informazioni, esperienze, soluzioni.

                                                         A questa categoria appartengono
                                                   siti come il CDH Associazione Centro
                                                   Documentazione        Handicap10,     sito
                                                   dedicato       alla      documentazione,
                                                   l'informazione      e   la    formazione.
                                                   Handicap     e    assistenza,    educatori
                                                   professionali, scuola, associazionismo,
                                                   letteratura e nuove tecnologie, sono
                                                   queste alcune delle categorie a cui è
                                                   possibile   accedere     partendo    dalla
                                                   homepage. Nel sito è presente l'archivio
                                                   della rivista edita dal centro come
                                                   esempio di creazione di una banca dati
                                                   cui affidare in modo permanente
                                                   informazioni che in forma cartacea
                                                   andrebbero perse, fornendo al tempo
                                                   stesso una comoda interfaccia di
                                                   accesso per la ricerca di articoli
                                                   specifici.




10
     http://www.accaparlante.it/cdh-bo/index.htm




                                               12
                                       C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE




     Pietre miliari dei siti 'catalogo'
dedicati alla disabilità sono certamente
HandiLinx11 e HandyLex12.

      Il primo è un ampio catalogo
ragionato di risorse disponibili in rete
sulla disabilità, dove gli utenti hanno la
possibilità di segnalare i propri siti e
dove sono possibili ricerche sia per
parole chiave che per tipologia di
handicap.


                                                         Il secondo è attualmente il sito
                                                   italiano di riferimento per chi cerca
                                                   informazioni sulle normative presenti e
                                                   passate in materia di disabilità.

                                                         Da notare che negli intenti dei
                                                   creatori del sito vi è quello di divulgare
                                                   l'informazione legislativa tra i 'non
                                                   addetti ai lavori' grazie a schede
                                                   informative in linguaggio semplice su
                                                   ogni argomento e sotto-argomento.


      Interessante anche l'iniziativa realizzata dalla LEDHA, Lega per i diritti degli
handicappati di Milano, patrocinata da Comune di Milano e Regione Lombardia,
che ha presentato il sito www.informahandicap.it in occasione dell'ultima fiera
dell'informatica SMAU'99 con l'intento di creare un piccolo portale lombardo
dedicato alla disabilità, il cui punto di forza sta nel completo ed aggiornato
archivio di enti ed associazioni lombarde, studiato per una consultazione
tematica che può ad esempio essere finalizzata a ricerche circa la legislazione, le
barriere architettoniche, i servizi, fino alle occasioni di svago.La parte 'interattiva'
del sito purtroppo non è mai decollata (è ormai passato quasi un anno dalla
presentazione), ovvero bacheca e newsgroup non sono mai stati implementati.




11
     http://www.uildm.org/handilinx/index.shtml

12
     http://www.handylex.org




                                                  13
                                        C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE




     Viene       evidenziata         questa
situazione non certo per fare il processo
a qualcuno, ma perché il fatto di aver
conosciuto di persona i responsabili ed
aver avuto direttamente da loro la
spiegazione     delle    cause    di   tale
situazione ha permesso di comprendere
un fenomeno che è più diffuso di
quanto      si    creda:     dietro     alla
considerevole mole di lavoro che la
Ledha svolge (incluse le attività legate
al sito) ci sta in pratica una sola
persona che lavora a tempo pieno e
gruppi di 'esperti' e volontari che
vengono formati e sciolti in breve
tempo per affrontare i problemi specifici
che di volta in volta si presentano.

     In una struttura siffatta si comprende bene il destino di un sito che è stato
lanciato con presentazioni importanti (SMAU99) ed un look 'professionale' nella
homepage, ma che poi è rimasto in balia della cronica mancanza di tempo e di
fondi da dedicare alla crescita del sito. Questo tipo di situazione è comune in
molte realtà associative, dove il volontariato copre gran parte delle attività e
dove perciò è facile vedere arenarsi iniziative partite brillantemente, e che, dopo
poco, si sono trovate prive di risorse sia umane sia economiche.

     Un'interruzione del genere nella crescita e nell'aggiornamento di un sito può
portare a risultati disastrosi: il navigatore che ha visitato il sito attirato dalla
novità e dalla pubblicità, che vede che nulla è cambiato dopo mesi non tornerà
più per controllare eventuali aggiornamenti. Questo fenomeno per un sito che
aveva l'ambizione di diventare un portale, rischia di stroncare sul nascere tutte le
sue possibilità di crescita, visto che per aggiornare ed ampliare le informazioni
del database servono le segnalazioni e i contributi degli utenti che se non
percepiscono il sito come 'vivo' non ci torneranno più.

     Un'iniziativa simile, questa volta a livello nazionale, è quella dalla
Presidenza del Consiglio dei Ministri, dipartimento per gli Affari Sociali, che, con
ENEA13 ed ETNOTEAM14,ha recentemente realizzato il 'Portale Handicap15'

      Il portale è una raccolta di collegamenti ad una o più pagine dei siti italiani
sulla disabilità. Non è solo una raccolta di siti, ma una "collezione" di una o più
pagine per ciascun sito suddivise secondo i vari argomenti trattati. La raccolta
delle pagine è stata organizzata sulla base di una suddivisione per Tematiche

13
  ENEA: Ente Nazionale Energia Alternativa, da anni operante nel settore delle tecnologie per la
qualità della vita

14
     ETNOTEAM: leader nelle soluzioni Internet per la pubblica amministrazione e le imprese
15
     http://www.affarisocialihandicap.it/




                                                 14
                                 C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



trattate e per Soggetti che forniscono l'informazione. I criteri di suddivisione   e di
organizzazione delle pagine sono pertanto fortemente dipendenti dalla              loro
presenza in rete nonché dalla loro frequenza. Il portale quindi non è              una
trattazione completa di tutti gli argomenti riguardanti la disabilità,              ma
rappresenta solo una ricognizione dell'esistente in rete.

                                                   La struttura principale del portale
                                            è costituita da un archivio elettronico
                                            contenente informazioni essenziali sul
                                            soggetto     fornitore   dell'informazione
                                            (ubicazione        geografica,      natura
                                            giuridica),sul contenuto delle pagine
                                            (l'indirizzo web, il titolo indicante il
                                            contenuto della pagina) permettendo lo
                                            svolgimento di una ricerca libera con
                                            l'utilizzo di un vocabolario sintetico,
                                            implementato attraverso pagine ASP.

      Il successo di questo tipo di siti, costituiti da grossi archivi, è strettamente
legato alla promozione ad al contributo fornito dagli utenti, altrimenti rischiano di
rimanere grossi 'elenchi' non più aggiornati. Chiamarli 'portali' rappresenta una
sfida che, soprattutto in un settore 'delicato' come quello della disabilità, è molto
impegnativa. Si potrà dire solo a lungo termine se il sito è davvero all'altezza di
tale ambito ed abusato titolo.


1.2.2.1 INFORMATICA ED INSERIMENTO LAVORATIVO

     Un capitolo a parte, anche se qui viene dato solo un cenno, meriterebbe il
ruolo dell'informatica nell'inserimento lavorativo dei disabili: i vantaggi offerti in
tal senso dalle nuove tecnologie riguardano molteplici aspetti: per il disabile
motorio il telelavoro rappresenta un'incredibile possibilità di poter continuare a
lavorare senza più problemi di spostamento, per molti altri i corsi di formazione
in informatica con il conseguimento di diplomi specifici e conseguente
inserimento lavorativo rappresentano un modo di riqualificarsi e vedersi
finalmente riconoscere, grazie al PC che annulla le diversità, pari diritti rispetto ai
colleghi normodotati. Non a caso l'impiego dell'informatica per l'inserimento
lavorativo, inteso sia come strumento sia come fine, è oggetto di un nutrito filone
di progetti della Commissione Europea che ha dedicato ad essi uno specifico
settore denominato Horizon.




                                         15
                                         C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE




                                                            Navigando in Internet si trovano
                                                      molti riferimenti al telelavoro per
                                                      disabili, ed anche i siti di grandi
                                                      organizzazioni ospitano spesso una
                                                      sezione dedicata a queste tematiche.
                                                      Siti specifici sono ad esempio TeleWork
                                                      and Disability16 dove si possono
                                                      reperire     informazioni  sulle  ultime
                                                      tecnologie telematiche ed informatiche,
                                                      sulle attività delle associazioni, sui
                                                      numerosissimi progetti promossi dalla
                                                      Commissione Europea e dal Fondo
                                                      sociale Europeo.

     E' importante sottolineare come la vera rivoluzione non sia tanto la
possibilità di avere un lavoro, qualunque esso sia, bensì l'opportunità di offrire
dei servizi realmente interessanti e competitivi. Significa entrare nel mercato del
lavoro dalla porta principale, insomma, e non da quella di servizio.

     E' anche grazie alla telematica ed alla tecnologia che la persona disabile può
oggi permettersi di non essere alla ricerca di un lavoro in termini di assistenza,
bensì di aver qualcosa di importante da offrire, qualcosa di valore.

     Compito delle organizzazioni di persone con disabilità' quindi, diventa anche
la promozione e la valorizzazione del lavoro che queste persone possono
svolgere, se dotate di strumenti adatti [Gia99].

      Proseguendo nella panoramica dei
siti dedicati alla disabilità in genere
oltre che al telelavoro ci imbattiamo nel
sito dell'ASPHI17, nata nel 1980 dalla
collaborazione tra l'IBM e l'istituto
bolognese      per     ciechi    Cavazza.
L'associazione è un punto di riferimento
per tutti gli operatori del settore e
associa al suo nome anche una delle più
importanti (se non la più importante)
manifestazioni fieristiche del settore:
Handimatica18 che si tiene ogni due
anni, in autunno, a Bologna.




16
     http://www.madri.com/twad

17
     Associazione per lo Sviluppo dei Progetti Informatici per gli Handicappati

18
     http://www.handimatica.it




                                                   16
                                 C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE




                                                  Grazie alla collaborazione con la
                                            Fondazione IBM, l'Asphi si è fatta
                                            promotrice di alcuni dei più importanti
                                            progetti per disabili e coprendo una
                                            vasta gamma di problematiche. I
                                            software speciali vengono sviluppati
                                            dalla cooperativa Anasthasis di Bologna,
                                            dove trovano impiego numerosi disabili
                                            provenienti dai corsi di formazione
                                            promossi negli anni passati dall'ASPHI
                                            stessa.

      Il ruolo dell'ASPHI, come già lascia intuire l'acronimo, è quello di coordinare,
promuovere e seguire lo sviluppo di progetti informatici per l'handicap, ovvero
l'associazione non si occupa in prima persona della realizzazione dei singoli
progetti, ma li coordina servendosi di altri enti (la cooperativa Anasthasis in
primis). E' significativa questa caratterizzazione dell'ente in quanto risponde ad
un'esigenza tipica e sempre crescente in questo settore: quella del
coordinamento. Da sempre infatti ci sono singoli con idee brillanti che magari
hanno realizzato un software interessante ed utile o che hanno in mente progetti
innovativi ma non hanno la forza e le risorse per realizzarli. Ecco l'importanza di
un ente forte in grado di coordinare e promuovere progetti in un settore dove,
come ho già avuto modo di sottolineare, le risorse umane ed economiche
scarseggiano.

      Il sito http://www.asphi.it si rivolge alle persone disabili, alle associazioni,
agli enti pubblici e alle aziende e si suddivide in due settori, uno riguardante la
attività promosse dall'associazione per le varie tipologie di disabilità (vista, udito,
disabilità motoria e psichica), l'altro riguardante le aree di attività (integrazione
scolastica, lavorativa...). E' poi possibile, tramite appositi form, richiedere
informazioni specifiche ed il catalogo dei prodotti offerti da Anasthasis.
L'associazione ha le sue sedi in tutta Italia (a Milano presso il Don Gnocchi),
anche se la sede principale rimane Bologna, a conferma del ruolo centrale che
questa città da sempre ha nel campo della disabilità e dell'impegno sociale. La
grafica ridotta ai minimi termini ed il look essenziale sono conferma della priorità
che viene data ai problemi dell'accessibilità piuttosto che seguire le tendenze del
web, in piena sintonia con lo spirito dell'associazione.

      Anche in questo caso non c'è una vera e propria area di discussione o di
interazione con gli utenti del sito, che rimane fondamentalmente una vetrina per
l'associazione ed una raccolta di risorse per proseguire la navigazione.




                                         17
                                          C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE




     Citando manifestazioni fieristiche
del settore non si può non menzionare
la Reha International19, probabilmente
la più importante rassegna sulla
disabilità a livello europeo, che ha sede
annualmente a Dussedorf e può vantare
la    partecipazione      di    espositori
provenienti da diverse decine di paesi,
rendendola il più importante punto
d'incontro europeo per operatori del
settore.

                                                                Tornando in Italia, il CNR si occupa
                                                          a vario titolo di disabilità ed in
                                                          particolare a Firenze e a Genova ci sono
                                                          filoni di ricerca attivi su questi temi.
                                                          Particolarmente completo è l'elenco dei
                                                          siti web contenenti informazioni sulle
                                                          persone      con   disabilità    a     cura
                                                          dell'Istituto Documentazione Giuridica20
                                                          del CNR (FI) dove sono catalogati in
                                                          modo rigoroso e scientifico tutte le più
                                                          importanti risorse disponibili in rete.



     Il CNR di Firenze ha inoltre curato una pubblicazione disponibile on-line sull'
Accessibilità ai siti web che è un riassunto/traduzione delle principali norme
internazionali (vedi cap. seguente).

      Un altro comune particolarmente
attivo nel settore è quello di Torino che
ha dato vita al il Sistema Informativo
Passepartout21, che, in collaborazione
con la Rete Civica del Comune, si
occupa di approfondire le tematiche
riguardanti l'handicap utilizzando anche
Internet      per    raggiungere      più
agevolmente disabili, loro familiari e
operatori del settore.




19
     http://www.messe-duesseldorf.de/de/1999/reha/

20
     http://www.idg.fi.cnr.it/guide/disabilita/siti.htm

21
     http://www.comune.torino.it/~pass/




                                                    18
                                        C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



      Il sito è particolarmente attento alle informazioni sui servizi e sui diritti delle
persone con disabilità; l'attenzione è rivolta alle risorse e alle attività presenti sul
territorio. Un utile "Punto Informativo" raccoglie organicamente tutte le
indicazioni utili sui servizi sociali, sulle comunità alloggio, sui servizi di supporto
lavorativo e su altre opportunità. Un completo e organico archivio permette poi di
conoscere con rapidità e precisione gli indirizzi più utili dei servizi pubblici.
All'utente vengono, inoltre, segnalate le ultime novità che probabilmente lo
possono interessare: appuntamenti, convegni, nuovi servizi pubblici... Ma
Passepartout non è solo uno spazio in cui si offrono in modo unidirezionale le
informazioni; alcuni "spazi" sono riservati all'interscambio coni visitatori. L'angolo
"Raccontarsi..." è forse il più significativo: vi vengono ospitate le testimonianze di
persone che quotidianamente vivono la realtà dell'handicap fisico e che pertanto
sono in grado di proporre al pubblico e alle Istituzioni preziosi spunti per
migliorare la qualità della vita. Tra gli enti che in qualche modo dimostrano
sensibilità ai problemi della disabilità c'è anche la RAI, che con il progetto
Robinson22 - "Una rete senza limiti", pone l'attenzione sui problemi
dell'accessibilità del web sostenendo i progetti internazionali (vedi prossimo
capitolo) e proponendo le sue pagine web nel rispetto di tali standard.

                                                        Anche         la       trasmissione
                                                  'MediaMente', fruibile attraverso il sito
                                                  web23 propone periodicamente servizi e
                                                  notizie legate a questo mondo, a
                                                  testimonianza che pian piano, anche
                                                  sollecitati dalle associazioni di disabili,
                                                  si cominciano a proporre al grande
                                                  pubblico temi che solitamente si reputa
                                                  facciano poca 'audience'. [Ris.1]




22
     http://www.grr.rai.it/robinson/index.htm

23
     http://www.mediamente.rai.it




                                                19
                                   C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE




      Un sito che a mio parere è uno dei
pochi a poter aspirare al titolo di
'portale' è www.disabili.com che con un
taglio molto giornalistico e giovanile
propone annunci, notizie, segnalazioni
sui più disparati temi legati alla
disabilità: si spazia dalle leggi, agli
ausili, all'integrazione scolastica e
lavorativa, alle vacanze, agli incontri
'virtuali'.

        La vera differenza con i siti fin qui
menzionati sta nel costante e puntuale
aggiornamento delle pagine e nel
discreto sviluppo che hanno le aree di
scambio con gli utenti: le sezioni
'Amici', 'Studi e ricerche', 'Tecnologie',
sono costantemente frequentate da
diversi tipi di utenti, molti dei quali
disabili, ma non solo. Studenti che
chiedono aiuto per tesi di laurea a
tema, genitori che propongono le loro
difficili esperienze nell'aiuto ai figli con
problemi. La rubrica 'Spakkiamo le
barriere' dà voce alle proteste di chi
quotidianamente vede limitata la sua
mobilità da scelte architettoniche infelici
o anche semplicemente dall'incuria e
scarsa sensibilità degli altri cittadini. La
grafica piacevole ed essenziale, le
sezioni      ben     studiate   per      una
navigazione        agevole,     unite      al
dinamismo di contenuti e dall'elevato
grado di interazione con gli utenti
stanno a mio parere alla base del
successo di tale iniziativa.

     Va sottolineato che rispetto ai siti
analizzati fin ora questo ha dalla sua
parte il vantaggio di non avere un tema
specifico, ma di accogliere ogni tipo di
disabilità e di tematica ad essa legata,
mettendo a disposizione dei redattori
molto materiale per alimentare il sito.




                                            20
                                       C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



1.2.2 2 SORDITÀ IN RETE

      Dopo aver fatto una panoramica dei siti dedicati all'handicap in generale ci
spostiamo nello specifico campo della sordità, analizzando i siti degli enti, delle
associazioni, delle ditte che producono o commercializzano ausili per l'udito,
principalmente per arrivare a capire le differenze con altri tipi di disabilità ed
individuare le specifiche esigenze, in vista di definire i requisiti per la
ristrutturazione del sito di Voice e lo sviluppo del forum.

                                                Procedendo quasi in ordine alfabetico
                                          troviamo AIRS24 - Associazione Italiana per la
                                          Ricerca sulla Sordità. L'attenzione dell'AIRS,
                                          non è rivolta solo agli aspetti medici e
                                          "riparatori" delle deficienze uditive, ma anche
                                          alla prevenzione della sordità e alla rimozione
                                          delle cause che possono provocarla; in tali
                                          delicati settori un ruolo fondamentale viene
                                          assicurato     dalla    ricerca   scientifica e
                                          dall'informazione diffusa.


      Sul sito, oltre alle informazioni "istituzionali" sull'associazione troviamo
diverse aree che consentono di approfondire i differenti aspetti correlati alla
sordità nell'infanzia, nell'età adulta, e nella terza età, distinguendone le cause (di
origine genetica, traumatica, infettiva o sconosciuta) ed evidenziandone le
soluzioni attualmente percorribili. Ma come dicevamo, un'attenzione e
un'insistenza particolare vengono accordate alla diagnosi precoce della sordità ed
alla difesa dall'inquinamento acustico, impegno quest'ultimo su cui l'AIRS chiama
noi tutti a raccolta. L'attendibilità e la precisione dell'informazione presente in
linea, come quella diffusa con altri mezzi, sono garantite da un nutrito e
qualificato comitato scientifico, la cui variegata composizione e professionalità è
riportata sul sito.

      "Se l'essere cieco emargina dal mondo delle cose, l'essere sordo emargina
dal mondo delle persone" (H. Keller). È forse questa la frase che per prima
colpisce chi visita il sito di AUDIES25, un'associazione per la lotta alla sordità che,
fra le primissime in Italia, ha attivato un sito su problematiche connesse alla
sordità. L'altro elemento che balza all'occhio immediatamente è la notevole mole
di materiale informativo relativo alle problematiche e alle soluzioni legate alla
disabilità sensoriale uditiva. La consultazione è resa piuttosto semplice grazie alla
strutturazione del sito e ad uno specifico motore di ricerca interno. Un occhio di
riguardo viene assicurato agli aspetti medici legati alla sordità, ma anche alle
soluzioni che un rapido sviluppo tecnologico sta offrendo per compensare questa
menomazione: una specifica area è riservata, appunto, ad illustrare
caratteristiche di alcuni impianti cocleari. Non a caso l'associazione è membro

24
     http://www.mclink.it/com/airs/

25
     http://www.tsi.it/contrib/audies/home.html




                                                  21
                                C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



dell'IFHOH (International Federation of Hard of Hearing and Deafened People);
questi costruttivi legami internazionali traspaiono in modo evidente
dall'impostazione del sito. L'area DeafNet offre una completa raccolta dei
collegamenti ai siti delle organizzazioni più attive nell'ambito della sordità.

     La FIADDA - Famiglie Italiane
Associate per la Difesa dei Diritti degli
Audiolesi   http://www.fiadda.it       di
Genova è certamente una delle
associazioni più importanti per quanto
riguarda la tradizione oralista* e ha un
sito con dominio proprio ed un
impostazione        grafica     piuttosto
'professionale'.


      Tuttavia il sito non viene aggiornato spesso e ad esempio la sezione 'novità'
non è ancora stata aperta nonostante sia on-line da parecchi mesi. Si tratta in
pratica della versione elettronica di un depliant che riporta le indicazioni
istituzionali e i riferimenti per contattare l'associazione presso le varie sedi
regionali. Molte delle associazioni 'minori' sono iscritte alla FIADDA e si affidano
ad essa per essere rappresentate anche a livello internazionale.


      *Segnanti vs oralisti:
      Senza dare nessun tipo di giudizio in merito, non posso non
      menzionare le due principali 'scuole di pensiero' in materia di sordità
      e riabilitazione. Da un lato la tradizione legata al sordomutismo ed
      al linguaggio gestuale (principalmente la LIS, Lingua Italiana dei
      Segni) che sostiene i vantaggi derivanti dall'utilizzo dei segni
      affermando che per un sordo apprendere il linguaggio, così legato al
      suono, non è del tutto vantaggioso e lo limita concettualmente
      creandogli una difficoltà aggiuntiva. Dall'altra la tradizione oralista
      che, attraverso la logopedia, sostiene l'importanza di insegnare agli
      audiolesi a parlare per non ghettizzarli e favorire l'integrazione con i
      normoudenti, anche alla luce delle crescenti possibilità in termini di
      recupero uditivo fornite dalle protesi più moderne e dagli impianti
      cocleari.
      Questa divisione si riflette anche sulle attività delle associazioni e
      sul tipo di battaglie che esse portano avanti. Da sempre l'Ente
      Nazionale sordomuti è una realtà molto forte anche a livello politico
      e a loro sono dovute diverse conquiste importanti per i sordi. D'altro
      canto molti lamentano un'eccessiva 'chiusura' da parte dell'ente
      stesso che non sempre vede di buon occhio collaborazioni con gli
      'oralisti' e rimane orgoglioso della propria diversità.




                                        22
                                          C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE




                                                          MC Link - Area Sordi26 è un sito
                                                    specializzato su un tipo di handicap
                                                    sensoriale: la sordità; un'informazione
                                                    agile accompagnata da una grafica
                                                    curata per aprire uno spazio, quello
                                                    virtuale, che di per se stesso è
                                                    'silenzioso', al di là della multimedialità,
                                                    e che può offrire possibilità del tutto
                                                    speciali per i disabili con questo tipo di
                                                    deficit da sempre condannati al silenzio
                                                    culturale. "L'Area Sordi -dice Marco
                                                    Consolati, responsabile e realizzatore
                                                    del sito- nasce come sviluppo della
                                                    conferenza interna dedicata alla sordità
                                                    di MC-Link; la conferenza era riservata
                                                    solo agli abbonati, ma con lo sviluppo di
                                                    Internet, ci è stata data la possibilità di
                                                    creare questo spazio dedicato ai sordi,
                                                    alla lingua dei segni, alla cultura dei
                                                    sordi e dei segnanti, ai problemi
                                                    educativi che comporta..." [Gia99].

      Il sito si occupa di argomenti qualsiasi purché collegati in qualche modo al
mondo dei sordi e dei segnanti. In particolare viene dato spazio alla cultura e alla
storia di questo tipo di deficit fornendo indicazioni anche di testi risalenti
all'antichità, e ai problemi sociali, educativi e psicologici di chi vive in condizioni
di sordità. Uno spazio piuttosto considerevole viene lasciato ai collegamenti
interessanti (deaflinks) che sono un esauriente trampolino verso i siti esteri che
affrontano, anche solo in parte, argomenti analoghi. Il sito è collegato con altri
due siti gemelli, quello della cooperativa DIRE27 e quello dell'associazione
Documenta28.




26
     http://www.mclink.it/mclink/sordi/

27
     http://www.arpnet.it/~dire

28
     http://www.arpnet.it/~docum




                                                  23
                                        C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



      "Altri siti si assoceranno prossimamente per creare una rete, un percorso
privilegiato capace di esprimere il mondo dei segnanti e la loro cultura". "Per i
sordi - conclude Marco Consolati - che rappresentano una minoranza linguistica e
culturale e che non hanno un territorio su cui vivere, la telematica può
rappresentare quel paese virtuale cui aspiriamo, in cui sia possibile una maggiore
comunicazione, un maggior scambio. Vogliamo infine dimostrare che anche i non
sordi possono, se lo vogliono, esplorare i territori a loro sconosciuti e spesso
proibiti (dai pregiudizi) del mondo del silenzio".

     Vi    sono    poi    molti    siti  di
associazioni più piccole anche se
egualmente importanti, tra cui i partner
del progetto Voice come ALFA, Ascolta
e    Vivi    onlus,    CECOEV       Centro
Comunicare e Vivere di Milano, AFA
Cantù e tanti altri, raggiungibili dalla
pagina link del sito Voice29 che non
commento qui singolarmente, ma che
analizzerò    nei    capitoli    successivi
presentando le fasi di ristrutturazione
del sito Voice e le attività collegate alla
creazione del forum

                                                       Tra i siti 'fatti in proprio' cito
                                                  EuroNetworkSordità30       realizzato   da
                                                  Roberto Rossetti e Raffaella Benvignati,
                                                  entrambi sordi, che hanno dato vita ad
                                                  un sito indipendente, volutamente 'di
                                                  parte', che ha tra i suoi punti di forza
                                                  una ricca raccolta di recensioni sui
                                                  principali telefonini e fax in commercio,
                                                  con dettagliate schede tecniche prese
                                                  da riviste e siti del settore ed arricchite
                                                  da 'prove su strada' realizzate da loro
                                                  stessi o da altre persone sorde e perciò
                                                  mirate ad evidenziare pregi e difetti di
                                                  ogni apparecchio dall'ottica particolare
                                                  di un sordo.

     E' un esempio di come talvolta la creatività ed intraprendenza dei singoli
abbia la necessità di esprimersi al di fuori di enti ed istituzioni per godere della
massima flessibilità e libertà, per esprimere il proprio giudizio soggettivo. Ma
anche questa è Internet ed anzi questo è uno dei suoi aspetti più dibattuti e
stimolanti.


29
     http://voice.jrc.it/forum/assoc_e.htm

30
     http://utenti.tripod.it/ENS




                                                24
                                 C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



      Infine è importante citare due progetti dedicati alla sordità, realizzati con il
coordinamento dell'ASPHI, che sono di riferimento in questo settore. Il primo si è
concretizzato nella realizzazione di quello che oggi è uno dei software logopedico-
riabilitativi più diffusi: Speechviewer, che, giunto alla sua terza release, aiuta,
attraverso giochi di modulazione della voce, i terapisti nel delicato compito di
insegnare a parlare a bimbi audiolesi o con problemi specifici del linguaggio.

      Il secondo progetto consiste in uno screening audiologico che è stato fatto a
Padova presso i bambini in età prescolare (3-6 anni) per la diagnosi precoce della
sordità. Nato da un'idea del prof. Arslan, docente di Audiologia all'università di
Padova, 'Eargames' è costituito da un software per PC che, attraverso il
collegamento con un audiometro opportunamente interfacciato, propone al
bambino dei videogiochi nei quali gli viene richiesta una reazione in
corrispondenza di specifici stimoli sonori. E' a mio parere un importante esempio
di come applicare le tecnologie informatiche per affrontare una disabilità grave
come la sordità, ma , soprattutto, è stata una delle prime iniziative su larga scala
dedicate a sensibilizzare su questo tipo di problemi, così tristemente diffusi, ma
poco noti e molto sottovalutati.


1.2.2.3 NEWSGROUPS E MAILING LIST

     Ancor prima di occuparci di individuare il mezzo più adatto per promuovere
lo sviluppo di Internet come luogo di scambio e di confronto per la disabilità,
vediamo la situazione attuale dei newsgroups e mailing list sul tema.

     Anche se ultimamente si sta, per varie ragioni, andando sempre più verso il
web come utilizzo predominante di Internet, ed i gruppi di discussione moderati
con interfaccia web stanno proliferando, non si può trascurare il ruolo che da
sempre hanno avuto newsgroup e mailing list. La carrellata stavolta è davvero
breve, in quanto sono pochissime le realtà di questo tipo che sono sopravvissute
per un tempo ragionevole.

       Nel mondo dei newsgroup forse è sufficiente citarne uno solo. Nel marzo del
1997, anche in Italia, è stato attivato uno specifico newsgroup che vuole
affrontare le tematiche relative alla disabilità; it.sociale.handicap è il nome
adottato e che ha raccolto le 75 adesioni necessarie alla registrazione nel giro di
pochissimi giorni. Il gruppo non è moderato; non a caso ha avuto un avvio un po'
stentato; ma dopo questa fase durata alcuni mesi, i messaggi sono aumentati
esponenzialmente e così lo spessore della discussione. Si trova un po di tutto:
molti appelli di persone alla ricerca di informazioni specifiche, ricerca di persone
con problemi affini con cui condividere le proprie esperienze, sfoghi e offerte
commerciali delle ditte specializzate e tanto altro. Il notevole volume di messaggi
ne rende 'faticoso' seguire i filoni di discussione, ma il rischio di frammentare un
newsgruop in sottogruppi rimane elevato per cui per ora è rimasto unico. Spesso
le risposte, soprattutto nei casi 'personali', vengono poi inviate singolarmente
all'interessato e talvolta questo fatto lascia filoni discussione 'troncati'.

     Un'osservazione valida in generale ma importante parlando di newsgroup è
che costringono l'utente ad utilizzare uno specifico reader, e, per quanto oggi sia
integrato nei programmi di messaggistica, costituisce una barriera anche solo



                                         25
                                          C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



psicologica per alcuni utenti. La configurazione delle news inoltre non per tutti
risulta intuitiva. Infine la volontarietà dell'atto di accedere al newsgroup frena gli
utenti più pigri e frettolosi.

      Questo problema non c'è invece parlando di mailing-list: l'utente riceve i
messaggi direttamente nella sua casella di posta, senza essere costretto a
ricordarsi di controllare se ci sono nuovi messaggi, ed inoltre non deve
configurare nulla di diverso rispetto alla solita casella e-mail.

      Una delle mailing list più 'tradizionali è Hmatica31, frequentata da molti
disabili soprattutto su argomenti relativi al software "speciale", alle novità
legislative e alle richieste di aiuto di persone in difficoltà .

      La Mailing list "Handicap e Disagio"32 è nata nel'97 proponendosi come
complementare ad Hmatica [Gia99]. E' infatti diretta a chi è a contatto con il
tema della disabilità per motivi personali o di lavoro per cercare di non porre
delle barriere tra chi è disabile e chi non lo è, tra chi è svantaggiato e chi non lo
è, tra l'operatore e l'utente, cercare di fare delle considerazione che coinvolgono
ambo le parti. Gli argomenti toccati spaziano dal lavoro di educatori e volontari, il
rapporto con i media, il disagio in generale.

     Specializzata sulla tematica didattica e disabilità è la Mailing list Didaweb 33
moderata da Riccardo Celletti34, medico sordo, che di recente ha anche dato vita
ad una lista dedicata alla sordità sul sito www.egroups.com con il nome di dwse-
deaf per discutere più specificatamente di sordità.

      Dedicata all'uso degli strumenti informatici nella didattica dei minorati della
vista è infine la 'Lista vista'35 moderata da Flavio Fogarolo.




                                   1.3 ANALISI E VALUTAZIONI


     Dalla rassegna dei siti fatta, e dopo averla mediata con le informazioni
raccolte direttamente dai responsabili delle associazioni ed enti interpellati, esce
un quadro abbastanza chiaro pur nella sua complessità e poliedricità:


31
     iscrizione dal sito di Città Invisibile, moderatore: Roberto Mancin, email: rmancin@citinv.it

32
     listserv@peacelink.it,        +subscribe    disagio,    moderatore:      Nicola     Rabbi       (mail:
asshp2@iperbole.bologna.it)

33
     http://www.eurolink.it/scuola/didaweb/form.htm

34
     email: r.celletti@mclink.it

35http://www.provvstudi.vi.it/erica/lista/lista.htm Flavio Fogarolo,

e-mail: owner-listavista@ilary.keycomm.it




                                                    26
                                 C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



     Appare naturale dividere il settore degli ausili da quello delle tecnologie per
la comunicazione, così come risulta intuitivo separare handicap di tipo motorio da
handicap di tipo sensoriale.

      E queste divisioni hanno riscontro diretto nella tipologia dei siti e degli
intenti che essi si propongono. Il settore degli ausili, legato a filo doppio con la
tecnologia, intesa come mezzo per sostituire e riacquistare abilità perse con
l'handicap, è per sua natura più avvezzo ad intendere il sito web come un
archivio di risorse disponibili ed un luogo dove far affluire e confrontarsi su temi
specifici. Ecco quindi che risulta facile reperire in rete informazioni su un
particolare dispositivo, corredate magari dalle impressioni di chi lo usa. In questo
settore è facile trovare siti che esistono e sono frequentati da parecchio tempo e
la loro impostazione, anche grafica, si differenzia abbastanza a seconda che
siano siti di attività commerciali oppure siano enti no profit.

       La differenza tra le tipologie di handicap non è così ovvia, e probabilmente
affonda le sue radici in situazioni socio-culturali che hanno segnato lo sviluppo
stesso delle associazioni. Un esempio su tutti: da sempre l'handicap motorio ha
visto la presenza di associazioni grandi e 'forti' anche dal punto di vista politico,
mentre un handicap diffuso come la sordità che, ricordo, interessa una vasta
gamma di fasce d'età, di tipologie e cause, è da sempre frammentato in molte
associazioni, con contatti piuttosto limitati fra di loro in passato e che a tutt'oggi
fanno uno scarso uso di internet rispetto ad altre categorie. Certamente alla base
della maggior diffusione della telematica presso i disabili motori c'è il già citato
fatto che essa ha rappresentato per molti di loro un opportunità di rientrare a
pieno titolo nel mondo del lavoro e probabilmente il fatto che il computer è stato
uno dei primi e più rivoluzionari ausili per il disabile motorio ha favorito il
diffondersi di una cultura informatica tra di essi. Questo aspetto sicuramente è
mancato ai sordi, che al contrario, spesso hanno guardato al computer come a
qualcosa di complesso e scarsamente utile per superare le difficoltà comunicative
che li affliggono. Ed oggi, con la comparsa di internet che potenzialmente annulla
il loro handicap nella comunicazione telematica, vi sono da superare diffidenze e
arretratezza in campo informatico.

      Un capitolo a parte è rappresentato dalle associazioni dedicate a patologie
specifiche, sindromi e disabilità per fortuna più rare e meno conosciute. Per
queste realtà il sito web è stato ed è un occasione di farsi conoscere e trovare,
un opportunità nel mondo della ricerca di mettere in contatto tutti quelli che si
occupano del problema. In questo senso viene fatto di Internet un uso che potrei
definire 'accademico' ovvero molto vicino all'utilizzo che sin dagli inizi ne ha fatto
la comunità scientifica. Per questo forse anche il taglio con cui sono date le
informazioni è più tecnico ed è più raro trovare il contributo di chi il problema ce
l'ha o lo vive in una persona cara, lasciando spazio agli 'addetti ai lavori'.

      Una considerazione valida in generale è quella nei confronti dei cosiddetti
'portali': in quest'ultimo anno è diventata una parola chiave del mondo web, ma
nell'ambito della disabilità tende a rimanere solamente una parola. Anche tra i
siti commerciali è difficile definire cosa esattamente sia un portale e a mio parere
la situazione sta evolvendo nella direzione delle battaglie di capitali e di interessi
pubblicitari. Chi ha più soldi da investire può permettersi redazioni più numerose,



                                         27
                                 C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



di pagare 'web-surfer' eternamente in caccia della notizia interessante e del sito
più curioso da recensire con conseguente maggiore varietà e frequenza di
aggiornamento per i propri utenti. Accanto a questo aspetto c'è la capacità di
tenere vivi i gruppi di discussione all'interno dei siti, che viene spesso affrontata
dai responsabili web in termine di fidelizzazione degli utenti e di identificazione
degli stessi con lo stile del sito. [Lyc99] Sta diventando in altre parole una
battaglia di marketing.

      Questo approccio è molto lontano dalle realtà del mondo dell'handicap e si
scontra con le sue logiche. Innanzitutto, come ho già avuto modo di sottolineare,
ci troviamo in un mondo dove i capitali scarseggiano ed anche le forze umane in
gioco sono spesso sottodimensionate rispetto ai bisogni.

      Inoltre le motivazioni che portano l'utente a visitare un sito sono
generalmente molto più forti e mirate rispetto a quelle del 'navigatore per
diletto'. Questo fa si che si sia disposti a rinunciare a fronzoli e presentazioni
grafiche raffinate in favore di contenuti utili ed aggiornati. Se tra i siti
commerciali sta scomparendo il 'fai da te' ,che invece nel mondo del no-profit è
tutt'ora la realtà più comune. Se di primo acchito quindi l'aspetto amatoriale e
poco sofisticato dei siti dedicati alla disabilità sembra essere un aspetto
trascurabile, non lo è più nel momento in cui uno di questi siti aspira a diventare
un punto di riferimento riconosciuto da tutti, un portale insomma, piccolo o
grande che sia. Anzi, creare un portale per la disabilità ha una grossa difficoltà in
più: le severe norme sull'accessibilità di cui al capitolo due. Vi sono poi le
oggettive difficoltà organizzative di mettere insieme risorse estremamente
eterogenee e di riunire le forze dal punto di vista della creazione di gruppi di
discussione e raccolta di contributi da parte degli utenti. Ci sono in rete tante
piccole raccolte di link, spesso ripetuti, ma difficilmente ce ne è una più valida di
altre dal punto di vista dell'aggiornamento e della correttezza dei siti citati che ,
ricordo, essendo spesso su server gratuiti cambiano sovente il dominio rompendo
decine di links da altri siti.

      Dal punto di vista dell'analisi dei requisiti e dei bisogni degli utenti
finalizzata al proseguo del mio lavoro di tesi emergono perciò alcuni dati che
possiamo schematizzare così:

- dal punto di vista degli ausili e dell'utilizzo dell'informatica e della telematica da
parte di disabili motori la situazione è abbastanza confortante e può vantare una
certa 'tradizione' in materia;

- in tutto il mondo dei siti dedicati alla disabilità è ancora diffuso il 'fai da te' da
parte di web master che svolgono il loro lavoro a titolo spesso di volontariato. Le
complesse norme di accessibilità frenano il diffondersi delle tecniche più nuove,
cui invece attingono a piene mani i professionisti del web;

- essendoci scarsi interessi economici dietro a questo tipo di siti ci possono
essere discrepanze tra 'reale e virtuale': enti importanti ed attivi con siti
ridottissimi e 'bruttini' e piccolissime associazioni o addirittura singoli volenterosi
ed esperti di informatica che sviluppano siti ampi e ricchi di contenuti utili;




                                          28
                                 C AP 1: INFORMATICA ED HANDI CAP , LO STATO DELL ' ARTE



- l'utilizzo della telematica come mezzo di comunicazione tra persone ed i siti
web come strumenti 'interattivi' di scambio tra utenti sono concetti ancora allo
stato embrionale in questo settore. Spesso il sito è ancora solo la versione
elettronica di una brochure cartacea con in più un indirizzo di posta elettronica
cui inviare un e-mail;

- tra i vari tipi di handicap la sordità è forse uno di quelli che tradizionalmente ha
creduto meno nelle possibilità offerte dal computer e che per questo sta
accogliendo tiepidamente anche il diffondersi di Internet. Questo lascia ampi
margini di sviluppo e finalmente anche le associazioni iniziano a sentire il bisogno
di sfruttare meglio questo canale comunicativo;

     In questo contesto si inserisce il progetto   Voice, che sin dall'inizio ha scelto
il web come canale preferenziale per divulgare     e coordinare le attività legate allo
studio del riconoscimento vocale per la            sottotitolazione, credendo nelle
potenzialità della telematica per aumentare le     possibilità di comunicazione degli
audiolesi.




                                         29
     L'HANDICAP   E   LA   RETE




    CA P ITO LO 2

A CCE SS IB IL IT À D E I
      S IT I W E B
                                                           C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB




                                   CAPITOLO 2
                        A CCESSIBILITÀ DEI SIT I WEB :
           S ITUAZIONE , PROSPETTIVE , TEORIA E NORME PRATI CHE


                                        2.1 INTRODUZIONE


      In questo capitolo ci occuperemo di accessibilità dei siti web, prendendo
come punto di partenza il lavoro di tesi di Nazzani [Naz99], che si era occupato
delle principali norme da seguire per rendere un sito accessibile ed in particolare
della loro applicazione al sito di Voice.

      Darò quindi per scontato le norme 'base', valevoli allora, che un webmaster
doveva (e deve) seguire per creare un web accessibile, quali gli accorgimenti per
le immagini, i link , i colori, le tabelle, gli elementi grafici in-line, le mappe
grafiche, le sequenze sonore, le sequenze filmate, i frames. Su questi argomenti,
oltre alla sopra citata tesi, si possono consultare i documenti prodotti dal CNR di
Firenze, ed in particolare il riassunto delle norme Trace36 o il documento redatto
da Laura Burzagli e Paolo Graziani dal titolo "accessibilità di siti web:
problematiche reali e soluzioni tecniche"37.

      Nel frattempo il mondo del web ha visto nascere tante nuove tecnologie e
quindi, potenzialmente, nuovi strumenti a disposizione del disabile, ma anche
nuove potenziali barriere. Ci occuperemo quindi delle tecnologie per il web che
hanno preso piede e della loro accessibilità, ampliando necessariamente
l'orizzonte verso quello che viene definito 'design for all' o progettazione
universale.

      Uno degli obiettivi di questo capitolo è stato, parallelamente allo studio delle
nuove norme sull'accessibilità, quello di cercare di colmare il divario tra teoria
pratica, analizzando la situazione presente ed individuando quelle che sono poi,
nella pratica, le soluzioni reali adottate (o ignorate) dai web master.

      A questo scopo, sono stati analizzati molti siti, soprattutto quelli contenenti
informazioni di pubblico interesse o che forniscono servizi al cittadino, quelli, in
altre parole, che è inammissibile che non siano accessibili a tutti i tipi di utenti.

      Bisogna subito sottolineare una differenza nell'approcciare il problema
dell'accessibilità dei siti, rispetto ai documenti ed alle norme sopracitate. In
questi ultimi tempi infatti, ci si è resi conto che non è il non vedente l'utente più
critico, bensì l'ipovedente e, allargando il campo, tutte le persone con difficoltà
visive. Per un non vedente infatti è importante poter accedere alla versione solo

36
     http://www.area.fi.cnr.it/hcap/italy/full/trace.htm

37
     http://etabeta.iroe.fi.cnr.it/accesso/accesso.htm




                                                   31
                                                   C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



testo o al testo alternativo alle immagini, che gli verrà poi letto dalla sintesi
vocale o trasformato in sensazioni tattili da una barra braille. Le persone con
difficoltà visive invece, tenteranno di navigare la versione "normale" del sito ed
avranno la necessità di ingrandire il testo e le immagini, di cambiare i colori ed il
tipo di carattere, incontrando paradossalmente più difficoltà di chi utilizza un
browser testuale.

     Parlare di ipovedenti e di persone con difficoltà visive, significa ampliare di
molto il numero dei potenziali utenti con bisogni particolari: se i ciechi
rappresentano lo 0.1% della popolazione, le persone con disturbi visivi (che
hanno grosse difficoltà nel leggere il giornale) fanno crescere al 3.8% tale
percentuale [Vel2000]. Una categoria che contribuisce pesantemente a tale
crescita è quella degli anziani, e le statistiche ci dicono che, oltre ad un
progressivo invecchiamento della popolazione, si sta assistendo anche ad un
aumento del numero di persone anziane che utilizzano Internet. Quindi, se in
passato qualcuno pensava di poter 'ignorare' egoisticamente una piccola
percentuale di persone con problemi di accessibilità, oggi anche la legge dei
numeri impone maggiore attenzione nello studio del sito web, pena la perdita di
molti potenziali utenti (oltretutto utenti motivati e con molto tempo a
disposizione).

     Anche per questo motivo è stato interessante analizzare l'atteggiamento
delle istituzioni, dei maggiori produttori di software, delle amministrazioni
pubbliche europee confrontandole con quelle americane, per capire se e quanto è
sentito il problema dell'accessibilità.

     Infine si è voluta dare una breve scaletta di verifica per la costruzione di un
sito web accessibile: ne è risultato un sintetico elenco di controlli minimi da fare
che, più che voler essere un riassunto delle linee guida, vuole essere
un'introduzione al problema che faccia capire la filosofia necessaria per
affrontarlo, evidenziando il fatto che creare pagine web accessibili è molto più
semplice di quanto si possa credere.




                       2.2 ACCESSIBILITÀ E DESIGN FOR ALL


      Fino a qualche tempo fa il problema dell'accessibilità era affrontato nei
termini di correggere o adattare i siti esistenti affinché rispettassero le norme. Da
qualche tempo si è capito che è necessario vedere il problema dell'accessibilità
nell'ottica più ampia del cosiddetto 'design for all' ovvero della progettazione
universale.

     Quando si parla di norme sull'accessibilità si fa quasi sempre riferimento alle
indicazioni date dal Consorzio che definisce gli standard per il web, il W3C38, ed


38
     Web Consortium www.w3.org




                                        32
                                                     C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



in particolare all'iniziativa WAI39 per l'accessibilità dei siti web. Vi sono anche
altre iniziative per l'accessibilità (il progetto TRACE40 ad esempio), ma tutte
convergono negli standard definiti dal W3C.

      Creare da zero un sito web accessibile è molto più semplice che cercare di
rendere accessibile uno esistente e mal progettato: inoltre una cattiva
progettazione si riflette su aspetti quali la navigabilità e la semplicità
dell'interfaccia, aspetti fondamentali per ogni tipo di utente. Spesso si banalizza il
problema riconducendolo all'impossibilità per un cieco di vedere un'immagine o
per un sordo di ascoltare un file audio. In realtà, se un cieco, in presenza di un
sito mal strutturato e complicato da navigare, perderà l'orientamento, costui sarà
in ogni caso più abituato e disponibile a perdere tempo per cercare di orientarsi
rispetto ad un navigatore normodotato che invece dopo poco si spazientirà
abbandonando il sito.

      In altre parole si tratta di studiare delle norme che rendano accessibile il
sito alle persone con bisogni speciali, rendendo automaticamente più agevole a
tutti la sua navigazione. Questo spirito è ben esemplificato dal caso degli scivoli
sui marciapiedi per le carrozzelle: oltre a permettere l'agevole salita ad una
persona in carrozzella, hanno indirettamente avvantaggiato le mamme con le
carrozzine dei bambini, gli anziani col bastone, i carrelli per lo scarico delle merci.
Il progetto Voice, rivolto ai problemi della sordità, è tuttavia da sempre sensibile
ai problemi dei non vedenti e dei disabili in genere, per cui il sito, sin dagli
esordi, ha sempre rispettato le norme sull'accessibilità con l'intento di dare il
buon esempio in tale campo.

                          COME FUNZIONA UNO SCREEN-READER ?

      Prima di andare ad analizzare i problemi relativi all'accessibilità dei singoli
componenti e delle specifiche tecnologie per il web, è utile vedere come funziona
in generale un software che permette ai non vedenti di utilizzare il computer e
navigare in Internet tramite la sintesi vocale o una barra braille. Questo tipo di
analisi mette in luce molti degli errori più tipici che vengono commessi nello
strutturare i siti web.

      Lo screen reader prende la pagina con tutti i suoi elementi (testo, immagini,
codice java, CSS) e la traduce in testo permettendo di avere differenti tipi di
output: testo, grafica, parlato, braille. Quando occorre il codice viene modificato
dallo screen reader per ottenere un miglior risultato (freccia grigia).


                                                                Output:
       HTML, XML,                         Browser               testo
       Java, CSS,                         + screen              grafica
       altro codice                        reader               parlato


39
     WebAccessInitiative www.w3.org/WAI

40
     www.trace.wisc.edu




                                              33
                                                      C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB




      Lo screen reader generalmente può adottare due tipi di strategia: 'Logical
mode' o 'Line mode'. In 'Logical mode' l'informazione presente sul video viene
disassemblata ed organizzata in una struttura ad albero. Se ad esempio, ci
troviamo nella barra dei menu di un programma che ha i menu | file | modifica |
visualizza | e si sceglie il comando salva dal menu file, l'approccio 'logico'
produrrà la seguente stringa sonora: "Top menu File Salva" che ci dice che ci
troviamo nella barra superiore dei i menu, sul menu 'file' sul comando 'salva'. In
'Line mode' invece viene letto tutto di fila riga per riga producendo: 'file modifica
visualizza'. In altre parole il 'Line mode' offre una panoramica più ampia sulle
possibilità, mentre l'approccio 'logico' struttura meglio le informazioni con il
rischio di non capire bene l'ambito in cui ci si trova (va poco in profondità
nell'albero).

                                APPROCCIO GENERALE

     Per un non vedente quindi, è importantissimo potersi muovere attraverso gli
elementi presenti sulla pagina in modo semplice e logico, ovvero seguendo un
percorso stabilito dal progettista che lo aiuti ad orientarsi. Questo richiede molta
attenzione nella progettazione di pagine con layout tabellare o con frame, ove si
possono prevenire molti problemi con una semplice verifica: la navigazione senza
mouse. È infatti importantissimo che ci si possa muovere in maniera logica tra i
vari elementi della pagina utilizzando solamente il tasto 'TAB', proprio come
fanno gli utenti che impiegano un browser testuale.

      Parallelamente bisogna prestare attenzione nel dare all'utente un costante
feedback di quanto sta succedendo: avvisarlo prima di mandarlo
automaticamente in un'altra pagina, fornirgli un riepilogo dei dati che ha
immesso in un FORM prima di spedirlo e informarlo che è tornato alla pagina
precedente. Bisogna far percepire all'utente un 'senso di controllo' su ciò che sta
accadendo, che è uno degli aspetti più importanti ma anche più trascurati
dell'ergonomia di un sito.

                                     SEMPLICITÀ

      creare una pagina semplice è un'operazione tutt'altro che banale: per
semplicità si intende infatti la capacità di fornire solamente le funzionalità
davvero necessarie e riuscire a strutturare le possibili scelte. Questo presuppone
una visione estremamente chiara di ciò che si sta creando, cosa che talvolta
manca, anche perché spesso i webmasters cadono nella tentazione di voler
utilizzare gli ultimi ritrovati della tecnologia ed i trucchi più arditi. È forte cioè il
rischio di creare siti per mettere in mostra le proprie capacità tecniche o per
dimostrare le potenzialità delle nuove tecniche, perdendo di vista sia i contenuti
che, soprattutto, gli utenti. Non a caso la centralità dell'utente è uno dei concetti
più importanti e più difficili da applicare tra le teorie della progettazione
universale. È in quest'ultima accezione che parleremo di 'semplicità' come
requisito fondamentale nella progettazione del forum di Voice al prossimo
capitolo.

              MODIFICABILITÀ E POSSIBILITÀ DI PERSONALIZZARE




                                          34
                                                    C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



     Passando ad analizzare le difficoltà che incontrano gli ipovedenti (termine
che d'ora in avanti utilizzeremo nella sua accezione allargata di 'persone che
fanno fatica a leggere un giornale'), una delle esigenze primarie è quella di poter
modificare e personalizzare le modalità di selezione delle pagine in base alle
proprie specifiche esigenze.

                                                L'utente deve avere la possibilità
                                           di cambiare i colori, i tipi di carattere, di
                                           ingrandire a piacimento, di disabilitare
                                           alcune    funzionalità     (es.    java    o
                                           javascript) senza per questo perdere
                                           informazioni.




       A questo riguardo c'è da fare un'importante osservazione sull'uso delle
tecnologie client-server: fino a qualche tempo fa, la situazione più comune era
quella per cui la pagina residente sul server veniva scaricata e resa disponibile in
locale per essere consultata attraverso il browser. Oggi è sempre più comune
l'utilizzo di script CGI e Script-Perl che creano la pagina sul server in base a
parametri ricevuti dal client, restituendo poi una pagina al client stesso. Se in
questa fase l'utente ha la possibilità di intervenire, ad esempio, sulla dimensione
dei caratteri, questo viene realizzato con un'opportuna istruzione al server e
rappresenta un'ottima occasione di rendere più accessibile il sito. Ma se questa
possibilità di intervenire sui parametri dello script è negata, ciò rappresenta una
grossa barriera.

       Un altro rischio è rappresentato dalla predominanza del 'lato-server' delle
applicazioni, ovvero dalla sempre minor importanza che ha il 'lato client': nel
mondo del web sono in crescita le tecnologie di tipo 'push'ovvero in grado, senza
preventiva richiesta all'utente, di installare plug-in nel browser o piccole utility,
fatto che disorienta gravemente gli utenti che non utilizzano il video come
periferica di output. In pratica l'informazione è sempre più unidirezionale, dal
server al client, togliendo a quest'ultimo la possibilità di interagire e limitando
grandemente le possibilità di migliorare l'accessibilità delle informazioni. Un
ulteriore svantaggio dato da questa tendenza è il fatto di non aver più disponibili
'off-line'le informazioni perché queste vengono di volta in volta 'assemblate'sul
server e spedite al client.

                                        CSS

      Un'importante possibilità di personalizzazione ci viene dall'impiego di una
delle tecnologie nella quale si sono riposte molte speranze in materia di
accessibilità: i CSS. I fogli di stile (CSS: Cascade Style Sheet) sono stati
introdotti e fortemente raccomandati dal Consorzio W3C assieme all'HTML4 come
importante elemento per rendere accessibili le pagine: essi separano infatti
l'informazione dal layout, riunendo in un supporto esterno alla pagina, il foglio di




                                        35
                                                             C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



stile appunto, tutte le informazioni riguardanti l'aspetto della pagina, dai colori, al
tipo di carattere, al posizionamento degli elementi.

     Un esempio delle potenzialità di impiego per personalizzare un sito
permettendo all'utente di scegliere tra diversi fogli di stile in base alle specifiche
esigenze lo si trova sul sito del Trace Center41, come mostrato in figura:




       Tutto questo in teoria; in pratica le differenze tra i browser (tra IE e
Netscape principalmente) hanno rallentato fortemente il diffondersi di questo
nuovo importante strumento, in quanto supportati in modo differente e parziale
dai due browser più diffusi. In particolare nelle versioni fino alla 4.7 di Netscape
(la più recente) non sono supportate funzionalità fondamentali dei CSS come il
posizionamento assoluto degli elementi, i colori delle tabelle, etc... Questa
situazione era tale già all'inizio del lavoro di tesi, e si sperava di vedere, con
l'uscita di Netscape 6 ad esempio, risolversi questo problema, ma purtroppo non
è ancora avvenuto. Una delle maggiori attese riguarda la possibilità del
posizionamento assoluto degli elementi sulla pagina, che porrebbe finalmente
fine al 'malcostume' di utilizzare tabelle 'annidate' in modo complesso ed
inaccessibile per ottenere il controllo del layout. Le differenze tra i browser, oltre
a questioni macroscopiche come l'uso delle tabelle per 'impaginare', hanno
portato i webmaster ad impiegare abitualmente 'trucchetti' che vanno contro la
logica dei nuovi standard: un esempio su tutti è l'utilizzo del tag <FONT>
all'interno del tag <A HREF> per controllare il colore dei link prima e dopo che
vengono visitati. In pratica si utilizza <FONT> (il cui uso è deprecato in html4)
per 'sovrascrivere' le impostazioni date da eventuali CSS nella definizione dello
<STYLE> gli attraverso pseudo-elementi A:link, A:visited, A:active, che si
comportano differentemente a seconda del browser utilizzato.

      Purtroppo al momento non è ancora uscito Netscape6 e, da questo punto di
vista, la situazione non è molto cambiata, ma la forza con cui il Consorzio sta
sostenendo questo tipo di soluzione fa ben sperare per il futuro.



41
     TRACE Center of Engeneering University of Winsconsin, http://trace.wisc.edu/




                                                 36
                                                     C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



       Non appena saranno uno standard, i CSS potranno dare un valido aiuto nel
rendere accessibili i siti, oltre che per le caratteristiche menzionate, per la
possibilità di personalizzazione che offrono. Dal momento che separano i
contenuti dall'aspetto, sarà possibile prevedere più fogli di stile per la stessa
pagina (o sito), lasciando all'utente la scelta di quello che fa al caso suo. Ecco
quindi, accanto al layout 'normale', la possibilità di avere una versione ad elevato
contrasto, con i caratteri ingranditi, con fondo nero e scritte bianche, etc.., tutto
con un minimo sforzo aggiuntivo. Addirittura c'è chi ha già predisposto utility
apposite che permettano l'utilizzo di un foglio di stile specifico per disabili
all'interno del proprio browser: è il caso ad esempio, dei 'WiDGets' per IE messi a
disposizione da Microsoft per personalizzare al massimo il browser attivando e
disattivando fogli di stile o impostandone uno proprio.

     Questa possibilità di offrire più 'versioni' del medesimo sito senza duplicare
le informazioni in esso contenute è attualmente una delle soluzioni più
interessanti e finalmente si comincia a trovare in rete qualche sito che offre
questa opportunità (vedasi par2.5).

     Tecnicamente riguardo all'utilizzo dei CSS bisogna ugualmente avere alcune
accortezze per garantirne l'accessibilità; in particolare occorre:

- fornire il codice del CSS per permettere all'utente eventuali modifiche a lui
necessarie;

- specificare i colori nello stile usando codice esadecimale (#FFFFFF) e non nomi
come "white", "red";

- preferire l'uso di fogli di stile collegati (con l'uso di <LINK>) piuttosto che quelli
incorporati (<embed>) per sfruttare le potenzialità di cui sopra.;

- utilizzare HTML standard con i tag <DIV> o <SPAN> per applicare gli stili, in
modo da permettere la visualizzazione del convenuto anche con browser vecchi o
che non supportano i CSS;

      Passiamo ora in rassegna i principali elementi e tecnologie che si stanno
diffondendo nel mondo del web e che non erano ancora stati presi in
considerazione nella tesi precedente[Naz99]. Di ognuno di questi ne valuteremo
l'accessibilità, gli eventuali rischi, e ne evidenzieremo le potenzialità;

                                      PLUG - IN

      I plug-in, programmi esterni che sono lanciati dal browser per leggere
formati di file specifici (videoclip, audio, immagini) sono oggi sempre più diffusi,
data l'enorme varietà di formati presenti sul web. Gli elementi che richiedono
l'installazione di un plug-in specifico, sono per loro natura meno accessibili, nel
senso che l'installazione del plug-in stesso può creare, come evidenziate in
precedenza, difficoltà e disorientamento nelle persone che non utilizzano il video.
Spesso questa limitazione viene superata con un intervento esterno per
l'installazione, dopodiché la pagina risulta accessibile, ma questo procedimento
introduce la necessità di un aiutante esterno, anche se per una sola volta. Inoltre
il continuo sviluppo di nuovi plug-in genera il rischio che il software dello screen



                                          37
                                                    C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



reader non supporti le ultimissime innovazioni. Nel caso in cui sia irrinunciabile
l'utilizzo di un plug-in specifico, l'accessibilità dipende molto dal livello di
controllo che viene dato all'utente: ad esempio, se un plug-in per un tipo
specifico di animazione mette a disposizione comandi per ingrandire e
rimpicciolire, per rallentare o scorrere fotogramma per fotogramma l'animazione,
ciò garantisce un discreto livello di accessibilità.

                        SITI PERSONALIZZABILI - COOKIE

      Capita sempre più spesso di poter personalizzare i siti, sia per quel che
riguarda l'aspetto che per quel che riguarda contenuti. A noi interessa
particolarmente la possibilità di personalizzarne l'aspetto per i discorsi fatti in
precedenza sull'accessibilità. Queste possibilità vengono date solitamente in base
due modalità:

- permettendo all'utente di scegliere tra più fogli di stile e memorizzando la sua
preferenza attraverso un cookie.

      - scegliendo l'opzione 'MySite' che permette di andare oltre
alla semplice scelta di un particolare foglio di stile, consentendo
di scegliere la struttura della pagina (si/no frame, si/no tabelle)
Un esempio è fornito da www.Excite.it che permette di
personalizzare sia i contenuti che la grafica della homepage.

      Queste strategie sono utilizzate dai 'portali' per creare dei profili utente non
solo dal punto di vista dell'aspetto, ma spesso anche dei contenuti. Ciò si riflette
positivamente anche sulla navigazione, dal momento che è possibile escludere i
contenuti che non interessano, ed avere tempestivi aggiornamenti riguardo i
propri interessi.

     Non tutti i siti che offrono questo tipo di possibilità sono perfettamente
accessibili ai ciechi, ma rappresentano sicuramente una strategie interessante
per gli ipovedenti.

                                        PDF

      Questo formato, sta diventando uno standard per la distribuzione tramite
web di documenti lunghi, manuali e guide di riferimento, grazie alle sue
caratteristiche di elevata compatibilità ed agli ottimi risultati di stampa. Questo
tuttavia è un ostacolo sia per i ciechi che per le persone con problemi di vista. Gli
screen reader infatti hanno grosse difficoltà nel separare il testo dalle immagini di
un documento PDF e a tutt'oggi non è possibile un'efficace controllo sulla
lunghezza delle righe, che si traduce in errori nell'andar a capo in testi impaginati
su diverse colonne (viene letto tutto riga per riga anche se è su più colonne,
'mischiando' le frasi). Per chi ha difficoltà di vista è altresì un problema a causa
della non ottimale risoluzione ottenibili a video quando si ingrandisce il testo.
L'indicazione, per ora, rimane quindi quella di evitare l'uso di questo formato.

                                    JAVASCRIPT

      Questo linguaggio di scripting è da tempo molto usato per controllare le
finestre, l'aspetto delle pagine e per rendere interattivi i siti. Tuttavia l'elevata



                                         38
                                                     C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



specificità del codice che costringe i programmatori a realizzare due versioni dello
stesso script, una per IE e l'altra per Netscape, lo rende scarsamente accessibile.
Ricordiamo a tal proposito una delle tante frasi simbolo di problemi della
accessibilità: le linee guida che stiamo analizzando vorrebbero far tramutare il
messaggio che appare in calce a molti siti 'ottimizzato per Internet Explorer 4'con
un messaggio 'ottimizzato per ogni tipo di browser'. In questo senso javascript
con la sua esasperata specificità mal si adatta alla filosofia della progettazione
universale.

     Tuttavia si può avere un sito accessibile anche in presenza di questo
linguaggio di scripting adottando alcuni accorgimenti:

- fornire una pagina alternativa segnalandola (meglio con un link) nel tag
<noscript> per tutti quei contenuti che, una volta disabilitato il javascript nelle
preferenze del browser, diventerebbero 'invisibili';

- impiegare i comandi standard di questo linguaggio, prestando particolare
attenzione, ad informare l'utente quando si aprono o sì chiudono o cambiano le
finestre;

                                    APPLET JAVA

     L'accessibilità degli applet Java è strettamente correlata a quella del
linguaggio Java che verrà approfondita in seguito (par 2.4.2). Da subito va
segnalata la necessità e la possibilità di fornire una pagina alternativa
segnalandola all'interno del tag <applet> come segue:

<applet code=mioapplet.class <B>Se stai usando un browser che non supporta
Java vai alla pagina: [<a href="pagina_alt.htm" alternativa </a>] <B>
</applet>

     Bisogna inoltre sincerarsi che i vari elementi dell'applet siano accessibili
tramite il tasto [Tab] e siano accompagnati da un attributo [alt] che li commenti.

       Per la modificabilità si può utilizzare il tag <param name= value=" "> che
consente all'utente di variare i parametri dell'applet per lui critici, quali i colori o
il tipo di carattere.

                                         XML

                                                 L'XML       (eXtensible     Markup
                                            Language) è un potente e flessibile
                                            linguaggio         per         descrivere
                                            gerarchicamente i tipi di dati ed ha un
                                            vasto campo d'applicazione. All'XML si
                                            applica un secondo tipo di fogli di stile
                                            XSL che consentano di presentare in
                                            maniera molto flessibile i dati presi dal
                                            codice XML, ristrutturandoli in base alle
                                            specifiche esigenze.




                                          39
                                                     C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



      Queste caratteristiche ne fanno un linguaggio estremamente adatto a
risolvere i problemi dell'accessibilità, viste le possibilità di interazione con gli
screen reader.

                                  HTML DINAMICO

      Il DHTML è una specie di 'HTML animato'che consente alla pagina di
cambiare dopo che è stata caricata dal browser: ecco quindi immagini che
possono muoversi all'interno della pagina, colori e tipi di carattere che cambiano,
effetti 'rollover'. È ancora allo Stato embrionale e molte sue applicazioni sono
ancora sperimentali. Il DHTML è composto da diverse componenti (CSS + HTML
+ Javascript) connesse tramite DOM (Document Object Model). Per garantirne
l'accessibilità bisogna tenere in considerazione vari fattori:

     - eseguire il test di navigazione senza mouse;

     - aggiungere un link che consenta di saltare l'animazione iniziale;

    - evitare di utilizzare troppi layers perché allo stato attuale gli screen reader
sono in grado di gestirne solamente un numero ridotto (probabilmente presto
questo problema sarà risolto);

     - aggiungere una        descrizione    alternativa   qualora   il   messaggio   sia
scarsamente visibile;

     In ogni caso la sua estensibilità e portabilità ne fanno un linguaggio di
sicuro interesse per il futuro.

                                       XHTML

      L'Extensible Hypertext Markup Language dovrebbe essere a pieno titolo
l'erede di HTML (in pratica HTML 5). E un'applicazione modulare di XML, che
consentirà quindi di supportare applicazioni di tipo diverso quali telefonia,
televisione, applicazioni wireless. Offre estensibilità e portabilità, consentendo di
creare nuovi tag per applicazioni specifiche senza alterare il DTD (Document
Type Definition) ma aggiungendo semplicemente nuovi elementi al modello
esistente, come accade in XML.

    Grazie a queste caratteristiche, il consorzio W3C ripone molte speranze in
questo linguaggio per risolvere i problemi di accessibilità.

                          AURAL STYLE SHEET - VOICEXML

      Gli studi inerenti l'utilizzo di sistemi vocali e l'impiego della sintesi vocale
come output dell'informazione interessano molti settori diversi. Grazie a ciò sono
stati sviluppati fogli di stile 'uditivi' che sfruttano le possibilità di sistemi audio
surround (3D) e la spazialità e direzionabilità del suono. Con la possibilità di
differenziare tipi di voce si riesce ad esempio a fornire tutta una serie di
informazioni extra testuali. Questi studi stanno sviluppando una versione vocale
di XML, voiceXML appunto.

                                           SMIL




                                           40
                                                     C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



      Il Syncronized Multimedia Integration Language, basato su XML, è un
linguaggio di marcatura semplice ma flessibile proposto dal consorzio come
alternativa a linguaggi di scripting tipo javascript e Visualbasic. Consente di
creare presentazioni dinamiche e multimediali sincronizzando i vari tipi di media
in maniera molto semplice. Ha il grosso vantaggio di poter utilizzare risorse
remote (URL) invece di includere gli oggetti. Questo permette di integrare risorse
presenti su server diversi, e a realizzare diverse versioni (per esempio con l'audio
in diverse lingue) della stessa presentazione in base al tipo di utenti.

      L'accessibilità    di    questo  linguaggio     dipende      prevalentemente
dall'accessibilità dei singoli componenti: è necessario fornire il testo alternativo
per ogni elemento e la possibilità di dare informazioni relative alla
sincronizzazione dei vari componenti.

                                        FLASH

                         Negli ultimi tempi è stato fatto un grosso lavoro per
                   migliorare l'accessibilità dei file realizzati con Macromedia
                   Flash e Director. Questo ha portato all'inserimento di
                   numerose opzioni, come ad esempio la possibilità di
                   interrompere l'animazione Flash o scorrerla fotogramma per
                   fotogramma, o ingrandire l'immagine. Trattandosi di immagini
                   vettoriali, l'ingrandimento non causa alcuna perdita di
                   nitidezza (non esiste la 'sgranatura' tipica delle immagini
                   bitmap), fattore particolarmente interessante per chi ha
                   difficoltà di vista.

      Tuttavia questo non è sufficiente a garantire l'accessibilità; anche in questi
casi sono necessari degli accorgimenti:

     - fornire sempre un testo alternativo (ALT) o un sottotitolo (caption);

     - se sono presenti link è opportuno renderli disponibili anche in una pagina
separata;

                                         WAP

      si sente spesso dire che il futuro di Internet è nella telefonia mobile ovvero
nelle    agende    elettroniche,    nei  quaderni     elettronici,  insomma     nella
miniaturizzazione delle cosiddette applicazioni wireless.

      Il Wireless Application protocol si basa su uno specifico linguaggio WML
(Wireless Markup Language), una specie di Javascript sviluppato appositamente
che consente di mostrare per intero l'informazione contenuta nella pagina web.
Di per sé, il linguaggio WML, che deriva da XML, ha discrete possibilità di essere
accessibile, visto che i requisiti base di una pagina destinata a questi sistemi
miniaturizzati sono la scalabilità e la possibilità di adattarsi facilmente a differenti
tipi di display, in pieno accordo con le necessità sin qui individuate. I problemi di
accessibilità riguardano soprattutto il minuscolo display sul quale vengono
visualizzata le pagine.




                                          41
                                                         C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB




                2.3 TEST E STRUMENTI DI VALUTAZIONE AUTOM ATICI


      La situazione in materia di validazione delle pagine web rispetto alle norme
sull'accessibilità non è molto cambiata dal precedente lavoro. Si tratta ancor oggi
di combinare l'utilizzo di sistemi automatici di verifica, come Bobby42, con test e
liste di controlli da eseguire manualmente. A questo si aggiungono i validatori di
codice, ovvero utility che verificano la rispondenza del codice html scritto con le
specifiche del consorzio W3C. Abbiamo visto che in materia di accessibilità il
rispetto degli standard dei vari linguaggi di marcatura sta assumendo sempre più
importanza: i nuovi standard, infatti, garantiscono miglioramenti anche per
quanto riguarda l'accessibilità. Questo ha fatto aumentare di conseguenza la
diffusione e l'importanza dei validatori di codice. Un programma del genere è ad
esempio CSE HTML4 Validator43, a pagamento, da installare sul proprio PC.
Un'alternativa è utilizzare i servizi on-line presenti sul sito del consorzio: W3C
HTML Validation Service e W3C CSS Validation Service.

                      2.3.1 BROWSER SPECIALI UTILIZZATI NEI TEST

      Per verificare l'accessibilità del sito Voice e del forum, ma soprattutto per
valutare sotto questo aspetto siti di enti pubblici e di servizi importanti per il
cittadino, sono stati utilizzati diversi browser, alcuni dei quali specifici per disabili.
[Mai2000]


AMAYA:

      Versatile browser gratuito sviluppato dal W3C, programmato per seguire
fedelmente le specifiche ufficiali di Html, XHtml, Http, Css e degli altri codici
certificati. Esistono diverse versioni per Windows e Unix, ma non per Mac. Il
codice originale, in C, è reso disponibile per eventuali miglioramenti ed
evoluzioni.


LYNX:

     E' ancora oggi il browser testuale più diffuso, apprezzato soprattutto dai non
vedenti che ne apprezzano la possibilità di 'saltare' da un link all'altro con il tasto
[TAB]. Per l'attività di testing è disponibile anche un sito44 che visualizza la
pagina come se la si stesse guardando con Lynx.


42
     www.cast.org/bobby attualmente nella versione 3.1

43
     www.htmlvalidator.com

44
     Lynx-me: www.skc.edu/webguide/lynxit.html




                                                42
                                                   C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



     I test eseguiti con questo browser sono particolarmente selettivi, in quanto
non supporta molte nuove tecnologie, come javascript, che i moderni screen-
reader invece affrontano tranquillamente.


OPERA:

     versatile e leggero, è particolarmente adatto ai disabili visto che incorpora
importanti funzioni quali la possibilità di navigare con la sola tastiera, dispone di
un interfaccia completamente personalizzabile e zoom.


JAWS45:

     Forse il più celebre ed utilizzato screen-reader (almeno in Italia) per
Windows. Integra sia la possibilità di output in sintesi vocale che l'uso delle
principali barre braille in commercio. Permette l'utilizzo di tutte le più comuni
applicazioni Windows e le varie versioni vengono aggiornate abbastanza spesso.
Questo consente ai non vedenti di utilizzare sempre software aggiornati.
Navigando con Jaws si hanno delle piacevoli sorprese nel constatare che
supporta molte delle nuove tecnologie, permettendo l'accesso anche a siti
complessi di commercio elettronico che fanno largo uso di javascript e simili (un
esempio accessibile: www.chl.it).


NOKIA 9110 COMMUNICATOR:

                                                 Non è un browser speciale, ma è
                                           quanto di meglio offra le tecnologia
                                           attuale in fatto di navigazione tramite
                                           telefonino GSM. A differenza dei
                                           cellulari WAP, il Communicator impiega
                                           un browser 'normale', ovvero permette
                                           di visitare qualsiasi sito web. Non è un
                                           test di accessibilità dell'apparecchio in
                                           se (valgono le considerazioni negative
                                           sulla miniaturizzazione del par ) ma è
                                           stato impiegato per verificare come
                                           appaiono i siti su un browser così
                                           miniaturizzato.

     Si è deciso di utilizzarlo per i test dal momento che sta avendo un discreto
successo nel mondo dei sordi, vista la comoda tastiera e l'integrazione tra SMS,
Fax, e-mail, e web. Inoltre negli ultimi mesi diversi rivenditori propongono la
versione 'modificata'(compatibilità con DTS e batteria vibrante) che può essere
acquistata dalle persone sorde con il contributo del servizio sanitario nazionale.

45
     JFW: www.hj.com




                                        43
                                                     C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



     Utilizzandolo si nota immediatamente la lentezza del collegamento che
rende noiosa e costosa la navigazione. Sebbene possa visualizzare anche
immagini, ci si vede costretti a disabilitarne il caricamento e navigare in modalità
solo testo. Buono il comportamento anche in presenza di script CGI e pagine
'dinamiche' tipo ASP o Php3.




           2.4 L'ATTEGGIAMENTO DEL MONDO VERSO IL P ROBLEMA
                          DELL'ACCESSIBILITÀ


              2.4.1 PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E LEGISLAZIONE

     A questo punto, dopo aver visto le norme e la loro applicazione, viene
spontanea la domanda: "ma chi realmente tiene in considerazione questi
problemi? Una ristretta cerchia di 'addetti ai lavori' o è pratica diffusa l'attenzione
verso questi problemi?"

     Ovviamente i siti del settore, come quelli recensiti al cap.1, sono i primi a
rispettare e diffondere tali norme, ma subito dopo di loro ci si aspetterebbe di
trovare i siti della pubblica amministrazione, dei servizi al cittadino, di enti
pubblici e privati. Ma purtroppo non è sempre così.

      Tuttavia prestando attenzione ai media ci si rende conto che la parola
'accessibilità' dell'informazione inizia a far capolino in diverse occasioni. Ed ecco
articoli divulgativi su riviste di informatica, servizi televisivi, ed anche le prime
'battaglie telematiche' per protestare con chi non rende accessibile i propri siti.

      In questo tipo di analisi bisogna necessariamente dividere Europa e USA.
Sia per 'tradizione', per diffusione e quantità di tecnologie informatiche, sia per
l'atteggiamento in materia di leggi.

      Qualcuno ha utilizzato la metafora del 'bastone e la carota' [Vel2000]. Negli
USA il 'bastone' per spronare a rispettare l'accessibilità viene utilizzato sin dal
1986 quando ci si rese conto che molti impiegati federali sarebbero rimasti
disoccupati in conseguenza dell'introduzione delle tecnologie per l'automazione
d'ufficio e la telematica. Da allora gli USA sono l'unico paese al mondo che abbia
leggi specifiche che impongono l'accesso alle informazioni 'elettroniche' da parte
di disabili.

      Dall'altra la 'carota', ovvero l'atteggiamento dei governi europei
nell'incoraggiare, finanziando la ricerca, l'utilizzo di tecnologie accessibili a tutti,
senza però leggi specifiche che puniscano chi non rispetta queste esigenze.

     Tornando negli USA si trova che già nel 1973 (sezione 504 del Federal
Rehabilitation Act) è stato imposto a tutti i produttori che riforniscono gli enti
governativi per l'educazione di rendere accessibili i prodotti a tutti gli studenti.
Una revisione di questo atto, nel 1986, estende questo obbligo a tutti i contratti
federali e statali che facciano uso di soldi federali. E nel 1992 l'obbligo a
garantire accessibilità tocca anche gli enti privati con il 'Americans with



                                          44
                                                                C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



Disabilities Act46 con il quale è stato imposto alle ditte di mettere i propri
dipendenti disabili nella condizione di poter lavorare al pari degli altri. Nel 1996
con il Telecommunications Act è stato regolamentato anche l'obbligo di dare a
tutti accesso alle tecnologie di comunicazione via cavo, indipendentemente dal
tipo di handicap.

     Una ricerca di Cnet, che a marzo 2000 indicava che il 98% dei siti non è
pienamente accessibile ai disabili, riporta che negli USA i tre quarti della
popolazione disabile hanno accesso alla rete, dato ben diverso dalla realtà
europea.

       Da diversi decenni la Commissione Europea sostiene la partecipazione dei
disabili alla società ed il loro accesso alla vita lavorativa. Nel campo della ricerca
ha finanziato dei programmi quali TIDE47 cui appartiene anche il progetto Voice.
Gli Stati membri, con il trattato di Amsterdam, si sono impegnati a rispettare le
esigenze dei disabili. La nuova fase, avviata il 23 marzo 2000 a Lisbona prevede
l'applicazione di tali accordi nello specifico ambito dell'informatica. Il documento
programmatico prevede che per la fine del 2001 tutti i siti pubblici dovranno
essere accessibili. Dal 2002 in tutti gli stati saranno avviati corsi per la
formazione di professionisti per la progettazione di web senza barriere. La
Presidenza del Consiglio italiana ha aderito all'iniziativa comunitaria 'eEurope'
promuovendo studi di usabilità per le strutture pubbliche di accesso
all'informazione.

     La Prima Conferenza Nazionale sulle politiche dell'Handicap48, dal titolo
"Liberi di vivere come tutti", (Roma dicembre 1999), organizzata dal
dipartimento per gli Affari Sociali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è
stata un'importante testimonianza di come queste indicazioni a livello europeo
vengano poi effettivamente messe in pratica.

      Ma in materia c'è ancora molta disinformazione ed è significativo il ruolo
delle associazioni di disabili che si battono, anche attraverso rappresentanti
politici, per sensibilizzare su questo problema. E la rete stessa si fa veicolo di
proteste, come quella via e-mail nei mesi scorsi lanciata dal 'Forum per la
Società dell'Informazione'49 riguardante la scarsa accessibilità dei siti web e dei
sistemi informativi della Pubblica Amministrazione.[ris.5] Un altro esempio del
crescente interesse anche del mondo politico per questo tipo di problemi è dato
dall'interpellanza al Senato (12/07/00) fatta dal senatore dei Verdi Bortolotto
[Ris.6] riguardo l'accessibilità dei software didattici e delle nuove tecnologie in
ambito scolastico.


46
     ADA : www.usdoj.gov/ada/adahom1.htm

47
     TIDE = Technology Initiative for disabled and elderly people. Vedi anche [Bal95]

48
  http://www.affarisociali.it/news/hand.htm
in occasione della quale è stato creato il 'portale handicap' di cui al cap.1

49
     Centro di Coordinamento degli Enti Territoriali http://www-etx.it/piano2000/attivita/access.htm




                                                  45
                                                    C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



     Tutti questi esempi testimoniano che, per fortuna, si sentirà parlare sempre
più spesso di questi temi e che, per effetto della 'campagna culturale' in atto o
per la nascita di una nuova legislazione specifica, si può sperare in un maggior
impegno ed un conseguente incremento nell'accessibilità dei siti web.

                         2.4.2 PRODUTTORI DI SOFTWARE

     Un'altra importante categoria da prendere in considerazione dal punto di
vista dell'impegno a favore dell'accessibilità è certamente quella dei grandi
produttori di software, che hanno la responsabilità dei sistemi operativi, dei
linguaggi di programmazione, delle più diffuse applicazioni commerciali.


MICROSOFT

      Prima tra tutti Microsoft, vista la diffusione dei suoi prodotti e sistemi
operativi. Bisogna riconoscere a Bill Gates, al di là di tutte le polemiche di cui è
protagonista, di aver da sempre prestato grande attenzione ai problemi della
disabilità, affrontando il problema forse più in termini di non escludere 'potenziali
clienti', ma facendosi promotore di iniziative in ogni caso lodevoli.

     Sul sito Microsoft c'è una grossa sezione dedicata all'accessibilità in generale
e dei prodotti MS nello specifico. Già da tempo Windows offre possibilità di
personalizzazione specifiche per disabili, che risultano piuttosto utili agli
ipovedenti. E la struttura stessa di Windows e di conseguenza delle applicazioni
ben si integra con i software dedicati come gli screen-reader (basti pensare che
ad ogni componente a video è associata una 'etichetta'descrittiva). Gli studi di
Microsoft hanno portato alla Microsoft Active Accessibility(MAA) che ad esempio
garantisce l'accessibilità del linguaggio Java, ovvero assicura il riconoscimento
delle Java Fundation Classes da parte dell'hardware supportato da Windows.
Questo significa che i componenti per il controllo del sistema possono lavorare
assieme agli 'ausili'.

     La Microsoft Active Accessibility garantisce attualmente l'accessibilità dei
principali componenti di controllo sotto Windows: barra del titolo, finestre, menu,
barre di scorrimento, bottoni, bottoni d'opzione, finestre di dialogo, tasti di scelta
rapida, cursori, puntatori del mouse, barre di stato, etc.


SUN - JAVA

                La SUN, con il linguaggio Java, sta ponendo le basi per un futuro
          realmente 'accessibile'. Infatti il problema dell'accessibilità delle
          applicazioni Java (sia applicazioni stand-alone che applet) è stato
affrontato cercando di risolverlo all'interno del linguaggio stesso, sollevando così
gli sviluppatori sia hardware (ausili) che software dal problema di rendere
accessibile ciò che sviluppano in Java.

      Dapprima sono state sviluppate le Java Accessibility API (anche note come
SWING), per rendere accessibili i componenti delle classi Java (finestre, bottoni,
etc.) come aggiunta al JDK (Java Development Kit). Poi, dal marzo 2000, è stata
presentata la piattaforma Java2 che incorpora queste tecnologie in un 'Java



                                         46
                                                    C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



Access Bridge', un 'ponte' per colmare il divario tra Java e la piattaforma su cui è
installato (Windows ad esempio).

     Questo permette di continuare ad utilizzare gli ausili necessari che
funzionano sulla particolare piattaforma, senza preoccuparsi di come questi
interagiscono con le applicazioni Java. Questo significa aver eliminato la
necessità di avere uno screen-reader per Windows ed uno per Java.

                                           Questo 'ponte', sotto Windows, consiste
                                           in due DLL che forniscono le funzioni
                                           delle Java Accessibility API sotto forma
                                           di DLL. In questo modo l'ausilio può
                                           vivere, per così dire, con 'un piede in
                                           Windows'e l'altro nella Java Virtual
                                           Machine, ricavando tutte le informazioni
                                           necessarie       direttamente        dall'
                                           applicazione Java. [Ris. 3 e 4]

      Un esempio degli enormi vantaggi portati da questa tecnologia è dato dalla
versione 3.5 di Jaws, il più diffuso screen reader per Windows, che permette
l'accesso alle applicazioni basate su Java proprio attraverso il Java Access Bridge
della Sun. Sono previsti ulteriori sviluppi dell'Accessibility Bridge che ne
integreranno ed amplieranno le possibilità. Si sta lavorando ad esempio
sull'accessibilità delle icone, in modo da sollevare il programmatore dal doversi
ricordare di dare un nome ad ogni componente grafico, provvedendo
automaticamente a questo. Altro interessante sviluppo saranno l'accessibilità di
tabelle, fogli di calcolo e database, che saranno in grado di proporre all'utente i
dati in base alle relazioni tra di essi e non più leggendoli semplicemente riga per
riga. In collaborazione con IBM si sta anche lavorando alle Java Speech API,
ovvero a delle funzioni specifiche per 'dare voce' ai componenti delle classi Java.

      La potenza del modello ad oggetti, unita all'aver incorporato nel 'cuore' di
java le funzioni relative all'accessibilità fa pensare (e sperare) i tecnici SUN nella
possibilità di arrivare al punto in cui sarà totalmente ribaltata la logica
dell'accessibilità. Non sarà più una rincorsa a rendere accessibili i singoli
'pezzetti', ma ogni componente avrà in se la possibilità di presentarsi sotto varie
forme (grafica, testuale, sonora) in base alle preferenze dell'utente e non più in
base a quanto predisposto dal programmatore.

    In tal senso è uno dei migliori esempi di applicazione delle teorie della
progettazione universale ('design for all').




       2.5 TEST DI ACCESSIBILITÀ PER ALCUNI SITI 'SIGNIFICATIVI'


     In questo paragrafo, con lo spirito dichiarato inizialmente di colmare il
divario tra teoria e pratica, si analizzeranno alcuni siti giudicati 'significativi'
perché di enti pubblici o perché si tratta di privati che forniscono servizi al




                                         47
                                                    C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



cittadino. Il giudizio in termini di accessibilità viene dato 'senza puntare il dito
contro nessuno', bensì come verifica su un 'campione' di siti per rendersi conto
della situazione nella realtà italiana, al di là della teoria e delle buone intenzioni.

      Come già evidenziato parlando dell'uso dei CSS, un esempio di accessibilità
è dato dal sito del Trace Center (pag.36), che tuttavia ha il 'vantaggio' di essere
un sito praticamente solo testuale, facilitando il lavoro a chi deve garantirne
l'accessibilità.

      Una strategia piuttosto diffusa, ed in linea con le norme, è quella di fornire
un link alla versione testuale di pagine grafiche complesse. E' il caso, ad
esempio, dell' Università degli Studi di Milano che sulla homepage del suo sito
offre questa opportunità, fornendo la versione 'solo testo' sia della homepage che
della mappa del sito.




      Purtroppo le pagine interne non sono altrettanto accessibili, in quanto
spesso i link rimandano alla versione 'standard' della pagina, con immagini e
tabelle complesse. La parte più inaccessibile sono le piantine dei vari edifici
dell'università, per le quali ci vorrebbe almeno un equivalente testuale o un
[D]link50.

Chi invece ha completato il lavoro
sull'accessibilità è il comune di Torino,
che oltre a fornire il link alla versione
testuale all'inizio della homepage, ha
realizzato le pagine interne utilizzando
praticamente       solo   testo    e   CSS,
garantendo        l'accessibilità.   Questa
attenzione verso i disabili non stupisce
particolarmente se si considera che il
team che ha sviluppato il sito è in
stretto contatto con i promotori del già
citato (pag.18) servizio Passpartout.



50
     vedi [NAZ99], cap. 2




                                          48
                                                    C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



      L'attuale tendenza a creare homepage tabellari che sfruttano i colori per
dare un aspetto piacevole alla pagina, favorisce l'accessibilità in quanto,
soprattutto se si utilizzano i CSS, il testo puro è ottimo per gli screen reader e c'è
sempre la possibilità di ingrandirlo a piacere tramite browser. Su questo principio
sono implementate anche le pagine di www.disabili.com che, 'ovviamente',
risulta accessibile ai disabili. L'avverbio 'ovviamente' è utilizzato purtroppo a
sproposito parlando di siti che ci si aspetterebbe accessibili e che invece non lo
sono. Due esempi sono il nuovo "Portale ufficiale della città di Milano"51 ed il già
citato 'Informahandicap Lombardia' (pag.13). In particolare il sito del comune di
Milano è realizzato con molti Javascript ed un grosso 'contenitore' centrale in
Flash che risulta totalmente inaccessibile. Mancano tutti gli Alternate per le
numerose immagini, fatto che testimonia che il problema dell'accessibilità non è
stato preso nemmeno in considerazione.

      Un'altra 'clamorosa' scoperta è l'inaccessibilità della homepage del sito
www.informahanicap.it. Punto ancora una volta l'attenzione su questo sito, non
me ne vogliano i creatori, per far notare come la fretta e le risorse scarse
possano giocare brutti scherzi. L'homepage, ben curata graficamente, è tuttavia
realizzata con 'mappe immagine' non suddivise in singole aree. Così si trova un
'Alternate' unico per cinque link, vanificando lo sforzo di averlo inserito. E questa
situazione dispiace ancor di più entrando nel sito e scoprendo che tutte le pagine
interne (pagine ASP collegate ad un database), essendo realizzate con il solo
utilizzo di testo, sarebbero tutte accessibili.

      In casi come questi una versione 'solo testo' della homepage avrebbe risolto
brillantemente il problema. A tal proposito bisogna dire che le pagine 'dinamiche'
realizzate oggi prevalentemente con ASP o PHP3, creando le pagine di volta in
volta in base alla richiesta (tramite query SQL generalmente), offrono ottime
possibilità in termini di accessibilità in quanto, eseguendo degli Script lato server,
possono restituire pagine di html standard al client (il browser).

      E' questo il caso dell'ultimo sito analizzato, così come quello del 'Portale
Handicap' (pag.14) e del sito del Dipartimento di Scienze dell'Informazione52
dell'Università di Milano, che è realizzato con PHP3 e fa largo uso dei CSS,
rispettando tutte le norme e le specifiche dell'HTML4. Da questa considerazione
nasce, come vedremo al prossimo capitolo, anche la scelta di implementare con
una pagina ASP parte del forum Voice.




51
     www.comune.milano.it

52
     www.dsi.unimi.it




                                         49
                                                    C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB




                                                   Un caso significativo è quello del
                                            sito della Rete Civica di Milano53
                                            realizzato con una grafica moderna e
                                            l'utilizzo di Flash. Pur non superando la
                                            validazione di Bobby, soprattutto a
                                            causa      della   mancanza    di  alcuni
                                            'alternate', è tuttavia un esempio
                                            interessante circa le possibilità di
                                            personalizzazione offerte da Flash.


      La parte centrale infatti, contenete i link alle sezioni principali, presenta
delle icone che possono essere spostate dall'utente e disposte a suo piacimento.
E' quindi possibile disporre le icone che più interessano ben in vista spostando a
lato le altre.

      Ciò, unito al menù contestuale
(click destro col mouse) di flash, che
permette di ingrandire l'oggetto flash
senza        perdita    di    definizione
dell'immagine,       rappresenta      una
soluzione molto valida per chi ha
difficoltà di vista.




     I test hanno anche evidenziato che i risultati in termini di accessibilità
variano molto a seconda dello strumento utilizzato: in particolare i browser
Amaya e Lynx rappresentano uno scoglio difficilmente superabile se non con la
versione 'solo testo'. Il problema rimane per le pagine 'dinamiche' o quelle che
fanno uso di linguaggi di scripting (Vbscript o Javascript) in quanto tali tecnologie
non sono supportate. Ciò non significa necessariamente che un non vedente, ad
esempio, non possa accedere a tali pagine, dal momento che alcuni screen
reader (come Jaws) supportano tranquillamente tali sistemi, permettendo
persino la consultazione di siti di commercio elettronico molto complessi.




                                2.6 CONCLUSIONI


L'accessibilità sta fortunatamente, pian piano, diventando un tema d'attualità
anche nel mondo del web. Le norme e le 'linee guida' stanno sempre più
adottando le teorie della progettazione universale. Ciò sta mutando
l'atteggiamento nei confronti del problema. Non si tratta più di correggere e
mettere una 'patch' laddove c'è una barriera, ma di pensare le nuove tecnologie
53
     www.retecivica.milano.it




                                        50
                                                 C AP 2:A CCESSIBILITA ' DEI SITI WEB



in modo che siano 'automaticamente' accessibili a tutti. Inoltre non si riduce più
la questione a: "devo fare un sito consultabile anche dai ciechi", ma devo
permettere agli utenti di fruire delle informazioni contenute nel sito secondo la
modalità a loro più consona, sia essa testuale, grafica, vocale, tattile.

Questo processo è lento, e la situazione reale dei siti web è sempre un pochino
indietro rispetto alla ricerca. Per questo oggi ci sono ancora tanti siti che
purtroppo risultano inaccessibili alle persone disabili.




                                       51
       L'HANDICAP   E   LA   RETE




      CA P ITO LO 3

    FO R UM V O ICE :
L A S FID A , IL ' VA LO R E
D A A GGIUN G E R E ': L A
      CO M M UN IT Y
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY




                           CAPITOLO 3
                         F ORUM V OICE :
     L A SFIDA NEL TROVARE ' VALORE DA AGGIUNGERE ' AL SITO :
                        LA ' COMMUNITIY '


                                3.1 INTRODUZIONE


      Fin dall'inizio del progetto Voice, tre anni or sono, nella mente dell'Ing.
Pirelli era chiara la volontà di far diventare il sito del progetto un punto d'incontro
per le associazioni, un luogo dove reperire informazioni, dove discutere di
problematiche relative alla sordità, alla sottotitolazione e, più in generale,
relative all'utilizzo delle nuove tecnologie per abbattere le barriere comunicative
create dalla disabilità in generale.

      Nella prima fase del progetto le energie erano state impiegate dalla ricerca
relativa ad un prototipo per dimostrare le potenzialità della sottotitolazione
automatica basata sul riconoscimento vocale. Questo prototipo ha
successivamente permesso di organizzare importanti conferenze internazionali
attraverso le quali si è cercato (con ottimi risultati) di sensibilizzare le autorità
competenti, i rappresentanti di enti ed istituzioni, i dirigenti delle industrie del
settore, circa le potenzialità che questo tipo di tecnologia può avere
nell'abbattere la barriera esistente tra il mondo degli audiolesi e quello degli
udenti.

      In tutto questo periodo è rimasto ben poco tempo e scarse risorse per
dedicarsi alla creazione del tanto auspicato forum del sito Voice. E' stato fatto un
tentativo di predisporre un newsgroup (it.sig.voice) per discutere delle
sopracitate tematiche. Questo in tempi (1998) in cui il newsgroup era ancora uno
strumento noto solamente a chi 'si intende di Internet' e pressoché sconosciuto
in una realtà, quella della disabilità e delle associazioni no-profit, fortemente in
ritardo sul fronte dell'informatizzazione. I risultati sono perciò stati modesti ed il
newsgroup è caduto in disuso ancora prima di 'decollare'. Va detto che, a
tutt'oggi, praticamente l'unico newsgroup italiano dedicato alla disabilità rimane
it.sociale.handicap, ricco di interventi ma estremamente dispersivo in quanto
raccoglie le tematiche più disparate a svantaggio del livello qualitativo della
discussione.

      Nel frattempo il mondo di Internet si stava velocemente spostando nella
direzione del web, cercando di integrare sempre di più i servizi 'tradizionali'
offerti dalla rete delle reti (e-mail e newsgroup in primis) con il servizio di
maggior successo ovvero i siti WEB. Ecco quindi che si è assistito alla
proliferazione di siti che offrono la possibilità di consultare la posta via web
rendendo l'utente più indipendente rispetto alla singola macchina, consentendogli
di accedere al proprio account di mail da un browser qualsiasi su una qualsiasi
macchina, senza bisogno di configurare un client di posta elettronica ad hoc.
Questo per venire incontro alla crescente esigenza da parte degli utenti di tenere



                                          53
               C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



sotto controllo la posta elettronica anche quando sono lontani dal proprio PC,
sfruttando il collegamento ad Internet di un amico, un collega, un locale pubblico
attrezzato.

      Il successo di questa iniziativa si è esteso al mondo dei newsgroup ed è
oramai pratica diffusa soprattutto da parte dei cosiddetti 'portali' fornire l'accesso
(almeno in sola lettura) ai newsgroup tramite un interfaccia web, sollevando
l'utente meno esperto e disponibile ad apprendere dall'incombenza di utilizzare
un news reader correttamente configurato.

     Da queste considerazioni, è scaturita la decisione di accantonare per il
momento l'idea di un newsgroup per il progetto Voice, in favore della ricerca di
soluzioni integrate con il web.

      E' apparso chiaro sin dall'inizio che, oltre a dover avere un'interfaccia web,
lo strumento per la discussione (forum) doveva essere estremamente elementare
nel funzionamento, in modo da non scoraggiare gli utenti alle prime armi (molto
numerosi nel mondo della disabilità).

    Ma prima di addentrarci nell'analisi dei requisiti per il forum e nelle
conseguenti scelte tecniche riguardo la sua specifica implementazione, si rende
necessario, proprio come si è nella realtà reso necessario, nelle fasi iniziali del
progetto, procedere ad un'analisi per ristrutturare il sito Voice.




         3.2 PREPARARE IL TER RENO: RISTRUTTURAZIO NE DEL SITO


     Sin dall'inizio la consapevolezza del fatto che il forum non è una realtà a sè
e che il suo successo dipende anche dal successo ottenuto dal sito stesso ha
creato la necessità di rivedere l'intero layout del sito, in accordo con le mutate
esigenze degli utenti e soprattutto per mantenerlo più al passo con i tempi.

     Il web è uno degli ambiti più in fermento di questi tempi ed i nuovi
strumenti disponibili, ma anche le nuove 'tendenze' seguite dai webmaster,
creano una sorta di rincorsa di tutti verso un layout che venga riconosciuto dal
pubblico come 'attuale'. [Car99]

     Siccome siamo in un ambito molto particolare, quello della disabilità, dove
non sono certo le leggi della moda ad indicare la direzione da seguire, potrebbe
sembrare un paradosso parlare della ricerca di un layout 'attuale'.

      Ma questa necessità va a mio parere vista sotto una luce differente: se un
sito dedicato alla disabilità è in linea con gli altri siti (pur nel rispetto delle severe
norme di cui al capitolo 2) l'utente diversamente-abile che ci arriva si sentirà più
a suo agio e meno 'ghettizzato' nel trovare un sito il cui layout ricalca quello dei
siti più frequentati. Il sito Voice inoltre non si rivolge solo ai sordi ed ai disabili,
ma vuole favorire un contatto tra loro ed i normodotati ed è perciò importante
che venga percepito come un sito 'normale'.




                                           54
               C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



      Un altro aspetto a favore del 'mantenere il sito al passo con i tempi' è da
ricercarsi nel fatto che per un utente poco esperto, che sta faticosamente
imparando l'uso del web, trovare uno strumento che, pur avendo attenzioni
particolari alle sue esigenze, ricalca ciò che troverà quando amplierà gli orizzonti
della sua navigazione, gli darà un vantaggio in termini di abitudine ad un certo
tipo di organizzazione delle informazioni.

      Per questi motivi si è deciso di dedicare del tempo a migliorare la veste
grafica del sito e la sua navigabilità prima di dedicarsi alla realizzazione del forum
vero e proprio. Questa fase è partita esattamente dal punto in cui è stata lasciata
dal precedente lavoro di tesi, che aveva profondamente rivoluzionato la struttura
del sito in fatto di directory curandone l'accessibilità e la promozione attraverso
un ottimizzazione finalizzata alla referenziazione presso i motori di ricerca (Top
Ranking).

                      3.2.1 ANALISI DEL SITO A NOVEMBRE'99

      L'aspetto che più colpisce il
navigatore osservando l'homepage del
sito http://voice.jrc.it è il fatto di aver
messo i link alle sezioni più importanti
del sito all'interno di un testo piuttosto
lungo in forma discorsiva, dove, in una
sorta di introduzione al progetto, si
offre la possibilità di accedere alle
sezioni principali. Tale scelta era nata
dall'esigenza di avere una homepage
che potesse essere facilmente stampata
e      fotocopiata      per      distribuire
informazioni circa il progetto alle
associazioni che, ai tempi, raramente
disponevano di Internet.

     Questo tipo impostazione risulta
oggi obsoleta (ricordo che nel mondo
del web l'obsolescenza è un processo
estremamente rapido) e la necessità di
avere i link direttamente disponibili
tramite una barra di navigazione o una
sezione dedicata, evitando di dover
scorrere ogni volta un lungo testo, è
considerata irrinunciabile.




       Questa esigenza è sentita anche da parte della categoria di utenti più
'critica' relativamente all'accessibilità, quella dei non vedenti, che altrimenti sono
costretti ad ascoltare ogni volta tutta la pagina fino al raggiungimento del link




                                           55
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



desiderato o, come ci hanno confessato alcuni, a partire dalla mappa del sito
anziché dalla homepage.


UNIRE TRE SITI PER DAR VITA AD UN PORTALE

     Ad ulteriore conferma delle considerazioni circa le difficoltà di coordinare e
far coalizzare le poche e frammentate risorse disponibili in rete in materia di
sordità cito la vicenda relativa al tentativo di costituire un 'portale', perché credo
che tale esempio, molto 'terra terra', spieghi meglio di tante teorie le difficoltà
incontrate.

                                                    L’inizio del mio lavoro di tesi è
                                              coinciso con un periodo di intensi
                                              contatti tra il Progetto Voice e due
                                              realtà esistenti in internet relative alla
                                              sordità: una è il sito www.sordita.com
                                              della Del Bo tecnologia per l'ascolto
                                              S.a.s. di Milano il cui titolare Ing. Luca
                                              Del Bo ha offerto di cedere la parte
                                              medico/scientifica del suo sito a Voice o
                                              comunque di spostarla sul sito della
                                              Onlus          ‘Ascolta       e       Vivi’
                                              www.ascoltaevivionlus.org, sempre da
                                              lui curato, per poi linkarsi nel nostro
                                              sito.

     L’altro sito, curato da due sordi, Roberto Rossetti e Raffaella Benvignati,
contiene pagine molto utili per la vita quotidiana di un sordo o di un suo familiare
ed in particolare una serie di schede tecniche aggiornatissime su tutti gli
apparecchi utili ai sordi, telefonini GSM in primis.

     Di qui l’idea di includere il ‘meglio’
di questi siti nel sito di Voice, convinti
che per creare un ‘portale’ vi sia la
necessità di dare un buon numero di
informazioni già nel sito, oltre che
diventare un punto di partenza per una
navigazione ‘a tema’.

      Purtroppo dopo numerosi contatti, riunioni a Ispra e a Milano non si è giunti
all’accordo per cause diverse:

      quello di Voice deve essere un sito ‘istituzionale’ ed ‘europeo’ e non può
dare troppa evidenza ad un sito commerciale come quello di del Bo, che, pur
presentando pagine di carattere scientifico (ad esempio sugli impianti cocleari)
rischia di essere ‘un punto di vista’ di un professionista italiano e non deve essere
confuso con l’informazione scientifica divulgata dalla Comunità europea.




                                          56
               C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



      Il sito di Rossetti, pur avendo informazioni utili, contiene giudizi personali a
volte anche ‘irriverenti’ nei confronti delle altre realtà del mondo della sordità. A
questo si aggiunge il legittimo senso di attaccamento al proprio lavoro degli
autori, accompagnato dalla paura di perdere ‘autonomia decisionale’ all’interno
delle loro pagine una volta trasferite sui server di Ispra. (Allego l’ipotesi di
progetto redatta dall’Ing. Luca Del Bo quando sembrava imminente l’inizio di una
concreta collaborazione.) Questa esperienza ha evidenziato le difficoltà che si
incontrano nel mettere insieme le risorse esistenti ma frammentate nel tentativo
di creare un punto di incontro e riferimento su un argomento specifico.


LA STRUTTURA

       Con il lavoro di tesi di Nazzani si era rivoluzionata profondamente la
struttura logica e delle directory del sito, in modo da individuare delle home page
di secondo livello, ovvero individuare chiaramente le sezioni principali del sito per
facilitarne la navigazione. La struttura che ne risultò era la seguente:

      dalla HOME ->

     |Obiettivi | Progetti | Partners | Forum | Links | Eventi | Contacts |.

      Rianalizzando la situazione anche alla luce degli sviluppi del progetto è
subito emersa una difficoltà: conciliare esigenze contrastanti dovute a differenti
tipologie di utenti con conseguenti specifiche esigenze di navigazione.

     Una prima esigenza è quella 'istituzionale': i funzionari di Bruxelles che
seguono lo svilupparsi del progetto Voice utilizzano il sito per tenere traccia degli
sviluppi, per essi sono più utili pagine di carattere tecnico e burocratico (report,
deliverables) che seguono una logica difficilmente comprensibile agli esterni. Per
la preparazione di tali documenti il sito è anche strumento di lavoro e scambio di
bozze fra i partner in Italia ed in Austria e gli utenti finali. All'interno di questa
sezione di documenti si nota la divisione poco logica tra progetti (a riguardo
[Naz99] cap 1.2) imposta da una diversa gestione di due progetti i quali
coincidono dal punto di vista dei contenuti ma amministrativamente
appartengono a due realtà differenti (CCR-ISIS ad Ispra e DGXIII-TIDE a
Bruxelles).

     Una seconda esigenza, in vista di uno sviluppo del forum con un
conseguente aumento degli accessi da parte delle associazioni, è quella di
evidenziare la differenza tra i percorsi all'interno del sito per evitare di
scoraggiare con rapporti prolissi e noiosi gli utenti delle associazioni. Ed in prima
analisi non è sufficiente dividere in due percorsi distinti la parte 'istituzionale' dal
resto del sito perché molte parti, come ad esempio 'obiettivi' e 'progetti' sono
destinate, in forma differente, ad entrambe le categorie di utenti evidenziate.

      Per superare il problema si è deciso di suddividere il sito in percorsi,
lasciando Obiettivi,Eventi,Progetti nella parte istituzionale, semplificando ove
possibile le homepage di secondo livello e, soprattutto, replicando le informazioni
fondamentali in altre sezioni destinate a tutti gli utenti. Ecco uno dei principali
motivi della nascita della sezione 'NEWS', che evidenzia gli eventi imminenti e



                                           57
               C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



quelli da poco passati, e della sezione 'FAQ' con le domande ricorrenti fatte dagli
utenti che in passato hanno scritto cercando di sapere 'in parole povere' quali
fossero gli obiettivi e cosa fosse realmente il progetto Voice al di là delle
spiegazioni 'tecniche'.


LA NAVIGAZIONE

      A questo punto è parso naturale
creare una 'barra di navigazione'
suddivisa per 'percorsi cromatici': una
sezione 'istituzionale' in blu con i link a
'obiettivi', 'progetti', 'eventi' ovvero alle
sezioni più tecniche riguardanti il
progetto Voice. Una seconda sezione, in
rosso, con i link alla parte che più da
vicino ha coinvolto i partner e gli utenti
finali con link alla sezione 'scuole',
contenente le pagine scaturite dalla
sperimentazione del riconoscimento
vocale durante lezioni scolastiche e
conferenze; il link al Forum, cioè alla
sezione dedicata agli scambi tra gli
utenti e alla raccolta di risorse e
contatti riguardo la disabilità in rete e
per questo luogo ideale per le
associazioni.

      Da ultimo nella sezione 'rossa' è stato inserito il link alle domande ricorrenti
(FAQ) poste dagli utenti allo Staff di Voice, che raccoglie quesiti sia tecnici che
riguardanti più in generale i problemi della disabilità e per questo riveste
particolare interesse per gli utenti che per la prima volta si avvicinano al
progetto.

      La terza sezione, 'verde', presenta i link alla pagina dei 'contatti' e alla
mappa del sito. Si tratta perciò di una sezione più generale, rivolta a tutte le
tipologie di utenti in quanto riassume le informazioni essenziali per contattare lo
staff di Voice e per trovare, attraverso la mappa, percorsi che, per una qualsiasi
motivazione, non fossero già ovvi partendo dalla homepage.

      Questo tipo di suddivisione risponde perciò all'esigenza di offrire sin dalla
prima pagina percorsi di navigazione differenziati per tipologia di utente: ecco
quindi che le persone di un'associazione, gli insegnanti di una scuola troveranno
le informazioni a loro più utili nella sezione 'rossa' nella quale trovano le pagine
loro dedicate e nel forum. Il personale amministrativo e scientifico della
Commissione Europea che segue il progetto troverà invece le relazioni tecniche e
le attività seguendo il percorso 'blu'. I percorsi cromatici sono ovviamente
ripetuti nella mappa del sito, che risulta ancor più chiara e navigabile grazie a
questo accorgimento.




                                            58
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY




                                                  Un dettaglio tecnico riguarda
                                            l'implementazione di tale barra di
                                            navigazione: in una prima versione del
                                            sito 'ristrutturato' la barra è stata
                                            realizzata con una tabella contenente
                                            testo semplice con lo sfondo colorato.

                                                  Successivamente ci si è accorti
                                            che,     a     causa    del    differente
                                            comportamento dei diversi browser nei
                                            confronti dello style A:visited, poteva
                                            accadere che una volta visitato un link
                                            questo cambiasse colore seguendo
                                            quanto      impostato    nel     browser
                                            dell'utente e, con un pizzico di sfortuna
                                            in più, diventasse illeggibile a causa
                                            dello scarso contrasto.




     Viste le linee guida di cui al cap.2 che pongono l'elevato contrasto tra testo
e sfondo come obbligo per un sito accessibile, si è poi deciso di realizzare delle
immagini 'ad hoc' per ogni link della barra di navigazione.




      Queste, corredate dell'attributo ALT nel tag <IMG> con la relativa
descrizione      testuale,     garantiscono     un     comportamento         uniforme
indipendentemente dal tipo e dalle impostazioni del singolo browser. Si è deciso
inoltre di differenziare, cambiando il colore del testo nell'immagine, la sezione in
cui ci si trova. Perciò, ad esempio, nella sezione 'forum' tutte le ellissi dei link
hanno scritta in nero, tranne quella 'Forum' che, oltre a non essere ovviamente
cliccabile, presenta scritta bianca per evidenziare che ci si trova in tale sezione.

     Le medesime ellissi sono impiegate, questa volta disposte orizzontalmente,
anche nei rami terminali dell'albero che rappresenta la struttura del sito, come
ad esempio in 'contattaci' o 'FAQ' in modo da evidenziare sia che, per quella
sezione, non ci sono più sottosezioni, sia per garantire un rapido accesso alle
sezioni principali.




                       3.3 CREAZIONE DEL FORUM VOICE


                           3.3.1 ANALISI DEI REQUISITI




                                          59
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



     Come già era risultato chiaramente dalla fase di definizione degli obiettivi
della tesi, le pagine del forum dovevano essere rifatte 'ex novo', dopo
un'accurata analisi dei requisiti. Fino ad allora infatti il forum era costituito da
un'unica lunga pagina che, oltre a spiegare lo spirito dell'iniziativa, riportava il
lungo elenco di associazioni, scuole, ditte e partner del progetto.

      Parallelamente c'era il newsgroup it.sig.voice con un numero molto limitato
di utenti. Le cause dell'insuccesso di tale newsgroup sono abbastanza intuibili
anche alla luce dell'analisi di cui al capitolo 1: il mondo delle associazioni in
genere, e di quelle dedicate ai sordi nello specifico, è ancora arretrato in campo
informatico ed i pochi utenti in grado di navigare reputano troppo complicato
l'uso del newsgroup. In secondo luogo l'aspetto austero ed 'istituzionale' del sito
di allora, i loghi della Commissione Europea e tante partnership internazionali,
hanno messo in soggezione, come ci hanno confidato alcuni, anche i pochi che
avrebbero voluto scrivere

      Piuttosto che insistere sulla via del newsgroup ci si è orientati su soluzioni
differenti integrate con il web.

     I requisiti del nuovo forum sono apparsi perciò chiari:

- una grafica accattivante e 'giovane' nel rispetto delle norme sull'accessibilità;

- un'impostazione 'amichevole' che invogliasse gli utenti a contribuire senza
metterli in soggezione;

- scelte implementative improntate alla massima semplicità di gestione da parte
dello staff di Voice (che tra un tesista e l'altro vede come unico webmaster l'Ing.
Pirelli) e massima semplicità per l'utente finale, presupponendo di utilizzare il
forum come pretesto per avvicinare giovani sordi al mondo di Internet;

- informazioni sempre aggiornate in modo da invogliare l'utente a tornarci;

- un percorso mnemonico (voice.jrc.it/forum) per il forum in modo da proporre
alle associazioni di partire nella navigazione direttamente da questa pagina;

                         3.3.2 LA HOME PAGE DEL FORUM




                                          60
C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY




                            61
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



      Sulla base di tali specifiche è stata realizzata una home page del forum
(http://vocie.jrc.it/forum) caratterizzata da una grafica 'tabellare' con ogni
sezione in un box di colore differente, sia per ricalcare lo stile dei siti più
frequentati che per consentire all'utente di avere sott'occhio tutte le sezioni
senza costringerlo a scorrere una pagina troppo lunga. Il lungo elenco di indirizzi
per categorie (associazioni, scuole, università, ditte) è stato diviso in sottopagine
specifiche e radunati i relativi link in un box ben in vista. Oltre ad una breve
spiegazione dello spirito che anima il forum, in un box a fondo pagina, si è deciso
di evidenziare la nuova sezione 'download' da dove è possibile scaricare la
versione demo di Voice Meeting, il software sviluppato dalla FBL di Mortara che è
stato usato per le conferenze e la sperimentazione in classe, i relativi manuali ed
il codice sorgente per chi fosse interessato a partecipare allo sviluppo software.

      Sulla destra trova spazio una nuova sezione: "Notizie dal mondo", dove
regolarmente vengono pubblicate le notizie più interessanti trovate in rete che
riguardino il mondo della tecnologia applicata alla disabilità: ecco quindi i link a
notizie quali lo sviluppo di una distribuzione Linux per ciechi [Ris.7], la nascita di
una cabina telefonica per sordi, l'uscita sul mercato di un telefono cellulare
particolarmente adatto a chi, come i sordi, utilizza molto gli SMS. [Ris.8] Questa
sezione, oltre a far percepire all'utente il costante aggiornamento delle pagine,
vivacizza la grafica grazie ai 'logo' delle ditte o alle foto degli apparecchi di cui si
parla negli articoli citati.

      A questo punto ci si è trovati di fronte alla parte più complessa della
progettazione del nuovo forum: scegliere ed implementare uno o più strumenti
per l'interazione con gli utenti, cioè scegliere tra 'lavagne virtuali', forum
organizzati in 'thread', moderati o non moderati, implementati con tecnologie
differenti che vanno da Java all'ASP, al PHP3, ai CGI in Perl.

              3.3.3 SCELTA DELLO STRUMENTO - IMPLEMENTAZIONE

     Come già evidenziato in precedenza, la scelta di uno strumento integrato
con il web è stata praticamente obbligata, con l'obiettivo di offrire un accesso
semplice ed indipendente dalla particolare macchina, considerato che molti dei
soggetti coinvolti non possiedono un PC proprio, ma consultano le pagine dalla
postazione presente presso l'associazione o a scuola o in ufficio. Un attenta
analisi delle scelte più diffuse in questo campo ha portato alle seguenti
considerazioni:


FORUM WEB: UNA MODA DIFFICILE DA IMPROVVISARE

      Ogni sito 'che si rispetti' deve oggigiorno annoverare un 'forum' di
discussione tra le sezioni principali. Ed a seconda della tipologia del sito il forum
andrà a raccogliere i contributi degli utenti sotto forma ora di feedback
relativamente al prodotto offerto, ora in termini di scambi di pareri su argomenti
specifici, ora di semplici messaggi per stabilire nuovi contatti con persone
interessate allo stesso argomento.

       Non a caso i forum 'tecnici' ossia riguardanti tematiche direttamente legate
all'informatica (siti di software house o di produttori hardware) sono da sempre



                                          62
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



tra i più frequentati ed utili per chi ha bisogno di aiuto per sopravvivere nell'
intricato mondo dei computer. Però se è per molti ovvio che il modo migliore per
trovare la soluzione di fronte ad una periferica 'che fa i capricci' sia quella di
consultare il newsgroup o il forum del produttore e leggere i suggerimenti e le
domande poste dagli utenti dello stesso prodotto, è assai meno ovvio per un
sordo di un associazione pensare di potersi collegare ad un sito Internet dove
altri sordi lo aiutano a superare difficoltà che loro hanno già incontrato in
precedenza.

      Di contro si sta assistendo ad un fenomeno a mio parere molto negativo: il
fatto che avere un forum è diventato un 'must' per ogni sito web, ha portato in
molti casi a siti che dispongono di aree di discussione tecnicamente ineccepibili
ma non utilizzate in pratica da nessuno. Questo perché si sottovalutano le
problematiche relative alle cosiddette 'comunità virtuali'. Se creare una pagina
web sta sempre più diventando alla portata di tutti, riuscire a fidelizzare un
gruppo di utenti e creare le condizioni per far nascere aree di discussione in rete
è un'impresa complicatissima il cui successo dipende da molteplici fattori. E se
l'insuccesso di un newsgroup può essere anche attribuito, come abbiamo
convenuto in precedenza, a difficoltà tecniche per l'utente neofita, l'insuccesso di
un forum su web dipende dall'incapacità a creare le dinamiche necessarie a far
decollare un'area di discussione. Questo problema le associazioni lo hanno
vissuto in passato con i loro notiziari, pubblicazioni periodiche inviate ai soci,
interessanti e ben curate, ma che raramente portavano ad uno scambio tra le
persone. Anche per questo oggi è grande l'aspettativa nei confronti del web,
nella speranza di poterlo usare come veicolo più rapido ed interattivo per dare
informazioni e stimolare iniziative.


PARTIRE DA UNA COMMUNITY ESISTENTE: RCM

      Per cercare di avviare un'iniziativa del genere si è perciò deciso di sfruttare
l'esperienza ed il positivo esempio della Rete Civica di Milano, una realtà di
community costituita da oltre 7000 cittadini milanesi, che tengono vivo il
dibattito e lo scambio di informazioni nelle varie aree. Tra le caratteristiche
peculiari della Rete Civica ci sono la moderazione, ovvero la lettura preventiva
dei messaggi inviati ad un forum (conferenza) da parte di un moderatore che ne
verifica la rispondenza con il 'galateo' prima di approvarli e renderli pubblici.
Inoltre l'obbligatorietà di iscriversi con un documento di identità per poter
partecipare alle discussioni garantisce la serietà e la veridicità dei messaggi,
fattore tutt'altro che scontato in Internet. Il fatto di essere un sistema di
messaggistica 'chiuso' offre anche possibilità di seguire la 'storia' di un
messaggio vedendo chi lo ha letto, quando, se ha scaricato o meno l'eventuale
attachement, permettendo anche a chi gestisce l'area di analizzare meglio
l'andamento dei vari filoni di discussione (controllando ad esempio quanti utenti
leggono tale area pur non scrivendo). Ma l'aspetto forse più importante è la
democraticità di questo strumento e la crescita 'dal basso' che caratterizza le reti
civiche: lo sviluppo, l'apertura e la chiusura delle aree, infatti, non è decisa dallo
staff ma dagli utenti stessi che hanno piena libertà di proporre e dar vita a nuovi
filoni di discussione.




                                          63
               C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY




      A testimonianza delle difficoltà nel
far decollare gruppi di discussione
nell'ambito dell'handicap c'è il caso
dell'area "Essere handy" di RCM, che ha
vissuto anch'essa momenti di difficoltà
confermando      i   problemi      sin  qui
evidenziati e validi per tutti gli ambiti di
Internet.



     Per contro mi permetto di sottolineare la 'coincidenza' non fortuita di
trovare dietro le esperienze più riuscite di newsgroup (vedi cap1.5) persone con
esperienze di reti civiche (i moderatori delle principali mailing list e newgroup
fanno parte dello staff di reti civiche).

     Questo spirito è parso subito in perfetta sintonia con quello del progetto
Voice e si è deciso di collaborare per dare avvio al forum di Voice, impresa che si
preannunciava tutt'altro che facile.

                                                      RCM ha messo a disposizione la
                                               tecnologia First Class e la competenza
                                               del suo staff e, partendo dai requisiti
                                               individuati, si è cercata la soluzione
                                               migliore che tenesse conto di tutti gli
                                               aspetti, sia tecnici che 'sociali'. Si è
                                               quindi deciso di evitare, almeno
                                               all'inizio, di proporre di aprire un'area
                                               (conferenza) per Voice all'interno di
                                               RCM lasciando discussioni libere, ma di
                                               utilizzare una conferenza First Class
                                               come 'contenitore' per la raccolta di
                                               contributi da parte degli utenti,
                                               ribaltando      la    logica   con    cui
                                               normalmente        vengono    create    le
                                               raccolte di link.

      Non è quindi lo staff di Voice a proporre i 'suoi' link (c'è già l'area con gli
elenchi a tale scopo), ma sono gli utenti a inviare e presentare con un messaggio
alla conferenza i propri siti, progetti, associazioni, etc...

     Inizialmente sono state create delle aree (URL, Associazioni, Tesi, Progetti,
Esempi di buona pratica) per stimolare gli utenti, con la prospettiva che siano gli
utenti stessi a decidere tali categorizzazioni in base alle loro esigenze.

     Tecnicamente i messaggi vengono inviati al server First Class tramite il
metodo POST di un form appositamente creato, che attraverso uno script in Perl
(getform.pl) residente sul server di RCM, recapita un messaggio alla conferenza
VOICEForumRD contenente i dati immessi dall'utente. Successivamente il
moderatore (io stesso) approva il messaggio che diventa perciò visibile anche da
web. Il 'contenitore' dei messaggi è una conferenza First Class non visibile (non



                                           64
                   C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



listata) dall'interno di RCM ed abilitata a ricevere messaggi da chi non è iscritto.
In questo modo si lascia aperta la possiblità in futuro, qualora l'iniziativa 'decolli',
di rendere la conferenza visibile in RCM, probabilmente nell'area dedicata
all'handicap e di condividere a pieno i contributi ricevuti via web dal sito Voice e
quelli pervenuti da aderenti di RCM via First Class (o dal sito54)

     A fianco di questa sezione in collaborazione con RCM rimane l'esigenza di
creare una 'lavagna virtuale' o 'bacheca' o 'guestbook', ovvero un'area dove
accogliere, nel modo più semplice e diretto possibile i messaggi degli utenti.


SOLUZIONI TECNICHE A CONFRONTO

      Sono state analizzate diverse soluzioni tecniche per realizzare la 'lavagna'.
Inizialmente si è scelta la via di uno script CGI in Perl, ispirato ad una versione
freeware molto utilizzata in rete (ultraboard.pl) completamente personalizzabile.
Purtroppo, dopo poco, per motivi tecnici legati al cambiamento del server ed
all'aggiornamento di Microsoft IIS, non è stato più possibile installare l'interprete
Perl per cui si è stati costretti a scegliere una soluzione differente.

      Per valutare la rispondenza delle varie proposte alle esigenze degli utenti
per un periodo si sono lasciate on-line due differenti soluzioni per permetterne il
testing da parte degli utenti più fedeli, cui è stato poi chiesto un riscontro. Per
risparmiare tempo e risorse si è deciso in alcuni casi di partire da versioni
freeware di script trovati in rete per testarli con lo scopo di individuare il tipo di
strumento, per poi sviluppare una soluzione dedicata una volta scelto lo
strumento adatto.


A-FORUM.ISA

                                                       Una prima lavagna, basata su un
                                                 CGI scritto in C++, pubblicava i
                                                 messaggi direttamente in una pagina,
                                                 uno sotto l'altro, mentre la seconda
                                                 lavagna, che permette di organizzare i
                                                 messaggi      in   thread   consentendo
                                                 all'utente di rispondere ad ogni singolo
                                                 messaggio, visualizza nella lista il
                                                 mittente ed il titolo del messaggio
                                                 mentre il suo contenuto viene proposto
                                                 in una pagina apposita.

      Durante questo periodo i messaggi lasciati su una lavagna venivano
manualmente replicati sull'altra in modo da avere due versioni sincronizzate,
invitando gli utenti a testare entrambe le versioni per poi dare indicazioni circa la
scelta dello strumento definitivo.

54
     www.retecivica.milano.it




                                               65
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



      Tecnicamente il forum organizzato con i thread (Lavagna virtuale2) è basato
su uno script freeware (A-forum) che funziona come una estensione HTTP del
server web MS-IIS, interfacciandosi con il server tramite le specifiche ISAPI di
Microsoft ed è basato sugli standard HTTP v1.0 e HTML 2.0. Ciò significa che
genera pagine html compatibili con qualsiasi browser, anche se datato, e non
inserisce alcun codice Javascript nelle pagine, garantendoci il rispetto delle
norme sull'accessibilità. Entrando nel dettaglio lo script è costituito da un modulo
principale (le estensioni ISAPI) chiamato 'aforum.isa' e posto con diritti di
esecuzione nella directory CGI-BIN del web-server e si appoggia su un modulo
secondario 'aforum26.dll'. In accordo con le specifiche MS-IIS e l'architettura a
32 bit 'Windows32', lo script processa indipendentemente le richieste provenienti
simultaneamente da più client in modalità multithread con multitasking pre-
emptive. Questo fa si che il numero di client connessi simultaneamente sia
limitato solo dalle prestazioni del server e dalla memoria di sistema. Lo script è
caricato in memoria una sola volta e viene poi condiviso da tutti i processi client
che vengono man mano lanciati dal server-www.

      Il principale svantaggio di questa soluzione (provvisoria e finalizzata al
testing) è stato individuato nel fatto che gran parte delle scritte 'di servizio' sono
in inglese e non c'è possibilità di tradurle perché sono incluse nel modulo già
compilato del quale non è fornito il codice sorgente. Questo fatto crea parecchi
problemi agli utenti audiolesi che generalmente non conoscono alcuna lingua
straniera (considerato l'enorme sforzo chiesto loro per imparare l'italiano).
Numerose sono state anche le critiche da parte degli utenti interpellati che hanno
trovato 'macchinosa' e poco intuitiva la visualizzazione ad albero gerarchico dei
messaggi e scomodo il fatto di dover passare in una schermata apposita per
vedere il contenuto del messaggio. Questa è stata l'ulteriore conferma che la
semplicità, al limite della banalità, è uno dei requisiti fondamentali per questo
tipo di utenti, almeno in questa prima fase di sviluppo del forum.


RGUEST.EXE E WGUEST.EXE

      L'altra lavagna (Lavagna virtuale1) è invece basata su uno script CGI scritto
in C e compilato, composto da due file eseguibili separati, uno per leggere i
messaggi presenti sulla lavagna e l'altro per scrivere i messaggi. Questo script,
realizzato appositamente tutto in italiano, genera pagine html standard, ed in
particolare una pagina dove sono visualizzati tutti i messaggi uno sotto l'altro




                                          66
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY




      La semplicità di questo strumento è stata molto apprezzata dagli utenti,
tanto che si è deciso di impiegarlo nelle demo e durante gli incontri con i giovani
delle associazioni.

      L'unico vero limite evidenziato da questo script è il fatto che i dati
(contenuto dei messaggi) vengono memorizzati in un file unico codificato che non
è possibile editare con un editor esterno. Questo impedisce sia la cancellazione di
messaggi indesiderati o di messaggi ripetuti per errore, sia la correzione di errori
dovuti ad imprevisti (esempio: una volta un'associazione ha fatto copia/incolla
nel form di un documento word di varie pagine bloccando il sistema…). Inoltre il
fatto di poter editare i messaggi presenti sulla lavagna consente allo staff di
poter tenere traccia anche dei messaggi più vecchi per farne una selezione e
trasformare i temi ricorrenti in una F.A.Q. e nello stesso tempo poter tenere
sotto controllo dati statistici sull'utilizzo di tali strumenti e permettere anche ai
funzionari di Bruxelles che seguono il progetto di valutarne l'andamento.

     Dalla fase di sperimentazione e presentazione del forum di cui al paragrafo
successivo, sono emersi i seguenti requisiti per lo strumento definitivo:

- massima semplicità: è stato preferito l'impiego di una 'lavagna virtuale' che
pubblichi i messaggi per intero uno sotto l'altro, rinunciando alla possibilità di
avere una gerarchia (thread) e rispondere ad un messaggio specifico;

- lingua italiana: per i sordi l'inglese è spesso una barriera insormontabile, quindi
sono necessarie due lavagne separate: una in inglese e l'altra in italiano;

- possibilità di editare e rielaborare i messaggi lasciati sulla lavagna;

     In risposta a queste esigenze si è deciso di realizzare una lavagna virtuale
tramite l'utilizzo di una pagina ASP.


LAVAGNA.ASP

     La decisione di utilizzare una pagina ASP è nata da test ed analisi che hanno
evidenziato diversi aspetti positivi:




                                          67
               C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



- semplicità: tutto è sulla stessa pagina, anche il form per scrivere un messaggio,
in modo da semplificare la vita ai neofiti;

- lo script viene eseguito lato server inviando al client una pagina HTML standard,
sulla quale si ha pieno controllo, permettendo di rispettare le norme
sull'accessibilità;

- non c'è necessità di compilare alcuno script, risultando più semplice da
modificare e migliorare da parte di chi in futuro si occuperà del forum. La
semplicità di un linguaggio di scripting (VB, javascript) rispetto ad un linguaggio
di programmazione ad oggetti come C++ consente anche a programmatori poco
esperti la modifica del codice;

-   i dati, ovvero i messaggi, vengono salvati in un database di Access, in
    formato .mdb, garantendo le modificabilità dei messaggi in qualsiasi momento
    e permettendo il riutilizzo con le più comuni applicazioni (Access, Excel,ecc..)
    per ulteriori elaborazioni;

Nell'allegato 2 è visibile un esempio di utilizzo della lavagna stessa da parte degli
utenti in questi ultimi mesi.

        3.3.4 PROMOZIONE DEL FORUM - ATTIVITÀ CON LE ASSOCIAZIONI

      Una volta ristrutturato il sito ed individuati i requisiti per il forum si è deciso
di pianificare la promozione del nuovo forum e di sostegno allo sviluppo delle
attività delle associazioni di audiolesi per non cadere nell'errore comune (vedi
par.3.3.3.1) di creare uno strumento tecnicamente valido ma non utilizzato dagli
utenti. L'analisi di cui al cap.1, unitamente alle impressioni raccolte dagli utenti
che hanno testato le varie versioni della 'lavagna virtuale', ha evidenziato
l'importanza di coinvolgere un gruppo pur modesto di utenti che comprendano ed
apprezzino il valore dello strumento e che possano poi pian piano attirare altri
utenti    e dar vita ad una piccola 'community'. Come sottolineato anche
dall'esperienza di RCM, è importantissimo enfatizzare la centralità degli utenti,
che sono gli unici veri protagonisti del forum e che devono percepire che esso
cresce e si sviluppa in base ai loro contributi e non secondo le decisioni prese dai
gestori del sito, tanto più che il forum deve sopravvivere autogestito dopo la fine
del progetto Voice.

      Constatando poi la scarsissima diffusione di Internet tra i giovani audiolesi
si è deciso di organizzare una vera e propria 'campagna di diffusione' di Internet
partendo dal pretesto di presentare il nuovo forum.


LE IDEE DI FONDO

      Negli ultimi mesi stiamo assistendo ad un vero e proprio boom di Internet:
non solo tecnologico, ma soprattutto di diffusione presso gli utenti finali; sta
avvenendo ciò che poco tempo fa è successo con i telefonini: in un modo o
nell'altro Internet sta entrando nelle nostre case, nei nostri uffici, nelle scuole e
presto praticamente tutti useremo posta elettronica e 'navigheremo' il web.




                                           68
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



      E, se i mass media sbandierano il boom (reale o virtuale?) della new-
economy, cercando di farci credere (ai posteri l'ardua sentenza) che presto il
negozietto sotto casa sarà spazzato via dall'e-commerce, una cosa è certa: è
arrivato il momento che anche le associazioni no-profit facciano la loro comparsa
in Internet e sfruttino i vantaggi di questo nuovo canale comunicativo.

      Se in molti casi il sito Internet è diventato semplicemente un ulteriore
tentacolo della macchina pubblicitaria tradizionale, in tanti altri rappresenta una
possibilità concreta di dare informazioni e servizi ai propri utenti sfruttando
l'immediatezza del canale comunicativo. E' proprio in quest'ultima accezione che
un sito può essere utile ad un'associazione no-profit ed in particolare ad
un'associazione che si occupa di un problema come la sordità, ovvero di una
barriera a livello comunicativo che in rete viene a cadere istantaneamente (visto
che si usa testo scritto). Ecco quindi l'interesse delle associazioni per un sito web
proprio, che oltre a presentare le caratteristiche generali dell'associazione, come
in un depliant, sia anche e soprattutto un punto di contatto tra la segreteria ed i
soci, tra i soci stessi e tra tutte le persone sensibili al problema.

      Da un'indagine presso molti ragazzi sordi di diverse associazioni lombarde ci
si è resi conto che rispetto ai coetanei normoudenti, sono molto pochi quelli che
usano Internet. Indipendentemente dai motivi che hanno causato tale situazione
è facilmente condivisibile il desiderio che i giovani delle associazioni possano
usufruire degli stessi vantaggi comunicativi dei loro amici, cercando di evitare di
creare un'ulteriore barriera data dal fatto stesso di non utilizzare i medesimi
canali comunicativi dei loro coetanei.

     Ma sperare che un giovane sordo si avvicini ad Internet grazie ad un sito
dedicato alla sordità è altamente improbabile: ecco quindi che accanto ad
informazioni storico-istituzionali dell'associazione sarà importante dare spazio,
sul sito e nel forum, ai giovani ed ai temi che stanno loro a cuore. In parole
povere non ci si aspetta di trovare i giovani che discutono sulla lavagna virtuale
di impianti cocleari o nuove leggi, ma la speranza è che parlando dei fatti loro,
scambiandosi messaggi magari anche banali all'apparenza, imparino le
potenzialità del mezzo tanto apprezzato dagli altri giovani, abbiano
un'opportunità in più di incontrarsi tra loro (almeno virtualmente) e di venire a
conoscere tempestivamente le cose che più loro interessano.

     Con questo spirito si è intensificato il rapporto di collaborazione con le
associazioni ALFA di Milano ed AFA di Cantù.

      ALFA ha manifestato agli inizi del 2000 la volontà di creare un sito
indipendente per l'associazione (attualmente 'ospitata' all'interno di voice.jrc.it)
con l'acquisto di un dominio proprio (www.audiolesi.it). Questa volontà
testimonia il 'cambiamento epocale' che gli ultimi mesi stanno portando dal punto
di vista della diffusione di Internet e ha rappresentato l'occasione ideale per il
lancio del forum.

     Il nuovo forum di Voice, la filosofia che l'ha mosso, la collaborazione con
RCM, sono stati proposti al consiglio direttivo di ALFA unitamente all'invito a
creare il proprio sito improntato alla semplicità, cercando tra i soci più giovani i



                                          69
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



web master. E' stato anche offerto loro di inserire nel nuovo sito il forum Voice,
in modo da non disperdere le forze creandone uno solo per ALFA, con il
vantaggio di aver sollevato l'associazione dalle difficoltà tecniche di realizzazione
di un forum.

      Questa proposta è stata presentata durante incontri con il consiglio direttivo
e con soci, ed è stata divulgata a mezzo delle pagine di 'Parliamone', il giornalino
dell'associazione, che ha garantito una capillare diffusione sia tra i soci che tra le
segreterie delle principali associazioni.

      Un'azione parallela è stata svolta con i ragazzi dell' AFA di Cantù,
associazione che conta su di un 'gruppo giovani' di oltre 40 elementi che si
ritrovano ogni mese, al sabato pomeriggio, presso una scuola elementare dove vi
è anche un attrezzato laboratorio di informatica.

      Anche a questi ragazzi è stato presentato il forum e la prima reazione è
stata di stupore ed interesse, ma la stragrande maggioranza ha dichiarato di non
avere un computer e di non saperlo usare. Questa ulteriore conferma dello stato
di arretratezza ci ha indotti ad organizzare incontri di 'alfabetizzazione'
informatica o ancora meglio, di persuasione circa l'utilità che Internet può avere
nella vita di tutti i giorni per ognuno di noi e, nello specifico, per un sordo.

Durante questi incontri ho presentato ai
ragazzi esempi di utilizzo quotidiano di
Internet, come trovare gli orari di treni,
prenotare un albergo, consultare la
mappa      cittadina,   organizzare      le
vacanze, e poi siti 'ricreativi', sportivi,
dedicati agli idoli dei teenager, di
svago. Una volta ottenuta la loro fiducia
ed attenzione, si è passati ad illustrare
il possibile utilizzo di internet per
condividere informazioni: ed ecco allora
la costruzione di una semplice paginetta
con le foto delle vacanze e finalmente la
'lavagna virtuale' usata per dare a tutti
un avviso circa le riunioni future o
semplicemente per scambiarsi i saluti.




                     3.4 CONCLUSIONI - SVILUPPI FUTURI


     Parlare di conclusioni a riguardo di una community è sempre improprio. Si
può semmai fare un bilancio della situazione ad un determinato momento.

      Inoltre la nascita e lo sviluppo di una 'comunità virtuale' o anche di un
semplice gruppo di discussione attorno ad un tema specifico sono processi che
richiedono tempi estremamente lunghi, indipendentemente dal parallelo sviluppo




                                          70
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



tecnologico, in quanto le problematiche riguardano i contenuti più che lo
strumento e l'impatto che lo strumento ha sulle persone che lo utilizzano.

     Il bilancio della situazione del forum attuale (estate 2000) è che
gradualmente sta crescendo, anche grazie alle opere di sensibilizzazione
intraprese, l'interesse per Internet anche da parte di associazioni e dei ragazzi
sordi ad esse appartenenti.

     Per ora gli interventi sul forum sono ancora sporadici e 'titubanti', ma si
sono avuti ottimi riscontri circa la volontà, sia da parte di ALFA che di AFA, di
riprendere a settembre le attività legate alla creazione dei loro siti web e si
prevede quindi che con l'apertura dei nuovi siti ci sarà un'intensificazione degli
scambi attraverso il forum.

      E' tuttavia estremamente confortante ricevere i primi positivi riscontri non
solo dalle associazioni ma anche dai singoli soggetti e vedere che alcuni ragazzi
hanno scoperto un utilizzo 'intelligente' di Internet e sono entusiasti dei vantaggi
(esempio: invece di mandarsi 100 SMS per organizzare una 'pizzata' possono
comunicare attraverso la lavagna virtuale, certi che tutti hanno la possibilità di
vedere la destinazione scelta senza rischio di dimenticarsi qualcuno). Si sta
innescando la sperata 'reazione a catena' per cui i ragazzi più aggiornati e pratici
di Internet stanno diffondendo la voce tra gli amici portandoli gradualmente ad
interessarsi alla cosa. Questo con ogni probabilità, permetterà di trovare terreno
fertile per i progetti di sviluppo di siti web 'vivi', aggiornati di frequente e
soprattutto sentiti dai soci come 'loro', in piena sintonia con lo spirito del
progetto.

     Cambiando tipologia di utenti, possiamo dire che il forum ha avuto successo
tra chi si occupa di sottotitolazione, ed in particolare, è stato proficuamente
impiegato nelle fasi preliminari di alcuni importanti incontri con associazioni
belghe e canadesi che si occupano appunto di sottotitoli, che hanno utilizzato la
lavagna in inglese.

     Anche gli insegnanti che hanno partecipato alla sperimentazione del
prototipo Voice in classe hanno apprezzato la nascita e lo sviluppo del forum, ed
alcuni di loro hanno avviato uno scambio di esperienze attraverso la lavagna
virtuale. La ripresa dell'attività scolastica potrà certamente portare ad un
ravvivarsi della discussione e del confronto in questo campo.

     Gli sviluppi futuri potranno andare in molte direzioni. Certamente con
l'aumentare del numero di utenti dovuto ai nuovi siti web di alcune associazioni
che utilizzeranno il forum potrebbe portare alla necessità di creare aree dedicate
per ogni gruppo o separare i messaggi per argomento.

     Una volta che gli utenti avranno imparato a muoversi con disinvoltura potrà
essere utile trasformare la 'lavagna virtuale' in un forum più complesso, con i
messaggi organizzati gerarchicamente (thread) , magari appoggiandosi ad una
conferenza della Rete Civica di Milano interfacciata da web.




                                          71
              C AP 3: F ORUM V OI CE : LA SFIDA , IL VALORE DA AGGIUNG ERE , LA COMMUNITY



      Tutti gli strumenti disponibili oggi sul sito possono essere sviluppati in
quanto sono stati progettati puntando alla massima semplicità e per gli utenti e
per i gestori del sito, nel rispetto delle norme sull'accessibilità che, ci auguriamo,
diventeranno sempre più importanti e severe.




                                          72
       L'HANDICAP    E   LA   RETE




      CA P ITO LO 4

S OTTOT ITO L A Z ION E D I
     T E LE FO N ATE E
  V ID E OCO N FE R E NZ E




                73
                               C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE




                               CAPITOLO 4
        S OTTOTITOLAZIONE DI TELEF ONATE E VIDEOCONFERE NZE


                                     4.1 INTRODUZIONE


     Il progetto Voice, come ricordato in precedenza, vedeva tra gli obiettivi del
suo terzo ed ultimo anno di svolgimento la sperimentazione di sistemi di
riconoscimento vocale per sottotitolare una conversazione telefonica.

      Su questa sperimentazione, partita in tono minore, è stato possibile
concentrarsi solo ora, sulla scia dei successi ottenuti nelle conferenze e durante
le lezioni scolastiche. Si è quindi affrontata la sfida più grande: sottotitolare una
conversazione sordo-udente facendo comparire sul monitor del computer posto
in casa del sordo le parole del suo interlocutore.

      A questo proposito ricordo che moltissimi audiolesi sono in grado di parlare,
motivo per cui la barriera principale per una conversazione telefonica rimane per
essi quella di sentire il proprio interlocutore. Prima che con i sottotitoli, questo
tipo di problema è stato affrontato cercando soluzioni tecniche in grado di
interfacciare il telefono con la protesi acustica.

      Questo tipo di soluzione funziona parzialmente con i telefoni di vecchia
concezione, che avevano un grosso magnete nella cornetta, e con le protesi
acustiche che hanno la possibilità di captare il suono per induzione magnetica
(piuttosto diffuse).

      L'avvento dei telefoni cellulari GSM ha creato ulteriori difficoltà, dovute alle
interferenze che il telefonino stesso produce nella protesi acustica (simili a quelle
che percepiamo ponendo il telefonino vicino ad una televisione o ad una radio).

      Il problema, nonostante le possibilità di comunicazione alternative, è tuttora
molto sentito nella comunità degli audiolesi, ed è stato affrontato con approcci
differenti. Il DTS55, ormai tecnologicamente sorpassato, è stato per molto tempo
la soluzione più diffusa e viene impiegato ancora oggi in servizi come il 'servizio
ponte'56 che consente una chiamata ad un sordo tramite operatore. Un esempio
dell'evoluzione di questo tipo di soluzioni viene da Düsseldorf, dove la Caritas
locale ha finanziato delle cabine telefoniche per sordi 'segnanti', che attraverso
un videotelefono collegato con un interprete gestuale, consente di effettuare una
conversazione con un udente.


55
   Dispositivo telefonico per sordi che consente un dialogo testuale tra due apparecchi dello stesso
tipo.

56
   Servizio ponte: il sordo contatta tramite DTS o FAX un operatore che gli fa da 'interprete' con
l'udente. (in Italia a Firenze:055/6505120)




                                                74
                              C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE



      In questo anno sono comparsi sul mercato diversi nuovi sistemi di
videoconferenza, ed in particolare dei video telefoni basati sulle medesime
tecnologie, che sfruttano tutte le potenzialità della linea ISDN57 oggi in via di
diffusione anche nelle abitazioni private. Per questo motivo è stata condotta una
sperimentazione nell'ambito di videoconferenze e di video telefonate, sia per
testarne le possibilità in termini di lettura labiale e comunicazione gestuale, sia
per definire i bisogni degli utenti in materia di sottotitoli in questo specifico
ambito.

      Nel presente capitolo verranno illustrate le fasi della sperimentazione nei
vari ambiti ed i diversi test che hanno portato a dei risultati intermedi per la
sottotitolazione della telefonata, che si sono rivelati importanti al fine di separare
i diversi aspetti in vista di raggiungere l'obiettivo finale. È da sottolineare ancora
una volta che sin dall'inizio lo spirito del progetto è stato quello di utilizzare
tecnologie esistenti e facilmente reperibili per dimostrare le potenzialità di
sistemi di riconoscimento vocale nel mondo della disabilità. Ciò significa in
concreto che non sono stati sviluppati, per scelta, prototipi hardware o software
innovativi, con lo scopo di dimostrare le potenzialità di tecnologie oggi comuni;
nella speranza di stimolare la ricerca da parte dell'industria e/o gli enti che
sarebbero in grado di ottenere rapidi e significativi miglioramenti se investissero
in questo campo.

     Prima di affrontare nello specifico le varie fasi della sperimentazione, é
necessaria una breve introduzione riguardante i sistemi di riconoscimento vocale
oggi disponibili ed i loro principi base di funzionamento.

                      4.1.1 RICONOSCIMENTO VOCALE DISCRETO.

      Questo tipo di riconoscimento vocale esiste ormai da parecchi anni, e ha la
possibilità di funzionare con hardware piuttosto datati, in quanto l'entità
dell'elaborazione richiesta è modesta. All' oratore si richiede di dettare facendo
una piccola pausa tra una parola e l'altra ed il riconoscimento avviene parola per
parola, ovvero il computer analizza i suoni tra le pause, cercandone la
corrispondenza con uno dei vocaboli presenti nel suo dizionario. L'obbligo di
dover separare le parole ha parzialmente frenato la diffusione di questo tipo di
sistemi nell'ambito della dettatura, in quanto non consente all'oratore di
concentrarsi sul contenuto del discorso.

     Questi software possono essere usati anche nella 'modalità comandi'
(presente anche nei sistemi continui) per controllare il PC con la voce.
Tipicamente si possono usare una serie di comandi per le operazioni più comuni
(es: [Apri MS Word] [Chiudi finestra] [Menu avvio - Programmi - WinZip]). I
comandi vanno pronunciati senza pause e la frase viene interpretata come
un'unica parola. Inoltre la ricerca avviene su un vocabolario molto ristretto (i soli
comandi appunto) e questo fa si che nel caso il comando non venga riconosciuto
con precisione, non viene eseguito nulla, evitando il rischio di comandi errati.

57
  ISDN: linea telefonica digitale che consente di avere due canali da 64 kb/s che possono essere
usati in contemporanea arrivando ad una banda di 128kb/s




                                              75
                                C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE



Questa modalità presenta anche il grande vantaggio di essere pressoché
indipendente dal tipo di voce perché non utilizza un profilo vocale personalizzato
per ogni utente, ma data la limitatezza del vocabolario su cui viene condotta la
ricerca, garantisce buoni risultati anche con voci diverse. I vocaboli (comandi)
sono stati scelti in modo da essere il più possibile differenti l'uno dall'altro in
modo da minimizzare il rischio di riconoscimento di un comando troppo simile.

      Nel  prodotto della Dragon58 è inoltre presente un tool di sviluppo
(Vocabulary Manager) che permette sia di creare nuovi comandi, sia di associare
delle macro ad ogni comando, per eseguire operazioni specifiche.

    Vedremo che l'indipendenza dal tipo di voce, permessa dalla 'modalità
comando', ha giocato un ruolo importante anche nelle nostre sperimentazioni.

                       4.1.2 RICONOSCIMENTO VOCALE CONTINUO.

     L'avvento di questo tipo di tecnologia, che consente di dettare ad un
computer parlando normalmente (senza pause forzate), ha aperto nuove
interessanti strade e possibilità di impiego. Lo sviluppo di questi sistemi è stato
reso possibile anche dalla disponibilità di computer sempre più potenti, dal
momento che il numero di elaborazioni richieste cresce esponenzialmente. Infatti
non vengono riconosciuti più i singoli vocaboli, ma frasi intere, ed il
riconoscimento è tanto più accurato quanto più lunga e fluida è la frase. Questo
perché il 'motore del riconoscimento' si basa sul confronto tra un profilo vocale
specifico per ogni utente ed i vocaboli che compongono la frase pronunciata,
applicando poi dei modelli probabilistici che scelgono il vocabolo più probabile
rispetto al contesto. Con questi prodotti è perciò necessario e fondamentale
addestrare il sistema a riconoscere la propria voce, consentendone l'utilizzo
anche a soggetti con lievi difetti di dizione o inflessioni ed accenti particolari.
Leggendo brani pre-impostati il sistema è in grado di creare un profilo vocale per
la persona; inoltre, proponendo al sistema brani contenenti vocaboli propri o
specifici di una terminologia particolare, si addestra il sistema a riconoscere il
proprio modo di parlare.

      L'addestramento base dura una ventina di minuti (solo quattro per
l'ultimissima release di Dragon) e, pur non essendo un impegno gravoso per un
oratore di una conferenza, diventa un problema nel caso della telefonata dove il
chiamante è ignoto. Nel caso di una conferenza il piccolo sforzo iniziale richiesto
all'oratore per addestrare il sistema è ripagato dalla correttezza e dalla fluidità
del sottotitolo e, non ultima, dalla disponibilità del testo del discorso pronto per
la stampa o la memorizzazione nel momento stesso in cui la conferenza termina.

     Tuttavia questi sistemi, adottando i suddetti modelli probabilistici, possono
generare frasi composte da parole ortograficamente corrette, ma in alcuni casi
senza senso. Un esempio può essere la seguente frase: "il progetto Voice per la
sottotitolazione automatica a favore degli audiolesi" è stato trascritto in: " il
progetto avesse per la società nazionale romantica favore degli audiolesi".

58
     Dragon Dictate Power Edition




                                              76
                            C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE



Questa fase, frutto di una cattiva dizione e di un'eccessiva velocità di dettatura, è
composta da parole corrette che originano una frase senza senso.

     I migliori risultati si hanno in tutti quei campi che abbiano una terminologia
specifica e ripetitiva, come ad esempio per la refertazione in ambito medico,
settore in cui hanno oggi grande diffusione. Anche nei prodotti di riconoscimento
vocale continuo è disponibile la modalità 'comando' descritta al paragrafo
precedente, ma il suo funzionamento è riconducibile a quello dei sistemi discreti,
e dati i costi molto maggiori sia in termini di hardware necessario, sia di acquisto
del tool di sviluppo, si è utilizzato il prodotto discreto per le sperimentazioni
basate su tale caratteristica.




4.2 SOTTOTITOLAZIONE DI UNA TELEFONATA CON UN SISTEMA CONTINUO.


     Si è tentato di sottotitolare una conversazione telefonica utilizzando un
software di riconoscimento vocale continuo, Dragon NaturallySpeaking,
collegando un modem-voce con la scheda audio del PC. Il fatto di aver impiegato
un modem-voce è dettato da motivi di praticità, in quanto si sarebbe potuto far
entrare il segnale telefonico, tramite un collegamento dedicato, direttamente
nella scheda audio. La presenza del modem-voce ha tuttavia facilitato le prove,
grazie anche ai software di gestione delle telefonate e delle caselle vocali ad esso
associati.

      Le impostazioni presenti all'interno della scheda 'multimedia' del pannello di
controllo di Windows, portano a credere di poter selezionare come input ed
output audio direttamente il modem Voice, senza bisogno di alcun tipo di
collegamento 'esterno' tra modem e scheda audio. Questo purtroppo non è vero,
a causa di differenze tra le frequenze di campionatura della scheda audio
utilizzate dal software di riconoscimento vocale e le frequenze del modem. Il
software infatti, progettato per prendere l'input sonoro da una scheda audio e
campionare a 11.025 kHz, 16 bit, Mono, risulta incompatibile con i 9600 kHz del
modem-voice.

     Si è allora optato per collegare con dei cavetti l'uscita LINE OUT del modem,
da cui proviene il segnale telefonico, con l'ingresso MIC della scheda audio; e
parallelamente collegando l'uscita LINE OUT della scheda audio con l'ingresso
MIC del modem. Per realizzare questi collegamenti sono stati inoltre impiegati
diversi tipi di filtri da applicare sugli spinotti per evitare fischi e fruscio eccessivi.




                                           77
                          C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE




      A questo punto il sistema avrebbe
dovuto funzionare nel seguente modo:
l'audioleso sta al computer, collegato
alla linea telefonica tramite il modem
voce, con in aggiunta a quanto visto un
microfono per rispondere vocalmente
nel caso in cui sia in grado di parlare,
mentre l'udente sta dall'altra parte della
linea telefonica con un qualsiasi
telefono.



       Questo sistema ha evidenziato immediatamente              limiti   e   difficoltà
difficilmente superabili con gli strumenti disposizione:

      - il segnale della linea telefonica è di scarsa qualità, mentre il
riconoscimento vocale richiede una buona qualità dell'input tanto che i test di
dettatura al PC avevano già evidenziato differenze tra microfoni di qualità
differenti.

      - altro limite era presentato dalla presenza di un unico canale per la voce di
entrambi gli interlocutori. Questo crea, nel caso di un audioleso, anche potenziali
problemi di sincronizzazione del dialogo, ma soprattutto, la voce del sordo va a
mescolarsi e sovrapporsi alla voce dell'udente. Ciò significa ad esempio, che
anche prevedendo una conversazione con una persona nota, che abbia
preventivamente addestrato il computer del sordo a riconoscere la sua voce, ci
sarebbe il problema che, viaggiando sul suo stesso canale, la risposta del sordo o
dell'eventuale sintesi vocale verrebbe analizzata dal riconoscimento vocale,
aggiungendo al testo parole a sproposito perché generate su un profilo vocale
altrui.

     Preso atto di queste difficoltà, si è deciso di fare dei test che permettano di
analizzare singolarmente i vari aspetti del problema.




    4.3 TRASCRIZIONE DI UN MESSAGGIO DA SEGR ETERIA TELEFONICA


     Si è perciò deciso di provare ad eliminare una delle variabili del problema,
quella della gestione del dialogo, con i relativi problemi di sovrapposizione delle
voci ed i rischi di interferire nel riconoscimento della voce dell'oratore principale.

      La situazione è molto simile a quella, già ben collaudata, del riconoscimento
di un messaggio dettato ad un apparecchio di memorizzazione, quale ad esempio
il mini registratore digitale Voice IT.

     La differenza tra la situazione del riconoscimento di un messaggio registrato
su registratore portatile e quello registrato dalla segreteria telefonica virtuale del
modem-voice è la qualità sonora del messaggio.



                                         78
                             C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE




                                               Il procedimento è il seguente: attraverso
                                         un software di gestione delle caselle vocali,
                                         come ad esempio Talk Works di Symantech,
                                         viene registrato il messaggio sotto forma di file
                                         audio, che viene successivamente rielaborato
                                         dal software di riconoscimento vocale continuo
                                         (Dragon NaturallySpeaking o IBM ViaVoice) che
                                         lo traduce in testo.

                                             In questa fase è inoltre possibile superare
                                         i  problemi    relativi  alle   frequenze    di
                                         campionatura.




       La segreteria telefonica
virtuale infatti salva i messaggi
in file .wav campionati a 9600
Mhz, GSM, Mono. Tramite un
utility (audio editor) di Talk
Works il file viene convertito in
PCM 11.025 kHz, 16 bit, Mono,
ovvero nel formato richiesto dal
software     di     riconoscimento
vocale. A questo punto il file
viene analizzato (tramite la
funzione        'trascrivi')       dal
riconoscitore vocale che lo
trasforma in testo. In questa
fase     è     anche         possibile
selezionare il profilo vocale
desiderato,       o     addirittura,
presupponendo        che      l'utente
sordo non sia in grado di
riconoscere la voce di chi ha
lasciato il messaggio, fare
diverse prove cambiando profilo
vocale, e scegliendo poi la
miglior trascrizione.

      I risultati della trascrizione dei messaggi lasciati in segreteria telefonica
sono stati decisamente buoni nel caso in cui venga utilizzato il profilo vocale
appropriato. Anche i messaggi registrati da un telefono cellulare sono stati
interpretati correttamente. Utilizzando invece il profilo vocale di un'altra persona
il testo non risulta comprensibile. Questo evidenzia che il rumore e la scarsa
qualità del segnale telefonico non sono l'unico problema che affligge il
riconoscimento vocale 'in diretta' di una telefonata, ma che anche gli altri aspetti




                                              79
                          C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE



quali il campionamento, la sincronizzazione e la dipendenza dall'utente, assenti in
questo test, contribuiscono al risultato finale negativo.

     La scelta del profilo vocale corretto potrebbe essere fatta anche grazie ad
un sistema di gestione delle caselle vocali (con Talk Works stesso ad esempio)
che faccia scegliere un profilo a chi telefona (es: "Se sei Giuliano premi 1, se sei
Davide premi 2, etc.") memorizzando in una particolare directory il messaggio e
permettendo al sordo di selezionare il profilo vocale corretto per la trascrizione.

      Per affrontare il problema del dialogo e della sincronizzazione degli
interlocutori si è messo a punto un test che fosse indipendente dal particolare
profilo vocale ovvero dall'utente, basato su un l'utilizzo di un prodotto di
riconoscimento 'discreto' impiegato in modalità 'comandi'.




      4.4 SOTTOTITOLAZIONE DI UNA TELEFONATA CON VOCABOLARIO
                      RISTRETTO PRESTABILI TO


      Si è pensato di realizzare un sistema per consentire una telefonata tra un
sordo ed un udente sfruttando in positivo quello che era stato considerato uno
dei limiti principali dei sistemi di riconoscimento utilizzati in modalità 'comando',
ovvero la capacità di riconoscere solo parole singole, con l'effetto di una mancata
trascrizione in caso di dubbio.




                                        80
                            C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE



     A tale scopo è stato impiegato un software 'discreto' in modalità 'comando':
Dragon Dictate Professional Edition. Questo sistema, come spiegato in
precedenza, ha il vantaggio/limite di essere indipendente dallo specifico utente.
In questa situazione rimanevano predominanti i problemi di sincronizzazione tra i
due interlocutori e di dare un feedback all' udente circa la frase comparsa sul
video del sordo.

                                                    Si è superato il problema nel
                                               seguente modo: l'udente pronuncia una
                                               delle frasi concordate con il sordo. Il
                                               software      avrà    precedentemente
                                               memorizzato l'intera frase come un
                                               unico vocabolo, per cui la riconoscerà
                                               solo se viene pronunciata per intero
                                               correttamente.

                                                    Tramite il Vocabulary Manager si
                                               definisce    l'insieme  dei  comandi
                                               riconosciuti e si associa a loro una
                                               macro che viene eseguita quando viene
                                               riconosciuto il comando

      Nel qual caso la frase comparirà
sul video del sordo. Al termine di ogni
frase            (comando),           viene
automaticamente eseguita una macro
istruzione che seleziona il testo appena
scritto e lo fa leggere alla sintesi vocale.

      Ecco il testo come compare sul Pc
del sordo, che può scrivere le risposte e
premere [F12] per far leggere la frase
alla sintesi vocale.



     Questo è reso possibile dalle macro istruzioni programmabili messe a
disposizione nel Vocabolary Manager.




                                           81
                          C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE




                                           In questo modo si è ottenuta la
                                           certezza per l'interlocutore udente che
                                           la frase comparsa sul video remoto
                                           fosse proprio quella voluta. Il sordo può
                                           anche sfruttare la sintesi vocale per
                                           rispondere per iscritto. Allo stesso
                                           modo      è   possibile    impostare    un
                                           messaggio       iniziale     che     avvisi
                                           l'interlocutore del particolare sistema in
                                           uso. La macro istruzione consente
                                           anche di dare una risposta prestabilita
                                           alla frase scelta: ad esempio, se dico
                                           "Sono Davide", il sistema, riconoscendo
                                           la frase esegua la macro che fa
                                           rispondere alla sintesi vocale "Ciao
                                           Davide, dimmi pure..".


      Questo sistema, ovviamente un po' limitato per un uso quotidiano, ha
tuttavia permesso di superare temporaneamente il problema della dipendenza
dall'utente e di dare un feedback su quanto riconosciuto dal software
concentrandosi sugli altri problemi. Si è anche pensato ad eventuali sviluppi di
questo sistema, ovvero la possibilità, tramite una pagina web, di concordare ed
aggiornare in base alle esigenze di ognuno, le frasi ammesse, creando un
vocabolario personalizzato per ogni utente o tipologia di utenti.

      Le prove effettuate hanno evidenziato ancora una volta che il problema
della sottotitolazione di una telefonata in diretta è di natura composita: il sistema
funziona solamente dopo pazienti regolazioni empiriche dei volumi di
ingresso/uscita di modem e scheda audio, e i risultati cambiano drasticamente al
variare dell'apparecchio telefonico.

      Inoltre collegando l'uscita della scheda audio all'ingresso del modem per
trasmettere quanto generato dalla sintesi vocale si generano disturbi e 'rumore
elettrico' che infastidiscono molto il riconoscimento. Paradossalmente si
ottengono migliori risultati nel trascrivere, con un sistema più complesso e
raffinato, un messaggio lasciato in segreteria telefonica piuttosto che riconoscere
'al volo' dei comandi prestabiliti appartenenti ad un vocabolario ristrettissimo.
Questo perché nel caso della segreteria telefonica c'è la possibilità di 'trattare'
opportunamente il file audio e convertirlo riducendo alcuni disturbi dati dalla linea
telefonica. Questo fatto conferma che il problema è la somma di tanti problemi di
diversa natura, che affrontati singolarmente trovano soluzioni praticabili, ma che
sommandosi originano problemi difficilmente superabili.




            4.5 SISTEMI DI VIDEO CONFERENZA E VIDEOTELEFONI




                                        82
                          C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE



      Nell'ambito progetto Voice, ed in particolare in quello delle attività in
collaborazione con le associazioni di audiolesi per promuovere l'utilizzo delle
nuove tecnologie, sono stati organizzati degli incontri e dei test di funzionamento
di alcuni sistemi di videoconferenza e di videotelefoni che sfruttano le potenzialità
delle nuove linee ISDN.

      La sperimentazione è stata in primo luogo condotta per verificare le
possibilità comunicative che vengono offerte alla persona sorda, ovvero verificare
la possibilità di utilizzare il linguaggio dei segni o la possibilità della lettura
labiale.

     A questo scopo è stato invitato al CCR-ISIS un gruppo campione di utenti,
composto da soggetti con vari gradi di sordità, di diverse età, alcuni dei quali in
grado di parlare fluentemente, altri che utilizzano la lingua dei segni. In questo
modo si è testata innanzitutto la fluidità e la definizione dell'immagine trasmessa,
che, per la prima volta nella storia di questi apparecchi, si è rivelata sufficiente
sia per la lettura labiale che per il linguaggio gestuale. La lettura labiale è da
sempre una delle prove più difficili da superare per questi apparecchi, in quanto
sia un numero insufficiente di fotogrammi al secondo, sia la scarsa nitidezza data
da una bassa risoluzione, causa l'impossibilità di comprensione da parte del
sordo.

      Gli apparecchi dell'ultima generazione utilizzano entrambi i canali messi a
disposizione dalla linea ISDN (in pratica vengono effettuate due telefonate
contemporaneamente) che consente così di inviare 128kb di dati al secondo.
Inoltre il video viene trasmesso assieme all'audio in formato compresso, secondo
un protocollo standard (H320) che garantisce la compatibilità con un vasto
numero di apparecchi differenti per caratteristiche prestazioni (da un semplice
videotelefono ad un sistema di videoconferenza con telecamere automatiche a
controllo vocale). Tale protocollo, oltre a trasmettere dati compressi, ripartisce la
banda in base alle esigenze, ovvero in modo 'intelligente'. Se ad esempio si sta
trasmettendo l'immagine di un oratore e tutto lo sfondo è fisso, viene trasmessa
solo la parte di immagine che ha subito una modificazione ovvero la parte
raffigurante il volto, senza inviare i dati relativi allo sfondo. Questo si traduce in
un miglioramento della fluidità e della definizione dell'immagine, in particolare
delle labbra che sono la parte dell'immagine che maggiormente ci interessa.

      L'altra prova che ha impressionato positivamente il pubblico ed i tecnici è
stata quella relativa alla sincronizzazione tra l'immagine e l'audio. Uno dei
potenziali punti deboli è infatti il possibile ritardo nella trasmissione
dell'immagine rispetto a quella del parlato. Se tale ritardo diventa percepibile può
disturbare la comprensione da parte di un sordo protesizzato che compensa il
deficit uditivo con la lettura labiale.

     Parallelamente si è deciso di tentare anche la sottotitolazione della
videoconferenza. Un primo test ha riguardato la trasmissione di sottotitoli
generati in locale. Da una parte si è messo un gruppo di sordi con un
videotelefono, dall'altra un udente con il prototipo Voice già impiegato per le
conferenze: un PC dotato del software di riconoscimento vocale e dello specifico
programma VOICE meeting che acquisisce l'immagine dalla telecamera che



                                         83
                          C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE



riprende l'oratore e visualizza sotto di essa i sottotitoli. A questo punto l'uscita
video del PC è stata collegata all'ingresso video del videotelefono, che ne esclude
la piccola telecamera incorporata. In questo modo attraverso il videotelefono è
stata trasmessa l'immagine dell'interlocutore udente corredata dal sottotitolo
direttamente sul piccolo display del videotelefono ricevente, o su uno schermo TV
ad esso collegato. Così si sono potute valutare le eventuali difficoltà nella lettura
del sottotitolo attraverso questo sistema, che si è rivelato ottimo anche per
questi impieghi. Inoltre con tale prova sono stati verificati in questa situazione
specifica quelli che erano i 'bisogni degli utenti' in materia di sottotitoli, cioè la
dimensione, il colore, il tipo di carattere, lo sfondo utilizzati nei sottotitoli. La
raccolta dei bisogni degli utenti è una delle importanti funzioni svolte nell'ambito
del progetto Voice, che fa poi da tramite fra le associazioni e gli enti che si
occupano di sottotitolazione, fornendo utili ed autorevoli indicazioni in materia.
Questa sperimentazione tuttavia, essendo basata sulla sottotitolazione 'in locale',
ha eliminato tutti i problemi sin qui evidenziati concentrando l'attenzione sulla
visualizzazione del sottotitolo, senza però preoccuparsi di come esso viene
generato.

      La prova di sottotitolazione della videotelefonata 'in remoto', ovvero con il
PC con il software di riconoscimento vocale installato presso la postazione del
sordo per generare i sottotitoli di ciò che dice il suo interlocutore dall'altra parte
del filo, è invece analoga al caso della sottotitolazione della telefonata, e perciò
estremamente difficoltosa per tutti i fattori sopra esposti.

      Anche se la presenza del doppio canale ISDN e della grande quantità di dati
che può trasmettere potrebbero far pensare di avere a disposizione un segnale
sonoro qualitativamente superiore a quello del telefono tradizionale, in realtà la
situazione non è affatto cambiata. In questi sistemi il protocollo di trasmissione
ripartisce la banda a disposizione a seconda dell'occupazione, per cui alla traccia
audio (compressa con un formato molto simile all'MP3) viene riservato uno
spazio estremamente ridotto (10% della banda) in favore dell'immagine che
occupa ovviamente moltissimo spazio.

     In futuro se, come sperato, saranno comprese le potenzialità del
riconoscimento vocale e l'importanza della sottotitolazione, si potrebbe tentare la
via di studiare protocolli alternativi e specifici che, ad esempio, trasmettano
l'immagine in B/N anziché a colori e permettano di dedicare una 'fetta' di banda
più ampia a favore della qualità audio, migliorando i problemi ad essa connessi,
senza tuttavia risolvere tutte le difficoltà già evidenziate parlando di telefonate.




               4.6 SOTTOTITOLAZIONE TELEVISIVA IN DIRETT A


     Nell'ambito della sperimentazione per la sottotitolazione di una telefonata,
sono state poste le basi per future sperimentazioni nella sottotitolazione
televisiva. Questa possibilità è nata anche grazie ai contatti con i responsabili del
sistema di sottotitolazione Televideo RAI ottenuti durante le conferenze e
workshop internazionali organizzati nella prima fase del progetto. I buoni risultati



                                         84
                          C AP 4:S OTTOTITOLAZIONE DI T ELEFONATE E VIDEOCON FERENZE



ottenuti con le conferenze garantiscono interessanti prospettive per sottotitolare
documentari o servizi giornalistici, essendoci la possibilità di far eseguire
l'addestramento al giornalista prima del servizio, mentre restano molti problemi
aperti circa l'impiego in film e trasmissioni caratterizzati da dialoghi veloci e con
molte voci diverse.

     L'idea, ancora allo stato embrionale, è quella di utilizzare un comune
sistema di riconoscimento vocale per PC per sottotitolare un giornalista mentre
legge un notiziario tv, correggendo in tempo reale il testo prodotto e mandando
in onda poi il tutto in lieve differita (30 sec - 2 min).

     Riuscire a proporre una dimostrazione credibile in tal senso significherebbe
andare ben oltre la semplice sensibilizzazione al problema di fronte ai
responsabili della sottotitolazione.

      Il sistema prevede il riconoscimento vocale di quanto detto dallo speaker
televisivo, l'invio della trascrizione ad una persona che velocemente ed in tempo
reale corregga i pochi errori commessi da sistema automatico, mandando il tutto
in onda pochi istanti dopo. Questa sarebbe una grandissima innovazione
nell'attuale processo di creazione dei sottotitoli, che porterebbe a risparmiare
tempo, persone, e denaro, con la possibilità di offrire al pubblico un numero
molto maggiore di trasmissioni sottotitolate (oggi la RAI sottottitola in media un
film ogni giorno ed un telegiornale).

     I punti di forza di questo sistema stanno nelle seguenti considerazioni:

- gli speaker televisivi sono professionisti con una dizione chiara, molto migliore
di quella dei normali utenti dei prodotti di riconoscimento vocale;

- la qualità sonora dell'input audio che viene dato al riconoscimento vocale è
ottima, grazie alle apparecchiature utilizzate in televisione;

- il testo del notiziario è disponibile prima dell'inizio della diretta TV ed è quindi
possibile farlo analizzare al riconoscimento vocale che eventualmente richiederà
l'addestramento delle poche parole nuove in esso contenute;

      Con questi presupposti ci si può aspettare ragionevolmente di avere una
trascrizione pressoché priva di errori, per cui il lavoro del correttore di bozze
dovrebbe essere estremamente limitato, tanto da consentire una differita che va
da i due minuti ai trenta secondi.

      I test di questo prototipo sono stati rimandati a causa della momentanea
indisponibilità di un apparecchio specifico per realizzare la differita, apparecchio
professionale estremamente costoso, che hanno in dotazione solamente gli studi
televisivi dei network più grossi. Sono perciò in corso degli accordi per poter
effettuare delle prove presso gli studi televisivi di Rai o di Mediaset.

      Questo progetto rimane tuttavia un esempio estremamente significativo
delle potenzialità non ancora sfruttate dei sistemi di riconoscimento vocale, e per
questo si pone come uno dei principali possibili sviluppi futuri dello spirito che ha
animato il progetto Voice.



                                         85
    L'HANDICAP    E   LA   RETE




 CO N CL US IO N I E
S V IL UP P I FUT UR I




             86
                       CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI


      Dal primo capitolo risulta un quadro della situazione dei siti web dedicati alla
disabilità alquanto variegato e caratterizzato da dinamiche di sviluppo molto
differenti rispetto ai siti commerciali. La comprensione di tali dinamiche è stata
resa possibile solo attraverso il contatto diretto con i responsabili dei siti o delle
associazioni e si è rivelata indispensabile per poter porre le basi per la creazione
del forum del sito Voice. Senza di essa sarebbero probabilmente passati in
secondo piano aspetti sociali e culturali che stanno alla base del tipo di approccio
che i disabili hanno verso il PC ed Internet, con il rischio di implementare
soluzioni tecnicamente ineccepibili ma poi fallimentari in una realtà così delicata.
L'analisi ha portato ad una ristrutturazione del sito per migliorarne la navigabilità
e renderne più attuale l'aspetto grafico. Questo nel pieno rispetto delle norme
sull'accessibilità, intesa come progettazione universale, ovvero come la
possibilità di personalizzazione da parte dell'utente, in modo da non escludere
nessuno dalla possibilità di accedere alle informazioni contenute nel sito.

      Ed il secondo capitolo ha dato indicazioni chiare in proposito: progettare un
sito dal nulla seguendo le norme per l'accesso ai disabili è più facile che adattare
un sito esistente mal progettato. Tali norme giovano inoltre a tutte le categorie di
utenti e a chi dovrà fare la manutenzione del sito, dato che l'accessibilità ha tra i
suoi fondamenti il rispetto degli standard più recenti che vogliono tecnologie
modulari, scalabili e personalizzabili. E da questa analisi arriva un'altra
importante considerazione: non bisogna demonizzare le soluzioni e proposte più
innovative che si stanno diffondendo per rendere più spettacolari ed interattivi i
siti, ma l'uso dissennato di tali strumenti. Se analizzati singolarmente i vari
componenti (es. Flash, plug-in, javascript) non sono di per sé inaccessibili, ma lo
diventano in tutte quelle situazioni in cui il criterio usato dal webmaster è quello
di impiegare a tutti i costi gli ultimi ritrovati della tecnica per essere al passo con
i tempi, senza curarsi delle possibili conseguenze per l'accessibilità.

      Si è trattato non solo di analizzare le norme più aggiornate e le tecniche più
efficaci per rendere un sito accessibile a tutti, ma anche di confrontarle con la
realtà dei siti esistenti e le possibilità reali. Un caso emblematico è quello dell'
HTML4, standard basilare per l'accessibilità, che attraverso i fogli di stile (CSS) e
nuovi TAG è in grado di risolvere molti problemi, ma che tuttavia non è ancora
pienamente ed uniformemente supportato dai browser in commercio (IE5 e
Nav4.7) costringendo chi sviluppa i siti ad utilizzare tecniche 'scorrette' (come
utilizzare le tabelle per controllare il layout della pagina) per avere davvero il
controllo sull'aspetto della pagina che si sta creando.

      Per capire se e quali speranze riporre nell'applicazione delle norme
sull'accessibilità si è guardato all'atteggiamento delle amministrazioni pubbliche,
dell'industria e delle istituzioni riguardo al problema. Ed il dato è confortante,
perché tutti i maggiori produttori di software stanno preoccupandosi di rendere
accessibili i loro prodotti e si stanno parallelamente prendendo provvedimenti,




                                         87
talvolta anche legislativi, per obbligare al rispetto dei bisogni di tutti, rendendo
pienamente accessibili le informazioni presenti in rete.

      Il forum di Voice, nato seguendo le indicazioni provenienti da questi diversi
ambiti, si è sviluppato seguendo requisiti frutto di considerazioni sia tecniche che
sociali e culturali: si è seguita la via della semplicità e della parallela
sperimentazione presso alcune associazioni di audiolesi per scongiurare il
pericolo di creare uno strumento all'avanguardia tecnicamente ma poi non
utilizzato nella pratica se non da pochi. La preziosa esperienza della Rete Civica
di Milano in materia di creazione e gestione di 'network communities' ha fornito
indicazioni importanti. Queste hanno condotto verso la centralità dell'utente nelle
fasi progettuali e la costituzione di aree di discussione che possano crescere 'dal
basso' ovvero dai contributi spontanei degli utenti, che devono percepire la
possibilità loro data di far sviluppare il forum in una direzione piuttosto che in
un'altra. Con la creazione del forum e le sperimentazioni parallele avviate con i
ragazzi di alcune associazioni di audiolesi lombarde si sono poste le basi per lo
sviluppo di un forum dedicato alla disabilità in generale e alla sordità nello
specifico, i cui positivi sviluppi già si iniziano ad intravedere, ma che potranno
essere valutati appieno solo tra qualche tempo.

      In materia di sottotitolazione, ambito specifico del progetto Voice, si è
affrontata la parte più complessa riguardante la sottotitolazione di una telefonata
tra un sordo ed un udente, dopo che erano stati raggiunti ottimi risultati
nell'ambito di conferenze e lezioni scolastiche. Si sono analizzati i diversi
problemi, legati alla limitatezza della banda telefonica, ai disturbi presenti sulla
linea, all'impossibilità di separare le due voci con conseguenti problemi di
sincronizzazione tra gli interlocutori, alla dipendenza dei sistemi di
riconoscimento vocale dal profilo vocale del singolo utente che nel caso di una
telefonata è spesso ignoto. Test su situazioni 'intermedie' dove si sono fissate
una o più variabili per concentrarsi sulle altre hanno dato buoni risultati, come
nel caso della trascrizione di un messaggio lasciato in segreteria telefonica.

      Ciò ha evidenziato come singolarmente si possa, non senza fatica, trovare
delle soluzioni, ma che la somma di tutti gli aspetti porta a problematiche
attualmente difficili da superare, lasciando tuttavia aperte molte strade alla
ricerca. In tal senso anche questa fase di sperimentazione, pur avendo incontrato
parecchie difficoltà, ha evidenziato le potenzialità dei sistemi di riconoscimento
vocali per la disabilità, ponendo le basi per un'opera di sensibilizzazione anche
nel campo della telefonia e della videotelefonia, in pieno accordo con lo spirito
che sin dalle origini ha animato il progetto Voice.




                                        88
                       L'HANDICAP             E   LA   RETE




                                RINGRAZIAMENTI




    Desidero ringraziare l'Ing.Pirelli per la disponibilità, totale ed incondizionata,
datami durante tutto l'anno di stage al JRC(Ispra) ed il Dott.Paglino per le
consulenze.

     Un ringraziamento particolare alla Prof.ssa De Cindio per l'attenzione con
cui ha seguito il mio lavoro, i consigli e gli incoraggiamenti offertimi durante lo
svolgimento della tesi e a tutto lo staff della Rete Civica di Milano per l'aiuto
cordiale e l'assistenza tecnica.

    Simpatia e riconoscenza vanno a tutti coloro che hanno contribuito a
rendere fruttifera e piacevole la mia permanenza al JRC: Alberto, Aleardo, Alida,
Anna, Chiara, Emanuela, Davide 'lupo', Lara, Laura, Martin, Nicla, Sara.

      Profonda gratitudine a chi ha combattuto al mio fianco durante il faticoso
cammino universitario: in ordine sparso (non litigate…), Dr.Babba, Raffina,
Cavino, Alesina, Alessia, Roby(F), Roby(M), Marco, MatteoBoat, Gianni, Angela,
Crisina, Michela.

      Ed altrettanta gratitudine e riconoscenza va a tutti coloro che non ho
nemmeno bisogno di nominare, tanto è stato il loro apporto, per aver sofferto,
gioito, pregato, imprecato, sudato, sperato e creduto in questa avventura, a
partire dagli sponsor (la mia famiglia).

    E pongo un freno all'entusiasmo prima di trovarmi a ringraziare 'tutti quelli
che mi conoscono'.




                                         89
                       L'HANDICAP             E   LA   RETE




                                   BIBLIOGRAFIA


[Bal95] BALLABIO E., L'impegno Comunitario nel settore della disabilità, in AEI,
Associazione Elettrotecnica ed Elettronica Italiana, Vol.82 No.9 sett. 1995

[Bit99] BITTELLI C., L'ausilio per cominciare, in Tecnologia e Integrazione, Ed.
ASPHI, Bologna 1999

[Cas98] CASTAGNI N. (a cura di), handicap e computer, Ed. Franco Angeli,
Milano 1998

[Car99] CARLINI F., Lo stile del web, Einaudi, Torino 1999

[Fea97] FEATHER S., Usare Javascript (titolo originale: JavaScript by Example),
Ed. Jackson Libri, Milano 1997

[Gia99] GIACOBINI C., RABBI N., L'handicap in rete, Ed. Centro Documentazione
Handicap, Bologna 1999

[Lyc99] LYCOS et alii, Come utilizzare una Web Community come strumento di
promozione, in Web Marketing Tools, Ed. Pro-Sources srl, SMAU99

[Mai2000] MAISTRELLO S., Senza Barriere, in Internet News febb.2000, Ed.
Tecniche Nuove, Milano 2000


    [Mit2000] MITCHELL S., ATKINSON J., ASP Active Server Pages 3.0, Ed.
Apogeo, 2000


[Naz99] NAZZANI G., Specifiche ed implementazione di un sito internet dinamico
per soggetti audiolesi, Tesi di laurea in Scienze dell'Informazione, Università degli
studi di Milano, 1999

[Vel2000] VELLEMAN E., SNETSELAAR H., Site Seeing, Fondazione Bartimeus
(info@bartimeus.nl), Zeist (Netherlands), 2000


     Risorse disponibili su WEB:


[Ris1] GARRITANO G., Una rete di barriere, in MediaMente RAI,
http://www.mediamente.rai.it/docs/approfondimenti/000307.asp

[Ris.2] NICOLOSI P., Disabilità nell'Italia digitale, in Punto Informatico
http://www.punto-informatico.it/ps.asp?i=29498




                                         90
[Ris.3] MELOAN S., Java Accessibility API goes to market,
http://java.sun.com/features/2000/03/accessibility.print.html

[Ris.4] SMARAGDIS M., Bridging the gap,
http://java.sun.com/features/2000/03/accessbridge.print.html

[Ris.5] Centro di Coordinamento degli Enti Territoriali, Piano 2000 - Accessibilità
alle informazioni della Pubblica Amministrazione
http://www.etx.it/piano2000/attivita/access.htm

[Ris.6] NEWS-Web 13/7/00 Software didattico, interpellanza al Senato, in Punto
Informatico, http://punto-informatico.it/p.asp?i=32561

[Ris.7] NEWS - Web 29/03/00 Zip,Speak il Linux parlante, in Punto Informatico,
http://punto-informatico.it/ps.asp?i=31282

[Ris.8] NEWS - 14/04/00 Quando il WAP è davvero utile, in Punto Informatico,
http://punto-informatico.it/ps.asp?i=31498

[Ris.9] Norme per l'accessibilità dei contenuti web del consorzio W3C, inziativa
WAI:
http://www.w3.org/TR/WAI-WebCONTENT/

[Ris.10] Lista completa delle linee guida WAI per la progettazione accessibile:
http://www.w3.org/WAI/GL/

[Ris.11] Norme progetto TRACE: www.trace.wisc.edu

[Ris.12] Riassunto norme TRACE in italiano realizzato dal CNR:
http://www.area.fi.cnr.it/hcap/italy/full/trace.htm

[Ris.13] Simulatore di browser testuale: www.skc.edu/webguide/lynxit.html




                                        91
                        L'HANDICAP              E   LA   RETE




                ALLEGATO 1 - SITI WEB RECENSITI N ELLA TESI


http://voice.jrc.it
www.retecivica.milano.it

Ausili
www.siva.it
www.ausilioteca.org
www.centriausili.org
www.accaparlante.it/cdh-bo/index.htm

Informazioni, leggi, 'portali'
www.uildm.org/handilinx/index.shtml
www.handylex.org
www.informahanidcap.it
www.affarisocialihandicap.it

Telelavoro
www.madri.com/twad
www.asphi.it

Manifestazioni fierisitiche
www.handimatica.it
www.messe-duesseldorf.de/de/1999/reha/

Risorse sulla disabilità e notizie
www.idg.fi.cnr.it/ita/idg/disabilita/siti.htm
www.comune.torino.it/~pass/
www.mediamente.rai.it

Sordità
www.mclink.it/com/airs/
www.tsi.it/contrib/audies/home.html
www.fiadda.it
www.mclink.it/mclink/sordi/
www.arpnet.it/~dire
www.arpnet.it/~docum
voice.jrc.it/forum/assoc_e.htm
http://utenti.tripod.it/ENS
www.ascoltaevivionlus.org

Accessibilità
www.w3.org/WAI
www.cast.org/bobby
www.htmlvalidator.com




                                          92
                           L'HANDICAP               E   LA    RETE




              ALLEGATO 2 - CHECKLIST PER UN SITO ACCESSIBILE -


   Provare a navigare senza mouse.

   Testare il sito con browser differenti, compreso uno testuale.

   Seguire gli standard, in particolare usare solo codice standard (HTML, XML).

   Utilizzare solo font standard, non font grafici, evitare: 'italic','extra-bold'.

   Preferire un contrasto elevato e dare la possibilità di modificare i colori.

   Non utilizzare i colori come unica via per dare informazioni.

   Fornire la possibilità del download evitando formati PostScript e PDF.

   Indicare nell'intestazione la posizione della pagina nel sito (struttura).

   Non permettere azioni senza che l'utente sia informato.

   Fornire la mappa del sito (non grafica); fornire un titolo significativo ad ogni pagina.

   Utilizzare una lingua per pagina, evitare abbreviazioni (problemi sintesi vocale).

   Tenere sempre presente che l'utente potrebbe aver disabilitato alcune funzioni, come
    il caricamento delle immagini, lo sfondo, fogli di stile, video, audio, applet, frame.
    Assicurarsi che non perda per questo informazioni.

   Fornire la possibilità di fermare o rallentare le animazioni. Oppure fornire
    un'alternativa.

   Non dividere le immagini in tabelle.

   Fornire la trascrizione del sonoro dei video-clip.

   Evitare l'uso dei frame, quando necessari dare nomi significativi (non: frame1,
    frame2)

   Tenere conto delle risoluzioni minori (telefoni, palmtop, TV) nel dimensionarli.

   Assicurarsi che frame e form siano accessibili tramite il tasto TAB, e che vi sia un
    passaggio logico tra i vari campi.

   Non usare tabelle per controllare il layout della pagina, ma fogli di stile.

   Specificare il formato di elementi non standard, verificando che sia disponibile il plug-
    in o l'add-on necessario e che sia supportato dagli screen-reader.

   Verificare che il documento sia accessibile anche se non sono supportati i CSS.




                                               93
             L'HANDICAP        E   LA   RETE




ALLEGATO 3 - LAVAGNA VIRTUALE DEL FORUM VOICE - ESEMPI -




                          94

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:113
posted:11/29/2011
language:Italian
pages:94