Docstoc

programma teatro

Document Sample
programma teatro Powered By Docstoc
					                                  Comune di Lerici

                           TEATRO ASTORIA
                      Programma stagione 2004/2005
   1 GENNAIO 2005 ore 16.30
    Concerto di Capodanno
    ORCHESTRA FILAMORNICA DI STATO ION DIMITRESCU
     diretta dal M.o GIAN LUCA MARCIANO’
     Programma

V. Bellini   Ouverture dalla "Norma"

G. Verdi     Ouverture dal "Nabucco"

W. A. Mozart Concerto in re magg. per flauto e orchestra (solista Claudia Iordache)

J. Strauss Ouverture dal "Pipistrello"

J. Strauss Vino, Donne e Canto

J. Strauss Sangue Viennese

J. Strauss Pizzicato Polka

J. Strauss Sul bel Danubio blu




   7 GENNAIO 2005 ore 21
    PRESEPE VIVENTE E CANTANTE                               abbonamento
    Opera di DAVID RIONDINO con
    David Riondino (narratore) e Stefano Bollani(pianoforte)
    e con Paola Benvegnù, Monica Demuru,Petra Magoni,Mauro Mengali (statuine
    cantanti)

    un presepe vivente… e cantante. Diamo voce agli umili,ai personaggi minori,ai poverelli,
    pastori,falegnami e quant’altro che ogni anno riemergono dagli scatoloni in cantina per essere
    riposizionati,all’interno del presepe, tesi verso la mitica capanna nell' impossibilità di raggiungerla.
    I loro pensieri diventano canzoni in un singolare spettacolo messo in scena da David Riondino,
    artista improvvisatore assai colto e sornione, e Stefano Bollani, straordinario pianista jazz con
    vocazione da comico. Il primo si è occupato del testo e sarà sul palco in veste di narratore; il
    secondo è l'autore delle canzoni, che eseguirà al pianoforte, con quattro cantanti nelle vesti delle
    statuine del presepe, Paolo Benvegnù, Monica Demuru, Petra Magoni e Mauro Mengali.




   27 GENNAIO 2005 ore 21
    UN SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE                             abbonamento
    di William Shakespeare
    uno spettacolo di Giuseppe Marini
    traduzione di Massimilano Palmese
    con maurizio palladino teseo- oberon,stefania politi ippolita- titania,
    vinicio marchioni puck, marta ferranti ermia,alessandra ingargiola elena
    benedetto sicca Lisandro,luca carboni Demetrio
    giandomenico cupaiuolo bottom- piramo,giulio turli flute- tisbe
    andrea di vincenzo egeo- quince- prologo- leone,
    nina raia tormento- muro- chiarodiluna
    Nel Sogno, come nella vita, può accadere di inseguire gli eventi senza riuscire a concatenarli. Può
    accadere di smarrirsi nei vari mondi rappresentati e nelle varie sottotrame, nel vertiginoso alternarsi
    di registri (tragico, comico, lirico, favoloso) che compongono un complicato, quanto affascinante
    congegno drammaturgico…
    Il Sogno è una favola delicata e terribile, sensuale ed efferata, piena di latenze, simboli inquietanti,
    tossicità acide abilmente nascosti dietro i divertimenti, le cortesie, il gioco degli equivoci, le magie, gli
    incantesimi coi quali gioca a imbellettarsi e ad apparire frivola. Ma ogni tanto il belletto si disfa e
    lascia intravedere sotto la cipria grumi di tormento, lividi e cicatrici non rimarginate, abissi di
    sofferenza dell’uomo e poeta Shakespeare, tutto il suo sentire l’Amore, la Morte, la Religione, l’Arte,
    il Teatro.


   4 FEBBRAIO ore 21

    ITALIANI CINCALI                                                                       abbonamento
    di Nicola Bonazzi e Mario Perrotta
    con MARIO PERROTTA
     Il nuovo personaggio- fenomeno di affabulazione del teatro italiano, Mario Perrotta, molto si
    accosta come stile e temi sociali affrontati ad Ascanio Celestini o Marco Paolini.
    “Italiani cincali” è un lavoro teatrale duro e poetico allo stesso tempo, nato da oltre un anno di
    indagini storiche e di interviste dirette, raccolte in tutto il sud ed il nord-est d’Italia. Un lavoro di alto
    valore civile e di straordinaria interpretazione, che ha fatto meritare ai suoi autori la consegna di una
    targa commemorativa da parte della Camera dei Deputati, per aver “ricostruito con assoluta fedeltà
    una parte della nostra storia che non possiamo dimenticare”. In un crescendo emotivo di
    sconvolgente spessore, il toccante monologo di Mario Perrotta racconta il dolore, la fatica e la
    disperazione di quei minatori italiani che alla fine della seconda guerra mondiale si videro costretti ad
    emigrare in Belgio per poter trovare un posto di lavoro. Cìncali venivano chiamati in Svizzera i nostri
    connazionali, alludendo forse alla parola “zingari” o magari riferendosi, in ogni caso sempre in senso
    spregiativo, ad una storpiatura della parola cinq, usata dagli emigranti padani nel gioco della morra.



   23 MARZO ore 21

    LA VISITA DELLA VECCHIA SIGNORA                                                        abbonamento
    di Friedrich Durrenmatt
    regia di Armando Pugliese
    con ISA DANIELI – MASSIMO FOSCHI
    ed altri 15 attori

    L’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro ha consegnato il Premio della Critica 2003/2004 quale
    miglior spettacolo a La visita della vecchia signora di Armando Pugliese. Riportiamo la motivazione
    del premio:

    Trasformare un testo dal suo interno, fino a farlo diventare qualcosa in più di un tremendo apologo
    sulla cattiveria umana, così La Visita della Vecchia Signora di Friedrich Dürrenmatt diventa un atto
    d’accusa contro una società imbelle e corrotta, mentre usa gli strumenti del teatro più efficaci e
    incisivi: quelli che ci arrivano dalla lezione di Brecht, e dall’immaginario scenico di Majakovski. Un
    palcoscenico pieno, in continuo movimento, ricco di belle immagini, come di perfette dinamiche
    sceniche, incandescente, sulfureo nell’accensione di una vita di provincia fatta di inganni, finte feste,
    grandi e piccole viltà. Il gelo dei sentimenti contrasta coi colori espressionisti di uno spettacolo che
    vive della bravura dei suoi interpreti. Una straordinaria Isa Danieli, livida e implacabile nel gesto,
    come nella ostesa carnalità, e Massimo Foschi, che fa del suo personaggio un uomo qualunque
    tragicamente contemporaneo, assicurano insieme agli altri bravissimi interpreti quel difficile equilibrio
    drammaturgica dato da tensioni a lungo coltivate, sempre irrisolte.
    La regia di Armando Pugliese, ricca di riferimenti all’immaginario teatrale e cinematografico
    novecentesco, col contributo delle scene ideate da Bruno Buonincontri, i costumi di Silvia Polidori, e
    le musiche di Pasquale Scialò dà all’intera vicenda quel tono acre, e nello stesso tempo lieve,
    perfino divertente, di tragedia rovesciata in sublime commedia dell’indifferenza.
   21 APRILE ore 21

    TANGO DI LUNA                                                                      abbonamento
    recuerdo del porvenir
    con LUCIANA SAVIGNANO
    e ALEJANDRO ANGELICA , MATTEO BITTANTE
    Una donna danza il tango di notte, sotto la luna, in un luogo qualsiasi di questo mondo. Poi, quella
    scena sospesa e sognante si trasforma. E ci troviamo in una milonga, il tipico locale dedicato a
    quell’incrocio inimitabile di anime e di corpi che è il sensuale ballo argentino. Qui, un cameriere
    riordina i tavoli e un ballerino, seduto per terra, lucida le sue scarpe. Ma l’arrivo improvviso della
    donna, in cerca di lezioni di tango, stravolge tutto. La ballerina non si esercita semplicemente nella
    tecnica dell’abbraccio o della camminata: ogni istante trascorso a danzare con quell’uomo diventa
    occasione di conoscenza, di conflitto, d’amore. E nel tango, la donna trova la forza per descrivere se
    stessa e la propria vita.
    Prende così forma un’intera esistenza trasfigurata in maniera frammentaria, poetica. Continuando a
    ballare, la donna rammenta il suo passato, cambia il suo presente,inventa il suo futuro. . Ed è
    proprio il potere contagioso del tango, sottolineato da una musica di profonda potenza emotiva, che
    la coreografa Susanna Beltrami vuole evocare, affidandosi alla grazia inimitabile di una grande étoile
    come Luciana Savignano.
    Ne nasce uno spettacolo fatto di corpo, suono e parola, una serie infinita di fatti e sentimenti
    intensamente offerti allo sguardo degli altri. Di tutti noi che osserviamo rapiti, completamente
    immersi in quegli arabeschi così perfetti da apparire, allo stesso tempo, pieni di passione e
    assolutamente disincarnati. Proprio come il più bel paesaggio del mondo quando è illuminato dalla
    luna.



   2 MAGGIO ore 21

    LA GATTA SUL TETTO CHE SCOTTA                                                      abbonamento
    Con MARIANGELA D’ABBRACCIO - ISA BARZIZZA – LUIGI DIBERTI
     e con Paolo Giovannucci
    Una storia americana? Non solo. La gatta sul tetto che scotta è uno dei testi simbolo del teatro
    moderno, in gioco il tema dell'incomunicabilità nella famiglia, del pregiudizio, del mal di vivere,
    l'omosessualità come istinto da reprimere ed infine la malattia che abbrevia il tempo per chiarirsi, per
    dirsi quello che non ci siamo mai saputi dire, per affermare le differenze. Le differenze che in
    Williams affiorano come sempre, anche in questo testo, sottilmente, sfiorano le coscienze del
    pubblico benpensante, non solo per la presunta omosessualità del giovane Brick, ma anche per
    come è tracciato il sottile confine tra bene e male all'interno di una famiglia benestante tipo. La casa
    come tempio della famiglia, museo della ricchezza, rappresenta il campo di battaglia dove si
    incrociano affetti ed egoismi di un nucleo formato da tre donne e tre uomini. Il ricco possidente Pollitt
    domina patriarcalmente la famiglia, composta dalla sua remissiva e devota moglie, e dai due figli,
    Brick, sposato a Margaret, che ama appassionatamente il marito, e Cooper, che ha in moglie la
    gretta Mae……….
CONCERTO
21 gennaio ore 21

DUO KEVORKOVA MARCIANO’
IRINA KEVORKOVA violino
GIANLUCA MARCIANO’ pianoforte

programma
J.S. Bach     Sonata n.2
F. Mendelssohn Sonata op. 4
J. Brahms     Sonata n. 2 op. 100




SERATA SPECIALE Omaggio a Giorgio Gaber
8 APRILE ore 21
   GABER-CHIC
    con ANNA MARIA CASTELLI
    Ermanno Signorelli - chitarra
    basi elettroniche originali di Dario Martinelli
    Storia, poesia e teatro di un uomo scomodo, di un raffinatissimo critico del costume e delle
   sue canzoni con Anna Maria Castelli,artista internazionale dalle straordinarie doti interpretative.



  FUORI DAL CLICHE’
   29 GENNAIO 2005 ore 21
    UN TURCO NAPOLETANO
    con “La Compagnia Teatrale Sognando”
    regia di Fernando Petroli
     progetto di Anna Maria Glavina

una compagnia fuori dai cliché ,solidarietà,creatività,impegno, divertimento in questo spettacolo
nato dopo i successi ottenuti dal 1999 e dalla “ 1° Biennale di teatro impegnato nel disagio
psichico”.
 LERICI IN PALCOSCENICO 2005 ore 21

    Compagnia delle Briciole - ottobre 2004
    Macnica – 11 febbraio
    Duo Enrica Bassano- Barbara Perazzo- 11 marzo
    Los Caimanos- 18 marzo
    In Canto Ensemble – 15 aprile
    Marilontani – 20 maggio
    Teatro iniziatico Athanor – 27 maggio




 LA DANZA DI CONFINE
  3° Festival di Assoli Butoh
    maggio 2005




       INFORMAZIONI :



PREZZI SINGOLI BIGLIETTI
Prosa
Posto numerato platea: intero Euro 16,00 - ridotto Euro 14,00
Posto numerato galleria: intero Euro 13,00 - ridotto Euro 12,00
Concerto di Capodanno
Posto unico numerato: intero Euro 12,00 - ridotto Euro 10,00
Lerici in Palcoscenico e concerto del 21 gennaio
Posto unico: intero Euro 7,00 - ridotto Euro 6,00

Danza Butoh
Posto unico: intero Euro 10,00 - ridotto Euro 8,00
Spettacoli per le scuole
Posto unico: Euro 5,00




ABBONAMENTI
L'abbonamento Le consentirà :
 Di scegliere subito ed una volta per tutte il posto migliore;
 Di risparmiare;
 Di avere il diritto di prelazione per la prossima stagione;
 Di conservare il posto ed usufruire di riduzione sul biglietto per il Concerto di Capodanno

Per gli spettacoli
in abbonamentoAbbonamento ROSSO: 6 spettacoli con posto fisso Euro 80,00
Abbonamento Speciale BLU: per gruppi di almeno 10 persone Euro 70,00 –


INFORMAZIONI
Biglietteria del Teatro – Via Gerini, 40 – 19032 Lerici – Tel. 0187 952253
Email: teatroastoria@comune.lerici.sp.it
Comune di Lerici - Servizio Politiche Sociali:
Via Gerini, 18 - Lerici - tel. 0187 960288

Vendita biglietti
Orario biglietteria per Prosa
I due giorni non festivi precedenti lo spettacolo: 16 - 19
Il giorno dello spettacolo: 17.00 - 21.00
Prenotazioni
I biglietti prenotati (anche telefonicamente, comunque con precedenza alle prenotazioni alla cassa)
devono essere ritirati entro le ore 20.30 della sera dello spettacolo.
 Numero massimo di prenotazioni per persona: 5.
Orario biglietteria per Concerto di Capodanno
mercoledì 29 e giovedì 30 dicembre: 16 - 19
Orario biglietteria per "Lerici in palcoscenico" e "3°Festival di Assoli Butoh"
Il giorno dello spettacolo 17.00 - 21.00
Gli spettacoli della rassegna "A teatro con la scuola" saranno comunicati alle Direzioni
Didattiche. Informazioni: Servizio Politiche Sociali - tel. 0187 960280
La Direzione si riserva di apportare, a date ed orari, le modifiche che si rendessero necessarie per ragioni di forza
maggiore

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:4
posted:11/25/2011
language:Italian
pages:6