POF - DOC by wTSxt1e

VIEWS: 35 PAGES: 84

									        ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE


  EUROPA UNITA
      SEDE: VIA MARCONI 6 - 10034 CHIVASSO - TEL. 011/9102246 - FAX 011/9111867
   SUCCURSALE: VIA PALEOLOGI, 22 - CHIVASSO - TEL. 011/911.22.36 - FAX 011/911.69.09
       sito: www .istitutoeuropaunita.it   e-mail: tois02700g@istruzione.it




                                                            N. I862R/2007
                                                        UNI EN ISO 9001:2000




    PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA
                     Anno Scolastico 2009 - 2010
                      “La mente che si apre ad una nuova idea,
                     non torna mai alla dimensione precedente”
                                      A. EINSTEIN




Versione aggiornata al 10/02/2010
                                                             INDICE

1.     INTRODUZIONE........................................................................................................... 4
2.     PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA .......................................................................... 5
2.1    Il contesto socio-economico...................................................................................... 5
2.2     Le Risorse .................................................................................................................. 5
2.2.1. Le Risorse Interne....................................................................................................... 6
2.2.2. Le Risorse Esterne ..................................................................................................... 6
2.3    I rapporti possibili ....................................................................................................... 7
3.     GLI INDIRIZZI E I PIANI DI STUDIO ............................................................................ 9
3.1. Gli indirizzi dell’EUROPA UNITA ............................................................................... 9
3.1.1. Biennio comune ITIS .................................................................................................. 9
3.1.2. Elettronica e Telecomunicazioni ............................................................................... 9
3.1.3. Meccanica .................................................................................................................. 10
3.1.4. Linguistico ................................................................................................................. 13
3.1.5. Socio-psico-pedagogico .......................................................................................... 13
3.1.6. Scienze sociali .......................................................................................................... 14
4.     FINALITA’ ED OBIETTIVI DELL’INTERVENTO FORMATIVO ................................. 20
4.1    Arricchimento ed ampliamento dell’offerta formativa ........................................... 20
4.2    Ambiti dell’offerta formativa .................................................................................... 21
4.3    Accoglienza, Salute e Prevenzione, Promozione della persona ........................... 21
4.4    Recupero, approfondimento-eccellenza, orientamento ........................................ 22
4.5    Teatro, cinema, arte, musica .................................................................................... 23
4.6    Umanistico, storico, socio-interculturale ............................................................... 24
4.7    Scientifico - Ambientale ........................................................................................... 24
4.8    Sport (area ITI ed area Liceo) ................................................................................... 25
Riferimento: progetto “Sport e Legalità a Scuola” .......................................................... 25
4.9    Comunicazione interne/esterne, reti di scuole ....................................................... 32
4.10 Tecnico ...................................................................................................................... 33
4.11 Rapporti con il territorio, viaggi d’istruzione, stages ............................................ 34
4.12 Linguistico ................................................................................................................. 34
4.13 Patto Formativo ........................................................................................................ 36
5.     LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ............................................ 39
5.1    Scheda riassuntiva della programmazione didattica ............................................. 40
5.1.1 Scheda riassuntiva delle Attività per l’A.S. 2009 – 2010 ........................................ 42
5.2    Valutazione attività didattica .................................................................................... 43
5.3    Valutazione della condotta ....................................................................................... 44
5.4    Valutazione dell’ammissione alle classi successive ............................................. 45
5.6 CREDITI, ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E RECUPERO ED AMMISSIONE
ALL’ESAME DI STATO ........................................................................................................ 46
5.6.1 Attribuzione del credito scolastico .......................................................................... 46
5.6.2 Articolazione degli interventi di sostegno e recupero……………………………….50
5.6.3 Recupero debiti formativi non colmati per alunni del triennio……………………..50
5.6.4 Risorse finanziarie .................................................................................................... 49
5.7    Criteri di attribuzione del Credito Scolastico .......................................................... 49
5.8    Criteri di attribuzione del Credito Formativo .......................................................... 49
6.     LA PROGETTAZIONE EXTRA CURRICOLARE ....................................................... 51
6.1 Responsabilità, fasi della programmazione e dell’esecuzione dei progetti .......... 51
6.2    Individuazione dei progetti....................................................................................... 51
6.3    Pianificazione dei progetti........................................................................................ 52
6.4    Attuazione dei progetti ............................................................................................. 52
6.5    Verifica e valutazione dei progetti ........................................................................... 52
6.6    Progetti dell’EUROPA UNITA ................................................................................. 525
7.     L’ORGANIZZAZIONE DELL’ISTITUTO ..................................................................... 64
7.1    Il Dirigente Scolastico .............................................................................................. 64
7.2   Il Direttore dei Servizi Amministrativi ..................................................................... 65
7.3   I° Collaboratore del Dirigente Scolastico- Collaboratore vicario .......................... 65
7.4   Collaboratori del Dirigente Scolastico .................................................................... 66
7.5   L’organizzazione funzionale del Collegio Docenti ................................................. 66
7.6   Lo Staff del Dirigente Scolastico ............................................................................. 66
7.7   Le Funzioni Strumentali al POF .............................................................................. 67
7.8   Il Consiglio di Istituto ............................................................................................... 67
7.9   I Coordinatori di Indirizzo ......................................................................................... 68
7.10 I Coordinatori di classe ............................................................................................. 68
7.11 Le strutture dell’EUROPA UNITA............................................................................. 70
8.    I RAPPORTI SCUOLA - FAMIGLIA ........................................................................... 71
9.    IL CALENDARIO SCOLASTICO 2009-2010 ............................................................. 71
10.   INTEGRAZIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI e ALLIEVI CON Disturbi
Specifici d’ Apprendimento ................................................................................................ 74
11.   SERVIZIO D’ ISTRUZIONE DOMICILIARE ............................................................... 76
12.    FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO ................................................................... 76
13.    INTEGRAZIONE ED INIZIATIVE CON IL TERRITORIO .......................................... 77
13.1 Stage Area ITIS.......................................................................................................... 78
13.2 Stage/Tirocinio Area Liceo ....................................................................................... 78
13.3 Filo diretto con le imprese ....................................................................................... 78
13.4 Percorsi POLIS .......................................................................................................... 78
13.5 Percorsi triennali……………………………………………………………………………81
13.6 Biennio integrato……………………………………………………………………………81
13.7 Iniziativa nazionale “Io Studio” - carta dello studente versione 2.0……………....82
14.    QUALITA’ E ACCREDITAMENTO ............................................................................ 80
14.1 Obiettivi per i processi del Sistema di gestione per la Qualità. ........................... 80
14.2 Obiettivi per gli utenti dei servizi,interni ed esterni. ............................................. 80
14.3 Obiettivi per la progettazione ed erogazione delle attività . ................................. 81
14.4 Obiettivi relativi alle risorse. ................................................................................... 81
14.5 Questionari per la valutazione del servizio scolastico ......................................... 81
15.    AUTOVALUTAZIONE E VALUTAZIONE DEL POF - MONITORAGGIO ................. 82
15.1 Autovalutazione e Valutazione. ................................................................................ 82
1.        INTRODUZIONE
Il Piano dell’Offerta Formativa è un documento fondamentale per l’Istituto, è reso pubblico e
consegnato agli Allievi ed alle Famiglie all’atto dell’iscrizione.

Esso è uno strumento “regolatore” della vita dell’istituzione scolastica e come tale evolve nel tempo
all’evolversi della domanda formativa, al cambiare delle esigenze degli Allievi e delle Famiglie, allo
sviluppo delle proposte culturali dei Docenti e di Dirigenti Scolastici.

Il P.O.F. è quindi il documento con cui l'I.I.S. "Europa Unita":
 esplicita le scelte culturali, didattiche ed organizzative che intende perseguire nel suo compito di
    educazione e formazione nell'ambito della realtà sociale in cui opera;
 presenta una visione d'insieme di tutte le attività da svolgere .

I principi guida che ispirano il Progetto Formativo dell' Istituto sono:

    Educazione alla cittadinanza e alla solidarietà che renda l'allievo consapevole delle regole che
     permettono una convivenza democratica;
    Responsabilità nei reciproci ruoli, di docenti, studenti e famiglie al fine di promuovere un’attività
     scolastica fruttuosa e vantaggiosa per il singolo e per la collettività;
    Flessibilità per la valorizzazione delle potenzialità di ciascun allievo con un’attenzione
     particolare per il sostegno alla disabilità e per la lotta al disagio e contro la dispersione scolastica;
    Attenzione alla qualità del servizio offerto nella direzione di una certificazione di competenze e
     di una valutazione dell’azione educativa e dei risultati non solo autoreferenziale;
    Territorialità, per la costruzione di un rapporto sinergico e permanente tra scuola ed esigenze
     formative del territorio, allo scopo di favorire il rapporto con il sistema produttivo locale.

In una dimensione di collaborazione, flessibilità e qualità, il P.O.F. è inteso come un patto formativo,
una articolazione tra Alunno, Genitori, Scuola e Territorio.


                                                      In tale prospettiva esso esprime un impegno da
               Genitore                               parte del personale docente ma nello stesso tempo
                                                      richiede l'assunzione di responsabilità da parte
                                                      dello studente e la collaborazione delle famiglie,
                                                      condizione     questa     indispensabile  per   la
                                                      realizzazione degli obiettivi prefissati.
    Allievo          POF             Scuola



                        Territorio
2.       PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA

L'Istituto di Istruzione Superiore "EUROPA UNITA" aggrega, dall’anno scolastico 2001-2002 due
realtà scolastiche diverse: l'Istituto Magistrale Statale e l'I.T.I.S. di Chivasso, è frequentato da oltre
1300 studenti, provenienti dalla città di Chivasso e dai comuni limitrofi.
Il personale Docente è di circa 180 unità mentre il personale ATA è costituito da circa 40 operatori.
Oggi esso si presenta come una realtà scolastica che ha unito il meglio dell'esperienza di una scuola
di base umanistica con una tecnica.
Si sono introdotti negli anni, nuovi corsi sperimentali quali: l'indirizzo linguistico (circolare 27), quello
socio-psico-pedagogico (sperim. Brocca) e il Liceo delle scienze sociali con opzioni: operatore socio-
culturale (dall'a.s. 1998-1999), sostituito, a partire da quest’anno scolastico (nella classe prima), dall’
indirizzo musicale, esperto multimediale (dall'a.s. 2000-2001) ed Indirizzo Sportivo (dall’a.s. 2005-
2006).
Sono inoltre attivi i corsi I.T.I.S. con un biennio comune ed i trienni di specializzazione in
MECCANICA ed ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI; sono state messe in atto nei rispettivi
settori prima le sperimentazioni assistite dal Ministero (Ergon e Ambra), poi le riforme di ordinamento
sia nel biennio che nel triennio, a partire dal 1995/96.
A seguito di tale evoluzione, l'Istituto si trova oggi a possedere un patrimonio molto ampio di risorse
materiali (strutture, attrezzature, materiale didattico e tecnico) e umane (competenze professionali in
ambiti molteplici) che permette attualmente di sostenere un'offerta formativa eccezionalmente ampia
e unica nel suo genere nel panorama del territorio.



2.1     Il contesto socio-economico
La Città di Chivasso è il principale centro del basso Canavese, sorge ventitré chilometri a nord – est
dal capoluogo di provincia: Torino.

Il suo vasto territorio è pianeggiante ma a sud, oltre il fiume Po, confina con le colline del Torinese e
del Monferrato.

Dai tardi anni Cinquanta inizia un periodo di decollo economico con rapida espansione demografica
ed edilizia: ai piccoli stabilimenti industriali già funzionanti – manifattura di tessili, concerie, distillerie –
si aggiunge l’impianto della centrale termoelettrica ENEL e soprattutto il grandioso stabilimento
Lancia (1963).

Dopo la chiusura di quest’ultimo (1993) e la sua riconversione, la città si è oggi parzialmente
risollevata investendo sempre più nel terziario e, grazie a nuovi insediamenti produttivi, sta
conoscendo un rinnovato sviluppo anche nel settore industriale.


2.2      Le Risorse
La scuola dell’autonomia è una scuola del cambiamento consapevole e costante, coerentemente
con il dinamico evolversi del contesto sociale ed economico della società contemporanea.
La scuola dell’autonomia nasce dalla consapevolezza di dover rompere l’isolamento e la
staticità in cui si è venuta a trovare la scuola tradizionale.
L’autonomia si fonda sull’interazione con la contemporaneità, sia sul piano disciplinare che dei
rapporti con il territorio anche per incidervi e attivarlo creando un sistema di relazioni sempre più
avanzato e complesso.
Questo compito inedito comporta una trasformazione sostanziale del modo di percepire i ruoli di
tutte le componenti del territorio e le loro reciproche interazioni, intese non come vincoli ma come
risorse da fare interagire per una crescita significativa dell’offerta scolastica.
La scuola per realizzare questo progetto innovativo può fare affidamento sia a Risorse Interne
all’istituzione scolastica che a Risorse Esterne presenti nel territorio di riferimento.

                                                                Umane
                                                                Strutturali
                                     INTERNE                    Strumentali
                                                                Consolidate
                                                                Finanziarie
RISORSE
                                                                Naturali
                                                                Economiche
                                     ESTERNE                    Istituzionali
                                                                Legislative
                                                                Finanziarie




2.2.1. Le Risorse Interne

Le attività del piano possono essere concretizzate solo se tutti i soggetti coinvolti si attivano con
sistematicità e convinzione e se il patrimonio culturale dell’Istituto fino ad oggi consolidato si pone al
servizio dei processi nuovi da costruire.
Fondamentale per la loro realizzazione è una efficace organizzazione che preveda un uso razionale
degli spazi e un utilizzo appropriato delle strumentazioni.

                        Condivisione degli obiettivi - Clima relazionale soddisfacente
Umane                   Disponibilità al cambiamento - Disponibilità all’aggiornamento ed alla
                        formazione
                        Sede via Marconi
Strutturali             Succursale via Paleologi n.° 22
                        Succursale via Marconi n.° 2
                        Uffici Amministrativi - Strutture sportive - Aula magna – Laboratori - Sale
Strumentali
                        audiovisive - Biblioteca
                        Progetti speciali
Consolidate
                        Attività integrative
                        Finanziamenti statali - Finanziamenti per la sperimentazione dell’autonomia
Finanziarie
                        Tasse scolastiche - Finanziamenti sperimentazioni




2.2.2. Le Risorse Esterne

La programmazione dell’attività scolastica nel suo insieme si arricchisce recependo dalla realtà
esterna una serie di elementi con i quali interagire per potenziare e organizzare sia la normale attività
didattica curricolare, sia progetti speciali dell’autonomia sia attività di laboratori extracurricolari.




Naturali                       Bacino del Po
                               Artigianato, Piccola industria
Economico sociale              Strutture sanitarie
                               Sportelli bancari
                               USP, Scuole del territorio, Istituto Musicale Comunale “Leone
Istituzionali
                               Sinigaglia”,
                               Regione, Provincia, Comuni, ASL
                               Università
                               Leggi regionali
Legislative                    Leggi nazionali
                               Attività Europee
                               Finanziamenti Comuni - Finanziamenti Imprenditori
Finanziarie                    Finanziamenti Istituti Bancari - Finanziamenti Provincia
                               Finanziamenti Regionali - Finanziamenti Europei


2.3       I rapporti possibili
Accogliendo “la sfida di consapevolezza e qualità” a cui la scuola è chiamata per la realizzazione del
Piano dell’Offerta Formativa riteniamo fondamentale migliorare e rendere più efficaci i rapporti con
il mondo esterno.
Per quanto riguarda il nostro Istituto intendiamo porci come struttura aggregante di un territorio in via
di trasformazione e articolato come quello del Chivassese.
Tale esigenza si è sviluppata nel tempo attraverso esperienze e iniziative di vario genere (stage,
indagini statistiche sul territorio, presentazione delle attività teatrali e culturali, etc ...).
Riproponendo il percorso finora compiuto vogliamo tradurre spontaneità e impegno in un progetto
sistematico e razionale.
A questo proposito crediamo assolutamente prioritario definire parametri e atteggiamenti comuni che
permettano di realizzare esperienze efficaci e organiche, pronti a cogliere le trasformazioni e
disponibili a successivi aggiustamenti delle scelte operate.
In tal senso crediamo opportuno rapportarci al seguente schema di riferimento:

                                                              Attività culturali
                                 Popolazione
                                                              Incontri e seminari Convegni tematici
                                                              Iniziative congiunte
                                 Istituzioni                  Convegni
                                 politico-amministrative      Iniziative sportive-ricreative
                                                              Offerta e uso strutture
                                                              Altre scuole,
                                                              Istituto Musicale Comunale “Leone
    RAPPORTI POSSIBILI                                        Sinigaglia”,
                                 Istituzioni culturali
                                                              Università
                                                              IRRE, USP
                                                              Informa giovani
                                                              Stage
                                 Mondo del lavoro
                                                              Formazione professionale
                                                              Incontri
                                 Ex alunni                    Questionari
                                                              Convegni ex alunni

Considerando la particolare collocazione territoriale della Scuola e consapevoli del ruolo che
l’istituzione scolastica assume in un simile contesto, riteniamo che i momenti qualificanti del rapporto
scuola – territorio possono essere riassunti nel modo seguente:

     incentivare l’attenzione alle problematiche proprie del Chivassese e del territorio limitrofo;
     stimolare l’indagine e la scoperta della cultura, della tradizione, dell’ambiente storico del
      Chivassese;
     essere sensibili e attenti alle trasformazioni in atto nel territorio per favorire scelte e
      comportamenti e per formulare ipotesi future di indirizzi nuovi che possono realizzarsi nella
      nostra realtà;
     porsi come una struttura aggregante di un territorio ampio e articolato, attraverso la trasparenza
      delle scelte e dell’organizzazione, come struttura di sistema formativo in un’ottica di servizio per
      la comunità;
   promuovere l’istituzione di corsi post–diploma, IFTS, etc.;
   coinvolgere gli ex alunni ai fini di un riscontro di tipo formativo e professionale nella
    continuazione di un legame in itinere;
   diffondere e far conoscere le iniziative culturali prodotte dall’Istituto;
   avvicinare la popolazione all’utilizzo delle strutture scolastiche e delle competenze professionali;
   stabilire un rapporto di collaborazione e di riferimento reciproco con gli enti pubblici e comunità
    internazionali;
   intensificare contatti e incontri con enti e uffici al fine di orientare e favorire inserimento nella
    realtà operativa del territorio;
   sensibilizzare Istituti bancari e aziende a sostenere la realizzazione di progetti promossi dalla
    scuola;
   elaborare strategie al fine di mantenere un rapporto più diretto con gli insegnanti della scuola
    media inferiore;
   stabilire contatti con le Università e il Distretto Scolastico per favorire l’orientamento e
    l’inserimento degli allievi;
   promuovere collaborazioni con l’Università e docenti universitari;
   partecipare e favorire le attività culturali e ricreative di risonanza distrettuale e provinciale;
   tenere i contatti con enti esterni per l’aggiornamento;
   far conoscere attraverso i mezzi di comunicazione di risonanza locale le offerte di formazione
    culturale e professionale dell’Istituto;
   verificare puntualmente in itinere e alla fine l’organizzazione che la scuola si è data per
    modificare tempestivamente carenze o errori;
   rivalutare e valorizzare il ruolo dei genitori e delle famiglie, offrendo l’effettiva possibilità di
    essere punto di riferimento per la comunità scolastica
3.         GLI INDIRIZZI E I PIANI DI STUDIO

3.1.      Gli indirizzi dell’EUROPA UNITA
Lo schema seguente riporta le tipologie degli indirizzi di studio presenti nel nostro istituto

                                             EUROPA UNITA


                AREA ITIS
                                                                         AREA         LICEO
             Biennio comune

                            ELETTRONICA E                   SCIENZE          SOCIO PSICO
     MECCANICA                                                                                     LINGUISTICO
                          TELECOMUNICAZIONI                 SOCIALI          PEDAGOGICO




                                                           OPERATORE               ESPERTO             INDIRIZZO
                                   MUSICALE              SOCIOCULTURALE          MULTIMEDIALE          SPORTIVO


3.1.1. Biennio comune ITIS
Il BIENNIO è uguale per tutti gli Istituti Tecnici Industriali: ha un carattere formativo di base e di
preparazione per i trienni successivi. Il piano di studi prevede attualmente:
          materie comuni a tutti i tipi di scuola;
          elementi di diritto ed economia, per rispondere alla formazione del cittadino moderno;
          nelle ore di laboratorio di fisica, chimica, informatica e tecnologia c’è la presenza di due insegnanti
       (teorico e pratico) al fine di facilitare l’apprendimento degli allievi;
          nei laboratori di matematica si studia l’utilizzo di Word, Excel, Power-Point, Pascal;
          nelle ore di Tecnologia e Disegno si utilizzano software CAD.

                     Discipline Biennio Comune ITIS                                    Anni di corso
                                                                                     I                   II
  Religione                                                                         1                    1
  Italiano                                                                          5                    5
  Lingua straniera                                                                  3                    3
  Storia                                                                            2                    2
  Diritto ed Economia                                                               2                    2
  Geografia                                                                         3                     -
  Matematica                                                                       5(2)                 5(2)
  Scienze della terra                                                               3                     -
  Biologia                                                                           -                   3
  Fisica e laboratorio                                                             4(2)                 4(2)
  Chimica e laboratorio                                                            3(2)                 3(2)
  Tecnologia e Disegno                                                             3(2)                 6(3)
  Educazione fisica                                                                 2                    2
 Totale ore settimanali                                                           36(8)                36(9)
Le ore in parentesi sono riservate ad attività di laboratorio



3.1.2. Elettronica e Telecomunicazioni
Il perito elettronico deve:
L'obiettivo del corso è quello di formare un perito industriale polivalente che, avendo acquisito le
abilità progettuali e le competenze di base delle Telecomunicazioni e dei Sistemi di Automazione,
sappia inserirsi con uguali possibilità nei vari settori lavorativi dell'elettronica, dove curerà la sua
specializzazione.
Il punto cardine del corso è costituito dalla metodologia di apprendimento che si sviluppa attraverso
una costante attività progettuale che prevede l'uso della strumentazione e delle risorse tecniche e
tecnologiche più attuali.

Il perito in Elettronica e Telecomunicazioni è preparato a:

         svolgere, organizzandosi autonomamente, mansioni indipendenti.
         documentare e comunicare adeguatamente gli aspetti tecnici, organizzativi ed economici del
         proprio lavoro;
         interpretare nella loro globalità le problematiche produttive, gestionali e commerciali dell'
         azienda in cui opera;
         aggiornare le sue conoscenze anche al fine della eventuale conversione di attività;

ed è in grado di:

          analizzare e dimensionare reti elettriche lineari e non lineari;
          analizzare le caratteristiche funzionali dei sistemi, anche complessi, di generazione,
         elaborazione e trasmissione di suoni, immagini e dati;
          progettare , realizzare e collaudare sistemi semplici , ma completi, di automazione e di
         telecomunicazioni, valutando, anche sotto il profilo economico, la componentistica presente sul
         mercato


            Discipline Indirizzo Elettronica e Telecomunicazioni                          Anni di corso
                                                                                   III           IV       V
  Religione                                                                         1             1       1
  Lingua e lettere italiane                                                         3             3       3
  Storia                                                                            2             2       2
  Lingua straniera                                                                  3             3       2
  Economia industriale ed elementi di diritto                                       -             2       2
  Matematica                                                                        4             3       3
  Meccanica e macchine                                                              3             -        -
  Elettronica                                                                     4(2)          5(3)     4(2)
  Elettrotecnica                                                                  6(3)            3        -
  Sistemi elettronici automatici                                                  4(2)          4(2)     6(3)
  Telecomunicazioni                                                                 -             3      6(2)
  Tecnologie elettroniche, disegno e progettazione                                4(3)          5(4)     5(4)
  Educazione fisica                                                                 2             2       2
                            Totale ore settimanali                               36(10)        36(9)    36(11)
Le ore in parentesi sono riservate ad attività di laboratorio




3.1.3. Meccanica

Obiettivo del nuovo curricolo è quello di definire una figura professionale capace di inserirsi in realtà produttive
molto differenziate e caratterizzate da rapida evoluzione, sia dal punto di vista tecnologico sia da quello
dell'organizzazione del lavoro.
Le caratteristiche generali di tale figura sono le seguenti:

    1.           versatilità e propensione culturale al continuo aggiornamento;
 2.          ampio ventaglio di competenze nonché capacità di orientamento di fronte a
    problemi nuovi e di adattamento alla evoluzione della professione;
 3.          capacità di cogliere la dimensione economica dei problemi.

Nel settore meccanico, l'obiettivo si specifica nella formazione di una accentuata attitudine ad affrontare i problemi
in termini sistemici, basata su essenziali e aggiornate conoscenze delle discipline di indirizzo, integrate da
organica preparazione scientifica nell'ambito tecnologico e da capacità valutative delle strutture economiche della
società attuale, con particolare riferimento alle realtà aziendali.

Il perito meccanico deve:

a) conoscere i principi fondamentali di tutte le discipline necessarie per una formazione di
base nel settore meccanico ed in particolare:
     delle caratteristiche di impiego, dei processi di lavorazione e del controllo di qualità dei
    materiali;
     delle caratteristiche funzionali e di impiego delle macchine utensili;
     della organizzazione e gestione della produzione industriale;
     dei principi di funzionamento delle macchine a fluido;
     delle norme antinfortunistiche e di sicurezza del lavoro.

b) avere acquisito sufficienti capacità per affrontare situazioni problematiche in termini
sistemici, scegliendo in modo flessibile le strategie di soluzione; in particolare, deve avere
capacità:
      linguistico-espressive e logico-matematiche;
      di lettura ed interpretazione di schemi funzionali e disegni di impianti industriali;
      di proporzionamento degli organi meccanici;
      di scelta delle macchine, degli impianti e delle attrezzature;
      di utilizzo degli strumenti informatici per la progettazione, la lavorazione, la movimentazione;
      di uso delle tecnologie informatiche per partecipare alla gestione ed al controllo del processo
    industriale.


Il Perito Industriale per la Meccanica deve, pertanto, essere in grado di svolgere mansioni
relative a:
       fabbricazione e montaggio di componenti meccanici, con elaborazione di cicli di lavorazione;
       programmazione, avanzamento e controllo della produzione analisi e valutazione dei costi;
       dimensionamento, installazione e gestione di semplici impianti industriali;
       progetto di elementi e semplici gruppi meccanici;
       controllo e collaudo dei materiali, dei semilavorati e dei prodotti finiti;
       utilizzazione di impianti e sistemi automatizzati di movimentazione e di produzione;
       sistemi informatici per la progettazione e la produzione meccanica;
       sviluppo di programmi esecutivi per macchine utensili e centri di lavorazione CNC;
       controllo e messa a punto di impianti, macchinari nonché dei relativi programmi e servizi di
    manutenzione;
       sicurezza del lavoro e tutela dell'ambiente.




                     Discipline Indirizzo Meccanico                                        Anni di corso
                                                                                     III          IV          V
   Religione                                                                         1            1           1
   Lingua e lettere italiane                                                         3            3           3
   Storia                                                                            2            2           2
   Lingua straniera                                                                  3            3           2
   Economia industriale ed elementi di diritto                                  -              2       2
   Matematica                                                                 4(1)            3(1)    3(1)
   Meccanica applicata e macchine a fluido                                    6(2)            5(2)     5
   Tecnologia meccanica ed esercitazione                                      5(5)            6(4)    6(6)
   Disegno, progettazione ed organizzazione industriale                        4              5(2)    6(3)
   Sistemi ed automazione industriale                                         6(3)            4(3)    4(3)
   Educazione fisica                                                           2               2       2
                           Totale ore settimanali                            36(11)      36(12)      36(13)
Le ore in parentesi sono riservate ad attività di laboratorio

Da alcuni anni questi indirizzi non riescono più a soddisfare le richieste del territorio, in quanto tutti gli
ex allievi lavorano o sono impegnati all’università.


Tutoring
Il tutoring è una azione svolta da un docente del Consiglio di Classe per:
     Aiutare gli allievi in difficoltà rispetto al loro inserimento nel sistema scolastico
     L'attivazione di strategie idonee a colmare carenze strutturali
     Assistenza nel caso di difficoltà sulla scelta del percorso di studi effettuata

Iniziative di recupero e potenziamento
Cinque ore massime alla settimana disposizione del Consiglio di Classe, oltre l'orario curricolare, da
utilizzare per il recupero o potenziamento di carenze formative.
3.1.4. Linguistico
L’indirizzo Linguistico risponde ad un’esigenza culturale molto viva e diffusa di studi che permettano
di stabilire un concreto rapporto con paesi e con civiltà diverse, oltre che garantire un’effettiva
presenza dello Stato in un ambito, quello linguistico appunto, che nella tradizione scolastica italiana è
sempre stato esclusivo appannaggio di strutture private.

 Esso costituisce certamente un esempio pienamente realizzato di interpretazione del sistema scuola
come sistema aperto alle sollecitazioni derivanti dal contesto socio - culturale.
Le considerazioni sopra esposte si enucleano in un progetto i cui obiettivi generali possono essere
così definiti:

       promuovere negli studenti un’attitudine mentale critica, recuperando i valori più significativi
    della nostra tradizione umanistica, intesa come continua e rinnovata capacità dell’essere umano
    di indagare sul passato per meglio conoscere, comprendere, interpretare e valutare il presente;
        assicurare agli studenti una preparazione più specifica che salvaguardi sia colui che opta,
    alla fine del curricolo, per un inserimento nel mondo del lavoro, sia colui che intende proseguire
    gli studi a livello universitario.

L’indirizzo linguistico prevede un’articolazione di attività diversificate che contribuiscono allo sviluppo
di profili curricolari spendibili nel mercato europeo.

 A tutt’oggi, nell’istituto si considerano prima e seconda lingua straniera l’inglese o il francese che
sono presenti nel curricolo dell’intero quinquennio. La terza lingua straniera, tedesco (senza limite
numerico d’iscrizioni) o spagnolo (con il limite massimo nella costituzione di una classe), si inserisce
solo nel terzo anno ed è presente in tutto il triennio.


                         Discipline Indirizzo Linguistico                                 Anni di corso
                                                                                      I     II   III   IV   V
Religione                                                                            1      1    1     1    1
Educazione Fisica                                                                    2      2    2     2    2
Italiano                                                                             5      5    4     4    4
Storia e Geografia                                                                   3      3    -     -    -
Storia                                                                               -      -    2     2    3
Latino                                                                               3      3    3     3    2
1° Lingua straniera (un’ora compresenza conversatore madrelingua)                    3      3    4     4    4
2° Lingua straniera (un’ora compresenza conversatore madrelingua)                    4      4    4     4    4
3° Lingua straniera (Tedesco* o Spagnolo**)
                                                                                      -     -    5     5    5
(un’ora in compresenza con conversatore madrelingua)
Educazione civica, giurid. ed econ.                                                  2      2    -     -    -
Filosofia                                                                            -      -    3     3    3
Matematica con elementi di informatica                                               4      4    3     3    3
Fisica                                                                               3      3    -     -    -
Biologia, chimica, scienza della terra                                               3      3    -     -    -
Scienze e geografia                                                                  -      -    2     2    2
Linguaggi visivi                                                                     2      2    -     -    -
Storia dell’arte                                                                     -      -    2     2    2
Totale ore settimanali                                                               35 35 35 35 35
*Senza limite di scelta **Costituzione max una classe




3.1.5. Socio-psico-pedagogico
Le ragioni dell’indirizzo socio-psico-pedagogico sono configurabili sia nell’offerta di buone basi
culturali per la prosecuzione degli studi universitari specifici sia nell’orientamento all’ambito delle
discipline psicologiche e delle scienze della formazione. La sua caratterizzazione è data da una valida
cultura generale integrata da dimensioni specifiche, particolarmente garantite dalle discipline
appartenenti all'area delle scienze. Le varie discipline rispondono tutte a obiettivi e finalità educative
che possono essere così sintetizzate:
      acquisizione di abilità tecnico-pratiche anche attraverso la frequentazione di laboratori psico-
     pedagogici;
      acquisizione di una metodologia di ricerca, psicologica, pedagogica e sociologica;
      approfondimenti culturali relativi alle discipline dell’area umanistica e scientifica.

                       Discipline Socio-psico-pedagogico                                 Anni di corso
                                                                                       I   II III IV V
   Religione                                                                          1    1    1    1   1
   Educaz. Fisica                                                                     2    2    2    2   2
   Italiano                                                                           5    5    4    4   4
   Latino                                                                             4    4    3    3   2
   Lingua straniera                                                                   3    3    3    3   3
   Storia                                                                             2    2    2    2   3
   Geografia                                                                          2    2    -    -   -
   Diritto-Economia                                                                   2    2    -    -   -
   Legislazione Sociale                                                                -    -   -    -   3
   Filosofia                                                                           -    -   3    3   3
   Pedagogia                                                                           -    -   3    3   3
   Psicologia                                                                          -    -   2    2   -
   Sociologia                                                                          -    -   2    2   -
   Elem. di Psic.Soc. e Statistica                                                    4    4    -    -   -
   Sociologia e metodologia della ricerca socio-psico-pedagogica                       -    -   -    -   2
   Matematica (con elementi di informatica*)                                          4*   4*   3    3   3
   Scienze della terra                                                                3     -   -    -   -
   Biologia                                                                            -   3    -    -   3
   Fisica                                                                              -    -   -    4   -
   Chimica                                                                             -    -   4    -   -
   Musica                                                                             2    2    -    -   -
   Arte                                                                                -    -   2    2   2
  Totale ore settimanali                                                              34 34 34 34 34

3.1.6. Scienze sociali
L’indirizzo di studio delle Scienze sociali è centrato sulla conoscenza della pluralità delle culture, delle
strutture e delle stratificazioni sociali, delle articolazioni normative ed economiche, dell’insieme delle
dinamiche formative e della dimensione psicologica propria dei comportamenti individuali e collettivi.
L’impianto concettuale di questo indirizzo richiede la conoscenza:
     dei principi teorici e metodologici indispensabili per analizzare i fenomeni della
       contemporaneità, ricollegandoli sia alle loro specificità storiche e sociali sia agli orientamenti di
       una cultura che si va sempre più affermando come globale;
     della complessità data dall’interazione continua e problematica fra natura e cultura che oggi
       assume particolare rilievo di fronte agli sviluppi del pensiero scientifico e delle sue applicazioni
       in campo tecnologico.
Il profilo dell’indirizzo consente allo studente che esce da tale percorso di proseguire gli studi superiori
o di inserirsi direttamente nel mondo del lavoro, sulla base di scelte motivate anche dalla specificità
del profilo stesso.
                                          DISTRIBUZIONE ORARIA
Il progetto di formazione curricolare, che mira alla maturazione di questo specifico profilo, richiede che lo
studente arricchisca la sua esperienza attraverso contatti e momenti di socializzazione e scambio con il
territorio. Poiché è necessario che vengano incoraggiati aspetti personali di interessi e abilità non
completamente realizzabili mediante le iniziative scolastiche istituzionalizzate, si è ritenuta funzionale allo
scopo la distribuzione delle previste trenta ore su cinque giorni settimanali. Il sabato mattina potrà quindi
essere dedicato sia a proposte dell'organizzazione scolastica sia ad esperienze di arricchimento personale
gestite dallo stesso studente.
       PROGRAMMAZIONE FLESSIBILITÀ ORGANIZZATIVA E DIDATTICA PER GLI ALUNNI
Ogni CdC definisce all’inizio dell’a.s. gli interventi più opportuni da realizzare
    Socializzazione durante gli intervalli;
    Giorni extra di lezione;
    Attività didattiche educative inerenti all’offerta formativa (uscite didattiche, corso di lingue, cineforum,
       giornata della salute, giornata della memoria, giornata dell’Europa, giornata della Regione, etc.).
La caratterizzazione di tale corso è così configurabile:
Scienze sociali: Operatore socioculturale
Dal corrente a.s. non è più attiva la classe prima di questo indirizzo; è invece attiva la prima
classe del nuovo LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI ad indirizzo MUSICALE.

La specializzazione “Operatore Socioculturale” risponde alla necessità del sociale in campo culturale
e professionale consentendo l’inserimento in ambiti che richiedano sensibilità ai contesti sociali ed
attenzione agli aspetti culturali; mira inoltre a formare una personalità capace di interagire
positivamente con una realtà complessa, sensibile ai problemi di cui sa individuare gli elementi
costitutivi e prospettare ipotesi di risoluzione

                    Discipline per Operatore Socioculturale                                  Anni di corso
                                                                                              II III IV V
Religione                                                                                      1     1     1     1
Educazione fisico-motoria                                                                      2     2     2     2
Italiano                                                                                       4     4     4     4
Storia                                                                                        2+1   2+1   2+1   2+1
Diritto-Economia (1 ora in compresenza con Storia)                                            1+1   1+1   1+1   1+1
Prima lingua straniera                                                                         3     2     2     2
Matematica                                                                                     4     3     3     3
Scienze della terra                                                                            2     -     -     -
Linguaggi non verbali e multimediale (1 ora in compresenza con altre discipline)              1+1    -     -     -
Filosofia (1 ora in compresenza con Scienze Sociali)                                           -    2+1   2+1   2+1
Scienze Sociali                                                                                5    5+1   5+1   5+1
Seconda lingua straniera                                                                       2     3     3     3
Scienze sperimentali                                                                           2     -     2     1
Cultura del patrimonio artistico territoriale                                                  -     2     -     1
Recupero del disagio e dell' handicap                                                          -     1     1     1
                               Totale ore settimanali                                          30 30 30 30




Scienze sociali: esperto multimediale
La specializzazione “Esperto Multimediale” si pone come obiettivo la preparazione di persone che,
oltre ad una formazione culturale di tipo liceale, siano in grado di operare nell’ambito della
comunicazione, avvalendosi di procedure informatiche e multimediali.
La didattica del corso è infatti mirata a sviluppare una cultura multimediale fondata sulla padronanza
e sull’uso consapevole delle tecniche specifiche, con l’obiettivo più generale di potenziare i
procedimenti di apprendimento dell’allievo e di stimolarlo alla creatività.
Al termine del corso lo studente sarà in grado di muoversi con disinvoltura nel mondo della
comunicazione, con l’uso dei linguaggi e delle tecnologie più appropriate, grazie anche alla
conoscenza dei più comuni strumenti hardware e software.



                      Discipline per Esperto Multimediale                                   Anni di corso
                                                                                  I    II   III   IV   V
 Religione                                                                        1   1   1   1   1
 Educazione fisico-motoria                                                        2   2   2   2   2
 Italiano                                                                         4   4   4   4   4
 Storia                                                                          2+1 2+1 2+1 2+1 2+1
 Diritto-Economia (1 ora in compresenza con Storia)                              1+1 1+1 1+1 1+1 1+1
 Prima lingua straniera                                                           3   3   2   2   2
 Matematica                                                                       4   4   3   3   3
 Scienze della terra                                                              2   2   -   -   -
 Linguaggi non verbali e multimediali                                            1+1 1+1 -    -   -
 Filosofia (1 ora in compresenza con Scienze Sociali)                             -   - 2+1 2+1 2+1
 Scienze Sociali                                                                  5   5 6+1 4+1 5+1
 Seconda lingua straniera                                                         2   2   3   3   3
 Scienze sperimentali                                                             -   -   -   2   1
 Linguaggi Multimediali                                                           2   2   2   2   2
                             Totale ore settimanali                              30 30 30 30 30



Scienze sociali: indirizzo sportivo
Il corso di studi è una nuova proposta nel settore della formazione rivolto, in particolare, agli studenti
che:
      praticano attività sportiva
      desiderano conciliare aspirazioni agonistiche e rendimento scolastico
      vogliono conoscere il modello dello sport con le sue caratteristiche tecniche, economiche,
        sociali ed organizzative
      vogliono studiare in un ambiente stimolante ed organizzato che consenta di acquisire una
        solida base culturale per l’accesso a qualunque facoltà universitaria

Attraverso un asse formativo imperniato sia su discipline di ambito umanistico- linguistico, sia su
discipline scientifiche-multimediali, il Liceo Sportivo intende fornire ai giovani una formazione che
permetta loro di comprendere ed analizzare i complessi fenomeni della società moderna. Ampio
spazio del curricolo è dedicato all’educazione motoria e sportiva e prevede quattro ore settimanali di
attività pratiche e teoriche, organizzate in modo differenziato.
E’ previsto, inoltre, un approccio interdisciplinare tra Educazione Fisica e tutte le altre discipline
presenti nel curricolo. Il piano di studi è infine integrato da esperienze esterne alla scuola, attraverso
collaborazioni con le agenzie sportive, ricreative, turistiche, paramediche del territorio tramite corsi
monotematici, seminari e stages.
Il riconoscimento di crediti formativi agli alunni che praticano uno sport agonistico valorizzerà le scelte
e le capacità di ognuno.
Gli spazi utilizzati per le attività sportive attualmente sono:
2 palestre
1 sala muscolazione
1 sala da scherma
pista da atletica ed impianti pubblici convenzionati.

                        Discipline per Indirizzo Sportivo                              Anni di corso
                                                                                   I    II III IV V
Religione                                                                         1   1   1   1   1
Educazione fisica                                                                 4   4 3+1 3+1 3+1
Italiano                                                                          4   4   4   4   4
Storia                                                                           2+1 2+1 2+1 2+1 2+1
Diritto                                                                          1+1 1+1 1+1 1+1 1+1
Inglese                                                                            3    3    2     2   2
Francese                                                                          2   2      3     3   3
Matematica                                                                        4   4      3     3   3
Linguaggi non verbali                                                            1+1 1+1     -     -   -
Filosofia                                                                          -    -    3   3   3
Scienze Sociali                                                                    5    5   6+1 4+1 5+1
Scienze                                                                            2    2    -    2    1
                            Totale ore settimanali                                30   30 30 30 30


Scienze sociali: indirizzo musicale
L’indirizzo musicale nasce come specializzazione del Liceo delle Scienze Sociali, di cui conserva il
nucleo formativo essenziale, ma con l’innesto dell’Educazione Musicale.
Vi si consegue un diploma quinquennale che consente l’iscrizione a qualsiasi facoltà universitaria; è
particolarmente indicato per quanti vogliano proseguire gli studi in ambito musicale (Conservatorio,
DAMS, corso di studi universitario ad indirizzo musicale) o che già frequentino scuole musicali oppure
che vogliano conoscere maggiormente tutto quello che riguarda “il musicale” e la musica in generale
anche nei suoi aspetto sociologici.
Si afferma in primo luogo la necessità che la musica sia presente, in quanto disciplina formativa di
base, come materia d'insegnamento comune in tutti gl'indirizzi, tanto del biennio quanto del triennio,
della scuola superiore riformata. Per quanto concerne la formazione della mente e della sensibilità,
l'apprendimento della musica allena il giovane all’ esercizio della percezione e della memoria, e
gl'insegna il valore della forma in sé, portatrice di significato in quanto tale. Per quanto riguarda la
formazione culturale, dovrebbe essere ormai universalmente diffusa la consapevolezza che il sapere
offerto dalle altre discipline umanistiche o anche soltanto "umane" (letteratura, arti visive, filosofia,
storia, scienze sociali) è destinato a restare monco se non integrato dal contributo che ad esse ha
sempre apportato nel corso dei secoli la musica. Insomma, senza un'adeguata esperienza musicale il
giovane non può raggiungere quella compiuta autocoscienza della propria identità culturale che la
scuola ha il compito di formare in lui.

A livello facoltativo gli allievi di questo indirizzo potranno seguire, al di fuori dell’orario scolastico,
presso l’Istituto Musicale “SINIGAGLIA” di Chivasso, un corso di formazione musicale in base ad
accordi di collaborazione presi fra gli istituti come da prospetto seguente.

15 lezioni di 1 ora di teoria fondamentale e lettura in chiave di violino e basso
5 lezioni di 1 ora di laboratorio ritmico (coordinazione e sviluppo del senso ritmico attraverso la pratica
con 91i strumenti a percussione)
20 lezioni individuali di 30 minuti di pratica strumentale scegliendo fra: BATTERIA, CHITARRA
CLASSICA E ACUSTICA, CLARINETTO, FLAUTO, PIANOFORTE, SAX, TROMBA, VIOLINO,
VIOLONCELLO.
10 ore di musica d'assieme

La collaborazione fra i due istituti porterà inoltre alla programmazione di eventi musicali che si
inseriranno anche in manifestazioni locali e nazionali (scuole a porte aperte, settimana nazionale
della musica, saggi di allievi) in vari luoghi del circondario con il coinvolgimento anche di altri enti e
associazioni sul territorio.

Tanto nel biennio quanto nel triennio sono comuni all'insegnamento della musica alcune finalità:
la conoscenza della musica nelle sue varie forme, generi, stili, repertorii;
la comprensione delle sue strutture fondamentali, delle sue funzioni, dei suoi contenuti espressivi;
l'educazione a un ascolto critico e diversificato a seconda della qualità della musica ascoltata, delle
circostanze e delle modalità di fruizione;
la capacità di collocare la musica nel contesto storico e culturale.
Finalità del biennio
Consolidamento delle cognizioni acquisite nella scuola media inferiore.
Allargamento degli orizzonti, la diversificazione delle esperienze musicali, la consapevolezza della
pluralità dei linguaggi, lo svezzamento dall'abuso del consumo musicale indiscriminato indotto
dall'industria culturale.
Approccio di tipo trasversale e sistematico di comune accordo con tutte le discipline.
Sviluppo di una mentalità critica.
Induttività del metodo di insegnamento: la diretta esperienza musicale sarà dunque il punto di
partenza di qualsiasi itinerario. Essa consisterà principalmente in ascolti. Si dovrà sempre tener
presente la natura non professionale dell'insegnamento: nella guida alla comprensione del testo
musicale ci si fonderà su semplici essenziali categorie grammaticali di base, che dovrebbero essere
in buona misura già possedute dall'allievo all'uscita dalla scuola media inferiore, e per il resto si
punterà su una buona educazione all'ascolto, che prescinda da tecnicismi non compatibili con le
finalità e con gli obiettivi dichiarati.
Esclusa, per il biennio, un'impostazione curricolare di tipo storico, l'itinerario educativo sarà articolato
in una serie di unità didattiche centrate su "temi" comuni a tutte le discipline. Quanto al repertorio,
esso dovrà estendersi a un'ampia varietà di testi musicali, riferibili a tipologie e tradizioni diverse, pur
riservando uno spazio centrale alla tradizione colta europea.

Finalità del triennio
Nel triennio si approfondiranno le esperienze maturate nel biennio.
L'attenzione sarà però concentrata soprattutto sul patrimonio storico della musica occidentale, di
trasmissione sia scritta sia orale; di esso l'allievo dovrà acquisire una sufficiente consapevolezza.
Al triennio converrà un approccio di tipo storico, anche perché il percorso didattico dell'insegnamento
musicale sia omogeneo con quello delle altre discipline (letteratura, filosofia, storia, scienze sociali) la
cui storia è più strettamente intrecciata con la storia della musica, e si possano così cogliere le
molteplici occasioni d'interscambio disciplinare che un siffatto intreccio consente.
I contenuti saranno definiti in modo da dar luogo ad un percorso elastico, che da una parte assicuri la
formazione di un canone di autori ed opere in senso lato "classici", cioè eminentemente
rappresentativi di quel patrimonio culturale della nostra civiltà che la scuola deve rendere accessibile
alle nuove generazioni; dall'altra sia aperto alla pluralità delle culture, dei linguaggi, dei repertorii (non
esclusi quelli del pop, del rock, del jazz e quelli delle musiche etniche), che rende quanto mai
variegato e molteplice l'orizzonte delle esperienze musicali oggi fruibili.
Per quanto concerne metodologia e indicazioni didattiche, anche nel triennio si preferisce il metodo
induttivo: la diretta esperienza musicale sarà dunque il punto di partenza di qualsiasi itinerario. Essa
consisterà principalmente in ascolti guidati e analisi musicale e testuale.
In particolare, facendo riferimento alla periodizzazione storica caratteristica del primo anno del
triennio, si mette in evidenza quali proficui scambi siano possibili con altre discipline curricolari (la
storia politica e sociale, quella della letteratura italiana, della filosofia), qualora l'insegnamento della
storia della musica venga affrontato alla luce dei molteplici rapporti che tale arte ha sempre
intrattenuto con le più diverse attività umane.




TEMI INTERDISCIPLINARI


BIENNIO

     Proposta generale di contenuti                    Discipline coinvolte
1    Condotte di ascolto.                              Italiano, Scienze Sociali.
2    Ascolto e Analisi musicale e testuale di brani di Italiano, Storia, Scienze Sociali,
     musica popolare e leggera.                        Religione, Filosofia, Arte.
3    Pratica vocale (canti da tutto il mondo)          Italiano, lingue straniere, storia.

4    Metodologie      didattiche   e   operative            per Italiano, Storia, Filosofia,      Scienze
     l’insegnamento dell’Educazione Musicale.                   Sociali.
5    Musica, ritmica e movimento.                               Educazione fisica.

6    Conoscenza del repertorio (ascolti/analisi)                Italiano, Storia, Scienze         Sociali,
                                                                Filosofia, Religione, Arte.
7    Elaborazioni       ritmico/melodiche     su        favole, Italiano.
     filastrocche/canti infantili e popolari.
8    I luoghi della musica: Teatri e Manifestazioni              Scienze Sociali, Storia, Italiano, Arte.
9    Musica e Cinema.                                            Italiano, Storia. Scienze Sociali,
                                                                 Diritto; Linguaggi non verbali, Arte.
10   Musica e Pubblicità                                         Italiano, Storia. Scienze Sociali,
                                                                 Diritto, Linguaggi non verbali, Arte
TRIENNIO

      Proposta generale di contenuti                    Discipline coinvolte
1     Ascolto e Analisi musicale e testuale di brani di Italiano.
      musica colta.
2     Pratica vocale (canti da tutto il mondo)          Italiano, lingue straniere, storia.

3     Musica e movimento.                                     Educazione fisica.

4     Storia del Teatro e del Melodramma                      Italiano, Storia, Filosofia, Scienze
                                                              Sociali, Arte.
5     Storia della Musica.                                    Italiano, Storia, Filosofia, Scienze
                                                              Sociali. Lingue straniere, Arte.
6     Storia del Rock e del Jazz                              Italiano, Storia, Filosofia, Scienze
                                                              Sociali. Lingue straniere, Arte.
7     Conoscenza del repertorio (ascolti/analisi)             Italiano, Storia, Scienze Sociali,
                                                              Filosofia, Lingue straniere, Religione,
                                                              Arte


Di seguito la tabelle delle ore settimanali di ogni materia nei vari anni di corso.
La materia Linguaggi non Verbali e Multimediali ha 1 ora in compresenza con altre materie oppure
due ore e la compresenza passa a Ed. Musicale. Diritto ha sempre 1 ora in compresenza con Storia.
Filosofia ha sempre 1 ora in compresenza con Scienze Sociali.




Discipline per Indirizzo Musicale
Materia                                primo anno secondo anno terzo anno quarto anno quinto anno
Religione                              1            1           1         1            1
Educaz. Fisica                         2            2           2         2            2
Italiano                               4            4           4         4            4
Storia                                 2+(1)*       2+(1)*      2+(1)*    2+(1)*       2+(1)*
Diritto                                1+1c         1+1c        1+1c      1+1c         1+1c
1° Lingua Straniera                    3            3           2         2            2
2° Lingua Straniera                    2            2           3         3            3
Matematica                             4            4           3         3            3
Scienze della Terra                    2            2           0         0            0
Linguaggi non Verbali e Multimediali   1+(1)*       1+(1)*      0         0            0
Filosofia                              0            0           2+1c      2+1c         2+1c
Scienze Sociali                        5            5           6+(1)*    4+(1)*       5+(1)*
Scienze Sperimentali                   0            0           0         2            1
Educazione Musicale                    2            2           2         2            2
          Totale ore settimanali       30           30          30        30           30

* = le ore tra parentesi "()"sono ore in compresenza già incluse
nel monte ore settimanale
c = ora in compresenza
4.         FINALITA’ ED OBIETTIVI DELL’INTERVENTO FORMATIVO
Richiamando le parole–chiave enunciate nella INTRODUZIONE e che costituiscono i principi
fondamentali a cui s'ispira l’azione educativa del nostro Istituto (cittadinanza - solidarietà -
flessibilità - qualità - territorialità), l’insegnamento di tutte le discipline concorre a fare acquisire agli
studenti alcuni comportamenti indispensabili per un corretto sviluppo della persona, capace di
collocarsi ed orientarsi nello spazio e nel tempo in una dimensione partecipativa e di collaborazione.
Gli obiettivi si articolano come segue:
 sviluppare e consolidare la motivazione nell’apprendimento ed accrescere l’autoconsapevolezza e
    fiducia nel proprio progetto di vita;
 sviluppare e consolidare la consapevolezza delle proprie attitudini per un più sicuro orientamento
    personale;
 creare una cultura flessibile, basata sulla capacità di utilizzare i saperi acquisiti in modo dinamico
    e creativo;
 star bene con se stessi e con gli altri, valorizzando e responsabilizzando la persona nella sua
    dimensione partecipativa e promovendo atteggiamenti collaborativi nel confronto e nel rispetto
    dell’altro;
 educare alla legalità favorendo l’assunzione di atteggiamenti rispettosi della legalità democratica
    e delle regole non scritte della convivenza civile che favoriscano un corretto inserimento nella
    società e nelle istituzioni.


    4.1    Arricchimento ed ampliamento dell’offerta formativa
Nell'organizzare le attività culturali, il nostro Istituto rispetta gli stessi principi cardine fondanti le
attività curricolari avendo come obiettivo primario quello di estendere al maggior numero possibile di
alunni le proposte culturali e di formularle in un quadro complessivo coerente, tale da consentire nel
corso del curriculum di ottenere

         Arricchimento del proprio orizzonte culturale
         Disponibilità all'ascolto e alla comprensione del prossimo
         Conoscenza dei diversi ambiti e strumenti del sapere (quali cinema, teatro, mass media..)
         Possibilità di confronto con altre realtà scolastiche (sia all'interno che all'esterno dell'istituto)
         Approccio critico a problematiche socio-politiche e storiche con l'ausilio di esperti
         Esperienze di conoscenza vissute sul territorio, al di fuori dell'aula scolastica

Tali obiettivi formativi vengono perseguiti, innanzitutto predisponendo un gruppo di lavoro, formato da
docenti, che

         Raccolgono le richieste provenienti da studenti e insegnanti
         Recepiscono le proposte culturali offerte dal territorio e le diffondono all'interno dell'istituto
         Organizzano le uscite didattiche e i viaggi d'istruzione
         Organizzano mostre, conferenze o convegni nella scuola stessa
         Sensibilizzano i consigli di classe sulle proposte e attività
         Raccolgono i dati relativi al successo delle iniziative
 4.2     Ambiti dell’offerta formativa
Pertanto gli ambiti verso i quali si orientano i gruppi di lavoro sono i seguenti:

Accoglienza                         Recupero                                    Teatro
Salute e Prevenzione                Approfondimento - Eccellenza                Cinema
                                                                                Arte
Promozione della persona            Orientamento
                                                                                Musica


       LINGUISTICO                                                              Umanistico
                                                                                Storico
                                                                                Sociale- Interculturale
                                                  POF
Rapporti con il territorio                                                     Scientifico
Viaggi d’istruzione                                                            Ambientale
Stages


                                    Comunicazione interna/esterna
        TECNICO                     Reti di Scuole                                     SPORT



 4.3     Accoglienza, Salute e Prevenzione, Promozione della persona
Il piano dell’Offerta Formativa di istituto, da tempo, ha posto particolare attenzione alla promozione
della salute nella scuola e di stili di vita positivi, all’accoglienza come momento significativo per
realizzare una comunità educante finalizzata allo sviluppo globale della persona in ambito cognitivo
ed extracognitivo, attivando una specifica progettualità.
Il progetto Accoglienza dell'Istituto è strettamente correlato agli obiettivi fondamentali della lotta al
fenomeno della dispersione e della promozione del successo formativo. Tale relazione è tanto più
evidente nella fase del passaggio dalla terza media alla prima superiore, cioè da un ambiente molto
protetto e dove vige una pedagogia della tutela ad un altro caratterizzato da un’impostazione
pedagogica che punta allo sviluppo ed al raggiungimento dell’autonomia. Gli studenti si trovano di
fronte ad una realtà molto diversa e ne rimangono, inevitabilmente, spaesati: ecco allora la necessità
di prevedere non solo la verifica dei prerequisiti disciplinari (che rimane, comunque, indispensabile),
ma anche azioni di accoglienza, di conoscenza dell’ambiente, di socializzazione, per porre le basi per
un corretto rapporto relazionale e cooperativo all’interno della classe.
Il progetto Accoglienza dell'Istituto prevede, nei primi giorni di scuola, l'organizzazione per le classi
prime delle attività seguenti: incontro con il dirigente scolastico; conoscenza reciproca e degli
insegnanti; visita alle strutture della scuola; verifica dei livelli di partenza; verifica delle principali
strategie cognitive, affettive e motivazionali; incontro aperto anche ai genitori per la presentazione del
Piano dell'Offerta Formativa, del regolamento e per l'illustrazione delle varie attività promosse
dall’Istituto. Una grande quantità di iniziative organizzate dall’istituto o proposte dagli studenti
vengono realizzate ogni anno. Esse mirano a rispondere il più possibile alle specifiche esigenze
formative dell’utenza, favorendo inoltre un’atmosfera serena e di collaborazione.

L'educazione alla salute
Si configura come disciplina trasversale, cioè come attività ordinaria e comune a tutte le discipline,
nella logica dei principi chiave che ispirano l'offerta formativa dell'istituto.
L’educazione alla salute e alla cittadinanza ha valenza primaria nella promozione di stili di vita
responsabili e nel riorientamento nella scuola come promotrice di salute.
I progetti che si svilupperanno, già in parte attuati nell'istituto, toccheranno le seguenti tematiche:

 Prevenzione rispetto alle dipendenze (tossicodipendenza, alcolismo ecc.) con spazi dedicati al
  disagio adolescenziale e all'educazione relazionale e affettiva
 Volontariato e solidarietà
I consigli di classe decideranno quale aspetto disciplinare dovrà essere approfondito valutando le
esigenze degli allievi, anche in base alle diverse fasce di età. Per portare avanti tali progetti la scuola
si avvarrà anche di esperti esterni (quali medici dell'Asl, volontari delle associazioni del territorio) oltre
al proprio personale interno.


 4.4      Recupero, approfondimento-eccellenza, orientamento
L’Istituto attiva interventi di recupero ed aiuto per gli studenti in difficoltà durante tutto il corso
dell’anno scolastico in modo da offrire a tutti l’opportunità di miglioramento e di successo
scolastico. Gli interventi sono completamente gratuiti per la famiglia.
Le attività sono comunicate ad alunni e famiglie, documentate dagli insegnanti, registrate dai
Consigli di classe nelle forme e negli esiti. La frequenza alle attività è obbligatoria per gli studenti
indicati e l’assenza deve essere giustificata dalla famiglia.


Corsi di recupero (in orario pomeridiano)

      ogni corso ha durata massima di 6-8 ore fuori dall’orario di lezione;
      il corso è attivato dal docente della classe o da un altro dell’istituto;
      il corso si attiva con un minimo di 4 ed un massimo di 15 studenti, di 10 se provenienti da classi
       diverse, di 18 studenti per casi particolari di assenza del docente;
      Il corso si attiva solo se il numero di alunni della classe supera i 12 oppure se previsto (per le
       materie del quinto anno) lo scritto all’esame di stato.
      il corso si conclude con una verifica e la comunicazione dei risultati al C. d. C.;
      il corso deve essere deliberato da Consiglio di Classe;
      si deve prevedere un questionario di valutazione dell’attività compilato dagli alunni;
      svolgimento IDEI solo se la stessa attività effettuata l’anno precedente ha registrato un
       successo superiore al 50%


Interventi di recupero durante le attività curricolari

      ogni insegnante attiva interventi di recupero in gruppo e/o individualizzato durante le sue
       ore di lezione, per la durata ed i contenuti che ritiene opportuni
      il docente assegna compiti personalizzati, anche da eseguite a casa
      l’organizzazione ed i risultati sono registrati e comunicati al Consiglio di Classe


Sportello Didattico

      ogni docente può attivare , da novembre a giugno e dietro richiesta formale, attività di
       recupero o potenziamento su argomenti specifici svolti nelle lezioni, anche in preparazione di
       verifiche orali e scritte;
      lo sportello deve essere richiesto dagli studenti prima della sua attivazione;
      gli sportelli devono essere richiesti fuori orario di lezione.




Interventi di aiuto e sostegno psicologico

La scuola è il luogo privilegiato dove favorire "la crescita e la valorizzazione della persona
umana, nel rispetto dei ritmi dell'età evolutiva, delle differenze e delle identità di ognuno e delle
scelte educative della famiglia, nel quadro della cooperazione tra scuola e genitori, in
coerenza con il principio dell'autonomia delle istituzioni scolastiche e secondo i principi sanciti
dalla Costituzione" ( Legge 53- 28 marzo 2003- art.1 n°1).
Gli studenti che raggiungono successi scolastici sono anche quelli che crescono serenamente e
sanno affrontare con le loro forze il lavoro scolastico.
I ragazzi in fase adolescenziale evidenziano particolari bisogni educativi; per questo l'istituto
risponde attivando servizi di supporto psicologico.
A tale scopo si attivano le risorse professionali interne dei docenti competenti insieme a quelle
di esperti esterni.

Interventi di supporto educativo e formativo

1-   Progetto accoglienza
2-   Interventi di orientamento e di riorientamento condotti da docenti e da esperti
            -      ad individuare un progetto personale di vita
            -      al proseguimento degli studi
            -      al lavoro
3-   Ore di “ascolto” colloqui fuori orario scolastico gestiti da docenti esperti
4-   Interventi di sostegno          ed integrazione       per     studenti stranieri in      difficoltà   di
     apprendimento

Interventi contro la dispersione scolastica

E’ compito della scuola mettere in atto ogni possibile intervento per garantire il recupero degli allievi in
difficoltà e la minimizzazione di fenomeni di dispersione scolastica.
Gli interventi mirati a tale fine riguardano:
     a. il recupero del debito formativo di fine anno;
     b. il tempestivo sostegno in corso d’anno riferito a specifiche lacune nell’apprendimento
         disciplinare;
     c. la nuova progettazione di attività di recupero trasversale con attività rivolte al recupero di
         abilità di base , cui possano concorrere le diverse discipline.

Approfondimento - Eccellenza

Al fine di promuovere il pieno sviluppo della personalità degli alunni e di valorizzarne le potenzialità
l’Istituto organizza:
       Moduli di approfondimento per gruppi di eccellenza
       Concorsi ed esperienze proposte in collaborazione con enti esterni, associazioni culturali e
          altro.

Orientamento
É un ampio progetto che, con una serie di attività in “ingresso", avvicina i ragazzi e i genitori delle
medie del territorio al nostro istituto, affinché gli studenti abbiano tutte le informazioni necessarie sulla
scuola e possano operare una scelta consapevole. L’istituto viene fisicamente aperto al territorio per
consentire alle famiglie interessate di conoscere direttamente le strutture e le risorse di cui dispone.
Per orientare l’utenza “in uscita”, l’Istituto collabora da tempo con il Centro di Formazione
Territoriale, Università, Politecnico di Torino e agenzie formative del territorio ed organizza incontri ed
interventi specifici al fine di illustrare tutti i percorsi possibili, percorribili dopo il conseguimento del
diploma.



Riorientamento
E' rivolto agli studenti che mostrano attitudini non adeguate all'indirizzo scelto. Ha lo scopo di evitare
la dispersione scolastica e l'insuccesso, favorendo il superamento delle difficoltà da parte dei più
deboli. La scuola offre momenti di colloquio con le famiglie e gli allievi, atti ad illustrare i percorsi
formativi ritenuti più idonei. Nell'ambito dei "progetti passerella" è garantita l'assistenza necessaria
per agevolare l'inserimento degli allievi nelle nuove realtà, sia dal punto di vista didattico sia dal punto
di vista psicologico. Vengono, infine, attivati "percorsi integrati" con molti Centri di Formazione
Professionale presenti sul territorio.


 4.5     Teatro, cinema, arte, musica
Proiezione di pellicole presso le sale cinematografiche chivassesi o torinesi, con la possibilità di
approfondire sia temi che stili di rappresentazione, oltre che il linguaggio stesso del cinema.
Laboratori e visione di spettacoli in accordo con il Teatro Regio di Torino, con il Teatro Stabile e
l'Assessorato alla cultura del comune di Chivasso, oltre che con animatori ed esperti (sia in lingua
italiana che straniera). Visione di mostre significative su artisti italiani e stranieri, allestite sia a Torino
(ad es. Museo d'Arte contemporanea) che in altre città (quali ad es. Milano, Genova… ) raggiungibili
in una giornata di viaggio;

 4.6      Umanistico, storico, socio-interculturale
Laboratori, mostre, convegni, uscite didattiche su momenti importanti della storia, quali l'anniversario
della Liberazione, la commemorazione della Giornata della memoria, la celebrazione dell'unità
europea (21 marzo) e della scelta repubblicana (2 giugno), la Festa del lavoro (1 maggio) ecc.
Progetti in accordo con il C.I.S.S. e con i servizi comunali, volti a creare una sempre maggiore
educazione alla cittadinanza e alla solidarietà e alla legalità (ad es. laboratori sulla Mafia in accordo
con Libera e altre associazioni educative). Si segnala anche l’adesione al progetto nazionale “La
scuola che promuove volontariato” – C.R. 275/05 – che prevede l’attivazione di collaborazioni con le
strutture di volontariato presenti sul territorio.
Formulazione di progetti volti ad approfondire tematiche attinenti la conoscenza delle diverse culture
e a valorizzare la diversità dei popoli, al fine di sviluppare comprensione e capacità di accoglienza,
utili ad una serena convivenza civile. A tal fine saranno proposti laboratori e scambi culturali con
Paesi stranieri (vedi stages), utilizzando anche le proposte del Centro Interculturale di Torino e del
CE.SE.DI. ( prosecuzione del corso di lingua araba, ad es.)


 4.7     Scientifico - Ambientale
Fra gli obiettivi educativi e formativi che l’Istituto si propone, hanno rilievo culturale e professionale
anche quelli riguardanti la tutela dell’ambiente e il perseguimento di uno sviluppo sostenibile.
Questo si realizza soprattutto:

       nel biennio dell’ITIS, inserendo nei programmi, in modo trasversale, argomenti legati al
     problema energetico, alla sostenibilità, agli ambienti (aria e acqua) interessati all’inquinamento,
     all’elettrosmog, all’inquinamento acustico, per fornire una preparazione di base idonea ad
     affrontare da un punto di vista tecnico le stesse problematiche al triennio. L’obiettivo è anche
     quello di coinvolgere, attraverso gli studenti, le famiglie con iniziative di informazione in merito al
     risparmio energetico, la raccolta differenziata, l’inquinamento acustico ed elettromagnetico;
       nel triennio dell’ITIS, fornendo competenze tecnico-scientifiche affinché i futuri diplomati
     siano in grado di affrontare indagini ambientali e progettazione che tengano sempre presenti le
     esigenze di tutela dell’ambiente e di uno sviluppo sostenibile.

L’Istituto persegue gli stessi obiettivi attraverso i “Progetti Extracurricolari” della scuola , nonché
realizzando mostre e pubblicazioni rivolte anche alla cittadinanza.

Nella vita e nella gestione dell’Istituto si attuano strategie e si perseguono i seguenti obiettivi:
  razionalizzazione e miglioramento dell’utilizzo delle materie prime e dell’energia;
  trattamento e gestione ecologicamente corretta dei rifiuti prodotti (sia generici che da
    laboratori);

In tal senso l’Istituto adotta, in particolare, le seguenti misure:

   controllo nelle aule e negli spazi comuni per evitare l’inutile accensione di lampade;
   riduzione del consumo di carta e utilizzo di carta ecologica e riciclata;
   conferimento ai centri specializzati per lo smaltimento dei computer e delle altre attrezzature
  non più funzionanti, nonché delle cartucce da toner, dei solventi organici, dei solidi e delle
  soluzioni esauste.
  una continua attenzione all’uso razionale dei materiali e dell’energia nei laboratori, in
  particolare per evitare sprechi di acqua, di materie prime inquinanti, di gas, con l’ impegno ad
    informare ed addestrare anno per anno gli studenti a comportamenti in tal senso “virtuosi” ed
    “esperti” .


L’Istituto è impegnato a stabilire rapporti, collaborazione ed assumere iniziative comuni con altre
scuole attente alla stesse problematiche, partecipando ad eventuali reti provinciale e regionale
dell’educazione ambientale.

Le attività concordate dai docenti del dipartimento di Scienze Naturali sono le seguenti:

BIENNIO
    Lezione di astronomia (Planetario di Milano)
    Visita Museo di Storia Naturale di Milano
    Laboratori Museo Scienze Naturali Torino
    Attività del CESEDI
    Visita a centrali elettriche
    Ottobre Scienza

TRIENNIO
    Lezione di astronomia (Planetario di Milano)
    Attività del CESEDI




 4.8     Sport (area ITI ed area Liceo)

                  Riferimento: progetto “Sport e Legalità a Scuola”
La scuola nel suo insieme è legalità: essa va intesa non come “un momento”, seppure
importante della vita d’ognuno di noi, ma come il luogo in cui per la prima volta ci si confronta
con altri, dove bisogna rispettare alcune norme ed avere una precisa condotta.
La scuola è la prima grande istituzione da rispettare e da rafforzare, è nella scuola che
avviene il passaggio di consegne tra le generazioni e dove ci si trova a svolgere un ruolo
attivo in una comunità.
La scuola è il luogo dove l’uomo si forma, non solo dal punto di vista della conoscenza
culturale, ma anche come cittadino, l’educazione alla legalità, al rispetto delle norme, diventa
uno degli obiettivi primari della società. Attraverso lo sport è possibile creare un “dialogo” alla
pari tra gli operatori delle istituzioni e i giovani studenti. Questo progetto si propone di
instaurare un clima di condivisione e di cogestione di momenti sportivi che permetta agli
studenti di affrontare e superare difficoltà sia fisiche, dovute alla dimensione motoria
dell’attività proposta, che di relazione, legate all’incontro con nuove realtà e nuovi “compagni
di viaggio”. È auspicabile che, durante le fasi delle attività, miglioreranno le relazioni
interpersonali passando presumibilmente, da una fase di “aggregazione destrutturata” ad una
di “collaborazione efficace”, nel totale rispetto delle regole.
L’attività motoria e la pratica sportiva, attraverso una corretta azione interdisciplinare,
contribuiscono allo sviluppo armonico della persona e alla promozione della cultura della
legalità attraverso la pratica del rispetto dell’altro, delle regole e del fair play. Lo sport
scolastico, infatti, rappresenta una significativa fonte di esperienza per tutti i giovani, capace
di costruire uno “stile di vita salutare” permanente, di favorire una maggiore integrazione
sociale ed apertura ai rapporti interpersonali, di assumere ruoli e responsabilità precise.
Nell’attività sportiva si possono realizzare altissimi obiettivi educativi, acquisire competenze
indispensabili alla formazione ed alla crescita dei giovani, come il dominio di sé, il senso della
solidarietà, la capacità di collaborare per un fine comune, la valorizzazione del ruolo di tutti
ed il rispetto del ruolo di ciascuno.
La scuola, oltre a consentire ai giovani l’opportunità di praticare in maniera sana lo sport, può
contribuire ad accrescere, mediante approcci interdisciplinari, la consapevolezza e il senso
critico riguardo le diverse forme di violenza, comprese quelle che adottano come pretesto le
manifestazioni sportive. La scuola deve contribuire a promuovere una corretta concezione
dell'educazione motoria e delle attività sportive costituendo una alternativa culturale alla
violenza, all’esasperazione del risultato, alla slealtà.
Perché torni serenità e normalità sui campi sportivi, oltre alle necessarie e severe decisioni
assunte dalle Istituzioni, ogni sforzo dovrà essere compiuto anche dalla scuola che ha la
responsabilità di educare i giovani alla cultura della legalità e della non violenza, per fare in
modo che la pratica di uno sport sia finalizzata a suscitare profonda passione, voglia di
divertire e divertirsi e non, al contrario, violenza.

OBIETTIVI GENERALI:

      L’esigenza di garantire l’arricchimento della coscienza sociale degli studenti attraverso
       la consapevolezza di sé e l’acquisizione della capacità critica nei riguardi del
       linguaggio del corpo e dello sport.
      La necessità di aiutare gli alunni a controllare la propria aggressività in funzione del
       rispetto delle regole e del loro inserimento in un contesto sociale, accettazione e
       consapevolezza degli altri (capacità di lavorare con in gruppo).
      L’Importanza di consolidare una cultura sportiva quale costume di vita, intesa anche
       come capacità di realizzare attività finalizzate all’armonico sviluppo corporeo e al
       tempo libero, senza trascurare l’aspetto cognitivo – motorio - relazionale, fornendo
       degli agganci con le realtà territoriali .
      La ricerca di spazi ed esperienze extrascolastiche che stimolino la nascita negli alunni
       di nuovi interessi personali, nell’ottica di una educazione permanente alla salute fisica.


Facendo riferimento all’esperienza progettuale di attività consolidate (boxe-itinerante, tennis,
nuoto, scherma, golf), nei precedenti anni scolastici, il Dipartimento di Educazione Fisica, ha
deciso di integrare le proposte progettuali inserite attualmente nel POF, apportando alcune
modifiche sostanziali alle proposte degli anni scolastici precedenti.


    ATTIVITA’ PROGRAMMATE PER L’ANNO SCOLASTICO 2009 – 2010

                          Scienze Sociali – Indirizzo sportivo
                                      CLASSI PRIME

Ampliamento dell’attività formativa in ambito sportivo (Nuoto, Golf, Equitazione
facoltativo), in orario curricolare e/o extracurricolare.
NUOTO: 4 MODULI di due ore settimanali in orario curricolare (lezioni frontali tenute da un
Tecnico Federale (Prof. NIZZIA Donato docente di Educazione Fisica presso l’Istituto
Istruzione Superiore Europa Unita), coadiuvato dal Docente di Educazione Fisica della
classe.

ATTIVITA’ di PATTINAGGIO su GHIACCIO 2 - 4 MODULI di 3 ore settimanali in orario
curricolare (lezioni propedeutiche all’avviamento del pattinaggio su ghiaccio sotto la guida di
istruttori qualificati).

Uscite didattiche a carattere sportivo (Museo Olimpico di Losanna; una giornata presso
una Struttura Equestre raccomandata FISE, una giornata presso un Circolo di Golf Associato
F.I.G. della Provincia di Torino etc.) in orario curricolare e/o extracurricolare.

Partecipazione a manifestazioni sportive organizzate da Enti Territoriali e/o di
Promozione Sportiva, Federazioni, Miur, USR Piemonte, Suism, etc. (orario curricolare
e/o extracurricolare)

Laboratori didattici e/o attività a carattere sportivo proposti dall’AIACE o altri Enti
(orario curricolare e/o extracurricolare).

Mini settimana bianca (3 gg.). Lezioni di sci e snowboard con i maestri della Scuola di Sci,
tenendo conto delle capacità e delle attitudini personali dei singoli allievi.


                                  CLASSI SECONDE

Ampliamento dell’attività formativa in ambito sportivo (Nuoto, Pattinaggio su ghiaccio,
Golf facoltativo, Equitazione facoltativo), in orario curricolare e/o extracurricolare.

ATTIVITA’ di PATTINAGGIO su GHIACCIO 2 - 4 MODULI di 3 ore settimanali in orario
curricolare (lezioni propedeutiche all’avviamento del pattinaggio su ghiaccio sotto la guida di
istruttori qualificati).

NUOTO: 4 MODULI di due ore settimanali in orario curricolare (lezioni frontali tenute da un
Tecnico Federale (Prof. NIZZIA Donato docente di Educazione Fisica presso l’Istituto
Istruzione Superiore Europa Unita), coadiuvato dal Docente di Educazione Fisica della
classe.

Uscite didattiche a carattere sportivo, gli alunni potranno scegliere fra le seguenti:
(European Tour di Golf, una giornata presso una struttura equestre raccomandata FISE, una
giornata presso un Circolo di Golf Associato F.I.G. della Provincia di Torino etc.) orario
curricolare e/o extracurricolare.

Partecipazione a manifestazioni sportive organizzate da Enti Territoriali e/o di
Promozione Sportiva, Federazioni, Miur, USR Piemonte, Suism, etc. (orario curricolare
e/o extracurricolare)

Laboratori didattici e/o attività a carattere sportivo proposti dall’AIACE o altri Enti
(orario curricolare e/o extracurricolare).

Mini settimana bianca (3 gg.). Lezioni di sci e snowboard con i maestri della Scuola di Sci,
tenendo conto delle capacità e delle attitudini personali dei singoli allievi.
Incontri di Educazione Alimentare con gli esperti della COOP (orario curricolare e/o
extracurricolare).

                                     CLASSI TERZE

Ampliamento dell’attività formativa in ambito sportivo (Nuoto, Boxe – itinerante,
Equitazione facoltativo, Golf facoltativo), in orario curricolare e/o extracurricolare.

BOXE – ITINERANTE 4 MODULI di 2 ore settimanali in orario curricolare (acquisizione delle
abilità motorie specifiche della disciplina alla presenza del Tecnico Federale coadiuvato dal
Docente di Ed. Fisica).

Uscite didattiche a carattere sportivo, gli alunni potranno scegliere fra le seguenti:
(European Tour di Golf, una giornata presso una struttura equestre raccomandata FISE, una
giornata presso un Circolo di Golf Associato F.I.G. della Provincia di Torino etc.) orario
curricolare e/o extracurricolare.

Partecipazione a manifestazioni sportive organizzate da Enti Territoriali e/o di
Promozione Sportiva, Federazioni, Miur, USR Piemonte, Suism, etc. (orario curricolare
e/o extracurricolare)

Laboratori didattici e/o attività a carattere sportivo proposti dall’AIACE o altri Enti
(orario curricolare e/o extracurricolare).

                                    CLASSI QUARTE

Ampliamento dell’attività formativa in ambito sportivo (Nuoto, Equitazione facoltativo,
Golf facoltativo, Tennis facoltativo), in orario curricolare e/o extracurricolare.

STAGE :
Con gli stage la scuola mette in campo delle occasioni importanti perché gli alunni possano
mettersi alla prova, confrontarsi con realtà e strutture nuove, con ruoli adulti diversi, con
ambienti sociali diversi. Così gli alunni sono messi in grado di conoscere e sperimentare le
proprie attitudini e, quindi, di scegliere. Lo stage introduce anche una modalità di studio in
cui, per alcune fasi, si rompe il rapporto tradizionale studente-insegnante e il sapere diventa
un risultato costruito insieme, nel senso che le conoscenze acquisite in classe trovano
riscontro e verifica soprattutto nelle situazioni in cui lo studente si troverà solo, fuori dalla
scuola, a contatto con la realtà concreta delle cose studiate sui libri.Nell’ambito delle normali
attività di stages proposte dall’Istituto, al fine di dare una maggiore caratterizzazione al
CORSO SPORTIVO si propongono le seguenti attività:


      Presso le Scuole elementari del territorio, nell’ambito delle ore di Educazione fisica
       (interventi didattici mirati all’incentivazione dell’attività motoria in età evolutiva).
      Presso le testate giornalistiche locali nella redazione sportiva (giornalismo sportivo)
      Presso la SOCIETA’ SPORTIVA “CUS TORINO”:
           a) progettazione, organizzazione e direzione di attività sportive;
           b) gestione tecnico, tattica e fisica delle attività sportive agonistiche nelle varie
              discipline sportive;
           c) marketing sportivo, la comunicazione nello sport. L’evento come forma di
              finanziamento, la ricerca degli sponsor, il diritto sportivo, la contabilità delle
              associazioni, etc.
ALUNNIINSKATEBORD 4 MODULI di 2 ore settimanali in orario curricolare (acquisizione
delle abilità motorie specifiche della disciplina alla presenza del Tecnico Federale coadiuvato
dal Docente di Ed. Fisica).

Uscite didattiche a carattere sportivo, gli alunni potranno scegliere fra le seguenti:
(European Tour di Golf, una giornata presso una struttura equestre raccomandata FISE, una
giornata presso un Circolo di Golf Associato F.I.G. della Provincia di Torino etc.) orario
curricolare e/o extracurricolare.

Partecipazione a manifestazioni sportive organizzate da Enti Territoriali e/o di
Promozione Sportiva, Federazioni, Miur, USR Piemonte, Suism, etc. (orario curricolare
e/o extracurricolare)

Laboratori didattici e/o attività a carattere sportivo proposti dall’AIACE o altri Enti
(orario curricolare e/o extracurricolare).



                                    CLASSI QUINTE

Ampliamento dell’attività formativa in ambito sportivo (Nuoto, Equitazione facoltativo,
Golf facoltativo, Tennis facoltativo) in orario curricolare e/o extracurricolare.

Uscite didattiche a carattere sportivo, gli alunni potranno scegliere fra le seguenti:
(European Tour di Golf, una giornata presso una struttura equestre raccomandata FISE, una
giornata presso un Circolo di Golf Associato F.I.G. della Provincia di Torino etc.) orario
curricolare e/o extracurricolare.

RUGBY A SCUOLA 4 MODULI di 2 ore settimanali in orario curricolare (acquisizione delle
abilità motorie specifiche della disciplina alla presenza del Tecnico Federale coadiuvato dal
Docente di Ed. Fisica).

Partecipazione a manifestazioni sportive organizzate da Enti Territoriali e/o di
Promozione Sportiva, Federazioni, Miur, USR Piemonte, Suism, etc. (orario curricolare
e/o extracurricolare)

Laboratori didattici e/o attività a carattere sportivo proposti dall’AIACE o altri Enti
(orario curricolare e/o extracurricolare).

Corso di Primo Soccorso (normativa riguardante il sistema di emergenza sanitaria 118,
corso di emergenza sanitaria di primo livello, B.L.S. – Basic Life Support, esercitazioni e
prove con il manichino), per un totale di 4 o 6 ore.

Per tutte le classi delle scienze sociali - indirizzo sportivo:
A SCUOLA SUL FIUME (uscite didattiche di 1 o più giorni) – Rafting – Kayak –
hydrospeed – tubing, etc. (in orario extracurricolare)
Centro Canoa e rafting “MONTEROSA” (uscite didattiche in Valsesia)
Associazione “MOVIMENTO e NATURA” (uscite didattiche nelle Valli di Lanzo).

REALIZZAZIONE DEL GRAND PRIX D’ISTITUTO (Corsa campestre; Tornei d’Istituto di
pallavolo, calcetto; Gara di nuoto; Meeting di atletica), in orario curricolare e/o
extracurricolare.
    ATTIVITA’ PROGRAMMATE PER L’ANNO SCOLASTICO 2009 – 2010

                                  Area Liceo – Area Itis

AMPLIAMENTO DELL’ATTIVITA’ FORMATIVA IN AMBITO SPORTIVO (Nuoto, Tennis,
Boxe Itinerante, Scherma, Progetto Golf a scuola, etc.), in orario curricolare e/o
extracurricolare. Equitazione: una giornata presso una Struttura Equestre in orario
extracurricolare (l’attività è rivolta alla classe nel suo insieme).




REALIZZAZIONE DEL GRAND PRIX D’ISTITUTO (Corsa campestre; Tornei d’Istituto di
pallavolo, calcetto; Gara di nuoto; Meeting di atletica), in orario curricolare e/o
extracurricolare.

USCITE DIDATTICHE A CARATTERE SPORTIVO Palaghiaccio, Rotellier, etc. (orario
curricolare e/o extracurricolare), Tappa European Tour di golf (uscita didattica di una
giornata), etc.

PARTECIPAZIONE A MANIFESTAZIONI SPORTIVE organizzate da Enti territoriali e/o di
promozione sportiva, Federazioni, Miur, Usr Piemonte, Suism, ETC. (orario curricolare e/o
extracurricolare).

LABORATORI DIDATTICI e/o ATTIVITA’ A CARATTERE SPORTIVO proposti dall’Aiace,
Ce.Se.Di., o altri Enti, (orario curricolare e/o extracurricolare).

CORSO di PRIMO SOCCORSO (normativa riguardante il sistema di emergenza sanitaria
118, corso di emergenza sanitaria di primo livello, B.L.S. – Basic Life Support, esercitazioni e
prove con il manichino), per un totale di 4 o 6 ore.

RUGBY A SCUOLA – ALUNNIINSKATEBORD (in orario extracurricolare).


A SCUOLA SUL FIUME (uscite didattiche di 1 o più giorni) – Rafting – Kayak –
hydrospeed – tubing, etc. (in orario extracurricolare)
Centro Canoa e rafting “MONTEROSA” (uscite didattiche in Valsesia)
Associazione “MOVIMENTO e NATURA” (uscite didattiche nelle Valli di Lanzo).


           STRATEGIE OPERATIVE E CRITERI DI SCELTA DELLE ATTIVITA’

Per quanto riguarda l’anno scolastico 2009–2010, gli studenti potranno scegliere liberamente
in base anche ai loro personali interessi in ambito sportivo, di aderire alle attività di
“AMPLIAMENTO FORMATIVO” presenti nel POF (Nuoto, Tennis, Boxe – itinerante,
Scherma, Golf, etc.). Requisito indispensabile è che partecipino all’attività almeno i 4/5 degli
studenti della classe, previa autorizzazione scritta da parte dei genitori.
La stessa classe, potrà partecipare, nel medesimo a. s., a più di una attività di ampliamento
dell’attività formativa previa accettazione del C.d.C. Tali attività saranno finanziariamente a
totale carico delle famiglie degli studenti fatta eccezione per l’indirizzo sportivo, al quale la
scuola conferisce un finanziamento annuale, per svolgere una attività di approfondimento in
ambito sportivo con l’intervento di un esperto federale.
Ogni classe non potrà partecipare a più di due uscite didattiche organizzate da Enti territoriali
e/o di promozione Sportiva, Federazioni, Ministero della Pubblica Istruzione, Urs, Suism, etc.
(secondo le attività programmate collegialmente). La partecipazione ad eventuali proiezioni
cinematografiche a carattere sportivo, a conferenze, a manifestazioni o laboratori proposti
dall’Aiace potrà avvenire se la classe non ha già usufruito delle uscite didattiche sopra citate,
fatta eccezione diversa delibera del C.d.C.
Tutte le attività programmate verranno rivolte alle classi maggiormente interessate e più
meritevoli in ambito motorio – sportivo, (la scelta verrà effettuata discrezionalmente dai
docenti di Ed. Fisica e sulla base di parametri stabiliti dal Dipartimento).
L’attività di nuoto, per quanto riguarda le classi della succursale, è prevista solo alle prime
due ore o alle ultime, per problematiche inerenti il trasferimento delle classi dalla scuola alla
piscina.
L’attività di scherma è riservata alle classi della Prof.ssa MAZZOLI Giulia.

                          CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO
E’ stato istituito all’interno dell’I.I.S. “Europa Unita” per l’a.s. 2009/2010 un Centro Sportivo
Scolastico (C.S.S.) che porta la denominazione dell’Istituto ed ha sede presso lo stesso, con
i requisiti previsti da:

       M.I.U.R. Prot. n. 4273 del 04.08.2009 “Linee guida per le attività di Educazione fisica,
        motoria e sportiva nelle scuole secondarie di primo e secondo grado”.

       M.I.U.R. Prot. 10614/P/C32 - Circ. n. 581 del 27.10.2009.

       M.I.U.R. Prot. 5163 del 16.10.2009 “Linee guida per le attività di Educazione Fisica
        motoria e sportiva nelle scuole secondarie di primo e secondo grado” – indirizzi
        operativi.

    Il C.S.S. all’interno del nostro istituto vuole costituire un momento e un percorso
          educativo nel quale la cultura e la pratica sportiva possano diventare:

       Strumento di diffusione dei valori positivi dello sport e di integrazione fra alunni di
        diversa provenienza culturale e geografica
       Strumento per accrescere il senso civico degli studenti, migliorare l'aggregazione,
        l'integrazione e la socializzazione, e, non da ultimo, ridurre le distanze che ancora
        esistono tra lo sport maschile e lo sport femminile.
       Strumento di prevenzione della dispersione scolastica nell’ottica di una crescita
        psicologica, emotiva, sociale, oltre che fisica dello studente.
       Percorso di benessere psico-fisico con il fine di non compromettere le sviluppo delle
        capacità coordinative e condizionali.
       Evitare l'adozione di non corretti stili di vita, sempre più sedentari, dovuti ad una
        cattiva alimentazione, che determinano un aumento considerevole dei casi di obesità
        e delle malattie ad essa collegate.
       Educare gli studenti alla competizione affinchè si sviluppi in loro, la capacità di vivere
        correttamente la vittoria ed elaborare la sconfitta in funzione di un miglioramento
        personale.
       Organizzare lo sport scolastico al fine di facilitare le interazioni con gli enti territoriali
        e gli organismi sportivi operanti sul territorio (sinergie compartecipative per
        ottimizzare l'utilizzo delle risorse umane, strumentali e finanziarie).
       Momento di confronto sportivo.

Le attività svolte dovranno favorire la partecipazione degli studenti alle manifestazioni
sportive studentesche (G.S.S.), nei vari livelli territoriali e il lavoro svolto dagli alunni dovrà
essere certificato nel quadro delle competenze definite al termine della frequenza dei cicli
scolastici.

L’iniziativa è rivolta a tutti gli studenti della scuola che desiderano praticare un’attività sportiva
in orario extracurricolare (dalle ore 14.00 alle ore 16.00 c.a.), nelle seguenti discipline:
         CORSA CAMPESTRE (M/F)
         ATLETICA (M/F)
         PALLAVOLO (M/F)
         BASKET (M)
         CALCIO a 5 e a 11 (M/F)
         SCI (M/F)
         RUGBY (M/F)
In queste discipline, l’Istituto parteciperà ai Giochi Sportivi Studenteschi.
Docenti di educazione Fisica coinvolti:
Prof. Iannaccone Federico REFERENTE (Pallavolo – Basket, Sci, Rugby),
Prof. Bellotto Ivano (Calcio a 5 e a 11),
Calabrò Francesco (Corsa campestre - Atletica)
Le ore aggiuntive di avviamento alla pratica sportiva in orario extracurricolare,dovranno
essere adeguatamente registrate e documentate dai Docenti di Educazione Fisica coinvolti
nell’attività stessa (data presunta inizio gruppi sportivi pomeridiani 12.01.2009), al fine di
verificare il reale coinvolgimento della popolazione scolastica e rendere possibile il
monitoraggio dei C.S.S. ai competenti organi territoriali (valutare la necessità di eventuali
variazioni di linee di politica amministrativa e ottimizzare l'utilizzo delle risorse finanziarie).
Le attività sportive pomeridiane dovranno avere il più possibile una caratteristica di continuità
(per tutto l'anno), poiché l'obiettivo è di creare negli alunni un'abitudine sportiva nello stile di
vita e permettere loro di percepirla come una attività regolare e tendenzialmente quotidiana.
Deve rappresentare una forma di sensibilizzazione al movimento e stimolare gli alunni ad
avvicinarsi allo sport interiorizzandone i principi e i valori educativi ad esso sottesi.

    4.9   Comunicazione interne/esterne, reti di scuole
L'accordo di rete tra scuole è finalizzato alla progettazione e sviluppo di attività didattiche, di ricerca,
sperimentazione e sviluppo, di formazione e aggiornamento; l'accordo può prevedere lo scambio
temporaneo di docenti. I docenti che accettano di essere impegnati in progetti che prevedono lo
scambio rinunciano al trasferimento per la durata del loro impegno nei progetti stessi, con le modalità
stabilite in sede di contrattazione collettiva.

Nell'ambito delle reti di scuole, possono essere istituiti laboratori finalizzati tra l'altro a:

a) la ricerca didattica e la sperimentazione;
b) la documentazione, secondo procedure definite a livello nazionale per la più ampia circolazione,
anche attraverso rete telematica, di ricerche, esperienze, documenti e informazioni;
c) la formazione in servizio del personale scolastico;
d) l'orientamento scolastico e professionale.
Per questo anno l’EUROPA UNITA partecipa alle seguenti Reti di Scuole:

         “CHIVAINRETE” rete di scuole di Cooperative learning.
         Accordi di reti per la progettazione e attuazione di progetti IFTS nell’ambito della
        Formazione Tecnica Superiore con I.I.S. “GALILEO FERRARIS” di Settimo Torinese; I.I.S.
        “MORO” di Rivarolo Canadese.
         Intesa con istituto musicale comunale “Leone Sinigaglia” di Chivasso

 4.10    Tecnico
Dopo la Scuola Media: il Biennio
Il Biennio prescinde dalla scelta dell'indirizzo che verrà effettuata successivamente.
Già nel Biennio gli studenti entrano in rapporto con un aspetto fortemente caratterizzante gli Istituti
Tecnici: l'uso diffuso e sistematico dei Laboratori anche per quelle discipline il cui piano di
studi non ne prevede l’uso .

Dopo il Biennio: le Specializzazioni
Le specializzazioni sono:
           Meccanica
           Elettronica e Telecomunicazioni

La formazione post-diploma, IFTS
L’I.I.S. “EUROPA UNITA” è un Centro accreditato per conseguire l’European Computer Driving
Licence (ECDL), ossia, alla lettera, “Patente europea di guida del computer”.
Si tratta di un certificato, riconosciuto a livello internazionale, attestante le abilità minime necessarie
per poter lavorare col personal computer – in modo autonomo o in rete – nell’ambito di un’azienda, un
ente pubblico, uno studio professionale ecc.
In altre parole, questa “patente” definisce senza ambiguità la capacità di una persona di usare il
computer, così come quella di guida per quanto riguarda l’uso dell’automobile.
L’ECDL è una certificazione di carattere internazionale. Si basa infatti su un documento concordato a
livello europeo, e detto “Syllabus”.
Il Syllabus costituisce uno standard di riferimento che consente di uniformare i test, in qualunque
Paese essi vengano effettuati.

ECDL, crediti formativi e riconoscimenti pubblici
Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha adottato ECDL come standard per la
certificazione delle competenze informatiche nella scuola. Di conseguenza la patente europea del
computer è accettata senza problemi come credito formativo negli esami di stato per il diploma di
maturità.
A livello universitario molti Atenei hanno scelto la Patente Europea del Computer come riferimento
per le abilità informatiche di base, previste dai nuovi corsi di laurea, attivati dal 2001 in seguito alla
riforma universitaria; viene, quindi, accordato un credito formativo a chi già possiede la patente.
Nei concorsi pubblici il Dipartimento della Funzione Pubblica e del Consiglio dei Ministri ha incluso
l’ECDL tra i titoli di merito per l’attribuzione di un maggior punteggio.

Cisco Networking Academy Program
La Local Academy dell’IIS Europa Unita dispone di cinque aule multimediali con 15-20 postazioni di
lavoro per i corsi e di un laboratorio con apparecchiature Cisco Systems ed altra strumentazione
hardware/software di alto livello professionale.
Attualmente la Academy può ospitare due tipi corsi:
1) corso per studenti interni, per i quali l’intero percorso CCNA è distribuito su 2 anni scolastici.
2) corso destinato agli studenti dei corsi IFTS.

Descrizione del corso
Il programma consta di quattro moduli (“Semestri” ) che devono essere frequentati sequenzialmente.
Ciascun Semestre comprende una serie di prove in itinere per garantire e controllare che
l’apprendimento sia continuo ed efficace. Al termine di ogni semestre vi è un test per poter accedere
al modulo successivo.
La durata del Programma può variare da un minimo di 6 mesi ad un massimo di 2 anni. Il corso è
costituito, in totale, da 280 ore di cui circa 100 di laboratorio.
Durante il corso Networking Academy gli studenti fanno esercitazioni di laboratorio e prove pratiche,
imparando, anche, a installare i cavi e a fare tutto ciò che il profilo della loro nuova professionalità
richiede. L’obiettivo del Programma è proprio quello di acquisire una competenza specifica e reale
che sia utile direttamente nel mondo del lavoro.
Il curriculum comprende anche nozioni utili alla gestione di apparecchiature e reti non-Cisco.

Per quanto possibile il Networking Academy è un programma neutro: mentre le apparecchiature
Cisco vengono utilizzate nella parte di laboratorio al fine di fare pratica e rinforzare i concetti studiati,
gli studenti apprendono nozioni ad ampio spettro sul Networking, sulle differenze tra diversi tipi di
prodotti per il Networking, come progettare e mantenere reti.

La certificazione CCNA
Il programma qualifica i partecipanti per l’ottenimento di una certificazione standard del settore, Cisco
Certified Networking Associate (CCNA™ ). Se si completano con successo i semestri da 1 a 4 alla
propria academy, viene rilasciato un attestato, il Networking Academy Skills, con il quale, dopo aver
sostenuto un esame in un Centro di Certificazione (Prometric), si ottiene la CCNA™.
L’Academy non rilascia direttamente la Certificazione in quanto la struttura del sistema di
Certificazioni Internazionali prevede che sia un’entità “super partes”, e quindi indipendente da chi ha
svolto il corso, ad attestare l’effettiva preparazione dei candidati. Questo al fine di poter garantire un
livello di preparazione omogeneo in tutto il mondo

Figura Professionale e sbocchi occupazionali:
La figura professionale di riferimento per i corsi CCNA è quella dell’amministratore di reti, in grado di
progettare, realizzare e mantenere reti locali o geografiche sino a un centinaio di nodi (quindi per
organizzazioni di medie dimensioni).

 4.11    Rapporti con il territorio, viaggi d’istruzione, stages
A completamento del percorso formativo, saranno organizzati viaggi d’istruzione sia in Italia che
all’estero, privilegiando le città d’arte e le capitali straniere, compatibilmente con le risorse
economiche delle famiglie e rispettando gli obiettivi didattici programmati dai consigli di classe e i
criteri formulati dal Consiglio d’Istituto.
I viaggi saranno pertanto organizzati con finalità culturali, senza dimenticare l’aspetto pedagogico e
socializzante di tale esperienza, che sarà attuata in modo da garantire al maggior numero possibile di
alunni di aderirvi, rimuovendo gli ostacoli che potrebbero impedirne la partecipazione.
Gli studenti, i docenti accompagnatori e le famiglie stesse saranno coinvolti alla fine in un sondaggio,
che consentirà di valutare l’efficacia del servizio offerto.
Saranno, inoltre, organizzate USCITE DIDATTICHE della durata d’una mattina o dell’intera giornata,
che serviranno ad integrare, arricchire e completare l’attività curricolare: la partecipazione a tali uscite
è obbligatoria, in quanto deve essere intesa come spiegazione/lezione e non come optional, poiché
strettamente connessa alla programmazione dei consigli di classe e agli obiettivi disciplinari.

 4.12    Linguistico
Lingua veicolare
Trattazione in lingua di argomenti curricolari per gli studenti .
Teatro in lingua
Obiettivo: proiezioni e spettacoli teatrali di approfondimento dei contenuti disciplinari, miglioramento
delle abilità linguistiche e della capacità di ascolto
Lettori di madre lingua
Obiettivo: miglioramento delle abilità linguistiche, della capacità di ascolto e di parlato
Pet
Obiettivo: certificazione internazionale di livello B1 e B2, per il miglioramento delle quattro abilità
linguistiche (listening, writing, speaking, reading)
Esame Cambridge PET e FIRST CERTIFICATE ENGLISH.
Certificazione linguistica internazionale D.E.L.F.
Certificazione ZertifiKat Deutsch fur Jugendliche
Certificazione linguistica spagnolo DELE
 4.13     Patto Formativo
Il patto formativo, nella definizione del D.P.C.M. del 7 Giugno 1995, - Carta dei Servizi- "si stabilisce
tra il docente e l'allievo ma coinvolge l'intero Consiglio di classe, gli organi d'Istituto, i genitori, gli enti
esterni preposti o interessati al servizio scolastico", esso é "elaborato nell'ambito e in coerenza degli
obiettivi formativi definiti ai diversi livelli istituzionali".
Per realizzare un patto formativo occorre in primo luogo definire quale sia la “piattaforma contrattuale”
in termini di:

                                    Di attività didattica
                                    di attività formativa
  proposta/accettazione
                                    di programmazione
                                    di verifica e valutazione

                                    di contenuti
                                    di discipline
  domanda/offerta                   di atteggiamenti
                                    di comportamenti
                                    di linguaggi

                                    processi
  dare/avere                        prodotti
                                    materiali di studio


Il patto formativo rientra nella categoria dei "patti normativi", cioè degli accordi sul comportamento da
tenere in determinate circostanze tra classi di soggetti contro-interessati o cointeressati al
raggiungimento di determinati risultati.

La fase definitoria del contratto formativo, nella quale si forma il consenso intorno ad un gruppo di
comportamenti, conduce alla elaborazione di un “regolamento”, cioè di un (testo) articolato redatto in
linguaggio normativo, avente un valore

       costitutivo: il patto formativo fonda le regole di comportamento
       negoziale: il patto formativo fonda il rapporto reciproco tra docenti e studenti
       documentale: il patto formativo è la prova dell'accordo e del rapporto tra studenti e insegnanti

In questo testo devono essere previste anche le conseguenze del mancato rispetto di una o più
regole del patto stesso.

Uno schema nucleare, liberamente espandibile, di patto formativo potrebbe essere così disegnato:

                                          OFFRONO/CHIEDONO                     CHIEDONO/OFFRONO
  ALUNNI e INSEGNANTI
                                             comportamenti                        comportamenti

Il senso - inteso sia come giustificazione (valore), sia come scopo (direzione) - del patto formativo
deve pertanto trovarsi nella dinamica delle sue componenti strutturali (regole per mezzo delle quali il
patto si forma) e contestuali (sistemi di regole cui il Contratto Formativo fa riferimento), nel suo farsi
strumento di razionalizzazione di esse, di mediazione di interessi, di convenzione pragmatica, cioè di
patto sulla qualità dell' insegnamento.


Si riportano esempi di patti formativi per l’area ITIS e per l’area         Liceo


                                             PATTO FORMATIVO
                                                   a.s. 200_/200_                         Classe : _______

LINEE GENERALI DEL PATTO FORMATIVO
Il docente si impegna a:
Stabilire e concordare
      le tappe del percorso didattico.
      le verifiche dell’apprendimento.
      i risultati conseguiti.
Informare in modo chiaro circa:
      le modalità, le metodologie e i contenuti dei programmi
      i criteri e i metodi di valutazione
Offrire:
      un supporto nelle difficoltà di apprendimento
      disponibilità e collaborazione con le famiglie

Lo studente si impegna a:
Conoscere e rispettare:
      le norme che regolano la vita dell’Istituto e della Classe
      le finalità e le tappe del percorso formativo con un impegno di studio costante e consapevole
offrire contributi di idee e apporti propositivi;
contribuire al miglioramento della scuola con la consapevolezza che essa è l’espressione della comunità.

DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI DEL CORSO
In termini di conoscenze, capacità/abilità, competenze e dei criteri di valutazione per verificare il
raggiungimento degli obiettivi.
Premesso il raggiungimento degli obiettivi minimi di ogni singola disciplina stabiliti durante le diverse riunioni e
indicati nei singoli “piani di Lavoro”, il consiglio di classe persegue i seguenti obiettivi cognitivi:
      acquisizione ed assimilazione delle conoscenze
      capacità di consultare i testi per individuare e comprendere le parti essenziali delle tematiche trattate in
         aula;
      capacità elaborativi e di collegamento;
      capacità di utilizzare un linguaggio chiaro ed il lessico specifico relativo di ogni materia;
      capacità di argomentare con ordine e coerenza e di relazionare con proprietà dimostrando di aver
         compreso le parti essenziali e le finalità delle esercitazioni pratiche.

SI INDIVIDUANO, INOLTRE, I SEGUENTI OBIETTIVI EDUCATIVI
     Capacità di partecipazione al dialogo educativo;
     Capacità di autocritica e disponibilità a migliorare se stessi;
     Capacità di rispettare opinioni e modi di esseri diversi;
     Capacità di rispettare l’ambiente.

La valutazione finale tiene conto, oltre che degli elementi cognitivi (requisiti minimi nelle varie discipline), anche
di elementi “non cognitivi” come presenza attiva in aula, impegno, interesse, partecipazione alle attività
scolastiche, motivazione allo studio e conseguente volontà di recupero.
La valutazione verrà effettuata mediante verifiche periodiche e globali volte al controllo del raggiungimento
degli obiettivi in itinere e verifiche finali. Gli insegnanti utilizzeranno strumenti di verifica diversificate, in piena
autonomia (fatti salvi i diritti degli studenti) quali: test, prove scritte, relazioni, prove pratiche, interrogazioni
frontali, interrogazioni brevi e lavori svolti a casa. Si potrà esprimere una valutazione quadrimestrale e finale
sintetica solo se le verifiche saranno significative per tempi e contenuti.
Si allega GRIGLIA DI VALUTAZIONE elaborata ed approvata all’unanimità dal Consiglio di Classe
                                                PATTO FORMATIVO
                                                  a.s. 200_/200_                          Classe : _______

LINEE ESSENZIALI DEL PATTO FORMATIVO
Il docente si impegna a:
stabilire e concordare
      Modalità, metodologia e contenuti dei programmi
      Criteri e metodi di valutazione
Informare in modo chiaro circa
      Tappe del percorso didattico
      Verifiche dell’apprendimento
      Risultati conseguiti
Offrire
      Un supporto nelle difficoltà di apprendimento
      Disponibilità e collaborazione con le famiglie

Lo studente si impegna a:
conoscere e rispettare
      Le norme che regolano la vita dell’Istituto e della Classe
      Le finalità e le tappe del percorso formativo
Offrire contributi di idee e apporti propositivi
Contribuire al miglioramento della scuola con la consapevolezza che essa è l’espressione della comunità.
Obiettivi minimi educativi
      Autocontrollo e rispetto delle regole scolastiche
      Capacità di inserimento in un contesto sociale, nel rispetto dei suoi comportamento.
      Accettazione consapevole degli altri, anche diversi da se.

Obiettivi minimi didattici

CONOSCENZE
    Acquisizione dei contenuti minimi stabiliti per ogni disciplina
    Acquisizione della terminologia e del linguaggio delle singole discipline
CAPACITA’/ABILITA’
    Sviluppo e rafforzamento della capacità di attenzione, concentrazione e osservazione
    Sviluppo della capacità di comprensione dei messaggi generali dei diversi linguaggi ed acquisizione
      della capacità di eseguire con continuità e puntualità i lavori assegnati
    Sviluppo dell’acquisizione dell’autonomia nel metodo di studio
COMPETENZE (obiettivi di approfondimento e di eccellenza)
    Acquisizione di competenze nelle varie discipline
    Sviluppo di una capacità ricettiva finalizzata a determinare una competenza produttiva.
    Trasposizione consapevole, critica e creativa delle conoscenze in contesti nuovi.
    Sviluppo della consapevolezza di sé e delle proprie potenzialità psico-fisiche

La valutazione finale tiene conto, oltre che degli elementi cognitivi (requisiti minimi nelle varie discipline), anche
di elementi “non cognitivi” come presenza attiva in aula, impegno, interesse, partecipazione alle attività
scolastiche, motivazione allo studio e conseguente volontà di recupero.
La valutazione verrà effettuata mediante verifiche periodiche e globali volte al controllo del raggiungimento
degli obiettivi in itinere e verifiche finali. Gli insegnanti utilizzeranno strumenti di verifica diversificate, in piena
autonomia (fatti salvi i diritti degli studenti) quali: test, prove scritte, relazioni, prove pratiche, interrogazioni
frontali, interrogazioni brevi e lavori svolti a casa. Si potrà esprimere una valutazione quadrimestrale e finale
sintetica solo se le verifiche saranno significative per tempi e contenuti.
5.        LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

La programmazione didattica curricolare è uno degli
elementi fondamentali che caratterizzano l’attività
formativa ed educativa dell’istituto; essa si realizza,
per ciascuna disciplina, attraverso la costante ricerca
di un equilibrio tra:

    gli esiti attesi alla fine del percorso scolastico in
     relazione alle figure professionali d’uscita;
    i saperi ritenuti essenziali nel nostro periodo
     storico;                                                               Didattica
    i nuclei fondanti di ogni disciplina.


Il processo che porta alla pianificazione del percorso
didattico di ogni classe si articola in tre momenti:



1.      il primo, di carattere generale e collegiale, è proprio del Collegio dei Docenti; in esso viene
    definita sia la programmazione didattica disciplinare che i Progetti speciali attuati nell’istituto;
2.      il secondo, ancora di tipo collegiale, vede protagonista il Consiglio di classe nel suo
    insieme e mira a:
    evidenziare gli obiettivi trasversali educativi e didattici della classe;
    individuare e recepire i progetti speciali più idonei alla situazione;
    armonizzare gli interventi prevedendo anche percorsi multidisciplinari.
3.      il terzo, di tipo individuale, è di competenza di ogni singolo insegnante ed è finalizzato ad
    adeguare la pianificazione generale alla situazione della singola classe.

Nelle pagine seguenti viene presentata la scheda riassuntiva della programmazione didattica.

La programmazione dei singoli dipartimenti e i moduli relativi alla programmazione individuale del
docente sono disponibili in un fascicolo a parte, oppure consultando il sito internet dell’Istituto,
all’indirizzo seguente:
www.istitutoeuropaunita.it
                      Soggetto
        Fase                                         Obiettivi                      Modalità       Tempi                         5.1
                      coinvolti
                                      Definire in modo razionale ed omogeneo                      Programmazione
                                       i contenuti didattici di ogni disciplina in                 curricolare di
                                       funzione dell’anno in corso, dell’indirizzo,                Dipartimento:
                                       delle classi, del monte-ore a                               SETTEMBRE
                                       disposizione, delle risorse specifiche
                                       dell’Istituto;
                                      Formulare gli obiettivi di apprendimento
                                       di base per ogni anno e corso per                           Verifica della
                                       assicurare la continuità didattica;                         programmazione:
                                      Definire criteri e strumenti della                          NOVEMBRE-APRILE
                                       valutazione;
                                      Ottimizzare l’utilizzo delle risorse
                                       materiali di cui l’Istituto dispone;
                                      Pianificare gli interventi necessari sia                    Valutazione dei risultati:
                                       alla la formazione disciplinare specifica                   MAGGIO-GIUGNO
                                       che all’acquisto di nuove attrezzature;
1. Programmazione                     Predisporre la parte del POF relativa
  Didattica         Collegio dei                                                    Riunione dei
                                       alla Programmazione Disciplinare
  Disciplinare      docenti                                                         Dipartimenti
  Collegiale
                                                                                                                                Scheda riassuntiva della programmazione didattica
                                                                                        Soggetto
                                                                          Fase                                         Obiettivi                        Modalità              Tempi
                                                                                        coinvolti
                                                                                                       Evidenziare gli obiettivi trasversali                        Secondo il calendario
                                                                                                        educativi e didattici;                                       deliberato dal Collegio
                                                                                                       Individuare i progetti speciali idonei alla                  Docenti
                                                                                                        classe;
                                                                                                       Armonizzare gli interventi disciplinari
                                                                                                        prevedendo anche eventuali percorsi
                                                                  2. Programmazione                     multidisciplinari;
                                                                    Didattica          Consiglio di    Programmare l’approfondimento, il             Riunioni
                                                                    Collegiale della   Classe           potenziamento e il recupero;                  collegiali
                                                                    Classe                             Programmare percorsi personalizzati;
                                                                                                       Monitorare le attività didattiche
                                                                                                       Elaborare il “Patto Formativo” con tutte le
                                                                                                        componenti




                                                                                                       Predisporre un PIANO DI LAVORO che            Strumenti da   Consegna del PIANO
                                                                                                        tenga conto della programmazione              utilizzare:    DI LAVORO: entro il 30
                                                                                                        collegiale del Dipartimento e dei Consigli                   Novembre
                                                                                                        di Classe e della situazione di partenza      PIANO DI
                                                                                                        della classe;                                 LAVORO
                                                                                                       Valutare l’attività svolta e gli obiettivi                   Consegna della




(…..continua) Scheda riassuntiva della programmazione didattica
                                                                                                                                                                                                 (…..continua) Scheda riassuntiva della programmazione didattica




                                                                                                        effettivamente raggiunti                      RELAZIONE      RELAZIONE FINALE:
                                                                                                                                                      FINALE         fine anno scolastico
                                                                  3. Programmazione    Singolo
                                                                    Didattica
                                                                                       Insegnante
                                                                    Individuale                                                                                      Consegna dei
                                                                                                                                                                     programmi svolti
                                                                                                                                                                     firmati anche dai
                                                                                                                                                                     rappresentanti di classe
                                                                                                                                                                     degli studenti: fine anno
                                                                                                                                                                     scolastico
                                                                                                                                                        Soggetto




                           Data
                                                                                                                                           Fase                                   Obiettivi                           Modalità                        Tempi
                                                                                                                                                        coinvolti
                                                                                                                                                                                                       Delibera in seduta plenaria:
                                                                                                                                                                                                       Lo schema generale del processo
                                                                                                                                                                                                         che porta alla formulazione della Entro fine anno
                                                                                                                                                       Collegio dei                                      programmazione didattica;         scolastico per
                                                                                                                                                        Docenti                                        Le eventuali proposte di           l’anno successivo
                                                                                                                                                                                                         miglioramento




                           Orario
                                                                                                                                                                                                       Predispongono la programmazione
                                                                                                                                                                                                       didattica collegiale disciplinare




9.00-11.00
                                                                                                                                                                                                       secondo le indicazioni del Collegio      Settembre
                                                                                                                                                       Dipartimenti                                    Docenti

                                                                                                                                                                           Valutare la struttura, il
                                                                                                                                                                            processo, l’esito e la        Raccoglie la programmazione del
                                                                                                                                                                            coerenza della parte del       proprio Dipartimento;
                                                                                                                                                                            POF relativa alla             valuta il documento POF nel suo
                                                                                                                                     4. Valutazione                         Programmazione                 complesso;
                                                                                                                                                      Coordinatori di       Didattica;                                                        Febbraio per
                                                                                                                                                                                                          propone eventuali cambiamenti da




                           Impegno
                                                                                                                                                       Dipartimento                                                                           l’anno successivo




                                                  PIANO ATTIVITA’
                                                                                                                                                                           Evidenziare le attività da     sottoporre all’attenzione del CD e




Collegio docenti*
                                                                                                                                                                            migliorare;                    del Dipartimento
                                                                                                                                                                           Deliberare le modifiche.




                                                                    5.1.1 Scheda riassuntiva delle Attività per l’A.S. 2009 – 2010
                                                                                                                                                                                                          Predispone la scheda relativa alla
                                                                                                                                                                                                           programmazione didattica;
                                                                                                                                                                                                          Raccoglie la documentazione
                                                                                                                                                      Commissione                                          prodotta dai Dipartimenti;
                                                                                                                                                           POF                                            Valuta il documento POF nel suo
                                                                                                                                                                                                                                                  Febbraio per
                                                                                                                                                            e                                              insieme ed evidenza i punti forti ed
                                                                                                                                                                                                                                                  l’anno successivo
                                                                                                                                                        Funzioni                                           i punti deboli;
                                                                                                                                                       Strumentali                                        Formula proposte ai Coordinatori




Apertura anno scolastico
                           Argomento principale
                                                                                                                                                                                                           di Dipartimento e al CD per
                                                                                                                                                                                                           migliorare il processo ed il risultato
                                                                                                                                                                                                           atteso.
    Martedì 01/09/09

*Al termine del Collegio verranno definite dai singoli gruppi disciplinari 3 date ( di cui una entro il 12/09) di
riunioni obbligatorie per programmazioni e verifiche e 4 date di riunioni del gruppo Handicap da comunicare in
vicepresidenza entro il 30//9.
                                                 Consigli di classe chiusi (1 ora)
     Lunedì 14/09/09        Seguirà circolare limitati alle classi con portatori di Alunni portatori di disabilità
                                                handicap
                                                Consigli di classe chiusi (1 ora)
   Mercoledì 23/09/09                           limitati alle classi con alunni con     Alunni con DSA o in situazioni
                            Seguirà circolare
                                                DSA o in situazione particolare e/o particolari e/o complesse
                                                complesse
                                                                                       Programmazione
    Giovedì 24/09/09          14.00– 16.00      Collegio docenti
                                                                                       Elezione funzioni strumentali
                                                                                       Patto Formativo
                                                                                       Programmazione
                                 seguirà
   05-09 ottobre 2009                           Consigli di classe chiusi (1 ora)      Program. flessibilità org . e
                                circolare
                                                                                       did. Alunni
                                                                                       Proposta viaggi d’istruzione
                                 seguirà
                                                Assemblee genitori                     Elezioni rappresentanti CdC
        Ottobre ’09             circolare
                                                                                       Verifica programmazione
Mercoledì 4/11/09             14.00 – 15.30     Collegio Docenti
                                                                                       annuale
                                                                                       Insediamento rappr. eletti
                                                Consigli di classe chiusi /aperti (1
   9-16 Novembre ‘09        seguirà circolare                                          Andamento didattico discipl.
                                                ora)
                                                                                       Delibera viaggi d'istruzione
Inizio dicembre ‘09            9.30 – 12.30
                                                Scuola aperta                          Presentazione scuola
         domenica             15.30 – 18.30
 1 febbraio – 8 febbraio         seguirà
                                                         Consigli di Classe            Scrutini 1° quadrimestre
            ‘10                 circolare
     Martedì 16/02/10                                                                  Verifica programmazione
                               14.00-15.30               Collegio docenti
                                                                                       annuale
                                                                                       Andamento didattico discipl.
                                                Consigli di Classe chiusi/ aperti (1
 22 marzo-27 marzo ‘10      seguirà circolare                                          Verifica recupero insuff. 1°
                                                ora)
                                                                                       quadrim.
    Venerdì 16/04/10                                                                   Ipotesi programmazione
                               14.00-15.30      Collegio docenti
                                                                                       2009-2010
                             Al termine del
                                                Riunione per materie                   Adozione libri di testo
       16 aprile ‘10            Collegio
                                                                                       Andamento didattico discipl.
                                                Consigli di Classe chiusi/ aperti (1   Adozione libri di testo
    3 –7 maggio ‘10         seguirà circolare
                                                ora)                                   Verifica assenze e note
                                                                                       disciplinari

    Lunedì 10/05/10           14.00 – 15.30     Collegio Docenti                       Adozione libri di testo
     13-14 mag. ‘10         seguirà circolare        Consigli di Classe quinte         Documento del 15 maggio

                              14.00 – 15.30     Collegio Docenti                       Valutazione finale attività
      Giovedì 3/06/10

   11-18 giugno 2010             seguirà        Consigli di Classe                     Scrutini 2° quadrimestre
                                circolare




5.2       Valutazione attività didattica
Nella valutazione dei risultati e dei processi di apprendimenti il CdD individua criteri (riportati in
tabella) adottati nelle verifiche sommative di ogni singola disciplina e per i vari indirizzi.

Il Consiglio di Classe è l’organo giudicante cui compete la valutazione degli studenti in base ai criteri
deliberati dal Collegio dei Docenti, finalizzati ad assicurare omogeneità nelle decisioni che vengono
assunte nei diversi Consigli, i quali tengono conto della situazione personale di ogni studente non
riducibile a rigidi schemi preordinati.
                                     CRITERI DI VALUTAZIONE

       VOTO               CONOSCENZE – COMPETENZE – CAPACITA’                             GIUDIZIO

                   Nessuna conoscenza. Difficoltà assoluta a capire le richieste
   UNO - TRE
                   dei docenti. Errori gravi e numerosi in compiti semplici.
                                                                                       GRAVEMENTE
                   Conoscenze molto lacunose. Difficoltà a capire le richieste dei
                                                                                      INSUFFICIENTE
   QUATTRO         docenti. Molti errori nella soluzione di compiti anche semplici.
                   Esposizione scorretta e non appropriata
                   Conoscenze incomplete e superficiali. Mancanza assoluta di
                   autonomia e necessità della guida costante dell’insegnante.
    CINQUE                                                                            INSUFFICIENTE
                   Errori non gravi nell’esecuzione di compiti semplici. Esposizione
                   faticosa e imprecisa.
                   Conoscenze essenziali ma non approfondite sui contenuti e gli
                   obiettivi minimi. Limitata autonomia nell’applicazione delle
       SEI                                                                             SUFFICIENTE
                   conoscenze e nell’esecuzione di compiti semplici. Esposizione
                   sufficientemente corretta.
                   Conoscenze complete ma non approfondite. Nessun errore in
                   compiti di media difficoltà, svolti autonomamente. Capacità di
     SETTE         applicare le conoscenze acquisite in situazioni nuove ma non           BUONO
                   complesse.       Esposizione    discreta    e     sostanzialmente
                   appropriata.
                   Conoscenze complete e approfondite. Visione interdisciplinare
                   del sapere. Capacità di andare oltre le richieste dei docenti e di
 OTTO - NOVE                                                                             DISTINTO
                   applicare procedure complesse con correttezza formale e rigore
                   espositivo. Assenza di errori nell’esecuzione dei compiti
                   Conoscenze complesse, approfondite e ragionate. Visione
                   interdisciplinare del sapere. Capacità di applicare, in modo
                   originale, contenuti e procedure acquisite a situazioni
      DIECI                                                                               OTTIMO
                   problematiche molto complesse e non necessariamente
                   scolastiche. Padronanza nelle operazioni di analisi. Esposizione
                   corretta, appropriata e rigorosa.
La valutazione di fine anno terrà conto, oltre che del conseguimento degli obiettivi minimi
disciplinari, delle capacità di assumersi le proprie responsabilità in termini di impegno e
partecipazione, dei progressi fatti relativamente alla propria situazione di partenza e
dell’atteggiamento diligente teso al miglioramento.




 5.3     Valutazione della condotta
Con il voto di condotta si valuta il comportamento, il grado d’educazione e di civiltà nei rapporti
interpersonali dello studente e viene attribuito secondo questi criteri:

INDICATORI                       6             7              8             9               10
ATTENZIONE E
                          Superficiale   Alterna         Adeguata     Elevata         Esemplare
PARTECIPAZIONE
                          Discontinua    Poco
FREQUENZA                                                Regolare     Assidua         Esemplare
                          e irregolare   assidua
                                                         In
IMPEGNO E                                Non sempre                                   Sistematico,
                          Molto                          generale     Costante e
APPLICAZIONE                             continuo e                                   costante e
                          superficiale                   costante e   regolare
NELLO STUDIO                             regolare                                     organico
                                                         regolare
                          Poco           Abbastanza      Adeguati     Pienamente      Esemplari
COMPORTAMENTO             adeguati        adeguati                     adeguati
E RISPETTO del
REGOLAMENTO
D’ISTITUTO E del
PATTO FORMATIVO


La reiterata mancanza di rispetto delle regole di convivenza civile, del regolamento d’istituto e del
patto formativo di classe, formalizzata anche con provvedimenti disciplinari, senza che l’alunno/a si
sia impegnato in un percorso educativo, determina l’assegnazione del 5 di condotta.


5.4    Valutazione dell’ammissione alle classi successive
Nella seguente tabella vengono riportati i criteri per la promozione alle classi successive:

       CRITERI OMOGENEI PER GLI SCRUTINI DEL II QUADRIMESTRE
   N° 4 o più INSUFFICIENZE GRAVI    Non ammesso alla classe successiva.
   N° 1      INSUFFICIENZA NON GRAVE
                    e                Non ammesso alla classe successiva.
   N° 3        INSUFFICIENZE GRAVI
                                      Il Consiglio di Classe valuta l’opportunità di ammettere
   N° 3        INSUFFICIENZE GRAVI   o di non ammettere alla classe successiva o di
                                     sospendere il giudizio di ammissione.
                                     Il Consiglio di Classe valuta l’opportunità di ammettere
        IN TUTTI GLI ALTRI CASI      o di non ammettere alla classe successiva o di
                                     sospendere il giudizio di ammissione.


La mancanza di valutazioni, da addebitarsi allo studente, equivale ad una insufficienza grave.




 5.5     Valutazione Insegnamento Religione Cattolica

La presente valutazione è attribuita dal docente di Religione Cattolica agli alunni che si avvalgono di
tale insegnamento


   GIUDIZIO1              CONOSCENZE – COMPETENZE – CAPACITA’                                  VOTO

             Conosce in modo superficiale o generico gli elementi essenziali
   SCARSO    della disciplina. Non partecipa all’attività didattica e non si               CINQUE
             applica al lavoro richiesto. Il dialogo educativo è quasi assente.
             Sa ripetere con sufficiente precisione gli argomenti più
             importanti della disciplina, di cui comprende e usa il linguaggio
 SUFFICIENTE in modo semplice. Partecipa anche se non attivamente                              SEI
             all’attività didattica in classe. E’ disponibile al dialogo educativo
             se stimolato dall’insegnante.
             Conosce con sicurezza molti degli argomenti sviluppati durante
    MOLTO    l’attività didattica, sa effettuare collegamenti all’interno della                OTTO
             disciplina. Dà il proprio contributo con costanza in tutte le
                  attività; si applica con serietà; interviene spontaneamente con
                  pertinenza ed agisce positivamente nel gruppo. Sa organizzare
                  le sue conoscenze in maniera autonoma. E’ disponibile al
                  confronto critico e al dialogo educativo.
                  Ha un’ottima conoscenza della materia, è capace di
                  approfondimenti critici e di apporti originali. Partecipa in modo
                  attivo e vivace a tutte le attività proposte, dimostrando interesse
                  e impegno lodevoli. E’ ben organizzato nel lavoro, che realizza
    MOLTISSIMO    in modo autonomo ed efficace. E’ in grado di operare                       DIECI
                  collegamenti all’interno della disciplina e tra le diverse discipline
                  anche grazie ad approfondimenti personali. E’ autonomo nelle
                  proprie valutazioni e sa motivarle. E’ propositivo nel dialogo
                  educativo.

1
    Cfr. Legge n. 824/1930 art. 4; C.M. n. 20/1964; D.L. 297/1994 art. 309 comma




5.6     CREDITI, ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E RECUPERO ED AMMISSIONE
        ALL’ESAME DI STATO

5.6.1 Attribuzione del credito scolastico

Dal corrente anno scolastico, solo per gli studenti frequentanti il terzultimo anno, si
applica la nuova ripartizione dei punteggi del credito scolastico, stabilita dal D.M. 99 del
16/12/2009 e indicata nella tabella sottostante; nell’anno scolastico 2010/2011, l’applicazione
si estenderà agli studenti della penultima classe e nell’anno scolastico 2011/2012 riguarderà
anche quelli dell’ultima classe :
                                                 TABELLA A
                                           CREDITO SCOLASTICO
                                               Candidati interni
(sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come
modificata dal D.M. n. 42/2007)

             Media dei voti                        Credito scolastico (Punti)

                                        III anno              IV anno               V anno
                  M=6                      3-4                   3-4                   4-5

                6<M≤7                      4-5                   4-5                   5-6

                7<M≤8                      5-6                   5-6                   6-7

                8<M≤9                      6-7                   6-7                   7-8

               9 < M ≤ 10                  7-8                   7-8                   8-9

NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno
scolastico.
Per gli altri studenti (classe quarta e quinta) resta in vigore la seguente ripartizione dei punteggi:

                                            TABELLA A
                                        CREDITO SCOLASTICO
                                          Candidati interni
      (sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323)

             Media dei voti                         Credito scolastico (Punti)

                                         III anno             IV anno               V anno

                  M=6                      3-4                   3-4                   4-5

                6<M≤7                      4-5                   4-5                   5-6

                7<M≤8                      5-6                   5-6                   6-7

               8 < M ≤ 10                  6-8                   6-8                   7-9




NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno
scolastico

Al fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo
ciclo di istruzione, nessun voto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di
discipline valutate con l'attribuzione di un unico voto secondo l'ordinamento vigente. Sempre ai fini
dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di
istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Il voto di comportamento,
concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con
l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei
voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire
nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero
e deve tenere in considerazione, oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza
scolastica, l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e alle attività
complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi. Il riconoscimento di eventuali crediti
formativi non può in alcun modo comportare il cambiamento della banda di oscillazione
corrispondente alla media M dei voti.

                                                 TABELLA B
                                           CREDITO SCOLASTICO
                                  Candidati esterni - Esami di idoneità
(sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come
modificata dal D.M. n. 42/2007)

     Media dei voti conseguiti in esami di idoneità                    Credito scolastico (Punti)
                              M=6                                                        3

                            6<M≤7                                                       4-5

                            7<M≤8                                                       5-6

                            8<M≤9                                                       6-7

                           9 < M ≤ 10                                                   7-8

NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti agli esami di idoneità (nessun voto può essere inferiore a sei
decimi). Il punteggio, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate nella presente tabella, va
moltiplicato per 2 in caso di esami di idoneità relativi a 2 anni di corso in un’ unica sessione. Esso va espresso
in numero intero. Per quanto concerne l'ultimo anno il punteggio è attribuito nella misura ottenuta per il
penultimo anno.


                                               TABELLA C
                                        CREDITO SCOLASTICO
                                   Candidati esterni - Prove preliminari

         Media dei voti delle prove preliminari                          Credito scolastico (Punti)

                            M=6                                                         3

                          6<M≤7                                                        4-5

                          7<M≤8                                                        5-6

                          8<M≤9                                                        6-7

                         9 < M ≤ 10                                                    7-8

NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti nelle prove preliminari ( nessun voto può essere inferiore a
sei decimi). Il punteggio, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate nella presente tabella, va
moltiplicato per 2 o per 3 in caso di prove preliminari relative, rispettivamente, a 2 o a 3 anni di corso. Esso va
espresso in numero intero.



5.6.2 Articolazione degli interventi di sostegno e recupero
Dopo gli scrutini del primo quadrimestre per le materie in cui si sono registrate insufficienze verranno
attivati i seguenti interventi di sostegno:

                       Recupero in itinere;
                       Attività extra individuale;
                       Eventuali sportelli “Help”;
                       Utilizzo della piattaforma;
                       Eventuale pausa didattica di una o due settimane (secondo delibere dei
                        Consigli di classe) con attività differenziate per il sostegno e la valorizzazione
                        dell’ eccellenza.

Per gli alunni insufficienti al termine dell’anno scolastico verranno attivati i seguenti interventi
di recupero:
                   Corsi nel periodo fine giugno-15 luglio;
                   Utilizzo della piattaforma.

Data verifica superamento debito:
Prima settimana di settembre 2010 secondo un calendario che verrà pubblicato entro il 15 luglio
2010.
5.6.3 Recupero debiti formativi non colmati per alunni del triennio.
Verranno attivati, su indicazione dei vari Consigli di Classe, corsi pomeridiani o attività in itinere da
effettuarsi entro il termine del I° quadrimestre o comunque non oltre il 15 marzo 2010.

5.6.4 Risorse finanziarie
Il Consiglio di istituto, su proposta del Collegio dei docenti, con propria delibera, approva
annualmente un piano di fattibilità degli interventi di recupero, anche sulla base della consistenza
delle risorse a tal fine disponibili nel fondo di istituto.

I criteri per la utilizzazione del personale docente e non docente da impiegare nelle attività di
recupero sono definiti in sede di contrattazione di istituto.


    5.7 Criteri di attribuzione del Credito Scolastico

Con media voti da 6 a 8 per le classi quarte e quinte e con media voti da 6 a 10 per le classi
terze verrà assegnato il massimo punteggio della relativa banda di oscillazione a condizione che
l’allievo abbia dimostrato di soddisfare almeno due delle tre seguenti condizioni:

1)- impegno costante 2)- frequenza regolare 3)- credito formativo


Solo per le classi quarte e quinte con media voti superiore a 8 verrà assegnato:

Il minimo punteggio della relativa banda di oscillazione a condizione che l’allievo abbia dimostrato di
soddisfare solo una o nessuna delle tre seguenti condizioni: 1)- impegno costante 2)- frequenza
regolare 3)- credito formativo;

Il punteggio intermedio della relativa banda di oscillazione a condizione che l’allievo abbia
dimostrato di soddisfare almeno due delle tre seguenti condizioni: 1)- impegno costante 2)-
frequenza regolare 3)- credito formativo;

il massimo punteggio della relativa banda di oscillazione a condizione che l’allievo abbia dimostrato
di trovarsi in almeno una delle due seguenti situazioni:
        ▪ avere dimostrato di soddisfare tutte le seguenti situazioni 1)- impegno costante 2)-
frequenza regolare 3)- credito formativo;
        ▪ Avere soddisfatto almeno due delle tre situazioni seguenti 1)- impegno costante 2)-
frequenza regolare 3)- credito formativo e avere ottenuto nell’anno precedente il massimo punteggio
di credito scolastico .

Le situazioni eccezionali saranno valutate dai singoli Consigli di Classe in maniera adeguata e
opportuna.

    5.8 Criteri di attribuzione del Credito Formativo

Nella tabella seguente vengono riportate le attività riconoscibili per il conseguimento del credito
formativo (massimo un punto in quanto non cumulabili)

                          ATTIVITA’ CULTURALI                                   ATTIVITA’ SOCIALI
         Istituto e Bande Musicale                                             C.R.I.
         Gruppi folcloristici                                                  Vigili del Fuoco Volontari
         Compagnie teatrali                                                    Protezione Civile
         Attività organizzate da Enti Pubblici del territorio                  Associazioni Socio
         Conferenze e seminari organizzati dell’Università e/o              Assistenziali di Volontariato
     Associazioni e Centri Culturali del territorio per un minimo di            Gruppi Giovanili non
     dieci ore                                                               mirati        all’insegnamento
        Corsi di lingue anche estivi                                     religioso
        Borse di studio attribuite da Associazioni con finalità di
    Promozione Culturale
        Esami di livello relativi all’apprendimento musicale
        Superamento di esami di livello relativi a lingue straniere
        Frequenza del Conservatorio
        Partecipazione a concorsi banditi da Associazioni e centri
    culturali
                                            ATTIVITA’ SPORTIVE
       Tesseramenti Federazioni o Enti promozioni sportive
                                     ATTIVITA’ PROFESSIONALI
       Corsi di formazione finalizzati al conseguimento di una qualifica o un brevetto
       Stage organizzati dal Distretto o da Enti pubblici o privati
       Stage all’estero organizzati dall’Istituto
       Stage organizzati dall’Istituto in modo autonomo purché coerenti con l’indirizzo di studio
6.          LA PROGETTAZIONE EXTRA CURRICOLARE
Collegio Docenti delibera e realizza per gli studenti dell’Istituto, attraverso gruppi di lavoro
appositamente costituiti, una serie di progetti diversamente articolati, con finalità e tempi di
attuazione propri, che mirano a completare l’intervento curricolare.
In particolare, negli interventi programmati, si individuano i seguenti obiettivi specifici:

     definire percorsi formativi differenziati ed individualizzati
     potenziare la motivazione allo studio
     ridurre la dispersione scolastica attraverso nuove modalità di recupero e di sostegno
     potenziare competenze trasversali
     ricomporre i percorsi cognitivi attraverso moduli interdisciplinari
     facilitare il passaggio tra classi di indirizzo diverso
     approfondire aspetti professionali
     progettare ed attuare percorsi IFTS in collaborazione con partners quali: Industrie, Università e
      Politecnico di Torino, Agenzie formative.


    6.1   Responsabilità, fasi della programmazione e dell’esecuzione dei
          progetti
La responsabilità della progettazione è individuata dalla seguente tabella

                                     Collegio   Responsabile    Gruppo     Consiglio                 Responsabile
          ATTIVITA’           D.S.                                                       Operatore
                                     Docenti      Progetto     Operatori   di Istituto                  POF
 Indicare le linee guida
       dei progetti
                                       R
      Individuare i
responsabili dei progetti
                               R
 Assegnare i progetti ai
      responsabili
                               R
  Inserire i progetti nel
           POF
                                                                                                          R
      Individuare i
      collaboratori
                                                     R
    Pianificare il progetto                                       R
    Compilare la scheda
    progetto (mod.38_1)
                                                     R
    Approvare i progetti               R                                       R
   Svolgere le attività
  previste dal progetto
                                                                                            R
      Controllare lo
     svolgimento del                                 R
         progetto
  Relazione finale sul
         progetto
                                                     R
Distribuire, raccogliere e
analizzare i questionari
                                                     R
Legenda: R = Responsabile




    6.2      Individuazione dei progetti
Alla fine di ogni anno scolastico, il Collegio dei Docenti indica le linee guida a cui devono uniformarsi
le iniziative extracurriculari da proporre per l’anno seguente.
Le proposte di nuove iniziative extracurriculari possono pervenire da Enti esterni (Comune, Provincia,
Regione, Ministero o anche enti privati), docenti singoli o gruppi di docenti, studenti.
Nel caso di proposte provenienti da docenti e studenti, i soggetti proponenti compilano una scheda
(mod. 38_1). Tutte le proposte di iniziative extracurriculari vengono valutati dal Dirigente per una
valutazione di fattibilità. Il DS individua un Responsabile di progetto.
Dopo la fase di pianificazione, le schede dei progetti sono consegnate al Responsabile del POF dieci
giorni prima del Collegio Docenti che ha all’ordine del giorno l’approvazione del POF.
Altre proposte possono possono fare riferimento anche a bandi Provinciali, Regionali e/o Nazionali
(per es: IFTS).
Il Collegio dei Docenti e il Consiglio di Istituto approvano per la loro parte di competenza.


 6.3     Pianificazione dei progetti
Il Responsabile di progetto individua eventuali collaboratori e riunisce il gruppo di lavoro che provvede
alla pianificazione del progetto, di cui si indicano le modalità operative, tra cui: calendario, risorse
umane, risorse strumentali, aule e/o laboratori.


 6.4     Attuazione dei progetti
Ogni operatore coinvolto nel progetto attua l’attività a lui assegnata in fase di pianificazione e
documenta il lavoro svolto.
Periodicamente il gruppo si riunisce per un’opportuna opera di monitoraggio in itinere, per verificare lo
stato di avanzamento e per apportare eventuali correzioni alle attività se si rendesse necessario.


 6.5     Verifica e valutazione dei progetti
Il Responsabile del progetto controlla il corretto svolgimento del progetto ed eventualmente interviene
per opportune correzioni che si rendessero necessarie (per esempio cambiare il calendario degli
incontri).
Al termine delle attività previste nel progetto, redige una Scheda sintetica attività (mod. 42) in cui
evidenzia quanto è stato realizzato del preventivato ed esprime una valutazione dei risultati
conseguiti.
Tali relazioni costituiscono una base per la relazione al Collegio dei Docenti che valuta il POF. Alla
fine del progetto, se ritenuto utile, il Responsabile del progetto distribuisce un questionario ai
frequentanti, per conoscerne il loro livello di gradimento.
I questionari sono raccolti ed analizzati a cura del Responsabile di progetto. Una sintesi dell’analisi
dei questionari è riportata nella Scheda sintetica attività.
L’elaborazione dei questionari e copia della relazione finale vengono conservate e archiviate a cura
del Responsabile qualità per almeno tre anni.




 6.6     Progetti dell’EUROPA UNITA
I progetti costituiscono l’identità culturale del nostro Istituto in quanto “indicazioni di specificità” e di
“scelte qualificanti”; essi fanno riferimento ad ambiti progettuali condivisi espressi dal Collegio dei
Docenti per l’anno scolastico 2009-10.


La progettualità dell’Istituto si arricchisce, quindi, di nuove proposte (1° anno e 2° anno) oltre che di
attività consolidate nel tempo (A.C.T. ) che già fanno parte dell’arricchimento dell’offerta formativa.
Di seguito gli ambiti:


                                    2.     Recupero,
1.        Accoglienza, Salute                           3.      Teatro,     4.      Umanistico,
                                       Approfondimento,
     e Prevenzione ,                                       cinema , arte,      Storico, Sociale,
                                       Eccellenza,
     Promozione della persona                              musica              Interculturale
                                       ORIENTAMENTO
                                                        7.      Comunicazio
5.       Scientifico,                                      ne interna
                                    6.     SPORT                            8.      TECNICO
     Ambientale                                            esterna, Reti di
                                                           scuole

9.        Rapporti con il territorio, Viaggi di
                                                          10.      LINGUISTICO
     istruzione, Stage



L’attivazione dei seguenti progetti è subordinata alla verifica economica finanziaria di istituto:


AMBITI                                   Titolo progetto - Obiettivi                                 Referenti
                                                  RADAR
                                       Prevenzione dipendenze
            Il progetto, promosso dal Ser.T dell’ Asl 7 di Chivasso, ha lo scopo di
            valorizzare la comunicazione tra pari. I peer educators sono ragazzi
                                                                                                     Prof.ssa
      1     adeguatamente formati che scelgono di agire in favore dei propri coetanei e
                                                                                                     Bonadies
            dei compagni più piccoli in uno dei seguenti settori:
                         Accoglienza dei nuovi allievi
                         Prevenzione delle dipendenze
                         Prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse
                                              ADOLESCENTI
                       Educazione all’affettività ed a una sessualità responsabile
            Promosso dal Dipartimento di psicologia dell’età evolutiva dell Asl 7 di
            Chivasso. La sessualità nell’età dell’adolescenza è al centro dell’interesse
                                                                                                  Prof.sse
            sanitario e psicologico. Il progetto ha lo scopo di costruire la capacità di
                                                                                               Bianco Dolino,
      1     instaurare rapporti affettivi profondi e rispettosi prevenendo tre tipi di rischi:
                                                                                                 Bonadies,
            il rischio di contrarre malattie, il rischio di gravidanze precoci, il rischio di
                                                                                                   Pincin
            essere coinvolti in rapporti sessuali prematuri o al di fuori di una relazione
            affettiva di parità. La metodologia impiegata per raggiungere questi obiettivi
            è supportata dalla peer education: in tale contesto la comunicazione tra pari
            è una risorsa preziosa ed efficace.
                         DONAZIONI E CULTURA DELLA SOLIDARIETA’
            Nell’ambito dell’educazione alla salute da parecchi anni si propone,sempre
            con successo, il tema delle “donazioni e cultura della solidarietà” con                  Prof.ssa
      1
            l’intervento di associazioni quali ANED, ADMO, AVIS ecc… L’attività si                   Masoero
            conclude con la donazione vera e propria mediante autoemoteca AVIS
            presso la sede dell’istituto.
     EDUCAZIONE ALLA PACE, CITTADINANZA ATTIVA, SOLIDARIETA’
                    Emergency e i diritti umani
    In un mondo sempre più devastato da guerre e violenza diffusa, i giovani si
    trovano a gestire una gran quantità di informazioni cariche di ansia e di
    angoscia, rischiano di vivere in una zona di incomunicabilità, dove non c’è
    nessuno a soccorrerli; ma quel che è più grave è l’assenza di una
    prospettiva, dove il tempo non sia vuoto e dove non esista solo più un "io"
    ma anche un “noi” motivazionale.
    Il mondo dei giovani reagisce a tutto questo mettendo in campo una sfiducia
    e un disincanto preoccupante, così come preoccupa il loro disinteresse per             Prof.
1                                                                                         Colloca
    la scuola, la politica, la progettualità di vita. Eppure sono molti i giovani che
    chiedono coi loro atteggiamenti un modo per uscirne, il loro grido spesso è
    inascoltato. La scuola e la famiglia, al contrario di quanto viene divulgato
    attraverso i media, possono fare molto, costruire percorsi di alfabetizzazione
    emotiva ed affettiva, possono educare i giovani a occuparsi degli ultimi, dei
    più deboli, possono educare a dare il proprio impegno sociale in forme di
    volontariato. Ecco perché l’educazione alla Pace, alla cittadinanza attiva e
    alla solidarietà possono essere un deterrente formidabile contro ogni forma
    di nichilismo e di disinteresse.

                CORSO DI ACCOSTAMENTO AL VOLONTARIATO
    Il corso offre ai giovani un’opportunità di crescita e di conoscenza delle
    esperienze territoriali relative al mondo del volontariato. Si partirà dalla
    comprensione dei fondamenti del volontariato stesso per ricercare le proprie          Prof.ssa
1                                                                                         Glionna
    potenzialità e motivazioni. Si approfondirà la necessità di operare in gruppo
    per rendere continuativo ed efficace il servizio ed il valore della
    comunicazione come strumento agevolante il raggiungimento di buone
    relazioni interpersonali.
                 STASERA NON BEVO,HO VOGLIA DI GUIDARE
         Obiettivo primario da raggiungere e di offrire alla popolazione target
    adolescenziale, in particolare agli allievi del 1° e 4° anno di scuola superiore
     prossimi al conseguimento della patente del ciclomotore o dell’automobile,
                                                                                          Prof.ssa
1     alcune strategie mirate ad incentivare la motivazione alla guida in stato di
                                                                                          Bonadies
      sobrietà e di creare gruppi di giovani in grado di produrre un feedback nel
     loro contesto prossimale in tema preventivo. Il progetto promosso dall’ASL
     ha come partner il Comune di Chivasso e Caluso, l’ACI, la CRI, L’ASCOM, le
           S.M.S. del territorio, la Polizia municipale e altri enti del territorio.
                                      SOCIALLAB
                         Laboratori di attività per l’integrazione
    Giochi di relazione per l’accoglienza
    Piantiamola lì
    H+
    Incontro
    Espressivo-Creativo
                                                                                           Proff.
    E’ peculiare segnalare il coinvolgimento degli studenti volontari iscritti alla
                                                                                           Borio
1   Associazione Studentesca Tutor Diversabili “AESSETI‘” di qualunque
                                                                                             e
    indirizzo dell’area del liceo, in particolare del Triennio delle Scienze Sociali, a
                                                                                          Gaudina
    cui viene riconosciuto credito formativo. I laboratori, raggruppando i
    sottoprogetti elencati, offrono a tutti gli studenti la possibilità di ricerca e
    perfezionamento delle proprie attitudini motorie, musicali, creative,
    espressive e manuali in un’ ottica di collaborazione, scambio reciproco ed
    arricchimento personale e sociale. Gli eventi danno la possibilità a piccoli
    gruppi di studenti dell’Istituto, coordinati dai docenti di sostegno, di potersi
    esprimere nei vari ambiti in un’ ottica di Integrazione.
                        SOLIDASCUOLA: la scuola solidale!
    La scuola esce dall’edificio e porta i valori della cultura e della solidarietà al
                                                                                            Prof.
1   domicilio dello studente con disagio sanitario.
                                                                                          Guglielmi
      La didattica tradizionale riceve il supporto dei moderni strumenti dell’e-
    learning, per realizzare una sinergia di competenze e tecniche incisiva.
                                  SPORTELLO C.I.C.
                               Counseling psicologico
    Il fenomeno del disagio adolescenziale è la conseguenza di una situazione di
    malessere che, se ha certamente origini extra-scolastiche, riguarda
    comunque anche la scuola. Enti e istituzioni territoriali costituiscono risorse
    indispensabili a patto che si rapportino attraverso un dialogo continuo di
    scambio e interazione con una struttura come la scuola che, insieme con la
                                                                                           Dott.ssa
    famiglia, si occupa per buona parte del suo tempo della vita dei giovani. Lo
1                                                                                          Torasso
    sportello di consultazione con la psicologa della scuola, come spazio
                                                                                           Mariella
    anonimo, gratuito,non medicalizzato e facilmente accessibile, si propone di
    garantire il raccordo con l’Asl ed Enti territoriali in tema di disagio e di
    rischio e soprattutto si preoccupa di favorire momenti di espressione e di
    sostegno relativamente ad ansie, dubbi, incertezze. La psicologa è
    disponibile due ore a settimana( sede e succursale) per colloqui individuali o
    a piccolo gruppo, su richiesta di alunni, genitori, docenti, operatori della
    scuola.
               PROGETTO “FAIR PLAY UN MODO PER VINCERE”
    L’Istituto Istruzione Superiore “Europa Unita” intende implementare l’attività
    motoria e sportiva fruendo delle attrezzature e degli ambienti scolastici,
    anche in orario diverso da quello dedicato alle lezioni curricolari,
    rivolgendosi ad una platea eterogenea composta dagli alunni della scuola                 Proff.
1   stessa e dai loro genitori. La scuola deve anche avere un ruolo importante               Tozzi
    nel creare connessioni col mondo delle attività extracurricolari, svolgendo al
    proprio interno un serio orientamento sportivo, finalizzato ad accendere
    interessi e curiosità rispetto alla tradizionale «educazione fisica» praticata
    nelle scuole italiane. Questo è tanto più importante in un’epoca come la
    nostra, di grande fragilità dei legami sociali e di crisi delle appartenenze .
                                      Ti M.u.O.v.i.?
    L'Istituto "EUROPA UNITA" partecipa al progetto per le scuole della
    REGIONE PIEMONTE:
                                                                                             Proff.
1   Ti M.u.Ov.i.?
                                                                                          Tozzi, Borio
    Mobilità Urbana autOnoma per gioVani e bambIni
    Orientamento verso forme di mobilità alternative e prevenzione del rischio
    stradale
                   EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE
    Finanziato dalla Provincia di Torino, interesserà tutte le classi prime                Prof.ssa
1
    dell’Istituto e si articolerà in otto ore di lezione: quattro con la presenza dello    Bonadies
    psicologo e quattro con l’insegnante di scuola guida.
                                 POMERIGGI IN L@B

    Il progetto è finalizzato a diffondere, presso gli allievi delle classi della
    Scuola Media
    Inferiore e quelli della Scuola elementare, la conoscenza della Chimica,
    della Fisica ,delle Scienze e dell’Informatica, in tutti i loro aspetti teorico e
    pratico-applicativi , attraverso la realizzazione di
    esercitazioni di laboratorio.
    Si intende così                                                                          Proff.
          far superare agli allievi la diffidenza che spesso mostrano verso le           Chiaranza,
2            discipline scientifiche, permettendo la realizzazione di attività            Digirolamo,
             sperimentali in forma ludica e potenziando il legame tra                      Masoero
             apprendimento e divertimento, tra razionalità ed intuizione;                    Reali
          permettere agli allievi di individuare le caratteristiche fondamentali
             e le modalità operative del metodo scientifico;
          sviluppare un atteggiamento corretto durante le attività di
             laboratorio, consapevole dei rischi e conforme alle norme di
             sicurezza vigenti;
          acquisire un linguaggio tecnico-scientifico adeguato.
                        ORIENTAMENTO INTERMEDIO ITIS
                        Dal biennio al triennio di specializzazione
    Il progetto vuole offrire agli allievi delle classi seconde del biennio ITIS un
    efficace strumento di scelta professionale, nel rispetto delle attitudini                 Prof.
2
    personali. L’esposizione teorica supportata da semplici esempi pratici di                 Lenzi
    laboratori, forniranno agli allievi una visione globale dei possibili contesti
    lavorativi del Perito Tecnico Industriale, senza trascurare gli ulteriori
    possibili sviluppi formativi in ambito universitario.
               CHIMICA E FISICA PER TUTTE LE CLASSI QUINTE                                 Prof. Gioeni
2   Il progetto si propone di mettere tutti gli studenti interessati nelle condizioni
    ideali per poter superare i test d’ingresso universitari.
         ORIENTAMENTO FORMATIVO IN COLLABORAZIONE CON IL
                      POLITECNICO DI TORINO
    Il progetto permette agli allievi che intendono iscriversi al Politecnico di
    prendere contatto anticipatamente con l’ambiente. Assistono, infatti, a due               Prof.
2   lezioni universitarie e si sottopongono ad un test finale il cui superamento           Clementelli
    permetterà loro di accedere ai corsi di laurea a numero programmato senza
    sostenere il test d’ingresso obbligatorio. Il progetto permette altresì di
    valutare la propria attitudine ad un certo tipo di studi e conoscere i saperi
    minimi richiesti per seguire proficuamente gli studi universitari.
              GRUPPO CORALE-STRUMENTALE DELLA SCUOLA
    Gruppo corale dell’Istituto
    Il gruppo corale dell’istituto si dedica ad un repertorio di canti vari ( spiritual,
    rock, musica leggera, trascrizioni da brani classici, musica popolare) a due,
    tre, quattro voci con o senza e con accompagnamento musicale. Le
    competenze dei partecipanti sono messe a disposizione del gruppo per
    valorizzarle e caratterizzare le esecuzioni.
    Gruppo strumentale
                                                                                           Prof. Nizzia
3   Il gruppo strumentale dell’istituto di dedica ad un repertorio di musica
                                                                                             Tiziano
    leggera-rock-jazz, sfruttando le competenze e le abilità degli allievi in ambito
    strumentale. La formazione e di conseguenza il repertorio possono variare e
    seconda dell’organico strumentale.
    Il gruppo corale e il gruppo strumentale molto spesso vengono riuniti per
    l’esecuzione di quei brani che necessitano un organico completo.
    Vengono valorizzate inoltre le individualità con momenti di improvvisazione
    ed esecuzione individuale.

                                LEZIONE – CONCERTO
     Si propongono due Lezioni-Concerto per gli allievi dell’indirizzo musicale e
    socio psico pedagogico.
    Luogo: AULA MAGNA
    Tempi: n. 2 Concerti, uno in novembre/dicembre e uno in marzo/aprile.
    Durata: 2 ore circa a concerto
    Obiettivi: Ascolto guidato. Analisi storico-sociale. Prassi esecutiva.
    Coinvolgimento emotivo.
    Concerti musicali dal vivo dove i musicisti illustrano i brani che suonano dal
    punto di vista musicale e storico.
    Partecipazione attiva degli allievi con domande.
    Descrizione degli strumenti musicali usati.
    Il progetto è rivolto alle classi prime, seconde e terze dell’indirizzo socio-
                                                                                           prof. Nizzia
3   psicopedagogico.
                                                                                             Tiziano
    La musica è portatrice di un forte senso di appartenenza e identità,
    costituisce un’alternativa culturale e diversa, nel segno di un ascolto
    piacevole ma direzionato, verso i popoli e la comprensione reciproca nel
    percorso del dialogo e della storia.
    Obiettivi: illustrare il particolare rapporto tra cultura locale e musica; cogliere
    la stretta connessione esistente tra la musica e la danza attraverso
    l’avvicinamento ai repertori tradizionali; educare ad un ascolto mirato e
    attento verso la storia dei testi in lingua minoritaria, inseribili a pieno titolo
    nel più ampio e fruibile panorama musicale.
    Docente referente: Nizzia Tiziano.
    Enti esterni coinvolti: ISTITUTO MUSICALE SINIGAGLIA di CHIVASSO.
    Eventuali altri enti con i quali concordare lezioni-concerto saranno contattati
    all’occorrenza.
                       ITALIANO PER STUDENTI STRANIERI                                      Prof.ssa
4   Le competenze linguistiche sono fondamentali per la conoscenza e
                                                                                            Turletti
    l’integrazione La comunicazione è determinante per l’incontro
                            AMICO LIBRO – BIBLIOTECA
    Il progetto vuole rilanciare il ruolo della biblioteca scolastica come luogo
    d’incontro tra scuola ed extra-scuola. Acanto ai libri che saranno acquistati
    con fondi ministeriali, s’intende allestire un angolo presso cui gli allievi
    possano scambiare i propri libri, in una sorta di comodato d’uso tra pari,              Prof.ssa
4
    suggerire ai coetanei le loro “letture preferite”, votare i propri autori,              Turletti
    esprimere giudizi, cimentarsi in attività di scrittura estemporanea. Si
    cercherà, inoltre, di curare eventuali rapporti di collaborazione con strutture
    analoghe (per esempio Biblioteca civica/rete bibliotecaria torinese) aderendo
    ad iniziative di carattere culturale.
          SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE E RISPARMIO ENERGETICO
        Il progetto si rivolge a tutte le classi dell’Istituto e mira a
        □ sensibilizzare gli allievi sull’importanza della gestione responsabile
             dell’acqua e del riciclaggio dei rifiuti, avvalendosi dei laboratori del
             Museo A come Ambiente di Torino e dell’ARPA Piemonte                            Proff.
        □ fornire informazioni adeguate sul tema articolato e complesso                     Ariotto
             dell’energia per promuovere attenzione e responsabilità nei confronti         Chiaranza
5            delle proprie azioni verso l’ambiente. In tale ambito si prevede la           Masoero
             partecipazione alla manifestazione “Festival della Scienza” di
             Genova, visita a centrali elettriche, ad impianti solari e mostre
             tematiche, nonché la partecipazione alle edizioni dei concorsi indetti
             da EDIPOWER e da ENEL.



                          SPORT E LEGALITÀ’ A SCUOLA
    La scuola è il luogo dove l’uomo si forma, non solo dal punto di vista della
    conoscenza culturale, ma anche come cittadino, l’educazione alla legalità, al
    rispetto delle norme, diventa uno degli obiettivi primari della società.
    Attraverso lo sport è possibile creare un “dialogo” alla pari tra gli operatori
    delle istituzioni e i giovani studenti. Questo progetto si propone di instaurare
    un clima di condivisione e di cogestione di momenti sportivi che permetta
    agli studenti di affrontare e superare difficoltà sia fisiche, dovute alla
    dimensione motoria dell’attività proposta, che di relazione, legate all’incontro          Proff.
    con nuove realtà e nuovi “compagni di viaggio”. La scuola, oltre a consentire             Tozzi
6   ai giovani l’opportunità di praticare in maniera sana lo sport, può contribuire          Bellotto
    ad accrescere, mediante approcci interdisciplinari, la consapevolezza e il               Mazzoli
    senso critico riguardo le diverse forme di violenza, comprese quelle che               Iannaccone
    adottano come pretesto le manifestazioni sportive. Essa deve contribuire a
    promuovere una corretta concezione dell'educazione motoria e delle attività
    sportive costituendo una alternativa culturale alla violenza, all’esasperazione
    del risultato, alla slealtà. E’ stato costituito, per l’anno scolastico 2009-2010,
    il Centro Sportivo Scolastico con le finalità indicate al capitolo 4.8. Le attività
    sportive svolte all’ interno del C.S.S. sono in funzione di un percorso
    educativo in ambito sportivo e volte anche alla partecipazione dell’istituto ai
    G.S.S.
                                     LET’S START
    “Let’s Start” è un progetto finalizzato ad agevolare l’avvio dell’anno
    scolastico dal punto di vista organizzativo-strutturale con momenti di                Proff. Matta,
7
    confronto e collaborazione tra gruppi di lavoro interni. L’iniziativa mira a            Pasteris
    realizzare   un servizio contestualizzato e rispondente ai reali bisogni
    dell’utenza e del personale docente.
                                 SITO WEB ISTITUTO
    Il sito web, oltre a presentare l’offerta formativa dell’Istituto e gli               Prof. Francini
7
    aggiornamenti degli eventi correlati alla scuola, presenta nuovi spazi di
    informazione e comunicazione tra docenti ed allievi e tra gli stessi docenti.
                                   WEBMAGAZINE
    Informazione e condivisione sono punti fermi in una società evoluta e                     Prof.
7                                                                                           Guglielmi
    democratica. Il Web offre opportunità di interagire informandosi con
    strumenti dal potenziale elevatissimo.
                  COMUNICAZIONE e PIATTAFORMA D’ISTITUTO
     Il progetto, nel suo terzo anno di attivazione, è finalizzato a fornire agli utenti
     uno spazio interattivo di scambio didattico e a rendere più efficiente ed
     efficace il servizio per i docenti di trasmissione delle comunicazioni interne e
     di diffusione delle informazioni esterne attraverso l’uso della posta
     elettronica. La facilità di archiviazione, la possibilità di invio multiplo, la
     velocità delle trasmissione dei dati, la capillarizzazione delle informazioni
     rispondono appieno ai principi del D. Legislativo n° 82 del 2005, recante il
     “Codice dell’Amministrazione digitale” e, nello specifico, la considerazione
     che già dal 1/1/2006 tutte le Pubbliche Amministrazioni dovranno privilegiare
7                                                                                        Prof.ssa Matta
     l’uso della posta elettronica come canale di comunicazione anche con i
     propri dipendenti (art. 12 del Codice). Inoltre, la possibilità di utilizzare
     all’interno della piattaforma MOODLE di istituto una bacheca elettronica per
     la comunicazione e la condivisione di dati e informazioni , rende più fluido lo
     scambio di esperienze e di materiali didattici. La piattaforma, così intesa,
     permette di sviluppare un sistema di sussidio didattico per gli allievi in
     difficoltà (anche al fine del recupero dei debiti formativi) e di potenziamento
     per gli allievi eccellenti. (cfr.D.M. n. 42/07 e relativo comunicato stampa del
     Ministro O.M. 92/07 e D.M. 80/07).

                                 MONITORAGGIO POF
     Il progetto intende verificare l’aderenza tra i fabbisogni formativi effettivi e il
7                                                                                          Prof. Pasteris
     piano dell’offerta proposto attraverso un monitoraggio sistematico della
     progettualità presente in istituto.
                    IMPRESA FORMATIVA SIMULATA Area liceo
     L’ Impresa Formativa Simulata è un progetto rivolto agli studenti della Classe
     III D, dell’indirizzo Esperto multimediale. Il principio formativo di partenza è
                                                                                               Prof.
8    “learnig by doing”: la pianificazione e l’attivazione di un’azienda di prodotti
                                                                                             Guglielmi
     multimediali, in collaborazione con il Comune di Chivasso, permettono di
     veicolare i contenuti disciplinari verso un didattica concreta e vicina alle
     dinamiche della società e delle professioni.
              QUALITA’ E ACCREDITAMENTO ALL’EUROPA UNITA
     La finalità che si intende perseguire con la Politica della Qualità, attraverso il
                                                                                               Prof.
8    controllo dei processi, è quella di migliorare e di perfezionare il modo e il
                                                                                            Clementelli
     metodo di lavorare per meglio rispondere alle istanze di una utenza in
     continua evoluzione e sempre più esigente.
                                 BIENNIO INTEGRATO
       Il Biennio integrato coinvolge le classi seconde del Liceo delle Scienze
     Sociali (esperto multimediale e operatore socio-culturale) e le classi prime
     del Liceo delle Scienze Sociali (esperto multimediale). Il Progetto, di durata
     biennale, è realizzato in collaborazione con la Casa di Carità Arti e Mestieri di         Prof.
9                                                                                            Guglielmi
     Castelrosso.
       L’iniziativa propone un percorso didattico innovativo, aderente alle nuove
     istanze della società; gli aspetti teorici consueti si coniugano con un
     approccio operativo, con l’obiettivo di costituire una formazione del sapere e
     del saper fare.
                                  ITALIANO – POESIA
     Nell’ambito del programma di Italiano della classe seconda, relativamente al
10                                                                                          Prof. Corrà
     tema della poesia, si propone un progetto di classi aperte sulla II E e sulla II F
     dell’indirizzo sportivo.
       CERTIFICAZIONE LINGUISTICA INTERNAZIONALE DI FRANCESE
             “D.E.L.F.” (Diplôme d’Ėtudes en Langue Française)                               Prof.ssa
10   Dare agli allievi la possibilità di conseguire diplomi che hanno                        Manuzzi
     riconoscimento nel mondo del lavoro e nella maggior parte delle facoltà
     universitarie.
             IL TEDESCO ALL’UNIVERSITA’ DI FRIBURGO (4° anno)
     Dopo aver iniziato a studiare il tedesco in Italia ed aver raggiunto una
     competenza di base della lingua, è assolutamente utile un soggiorno studio
                                                                                               Proff.
     all’estero per ottenere una padronanza più sicura delle strutture apprese, per
10                                                                                          Giacometto
     acquisire scioltezza per imparare nuovi modi di dire ed espressioni
                                                                                              Segnan
     idiomatiche e per confrontarsi con la realtà del paese straniero.
     L’offerta dei corsi estivi dell’Università di Friburgo appare valida dal punto di
     vista culturale e sicuramente non troppo onerosa per le famiglie degli alunni
              LA GIOVENTU’ EUROPEA CONOSCE VIENNA (4° anno)
     Come alternativa alla consueta uscita didattica a Vienna, si propone agli
     alunni che studiano tedesco questo progetto che consiste nel soggiorno di
                                                                                               Proff.
     una settimana nella capitale austriaca, durante il quale esperti del Ministero
10                                                                                          Giacometto
     della Cultura guideranno gli studenti alla scoperta dell’arte e della storia della
                                                                                              Segnan
     città.
     Il progetto, già effettuato nel 2003, 2006, 2007 e 2009 ha avuto un ottimo
     gradimento da parte degli studenti e delle loro famiglie.
                         CERTIFICAZIONE LINGUISTICA PET
                        (Cambridge Preliminary English Test)
     L’esame PET (livello B1),oltre ad essere un validissimo strumento di                    Prof.sse
10   motivazione allo studio della lingua inglese per gli allievi, certifica la               Fresia
     conoscenza delle abilità linguistiche fondamentali alivello pre-intermedio             Benvenuti
     (comprensione e comunicazione di contenuti di media difficoltà in situazioni
     di vita reale).
                    CERTIFICAZIONE LINGUISTICA (INGLESE)
                   CAMBRIDGE FIRST CERTIFICATE IN ENGLISH
     L’esame First Certificate in English (livello B2) è una certificazione
     internazionale di sicuro prestigio, che consente agli allievi di diventare
     parlanti autonomi in grado di affrontare qualsiasi situazione comunicativa in           Prof.sse
10   lingua inglese e di portarsi al pari dei giovani delle nazioni del Nord Europa,          Fresia
     che da sempre curano questa lingua in modo particolare. Inoltre permette               Benvenuti
     agli allievi di consolidare le loro conoscenze nelle quattro abilità linguistiche
     fondamentali, nonché di approfondirle e perfezionarle; tale certificazione è
     riconosciuta presso molte Facoltà Universitarie e in molti casi comporta
     l’attribuzione di diversi punti di credito.
                  ZERTIFIKAT DEUTSCH FUR JUGENDLICHE
             (CERTIFICAZIONE ESTERNA PER LA LINGUA TEDESCA
     Oltre alla certificazione esterna già offerta dalla scuola per le lingue Inglese e
     Francese, si è deciso, vendo incontro a richieste esplicite degli alunni, di
     offrire loro la possibilità di sostenere per il tedesco l’esame di livello B1.            Proff.
10   Nell’ultimo anno di corso linguistico, esistono di fatto casi di eccellenza,           Giacometto,
     raggiunta grazie ad una forte motivazione personale, ad un impegno serio e               Segnan
     costante, alla frequenza di corso universitario in Germania. Con il
     ZERTIFIKAT si aumentano le possibilità per gli studenti sia in campo
     lavorativo (inserimento nel settore commerciale e turistico), sia in campo
     universitario (credito per esami o accesso facilitato a facoltà tedesche.
                CERTIFICAZIONE LINGUISTICA (SPAGNOLO) DELE
     L’esame, volto a conseguire la certificazione internazionale per la lingua
     spagnola, risponde alle esigenza degli alunni, in particolare delle classi
     quarte e va a premiare anche singoli casi d’eccellenza e motivazione. Lo                  Prof.
10                                                                                          D’Adorante
     spagnolo, diffuso in ventidue paesi e parlato da 450 milioni di persone, si
     sostanzia anche attraverso le certificazioni, nei livelli Inicial B1 e Intermedio
     B2 del DELE. Il DELE si rivela utile anche in campo lavorativo, universitario e
     in ambito turistico.
           STAGE LINGUISTICO (settimana di studio) IN INGHILTERRA
     Lo stage linguistico in Gran Bretagna è un’occasione per gli allievi del
     triennio linguistico di trascorrere una settimana di studio in Inghilterra,
     frequentando lezioni di Inglese al mattino, facendo escursioni e attività
                                                                                             Prof.ssa
10   sportive al pomeriggio, nonché attività culturali e di intrattenimento; tutto ciò
                                                                                              Fresia
     stimola i ragazzi a comunicare in lingua e ad approfondire le conoscenze. Il
     soggiorno presso famiglie selezionate permette inoltre ai partecipanti di
     venire a diretto contatto con le abitudini quotidiane e lo stile di vita
     anglosassone.
                       EL FLAMENCO ENTRA EN EL AULA
                   Percorso interdisciplinare per le vie di Spagna
             Il viaggio verso un aspetto culturale spagnolo fondamentale, il
      flamenco,passando attraverso la poesia di Garcia Lorca, la pittura di Dalì,il          Prof.ssa
10
      mondo e la cultura dei Gitani, l’ascolto, la musica, la visione, lo spettacolo,        Quarello
      gli oggetti folcloristici. Dalla teoria alla pratica: il flamenco “entra” in classe
       dove, tra ventagli, nacchere e colpi di tacco si imparerà a danzare questo
                                      ballo caratteristico.
                                       STAGE IN SPAGNA
         Lo stage in Spagna, proposto agli allievi del triennio di Spagnolo, della
         durata di una settimana, permette di frequentare un corso mattutino graduato            Prof.ssa
  10                                                                                             Quarello
         per livelli e seguire attività di svago, turistiche e culturali nel pomeriggio.
         Tutto ciò offre ai ragazzi la possibilità di approcciarsi direttamente alla vita,
         alla lingua ed alle abitudini spagnole.
                                        STAGES FRANCE
         L’esperienza è stata richiesta dagli alunni delle classi 4e linguistico per
         approfondire, in un contesto locale,la lingua francese.L’introduzione dello
         stagista in un ambiente di lavoro permette di far parte di un’équipe
         precostituita per valutare il proprio livello linguistico, ma anche la propria
         capacità di organizzazione personale e di autonomia. L’adattamento ad un
         contesto ambientale diverso dal proprio permette anche la conoscenza di usi
         e tradizioni diverse; in questo modo lo stagista ha la possibilità di capire
         meglio la mentalità del popolo francese di cui studia la lingua.
         Lo stage si svolge in tre settimane, a Bourbon Lancy, nella Borgogna del
         Sud, in Francia; la cittadina è termale,perciò raccoglie turisti francesi da
         molte località del paese e quindi c’è la possibilità, da parte dello stagista ,di
         captare registri linguistici differenziati.
         Alla fine dello stage l’allievo ha assimilato un lessico specifico, in rapporto al
  10                                                                                           Prof.ssa Roso
         contesto lavorativo : ristorazione, animazione, turismo…e ha acquisito
         scioltezza e fluidità nell’espressione, con particolare attenzione alle
         inflessioni di uso familiare che si possono imparare soltanto a contatto con
         la realtà del luogo.
         Il datore di lavoro, a fine stage, fornisce allo stagista un attestato di
         valutazione del lavoro svolto, su griglia ed esprime un giudizio sull’uso
         linguistico annotando le mancanze e\o le abilità dimostrate.
         Tale attestato è valido per il credito formativo della classe 5°.
         Il grado di soddisfazione degli alunni è sempre stato ottimale nel corso dei
         dieci anni in cui si è svolta tale attività. Anche i soggetti più deboli riescono a
         superare le difficoltà e a svolgere il lavoro con tranquillità.
         Alla fine dello stage, gli alunni sono decisamente più a loro agio durante le
         ore di conversazione francese e sanno parlare velocemente in lingua
         corrente.




  PROGETTO “SPORT E LEG ALITA’ A SCUOL A”, riservato alle classi
                    dell’Indirizzo Sportivo
                 (referente: prof.ssa Mazzoli)

                                           CL ASSI PRIME

Ampliamento dell’attività formativa in ambito sportivo (Nuoto, Golf, Equitazione facoltativo), in
orario curricolare e/o extracurricolare.

NUOTO: 4 MODULI di due ore settimanali in orario curricolare (lezioni frontali tenute da un Tecnico
Federale (Prof. NIZZIA Donato docente di Educazione Fisica presso l’Istituto Istruzione Superiore
Europa Unita), coadiuvato dal Docente di Educazione Fisica della classe.

Uscite didattiche a carattere sportivo (Museo Olimpico di Losanna; una giornata presso una
Struttura Equestre raccomandata FISE, una giornata presso un Circolo di Golf Associato F.I.G. della
Provincia di Torino etc.) in orario curricolare e/o extracurricolare.

Partecipazione a manifestazioni sportive organizzate da Enti Territoriali e/o di Promozione
Sportiva, Federazioni, Miur, USR Piemonte, Suism, etc. (orario curricolare e/o extracurricolare)

Laboratori didattici e/o attività a carattere sportivo proposti dall’AIACE o altri Enti (orario
curricolare e/o extracurricolare).
Mini settimana bianca (3 gg.). Lezioni di sci e snowboard con i maestri della Scuola di Sci, tenendo
conto delle capacità e delle attitudini personali dei singoli allievi.

                                        CL ASSI SECONDE

Ampliamento dell’attività formativa in ambito sportivo (Nuoto, Pattinaggio su ghiaccio, Golf
facoltativo, Equitazione facoltativo), in orario curricolare e/o extracurricolare.

ATTIVITA’ di PATTINAGGIO su GHIACCIO 2 - 4 MODULI di 3 ore settimanali in orario curricolare
(lezioni propedeutiche all’avviamento del pattinaggio su ghiaccio sotto la guida di istruttori qualificati).

Uscite didattiche a carattere sportivo, gli alunni potranno scegliere fra le seguenti: (European
Tour di Golf, una giornata presso una struttura equestre raccomandata FISE, una giornata presso un
Circolo di Golf Associato F.I.G. della Provincia di Torino etc.) orario curricolare e/o extracurricolare.

Partecipazione a manifestazioni sportive organizzate da Enti Territoriali e/o di Promozione
Sportiva, Federazioni, Miur, USR Piemonte, Suism, etc. (orario curricolare e/o extracurricolare)

Laboratori didattici e/o attività a carattere sportivo proposti dall’AIACE o altri Enti (orario
curricolare e/o extracurricolare).
Mini settimana bianca (3 gg.). Lezioni di sci e snowboard con i maestri della Scuola di Sci, tenendo
conto delle capacità e delle attitudini personali dei singoli allievi.

Incontri di Educazione Alimentare con gli esperti della COOP (orario curricolare e/o
extracurricolare).




                                          CL ASSI TERZE

Ampliamento dell’attività formativa in ambito sportivo (Nuoto, Boxe – itinerante, Equitazione
facoltativo, Golf facoltativo), in orario curricolare e/o extracurricolare.

BOXE – ITINERANTE 4 MODULI di 2 ore settimanali in orario curricolare (acquisizione delle abilità
motorie specifiche della disciplina alla presenza del Tecnico Federale coadiuvato dal Docente di Ed.
Fisica).

Uscite didattiche a carattere sportivo, gli alunni potranno scegliere fra le seguenti: (European
Tour di Golf, una giornata presso una struttura equestre raccomandata FISE, una giornata presso un
Circolo di Golf Associato F.I.G. della Provincia di Torino etc.) orario curricolare e/o extracurricolare.

Partecipazione a manifestazioni sportive organizzate da Enti Territoriali e/o di Promozione
Sportiva, Federazioni, Miur, USR Piemonte, Suism, etc. (orario curricolare e/o extracurricolare)

Laboratori didattici e/o attività a carattere sportivo proposti dall’AIACE o altri Enti (orario
curricolare e/o extracurricolare).




                                         CL ASSI QUARTE
Ampliamento dell’attività formativa in ambito sportivo (Nuoto, Equitazione facoltativo, Golf
facoltativo, Tennis facoltativo,skateboard), in orario curricolare e/o extracurricolare.

STAGE : con gli stage la scuola mette in campo delle occasioni importanti perché gli alunni possano
mettersi alla prova, confrontarsi con realtà e strutture nuove, con ruoli adulti diversi, con ambienti
sociali diversi. Così gli alunni sono messi in grado di conoscere e sperimentare le proprie attitudini e,
quindi, di scegliere. Lo stage introduce anche una modalità di studio in cui, per alcune fasi, si rompe il
rapporto tradizionale studente-insegnante e il sapere diventa un risultato costruito insieme, nel senso
che le conoscenze acquisite in classe trovano riscontro e verifica soprattutto nelle situazioni in cui lo
studente si troverà solo, fuori dalla scuola, a contatto con la realtà concreta delle cose studiate sui
libri.

Nell’ambito delle normali attività di stage proposte dall’Istituto, al fine di dare una maggiore
caratterizzazione al CORSO SPORTIVO si propongono le seguenti attività:

    Presso le Scuole elementari del territorio, nell’ambito delle ore di Educazione fisica (interventi
     didattici mirati all’incentivazione dell’attività motoria in età evolutiva).

    Presso le testate giornalistiche locali nella redazione sportiva (giornalismo sportivo)

    Presso la SOCIETA’ SPORTIVA “CUS TORINO”:

     a) progettazione, organizzazione e direzione di attività sportive;
     b) gestione tecnico, tattica e fisica delle attività sportive agonistiche nelle varie discipline sportive;
     c) marketing sportivo, la comunicazione nello sport. L’evento come forma di finanziamento, la
        ricerca degli sponsor, il diritto sportivo, la contabilità delle associazioni, etc.

Uscite didattiche a carattere sportivo, gli alunni potranno scegliere fra le seguenti: (European
Tour di Golf, una giornata presso una struttura equestre raccomandata FISE, una giornata presso un
Circolo di Golf Associato F.I.G. della Provincia di Torino etc.) orario curricolare e/o extracurricolare.

Partecipazione a manifestazioni sportive organizzate da Enti Territoriali e/o di Promozione
Sportiva, Federazioni, Miur, USR Piemonte, Suism, etc. (orario curricolare e/o extracurricolare)

Laboratori didattici e/o attività a carattere sportivo proposti dall’AIACE o altri Enti (orario
curricolare e/o extracurricolare).



                                           CL ASSI QUINTE

Ampliamento dell’attività formativa in ambito sportivo (Nuoto, Equitazione facoltativo, Golf
facoltativo, Tennis facoltativo,skateboard, rugby) in orario curricolare e/o extracurricolare.

Uscite didattiche a carattere sportivo, gli alunni potranno scegliere fra le seguenti: (European
Tour di Golf, una giornata presso una struttura equestre raccomandata FISE, una giornata presso un
Circolo di Golf Associato F.I.G. della Provincia di Torino etc.) orario curricolare e/o extracurricolare.

Partecipazione a manifestazioni sportive organizzate da Enti Territoriali e/o di Promozione
Sportiva, Federazioni, Miur, USR Piemonte, Suism, etc. (orario curricolare e/o extracurricolare)

Laboratori didattici e/o attività a carattere sportivo proposti dall’AIACE o altri Enti (orario
curricolare e/o extracurricolare).

    Corso di Primo Soccorso (normativa riguardante il sistema di emergenza sanitaria 118, corso di
      emergenza sanitaria di primo livello, B.L.S. – Basic Life Support, esercitazioni e prove con il
                                  manichino), per un totale di 6 ore.
                                     ATTIVITA’ DI RUGBY
                                       (da programmare)
                USCITE DIDATTICHE A CARATTERE SPORTIVO
Palavela, Rotellier, Master Series Montecarlo, European Tour di Golf, Museo Olimpico di Losanna,
una giornata presso una struttura equestre raccomandata FISE, una giornata presso un Circolo di
Golf Associato F.I.G. della Provincia di Torino etc. (orario curricolare e/o extracurricolare)

   PARTECIPAZIONE A MANIFESTAZIONI SPORTIVE ORGANIZZATE DA
   ENTI TERRITORIALI e/o DI PROMOZIONE SPORTIVA, FEDERAZIONI,
                MIUR, USR PIEMONTE, SUISM, ETC.
                             (orario curricolare e/o extracurricolare).

     LABORATORI DIDATTICI e/o ATTIVITA’ A CARATTERE SPORTIVO
              PROPOSTI DALL’AIACE O ALTRI ENTI,
                   (orario curricolare e/o extracurricolare).
7.         L’ORGANIZZAZIONE DELL’ISTITUTO
La scuola si avvale dell’opera e della competenza di diverse componenti: il Dirigente Scolastico, il
Direttore dei Servizi Amministrativi, il personale docente ed il personale ATA, (costituito da
collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e assistenti tecnici).

Di seguito viene riportato lo schema dell’Organizzazione dell’EUROPA UNITA.

            GIUNTA             CONSIGLIO DI
           ESECUTIVA             ISTITUTO




 RSPP                                                     STAFF
                                                          del DS

                         DIRIGENTE
                        SCOLASTICO
  RSU                                                     RQA




UFFICIO        DSGA                      COLLEGIO                   FUNZIONI
                                         DOCENTI                    STRUMEN                  TERRITORIO
TECNICO
                                                                      TALI




SERVIZI      SERVIZI       COMITATO            COOR.                 COOR.            COMMISSIONI    FAMIGLIE   ALLIEVI
TECNICI      AMMIN.       VALUTAZIONE         INDIRIZZI            DISCIPLINE             e
                                                                                       PROGETTI



ACQUISTI               SUBCONSEGNATARI              COOR.               CONSIGLI DI
                          LABORATORI                 CdC                 CLASSE




MAGAZZINO       CONTABILITA’      PERSONALE         DIDATTICA




Tutti i membri sono egualmente utili nella gestione dell’istituto poiché svolgono compiti e funzioni
specifiche essenziali e perché, con il loro modo di porsi nei confronti dell’utenza, contribuiscono al
raggiungimento delle finalità educative della scuola.

Per assicurare la necessaria trasparenza, sono riassunte di seguito le competenze di carattere
organizzativo attribuite alle diverse figure professionali; al personale docente è dedicato uno spazio
specifico relativo all’organizzazione funzionale del Collegio dei Docenti.




  7.1      Il Dirigente Scolastico
Il Dirigente Scolastico è organo dell’Amministrazione scolastica ed ha la rappresentanza dell’Istituto.
Esso assolve a tutte le funzioni previste dalla Legge e dai contratti collettivi in ordine alla direzione e
al coordinamento, alla promozione e alla valorizzazione delle risorse umane e professionali, nonché
alla gestione delle risorse finanziarie e strumentali, con connesse responsabilità in relazione ai
risultati.
A tale fine esso assume le decisioni ed attua le scelte di sua competenza, volte a promuovere e
realizzare il progetto di Istituto sia sotto il profilo didattico-pedagogico, sia sotto quello organizzativo e
finanziario.
Il DS assicura la gestione unitaria dell’istituzione scolastica nel perseguimento dell’obiettivo della
qualità e dell’efficienza del servizio scolastico, anche in relazione ai principi contenuti nella Carta dei
Servizi.

Le funzioni del Dirigente Scolastico risultano essere:
          rappresentare legalmente l’Istituto;
          presiedere la Giunta Esecutiva;
          curare l’esecuzione del Programma Annuale, così come deliberato dal Consiglio d’Istituto e
          dalla Giunta Esecutiva;
            svolgere l’attività negoziale nei limiti degli stanziamenti del Programma, anche mediante
          l’istituto della delega ad un docente o al DSGA;
          firmare, unitamente al DSGA, gli ordini d’incasso e di pagamento e qualsiasi altro atto
          contabile che comporti impegno di spesa;

Il DS definisce la politica, le strategie e gli obiettivi dell’Istituto ed ha compiti di indirizzo e di
coordinamento dell’attività di progettazione ed erogazione dell’attività didattica.



    7.2     Il Direttore dei Servizi Amministrativi

Il DSGA, nell’ambito del proprio ruolo, svolge le seguenti attività:
         sovrintende, con autonomia operativa, ai servizi amministrativi e contabili e ne cura
      l’organizzazione, svolgendo funzioni di coordinamento, promozione delle attività e verifica dei
      risultati conseguiti, rispetto agli obiettivi assegnati ed agli indirizzi impartiti al personale
      amministrativo e a quello addetto ai servizi generali, posti alle sue dirette dipendenze;
          è funzionario delegato;
        provvede all’esecuzione delle delibere del Consiglio di Istituto, firma, congiuntamente al
      Presidente del Consiglio di Istituto, tutti i documenti contabili concernenti la gestione autonoma
      dell’istituto;
        provvede al coordinamento amministrativo e contabile del Piano Annuale nell’ambito
      dell’attività di supporto al Piano di Offerta Formativa (POF).




    7.3      I° Collaboratore del Dirigente Scolastico- Collaboratore vicario
Il Dirigente Scolastico nomina, all’inizio di ogni anno scolastico, i propri collaboratori, a supporto
dell’attività gestionale dell’Istituto per l’intero anno scolastico.

Il I° CDS ha i seguenti compiti:
                sostituzione del DS in sua assenza
                gestire i corsi per il recupero dei debiti formativi
                coordinamento dell’organizzazione interna
             coordinamento delle attività aggiuntive ed integrative del personale docente
             provvedimenti disciplinari non soggetti a delibera degli Organi Collegiali
             organizzazione di attività extracurriculari deliberate dagli Organi competenti
               gestione della sorveglianza durante gli intervalli e sugli alunni che non si avvalgono
      dell’insegnamento della religione cattolica
             gestione delle sostituzioni dei colleghi assenti in succursale
             controllo delle giustificazioni dei ritardi e delle uscite anticipate degli alunni in
      succursale
             gestione recupero frazioni orario
             gestione permessi brevi e loro recuperi
             attivazione procedure previste in caso di sciopero e/o assemblee sindacali e
      studentesche
             organizzazione attività ricevimento genitori


    7.4   Collaboratori del Dirigente Scolastico
I Collaboratori del DS hanno i seguenti compiti
             gestire i permessi ingresso/uscite per ritardo mezzi pubblici di trasporto
             attuare azione di raccordo e supporto ai CdC per la gestione delle assenze e
      degli aspetti disciplinari con annesso controllo dei relativi andamenti
             predisporre la vigilanza sugli allievi nei casi di necessità
             sostituire il DS e il 1° CDS quando entrambi non sono presenti
             diffondere la posta in ingresso
             gestire le sostituzioni dei colleghi assenti
             provvedere alle giustificazioni dei ritardi e delle uscite anticipate degli alunni.
             coordinamento e gestione dei rapporti con i rappresentanti degli studenti e dei genitori
             rapporti con il comitato genitori e famiglie
             attività di collaborazione con le famiglie.
             Accoglienza nuovi colleghi




    7.5   L’organizzazione funzionale del Collegio Docenti
Il Collegio dei Docenti è composto dal personale docente di ruolo e non di ruolo in servizio
nell’Istituto, ed è presieduto dal DS, ha il compito di “… elaborare e verificare per gli aspetti
pedagogici-didattici, il piano dell’offerta formativa, adottandone l’articolazione alle differenziate
esigenze degli allievi e tenendo conto del contesto socio-economico di riferimento”
Per svolgere il compito assegnato, il Collegio dei Docenti adotta una organizzazione funzionale che
prevede l’articolazione in Dipartimenti, Commissioni e incarichi particolari a Docenti disponibili e
impegnabili.


    7.6   Lo Staff del Dirigente Scolastico
Le risorse umane per l’anno scolastico 2009 -2010
                    Dirigente Scolastico           Dott.ssa Marcella      FERRANTE
                         Direttore S. G. A.                 Santo         SABELLA
                   Collaboratore Vicario          Prof.ssa Chiara         MATTA
                   Collaboratore del DS              Prof. Adriano        PASTERIS
                Servizi di vicepresidenza         Prof.ssa Amanda         PINCIN
                   e collaboratori del DS         Prof.ssa Silvia         REALI
                Responsabile succursale              Prof. Danilo         BORIO
                                                     Prof. Guido          GHIA
                                                     Prof. Vincenzo       MAIORINO
                       Responsabile Qualità          Prof. Francesco      CLEMENTELLI


7.7        Le Funzioni Strumentali al POF

                                      STAGE LICEO           Prof. GUGLIELMI Giorgio
                                        STAGE ITIS        Prof. CLEMENTELLI Francesco
                                        GRUPPO H            Proff. BORIO e GAUDINA




7.8        Il Consiglio di Istituto
Presidente                                    Tiziano          BARBERO
Dirigente Scolastico                          Marcella         FERRANTE
                                              Pietro           AMBROGIO
Genitori                                      Daniele          PRENDIN
                                              Silvia           TUA
                                              Nadia            CORRA’
                                              Giorgio          GUGLIELMI
Docenti                                       Giorgio          MANCIN
                                              Chiara           MATTA
                                              Adriano          PASTERIS
                                              Simonetta        IVALDI
ATA
                                              Santo            SABELLA
                                              Cristina         MOSCA
ALLIEVI
                                              Elisa            VALENZA
                                            Eleonora        RICCIARDI




7.9    I Coordinatori di Indirizzo

                LINGUISTICO                                     Prof. GHIA
        SOCIO PSICO PEDAGOGICO                              Prof.ssa TURLETTI
  SCIENZE SOCIALI - SOCIO CULTURALE                           Prof. AIMARO
      SCIENZE SOCIALI - MULTIMEDIALE                         Prof. GUGLIELMI
        SCIENZE SOCIALI - SPORTIVO                           Prof.ssa MAZZOLI
        SCIENZE SOCIALI - MUSICALE                            Prof. NIZZIA T.
               TRIENNIO ITIS                                Prof. CLEMENTELLI
                BIENNIO ITIS                                 Prof. ssa PINCIN




7.10 I Coordinatori di classe


                                      LICEO

                       CLASSE                          COORDINATORE
              I A/Socio-Psico-Pedagogico                   GIOENI
             II A/Socio-Psico-Pedagogico                TORASSO M.
            III A/Socio-Psico-Pedagogico                  BOSSONE
            IV A/Socio-Psico-Pedagogico                  BERTOLINO
             V A/Socio-Psico-Pedagogico                   GAUDINA

             IB/ Socio-Psico-Pedagogico                  MICCOLI
             IIB/ Socio-Psico-Pedagogico                 PROETTO
            IIIB/ Socio-Psico-Pedagogico                 TURLETTI
            IVB/ Socio-Psico-Pedagogico                  GROSSO
             VB/ Socio-Psico-Pedagogico                  MEROLA

              I C/ Socio-Psico-Pedagogico               DE MARCHI
              IIC/ Socio-Psico-Pedagogico                 CERVA
             IIIC/ Socio-Psico-Pedagogico               SALANITRO
            IV C/ Socio-Psico-Pedagogico                 PINTON
     IA/Musicale                  NIZZIA T.
 IIA/Scienze Sociali             BALZANO
IIIA/Scienze Sociali            ROMAGNOLI
IVA/Scienze Sociali                PICCO
V A/Scienze sociali              BONADIES
VB/ Scienze sociali               MICCOLI

   IB/ Multimediale               BORIO
  IIB/ Multimediale               GATANI
 IIIB/ Multimediale              PALMERI
IV B/ Multimediale               AIMARO

   IC/Multimediale             TORASSO M.R.
  IIC/Multimediale                  NILO
 IIIC/Multimediale               LIBANORO
 IVC/Multimediale                 CARELLI
 VC/ Multimediale                PASTERIS

 VD/Multimediale                 GUGLIELMI

     IE/SPortivo                 MARINO G.
    IIE/ SPortivo                COLLOCA
   IIIE/ SPortivo               COSTANTINO
   IVE/ SPortivo                  CORRA’
   V E /SPortivo                  MAZZOLI
     IF/SPortivo                  POMERO
    IIF/ SPortivo               MARANGONI
   IIIF/ SPortivo                 FILIPPO
   IVF/ SPortivo                 PASTERIS

     IG/SPortivo                  REALI
    IIG/SPortivo                ANTONETTO
   IIIG/SPortivo                 FANCHINI

    IA/Linguistico               BENVENUTI
   IIA/Linguistico             BIANCO DOLINO
  IIIA/Linguistico                 TOZZI
  IVA/Linguistico                   GHIA
   VA/Linguistico                 MAIORINO

    IB/Linguistico               MAIORINO
   IIB/Linguistico                 ROSO
  IIIB/Linguistico                SPEGIS
  IVB/Linguistico                GAROGLIO
   VB/Linguistico               PENSABENE



                       ITIS
     CLASSE                   COORDINATORE
       1a A                      ROSINA
       1a B                      MARTIN
       1a C                     POLCARI
                               2a A                             CAMPASSO
                               2a B                             CHIARANZA
                               2a C                              MASOERO
                            3a A mecc                          CLEMENTELLI
                            3a B elettr.                         VARAGLIA
                            4a A mecc.                            MAZZON
                            4a B elettr.                        FERRARINO
                            5a A mecc.                           LEONESSI
                          5a B elettr. 1e2                       AMADDEO




    7.11   Le strutture dell’EUROPA UNITA
Le risorse strutturali dell’EUROPA UNITA sono così articolate:

    Laboratorio informatica 1 con lavagna multimediale (21 postazioni multimediali);

    Laboratorio informatica 2 (12 postazioni multimediali)

    Laboratorio informatica 3 con lavagna multimediale (16 postazioni multimediali);

    Laboratorio informatica 4 (16 postazioni multimediali);

    Laboratorio informatica 5 . Aula CISCO - RETI (16 postazioni multimediali);

    Due laboratori di fisica;

    Un laboratorio multimediale linguistico;

    Un laboratorio di chimica;

    Un officina macchine utensili;

    Un laboratorio Tecnologico;

    Un laboratorio di macchine a C.N.C.

    Un isola di lavoro

    Un laboratorio di automazione e sistemi automatici, con fabbrica automatica;

    Un laboratorio di macchine e idraulica;

    Un laboratorio misure elettriche e TDP;

    Un laboratorio di telecomunicazioni;
        Tre palestre;

        Biblioteca;

        Servizio ristoro;

        Aula Magna (400 posti).


L’Istituto dispone del servizio internet con tre linee a larga banda ADSL e di altre attrezzature con alto
profilo tecnologico: videoproiettori per presentazioni multimediali; collegamenti satellitari; macchine
fotografiche digitali, strumenti di registrazione e riproduzione audio e video.




8.             I RAPPORTI SCUOLA - FAMIGLIA
Si effettueranno attraverso due incontri pomeridiani, dalle ore 16.00 alle ore 19.00 nei mesi di
dicembre e aprile, secondo calendari che verranno comunicati a tutte le famiglie. E’ inoltre possibile,
previo appuntamento, parlare con i singoli docenti in orario mattutino.

9.             IL CALENDARIO SCOLASTICO 2009-2010
L’anno scolastico viene diviso in due quadrimestri.

                               CALENDARIO SCOLASTICO REGIONALE 2009 - 2010
    SETTEMBRE        OTTOBRE    NOVEMBRE   DICEMBRE   GENNAIO   FEBBRAIO   MARZO   APRILE   MAGGIO       GIUGNO

    1                  1         1         1          1         1          1       1        1        1
    2                  2         2         2          2         2          2       2        2        2
    3                  3         3         3          3         3          3       3        3        3
    4                  4         4         4          4         4          4       4        4        4
    5                  5         5         5          5         5          5       5        5        5
    6                  6         6         6          6         6          6       6        6        6
    7                  7         7         7          7         7          7       7        7        7
    8                  8         8         8          8         8          8       8        8        8
    9                  9         9         9          9         9          9       9        9        9
    10               10          10        10         10        10         10      10       10       10
    11               11          11        11         11        11         11      11       11       11
                                                                                                            Fine
    12               12          12        12         12        12         12      12       12       12
                                                                                                           lezioni
    13               13          13        13         13        13         13      13       13       13
            Inizio
    14               14          14        14         14        14         14      14       14       14
           lezioni
    15               15          15        15         15        15         15      15       15       15
    16               16          16        16         16        16         16      16       16       16
    17               17          17        17         17        17         17      17       17       17
    18               18          18        18         18        18         18      18       18       18
    19               19          19        19         19        19         19      19       19       19
    20               20          20        20         20        20         20      20       20       20
    21               21          21        21         21        21         21      21       21       21
    22               22          22        22         22        22         22      22       22       22
    23               23          23        23         23        23         23      23       23       23
    24               24          24        24         24        24         24      24       24       24
    25               25          25        25         25        25         25      25       25       25
 26                   26           26   26             26               26                 26           26          26     26
 27                   27           27   27             27               27                 27           27          27     27
 28                   28           28   28             28               28                 28           28          28     28
 29                   29           29   29             29                                  29           29          29     29

 30                   30           30   30             30                                  30           30          30     30

                      31                31             31                                  31                       31




Inizio lezioni 14 settembre 2009             Le lezioni sono sospese: il 2.11.2009 - dal 7.12.2009 all' 8.12.2009
Fine lezioni 12 giugno 2010                  dal 21.12.09 al 6.01.10 - dall' 1.04.10 al 10.04.10
Vacanze e festività                          tutte le domeniche; il 1° novembre; l'8 dicembre; 25 dicembre; 26 dicembre;
Domenica                                     1° gennaio; il 6 gennaio; il lunedì dopo Pasqua; il 25 aprile;
                             I.I.S. EUROPA UNITA

La riduzione a 50 minuti delle ore di lezione è deliberata dagli OO.CC., sulla base dell’autonomia ad
esso riconosciuta, al fine di:
     tenere conto dell’alta percentuale degli allievi pendolari iscritti, per consentire loro un agevole
        rientro a casa in funzione degli orari dei mezzi di trasporto;
     consentire lo svolgimento degli eventuali corsi di recupero pomeridiani che si rendessero
        necessari;
     favorire la partecipazione alle attività integrative.

Tale riduzione oraria è soggetta a recupero da parte degli allievi e degli insegnanti nei termini previsti
dal contratto.

Per gli allievi, altre attività che consentono il recupero, sono:
    visite di istruzione
    attività integrative
    attività sportive
    corsi di recupero

Per i docenti il recupero avviene attraverso:
    Disponibilità di almeno un modulo settimanale di 50 minuti per assistenza alunni non
        avvalentesi dell’Insegnamento di R. Cattolica o sostituzione dei colleghi assenti;
    Assistenza alunni durante l’intervallo – 25 Docenti impegnati tra sede e succursale ogni
        giorno;
    Sportello help, nei limiti organizzativi fissati dal Consiglio di Istituto;
    Corsi di recupero, nei limiti organizzativi fissati dal Consiglio di Istituto;
    Progetto Biblioteca (massimo di un modulo di 50 minuti per i Docenti are liceo e di un modulo
        di 40 minuti per i docenti area ITIS), nei limiti organizzativi fissati dal Consiglio di Istituto;
    Progetti di eccellenza (Cambridge, Delf, ecc.)
    C.I.C. (solo per docenti in possesso di titolo adeguato);
    Altre attività di potenziamento dell’offerta formativa;
    Preparazione con gli allievi dei viaggi di istruzione, fuori dall’orario scolastico.
                            I.I.S. EUROPA UNITA

10. INTEGRAZIONE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI e ALLIEVI
CON Disturbi Specifici d’ Apprendimento

10.1         Allievi diversamente abili

La Scuola promuove l'integrazione sociale e scolastica degli alunni in situazione di handicap (Legge
104/92 e successive) attraverso attività didattiche finalizzate a migliorare le capacità di
apprendimento e di relazione.
Come da normativa, per confrontarsi periodicamente sulle metodologie e su particolari iniziative
educative e didattiche, è istituito il Gruppo per l'Integrazione Scolastica d'Istituto, costituito da una
componente di insegnanti, genitori e studenti e operatori dei servizi.
All'inizio del ciclo di studi vengono attuati incontri di informazione, sensibilizzazione, accoglienza e
specifiche attività di socializzazione nei gruppi-classe in cui verrà inserito l’allievo disabile.
Al termine del ciclo di studi, in particolare durante il triennio, si delineano percorsi formativi
individualizzati per l’eventuale inserimento nel mondo del lavoro, in collaborazione con gli enti in rete.
E’ inoltre attiva all’interno dell’Istituto, l’associazione AESSETI (Associazione Studentesca Tutor
divorabili) che raccoglie gli studenti volontari particolarmente sensibile alle situazioni di disabilità, ai
quali viene riconosciuto il credito formativo.
Oltre alle comuni attività in classe, sono programmati laboratori in vari ambiti, in orario scolastico e
non, dove gli alunni disabili operano con la collaborazione di compagni tutor.

Vengono attivati i seguenti laboratori:

   INFORMATICO in cui si sviluppano i contenuti delle varie materie e si realizzano particolari
    progetti a contenuto multimediale (video, calendari, fotogrammi…)
   ARTISTICO in cui si favorisce lo sviluppo dell'espressione di se e della creatività attraverso attività
    pittoriche, manuali, musicali e teatrali (spettacoli, cortometraggi).
   SCIENTIFICO in cui si sperimentano fenomeni fisici e percettivi con attività pratiche e di
    giardinaggio.
   MOTORIO in cui si favorisce l'integrazione sul territorio con attività di gruppo e personalizzata
    presso strutture attrezzate di fitness (progetto "Benessere e Movimento") maneggio ed impianti
    sportivi comunali. Partecipazione a Campionati Studenteschi di Ginnastica ed altre discipline
    sportive e preparazioni specifiche nel Gruppo Sportivo pomeridiano.
   AUTONOMIA: percorsi personalizzati sul territorio per il potenziamento delle abilità sociali.

.
La collaborazione con gli enti territoriali si attiva tramite:

   A.S.L. 7: consulenze e monitoraggio dei singoli P.E.I., con riunioni periodiche dei vari Gruppi
    Tecnici.
   C.I.S.S: progettazione di percorsi integrati fra Scuola e Centro Diurno – Progetti congiunti.
   ISTITUTI scolastici del territorio.
   COMUNE di CHIVASSO – Ufficio Politiche Sociali: stage formativi.
   Centro di impiego locale
   Ufficio Provinciale Progetti speciali.

E’ prevista inoltre la partecipazione a particolari eventi culturali e sportivi a carattere formativo.




P. O. F. –                                                                                  Pagina 74 di 84
                            I.I.S. EUROPA UNITA


10.2   Allievi con D.S.A.
La scuola si impegna a perseguire le seguenti finalità:
a) promuovere il benessere emotivo e sostenere l’autostima degli alunni con DSA;
b) garantire agli alunni con DSA pari opportunità per il diritto allo studio e il successo formativo;
c) promuovere negli alunni forme di apprendimento fortemente orientate verso l’impegno e la
motivazione;
d) sviluppare e potenziare la comunicazione e la collaborazione tra famiglia, scuola e servizi sanitari
durante tutto il ciclo di studi;
f) sensibilizzare e formare gli insegnanti sulle problematiche relative ai DSA.
La scuola si impegna a favorire l’uso di una didattica individualizzata che preveda forme flessibili di
lavoro scolastico e strumenti didattici efficaci per il superamento delle condizioni di disabilità che
sperimentano gli alunni con DSA.
Il Dirigente e tutti i docenti si attiveranno per costruire una relazione proficua con la famiglia, nella
consapevolezza della distinzione dei ruoli.
Le scelte formative e didattiche competono esclusivamente al Consiglio di classe, il quale avrà cura di
comunicarle e motivarle alla famiglia.
Il Consiglio di Classe consentirà la possibilità di uso, dove necessario, di strumenti compensativi
quali:
a) tabelle delle misure e delle formule;
b) calcolatrice;
c) registratore;
d) computer con programmi di videoscrittura con correttore ortografico e sintesi vocale, commisurato
al singolo caso;
e) cassette registrate dagli insegnanti, dagli alunni, o allegate ai testi;
f) dizionari di lingua straniera computerizzati;
g) programmi di traduzione;
h) adozione di testi anche ridotti e contenenti audiocassette o cd-rom.
Il Consiglio di Classe valuterà, in ogni singolo caso, sulla base degli elementi che emergono dalla
valutazione, l’opportunità di adottare le seguenti misure dispensative:
a) dispensare, ove necessario, gli alunni dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso
del vocabolario, studio di tabelle, elenchi, dati e nozioni da riprodurre mnemonicamente;
b) dispensare, ove necessario, dallo studio della lingua straniera in forma scritta;
c) programmare di tempi più lunghi per le prove scritte;
d) ridurre le consegne per lo studio domestico;
e) utilizzare testi ridotti non per contenuto ma per quantità di pagine;
f) programmare le interrogazioni, consentendo l’uso di organizzatori grafici, mappe concettuali,
elenchi di parole chiave, immagini, grafici, tabelle;
g) valutare le prove scritte e orali tenendo conto del contenuto e non della forma.
Il Consiglio di Classe segnalerà nel Documento finale le specifiche situazioni soggettive dei candidati
con DSA, al fine di consentire alla Commissione d’esame di predisporre le prove prevedendo l’utilizzo
di tempi più lunghi e di strumenti informatici nel caso in cui siano stati impiegati durante le verifiche
svolte nel corso dell’anno.




P. O. F. –                                                                               Pagina 75 di 84
                              I.I.S. EUROPA UNITA

11.       SERVIZIO D’ ISTRUZIONE DOMICILIARE
Al fine di garantire la continuità educativa, il diritto all’istruzione e il diritto alla salute, sono previste
attività di sostegno e potenziamento attraverso l’istruzione domiciliare e l’uso della piattaforma di
istituto. Il servizio è oggetto di uno specifico progetto “SOLIDASCUOLA : la scuola solidale”” volto a
realizzare gli obiettivi sopra esposti.

12.       FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO
La formazione continua e l’aggiornamento costante del personale scolastico, sia docente che
non docente, sono elementi fondamentali per garantire e migliorare la qualità dell’offerta
scolastica. Per questo l’istituto si impegna a:

      Promuovere e a partecipare fin dalla fase progettuale a iniziative di aggiornamento in
       rete con altri istituti scolastici
      Promuovere iniziative specifiche, anche attraverso l’utilizzo di fondi interni

Le iniziative formative per l’anno scolastico 2008 - 2009 riguarderanno tematiche che avranno come
obiettivo lo sviluppo ed il potenziamento di competenze utili per una migliore efficacia dell’attività
didattiche.
                                 PROGRAMMA ANNUALE ATTIVITA’

                Coordinatore                                                                        Ente
Destinatari                                         TEMI                      Metodologia
                   corso                                                                         promotore
                                                                                                 IIS “Europa
    Docenti          D.S.                        Sicurezza                        Corso
                                                                                                    unita”
                                                                                                 IIS “Europa
    Docenti           D.S                          Privacy                        Corso
                                                                                                     unita
                                                                                                 IIS “Europa
    Docenti           D.S                  Coordinatori di classe                 Corso
                                                                                                     unita
                                                                                                 IIS “Europa
    Docenti           D.S                     Esame di Stato                      Corso
                                                                                                     unita

    Docenti          D.S.                  Cooperative Learning                   Corso          Chivainrete

                                        Utilizzo macchinari palestra                             IIS “Europa
    Docenti          D.S.                                                         Corso
                                                 attrezzata                                         Unita”
                                         Disturbi evolutivi specifici                            IIS “Europa
    Docenti          D.S.                                                         Corso
                                             d’apprendimento                                        Unita”
                                    Utilizzo macchinari di laboratorio e                         IIS “Europa
    Docenti          D.S.                                                         Corso
                                                CAD-CAM                                             Unita
                                                                                                 IIS “Europa
    Docenti          D.S.                   Informatica di base                   Corso
                                                                                                    Unita




P. O. F. –                                                                                     Pagina 76 di 84
                              I.I.S. EUROPA UNITA

13.        INTEGRAZIONE ED INIZIATIVE CON IL TERRITORIO
Nell’ambito dei principi guida fondamentali: flessibilità, educazione alla cittadinanza e solidarietà,
territorialità, assumono importanza rilevante le relazioni esterne che hanno l’obiettivo di collegare la
scuola con il territorio.
Il nostro Istituto “accoglie” gli specializzandi SSIS dell’Università di Torino, poiché risulta importante,
per la costruzione di un valido profilo professionale degli insegnanti, la collaborazione tra il mondo
accademico dell’Università e il sistema scolastico. L’insieme delle esperienze che l’allievo della
scuola di specializzazione per l’insegnamento secondario (SSIS) svolge presso le istituzioni
scolastiche secondarie sono finalizzate all’acquisizione di un bagaglio professionale utile all’esercizio
effettivo dell’insegnamento agli studenti.
I docenti individuati hanno il compito di organizzare e programmare attività informative, formative ed
esperienze di stage/tirocinio in collaborazione con enti pubblici e privati, associazioni, aziende.

L’Istituto partecipa con altri partners ( Politecnico di Torino, Università di Torino, Agenzie formative del
Piemonte e aziende) a due “Poli formativi per l’istruzione e la formazione tecnica superiore” , nei
campi
         Meccanico (Mechanical DIS.TR.I.C.T – DIStretto per il TRasferimento e l’Innovazione delle
     Competenze Tecniche)
         Energetico (ENERGIA & AMBIENTE – Piemonte)

Tali attività completano i progetti formativi e di orientamento.

In generale i referenti dell’area “Relazioni Esterne” si occupano di :

     Raccogliere ed esaminare le proposte di iniziative esterne utili al raccordo con il territorio (vedasi
      proposte di Comuni, Provincia, etc.);
     Partecipare, in veste di rappresentante dell’Istituto, a convegni e/o incontri necessari al raccordo
      (es. Rete centro)
     Organizzare l’eventuale partecipazione dell’Istituto a manifestazioni promosse da enti locali (es.
      “Cento strade”).
     Individuare le classi interessate all’attività di stage e il referente nell’ambito del    Consiglio di
      classe. Rilevare i bisogni formativi di ciascuna classe. Contattare, in relazione alle richieste, le
      strutture disponibili sul territorio.
     Svolgere il ruolo del mediatore tra il referente del Consiglio di classe (tutor scolastico) e il tutor
      esterno nella fase preparatoria dell’attività.
     Predisporre la convenzione tra Istituto e struttura. Monitorare l’esperienza dal punto di vista
      organizzativo. Raccogliere gli attestati di frequenza. Organizzare e coordinare le riunioni dei
      referenti dei consigli di classe.
     Fornire supporto progettuale e/o organizzativo ai gruppi di lavoro nell’ambito dei Progetti IFTS
      Poli per gli IFTS;
     Valutare le richieste dalle aziende in termini di figure professionali e relative competenze;
     Ricercare nuovi contatti con le aziende e gli enti pubblici del territorio (diretti e/o tramite
      associazioni di categoria quali: Unione Industriale, API, Consorzi, …)
     Organizzare riunioni informative alla presenza di allievi interessati e/o docenti per la
      pianificazione delle attività di Stage;
     Predisposizione della documentazione “Tipo” e della procedura per l’organizzazione degli Stage
      Aziendali cosi come definita dal Sistema di Gestione della Qualità.
     Partecipazione a Seminari e Convegni in materia di stage (progetto SCUOLAV, Progetto
      Leonardo, …)




P. O. F. –                                                                                 Pagina 77 di 84
                             I.I.S. EUROPA UNITA
13.1    Stage Area ITIS
Alle classi del triennio dell’I.T.I.S. durante il periodo estivo, viene data la possibilità di fare esperienza
formativa e lavorativa presso Aziende del territorio; queste esperienze aiutano gli allievi ad orientarsi
circa le proprie potenzialità in rapporto al mondo del lavoro.
Le aziende hanno l’opportunità di farsi conoscere e cominciare a valutare le capacità/potenzialità
degli allievi che, in molti casi, vengono poi assunti dalle stesse aziende al termine del corso di studi.


13.2    Stage/Tirocinio Area Liceo
Per il liceo delle Scienze Sociali e Socio-psico-pedagogico gli stages sono strutturali e trovano
collocazione sia all’interno dell’orario curricolare sia extracurricolare, progettato dal Consiglio di
Classe; lo stage è di tipo formativo e consente agli studenti di osservare e riflettere sui processi
sociali, relazionali e lavorativi.

Le esperienze si svolgono presso Enti e Assessorati, con le istituzioni e le organizzazioni presenti sul
territorio. Tali esperienze vengono riproposte anche nel periodo estivo per tutti gli indirizzi dell'area
liceale con finalità orientative e formative.

Il Liceo collaborerà alla realizzazione di iniziative e di percorsi formativi con enti, associazioni e
istituzioni e aziende del territorio anche in assenza di convenzioni.


13.3    Filo diretto con le imprese
Alcune aziende spesso si rivolgono al nostro Istituto, chiedendoci nominativi di allievi già diplomati da
inserire nei loro processi lavorativi.

13.4    Percorsi POLIS
        Percorsi integrati di Orientamento Lavorativo e Istruzione Superiore

Realizzato in intesa con CTP “Cosola” (SMS “Demetrio Cosola”), Agenzia formativa “Casa di
Carità Arti e Mestieri” della fraz. Castelrosso di Chivasso (To), Comune di Chivasso, Centro
per l’impiego di Chivasso, il progetto POLIS si prefigge di realizzare percorsi di orientamento
o riorientamento lavorativo e di istruzione superiore in risposta alla domanda di formazione e
istruzione di un pubblico adulto. Esso è finalizzato al conseguimento del diploma di Liceo
delle Scienze Sociali. Nell’ anno in corso l’istituto collabora nel terzo segmento
(corrispondente al quinto anno).

13.5    Percorsi Triennali

Realizzato in collaborazione con l’Agenzia formativa “Casa di Carità Arti e Mestieri” della
fraz. Castelrosso di Chivasso.

13.6    Biennio Integrato

Il Biennio integrato coinvolge le classi seconde del Liceo delle Scienze Sociali- indirizzo
operatore socio-culturale ed esperto multimediale e le classi prime del Liceo delle Scienze
Sociali – esperto multimediale. Il Progetto, di durata biennale, è realizzato in collaborazione
con la “Casa di Carità Arti e Mestieri” di Castelrosso. L’iniziativa propone un percorso

P. O. F. –                                                                                  Pagina 78 di 84
                           I.I.S. EUROPA UNITA
didattico innovativo, aderente alle nuove istanze della società; gli aspetti teorici consueti si
coniugano con un approccio operativo, con l’obiettivo di costituire una formazione del sapere
e del saper fare.

13.7    Iniziativa nazionale “Io Studio” - carta dello studente versione 2.0

Realizzata in rete con altri istituti del canavese con scuola capofila l’I.I.S. “Olivetti” di Ivrea, si
prefigge come obiettivo principale l’acquisizione di tutta la strumentazione tecnologica
necessaria alla produzione autonoma dei badge elettronici personalizzati per ogni studente. Il
badge così inteso potrà fornire agli studenti sia servizi esterni alla scuola con agevolazioni
economiche varie e facilitazioni utili ad avvicinare i giovani al patrimonio dei beni culturali
italiani con soluzione adattate alle reali esigenze degli utenti, sia servizi interni agli istituti
come servizi scuola-famiglia via web.




P. O. F. –                                                                            Pagina 79 di 84
                              I.I.S. EUROPA UNITA

14.         QUALITA’ E ACCREDITAMENTO

Dal 21/12/2004 il nostro Istituto ha un Sistema di Gestione della Qualità certificato UNI EN ISO
9001:2000. In prima istanza si è deciso di certificare le attività di “Progettazione ed erogazione di
corsi di istruzione tecnica curricolare ed extracurriculare e di formazione professionale
permanente, continua e superiore.”
L’Istituto, inoltre, è una struttura accreditata presso la Regione Piemonte come Organismo che
svolge attività di formazione finanziata (ambito di riferimento: Formazione) per le seguenti
MACROTIPOLOGIE

      B      Macrotipologia B (formazione superiore)
      C      Macrotipologia C (formazione continua)
             Tipologia formazione a distanza (metodologia formativa che prevede incontri d’aula con il
 t. FAD      docente-tutor e attività di autoformazione con l’ausilio di materiali didattici progettati ad
             hoc e di tecnologie telematiche)

Il Sistema Qualità è per l' EUROPA UNITA strumento per il soddisfacimento degli obiettivi, di seguito
descritti, partendo dalle esigenze delle funzioni/attività interessate, ponendo l'attenzione sul
miglioramento continuo e individuando le risorse necessarie.

L’obiettivo prioritario, con l’attivazione di un Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ), è quello di
costruire un “sistema di gestione dell’Istituto controllato” attento sia ai “processi interni”, sia ai bisogni
degli studenti in formazione e delle loro famiglie, sia alle richieste del territorio.
Gli obiettivi che il DS ha individuato e che devono essere raggiunti con il coinvolgimento di tutto il
personale e di tutti i collaboratori, nessuno escluso, possono così riassumersi:


14.1       Obiettivi per i processi del Sistema di gestione per la Qualità.

                   Mantenimento della Certificazione secondo UNI EN ISO 9001:2000.
                   Promuovere un sistema di gestione per la qualità mirato al miglioramento continuo dei
          risultati, tenendo conto delle esigenze di tutti gli “attori” del Sistema Scuola.
                   Stabilire metodi per misurare l'efficacia e l'efficienza dei processi.


14.2       Obiettivi per gli utenti dei servizi,interni ed esterni.
                 Attuare, gradualmente ma realisticamente, il rinnovamento della scuola anche secondo
          le indicazioni dell'Unione Europea, in base alle quali essa è considerata come "un luogo di vita
          strutturato a sistema” dove interagiscono molteplici attori (allievi, insegnanti, personale ATA,
          genitori, autorità locali, associazioni del mondo del lavoro e della produzione, etc.).
                 Individuazione di un modello di valutazione delle esigenze presenti e future degli utenti
          e delle parti interessate al fine di soddisfare o addirittura superare le loro aspettative.
                 Intensificare in modo più autentico e significativo il rapporto tra scuola e mondo del
          lavoro.
                 Sviluppare nei giovani una mentalità e una cultura caratterizzata da:
              a.             un rapporto attivo con la realtà, il territorio e l'ambiente
              b.             un approccio scientifico - sperimentale alla conoscenza
              c.             una valutazione dei problemi anche in una ottica di tipo economico
              d.             uno spirito d'iniziativa e una capacità di intraprendere che motivino l'azione
                 Offrire principi, metodi e strumenti per la formazione e il lavoro individuale e collettivo.


P. O. F. –                                                                                  Pagina 80 di 84
                             I.I.S. EUROPA UNITA


14.3    Obiettivi per la progettazione ed erogazione delle attività .
              Individuare un modello di gestione per conseguire, conservare e migliorare le
       prestazioni complessive dell'organizzazione al fine di incrementare i successi finora ottenuti,
       tradotti in programmazioni didattiche sempre più efficienti e di progettazione di corsi di
       formazione professionale che mirano ad accrescere il grado di apprendimento degli utenti.


14.4    Obiettivi relativi alle risorse.
             Valorizzare tutte le risorse professionali interne sviluppando coerentemente i
       programmi d'azione e traducendoli in risultati chiaramente identificabili e valutabili.
             Assicurare le infrastrutture necessarie per l'erogazione dei corsi.
             Assicurare al proprio personale un ambiente di lavoro in grado di attendere alle loro
       esigenze.


14.5    Questionari per la valutazione del servizio scolastico

Il Gruppo Qualità ha individuato quattro tipi di Utenti ed ha elaborato altrettanti questionari per rilevare
la soddisfazione nei confronti del servizio offerto dall’Istituto.

I questionari sono stati così proposti a:

              Tutti gli studenti
              Tutti i docenti
              Tutto il personale ATA
              Tutti i genitori degli allievi

I risultati dei questionari e quindi i punti critici che sono stati individuati sono riportati sul sito web
dell’Istituto all’indirizzo www.istitutoeuropaunita.it.




P. O. F. –                                                                                Pagina 81 di 84
                               I.I.S. EUROPA UNITA

15.          AUTOVALUTAZIONE E VALUTAZIONE DEL POF - MONITORAGGIO
    15.1    Autovalutazione e Valutazione.

L’impostazione di un processo di valutazione richiede, in primo luogo, l’identificazione di una
serie di criteri coerenti con lo scopo della valutazione stessa. Si tratta degli indicatori di
qualità. In questo caso, gli indicatori di qualità che si vuole introdurre si riferiscono alla
valutazione del POF inteso come attività progettuale e alle modalità con cui essa viene
messa in atto. L’autovalutazione sarà attuata attraverso un’azione di monitoraggio relativa a
progetti, processi e risultati. Il P.O.F. sarà considerato come sistema unitario per verificare
ciò che risulta qualificante e ciò che manca, non funziona o è solo formale.

I progetti
Il successo dei progetti non sarà considerato in termini assoluti, ma sarà presa in
considerazione la crescita, la modificazione intervenuta rispetto alle condizioni di partenza. Si
confronterà poi questo valore aggiunto con le risorse impiegate.
Ogni progetto deve indicare ed attuare modalità proprie di valutazione che prendano in
considerazione l’organizzazione ed i risultati raggiunti.
La valutazione esterna al progetto (a cura del gruppo di valutazione) potrà far uso di
questionari e terrà conto dei seguenti indicatori:

quantitativi
          dimensione ;
          diminuzione della dispersione scolastica;
          ricaduta nella scuola e/o sul territorio.

qualitativi
          attuazione dell’autonomia come innovazione curricolare e organizzativa, e di flessibilità;
          miglioramento dell’ambiente scolastico o dell’organizzazione del lavoro;
          soddisfazione delle persone;
          trasferibilità e generalizzazione.

I processi
Saranno presi in considerazione:
          regolarità dei percorsi (tassi di promozione e ripetenza, abbandono, trasferimenti);
          aggiornamento del personale (partecipazione a corsi di formazione o aggiornamento);
          organizzazione del personale;
          clima scolastico;
          apertura all’esterno.

Inoltre verranno analizzati:
          l’efficacia dei recuperi, help didattici o su competenze trasversali;
          i risultati finali nelle diverse classi e materie;
          i tassi di promozione e i punteggi degli esami;
          la riuscita scolastica e lavorativa degli alunni.

Più in generale si effettuerà una stima rispetto alla dispersione e gli insuccessi dell’anno
precedente, per valutare l’efficacia dei progetti nella promozione del successo formativo




P. O. F. –                                                                                 Pagina 82 di 84
                               I.I.S. EUROPA UNITA

Valutazione esterna
Sarà rilevata la soddisfazione dell’utenza. La rilevazione avverrà tramite:
      questionari per genitori e alunni;
      incontri con i rappresentanti dei genitori per rilevare manifestazioni, atteggiamenti,
  posizioni rilevanti.
      Si cercherà soprattutto il dialogo con studenti e genitori sia per quanto riguarda la
  rilevazione dei bisogni sia per la valutazione dell’efficacia e dell’efficienza del servizio
  offerto, nella convinzione che solo un’offerta qualitativamente elevata e così costruita, può
  nel tempo qualificare la domanda stessa.

Si riporta un elenco (non esaustivo) di Indicatori di qualità a cui tutti gli estensori di progetti
e/o attività potrà fare riferimento ed individuare quali di essi potrà dare valutazione
all’operato:

1.      n° utenti ai quali è reso disponibile il POF / n° utenti totali
2.      n° medio moduli di recupero per alunno
3.      perc. di alunni che hanno recuperato il debito rispetto al totale degli alunni con debito
4.      perc. docenti che hanno frequentato nell’a.s. almeno 1 corso di formazione
5.      n° alunni classi prime
6.      n° alunni iscritti/ n° partecipanti agli incontri di orientamento %
7.      indice di gradimento incontri di orientamento per gli alunni di terza media
8.      indice di gradimento delle attività di accoglienza per gli alunni delle classi prime
9.      indice di gradimento del progetto di orientamento per alunni delle classi seconde
10.     indice di gradimento dell’attivita’ di orientamento per gli alunni delle classi quinte
11.     n° medio uscite didattiche annue per le classi dalla prima alla quarta
12.     n° classi quinte che partecipano ad almeno un viaggio di istruzione
13.     costo medio per alunno per stage
14.     indice di gradimento per stages
15.     perc. alunni che hanno raggiunto o parzialm. raggiunto gli obiettivi nelle attività extracurricolari
16.     indice di gradimento per attività extracurricolari
17.     costo medio orario per alunno partecipante ad attività extracurricolari
18.     indice di gradimento sull’ accoglienza nuovi docenti
19.     perc. di avvisi o comunicazioni messi in rete entro 3 giorni /n° avvisi pubblicati
20.     perc. libri inseriti nel software della biblioteca / n° di libri presenti
21.     data di pubblicazione del Piano annuale delle Attività
22.     data di pubblicazione dell’orario completo settimanale delle lezioni
23.     perc. alunni che hanno raggiunto o parzialm. raggiunto gli obiettivi (prove disciplinari per gruppi di
materie)
24.     perc. alunni non promossi rispetto al totale degli alunni
25.     perc. debiti assegnati rispetto al totale degli alunni
26.     n° mensile dei guasti non riparati nei laboratori
27.     n° progetti validati/ n° progetti realizzati
28.     n° verifiche ispettive interne realizzate/ n° verifiche ispettive scorso a.s. %
29.     perc. studenti che hanno risposto ad almeno un questionario di Customer Satisfaction
30.     perc. docenti che hanno risposto ad almeno un questionario di Customer Satisfaction
31.     perc n° di ritardi in ingresso al mese sul n° alunni
32.     perc n° assenze al mese sul n° alunni
33.     perc. n° infortuni degli alunni sul n° di alunni
34.     solo per corsi di formazione e orientamento finanziati con F.S.E. e altro:
         n° progetti approvati/ n° progetti rendicontati
         n° destinatari rendicontati/ n° destinatari previsti
         Costo rendicontato/Costo previsto
         n° formati o orientati/ n° iscritti
         n° soddisfatti/ n° iscritti
         n° occupati dopo il corso/n° iscritti



P. O. F. –                                                                                        Pagina 83 di 84
             I.I.S. EUROPA UNITA




P. O. F. –                         Pagina 84 di 84

								
To top