Capitolo 12 Il monopolio by m65m129S

VIEWS: 59 PAGES: 43

									 Capitolo 12
Il monopolio
              Questo file per Power Point (visibile anche con
              OpenOffice <www.openoffice.org>)

              può essere scaricato dalla mia web page

              www.demq.unict.it/luigi.bonaventur
siti e file




              a/

              il nome del file è cap_12_lez9.ppt (i        file
              sono anche salvati in formato .pdf)
            IL MONOPOLIO
• Il monopolio è una forma di mercato in
  cui un unico venditore offre un bene che
  non ha stretti sostituti, ad una moltitudine
  di consumatori
• La differenza fondamentale tra
  monopolio e concorrenza perfetta
  consiste nella elasticità della domanda
  dell’impresa rispetto al prezzo
           IL MONOPOLIO
• In concorrenza perfetta l’impresa fronteggia
  una funzione di domanda ad elasticità infinita
  (la curva di domanda dell’impresa è
  orizzontale)
• In monopolio il monopolista ha di fronte una
  domanda inclinata negativamente,
  corrispondente alla curva di domanda di
  mercato, con un valore finito dell’elasticità
      LE CINQUE CAUSE DEL
           MONOPOLIO
• Controllo esclusivo di input fondamentali.
• Economie di scala. Può dar luogo al
  cosiddetto monopolio naturale: se la curva del
  costo medio di lungo periodo è sempre
  decrescente, allora un’unica impresa è in grado
  di produrre a costi medi inferiori rispetto a due o
  più imprese che si dividessero il mercato.
      LE CINQUE CAUSE DEL
           MONOPOLIO
• Brevetti. Il brevetto garantisce al suo possessore
  il diritto esclusivo, per un certo periodo di tempo,
  allo sfruttamento dei benefici da esso derivanti. I
  brevetti sono indispensabili se si vuole favorire la
  ricerca, ma comportano dei costi sociali derivanti
  dallo sfruttamento monopolistico di tali risultati.
• Economie di rete (o di network). In alcuni mercati
  un prodotto acquista tanto più valore per i
  consumatori quanto maggiore è il numero degli
  utilizzatori.
      LE CINQUE CAUSE DEL
           MONOPOLIO
• Licenze governative o appalti. L’autorità pubblica
  rilascia licenze per l’ingresso in taluni settori o per
  la fornitura di servizi. Si pensi alla concessione
  della licenza alla Lottomatica o alle licenze che le
  autorità locali rilasciano ai taxi.
• Nel lungo periodo il fattore più importante tra questi
  è rappresentato dalle economie di scala che
  spiegano anche le economie di rete e le
  concessioni governative.
Figura 12-1: Monopolio naturale
   LA MASSIMIZZAZIONE DEL
   PROFITTO IN MONOPOLIO
• Anche il monopolista, nelle sue scelte, è
  guidato dalla massimizzazione del profitto
• A differenza della concorrenza perfetta, il
  monopolista riconosce il fatto che egli
  fronteggia l’intera curva di domanda di
  mercato
• Il prezzo al quale egli vende il prodotto non
  è indipendente dalla quantità venduta
                                 Concorrenza vs. monopolio


                               Concorrenza                     Monopolio
concorrenza vs. monopolio




                                 molti produttori                un produttore


                              “vedono” una curva di      rileva una curva di domanda
                               domanda orizzontale          inclinata negativamente

                            subiscono il prezzo (price
                                                           fa il prezzo (price maker)
                                     taker)

                                                         se aumenta il prezzo vende di
                            vendono qualsiasi quantità
                                                          meno, se lo riduce vende di
                                allo stesso prezzo
                                                                      più
                   apparente                         reale

                                  curve di domanda
         (a) Curva di domanda di una                   (b) Curva di domanda
             impresa in concorrenza                        del monopolista
Prezzo                              Prezzo




                            Domanda



                                                                      Domanda

 0                     Quantità                  0                   Quantità
  LA MASSIMIZZAZIONE DEL
  PROFITTO IN MONOPOLIO

• A differenza dell’impresa concorrenziale, per
  il monopolista il ricavo marginale è inferiore al
  prezzo
• Infatti, il ricavo totale non cresce sempre
  proporzionalmente alla quantità venduta, ma
  può aumentare o diminuire a seconda della
  elasticità della curva di domanda fronteggiata
  dal monopolista
  Figura 12-2: Curva di ricavo totale
per un’impresa in concorrenza perfetta




                                  MR=P*
                      I ricavi di un’impresa in un mercato
                      monopolistico e che quindi fissa il prezzo
                      (si dice anche: è price maker)




                                                TR  P  Q
ricavi in monopolio




                         Ricavo Totale
                         (TR)

                                                   TR P  Q
                         Ricavo Medio         AR          P
                         (AR)                      Q   Q
                               
                         anche per il monopolista (monopoly), ricavo
                         medio e prezzo coincidono

                                   
                                     Discussione:
                                     l’andamento del ricavo marginale per un monopolista sarà
                                     …
disc. ricavo marginale e monopolio




                                                              RT Q  P
                                     Ricavo Marginale    MR              P
                                     (MR)                     Q   Q


                                     …decrescente all’aumentare della quantità venduta
                                            
Figura 12-3: Domanda totale,
ricavo totale ed elasticità
Figura 12-5: Variazione nel ricavo
totale a seguito di una riduzione
            del prezzo
                                          Domanda, ricavo totale e ricavo
                                               marginale in monopolio
                                          Prezzo
                                             €11
                                              10
domanda e ricavo marginale in monopolio




                                                9
                                                8
                                                7                                            TR
                                                6
                                                5
                                                4
                                                3                                       Domanda
                                                2           Ricavo                      (ricavo medio)
                                                1           marginale
                                                0
                                               -1   1   2    3   4      5   6   7   8           Quantità
                                               -2
                                               -3
                                               -4
Figura 12-6: Ricavo marginale in
relazione alla curva di domanda
                         TR0  P0 Q0
                         TR (P0 P)(Q0 Q)
                                (P0 P)(Q0 Q) P0Q 0
                         MR0 
                                             Q
                                     P 
                         MR0  P0   Q 0 P
                                    Q 

                                          P
                               MR0  P0  Q 0
                                          Q
                             MR0  P0  P Q 0
       RICAVO MARGINALE ED
           ELASTICITÀ
• Quanto più la curva di domanda è rigida, tanto
  più marcata è la differenza tra prezzo e ricavo
  marginale (e viceversa)
• Al limite quando l’elasticità della domanda
  tende ad infinito, ricavo marginale e prezzo
  coincidono (ciò che accade in concorrenza
  perfetta)
• Questo ci fa capire che il monopolista ha
  convenienza ad operare esclusivamente nel
  tratto elastico della curva di domanda
  Figura 12-7: Curva di domanda e
curva di ricavo marginale associata


                                       1
                             MR  P(1 )
                                      | |



                        
       Figura 12-8: Una specifica
     curva di domanda lineare e la
corrispondente curva di ricavo marginale


                          P  abQ
                                                       2
                          TR  PQ (abQ)Q  aQbQ
                               TR
                          MR  a2bQ
                                Q



                     
     LA MASSIMIZZAZIONE DEL
     PROFITTO IN MONOPOLIO
• Anche per il monopolista il problema della
  massimizzazione del profitto si risolve, in termini
  grafici, individuando il punto nel quale risulta
  massima la distanza tra due curve del ricavo totale
  e del costo totale
• In tale punto le pendenze delle rette tangenti alle
  due curve sono identiche
• Quindi è sempre valida la condizione di ottimo che
  impone l’eguaglianza tra il ricavo marginale (MR) il
  costo marginale (MC)
 Massimizzazione del profitto in
          monopolio (1)
Costi e
 Ricavi                                1. L’intersezione della
                                       curva del ricavo marginale
                                       con quella del costo
                             MC        marginale determina la
                                       quantità che massimizza
                                       il profitto…


                                   Costo medio totale ATC
                         A


                                                  Domanda
                                                     AR
           Costo
          marginale               MR
                                  Ricavo marginale
     0                QMAX                         Quantità
  Massimizzazione del profitto in
           monopolio (2)
   Costi e
    Ricavi        2. …e la curva di domanda        1. L’intersezione della
                  individua il prezzo coerente     curva del ricavo marginale
                  con tale quantità.               con quella del costo
                                                   marginale determina la
 Prezzo di                B                        quantità che massimizza
monopolio                                          il profitto…


                                                 Costo medio totale
                              A


                                                              Domanda

              Costo
             marginale
                                             Ricavo marginale
        0                QMAX                                  Quantità
                           Il profitto del monopolista (3)
                              Costi e
                               Ricavi

                                                               Costo marginale

                            Prezzo di E                   B
profitto del monopolista




                           monopolio

                                          Profitto di                Costo medio totale
                                          monopolio
                               Costo
                               medio D                    C
                               totale
                                                                                 Domanda



                                                                  Ricavo marginale
                                   0                    QMAX                 Quantità
                               Comparazione tra concorrenza
                                   perfetta e monopolio

                          • Per un’impresa in concorrenza, il prezzo e il
                            costo marginale sono uguali
concorrenza e monopolio




                                         P = MR = MC
                          • Per un’impresa monopolista, il prezzo è
                            superiore al costo marginale
                                         P > MR = MC
                IL MARK-UP
• Il mark-up misura di quanto il monopolista è in
  grado di incrementare il prezzo di vendita rispetto
  al costo marginale
• Il mark-up è tanto più elevato (basso) quanto più
  la domanda è rigida (elastica)
• La formula del mark-up è un altro modo per
  vedere il potere di mercato del monopolista

                  P  MC 1
                        
                     P    
Figura 12-9: Prezzo e quantità che
    massimizzano il profitto in
             monopolio
         Esempio 12.2

Domanda: P=100-2Q
Costo Totale: TC=640+20Q
Costo marginale: MC=20
• Determinare il prezzo che massimizza il
  profitto del monopolista.
• Determinare la quantità ed il profitto
             …esempio12.2
La curva del ricavo marginale è data dalla
  MR=a-2bQ, quindi:
MR=100-4Q
In equilibrio MC=MR, quindi se MC=20
100-4Q=20       Q*=20 (quantità che massimizza il
  profitto)

Sostituendo Q* nella funzione di domanda,
  otterremo il prezzo di equilibrio
          Esempio 12.2
P=100-2(20) P*=60
Per calcolare il profitto occorre trovare il
   costo totale che sarà:
   TC=640+20(20)=1040
Il ricavo totale è: TR=60x20=1200
Il profitto:
          =TR-TC=1200-1040=160
   Figura 12-10: Prezzo e quantità che
 massimizzano il profitto nel caso delle
funzioni di costo e di domanda specificate
            nell’esempio 12.2
            DISCRIMINAZIONE DI
                  PREZZO
• Il monopolista può cercare di utilizzare il potere di mercato di
  cui dispone per operare la cosiddetta discriminazione di
  prezzo
• Con ciò si intende la pratica di fissare prezzi differenti per i
  diversi acquirenti
• Esistono varie forme di discriminazione di prezzo:
   – Vendite in mercati separati
   – Discriminazione perfetta di prezzo
   – Discriminazione di prezzo di secondo tipo
   – Discriminazione di prezzo tramite auto-identificazione dei
      consumatori
  Figura 12-13: Monopolista che
massimizza il profitto e vende in
           due mercati




                     Pu

                             D1+D2
           Discriminazione di prezzo:
          vendita in mercati separati




                      P2                        PA
P1
                           2                        A
     1
                                                                         MC=ATC

           MR1   D1                  MR2   D2                  MR1+MR2   D1+D2


      Q1                        Q2                        QA

     Se: 1+ 2 > A                       Il monopolista discrimina

     Se: 1+ 2 < A                       Il monopolista non discrimina e
                                           vende nel mercato unico
Figura 12-15: Discriminazione
     perfetta di prezzo
   Figura 12-16: Monopolista che
pratica la discriminazione perfetta
             di prezzo
   PERDITA DI EFFICIENZA IN
          MONOPOLIO
• Come valutare il benessere sociale in presenza di un
  monopolio?
• Si può dimostrare che, in generale, il surplus totale in
  monopolio è inferiore rispetto al surplus totale in
  concorrenza
• In questo senso il monopolio comporta una perdita netta
  di benessere sociale (deadwheight loss)
• Si noti che se il monopolista è in grado di discriminare
  perfettamente il prezzo non vi è alcuna perdita di
  efficienza
• In tal caso, tuttavia, si pone un problema di equità
Figura 12-19: Perdita di benessere
in un monopolio dove è fissato un
           prezzo unico
     POLITICA ECONOMICA NEI
     CONFRONTI DEL MONOPOLIO
            NATURALE
• Le autorità di politica economica possono
  intervenire in diversi modi per affrontare i
  problemi di equità ed efficienza legati al
  monopolio naturale:
  – proprietà e gestione pubblica
  – regolamentazione pubblica di monopoli privati
  – appalto esclusivo di un mercato
  – rigorosa applicazione delle norme antitrust
  – Politica di laissez-faire
Figura 12-20: Monopolio naturale
  Figura 12-22: Perdite di efficienza
dovute al monopolio quando si determina
un prezzo unico e quando si fissano due
                 prezzi

								
To top