Calendari Scolastico by 87qxFj6

VIEWS: 114 PAGES: 39

									Visto il CCNL 2006/2009 Art 28 comma 4. che prevede che “Gli obblighi di lavoro del personale docente sono articolati in attività di
         insegnamento ed in attività funzionali alla prestazione di insegnamento.
         Prima dell’inizio delle lezioni, il dirigente scolastico predispone, sulla base delle eventuali proposte degli organi collegiali, il
         piano annuale delle attività e i conseguenti impegni del personale docente, che sono conferiti in forma scritta e che possono
         prevedere attività aggiuntive. Il piano, comprensivo degli impegni di lavoro, è deliberato dal collegio dei docenti nel quadro
         della programmazione dell’azione didattico-educativa e con la stessa procedura è modificato, nel corso dell’anno scolastico,
         per far fronte a nuove esigenze. Di tale piano è data informazione alle OO.SS. di cui all’art. 7”

                 Il Collegio dei Docenti nella seduta del                                           approva il seguente:

             PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITÀ
INDICE:
1.  PREMESSA.................................................................................................................................. 2
2.  CALENDARIO SCOLASTICO ISIS A.S. 2010/2011 ................................................................ 4
3.  SUDDIVISIONE DELL’ANNO SCOLASTICO ........................................................................ 5
4.  ELEZIONI SCOLASTICHE ........................................................................................................ 6
5.  PIANO DELLE ATTIVITÀ COLLEGIALI ................................................................................ 7
  Collegio dei docenti: ........................................................................................................................ 7
  Riunione di Dipartimento e per Materie: ......................................................................................... 8
  Altre riunioni collegiali .................................................................................................................... 8
  Tabella riassuntiva attività collegiali ............................................................................................... 9
  Comitato di valutazione ................................................................................................................... 9
  Consigli di classe ............................................................................................................................. 9
  Tabella riassuntiva Consiglio di Classe ......................................................................................... 10
  Scrutini ed Esami ........................................................................................................................... 10
  Consiglio d’Istituto ........................................................................................................................ 11
  Giunta Esecutiva ............................................................................................................................ 11
  Comitato Tecnico scientifico ......................................................................................................... 12
  RSU ................................................................................................................................................ 12
6. ATTIVITÀ DIDATTICHE CURRICOLARI ............................................................................ 13
  Orario delle lezioni......................................................................................................................... 13
  Vigilanza degli alunni .................................................................................................................... 18
  Attività di sostegno e recupero....................................................................................................... 18
  Attività di Stage per Istituti Professionali ...................................................................................... 19
  Visite di istruzione ......................................................................................................................... 19
  Attività di accoglienza ................................................................................................................... 19
  Attività per inserimento e allievi stranieri...................................................................................... 20
  Competenze e assi culturali............................................................................................................ 20
  Allievi diversamente abili .............................................................................................................. 21
  Cittadinanza e costituzione ............................................................................................................ 21
  Allievi con disturbi specifici dell’apprendimento .......................................................................... 21
  Valorizzazione delle eccellenze ..................................................................................................... 21
  Continuità, contrasto alla dispersione scolastica e Orientamento in entrata .................................. 22
  Orientamento intermedio ed in uscita ............................................................................................ 22
  Diffusione della cultura della sicurezza ......................................................................................... 23
  Benessere psicofisico ..................................................................................................................... 23
  Cultura ambientale ......................................................................................................................... 23
  Attività sportiva curricolare ........................................................................................................... 25
  CLIL ............................................................................................................................................... 25
  Attività laboratoriale - Problem solving - Area di progetto ....................................................... 26
  Didattica della multimedialità ........................................................................................................ 26
  Attività di ricerca, sperimentazione e sviluppo .............................................................................. 26
  Documentazione e diffusione delle buone pratiche ....................................................................... 26
7. ATTIVITÀ PROGETTUALI ..................................................................................................... 27
  Progetto Comenius “Scriviamo la nostra storia” ........................................................................... 27
  Progetto Comenius Act4rivers ....................................................................................................... 27
  Progetto Comenius - Student Climate Research Campaign.......................................................... 27
  Progetti Regionali .......................................................................................................................... 28
  Piano Nazionale Aree a rischio ...................................................................................................... 28
  Piano Nazionale Lauree Scientifiche biennio 2010/2012; ............................................................. 28
8. ATTIVITÀ DI ARRICCHIMENTO EXTRACURRICOLARE ................................................ 29
  Bandi regionali in collaborazione con gli Enti di Formazione Regionale ..................................... 29
  Patentino ciclomotore .................................................................................................................... 30
  Pronto soccorso .............................................................................................................................. 30
  Corso prevenzione incendi (attivita’ a rischio elevato) ................................................................. 30
  Cultura della sicurezza ................................................................................................................... 30
  Attività sportiva extracurricolare ................................................................................................... 31
  Stage – tirocini formativi e di orientamento – avviamento al lavoro............................................. 31
9. RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA ........................................................................................... 32
  Comunicazioni della scuola alla famiglia ...................................................................................... 32
  Comunicazioni della famiglia alla scuola ...................................................................................... 33
10. SERVIZI OFFERTI AL TERRITORIO ..................................................................................... 33
  Analisi Chimiche conto terzi.......................................................................................................... 33
  Attività di supporto alla genitorialità ............................................................................................. 34
11. PIANO DI FORMAZIONE DOCENTI ..................................................................................... 34
12. ATTIVITÀ ORGANIZZATIVE E GESTIONALI .................................................................... 34
  Collaboratori del Dirigente Scolastico ........................................................................................... 34
  Coordinatori di sede ....................................................................................................................... 35
  Ufficio Tecnico Organizzativo....................................................................................................... 35
  URP ................................................................................................................................................ 35
  Responsabili dei laboratori e aule speciali ..................................................................................... 35
  Docente incaricato di funzione strumentale ................................................................................... 36
  Stesura dell’orario scolastico ......................................................................................................... 37
  Responsabili di Dipartimento / Asse Culturale .............................................................................. 37
  Responsabile della gestione del sito............................................................................................... 37
  Responsabile della gestione dei dati e della rete ............................................................................ 37
  Presidente del consiglio di classe ................................................................................................... 38
  Riunioni Staff di Presidenza .......................................................................................................... 38
  Riunioni gruppo di presidenza ....................................................................................................... 38
  Riunione di presidenza allargato alle Funzione strumentali .......................................................... 38
13. SCADENZE CONSEGNA DOCUMENTAZIONE .................................................................. 38
  BOZZE di lavoro ...............Error! Bookmark not defined.Errore. Il segnalibro non è definito.

     1. PREMESSA
    Il presente Piano delle Attività con le scadenze e gli impegni ha lo scopo di fornire ai docenti
un quadro d'insieme di tutto ciò che è al momento prevedibile, non è né può essere esaustivo, vi
potranno essere altre attività o riunioni per nuove proposte, opportunità da cogliere in corso d’anno
o sopravvenute esigenze. La dirigenza farà il possibile per rispettare quanto definito, a loro volta i
docenti dovranno impegnarsi a non richiedere permessi evitando la coincidenza di impegni privati
con le riunioni di servizio.
    Il presente documento raccoglie diverse attività, progetti ed iniziative, alle volte determina la
scansione e le scadenze previste. Si compone di documenti deliberati da organi sovraordinati
(MIUR, USR, Regione FVG, Provincie di Udine e Gorizia) o da organi interni all’istituzione
scolastica (Collegio Docenti per le questioni legate alla didattica, Consiglio d'Istituto per le
questioni di indirizzo di politica scolastica e Dirigente Scolastico per gli aspetti gestionali ed
organizzativi.). Il Collegio docenti delibera le parti che prevedono impegni di lavoro dei docenti.
     2. CALENDARIO SCOLASTICO ISIS A.S. 2010/2011
Vista l’Ordinanza Ministeriale 25 giugno 2010, n.53 con la quale viene stabilito il calendario nazionale dell’anno scolastico 2010/2011;
vista la deliberazione della Giunta regionale del FVG n. 757 del 21 aprile 2010 con la quale è stato approvato il calendario scolastico
         per l'anno 2010/11;
Visto il DPR 275 del 8 marzo 1999 art 5 comma 2. “Gli adattamenti del calendario scolastico sono stabiliti dalle istituzioni scolastiche
         in relazione alle esigenze derivanti dal Piano dell'offerta formativa, nel rispetto delle funzioni in materia di determinazione del
         calendario scolastico esercitate dalle Regioni a norma dell'articolo 138, comma 1, lettera d) del decreto legislativo 31 marzo
         1998, n. 112.”
visto la delibera del Collegio dei Docenti del 18 maggio 2010 che non ritiene di avanzare alcuna proposta di modifica al calendario
         scolastico regionale;
visto la delibera del Consiglio d'Istituto del 19 maggio 2010 con la quale si conferma di non apportare adattamenti al calendario
         scolastico regionale;

il Collegio dei Docenti prende atto del calendario scolastico per l’anno 2010/2011

Inizio delle lezioni                                                  Lunedì 13/09/2010
Fine delle lezioni                                                    Sabato 11/06/2011

                                    Calendario delle festività A.S. 2010-2011
Tutte le domeniche
Tutti i Santi                                                                       Lunedì 01/11/2010
Commemorazione defunti                                                              Martedì 02/11/2010
Immacolata Concezione                                                               Mercoledì 08/12/2010
Vacanze di Natale                                                                   Da giovedì 23/12/2010
                                                                                    a sabato 08/01/2011
Epifania                                                                            Giovedì 6/01/2011
Come previsto da Calendario scolastico regionale                                    Da lunedì 07/03/2011
(DG 757 del 21/04/2010)                                                             a mercoledì 09/03/2011
Vacanze di Pasqua                                                                   Da giovedì 21/04/2011
                                                                                    a martedì 26/04/2011
Anniversario della liberazione                                                      Lunedì 25/04/2011
Festa del lavoro                                                                    Domenica 01/05/2011
Festa nazionale della Repubblica                                                    Giovedì 02/06/2011

                                          Santo Patrono
Sedi del Liceo “Einstein” e ITI “Malignani” di Cervignano             Mercoledì 29/09/2010
Sedi dell’IPSSCT “Mattei” e ITC “Einaudi” di Palmanova                Giovedì 07/10/2010
Sedi dell’ISIA “Malignani” e ITI “Malignani” di San Giorgio di Nogaro Venerdì 15/04/2011
     3. SUDDIVISIONE DELL’ANNO SCOLASTICO
Visto il DLgs n° 297 del 16 aprile 1994 ed in particolare gli articoli 7.comma 2 lettera c, e 74 comma 4 che attribuiscono al Collegio dei
         Docenti la competenza di stabilire la suddivisione dell'anno scolastico in due o tre periodi.
Vista L’ Ordinanza Ministeriale n° 134 del 2 maggio 2000 art.2. comma 1 la quale prevede che “I collegi dei docenti, cui compete di
         individuare, nel rispetto della normativa nazionale, le modalità e i criteri di valutazione degli alunni, deliberano, ai fini della
         scansione periodica della valutazione degli stessi, sulla suddivisione del periodo delle lezioni, considerando, in tale contesto, ove
         ritenuto coerente con l'azione educativa, anche la possibilità di seguire le ipotesi di scansione previste dall'art.74, comma 4, del
         d.lgs. n. 297 del 1994. La deliberazione deve essere sorretta da adeguata motivazione con speciale riguardo all'esigenza di
         assicurare la realizzazione di iniziative di recupero e sostegno, di continuità e di orientamento scolastico e professionale, in
         coordinamento con quelle eventualmente assunte dagli enti locali in materia di interventi integrati a norma dell'art.139, comma
         2, lett.b), del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112. Detta deliberazione dovrà prevedere, altresì, momenti periodici e
         ravvicinati di conoscenza della preparazione degli alunni, anche al fine di una migliore, complessiva organizzazione degli
         interventi volti a qualificare e diversificare l'offerta formativa, in particolare per colmare situazioni di carenze, nonchè adeguate
         forme e modalità di comunicazione periodica alle famiglie dei livelli di apprendimento degli alunni e delle date di svolgimento
         dei consigli delle singole classi.”



Primo Quadrimestre                                   dal 13/09/2010 al 29/01/2011                      N° giorni 101
Secondo Quadrimestre                                 dal 31/01/2011 al 11/06/2011                      N° giorni 106

                                 Ipotesi di suddivisione in tre periodi di uguale durata
Primo Trimestre                                dal 13/09/2010 al 04/12/2010          N° giorni 69
Secondo Trimestre                              dal 06/12/2010 al 19/03/2011          N° giorni 70
Terzo Trimestre                                dal 21/03/2014 al 11/06/2011          N° giorni 68
     4. ELEZIONI SCOLASTICHE
Vista la Circolare Ministeriale 5 agosto 2010, n. 73 avente ad oggetto Elezioni degli organi collegiali a livello di istituzione scolastica –
        anno scolastico 2010/2011;
Vista l’ordinanza ministeriale n. 215 del 15 luglio 1991, modificata ed integrata dalle successive OO.MM. n. 267 del 4 agosto 1995, n.
        293 del 24 giugno 1996 e n. 277 del 17 giugno 1998 che detta le procedure per lo svolgimento delle elezioni scolastiche, ed in
        particolare l’ Art. 21 - Elezione dei rappresentanti dei genitori nei consigli di classe, di interclasse e di intersezione e dei
        rappresentanti degli studenti nei consigli di classe e nei consigli di istituto: assemblee dei genitori e degli studenti in funzione
        elettorale
        1. Entro il 31 ottobre di ogni anno il direttore didattico o preside convoca per ciascuna classe - o per ciascuna sezione (scuole
        materne) - l'assemblea dei genitori e nelle scuole secondarie di secondo grado e artistiche, separatamente quella degli studenti.
        A tali assemblee debbono partecipare, possibilmente, tutti i docenti della classe, al fine di illustrare le problematiche connesse
        con la partecipazione alla gestione democratica della scuola ed informare sulle modalità di espressione del voto.
        2. L'assemblea, ascoltate e discusse le linee fondamentali della proposta di programma didattico-educativo del direttore
        didattico o preside, o di un docente a ciò delegato, che la presiede, procede, secondo le modalità indicate nel successivo art. 22,
        alla elezione dei rappresentanti di interclasse, di classe e di intersezione rispettivamente della componente genitori e, nelle
        scuole secondarie di secondo grado e artistiche di quella studentesca.
        3. In occasione delle assemblee per eleggere i rappresentanti degli studenti nel consiglio di classe, la componente studentesca
        elegge anche i propri rappresentanti nel consiglio di istituto delle scuole secondarie di secondo grado e artistiche. In tal caso si
        adotta il consueto sistema delle liste contrapposte di cui all'art. 20 del D.P.R. 31 maggio 1974, n. 416.Le liste predette sono
        presentate dal 20° al 15° giorno antecedente le votazioni.”

Elezioni rappresentanti studenti al Consiglio Martedì 26/10/2010
di Classe, Consiglio d’Istituto e Consulta    Prime due ore di lezione
Provinciale
Elezioni genitori rappresentanti di classe;   27/10/2009
                                              (ore 17:00 – 17:30 assemblea
                                               ore 17:30– 19:30 votazioni)

Elezioni RSU                                                     ????
     5. PIANO DELLE ATTIVITÀ COLLEGIALI
Visto il CCNL 2006/2009 Art 29 il quale recita: “Attività Funzionali all’insegnamento
         1. L’attività funzionale all’insegnamento è costituita da ogni impegno inerente alla funzione docente previsto dai diversi
         ordinamenti scolastici. Essa comprende tutte le attività, anche a carattere collegiale, di programmazione, progettazione, ricerca,
         valutazione, documentazione, aggiornamento e formazione, compresa la preparazione dei lavori degli organi collegiali, la
         partecipazione alle riunioni e l’attuazione delle delibere adottate dai predetti organi.
         2. Tra gli adempimenti individuali dovuti rientrano le attività relative:
                  a) alla preparazione delle lezioni e delle esercitazioni;
                  b) alla correzione degli elaborati;
                  c) ai rapporti individuali con le famiglie.
         3. Le attività di carattere collegiale riguardanti tutti i docenti sono costituite da:
         a) partecipazione alle riunioni del Collegio dei docenti, ivi compresa l'attività di programmazione e verifica di inizio e fine anno
         e l'informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini trimestrali, quadrimestrali e finali e sull'andamento delle attività
         educative nelle scuole materne e nelle istituzioni educative, fino a 40 ore annue;
         b) la partecipazione alle attività collegiali dei consigli di classe, di interclasse, di intersezione. Gli obblighi relativi a queste
         attività sono programmati secondo criteri stabiliti dal collegio dei docenti; nella predetta programmazione occorrerà tener
         conto degli oneri di servizio degli insegnanti con un numero di classi superiore a sei in modo da prevedere un impegno fino a 40
         ore annue;
         c) lo svolgimento degli scrutini e degli esami, compresa la compilazione degli atti relativi alla valutazione.
         4. Per assicurare un rapporto efficace con le famiglie e gli studenti, in relazione alle diverse modalità organizzative del servizio,
         il consiglio d’istituto sulla base delle proposte del collegio dei docenti definisce le modalità e i criteri per lo svolgimento dei
         rapporti con le famiglie e gli studenti, assicurando la concreta accessibilità al servizio, pur compatibilmente con le esigenze di
         funzionamento dell'istituto e prevedendo idonei strumenti di comunicazione tra istituto e famiglie.
         5. Per assicurare l'accoglienza e la vigilanza degli alunni, gli insegnanti sono tenuti a trovarsi in classe 5 minuti prima dell'inizio
         delle lezioni e ad assistere all'uscita degli alunni medesimi.”



            Collegio dei docenti:
Data                     Durata Argomenti principali
Lunedì
                         3h           Adempimenti di inizio anno scolastico
06/09/2010
Venerdì
                         3h           Elezione funzioni strumentali al P.O.F.
01/10/2010
Giovedì
                         3h           Approvazione P.O.F.
28/10/2010
Mercoledì
                         2h           Monitoraggio attività a metà anno scolastico
23/02/2011
Martedì
                         2h           Adozione libri di testo
17/05/2011
Venerdì
                         3h           Adempimenti di fine anno scolastico
17/06/2011
Totale              16 h
             Le date indicate potranno subire delle variazioni per impegni o scadenze non previste
alla data di approvazione del presente piano delle attività, pertanto sono da ritenersi indicative.
             Il collegio dei docenti sarà convocato per gli adempimenti previsti con preavviso non
inferiore a giorni 5. In caso di urgenza la convocazione può essere disposta anche con 3 giorni di
anticipo rispetto al giorno di svolgimento della riunione.
           Riunione di Dipartimento e per Materie:
DPR 99 Art 10 comma 2 a) DPR 87 e DPR 88 del 15 marzo 2010 Articolo 5 - Organizzazione dei percorsi - Comma 3 c) possono
      costituire, nell’esercizio della loro autonomia didattica, organizzativa e di ricerca, senza nuovi e maggiori oneri per la
      finanza pubblica, dipartimenti, quali articolazioni funzionali del collegio dei docenti, per il sostegno alla didattica e alla
      progettazione formativa;


Data                Durata Argomenti principali
Lunedì 27/09/2010 2 h      Programmazione:
                               Dipartimenti organizzati per assi culturali.
                               Programmazione classi prime nuovo ordinamento
                               Programmazione disciplinare a seguito della riduzione oraria.
Mesi di settembre e 2 h    Predisposizione materiali per P.O.F.
ottobre
Da definire         2h     Obbligo di istruzione Competenze Assi culturali
Da definire         2h     Incontri per analizzare i nuovi regolamenti, le Linee Guida per gli
                           istituti tecnici e gli istituti professionali e le Indicazioni nazionali per
                           i licei (come da Circolare Ministeriale Prot. AOODPPR n2537/U del
                           8 luglio 2010).
Martedì             2h     Proposte di adozione libri di testo
19/04/2011
Totale              10 h


           Altre riunioni collegiali
Data                        Durata Argomenti principali
Da definire                 2h     Collegio docenti di settore (avvio anno scolastico POF di sede
                                   associata)
Da definire                 2+2 h Articolazione del Collegio Docenti in gruppi di lavoro per
                                   predisposizione P.O.F. con riferimento ai nuovi regolamenti, alle
                                   Linee Guida per gli istituti tecnici e gli istituti professionali e alle
                                   Indicazioni nazionali per i licei. (Come da Circolare Ministeriale
                                   Prot. AOODPPR n2537/U del 8 luglio 2010)
Da definire                 2+2 h Articolazione del Collegio Docenti in gruppi di lavoro per proposte
                                   relative all’obbligo di istruzione Competenze Assi culturali
Da definire                 4h     Corsi di formazione obbligatori
Totale                      14 h
        Tabella riassuntiva attività collegiali
                               ccnl 2006-2009, articolo: 29 comma 3 a)
                     Collegio docenti Riunioni di dipartimento Altre attività di
                                                                    programmazione
                                                                    (articolazione del collegio
                                                                    docenti)
N° di incontri              6                        5                             7
durata                    2-3 h                     2h                             2
Totale                     16 h                    10 h                          14 h
    I docenti che prevedono di superare le 40h di attività collegiali faranno pervenire al DS una
proposta scritta di programmazione delle presenze entro il 15 ottobre 2010.

        Comitato di valutazione
Data              Durata Argomenti principali
Giovedì           2h     Valutazione candidature Funzioni Strumentali
23/09/2010
Lunedì 29/08/2011 2 h    Valutazioni docenti in anno di prova



        Consigli di classe
Data             Durata Argomenti principali
                 1,5 h
                        Programmazione accoglienza classi prime
                 1,5 h  8:30 presso ciascuna sede associata
Giovedì
09/09/2010                III e IV Erica – III e V Igea - Attività di accoglienza degli allievi
                 2h       provenienti dalla Francia - progetto Comenius
                          9:00 – 11:00 presso sede associata di Palmanova
Giovedì
                 1h       Viaggi di istruzione classi quinte
16/09/2010
Dal 7/10/2010
                 1,5 h    Consigli di classe - Programmazione
al 15/10/2010
Ottobre
                 1h       Predisposizione PEI (solo per le classi con allievi H)
Novembre
Dal 15/11/2010
                 1,5 h    Compilazione schede di metà primo quadrimestre.
al 23/11/2010
Dal 28/03/2011
                 1,5 h    Compilazione schede di metà secondo quadrimestre.
al 05/04/2011
               1h           Tutte le classi analisi didattico disciplinare
Dal 02/05/2011
               1,5 h        Solo classi terminali: Proposte di adozione libri di testo
al 12/05/2011
               2h           Solo classi quinte Stesura “documento del 15 maggio”.
                            Proposte ore di sostegno per anno successivo e predisposizione PDF
Aprile Maggio 1 h
                            (solo per le classi con allievi H)
Il calendario dettagliato sarà proposto al Dirigente Scolastico dal Gruppo di Presidenza non appena
l’organico dei docenti sarà al completo, tenendo conto delle esigenze dei docenti in comune con
altre scuole.
         Tabella riassuntiva Consiglio di Classe
                              ccnl 2006-2009, articolo: 29 comma 3 b)
                                        Durata Docenti con         Docenti con       Docenti con
                                                 3 ore per         2 ore per         un’ora per
                                                 classe (6 classi) classe (9 classi) classe (18
                                                                                     classi)
C.d.C. accoglienza – classi prime        1,5 h

C.d.C. visita di istruzione – classi           1h
quinte
C.d.C. programmazione                         1,5 h           9h                13,5 h                27 h
C.d.C. valutazione infrquadrimestrale         1,5 h           9h                13,5 h                27 h
primo quadrimestre
C.d.C. Predisposizione PEI (solo per           1h
le classi con allievi H)
C.d.C. valutazione infrquadrimestrale         1,5 h           9h                13,5 h                27 h
secondo quadrimestre
C.d.C. Andamento didattico Adozione 1,5 h                     9h                13,5 h                27 h
libri di testo
Documento quindici maggio                      2h
Proposte ore di sostegno per anno              1h
successivo e predisposizione PDF
(solo per le classi con allievi H)
Totale                                                       36 h                54 h                108 h
I docenti che operano in più di 6 classi e che prevedono di superare le 40 ore annue di consigli di
classe, si distribuiranno a rotazione nei vari consigli sulla base di un piano proposto al Dirigente
Scolastico e concordato con i coordinatori di sede che dovrà essere presentato entro il 15 ottobre 2010.



         Scrutini ed Esami
(ccnl 2006-2010, articolo: 29 comma 3 c)
Data             Durata Argomenti principali
Dal 07/09/2010            Scrutini esami Integrativi e di Idoneità relativi all’a.s. 2009/2010.
al 11/09/2010
Dal 01/02/2011 1,5 h      Scrutini primo quadrimestre
al 09/02/2011
Dal 23/05/2011            Esami preliminari e scrutini per eventuali candidati esterni all’esame di
al 27/05/2011             maturità
03/06/2011       1,5 h    Scrutini di ammissione classi terze Istituti Professionali.
07/06/2011                Esame di qualifica classi terze Istituti Professionali – 1a prova
08/06/2011                Esame di qualifica classi terze Istituti Professionali – 2a prova
10/06/2011                Visione prove integrate – eventuali colloqui – Scrutini esame di qualifica
                          per le classi terze Istituti Professionali
Dal 10/06/2011 1,5 h      Scrutini finali
al 16/06/2011
Dal 29/08/2011            Verifica per allievi sospesi dal giudizio
al 30/08/2011
Dal 30/08/2011 30 min Scrutini differiti (a partire dal pomeriggio del 30/8/2011)
al 31/08/2011
05/09/2011                  Eventuale verifica suppletiva per allievi assenti alla verifica ordinaria
06/09/2011                  Scrutini differiti per gli allievi che hanno partecipato alla verifica
                            suppletiva
Dal 06/09/2011              Colloqui per cambio indirizzo, esami Integrativi, esami di Idoneità e
al 10/09/2011               relativi scrutini (a.s. 2010/2011).
Il calendario dettagliato sarà proposto al Dirigente Scolastico dal Gruppo di Presidenza non appena
l’organico dei docenti sarà al completo, tenendo conto delle esigenze dei docenti in comune con
altre scuole.

I risultati degli scrutini per le cassi quinte saranno pubblicati entro le ore 12:00 di martedì
14/06/2011.
Per tutte le altre classi e per i soli ammessi alla classe successiva, l’esito degli scrutini sarà
pubblicato entro le ore 12:00 del 18/06/2011 mediante tabellone esposto all’ingresso dei singoli
istituti associati.
Le famiglie degli allievi non ammessi alla classe successiva saranno informati telefonicamente dal
Delegato a Presiedere i Consigli di Classe che redigerà il fonogramma, verrà inoltre inviata
comunicazione scritta con l’esito dello scrutinio tramite posta prioritaria, entro ventiquattro ore
dalla conclusione dello scrutinio stesso.



          Consiglio d’Istituto
Data              Argomenti principali
                   Indizione elezioni scolastiche
                   Definizione delle attività aggiuntive da retribuire con il Fondo
                     dell’Istituzione
Settembre          Definizione di criteri generali per la programmazione educativa
                   Definizione delle modalità e dei criteri per lo svolgimento dei rapporti con
                     le famiglie e gli studenti
                   Riduzione dell’ora di lezione per cause di forza maggiore
                   Adozione POF
Ottobre
                   Definizione delle giornate di chiusura prefestiva dell’Istituto
Dicembre           Adozione programma annuale
Aprile             Approvazione Conto Consuntivo
                   Adesione dell’Istituto al Comodato dei libri di testo.
Maggio             Adattamento del calendario scolastico in relazione alle esigenze
                      derivanti dal piano dell’offerta formativa.
                   Indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di
                      gestione e di amministrazione per l’anno scolastico successivo;
Giugno
                   Verifica dello stato di attuazione del programma annuale 2010 (ai
                      sensi dell’art.6 del D.M. 44 1° febbraio 2001).


          Giunta Esecutiva
Si riunisce prima di ogni Consiglio d'Istituto

Attività specifiche della giunta esecutiva
Ottobre           Presentazione del programma annuale
Febbraio          Organico ATA
            Comitato Tecnico scientifico
DPR 99 Art 10 comma 2 d) DPR 87 e DPR 88 del 15 marzo 2010 Articolo 5 - Organizzazione dei percorsi - Comma 3. Ai fini di cui al
      comma 1, gli istituti tecnici: … d) possono dotarsi, nell’esercizio della loro autonomia didattica e organizzativa, un comitato
      tecnico-scientifico, senza nuovi e maggiori oneri per la finanza pubblica, composto da docenti e da esperti del mondo
      del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica, con funzioni consultive e di proposta per l’organizzazione
      delle aree di indirizzo e l’utilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità; ai componenti del comitato non spettano
      compensi ad alcun titolo;

L’ISIS Malignani ha proposto sul territorio la costituzione di un Comitato tecnico-scientifico, così
composto:
Rappresentanti della scuola:
   - Dirigente scolastico
   - Coordinatori di sede
   - Coordinatori di Dipartimento
   - Funzione strumentale Formazione integrata
Rappresentanti del territorio, EE.LL. e mondo del lavoro:
   - Sindaci dei Comuni di Cervignano, Palmanova, San Giorgio e Torviscosa
   - Presidente ZIAC
   - Presidente del Comitato imprese insediate in ZIAC
   - Rappresentante Confindustria Udine
   - Rappresentante settore Formazione della CCIA di Udine
   - Rappresentante del mondo universitario


            RSU
Visto il CCNL 06/09 ART.6 - Relazioni a livello di istituzione scolastica - il quale stabilisce che le modalità previste per le relazioni
         sindacali, a livello di istituzione scolastica in coerenza con l’autonomia della stessa e nel rispetto delle competenze del dirigente
         scolastico e degli organi collegiali;

Entro il 15 Settembre                            Comunicazione successiva riferita all’a.s. 2009/2010
                                                 Comunicazione preventiva riferita all’a.s. 2010/2011
                                                 Inizio delle trattative per il Contratto integrativo d’istituto
Entro il 30 Settembre                            Prima proposta da parte del Dirigente Scolastico del Contratto
                                                 integrativo d’istituto
Entra il 30 novembre                             Sottoscrizione del contratto integrativo d’istituto.
In corso d’anno                                  Comunicazioni preventive e successive secondo le esigenze
                                                 dettate dalle scadenze previste.
     6. ATTIVITÀ DIDATTICHE CURRICOLARI

             Orario delle lezioni
Visto il CCNL 2006/09 Art 28 Attività di insegnamento
         1. Le istituzioni scolastiche adottano ogni modalità organizzativa che sia espressione di autonomia progettuale e sia coerente
         con gli obiettivi generali e specifici di ciascun tipo e indirizzo di studio, curando la promozione e il sostegno dei processi
         innovativi e il miglioramento dell’offerta formativa.
         2. Nel rispetto della libertà d’insegnamento, i competenti organi delle istituzioni scolastiche regolano lo svolgimento delle
         attività didattiche nel modo più adeguato al tipo di studi e ai ritmi di apprendimento degli alunni. A tal fine possono adottare le
         forme di flessibilità previste dal Regolamento sulla autonomia didattica ed organizzativa delle istituzioni scolastiche di cui
         all’articolo 21 della legge n. 59 del 15 marzo 1997 – e, in particolare, dell’articolo 4 dello stesso Regolamento-, tenendo conto
         della disciplina contrattuale.
         3. Gli obblighi di lavoro del personale docente sono correlati e funzionali alle esigenze come indicato al comma 2.
         4. Gli obblighi di lavoro del personale docente sono articolati in attività di insegnamento ed in attività funzionali alla prestazione
         di insegnamento.
         Prima dell’inizio delle lezioni, il dirigente scolastico predispone, sulla base delle eventuali proposte degli organi collegiali, il
         piano annuale delle attività e i conseguenti impegni del personale docente, che sono conferiti in forma scritta e che possono
         prevedere attività aggiuntive. Il piano, comprensivo degli impegni di lavoro, è deliberato dal collegio dei docenti nel quadro
         della programmazione dell’azione didattico-educativa e con la stessa procedura è modificato, nel corso dell’anno scolastico,
         per far fronte a nuove esigenze. Di tale piano è data informazione alle OO.SS. di cui all’art. 7
         5. Nell’ambito del calendario scolastico delle lezioni definito a livello regionale, l'attività di insegnamento si svolge in … in 18
         ore settimanali nelle scuole e istituti d'istruzione secondaria ed artistica, distribuite in non meno di cinque giornate settimanali.
         …
         6. Negli istituti e scuole di istruzione secondaria, ivi compresi i licei artistici e gli istituti d'arte, i docenti, il cui orario di cattedra
         sia inferiore alle 18 ore settimanali, sono tenuti al completamento dell'orario di insegnamento da realizzarsi mediante la
         copertura di ore di insegnamento disponibili in classi collaterali non utilizzate per la costituzione di cattedre orario, in interventi
         didattici ed educativi integrativi, con particolare riguardo, per la scuola dell'obbligo, alle finalità indicate al comma 2, nonché
         mediante l'utilizzazione in eventuali supplenze e, in mancanza, rimanendo a disposizione anche per attività parascolastiche ed
         interscolastiche.
         7. Al di fuori dei casi previsti dal comma successivo, qualunque riduzione della durata dell'unità oraria di lezione ne comporta il
         recupero nell’ambito delle attività didattiche programmate dall’istituzione scolastica. La relativa delibera è assunta dal collegio
         dei docenti.
         8. Per quanto attiene la riduzione dell'ora di lezione per cause di forza maggiore determinate da motivi estranei alla didattica, la
         materia resta regolata dalle circolari ministeriali n. 243 del 22.9.1979 e n.192 del 3.7.1980 nonché dalle ulteriori circolari in
         materia che le hanno confermate. La relativa delibera è assunta dal consiglio di circolo o d’istituto.
         9. L'orario di insegnamento, anche con riferimento al completamento dell'orario d'obbligo, può essere articolato, sulla base
         della pianificazione annuale delle attività e nelle forme previste dai vigenti ordinamenti, in maniera flessibile e su base
         plurisettimanale, in misura, di norma, non eccedente le quattro ore.
         10. Per il personale insegnante che opera per la vigilanza e l'assistenza degli alunni durante il servizio di mensa o durante il
         periodo della ricreazione il tempo impiegato nelle predette attività rientra a tutti gli effetti nell'orario di attività didattica.
Visto il DPR 275 del 8 marzo 1999 Art 5 comma 3. “L'orario complessivo del curricolo e quello destinato alle singole discipline e
         attività sono organizzati in modo flessibile, anche sulla base di una programmazione plurisettimanale, fermi restando
         l'articolazione delle lezioni in non meno di cinque giorni settimanali e il rispetto del monte ore annuale, pluriennale o di ciclo
         previsto per le singole discipline e attività obbligatorie.”
Visto il DLgs 165/2001 Art 4 comma 2. “Ai dirigenti spetta l'adozione degli atti e provvedimenti amministrativi, compresi tutti gli atti
         che impegnano l'amministrazione verso l'esterno, nonché la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa mediante autonomi
         poteri di spesa di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo. Essi sono responsabili in via esclusiva
         dell'attività amministrativa, della gestione e dei relativi risultati”. Comma 3. Le attribuzioni dei dirigenti indicate dal comma 2
         possono essere derogate soltanto espressamente e ad opera di specifiche disposizioni legislative.
Visto il DLgs 165/2001 Art. 5. Potere di Organizzazione. 1. Le amministrazioni pubbliche assumono ogni determinazione organizzativa
         al fine di assicurare l'attuazione dei princìpi di cui all'articolo 2, comma 1, e la rispondenza al pubblico interesse dell'azione
         amministrativa. 2. Nell'ambito delle leggi e degli atti organizzativi di cui all'articolo 2, comma 1, le determinazioni per
         l'organizzazione degli uffici e le misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro sono assunte in via esclusiva dagli organi
         preposti alla gestione con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, fatta salva la sola informazione ai sindacati, ove
         prevista nei contratti di cui all'articolo 9. Rientrano, in particolare, nell'esercizio dei poteri dirigenziali le misure inerenti la
         gestione delle risorse umane nel rispetto del principio di pari opportunità, nonché la direzione, l'organizzazione del lavoro
         nell'ambito degli uffici.
Preso atto della comunicazione della Provincia di Udine Servizio Trasporti prot n° 2010/88467 del 13/07/2010 con la quale vengono
       respinte le proposte di modifica dell’orario dei servizi di trasporto pubblico scolastico per le sedi di Cervignano del Friuli e
       accolte le richieste di posticipare l’orario di uscita per le sedi di Palmanova e san Giorgio di Nogaro.
Preso atto della comunicazione dell’Azienda Provinciale Trasporti di Gorizia APT s.p.a. prot n° 1541-u/2010 del 9/7/2010 con la quale
       vengono respinte le proposte di modifica dell’orario dei servizi di trasporto pubblico scolastico e viene confermato l’orario in
       vigore negli anni precedenti.

                    Liceo “A. Einstein” Cervignano del Friuli

Visto il DPR 89 del 15 marzo 2010 Art. 8 comma 3. “L’orario annuale delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti
         è di 891 ore nel primo biennio, corrispondenti a 27 ore medie settimanali, e di 990 ore nel secondo biennio e nel quinto anno,
         corrispondenti a 30 ore medie settimanali.”
Vista la delibera del Collegio di settore del Liceo Scientifico “A. Einstein” del 18 marzo 2010.

               Entrata       I ora         II ora         III ora       Ricreaz.        IV ora          V ora        VI ora
 Lunedì         8:20        8:25 –         9:20 –        10:15 –        11:10 –         11:20 –        12:15 –
                             9:20          10:15          11:10          11:20           12:15          13:10
 Martedì        8:20        8:25 –         9:20 –        10:15 –        11:10 –         11:20 –        12:15 –      13:10 –
                             9:20          10:15          11:10          11:20           12:15          13:10        14:00
Mercoledì       8:20        8:25 –         9:20 –        10:15 –        11:10 –         11:20 –        12:15 –
                             9:20          10:15          11:10          11:20           12:15          13:10
 Giovedì        8:20        8:25 –         9:20 –        10:15 –        11:10 –         11:20 –        12:15 –       13:30 -     14:25 –
                             9:20          10:15          11:10          11:20           12:15          13:10         14:25       15:20
 Venerdì        8:20        8:25 –         9:20 –        10:15 –        11:10 –         11:20 –        12:15 –
                             9:20          10:15          11:10          11:20           12:15          13:10
 Sabato         8:20        8:25 –         9:20 –        10:15 –        11:10 –         11:20 –        12:15 –
                             9:20          10:15          11:10          11:20           12:15          13:10

Per la classe prima:
3 giorni a settimana dalle 8:25 – 12:15 (230 min al giorno x 3 giorni = 690 min)
3 giorni a settimana dalle 8:25 – 13:10 (285 min al giorno x 3 giorni =855 min)
690 + 855 = 1545 minuti a settimana
206 giorni anno corrispondono 206:6=34.3 settimane
1545 * 34,3 = 53.045 minuti anno
53.045 minuti corrispondono a 884 ore mentre sono dovute 891. Gli allievi hanno diritto ad ulteriori
7 ore anno. I docenti con cattedra da 18 ore settimanali devono recuperare 5 ore in un anno
scolastico.

Per le classi che hanno un monte ore settimanale di 28 ore
2 giorni a settimana dalle 8:25 – 12:15 (230 min al giorno x 2 giorni = 460 min)
4 giorni a settimana dalle 8:25 – 13:10 (285 min al giorno x 4 giorni =1140 min)
460 + 1140 = 1600 minuti a settimana
206 giorni anno corrispondono 206:6=34.3 settimane
1600 * 34,3 = 54.880 minuti anno
54.880 minuti corrispondono a 915 ore mentre sono dovute 33*28=924. Gli allievi hanno diritto ad
ulteriori 9 ore anno.

Per le classi che hanno un monte ore settimanale di 29 ore
1 giorni a settimana dalle 8:25 – 12:15 (230 min al giorno x 1 giorni = 230 min)
5 giorni a settimana dalle 8:25 – 13:10 (285 min al giorno x 5 giorni =1425 min)
230 + 1425 = 1655 minuti a settimana
206 giorni anno corrispondono 206:6=34.3 settimane
1655 * 34,3 = 56.766 minuti anno
56.766 minuti corrispondono a 946 ore mentre sono dovute 33*29=957. Gli allievi hanno diritto ad
ulteriori 11 ore anno.
Le ore di recupero saranno collocate alla quinta ora nei periodi in cui si ritiene più efficace
un’azione di sostegno o recupero.
Si ritiene opportuno recuperare ulteriori 6 ore per adottare la “lectio brevis” nelle vigilie delle
vacanze di Natale, di Pasqua e ultimo giorno dell’anno scolastico.

Per i docenti
18 ore corrispondono 1080 minuti
1080 : 55 = 19,6 moduli settimanali
Ogni docente si renderà disponibile al recupero di un’ora settimanale e di due sorveglianze a
ricreazione settimanali.


                   Istituti Tecnici

Visto il DPR 88 del 15 marzo 2010 Art. 1 Comma 4. “A partire dall’anno scolastico 2010/2011 le classi seconde, terze e quarte
         proseguono secondo i piani di studio previgenti sino alla conclusione del quinquennio con un orario complessivo
         annuale delle lezioni di 1056 ore, corrispondente a 32 ore settimanali.”
Visto il DPR 88 del 15 marzo 2010 Art. 5 Comma 1. Lettera b) “L’orario complessivo annuale è determinato in 1.056 ore,
         corrispondente a 32 ore settimanali di lezione, comprensive della quota riservata alle regioni e dell’insegnamento della
         religione cattolica;”
Vista la delibera del Collegio di settore del ITI e IPSIA di Cervignano e san Giorgio di Nogaro “A. Malignani” del 16 marzo 2010 e
         dell’ITC e IPSSCT di Palmanova del 17 marzo 2010;

               Entrata      I ora       II ora         III ora      Ricreaz.       IV ora         V ora       VI ora
Da lunedì       8:20       8:25 –       9:15 –        10:05 –       10:55 –        11:10 –       12:00 –      12:50 –
a sabato                    9:15        10:05          10:55         11:10          12:00         12:50        13:40

Per le classi prime, seconde, terze e quarte l’orario sarà organizzato in 36 moduli settimanali da 50
min.
Dalle 8:25 alle 13:40 corrispondono a 315 minuti al giorno.
315 min al giorno x 206 giorni = 64.890 min a settimana
64.890 minuti corrispondono a 1081 ore che sono superiori alle 1056 ore previste dal DPR88/2010.

La suddivisone oraria prevista dal DPR 88/2010 è di 32 ore settimanali medie, negli Istituti tecnici
dell’ISIS l’orario è organizzato in 36 moduli settimanali. I 4 moduli settimanali in più saranno
compensati mediante recuperi orari organizzati trimestralmente come specificato nel documento in
allegato 1.

Le classi quinte mantengono l’orario di 36 ore settimanali come da ordinamento previgente.

Per i docenti:
18 ore corrispondono 1080 minuti
1080 : 50 = 21,6 moduli settimanali
Ogni docente si renderà disponibile al recupero di tre ore settimanali e di due sorveglianze a
ricreazione settimanali.
                    Liceo Scientifico Tecnologico

Il Liceo Scientifico Tecnologico essendo un corso sperimentale non è stato modificato dalla riforma
scolastica, pertanto continua ad avere un orario di 34 ore settimanali.

                Entrata       I ora        II ora          III ora        Ricreaz.       IV ora          V ora       VI ora
Da lunedì        8:20        8:25 –        9:15 –         10:05 –         10:55 –        11:10 –        12:00 –      12:50 –
a sabato                      9:15         10:05           10:55           11:10          12:00          12:50        13:40

Il quadro orario del corso prevede 34 ore settimanali, essendo il corso ospitato nella sede dell’ITI la
scansione oraria sarà organizzata in 36 moduli settimanali. I 2 moduli settimanali in più saranno
compensati mediante recuperi orari organizzati trimestralmente come specificato nel documento in
allegato 1.

Per i docenti:
18 ore corrispondono 1080 minuti
1080 : 50 = 21,6 moduli settimanali
Ogni docente si renderà disponibile al recupero di tre ore settimanali e di due sorveglianze a
ricreazione settimanali.


                    Istituti Professionali

Visto il DPR 87 del 15 marzo 2010 Art. 1 Comma 3. Le classi seconde e terze degli istituti professionali continuano a funzionare, per
         l’anno scolastico 2010/2011, sulla base dei piani di studio previgenti con l’orario complessivo annuale delle lezioni di 1122 ore,
         corrispondente a 34 ore settimanali; per le classi terze funzionanti nell’anno scolastico 2011/2012 l’orario complessivo
         annuale delle lezioni è determinato in 1056 ore, corrispondente a 32 ore settimanali.
Visto il DPR 87 del 15 marzo 2010 Art. 5 Comma 1. Lettera b) “L’orario complessivo annuale è determinato in 1.056 ore,
         corrispondente a 32 ore settimanali di lezione, comprensive della quota riservata alle regioni e dell’insegnamento della
         religione cattolica secondo quanto previsto all’articolo 3, comma 1, del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226;”
Visto il DPR 87 del 15 marzo 2010 Art. 8 Comma 3. “L’area di professionalizzazione di cui all’articolo 4 del decreto del Ministro
         della pubblica istruzione 15 aprile 1994 è sostituita, nelle quarte e quinte classi, funzionanti a partire dall’anno scolastico
         2010/2011 e sino alla messa a regime dell’ordinamento di cui al presente regolamento, con 132 ore di attività in alternanza
         scuola lavoro a valere sulle risorse di cui all’articolo 9, comma 1, del decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77.”
Vista la delibera del Collegio di settore del ITI e IPSIA di Cervignano e san Giorgio di Nogaro “A. Malignani” del 16 marzo 2010 e
         dell’ITC e IPSSCT di Palmanova del 17 marzo 2010;

               Entrata      I ora      II ora       III ora    Ricreaz.       IV ora      V ora      VI ora     Pausa       VI       VII
                                                                                                                            ora      ora
  Lunedì         8:20       8:25        9:15        10:05        10:55        11:10       12:00       12:50
                            9:15       10:05        10:55        11:10        12:00       12:50       13:40
 Martedì         8:20       8:25        9:15        10:05        10:55        11:10       12:00       12:50
                            9:15       10:05        10:55        11:10        12:00       12:50       13:40
Mercoledì        8:20       8:25        9:15        10:05        10:55        11:10       12:00       12:50     13:40     14:30     15:20
                            9:15       10:05        10:55        11:10        12:00       12:50       13:40     14:30     15:20     16:10
 Giovedì         8:20       8:25        9:15        10:05        10:55        11:10       12:00       12:50
                            9:15       10:05        10:55        11:10        12:00       12:50       13:40
 Venerdì         8:20       8:25        9:15        10:05        10:55        11:10       12:00       12:50
                            9:15       10:05        10:55        11:10        12:00       12:50       13:40
  Sabato         8:20       8:25        9:15        10:05        10:55        11:10       12:00       12:50
                            9:15       10:05        10:55        11:10        12:00       12:50       13:40

Per le classi prime verranno svolti 36 moduli settimanali da 50 min.
6 giorni a settimana dalle 8:25 – 13:40 corrispondono a 315 minuti al giorno (ricreazione
compresa).
315 * 206 = 64.890 minuti anno
64.890 minuti corrispondono a 1081 ore, mentre sono dovute 1056.
La suddivisone oraria prevista dal DPR 87/2010 è di 32 ore settimanali medie, negli Istituti
professionali dell’ISIS l’orario è organizzato in 36 moduli settimanali. I 4 moduli settimanali in più
saranno compensati mediante recuperi orari organizzati trimestralmente come specificato nel
documento in allegato 1.

Le classi seconde:
In orario mattutino vengono svolte 1081 ore (vedi calcolo fatto per le prime), il DPR 87/2010 ne
impone 1122, pertanto si dovranno svolgere 41 ore in orario pomeridiano.
Per due trimestri (o nei periodi in cui è opportuno svolgere attività di sostegno o recupero) verrà
svolto un rientro settimanale di due ore.
L’ordinamento prevede 34 ore settimanali, con la scansione oraria di 36 moduli da 50 minuti più
due ore pomeridiane di rientro. I 6 moduli settimanali in più saranno compensati mediante recuperi
orari organizzati trimestralmente come specificato nel documento in allegato 1.

Le classi terze:
In orario mattutino vengono svolte 1081 ore, il DPR 87/2010 ne impone 1122, pertanto si dovranno
svolgere 41 ore in orario pomeridiano.
Le classi terze faranno 3 settimane di stage in azienda ricoprendo un orario settimanale di 36 ore
che corrispondono a 2 ore settimanali oltre l’orario scolastico (6 ore in più durante il periodo dello
stage). Le ore rimanenti saranno ricoperte con un rientro di due moduli da programmare fino a
completamento delle ore mancanti.
Per la compensazione vale quanto detto per le classi seconde.

Classi quarte:
30 ore a settimana corrispondono a 990 ore anno + 132 ore di alterna scuola lavoro corrispondono a
1122 ore come avviene per le classi seconde e terze. Si utilizzerà la stessa scansione oraria prevista
per le altre classi in 36 moduli settimanali da 50 minuti al mattino e un rientro settimanale da due
moduli.
Per l’IPSIA le 132 ore di attività in alternanza scuola lavoro vengono cosi svolte 30 - 40 ore
progetto sicurezza con INAIL più 3 settimane di stage.
Per l’IPSSCT le 132 ore di attività in alternanza scuola lavoro verranno per lo più svolte in azienda
ed una parte verrà svolta con interventi specifici in aula riferiti al settore lavorativo interessato.
Le ore di lezione non svolte durante il periodo di stage dovranno essere recuperate negli altri periodi
e concorrono a formare il monte ore di compensazione per passare dalle 30 ore di ordinamento ai 38
moduli settimanali da 50 minuti.

Le classi quinte
Continuano il progetto della così detta terz’area ora “alternanza suola lavoro” iniziato lo scorso
anno.
Per l’IPSIA l’orario verrà organizzato in 36 moduli da 50 minuti all’interno dei quali troverà
collocazione anche l’attività di terz’area. Due delle 36 ore saranno collocate al pomeriggio per
esigenze legate alla programmazione già effettuata l’anno scorso.
Per l’IPSSCT le 30 ore di lezione (area professionalizzante esclusa) saranno collocate su 5 giorni
settimanali, il sesto giorno della settimana sarà dedicato all’attività programmata per la terz’area.
Nelle giornate in cui l’attività di terz’area non viene svolta (prime e ultime settimane dell’anno
scolastico) si provvederà a svolgere lezioni utilizzando le ore a disposizione dei docenti.

Per i docenti:
18 ore corrispondono 1080 minuti
1080 : 50 = 21,6 moduli settimanali
Ogni docente si renderà disponibile alla compensazione di tre ore settimanali e di due sorveglianze
a ricreazione settimanali.
Gli orari degli Istituti Tecnici e degli Istituti Professionali cambieranno ogni trimestre come
specificato in tabella:
Primo Trimestre                          dal 13/09/2010 al 04/12/2010        N° giorni 69
Secondo Trimestre                        dal 06/12/2010 al 19/03/2011        N° giorni 70
Terzo Trimestre                          dal 21/03/2014 al 11/06/2011        N° giorni 68


            Vigilanza degli alunni
Visto il CCNL 2006/2009 Art 29 - Attività Funzionali all’insegnamento - Comma 5. Per assicurare l'accoglienza e la vigilanza degli
         alunni, gli insegnanti sono tenuti a trovarsi in classe 5 minuti prima dell'inizio delle lezioni e ad assistere all'uscita degli alunni
         medesimi.”

Visto il CCNL 2006/09 Art 28 - Attività di insegnamento - Comma 10. Per il personale insegnante che opera per la vigilanza e
         l'assistenza degli alunni durante il servizio di mensa o durante il periodo della ricreazione il tempo impiegato nelle predette
         attività rientra a tutti gli effetti nell'orario di attività didattica.

La vigilanza durante l'intervallo è affidata ai docenti individuati dal Dirigente Scolastico fra i docenti in
servizio nelle ore che precedono o seguono l’intervallo stesso e con il criterio della rotazione.
In ciascuna sede saranno individuate le zone da affidare a ciascun docente incaricato della sorveglianza.


            Attività di sostegno e recupero
DPR n° 275 del 8 marzo 1999 Art 4 comma 4. “Nell'esercizio dell'autonomia didattica le istituzioni scolastiche assicurano comunque la
         realizzazione di iniziative di recupero e sostegno, di continuità e di orientamento scolastico e professionale, …”
Richiamati i Criteri per lo svolgimento dei corsi di recupero e sostegno approvati dal Consiglio d'Istituto con Delibera n°14 a.s.2007/08
Richiamati i Criteri per la programmazione delle attività di recupero dopo gli scrutini di giugno Approvati dal Collegio dei Docenti
         nella seduta del 27 aprile 2010
Vista l’OM 92 del 5.11.2007 che all’Art 2 recita: 1. Le attività di recupero costituiscono parte ordinaria e permanente del piano
         dell’offerta formativa che ogni istituzione scolastica predispone annualmente.
         2. Esse sono programmate ed attuate dai consigli di classe sulla base di criteri didattico-metodologici definiti dal collegio
         docenti e delle indicazioni organizzative approvate dal consiglio di istituto.
         3. Nelle attività di recupero rientrano gli interventi di sostegno che hanno lo scopo fondamentale di prevenire l’insuccesso
         scolastico e si realizzano, pertanto, in ogni periodo dell’anno scolastico, a cominciare dalle fasi iniziali. Esse sono
         tendenzialmente finalizzate alla progressiva riduzione di quelle di recupero dei debiti e si concentrano sulle discipline o sulle
         aree disciplinari per le quali si registri nella scuola un più elevato numero di valutazioni insufficienti.
         4. Le scuole promuovono e favoriscono la partecipazione attiva degli studenti alle iniziative di sostegno programmate, dandone
         altresì periodicamente notizia alle famiglie.
         5. Le attività di recupero, realizzate per gli studenti che riportano voti di insufficienza negli scrutini intermedi e per coloro per i
         quali i consigli di classe deliberino di sospendere il giudizio di ammissione alla classe successiva negli scrutini finali, sono
         finalizzate al tempestivo recupero delle carenze rilevate per tali studenti negli scrutini suddetti.
         6. Le istituzioni scolastiche hanno l’obbligo di attivare gli interventi di recupero e, nell’ambito della propria autonomia,
         individuano le discipline e/o le aree disciplinari che necessitano degli interventi. Esse determinano altresì le modalità di
         organizzazione e realizzazione precisandone tempi, durata, modelli didatticometodologici, forme di verifica dei risultati
         conseguiti dagli studenti, criteri di valutazione, nonché modalità di comunicazione alle famiglie. In particolare, nella
         determinazione del numero degli interventi e della consistenza oraria da assegnare a ciascuno di essi, si avrà cura di
         commisurarne la definizione in modo coerente rispetto al numero degli studenti ed alla diversa natura dei relativi fabbisogni,
         nonché all’articolazione dei moduli prescelti ed alla disponibilità delle risorse.
Visto il DM 80 del 2 ottobre 2007; Art. 1 “Le attività di sostegno e di recupero, come previsto dal D.M. n. 42 del 22 maggio 2007,
         costituiscono parte ordinaria e permanente del piano dell’offerta formativa. Le istituzioni scolastiche sono tenute comunque a
         organizzare, subito dopo gli scrutini intermedi, interventi didattico-educativi di recupero per gli studenti che in quella sede
         abbiano presentato insufficienze in una o più discipline, al fine di un tempestivo recupero delle carenze rilevate.
Visto il DM 42 del 22 maggio 2007 che detta norme relative al recupero dei debiti scolastici;

Corsi di sostegno                                                     Nel corso di tutto l’anno scolastico - tutte le
                                                                      tipologie previste
Recupero delle carenze emerse alla fine del                     Dal 14/02/2011 al 19/02/2011 al mattino in tutte le
primo quadrimestre                                              discipline in orario
                                                                Dal 01/02/2011 al 25/02/211 Tutte le tipologie
                                                                previste
Valutazione del recupero del primo                              Entro il 26/02/2011
quadrimestre
Recupero per allievi con giudizio sospeso nello Corsi di recupero dal 20/06/2011 al 09/07/2011, +
scrutinio di giugno                             Studio Autonomo
Verifica del recupero per allievi con giudizio  29 e 30 Agosto 2011
sospeso nello scrutinio di giugno.


            Attività di Stage per Istituti Professionali
In caso di suddivisione in quadrimestri
Stage classi terze Istituti Professionali                                      Dal 17/01/2011 al 5/02/2011
Stage classi quarte Istituti Professionali                                     9/02/2011 –5/03/2011 IPSSCT
                                                                               7/2/2011 – 25/02/2011 IPSIA
Stage classi quinte Istituti Professionali                                     Dal 15/11/2010 al 11/12/2010


            Visite di istruzione
Visto il regolamento Visite e viaggi di istruzione approvato dal Collegio dei Docenti nella seduta del 19 maggio 2009 e adottato dal
        Consiglio d'Istituto nella seduta del 29 maggio 2009

Visite di Istruzione classi quinte (la collocazione potrà                      19 – 23 ottobre 2010
subire variazioni legate alle esigenze organizzative)
Visite di istruzione classi III e IV (la collocazione potrà                    06 – 09 aprile 2011
subire variazioni legate alle esigenze organizzative)


            Attività di accoglienza
Visto la delibera del Collegio dei Docenti del 18/06/2010

            L’attività di accoglienza per le classi prime si svolgerà in modo intensivo durante i
primi tre giorni dell’anno scolastico, continuerà nei giorni seguenti secondo quando programmato
dai Consigli di classe in collaborazione con i coordinatori di sede.
            Le attività comuni per tutte le sedi associate sono:
 Test di ingresso per competenze
 Test di ingresso sulle Abilità e MOtivazione allo Studio (strategie di studio, stili cognitivi,
    convinzioni motivazionali)
 Regolamenti
           a) Incontro con il Dirigente Scolastico e del Coordinatore di Sede - Consegna del
               libretto personale
           b) Presentazione regolamenti: libretto personale permessi giustificazioni ….
           c) Assemblea di classe guidata dall’insegnante con elezione provvisoria ed informale
               dei rappresentanti di classe
           d) Presentazione del regolamento di Istituto
 Sicurezza (Intervento del responsabile del servizio di protezione e prevenzione)
 Educazione ambientale: raccolta differenziata, risparmio energetico, comportamenti corretti
            Attività per inserimento e allievi stranieri
          Accoglienza
PROTOCOLLO D’ACCOGLIENZA: linee guida per l’accoglienza
QUESTIONARIO D’INGRESSO: all’iscrizione
TEST LINGUISTICO D’INGRESSO: Valutazione livello L2

                Mediazione Linguistica e Culturale
Interventi in orario scolastico con gli allievi
Mediazione linguistica per contatti con la famiglia.
Collaborazione con il C.E.S.I.

                Italiano L2
Corsi di Italiano L2 in orario pomeridiano.
I Quadrimestre: alfabetizzazione;
II Quadrimestre: italiano per lo studio
Verrà prodotto un foglio informativo per il c.d.c.


               Conseguimento della licenza di terza media
In collaborazione CTP Udine


            Competenze e assi culturali
DPR 88 (e DPR 87) del 15 marzo 2010 Articolo 5 - Organizzazione dei percorsi - 1. I percorsi degli istituti tecnici sono riordinati
      secondo i seguenti criteri: a) i risultati di apprendimento dei percorsi sono determinati in base a quanto previsto all’articolo 3,
      comma 1, e all’articolo 4, comma 1, in relazione agli insegnamenti di cui agli allegati B) e C) del presente regolamento. La
      declinazione dei risultati di apprendimento in competenze, abilità e conoscenze è effettuata dalle istituzioni scolastiche,
      nella loro autonomia, sulla base delle linee guida di cui all’articolo 8, comma 3, anche in relazione alla
      Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio 23 aprile 2008 sulla costituzione del Quadro europeo delle
      qualifiche per l’apprendimento permanente (EQF), anche ai fini della mobilità delle persone sul territorio dell’Unione
      europea;
DPR 88 del 15 marzo 2010 Articolo 10 (Orario annuale e attività educative e didattiche) Comma 1. I percorsi dei licei sono riordinati
      secondo i seguenti criteri: a. i risultati di apprendimento sono declinati in conoscenze, abilità e competenze in relazione
      alla raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio 23 aprile 2008 sulla costituzione del quadro europeo delle
      qualifiche per l’apprendimento permanente (EQF), anche ai fini della mobilità delle persone sul territorio dell’Unione
      europea; …

Si costituirà un gruppo, rappresentativo dei diversi assi culturali e delle diverse sedi, che avrà i seguenti
      obiettivi:
     Organizzazione test per la verifica in ingresso delle competenze in possesso degli allievi delle classi
         prime.
     Raccolta, analisi ed elaborazione dei dati dei test di tutto l’ISIS.
     Preparazione di materiali per le buone pratiche (costruzione di percorsi didattici per lo sviluppo delle
         competenze di asse).
     Raccolta, digitalizzazione e archiviazione materiali autoprodotti e materiali significativi tratti da
         esperienze al di fuori del nostro ISIS.
     Organizzazione di uno spazio/biblioteca didattico con testi consultabili
     Ricerca e costruzione di rubriche di analisi e valutazione delle prove non oggettive (su cui sarà
         necessario uno sforzo particolare, visto che negli anni passati ci siamo limitati alle prove strutturate).
     Eventuale adesione a progetti regionali e di altri istituti per la valutazione delle competenze.
     Certificazione delle competenze di asse in uscita dalle classi seconde.
            Allievi diversamente abili
Attività previste.
     Progetto: Neve e Vela integrate.
        Tale progetto prevede attività sportive in ambiente montano e marino per permettere agli
        allievi diversamente abili ed agli allievi accompagnatori di compiere importanti esperienze
        formative e vivere la propria quotidianità in un contesto diverso dall’ambito circoscritto
        della scuola.
        Le varie attività, rivolte a tutte le classi dell’ISIS MALIGNANI verranno effettuate nei mesi
        di febbraio e maggio.
     Progetto: “Come si studia: imparare a imparare”.
        Articolato in una serie di attività atte a sviluppare le capacità di imparare degli studenti
        diversamente abili coinvolti, fornendo consigli operativi su vari aspetti dello studio
        (pianificazione, lettura, sottolineatura, appunti, memorizzazione,esposizione) prevede
        interventi flessibili ed adeguati alle varie necessità degli stessi. Gli interventi vedranno come
        destinatari gli allievi diversamente abili di tutte le classi dell’ISIS dal mese di febbraio al
        mese di giugno del corrente anno scolastico.
     Affiancamento del docente referente all’allievo coinvolto nello stage nel periodo deputato,
        nel caso in cui se ne ravvisi la necessità e/o lo si reputi utile.



            Cittadinanza e costituzione
DPR 87 e DPR 88 del 15 marzo 2010 Articolo 5 - Organizzazione dei percorsi - Comma 1 “I percorsi degli istituti tecnici sono
     riordinati secondo i seguenti criteri: …. e) attività e insegnamenti relativi a “Cittadinanza e Costituzione”, di cui all’articolo 1
     del decreto legge 1 settembre 2008, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169, sono previsti
     in tutti i percorsi secondo quanto indicato nell’allegato A) del presente regolamento.



            Allievi con disturbi specifici dell’apprendimento

         Monitoraggio degli allievi in entrata, (non solo classi prime) in possesso di diagnosi di DSA.
         Colloquio con allievi e genitori per stabilire le prassi più idonee all’apprendimento in classe
          e a casa, valutazione degli strumenti necessari ai ragazzi.
         Colloquio con i docenti dei Consigli di classe con allievi con diagnosi di DSA, scelta degli
          strumenti compensativi e dispensativi previsti di norma.
         Studio di casi in cui si paventi la possibilità di DSA non diagnosticato, in presenza di pareri
          di docenti che sospettino l’esistenza di un disturbo.
         Disponibilità di materiale informativo sulle caratteristiche dei DSA in tutte le tipologie che
          sarà inviato a tutti i Consigli di classe.
         Organizzazione d’incontri con esperti sia sul quadro normativo sia su quello diagnostico.



            Valorizzazione delle eccellenze

            Esposizione pubblica (alle famiglie ed alla cittadinanza) dei risultasti eccellenti
             raggiunti dagli studenti di tutte le sed i ISIS
           Costruzione di una Programmazione individualizzata in vista del potenziamento delle
            competenze.
           Matematica di base
           Olimpiadi di Matematica
           Olimpiadi di Fisica
           Olimpiadi di Chimica
           Olimpiadi di scienze
           Gare di astronomia ???
           Approfondimenti culturali
           Start cup young (Concorso Università Udine)
           Creatività: immagini e parole nell’era digitale.


           Continuità, contrasto alla dispersione scolastica e Orientamento
           in entrata
Promuovere interventi integrati per contrastare la dispersione scolastico – formativa (prevenire e
intervenire)
Raccordo fra la secondaria di primo e di secondo grado sulla base delle competenze chiave di
cittadinanza
Rete di supporto nei casi a rischio di abbandono
Sportello orientamento
Interventi di docenti dell’ISIS presso Scuola Media
Incontro con genitori terza media                           Da definire (ipotesi Venerdì
                                                            13/11/2009 ore 18:00)
Incontro con Funzioni Strumentali scuola media
Orientamento in entrata “Salone dell’orientamento”          Da definire
Orientamento in entrata “Scuola aperta”                     Da definire (Ipotesi: Domenica
                                                            13/12/2009 ore 9:30 - 12:30)
Orientamento in entrata “Scuola aperta”                     Da definire (Ipotesi: Sabato
                                                            16/01/2010 ore 15:00 - 18:00)
Stage per allievi di III della scuola secondaria di primo   Febbraio marzo
grado
Orientamento formativo


           Orientamento intermedio ed in uscita
DPR n° 275 del 8 marzo 1999 Art 4 comma 4. “Nell'esercizio dell'autonomia didattica le istituzioni scolastiche assicurano comunque la
      realizzazione di iniziative di recupero e sostegno, di continuità e di orientamento scolastico e professionale, …”

Percorsi di orientamento per le scelte post diploma
Presentazione piano orientamento in uscita sbocchi lavorativi e universitari
Per tutte le classi III-IV degli Istituti tecnici: Organizzazione di moduli di orientamento al lavoro
(tipologia dei contratti di lavoro, la stesura del curriculum vitae, simulazioni sulla conduzione del
colloquio di lavoro), con intervento di esperti esterni.


                Progetto di orientamento in rete di scuole
L’ISIS ha aderito ad un progetto di orientamento in rete di scuole, che prevede sia l’orientamento in
entrata che in uscita, con capofila il Liceo Marinelli
         Diffusione della cultura della sicurezza
Per la classe IV IPSIA Progetto sperimentale per la promozione della cultura della sicurezza e della
salute nei luoghi di lavoro rivolto agli istituti tecnici, professionali e d’arte del Friuli Venezia Giulia
finanziato INAIL e Regione Friuli Venezia Giulia agenzia Regionale del Lavoro.

Sicurezza stradale
La sicurezza sul lavoro visto attraverso l’occhio della satira (sedi di Palmanova???)
Attività con gli studenti per la diffusione della cultura della sicurezza (rivolto alle prime ITI e IPSIA
di Cervignano e San Giorgio)

Libera-mente – sostanze stupefacenti - (intervento esterno con azienda sanitaria di Udine, già
sperimentato con successo l’a.s. 2009-2010 nelle classi II^a ITI SG)

Educazione stradale

Riflessione su potenzialità e rischi nell’uso dei Social network e della rete (formazione e
informazione per docenti, genitori e allievi)


         Benessere psicofisico
Azioni relative a:
        Combattere la dispersione e l'abbandono scolastico
        Individuazione dei ragazzi a rischio sulla base di segnalazioni di consigli di classe.
        Organizzazione di uno sportello di ascolto che coinvolga anche esperti esterni CiC
           (psicologi e Aziende sanitarie).
        Incontri con genitori per un rapporto sinergico scuola/famiglia
        Ricerca di misure di prevenzione dell'insuccesso scolastico.
        Mettere in campo nuove strategie di inclusione e accettazione degli studenti più disagiati
           e in difficoltà
        Stimolare l’uso di apprendimento cooperativo, attraverso la didattica laboratoriale.
        Promuovere e valorizzare le iniziative concernenti il benessere di insegnanti e studenti
        Percorso sulla didattica delle emozioni

              Educazione alla Salute
         Corso di “Educazione all’affettività e alla sessualità consapevole”
         Completamento progetto biennale di “peer education”
         Continuazione, ed eventuale estensione alle sedi associate, dell’attività di sostegno alle
          iniziative di controllo del tabagismo
         Ulteriori attività promosse da enti e/o associazioni finalizzate a sviluppare, nell’ambito
          scolastico, una cultura a tutela della propria salute
         Educazione all’alimentazione equilibrata.


         Cultura ambientale

       Settimana dell’Educazione allo Sviluppo sostenibile seconda novembre :conferenze –
        assemble istituto
       Laguna21 giovani - il progetto è stato elaborato dall’ISIS Arturo Malignani di Cervignano
        con le scuole dei Comuni di San Giorgio, Cervignano e Torviscosa, d’intesa con i Comuni
  coinvolti si propone di diffondere all’interno della scuola e nel territorio locale la cultura
  dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile; di promuovere tra gli studenti la diffusione della
  cultura scientifica e delle sue peculiari metodologie di indagine; di educare ragazzi ed
  adolescenti all’esercizio della cittadinanza attiva e della partecipazione democratica. (azioni
  da settembre e febbraio 2011)
 Territorio e Biodiversità il progetto è stato elaborato dall’ISIS Arturo Malignani di
  Cervignano ERSA, ERSA AGRICOLA SPA, ETP FVG, CFR FVG (azioni da settembre a
  giugno 2012)
  Sperimentazione biennale di attività didattiche e di ricerca scientifica con inserimento nel
  curricolo per la certificazione di competenze (moduli di fisica, chimica, biologia, scienze,
  matematica, inglese nei settori aria, acqua, suolo, earth system)
 A scuola sul fiume XII– manifestazione annuale delle scuole che lavorano sul tema acque
  (in occasione della Giornata Mondiale della Terra - fine aprile prima settimana di maggio)
 Ambiente in festa – Clean Beach Project partecipazione alla manifestazione a San Giorgio
  di Nogaro a fine settembre
 GMA Giornata Mondiale dell’acqua – le classi che lavorano sul tema acque partecipano
  all’evento mantovano con esperienze sul campo di tutoraggio.
 GLOBE Student Climate Research Campaign EU da settembre 2010
  Periodo Settembre 2010 giugno 2011, fase di test ISIS Malignani capofila per la rete
GLOBE Italia.
  Supporto scientifico: Royal Netherlands Meteorological Institute, EDUSPACE – ESA
  Charles University Praga, Università New Hampshire USA - Alcoa Foundation.
  La campagna sui cambiamenti climatici mondiale (SCRC) partirà nel settembre 2011 e
  terminerà nel giugno 2013.
 LaDiAm - Laboratorio di didattica ambientale dal 1997 sviluppa attività rivolte a scuole
  di ogni ordine e grado del territorio con incontri laboratoriali, sotto forma di stage a diversi
  livelli di complessità e della durata di uno, due o tre giornate, sui moduli: “Conosciamo
  l’acqua”; Il ciclo dell’acqua – passaggi di stato – acqua minerale e acqua piovana – analisi
  dell’acqua con semplici esperimenti;“La potabilità dell’acqua” lettura di etichette; analisi di
  alcuni semplici parametri di indicazione della potabilità (chimico-fisico-biologici);
  Monitoraggio delle acque superficiali dei fiumi del territorio vicino alla scuola con kit da
  campo, studio dei parametri chimico-fisico biologici significativi, analisi degli andamenti;
  “Determinazione qualitativa dei componenti della clorofilla nelle foglie di spinaci”
  Separazione di pigmenti tramite cromatografia su strato sottile; “Determinazione della
  quantità di Acido Acetico dell’Aceto” determinazione volumetrica con determinazione del
  punto finale per via potenziometrica o mediante indicatori acido base”; “Studio delle
  macromolecole e biotecnologie” percorso sulla biologia cellulare e sulle biotecnologie
  strettamente loro correlate con l’utilizzo di kit di modelizzazione; “Osservazioni in biologia”
  aula didattica all’aperto utile all’osservazione di piante e piccoli animali che popolano l’area
  del giardino scolastico con semplici esperienze riguardanti il terreno e le sue caratteristiche,
  la fisiologia e anatomia vegetale e animale, e classificazione di piante ed animali;
  “Caratteristiche dei suoli” studio dei parametri che influenzano qualità di un suolo.
  Determinazione di Tessitura - Porosità – Bulk Density; “Studio della qualità dell’aria in area
  urbana ed industriale” con raccolta di dati meteorologici e ambientali, confronto con altre
  realtà scolastiche per la discussione dei dati raccolti; “Studio dei cambiamenti climatici”
  metodi di indagine sperimentali, alla raccolta dati ed elaborazione di diagrammi su più anni.
  Formazione ad insegnanti attraverso corsi di aggiornamento e formazione con caratteristiche
  rientranti tra quelle previste nelle finalità e obiettivi del PLS; prosegue la collaborazione
  sulle attività previste dal Piano lauree scientifiche per il biennio 2010/2012, convenzione tra
  l’ISIS Malignani attraverso la struttura del La.Di.AM e il Dipartimento di Scienze della vita
  della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi di
  Trieste
           Attività sportiva curricolare
Attività motoria e sportiva sviluppata nelle strutture a disposizione dell’Istituto e finalizzata al
raggiungimento delle competenze motorie previste.
Le numerose discipline proposte rispondono all’esigenza di utilizzare pienamente gli spazi e le
attrezzature a disposizione di ciascuna sede scolastica.
Avviamento agli sport più diffusi sul territorio in collaborazione con le associazioni sportive:
           Canoa a S. Giorgio,
           Baseball a Cervignano,
           Tennis a Palmanova


           CLIL
DPR 89 del 15 marzo 2010 Art. 10 Comma 5. ……, nel quinto anno è impartito l’insegnamento, in lingua straniera, di una
      disciplina non linguistica compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area
      degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente
      assegnato. Tale insegnamento è attivato in ogni caso nei limiti degli organici determinati a legislazione vigente.

Si auspica la formazione di un gruppo CLIL che si trovi con cadenza quindicinale per:
     elaborare strategie di intervento comuni,
     confronti di esperienze
     impostazione delle metodologie didattiche in vista dell’insegnamento in lingua straniera,
       di una disciplina non linguistica in classe quinta

      DESCRIZIONE DEL PROGETTO: finalità, obiettivi, contenuti, raccordi interdisciplinari,
attività e metodi.
      Alcune finalità basilari dell’insegnamento veicolare possono essere così sintetizzate.
      1) fare acquisire i contenuti disciplinari;
      2) migliorare la competenza comunicativa nella L2 (lingua seconda o lingua veicolare);
      3) utilizzare la L2 come strumento per apprendere, sviluppando così le abilità cognitive ad essa
sottese.
      Per realizzare queste finalità il docente non solo utilizza la L2 per veicolare i contenuti della
sua materia ma attua tutta una serie di strategie che sono essenziali per l’apprendimento integrato.
La lezione viene quindi focalizzata non solamente sui contenuti ma anche sulla lingua, di cui
bisogna favorire la comprensione e l’accrescimento. Per questo motivo vengono attuate le strategie
Clil – brainstorming, input comprensibile e compreso, lezioni interattive, attività mirate ad
aumentare la produzione autonoma, etc.
      I moduli Clil promuovono il miglioramento linguistico per una serie di motivi:
      a) perché si tratta di apprendimento esperienzale;
      b) perché l’autenticità del contesto aiuta gli studenti a comprendere che la lingua è uno
strumento di comunicazione e di acquisizione e trasmissione del sapere,
      c) perché si favorisce la motivazione in quanto aumenta la consapevolezza dell’utilità di saper
padroneggiare una lingua straniera. In conclusione, l’insegnamento veicolare stimola non solo una
maggiore competenza linguistica – acquisizione di lessico specifico, fluidità di espressione,
efficacia comunicativa – ma anche le abilità trasversali – capacità di saper leggere efficacemente, di
partecipare attivamente ad una discussione, di fare domande, di chiedere chiarimenti, etc. – e le
abilità cognitive – saper riassumere, sintetizzare, parafrasare, fare ipotesi, etc. Inoltre vengono
favorite sia lo sviluppo del ragionamento autonomo sia le capacità argomentative.
      Va infine osservato che l’attuazione dei moduli Clil – che devono comunque essere affiancati
dallo studio formale della L2, effettuato dall’insegnante di lingua straniera – richiede una
formazione specifica di tutti i docenti coinvolti. Collaborazione, informazione e confronto tra
docenti relativamente ai percorsi didattici intrapresi, alle strategie adottate, ai materiali impiegati ed
ai risultati ottenuti è assolutamente essenziale per la realizzazione del progetto.
            Attività laboratoriale - Problem solving - Area di progetto
DPR 87 e DPR 88 del 15 marzo 2010 Articolo 5 - Organizzazione dei percorsi – Comma 2. I percorsi di cui al comma 1 hanno la
      seguente struttura: ….. e) si realizzano attraverso metodologie finalizzate a sviluppare, con particolare riferimento alle
      attività e agli insegnamenti di indirizzo, competenze basate sulla didattica di laboratorio, l’analisi e la soluzione dei
      problemi, il lavoro per progetti; sono orientati alla gestione di processi in contesti organizzati e all’uso di modelli e linguaggi
      specifici; sono strutturati in modo da favorire un collegamento organico con il mondo del lavoro e delle professioni,
      compresi il volontariato ed il privato sociale. Stage, tirocini e alternanza scuola lavoro sono strumenti didattici per la
      realizzazione dei percorsi di studio.


                Area di progetto
Attività obbligatoria per le classi II, III, IV e V degli Istituti tecnici
Attività facoltativa per tutte le altre classi di tutti gli indirizzi scolastici.
La definizione specifica delle attività e i ruoli dei diversi docenti è lasciata alla determinazione dei
singoli Consiglio di Classe.
Si evidenzia che, proprio nell’attività di Area di progetto, trova la sua ideale applicazione la
didattica per competenze.



            Didattica della multimedialità
Progetti per migliorare l’utilizzo delle lavagne interattive


            Attività di ricerca, sperimentazione e sviluppo
Visto il DPR 275 del 8 marzo 1999 art.6 “1. Le istituzioni scolastiche, singolarmente o tra loro associate, esercitano l'autonomia di
         ricerca, sperimentazione e sviluppo tenendo conto delle esigenze del contesto culturale, sociale ed economico delle realtà locali
         e curando tra l'altro:
         a) la progettazione formativa e la ricerca valutativa;
         b) la formazione e l'aggiornamento culturale e professionale del personale scolastico;
         c) l'innovazione metodologica e disciplinare;
         d) la ricerca didattica sulle diverse valenze delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione e sulla loro integrazione nei
         processi formativi;
         e) la documentazione educativa e la sua diffusione all'interno della scuola;
         f) gli scambi di informazioni, esperienze e materiali didattici;
         g) l'integrazione fra le diverse articolazioni del sistema scolastico e, d'intesa con i soggetti istituzionali competenti, fra i diversi
         sistemi formativi, ivi compresa la formazione professionale.”


Incontri volontari a cadenza mensile del gruppo di docenti di matematica dell’ITI per lo scambio di
esperienze e lo sviluppo di nuove strategie e metodologie didattiche.
Incontri volontari a cadenza mensile del gruppo di docenti di chimica dell’ITI per lo scambio di
esperienze e lo sviluppo di nuove strategie e metodologie didattiche.


            Documentazione e diffusione delle buone pratiche
   7. ATTIVITÀ PROGETTUALI

        Progetto Comenius “Scriviamo la nostra storia”
Attività relative ai progetti Comenius “Scriviamo la nostra storia” e Mobilità Individuale
degli Alunni (MIA)

Classi coinvolte: 3ApERICA, 4ApERICA, 3Aigea, 5Aigea, 5A e 5B Liceo????, 5 LST ?????
    9 settembre 2010 - arrivo delle allieve francesi
    12 settembre 2010 - partenza degli allievi dell’ISIS per Agen (Francia)
    13-18 settembre 2010 - attività di accoglienza nelle classi coinvolte ed elaborazione dei
       materiali “Ritrovo le tracce della mia famiglia” e “La mia geografia migratoria”
    20-25 settembre 2010 - preparazione alla Giornata europea del patrimonio e delle lingue.
    27 settembre - giornata europea delle lingue (videoconferenze Skype, scambio di e-mail con
       i partner)
    Ottobre 2010 - Scoperta delle lingue dei partner e delle lingue e culture minoritarie locali
    11-16 ottobre 2010 - incontro di progetto ad Atene (2 /3 allievi, 2/3 docenti)
    Novembre 2010 - lavoro sulle minoranze, elaborazione dei materiali per il manuale
       “Scriviamo la nostra storia europea”
    Metà dicembre 2010 - rientro degli allievi dalla Francia e inserimento immediato in classe.
    Dicembre 2010-gennaio 2011 - lavoro sulle frontiere
    Febbraio 2011 – preparazione attività “Ti racconto la tua storia”
    Febbraio - aprile 2011: preparazione dei lavori sui luoghi del patrimonio europeo (2/3 allievi
       , 2/3 docenti)
    Febbraio-marzo: I diversi aspetti dell’identità culturale europea (frontiere, immigrazione,
       minoranze, regionalismi, diversità etniche, memorie)
    21-26 marzo 2011 – incontro ad Agen (Francia) per la messa in opera dell’attività
       “Scriviamo la nostra storia europea” (2 allievi e 2 docenti)
    Marzo-aprile 2011 – 3 ambasciatori per paese (2 allievi ed 1 docente) si recano sui luoghi
       nazionali della memoria considerati come patrimonio europeo.
    Aprile-giugno 2011 – Lavoro critico sui manuali scolastici “Come si insegna la tua storia nel
       mio paese”
    Maggio – giugno 2011 – Elaborazione dei materiali per il manuale in gruppi transnazionali
    Prima settimana di giugno 2011 – Valutazione finale del progetto a Barlad in Romania (2
       docenti e 2 studenti)


        Progetto Comenius Act4rivers
Formazione docenti sul tema delle acque.
Il progetto biennale, relativo alla messa a punto di un corso di aggiornamento per docenti sulla
piattaforma www.freeyourriver.net, è in fase conclusiva (novembre 2010). L’ISIS Malignani è
partner. Il coordinamento è di EDUHI (Austria).


        Progetto Comenius - Student Climate Research Campaign
Visita preparatoria per la progettazione 25-29 novembre 2010 presso ITI Malignani (14 paesi,
partecipanti 32 docenti e scienziati)
         Progetti Regionali
Piano di finanziamento dell’offerta formativa delle istituzioni scolastiche con riferimento ai
seguenti ambiti:

              Sviluppo delle competenze disciplinari e trasversali;

              Orientamento e Dispersione (progetto in rete con il Marinelli);

              Integrazione scolastica degli alunni stranieri;

               Lingue Straniere Comunitarie;
     FINALITA’ E OBIETTIVI: Miglioramento della padronanza espressiva in lingua;
     - potenziamento delle abilità nella ricerca e nel problem solving;
     - arricchimento delle competenze comunicative e sociali, in riferimento a temi di attualità,
cultura generale e di ambito professionale.
     DESTINATARI: Allievi che utilizzino in modalità veicolare e laboratoriale le lingue
comunitarie.
     CONTENUTI: Tematiche e contenuti inerenti argomenti di natura scientifica, umanistica e
logico-matematica veicolati totalmente o parzialmente in lingua straniera e in metodologia meta
cognitiva che includa anche l’utilizzo delle nuove tecnologie.
     ATTIVITA’, METODI E TEMPI: Le attività di utilizzo delle lingue comunitarie verranno
svolte con l’obiettivo di utilizzare le lingue come veicolo di trasmissione e discussione di temi di
attualità raccolti da giornali, fonti televisive, internet, testi di varie nature. I testi e i compiti
verranno proposti in attività didattiche centrate sul discente in modalità interattiva.
     DOCUMENTAZIONE, VERIFICA, VALUTAZIONE: I materiali didattizzati dai docenti
verranno commentati e condivisi nell’ambito di incontri di raccordo della rete, dopo verifica e
valutazione anche di tipo formale della padronanza linguistica maturata dagli allievi coinvolti
nell’ambito degli interventi laboratoriali.


              Bando Regionale per la promozione dello sport nelle scuole


         Piano Nazionale Aree a rischio
(Scadenza 18 e 26 giugno 2010);


         Piano Nazionale Lauree Scientifiche biennio 2010/2012;
    8. ATTIVITÀ DI ARRICCHIMENTO EXTRACURRICOLARE


          Bandi regionali in collaborazione con gli Enti di Formazione
          Regionale
Sono in linea di massima programmati per l’anno scolastico 2010-2011, salvo approvazione
regionale (scadenza bando 20 settembre), i seguenti corsi:

Titolo del corso         Istituto         SEDE           CLASSE-I     ORE   ENTE     DOCENTI
                                                                            FORM.    TUTOR
                                                                            PROF.

                                           ITI CERVIGNANO
Preparazione             ITI Malignani    Cervignano  Seconde         32    BEARZI   Prof.
all’ECDL - Ed.1          2000                                                        D’Amore
(moduli 1,5,6 –)
Preparazione             ITI Malignani    Cervignano     Seconde      32    BEARZI   Prof.
all’ECDL - Ed.2          2000                                                        D’Amore
(moduli 1,5,6 )
Preparazione             ITI Malignani    Cervignano     Prime        50    BEARZI   Prof.
all’ECDL start           2000                                                        D’Amore
ed. 1
(moduli 2,3,4,7)
Preparazione             ITI Malignani    Cervignano     Prime        50    BEARZI   Prof.
all’ECDL start ed.2      2000                                                        D’Amore
(moduli 2,3,4,7)
Corso      linguaggio    ITI Malignani    Cervignano     Terze        60    IAL      Prof.
programmazione C++       2000                                                        D’Amore
Corso                    ITI Malignani    Cervignano     Quarte ELI   60    BEARZI   Prof.
programmazione PLC       2000                                                        D’Amore
                                                 LICEO
Preparazione
                                                         Seconde A-
all’ECDL - Ed. 1         Liceo Einstein   Cervignano                                 Prof.
                                                         B-C-D        50    ENAIP
(moduli         1,5,6)                                                               Bucchini


Preparazione                                             Seconde A-
                         Liceo Einstein   Cervignano                                 Prof.
all’ECDL Ed. 2                                           B-C-D        50    ENAIP
                                                                                     Bucchini
(moduli 1,5,6)
Preparazione                                             Seconde A-
                         Liceo Einstein   Cervignano                                 Prof.
all’ECDL Ed. 3                                           B-C-D        50    ENAIP
                                                                                     Bucchini
(moduli 1,5,6)
Preparazione
all’ECDL start                                                                       Prof.
                         Liceo Einstein   Cervignano     Prime        60    IAL
ed. 1                                                                                Bucchini
(moduli 2,3,4,7)
Preparazione
                                                                                     Prof.
all’ECDL start ed.2      Liceo Einstein   Cervignano     Prime        60    IAL
                                                                                     Bucchini
(moduli 2,3,4,7–)
Preparazione
                                                                                     Prof.
all’ECDL start ed.3      Liceo Einstein   Cervignano     Prime        60    IAL
                                                                                     Bucchini
(moduli 2,3,4,7–)
Corso di ECDL o                                                                      Prof.
                         Liceo Einstein   Cervignano     Prima LST    60    IAL
Grafica digitale                                                                     Bucchini
Corso            Adobe   Liceo Einstein   Cervignano     Terze-       60    IAL      Prof.
Titolo del corso        Istituto      SEDE           CLASSE-I     ORE     ENTE        DOCENTI
                                                                          FORM.       TUTOR
                                                                          PROF.

Photoshop                                            quarte                           Bucchini
Corso introduzione al                                Terze-                           Prof.
                        Liceo Einstein Cervignano                 60      IAL
CAD                                                  quarte                           Bucchini
                                       SEDI DI SAN GIORGIO
Preparazione            ITI e IPSIA S. Giorgio       Prime        50      BEARZI      Prof. Munari
all’ECDL                Malignani
(moduli 2,3,4,7)        2000
Preparazione            ITI e IPSIA S. Giorgio       Seconda-     32      BEARZI      Prof. Munari
all’ECDL                Malignani                    Terza
(moduli 1,5,6)          2000
CAD meccanico con       ITI Malignani S. Giorgio     Terza Mec    50      BEARZI      Prof.
Inventor                2000                                                          Virgilio
CAD con Edgecam         ITI Malignani S. Giorgio     Quarta Mec   40      IAL         Prof.
                        2000                                                          Virgilio


                                      SEDI DI PALMANOVA
Utilizzo di software    IPSSCT        Palmanova      IV com-tur   40                  Prof.
gestionale              Mattei                                                        Mischis/deto
                                                                                      ni
Utilizzo di software    ITC Einaudi   Palmanova      IV com-tur   40                  Prof. Contin
gestionale
Corso di web-design     ITC Einaudi   Palmanova      Classi       50                  Prof. Contin
Es. dreamweaver                                      biennio




          Patentino ciclomotore


          Pronto soccorso
Corso pronto soccorso 1° livello Con attestato Lgs 388/03
Attivita’ di approfondimento sul pronto soccorso (2° livello)

          Corso prevenzione incendi (attivita’ a rischio elevato)


          Cultura della sicurezza
     Per le classi IV ITI Progetto sperimentale per la promozione della cultura della sicurezza e
della salute nei luoghi di lavoro rivolto agli istituti tecnici, professionali e d’arte del Friuli Venezia
Giulia finanziato INAIL e Regione Friuli Venezia Giulia agenzia Regionale del Lavoro.
          Attività sportiva extracurricolare
                 Centro Sportivo Scolastico(CSS)
     Le nuove linee guida ed indicazioni operative sulla riorganizzazione delle attività di educazione
fisica hanno indotto il Dipartimento di Educazione Fisica alla costituzione del Centro Sportivo
Scolastico(CSS) al fine di proporre iniziative agli studenti dell’Istituto con una programmazione
organica, attraverso attività motorie svolte nelle sedi scolastiche di appartenenza ed in rete tra le
scuole facenti parte dell’ ISIS Malignani, e con la partecipazione ai Campionati studenteschi e ad
altre iniziative agonistiche e promozionali proposte sul territorio.

     Gare di scacchi


          Stage – tirocini formativi e di orientamento – avviamento al lavoro
     Oltre agli stages in orario curricolare previsti per tutti gli allievi delle classi III-IV-V degli
Istituti professionali, a tutti gli altri studenti delle classi III e IV (Istituti tecnici e Licei) viene offerta
la possibilità di effettuare stage e tirocini di formazione/orientamento presso aziende ed Enti del
territorio. Gli stages, della durata di 2-4 settimane, si realizzano in linea di massima durante il
periodo estivo, salvo progetti specifici diversamente programmati dai singoli Consigli di classe, in
collaborazione con Enti esterni. L’adesione è volontaria e viene richiesta dalle famiglie entro il
mese di gennaio. L’attività di stage estivo è comunque subordinata alla disponibilità delle aziende e
degli Enti accoglienti.
     Per gli studenti in uscita dalle classi V degli Istituti professionali e tecnici interessati
all’inserimento nel mondo del lavoro, sono possibili stage di avviamento/inserimento al lavoro, da
concordare con le aziende del settore interessate ad eventuali assunzioni.
     9. RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

Visto il CCNL 2006-2009, articolo: 29 comma 2c il quale afferma che fra le attività funzionali all’insegnamento - adempimenti
        individuali dovuti rientrano anche le attività relative ai rapporti individuali con le famiglie.
Visto il CCNL 2006-2009, articolo: 29 comma 4 che recita: “Per assicurare un rapporto efficace con le famiglie e gli studenti, in
        relazione alle diverse modalità organizzative del servizio, il consiglio d’istituto sulla base delle proposte del collegio dei docenti
        definisce le modalità e i criteri per lo svolgimento dei rapporti con le famiglie e gli studenti, assicurando la concreta accessibilità
        al servizio, pur compatibilmente con le esigenze di funzionamento dell'istituto e prevedendo idonei strumenti di comunicazione
        tra istituto e famiglie.”
Visto i Criteri per lo svolgimento dei rapporti con le famiglie approvato con delibera del Consiglio d’Istituto con delibera n° 9 dell’a.s.
        2008.

            Comunicazioni della scuola alla famiglia
         Comunicazione tramite libretto personale relativa a:
             o votazioni delle singole prove scritte/grafiche/pratiche/orali (è dovere dello studente
                trascrivere puntualmente i voti comunicati dal docente);
             o attività in orario scolastico o extrascolastico (da parte del DS tramite circolare);
             o segnalazioni di scarso profitto (a cura del singolo docente);
             o richieste di colloquio con le famiglie (da parte di singoli docenti o del delegato a presiedere
                il consiglio di classe)
             o segnalazioni a carattere disciplinare e/o di comportamento (a cura del singolo docente, e/o
                del CC e/o del DS);
             o assenze di docenti e relative modifiche dell’orario giornaliero (a cura del DS);
             o scioperi programmati e/o assemblee sindacali * (a cura del DS);
             o attività collegiali, ricevimenti docenti e analoghe iniziative (a cura del DS);
             o segnalazioni di comportamenti non consoni all’ambiente scolastico (a cura del singolo
                docente, e/o del CC e/o del DS);
         Comunicazione tramite apposito documento
             o segnalazione intraquadrimestrale del profitto (su segnalazione del CC)
             o segnalazione dell’avvenuto superamento del debito formativo
             o documenti di tipo amministrativo
         Comunicazione tramite colloquio
             o individuale con il singolo docente
             o collettivo con cadenza quadrimestrale
             o con il coordinatore di classe o il DS su specifici fatti
             o Alla fine del primo e del secondo quadrimestre gli insegnanti dell’I.S.I.S. Arturo Malignani
                di Cervignano si renderanno disponibili ad illustrare ai genitori le schede di valutazione ed i
                risultati intermedi e finali conseguiti da ogni alunno.
         Comunicazione tramite sistemi informatici di:
             o assenze mediante consultazione del sito web o invio di sms sul cellulare
             o voti mediante consultazione del sito web

                    Ricevimento settimanale
Data                     Durata            Descrizione
Dal 18/10/2010           1h x 11 **        Ricevimento settimanale primo quadrimestre – un’ora settimanale definita
al 22/01/2011                              dal docente all’interno della mattinata.
21/02/2011               1h x 12 **        Ricevimento settimanale secondo quadrimestre – un’ora settimanale
al 21/05/2011                              definita dal docente all’interno della mattinata.

I docenti che per motivate ragioni (visite d’istruzione, permessi, comandati ad altro incarico, etc.)
non possono essere presenti durante l’orario di ricevimento settimanale devono comunicare alle
famiglie le variazioni attraverso il libretto personale.
** Allo scopo di evitare lunghe code di attesa da parte dei genitori o inutili attese dei docenti, nella
sede del Liceo e dell’IPSIA, il ricevimento sarà preventivamente concordato fra docente e famiglia
nell’ambito dell’ora settimanale comunicata dalla scuola.


                Ricevimento generale
04/12/2010         2,5 h*        Ricevimento generale dalle ore 15:00 alle ore 18:30
                                 ITI Cervignano ITI e IPSIA San Giorgio.
06/12/2010         2,5 h*        Ricevimento generale dalle ore 16:00 alle ore 19:30
                                 Liceo Cervignano - ITC e IPSSCT Palmanova.

16/04/2011         2,5 h*        Ricevimento generale dalle ore 15:00 alle ore 18:30
                                 Liceo Cervignano - ITC e IPSSCT Palmanova.
18/04/2011         2,5 h*        Ricevimento generale dalle ore 16:00 alle ore 19:30 ITI Cervignano - ITI e
                                 IPIA San Giorgio di N.
*Per favorire la partecipazione dei genitori, metà docenti di ciascun consiglio di classe inizierà il
ricevimento sfalsato di 1h rispetto all’altra metà, rimanendo comunque a disposizione per una
durata di 2,5 h.

I docenti che prestano servizio in più sedi, possono dimezzare il tempo dedicato al ricevimento
delle famiglie in ciascuna sede previa comunicazione al coordinatore di sede.

Le famiglie potranno comunque comunicare con i docenti, in caso di particolari problematiche,
anche al di fuori degli orari sopra riportati, previo appuntamento.


                Incontro del DS con le famiglie degli alunni della classe prima

Lunedì 20 settembre                 Ore 18:00 ITI Cervignano
Martedì 21 settembre                Ore 18:00 ITI e IPSIA San Giorgio
Mercoledì 22 settembre              Ore 18:00 Liceo Cervignano
Giovedì 23 settembre                Ore 18:00 ITC e IPSSCT di Palmanova


          Comunicazioni della famiglia alla scuola
   Comunicazione tramite libretto personale relativa a:
    - relative assenze e/o ritardi;
    - relative a specifiche situazioni;
    - richieste di colloqui per ragioni varie;
   Comunicazione tramite colloquio.


    10.         SERVIZI OFFERTI AL TERRITORIO

                Progetto di orientamento in rete di scuole
L’ISIS ha aderito ad un progetto di orientamento in rete di scuole, che prevede sia l’orientamento in
entrata che in uscita, con capofila il Liceo Marinelli

          Analisi Chimiche conto terzi
    Sono offerti al territorio servizi di consulenza ed analisi tecniche nei settori materiali, aria,
acqua, suolo, compatibilmente con le risorse umane e materiali disponibili presso i Laboratori di
chimica.
LaDiAM


              Attività di supporto alla genitorialità
L’ISIS ha aderito ad una rete con capofila La Viarte onlus per la realizzazione di un progetto di supporto alla
genitorialità, già finanziato dalla Regione, dal titolo “Quando sono i genitori ad andare a scuola”. Sono
previsti tre corsi di 24 ore nelle sedi di Cervignano, Palmanova, San Giorgio (anche per genitori delle medie)




    11.           PIANO DI FORMAZIONE DOCENTI
     Le attività di formazione e i corsi da attivare sono stati selezionati con riferimento al
monitoraggio relativo ai bisogni dei docenti, rilevati con questionario di gradimento durante
l’ultimo Collegio Docenti dell’a.s. 2009-2010. L’ordine con cui sono qui sotto riportati rispetta il
livello di gradimento evidenziato
     Multimedialità e didattica disciplinare
     Disturbi specifici dell’apprendimento (Imparare significa agire per cambiare: corso di
        formazione in rete per cui la rete ha ottenuto il finanziamento per € 1.600,00)
     Corso di Lingua inglese (ATA+ docenti)
     Corsi sulle competenze (assi: scientifico tecnologico e asse dei linguaggi) in corso di
        attivazione dall’USR FVG con sedee provinciale
     CLIL

     Formazione ad insegnanti attraverso corsi di aggiornamento e formazione con caratteristiche
      rientranti tra quelle previste nelle finalità e obiettivi del PLS; prosegue la collaborazione
      sulle attività previste dal Piano lauree scientifiche per il biennio 2010/2012, convenzione tra
      l’ISIS Malignani attraverso la struttura del La.Di.AM e il Dipartimento di Scienze della vita
      della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi di
      Trieste
          Progetto Comenius Act4rivers: Formazione docenti sul tema delle acque. Il progetto
      biennale, relativo alla messa a punto di un corso di aggiornamento per docenti sulla
      piattaforma www.freeyourriver.net, è in fase conclusiva (novembre 2010). L’ISIS
      Malignani è partner. Il coordinamento è di EDUHI (Austria).

L’USR per l’A.S. 2010/11 attiva i seguenti corsi:
    La didattica per competenze. Processi e modelli per sviluppare la professionalità docente e
     promuovere il successo formativo
    SPRINT (scienze integrate)
    La metodologia CLIL



    12.           ATTIVITÀ ORGANIZZATIVE E GESTIONALI

              Collaboratori del Dirigente Scolastico
Collaboratore vicario individuato dal DS ha la delega per:

da definire

Collaboratore individuato dal DS ha la delega per:
da definire



              Coordinatori di sede
Individuato dal DS, ha la delega per:
    a. Coordinare lo svolgimento delle attività didattiche curricolari ed extracurricolari; dare attuazione ai progetti
         didattici previsti dal Piano dell’Offerta Formativa.
    b. Coordinare le operazioni relative alla programmazione ,alla progettazione, alla ricerca , alla valutazione, alla
         documentazione, all’aggiornamento ed alla formazione di cui all’art 29. 1 del Contratto Collettivo Nazionale
         del 29 11 2007 ; controllare la corretta compilazione da parte dei colleghi dei registri di classe, dei giornali
         dell’insegnante ; dei verbali dei consigli di classe e delle altre riunioni collegiali
    c. Rappresentare la Direzione nei rapporti con gli Enti Locali , con le Istituzioni, le Associazioni culturali,
         sportive e ricreative, gli Enti , le Fondazioni, le Cooperative sociali le Organizzazioni sindacali , i gruppi di
         volontariato operanti nel territorio .
    d. Curare i rapporti con le famiglie.
    e. Curare i rapporti con i docenti in servizio nel plesso, ed in particolare l’accoglienza, l’inserimento e
         l’integrazione dei docenti che vi sono trasferiti , assegnati in prova, nominati a tempo determinato.
    f. Curare l’accoglienza degli allievi nuovi iscritti ed il loro inserimento nelle classi , anche mediante la
         promozione di test e prove di ingresso comuni
    g. Promuovere d’intesa con il referente per la prevenzione del disagio scolastico azioni volte ad assicurare
         sostegno agli alunni in situazione di difficoltà psicologica
    h. Provvedere ad assicurare la funzionalità dell’organizzazione didattica in caso di assenze temporanee dei
         docenti, provvedendo alla loro tempestiva sostituzione.
    i. Gestire le comunicazioni tra Istituto Associato e ISIS. Provvedere a diffondere tra il personale circolari e
         comunicazioni inviate dalla Sede Centrale.
    j. Sovrintendere alle operazioni di adozione dei libri di testo
    k. Emanare circolari ed avvisi relativi all’ordinaria gestione delle attività dell’Istituto associato.
    l. Verificare l’osservanza da parte dei docenti delle disposizioni in materia di sorveglianza e vigilanza.
    m. Verificare il rispetto da parte dei docenti dell’orario di servizio e l’osservanza degli obblighi di servizio.
    n. Verificare l’osservanza da parte degli alunni del Regolamento di istituto.
    o. Verificare l’osservanza da parte del personale e degli allievi delle norme di sicurezza e del divieto di fumo.
    p. Segnalare tempestivamente al Direttore Amministrativo ed all’Ufficio Tecnico la necessità di acquisti ed
         investimenti.
    q. Segnalare tempestivamente al DS ed al RSPP situazioni di pericolo e di emergenza; assumere al riguardo i
         provvedimenti di urgenza necessari ad assicurare l’incolumità del personale e degli allievi.

Per svolgere tali compiti il Docente incaricato del coordinamento della Scuola potrà a sua volta delegare ad altri docenti
particolari mansioni ed affidare loro particolari responsabilità, facendosi coadiuvare così nell’espletamento delle sue
funzioni.



              Ufficio Tecnico Organizzativo
Ha il compito di coordinare i settori manutenzione e progettazione dal punto di vista organizzativo-logistico, curando,
in accordo con il DS, i rapporti con gli EE.LL., aziende e ditte, e assumendo le necessarie informazioni. Collabora con
il DSGA per gli acquisti, e per lo scarico dei beni, in accordo con la Commissione scarico beni.
Può essere titolare di specifici progetti di settore.



              URP


              Responsabili dei laboratori e aule speciali
Sono individuati dal Collegio dei Docenti sulla base della disponibilità, di precedenti esperienze nel settore specifico,
del complessivo impegno gestionale. Hanno l’incarico di favorire il più diffuso utilizzo delle aule speciali e del loro
funzionamento, di mettere in atto modalità che riducano il rischio di danni, anche involontari da parte degli utenti, di
segnalare i disservizi o il non funzionamento, coordinandosi con l’Ufficio Tecnico.
Sono operanti i seguenti laboratori e aule speciali (32)
ITI Malignani- Cervignano: 1) Sistemi automatici 2) T.D.P., 3) Fisica, 4) Elettronica e telecomunicazioni, 5)Analisi
strumentale, 6) CAD, 7) Chimica Organica, 8) Analisi Chimica;
LICEO SCIENTIFICO-Cervignano :9) Multimediale, 10) Informatica 11) Lingue multimediale 12) Scienze e fisica 13)
Lingue 14)Palestra 15)Disegno
ITC –IPSSCT- Palmanova :16) Lingue, 17) Chimica e scienze, 18) Lingue multimed.1; 19)Informatica multimed. 1, 20)
Informatica 2, 21) Palestra;
ITI San Giorgio di Nogaro: 22) Tecnologia/Nautica, 23) Fisica e Chimica, 24) Automazione triennio, 25) CAD 26)
Nautica 27) Informatica;
IPSIA San Giorgio di Nogaro: 28) Officina Macchine utensili, 29) Automazione, 30) Informatica, 31) Tecnologia 32)
Fisica.



           Docente incaricato di funzione strumentale
I Gruppi di lavoro sono coordinati dal docente individuato dal Collegio quale incaricato di Funzione Strumentale. Il
docente FS elabora il programma delle attività, organizza le convocazioni, in accordo con il DS; coordina e promuove
le azioni del Gruppo di lavoro di area. Predispone i materiali per i lavori per Gruppi di lavoro e ne cura la
verbalizzazione; cura, concordandone tempi e modalità con il DS, la diffusione delle informazioni e dei prodotti
elaborati, riferisce al DS e agli OOCC competenti.

Le aree individuate nel corrente anno scolastico sono otto:

Area 1 - Gestione POF e Autovalutazione. Revisione ed aggiornamento del POF di Istituto ISIS e stesura del POF
divulgativo. Predisposizione del POF degli istituti associati; Predisposizione dei materiali per l’autovalutazione e
partecipazione Premio Italia. Referenza del Gruppo di lavoro e di macroprocesso;

Area 2 – Formazione, ricerca e innovazione. Rilevazione dei bisogni di formazione dei docenti e organizzazione di
attività. Documentazione della ricerca e innovazione didattica di istituto; Sostegno al processo di utilizzo delle Nuove
tecnologie nella didattica. Referenza del Gruppo di lavoro e di macroprocesso.

Area 3 - Sostegno al lavoro dei docenti – Competenze e Obbligo scolastico. Predisposizione di materiali e percorsi per
l’attuazione dell’obbligo scolastico e la certificazione delle competenze al termine del biennio. Sperimentazione e
diffusione delle buone pratiche per l’introduzione della programmazione, della sperimentazione in classe e della
valutazione per competenze nell’intero percorso di studio in coerenza con i nuovi regolamenti di riordino del secondo
ciclo. Coordinamento dei lavori di una apposita Commissione, rappresentativa di tutte le realtà scolastiche dell’I.S.I.S.,
per l’elaborazione di un modello di programmazione per competenze, articolato in abilità e completo degli indicatori
per la misurazione delle prestazioni. Referenza del Gruppo di lavoro e di macroprocesso.

Area 4 - Interventi e servizi per gli studenti – Benessere psico fisico - Studio di possibili strategie innovative e
migliorative nel campo del recupero ed approfondimento; pianificazione, implementazione di percorsi per docenti,
studenti e genitori per quanto riguarda l’accoglienza e la decodifica del “disagio”, la riduzione del disadattamento e
della dispersione scolastica, il riconoscimento dei fattori di rischio, la gestione dei processi comunicativi e delle
dinamiche di gruppo. Studio di strategie di prevenzione e contrasto ai fenomeni di bullismo. Educazione alla Salute
Cordinamento di progetti e attività volti all’Educazione all’affettività e alla sessualità consapevole, alle iniziative contro
il tabagismo e l’alcolismo ed azioni di educazione all’alimentazione equilibrata. Integrazione allievi stranieri. Studio
del piano e strategie d’inserimento di studenti stranieri, pianificazione, implementazione e sviluppo di interventi di
mediazione linguistica e culturale; pianificazione, implementazione e sviluppo di corsi di lingua italiana in modalità L2;
coordinamento delle attività di supporto agli insegnanti nella gestione delle problematiche riguardanti studenti stranieri;
coordinamento con le istituzioni esterne di supporto agli studenti stranieri (mediatori culturali….)
Disturbi Specifici dell’Apprendimento - Monitoraggio degli allievi in entrata in possesso di diagnosi di DSA. Scelta
degli strumenti compensativi e dispensativi previsti di norma. Diffusione di materiale informativo sulle caratteristiche
dei DSA ai Consigli di classe. Organizzazione d’incontri con esperti sia sul quadro normativo sia su quello diagnostico.
Referenza del Gruppo di lavoro e di macroprocesso

Area 5 - Interventi e servizi per gli studenti – Intercultura – Promozione, pianificazione e sviluppo degli scambi
culturali; progettazione implementazione e sviluppo di percorsi, attività e manifestazioni nell’ambito dell’educazione
all’interculturalità, al rispetto di culture diverse; studio della fattibilità di progetti internazionali/ in collaborazione con
enti esterni ed in rete (internazionale) Referenza del Gruppo di lavoro e di macroprocesso

Area 6 - Interventi e servizi per gli studenti – Integrazione diversamente abili. Definizione di procedure per gli
studenti diversamente abili; monitoraggio della realtà di istituto e elaborazione di proposte di miglioramento. Referenza
del Gruppo di lavoro e di macroprocesso
Area 7 - Interventi e servizi per gli studenti - Orientamento in entrata. Continuità tra diversi ordini di scuola.
Progettazione coordinamento e sviluppo di interventi atti a contrastare e riconvertire la Dispersione scolastica.
Referenza del Gruppo di lavoro e di macroprocesso

Area 8 - Interventi e servizi per gli studenti - Orientamento post diploma. Riorientamento. Continuità tra diversi
ordini di scuola. Progettazione coordinamento e sviluppo di interventi atti a contrastare e riconvertire la Dispersione
scolastica. Orientamento in itinere, continuità tra diversi ordini di scuola. Referenza del Gruppo di lavoro e di
macroprocesso

Area 9 - Realizzazione di progetti formativi d’intesa con enti ed istituzioni esterni alla scuola – Formazione Integrata.
Promozione e sviluppo delle relazioni esterne con l’amministrazione e il territorio. Mantenimento e sviluppo di
relazioni con enti di formazione, istituti di cultura, università, imprese al fine di progettare percorsi e nuove opportunità
di formazione rivolte agli allievi e ad adulti. Referenza del Gruppo di lavoro e di macroprocesso




           Stesura dell’orario scolastico
Il Dirigente Scolastico individua i docenti incaricati della stesura dell’orario scolastico in ciascuna
sede e si occuperà della stesura del:
           orario scolastico provvisorio
           orario scolastico definitivo
           orario corsi di recupero
           calendario verifiche per allievi sospesi dal giudizio


           Responsabili di Dipartimento / Asse Culturale
I Dipartimenti sono costituiti per assi culturali di più indirizzi specializzati. Hanno il compito di stimolare e
approfondire la riflessione, ricerca e sperimentazione metodologica e didattica disciplinare; concorrono
inoltre ad elaborare proposte di politica ed indirizzo relative alle attività scolastiche ed extrascolastiche
dell’Istituto. Sono operativi i seguenti Dipartimenti:
Sono operativi i seguenti Dipartimenti:
ITI Malignani Cervignano/ITI Malignani San Giorgio/IPSIA San Giorgio: 1) Materie umanistiche,
giuridiche, linguistiche, 2) Materie scientifico – tecnologiche, Elettronica, Chimica, Meccanica;
Liceo Scientifico - Cervignano: 6) Materie letterarie, disegno e storia dell’arte, 7) Storia e filosofia, 8)
Materie scientifiche, 9) Lingue straniere;
IPSSCT – ITC Palmanova: 10) Italiano biennio, 11) Lettere e storia dell’arte - triennio, 12) Lingue
straniere; 13) Economia aziendale, Economia e tecnica turistica, Tecnica della comunicazione, Tecnica dei
servizi, Laboratorio trattamento testi - Diritto ed economia politica, Scienza delle finanze, 14) Matematica,
scienze naturali, Geografia economica e Turistica;
ISIS Malignani:15) Educazione Fisica, 16) Sostegno, 17) Religione.

I dipartimenti si riuniscono per assi culturali come definiti dal ……


           Responsabile della gestione del sito
Svolge mansioni di responsabile della gestione del sito di istituto, tenuto conto di quanto previsto dal D.Lvo 196/2003:
a tal fine supporta i docenti interessati alla pubblicazione di prodotti multimediali, anche elaborati dagli studenti, e cura
l’implementazione degli aspetti interattivi dello stesso. Collabora alla pubblicazione di materiali sui siti di
Documentazione regionale e nazionale.



           Responsabile della gestione dei dati e della rete
Svolge le mansioni di responsabile della gestione del server di istituto, delle sue reti intranet e internet, tenuto conto di
quanto previsto dal D.Lvo 196/2003; coordina le attività di mantenimento da effettuarsi da parte del personale tecnico
interno.
          Presidente del consiglio di classe
Viene nominato dal DS tenuto conto, di norma, della possibilità di continuità nella stessa classe rispetto al precedente
anno scolastico, del fatto che il coordinamento sia unico, del consistente numero di ore di insegnamento nella classe. Si
avvale della collaborazione di un docente segretario nominato dal DS o eventualmente dal Presidente del CC.
Esplica le seguenti funzioni:
     Preparazione delle sedute del consiglio , predisposizione della relativa documentazione, organizzazione e
         moderazione del dibattito.
     Predisposizione del tabellone dei voti e di tutta la documentazione relativa agli scrutini ed alle valutazioni
         bimestrali.
     Informazione delle famiglie circa la condotta, la regolarità della frequenza, l’andamento ed il profitto
         scolastico complessivo dell’alunno.
     Attuazione e verifica della programmazione educativa e della programmazione per competenze;
     Coordinamento delle attività interdisciplinari e facilitazione dei rapporti tra insegnanti nell’ambito dei Consigli
         di Classe.



          Riunioni Staff di Presidenza
(Dirigente Scolastico, DSGA, Collaboratori del D.S.)
Ogni lunedì alle ore 9:00

          Riunioni gruppo di presidenza
Ogni primo lunedì del mese


          Riunione di presidenza allargato alle Funzione strumentali
Ottobre             Coordinamento delle attività
Gennaio             Monitoraggio e verifica delle attività svolta a metà anno scolastico



    13.          SCADENZE CONSEGNA DOCUMENTAZIONE

Candidatura a Funzione Strumentale                                       Sabato 18/09/2010
Termine ultimo consegna piano di lavoro docenti                          Martedì 03/11/2010
Termine ultimo presentazione domande candidati esterni                   Martedì 30/11/2010
agli esami di stato
Termine ultimo per iscrizioni e presentazione domande di                 Lunedì 31/01/2011 ???
idoneità
Termine ultimo consegna registri, programma svolto,                      Sabato 18/06/2011
relazione finale.
Termine ultimo per il ritiro dalle lezioni                               Martedì 15/03/2011
Scadenza presentazione nuovi progetti
Scadenza rendicontazione progetti
Allegato 1
Esempi di compensazioni orario per classi


                             ore       Moduli da
                           previste recuperare in un
Materia          Docente    /sett.       anno          I Trim.   II Trim.   III Trim    Diff.
Italiano                       4         16,5             11                    11      5,50
Storia                         2         8,25                                          -8,25
Inglese                        3        12,375                     11                  -1,38
Matematica                     4         16,5            11        11                   5,50
Diritto                        2         8,25                                 11        2,75
Scienze                        2         8,25            11                             2,75
Ed. Fisica                     2         8,25                                 11        2,75
Religione                      1         4,125                                         -4,13
Fisica                         3        12,375                     11                  -1,38
Chimica                        3        12,375           11                            -1,38
Tecnologia                     3        12,375                     11                  -1,38
Informatica                    3        12,375                                11       -1,38
      Totali                  32          132            44        44         44         0

Esempio di compensazione orario per docenti



              ore    Moduli da
 Italiano   previste compensare
 e storia    /sett. in un anno I Trim.   II Trim. III Trim Diff.
1A ITA         4              26      11        11            -4,40
1A STO         2              13                             -13,20
1B ITA         4              26                11        11 -4,40
1B STO         2              13                             -13,20
2A ITA         4              26      11                  11 -4,40
2A STO         2              13                             -13,20
Ricreaz.                             6,6        6,6      6,6 19,80
Disp.                                 11        11        11 33,00
  Totali       18       119       39,6      39,6      39,6    0,00

								
To top