pof 1011

Document Sample
pof 1011 Powered By Docstoc
					          PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA
   SCIENTIFICO                   CLASSICO             LINGUISTICO
      Viale Pontelungo 83   C.A.P. 17031       -   Tel.: 0182/555601
       Fax: 0182/544403      e-mail:svps030004@istruzione.it
               posta certificata:liceogbruno@ecert.it
                            ALBENGA (SV)

DELIBERA DI APPROVAZIONE COLLEGIO DEI DOCENTI: 21 OTTOBRE 2010
  DELIBERA DI ADOZIONE CONSIGLIO D’ISTITUTO: 26 OTTOBRE 2010




                        P.O.F.    A.S. 2010-2011
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                   SOMMARIO
1. IDENTITA’ DEL LICEO ............................................................................................................................................ 5
   1.1 STORIA .................................................................................................................................................................. 5
   1.2 UBICAZIONE .......................................................................................................................................................... 5
   1.3 PRINCIPI FONDAMENTALI ...................................................................................................................................... 5
   1.4 DIRITTO ALLO STUDIO ............................................................................................................................................ 5
   1.5 CENTRALITÀ DELLO STUDENTE ............................................................................................................................. 5
   1.6 ORIENTAMENTO CULTURALE ................................................................................................................................ 6
   1.7 LINEE PROGRAMMATICHE DEL DIRIGENTE ............................................................................................................ 6
2. SCELTE CURRICULARI ........................................................................................................................................ 18
   2.1 IL LICEO GIORDANO BRUNO E LA RIFORMA ........................................................................................................... 18
   2.2 LA RIFORMA – I NUOVI INDIRIZZI .......................................................................................................................... 19
   2.3 INDIRIZZO SCIENTIFICO – A ESAURIMENTO.......................................................................................................... 22
   2.4 INDIRIZZO CLASSICO – A ESAURIMENTO .............................................................................................................. 23
   2.5 INDIRIZZO LINGUISTICO (CIRC.MIN. 27) A ESAURIMENTO .................................................................................... 24
3. ORGANIZZAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA’ DIDATTICO-EDUCATIVE ............................ 26
   3.1 LE AREE .............................................................................................................................................................. 26
3.2 PROGETTI IN EVIDENZA ..................................................................................................................................... 27
   P06.4 150 ANNIVERSARIO ......................................................................................................................................... 27
   P04.14 PREMIO LETTERARIO LICEO STATALE G. BRUNO “C’ERA UNA SVOLTA” ................................................. 28

I PROGETTI NELLE AREE ............................................................................................................................................ 31

P01 ACCOGLIENZA E DIRITTO ALLO STUDIO ...................................................................................................... 31
   P01.1 ACCOGLIENZA “PRIMI GIORNI “ E TUTORAGGIO ............................................................................................... 33
   P01.2 ATTIVITÀ DI RECUPERO E/O DI RIEQUILIBRIO.................................................................................................. 33
   P01.6 AGIO E DISAGIO ADOLESCENZIALE ................................................................................................................... 45
   P01.7 UN ABBRACCIO SENZA CONFINI – ADOZIONI A DISTANZA................................................................................ 45
   P01.8 ORIENTAMENTO IN ENTRATA........................................................................................................................... 45
   P01.9 ORIENTAMENTO IN USCITA .............................................................................................................................. 45
   P01.10 SALONE ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO....................................................................................................... 46
   P01.11 DIRITTO ALLO STUDIO ................................................................................................................................... 46
   P01.12 L’EDUCAZIONE DEL CITTADINO: EDUCAZIONE STRADALE ............................................................................ 47
   P01.13 VOLONTARIATO....................................................................................................................................... 47
   P01.14 ORIENTAMENTO IN AMBITO SCIENTIFICO........................................................................................................ 47
   P01.15 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE: CHIMICA E SCIENZA DEI MATERIALI .......................................................... 48
   P01.16 TEST INGRESSO UNIVERSITÀ .......................................................................................................................... 48
P02 MIGLIORAMENTO E AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA ........................................................... 49
   P02.1 GESTIONE SITO WEB DEL LICEO ..................................................................................................................... 51
   P02.2 ATTIVITÀ AI SENSI DELLA DIRETTIVA 133 E DEL DPR 567 - GIORNALINO/ANNUARIO/RADIO ORIENTA ...... 51
   P02.3 VALUTAZIONE DI ISTITUTO .............................................................................................................................. 51
   P02.4 CORSI DI MUSICA - EDUCAZIONE MUSICALE .................................................................................................... 51
   P02.5 PROGETTO CLIL (FISICA E SCIENZE IN LINGUA INGLESE) ................................................................................ 51
   P02.6 CERTIFICAZIONI ESTERNE IN LINGUA STRANIERA INGLESE/TEDESCO/FRANCESE ............................................... 52
   P02.7 LINGUA STRANIERA SPAGNOLO....................................................................................................................... 52
   P02.8 FORMAZIONE PERSONALE NELL’AMBITO DELLE NTD ........................................................................................ 52
   P02.9 CORSI ECDL ..................................................................................................................................................... 52
   P02.10 PLANETARIO MOBILE .................................................................................................................................... 52
   P02.11 CL@SSI2.0 ................................................................................................................................................... 52
P03 SCAMBI, STAGES E VISITE DI ISTRUZIONE ..................................................................................................... 53

P04 LICEO E TERRITORIO, IL VILLAGGIO GLOBALE ........................................................................................... 57
   P04.1    D.P.R. 567: LO SPETTACOLO ........................................................................................................................... 59
                                                                  P.O.F.       A.S. 2010-2011
   P04.2 OLIMPIADI PROBLEM SOLVING .......................................................................................................................... 59
   P04.3 PROGETTO TEATRO – EDUCAZIONE AL TEATRO............................................................................................... 59
   P04.5/6/7 GIOCHI DI MATEMATICA E DI FISICA – KANGOUROU DI MATEMATICA/ KANGOUROU DI INFORMATICA ....... 59
   P04.8 KANGOUROU LINGUA INGLESE ......................................................................................................................... 60
   P04.9 CERTAMINA ..................................................................................................................................................... 60
   P04.10 OLIMPIADI DELLA CHIMICA ............................................................................................................................. 60
   P04.11 PER UN PUGNO DI LIBRI .......................................................................................................................... 60
   P04.12/13 SCUOLA LAVORO – STAGES ESTIVI ..................................................................................................... 60
   P04.14 CENTROSPORTIVO SCOLASTICO ...................................................................................................................... 61
   P04.15 CITTÀ, MOSAICO DI RELAZIONI ....................................................................................................................... 61

P05 PASSATO, PRESENTE E FUTURO ....................................................................................................................... 63
   PO5.1    PROGETTO “MEMORIA E DOCUMENTAZIONE“ ................................................................................................ 65
P06 SICUREZZA, QUALITA’ E 150° .......................................................................................................................... 67
   P06.1 PIÙ SICUREZZA NELLA SCUOLA ........................................................................................................................ 69
   P06.2 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ............................................................................................................ 69

10. EDUCAZIONE E ISTRUZIONE ............................................................................................................................. 70
   10.1 CONTRATTO FORMATIVO DELLA CLASSE............................................................................................. 70
   10.2 VALUTAZIONE FINALE ....................................................................................................................................... 70
   10.3 CRITERI PER L’ASSEGNAZIONE DEL CREDITO ..................................................................................................... 70
   10.4 CRITERI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DELLE CLASSI ......................................................................................... 71
11. ORGANIGRAMMA DI ISTITUTO........................................................................................................................ 72
   REFERENTI E COMPONENTI COMMISSIONI ................................................................................................... 73
   CONSIGLIO DI ISTITUTO1 ................................................................................................................................... 75
   RESPONSABILI LABORATORI ...................................................................................................................................... 76
     COORDINATORI         SEGRETARI .................................................................................................................. 79
12. ORARIO E CALENDARIO SCOLASTICO ......................................................................................................... 82

3. USO DELLE RISORSE ............................................................................................................................................. 85

ALLEGATO N.1 – SCELTE PEDAGOGICO-DIDATTICHE ...................................................................................... 86

ALLEGATO N. 2 - OBIETTIVI DISCIPLINARI ........................................................................................................... 91

ALLEGATO N. 3 – CARTA DEI DIRITTI, DEI DOVERI E DEI SERVIZI ................................................................... 100

ALLEGATO N. 4 – REGOLAMENTO DI DISCIPLINA .......................................................................................... 113

ALLEGATO N. 5 – PATTO DI CORRESPONSABILITA’ ......................................................................................... 116

ALLEGATO N. 6 - PATTO TERRITORIALE EDUCATIVO ....................................................................................... 118

ALLEGATO N. 7 – PARTECIPAZIONE A PROGETTI DI ENTI ESTERNI ................................................................ 123




                                                               P.O.F.       A.S. 2010-2011
                           1. IDENTITA’ DEL LICEO




1.1 STORIA
In questo anno scolastico si celebrano, per felice combinazione i 150 anni dello Stato Italiano e della
fondazione del Regio Ginnasio, primo nucleo del Liceo Giordano Bruno, nonché i quarant'anni del liceo
scientifico.
Il Collegio docenti ha deciso di celebrare l'evento con l'istituzione di un progetto particolare,
intitolato appunto 150°, che si articolerà in mostre, conferenze e attività didattiche volte al recupero
della nostra storia.
Come Liceo Ginnasio Statale l'Istituto nasce agli inizi degli anni Cinquanta, erede dell‟antico Collegio
“Oddo”; nel corso degli anni Sessanta acquista il nome di Liceo Classico "Giovanni Pascoli".
Il Liceo Scientifico ha inizio negli anni Settanta come filiazione del Classico; diventato, poi, autonomo,
assume l‟attuale nome di Liceo “Giordano Bruno”.
Dall‟anno scolastico 1995/96 le due scuole tornano ad unirsi sotto la denominazione di Liceo
Scientifico Statale “Giordano Bruno” con annessa Sezione Classica.
È previsto un recupero della storia del nostro Istituto attraverso documenti e contributi di docenti
ed ex-docenti, allievi ed ex-allievi.

1.2 UBICAZIONE
Il Liceo Statale “G. Bruno” è ubicato in tre sedi: Viale Pontelungo 89, Via Dante Alighieri 1 e Piazza S.
Domenico, Palestra di Campolau.

1.3 PRINCIPI FONDAMENTALI
Il Liceo Statale “Giordano Bruno” di Albenga offre agli alunni una formazione culturale globale, in
grado di costruire le coordinate del giudizio critico, delle strutture logiche, della sensibilità e del
gusto, nella tutela dei diritti inviolabili dell‟uomo, secondo quanto prevede l‟art. 2 della Costituzione
Italiana e secondo i principi fondamentali di uguaglianza, imparzialità e partecipazione indicati nella
Carta dei Diritti, dei Doveri e dei Servizi.

1.4 DIRITTO ALLO STUDIO
Nell‟intento di favorire concretamente tutti gli alunni meritevoli, vengono istituite, ogni anno, borse di
studio per tutte le classi. Inoltre la scuola, in collaborazione con l‟Associazione genitori, mette a
disposizione in comodato d‟uso libri di testo per allievi che ne facciano motivatamente richiesta.

1.5 CENTRALITÀ DELLO STUDENTE
L'insegnamento è un rapporto tra un io e un tu in relazione alla realtà da conoscere. Il processo
educativo avviene secondo uno sviluppo che valorizza attitudini, capacità e aspettative di ciascuno, nel
                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
rispetto dei tempi e dei limiti personali. Scopo dell'educazione è che ogni singolo alunno proceda nella
realizzazione della sua persona, mettendo a frutto le sue peculiari doti e i suoi interessi.

L‟adolescenza è un momento importantissimo e delicato in cui si inizia a operare il vaglio critico della
propria tradizione, del proprio sapere, dei propri valori (età della crisi); in cui si inizia a diventare
protagonisti delle scelte di vita e dei modelli di riferimento e a prendere coscienza della propria
responsabilità nel campo conoscitivo.
Il ragazzo è alla ricerca di nuovi punti di riferimento al di fuori dell‟ambito famigliare, di modelli da
imitare che soddisfino le sue aspettative sulla vita e che lo aiutino a comprendere e ad accettare le
novità che in lui sorgono. Il compito della scuola è innanzitutto far cogliere la positività del reale e
proporre una concezione unitaria del sapere da verificare in un lavoro didattico sistematico che
stimoli la domanda sulla realtà e aiuti a cogliere i nessi tra i vari oggetti di conoscenza, affinché il
reale appaia nella sua interezza come un universo interessante e non come un insieme disorganico di
particolari.

Il soggetto originario dell‟educare è la famiglia alla quale la scuola si affianca nel cammino di crescita
dei ragazzi, collaborando nell‟opera di formazione umana, culturale e sociale, attraverso il compito
specifico che le è proprio. Per questo è indispensabile una collaborazione tra scuola e famiglia che non
si limiti ad un rapporto burocratico o episodico, ma che si apra alle domande che contano: Che cosa
rappresentano per noi i nostri ragazzi, i loro volti, le loro vite? Che cosa significa accoglierli in tutti i
loro bisogni? Come li introduciamo alla realtà della vita da cui loro spesso tendono a fuggire? …

1.6 ORIENTAMENTO CULTURALE
Tutti gli operatori dell‟Istituto fanno riferimento, in primo luogo, al diritto inviolabile dello studente
a ricevere un'educazione e un‟istruzione adeguate alle esigenze del contesto sociale e culturale.
L'offerta educativa e formativa tiene conto delle esigenze e delle necessità del singolo nel rispetto
dei ritmi e dei modi di apprendere di ciascuno.

L‟istituto opera al fine di:
differenziare la proposta formativa adeguandola alle esigenze di ciascuno
valorizzare le risorse esistenti sul territorio

L'arricchimento e la diversificazione del percorso formativo sono finalizzati a garantire a tutti uguali
opportunità di crescita culturale e si affiancano a tre altri grandi obiettivi:
il rispetto per ogni cultura
il rifiuto di ogni forma di discriminazione
l'attenzione per il processo di maturazione sia cognitivo sia affettivo-emotivo dei soggetti

1.7 LINEE PROGRAMMATICHE DEL DIRIGENTE
Viviamo in tempi preziosi ed interessanti in cui però è difficile insegnare
Oggi è difficile fare scuola. L‟attuale crisi finanziaria non solo rischia di chiuderci
nella nostra individualità di fronte alle aumentate difficoltà economiche, ma sta
ponendo in risalto gli aspetti più inquietanti         della   “società liquida” della
globalizzazione, della conoscenza pervasiva, delle regole aleatorie, del rischio
esistenziale, in cui diventa sempre più difficile e arduo trovare riferimenti e giuste
direzioni. In questo smarrimento la scuola, da luogo che educa al pensiero e
forma le persone ed i cittadini, rischia di diventare “il non-luogo” al quale i
giovani non si sentono di appartenere, non sono legati intellettualmente e ancor
                                         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                         -   PAGE   6   -
meno affettivamente. I giovani d‟oggi sono forse la prima generazione che sa che
avrà meno di quanto hanno avuto i genitori. Il futuro lavorativo dei nostri giovani
rischia di apparire più una minaccia che una promessa.
Eppure la sfida dell‟emergenza educativa ci può far vivere tempi preziosi in tempi
interessanti, ricchi di stimoli e di promesse che, invece di mortificare l‟educazione,
possono arricchirla, offrire ai giovani nuove possibilità, fare riscoprire a noi la
passione “del prendersi cura degli altri, del prendersi cura della conoscenza,
dell‟imparare a ragionare insieme.” (1).

                   CHE COSA DOBBIAMO E POSSIAMO FARE?
1. Accogliere la sfida dell‟emergenza educativa
Si parla tanto di emergenza educativa. Il fenomeno può essere interpretato in due
modi:
- come caratteristica strutturale dell‟educazione: migliaia di docenti ogni giorno
portano avanti un lavoro spesso ingrato impegnandosi, per quanto possono, a
salvare i giovani dall‟insignificanza
- come fenomeno strettamente connesso all‟attuale contesto socioculturale, non
più luogo di valori condivisi, ma dominato dal relativismo, dalle seduzioni del
consumismo, dall‟‟incertezza radicale circa il futuro e i destini individuali,
dall‟esperienza di una precarietà assoluta, che va oltre i confini nazionali e statali,
oltre le relazioni affettive e familiari. (3).
Né la famiglia né la scuola né altri possono pensare di condurre da soli il percorso
verso una nuova educabilità, se non si connettono tra di loro per ricostruire il
contesto sociale e relazionale dentro cui le azioni e i progetti delle persone
acquistano senso e consistenza. Per questo il vero centro delle sollecitudini
educative dovrebbero essere innanzitutto i genitori, soprattutto quelli che non
hanno tempo, hanno altro da fare, debbono lavorare, sono troppo impegnati su altri
versanti per accorgersi dei rischi formativi contemporanei. Ogni anno aumenta il
campione dei genitori aggressivi o indifferenti e passivi, i quali - senza fiducia nella
scuola e nella società che li circonda, spesso incapaci di dire di no ai figli e di tenere
l‟ordine in casa propria - credono di poter dare lezione a noi docenti, criticandoci,
censurandoci, obiettando sul nostro modo di insegnare.
2. La relazione con i genitori e le famiglie
Formare gli adulti dovrebbe essere la 1° preoccupazione di tutta la società civile.
Per noi significa:
- rendere effettivo il patto educativo di corresponsabilità: far capire che
l’educazione non è solo affare nostro, ma di tutto il territorio nel quale i giovani
sono inseriti, di tutti i genitori che non possono esimersi dalle loro responsabilità
di testimoniare e trasmettere i valori della cittadinanza, legalità, solidarietà,
giustizia, accoglienza reciproca.


                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                         -   PAGE   6   -
- dare senso al patto di corresponsabilità mediante il reciproco riconoscimento di
fiducia. Il rapporto fiduciario è la risorsa sociale fondamentale senza la quale non
si fa niente e non c‟è speranza di socialità. Tra genitori ed insegnanti - in sintonia
con l’associazione genitori che sta lavorando egregiamente - dobbiamo insistere a
costruire     una     “complementarità      necessaria”   superando     situazioni  di
contrapposizione a partire dalla pratica dei rispettivi ruoli: le regole che governano
i rapporti sociali, la concezione positiva circa le fatiche da richiedere, le modalità
opportune di “aiuto” per agevolare una crescita “sana” nei figli-alunni. In questa
ottica noi docenti dobbiamo rifiutare, a ragione, qualsiasi sistematica intrusione in
ciò che attiene alle nostre competenze ed i genitori, da parte loro, a ragione
debbono rifiutare l‟“irresponsabilità sociale” di docenti che non tengono conto della
singolarità delle persone e confondono l‟educazione di individui con la fabbricazione
di oggetti. In questa ottica deve essere compreso il “cahier de doleance”
dell‟”Associazione Genitori” presente sul sito del liceo.
3. scommettere sui giovani: l‟emozione dell‟apprendimento.
“Non hanno le basi/ non seguono/sono sempre più superficiali immaturi fragili/le
famiglie li coprono sempre/ogni anno riesco a fare sempre meno”: ce lo ripetiamo
continuamente. Una cosa è certa: pur con tutta la nostra passione di insegnanti,
una sempre più larga percentuale di studenti sembra che non arrivi a un
“apprendimento” significativo (= quel che abbiamo studiato entra a far parte di
noi). Sembra che ciò che proviene dalla scuola da molti studenti venga rimosso
dopo l‟uso, dopo l‟interrogazione o il compito in classe.
3.1. Indubbiamente la scuola            si trova oggi in forte svantaggio: offre un
prodotto, la cultura, che non sta in cima alle aspirazioni né del mondo adulto né
dell‟adolescente; il titolo di studio non è garanzia per il futuro lavorativo e
l‟istruzione non è più una forma di riscatto sociale; infine il lavoro scolastico
richiede fatica, concentrazione e tempo. Molti nostri ragazzi, mentre studiano,
chattano, inviano SMS, ascoltano musica…: modalità percettivo-motorie molto più
rapide e meno stancanti dello studio sul libro.
Se la scuola non si fa prossima a loro, quello che offriamo non potrà mettere radici
né essere utile per la vita. E‟ urgente porci il problema di una “traduzione” del
sapere irrinunciabile che propone la scuola, cioè di una mediazione forte tra quel
che andiamo insegnando e questa generazione che non è migliore o peggiore delle
altre, semplicemente è quello che è.
L‟avvio della riforma è l‟occasione per impegnarci tutti nella nuova didattica
differenziata, nei processi della conoscenza, nei linguaggi,          metodi, utilizzo
indispensabile delle tecnologie.
3.2. Per quanto attiene gli “inciampi nell’apprendimento”, alcuni sono generati da
situazioni che l‟alunno vive all‟esterno della scuola (richieste od aspettative
esagerate da parte dei genitori, cattivi rapporti con i coetanei). Ma altri ostacoli
emotivi all‟apprendimento (ansia, senso di impotenza, disistima di sé e del docente)

                                P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                      -   PAGE   6   -
possono essere generati anche da noi, quando ignoriamo che “la mente razionale,
che pensa, e la mente emozionale, che sente, interagiscono fra di loro
continuamente per costruire la nostra vita mentale” (4). Due soli esempi:
a. Gli alunni percepiscono subito la mancanza di attese nei loro confronti, sentono
nettamente quando su di loro nessuno ha puntato e ciò non è senza effetti.
Reiterati giudizi verbali e non verbali (quali “Il <solito> risultato! <Anche>
questa volta non sei riuscito. Perché non cambi scuola?”) possono consolidare
nell‟alunno poca fiducia in sé ed una percezione di incapacità.
b. Molte famiglie anche qui al Liceo vivono con ansia la fortuna o la sfortuna di
capitare in certe classi piuttosto che in altre. Da sezione a sezione nella nostra
scuola ci possono essere differenze enormi, per cui è spesso un caso capitare in
quella “giusta”. Venir fuori da questo corto circuito appare alle volte solo questione
di fortuna. Probabilmente, per quanto ci concerne, il problema non si porrebbe se
tutti gli alunni percepissero e sentissero di trovare nella scuola persone adulte che
”scommettono” su di loro, li responsabilizzano, facendo loro accettare anche
l‟esito mediocre. Forse ci sono ancora docenti che o non hanno capito o non
riescono correttamente a comunicare che l‟equilibrata capacità dell‟insegnante
consiste sia nell‟evitare che l‟alunno cada in una “impotenza acquisita” (lasciarsi
andare, deprimersi: “Io ce l‟ho messa tutta, ho studiato, ma non è cambiato niente”)
sia nel costruire un ambiente in cui l‟alunno si trovi a proprio agio, a tal punto che si
“racconta” (dice di sé e dei suoi disagi cognitivi e/o della sfera della sua
personalità), si sente protagonista, accetta situazioni che richiedono e permettono
la “prova” delle proprie competenze (e anche dei propri limiti).
 La condizione è che il singolo alunno non venga pregiudicato da un pensiero
“predittivo” (il ben noto ”effetto Pigmalione”!), per cui ciò che oggi è lo sarà
anche nel futuro, escludendo possibilità di cambiamento e di risposte ai suoi bisogni
primari (fiducia in sé, sguardo positivo dell‟adulto, valorizzazione dei “talenti” della
propria persona).
Anche qui il rapporto fiduciario, come già illustrato al p. 2, gioca un ruolo decisivo
come risorsa didattica e pedagogica fondamentale.               Ne è strumento         il
CONTRATTO FORMATIVO (di classe ed individuale) in quanto concretizza la
relazione docente-alunno negli obiettivi, metodologie, progetti, prove scritte ed
orali, regole di comportamento e norme a cui tutti, preside e docenti compresi,
devono sentirsi vincolati.
In questa ottica vanno continuati lo sportello di ascolto, l‟aiuto di esperti in
counseling senza deleghe in bianco, la sottoscrizione nelle prime classi di un codice
di comportamento che regoli la vita scolastica quotidiana. Vanno inoltre condivise
ed applicate chiare regole sulle sanzioni disciplinari e le note sul registro. La
questione “disciplina” specie nel biennio sta assumendo aspetti preoccupanti. La
regola certa nella gestione della classe deve essere: non far finta di nulla di fronte
a comportamenti anomali individuali o collettivi. “Laisser faire et laisser passer” non

                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                         -   PAGE   6   -
è che la metacomunicazione della propria impotenza e mancanza di autorevolezza.
Sarebbe opportuno organizzare, anche in collaborazione con l‟extrascuola, incontri
di educazione alla        cittadinanza attiva e percorsi di educazione emotiva e
sociale, ovvero di formazione integrale della persona, volti a riconoscere se
stessi e gli altri, a conoscere la costituzione italiana e la carta europea dei diritti, a
gestire i propri sentimenti ed emozioni, a sviluppare un atteggiamento critico nei
confronti dei media, a rispettare le persone (se stessi, compagni, docenti,
personale ata, genitori), istituzioni e regole (puntualità, frequenza, linguaggio,
abbigliamento, cellulari, assemblee, viaggi di istruzione).
I nostri alunni escono dal liceo quando sono tutti maggiorenni, ma quale espansione
abbiamo loro consentito e promosso perché possano esercitare la loro cittadinanza
attiva?
Riorganizzare la speranza, esplicitare un “POF strategico.
C. Ridolfi (2) così sintetizza: agire insieme (mettere in comune le rispettive
conoscenze non solo in termini di apertura alla discussione e al confronto, ma anche,
nella pratica quotidiana); non dare nulla per scontato; non adagiarsi nel
conformismo (ci si sta conformando in tutto, nei pensieri e nelle azioni, negli
interessi e gusti, nel comportamento e nel linguaggio, nella vita domestica e in quella
pubblica, nei bisogni e nelle aspirazioni); formare lo sguardo (attento e capace di
gustare e apprezzare criticamente ciò che guarda); educare alla bellezza.
(orizzonte a cui tendere continuamente, la strada più agevole per una formazione di
sensibilità civiche); decifrare “il solfeggio dello spirito” (uso degli strumenti
dell‟analisi strutturale e stilistica non per insopportabili autopsie dei testi che sono
le schede di valutazione, ma per conoscere e gustare ancora meglio la bellezza dei
testi stessi). In altre parole nel ridefinire il           POF 2010-2011 dobbiamo
riesplicitare un “pensiero strategico” che intende il Liceo come luogo di forti
richiami ad una vita piena di senso, scuola che trasmette conoscenze in quanto
appassiona, che non vuole essere facile ma seria e severa, scuola che
riconosce alla cura ed al benessere globale della persona importanza pari
all’insegnamento delle conoscenze disciplinari.

B L’IMPEGNO PER LA RIFORMA E POSSIBILI AZIONI
Avviare al meglio la “riforma”, pur nelle attuali indecorose costrizioni e nei
vergognosi ritardi, è per noi dovere primario: quando i tempi si fanno difficili c‟è
chi innalza muri, c‟è chi costruisce ponti. Non dovrebbe essere necessario chiederci
dove risieda il nostro compito.
1. Lavorare insieme per obiettivi e competenze
 1.1.Lavorare insieme è premessa per una riconosciuta professionalità (che
bandisce     impunità ed inettitudine) e        compito specifico dei dipartimenti.
Saranno previsti incontri sistematici (3-4 nel corso dell‟anno) per condividere


                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                         -   PAGE   6   -
seriamente programmazione, obiettivi, contenuti, metodi, verifiche. La presidenza
imporrà a sua volta tempestivi monitoraggi, specie nel primo biennio.
1.2.Occorre      dare significati e definire in termini univoci ed operativi la
cooperazione, le competenze, l‟attività laboratoriali. Non perdiamoci nella lotta tra
“nuovi barbari” della comunicazione globale (i nostri alunni nativi digitali) e “nuove
vestali degli alfabeti” (noi docenti), tra cultura alfabetica lineare e nuove forme del
sapere reticolari visive simultanee. L‟arte di insegnare oggi si muove tra “retorica”
(lezione frontale) ed innovazione tecnologica. Entro settembre programmeremo e
dal prossimo anno avvieremo i nuovi contenuti delle indicazioni nazionali, vagliati e
scelti con riferimento ai 4 assi culturali ed 8 competenze di cittadinanza.
1.3. Il biennio appare oggi il punctum pruriens (punctum dolens il triennio?).
Occorre continuare a procedere da parte di tutti, con fermezza e coraggio, ad
azioni concrete di progettazione e di monitoraggio: tre prove per classi parallele e
prova finale sia in vista delle certificazioni sia come prova equivalente d‟ingresso al
triennio; griglie di valutazione comuni; monitoraggio sui compiti domestici; scambio
cooperativo tra Docenti del biennio e triennio; laddove possibile, sulla base di
quanto già auspicato, verticalizzazione delle cattedre.
2. ripensare la didattica differenziata a discriminazione positiva
Con i progetti “ accoglienza – integrazione – DSA – classi aperte – imparare ad
imparare.” abbiamo aperto da anni concreti percorsi di didattica differenziata a
discriminazione positiva che debbono essere continuati, perfezionati, estesi a tutte
le classi.
In particolare per quanto concerne la questione dei debiti, da una parte ci sono
imposte dalla OM 92/07 e DPR 122/09 procedure cogenti, dall‟altra non ci sono
però risorse finanziarie sostenibili. Che fare? Le linee direttrici sono state già da
tempo indicate dal Collegio dei Docenti; tocca operativamente ai consigli di classe e
soprattutto ai dipartimenti rendere concreti progetti di compensazione e di
cooperazione nella didattica ordinaria. Il limite più evidente dell‟esperienza passata
è dato da azioni di recupero per lo più “residuali”, non curricolari, senza profondo
rinnovamento della didattica ordinaria. L‟invito è di concludere a settembre la
programmazione di una didattica preventiva in cui le azioni di recupero e di
compensazione siano prevalentemente curricolari (soprattutto nelle discipline
con elevata % di insufficienze) e si possano prevedere espliciti periodi di
compensazione, di pratica cooperativa per gruppi aperti flessibili.
3. i nuovi contenuti; matematica e scienze, latino e greco, et coetera; la
grammatica
3.1. I nuovi contenuti: la loro scelta pone problemi seri. Per prima cosa occorre
scegliere insieme, nei dipartimenti, e poi avere il coraggio di “tagliare”, nel senso di
centrarsi sugli obiettivi e non sui programmi. Nelle “Indicazioni” si sottolinea che è
necessario evitare dispersioni che non contribuiscono in modo significativo alla


                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                        -   PAGE   6   -
comprensione dei problemi. L‟”indicazione” principale è: pochi concetti e metodi
fondamentali, ma acquisiti in profondità (non multa sed multum).
3.2.     matematica e scienze, latino e greco, et coetera.                I risultati di
apprendimento dei nostri alunni in alcune discipline “caratterizzanti” non sono per
nulla soddisfacenti: lo dicono le percentuali di insufficienze negli scrutini
intermedi, lo dicono i debiti assegnati a raffica, lo dice la nostra cronica
insoddisfazione cui corrisponde, per ragioni diverse, quella di genitori ed alunni.
Avere ragioni non significa avere ragione. Rimangono però alcuni interrogativi: a chi
insegniamo quando il 60-70% delle prestazioni risultano sistematicamente
insufficienti?     Dobbiamo pensare che il 60%-70% dei nostri alunni sono
nullafacenti? Quale relazione definiamo con i nostri alunni, tale da sollecitarli a
rimotivarsi, a non scoraggiarsi, a percepire positivamente le nostre azioni di
recupero e di compensazione? A che scopo l‟incubo-accanimento di continue
verifiche scritte, comunque denominate, in una percepita confusione tra controllo
fiscale e doveroso feed-back sull‟insegnamento-apprendimento?
3.3.L’italiano e la grammatica: da più parti viene lanciato un grido d‟allarme sul
livello dell‟educazione linguistica dei giovani italiani. Per noi la prima questione sta
nel far riconoscere che l‟italiano è il codice indispensabile di accesso a tutto il
sapere e come tale è sempre materia “caratterizzante”. La seconda è: vale la pena
studiare la grammatica? Sì, se non la si comunica e non la si vive come un astratto
modello mnemonico autoreferenziale, ma come strumento per padroneggiare ed
incrementare il proprio rapporto con la realtà, per possedere il pensiero e la parola,
verbale perché innanzitutto logica, per comprendere e narrare se stessi e il mondo.
(8)
4. i voti come risorsa educativa - i compiti domestici
4.1. Nella scuola è sempre tempo di voti: compiti, interrogazioni, pagelle,note alle
famiglie, scuola-net…. Il rischio è l‟ipertrofica importanza del voto che diventa
l‟unica cosa che conta, a prescindere da quello che realmente rappresenta e dai
mezzi con cui viene ottenuto.
Ma quali sono le condizioni perché possano essere utili? I voti servono: al
docente per calibrare il suo lavoro sulle capacità dei suoi studenti e sugli obiettivi
formativi che hanno o non hanno raggiunto, in vista di una prassi didattica il più
possibile adeguata alle necessità dello studente e del gruppo in cui è inserito; allo
studente perché sono una valutazione della qualità del lavoro che ha svolto e degli
apprendimenti che ha realizzato, in vista di un eventuale miglioramento. In
particolare si è rivelata positiva l’esperienza di “scuola-net”, che sarà
ulteriormente potenziata, perché espressione di veridica trasparenza dell‟iter di
insegnamento-apprendimento.
4.2. Il postulato è la consapevolezza del valore della persona dell‟alunno, a
prescindere da ogni sua performance, che non può essere messo in discussione da
nessun evento percepito come sfavorevole. E‟ solo questa consapevolezza che dà

                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                        -   PAGE   6   -
valore ad ogni circostanza, ad ogni “successo” come ad ogni “fallimento”, e che
permette di vivere ogni circostanza come un passo sulla strada
misteriosa della realizzazione del proprio progetto di vita.
4.3. Non è pensabile che il profitto degli alunni si valuti in modi diversi nelle
diverse classi, o addirittura nelle stesse classi. E‟ pur vero che, quando si ha a che
fare con persone, ci troviamo nel pieno della complessità, della problematicità,
dell‟interpretabile, dell‟ambi-polivalenza semantica. Tuttavia in questi anni negli
scrutini finali, da una classe all‟altra, ho riscontrato spesso modalità valutative
eccessivamente disomogenee. Alcune discrasie valutative sono state contenute, ma
occorre procedere sulla strada della cooperazione docimologia, soprattutto nei
dipartimenti.
4.4. In tempi di emergenza educativa e di riforme, parlare dei “compiti a casa”
può apparire fuori luogo. Eppure i grandi cambiamenti sono realizzabili anche
facendo chiarezza sui piccoli tasselli. Fermo restando il valore attribuito ai compiti
domestici dal legislatore ai fini della valutazione finale, a noi tocca definire il
significato formativo e le modalità di esecuzione.Tali compiti non devono diventare
oggetto di disturbo nei rapporti scuola-famiglia: ciò succede, specie nel biennio,
quando alcuni docenti li assegnano ed altri no, alcuni con misura altri con zelo
persecutorio, altri ancora         poi non li correggono e non ne tengono conto.
Conclusione: genitori e figli arrivano ad odiare i compiti a casa (e magari la scuola).
Nel contratto formativo i Docenti sono invitati a definire condizioni favorevoli ad
un intelligente uso dei compiti a casa. Si può iniziare dall‟intesa sul loro significato
didattico, i criteri, il “peso” valutativo attribuito dal docente, la distribuzione
temporale nell‟arco della settimana e dei mesi, il rispetto delle vacanze, i contenuti
e modalità dei compiti a casa (svolti dagli alunni, non dai genitori, non dai docenti
che impartiscono lezioni private, non al bar alle sette del mattino copiandoli
frettolosamente dal compagno…).
5. verso nuovi libri di testo
Nell‟ottica della diffusione delle nuove tecnologie, perché non far propria
l'iniziativa partita dai Docenti del “ Majorana” di Brindisi che hanno scritto i libri di
testo di loro pugno? Testi ribattezzati 'book in progress', perché si possono
costantemente aggiornare. Si centrano così due obiettivi: far risparmiare le
famiglie e offrire un prodotto personalizzato e di qualità. Al “Majorana” è costato
10.000 euro stampare i libri scritti dai docenti, consentendo alle famiglie un
risparmio fino al 90% ed aiutando i ragazzi a comprare notebook portatili dove
utilizzare i testi digitali. Il ministero sembra intenzionato a diffondere l'iniziativa,
anche con un supporto economico nell'ambito degli investimenti sulle tecnologie e
sul libro elettronico. Perché non provare anche noi?
6. nuovi possibili indirizzi per il 2011-12
Oltre il seminario con il territorio svoltosi ai primi di giugno, oltre le delibere
collegiali, vale la sollecitazione ad anticipare i nuovi indirizzi richiesti attraverso la

                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                         -   PAGE   6   -
quota dell‟autonomia ( es. il significato dell‟arte – la storia locale – la tecnologia
informatica - la seconda lingua…) ed i comitati tecnico-scientifici paritetici.

       C DIRITTO ALLO STUDIO
a. L‟integrazione dell’alunno in situazione di handicap è valore         e risorsa per
tutta la comunità scolastica, indicatore di qualità della nostra azione educativa
ed elemento fondante del POF. Tutti i docenti del consiglio di classe sono
impegnati, non solo il docente di sostegno.
b.      L’ospitalità dello straniero      è l‟altro indicatore della capacità di piena
realizzazione      del  diritto all‟apprendimento (sino all‟eccellenza), del dovere
dell‟insegnamento, della possibilità di innovazione sociale e di ricchezza economica e
culturale nel nostro territorio.
c. In attesa dell‟imminente legge, è opportuno prevedere nei primissimi giorni di
scuola la ricognizione preventiva di eventuali forme conclamate o non ancora
riconosciute di DSA, definendo e sottoscrivendo con le famiglie lo sperimentato
protocollo di intesa.
2. Eccellenza, emulazione, autostima
La didattica ordinaria deve promuovere l‟eccellenza ovvero la capacità di consentire
ad ogni alunno, in un contesto di sana emulazione, non solo di dare il meglio di sé in
ogni disciplina ma anche di esplicitare potenzialità, capacità e competenze ancora
inesplorate in una scuola inclusiva, che non lascia indietro nessuno, ma che non
penalizza i capaci ed i meritevoli.

      D LA FORMAZIONE CONTINUA
1. la formazione in servizio: Con l‟avvio della riforma diventa urgente un percorso
integrato e articolato fra ambito disciplinare, pedagogico-didattico, relazionale ed
organizzativo.
2. proposte della presidenza: La presidenza propone l‟autogestione di corsi di
formazione, possibilmente in rete, mirati a:. la discriminazione positiva nella
didattica ordinaria e nella valutazione del recupero, insegnare per competenze ed
obiettivi nel biennio obbligatorio e certificazioni finali, progettare la quota legata
all‟autonomia, rapporti con scuola media, la valutazione (aperta anche ai genitori).

        E    QUALITA’, AUTOVALUTAZIONE, ORIENTAMENTO
1. Dopo la certificazione “RINA” della qualità, occorre andare oltre: ciò coinvolge
tutti, non solo gli addetti della segreteria, non solo i Docenti che stanno seguendo il
corso della Fondazione Scuola S. Paolo. La qualità nella scuola non può prescindere
dalla qualità dell‟insegnamento, cioè dalla sua affidabilità,           rendicontabilità,
responsabilità. La qualità del servizio scolastico così impostata diventa la base per
un nuovo patto tra scuola e società; il prestigio e lo status di noi docenti può essere


                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                         -   PAGE   6   -
ricostituito attraverso un sistema di ri-definizione ed apprezzamento della loro
professionalità.
2. I punti di forza e di debolezza dell‟autovalutazione di istituto saranno alla
base delle azioni di regolazione degli obiettivi didattici ed educativi, da discutere a
settembre.
3. orientamento: si tratta di continuare la strada intrapresa con il patto educativo
territoriale (2005), riprendere le strategie poste in atto lo scorso anno, tenendo
presente il dato nuovo della riforma. Risulta urgente ed indispensabile formalizzare
la designazione di un docente F.O. come figura di coordinamento dell‟attività di
orientamento nelle scuole ed in provincia.
3.1. in entrata : le azioni faranno riferimento ai nuovi indirizzi autorizzati per il
2011-2012
3.2. in itinere: le proposte riguardano le seguenti eventuali azioni dell‟orientamento:
in seconda e terza media, con riferimento sia ai genitori sia ai docenti referenti; nel
primo biennio del liceo, a conclusione dell‟obbligo scolastico; nel quarto e quinto anno
del liceo (progetto open day, ormai diventato fiore all‟occhiello ed evento culturale
della città)
3.3. in uscita: i rapporti con l‟extrascuola riguarderanno l‟analisi degli interessi
manifestati e misurati dei nostri alunni del triennio, la collaborazione con enti
esterni (Provincia, Università, mondo del lavoro e delle professioni), monitorando i
risultati e valutando il rapporto benefici-costi.

      G IL POF del Liceo
1. Le 5 funzioni strumentali al POF in 5 aree di competenze corrispondenti a 5
gruppi di studio/ricerca:
1.1. POF, progetti, visite di istruzione, scambi culturali con il territorio,
1.2. 150° Liceo ed Unità d‟Italia – manifestazioni (Europa, Shoah, Scienze e Arte,
Resistenza…) - convegni
1.3. riforma ed insegnamento cooperativo per competenze (nuove tecnologie, nuovi
indirizzi e contenuti, quota dell‟autonomia, materie opzionali), biennio obbligatorio e
certificazioni, didattica differenziata
1.4. diritto allo studio, accoglienza, integrazione H e stranieri, DSA, agio e disagio,
formazione integrale
1.5. qualità, sicurezza, valutazione di sistema, formazione continua, orientamento
2.     I GRUPPI DI STUDIO-RICERCA (in riferimento alle Funzioni O.)
2.1. POF, progetti, viaggi di istruzione, scambi culturali con il territorio
2.2. progetti ed iniziative riguardanti il 150° Liceo ed Unità d‟Italia (certamen,
convegni, indagine, mostre, storia del risorgimento, concorsi) e giornate (Europa,
Shoà, Scienze e Arte, Resistenza…)




                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                        -   PAGE   6   -
2.3. riforma ed insegnamento cooperativo per competenze (nuove tecnologie, nuovi
indirizzi e contenuti, quota dell‟autonomia, materie opzionali), biennio obbligatorio e
certificazioni, didattica differenziata
2.4. diritto allo studio, accoglienza, integrazione H e stranieri , DSA, formazione
integrale, cittadinanza e costituzione, agio e disagio, patto di corresponsabilità,
servizi alla persona, volontariato….
2.5. qualità, valutazione ed autovalutazione di istituto, autoformazione, alternanza
scuola-lavoro, orientamento, sicurezza, sito web
3. Al referente di ognuna delle commissioni, in funzione di supporto alle F.O., è
affidato un budget definito dalla contrattazione e proporzionato agli obiettivi
conseguiti.
4. Per quanto concerne i progetti, dovremo subito fare i conti con l‟estrema
mancanza di risorse che ci costringerà a sacrificare tutti i progetti marginali
rispetto agli obiettivi prioritari del POF. Spetta agli OO.CC. deliberare priorità,
condizioni, modalità, tempi di presentazione. La contrattazione dovrà definire in
tempo il budget a disposizione. Non saranno considerati progetti individuali
(presentati da un singolo insegnante), ma solo quelli corali, condivisi (dipartimenti,
consigli di classe, indirizzi, commissioni), per evitare dispersioni di energie e di
denaro e per far confluire i progetti in un unico alveo di grande respiro, liberato
dall‟inessenziale. Ogni progetto deve prevedere una quota ATA. Mi auguro che
progetti quali “Cittadinanza e Costituzione, alternanza scuola-lavoro, laboratorio
musicale e teatrale, ECDL, patentino, radio e giornalino… possano trovare
continuità.

2. IL 150° del Liceo e dell‟unità d‟Italia, manifestazioni: proposte della presidenza
“C‟era una svolta”; 150° Liceo (certamen, convegni su solidarietà - volontariato e
legalità - giustizia sociale, indagine,mostre) e 150° Unità d‟Italia (mostre sulla
storia del risorgimento, concorsi); manifestazioni (Europa, Shoah, Scienze e Arte,
Resistenza…).

         H      LE RELAZIONI con il territorio ed il villaggio globale.
1.      con il territorio continueremo la tradizione di irraggiamento culturale
(protocolli con scuole, università, associazioni, enti locali) - convegni e seminari –
tavole rotonde, dibattiti e conferenze... Tutte le azioni si iscriveranno in un
progetto di grande respiro di presenza sul territorio, di vitalità culturale,
appartenenza-identità. Ovviamente manterremo viva ed alta la tensione per il polo
scolastico!
2con il villaggio globale le azioni si esplicheranno tecnicamente attraverso l‟uso
didattico abituale delle tecnologie informatiche e, strategicamente, abituando tutti
gli alunni a partecipare a reti, scambi culturali, concorsi relativi all‟educazione alla
cittadinanza attiva, a leggere ed interpretare il presente storico (eventi, lavoro,

                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                        -   PAGE   6   -
ecc.) in termini di cittadinanza europea, offrendo insieme le condizioni operative
per iniziative e forme di partecipazione nuove (es. gli Stages in val Roya e
Marsiglia!) dove gli studenti siano protagonisti di modelli di comportamento aperti
alla globalità, contestualizzati in azioni concrete tra reti di scuole, territori, regioni.




                                   CONCLUSIONE
Nel nostro Liceo c‟è la passione di insegnare, c‟è l‟amore pedagogico per i nostri
giovani e la nostra terra, c‟è la volontà di andare oltre il sapere frammentato che
uccide ogni curiosità. Siamo a disposizione di chiunque ritiene la scuola, la nostra in
particolare, segmento socioculturale essenziale per lo sviluppo del nostro territorio,
occasione di crescita qualitativa, di reciproca ospitalità, di testimonianza, di
speranza




                                  P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                          -   PAGE   6   -
                          2. SCELTE CURRICULARI
2.1 IL LICEO GIORDANO BRUNO E LA RIFORMA


 Il Liceo è un corso di studi che, grazie ad una completa ed armonica integrazione di conoscenze
umanistiche e scientifiche, mette in grado di affrontare qualsiasi corso universitario o di
formazione al lavoro, come è anche dimostrato dagli ottimi risultati dei nostri diplomati.
Il nostro Liceo Statale, grazie anche ad una consolidata esperienza data da una buona stabilità del
corpo docente, si propone di promuovere la crescita di ogni studente, come persona, nella sua
irripetibilità e diversità, consentendogli di conoscere, di crescere, di scoprirsi e di realizzarsi.
Sulla base delle disposizioni della recente Riforma dei Licei, il nostro Istituto offre una pluralità
di Indirizzi e permette di scegliere tra diversi corsi articolati secondo la migliore tradizione
liceale della scuola italiana, aggiornati a materie ed orari tali da arricchire e potenziare l'offerta
formativa.


   Noi sappiamo che la scuola può svolgere efficacemente la sua funzione educativa solo se tutti,
studenti, famiglie, docenti, personale, collaborano nella piena condivisione degli obiettivi da
raggiungere insieme.




                                      P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                   -   PAGE   6   -
2.2 LA RIFORMA – I NUOVI INDIRIZZI




Il nuovo indirizzo Classico, pur mantenendo nel suo percorso la centralità dello studio della
cultura greca e latina, con la presenza dell’inglese, della storia dell’arte, della matematica e delle
scienze consente scelte universitarie flessibili.


                                                   I biennio             II biennio
    CLASSICO                                                                                  5° a
                                           1° a            2° a     3° a         4° a
   Lingua e letteratura italiana               4               4     4            4                4
   Lingua e cultura latina                     5               5     4            4                4
   Lingua e cultura greca                      4               4     3            3                3
   Lingua e cultura straniera                  3               3     3            3                3
   Storia                                                            3            3                3
   Storia e Geografia                          3               3
   Filosofia                                                         3            3                3
   Matematica *                                3               3     2            2                2
   Fisica                                                            2            2                2
   Scienze naturali **                         2               2     2            2                2
   Storia dell’arte                                                  2            2                2
   Scienze motorie e sportive                  2               2     2            2                2
   Religione cattolica/Attività
                                               1               1     1            1                1
   alternative

   Totale ore                              27               27      31            31           31
* con Informatica al primo biennio
** Biologia, Chimica, Scienze della Terra
N.B. È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL)
compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area
degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad
esse annualmente assegnato.

Si precisa che nella tabella viene riportato, per comodità di lettura, l'orario settimanale, ma il
Regolamento prevede un corrispondente monte ore annuale.

                                      P.O.F.       A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE       6   -
Questo nuovo corso Linguistico offre strumenti efficaci per affrontare realtà multiculturali
grazie allo studio di tre lingue straniere, già dal primo anno, integrato da conoscenze umanistiche


   Attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti – Orario settim.
                                                   I biennio            II biennio
    LINGUISTICO                                                                               5° a
                                              1° a        2° a    3° a          4° a
   Lingua e letteratura italiana               4           4        4            4                4
   Lingua latina                               2           2
   Lingua e cultura straniera 1*               4           4        3            3                3
   Lingua e cultura straniera 2*               3           3        4            4                4
   Lingua e cultura straniera 3*               3           3        4            4                4
   Storia e Geografia                          3           3
   Storia                                                           2            2                2
   Filosofia                                                        2            2                2
   Matematica **                               3           3        2            2                2
   Fisica                                                           2            2                2
   Scienze naturali ***                        2           2        2            2                2
   Storia dell’arte                                                 2            2                2
   Scienze motorie e sportive                  2           2        2            2                2
   Religione cattolica/Attività
                                               1           1        1            1                1
   alternative

    Totale ore                               27        27         30           30          30
* Sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madrelingua
** con Informatica al primo biennio
*** Biologia, Chimica, Scienze della Terra
N.B. Dal primo anno del secondo biennio è previsto l’insegnamento in lingua straniera di una
disciplina non linguistica (CLIL), compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti
obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni
scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse assegnato, tenuto conto delle richieste
degli studenti e delle loro famiglie. Dal secondo anno del secondo biennio è previsto inoltre
l’insegnamento, in una diversa lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL),
compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area
                                     P.O.F.    A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE       6   -
degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad
esse assegnato, tenuto conto delle richieste degli studenti e delle loro famiglie

Si precisa che nella tabella viene riportato, per comodità di lettura, l'orario settimanale, ma il
Regolamento prevede un corrispondente monte ore annuale.




 Il nuovo corso Scientifico con il potenziamento delle scienze matematiche, fisiche, chimiche e
biologiche consente una formazione culturale globale, basata su una sintesi ottimale di
educazione umanistica e scientifica. E’ pertanto particolarmente adatto a qualsiasi scelta
successiva.


   Attività e insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti – Orario settim.
                                                   I biennio            II biennio
   SCIENTIFICO                                                                              5° a
                                              1° a        2° a     3° a        4° a
   Lingua e letteratura italiana               4           4        4            4              4
   Lingua latina                               3           3        3            3              3
   Lingua e cultura straniera                  3           3        3            3              3
   Storia e Geografia                          3           3
   Storia                                                           2            2              2
   Filosofia                                                        3            3              3
   Matematica *                                5           5        4            4              4
   Fisica                                      2           2        3            3              3
   Scienze naturali **                         2           2        3            3              3
   Disegno e storia dell’arte                  2           2        2            2              2
   Scienze motorie e sportive                  2           2        2            2              2
   Religione cattolica/Attività
                                               1           1        1            1              1
   alternative

   Totale ore                                  27          27       30          30              30

* con Informatica al primo biennio

** Biologia, Chimica, Scienze della Terra


                                     P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                     -   PAGE    6   -
N.B. È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL)
compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area
degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad
esse annualmente assegnato.

Si precisa che nella tabella viene riportato, per comodità di lettura, l'orario settimanale, ma il
Regolamento prevede un corrispondente monte ore annuale.


2.3 INDIRIZZO SCIENTIFICO – A ESAURIMENTO
  Materie per il Corso Ordinario                               II          III        IV         V

  Lingua e Lettere italiane                                    4           4          3          4

  Lingua e Lettere latine                                      5           4          4          3

  Lingua e Letteratura straniera                               4           3          3          4

  Storia e Educazione civica                                   2           2          2          3

  Geografia                                                    -           -          -          -

  Filosofia                                                    -           2          3          3

  Scienze naturali, Chimica e Geografia                        2           3          3          2

  Fisica                                                       -           2          3          3

  Matematica                                                   4           3          3          3

  Disegno                                                      2*          2          2          2

  Religione / Materia alternativa                              1           1          1          1

  Educazione fisica                                            2           2          2          2

  Totale ore di insegnamento                                   26          28         29         30

  Corso con sperimentazione P.N.I.                             II          III        IV         V
  (Matematica e Fisica)

  Lingua e Lettere italiane                                    4           4          3          4

  Lingua e Lettere latine                                      5           4          4          3

  Lingua e Letteratura straniera                               4           3          3          4

  Storia e Educazione civica                                   2           2          2          3

  Geografia                                                    -           -          -          -

  Filosofia                                                    -           2          3          3

  Scienze naturali, Chimica e Geografia                        2           3          3          2


                                     P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                  -       PAGE   6    -
  Fisica                                                               3          3        3          3

  Matematica                                                           5          5        5          5

  Disegno                                                              2*         2        2          2

  Religione /Materia alternativa                                       1          1        1          1

  Educazione fisica                                                    2          2        2          2

  Totale ore di insegnamento                                           30         31       31         32


*A partire dall‟anno scolastico 2004/05, l‟orario di Disegno è distribuito diversamente in alcune delle
classi del biennio, lasciando invariato il monte ore complessivo. Anziché svolgere 1 ora nelle classi
prime e 3 ore nelle classi seconde si svolgeranno 2 ore sia nelle classi prime, sia nelle classi seconde.
Questo per favorire un migliore coordinamento dei programmi di Disegno con Lettere e Storia.
N.B. Il Corso con sperimentazione P.N.I prevede un impegno orario maggiore, rispetto al corso
stabilito dall‟ordinamento, per l‟insegnamento di Matematica e Fisica nell‟intero quinquennio.

FINALITA’ DELL’INDIRIZZO SCIENTIFICO
Indirizzo scientifico ordinario e informatico:
    -acquisizione della cultura e del metodo scientifico
    -capacità di astrazione, di sintesi e valutazione
    -visione critica e organica della realtà sperimentale
    -consapevolezza del ruolo interattivo delle discipline scientifiche e umanistiche
    -capacità di apprendimento autonomo, intesa come capacità di cogliere e correlare le conoscenze
    e le informazioni scientifiche, raccolte anche al di fuori dell‟ambito scolastico
    -educazione al confronto tra modelli, opinioni e contenuti diversi
    -abilità operative con il linguaggio multimediale
    -abilità linguistiche e comunicative, attraverso lo specifico apporto delle singole discipline




2.4 INDIRIZZO CLASSICO – A ESAURIMENTO
Dall‟anno scolastico 2000/01 tutte le classi prevedono un‟integrazione del curricolo da ordinamento
con sperimentazione P.N.I. (Matematica/Informatica) e con Storia dell‟Arte e Lingua Straniera
quinquennali.


  Materie per il Corso Sperimentale                                GINNASIO   LICEO CLASSICO

  Informatico, Linguistico e Artistico                             V          I        II        III

  Lingua e Lettere italiane                                        5          4        4         4

  Lingua e Lettere latine                                          5          4        4         4

  Lingua e lettere greche                                          4          3        3         3

  Lingua e Letteratura straniera                                   3          3        3         3

  Storia e Educazione civica                                       2          3        3         3


                                         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -       PAGE    6   -
  Geografia                                                     2            -       -         -

  Filosofia                                                     -            3       3         3

  Scienze naturali, Chimica e Geografia                         -            4       3         2

  Matematica e Informatica                                      4            3       3         3

  Fisica                                                        -            -       2         3

  Storia dell‟arte                                              2            2       2         2

  Religione / Materia alternativa                               1            1       1         1

  Educazione fisica                                             2            2       2         2

  Totale ore di insegnamento                                    30           32      33        33


FINALITA’ DELL’INDIRIZZO CLASSICO
Indirizzo classico sperimentale:
    -consapevolezza della complessità del processo storico di sviluppo delle diverse manifestazioni
    culturali (letterarie, artistiche, filosofiche e scientifiche)
    -acquisizione di un metodo di lettura e di interpretazione dei testi
    -padronanza delle capacità espressive e comunicative
    -ampliamento e approfondimento dei linguaggi delle varie discipline
    -sviluppo e potenziamento del gusto e della sensibilità estetica, nonché delle qualità peculiari di
    ciascuno, ivi compresa la creatività
    -abitudine alla discussione personale e critica
    -consapevolezza del ruolo interattivo delle discipline scientifiche e umanistiche
    -abilità operative con il linguaggio multimediale
    -formazione indirizzata alla cultura e alle tecniche della comunicazione




2.5 INDIRIZZO LINGUISTICO (CIRC.MIN. 27) A ESAURIMENTO

  Materie Indirizzo Linguistico                                      Cl 2^   Cl 3^   Cl 4^          Cl 5^

  Italiano                                                           5       4       4              4

  Latino                                                             3       3       3              2

  Storia e geografia                                                 3

  Storia e Educazione civica                                                 2       2              3

  Scienze e Geografia                                                        2       2              2

  Filosofia                                                                  3       3              3

  Biologia, Chimica, Scienze della terra                             3

  Fisica                                                             3

                                      P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                         -   PAGE       6   -
  Matematica con elementi di informatica                           4        3        3           3

  Disegno e linguaggi artistico-visivi                             2

  I Lingua straniera INGLESE *                                     3        4        4           4

  II Lingua straniera TEDESCO *                                    4        4        4           4

  III Lingua straniera FRANCESE *                                           5        5           5

  Educazione civica, giuridica, economica                          2

  Linguaggi artistico-visivi e storia dell‟arte                             2        2           2

  Religione / Materia alternativa                                  1        1        1           1

  Educazione Fisica                                                2        2        2           2

  Totale ore di insegnamento                                       35       35       35          35


Finalita‟ dell‟indirizzo Linguistico
conoscenza e uso consapevole delle strutture linguistiche
acquisizione di competenze linguistiche e comunicative nelle lingue straniere
confronto con patrimoni letterari, artistici, storici e culturali in genere al fine di coglierne elementi
comuni e specifici
     -consapevolezza del ruolo interattivo delle discipline scientifiche e umanistiche
capacità d‟integrazione fra il patrimonio culturale nazionale e gli apporti delle civiltà extranazionali
accettazione del diverso inteso come fonte di arricchimento culturale e di educazione alla tolleranza
disponibilità al confronto tra modelli, opinioni e contesti diversi
abilità operative con il linguaggio multimediale

A partire dall‟anno scolastico 2008-09 è stata istituita con DM n. 137, del 1° settembre 2008 la
disciplina Cittadinanza e costituzione, con attività di sensibilizzazione e formazione del personale. Il
liceo ha accolto l‟iniziativa attivando una sperimentazione sul primo anno di corso e avviando un
progetto volto alla riscoperta e alla celebrazione del 60° anniversario della Costituzione Italiana.




                                         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE       6   -
3. ORGANIZZAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE
       ATTIVITA’ DIDATTICO-EDUCATIVE
3.1 LE AREE
Le attività didattiche ed educative del Liceo sono raggruppate secondo le aree seguenti.
Alcune iniziative prevedono:
l‟utilizzo della „quota locale‟ per la realizzazione di compensazioni tra le discipline e/o l‟introduzione
di nuove discipline all‟interno del 20% del relativo monte ore annuale;
l‟utilizzo della flessibilità dell‟orario per la riorganizzazione dei percorsi didattici, nell‟ambito degli
 attuali programmi, secondo modalità fondate su obiettivi formativi e competenze.




     Nei successivi capitoli del P.O.F vengono presentati tutti i contenuti delle singole aree.




                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE   6   -
                 3.2 PROGETTI IN EVIDENZA

                    P06.4 150 ANNIVERSARIO
                    Referenti: Prof. Antonella Mirone
                    In occasione del 150° anniversario della fondazione del Liceo Classico e
                    nonché 40° del Liceo Scientifico, la scuola promuove svariate iniziative a
                    carattere culturale, tra cui la pubblicazione del lavoro Il bello e il vero,
                    dedicato al ciclo di affreschi dell‟oratorio di San Fedele.


TITOLO                  RESPONSABILE               PERIODO                  LOCATION

PROLUSIONE              CAMMI                      OTTOBRE                  LICEO
ACCADEMICA

INDAGINE                BRUZZONE M.M.              OTTOBRE                  ON LINE
SOCIOLOGICA             MIRONE

MOSTRA AUTISMO          BRUZZONE M.M.              NOVEMBRE                 LICEO
                        MAGHELLA

VOLONTARIATO            RAVERA                     NOVEMBRE/                LICEO
                        LANTERI                    DICEMBRE

STRENNA NATALIZIA       DIRIGENTE                  DICEMBRE                 LICEO

MOSTRA PITTURA          BRUZZONE -                 GENNAIO 2011             PALAZZO ODDO
PERSONALE –             MIRONE                     Orientamento
                        VURRO -ROSSETTO            Liceo artistico
                        VERDA - LEVI

CONCERTI/CONVEGNI       BRUZZONE M.M.              GENNAIO 2011             LICEO
PASCOLI                 MIRONE
                        ELISABETTA
                        TAGLIASACCHI

GIORNATE DELLA          BRUZZONE M.M.              GENNAIO 2011             LICEO
MEMORIA – CEFALONIA     PANSERA
                        4EC

CONCERTI/CONVEGNI       BRUZZONE M.M.              FEBBRAIO 2011            LICEO
BRUNO                   MIRONE
                        ELISABETTA
                        RICCI

LA STORIA               ROLANDO                    MARZO 2011               LICEO
RISORGIMENTALE          CAMMI
                        MIRONE
                        Classi II Classico


                                P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                             -   PAGE   6   -
                     Classe 4^ Linguistico




MOSTRA STAMPE        BUZZI                      MARZO 2011                 PALAZZO ODDO

C’ERA UNA SVOLTA     DESALVO                    MARZO 2011                 LICEO
                     DIRIGENTE

MOSTRA FOTO          ROSSETTO                   APRILE 2011                LICEO 10GG

CONCERTI/CONVEGNI    BRUZZONE M.M.              APRILE 2011                LICEO
SCIENTIFICO          MIRONE
                     STEFANI
                     DOMINGO PAOLA

CONCERTI/CONVEGNI    BRUZZONE M.M.              MAGGIO 2011                LICEO
GIOVANI E SOCIETA’   MIRONE
“FARE CULTURA”       ELISABETTA
QUESTIONARIO



TEATRO               VERRAZZANI                 MAGGIO 2011                LICEO
                     REGISTA SGUOTTI

CITTADINANZA E       BRUZZONE M.M.              MAGGIO 2011                LICEO
COSTITUZIONE         SINDACO ALBENGA
                     PRES. REGIONE
                     MAGISTRATO




P04.14 PREMIO LETTERARIO LICEO STATALE G. BRUNO “C’ERA UNA
SVOLTA”
                                 Referente: Prof. Alessandra Desalvo
                                 Il Liceo statale “Giordano Bruno” di Albenga, in
                                 collaborazione con il Comune di Albenga e con la Provincia
                                 di Savona, bandisce la XIV edizione del Premio Letterario
                                 Nazionale “C‟era una svolta” riservato agli studenti delle
                                 Scuole Medie Superiori italiane e di quelle europee
                                 equivalenti .
                                 L‟iniziativa ha visto, negli anni, la partecipazione di illustri
                                 scrittori, quali, tra gli altri, Lorenzo Mondo, Andrea De
                                 Carlo, Margherita Oggero, Ernico Remmert, Giuseppe
                                 Conte, Sebastiano Vassalli, Gianrico Carofiglio, Andrea
                                 Bajani, Simonetta Agnello Hornby…e vuole offrire ai
                                 ragazzi un‟occasione di scrittura originale e creativa. La
                                 conoscenza diretta di un autore invoglierà, altresì, i giovani
                                 a riscoprire la letteratura, in particolare i romanzi italiani

                             P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                             -   PAGE   6   -
contemporanei.

Il premio letterario C‟era una svolta ha ottenuto dall‟anno 2008 – 09 il riconoscimento ministeriale
per l‟individuazione delle eccellenze.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER OGNI ALUNNO: 3 EURO

REGOLAMENTO:
•L‟Autore – per l‟a.s. 2010/2011 sarà UMBERTO ECO - scriverà l‟incipit del racconto
•La prova si svolgerà il 24 novembre 2010 dalle 14.30 alle 18,30 - in contemporanea - presso tutte le
scuole partecipanti.
Gli elaborati dovranno essere spediti a cura dei Docenti referenti al Liceo G.Bruno con posta
prioritaria TASSATIVAMENTE entro il giorno successivo alla prova ( 25 novembre 2010).

•Durata della prova: 4 ore.

Gli alunni non scriveranno il loro nome sul foglio, il cui contenuto dovrà risultare anonimo. Il racconto
sarà inserito in una busta grande, contenente anche una busta più piccola al cui interno dovranno
essere inseriti i dati del concorrente: nome, cognome, classe, sezione, scuola di appartenenza e
pseudonimo usato dall‟alunno.

Una giuria interna, composta da docenti del Liceo Bruno e dai docenti delle altre scuole che vorranno
partecipare opererà una prima selezione, dopo aver contato e numerato le buste contenenti i diversi
racconti, distinti così da un numero d‟ordine.

•Una giuria esterna, composta da ex alunni ed ex docenti delle Scuole cittadine coinvolte sceglierà i 5
racconti finalisti.
•I 5 racconti finalisti verranno inviati all‟Autore che sceglierà il vincitore e formulerà la classifica



                                                 PREMI :

                                          1°PREMIO: 500 euro

                                          2°PREMIO: 400 euro

                                          3°PREMIO: 300 euro

                                          4°PREMIO: 200 euro

                                          5°PREMIO: 100 euro




        Quest‟anno è previsto un premio speciale offerto dalla Fondazione COLOR YOUR LIFE
    (www.coloryourlife.it) consistente in un soggiorno presso la Dreamerschool di Loano. Potranno,
 inoltre,essere distribuiti altri premi in denaro o in prodotti offerti dagli sponsor a tutti i finalisti.




                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE   6   -
I vincitori saranno premiati alla presenza delle loro famiglie e delle Autorità Locali in un incontro con
l‟Autore che si terrà ad Albenga, presumibilmente nel mese di marzo 2011 del quale sarà data ampia
                                              pubblicità.

Da alcuni anni il liceo, in collaborazione con Palazzo Oddo e il Comune di Albenga, organizza anche un
                      incontro con l‟autore nella serata antecedente la premiazione.




                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
        I PROGETTI NELLE AREE
P01 ACCOGLIENZA E DIRITTO ALLO STUDIO
        PROF. MARISA RAVERA




             P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                       -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
P01.1 ACCOGLIENZA “PRIMI GIORNI “ E TUTORAGGIO
Referente: Prof.ssa Donatella Arnaldi
Il Liceo si impegna, in stretta collaborazione con l‟Associazione dei Genitori, a favorire l‟accoglienza,
l‟inserimento e l‟integrazione degli alunni con particolare riguardo alle classi iniziali e alle situazioni di
rilevante necessità.
Il Liceo prevede, per gli alunni del primo anno di corso, attività articolate in diverse fasi (accoglienza,
diagnosi e sostegno - sviluppo delle competenze e riorientamento - attività differenziate), che
permettano ad ogni alunno di compiere un percorso di studi capace di creare i presupposti del
successo individuale nel campo dell'istruzione e/o in quello professionale e dell'inserimento nel mondo
del lavoro.
La presenza di tre indirizzi (Scientifico, Classico e Linguistico) consente agli studenti di frequentare
il primo anno con l‟effettiva possibilità di orientarsi secondo i propri interessi e di progettare il
proprio percorso di studi senza penalizzazioni e con uguali opportunità.
OBIETTIVI:
•        Favorire il potenziarsi nella scuola di un clima di accoglienza
•        Favorire relazioni positive nel gruppo classe (alunni-alunni, alunni-docenti)
•        Favorire relazioni positive fra gli allievi delle prime classi e quelli del triennio
•        Sostenere gli alunni in difficoltà e promuoverne l‟autostima
•        Sviluppare negli alunni la capacità di organizzare il lavoro scolastico ed extrascolastico
METODOLOGIE:
Nelle classi prime si effettueranno nei primi giorni di scuola varie attività di accoglienza (incontri con
il Dirigente Scolastico, i docenti e gli allievi del triennio ), attività volte a far conoscere l‟Istituto, e
altre tese a conoscere gli allievi delle classi prime (test, autopresentazioni, presentazioni
reciproche...). Per ogni classe prima si individueranno tutor–alunni e tutor-insegnanti .

P01.2 ATTIVITÀ DI RECUPERO E/O DI RIEQUILIBRIO
Referente: Dirigente Scolastico
NORME: VOTO DI CONDOTTA E VOTI DI PROFITTO
DIDATTICA ORDINARIA A DISCRIMINAZIONE POSITIVA
CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI INTERMEDI
CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI ED INTERVENTI COMPENSATIVI
CORSI ESTIVI DI RECUPERO, VERIFICHE E SCRUTINI INTEGRATIVI
ACCESSO AI DOCUMENTI
CREDITI SCOLASTICI E FORMATIVI
CORRISPONDENZA TRA VOTO E GIUDIZIO

Siamo tutti consapevoli che la valutazione finale è un delicato atto educativo: decidere per una non
promozione può rappresentare un momento di tensione professionale, perché nessuno ama registrare
negatività di apprendimento, avvertite come oggettive e soggettive sconfitte per l‟alunno.

L‟impegno del Collegio dei Docenti - pur nella consapevolezza di numerose aporie nelle normative
ministeriali concernenti i corsi di recupero (es: la scuola è tenuta ad avviare i corsi, ma non le sono
assicurati i fondi necessari; gli alunni sono tenuti a provvedere ad azioni di recupero ma non sono
obbligati a partecipare a quelli attivati dalla scuola; non si possono obbligare i Docenti, ecc.ecc….) - è
quello di assicurare il più possibile omogeneità di giudizio e di valutazione.

-LE NORME: VOTO DI CONDOTTA E VOTI DI PROFITTO
1.La valutazione finale degli alunni prevede il rispetto di precise regole e di corrette procedure. Le
norme attengono alla sola LEGITTIMITA' dell'atto in quanto nel MERITO, come è noto, le

                                         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                          -   PAGE   6   -
valutazioni finali sono sottratte a qualunque censura, rientrando le stesse nel potere discrezionale
dell'organo competente (il consiglio di classe).
2. La formulazione dei giudizi e l‟assegnazione dei voti di condotta e di profitto si esprimono con
classificazione in decimi per ciascuna materia (cfr.T.U. n.297 del 16.4.94, DPR 122/09): gli alunni
ottengono la promozione alla classe successiva con almeno 6/10 in ciascuna disciplina
3.La valutazione del comportamento (voto di condotta) degli alunni in sede di scrutinio intermedio e
finale si esprime, con riferimento all’art. 2 della legge n. 169/08, alla C.M. n.100 dell‟11.12.08 ed al
DPR 122/09, attribuendo un voto numerico espresso in decimi, a partire dalla “votazione
inferiore a sei decimi” sino a dieci decimi. “Tale valutazione deve scaturire da un giudizio
complessivo di maturazione e di crescita civile e culturale dello studente in ordine all‟intero periodo
scolastico cui si riferisce la valutazione, anche con riferimento alle iniziative ed alle attività con
rilievo educativo realizzate al di fuori di essa. In tale contesto vanno collocati anche singoli episodi
che abbiano dato luogo a sanzioni disciplinari”.
4.In particolare il VOTO DI CONDOTTA, assegnato su proposta del docente che ha più ore (o del
Coordinatore di classe) ALL‟UNANIMITÀ O A MAGGIORANZA ASSOLUTA, tiene conto di:
5.COMPORTAMENTO IN CLASSE
a..1.    MOTIVAZIONI ed INTERESSE anche in riferimento all'andamento di tutta la classe ed
alla storia personale e familiare dell‟alunno
a.2.     FREQUENZA, PUNTUALITA‟, ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE
a.3.     RISPETTO DEGLI IMPEGNI E DELLE SCADENZE DIDATTICHE (diligenza e disciplina)
a..4.    RISPETTO DI OGNI PERSONA, SE STESSI E GLI ALTRI
1.COMPORTAMENTO A SCUOLA
b.1.     RISPETTO della CARTA DEI DIRITTI E DOVERI, delle leggi scritte e non scritte, dei beni
personali e dei beni pubblici a disposizione di tutti.
b.2.     RISPETTO (VERBALE E NON VERBALE) DI SE‟ E DI OGNI PERSONA PRESENTE A
SCUOLA (Docenti, Ata, Alunni) in ogni attività prevista dal POF (progetti ed attività extracurricolari,
visite di istruzione, scambi culturali, alternanza scuola-lavoro, corsi di recupero…)
b.3.     PARTECIPAZIONE ATTIVA a progetti che fanno specifico riferimento alla cultura della
legalità, solidarietà, accoglienza, interculturalità.
b.4.     PARTECIPAZIONE COSTRUTTIVA alla vita della comunità scolastica ed in particolare agli
organi collegiali della scuola
1.VALUTAZIONE DI EPISODI SPECIFICI
Il consiglio di classe, in presenza di gravi sanzioni comminate durante l‟anno scolastico, di cui sono
stati redatti appositi verbali, decide il peso da attribuire nel voto di condotta finale, proporzionale
alla gravità dell‟infrazione.
1. “IL VOTO INFERIORE A SEI DECIMI”
è assegnato negli scrutini intermedi e finali, sulla base dell‟art. 2 del DL sopra citato e tenendo
presente il Regolamento di Disciplina approvato dal Consiglio di Istituto, per gli aspetti di pertinenza.
Il voto inferiore a sei decimi è assegnato quando:
a.risultano negativi tutti gli indicatori di cui sopra
b.l‟alunno ha commesso gravi violazioni, di cui vi è comprovata responsabilità personale, come da
regolamento di disciplina e da p.c. Il cinque di condotta, se assegnato negli scrutini finali, preclude
l‟ammissione alla classe successiva od agli esami finali di stato, come da legge.

1.“La valutazione del comportamento concorre, unitamente a quella relativa agli apprendimenti nelle
diverse discipline, alla complessiva valutazione dello studente. Essa pertanto, per quanto riguarda gli
ultimi tre anni del Liceo, sarà determinante nell‟assegnazione del credito scolastico, secondo quanto
deliberato nel documento apposito allegato.
Per quanto concerne le assenze degli alunni, il DPR. 122/09 stabilisce che, a partire dal presente
anno scolastico, l‟alunno che non abbia frequentato i giorni di lezioni almeno nella misura del 75% non

                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
deve essere ammesso alla classe successiva, fatta salva specifica delibera in deroga da parte del
Collegio dei Docenti nel solo caso di situazioni gravi, eccezionali, documentate (es. lunga degenza in
ospedale). Il collegio dei Docenti delega ogni decisione in merito ai singoli Consigli di Classe, che
dovranno attenersi ai seguenti vincoli:
1.comunicare al Collegio dei Docenti, nella prima seduta dopo gli scrutini, ogni deroga concessa
2.richiedere congrua documentazione attestante i motivi gravi ed eccezionali delle assenze
3.concedere la deroga solo se le assenze abbiano consentito all‟alunno un apprendimento consono agli
obiettivi didattici propri delle varie discipline e non gli abbiano impedito di raggiungere le conoscenze
minime richieste per la promozione.



1.IL VOTO DI PROFITTO è formulato in base a giudizio brevemente motivato, (si eviti la tautologia 6
= sufficiente!) desunto da congruo numero di interrogazioni e di esercizi scritti, grafici e pratici. Si
rammenta che, a norma di legge, i compiti e gli esercizi svolti a casa rientrano a pieno titolo
esplicitamente nella valutazione del profitto in occasione degli scrutini finali.
Se non v‟è dissenso da parte degli altri docenti, il voto proposto si intende approvato; diversamente la
delibera si adotta a maggioranza (in caso di parità prevale il voto del presidente).

1.GIUDIZIO E VOTO SONO COLLEGIALI. Il voto finale non costituisce un atto univoco, personale e
discrezionale di ciascun docente ma è il risultato di una verifica e sintesi collegiale; esso è, per ogni
singola materia, di competenza esclusiva del consiglio di classe, il quale fa sue le proposte in un quadro
unitario di giudizio di merito sulla diligenza e sul grado di profitto. La normativa recente sui debiti
conferma la responsabilità collegiale del consiglio di classe che, valutata la personalità dell‟alunno, pur
in situazione di lacune non gravi in alcune materie, può motivatamente decidere comunque per la
promozione. Per evitare di incorrere nell‟ambiguità del concetto di “lacuna” e nel rischio
conseguente di una sarabanda di decisioni dal rigore estremo al lassismo sfacciato, i Docenti sono
invitati a deliberare pro o contro la promozione utilizzando gli elementi di giudizio propri della
valutazione scolastica che non è conteggio degli errori, mera perizia tecnica, peso quantitativo delle
conoscenze, ma analisi comparata di conoscenze competenze abilità, impegno nello studio, interesse,
disponibilità al dialogo formativo, desiderio di apprendere, voglia di correggersi, partecipazione
attiva alle lezioni, costante studio domestico, conoscenza ed attenzione alle condizioni ambientali e
psico-fisiche dell‟alunno.

-DIDATICA ORDINARIA A DISCRIMINAZIONE POSITIVA.
1.La questione dei debiti
1.1     L‟O.M. 92/07 è tuttora vigente e cogente, confermata dal DPR 22 giugno 2009 n.122, art 4.
Non ci sono tuttavia risorse finanziarie sufficienti per la piena applicazione di quanto prescritto. E‟
ormai chiaro che le azioni di recupero “residuali” debbono essere contenute al massimo, non solo per
mancanza di fondi ma anche per ragioni eminentemente educative, in quanto, senza profondo
rinnovamento della didattica ordinaria, rischiano di essere improduttive o anche dannose: non si
recupera al pomeriggio se nel frattempo la scuola prosegue con i suoi ritmi. E‟ emersa l‟esigenza di
un‟azione preventiva e di un itinerario di sostegno e recupero che abbia come punto cardine attività di
sostegno e di recupero curricolari, progettate nella didattica ordinaria (v. progetti già consolidati
come classi aperte, imparare ad imparare, compresenze, periodi di compensazione…) .La macchina dei
debiti va dunque sostituita percorrendo nuove strade all‟interno di una didattica ordinaria a
discriminazione positiva
1.2     La dispersione è problema concreto anche per il Liceo, dovuto non solo a fattori interni alla
scuola ma a cause esterne al processo insegnamento-apprendimento, da noi incontrollabili, spesso
interdipendenti e riconducibili a fattori educativi ambientali e famigliari con gravi ricadute sul
comportamento e lo sviluppo cognitivo valoriale (ambiente familiare e/o contesto sociale sfavorevole,

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
assenza di figure parentali efficaci, lacune valoriali, cognitive e di linguaggio pregresse,
comportamenti trasgressivi per influenza dei gruppi dei pari e per carenza autoritativa dei genitori).
Altri fattori invece, che allontanano dal sapere e dalle competenze, sono interni al processo di
apprendimento-insegnamento, quali ad es. una relazione negativa docente-alunno e/o una didattica
avulsa dal nostro concreto tempo-spazio. Su questi ultimi fattori ovviamente la scuola può e deve
intervenire
1. Didattica A DISCRIMINAZIONE POSITIVA contro la dispersione.
2.1.     Occorre in primis confermare il documento del Collegio (27.11.2007) in cui si sollecita “ ogni
docente ed ogni consiglio di classe a realizzare una DIDATTICA CHE PREVENGA il più possibile
l'insuccesso attraverso una erogazione differenziata del servizio. In particolare si suggerisce,
soprattutto nei periodi di articolazione differenziata delle classi, il ritorno sugli stessi argomenti
per tutta la classe con modalità diverse, l‟organizzazione di specifiche attività per gruppi e
assegnazione di esercizi per casa agli studenti in difficoltà, l‟utilizzo di metodologie diversificate:
a.       realizzando forme di tutoraggio interno (i cosiddetti "più bravi" insegnano con il loro
linguaggio ai cosiddetti "meno bravi"
b.       cambiando le modalità di presentazione delle materie con variazione dei loro temi (es:
alternare parti di rigore deduttivo con parti più discorsive) in modo che si modifichino le gerarchie
interne alla classe ed anche "i meno bravi" possano sperimentare il successo;
c.       massima variazione nelle modalità di verifica (compiti, interrogazioni, test, relazioni, prove
pratiche, esercitazioni ecc.) perché anche ciò determina variazioni di rendimento)
d.       conciliando l‟"ansia da programma" con i ritmi di apprendimento degli alunni in difficoltà
e.       accordandosi per suddividere la classe in gruppi di livello, con compresenza di docenti,
facendo svolgere agli alunni che hanno già raggiunto gli obiettivi fissati lavori di approfondimento e di
sviluppo.
f.       attuando scambi di gruppo tra Docenti in compresenza e con orario flessibile”.
2.2.     In secondo luogo si suggerisce una didattica che alterni al conoscere anche il saper fare e
che sappia risolvere situazioni problematiche mediante attività di laboratorio, in modo da creare
interesse facendo leva sul protagonismo dell‟allievo , per quanto concerne la scoperta di nuovi
orizzonti conoscitivi, e sul suo apporto personale, necessariamente guidato, ma più gratificante
rispetto alla semplice ricezione.
2.3.     In terzo luogo si valorizzeranno, come del resto prevede la riforma in atto, i dipartimenti
disciplinari ed i raggruppamenti tra le discipline in modo da suggerire agli allievi la convinzione che le
discipline hanno fra di loro molti punti di tangenza, volti a offrire alle nuove generazioni le
conoscenze e le competenze utili ad inserirsi positivamente nel lavoro e nella società. Infatti la
presentazione di un sapere parcellizzato e specialistico ingenera nell‟alunno una perdita di senso che
spegne l‟interesse verso le discipline che deve studiare, in quanto non ne vede l‟utilità pratica e
originaria, che dovrebbe essere quella di comprendere la realtà umana, sociale e fisica.
2.4.     Poiché il Docente ogni giorno si scontra con la realtà classe per lo più disomogenea (nella
maggior parte dei casi riconducibile a tre livelli di preparazione: fascia che va dal sufficiente
all‟ottimo: fascia che si barcamena solo se stimolata continuamente; fascia dei potenziali dispersi), a
fronte di tale situazione la didattica può offrire uno strumento strategico efficace: la
programmazione modulare. Essa ha il vantaggio di essere duttile e quindi adattabile ai vari livelli di
preparazione degli allievi: accanto ad un nucleo essenziale di conoscenze e competenze disciplinari
indispensabile (livelli minimi) per proseguire ed acquisibile da tutti, offre                possibilità di
approfondimenti in modo da soddisfare anche i vari livelli di eccellenza.
2.5.     Programmazione modulare e flessibile significa:
-        operare una sorta di distillazione della disciplina per ridurla ai nuclei fondanti; procedere poi
ad una programmazione che rispetti e sfrutti al meglio la disparità di livelli della classe, inserendo
opportunamente gli approfondimenti per chi ha le capacità di acquisirli.
– utilizzare una didattica laboratoriale che permetta di far lavorare i giovani con materiali diversi;

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
-        far interagire i gruppi attraverso momenti di studio cooperativo, facendo leva sul legame
dell‟alunno con i compagni (gruppo dei pari) e sviluppando un legame solidale e di aiuto reciproco che
possa portare a motivazioni interne più forti verso lo studio.
-        fare uso costante nella valutazione delle interrogazioni brevi (“formative” oltre che delle
“sommative”. Si tratta di rendersi conto che, se si vuole effettuare un percorso significativo, è del
tutto insensato spiegare per mesi e poi interrogare o fare verifiche che durano giorni e giorni
interessando ben poche persone, con l‟aggravante che spesso gli alunni non studiano fino al giorno
prima. L‟errore può essere eliminato con l‟interrogazione breve, ossia la misurazione di una
performance (feed- beack di lezione, di lavoro assegnato a livello laboratoriale, a casa, richiesta di
chiarimento, ripasso della lezione precedente …) che potrà anche concorrere, secondo quanto
previsto nel contratto formativo e preventivamente discusso e concordato con gli allievi, alla
valutazione sommativa di fine modulo. Se il ragazzo sa che di ogni ora di lezione deve rendere conto in
termini didattici ed educativi (e non meramente fiscali!), sarà più attento e motivato.
1.La questione del metodo di studio.
3.1.     Secondo molti pedagogisti il metodo di studio dell‟allievo è speculare al metodo di
insegnamento. Occorre pertanto, soprattutto ma non esclusivamente nel biennio, che tutti i Docenti
esplicitamente prevedano interventi mirati sul metodo di studio, ovvero su:
-        motivazioni (autostima-spinta ideale interna (determinante è la relazione positiva docente-
classe)
-        studio (quantità, qualità, costanza-attenzione, concentrazione-gestione del tempo
studio/riposo)
-        abilità cognitive e metacognittive – conoscenze - processi conoscitivi
-        abilità mnemoniche (tecniche di memorizzare e di fissazione in memoria di lungo periodo)
-        strategie (saper leggere, prendere appunti, schematizzare, schedare)
-        metodo (sapere cosa fare, come fare, quando fare - saper progettare il lavoro e saperlo
valutare)
-        processi di controllo (preparazione – verifica)
3.2.     le tappe dello studio sono: la lezione (come seguirla, prendere appunti, come seguire le
interrogazioni, fare gli esercizi, fare domande) - lo studio domestico con le sue specificità: leggere
rapidamente, sottolineare, trovare le parole e i concetti chiave, schedare, costruire mappe
concettuali      - ripassare (fissare le informazioni nella memoria a lungo termine; prestabilire le
scadenze; usare il testo, gli appunti, schede e mappe; simulare l‟interrogazione; anticipare la lezione)
3.3.     La mappa concettuale appartiene al metodo di studio in quanto strumento molto utile per
visualizzare le relazioni tra i fatti. Per realizzarla occorre costruire un percorso fatto di tappe e
indicare ogni tappa con un nome breve, che richiami il “luogo” in cui bisogna andare. Per costruire una
mappa concettuale bisogna. ricavare dal testo le informazioni fondamentali; metterle in ordine
(secondo il tempo, per importanza, ecc,); semplificarle al massimo con poche parole (se possibile una
sola); collegarle tra loro con frecce che creino visivamente un percorso.
3.4.     La mappa mentale: è una schedatura aperta con il maggior valore formativo, sviluppa la
creatività, la fantasia, la capacità di sintesi. Costruirla è studiare e ripassare. Questa schedatura
mette in rilievo i rapporti tra i diversi concetti, usa le parole-chiave, può essere aggiornata e
sviluppata, è ottima per il ripasso attivo rapido, visualizza il quadro d'insieme, offre una visione
globale dell'argomento, sfrutta la multidimensionalità del cervello umano, stimola la memoria visiva,
visualizza i nessi logici, offre una guida nella fase di riformulazione. Essa viene costruita partendo
dal centro, dove si pone il "concetto fondamentale“e/o il "nucleo" di un determinato argomento;
attorno si dispongono i "concetti primari", le parti in cui si può suddividere l'argomento; all'esterno
di ogni concetto primario i "concetti secondari", e , per ogni nucleo secondario, le esemplificazioni.
1.Necessità di un rapporto sistematico con la scuola media
Il Collegio Docenti invita i Sigg. Docenti coordinatori del Biennio a riprendere e potenziare da subito
un rapporto organico e sistematico con le scuole medie del distretto di Albenga, attraverso la

                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                     -   PAGE   6   -
condivisione di progetti mirati ed incontri di formazione in rete che coinvolgano il maggior numero
possibile di Docenti del biennio e definiscano operativamente gli obiettivi finali della scuola media (in
termini di metodo di studio, competenze conoscenze ed abilità) e le corrispondenti abilità iniziale
delle classi prime del liceo (cosiddetti prerequisiti). .
1.Necessità di dialogo costante e scambio cooperativo tra i Docenti del biennio e triennio.
Il Collegio dei Docenti invita tutti i Docenti del primo Biennio, del secondo biennio e del monoennio
finale ad un confronto produttivo, senza inopportune colpevolizzazioni, nella disponibilità di tutti a
porsi in discussione, nella reciproca autonomia e nella comune ricerca di azioni e progetti volti ad
assicurare agli alunni l‟acquisizione delle competenze e conoscenze finali del primo biennio (con le
conseguenti certificazioni) e le corrispondenti abilità iniziali del secondo biennio. Riconosce pertanto
l‟opportunità, preannunciata dal Dirigente Scolastico, di continuare, come già avviene per alcune
discipline, alla costituzione di cattedre verticali e di procedere nel prossimo futuro anche per altre
discipline, in casi specifici, alla verticalizzazione delle cattedre.
1.“Periodi di attività didattica dedicati espressamente al recupero, al sostegno e al potenziamento”
Nella consapevolezza dell‟esiguità delle risorse finanziarie, rammentata al punto 1.1., è bene temere
presente quanto recita la citata C.M. : “va pure positivamente segnalata la possibilità di programmare
periodi di attività didattica dedicati espressamente al recupero, al sostegno e al potenziamento. Essi
possono essere previsti secondo scadenze opportunamente scaglionate e organizzati anche per
temporanei gruppi classe.
Tali gruppi potranno essere costituiti:
*        da studenti omogenei per le carenze dimostrate nelle stesse discipline, provenienti da classi
parallele;
*        da studenti con livelli di preparazione omogenea, provenienti da classi parallele, che
necessitano di un‟adeguata azione di mantenimento
*        da studenti con livelli di preparazione consolidata, provenienti da classi parallele. Per essi può
essere prevista una proficua azione di approfondimento. Ma non va elusa una loro funzione di
assistenza e di tutoraggio nei due gruppi classe precedenti”.
E‟ una possibilità che appare in evidente sintonia con la nostra programmazione, con le discussioni ed
i documenti programmatici collegiali, con la disponibilità degli stessi alunni. Si invitano pertanto i
singoli Consigli di Classe, tramite i Sigg. Coordinatori di Classe e di dipartimento,           a valutare
l‟opportunità di programmare e svolgere un numero congruo di giorni di attività dedicata
espressamente al recupero ed all‟eccellenza, assumendo liberamente ogni iniziativa che ritengono utile
e privilegiando interventi che coinvolgano non solo singole classi o discipline, ma possibilmente classi
parallele. Va da sé che il rimedio non deve essere né peggiore del male né inutile né dannoso.
Potranno essere giornate positive solo se convenientemente preparate, organizzate e motivate a
livello di consiglio di classe o di dipartimento. Le coerenti delibere dovranno essere assunte nelle
sedute dei consigli di classe di ottobre-novembre 2010.
Si suggerisce quanto segue:
a.       nei giorni prescelti da ogni singolo consiglio di classe si sospendono spiegazioni e verifiche, si
lavora solo sul recupero secondo metodologie diversificate nelle diverse classi/materie (lavoro di
gruppo, studio assistito, conoscenze ed abilità essenziali, indicazioni di lavoro domestico, attività
laboratoriale).
b.       in alternativa i consigli delle classi parallele organizzano l‟orario secondo gruppi di livello e
svolgono interventi modulari n cui gli studenti si spostano a seconda delle attività da svolgere. Il
lavoro è preventivamente discusso e organizzato (contenuti, livelli; tipologie di verifica) nei
dipartimenti. Gli altri studenti lavorano sul consolidamento o sulla promozione della eccellenza, anche
con docenti diversi dai propri.

-CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI INTERMEDI ED INTERVENTI COMPENSATIVI.


                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
Di seguito si stabiliscono i criteri da seguire nello svolgimento degli scrutini intermedi e gli interventi
di compensazione da attivare, al fine di assicurare omogeneità.
1.       Il docente della disciplina propone il voto in base ad un giudizio motivato desunto dagli esiti di
un congruo numero di prove effettuate durante il trimestre sulla base di una valutazione complessiva
dell‟impegno, interesse e partecipazione dimostrati nel percorso formativo. L‟insufficienza (ovvero il
debito formativo) deve essere assegnata negli scrutini intermedi unicamente nelle discipline in cui
l‟alunno rivela gravi controindicazioni al raggiungimento degli obiettivi minimi previsti, tenendo conto,
come prevede l‟O.M., delle possibilità dell‟alunno di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto
entro il termine dell‟a. sc. mediante lo studio personale svolto autonomamente.
E‟ opportuno che ogni consiglio di classe tenga presente in tale sede la media complessiva dei risultati.
Poiché soprattutto nel biennio gli alunni sono in fase di maturazione lenta e di attualizzazione della
propria “area potenziale di sviluppo”, spesso preceduta da numerose oscillazioni tra la passione per un
certo studio e la trascuratezza per un altro prima di trovare un equilibrio intellettuale, si rileva la
necessità di conciliare il rigore della valutazione con l‟attenzione che occorre nei confronti del
concreto processo di apprendimento i cui ritmi sono sempre diversi da persona a persona e che di
fatto implicano un‟altrettanto rigoroso discernimento.
2.       Poiché il Collegio dei Docenti ha deciso, vista la mancanza cronica di risorse finanziare e la
necessità di garantire al meglio i corsi estivi di recupero, di non procedere ad attivare durante il
pentamestre corsi di recupero pomeridiani, i Consigli di classe ed i singoli Docenti – ferma restando
la loro responsabilità didattica nell‟individuare la natura delle carenze, nell‟indicare gli obiettivi delle
azioni di recupero curricolare e nel certificarne gli esiti - sono tenuti a programmare e attuare le
attività e gli interventi compensativi curricolari sulla base di quanto espresso alla lettera B del
presente documento (“didattica ordinaria curricolare a discriminazione positiva”), facendo esplicito
riferimento ai criteri metodologici-didattici definiti dal collegio dei docenti, preventivamente
stabilendo i criteri per procedere ad una valutazione delle possibilità dell‟alunno di raggiungere gli
obiettivi formativi e di contenuto entro il termine dell‟anno scolastico sia mediante lo studio
personale svolto autonomamente sia attraverso appositi interventi, e deliberando le modalità di
verifica.
Nel corso degli scrutini intermedi, ogni consiglio di classe procederà ad un‟analisi attenta dei bisogni
formativi di ciascun studente e della natura delle difficoltà rilevate nell‟apprendimento delle varie
discipline. Subito dopo i Docenti elaboreranno ed offriranno agli Alunni con una o più discipline
insufficienti un piano di lavoro individuale che consenta loro la possibilità di progressivo recupero
dei debiti entro la metà di aprile 2011, con la definizione di uno o più momenti di verifica periodici.
L‟assegnazione del debito formativo,con il corrispondente piano di lavoro, dovrà comunque
riguardare non tutti i contenuti ma solo i nuclei tematici o le competenze-abilità risultate
insufficienti. Pertanto il piano di recupero assegnato agli alunni, le conseguenti verifiche ed
accertamenti dovranno vertere su specifici argomenti e non sull‟universo mondo, prevedendo anche
la possibilità di un progressivo recupero in itinere.
Nel biennio iniziale si presterà particolare attenzione alle carenze di strumenti culturali elementari di
partenza (motivazione allo studio, significato e metodologia dello studio, mancato sviluppo di
potenzialità possedute).
Nel triennio conclusivo si presterà particolare attenzione al mancato studio domestico, all
insufficienze disciplinari, all‟attenzione e partecipazione a scuola, alle carenze metodologiche
Il consiglio di classe infine terrà conto anche della possibilità degli studenti di raggiungere
autonomamente gli obiettivi formativi stabiliti dai docenti” (art. 4 O.M.).
Il consiglio di classe sarà tenuto a comunicare subito alle famiglie, per iscritto, le decisioni assunte,
indicando le specifiche difficoltà rilevate per ciascun alunno dai Docenti delle singole discipline e i
voti assegnati in sede di scrutinio nella disciplina o nelle discipline nelle quali non ha raggiunto la
sufficienza. Comunicherà contestualmente gli interventi didattici finalizzati al recupero dei debiti
formativi che la scuola intende portare a termine entro la fine dell‟a. sc., le modalità e tempi delle

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE   6   -
relative verifiche “documentabili”, verbalizzate su appositi moduli a ciò predisposti e registrate sul
registro personale di ogni Docente, a testimonianza dell‟attendibilità e pregnanza degli strumenti
valutativi e di omogeneità di giudizio in tutto l‟istituto.
Le verifiche, effettuate nelle ore curricolari, potranno essere scritte, scrittografiche e/o orali. Dei
risultati di tali verifiche ogni Docente è tenuto a dar comunicazione alle famiglie, utilizzando i modelli
predisposti dalla scuola.
Ne caso di insufficienze che, su motivato e documentato giudizio dei Docenti, sono imputabili
unicamente allo scarso impegno, al carente studio domestico, alla scarsa attenzione in classe e alla
frequenza discontinua non oggettivamente giustificata, si convocheranno le famiglie per insieme
sollecitare l‟alunno ad un maggior impegno.
Il Collegio favorisce le attività di tutoraggio tra alunni, impegnandosi a riconoscere agli alunni
interessati il credito scolastico, come già dichiarato e previsto al punto B/2.1.a.

-CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI
IPer l‟assegnazione del voto di profitto si individuano i seguenti criteri di riferimento:
-progresso dell'alunno rispetto alla situazione di partenza
-progresso riferito agli standard minimi irrinunciabili per accedere alla classe successiva
-progresso riferito all'andamento di tutta la classe
-progresso riferito alla storia personale e familiare
IIIl docente della disciplina propone il voto in base ad un giudizio motivato desunto dagli esiti di un
congruo numero di prove effettuate durante il pentamestre e sulla base di una valutazione
complessiva dell‟impegno, interesse e partecipazione dimostrati nell‟intero percorso formativo. La
proposta finale tiene conto delle valutazioni espresse in sede di scrutinio intermedio nonché dell‟esito
delle verifiche relative ad eventuali iniziative di sostegno e ad interventi di recupero
precedentemente effettuati.
E‟ opportuno che ogni consiglio di classe tenga presente, soprattutto nel biennio, che gli alunni sono in
fase di maturazione lenta e di attualizzazione della propria “area potenziale di sviluppo”, spesso
preceduta da numerose oscillazioni tra impegno e trascuratezza, prima di trovare un equilibrio
intellettuale. Si rileva perciò la necessità di conciliare il rigore della valutazione con l‟attenzione che
occorre nei confronti del concreto processo di apprendimento, i cui ritmi sono sempre diversi da
persona a persona e che di fatto implicano un altrettanto rigoroso discernimento. Di fronte ad
evidenti e gravi controindicazioni, nel caso di un indispensabile riorientamento riconosciuto e
dichiaratamente motivato da tutti i Docenti del consiglio di classe, si rammenta che la comunicazione
alle famiglie di un opportuno cambio di indirizzo di studi spetta unicamente al Preside e/o al
Coordinatore, nei modi più adeguati e soprattutto nei tempi più opportuni, dialogando con la famiglia,
verificando i loro intendimenti ed insieme valutando interessi ed attitudini dell‟alunno. Nessun
Docente pertanto, di sua propria iniziativa, deve permettersi iniziative non concordate.
INei confronti degli alunni che presentano una o più insufficienze, PRIMA DELL'APPROVAZIONE
DEI VOTI, il consiglio di classe, sulla base dei parametri stabiliti, procede a deliberare la promozione
o sospensione del giudizio o non promozione dell'alunno, tenendo conto:
-delle sue possibilità di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline
interessate nel corso dell'anno scolastico successivo
-della possibilità di seguire proficuamente il programma di studi previsto nell'anno scolastico
successivo.
Non possono essere considerate debiti le lievi insufficienze considerate riparabili attraverso lo
studio individuale guidato ed espresso nel piano di lavoro estivo su specifici moduli o nuclei tematici.
Il piano di lavoro dovrà ovviamente poi essere valutato all‟inizio dell‟anno scolastico con le modalità
della “didattica differenziata”, valida per tutti gli alunni, decise nell‟ambito della programmazione e
con conseguenti procedure metodologiche (es. eventuali percorsi di sostegno iniziale, attività
differenziate di riallineamento nella didattica ordinaria, ecc.). Tali lievi insufficienze pertanto non

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
dovranno escludere la promozione a giugno, che in ogni caso è assicurata se il consiglio intravede
motivatamente la consistenza e sussistenza di sufficienti conoscenze, abilità e competenze
trasversali alle varie aree disciplinari.

IDi fronte a situazioni di generalizzate e/o gravi insufficienze, dalle quali risulta chiaramente
l‟impossibilità da parte dell‟alunno di poter frequentare con successo sia i corsi estivi sia la classe
successiva, in quanto privo di basi culturali e disciplinari minime, si procede alla non promozione,
motivando adeguatamente il giudizio, con particolare riferimento all’impossibilità di ricorrere alla
sospensione del giudizio in quanto non esistono le minime condizioni necessarie e sufficienti per il
recupero estivo. Saranno pertanto dichiarati non promossi gli alunni che:
-presentano gravi lacune in più discipline, non colmate neppure parzialmente e non recuperabili entro
l‟inizio dell‟anno scolastico successivo neppure mediante appositi corsi estivi
-hanno avuto una partecipazione discontinua al dialogo educativo, anche in rapporto alla frequenza,
per cui le insufficienze ancora presenti sono attribuibili a scarso impegno e demotivazione,
nonostante le continue sollecitazioni dei docenti della classe e l‟impegno profuso in azioni di recupero
anche individuali
-non sono in possesso di abilità fondamentali o non hanno colmato le lacune di base evidenziate nella
situazione di partenza per cui non possono affrontare la classe successiva
-non hanno partecipato con profitto agli interventi didattico-educativi integrativi messi in atto dalla
scuola.

II consigli di classe dovranno invece procedere a giugno, in sede di scrutinio finale, al rinvio della
formulazione del giudizio nei confronti degli studenti per i quali è stato constatato il mancato
conseguimento della sufficienza in una o più discipline, tale da non comportare un immediato giudizio
di non promozione (“sospensione del giudizio”). I Consigli di classe sono invitati a sospendere il
giudizio nel caso di non più di due debiti. La sospensione del giudizio dovrà essere deliberata
nei casi in cui ci sia ragionevole certezza di promozione finale, ovviamente come risultato
dell’impegno e della partecipazione ai corsi estivi.
Per debiti si intendono non una lieve carenza o lacuna circoscritta, né un compito od interrogazione
deficitaria (ovvero insufficienze transeunti facilmente riparabili nell‟iter di crescita positiva
dell‟apprendimento), ma insufficienze vistose e negativamente strutturate, tali da richiedere sia un
impegno didattico differenziato (corso estivo) sia un apprendimento mirato e prolungato nel tempo
(periodo estivo).

-CORSI ESTIVI DI RECUPERO, VERIFICHE E INTEGRAZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI
I consigli di classe comunicheranno subito alle famiglie, per iscritto, le decisioni assunte, indicando
le specifiche carenze rilevate per ciascun alunno dai docenti delle singole discipline e i voti proposti
in sede di scrutinio nella disciplina o nelle discipline nelle quali l‟alunno non ha raggiunto la sufficienza
Contestualmente comunicheranno gli interventi didattici estivi finalizzati al recupero dei debiti
formativi, modalità, tempi, scadenze delle relative verifiche “documentate”.
Entro il 22 giugno sarà offerto il piano di lavoro estivo individualizzato, a cura dei docenti delle
discipline interessate, organizzato e stabilito dai dipartimenti disciplinari.
Ogni singolo debito dovrà comunque riguardare non tutti i contenuti svolti nell’anno scolastico, ma
solo i nuclei tematici o le competenze-abilità considerate essenziali, raccolte ed individuate in
non più di 3-4 moduli od unità didattiche che dovranno essere oggetto del recupero estivo, dei
conseguenti corsi estivi, delle conseguenti verifiche finali.
E‟ data facoltà ai singoli Docenti di invitare a partecipare, senza obbligo di frequenza, ai corsi estivi
di recupero anche gli alunni promossi a giugno nonostante qualche lieve carenza. In questo caro tali
corsidebbono essere intesi quale intervento di sostegno al lavoro estivo individuale che l‟alunno è
chiamato a compiere attraverso il piano estivo personalizzato.

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                         -   PAGE   6   -
Entro il 18 luglio i Docenti che svolgono il corso riproporranno agli alunni il piano di lavoro estivo,
rivedendolo ed aggiornandolo con compiti specifici, che saranno oggetto degli ultimi interventi
integrativi e delle susseguenti verifiche.
I Docenti titolari della disciplina gestori del corso estivo potranno prevedere per singoli alunni anche
la possibilità di verifiche in itinere, senza attendere la fine del corso, in qualsiasi momento, nei casi
in cui siano state raggiunte le condizioni di avvenuto superamento del debito.
Nei giorni 24-25 agosto potranno essere ripresi e concludersi i corsi estivi di recupero.
Le verifiche finali si svolgeranno nei giorni 26-27-29 agosto. La verifica documentata finale
deve essere discussa, condivisa e preparata in sede di dipartimento al fine di assicurare sia
l‟opportuna personalizzazione della prova sia la necessaria omogeneità tra classi parallele, per quanto
concerne gli obiettivi da misurare, le modalità ed i tempi della verifica stessa. Si consiglia l’utilizzo
di norma della sola prova scritta della durata di 60’.
Si rammenta che gli alunni sono obbligati a frequentare i corsi stabiliti dalla scuola. Le famiglie che
intendono provvedere per conto loro al recupero hanno l‟obbligo di comunicare alla Presidenza la
volontà di non avvalersi delle iniziative organizzate dalla scuola. Rimane comunque l‟obbligo da parte
dello studente di sottoporsi alle verifiche intermedie e finali decise dalla scuola (art.2 e 5 del D.M.),
rigorosamente rispettando i tempi e le scadenze programmate dalla scuola (non ci saranno altre
sessioni suppletive).

L’integrazione dello scrutinio finale si effettuerà nei giorni 30 e 31 agosto: si procederà alla
verifica dei risultati conseguiti e alla formulazione del giudizio definitivo, tenendo conto dei
risultati conseguiti dallo studente sia in sede di accertamento finale sia nelle varie fasi
dell’intero percorso dell’attività di recupero. Se saranno stati raggiunti gli obiettivi minimi
previsti dai moduli del piano estivo assegnato, l‟alunno sarà ammesso alla frequenza della classe
successiva senza debiti, con l‟attribuzione del punteggio del credito scolastico se frequentante il
terz‟ultimo o penultimo anno di corso. In presenza di lievi insufficienze ci si regolerà come al punto B
3.

-L‟ACCESSO AI DOCUMENTI
Alunni e Genitori (l. 241/90) possono prendere visione di qualsiasi atto e/o documento relativo alla
valutazione finale.

-LA CORRISPONDENZA TRA GIUDIZI E VOTI
3=      del tutto insufficiente = assenza delle conoscenze di base caratterizzanti la disciplina e della
metodologia corrispondente;
4=      gravemente insufficiente = gravi carenze conoscitive e metodologiche;
5=      insufficiente = assimilazione parziale, non significativa e superficiale dei contenuti e delle
procedure di applicazione, unita a metodologia non corretta;
6=      sufficiente = certa assimilazione dei contenuti e delle procedure di applicazione; carenze
nella organizzazione ed esposizione;
7=      discreto = convincente assimilazione unita a capacità di comprensione, organizzazione ed
esposizione in forma coerente
8=      buono = piena assimilazione dei contenuti unita a buone capacità di comprensione,
organizzazione, elaborazione, applicazione
9=      ottimo = piena assimilazione dei contenuti unita a ottime capacità di comprensione,
elaborazione, applicazione, approfondimento
10=     eccellente = piena assimilazione dei contenuti unita ad eccellenti capacità di elaborazione ed
approfondimento.

-I CREDITI SCOLASTICI.

                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
Il Collegio dei Docenti, per quanto concerne l‟assegnazione del/i puntoi di credito, fa riferimento alle
vigenti leggi, con specifico riferimento alla legge 169/08 relativa alla valutazione del comportamento.
In particolare il Collegio dei Docenti DELIBERA il riconoscimento dei crediti formativi e
l‟assegnazione dei crediti scolastici secondo i seguenti criteri e motivazioni:
ha diritto al/i punto/i di credito l‟alunno al quale è riconosciuta la voce A (per l‟esplicita valenza e
richiamo collegiali che tale voce attesta) più una seconda voce tra quelle sotto elencate ( B o C o D o
E o F).
La valutazione del comportamento inferiore a sette decimi preclude l‟assegnazione del/i punto/i di
credito
La valutazione del comportamento pari a 10/10 può sostituire una delle voci C o D o E
-Alla valutazione del comportamento concorrono in particolare sia la frequenza regolare ed assidua
(sono consentite non più di 15 assenze giornaliere; in casi eccezionali altri 15 giorni, a discrezione del
Preside, su richiesta documentata e certificata per gravi ragioni personali o familiari; nei giorni di
assenza vanno computate le ore perse a seguito di ritardi od uscite anticipate - ogni 5 ore = un giorno
di assenza -; assenze e ritardi per un complessivo n. di 15 gg. escludono la frequenza regolare ed
assidua), sia l‟interesse e la partecipazione alle attività curricolari. Entrambe le voci
obbligatoriamente devono comparire nelle motivazioni del credito scolastico, per l‟esplicita valenza e
richiamo collegiali che tali voci attestano. Nel caso della fascia di eccellenza, dove è prevista la
possibilità di assegnazione di due punti di credito unicamente per le classi quinte, si attribuisce un
punto se la media è inferiore a 8,50; due punti se la media è 8,50 od oltre. E‟ facoltà del singolo
consiglio di classe attribuire due punti a chi ha la media oltre 8, 35 purchè nel primo trimestre la
media dei voti abbia superato l‟8,00.
-Dieci in condotta.
-L‟interesse e partecipazione alle attività integrative, complementari e progetti del POF
-L‟interesse e partecipazione ad area di progetto e progetti specifici sul territorio
-L‟interesse e partecipazione all‟insegnamento della religione e/o attività alternative, dichiarati,
documentati e certificati dal Docente referente (art.14, cc. 2-3 dell‟‟O.M. 21.5.01, n°90)
-eventuali crediti formativi conseguenti alla partecipazione ad attività coordinate da agenzie
formative esterne alla scuola, di vasto respiro culturale sociale sportivo, coerenti con le finalità ed i
profili del liceo. Non ha diritto al punto di credito l‟alunno al quale sono riconosciuti unicamente
crediti formativi, qualunque essi siano, senza la presenza della voce A, in quanto isolati ed estranei al
contesto della condotta, della frequenza, della partecipazione, dell'interesse e dell'impegno
scolastici.

CORSI ESTIVI.: dal 22 GIUGNO al 18 luglio – dal 24 al 25 AGOSTO 2011
VERIFICHE: 26 venerdì - 27 sabato – 29 lunedì agosto 2011:
SCRUTINI INTEGRATIVI: 30 agosto martedì e 31 agosto mercoledì 2011
COLLEGIO DEI DOCENTI: GIOVEDI‟1 SETTEMBRE 2011

P01.3 BIENNIO OBBLIGATORIO
Referente: Prof.ssa Marisa Ravera
Il progetto si articola in tre momenti di lavoro: programmazione e coordinamento, Imparare a
imparare, Classi aperte.
Programmazione e coordinamento: prevede il coordinamento dei dipartimenti in ordine alla
definizione delle competenze, abilità/capacità, conoscenze riferite ai cinque assi culturali e la
definizione di criteri e parametri di valutazione, progettare modelli di certificazione mediante la
costituzione di un gruppo di lavoro e di aggiornamento.
Imparare a imparare:
OBIETTIVI:
Favorire e accrescere le capacità di apprendimento
                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
Migliorare l'utilizzo di strategie di apprendimento
Suscitare negli alunni motivazione e senso di responsabilità
Potenziare la capacità di prendere appunti
Potenziare la capacità di fare schemi
Migliorare l‟utilizzo del vocabolario
METODOLOGIE:
Nelle classi prime si effettueranno lezioni sulle tecniche di apprendimento; dopo un primo
monitoraggio nel mese di Novembre, verranno indicate eventuali difficoltà metodologiche che
dovessero permanere. Per gli allievi in difficoltà si attiverà uno sportello didattico sul metodo di
studio.
Classi aperte:
OBIETTIVI:
prevenzione del disagio e dell‟abbandono
Favorire e accrescere le capacità di apprendimento
Migliorare l'utilizzo di strategie di apprendimento
Suscitare negli alunni motivazione e senso di responsabilità
Rafforzare negli studenti gli strumenti comunicativi ed espressivi di base per poter entrare
attivamente in relazione con la realtà scolastica
rimuovere le carenze iniziali e/o colmare le lacune culturali
avviare e/o potenziare il metodo di studio
Nelle classi prime si effettueranno interventi curricolari riguardanti le materie latino, inglese,
matematica, un‟ora alla settimana per materia. le lezioni saranno articolate per classi parallele (due
classi) dividendo le stesse in tre gruppi di lavoro individuati mediante test di ingresso comuni.
Saranno utilizzati insegnanti di “supporto” per ciascuna materia. verranno effettuati monitoraggi alla
fine di ciascun modulo, della durata massima di tre settimane,per ridefinire i gruppi.

P01.4 PROGETTO “DIVERSABILE” (DIVERSAMENTE ABILE)*
Referente: Prof.ssa Marisa Ravera
L‟integrazione degli alunni portatori di handicap, prevista dalla normativa vigente, rappresenta un
obiettivo impegnativo, ma anche un‟occasione di crescita umana e di arricchimento personale per il
gruppo classe e tutte le componenti della scuola. I Consigli classe, anche attraverso le NTD (nuove
tecnologie didattiche), hanno individuato metodologie e tempi di lavoro dei percorsi di sostegno per
valorizzare le diversità degli alunni e permettere loro di sviluppare le potenzialità creative,
espressive, operative e relazionali, al fine di un futuro inserimento nell‟ambiente sociale.OBIETTIVI:
1. Sviluppare e diffondere risorse educative di sostegno agli studenti affinché sviluppino una
consapevolezza individuale della propria “diversa abilità” o di quella altrui, aiutandoli a considerare in
modo positivo le diversità.
2. Favorire l‟accettazione dei diritti delle persone disabili, aiutando i giovani a dissipare timori, miti e
pregiudizi.
METODOLOGIE:
Interventi concreti tesi a diminuire il disagio dei disabili presenti a scuola, conferenze, laboratori
(approfondimento di specifiche tematiche), organizzazione convegno.
*Interventi Progetto Comunicazione Facilitata.

P01.5 INTEGRAZIONE CULTURALE
Referente: Prof.ssa Marisa Ravera
Attivazione di un corso di alfabetizzazione di base, di un corso di potenziamento linguistico, di
interventi di mediazione linguistica.


                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE    6   -
Traduzione in diverse lingue del contratto formativo stipulato con le famiglie e delle comunicazioni
scuola-famiglia più importanti.


P01.6 AGIO E DISAGIO ADOLESCENZIALE
Referente: Prof.ssa Donatela Arnaldi
Favorire il potenziarsi nella scuola di un clima di accoglienza
Favorire relazioni positive nel gruppo classe (alunni-alunni, alunni-docenti)
Favorire la conoscenza del proprio corpo in cambiamento (adolescenza, sessualità)
Cogliere la relazione fra necessità di uso di sostanze e disagio
Aumentare la consapevolezza dei rischi legati all'assunzione di alcoolici e/o altre sostanza
Aumentare la consapevolezza dei rischi legati all'assunzione di alcoolici e/o altre sostanza quando si
guida
Accrescere la consapevolezza della relazione fra abuso di alcolici e percezione distorta della realtà
Favorire l‟assunzione di responsabilità verso se stessi e gli altri
Metodologie
Nelle classi prime si effettueranno attività di accoglienza con introduzione della figura del tutor -
alunno e del tutor – docente.
Nelle classi seconde verranno realizzati incontri con esperti del consultorio (ostetrica, ginecologo).
Nelle classi del triennio si valuteranno le specifiche richieste degli alunni e le eventuali offerte dei
servizi presenti sul territorio (SERT, consultorio….)

Per tutte le classi, in particolare per quelle del biennio, sarà attivato uno “sportello di ascolto” con
l‟intervento di un esperto psicologo.


P01.7 UN ABBRACCIO SENZA CONFINI – ADOZIONI A DISTANZA
Referente: Prof.ssa Marisa Ravera
Il progetto si propone di:
valorizzare le esperienze di adozione a distanza già in atto (n.15) ed estenderle ad altre classi;
favorire la conoscenza di altre culture e di altre realtà sociali (anche attraverso il rapporto
epistolare con l‟adottato);
organizzare mini-lezioni con supporto multimediale;
aggiornare l‟archivio multimediale;
costituire un gruppo „gestione adozioni‟ formato da un alunno per ogni classe adottante, un gruppo
„promozione‟ e un gruppo „tutor‟ formati da ragazzi aderenti al progetto.

P01.8 ORIENTAMENTO IN ENTRATA
Referente: Prof: Monica Pizzo
Il progetto si rivolge agli allievi di terza madia e alle loro famiglie. Gli obiettivi del progetto
riguardano l‟informazione del bacino d‟utenza sull‟offerta formativa del nostro Liceo (incontri presso
le scuole medie, open days, ecc.), il potenziamento dei i contatti con le Scuole Medie del territorio
per creare una RETE finalizzata ad assicurare una continuità formativa e didattica, la prevenzione del
disagio scolastico, l‟orientamento dei nuovi studenti nell‟acquisizione di consapevolezza della propria
scelta scolastica

P01.9 ORIENTAMENTO IN USCITA
Referente: Prof.ssa
Il progetto si rivolge agli allievi del biennio conclusivo e si prefigge di aiutare e guidare
all‟individuazione delle proprie attitudini; offrire un‟informazione generale più ampia e varia possibile
sulle opportunità di scelta universitaria, non solo a livello regionale, e nel contempo informare circa le
                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE   6   -
richieste del mondo del lavoro; arricchire l‟informazione attraverso un approfondimento con
specialisti del mondo universitario e del lavoro.

P01.10 SALONE ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO
Referente: Prof.ssa Patrizia Zanardi
Si tratta di un salone organizzato all‟interno della scuola in aprile con lo scopo di :
acquisire le informazioni idonee ad una scelta universitaria consapevole
raggiungere una maggiore consapevolezza lavorativa in base alle proprie attitudini e attraverso
approfondimenti con figure professionali
avviare allo sviluppo di una dimensione europea nella formazione e nell'orientamento professionale
interagire con gli Istituti Superiori locali, le Università italiane e straniere, gli operatori regionali e
provinciali delle diverse Istituzioni

P01.11 DIRITTO ALLO STUDIO
Referente: Prof.ssa Donatella Arnaldi
Nell‟intento di favorire concretamente tutti gli alunni meritevoli, sono destinate €. 2.500,00
(duemilacinquecento) per libri in comodato d‟uso e vengono altresì istituite, ogni anno, n° 20 borse di
studio per tutte le classi.
Non appena saranno disponibili le risorse finanziarie, il Consiglio di Istituto emanerà il regolamento
per le Borse di studio relative all‟anno 2009/2010 sulla base della seguente bozza.

REGOLAMENTO “ 10 BORSE DI STUDIO 2009/2010
1. Il Consiglio di Istituto nella seduta del …......................, considerata la disponibilità finanziaria
individuata nel progetto P1, denominato “diritto allo studio – solidarietà”, DELIBERA di destinare la
somma di € 2.500,00 (duemilacinquecento), attingendola dai fondi del progetto citato, per
l‟assegnazione di n. 10 borse di studio, del valore di € 250 cadauna, agli alunni più meritevoli del
LICEO SCIENTIFICO STATALE “G BRUNO” CON ANNESSA SEZIONE CLASSICA DI ALBENGA
ed in particolari condizioni economiche, a parziale copertura delle spese da loro sostenute per
l‟esercizio del diritto allo studio (mensa, libri, trasporti, fotocopie, cancelleria, materiale di consumo
vario, viaggi, ecc.).
2. Le 10 borse di studio si riferiscono all‟esercizio finanziario 2011 ed all‟anno scolastico 2010/2011.
3. Delle 10 borse di studio n. 5 sono ripartite nei tre indirizzi CLASSICO LINGUISTICO
SCIENTIFICO secondo la consistenza numerica degli alunni: 03 nell‟indirizzo SCIENTIFICO, 01 nel
CLASSICO, 01 nel LINGUISTICO. Le restanti 5 borse di studio sono assegnate sulla base di un„unica
graduatoria comprendente gli aspiranti dei tre indirizzi.
4. Sono dichiarati/e vincitori/trici gli/le alunni/e il cui profitto scolastico e la cui situazione
rispondono ai seguenti requisiti:
a. hanno frequentato con regolarità le lezioni nell‟a.sc. 2009/2010, senza superare il 10% delle
assenze giornaliere sul totale dei giorni effettivi di lezione (sono escluse dal computo le assenze
dovute a malattie certificate)
b. hanno rilevato al termine dell‟a.s. 2009/2010 non più di un debito formativo (o di una sola
insufficienza per le classi terminali)
c. hanno conseguito negli scrutini finali la media complessiva di almeno:
- 7,1 per il biennio
- 7,5 per il triennio
(con arrotondamento delle frazioni centesimali per eccesso o per difetto )
d. non hanno subito sanzioni disciplinari corrispondenti all‟allontanamento dalla scuola
e. non hanno ottenuto dalla scuola nell‟anno scolastico 2009/2010 altra borsa di studio o sussidio o
contributo

                                         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                          -   PAGE   6   -
f. il reddito complessivo del nucleo familiare di appartenenza, attestato dall‟indicatore ISEE, non
supera € 40.000.
5. Sulla base delle domande pervenute alla scuola, una apposita commissione nominata dal Dirigente
Scolastico stila la graduatoria secondo quanto stabilito al p. 7. Venendo meno anche una sola delle
condizioni di cui al p. 4, la borsa di studio è attribuita al primo alunno seguente
in graduatoria in possesso di tutti i requisiti richiesti.
6. Il Dirigente Scolastico, sentito il Consiglio di Istituto, nomina apposita commissione così composta:
due Docenti componenti del Consiglio di Istituto; due Genitori componenti del Consiglio di Istituto; il
DGSA. La Commissione elegge al proprio interno il Presidente che firma gli atti deliberativi.
7. La Commissione attribuisce le borse di studio secondo i criteri e parametri attinenti il merito e le
condizioni economiche familiari stabiliti dal Consiglio di Istituto, stabilisce le graduatorie di merito,
individua i relativi vincitori della borsa e ne dà formale comunicazione al Capo di Istituto.
8. Gli alunni interessati devono produrre domanda alla Scuola entro e non oltre il 30 settembre 2011.
Alla domanda obbligatoriamente deve essere allegata copia debitamente compilata e sottoscritta
dell‟indicatore ISEE riferito ai redditi di tutti i componenti del nucleo familiare di appartenenza
dell‟alunno.
9. La domanda non corredata della documentazione richiesta non sarà presa in considerazione.
10. Entro il 24 ottobre da parte della Commissione è data notifica all‟albo della Scuola ed agli
interessati dei vincitori delle borse di studio.
11. Avverso la decisione della Commissione è possibile il ricorso, mediante istanza scritta rivolta al
Dirigente Scolastico, da parte di chi è interessato entro e non oltre il 10 novembre. Il Dirigente
Scolastico, esaminati gli atti ed i documenti a disposizione della Scuola, decide inappellabilmente
entro e non oltre il 20 novembre 2011.
12. Entro il 30 novembre le borse di studio sono elargite agli alunni.
13. La Scuola ha facoltà di trasmettere a campione - non superiore al 10% - all‟Agenzia delle Entrate
e all'Intendenza di Finanza, per i controlli di competenza, le domande pervenute. La partecipazione al
presente bando comporta il riconoscimento di tale facoltà.

P01.12 L’EDUCAZIONE DEL CITTADINO: EDUCAZIONE STRADALE
Referente del progetto: Proff.ssa Monica Maestri
Il Progetto prevede l‟organizzazione di corsi, aperti a tutti gli alunni della scuola, per dare
l‟opportunità di conseguire il Certificato di idoneità alla guida del motorino.
I corsi verranno tenuti in collaborazione con la Polizia Municipale di Albenga.
In base al numero degli iscritti si prevede l‟organizzazione di tre corsi con relativa sessione d‟esame
per ognuno.

P01.13 VOLONTARIATO
Referenti: Prof.ssa Bruzzone Marina
Le attività di volontariato rappresentano un‟esperienza formativa nel quadro del progetto educativo
della scuola e consolidano la cooperazione tra scuola e territorio. Tali attività contribuiscono alla
crescita dell‟allievo che si impegna personalmente con una delle dimensioni fondamentali del suo
essere uomo: amare gli altri.
Attività previste: Progetto Ulisse, Istituto Trincheri, Centro culturale La Traccia, Congregazione
delle suore del SS. Natale, ADSO Savona, UILDM Sezione di Albenga.

P01.14 ORIENTAMENTO IN AMBITO SCIENTIFICO
Referenti: Prof.ssa Grazia Napoli




                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
Il progetto ha l‟obiettivo di promuovere una maggiore diffusione della cultura scientifica, stabilire un
ponte di collegamento tra liceo e università, fornire agli allievi l‟opportunità di svolgere il test di
ingresso alle facoltà scientifiche dell‟università di Genova.

P01.15 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE: CHIMICA E SCIENZA DEI
MATERIALI
Referenti: Prof.ssa Grazia Napoli
Il liceo offre un referente per i problemi di disgrafia e dislessia, per sensibilizzare allievi, docenti e
non docenti al problema e per attivare con tempestività le misure previste dalla legge in presenza di
certificazione medica.

P01.16 TEST INGRESSO UNIVERSITÀ
Referenti: Prof.ssa Grazia Napoli
Il progetto ha l‟obiettivo di promuovere una maggiore diffusione della cultura scientifica, stabilire un
ponte di collegamento tra liceo e università, fornire agli allievi l‟opportunità di conoscere il mondo
della ricerca presso alcune facoltà scientifiche dell‟università di Genova.




                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
      I PROGETTI NELLE AREE
P02 MIGLIORAMENTO E AMPLIAMENTO
      DELL’OFFERTA FORMATIVA
      PROF. MAURO BASSO




          P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                    -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
P02.1 GESTIONE SITO WEB DEL LICEO
Ref. Prof. Mauro Basso
Sito web (razionalizzazione delle modalità di aggiornamento; potenziamento delle sezioni esistenti;
studio e valutazione dell‟ampliamento della sezione didattica).
Eventuali aggiornamenti tecnologici relativi al sito web.

P02.2 ATTIVITÀ AI SENSI DELLA DIRETTIVA 133 E DEL DPR 567 -
GIORNALINO/ANNUARIO/RADIO ORIENTA
Referente: Prof. sse Maria Maddalena Bruzzone, Fausta Pansera
OBIETTIVI:
favorire la comunicazione e il confronto fra studenti attraverso un‟esperienza culturale quale la
pubblicazione periodica del giornalino d‟Istituto, in forma cartacea e/o multimediale;
stimolare gli studenti a utilizzare e migliorare le loro competenze linguistiche, multimediali e
organizzative;
produrre un documento quale l‟Annuario a commento delle attività e degli eventi di tutto l‟anno
scolastico.
Nel 2009 il Liceo ha vinto la finale dello SKYLAB SCHOOL 2009, il concorso per le scuole
superiori promosso da Radio Skylab di Varazze.

P02.3 VALUTAZIONE DI ISTITUTO
Referenti: Proff. Mauro Basso, Angela Bruzzone
L‟attività di valutazione d‟Istituto è così articolata:
Il Liceo ha aderito per tre anni al progetto del MIUR (Ministero dell‟Istruzione, dell‟Università e
della Ricerca) finalizzato alla valutazione del servizio scolastico, relativamente alle caratteristiche
organizzative e funzionali delle istituzioni scolastiche e agli apprendimenti degli alunni.
Dall‟anno scolastico 2005-2006 il Collegio dei Docenti ha stabilito di perseguire l‟obiettivo di
raccogliere informazioni su ciò che i ragazzi conoscono di matematica, su ciò che sanno di scienze e su
ciò che capiscono quando leggono un brano in italiano, in vista della dotazione della Scuola italiana di
un Sistema Nazionale di Valutazione, mirato a fornire alle singole scuole elementi utili a promuovere,
nell‟ambito dell‟autonomia, il miglioramento continuo del servizio.
Nell‟anno scolastico in corso il Liceo prenderà parte a corsi di formazione proposti da San Paolo
Scuola in tema di autovalutazione. I docenti referenti sono: Mauro Basso, Angela Bruzzone, Antonella
Mirone.

P02.4 CORSI DI MUSICA - EDUCAZIONE MUSICALE
Ref. Prof.ssa Alessandra Desalvo
Obiettivi: Fornire agli alunni interessati la possibilità di accostarsi al mondo della musica colta,
completamente dimenticata dai programmi dei Licei.
 Sarà inoltre proposto un questionario per monitorare gli interessi musicali degli alunni per
organizzare eventuali corsi di musica.

P02.5 PROGETTO CLIL (FISICA E SCIENZE IN LINGUA INGLESE)
Ref. Prof.ssa Misulla
Obiettivi: Capacità di leggere brani di un testo scientifico in lingua inglese e coglierne il significato;
capacità di esprimere concetti scientifici in lingua inglese; capacità di esporre, anche in forma
multimediale, un lavoro di ricerca eseguito in lingua inglese. Metodologie: lavoro a coppie, a piccoli
gruppi, esposizione orale supportata da lavoro multimediale.



                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
P02.6   CERTIFICAZIONI  ESTERNE                                  IN    LINGUA             STRANIERA
INGLESE/TEDESCO/FRANCESE
Referenti: Prof.ssa Nicoletta Giommarelli
I corsi sono rivolti agli alunni del Liceo in un‟ottica innovativa di sviluppo di nuove competenze e di un
nuovo profilo dello studente.
Certificazioni di Lingua Inglese : PET e FIRST
Certificazioni di Lingua Tedesca : Zertifikate Deutsch B1 e Fit in Deutsch A2
Certificazioni di Lingua Francese : Diplome Européen Langue Francaise ( DELF B1)

P02.7 LINGUA STRANIERA SPAGNOLO
Ref. Prof. ssa Nicoletta Giommarelli
Il corso, rivolto agli alunni di tutte le classi, vuole introdurre alla conoscenza delle strutture
fondamentali della lingua spagnola, con particolare attenzione alla conversazione.

P02.8 FORMAZIONE PERSONALE NELL’AMBITO DELLE NTD
Referente Prof. Mauro Basso
Attività e proposte di aggiornamento relativamente alle nuove tecnologie ed alla loro continua
evoluzione.

P02.9 CORSI ECDL
Referente Prof. Mauro Basso, Andrea Ricci
La scuola offre agli studenti la possibilità di accedere, a costi contenuti, a corsi preparatori agli
esami per il conseguimento del patentino europeo per il computer, grazie alla valorizzazione del
personale interno.

P02.10 PLANETARIO MOBILE
Ref. Prof. ssa Durante
La scuola ospita nella propria palestra un planetario, mettendolo a disposizione dei docenti di scienze,
anche in collaborazione con altre scuole.

P02.11 CL@SSI2.0
Ref. Proff. Arnaldi, Ascoli, Poggio
La scuola candida la classe 1AS al progetto ministeriale Cl@assi 2.0. volto al potenziamento
dell'utilizzo delle TIC nella didattica. Il progetto, che coinvolge tutte le componenti del Consiglio di
classe, è vincolato al finanziamento ministeriale.




                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
         I PROGETTI NELLE AREE
P03 SCAMBI, STAGES E VISITE DI ISTRUZIONE
         PROF. SABINA POGGIO




              P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                        -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
Nel corrente anno scolastico il Collegio docenti del Liceo ha deliberato di non svolgere attività di
turismo scolastico che si protraggano oltre il normale orario di servizio (8,00 – 14, 00) come forma di
protesta e di denuncia della condizione di progressivo degrado e avvilimento della scuola pubblica. Per
ogni altra indicazione si rinvia alla bacheca sindacale del sito.




                                      P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                    -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
           I PROGETTI NELLE AREE
P04 LICEO E TERRITORIO, IL VILLAGGIO GLOBALE
 PROF. ALESSANDRA DESALVO, ANDREA RICCI




                P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                          -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
P04.1 D.P.R. 567: LO SPETTACOLO
Sig.ra Elisabetta Stefani
Promuovere un progetto culturale e sociale che ha come primo obiettivo la massima diffusione della
conoscenza e della pratica musicale, concepita come potente fattore di educazione, equilibrio,
sviluppo culturale nella formazione della persona. Il progetto è rivolto a tutti gli studenti che abbiano
il piacere di suonare, di approfondire la tecnica sul proprio strumento o di affrontare per la prima
volta lo studio della musica. Finalità del progetto è di creare gruppi musicali che possano esibirsi
durante lo spettacolo di Natale e di fine anno. Annuale, con due momenti fondamentali nel corso del
progetto, quali gli spettacoli di Natale e di fine anno. Per evitare disagi durante eventuali riunio di
docenti o genitori in orario pomeridiano, sarà presentato mensilmente un calendario con gli orari
richiesti per l'accesso all'aula.

P04.2 OLIMPIADI PROBLEM SOLVING
Referenti: Prof. Ssa Sandra Sacchetti
Il progetto promuove la partecipazione alle Olimpiadi di problem solving con i seguenti obiettivi:
Valorizzare le eccellenze sviluppando le competenze di problem solving
Diffondere contenuti di informatica come metacompetenze nei processi educativi
Stimolare interesse allo sviluppo di capacità per affrontare gare
I destinatari sono gli alunni del biennio.
Metodologie: allenamenti con esercizi pubblicati su Internet allo scopo, poi gara di istituto, gara
regionale ed eventualmente nazionale.



P04.3 PROGETTO TEATRO – EDUCAZIONE AL TEATRO
Referente: Prof.ssa Verrazzani
Il progetto si articola in:
PARTECIPAZIONE A SPETTACOLI TEATRALI
conoscenza di testi teatrali significativi per l‟attività didattica;
consapevolezza della specificità del genere teatrale;
sviluppo della responsabilità individuale (puntualità - comportamento in pubblico).
ALLESTIMENTO SPETTACOLI TEATRALI
sviluppo delle capacità espressive e creative;
potenziamento della sicurezza di sé;
conoscenza di testi teatrali;
riduzione e adattamento di testi teatrali;
realizzazione della scenografia;
realizzazione di uno spettacolo di arti varie (musica, danza e prosa) nel periodo prenatalizio;
partecipazione a concorsi nazionali di teatro scolastico.

P04.5/6/7 GIOCHI DI MATEMATICA E DI FISICA – KANGOUROU DI
MATEMATICA/ KANGOUROU DI INFORMATICA
GIOCHI KANGOUROU DI MATEMATICA – CAMPIONATI INTERNAZIONALI DI GIOCHI –
OLIMPIADI DI FISICA
Ref. Proff. Sandra Sacchetti, Mauro Basso
Obiettivi:
rafforzare le capacità logiche;
utilizzare metodi e strumenti matematici e fisici in diversi ambienti e situazioni;
suscitare maggiore interesse per la matematica e la fisica;
favorire il lavoro di gruppo, valorizzando il contributo di ciascun allievo (solo per i giochi a squadre).
                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE    6   -
P04.8 KANGOUROU LINGUA INGLESE
Ref. Prof. ssa Giuseppina Verrazzani
Costruito sulla falsariga di Kangourou logico-matematico, il progetto stimola lo sviluppo di competenze
logico-linguistiche in lingua inglese e promuove la competizione tra studenti.

P04.9 CERTAMINA
Ref. Prof.ssa Angela Bruzzone
Il progetto ha come obiettivo quello di promuovere la partecipazione di alunni del liceo a concorsi
nazionali e internazionali di lingua e letterature latine e il potenziamento all‟attitudine alla ricerca e
all‟approfondimento personale.

P04.10 OLIMPIADI DELLA CHIMICA
Referente Prof.ssa Grazia Napoli
L‟obiettivo consiste nel fornire agli allievi un approccio maggiormente sperimentale allo studio delle
discipline scientifiche, stabilendo un ponte tra liceo e università.

P04.11 PER UN PUGNO DI LIBRI
Referenti: Prof. Giorgio Barbaria
La classe III B parteciperà al programma televisivo Per un pugno di libri, presentandosi su un testo di
Graham Greene, Il fattore umano

P04.12/13 SCUOLA LAVORO – STAGES ESTIVI
Referente: Prof. Grazia Napoli, Andrea Ricci
STAGES ESTIVI
Gli studenti liceali conoscono poco il mondo del lavoro. Anche se il liceo non è, per sua natura, una
scuola professionalizzante, deve ugualmente offrire ai propri alunni strumenti e occasioni per una
migliore conoscenza di questa realtà, soprattutto allo scopo di orientarli meglio in ordine alle scelte
future. La finalità principale degli stages estivi è quella di mettere a disposizione degli studenti uno
strumento in più per affrontare le successive scelte di studio e professionali.
Poiché una conoscenza del mondo del lavoro generica e astratta è senz‟altro poco utile, il progetto dei
tirocini estivi cerca di mettere gli alunni in contatto diretto con quegli ambienti di lavoro che, nel
comprensorio del liceo, sono:
disponibili ad accoglierli con serietà e responsabilità
compatibili con il tipo di formazione che la scuola ha loro offerto.
Grazie all‟esperienza già acquisita nel passato con la mediazione del Distretto scolastico, i “soggetti
ospitanti” privilegiati per il nostro liceo sono i Comuni (soprattutto biblioteche civiche e uffici
turistici, promozionali o sociali) e altri enti pubblici (ad es. l‟Azienda di promozione turistica della
Riviera delle Palme).

PERCORSI SPERIMENTALI
a Il progetto di sperimentazione di percorsi formativi in alternanza scuola lavoro ai sensi del
  Decreto Legislativo 15 aprile 2005, n.77, finanziato dall‟Ufficio Scolastico Regionale per la
  Liguria e relativo agli anni 2007-2010, che coinvolge tre classi dell‟indirizzo classico e linguistico
  (le attuali IIA, IIB e 4C) prosegue sulla base della programmazione già elaborata.

b Un secondo progetto di sperimentazione di percorsi formativi in alternanza scuola lavoro ai
  sensi del Decreto Legislativo 15 aprile 2005, n.77, finanziato dall‟Ufficio Scolastico Regionale per
  la Liguria. Tale progetto, come descritto nella apposita progettazione elaborata e inviata all‟USR
  di Genova, coinvolge le classi terze dello scientifico.
                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
P04.14 CENTROSPORTIVO SCOLASTICO
Referenti: Prof. Nicola Rossi
L‟attività si propone la costituzione di un gruppo sportivo, la partecipazione ai Campionati
studenteschi, ai Giochi della Consulta, alla manifestazione Il libro è rotondo, l‟organizzazione delle
competizioni di Istituto e la proposta di attività in ambiente naturale.

P04.15 CITTÀ, MOSAICO DI RELAZIONI
Referenti: Prof. Silvia Rossetto
L‟attività si propone di sviluppare la capacità di cogliere l'influenza dell'arte nella vita della città e di
riflettere sugli spazi urbani in cui si vive; di svolgere lavori di gruppo; di ascoltare esperienze altrui.
Si rivolge agli alunni della classe 4B.




                                         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                         -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
     I PROGETTI NELLE AREE
P05 PASSATO, PRESENTE E FUTURO
    PROF. SABINA POGGIO




         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                   -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
PO5.1 PROGETTO “MEMORIA E DOCUMENTAZIONE“
Referente: Prof. Sabina Poggio, Andrea Ricci
Il progetto è volto a coordinare le attività di prestito, catalogazione, acquisizione e conservazione del
patrimonio librario e documentario della scuola.
 Da un anno a questa parte la scuola è entrata a far parte del sistema SBN(Sistema Bibliotecario
Nazionale), consentendo la consultazione tramite OPAC on line del catalogo.




                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
    I PROGETTI NELLE AREE
P06 SICUREZZA, QUALITA’ E 150°
  PROF. ANTONELLA MIRONE




         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                   -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
P06.1 PIÙ SICUREZZA NELLA SCUOLA
Referenti: Sig. Giuseppe Curcio
Il progetto prevede:
la comunicazione agli Enti preposti perché mettano in opera tutti gli interventi necessari ad
eliminare o a ridurre le situazioni di pericolo evidenziate dal “documento di valutazione del rischio”;
l‟aggiornamento del piano di sgombero (coordinato, dove necessario, con le altre scuole dello stesso
plesso);
l‟informazione ad ogni classe dei comportamenti da seguire in situazioni di emergenza;
prove di sgombero anche insieme ad altre scuole dello stesso plesso;
completamento del “documento di valutazione del rischio” relativo al plesso di Viale Pontelungo.

P06.2 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ
Referenti: Prof. Antonella Mirone
Due anni fa l‟istituto ha ottenuto la certificazione UNI EN ISO 9001:2000, valida per il triennio
successivo e riconfermata nello scorso a.s. 2009-10. Tale certificazione impegna la scuola in un
continuo processo di miglioramento e autovalutazione e ad un confronto ripetuto con l‟ente
certificatore al fine di garantire un costante aggiornamento dell‟offerta formativa.




                                      P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                    -   PAGE   6   -
                    10. EDUCAZIONE E ISTRUZIONE
10.1 CONTRATTO FORMATIVO DELLA CLASSE
Viene formulato in collaborazione con la classe sulla base degli obiettivi e dei contenuti decisi dal
Consiglio di Classe.
E‟ la dichiarazione esplicita e partecipata dell‟operato della Scuola.
L‟allievo deve conoscere:
-        gli obiettivi didattici ed educativi del suo curricolo;
-        il percorso per raggiungerli;
-        le fasi del suo curricolo.
Il Consiglio di Classe deve:
-        esprimere la propria offerta formativa;
-        motivare il proprio intervento didattico;
-        esplicitare le strategie, gli strumenti di verifica, i criteri di valutazione.
Il genitore deve:
conoscere l‟offerta formativa;
esprimere pareri e proposte;
tenersi informato circa il percorso scolastico del figlio;
collaborare nelle attività.



10.2 VALUTAZIONE FINALE
Sono ammessi alla classe successiva gli alunni che abbiano ottenuto almeno 6/10 in ciascuna
disciplina.
Il voto di condotta, proposto dal Coordinatore di classe, tiene conto del comportamento,
dell‟interesse, dell‟impegno, della frequenza e del contegno con docenti e compagni.
Il voto di profitto è proposto dal docente di ogni disciplina in base ai risultati delle verifiche
effettuate e, in mancanza di contestazioni, viene automaticamente approvato dal Consiglio di Classe;
in caso contrario le deliberazioni vengono adottate a maggioranza (qualora il risultato della votazione
sia di parità, prevale il voto del Dirigente Scolastico).
Tutti i voti sono collegiali in quanto espressione del Consiglio di Classe e non del singolo docente.
Gli insegnanti, in conformità con quanto deliberato dal Collegio dei Docenti, nell‟assegnazione dei
voti tengono conto:
a-del progresso dell‟alunno rispetto ai livelli di partenza
b-del raggiungimento degli obiettivi minimi per l‟ammissione alla classe successiva
c-del livello di autonomia nello studio e delle capacità di orientamento nella realtà scolastica
dell‟allievo.



10.3 CRITERI PER L’ASSEGNAZIONE DEL CREDITO
Il Collegio, nella seduta del 9/9/05, approva all‟unanimità la proposta e delibera quanto segue:
1.      Ai sensi delle vigenti leggi il riconoscimento dei crediti formativi e l‟assegnazione dei crediti
scolastici sono definiti secondo i seguenti criteri e motivazioni:
A      frequenza regolare e assidua (sarà considerata regolare la frequenza se le assenze non
supereranno i 15 giorni, compresi quelli di malattia. Nel computo rientrano anche le entrate
posticipate e le uscite anticipate, calcolate in base al numero di ore di assenza. Ogni 5 ore verrà
conteggiato un intero giorno di assenza. In casi eccezionali di gravi motivi familiari o di degenze

                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
ospedaliere o malattie prolungate e certificate, la presidenza potrà valutare se considerare regolare
la frequenza nonostante ulteriori quindici giorni di assenza. Oltre i trenta giorni la frequenza sarà in
ogni caso considerata irregolare);
B.       interesse e partecipazione alle attività curricolari;
C.       interesse e partecipazione alle attività integrative, complementari e progetti del POF;
D.       interesse e partecipazione ad area di progetto e progetti specifici sul territorio;
E.       interesse e partecipazione all‟insegnamento della religione e/o attività alternative (art.14, cc.
2-3 dell‟‟O.M. 21.5.01, n°90);
F.       eventuali crediti formativi conseguenti alla partecipazione ad attività coordinate da agenzie
formative esterne alla scuola, di vasto respiro culturale, sociale, sportivo, coerenti con le finalità e i
profili del liceo;
2.       Sulla base dei risultati finali, in osservanza dei criteri sopra descritti e delle norme vigenti,
con particolare riferimento alla O.M. permanente, ogni Consiglio di classe delibera il riconoscimento
dei crediti formativi e l'assegnazione dei crediti scolastici, conformemente ai seguenti parametri:
ha diritto al punto di credito l‟alunno al quale sono assegnate almeno 3 voci sulle 6 sopra elencate, tra
le quali obbligatoriamente devono comparire A e B, per l‟esplicita valenza e richiamo collegiali che tali
voci attestano;
i crediti formativi, qualunque essi siano, da soli - ovvero in quanto isolati ed estranei al contesto della
frequenza, della partecipazione, dell'interesse e dell'impegno scolastici - non sono sufficienti ad
assicurare la totalità del punto; sono pertanto necessarie le voci riferite ad A e B.
In seguito, nella seduta dell‟11 /9/09, il Collegio ha deliberato a maggioranza che, relativamente alla
fascia dell‟eccellenza, verrà attribuito un ulteriore punto di credito ad allievi che abbiano conseguito
la media nella fascia tra 8,40-8,49 e nel trimestre dello stesso anno scolastico abbiano avuto
votazioni di eccellenza.



10.4 CRITERI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DELLE CLASSI
Il Dirigente Scolastico procederà alla formazione omogenea delle classi prime del Liceo tenendo
conto dei criteri generali deliberati dal Consiglio di Istituto e delle proposte formulate dal Collegio
dei Docenti.


Per ulteriori informazioni vedi allegato Scelte pedagogico-didattiche.




                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
         11. ORGANIGRAMMA DI ISTITUTO
                           DIRIGENTE SCOLASTICO
                           Prof. Gian Maria Zavattaro




 1° COLLABORATORE                                             2° COLLABORATORE:
   con funzione di vicario                                 Prof.ssa Alessandra Desalvo
    Prof. Andrea Ricci



                             FUNZIONI OBIETTIVO

COLLABORATORE con funzioni strumentali al P.O.F. -
FUNZIONE AREA 1 (Accoglienza/integrazione, diritto allo
studio, giovani, agio – disagio, ascolto, rapporti con le famiglie,   RAVERA Marisa
enti locali, associazioni, scuole – handicap – volontariato –
educazione alla salute)



COLLABORATORE con funzioni strumentali al P.O.F. -
FUNZIONE AREA 2 (Stesura POF- Regolamento - Viaggi di                 POGGIO Sabina
istruzione, scambi – coordinamento progetti - Biblioteca )


COLLABORATORE con funzioni strumentali al P.O.F. –
FUNZIONE AREA 3 (Innovazione e sperimentazione, riforma,
biennio obbligatorio, nuovi indirizzi, sostegno e recupero – sito     BASSO Mauro
web – nuove tecnologie didattiche – formazione in servizio –
autovalutazione (rapporti tra i tre indirizzi))


COLLABORATORE con funzioni strumentali al P.O.F. –
FUNZIONE AREA 4 (Orientamento in entrata ed in uscita –               ZANARDI Patrizia
Rapporti con le scuole)



COLLABORATORE con funzioni strumentali al P.O.F. -
FUNZIONE AREA 5 (Qualità – Autovalutazione – Sicurezza –
                                                                      MIRONE Antonella
CLIL – 150° e 40° anniversari Ginnasio e Scientifico – 150°
unità d‟Italia)




                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                            -   PAGE   6   -
REFERENTI E COMPONENTI COMMISSIONI
RAPPRESENTANTE della DIREZIONE per la QUALITÀ                      ZAVATTARO Gian Maria


RESPONSABILE GESTIONE QUALITÀ                                      MIRONE Antonella


FIDUCIARI SUCCURSALE – Via Dante                                   RICCI – supplente MIRONE


FIDUCIARI SUCCURSALE - S.Domenico                                  RICCI – supplente MEROLA


FIDUCIARI Scientifico                                              DESALVO - supplente MALCO


COMMISSIONE operativa ORARIO                                       MEROLA Nicola – MIRONE Antonella


                                                                   RICCI Andrea – DESALVO Alessandra -
COMMISSIONE operativa ELETTORALE
                                                                   STEFANI Elisabetta –PORCELLA Enrica


COMMISSIONE operativa SUPPLENZE                                    SCIANDRA Daniela – PORCELLA Enrica


1
    RESPONSABILI LABORATORI informatici multimediali               BASSO – MEROLA - MIRONE


RESPONSABILE LABORATORIO Scienze di Pontelungo                     NAPOLI


RESPONSABILE LABORATORIO Fisica di Pontelungo                      CARRERA


RESPONSABILE LABORATORIO Scienze-Fisica di Via Dante               ARNALDI


RESPONSABILE PALESTRA di Pontelungo                                ROSSI


RESPONSABILE PALESTRA di Campolau                                  COLOTTO


RESPONSABILE BIBLIOTECA                                            POGGIO - ZUCCHINI


RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE e PROTEZIONE                     CURCIO Giuseppe


RAPPRESENTANTE dei LAVORATORI per la SICUREZZA                     POGGIO Sabina


REFERENTE EDUCAZIONE STRADALE                                      MAESTRI Monica


REFERENTE DSA                                                      MAESTRI Monica


Articolazione del Collegio Docenti – REFERENTI GRUPPO DI
                                                                   ARNALDI Donatella - BRUZZONE Marina
LAVORO 1) Accoglienza e patto territoriale -rapporti con gli


                                         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
studenti e famiglie, integrazione socio – culturale – handicap –
volontariato – educazione alla salute



Articolazione del Collegio Docenti – REFERENTE GRUPPO DI
                                                                      SACCHETTI (per viaggi di istruzione)
LAVORO 2) POF- Viaggi di istruzione, scambi – Biblioteca –
IDEI e Sportelli Didattici


Articolazione del Collegio Docenti – REFERENTE
COMMISSIONE DI LAVORO 3) Riforma -. Sito web – Nuove                  GAZZO Natalia
tecnologie didattiche – Formazione in servizio –Autovalutazione


Articolazione del Collegio Docenti – REFERENTE
COMMISSIONE DI LAVORO 4) Orientamento in entrata ed in                PIZZO Monica
uscita – Rapporti con le scuole


Articolazione del Collegio Docenti – REFERENTE
                                                                      STEFANI Elisabetta
COMMISSIONE DI LAVORO 5) Qualità – Valutazione


COORDINATORI di DIPARTIMENTO Matematica e Fisica                      MISULLA – CARRERA - SACCHETTI


COORDINATORE di DIPARTIMENTO Scienze                                  NAPOLI


COORDINATORE di DIPARTIMENTO Storia e Filosofia                       RICCI


COORDINATORE di DIPARTIMENTO Lettere nel Classico                     ZUCCHINI


COORDINATORE di DIPARTIMENTO Lettere + Diritto                        DESALVO – POGGIO - MARTINOTTI


COORDINATORE di DIPARTIMENTO Lingue                                   PIZZO


COORDINATORE di DIPARTIMENTO Disegno e St.Arte                        VERDA


COORDINATORE di DIPARTIMENTO Ed. Fisica                               COLOTTO


COORDINATORE di DIPARTIMENTO Religione                                LANTERI


                                                                      MIRONE – SACCHETTI – MAESTRI –
COORDINATORI PER IL BIENNIO
                                                                      GAZZO


                                                                      ROSSI – RAVERA – RIVELLA –
DOCENTI TUTOR PER IL BIENNIO                                          BRUZZONE M.M.




GRUPPO ACCOGLIENZA                                                    RAVERA – ARNALDI – BRUZZONE M. –


                                            P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                            -   PAGE   6     -
                                                                               BRUZZONE M.M. – RIVELLA – ZUNINO –
                                                                               PARODI – GIOMMARELLI - GAZZO


ORGANO DI GARANZIA
                                                                               COSTANZO Piercarlo



FUNZIONARIO INCARICATO OSSERVANZA LEGGI 584/75
                                                                               BUCCICARDI ANTONELLA
E 448/01 (DIVIETO DI FUMO)


                                                                               RICCI, BASSO, BRUZZONE Angela,
COMITATO DI VALUTAZIONE
                                                                               PANSERA



1 Le competenze del Responsabile di laboratorio e della palestra
      Giuridicamente è sub-consegnatario dei beni mobili che compongono ogni singolo laboratorio di cui ha, per il periodo
       di consegna,piena responsabilità e di cui risponde a tutti gli effetti (art. 27 D.I. n.44/2001: “La custodia del
       materiale didattico tecnico e scientifico dei gabinetti, dei laboratori e delle officine è affidata dal D.S.G.A., ai
       rispettivi docenti mediante elenchi descrittivi compilati in doppio esemplare, sottoscritti dal D.S.G.A e dal docente
       interessato che risponde della conservazione del materiale affidatogli. L‟operazione dovrà risultare da apposito
       verbale”).

      In tale veste, provvede al controllo del materiale, al coordinamento delle attività nell‟utilizzo del laboratorio da
       parte di più docenti, alla tempestiva segnalazione delle anomalie, guasti,furti, ecc.,che si dovessero verificare
       avvalendosi della collaborazione del personale tecnico.

      Fa osservare il regolamento d‟uso del laboratorio e ne propone le opportune integrazioni e rettifiche.

      Fa proposta alla commissione acquisti e collaudi ed esprime pareri e proposte al Preside ed al Consiglio di Istituto in
       ordine alle spese di investimento e di funzionamento inerenti il materiale da destinare al laboratorio di cui è
       responsabile. Firma i verbali di collaudo dei beni di nuovo acquisto ed i verbali di scarico inventariale dei beni non più
       utilizzabili.

      Controlla l‟uso del materiale di consumo necessario al funzionamento del laboratorio, dispone in merito alle giacenze
       ed alle scorte del materiale stesso coordinandosi con gli assistenti tecnici perché provvedano a richiederne i
       rifornimenti presso il competente ufficio.

      Provvede a fornire al personale ausiliario tutte le istruzioni necessarie alla pulizia dei locali e del materiale del
       laboratorio.

      Nell‟ambito dell‟autonomia e dell‟autorità di cui è investito dispone quanto è necessario per l‟ottimale organizzazione
       ed il miglior funzionamento del laboratorio.


CONSIGLIO DI ISTITUTO1
Genitori                      Alunni                        Docenti                                A.T.A.

CRESPIANI Andrea              CALVO Gianluigi               Basso Mauro                            RASO Wanda

DUTTO Laura                   GALLEA Eugenio                MIRONE Antonella                       BUZZI Luca

IMMORDINO Gabriella           BOVA Roberto                  BRUZZONE M. Maddalena

INFURNA Rosella               FIORI Marco                   MEROLA Nicola

                                                            PIZZO Monica

                                                            PANSERA Fausta


                                               P.O.F.    A.S. 2010-2011
                                                                                                          -    PAGE     6      -
                                                                      POGGO Sabina

                                                                      GAZZO Natalia

1 Il Consiglio di Istituto è il supremo organo esecutivo in cui sono rappresentate tutte le componenti della scuola ed ha il compito di
     deliberare gli indirizzi generali, il bilancio, i regolamenti interni, i piani degli acquisti, il calendario scolastico, i criteri generali per
     la programmazione educativa, per le attività extracurriculari e di sostegno o prevenzione.

CONSULTA DEGLI STUDENTI: LUPO Francesco, GIRALDI Giulio

RESPONSABILI LABORATORI
Chimica di Pontelungo                                                     Arnaldi

Fisica di Pontelungo                                                      Carrera

Chimica-Fisica di Via Dante                                               Durante

Informatici-multimediali                                                  Basso, Merola

Biblioteca                                                                Poggio (Pontelungo) – Zucchini (via Dante)

Palestra di Pontelungo                                                    Rossi

Palestra di Campolau


RSU1: Divizia, Poggio (uscenti)

COLLEGIO DEI DOCENTI2
DOCENTE                                                                       MATERIA



Arnaldi                                Donatella                              scienze

Ascoli                                 Sandra                                 lingua inglese

Barbaria                               Giorgio                                latino e greco

Basso                                  Mauro                                  matematica e fisica

Biancu                                 Andrea                                 Italiano e latino

Birocchi                               Grazia                                 filosofia e storia

Bogliolo                               Cristina                               lingua inglese

Bruzzone                               Angela                                 italiano e latino

Bruzzone                               Maria Maddalena                        italiano e latino


1
         Le Rappresentanze Sindacali Unitarie sono formate dai docenti e dal personale A.T.A. eletti per condurre la
contrattazione integrativa di Istituto con il Dirigente Scolastico relativamente alle aree di intervento non disciplinate dal
Contratto Collettivo Nazionale.
2
            Il Collegio dei Docenti, composto da tutti gli insegnanti in servizio, ha il compito di deliberare in materia didattica:
fissa le linee generali dell‟azione educativa, formula proposte per la formazione delle classi e l‟assegnazione ad essa dei
docenti, delibera sulla suddivisione dell‟anno scolastico, provvede all‟adozione dei libri di testo, adotta o promuove le iniziative
di sperimentazione, di aggiornamento, di sostegno, recupero e ogni altra attività con rilevanza sugli aspetti didattici.
                                                       P.O.F.     A.S. 2010-2011
                                                                                                                         -    PAGE       6   -
Bruzzone            Marina                        matematica e fisica

Cannatà             Luciana                       lingua francese

Carrera             Manuela                       matematica e fisica

Colotto             Armando                       ed fisica

Costanzo            Piercarlo                     italiano e latino

Cotta               Giuseppina                    Scienze

Demeglio            Luisa                         italiano e latino

Demicheli           Fiorella                      matematica

Desalvo             Alessandra                    italiano e latino

Durante             Gabriella                     scienze

Ferrando            Maria Maddalena               matematica

Figone              Adriana                       matematica e fisica

Frauto              Caterina                      Educazione fisica

Gaab                Angelika                       Lingua tedesca conversazione

Gallizia            Alfredino                     lingua inglese

Gastaldi            Monica                        Lingua tedesca

Gazzo               Natalia                       latino e greco

Giannantonio        Riccardo                      diritto

Giommarelli         Nicoletta                     lingua inglese

Giudice             Alberta                       Storia e filosofia

Giusto              Franca                        latino e greco

Lanteri             Carlo                         religione

Lavagna             Edoarda                       ed fisica

Leinfels Crocetta   Diana                         lingua ted conv

Levi                Luciana                       arte

Maestri             Monica                        italiano e latino

Maghella            Danio                         sostegno

Malco               Angela                        italiano e latino

Manzini             Valentina                     italiano e latino

Manzino             M. Cristina                   italiano e latino

Marmiroli           Daniela                       scienze

Martino             Sofia                         religione

Martinotti          Nicoletta                     italiano e latino
                                  P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                  -   PAGE   6   -
Merola        Nicola                       matematica e fisica

Minacapilli   Filippina                    italiano e latino

Mirone        Antonella                    lingua inglese

Misulla       Paola                        matematica e fisica

Napoli        Grazia                       scienze

Nasi          Stefano                      latino e greco

Palmonella    Francesca                    italiano e latino

Pansera       Maria Fausta                 italiano e latino

Parodi        Liana                        italiano e latino

Piccinini     Roberto                      lingua tedesca

Pizzo         Monica                       lingua inglese

Poggio        Sabina                       italiano e latino

Pupo          Michele                      Matematica e fisica

Raimondo      Silvana                      matematica e fisica

Rapanà        Maria Rosaria                matematica e fisica

Ravera        Marisa                       religione

Resio         Antonello                    filosofia e storia

Ricci         Andrea                       filosofia e storia

Rivella       Giuseppina                   latino e greco

Rolando       Rossana                      filosofia e storia

Rollero       Patrizia                     Matematica e fisica

Rossetto      Silvia                       arte disegno

Rossi         Nicola                       ed fisica

Ruet          Armelle                      lingua fran conv

Sabatino      Massimo                      Educazione fisica

Sacchetti     Sandra                       matematica

Saldigloria   Marianna                     Arte disegno

Salvatico     Franca                       filosofia e storia

Scalise       Ines                         Lingua spagnola conversazione

Sclapari      Nadia                        lingua ing conv

Tosi          Gianmarco                    sostegno

Trombone      Michele                      Educazione fisica

Verda         Andrea                       arte disegno
                           P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                           -   PAGE   6   -
Verrazzani                         Giuseppina                          lingua inglese

Vurro                              Pierluigi                           Arte disegno

Zanardi                            Patrizia                            lingua inglese

Zanelli                            Giovanni                            Storia e filosofia

Zerbone                            Ariana                              Scienze

Zucchini                           Valeria                             italiano e latino

Zunino                             Maria Isolina                       italiano e latino



                    COORDINATORI                            3
                                                                                                               SEGRETARI

1 AS                POGGIO                                                                           VERDA
1 BS                PUPO                                                                             PALMONELLA
1 CS                VERRAZZANI                                                                       TOSI
1 DS                ASCOLI                                                                           MANZINO
2A                  COSTANZO                                                                         BIANCU
2B                  GIOMMARELLI                                                                      MANZINI
2D                  RAPANA‟                                                                          DEMEGLIO
2E                  GIOMMARELLI                                                                      RATTO
3A                  DESALVO                                                                          ROSSI


3
            Le funzioni centrali del coordinatore di classe sono la progettazione e programmazione, il coordinamento didattico
ed organizzativo, la gestione delle attività didattiche specifiche del progetto di classe, la verifica-valutazione, i rapporti con
l‟esterno.
           Il coordinatore rappresenta la classe e cura i rapporti con i Genitori.
           Opera sulla base delle decisioni e delle direttive didattiche stabilite dal Collegio dei Docenti e su delega del
Dirigente per quanto concerne l‟aspetto organizzativo e gestionale.
           Coordina la definizione all‟interno del Consiglio di classe degli obiettivi conseguibili nell‟anno, dei contenuti , delle
risorse e dell‟organizzazione. Coordina la presentazione del piano di lavoro ed assicura la realizzazione degli impegni assunti
dal C. di Cl. Al termine dell‟anno coordina la stesura della relazione finale, secondo modalità predefinite di autovalutazione,
firmando gli atti relativi a nome dei Docenti.
           Può convocare, dandone preavviso al Preside, il Consiglio di Classe, che presiede in sua assenza, proponendo l‟odg e
predisponendo eventuale materiale.
            Assicura la circolarità delle informazioni e comunicazioni all‟interno della classe; cura la comunicazione delle
decisioni del Consiglio agli studenti e loro famiglie.
           Coordina il tempo flessibile della classe, ne stabilisce periodicamente l‟utilizzo mediante accordi con i Docenti e gli
studenti della classe, ne dà comunicazione in forma scritta al Preside.
           Coordina le proposte di acquisto di libri, sussidi e strumenti didattici.
           Garantisce agli alunni, sulla base delle indicazioni collegiali, la ragionevole distribuzione del carico di lavoro ed il suo
effettivo rispetto.
           E‟ invitato ad incontrarsi periodicamente (2-3 volte l‟anno) con la presidenza e gli altri coordinatori.
           Le competenze richieste per esercitare il ruolo presuppongono conoscenze e capacità di utilizzo dei metodi e
tecniche in ambiti quali: la comunicazione, le relazioni interpersonali, l‟uso diagnostico delle informazioni, l‟analisi dei processi
di negoziazione/contrattazione e dei processi decisionali, la conduzione di gruppo, la programmazione ed il controllo, il
problem solving. Tali competenze possono essere acquisite e certificate anche tramite opportune attività di autoformazione
mirate, gestite dal Liceo.
           Le funzioni del Coordinatore e del Tutor sono remunerate con il fondo dell‟istituzione sulla base della complessità
della classe (classe iniziale o terminale, n° alunni) e degli obiettivi attesi e conseguiti. Le modalità e le condizioni di tale
remunerazione sono definite nell‟ambito della contrattazione di istituto.



                                                  P.O.F.    A.S. 2010-2011
                                                                                                              -    PAGE     6   -
3   B        MAESTRI                                     GIUDICE
3   D        POGGIO                                      COLOTTO
3   E        MINACAPILLI                                 NAPOLI
4   A        CARRERA                                     ZANELLI
4   B        COSTANZO                                    MISULLA
4   D        MALCO                                       FIGONE
4   E        PANSERA                                     GALLIZIA
4   F        MARTINOTTI                                  SABATINO
4   G        CARRERA                                     ROLLERO
5   A        BASSO                                       ZANARDI
5   B        MAESTRI                                     GALLIZIA
5   D        MALCO                                       MARMIROLI
5   E        MINACAPILLI                                 RAIMONDO



LICEO CLASSICO E LINGUISTICO

1 AC         NASI                                        ARNALDI
VA           RIVELLA                                     LEVI
IA           ROLANDO                                     PIZZO
II A         GIUSTO                                      ONNENMBO
III A        BRUZZONE A.                                 MEROLA
VB           GAZZO                                       BOGLIOLO
IB           ZUCCHINI                                    DURANTE
II B         BARBARIA                                    LAVAGNA
III B        BRUZZONE M.                                 SALVATICO

1 AL         ZUNINO                                      TROMBONE
1 BL         FERRANDO                                    FRAUTO
1 CL         VERRAZZANI                                  DEMICHELI
2C           MIRONE                                      GIANNANTONIO
2K           BRUZZONE M.M.                               ZERBONE
3C           PICCININI                                   CANNATA‟
4C           PICCININI                                   COTTA
5C           BRUZZONE M.M.                               SACCHETTI



PERSONALE ATA
SEGRETARIO SCOLA Pier Luigi

VIALE PONTELUNGO
ASSISTENTI AMMINISTRATIVE
ASSISTENTI TECNICI

COLLABORATORI SCOLASTICI

BUCCICARDI         Antonella

DIVIZIA            Nella
                               P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                             -   PAGE   6   -
PORCELLA            Enrica
RASO                Wanda
SCIANDRA            Daniela
STEFANI             Elisabetta

CURCIO      Giuseppe
TETI Antonio
CONDELLO        Filomena
FERRARA         Fortunata
MURATORE            Piera ROSI                   Giacomo
TRIMBOLI            Rosaria
VALLE               Angela
ZANNINO             Angela




VIA DANTE
ASSISTENTI AMMINISTRATIVE
ASSISTENTI TECNICI

COLLABORATORI SCOLASTICI

PERRI Giovanni
BUZZI          Luca
CORRICCIATI Gianluca

BAGGIERI            Filippo
FUSCO                Felicia
GRELLA         M. Antonietta
PELLITTERI          Liboria
PRONELLO            Mario




S. DOMENICO E CAMPOLAU
ASSISTENTI AMMINISTRATIVE
ASSISTENTI TECNICI

COLLABORATORI SCOLASTICI




BUZZI        Luca
CHIA         Paola
VIOLI        M.Teresa
SCIASCIA     Luigi




                                 P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                           -   PAGE   6   -
         12. ORARIO E CALENDARIO SCOLASTICO
12.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA
Il Liceo ritiene fondamentale, sul piano educativo, un corretto rapporto di collaborazione con le
famiglie, che restano le principali titolari del processo educativo dei figli. Il costante rapporto con i
genitori degli alunni favorisce interventi tempestivi sul piano didattico e formativo. In particolare si
prevedono:
un piano organico di colloqui settimanali con i docenti delle singole discipline in orario scolastico
antimeridiano;
un ricevimento generale con la presenza contemporanea di tutti i docenti;
possibilità di concordare con i docenti eventuali momenti di incontro;
l‟apertura dell‟Istituto per favorire gli incontri dei genitori che ne facciano richiesta attraverso i
rappresentanti di classe;
la libertà di partecipazione dei genitori ad alcune attività complementari e integrative;
partecipazione dei genitori a tutte le commissioni di lavoro.

Servizio Scuola Net: nasce in questa ottica il servizio Scuola Net, che permette ai genitori di
consultare on line, da casa o da qualsiasi postazione internet, una serie di informazioni rese disponibili
dagli archivi anagrafici e didattici della scuola riguardanti l‟attività scolastica dei propri figli.
L‟accesso a ScuolaNET avviene mediante chiavi individuali (identificativo utente e password)
comunicate agli interessati con lettera privata, che garantisce la necessaria privacy.
L‟uso del software è molto semplice ed intuitivo.

L’Associazione dei Genitori degli Studenti del Liceo “Giordano Bruno” è stata costituita nel marzo
2002 al fine di collaborare con tutte le componenti scolastiche: alunni, insegnanti, personale della
scuola, collaboratori scolastici e dirigente scolastico. Aderendo all‟Associazione e sostenendola, ogni
famiglia può contribuire a creare forti sinergie fra tali componenti e, offrendo suggerimenti, pareri,
                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
esperienze diverse, può partecipare direttamente alle scelte educative della propria Scuola. Il
servizio potrà essere così migliorato e la Scuola stessa esprimerà la propria identità non solo
attraverso i contenuti del Piano dell‟Offerta Formativa, ma anche attraverso gli stili di
partecipazione.
L‟Associazione informa tutti i genitori tramite il sito Web del Liceo e una propria bacheca presente in
tutte e due le sedi dell‟Istituto.

L’Associazione ACALI (Associazione Culturale Amici dei Licei Ingauni) è aperta anche a tutti i
genitori, che porteranno un contributo concreto alla soluzione dei problemi e delle esigenze
dell‟Istituto.
L‟Associazione, costituitasi nel 1997, si pone al servizio del Liceo per attività quali l‟orientamento
universitario e professionale o l‟organizzazione di incontri, dibattiti, seminari volti al mantenimento
del buon livello di diffusione della cultura liceale.

Grazie alla donazione della signora Bianca Menchetti PORELLO sono stati istituiti:
una borsa di studio annuale per sostenere le spese del primo anno universitario di alunni
particolarmente meritevoli e rientranti nelle condizioni economiche previste dal bando di concorso;
il premio “Memorial Antonio Porello, multimedialità in classe” da conferirsi ogni anno, per concorso,
ad alunni, in libera aggregazione di numero e/o classi, per lavori didattico-educativi con utilizzo delle
nuove tecnologie.


12.2 SUDDIVISIONE ANNO SCOLASTICO E PIANO ANNUALE DELLE
ATTIVITA’ COLLEGIALI
La suddivisione dell‟anno scolastico è prevista in trimestre e pentamestre.
Il calendario scolastico è quello stabilito a livello regionale, anche se prevede una settimana di
sospensione didattica da lunedì 15 febbraio a sabato 20 febbraio 2010.
 Il ricevimento generale parenti, in orario pomeridiano, si svolgerà a gennaio 2010 in date da
    stabilirsi.
I consigli di classe, aperti a tutte le componenti, si sono riuniti nel mese di ottobre per le attività di
accoglienza delle classi iniziali, nel mese di novembre per la programmazione didattica, e, per la
verifica di questa, nei periodi di dicembre e marzo.

12.3 SERVIZI DIRETTIVI E AMMINISTRATIVI
Gli orari di ricevimento sono ampiamente pubblicizzati sul sito del Liceo.


Il Dirigente Scolastico riceve il pubblico su appuntamento telefonico tutti i giorni.

    ORARIO DI APERTURA DEL LICEO: per esigenze organizzative, nel corrente anno scolastico,
     la scuola osserverà le seguenti aperture pomeridiane per le ordinarie attività
     extracurriculari:
 Sede di Viale Pontelungo lunedì – mercoledì – giovedì
 Sede di Via Dante martedì – venerdì
Tale orario potrà subire modifiche in occasione di incontri collegiali.
Si precisa che la Segreteria osserverà il seguente orario:
Sede di Viale Pontelungo:
Dal lunedì al sabato dalle ore 10,00 alle ore 12,00
Il lunedì e il giovedì pomeriggio dalle ore 15,00 alle ore 17,00
Sede di Via Dante (a partire da martedì 12 ottobre 2010)
martedì – giovedì – venerdì dalle ore 10,00 alle ore 12,00

                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
    L‟orario dei Servizi Amministrativi viene adeguatamente pubblicizzato all‟inizio di ogni anno
    scolastico con affissione all‟Albo e comunicazione agli alunni. Nel periodo estivo (dal 10 luglio al
    31 agosto) la Segreteria è aperta al pubblico solo al mattino dalle ore 9.30 alle 12.30.


Il rilascio di diplomi e di certificati viene effettuato nel normale orario di apertura di Segreteria al
pubblico entro il termine massimo di 3 giorni lavorativi per quelli di iscrizione e frequenza e di 5
giorni per quelli con votazioni e/o giudizi.
I documenti di valutazione degli alunni sono consegnati direttamente dal Dirigente Scolastico o dai
Docenti incaricati entro 5 giorni dal termine delle operazioni generali di scrutinio.

La scuola assicura all‟utente tempestività di informazione anche telefonicamente.


Tutti gli orari che riguardano il servizio dei Docenti, il ricevimento settimanale dei parenti, le
funzioni del personale amministrativo, tecnico, ausiliario/A.T.A. sono pubblicizzati all‟Albo della scuola
per assicurare all‟utente la necessaria informazione.


Sono pubblicizzati altresì:
l‟organigramma degli uffici;
l‟organigramma degli Organi Collegiali;
l‟organico del Personale Docente e A.T.A.

La scuola offre la disponibilità di appositi spazi per:
bacheca sindacale
bacheca per gli studenti
bacheca dei genitori
L‟ingresso della scuola è sempre custodito dalla presenza degli Operatori Scolastici Ausiliari, con
relativo cartellino di identificazione, in grado di fornire le prime informazioni.
ORARIO DI RICEVIMENTO DEI PARENTI




                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
                             3. USO DELLE RISORSE
Sede Centrale:
Utilizzo dei Laboratori Multimediale e di Informatica: per tutte le classi del P.N.I, per tutti gli
alunni e i Docenti che ne richiedano l‟utilizzo in funzione delle attività previste dal P.O.F.
Utilizzo del Laboratorio di Fisica: per tutte le classi in relazione alle necessità e ai programmi degli
Insegnanti interessati.
Utilizzo del Laboratorio di Chimica: per tutte le classi in relazione alle necessità e ai programmi
degli Insegnanti interessati.
Utilizzo del Laboratorio Linguistico: per tutte le classi della Sperimentazione Linguistica e per le
classi di cui gli insegnanti ne richiedano l‟utilizzo.


                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
Utilizzo dell‟Aula di Disegno: per tutte le classi secondo le necessità e i programmi degli insegnanti
interessati.
Utilizzo dell‟Aula Magna con relativi audiovisivi:
       a)per proiezioni durante le ore scolastiche: per tutte le classi purché accompagnati da un
       Docente e previa prenotazione;
       b)per realizzare Progetti di attività deliberate dal Collegio,
       c)per iniziative di aggiornamento e formazione.
Utilizzo della Biblioteca: secondo l‟orario e le modalità comunicate all‟utenza all‟inizio di ogni anno
scolastico.
Utilizzo della Palestra: per tutte le classi e per attività di avviamento alla pratica sportiva.

Sezione Classica e S. Domenico:
Utilizzo del Laboratorio Multimediale e di Informatica: per tutte le classi del P.N.I, per tutti gli
alunni e i Docenti che ne richiedano l‟utilizzo in funzione delle attività previste dal Collegio Docenti.
Utilizzo del Laboratorio di Fisica e Chimica: per tutte le classi in relazione alle necessità e ai
programmi degli Insegnanti interessati
Utilizzo del Laboratorio Linguistico: per le classi di cui gli insegnanti ne richiedano l‟utilizzo.
Utilizzo dell‟Aula Magna con relativi audiovisivi:
        a)per proiezioni durante le ore scolastiche: per tutte le classi purché accompagnati da un
        Docente e previa prenotazione;
   b) per realizzare Progetti di attività deliberate dal Collegio,
   c) per iniziative di aggiornamento e formazione.
Utilizzo della Biblioteca: secondo l‟orario e le modalità comunicate all‟utenza all‟inizio di ogni anno
scolastico.
Utilizzo delle Palestre di V. Dante e di Campolau: secondo l‟orario in cui vengono messe a disposizione
dagli Enti Locali e in accordo con le altre Istituzioni Scolastiche presenti sul territorio. Un bus
navetta faciliterà gli spostamenti a Campolau.


CONDIZIONI AMBIENTALI DELLA SCUOLA
Il Liceo Scientifico “G.Bruno” con annessa Sezione Classica è ubicato in tre sedi: Viale Pontelungo 89,
Via Dante Alighieri 1 e Piazza San Domenico.
L‟ambiente scolastico di tutti i sopraddetti edifici è sempre tenuto in modo pulito e accogliente per
garantire una permanenza a scuola confortevole per tutti gli alunni e per il personale.
Il personale docente e non docente si impegna, altresì, a garantire la massima sicurezza interna ed
esterna per gli alunni.
Informazioni dettagliate relative ai locali utilizzati sono reperibili nel quadro allegato alla presente
Carta dei Servizi (allegato 1).



           ALLEGATO N.1 – SCELTE PEDAGOGICO-
                       DIDATTICHE

FINALITÀ GENERALI
Obiettivi fondamentali sono non soltanto quelli specifici di ogni disciplina, ma anzitutto quelli riferiti
alla formazione della persona e ai suoi rapporti con la realtà. L‟obiettivo primario sul piano culturale è
la formazione di soggetti capaci di riflettere in modo autonomo e di esercitare un maturo senso
critico rispetto alle più rilevanti espressioni del pensiero umano dall‟antichità ai nostri giorni. L‟allievo,

                                         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                          -   PAGE   6   -
al termine del corso liceale, deve essere in grado di elaborare un autonomo sistema di valori e di
riferimenti culturali, sia per un‟originale partecipazione creativa e costruttiva alla vita sociale, sia per
un consapevole orientamento alle successive scelte di studio e di lavoro. Con tale intendimento, si
indicano i seguenti obiettivi:
individuazione delle attitudini in funzione sia del riorientamento nel biennio, sia delle scelte future
per il proseguimento degli studi universitari e per l‟inserimento nel mondo del lavoro
acquisizione di un metodo di studio personale ed efficace
acquisizione dei contenuti fondamentali di ogni disciplina
capacità di operare collegamenti fra i contenuti all‟interno di una disciplina e in rapporto alle altre
aree disciplinari
ampliamento e approfondimento dei linguaggi delle diverse aree disciplinari
capacità di osservare e di operare collegamenti logici con attitudine alla problematizzazione
sviluppo e potenziamento delle capacità di analisi e di sintesi
sviluppo della propria identità linguistica e culturale, in rapporto a lingue e culture diverse
sviluppo e consolidamento delle capacità individuali specifiche
capacità di apprendimento autonomo
capacità di flessibilità e di adattamento al nuovo


BIENNIO OBBLIGATORIO
Dal 1° settembre 2007 è entrato in vigore l‟obbligo di istruzione elevato a dieci anni in base alla legge
26 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 622. Il carattere sperimentale della prima fase di
attuazione del nuovo obbligo di istruzione ci obbliga ad una riflessione per armonizzare il processo di
‟acquisizione di saperi e competenze relativi al cosiddetto biennio obbligatorio e di saperi e
competenze specifici della realtà liceale.
Le competenze chiave indicate dal Ministero sono: comunicazione nella madre lingua, comunicazione
nelle lingue straniere, competenza matematica, competenze di base in scienze e tecnologia,
competenza digitale, imparare a imparare, competenze sociali e civiche, spirito di iniziativa e
imprenditorialità, consapevolezza ed espressione culturale.
I saperi e le competenze per l‟assolvimento dell‟obbligo di istruzione sono riferiti ai quattro assi
culturali (dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale).
I saperi sono articolati in abilità/capacità e conoscenze, con riferimento al sistema di descrizione
previsto per l‟adozione del Quadro europeo dei Titoli e delle Qualifiche. La competenza digitale,
contenuta nell‟asse dei linguaggi, è comune a tutti gli assi, sia per favorire l‟accesso ai saperi sia per
rafforzare le potenzialità espressive individuali.
Il Liceo, dall‟a.s. 2008-2009, ha introdotto un progetto BIENNIO OBBLIGATORIO per promuovere
l‟applicazione della normativa e garantirsi un luogo di monitoraggio della fase sperimentale prevista
dal Ministero.
Per dare maggior orza al progetto, a partire dall‟a.s. 2009-2010, sono state create le figure dei
Coordinatori e dei Tutor del biennio.


COORDINATORI DEL BIENNIO
Queste figure svolgono attività di coordinamento e monitoraggio promuovendo l‟integrazione tra i tre
indirizzi, curando il rispetto della trasparenza, omogeneità nello svolgimento dei programmi,
metodologia e criteri di valutazione secondo le modalità e delibere stabilite dal collegio dei docenti,
dai dipartimenti e dai consigli di classe.
Fungono da stimolo per programmare i nuovi indirizzi, presiedono gli incontri periodici del biennio, 4.
curano gli incontri con le scuole medie, curano l‟adempimento delle certificazioni di fine biennio e
assumono, informando la presidenza,        tutte le iniziative     ritenute idonee per migliorare


                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE   6   -
l‟insegnamento-apprendimento e le relazioni docenti-alunni del biennio (es. formazione in servizio,
progetti curricolari ed interdisciplinari, incontri con le famiglie e con il territorio, ecc….).



TUTOR DEL BIENNIO
Il tutor è un insegnante-guida per gli alunni, al quale rivolgersi in merito a:
problematiche didattiche relative alla organizzazione del lavoro scolastico del singolo alunno che si
trova in difficoltà;
problematiche relazionali del singolo all‟interno del gruppo classe.
Il tutor interviene su segnalazione dell‟alunno, della famiglia o del consiglio di classe.



OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI DEL BIENNIO
conoscenza di sé e delle proprie capacità e attitudini
impegno, interesse e partecipazione seri e costanti
capacità di autocontrollo e autovalutazione
correttezza nei rapporti interpersonali ed educazione alla tolleranza
rispetto dei beni e del materiale proprio e altrui



OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI DEL TRIENNIO
sviluppo e maturazione delle capacità relazionali, con rispetto della legalità e coscienza dei diritti e
dei doveri propri e altrui
potenziamento di impegno, interesse e partecipazione in una prospettiva di crescente
consapevolezza e autonomia
conoscenza delle problematiche relative all‟ambiente e al rispetto dello stesso, ai fini
dell‟educazione alla sicurezza , alla solidarietà e alla prevenzione (ai sensi della C.M. 69 del
23/02/1998)
disponibilità al confronto tra modelli, opinioni e contesti diversi, in una prospettiva di educazione
alla tolleranza e alla collaborazione

Per gli obiettivi relativi alle diverse aree e discipline si fa riferimento all‟allegato 2 al presente
documento



SCELTE METODOLOGICHE
L‟offerta formativa proposta dal Liceo Statale “G. Bruno” prevede i seguenti momenti:
accertamento dei livelli di partenza in vista di un organico allineamento. L'accertamento avverrà sia
tramite osservazione empirica da parte degli insegnanti , sia tramite prove d‟ingresso.
sviluppo del piano educativo articolato in tre momenti :
        momento sincretico: si illustrano all' alunno le finalità , i contenuti e i metodi per
        conseguirli, nonché criteri e modalità di valutazione del profitto;
        momento analitico: studio dei contenuti distribuiti in unità didattiche; si svolgeranno
        verifiche scritte e orali;
        momento sintetico: si prevedono riepiloghi, ripassi, ricerche personali, elaborazioni e
        approfondimenti;
verifiche periodiche del contratto formativo in base ai livelli di partenza e all‟attività didattica
realizzata in classe; gli studenti saranno sempre informati sul loro profitto in relazione a quanto
richiesto nel contratto stesso;

                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
le eventuali carenze verranno affrontate con corsi di recupero curriculari o extracurriculari.


PARAMETRI DI VALUTAZIONE
Gli obiettivi fondamentali delle verifiche e della valutazione rispondono alla eseguenti finalità:
rendere consapevole lo studente del suo livello di preparazione e della validità del suo metodo di
studio;
consentire ai docenti di accertare l‟efficacia delle strategie didattiche per effettuare eventuali
modifiche;
far conoscere alle famiglie i livelli di competenza e di comportamento raggiunti dagli alunni.
La verifica degli apprendimenti viene effettuata attraverso prove strutturate o non strutturate,
orali scritte, pratiche, grafiche differenziate e ripetute nel tempo.

Per ogni tipo di verifica successivamente indicata, si intende che i parametri sono commisurati agli
obiettivi e al contratto formativo indicati per ogni disciplina dai singoli docenti e rispettivi consigli di
classe.



Per le verifiche orali i parametri fondamentali sono i seguenti:
comprensione delle domande e attinenza delle risposte alle stesse
acquisizione dei contenuti
rielaborazione personale dei contenuti
capacità di analisi critica
esposizione corretta e coerente
uso del linguaggio specifico delle varie discipline

Per le verifiche scritte i parametri sono diversificati per materia come segue:

Italiano, Storia e Filosofia, Storia dell’Arte, Ed. civica, giuridica ed economica
adesione alla traccia dell‟elaborato o alle domande
utilizzo di specifiche forme espressive in relazione al testo da elaborare
capacità di analisi di testo letterario e non
organizzazione logica dei contenuti
ricchezza e originalità dei contenuti
collegamenti multidisciplinari
efficacia espositiva
correttezza ortografica e morfosintattica
proprietà lessicale
ordine grafico

Latino e Greco- versione
comprensione generale del testo
individuazione delle regole morfosintattiche
traduzione chiara e corretta
resa in lingua italiana

Analisi del testo (Autori Latini e Greci)
adesione alla traccia dell‟elaborato o alle domande
capacità di analisi
ricchezza e originalità dei contenuti
                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE   6   -
collegamenti multidisciplinari
correttezza ortografica e morfosintattica
proprietà lessicale

Lingua straniera
comprensione del testo e delle domande
conoscenza delle strutture e funzioni
competenza lessicale
fluidità espositiva
conoscenza degli argomenti
pertinenza delle risposte in relazione agli argomenti richiesti
capacità di rielaborazione critica

Matematica, Fisica, Biologia, Scienze della Terra e Chimica
comprensione tematica
uso del linguaggio e del simbolismo specifico
impostazione corretta dell‟iter logico
originalità nella scelta del procedimento
risultati finali
ordine grafico
Disegno
capacità d'individuare elementi di collegamento con altri settori della cultura
criteri di comprensione della simbologia e delle norme tecniche
ordine dell'elaborato
abilità grafica
impostazione corretta di un procedimento logico
consegna degli elaborati
esposizione dei contenuti
applicazione di una terminologia adeguata
capacità di relazionare i contenuti

Religione
interesse dimostrato per gli argomenti trattati
partecipazione al dialogo educativo

Educazione Fisica
partecipazione al dialogo educativo
interesse per le tematiche proposte
miglioramento delle capacità psico-motorie



VALUTAZIONE FINALE_
Sono ammessi alla classe successiva gli alunni che abbiano ottenuto almeno 6/10 in ciascuna
disciplina.
Il voto di condotta, proposto dal Coordinatore di classe, tiene conto del comportamento,
dell‟interesse, dell‟impegno, della frequenza e del contegno con docenti e compagni.
Il voto di profitto è proposto dal docente di ogni disciplina in base ai risultati delle verifiche
effettuate e, in mancanza di contestazioni, viene automaticamente approvato dal Consiglio di Classe;
in caso contrario le deliberazioni vengono adottate a maggioranza (qualora il risultato della votazione
sia di parità, prevale il voto del Dirigente Scolastico).
                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                    -   PAGE   6   -
Tutti i voti sono collegiali in quanto espressione del Consiglio di Classe e non del singolo docente.
Gli insegnanti, in conformità con quanto deliberato dal Collegio dei Docenti, nell‟assegnazione dei
voti tengono conto:
    1. del progresso dell‟alunno rispetto ai livelli di partenza
    2. del raggiungimento degli obiettivi minimi per l‟ammissione alla classe successiva.




CRITERI DI VALUTAZIONE
La valutazione è un atto educativo, inserito in un contesto di relazioni interpersonali (in cui si valutano
non le persone, ma i prodotti ed i comportamenti), essenzialmente finalizzato alla costante verifica
dell‟azione didattica programmata. Essa perciò è dimensione fondamentale, quotidiana del gesto
educativo e didattico. Non è un atto burocratico né un fatto puramente tecnico. E‟ un sistema
complesso ed aperto di verifiche in ordine al lavoro (contenuti, obiettivi, metodi) effettivamente
compiuto. Essa viene espressa secondo criteri, parametri e griglie di valutazione preventivamente
comunicati alla classe dai singoli Docenti. Essa infine viene comunicata tempestivamente alla classe,
nella convinzione che l‟informazione di ritorno (feedback) è elemento decisivo della comunicazione
stessa.
Negli scrutini la valutazione sarà espressa in decimi con numeri interi. La sufficienza è attribuita in
presenza dei seguenti elementi:
Conoscenza generale, ma non approfondita degli aspetti più significativi degli argomenti o delle
attività svolte.
Comprensione delle linee essenziali dell‟argomento proposto o dell‟azione svolta, anche se i percorsi
seguiti sono poco motivati.
Capacità di effettuare semplici operazioni (analisi e sintesi), di organizzare e/o svolgere il compito
affidato in modo sufficientemente coerente, cogliendone gli aspetti fondamentali.
Presenza di alcuni errori (di concetto, di distrazione, di organizzazione) che tuttavia non inficiano
l‟esito dell‟operato.
Sostanziale proprietà grammaticale/lessicale e/o uso corretto delle tecniche previste nella
produzione degli elementi essenziali richiesti..
Sulla base di questo criterio-guida sono attribuiti i voti superiori o inferiori alla sufficienza
Poiché la valutazione è dimensione quotidiana dell‟apprendimento-insegnamento è dovere del singolo
docente sistematicamente verificare (feed-back) i livelli dell‟apprendimento e la qualità del proprio
insegnamento. Tali verifiche non possono e non debbono essere presentate né percepite come
interrogazioni sommative (con voto sul registro), ma possono concorrere, in quanto positive o
considerate nel loro insieme - secondo criteri e parametri comunicati alla classe preventivamente -
alla valutazione complessiva dell‟alunno, alla formulazione del giudizio finale e della coerente proposta
di voto al termine del trimestre e/o dell‟anno scolastico. Spetta inoltre al singolo docente all‟inizio
dell‟anno comunicare chiaramente ed esplicitamente il peso di ogni singola valutazione in riferimento
agli obiettivi attesi di apprendimento della propria disciplina, al fine del risultato finale che deve
essere espressione di un processo educativo e non mera media aritmetica dei voti assegnati.


          ALLEGATO N. 2 - OBIETTIVI DISCIPLINARI
AREA SCIENTIFICA

Obiettivi generali
Recupero delle conoscenze acquisite nella scuola media
Orientamento verso un metodo di studio autonomo
Guida dell‟alunno dall‟intuizione alla sistemazione razionale

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
Acquisizione della capacità di esporre in modo logico e formalmente corretto
Acquisizione di un corretto rapporto individuo-ambiente
Raccordo fra metodologie e contenuti acquisiti nel biennio e obiettivi didattico-educativi fissati per
il triennio
Maturazione della coscienza relativa alla propria corporeità anche in ambito sociale
Approfondimento dei problemi bioetici risultanti dalle ricerche biologiche e dalle loro applicazioni.

FISICA BIENNIO
Obiettivi minimi comuni agli indirizzi scientifico PNI e linguistico:
Conoscenza dei metodi dell‟indagine scientifica, sperimentale e teorica
Capacità di raccogliere, ordinare e rappresentare dati, ricavandone informazioni significative
Definizione e misura delle grandezze fisiche
Classificazione dei moti
Fenomenologia della dinamica


Obiettivi specifici Biennio scientifico PNI
Riconoscimento di ordini di grandezza della realtà che ci circonda
Stesura di relazioni su attività sperimentali (con matematizzazione del calcolo degli errori)
Capacità di risoluzione e interpretazione di problemi
Interpretazione matematica e rappresentazione di una legge fisica
Inserimento di una legge fisica nell‟ambito di una teoria adeguata
Riconoscimento dei limiti di validità di un modello fisico


Obiettivi specifici Biennio linguistico
Riconoscimento di ordini di grandezza della realtà che ci circonda
Stesura di relazioni su attività sperimentali o di ricerche monografiche
Capacità di risoluzione e interpretazione di semplici problemi
Formalizzazione di modelli fisici
Collegamento fra la fisica e le altre discipline

MATEMATICA BIENNIO
Obiettivi minimi in ingresso classi iniziali
Conoscenza della terminologia specifica
Utilizzo di tecniche e strumenti di calcolo numerico
Capacità di individuare relazioni e risolvere problemi logici
Conoscenza di nozioni di geometria piana e solida



Obiettivi minimi in uscita dal biennio
Comuni a tutti gli indirizzi:
Riconoscere le proprietà geometriche delle principali figure piane
Rielaborare semplici dimostrazioni
Risolvere problemi geometrici per via sintetica o analitica
Sviluppare l‟intuizione geometrica del piano
Utilizzare consapevolmente tecniche e procedure di calcolo
Riconoscere e saper costruire relazioni e funzioni
Comprendere la necessità del rigore logico e del formalismo matematico
Leggere, interpretare e risolvere situazioni problematiche utilizzando i modelli e gli strumenti
opportuni
Comprendere il rilievo storico di momenti significativi dell‟evoluzione del pensiero matematico
                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                     -   PAGE     6   -
Riconoscere analogie in ambienti caratterizzati da proprietà simili
Rielaborare e sistemare logicamente le conoscenze via via acquisite


Ulteriori obiettivi comuni a tutti gli indirizzi sperimentali:
Individuare proprietà invarianti per trasformazioni
Operare con modelli deterministici e non deterministici
Usare i metodi, i linguaggi e gli strumenti informatici introdotti

FISICA TRIENNIO
Fisica nel Triennio: obiettivi comuni a Scientifico Ordinario e Scientifico P.N.I.
Comprensione dei procedimenti caratteristici dell‟indagine scientifica e capacità di utilizzarli
conoscendo con concreta consapevolezza la particolare natura dei metodi della fisica
Comprensione delle potenzialità e dei limiti delle conoscenze scientifiche
Acquisizione di un linguaggio corretto e sintetico e delle capacità di fornire e ricevere informazioni
Analisi di situazioni e identificazione di problemi concreti anche in campi al di fuori dello stretto
ambito disciplinare
Capacità di analizzare graficamente fenomeni fisici
Capacità di manipolare equazioni dimensionali
Utilizzazione di programmi di simulazione degli aspetti fisici che non si prestano ad esercitazioni di
laboratorio
Esposizione di conoscenze scientifiche in un contesto letterario
Comprensione del rapporto tra la fisica e lo sviluppo delle idee, della tecnologia, del sociale anche
per operare scelte successive

Fisica nel Triennio Scientifico Ordinario
Formulazione di ipotesi risolutive di problemi
Capacità di generalizzazione e astrazione
Collegamenti con le altre discipline

Fisica nel Triennio Scientifico P.N.I
Capacità di astrarre e formalizzare a livello teorico aspetti empirici di un fenomeno fisico
Confronto tra modelli teorici e dati sperimentali
Distinzione tra definizione operativa e concetto astratto
Discussione dei limiti di validità dei modelli fisici come mezzo di rappresentazione della realtà
Distinzione tra significato fisico e matematico di una legge fisica
Sistemazione di una teoria fisica dal punto di vista storico e filosofico
Contestualizzazione di una legge fisica nell‟ambito di una teoria appropriata
Raccordo e intersezione tra le diverse teorie
Comprensione e risoluzione di esercizi e problemi non limitati ad una automatica applicazione di
formule
Capacità di vagliare, correlare e inquadrare le informazioni scientifiche recepite anche al di fuori
della scuola

Fisica nel Liceo Classico Ordinario e Sperimentale P.N.I.
Comprendere i procedimenti fondamentali dell‟indagine scientifica
Raccogliere, rappresentare e interpretare un insieme di dati sperimentali
Interpretare una legge fisica, individuandone i limiti di validità
Individuare e schematizzare i nodi concettuali degli argomenti oggetto di studio
Saper cogliere analogie strutturali tra fenomeni fisici diversi
Saper riprodurre semplici esperimenti significativi
                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                    -   PAGE   6   -
Utilizzare formule e leggi nella risoluzione di semplici problemi
Collocare storicamente le conoscenze fisiche
Riconoscere i legami tra la fisica e le altre discipline
Utilizzare il linguaggio fisico specifico

MATEMATICA TRIENNIO
Matematica nel Triennio: obiettivi comuni a Scientifico Ord., Scientifico P.N.I. e Linguistico

Sviluppo di capacità intuitive e logiche
Maturazione dei processi di astrazione
Rafforzamento delle capacità di ragionare induttivamente e deduttivamente
Sviluppo delle attitudini analitiche e sintetiche
Abitudine alla precisione di linguaggio
Capacità di utilizzare metodi, strumenti e modelli matematici in situazioni diverse
Interesse per il rilievo storico del pensiero matematico

Matematica nel Triennio Scientifico Ordinario

Dimostrazione di proprietà di figure geometriche
Approfondimento del concetto di trasformazione geometrica e sue applicazioni
Utilizzazione di tecniche e procedure di calcolo
Capacità di esaminare relazioni e funzioni
Assimilazione del metodo deduttivo e del significato di sistema assiomatico
Risoluzione di problemi geometrici per via sintetica o per via analitica
Consapevolezza del contributo della logica in ambito matematico
Matematizzazione di problemi riferiti a vari ambiti disciplinari

Matematica nel Triennio Scientifico P.N.I

Dimostrazione di proprietà di figure geometriche
Approfondimento del concetto di trasformazione geometrica e sue applicazioni
Utilizzazione di tecniche e procedure di calcolo
Capacità di esaminare relazioni e funzioni
Assimilazione del metodo deduttivo e del significato di sistema assiomatico
Consapevolezza del contributo della logica in ambito matematico
Capacità di cogliere analogie strutturali e di individuare strutture fondamentali
Capacità di elaborare informazioni e utilizzare consapevolmente metodi di calcolo e strumenti
informatici
Comprensione del valore strumentale della matematica per lo studio delle altre scienze
Capacità di affrontare in modo flessibile e critico situazioni problematiche di varia natura
Collocazione storica di qualche momento significativo dell‟evoluzione del pensiero matematico

Matematica nel Triennio Linguistico e Classico

Utilizzare il linguaggio specifico della matematica al fine di una corretta esposizione
Operare con il simbolismo matematico riconoscendo le regole sintattiche di trasformazione delle
formule
Capacità di affrontare situazioni problematiche di varia natura avvalendosi di modelli matematici atti
alla loro rappresentazione
Risolvere problemi geometrici per via sintetica o per via analitica

                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
Costruire procedure risolutive di un problema
Ragionare tramite analogie in ambienti caratterizzati da proprietà simili
Utilizzare consapevolmente elementi di calcolo nei vari ambiti matematici
Cogliere interazioni tra pensiero filosofico e pensiero matematico
Utilizzare consapevolmente gli strumenti informatici introdotti

Matematica nel Triennio Classico Sperimentale P.N.I.

Utilizzare il linguaggio specifico della matematica al fine di una corretta esposizione
Dimostrare proprietà di figure geometriche nel piano e nello spazio
Risolvere i problemi geometrici per via sintetica o per via analitica
Approfondire il concetto di trasformazione geometrica
Operare con il simbolismo matematico riconoscendo le regole sintattiche di trasformazione delle
formule
Utilizzare metodo e strumenti di natura probabilistica e inferenziale
Capacità di affrontare situazioni problematiche di varia natura avvalendosi di modelli matematici atti
alla loro rappresentazione
Costruire procedure risolutive di un problema e nei casi più semplici tradurle in un linguaggio di
programmazione
Ragionare tramite analogie in ambienti caratterizzati da proprietà simili
Utilizzare consapevolmente elementi di calcolo differenziale
Inquadrare storicamente l‟evoluzione delle idee matematiche fondamentali
Cogliere interazioni tra pensiero filosofico e pensiero matematico
Utilizzare consapevolmente strumenti informatici
Abituarsi a riesaminare criticamente e a sistemare logicamente le conoscenze via via acquisite

SCIENZE
Biologia, Chimica e Scienze della Terra in tutti gli indirizzi
Raggiungimento del metodo scientifico: capacità di osservare e di acquisire informazioni, di
elaborarle e di schematizzare fenomeni complessi nei loro elementi essenziali
Comprensione delle operazioni logiche implicate nei vari processi biochimici, riconoscendo le
relazioni e le interazioni fra realtà geochimica, realtà biologica e attività umane
Acquisizione della capacità di comprendere e utilizzare in modo autonomo libri, carte tematiche,
materiali e mezzi di informazione
Padronanza di un linguaggio preciso, corretto, sintetico e nel contempo esauriente
Potenziamento del livello di maturazione e di sensibilizzazione nei riguardi di problemi del nostro
tempo
Abitudine ad una riflessione critica sui contenuti, nel rispetto della rigorosità scientifica
Acquisizione della capacità di astrazione e comprensione dei fenomeni complessi

Per la realizzazione degli obiettivi soprastanti, si prevede il potenziamento dei laboratori esistenti.

EDUCAZIONE FISICA
Educazione Fisica Biennio
Consolidamento schemi motori di base
potenziamento capacità condizionali
 Conoscenza e pratica delle attività sportive
Acquisizione delle fondamentali nozioni di anatomia

Educazione Fisica Triennio

                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
Affinamento e perfezionamento degli schemi motori di base
Potenziamento capacità condizionali
Conoscenza e pratica delle attività sportive
Sviluppo analitico delle nozioni di anatomia
Conoscenza dell‟educazione fisico-sportiva in particolari contesti storici
Conoscenza degli elementi basilari di orientamento sul territorio, con e senza strumenti specifici



AREA LETTERARIA, STORICA, ARTISTICA E GIURIDICA
Obiettivi generali
Acquisizione del processo storico-culturale relativo alle letterature e alle manifestazioni artistiche
oggetto di studio
Conoscenza del percorso letterario e artistico attraverso testi, documenti e opere, anche con
riferimento al contesto storico, sociale, economico e culturale in genere
Padronanza delle capacità espressive e comunicative
Sviluppo e potenziamento del gusto e della sensibilità estetica

Italiano biennio
Recupero di dislivelli relativi all‟espressività (carenze lessicali e morfosintattiche)
Conoscenza delle fondamentali strutture linguistiche e morfo-sintattiche
Comprensione e decodificazione di messaggi scritti e orali
Acquisizione di buone capacità di esposizione corretta e personale, orale e scritta
Ampliamento delle conoscenze lessicali e acquisizione del lessico specifico
Educazione alla lettura consapevole e critica e sviluppo delle capacità di cogliere il significato dei
contenuti, le caratteristiche formali e stilistiche
Avviamento all‟analisi del testo

Latino e greco biennio
Capacità di cogliere diversità e analogie fra la nostra lingua e quelle classiche
Conoscenza delle strutture morfologiche e degli elementi fondamentali della sintassi dei casi
Acquisizione di abilità di lettura e traduzione
capacità di analisi di testi latini e/o greci come strumento di accesso a culture diverse
Approfondimento di un corretto uso del dizionario

Storia, Educazione Civica e Geografia biennio
Conoscenza nelle linee fondamentali del mondo antico e medioevale
Educazione alla comprensione e al coordinamento delle categorie spazio-temporali
Comprensione del metodo storiografico al fine della ricostruzione storica
Avviamento all‟uso di una terminologia specifica e corretta
Comprensione dei problemi della società contemporanea
Approfondimento della consapevolezza del rapporto uomo-ambiente
(Solo Ginnasio) conoscenza della realtà fisico-antropica dei continenti extra-europei

Italiano nel triennio di tutti gli indirizzi
Padronanza del mezzo linguistico, correttezza e proprietà nella ricezione, nella produzione orale e
scritta
Potenziamento delle capacità di elaborazione scritta relativamente alle varie tipologie di testo
(articolo di giornale, saggio breve, analisi del testo, tema storico, tema di ordine generale)
Consolidamento della capacità di riconoscere e utilizzare i diversi registri e codici linguistici
Consapevolezza della evoluzione nel tempo della lingua italiana

                                      P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                    -    PAGE   6   -
Conoscenza della letteratura nella sua evoluzione storica anche attraverso confronti
interdisciplinari
Consapevolezza della specificità e complessità del fenomeno letterario, come espressione della
civiltà, in connessione con le altre manifestazioni artistiche e tecniche in genere e in rapporto al
contesto storico-sociale
Coscienza del fenomeno letterario come forma di conoscenza del reale anche attraverso le vie del
simbolico e dell‟immaginario
Conoscenza diretta dei testi in rapporto alla loro struttura interna, all‟autore, al contesto e al
genere letterario in cui sono inseriti e alla loro relazione con le altre letterature, soprattutto
europee
Capacità di analizzare testi letterari e non, e di orientarsi nell‟analisi intertestuale
Conoscenza dei vari generi letterari e della loro evoluzione
Potenziamento delle conoscenze linguistiche e stilistiche
Conoscenza di problematiche estetiche e critiche
Sviluppo delle capacità critiche personali
Acquisizione di un buon interesse per la lettura

Latino nel triennio Indirizzo linguistico
Consapevolezza del ruolo storico della lingua latina
Capacità di individuare l‟incidenza del lessico e della cultura latina nelle lingue e culture europee
Conoscenza dei testi in traduzione
Capacità di analisi della lingua e del genere, interpretazione di testi scritti in relazione alla specifica
personalità dell‟autore
Sviluppo di capacità logiche e analitiche
Abitudine ad operare confronti fra modelli linguistici e realtà culturali diverse
Capacità di individuare elementi di continuità e diversità nella tradizione letteraria

Latino nel triennio indirizzo Scientifico
Consapevolezza del ruolo storico della lingua latina
Capacità di individuare l‟incidenza del lessico e della cultura latina nella lingua e cultura italiana
Accesso diretto ai testi
Capacità di analisi della lingua e del genere, interpretazione di testi scritti in relazione alla specifica
personalità dell‟autore
Sviluppo di capacità logiche e analitiche
Acquisizione di abilità traduttive e abitudine, quindi, ad operare confronti fra modelli linguistici e
realtà culturali diverse
Capacità di individuare elementi di continuità e diversità nella tradizione letteraria
Conoscenza della morfologia e delle principali strutture sintattiche della lingua latina
Latino e Greco nel triennio indirizzo Classico
perfezionamento delle conoscenze morfosintattiche fondamentali del sistema linguistico latino e
greco
Acquisizione di una discreta padronanza dell‟uso degli strumenti morfologici e sintattici applicati al
testo
Capacità di comprendere e tradurre in lingua italiana testi letterari
Conoscenza dei testi e analisi degli stessi dal punto di vista lessicale, etimologico, morfosintattico,
metrico e stilistico
Conoscenza delle letterature nella loro evoluzione storica con confronti interdisciplinari
Acquisizione delle capacità di riflessione critica e di sintesi su problematiche culturali
Ampliamento dell‟orizzonte della cultura classica attraverso un confronto con le letterature
moderne e contemporanee

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE   6   -
Conoscenza dell‟evoluzione della lingua latina

DISEGNO E STORIA DELL’ARTE
Disegno e Storia dell’Arte nel Biennio Scientifico Ordinario, Scientifico Sperimentale P.N.I. e
Linguistico
Sviluppo delle capacità di ragionamento e astrazione, indipendenti dalla tecnologia
Costruzione grafica di alcuni luoghi geometrici per affrontare la rappresentazione dei solidi
Analisi e rappresentazione di processi tecnici progettuali
Terminologia specifica
Conoscenza delle principali manifestazioni artistiche nel loro percorso storico (antichità – medioevo)

Storia dell’Arte nel Ginnasio Sperimentale
Conoscenza delle manifestazioni artistiche (figurative e architettoniche) nel loro percorso storico
(dall‟antichità al medioevo in parallelo con il programma di storia)
Capacità di osservare ed esaminare il testo visivo in collegamento interdisciplinare
Conoscenza delle manifestazioni artistiche presenti sul territorio nell‟ottica della loro
valorizzazione;
Capacità di esprimersi utilizzando la terminologia specifica in modo appropriato.



Disegno e Storia dell’Arte nel Triennio Scientifico Ordinario, Scientifico Sperimentale P.N.I.
Capacità di applicare diverse metodologie per conoscere e comprendere la realtà, sviluppando
capacità logiche di analisi e di sintesi
Capacità di strutturare un processo progettuale idoneo alla rappresentazione della realtà
Comprensione degli elementi del linguaggio visivo
Acquisizione di una metodologia per leggere e interpretare autonomamente la produzione artistica,
considerata nella diversità della realizzazione
Capacità di porre in relazione la produzione artistica, intesa come espressione di una società, con
altri fenomeni culturali, individuando elementi di collegamento



Linguaggi artistico-visivi e Storia dell’Arte nel triennio Linguistico
Comprensione degli elementi del linguaggio artistico-visivo
Capacità di porre in relazione la produzione artistica con altri fenomeni culturali
conoscenza delle principali manifestazioni artistiche nel loro percorso storico

Storia dell’Arte nel Triennio Liceo Classico Ordinario e Sperimentale
Conoscenza e comprensione delle manifestazioni artistiche nel loro percorso storico con particolare
attenzione alla pittura
Capacità di riconoscere, esaminare, interpretare e confrontare i testi visivi nei loro molteplici
aspetti (formale, iconografico ed estetico)
Capacità di inserire opere e monumenti nel contesto storico e culturale
Capacità di esprimersi impiegando la terminologia specifica in modo appropriato
Conoscenza delle problematiche attuali relative alla conservazione e alla tutela del patrimonio
artistico inteso nel suo valore di testimonianza culturale del rapporto fra passato e presente

DIRITTO
Educazione civica, giuridica, economica nel Biennio Linguistico
Comprensione della realtà sociale attraverso la conoscenza dei principali aspetti giuridici e
economici dei rapporti sociali e delle regole che li organizzano

                                       P.O.F.     A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
Conoscenza del fenomeno giuridico
Conoscenza dell‟evoluzione storica dell‟organizzazione sociale
Conoscenza del fenomeno economico attraverso lo studio dei sistemi economici e di alcuni problemi
dell‟economia contemporanea
Conoscenza dei fondamentali principi di convivenza e organizzazione sociale e politica previsti dalla
Costituzione italiana

AREA STORICO-FILOSOFICA E RELIGIONE
FILOSOFIA E STORIA NEL TRIENNIO
Capacità
L‟attitudine a problematizzare conoscenze, idee e credenze, mediante il riconoscimento della loro
storicità
La capacità di organizzare il pensiero mediante argomentazioni razionali e motivate e di saperlo
comunicare in modo chiaro e appropriato
La riflessione critica sulle diverse forme del sapere e sul loro significato, cioè sul loro rapporto con
la totalità dell‟esperienza umana
Competenze
Riconoscere e utilizzare il lessico e le categorie essenziali della tradizione filosofica;
Orientarsi nelle linee di sviluppo fondamentali del pensiero filosofico, organizzate anche secondo
modelli interpretativi
Analizzare testi, o parte di testi, di autori filosoficamente rilevanti

STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA IN TUTTI GLI INDIRIZZI
Capacità
La capacità di ricostruire la complessità del fatto storico attraverso l‟individuazione di
interconnessioni, di rapporti tra particolare e generale, tra soggetti e contesti;
La consapevolezza che le conoscenze storiche sono elaborate sulla base di fonti di natura diversa
che lo storico vaglia, seleziona, ordina e interpreta secondo modelli e riferimenti ideologici;
L‟attitudine a riferirsi a tempi e spazi diversi, a dilatare il campo delle prospettive, a inserire in
scala diacronica le conoscenze acquisite in altre aree disciplinari.
Competenze
riconoscere e utilizzare concetti e termini storici in rapporto agli specifici contesti storico-
culturali;
padroneggiare gli elementi fondamentali che danno conto della complessità dell‟epoca studiata,
interpretandoli criticamente e collegandoli con le opportune determinazioni fattuali
ripercorrere, nello svolgersi di processi e fatti esemplari, le interazioni tra i soggetti singoli e
collettivi, riconoscere gli interessi in campo, gli intrecci politici, sociali, culturali, religiosi;
servirsi di alcuni strumenti fondamentali del lavoro storico (ad es. cronologie, tavole sinottiche,
atlanti storici e geografici, manuali, raccolte e riproduzioni di documenti, bibliografie ed opere
storiografiche, materiale multimediale)

RELIGIONE
Biennio
Conoscenza delle più profonde domande sul senso della vita in prospettiva religiosa
Conoscenza dell‟idea di Dio, di uomo e di mondo nelle religioni rivelate e in quelle naturali
Conoscenza essenziale delle caratteristiche specifiche dell‟Incarnazione

Triennio
Conoscenza essenziale del problema di Dio, della ricerca dell‟uomo e del rapporto fede-ragione,
fede-scienza, fede-cultura

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
Conoscenza del contributo del cristianesimo alla riflessione sui problemi etici più significativi
Conoscenza essenziale di Gesù Cristo
Conoscenza essenziale della natura e della missione della Chiesa

AREA LINGUISTICA
Obiettivi generali
Sviluppo della formazione umana, sociale e culturale dell‟individuo attraverso il contatto con altre
realtà per ridefinire gli atteggiamenti nei confronti del diverso da sé nella direzione dell‟educazione
al cambiamento intesa come comprensione e accettazione dell‟altro
Acquisizione di una competenza comunicativa aderente al contesto e alla situazione
Sviluppo e potenziamento delle capacità di riflessione sulla lingua al fine di dedurre e comprendere i
meccanismi che stanno alla base della lingua stessa
Riflessione sulla propria lingua, cultura e civiltà attraverso il confronto con altre realtà linguistiche
e culturali
Ampliamento del proprio orizzonte culturale attraverso la storia e le letterature straniere
Comprensione e interpretazione di testi letterari in rapporto al contesto storico-culturale di
appartenenza
Capacità di cogliere analogie e contrasti tra le lingue e letterature straniere moderne oggetto di
studio (per l‟indirizzo linguistico)

INGLESE, FRANCESE E TEDESCO
Lingua Straniera nel Biennio di tutti gli indirizzi

Gli obiettivi del biennio vengono stabiliti sulla base del Quadro Comune Europeo di riferimento per le
lingue, in relazione al livello base A2.
Riesce a comprendere frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata
rilevanza(ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro).
Riesce a comunicare in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni
semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere in termini semplici aspetti del
proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati.

Lingua Straniera nel Triennio di tutti gli indirizzi


Gli obiettivi del biennio vengono stabiliti sulla base del Quadro Comune Europeo di riferimento per le
lingue, in relazione al livello base B2.
E‟ in grado di comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti sia
astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. E‟ in grado di
interagire con relativa scioltezza e spontaneità, tanto che l‟interazione con un parlante nativo si
sviluppa senza eccessiva fatica e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati su un‟ampia gamma di
argomenti e esprimere un‟opinione su un argomento di attualità, esponendo i pro e i contro delle
diverse opzioni.



ALLEGATO N. 3 – CARTA DEI DIRITTI, DEI DOVERI E
                 DEI SERVIZI
                            CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI


                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
Principi fondamentali

a.Uguaglianza: nessuna discriminazione deve essere fatta all‟interno della scuola per motivi
riguardanti            Sesso
                       Etnia
                       Lingua
                       Religione
                       Opinioni politiche
                       Condizioni psicofisiche
                       Condizioni socio-economiche

a.Imparzialità e regolarità: tutto il personale docente e non docente impronta il proprio operato a
criteri di obiettività, si impegna a garantire continuità nel servizio scolastico, nel rispetto di tutte le
norme di legge e contrattuali in materia.
    Vengono pienamente rispettati, nello svolgimento dell‟attività docente, i diritti e gli interessi degli
    studenti anche con interventi di prevenzione e controllo dell‟evasione e della dispersione
    scolastica per gli alunni che trovano difficoltà.
    Nell‟ambito degli Organi Collegiali e della normativa procedurale vigente, il Liceo Scientifico “G.
    Bruno” favorisce la massima partecipazione decisionale nella gestione dell‟Istituto da parte di
    genitori, alunni e docenti.

a.Partecipazione ed efficienza: tutto il personale docente e non docente opera nella convinzione che la
scuola sia un centro di promozione culturale, sociale e civile, sulla linea di un progetto di educazione
permanente in collaborazione con le Istituzioni e gli Enti culturali, che intervengono sul piano
educativo e formativo e che operano sul territorio.
    Tutta l‟attività scolastica (educativa e amministrativa) è sempre uniformata a criteri di
    trasparenza ed efficienza nell‟ottica di favorire la più ampia realizzazione degli standard generali
    del servizio.
    La programmazione dell‟attività didattica dell‟Istituto è volta ad assicurare il rispetto della
    libertà di insegnamento e, al tempo stesso, la formazione dell‟alunno secondo gli obiettivi
    formativi nazionali e comunitari, generali e specifici.
    Per ottenere quanto sopra, saranno particolarmente curati l‟aggiornamento e la formazione di
    tutto il personale scolastico.


La Carta dei diritti e dei doveri comprende le seguenti norme:

ORARIO - RITARDI - USCITE ANTICIPATE – ASSENZE
L‟entrata degli alunni e l‟inizio delle lezioni sono fissati rispettivamente alle ore 7.50 e alle ore 8.00,
salvo modifiche dettate da esigenze organizzative. Si raccomanda la puntualità e l‟ordine.


RITARDI
Entro i cinque minuti dall‟inizio delle lezioni (ore 8.05), gli alunni possono essere ammessi alla lezione,
a discrezione del docente in cattedra, che, in caso di ammissione registra il nome dell‟allievo
ritardatario e l‟ora di ingresso. Oltre tale termine gli alunni devono essere autorizzati, previa
giustificazione, dal Dirigente Scolastico o dai suoi delegati. Per motivi imprevisti (ad esempio ritardi
di mezzi pubblici) la giustificazione del ritardo sarà presentata il giorno successivo. E‟ autorizzato
l‟accesso alle lezioni dopo l‟inizio della seconda ora di lezione solo in casi eccezionali e/o dietro

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE   6   -
presentazione di documentazione (ad esempio ticket o scontrino di analisi mediche); negli altri casi
l‟alunno non è ammesso nei locali dell‟Istituto.


USCITE ANTICIPATE
Si rileva, anzitutto, che l‟uscita anticipata deve rappresentare un‟eccezione. La richiesta di
autorizzazione per le uscite anticipate - motivate o documentate - deve essere presentata al
Dirigente Scolastico o ai suoi delegati almeno il giorno precedente (tranne per i casi urgenti). In ogni
caso gli alunni minorenni potranno uscire, fuori orario, solo se accompagnati da un genitore o da
persona (maggiorenne) delegata per iscritto.
Per gli allievi maggiorenni, in caso di uscita anticipata dovuta a malore o altra urgenza, i genitori
vengono avvisati telefonicamente.
Sia nel caso delle uscite anticipate, sia in quello di ingressi posticipati, gli allievi sono tenuti a
preinformare i fiduciari e i docenti della classe ogni qual volta questo sia possibile.


ASSENZE
Tutte le assenze devono essere giustificate dall‟alunno al momento del rientro a scuola, presentando
il libretto all‟insegnante della 1° ora di lezione; l‟obbligo vale anche per gli studenti maggiorenni. Gli
alunni privi di giustificazione sono ammessi con riserva dal Dirigente Scolastico o da un suo Delegato
e devono presentarla il giorno successivo. In caso di reiterata dimenticanza l'alunno è ammesso nei
locali dell'Istituto ma non in classe, e la famiglia viene avvisata telefonicamente o in forma scritta.
Le assenze superiori a cinque giorni effettivi devono essere giustificate con certificato medico, di
cui viene data notizia anche sul registro di classe. In mancanza di certificato medico, l‟alunno non
potrà essere ammesso alle lezioni; potrà, però, restare all‟interno dell‟edificio scolastico per svolgere
studio individuale, salvo provvedimenti specifici della Presidenza.
In caso di sospensioni dell‟attività didattica (festività natalizie e pasquali, stop didattico di febbraio,
ecc) sarà tenuto a produrre certificato medico l‟allievo assente l‟ultimo giorno prima della sospensione
e il primo giorno dopo la sospensione didattica. In caso contrario sarà da ritenersi sufficiente la
giustificazione firmata da un genitore.
In caso di assenza superiore a cinque giorni per seri motivi familiari, in luogo del certificato medico
la famiglia dovrà produrre, di norma in via preventiva, motivata dichiarazione scritta.
In caso di astensione collettiva degli alunni dalle lezioni, l‟assenza resta ingiustificata. Le famiglie
dovranno, comunque, comunicare per iscritto di essere a conoscenza dell‟astensione dell‟alunno dalle
lezioni.
La rilevazione di ritardi, assenze e uscite anticipate deve essere annotata quotidianamente dal
docente della 1° ora sul Registro di Classe. Il controllo e la comunicazione di frequenza irregolare alle
famiglie sono affidati al coordinatore di classe.



MODALITA‟ DI ORDINAMENTO INTERNO
I docenti devono sempre controllare le firme dei genitori per presa visione delle comunicazioni della
Scuola trascritte sul diario scolastico, che, in quanto mezzo di comunicazione Scuola - Famiglia, deve
essere mantenuto integro e completato con la fotografia identificativa.
L‟uscita dall‟aula, durante le ore di lezione, può essere concessa solo in caso di necessità e sempre
ad un solo alunno per volta.
Tra una lezione e l‟altra, durante l‟avvicendamento degli insegnanti, gli alunni sono tenuti a restare in
classe e ad attendere in silenzio l‟arrivo del docente.

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE   6   -
Gli alunni devono trascorrere l‟intervallo fuori dalle aule. La sorveglianza è affidata ai docenti
delegati.
Gli alunni delle sedi staccate saranno accompagnati dalle aule alla palestra e viceversa dai docenti
e/o, se necessario, dal personale ausiliario (comma 1 – art. 7 – D. P. R. 31/05/‟74 n°420; delibera del
Consiglio di Istituto del 11 Ottobre 2002)
Alla fine delle lezioni, gli alunni devono lasciare l‟aula ordinatamente e gli insegnanti dell‟ultima ora di
lezione li accompagnano fino all‟ingresso.
Gli alunni possono ricevere telefonate presso la segreteria solo da parte dei genitori e per motivi
validi e assolutamente urgenti. È assolutamente vietato a tutti tenere telefoni cellulari accesi in
classe. In caso di necessità i telefoni cellulari potranno essere presi in consegna dai docenti, che li
affideranno al Preside per la riconsegna ai genitori degli alunni interessati.
E‟ vietato portare a scuola oggetti personali o somme in denaro di rilevante e riconoscibile valore
venale e commerciale. In caso di inosservanza i proprietari degli oggetti si assumono ogni
responsabilità e rischio. Nessun addebito potrà essere preteso né reclamato nei riguardi della scuola,
che non si assume alcuna responsabilità circa la custodia di tali oggetti, la loro eventuale
manomissione, sottrazione, furto o smarrimento.
In caso di sciopero dei Docenti, gli alunni possono essere lasciati liberi in qualsiasi ora della giornata
di sciopero, previo preavviso comunicato, secondo le modalità della normativa di legge, nei giorni
precedenti e sottoscritto dai genitori per presa visione.
È vietato fumare in tutti i locali della scuola. Le trasgressioni al divieto saranno sanzionate a norma
di legge.


ASSEMBLEE DI CLASSE E DI ISTITUTO:
Le richieste dell‟assemblea di classe, firmate dai docenti nella cui ora si svolge l‟assemblea e dagli
alunni rappresentanti di classe, devono essere presentate in Segreteria 3 giorni prima. Le assemblee
di classe avranno durata massima di due ore. La Presidenza provvederà ad annotare sul registro di
classe l‟avvenuta concessione.
Le assemblee di Istituto dovranno essere richieste dai rappresentanti di Istituto con almeno cinque
giorni di anticipo e si svolgeranno in modo articolato e con flessibilità (ad es. in ore diverse per il
biennio e il triennio, oppure per sezioni, indirizzi, classi parallele...). La partecipazione degli alunni
all‟assemblea è facoltativa a livello individuale. L‟alunno o gli alunni che non partecipano resteranno in
classe per l‟intera durata dell‟assemblea con annotazione sul registro di classe e svolgeranno attività
di recupero o approfondimento con i docenti. I docenti non impegnati in classe parteciperanno
all‟assemblea. Per il buon funzionamento della stessa gli alunni istituiranno un comitato d‟ordine. Nel
caso di abbinamento all‟assemblea di altra attività formativa (es. spettacolo cinematografico),
l‟adesione dovrà esser data a classi intere con accordo unanime di tutti gli alunni. Le classi che non
aderiscono svolgeranno lezioni regolari.
Le assemblee di Istituto devono essere programmate, seppure in modo flessibile, non oltre il 30
novembre, data entro la quale deve essere presentato calendario di massima, passibile di modifiche.
Si invitano alunni e docenti a gestire insieme almeno una parte delle assemblee di Istituto,
organizzate con il contributo attivo dei docenti, su temi di interesse specifico per gli alunni.
Si raccomanda di osservare nelle richieste una rotazione dei giorni e delle materie, che di volta in
volta interessano sia le Assemblee di Istituto che di classe.
Nel giorno dell‟Assemblea di Istituto, se essa non occupa tutta la mattinata, i docenti non devono
interrogare, né somministrare compiti o prove scritte agli alunni che vi hanno partecipato o vi
parteciperanno. I docenti sono inoltre invitati a motivare gli studenti alla partecipazione
all‟Assemblea.
                                         P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                         -   PAGE   6   -
Le Assemblee disordinate o turbolente possono essere sospese in qualunque momento.


ATTIVITA‟ D‟ISTRUZIONE, PARA ED EXTRASCOLASTICHE
Anche in occasione di rappresentazioni teatrali o cinematografiche, conferenze, ecc., gli alunni
devono recarsi nei locali previsti dall‟organizzazione divisi per gruppi secondo le diverse classi di
appartenenza e sotto la sorveglianza degli insegnanti delegati.
Si precisa che, durante queste iniziative, alunni e docenti devono garantire la loro presenza fino alla
fine, anche nel caso che la durata delle stesse superi il normale orario scolastico.


BIBLIOTECA
Il Liceo Statale “Giordano Bruno” di Albenga nella propria Biblioteca di Istituto conserva, ordina e
incrementa il patrimonio documentario acquisito per favorire gli studi degli allievi e dei docenti della
scuola e perché esso costituisca una risorsa culturale del territorio.
Il Liceo, per favorire l‟integrazione fra le risorse documentarie della propria Biblioteca e quelle
presenti sul territorio, attua forme di collegamento e di cooperazione con altre Istituzioni ed Enti
attraverso apposite convenzioni.
All‟inizio di ogni anno scolastico il Dirigente Scolastico nomina, su proposta del Collegio Docenti, una
Commissione Biblioteca, composta dai docenti responsabili della Biblioteca e dai loro collaboratori. La
Commissione, individuando i servizi da privilegiare e da sviluppare, le ipotesi di cooperazione da
predisporre, le acquisizioni da proporre, elabora i programmi annuali e pluriennali della Biblioteca, che
sono sottoposti all‟approvazione del Collegio dei Docenti e del Consiglio di Istituto. Alla Commissione è
affidato il compito di verificare l‟attuazione dei programmi e del regolamento della Biblioteca.


La Biblioteca è aperta a tutti per la consultazione e il prestito negli orari e con le modalità stabilite
all‟inizio di ciascun anno scolastico.
I servizi sono gratuiti. Gli utenti esterni all‟istituzione scolastica devono essere registrati e devono
presentare un documento di identità. La registrazione deve essere rinnovata per ogni anno scolastico.
Per l‟affidamento di volumi in prestito la biblioteca si riserva la facoltà di richiedere una cauzione.
Possono essere date in prestito tutte le opere presenti in Biblioteca, ad esclusione delle opere di
consultazione, dei volumi di particolare valore storico e del materiale documentario che, per motivi di
carattere didattico, deve rimanere sempre a disposizione nella scuola.
Di norma non possono essere date in prestito più di tre opere per volta. La durata del prestito è di
15 giorni e può essere prorogata solo su richiesta prima della scadenza.
I lettori sono responsabili della buona conservazione del materiale consultato o preso in prestito. Il
lettore che danneggi o non restituisca l‟opera è tenuto alla sostituzione con altro esemplare identico o
al risarcimento del danno nella misura stimata dai responsabili della Biblioteca.
La Biblioteca si impegna ad effettuare il prestito interbibliotecario alle Biblioteche che aderiscono a
SBN e a tutte le Biblioteche della Liguria, a seguito del pagamento delle pure e semplici spese di
spedizione.
Ogni modifica al presente Regolamento deve essere deliberata dal Consiglio di Istituto. Il presente
Regolamento deve essere esposto e messo a disposizione degli utenti della Biblioteca.
Tutti i libri devono essere restituiti entro il 30 maggio da parte di tutti gli alunni, ad eccezione di
quelli delle classi terze dell‟indirizzo classico e quinte degli indirizzi scientifico e linguistico,
impegnati nell‟esame di Stato, che li restituiranno alla conclusione dell‟Esame. In caso di mancata
restituzione entro il termine previsto, risultati vani i solleciti, verranno presi provvedimenti in merito.

                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
DISPOSIZIONI PER L‟AS 2010-2011

La Commissione è composta dai seguenti membri: Angela Bruzzone, Filippina Minacapilli, Fausta
Pansera, Sabina Poggio, Andrea Ricci, Rossana Rolando, Valeria Zucchini.




SEDE            Viale Pontelungo                           Via Dante


GIORNO          LUNEDI                MARTEDI              MARTEDI               VENERDI

ORARIO          11,00 – 11, 55        9,55 – 10,50         11,00 – 11,55         9,55 – 10,50

DOCENTE         MINACAPILLI           POGGIO               ZUCCHINI              PANSERA



Per accedere direttamente al prestito senza la consulenza dei docenti a disposizione, grazie alla
recente informatizzazione del catalogo ora inserito nel Polo Ligure SBN (Servizio Bibliotecario
Nazionale) è sufficiente:
a)accedere all‟OPAC (On-line Public Access Catalogne, ovvero Catalogo in rete ad accesso pubblico)
esterno per la consultazione tramite il sito www.bibliotecauniversitaria.ge.it seguendo le
istruzioni allegate alla presente circolare; sul sito del liceo, nella sezione AREE, è presente un link
diretto all‟OPAC.
b)Individuata la collocazione del volume desiderato, compilare la scheda di richiesta (disponibile
presso i collaboratori scolastici e in segreteria) e consegnarla ai collaboratori scolastici che
provvederanno alla consegna entro il giorno successivo. Nel caso in cui il libro sia già in prestito, sarà
possibile prenotarlo.




                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                        -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
P.O.F.   A.S. 2010-2011
                          -   PAGE   6   -
PALESTRA
            P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                      -   PAGE   6   -
L'ingresso in Palestra e l'uso delle attrezzature sono consentiti agli alunni solo in presenza del
Docente di Educazione Fisica
L'accesso alla Palestra è subordinato all'uso di scarpe ginniche destinate a questo unico luogo
Si raccomanda l'uso adeguato delle attrezzature: è vietato appendersi ai canestri, ai sostegni del
tabellone di basket e alla rete di pallavolo
Durante le ore di Ed. Fisica non è consentito trattenersi nello spogliatoio, salvo autorizzazione del
Docente
Durante l'intervallo non è consentito l'ingresso in Palestra e nello spogliatoio


LABORATORI E AULE SPECIALI
Accesso ai laboratori e aule speciali:
accesso è rigorosamente vietato ai ragazzi, senza la presenza di un insegnante, o un I.T.P. o
dell‟aiutante tecnico
l‟insegnante che vuole accedere (con i ragazzi o senza) può farlo secondo l‟orario settimanale affisso
alla porta o previa autorizzazione del responsabile
il responsabile (sostituito dal tecnico quando sarà assente) dovrà tenere compilato e aggiornato il
registro delle presenze, che sarà poi controfirmato dall‟insegnante che andrà in laboratorio.
le chiavi saranno consegnate dalla segreteria e dovranno essere restituite alla fine dell‟ora dallo
stesso insegnante che le ha ritirate. Non potranno pertanto passare da un insegnante all‟altro.
Utilizzo delle macchine e delle attrezzature:
la strumentazione non può essere spostata senza l‟autorizzazione del responsabile di laboratorio
ciascuna classe è responsabile del proprio posto di lavoro: banchi e attrezzature devono essere
mantenuti puliti e ordinati
è rigorosamente vietato mangiare e bere in laboratorio
nel laboratorio di informatica eventuali dischetti, cd, dvd o altri supporti di memoria portati da casa
potranno essere utilizzati solo previa autorizzazione degli insegnanti
gli alunni sono tenuti a salvare il materiale didattico nella cartella di classe, in una sottocartella
contrassegnata con il proprio nome e NON altre diciture.


Si ricorda che, in base alla normativa vigente, è fatto assoluto divieto di fumare in tutti i locali
dell‟Istituto. Le eventuali infrazioni sono sanzionabili secondo quanto disposto dall'art. 5, commi a., b.
e c. del Regolamento di Disciplina.



VIAGGI DI ISTRUZIONE
I viaggi di istruzione intesi come progetti di istituto vengono organizzati dalla Commissione viaggi e
sono due: viaggio ambientale al termine del biennio, viaggio di cinque giorni al termine del triennio. I
singolo CdC del secondo e dell‟ultimo anno di corso possono autonomamente organizzare viaggi
alternativi; quelli delle classi del primo, terzo e quarto anno di corso possono organizzare
autonomamente viaggi di istruzione inclusivi di un pernottamento al massimo; tutti i CdC possono
organizzare visite guidate di un giorno.
In questi casi la Commissione svolge soltanto un ruolo di monitoraggio e coordinamento.
La scelta delle mete da parte della Commissione viaggi, su mandato esplicito dei singoli CdC, insieme ai
rappresentanti degli studenti e a due rappresentanti dei genitori deve avvenire entro e non oltre il 30
settembre, per consentire la valutazione dei costi e della fattibilità.

                                          P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
Criteri di scelta delle mete:
valore educativo coerente con il programma svolto nell'a.s. in corso;
eventuale laboratorio e/o esperienza didattica o socio-educativa abbinata alla visita;
eventuali visite a musei, siti archeologici, parchi naturali ecc.;
eventuale progetto interdisciplinare dei CdC interessati;
economicità, con particolare attenzione alle fasce di reddito più deboli. A tale scopo nella medesima
riunione vengono individuati tetti massimi di spesa per classi parallele.

Le classi che intendono partecipare ai viaggi di istruzione devono aderire almeno con i 2/3 degli allievi
e devono rispettare le scadenze imposte per comunicazioni, consegna manleve, versamento di anticipi
e conguagli. I versamenti possono avvenire unicamente tramite bonifico bancario o postale secondo le
modalità previste dal regolamento stesso.
Ogni 15 allievi è previsto un accompagnatore (docente della classe). E‟ necessario designare anche
degli accompagnatori di riserva, che si renderebbero indispensabili nel caso in cui il totale degli allievi
partecipanti ad un viaggio richiedesse complessivamente uno o due accompagnatori in più rispetto a
quelli già individuati (esempio: immaginiamo una gita a cui aderiscano 6 classi, ciascuna con un proprio
accompagnatore, per un totale di 115 allievi partecipanti; 115: 15=7,6, per cui il numero minimo di
accompagnatori è 7). Nel caso in cui si verifichi una situazione di questo tipo, se non venisse
raggiunto il numero minimo sufficiente di accompagnatori, a sorte una classe verrà esclusa dal
viaggio.
Unicamente per i viaggi di istruzione organizzati dalla Commissione è consentito, in caso di
necessità, che un docente appartenente ai consigli delle classi coinvolte nel progetto accompagni
una classe non sua rimasta senza accompagnatore.
Gli accompagnatori saranno successivamente incaricati di:
-redigere gli elenchi dei partecipanti,
-raccogliere manleve e ricevute di pagamento ovvero raccogliere le quote e provvedere al versamento
delle stesse secondo le modalità indicate,
-dare indicazione circa il dettaglio del programma di visita ed eventualmente condividere materiale
didattico o informativo.
Gli accompagnatori designati capogita possono richiedere una scheda telefonica a titolo di
rimborso spese.
I viaggi all‟estero sono consentiti solo alle classi conclusive.
La durata del viaggio di istruzione può essere pari o inferiore a :
-2 giorni per le classi prime;
-5 giorni per le classi seconde (per consentire il completamento del progetto ambientale),
-2 giorni per la classi terza,
-2 giorni per le classi quarte,
-5 giorni per classi quinte.
Si intende che tali giorni verranno decurtati dal monte ore complessivo delle attività extracurriculari.
Le agenzie di viaggio a cui rivolgersi devono essere precedentemente accreditate e inserite
nell‟elenco fornitori.
I criteri di individuazione degli operatori a cui rivolgersi sono:
-eventuale validazione da parte della Commissione o di CdC che avessero organizzato il viaggio di
istruzione in autonomia (riferita ad anni precedenti)
-esperienza nell‟ambito del turismo scolastico
-trasparenza dei preventivi e dei contratti
-ripartizione dei contratti su operatori diversi (preferibilmente non più di due viaggi per operatore)




                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                       -   PAGE   6   -
In caso di offerte low cost (che possono essere comunque prese in considerazione se si ritiene di
prenotare entro e non oltre la fine di novembre) è necessario chiedere all‟agenzia di comunicare una
data entro cui ritenere valida l‟offerta.

Pagamento quote
Il versamento delle quote può avvenire solo mediante bonifico individuale (con il nome dell‟allievo
partecipante e non del genitore, e l‟indicazione della classe di appartenenza e del viaggio nella causale
di versamento) o cumulativo di classe (con indicazione della classe e del viaggio).
L'anticipo deve essere richiesto almeno nella misura del 30 % (o 50% se indicato dall‟agenzia) della
quota totale, e comporta l‟impegno alla partecipazione.
Quanti non hanno ottemperato a tale obbligo negli scorsi anni scolastici sono tenuti, in caso di
adesione ad ulteriori viaggi di istruzione, al versamento della quota per intero all‟atto dell‟anticipo e
non godono del frazionamento del pagamento in due tranche.
In nessun caso l‟anticipo può essere restituito.

DECALOGO PER CdC AUTONOMI
I Consigli di classe che intendano organizzare autonomamente il viaggio di istruzione devono
individuare al loro interno almeno due referenti che si occupino della parte organizzativa e una meta
che risponda ai criteri sopra indicati. Il viaggio dovrà essere organizzato sulla base della procedura
sin qui descritta e avvalendosi della modulistica ad esso relativa presente sul sito (richiesta
preventivi, circolare raccolta anticipi, conferma viaggio all'agenzia, circolare raccolta saldi). I
responsabili per il Consiglio di classe dovranno occuparsi di:
        1.individuazione degli accompagnatori (1 ogni 15);
        2.contatti con le agenzie e/o strutture ricettive e richiesta dei preventivi (almeno 3) che la
        segreteria provvederà a protocollare e inviare;
        3.stesura della tabella comparativa dei prezzi con breve relazione per illustrare la scelta
        proposta;
        4.presentazione della tabella comparativa al CdC o al Consiglio di istituto per approvazione con
        verbalizzazione;
        5.preparazione della lettera di conferma alle agenzie e/o strutture ricettive che la
        segreteria provvederà a sottoporre al DS, protocollare e inviare;
        6.stesura del programma di viaggio e contatti con musei, parchi, mostre, gallerie, ecc;
        7.compilazione degli elenchi dei partecipanti da consegnare in segreteria;
        8.raccolta delle manleve e delle ricevute di versamento da consegnare in segreteria;
        9.gestione di eventuali disguidi (ricerca di accompagnatore sostitutivo, cambiamento di
        programma, malintesi con le agenzie ecc.);
        10.stesura della relazione al termine dell'esperienza.

Per tutte queste operazioni possono consultarsi con la Commissione viaggi, ma NON possono
richiedere l'intervento della segreteria.

Tempistica
I viaggi di istruzione, con le eccezioni di quello ambientale e degli scambi, devono svolgersi entro la
fine del mese di aprile e nei periodi indicati dalla Commissione previa consultazione con la Presidenza.
I CdC che decidano di organizzarsi in maniera autonoma sono tenuti, per motivi organizzativi
legati al mercato del turismo scolastico, a individuare le mete, richiedere i preventivi,
raccogliere le adesioni degli allievi e inviare conferma all'agenzia prescelta prima delle festività
natalizie e a provvedere alla raccolta del saldo delle quote almeno 15 giorni prima della
partenza.


                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
Per tutte queste operazione si avvarranno della modulistica predisposta sul sito e faranno
comunque riferimento alla Commissione.


VISITE GUIDATE
Le visite guidate devono essere stabilite in sede di consiglio di classe.
Nel caso di decisioni urgenti, il docente organizzatore raccoglierà le firme dei colleghi di ogni
consiglio delle classi interessate mediante circolare esplicativa.
È disponibile sul sito il modulo per la richiesta alla segreteria.

PROCEDURA DEI RECLAMI E VALUTAZIONE DEL SERVIZIO
Il Liceo “G. Bruno” prende in considerazione ogni reclamo, purché fondato, nell‟intento di migliorare il
servizio scolastico nel rapporto con il cittadino utente.
Procedura dei reclami
I reclami potranno essere espressi dalle persone interessate nelle forme più opportune (orale,
scritta, telefonica), purché contengano sempre generalità, indirizzo e reperibilità di colui che li
propone. E‟ chiaro che i reclami fatti oralmente o per telefono dovranno essere, successivamente,
sottoscritti, se necessario.
Il Dirigente Scolastico, dopo aver disposto le indagini ritenute opportune, darà risposta scritta od
orale all‟interessato nell‟intento di trovare legittima soluzione a quanto sollevato.
Valutazione del servizio
Allo scopo di raccogliere elementi utili alla valutazione del servizio offerto dalla scuola, è costituita
una Commissione composta da rappresentanti di docenti, non docenti, studenti e genitori, al fine di
predisporre e mettere in atto ogni anno opportuni strumenti di verifica.
Regolamento attuativo in applicazione della legge 7/08/1990 n.241 art.24 comma 4 e del d.p.r.
27/06/1992 n.352
Fatto salvo quanto previsto dal Decreto M.P.I. 10/01/96 n.60, il Collegio dei Docenti, nell‟esigenza di
salvaguardare la riservatezza di terzi, garantendo peraltro la visione degli atti relativi ai
procedimenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere gli interessi
giuridici dei richiedenti, stabilisce:
1di sottrarre all‟accesso, per le esigenze di cui sopra, tutti i dati relativi a persone estranee al
richiedente;
2che ogni utente possa richiedere (e gli verrà rilasciato un documento con apposita personale
certificazione) tutte le valutazioni riportate nell‟a.s. relative alle materie richieste;
3di dare copia del verbale degli scrutini solo per la parte relativa all‟interessato;
Naturalmente tutta la documentazione della scuola sarà sempre disponibile in qualsiasi altro caso,
secondo la normativa di legge nel merito.
Le indicazioni, contenute nella presente Carta, si applicano fino a quando non intervengano, in
materia, disposizioni modificative contenute nei Contratti Collettivi o in norme di Legge




                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                      -   PAGE   6   -
    ALLEGATO N. 4 – REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

Comportamenti e mancanze disciplinari
1   Gli studenti sono tenuti a frequentare con assiduità le lezioni, ad assolvere i loro compiti di studio
    e a mantenere un atteggiamento corretto e rispettoso nei confronti di tutto il personale
    scolastico e dei compagni, nonché a evitare atti o atteggiamenti che compromettano in maniera
    fraudolenta la correttezza dell‟attività scolastica, che mettano a rischio l‟incolumità propria e
    altrui o che danneggino volontariamente l‟integrità e la funzionalità dell‟edificio scolastico o delle
    sue dotazioni.
    Essi devono rispettare tutte le norme di ordinamento della vita del Liceo contenute nel
    P.O.F. e, specificatamente, nella Carta dei Diritti e dei Doveri, di cui il presente
    regolamento di disciplina è parte integrante.
    Sono tenuti ai medesimi obblighi durante le attività extracurriculari interne o esterne
    all’Istituto anche nei riguardi delle persone esterne coinvolte, dei luoghi, delle cose e delle
    strutture.
1   Nell‟esercizio dei loro diritti e nell‟adempimento dei loro doveri gli studenti sono tenuti a
    mantenere un comportamento corretto e coerente ad un‟idea della scuola come comunità che si
    basa sulla libertà di espressione, di pensiero, di coscienza e di religione, nel rispetto reciproco di
    tutte le persone, nel ripudio di ogni barriera etnica, ideologica, sociale e culturale. Non sono in
    alcun modo tollerati atti di bullismo, soprusi su altri studenti, intimidazioni e altri comportamenti
    di simile natura e comunque volti a ledere la dignità e la libertà di altri individui.

2   È espressamente vietato durante l‟attività didattica l‟uso di apparecchiature elettroniche
    personali (telefonini, lettori musicali, fotocamere, videocamere, registratori e quant‟altro) e
    l‟utilizzo di qualsiai oggetto o strumento che possa turbare il corretto svolgimento delle lezioni o
    alterare il valore delle prove di accertamento del profitto


Provvedimenti e sanzioni
1   Sono sanzionabili solo gli atti o gli atteggiamenti che violino quanto indicato nei precedenti
    articoli. Non sono sanzionabili in alcun modo atti o parole che si manifestino quali espressione
    delle libere convinzioni culturali, politiche o religiose dell‟individuo, fatto salvo che le stesse non
    costituiscano diffamazione, che non abbiano quale fine l‟istigazione a comportamenti delittuosi o
    che comunque non ledano i diritti, la dignità e la personalità altrui.

2   Sono ritenute inadempienze di particolare gravità, in quanto lesive dei rapporti di civile
    convivenza nella comunità scolastica, quelle riguardanti la mancanza di rispetto verso altre
    persone, le violazioni fraudolente della correttezza dell‟attività didattica, i danneggiamenti
    colpevoli di strumenti o cose della scuola o di altre strutture, la sottrazione dolosa di oggetti
    altrui, gli atti di violenza o sopruso comunque perpetrati. Nel caso di danni a persone o cose, i
    responsabili sono sempre tenuti al risarcimento, che non costituisce di per sé sanzione
    disciplinare.
3   In caso di inadempienze degli studenti, il docente o il personale ATA che le abbia rilevate è
    tenuto a richiamare lo studente al rispetto della Carta dei Diritti e dei Doveri, che comprende
    anche il presente regolamento di disciplina. Nel caso in cui lo studente risponda in modo
    irrispettoso al richiamo, ovvero nel caso in cui si tratti di inadempienza grave, il docente o il




                                        P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                     -   PAGE   116   -
     personale ATA dovrà darne comunicazione al Dirigente Scolastico che avvierà il procedimento per
     la sanzione disciplinare. In caso di nota sul registro di classe, il docente interessato dovrà sempre
     darne comunicazione al Dirigente Scolastico per gli eventuali opportuni provvedimenti.
4    A carico degli alunni sono irrogabili le seguenti sanzioni:
     a ammonizione orale
     b ammonizione scritta
     c ammonizione scritta con comunicazione alla famiglia
     d esclusione dalle attività extracurricolari, dalle visite e dai viaggi di istruzione
     e allontanamento dalle lezioni per un periodo non superiore ai quindici giorni
     f allontanamento dalle lezioni per un periodo superiore ai quindici giorni
     g allontanamento dalle lezioni sino al termine dell‟anno scolastico
     h esclusione dallo scrutinio finale o non ammissione all‟esame di stato conclusivo del corso di
         studi
1    Poiché i provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso
     di responsabilità e al ripristino di rapporti corretti all'interno della comunità scolastica, le
     sanzioni possono essere convertite o accompagnate da attività di natura sociale, culturale o di
     servizio a vantaggio della scuola o di enti, associazioni e istituzioni benefiche
2    Le sanzioni di cui all‟art. 7 si applicano come di seguito indicato:
      Le sanzioni previste dai commi a., b., c. si applicano per mancanza ai doveri scolastici, per
         negligenza abituale, per assenze ingiustificate o per comportamenti che disturbino il regolare
         andamento delle attività didattiche.
      Le sanzioni previste dal comma d. si applica in casi di inadempienze reiterate, di atteggiamenti
         fraudolenti o di comportamenti che mettano a rischio l‟incolumità dell‟allievo, dei compagni o
         del personale della scuola.
      Le sanzioni previste dal comma e. si applicano in caso di reiterate o gravi mancanze lesive dei
         diritti e della dignità altrui, in particolare della comunità scolastica e delle sue componenti,
         come atti gravemente fraudolenti, ossia tali da viziare o compromettere il regolare
         andamento della scuola, atti di vandalismo, manifestazioni di oltraggio, di sopruso e
         intimidazione, di violenza fisica o morale nei confronti dell‟istituzione educativa, degli
         insegnanti o dei compagni.
      Le sanzioni previste dai commi f., g, h. si applicano nel caso di violazioni gravissime, tali da
         compromettere molto seriamente la vita della comunità scolastica o l‟incolumità delle persone.
    La valutazione del comportamento con voto inferiore a sei decimi in sede di scrutinio
    intermedio o finale è decisa dal consiglio di classe nei confronti dell'alunno cui sia stata
    precedentemente irrogata una sanzione disciplinare. La valutazione del comportamento con
    voto inferiore a sei decimi deve essere motivata in base alla normativa vigente e deve essere
    verbalizzata in sede di scrutinio intermedio e finale.

1    Organi competenti per irrogare le sanzioni sono:
      il Docente: sanzioni previste dai commi a., b.
      il Dirigente Scolastico: sanzioni previste dai commi a., b., c.
      il Consiglio di classe: sanzioni previste dai commi a., b., c., d., e.
      il Consiglio di Istituto: sanzioni previste dai commi a., b., c., d., e., f, g, h.
I rappresentanti degli alunni negli organi collegiali hanno diritto di voto solo se maggiorenni. In caso
di conflitto di interessi, dovuto al diretto coinvolgimento di un membro dell‟organo collegiale
competente al giudizio (ad. es. nel caso che l‟alunno rappresentante di classe sia sottoposto a
provvedimento disciplinare dal proprio Consiglio di Classe), è prevista l‟astensione dal voto del
membro in questione.


                                          P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                            -   PAGE   116   -
1   Il procedimento disciplinare si intende formalmente avviato quando allo studente è contestata
    l‟infrazione ed è data la possibilità di esporre le proprie ragioni in forma orale o in forma scritta.
    Lo studente ha la facoltà di produrre prove o testimonianze a discarico.
    L‟istruttoria può essere condotta dal Docente nel solo caso delle sanzioni previste dai commi a., b.
    In tutti i casi l‟istruttoria può essere condotta dal Dirigente Scolastico o da un suo delegato.
    Nell‟accertamento delle responsabilità vanno distinte situazioni occasionali, o mancanze
    determinate da circostanze fortuite, rispetto a mancanze più gravi che indichino un costante e
    persistente atteggiamento irrispettoso dei diritti e della dignità altrui. Qualora concorrano
    circostanze attenuanti, e avuto riguardo al profitto e alla precedente condotta, può essere
    inflitta la punizione di grado inferiore.
    Le sanzioni previste dai commi a., b., c. sono inflitte entro e non oltre una settimana dalla
    contestazione.
    Le sanzioni previste dai commi d., e., sono inflitte entro e non oltre dieci giorni dalla
    contestazione.
    Le sanzioni previste dai commi f., g., h. sono inflitte entro e non oltre 30 giorni dalla
    contestazione.
    Tutti i provvedimenti disciplinari debbono essere adeguatamente motivati.
    Tutti i provvedimenti disciplinari di cui ai commi c., d., e., f, g, h. sono comunicati alla famiglia
    dello studente interessato tramite lettera del Dirigente Scolastico. Contestualmente la famiglia
    dell‟alunno interessato è informata delle modalità di impugnazione del provvedimento e di accesso
    agli atti relativi al provvedimento disciplinare assunto.
1   Contro le sanzioni disciplinari è ammesso ricorso, da parte di chiunque vi abbia interesse, entro
    quindici giorni dalla comunicazione della loro irrogazione, all‟Organo di Garanzia istituito nella
    scuola in base all‟art. 5 del D.P.R. n. 249 del 24.06.1998, modificato dal DPR n. 235 del
    21.11.2007, che decide nel termine di dieci giorni. Tale organo decide anche, su richiesta degli
    studenti o di chiunque vi abbia interesse, sui conflitti che sorgano, all‟interno della scuola, in
    merito all‟applicazione del presente regolamento di Disciplina e dello Statuto degli Studenti e
    delle Studentesse, a cui il regolamento di Disciplina del Liceo deve essere conforme. Gli studenti
    o chiunque vi abbia interesse possono proporre ulteriore reclamo al Direttore Scolastico
    Regionale, che decide su parere vincolante dell‟Organo di Garanzia Regionale costituito in base
    all‟art. 2 comma 3 del DPR n. 235 del 21.11.2007.

2   L‟Organo di garanzia di cui al comma 2 del DPR 249/98, modificato dal DPR n. 235 del 21.11.2007,
    dura in carica per l‟intero anno scolastico e viene rinnovato ogni anno entro il mese di novembre.
    Esso è presieduto dal Dirigente Scolastico o da un suo Delegato e, come da delibera del Consiglio
    di istituto del 11 settembre 2009, è composto da:
     un docente eletto dal Consiglio di istituto;
     uno studente designato dalla componente Alunni del Consiglio di istituto;
     un genitore designato dai Genitori eletti nel Consiglio di Istituto;
    Esso si riunisce su convocazione del Presidente quando egli stesso ne ravvisi la necessità o almeno
    i due terzi dei componenti ne facciano richiesta scritta. L‟organo è validamente riunito e può
    deliberare se sono presenti tutti i membri (effettivi o supplenti). Non è ammessa l‟astensione da
    parte dei singoli membri.

1   Per quanto non esplicitamente previsto dal presente Regolamento di Disciplina si fa riferimento
    alla Carta dei Diritti e dei Doveri contenuta nel POF del Liceo – di cui il Regolamento di Disciplina
    è parte integrante - ,al DPR 259/98, modificato dal al Regolamento di istituto DPR n. 235 del
    21.11.2007, concernente lo Statuto delle studentesse e degli studenti e alle Leggi in vigore.




                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                    -   PAGE   116   -
 ALLEGATO N. 5 – PATTO DI CORRESPONSABILITA’
      La scuola può svolgere efficacemente la sua funzione educativa solo se tutti i
protagonisti dell‟azione formativa – studenti, famiglie, docenti e tutto il personale –
collaborano nella piena condivisione degli obiettivi da raggiungere insieme.
     Il “patto educativo di corresponsabilità” si propone di rendere esplicita l‟alleanza
educativa fra scuola e famiglia e di favorire la collaborazione di tutti secondo i ruoli e le
responsabilità di ognuno.
     In particolare scuola e famiglia si impegnano, secondo i propri ruoli specifici, sui
seguenti punti:
a. Comunicazione reciproca.
   Il dialogo franco, aperto, attento all’ascolto e rispettoso dell’altro, è alla base di ogni
   collaborazione. Il percorso educativo è equilibrato solo se le inevitabili difficoltà sono
   affrontate apertamente e serenamente. I problemi non si risolvono drammatizzando o
   “facendo finta di niente”, ma solo scegliendo la via del confronto nella fiducia reciproca.
a. Offerta formativa
   La scuola coinvolge gli studenti e le famiglie nell‟elaborazione del Piano dell‟Offerta
   Formativa. Gli studenti e i genitori si informano sui contenuti del P.O.F. e sui diritti e
   doveri stabiliti nel Regolamento di Istituto (La Carta dei Diritti e dei Doveri).
a. Percorso didattico
   La scuola favorisce l‟impegno nello studio e aiuta gli studenti in difficoltà con gli
   interventi di sostegno e recupero compatibili con le risorse finanziare a disposizione. Gli
   studenti partecipano attivamente al dialogo educativo. I genitori seguono il percorso
   scolastico dei figli, informandosi sul loro profitto e sui loro progressi, per sostenerli nel
   cammino dell‟autonomia in una fase delicata della crescita personale.
a. Comportamento
     La scuola e la famiglia concordano sulla necessità di un‟azione educativa comune e
     convergente sul rispetto delle regole di civile convivenza stabilite nella Carta dei Diritti
     e dei Doveri del Liceo (Regolamento di Istituto), come:
rispetto delle persone e dell‟ambiente scolastico;
rispetto della puntualità e assiduità nello svolgimento delle attività didattiche;
uso di abbigliamento, linguaggio e modalità di comunicazione adeguati all‟ambiente
scolastico;
divieto dell‟uso di telefoni cellulari e altri apparati tecnologici personali durante le lezioni;
divieto di fumare.
     In particolare si pattuisce:
il risarcimento personale e/o collettivo di eventuali danni provocati colpevolmente alla
scuola o ad altre strutture utilizzate nelle diverse attività didattiche;
l‟impegno dei genitori a intervenire di persona, su richiesta della scuola, anche nel caso di
visite e viaggi di istruzione – non esclusa l‟eventualità di ricondurre a casa con mezzi propri
il/la figlio/a – qualora si verifichino comportamenti potenzialmente lesivi dell‟incolumità
propria o altrui.



                                    P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                              -   PAGE   116     -
Il “Patto educativo di corresponsabilità” è sottoscritto dalla scuola, dalla famiglia e dallo
studente. La mancata sottoscrizione da parte della famiglia e/o dello studente, venendo
meno il rapporto di reciproca fiducia, comporta l’esclusione da tutte le attività
extracurricolari integrative proposte nel P.O.F. del Liceo.




                                  P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                          -   PAGE   116   -
           ALLEGATO N. 6 - PATTO TERRITORIALE
                     EDUCATIVO
             Allegato n°1 al verbale della seduta del Collegio Docenti del 17.05.05


                       SPUNTI E TRACCE DI RIFLESSIONE

              PER UN PATTO TERRITORIALE
                      EDUCATIVO

           Premessa

        Il Consiglio di Istituto del Liceo Scientifico-Classico di ALBENGA – senza alcuna pretesa di
novità, ma nella convinzione dell‟urgenza dei tempi segnati dalla riforma - con le seguenti
riflessioni e proposte intende offrire il proprio contributo affinchè i processi di orientamento
scolastico e lavorativo degli studenti ingauni siano coerenti con la riforma che si sta avviando e
soprattutto consentano di ridurre il margine di rischio di scelte sbagliate.
        Si tratta di operare secondo una duplice direzione:
        - discutere e condividere con tutti i soggetti interessati, dal punto di vista della
elaborazione teorica, un comune “modello di orientamento”
        - sottoscrivere, dal punto di vista operativo, un formale patto territoriale educativo con
l‟extrascuola, con coerenti protocolli di intesa e conseguenti progetti attuativi.



                               A. ORIENTAMENTO: RIFLESSIONI

    1. Un processo complesso e un percorso permanente.

  Non è certo la riforma a ricordarci che l‟orientamento non si improvvisa: esso non è un
prodotto, ma un processo complesso volto a suscitare sin dall‟inizio dell‟età scolare nelle persone il
desiderio di sviluppare capacità progettuale e di conquistare la propria identità attraverso la
progressiva conoscenza di sé, dei propri aspetti motivazionali attitudinali psicologici, in vista di un
personale progetto di vita.

   Da questo punto di vista, riforma o non riforma, la scuola deve mantenere e rivendicare la sua
“extraterritorialità”: non deve ridursi ad esiziali forme di subalternità verso il mercato del
lavoro, abdicando al suo fondamentale obiettivo di fornire una educazione centrata sull‟alunno
come persona e cittadino, prima ancora che come futuro lavoratore. Noi vogliamo indirizzare
l’azione educativa verso la valorizzazione di tutte le attitudini, potenzialità e capacità, non solo
quelle utili e funzionali ai processi produttivi industriali, commerciali e tecnologici della realtà in



                                      P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                  -   PAGE   122   -
cui ci troviamo a vivere, ma anche quelle apparentemente “inutili”, le manifestazioni culturali in
senso lato e specificamente i processi produttivi artistici e creativi.
   Questa primaria azione educativa non è affatto in contrasto con l‟acquisizione delle competenze
funzionali alla vita attiva e al proprio posizionamento nel mondo del lavoro. Anzi favorisce
un‟educazione alla professionalità intesa come disponibilità all‟aggiornamento, capacità di interagire
con gli altri, di cogliere, gestire e determinare le potenzialità che il mercato del lavoro offre.

   L‟attenzione pertanto all‟aspetto dell‟orientamento volto a ricomporre la frattura tra scuola e
mondo del lavoro è altrettanto indispensabile. Fanno parte dei diritti-doveri di cittadinanza anche
la conoscenza della realtà socioeconomica globale e locale, la comprensione dei valori e delle
attese della nostra società, l‟attenzione alle trasformazioni del mercato, alle nuove professioni e ai
possibili sbocchi. In particolare occorre fare i conti con una molteplicità di variabili, tra le quali si
individuano:
        - la problematicità del modello di uomo – donna che si vuole formare e soprattutto della
società alla quale tendere.
        - l‟ondata della globalizzazione che ci sta sempre più avviando verso un‟omologazione
economica, verso il definitivo superamento della linearità consequenziale tra scuola e “posto di
lavoro”, verso impensati orizzonti telematici, verso “percorsi di lavoro” che porteranno un numero
non indifferente dei nostri giovani ad esercitare la loro professione lontano da Albenga nel villaggio
globale
       - la fine della scansione rigida e sequenziale del tempo di vita (studio e preparazione al
lavoro – lavoro - pensione), ormai superata dalle norme emergenti, dalla rapida usura delle
conoscenze scolari di fronte alle innovazioni, dalla mobilità dei lavori.

       Se la formazione tende a dilatarsi per tutta la vita, l‟orientamento allora deve
accompagnare il giovane nel percorso lungo e difficile della sua esistenza, sostenendolo nella
problematicità delle occasioni e delle contraddizioni emergenti nel contesto socioeconomico
attraverso la formazione permanente e ricorrente.
   A questo punto nessuno può illudersi, né la scuola né altri, di poter gestire il processo di
orientamento per proprio conto. Se deve essere collocato all‟interno della scuola, deve però
essere ripensato attraverso “modelli aperti” di              collaborazione   sinergica   dei    soggetti
istituzionalmente competenti a produrre orientamento.




2.I nodi fondamentali: le reciproche responsabilità.
         2.1. Il primo nodo è rappresentato dal vivere e far vivere la scuola come sistema
orientante e l’orientamento come fattore di continuità tra scuole di grado diverso e società
civile. Non è più accettabile ad ALBENGA l‟isolamento di Docenti, ognuno nel grado di scuola in cui
opera, senza una conoscenza globale dell‟intero processo formativo e senza integrazione. Tempi,
metodi, programmi e stili di insegnamento costituiscono una rete in collegamento permanente e non
una semplice successione di situazioni circoscritte.
       Manca ad ALBENGA una compiuta logica della circolarità di relazioni all’interno del
sistema scolastico e con l’extra scuola.
        Se la costituzione della rete “ALBATROS” è stata per le scuole di ALBENGA una
fondamentale tappa di crescita, è necessario renderla viva e operante, costruire un condiviso
progetto educativo che abbia il suo punto di partenza sin dall‟inizio del primo ciclo e che sappia
individuare una metodologia di interventi mirati e continuamente ridefiniti, ricalibrati in progress,
finalizzati ad evitare o ridurre il rischio di scelte fatte “per tentativi ed errori” o per esclusione.



                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                   -   PAGE     122   -
        2.2. Il secondo nodo è dato dalla Riforma in atto o imminente. Al di là di ogni valutazione
di merito, non è detto che essa, ope legis, risolva repentinamente un problema che è squisitamente
culturale. Tuttavia essa – con le sue presunte o reali novità - ci stimola, e forse ci obbliga, a
focalizzare questioni aperte: si pensi alla scelta difficile e delicata al termine del primo ciclo tra il
sistema dei licei e il sistema dell‟ istruzione e formazione professionale; la costruzione di un
portfolio coerente; l‟alternanza scuola-lavoro; la continuità-discontinuità tra l‟ultimo anno del primo
ciclo e il primo biennio del secondo ciclo; l‟interconnessione e la pari dignità dei due sistemi
secondari; il passaggio tra i vari licei e/o tra i due sistemi...
        2.3. Altro nodo è dato dalla prioritaria attenzione alle fasce deboli: i soggetti
potenzialmente marginali, i ragazzi/e immigrati/e e gli alunni in situazione di handicap. Da una
parte occorrono precisi accordi e riferimenti istituzionali (ASL, Sert, èquipe psicosociomedica...)
di supporto al processo di ricostituzione dell‟autostima e di riproposizione di “progetti di vita” per
alunni che sono a rischio di devianza o di comportamenti autolesivi, o che già si trovano in una
situazione di disagio conclamato. Dall‟altra occorre una strategia trasversale che individui criteri
condivisi per l‟orientamento scolastico dei soggetti portatori di handicap (senza preclusioni di
accesso a nessun liceo) e per inserimenti lavorativi non solo assistenziali.
        2.4. Ultimo nodo sono i messaggi dell’orientamento correlati alle caratteristiche dei
destinatari, vale a dire i pre-adolescenti del primo ciclo e gli adolescenti delle superiori. Ostacoli
indubbi sono offerti non solo dalla crisi di credibilità e autorevolezza delle figure di
riferimento adulte, ma in particolare dalla ridondanza non innocente dei messaggi. E‟ dovere
nostro di genitori e docenti esplicitare la preoccupazione di fornire ai nostri giovani supporti
finalizzati ad un orientamento di difesa nei confronti di ”offerte formative” che, agendo in
un‟ottica di marketing preoccupata unicamente di attirare clienti, tendono a indurre la domanda e a
renderla meno critica.



              B. NECESSITÀ E FATTIBILITÀ DI UN PATTO EDUCATIVO:
                                IMPEGNI E
                PROGETTI POSSIBILI TRA SCUOLA ED EXTRASCUOLA.

   1. Occorre prima di tutto partire da un PROGETTO CONDIVISO DI UOMO-DONNA E DI
EDUCAZIONE, nel rispetto del pluralismo culturale. Tutte le forze sociali interessate del
territorio possono ritrovarsi intorno alle finalità e agli obiettivi che le scuole ingaune da sempre
perseguono e che la riforma ripropone (quali il possesso di un minimo patrimonio culturale e di una
visione generale dei problemi, la capacità e il gusto di apprendere ad apprendere, di autovalutarsi,
di esprimere la propria autonomia, di leggere e interpretare criticamente la complessità
tecnologica, di essere creativi, di flessibilità mentale…).

  2. L‟Amministrazione Provinciale potrebbe promuovere un patto educativo ingauno, coordinato
dall‟Assessorato all‟ Istruzione e Formazione Professionale, tra le scuole (“ALBATROS”) e le
molteplici risorse sul territorio di ALBENGA (Amministrazioni locali, Centro per l‟impiego della
Provincia, Università, Agenzie formative locali, ASL, OO.SS., tutte le Associazioni di lavoro
ingaune...).

   Collegamenti funzionali potrebbero essere assicurati in virtù di protocolli d’intesa tra i soggetti
istituzionali interessati, nella comune assunzione di responsabilità, nel rispetto delle specifiche
competenze e in un quadro programmatico di interventi.



                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                   -   PAGE   122   -
3. Prioritaria ci appare la creazione di un “gruppo di studio territoriale permanente ingauno
sull’orientamento scolastico e professionale”, con rappresentanti della Scuola, Università, Mondo
del lavoro, Associazioni di categoria, Enti Locali. Utilmente localizzato nell‟ambito dell‟Assessorato
allo Sviluppo Socio Economico della Provincia di SV, esso dovrebbe operare alla realizzazione
concreta dei contenuti del patto educativo.

4.“ALBATROS” potrebbe a breve termine realizzare un seminario sulla condizione giovanile e la
dispersione scolastica ad ALBENGA, rapportati ai dati nazionali e legata al giudizio di
orientamento.
  Potrebbe inoltre promuovere un incontro specifico tra scuole per stabilire criteri omogenei di
formulazione del consiglio di orientamento, porre a chiare lettere le richieste della scuola
primaria nei riguardi della secondaria, definire un‟ipotesi di “porfolio” verticale sperimentale e
sperimentabile.
  Ad “ALBATROS” dovrebbe essere riconosciuto il compito di formare e motivare gli attori delle
attività di orientamento, nell‟ottica della riforma e in riferimento a “figure interne” e a “figure
esterne” volte sia ad arricchire l‟offerta formativa ordinaria sia ad attività formative integrate od
aggiuntive (l‟integrazione, il portfolio, i rapporti con l‟Università e l‟extrascuola, le visite aziendali,
lo sportello di orientamento, stage di lavoro, alternanza scuola-lavoro, aree di progetto e ore
opzionali, educazione all‟imprenditorialità, simulazione di impresa, apprendistato, corsi postdiploma
ecc…).

5. In tali iniziative devono essere coinvolti anche i genitori e le loro associazioni, in modo che i
messaggi informativi e i supporti valutativi siano forniti in termini di congruenza e di compatibilità
tra i vari gradi di scuola secondo una logica di accordo sulle finalità, sui processi dell‟orientamento
e sugli sbocchi da individuare, valendosi del maggior numero possibile di indicatori (caratteristiche
personali, capacità, livello di aspirazione, rendimento scolastico, grado di autostima, maturità, ma
anche conoscenza delle opportunità presenti sul mercato del lavoro globale e locale, dei livelli
formativi richiesti, delle risorse formative nel post – diploma, sia universitarie sia professionali
ecc.) sui quali agire nel momento in cui si intende orientare i ragazzi a compiere una scelta.

6. Il gruppo territoriale dovrebbe impegnarsi a predisporre un Libro bianco (cartaceo o
multimediale) contenente le informazioni sulla diversificazione dell’offerta formativa avviata con
e dalla riforma, e dunque l‟articolazione della disponibilità di strutture formative, scolastiche e
post – scolastiche, presenti sul territorio, l‟elencazione e illustrazione degli indirizzi e degli sbocchi
previsti sia scolastici sia professionali.
   Nel contempo dovrebbe curare la realizzazione di un’informazione capillare sulle disponibilità
occupazionali nei diversi settori del sistema economico ingauno, finalizzata a raccogliere in un‟unica
Banca Dati Distrettuale la tipologia della “domanda” da parte dell‟alta formazione e del mondo del
lavoro (i mestieri e le esigenze del mercato, i bagagli formativi richiesti, le caratteristiche delle
attività lavorative, della retribuzione, la sicurezza prevista ecc.). I dati raccolti dovrebbero essere
divulgati periodicamente attraverso i media e i vari ambiti scolastici e formativi in generale.

7. Progetti specifici dovrebbero con urgenza riguardare:
   a. l’inserimento scolastico e lavorativo dell’handicap
   b. l’alternanza scuola-lavoro in rapporto alle nuove normative
   c. i raccordi e i passaggi tra i sistemi formativi
   d. la valorizzazione di istituti quali il Centro per
     l‟Impiego, l‟Osservatorio provinciale sulla condizione
     giovanile, l‟Informagiovani, gli Sportelli di Assistenza e


                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                     -   PAGE   122   -
    Consulenza ecc.

8. Occorre infine prevedere strategie di monitoraggio e modalità di verifica degli effetti dei
messaggi di orientamento in termini di risposte dei destinatari (livello dell‟efficienza) e di risultati
positivi nei percorsi successivi all‟orientamento (livello dell‟efficacia). Sarà così possibile ridurre i
margini di errore, “regolando” in progressione le modalità orientative.




                                       P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                                    -   PAGE   122   -
 ALLEGATO N. 7 – PARTECIPAZIONE A PROGETTI
               DI ENTI ESTERNI
RETEIDRA

Da tre anni il liceo ha aderito alla RETEIDRA. Il progetto ha come oggetto lo sviluppo, in
ambiente Open Source, di un framework HW/SW modulare e standardizzato che
consenta la razionalizzazione, la conservazione, la gestione collaborativa, la trasmissione
e la pubblicazione dei flussi informativi generati dalle attività scolastiche relativamente


all‟istituzione scolastica nel suo complesso e ai suoi rapporti con altri Istituti (processi
interni di raccolta dati, di decisione, di pianificazione delle attività, ed esterni di
trasmissione di informazioni, anche afferenti alla didattica, alle attività a distanza e alle
collaborazioni su progetti comuni); Interoperable Delivery of European eGovernment
Services


ai percorsi formativi degli alunni, (valutazione degli apprendimenti e problematica della
relativa comunicazione scuola/famiglia anche attraverso l‟accesso remoto al fascicolo
dello studente );


ai rapporti dell‟istituzione scolastica con il territorio (iniziative formative rivolte alla
cittadinanza promosse in collaborazione con gli EE.LL., certificazione ECDL,
pubblicazione/interrogazione patrimonio librario ecc., integrazione in eventuali reti
civiche esistenti ecc).




                                    P.O.F.   A.S. 2010-2011
                                                                             -   PAGE   122    -

				
DOCUMENT INFO
Shared By:
Categories:
Tags:
Stats:
views:39
posted:11/16/2011
language:Italian
pages:123